Cessione, pignoramento e sequestro dei crediti di lavoro

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Cessione, pignoramento e sequestro dei crediti di lavoro"

Transcript

1 Cessione, pignoramento e sequestro dei crediti di lavoro Assolombarda 27 Settembre 2007 Area relazioni Industriali e affari Sociali Tiziana Cardone

2 Argomenti trattati Le somme oggetto della cessione (retribuzione, tfr, indennità, pensioni, compensi dei co.co.pro.,limiti quantitativi) Requisiti soggettivi ed oggettivi della cessione (soggetti aventi diritto, Istituti autorizzati a concedere prestiti, caratteristiche della cessione: Artt , D.p.r. n. 180/1950) Casi particolari (riduzioni di stipendi, concorso di cessioni, decesso del lavoratore) Rapporti tra cessione ed altri istituti (pignoramenti sequestri, delegazione) Modulistica, comunicazioni alle finanziarie (indicazioni operative) Responsabilità del datore di lavoro (obblighi)

3 Retribuzione Art. 5, dpr. 180/1950 per atti posti in essere da Causale tipica: per estinguere i prestiti verso soggetti autorizzati Efficacia art. 1 dpr. 180: dalla notifica(forma libera) Limite: 1/5 al netto delle ritenute fiscali e previdenziali Modalità di versamento art. 29: entro il mese successivo a quello cui le quote si riferiscono Luogo del pagamento 1182,co. 3, c.c. presso la banca, salvo diverse previsioni di ccnl o usi aziendali Oneri e costi addebitabili al lavoratore:comunicazione al lavoratore o regolam. aziendale, possibili accordi datore/banca

4 Compenso dei parasubordinati Art. 52, dpr. 180/1950 modificato da legge n. 80/2005: cedibilità dei compensi di lavoratori a progetto, co.co.co., agenti/rappresentanti di commercio Requisiti: Solo se il compenso ha carattere certo e continuativo Limite del quinto Solo se il rapporto ha una durata non minore di 12 mesi Cessione non superiore alla durata del contratto Disposizione non operativa Pignoramento e sequestro: art. 545 c.p.c.

5 Pensione Art. 1, dpr. 180/1950: Cedibilità della pensione per pubblici e privati a fronte di prestiti con soggetti autorizzati(iscritti nel registro di cui all art. 106 d.lgs n. 385/93) Requisiti: limite del quinto -Durata della cessione non superiore a 10 anni - obbligo di garanzia sulla vita salvaguardia del trattamento minimo di garanzia Disposizione operativa dal D.M , n. 313 Regolamento di attuazione dell art. 13 bis l. n. 80/2005 (cfr. Mess. Inps 9086 del 3 aprile 2007.Circolare Inps 5/2006 e n. 24/2005 e n. 91/2007) Art 14, dpr. 180/50 considera cedibili: le indennità alternative alle pensioni, gli assegni di invalidità, vitalizi e capitali erogati da Fondi e istituti di assicurazione

6 Trattamento di fine rapporto/1 Regime di cedibilità del tfr Interamente cedibile dal primo gennaio 2006 (legge n. 266/2005) Fino al 31 dicembre 2004 totale cedibilità per i dipendenti privati (Cass. n. 4930/2003) e totale incedibilità per i pubblici (Cass. n 1428/1999) Dal 1 gennaio 2005 in vigore il dpr 180 per le aziende private: è discussa l incedibilità totale del tfr anche per i privati Dal 15 maggio 2005 (l. 80/05) fino al 31 dicembre 2005: 1/5 di tfr per lavoratori a tempo indeterminato, intero tfr per lavoratori a termine Problema della applicazione della norma applicabile al tfr nel caso di cessioni notificate in corso del 2005 Prassi delle finanziarie: clausole che vincolano tutto i tfr

7 Trattamento di fine rapporto/2 Orientamento Confindustria: illegittimità delle clausole dei contratti che vincolano tutto il tfr se notificati prima di gennaio 2006 : vale la legge vigente al momento della notifica della cessione, prima di versare il tfr informare la finanziaria concordare il pagamento con il lavoratore Comportamento delle aziende: per atti notificati dopo il primo gennaio 2006 Verificare l ammontare del residuo debito del lavoratore versare il tfr alla finanziaria per la parte necessaria a coprire il debito e l eventuale parte residua di tfr al lavoratore Verificare sempre la sussistenza di altri limiti alla cedibilità del tfr Anticipazioni del tfr: prima di concederle verificare che l intero tfr non sia stato ceduto: se è stato ceduto verificare se sia capiente.

