Cassa depositi e prestiti spa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Cassa depositi e prestiti spa"

Transcript

1 FORUM BANCHE PA 2010 Sessione Parallela C2 Partenariato Pubblico Privato Intervento di Cristiano Cannarsa Responsabile Direzione Imprese CDP - Roma, 19 febbraio

2 La normativa nelle infrastrutture 2 2

3 Negli ultimi anni si è assistito ad una graduale evoluzione della normativa che disciplina le concessioni di lavori pubblici; Il punto di partenza è rappresentato dalla cosiddetta Legge Merloni (L. 109/94) che si è progressivamente modificata fino all attuale Terzo decreto correttivo al Codice degli Appalti Dlgs 163/06 (1 agosto 2008). 3

4 Le concessioni di lavori pubblici, come noto, sono contratti a titolo oneroso, conclusi in forma scritta, aventi ad oggetto, l esecuzione, ovvero la progettazione esecutiva e l esecuzione, ovvero la progettazione definitiva, la progettazione esecutiva e l esecuzione di lavori pubblici, o di pubblica utilità, e di lavori ad essi strutturalmente e direttamente collegati, nonché la loro gestione funzionale ed economica; La controprestazione/corrispettivo a favore del concessionario consiste, di regola, unicamente nel diritto di gestire funzionalmente e di sfruttare economicamente le opere; Il sistema tariffario deve essere in grado di poter regolare il funzionamento e mantenere in equilibrio la società di progetto nelle diverse fasi della sua operatività, eventualmente attraverso la corresponsione di canoni di disponibilità variabili con le prestazioni. 4

5 L affidamento di una concessione di lavori pubblici può seguire tre principali procedure: 1.Concessione ad Iniziativa Pubblica, mediante gara per l affidamento diretto di una concessione ex articolo 143 del Codice Appalti; 2.Finanza di Progetto con Aggiudicazione: gara ex articolo 153, commi 1-14, del Codice Appalti, così come modificato dallo Schema di Decreto Legislativo correttivo del Codice Appalti approvato dal Consiglio dei Ministri n. 13 del 1 agosto 2008; 3.Finanza di Progetto con Prelazione: gara ex articolo 153, comma 15, del Codice Appalti, così come modificato dal Decreto Legislativo citato Tra i documenti più rilevanti, ai fini della definizione della bancabilità del progetto: il piano economico finanziario (PEF) la bozza di Convenzione 5

6 Settori in cui è possibile attivare operazioni di project financing: Infrastrutture (ferroviarie, viarie, portuali, logistica, aeroportuali, ecc.) Trasporti urbani (tram, metropolitane, ecc.) Edilizia ospedaliera Edilizia pubblica Opere di riqualificazione urbana Sistemi Idrici integrati Energia Energia da fonti rinnovabili (idroelettrico, eolico, fotovoltaico e biomasse) Rifiuti, termovalorizzatori e Igiene urbana GAS: Liquefazione, stoccaggio, rigassificazione, trasporto appalti di opere strategiche, mediante ricorso al Contraente Generale 6

7 Volendo fare una graduatoria per settore, in base al numero di operazioni di project financing giunte al Closing finanziario in Italia, avremmo la seguente classificazione: 1. Energia (in prevalenza impianti eolici e fotovoltaici, impianti a ciclo combinato) 2. Edilizia Ospedaliera (Mestre, Castelfranco Veneto, Vimercate, Como, Legnano, ecc.) 3. Edilizia pubblica e Direzionale (sede Comune di Bologna, sede Regione Emilia Romagna, Scuola di Biotecnologie di Torino, ecc.) 4. General Contractor (Salerno-Reggio C., Passante di Mestre, ecc.) 5. Trasporti urbani (Linea 5 metrò Milano, Tram Firenze, ecc.) 7

8 Considerazioni generali del finanziamento 8 8

9 Attori principali nella realizzazione di opere di interesse pubblico: il soggetto Pubblico (soggetto regolatore e/o concedente) il proprietario / concessionario / sponsor le imprese realizzatrici / sponsor industriali gli investitori di lungo periodo (Fondi Infrastrutturali) i finanziatori (debito) 9

10 Le principali fonti di copertura: Contributi pubblici Capitale di rischio (equity) degli sponsor e di fondi infrastrutturali Capitale di debito a lungo termine Ognuna di queste forme di copertura rappresenta interessi diversi: Il soggetto Pubblico mira allo sviluppo, alla competitività e all equilibrio sociale (remunerando con i contributi a f.p. le cosiddette esternalità dei progetti infrastrutturali) Gli sponsor industriali sono interessati alle fasi costruttive/gestionali Gli equity investor remunerano il loro investimento con il sistema tariffario per l uso delle infrastrutture, premiando il rischio rispetto a forme di investimento (debito) maggiormente tutelate I finanziatori che forniscono il capitale di debito remunerano il costo del denaro e il rischio creditizio dell iniziativa (funding e assorbimento di capitale) 10

11 Piano Fonti-Impieghi nella fase di costruzione Impieghi Fonti Costi di progettazione Costi di costruzione Oneri per espropri DL e collaudi Forniture Oneri finanziari capitalizzati Altri costi capitalizzati IVA Contributo a f.p. (eventuale) Capitale di rischio (equity) Finanziamento MLT banche Finanziamento IVA 11

12 Banche garanzie collaterali Azionisti (sponsor) Assicurazioni Servizio Del Debito Contratto di Finanziamento dividendi Contratto di Capitalizzazione Premi contratti assicurativi Gestore Contratto di O&M: perfomance Società Progetto Ricavi mercato o Canoni Disp. perfomance, canoni concessione Contratto di Concessione, permessi, autorizzazioni beni, servizi Concedente Costruttore Contratto di costruzione e ingegneria Controparte commerciale / Mercato appalto di servizio o convenzione Utenti Canoni disponibilità 12

13 Contratto di concessione Contratto di costruzione Contratto di gestione e manutenzione Contratto di finanziamento Contratto di capitalizzazione Contratti di garanzia Contratti gestione conti di progetto Accordo Interbancario 13

14 La possibilità per tali iniziative di mobilitare risorse private e capitali di debito è inoltre condizionata dalla necessità di poter raggiungere rapporti rischio-rendimento adeguati: Il percorso amministrativo e le procedure di affidamento devono poter rassicurare i soggetti finanziatori La normativa settoriale deve essere stabile nel tempo l impianto contrattuale, ed in particolare lo schema delle convenzioni, è fondamentale per poter ottenere rating interni (e quindi condizioni economiche dei finanziamenti) adeguati Le strutture contrattuali devono consentire un adeguata mitigazione dei principali rischi quali quelli di costruzione e di revoca o risoluzione delle concessioni Fondamentali, forme di mitigazione dei rischi di interruzione del rapporto concessorio e la previsione di adeguati indennizzi, prioritariamente destinati al soddisfacimento delle ragioni di credito dei finanziatori 14

15 Adeguata durata delle concessioni (consente di ampliare i rapporti di leva) per avere una congrua coda tra la scadenza del finanziamento e la scadenza della concessione Stabilità della normativa di settore Tariffe regolamentate e adeguate formule di adeguamento delle tariffe Clausole di riequilibrio dei piani economico-finanziari Adeguati indennizzi in caso di risoluzione o revoca (termination) Adeguati impegni pubblici per permessi, espropri, autorizzazioni, ecc Contributi pubblici in fase di costruzione, ove necessari a compensare il differenziale tra tariffe di equilibrio e tariffe amministrate Eventuali Canoni di disponibilità in fase di gestione, funzione di livelli prestazionali predefiniti Attenta verifica dei livelli di utilizzo delle infrastrutture e interventi correttivi monitoraggio per il controllo dei costi in fase di costruzione e gestione 15

16 Il piano di rimborso del debito deve prevedere una coda tra la scadenza del finanziamento e scadenza della concessione, sufficientemente ampia da rendere possibile un eventuale riscadenziamento del debito in caso di scenari di redditività del progetto meno favorevoli. Per l indebitamento vengono adottate strutture contrattuali non recourse (contratti di finanziamento, di capitalizzazione e di garanzia e contratti di costruzione e gestione/manutenzione) atte a garantire una corretta allocazione dei rischi e, in alcuni casi, la separazione giuridica e contabile del progetto rispetto ai bilanci degli sponsor. 16

17 Strutture alternative di finanziamento utilizzate nei progetti infrastrutturali (soprattutto per concessioni di durata superiore ai 50 anni) Strutture di finanziamento denominate Mini-Perm che finanziano la fase di costruzione e di avviamento ( ramp-up ) con operazioni a 5 10 anni bullet (che coprono il periodo di costruzione e i primi due-tre anni di esercizio) con opzioni di rifinanziamento a scadenza su base amortizing, eventualmente anche attraverso Bond di lunghissima scadenza. 17

18 Punti di forza da ricercare nel finanziatore: capacità di strutturazione finanziaria e giuridico-contrattuale di iniziative di project financing; gestione del processo di approvazione del credito in accordo ai criteri di gestione del rischio e di rapporto rischio/rendimento; Track record di settore (infrastrutture, idrico, energia, ecc.); rilevante capacità di Underwriting e Sindacazione. 18

19 Alcuni effetti residui del credit crunch

20 I finanziatori potranno avere un atteggiamento di cautela (a livello di approvazioni creditizie e criteri di strutturazione) richiedendo: Contratti di finanziamento e di garanzia con più stringenti requisiti di bancabilità (determinante ruolo di validi advisor legali e tecnici); Contratti di capitalizzazione delle società di progetto indenni dal rischio insolvenza degli sponsor e disponibilità al rilascio di garanzie corporate; Rapporti Debt/Equity e rapporti di copertura più conservativi (meno debito e più equity); 20

21 Selezione dei progetti per ottimizzare l uso del capitale di rischio; Minori impegni in termini di underwriting (ciascuna banca tenderà a non assumere impegni per progetto superiori a certe soglie), i pool saranno composti da numerose banche; Inversione dei ruoli nelle negoziazioni: il driver è il reperimento di un sufficiente numero di istituti finanziatori. 21

22 Gli Sponsor possono riscontrare maggiori difficoltà nell elaborare scenari previsionali nei piani economico finanziari attendibili 1. Le previsioni di utilizzo delle infrastrutture potrebbero subire l alea di un mercato dell utenza non più prevedibile 2. Saranno privilegiati investimenti in reti e infrastrutture di base con ottiche di gestione di lungo periodo (50 anni), al fine di ridurre l effetto evidenziato al punto 1 22

23 Interventi legislativi che hanno ampliato l operatività di CDP nel finanziamento degli investimenti infrastrutturali

24 Novembre 2009: L attività di CDP nel finanziamento delle infrastrutture è definita dal DL 269/2003, come modificato e integrato dal DL 185/2008 (art. 22); CDP è stata abilitata all uso della raccolta postale per finanziare società, anche private, che sviluppano investimenti promossi dal settore Pubblico e dichiarati di interesse pubblico, senza garanzia dello Stato e senza impatto sul debito pubblico. Marzo 2009: Decreto del MEF che definisce ammissibilità e criteri di selezione dei progetti Aprile 2009: CDP modifica lo Statuto per recepire tali modifiche normative 24

25 Settembre 2009: CDP approva il Piano Industriale e modifica ulteriormente lo Statuto per recepire l intervento normativo per il modello Export Banca (si tratta di operazioni di interesse pubblico previste dall'articolo 8 del decreto legge 1 luglio 2009, n. 78 convertito, con modificazioni, dalla legge 3 agosto 2009, n. 102 e successive modificazioni, per sostenere l'internazionalizzazione delle imprese quando le operazioni sono assistite da garanzia o assicurazione della SACE S.p.A., o è effettuata a favore delle piccole e medie imprese per finalità di sostegno dell'economia) Ottobre 2009: Avvio dell attività mediante 5 unità di business e una nuova organizzazione 25

26 Novembre 2009: CDP approva il Regolamento per il rilascio di Garanzie per le Opere Pubbliche l articolo 2, commi da 264 a 270, della legge 24 dicembre 2007, n. 244 ( Legge ) autorizza e disciplina la costituzione presso la gestione separata della Cassa depositi e prestiti S.p.A. ( CDP ) di un fondo, denominato Fondo di Garanzia per le Opere Pubbliche ( FGOP o il Fondo ) a valere sulle risorse previste ai sensi dell articolo 71, comma 2, della legge 27 dicembre 2002, n. 289 (Risparmio Postale); con decreto del Ministero dell economia e delle finanze del 16 settembre 2009 (il Decreto di Indirizzo ) sono state emanate, ai sensi dell articolo 2, comma 268, della Legge, le linee di indirizzo per l emanazione da parte di CDP di un regolamento, previsto dal medesimo comma 268, che fissi limiti, condizioni, modalità e caratteristiche della prestazione di garanzie e dei relativi rimborsi, tenendo conto della redditività potenziale dell opera e della decorrenza e durata della concessione o della gestione; Il Fondo ha una consistenza iniziale pari a milioni di euro e può essere incrementato secondo le modalità previste dal Decreto di Indirizzo. 26

27 Principi e modalità di intervento nel finanziamento delle opere con il ricorso alla Raccolta Postale

28 Finanziamento delle opere con la Raccolta Postale CDP supporta progetti promossi dalla Pubblica Amministrazione finanziando anche imprese pubbliche e private, secondo logiche di sostenibilità economica e finanziaria di ciascuna operazione e merito di credito dei beneficiari, facendo ricorso alla provvista derivante dal risparmio postale (D.L. 185/2008); L intervento di CDP è complementare al sistema bancario e finanzierà una quota non superiore al 50% di ciascun progetto (in linea con il modello BEI). Di norma la quota CDP è distinta rispetto a quella riservata al sistema bancario, con termini e condizioni separate; Tali finanziamenti, saranno erogati direttamente da CDP se di importo superiore ai 25 milioni di euro; al di sotto di tale soglia, CDP si potrà avvalere del canale bancario. In questa attività si intende privilegiare l utilizzo di strumenti di debito e/o di garanzia, rispetto al capitale di rischio, che sarà impiegato solo in via eccezionale e comunque per importi marginali. 28

29 Questa attività di business viene svolta applicando i principi dell operatore di lungo periodo e a tassi ragionevoli (agganciati alle condizioni di mercato), dovendo salvaguardare l equilibrio economico-patrimoniale di lungo periodo CDP si riserva di valutare la sostenibilità di ciascuna operazione tenendo conto sia del suo valore economico-finanziario sia del merito di credito del beneficiario e di definire la modalità di intervento e le relative condizioni di accesso. 29