8 Trattamento di fine rapporto/3 Limiti legali alla cedibilità :decesso lavoratore Art cod. civ.: indennità di morte (tfr +ind. sost. del preavviso) spetta ai soggetti legittimati iure proprio (coniuge, figli,parenti convivente di 2 e affini di 3 gr.) In caso di cessazione del rapporto se il prestito non è stato estinto, la parte residua del prestito verrà garantita al cessionario (finanziaria) direttamente dall assicurazione Non versare le somme alle finanziarie (cfr. notaio) Limiti legali di cedibilità: scioglimento del matrimonio Art. 12 bis, l. 898/1970: coniuge divorziato con diritto ad alimenti - ha diritto al 40% del tfr se non è passato a nuove nozze Prima di versare il tfr alla finanziaria verificare se ci siano aventi diritto (cfr. sentenza di divorzio eventualmente notificata al dat. lav)

9 Indennità corrisposte a fine rapporto Clausole che prevedono il versamento di tutte le somme corrisposte a fine rapporto, alla cessazione del rapporto illegittime se stipulate dopo il primo gennaio 2005, perché: - principio generale di incedibilità assoluta (art. 1dpr 180: stipendi gratifiche sussidi, pensioni, compensi di qualunque specie corrisposti a qualunque persona (impiegati, dirigenti, quadri) in conseguenza ed effetto dell opera prestata ) - eccezioni tassative: cedibilità solo per retribuzione, tfr, pensioni, compensi dei parasubordinati Comportamento del datore di lavoro -somme di natura retributiva cedibili nel limite del quinto (es. ind sostitutiva del preavviso, ratei di 13 e 14) - somme di natura indennitaria/risarcitoria incedibili (es. indennità sost. delle ferie)

10 Requisiti soggettivi della cessione Soggetti aventi diritto Lavoratori subordinati(anche a termine) parasubordinati,agenti, pensionati Art. 51, 52, e 55 dpr. 180 il dipendente sia in servizio Questo requisito deve essere intenso in senso restrittivo, ossia riferito a tutte le ipotesi in cui il rapporto di lavoro è sospeso e con esso anche l obbligo retributivo del datore di lavoro (ad. esempio aspettativa non retribuita); non possono contrarre prestiti coloro che non siano in attività di servizio stipendio fisso e continuativo Età inferiore a 65 anni se al lavoratore mancano meno di 10 anni per il collocamento a riposo, non può contrarre un prestito > alla cessione di tante quote mensili quanti sono i mesi necessari per il collocamento a riposo(art.23)

11 Requisiti oggettivi (del prestito) Art Dpr 180 prestito di durata non superiore a 10 anni; Prestito durata non superiore al tempo per il conseguimento del 65 esimo anno di età Garanzia delle cessioni obbligo della garanzia dell assicurazione sulla vita e contro i rischi di impiego per il recupero del prestito nei casi in cui, per cessazione o riduzione di stipendio o salario o per liquidazione di un trattamento di quiescenza insufficiente, non sia possibile la continuazione dell ammortamento o il recupero del residuo credito. L efficacia della stessa si estende di diritto sulla pensione se la cessione non è stata estinta (art. 43) Per i lavoratori a tempo determinato la durata della cessione non può essere > alla scadenza del contratto

12 Istituti autorizzati al prestito Art. 15 e 53 dpr. 180: Istituto nazionale delle assicurazioni; società di assicurazioni legalmente esercenti; istituti e le società esercenti il credito, escluse quelle in nome collettivo e in accomandita semplice; casse di risparmio e i monti di credito su pegno T.U. in materia bancaria e creditizia Sono autorizzati a concedere prestiti le Banche e intermediari finanziari iscritti nel registro ex art. 106 d.lgs. n. 385/1993, il cui oggetto sociale preveda, anche congiuntamente ad altre attività finanziarie, l esercizio dell attività di concessione di finanziamenti. (confronta

13 riduzione di stipendi/ estinzione anticipata Art. 35, dpr Retrib. (netta) si riduce in misura inferiore o pari a 1/3: nessuna modifica della quota da trattenere Riduzione dello stipendio supera il terzo: Modifica della trattenuta :1/5 dello stipendio netto ridotto Riduzioni: Definizione qualunque vicenda che incide su retribuzione (es. parttime, sanzioni disciplinari) o sospensioni del rapporto (cig, malattia) o cessazione del rapporto E opportuno che il dat. lav. informi la società finanziaria per calcolare la riduzione della quota Art. 43 dpr Facoltà di estinguere cessione mediante versamento del residuo debito: non ci sono più limiti temporali

14 Rinnovo (concorso) di cessione/1 Art. 39 dpr 180 Vieta la coesistenza simultanea di due cessioni La nuova cessione deve comunque estinguere la prima Limiti temporali per il rinnovo ammesso se sono trascorsi: 2 anni se la prima cessione stipulata per 5 anni 4 anni dall inizio della prima cessione se stipulata per 10 anni - Es. cessione < a 5 anni: nessun limite di tempo, cessione dai 5 ai 9 anni: 2 anni, cessione di 10 anni: limite di 4 anni Limiti temporali non valgono nel caso di estinzione anticipata: la nuova cessione si può contrarre decorso un anno dalla prima D.M. Economia e Finanze 27 dic. 2006, n. 313: ha precisato il criterio di calcolo dei limiti temporali nel caso di rinnovo (concorso) di cessione: Il rinnovo di cessione è consentito trascorsi i due quinti della durata della prima. Es. 1 cessione di 35 mesi, la 2 cess. è ammissibile dopo 14 mesi dalla prima (2/5 di 35=14) Vale il limite minimo di 1 anno in caso di estinzione anticipata

15 Rinnovo (concorso) di cessione/2 Prassi: talvolta le finanziarie notificano + contratti di cessione sulla stessa retribuzione art c.c. prevale la cessione che per prima è stata notificata al datore di lavoro o quella che - sebbene successiva rispetto alle altre - sia stata per prima accettata dallo stesso con atto di data certa Comportamento del datore di lavoro qualora sia notificato un secondo atto di cessione, avente ad oggetto la stessa retribuzione il datore: - deve comunicare alla seconda società finanziaria che è già in corso un altra cessione - deve astenersi dall effettuare la trattenuta relativa al secondo atto,finché non venga estinto il precedente debito

16 Pignoramento e sequestro Limiti quantitativi art. 2 comma 1, dpr 180/1950 1/3 al netto di ritenute per i soli crediti alimentari d 1/5 netto di ritenute per tutti i debiti verso lo Stato e verso gli altri enti ed aziende da cui il debitore dipende, derivanti dal rapporto di impiego 1/5 al netto di ritenute per tributi allo Stato, alle province e comuni Concorso:Limiti quantitativi art. 2 comma 2 dpr 180/1950 1/5 per simultaneo concorso di pignoramenti e sequestri per crediti di qualunque natura diversi da quelli per cause alimentari 1/2 solo per il simultaneo concorso di crediti alimentari con crediti di altra natura. Corte Costit. amplia l area dei crediti pignorabili/sequestrabili 1/5 per ogni specie di credito (cfr. C.Cost. n.89/1987 e n. 878/1988) Pignoramento e sequestro del tfr: stessi limiti (C. Cost. 99/1993) 1/5 per qualunque credito, 1/3 per i crediti alimentari concorso:art. 2, comma 2 del d.p.r. n. 180

17 Concorso cessione/pignoramento/sequestro Limiti quantitativi art. 68 dpr 180/1950 dcessione successiva al pignoramento o sequestro -La cessione = 2/5 della R netta la quota pignorata: -Esempio retribuzione al netto delle trattenute è pari a 100, pignoramento nel limite del quinto (20), la quota di retribuzione cedibile è pari alla differenza tra i 2/5 di 100 (40) e la quota pignorata (20), ossia sarà pari a 20. cessione anteriore al pignoramento o sequestro - Pignoramento = ½ della retribuz netta quota ceduta -Esempio: R netta è pari a 100, cessione nei limiti del quinto (20), il pignoramento successivo non potrà superare la differenza tra 50 e 20 ossia ( non oltre) 30 (fermi i limiti di cui all art. 2 del d.p.r. n. 180:si potrà arrivare fino a 30 solo nel caso di crediti alimentari (cfr.art. 2, co. 1) ovvero nel caso di concorso tra crediti alimentari e crediti di altra natura (cfr. art. 2, co.2)