30 I buoni progetti promossi dagli enti pubblici Con riferimento ai criteri di accesso, CDP potrà supportare operazioni avendone innanzitutto verificato le finalità di interesse generale e l effettiva promozione da parte di un Ente pubblico. In particolare, il decreto del Ministro dell economia e delle finanze del 12 marzo 2009, attuativo del D.L. 185/2008, ha individuato 7 categorie di possibili operazioni di interesse pubblico, promosse da Enti pubblici e quindi finanziabili da parte di CDP: 1. Progetti cofinanziati dalla BEI 2. Investimenti e forniture di interesse nazionali supportate da contributi pluriennali dello Stato o dell UE 3. Concessioni di lavori pubblici e appalti di lavori e servizi anche con il ricorso al General Contractor 4. Progetti connessi ad accordi tra Italia e uno o più paesi terzi (o istituzioni UE) 5. Progetti sviluppati mediante Partnership Pubblico Private 6. Investimenti inseriti in piani e programmi di soggetti pubblici 7. Investimenti sviluppati da privati, per assolvere ai compiti istituzionali dei soggetti pubblici 30

31 Principi e modalità di intervento nel finanziamento delle opere con il ricorso alla Raccolta CDP (Gestione Ordinaria)

32 Finanziamento delle opere con la Raccolta Ordinaria CDP supporta direttamente le imprese nella realizzazione di opere, impianti, reti e dotazioni destinate sia alla fornitura di servizi pubblici sia alle bonifiche, in linea con il D.L. 269/2003, utilizzando fondi raccolti attraverso l emissione di titoli, l assunzione di finanziamenti e altre operazioni finanziarie, senza garanzia dello Stato ed esclusivamente presso investitori istituzionali. Tali operazioni, regolate a condizioni di mercato, dovranno rispondere sia ai requisiti della sostenibilità finanziaria e del merito di credito sia ad assicurare adeguati ritorni sul capitale. CDP opera secondo due modalità alternative: corporate finance: finanziamento a medio lungo termine per investimenti di clientela corporate (ad es. aziende operanti nell erogazione di servizi pubblici e nel settore dei trasporti); project finance di opere infrastrutturali destinate alla fornitura di servizi pubblici 32

33 Finanziamento delle opere con la Raccolta Ordinaria(segue) Sulla base dei principi appena richiamati saranno, in prima istanza, di esclusiva competenza della Gestione Ordinaria le operazioni che: sono intraprese in pool con altre istituzioni finanziarie attraverso la partecipazione di CDP con una quota indistinta; sono attivate quando si è completata la promozione dell investimento da parte del Soggetto Pubblico ed il soggetto che realizza l investimento attiva una qualche forma di procedura competitiva per la selezione degli istituti finanziatori. 33

34 Principi di intervento del Fondo Garanzia Opere Pubbliche (FGOP)

35 Fondo Garanzia Opere Pubbliche (FGOP) CDP può prestare la Garanzia in favore dei soggetti pubblici o privati titolari di una Concessione di Lavori Pubblici per la realizzazione e gestione delle opere di competenza dei soggetti di cui all articolo 5, comma 7, lettera a), del Decreto CDP ( Soggetti Beneficiari o Creditori Garantiti ); Possono richiedere il rilascio della Garanzia a valere sul Fondo i soggetti di cui all articolo 5, comma 7, lettera a), del Decreto CDP in qualità di soggetto concedente dell opera ( Ente Concedente o Debitore Garantito ). La richiesta può essere congiunta con il Soggetto Beneficiario; La Garanzia CDP è soggetta all esito favorevole dell istruttoria CDP sulla sostenibilità economico-finanziaria del progetto (con particolare riferimento ai flussi di cassa relativi al periodo successivo alla scadenza della concessione vigente) e sul merito di credito del concessionario. L Istruttoria CDP è volta ad accertare: copertura finanziaria del progetto, congruità dei costi di costruzione e gestione, previsioni sui ricavi attesi, ipotesi del piano economico finanziario e capacità di rimborso della garanzia post scadenza concessione, rispetto delle norme nazionali e comunitarie in tema di affidamento di contratti pubblici, assenza di altre forme di garanzia dello Stato e di concomitanti finanziamenti CDP 35

36 Fondo Garanzia Opere Pubbliche (FGOP) - segue CDP garantisce il pagamento dell obbligazione pecuniaria assunta contrattualmente dal concedente nei confronti del concessionario, di norma a carico del concessionario subentrante alla scadenza contrattuale della concessione; La Garanzia CDP può essere escussa solo in occasione della scadenza contrattuale della concessione e del mancato reperimento, entro i termini previsti, di un soggetto subentrante; La garanzia non può eccedere il valore dell opera non ammortizzato nel periodo della concessione; In presenza di un concessionario subentrante detta obbligazione pecuniaria viene assolta da quest ultimo e rappresenta una condizione sospensiva per l efficacia della nuova concessione; In caso di escussione della garanzia la CDP assume, tra gli altri, diritti su ogni forma di futuro sfruttamento economico dell opera. 36

37 Contatti Cristiano Cannarsa Responsabile Direzione Imprese Cassa depositi e prestiti S.p.A Tel

DIREZIONE INFRASTRUTTURE E GRANDI OPERE

DIREZIONE INFRASTRUTTURE E GRANDI OPERE DIREZIONE INFRASTRUTTURE E GRANDI OPERE Project Finance Infrastructure Finance General contracting Corporate Finance Consulenza Strutturazione di fonti di debito e consulenza per: progetti di infrastrutture

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA LINEE GUIDA AI PRODOTTI CDP PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE E LE ESPORTAZIONI

PROTOCOLLO D INTESA LINEE GUIDA AI PRODOTTI CDP PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE E LE ESPORTAZIONI PROTOCOLLO D INTESA LINEE GUIDA AI PRODOTTI CDP PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE E LE ESPORTAZIONI Associazione Bancaria Italiana, con sede legale in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice Fiscale

Dettagli

Il project financing per lo sviluppo dei sistemi di trasporto. Avv.. Franco Vigliano

Il project financing per lo sviluppo dei sistemi di trasporto. Avv.. Franco Vigliano Il project financing per lo sviluppo dei sistemi di trasporto Università Carlo Cattaneo, Castellanza 7 marzo 2002 Il punto di vista giuridico Avv.. Franco Vigliano Brosio Casati - Allen & Overy Milano

Dettagli

Emanuele Scarnati. Responsabile Direzione Corporate Finance. PPP: il focus dei finanziatori secondo logiche project finance Firenze, 17 aprile 2014

Emanuele Scarnati. Responsabile Direzione Corporate Finance. PPP: il focus dei finanziatori secondo logiche project finance Firenze, 17 aprile 2014 Emanuele Scarnati Responsabile Direzione Corporate Finance PPP: il focus dei finanziatori secondo logiche project finance Firenze, 17 aprile 2014 Generalità sul Project Financing Punti di attenzione e

Dettagli

Nomos Appalti srl Servizio di Consulenza agli Enti Locali

Nomos Appalti srl Servizio di Consulenza agli Enti Locali Roma, 12 maggio 2010 Circolare n. 123/2010 Al SIG. PRESIDENTE CONFSERVIZI MARCHE A TUTTI GLI ASSOCIATI AL SIG. PRESIDENTE CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI E A TUTTI GLI ALTRI ENTI, AZIENDE E SOCIETA

Dettagli

Ruolo e impegno delle banche nello sviluppo degli investimenti per l efficienza

Ruolo e impegno delle banche nello sviluppo degli investimenti per l efficienza Ruolo e impegno delle banche nello sviluppo degli investimenti per l efficienza Roma, 22 gennaio 2015 Ufficio Crediti cr@abi.it Esiti della Terza Rilevazione ABI-ABI LAB Osservatorio "Banche e Green Economy"

Dettagli

www.cipecomitato.it/it/documenti/finanza_di_progetto_100_domande_e_risposte.pdf

www.cipecomitato.it/it/documenti/finanza_di_progetto_100_domande_e_risposte.pdf www.cipecomitato.it/it/documenti/finanza_di_progetto_100_domande_e_risposte.pdf 22 19 CHE COS È IL PROJECT FINANCING? Per Project Financing (PF Finanza di Progetto) si intende il finanziamento di un progetto

Dettagli

Il Ministro delle Attività Produttive di concerto con Il Ministro dell economia e delle finanze

Il Ministro delle Attività Produttive di concerto con Il Ministro dell economia e delle finanze Il Ministro delle Attività Produttive di concerto con Il Ministro dell economia e delle finanze Visto l articolo 14 della legge 17 febbraio 1982, n. 46 e successive modifiche e integrazioni; Visto il decreto

Dettagli

Emanuele Scarnati. Responsabile Direzione Corporate Finance. Piano di Sviluppo delle città e Project Financing. Palermo, 19 aprile 2013

Emanuele Scarnati. Responsabile Direzione Corporate Finance. Piano di Sviluppo delle città e Project Financing. Palermo, 19 aprile 2013 Emanuele Scarnati Responsabile Direzione Corporate Finance Piano di Sviluppo delle città e Project Financing Palermo, 19 aprile 2013 Generalità sul Project Financing Punti di attenzione e opportunità 2

Dettagli

Efficienza Energetica: opportunità e ostacoli

Efficienza Energetica: opportunità e ostacoli Efficienza Energetica: opportunità e ostacoli di UBI Banca Lorenzo Fidato Milano, Il di UBI Banca 1,850 miliardi 3 miliardi di impieghi negli ultimi sette anni di accordato operativo nei settori: Infrastrutture

Dettagli

Legge Regionale 30 dicembre 2010 n.34

Legge Regionale 30 dicembre 2010 n.34 CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA Legge Regionale 30 dicembre 2010 n.34 Bilancio di Previsione per l Esercizio Finanziario 2011 e Bilancio Pluriennale per il Triennio 2011 2013. * * * * * * * * * *

Dettagli

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA DELIBERA 3 agosto 2012. Fondo per lo sviluppo e la coesione regione Puglia. Programmazione delle residue risorse 2000-2006 e 2007-2013 e modifica

Dettagli

Strumenti finanziari per rilanciare gli investimenti per il settore idrico

Strumenti finanziari per rilanciare gli investimenti per il settore idrico Acqua 2.0 Tutela e valorizzione del patrimonio idrico Riparte la civilizzazione del Paese Strumenti finanziari per rilanciare gli investimenti per il settore idrico Alfredo Macchiati Roma, 27 marzo 2014

Dettagli

Project Bond e finanziamento delle Infrastrutture

Project Bond e finanziamento delle Infrastrutture Centrobanca Project Bond e finanziamento delle Infrastrutture Università Commerciale L. Bocconi Milano, 14 Giugno 2012 Massimo Capuano Amministratore Delegato, Centrobanca Executive Summary Il Project

Dettagli

! contratti ALLEGATO 1. garanzie collaterali. Contratto di Finanziamento. Contratto. rimborsi, interessi. assicurativi. Capitalizz.

! contratti ALLEGATO 1. garanzie collaterali. Contratto di Finanziamento. Contratto. rimborsi, interessi. assicurativi. Capitalizz. ALLEGATO 1 garanzie collaterali rimborsi, interessi Contratto di Finanziamento dividendi Contratto di Capitalizz.! contratti assicurativi perfomance perfomance, canoni concessione Contratto di O&M! beni,

Dettagli

PROJECT FINANCING Alla luce del terzo decreto correttivo al Decreto Legislativo 163/06. Bologna, 4 maggio 2009 Avv. Dover Scalera

PROJECT FINANCING Alla luce del terzo decreto correttivo al Decreto Legislativo 163/06. Bologna, 4 maggio 2009 Avv. Dover Scalera PROJECT FINANCING Alla luce del terzo decreto correttivo al Decreto Legislativo 163/06 Bologna, 4 maggio 2009 Avv. Dover Scalera 1 NOZIONE Il Project Financing (PF) è un operazione di finanziamento tesa

Dettagli

Legge regionale 24 dicembre 2008, n. 32

Legge regionale 24 dicembre 2008, n. 32 Legge regionale 24 dicembre 2008, n. 32 Bilancio di Previsione 2009 e Pluriennale Triennio 2009 2011 (B. U. Regione Basilicata N. 60 del 29 dicembre 2008) Articolo 1 Stato di Previsione dell Entrata 1.

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI DELLA POLITICA DI COESIONE PER IL PERIODO 2014-2020 POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le

Dettagli

Gestione dei progetti urbani e infrastrutturali attraverso il PPP

Gestione dei progetti urbani e infrastrutturali attraverso il PPP Corso di valutazione economica del progetto Clamarch a.a. 2013/14 Gestione dei progetti urbani e infrastrutturali attraverso il PPP Docenti Collaboratori prof. Stefano Stanghellini stefano.stanghellini@iuav.it

Dettagli

Le soluzioni del Gruppo Intesa Sanpaolo a sostegno delle imprese che investono in energia pulita

Le soluzioni del Gruppo Intesa Sanpaolo a sostegno delle imprese che investono in energia pulita Le soluzioni del Gruppo Intesa Sanpaolo a sostegno delle imprese che investono in energia pulita Francesco Fioretto, Responsabile Succursale Emilia Romagna Parma, 25 marzo 2010 Agenda Il contesto di riferimento

Dettagli

ANCI Servizi-OICE-ABI

ANCI Servizi-OICE-ABI Convegno: ANCI Servizi-OICE-ABI Workshop sul Project Financing: riscaldiamo le opere fredde Trieste, 23 ottobre 2008 Relazione dell Unità Tecnica Finanza di Progetto di GABRIELE FERRANTE Il Partenariato

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA Doc. XVIII n. 57 RISOLUZIONE DELLA 6ª COMMISSIONE PERMANENTE (Finanze e tesoro) (Estensore FERRARA) approvata nella seduta del 20 ottobre 2010 SULLA PROPOSTA DI

Dettagli

SCHEDA DISTRIBUZIONE GAS NEL TERRITORIO DELLA CAPITALE

SCHEDA DISTRIBUZIONE GAS NEL TERRITORIO DELLA CAPITALE SCHEDA Roma Capitale, Dipartimento Sviluppo Infrastrutture e Manutenzione Urbana, il 10 settembre 2012, un anno dopo la pubblicazione del bando di gara, ha assegnato il contratto di concessione del servizio

Dettagli

Mutuo, leasing o project financing?

Mutuo, leasing o project financing? Mutuo, leasing o project financing? Contenuti 1 2 3 4 5 6 Il sistema bancario sostiene l energia pulita Le tipologie di intervento Il Project Financing Il Leasing Il Mutuo La Gestione dei Rischi 1. Il

Dettagli

Rilancio dei project bond, Pf per l edilizia carceraria e nuove regole per il subentro

Rilancio dei project bond, Pf per l edilizia carceraria e nuove regole per il subentro 6 n 5 2012 Dopo il decreto Salva-Italia anche il Dl sulle liberalizzazioni interviene sulla disciplina del project financing. Altre novità riguardano le norme sulla progettazione, quelle sulle concessioni

Dettagli

LA BANCABILITA DEI PROGETTI DI SVILUPPO DELLE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI E LE OPPORTUNITA PER LE AZIENDE.

LA BANCABILITA DEI PROGETTI DI SVILUPPO DELLE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI E LE OPPORTUNITA PER LE AZIENDE. International Solar Energy Society FONTI RINNOVABILI ED EFFICIENZA ENERGETICA. LE PROSPETTIVE PER LE AZIENDE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI. Roma, 10 dicembre 2010 LA BANCABILITA DEI PROGETTI DI SVILUPPO

Dettagli

Cassa depositi e prestiti. Sostegno al sistema produttivo

Cassa depositi e prestiti. Sostegno al sistema produttivo Cassa depositi e prestiti Sostegno al sistema produttivo CDP a sostegno del sistema produttivo e dello sviluppo delle infrastrutture Cassa depositi e prestiti è un operatore chiave a sostegno del sistema

Dettagli

Project Financing. Caratteristiche generali ed aspetti economico-finanziari. Lecce 2 ottobre 2003. Sommario degli argomenti

Project Financing. Caratteristiche generali ed aspetti economico-finanziari. Lecce 2 ottobre 2003. Sommario degli argomenti Project Financing Caratteristiche generali ed aspetti economico-finanziari Lecce 2 ottobre 2003 A cura del Dott. Massimo Leone Sommario degli argomenti 1. Introduzione al project financing 2. Il project

Dettagli

Decreto-Legge 24 giugno 2014, n. 91

Decreto-Legge 24 giugno 2014, n. 91 Decreto-Legge 24 giugno 2014, n. 91 Audizione del Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. Nando Pasquali Presidente e Amministratore Delegato Roma, 3 luglio 2014 Indice Il Gruppo GSE Decreto-Legge 24

Dettagli

Attività di CDP Investimenti Sgr nell edilizia sociale. Torino, 4 Febbraio 2010

Attività di CDP Investimenti Sgr nell edilizia sociale. Torino, 4 Febbraio 2010 Attività di CDP Investimenti Sgr nell edilizia sociale Torino, 4 Febbraio 2010 Premessa Nel febbraio 2009 Cassa Depositi e Presiti Spa (CDP), ACRI ed ABI hanno costituito CDP Investimenti Sgr S.p.A. (CDPI

Dettagli

Mobility conference 2009

Mobility conference 2009 Mobility conference 2009 - Milano,, 9 febbraio 2009 - L a semplificazione normativa per accelerare la realizzazione delle infrastrutture: è tutto quello che serve? Avv.. Prof. Franco Vigliano Responsabile

Dettagli

LE PROVINCE ITALIANE INCONTRANO LA BEI

LE PROVINCE ITALIANE INCONTRANO LA BEI LE PROVINCE ITALIANE INCONTRANO LA BEI La strategia e i progetti della Banca Europea degli Investimenti a sostegno degli enti locali per una crescita intelligente, sostenibile ed inclusiva dell UE. La

Dettagli

Ministero delle infrastrutture e dei trasporti

Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Piano Nazionale di edilizia abitativa Visto il decreto legge 25 giugno 2008, n 112 convertito con modificazioni dalla legge 6 agosto 2008, n 133, recante

Dettagli

Note per la corretta compilazione dell analisi finanziaria

Note per la corretta compilazione dell analisi finanziaria !"#$%&'()* +,,-+,,./001%+,,./+,,.* 2 Note per la corretta compilazione dell analisi finanziaria Il piano economico e finanziario è uno studio previsionale che prende in considerazione le diverse azioni

Dettagli

SABATINI BIS come chiedere le agevolazioni

SABATINI BIS come chiedere le agevolazioni Le Guide professionalità quotidiana SABATINI BIS come chiedere le agevolazioni a cura di Bruno Pagamici Soggetti beneficiari Investimenti e spese finanziabili Contributo in conto interessi Domanda di agevolazione

Dettagli

27/11/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 95. Regione Lazio

27/11/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 95. Regione Lazio Regione Lazio DIREZIONE INFRASTRUTTURE, AMBIENTE E POLITICHE ABITATIVE Atti dirigenziali di Gestione Determinazione 4 novembre 2014, n. G15557 POR FESR LAZIO 2007-2013. Progetto A0070P0376. Call for proposal

Dettagli

L Innovazione Finanziaria negli Enti Locali. Gestione del debito tra efficienza e sostenibilità

L Innovazione Finanziaria negli Enti Locali. Gestione del debito tra efficienza e sostenibilità L Innovazione Finanziaria negli Enti Locali Gestione del debito tra efficienza e sostenibilità Intervento nell ambito del Ciclo di Seminari Glocus - FareFuturo L Innovazione nei Territori Roma, 23 ottobre

Dettagli

dei Ministri dello sviluppo economico e per i rapporti con le regioni, sentita la Conferenza unificata e su parere dell Autorità per l energia

dei Ministri dello sviluppo economico e per i rapporti con le regioni, sentita la Conferenza unificata e su parere dell Autorità per l energia Il Ministro dello Sviluppo Economico e il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali VISTO il decreto legislativo 23 maggio 2000, n. 164, recante norme comuni per il mercato interno del gas, ed in particolare

Dettagli

FINANZIA ENERGIA. I progetti di investimento con il project finance

FINANZIA ENERGIA. I progetti di investimento con il project finance FINANZIA ENERGIA I progetti di investimento con il project finance Erba, 3 dicembre 2009 2 Brady Italia Mariano Kihlgren, amm. delegato Giuseppe Michelucci, partner 3 Brady Italia Brady Italia opera da

Dettagli

Cassa depositi e prestiti

Cassa depositi e prestiti Cassa depositi e prestiti Il Gruppo Cassa depositi e prestiti opera a sostegno della crescita del Paese ed impiega le sue risorse, prevalentemente raccolte attraverso il Risparmio Postale (Buoni fruttiferi

Dettagli

La bancabilità dei progetti a biomasse nel nuovo scenario finanziario: gli strumenti a disposizione dell industria

La bancabilità dei progetti a biomasse nel nuovo scenario finanziario: gli strumenti a disposizione dell industria La bancabilità dei progetti a biomasse nel nuovo scenario finanziario: gli strumenti a disposizione dell industria Giuseppe Dasti - Coordinatore Desk Energy Mediocredito Italiano gruppo Intesa Sanpaolo

Dettagli

Il Project Financing per il Social Housing: profili generali

Il Project Financing per il Social Housing: profili generali Il Project Financing per il Social Housing: profili generali Dott. Livio Pasquetti Studio Paratore Pasquetti & Partners Seminario introduttivo Strumenti finanziari alternativi per l»edilizia residenziale

Dettagli

Fattori critici per lo sviluppo di interventi di efficienza energetica attraverso ESCO

Fattori critici per lo sviluppo di interventi di efficienza energetica attraverso ESCO Fattori critici per lo sviluppo di interventi di efficienza energetica attraverso ESCO Avv. Emilio Sani, Partner Dipartimento Energia Macchi di Cellere Gangemi studio legale Via Serbelloni 4 20121, Milano

Dettagli

Direzione Centrale Patrimonio, Commercio e Sist. Informativo 2013 04566/027 Direzione Sistema Informativo CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

Direzione Centrale Patrimonio, Commercio e Sist. Informativo 2013 04566/027 Direzione Sistema Informativo CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Direzione Centrale Patrimonio, Commercio e Sist. Informativo 2013 04566/027 Direzione Sistema Informativo CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 293 approvata il 3 ottobre 2013 DETERMINAZIONE:

Dettagli

Istanza di interpello. ALFA S.p.A. - Concessione di lavori pubblici. Reverse Charge. Art. 17, comma 6, lett. a), del DPR n. 633 del 1972.

Istanza di interpello. ALFA S.p.A. - Concessione di lavori pubblici. Reverse Charge. Art. 17, comma 6, lett. a), del DPR n. 633 del 1972. RISOLUZIONE N. 101/E Roma, 18 marzo 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello. ALFA S.p.A. - Concessione di lavori pubblici. Reverse Charge. Art. 17, comma 6, lett.

Dettagli

Direzione Stato & Infrastrutture

Direzione Stato & Infrastrutture Project financing Un nuovo strumento per la realizzazione di opere pubbliche L la valutazione dei piani economico-finanziari dei Promotori Sala Convegni Camera di Commercio di Lecce Lecce, 02 ottobre 2003

Dettagli

Le Attività della Cassa depositi e prestiti a sostegno dell l Impresa e del Territorio

Le Attività della Cassa depositi e prestiti a sostegno dell l Impresa e del Territorio Le Attività della Cassa depositi e prestiti a sostegno dell l Impresa e del Territorio Intervento di Massimo Varazzani, Amministratore delegato di CDP Genova, 8 aprile 2010 www.cassaddpp.it Breve Profilo

Dettagli

Convegno Direttiva UE 2012/27: casi pratici e relativi impatti ed opportunità per le aziende industriali presso KeyEnergy Ecomondo

Convegno Direttiva UE 2012/27: casi pratici e relativi impatti ed opportunità per le aziende industriali presso KeyEnergy Ecomondo Convegno Direttiva UE 2012/27: casi pratici e relativi impatti ed opportunità per le aziende industriali presso KeyEnergy Ecomondo Enrico Maria Vadori, Responsabile Servizio Sviluppo Prodotti e Comunicazione

Dettagli

La modifica è conseguenza delle mutate condizioni dei mercati finanziari rispetto all epoca della formazione del bilancio 2009.

La modifica è conseguenza delle mutate condizioni dei mercati finanziari rispetto all epoca della formazione del bilancio 2009. D.L. N.457 Modifiche e integrazioni alla L.R. 24.12.2008 n. 43 Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale della Regione Liguria (Legge finanziaria 2009). Articolo 1 L articolo stabilisce

Dettagli

LEGGE N.144/1999 ART. 4: FONDO PROGETTAZIONE PRELIMINARE IL CIPE

LEGGE N.144/1999 ART. 4: FONDO PROGETTAZIONE PRELIMINARE IL CIPE LEGGE N.144/1999 ART. 4: FONDO PROGETTAZIONE PRELIMINARE IL CIPE VISTA la legge 11 febbraio 1994, n. 109, recante Legge quadro in materia di lavori pubblici, nel testo aggiornato pubblicato nel supplemento

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 3 LUGLIO 2014 326/2014/R/GAS MODALITÀ PER IL RIMBORSO, AI GESTORI USCENTI, DEGLI IMPORTI RELATIVI AL CORRISPETTIVO UNA TANTUM PER LA COPERTURA DEGLI ONERI DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO

Dettagli

Direzione Finanza 2015 05387/024 Area Bilancio Ufficio Finanziamenti CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

Direzione Finanza 2015 05387/024 Area Bilancio Ufficio Finanziamenti CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Direzione Finanza 2015 05387/024 Area Bilancio Ufficio Finanziamenti CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 61 approvata il 4 novembre 2015 DETERMINAZIONE: MUTUO DI EURO 5.785.000,00

Dettagli

* * * * * * * * * * * *

* * * * * * * * * * * * CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA Legge Regionale: Bilancio di Previsione per l Esercizio Finanziario 2009 e Bilancio Pluriennale per il Triennio 2009 2011. * * * * * * * * * * * * Articolo 1 Stato

Dettagli

Il Project Financing

Il Project Financing Il Project Financing Agenda 1. Introduzione 2. Rischi del progetto 3. Le fonti di finanziamento del progetto 4. I soggetti coinvolti 5. Le garanzie 6. Il PF in Italia Master di I livello in Finanza aziendale

Dettagli

Meccanismi di finanziamento delle infrastrutture idriche

Meccanismi di finanziamento delle infrastrutture idriche Meccanismi di finanziamento delle infrastrutture idriche Roma 12 luglio 2005 Gabriele Pasquini Unità tecnica Finanza di Progetto 1 Introduzione Premesse La situazione della finanza pubblica ed i vincoli

Dettagli

CRITERI PER IL CONGUAGLIO DEI COSTI DI RIPRISTINO DEI SITI DI STOCCAGGIO

CRITERI PER IL CONGUAGLIO DEI COSTI DI RIPRISTINO DEI SITI DI STOCCAGGIO DCO 19/11 CRITERI PER IL CONGUAGLIO DEI COSTI DI RIPRISTINO DEI SITI DI STOCCAGGIO Documento per la consultazione per la formazione di provvedimenti nell ambito del procedimento avviato con deliberazione

Dettagli

LA BANCABILITÀ DEI PROGETTI D INVESTIMENTO NEL SETTORE S.I.I.

LA BANCABILITÀ DEI PROGETTI D INVESTIMENTO NEL SETTORE S.I.I. LA BANCABILITÀ DEI PROGETTI D INVESTIMENTO NEL SETTORE S.I.I. 17 Aprile 2015 pag. 1 Track Record MPSCS nel Settore SII AATO Ombrone Bridge to Project 105 mln AATO Alto Valdarno Total Senior Financing 70

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione,

Dettagli

www.libriprofessionali.it per i tuoi acquisti di libri, banche dati, riviste e software specializzati

www.libriprofessionali.it per i tuoi acquisti di libri, banche dati, riviste e software specializzati Presentazione 1 Autonomie locali e finanza pubblica 1.1 Principi generali 1.1.1 La finanza locale nel sistema delle autonomie locali 1.1.2 Enti locali e riforma della pubblica amministrazione 1.1.3 Le

Dettagli

Il Ministro dell Economia e delle Finanze

Il Ministro dell Economia e delle Finanze Il Ministro dell Economia e delle Finanze Visto l articolo 1, comma 91, della legge 23 dicembre 2014, n. 190, il quale dispone, tra l altro, che, a decorrere dal periodo di imposta 2015, agli enti di previdenza

Dettagli

MODALITA PER IL RIMBORSO AI GESTORI USCENTI DEGLI IMPORTI EQUIVALENTI AL CORRISPETTIVO UNA TANTUM PER LA COPERTURA DEGLI ONERI DI GARA

MODALITA PER IL RIMBORSO AI GESTORI USCENTI DEGLI IMPORTI EQUIVALENTI AL CORRISPETTIVO UNA TANTUM PER LA COPERTURA DEGLI ONERI DI GARA DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 190/2014/R/GAS MODALITA PER IL RIMBORSO AI GESTORI USCENTI DEGLI IMPORTI EQUIVALENTI AL CORRISPETTIVO UNA TANTUM PER LA COPERTURA DEGLI ONERI DI GARA Documento per la consultazione

Dettagli

IL RUOLO DEL DOTTORE COMMERCIALISTA

IL RUOLO DEL DOTTORE COMMERCIALISTA IL RUOLO DEL DOTTORE COMMERCIALISTA IN OTTICA BASILEA 2 DOTT. GABRIELE TROISE - troise@innofin.net 1 PRINCIPI ISPIRATORI DI BASILEA 2 BASILEA 2 E UNA NORMATIVA DIRETTA ALLE BANCHE. FUNZIONE PRECIPUA DELLA

Dettagli

MINI BOND Un nuovo strumento per finanziare la crescita delle Aziende

MINI BOND Un nuovo strumento per finanziare la crescita delle Aziende MINI BOND Un nuovo strumento per finanziare la crescita delle Aziende LO SCENARIO MINI BOND Il Decreto Sviluppo ed il Decreto Sviluppo bis del 2012, hanno introdotto importanti novità a favore delle società

Dettagli

SERVIZI DI TRASPORTO PUBBLICO LOCALE FERROVIARIO SULLA RETE DI PROPRIETA DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA

SERVIZI DI TRASPORTO PUBBLICO LOCALE FERROVIARIO SULLA RETE DI PROPRIETA DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA SERVIZI DI TRASPORTO PUBBLICO LOCALE FERROVIARIO SULLA RETE DI PROPRIETA DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA RELAZIONE D.L. 18.10.2012, N.179, ART.34, CO. 20 E 21, CONVERTITO CON MODIFICHE DALLA L. N.221/2012

Dettagli

I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE

I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE - BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Società per Azioni - Sede legale e Direzione Generale: Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Tel +390647021 http://www.bnl.it - Codice ABI

Dettagli

Direzione Finanza 2015 06779/024 Area Bilancio Ufficio Finanziamenti CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

Direzione Finanza 2015 06779/024 Area Bilancio Ufficio Finanziamenti CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Direzione Finanza 2015 06779/024 Area Bilancio Ufficio Finanziamenti CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 86 approvata il 9 dicembre 2015 DETERMINAZIONE: MUTUO DI EURO 688.990,96

Dettagli

I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE

I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE - BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Società per Azioni - Sede legale e Direzione Generale: Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Tel +390647021 http://www.bnl.it - Codice ABI

Dettagli

Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci.

Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci. Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci. Debiti verso fornitori Importi dovuti ai fornitori. Crediti

Dettagli

Cassa depositi e prestiti. Imprese e Infrastrutture. Finanziamenti per le infrastrutture. Fondi equity infrastrutturali

Cassa depositi e prestiti. Imprese e Infrastrutture. Finanziamenti per le infrastrutture. Fondi equity infrastrutturali CDP imprese B_cmyk:CDP imprese 04/01/12 14.13 Pagina 1 Finanziamenti per le infrastrutture CDP finanzia imprese private e interventi strutturati in Partenariato Pubblico Privato (PPP) per la realizzazione

Dettagli

L applicazione nel settore pubblico

L applicazione nel settore pubblico L applicazione nel settore pubblico Gli obiettivi di efficienza energetica nel settore pubblico sono individuati dal capo IV del Decreto Legislativo 115/2208 che all art.12 individua nella persona del

Dettagli

La riforma dei Servizi Pubblici Locali Il nuovo quadro normativo di riferimento e l impatto su strategie, organizzazione e processi nelle Utility

La riforma dei Servizi Pubblici Locali Il nuovo quadro normativo di riferimento e l impatto su strategie, organizzazione e processi nelle Utility Unità Tecnica Finanza di Progetto Dipartimento per la Programmazione e il Coordinamento della Politica Economica La riforma dei Servizi Pubblici Locali Il nuovo quadro normativo di riferimento e l impatto

Dettagli

IL CIPE. VISTO il decreto legislativo 20 agosto 2002 n. 190, attuativo dell art. 1 della menzionata legge n. 443/2001;

IL CIPE. VISTO il decreto legislativo 20 agosto 2002 n. 190, attuativo dell art. 1 della menzionata legge n. 443/2001; LEGGE N. 443/2001 PRIMO PROGRAMMA DELLE OPERE STRATEGICHE SCHEMI IDRICI REGIONE BASILICATA - OPERE PER L INTEGRAZIONE DELLE CONDOTTE MAESTRE, DELLE DIRAMAZIONI, DEI SERBATOI E DEL COMPLETAMENTO DELLE RETI

Dettagli

COMUNE DI CUNEO DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE DEL SETTORE PATRIMONIO E ATTIVITA DI PIANO

COMUNE DI CUNEO DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE DEL SETTORE PATRIMONIO E ATTIVITA DI PIANO COMUNE DI CUNEO DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE DEL SETTORE PATRIMONIO E ATTIVITA DI PIANO N. Proposta 1399 del 25/09/2015 OGGETTO: INDIVIDUAZIONE E AFFIDAMENTO ATTIVITA FINALIZZATE AL SUPPORTO ALLA STAZIONE

Dettagli

La regolazione tariffaria degli investimenti nei servizi pubblici Esperienze a confronto e prospettive per i servizi idrici. Roma, 14 dicembre 2011

La regolazione tariffaria degli investimenti nei servizi pubblici Esperienze a confronto e prospettive per i servizi idrici. Roma, 14 dicembre 2011 La regolazione tariffaria degli investimenti nei servizi pubblici Esperienze a confronto e prospettive per i servizi idrici Roma, 14 dicembre 2011 La finanziabilità dei Piani nel servizio idrico Ovvero,

Dettagli

Cassa depositi e prestiti. Sostegno al sistema produttivo

Cassa depositi e prestiti. Sostegno al sistema produttivo Cassa depositi e prestiti Sostegno al sistema produttivo CDP per l economia reale: sostegno alle imprese e sviluppo infrastrutturale Cassa depositi e prestiti è un operatore chiave a sostegno del sistema

Dettagli

Decorrenza dell ammortamento fissata al primo gennaio del terzo anno solare successivo a quello della data di perfezionamento;

Decorrenza dell ammortamento fissata al primo gennaio del terzo anno solare successivo a quello della data di perfezionamento; Direzione Finanza 2015 07074/024 Area Bilancio Ufficio Finanziamenti CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 91 approvata il 11 dicembre 2015 DETERMINAZIONE: MUTUO DI EURO 1.999.996,00

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 23 luglio 2009 pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana del 28 novembre 2009, n.278, concernente

Dettagli

Direzione Finanza 2015 07155/024 Area Bilancio Ufficio Finanziamenti CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

Direzione Finanza 2015 07155/024 Area Bilancio Ufficio Finanziamenti CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Direzione Finanza 2015 07155/024 Area Bilancio Ufficio Finanziamenti CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 93 approvata il 16 dicembre 2015 DETERMINAZIONE: MUTUO DI EURO 7.667.710,78

Dettagli

Innovazione della P.A. e opzioni strategiche di collaborazione

Innovazione della P.A. e opzioni strategiche di collaborazione Innovazione della P.A. e opzioni strategiche di collaborazione La cessione del corrispettivo dell appalto Art. 115 D.P.R. 554/1999 1. Ai sensi dell articolo 26, comma 5, della Legge, le cessioni di crediti

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO Consiglio Regionale del Veneto - UPA - 29/06/2015-0012271 CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO PROGETTO DI LEGGE N. DECIMA LEGISLATURA 0/ ^ Consiglio Regionale del Veneto I del 29/06/2015 Prot.: 0012271 Titolano

Dettagli

L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) Università degli Studi di Teramo - Prof.

L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) Università degli Studi di Teramo - Prof. L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) 1 I contratti bancari fanno parte della più ampia categoria dei CONTRATTI FINANZIARI ossia quei contratti che si caratterizzano

Dettagli

STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020

STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020 Verso un utilizzo più strategico imparando dall esperienza maturata Roberto D Auria Mario Guido Gruppo di lavoro Competitività Roma, 28 ottobre 2013 L esperienza

Dettagli

PROJECT FINANCING Alla luce del terzo decreto correttivo al Decreto Legislativo 163/06. Bologna, 7 maggio 2009 Avv. Dover Scalera

PROJECT FINANCING Alla luce del terzo decreto correttivo al Decreto Legislativo 163/06. Bologna, 7 maggio 2009 Avv. Dover Scalera PROJECT FINANCING Alla luce del terzo decreto correttivo al Decreto Legislativo 163/06 Bologna, 7 maggio 2009 Avv. Dover Scalera 1 Le novità introdotte dal terzo decreto correttivo Project Financing Il

Dettagli

CONSIDERATO, ALTRESÌ, CHE:

CONSIDERATO, ALTRESÌ, CHE: DELIBERAZIONE 15 NOVEMBRE 2012 473/2012/A AGGIUDICAZIONE DEFINITIVA ED EFFICACE DELLA PROCEDURA DI GARA APERTA IN AMBITO NAZIONALE - RIF. GOP 26/11, CIG 225763100A - FINALIZZATA ALLA SELEZIONE DI UNA APPOSITA

Dettagli

VISTI i piani di erogazione e degli interventi predisposti dalle singole regioni allegati al presente decreto;

VISTI i piani di erogazione e degli interventi predisposti dalle singole regioni allegati al presente decreto; VISTO il decreto-legge 12 settembre 2013, n. 104, convertito, con modificazioni, dalla legge 8 novembre 2013, n. 128, recante misure urgenti in materia di istruzione, università e ricerca (di seguito,

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE PLURIENNALE PER IL TRIENNIO 2016/2018" IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE Promulga

BILANCIO DI PREVISIONE PLURIENNALE PER IL TRIENNIO 2016/2018 IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE Promulga 770 N. 6 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 9-2-2016 Parte I Legge Regionale 9 febbraio 2016, n. 4 BILANCIO DI PREVISIONE PLURIENNALE PER IL TRIENNIO 2016/2018" IL CONSIGLIO REGIONALE ha

Dettagli

Delibera n. 08/2013. VISTO il Decreto Legislativo n. 165 del 30.03.2001;

Delibera n. 08/2013. VISTO il Decreto Legislativo n. 165 del 30.03.2001; 1 Delibera n. 08/2013 Il Comitato Centrale per l Albo nazionale delle persone fisiche e giuridiche che esercitano l autotrasporto di cose per conto terzi, riunitosi nella seduta del 31 luglio 2013; VISTA

Dettagli

Ministero dell'economia e delle Finanze Ufficio Stampa

Ministero dell'economia e delle Finanze Ufficio Stampa Ministero dell'economia e delle Finanze Ufficio Stampa Comunicato n. 179 Debiti P.A.: pagati ai creditori 26 miliardi Ripartiti tra i debitori ulteriori 17 miliardi di risorse stanziate nel 2013 Entro

Dettagli

INDICE. Capitolo primo IL PROJECT FINANCING: EVOLUZIONE STORICA E MER- CATO

INDICE. Capitolo primo IL PROJECT FINANCING: EVOLUZIONE STORICA E MER- CATO INDICE Capitolo primo IL PROJECT FINANCING: EVOLUZIONE STORICA E MER- CATO 1. Evoluzione storica del project financing. 5 2. Il project financing nella prospettiva del partenariato pubblico-privato. 6

Dettagli

ROMA CAPITALE GESTIONE COMMISSARIALE

ROMA CAPITALE GESTIONE COMMISSARIALE Roma Capitale Gestione Commissariale L attività del Commissario Straordinario del Governo per il rientro del debito pregresso del Comune di Roma Roma, 11 gennaio 2012 1 Sommario del documento 1. Contesto

Dettagli

Il sostegno di CDP: sviluppi

Il sostegno di CDP: sviluppi Il sostegno di CDP: sviluppi Roma, 28 novembre 2013 Il Contesto Nel biennio 2011 12, CDP ha mobilitato circa il 90% delle risorse previste dal Piano Industriale 2011 13,raggiungendo,difatto,gliobiettiviconunanno

Dettagli

DCO 656/2014/R/GAS Meccanismi regolatori di incentivazione per lo sviluppo di ulteriori prestazioni di punta da stoccaggio del sistema nazionale

DCO 656/2014/R/GAS Meccanismi regolatori di incentivazione per lo sviluppo di ulteriori prestazioni di punta da stoccaggio del sistema nazionale DCO 656/2014/R/GAS Meccanismi regolatori di incentivazione per lo sviluppo di ulteriori prestazioni di punta da stoccaggio del sistema nazionale Documento per la consultazione Milano, 19 gennaio 2015 1

Dettagli

DOSSIER PPP - Partenariato Pubblico Privato

DOSSIER PPP - Partenariato Pubblico Privato DOSSIER PPP - Partenariato Pubblico Privato 13 Novembre 2003 I) TAVOLA SINOTTICA DELLE PRINCIPALI FORMULE PPP APPLICATE IN EUROPA A cura del dr. Rangone istituti giuridici Modalità di pagamento Denominazione

Dettagli

FONDO DI GARANZIA PER L IMPIANTISTICA SPORTIVA EX LEGE 289/2002, ARTICOLO 90, COMMA 12 E SUCCESSIVE MODIFICHE ED INTEGRAZIONI CRITERI DI GESTIONE

FONDO DI GARANZIA PER L IMPIANTISTICA SPORTIVA EX LEGE 289/2002, ARTICOLO 90, COMMA 12 E SUCCESSIVE MODIFICHE ED INTEGRAZIONI CRITERI DI GESTIONE FONDO DI GARANZIA PER L IMPIANTISTICA SPORTIVA EX LEGE 289/2002, ARTICOLO 90, COMMA 12 E SUCCESSIVE MODIFICHE ED INTEGRAZIONI CRITERI DI GESTIONE Definizioni Ai fini di quanto disciplinato dai presenti

Dettagli

19 Vista la L.R. 65/2010, che proroga al 2011 i piani e programmi regionali in attesa dell approvazione del nuovo PRS;

19 Vista la L.R. 65/2010, che proroga al 2011 i piani e programmi regionali in attesa dell approvazione del nuovo PRS; riferimento agli importi attuali dello stipendio tabellare, dell indennità di vacanza contrattuale e della retribuzione di posizione percepiti dai dirigenti regionali di ruolo responsabili di area di coordinamento,

Dettagli

Parte I LEGGI, DECRETI E REGOLAMENTI DELLA REGIONE

Parte I LEGGI, DECRETI E REGOLAMENTI DELLA REGIONE Parte I N. 14 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 30-4-2014 2399 Parte I LEGGI, DECRETI E REGOLAMENTI DELLA REGIONE Legge Regionale 30 aprile 2014, n. 9 BILANCIO DI PREVISIONE PER L ESERCIZIO

Dettagli

Il Project Financing. Introduzione

Il Project Financing. Introduzione Il Project Financing Introduzione Il Project Financing nasce nei paesi anglosassoni come tecnica finanziaria innovativa volta a rendere possibile il finanziamento di iniziative economiche sulla base della

Dettagli

MECCANISMI REGOLATORI DI INCENTIVAZIONE PER LO SVILUPPO DI ULTERIORI PRESTAZIONI DI PUNTA DA STOCCAGGIO DEL SISTEMA NAZIONALE DEL GAS

MECCANISMI REGOLATORI DI INCENTIVAZIONE PER LO SVILUPPO DI ULTERIORI PRESTAZIONI DI PUNTA DA STOCCAGGIO DEL SISTEMA NAZIONALE DEL GAS DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 656/2014/R/GAS MECCANISMI REGOLATORI DI INCENTIVAZIONE PER LO SVILUPPO DI ULTERIORI PRESTAZIONI DI PUNTA DA STOCCAGGIO DEL SISTEMA NAZIONALE DEL GAS Documento per la consultazione

Dettagli

Analisi e valutazione del rischio di credito delle obbligazioni corporate

Analisi e valutazione del rischio di credito delle obbligazioni corporate Analisi e valutazione del rischio di credito delle obbligazioni corporate MiniBond e Rischi di Credito Mario Bottero MiniBond Specialist Milano, 11 Giugno 2014 Analisi e valutazione del rischio di credito

Dettagli

IMPIANTO DI PIEVE TORINA

IMPIANTO DI PIEVE TORINA IMPIANTI IDROELETTRICI SUL CORSO DEL FIUME CHIENTI DI PIEVE TORINA IMPIANTO DI PIEVE TORINA PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA 1 1. PREMESSA Per la migliore valutazione della proposta

Dettagli