18 d Delegazione: indicazioni operative Disciplina applicabile ai privati :cod.civ Nozione:atto trilaterale che si perfeziona con l accettazione del terzo delegato e non con la semplice notifica dell atto, come per la cessione Efficacia: il terzo delegato/datore di lavoro non è obbligato ad accettare l incarico/sottoscrivere il contratto. Non accettare le delegazioni di pagamento notificate perché: dubbi sulla applicabilità dpr 180 (limiti/requisiti): rischi contenzioso la gestione amministrativa comporta un aggravio di oneri pecuniari e organizzativi per le aziende che si aggiungono a quelli già gravosi dovuti alle cessioni della retribuzione Se l azienda vuole accettare o ha già accettato, per limitare i rischi di contestazioni, potrebbe richiedere al lavoratore una rinunzia espressa ex art c.c., a qualsiasi pretesa sulle somme versate, per effetto della delega, dal datore di lavoro alla finanziaria ed a ogni domanda ed azione, direttamente/indirettamente connessa alla medesima delegazione

19 Modulistica e comunicazioni /1 Certificato di stipendio (per acquisire informazioni): I datori di lavoro privati non hanno alcun obbligo di d presentazione del certificato dello stipendio.e sufficiente per il dipendente presentare alla finanziaria la busta paga Consigliabile rispondere alla finanziaria con una comunicazione informale, indicando solo le informazioni autorizzate dal dipendente ex d.lgs n 196/2003 (anzianità di servizio, R, numero mensilità, trattenute su R, tfr, adesione ai Fondi Atto di benestare (inviato contestualmente o dopo la notifica del contratto di cessione) Non sottoscrivere, posto che il datore di lavoro è soltanto tenuto a ricevere la notifica e non anche a sottoscrivere atti Preferibile una comunicazione informale alla finanziaria, prendendo atto della notifica, si dichiara che a decorrere del mese di riferimento la società eseguirà la trattenuta( nei limiti e alle condizioni di legge)

20 Modulistica e comunicazioni/2 Notifiche di atti diversi dalla cessione Il dat lav non è obbligato ad effettuare il versamento di quote di d retribuzione qualora gli vengano notificati contratti di finanziamento diversi da quelli garantiti dalla cessione (es delegazioni, mandato irrevocabile del lavoratore ex art. 1723, secondo comma del codice civile) perché si tratta di negozi che richiedono il consenso del datore di lavoro Spese e oneri della cessione E consigliabile comunicare alla finanziaria (in occasione della notifica del contratto) e al lavoratore che le spese inerenti al finanziamento non saranno a carico dell azienda e verranno addebitate al dipendente nella misura e modalità predeterminate. Acquisire dal dipendente la conferma dell avvenuto finanziamento prima di procedere al versamento della somma alla finanziaria

21 Modulistica e comunicazioni/3 Adempimenti del datore in corso di rapporto Riduzione, d sospensione della retribuzione superiore al terzo (cfr. art. 35 d.p.r. n. 180/1950) o cessazione del rapporto: dare comunicazione alla società finanziaria. Se il rapporto cessa per pensionamento è opportuno che l azienda informi anche l Istituto previdenziale che sulla retribuzione è in corso una cessione, comunicando tutti dati necessari affinché l Istituto possa disporre, fin dall inizio, la trattenuta delle ulteriori quote sulla pensione Pluralità di cessioni sullo stesso credito, prevale la cessione notificata per prima al datore di lavoro (cfr. art c.c) : l azienda deve comunicare la precedente cessione alla seconda società finanziaria, chiedendo al dipendente la prova dell avvenuta estinzione della prima cessione. Ove non venisse fornita tale prova dal lavoratore, è consigliabile per l azienda non dar corso alla nuova cessione, valutando caso per caso, in relazione al rischio di possibili contenziosi

22 Modulistica e comunicazioni/4 Adempimenti in caso di risoluzione del rapporto ddal primo gennaio 2006, l azienda alla quale sia stato notificato l atto di cessione della retribuzione con la clausola di garanzia relativa all intero trattamento di fine rapporto, o altri atti contenenti clausole simili (come ad esempio il mandato irrevocabile del lavoratore ex art. 1723, secondo comma del codice civile, a trattenere il trattamento di fine rapporto, all atto di cessazione del rapporto), deve versare il tfr alla finanziaria per la parte relativa al debito residuo. Prima di versare la somma deve però verificare l esistenza di eventuali limiti alla cedibilità del tfr (cfr. slide sul tfr) Cessazione del rapporto per pensionamento: E consigliabile dare una comunicazione alla banca contenente la precisazione che il lavoratore percepirà il trattamento pensionistico dall Istituto di previdenza. Tfr e previdenza complementare: informare la finanziaria della scelta del lavoratore di aderire al Fondo, facendosi rilasciare, ove possibile, il consenso

23 Responsabilità del datore di lavoro/1 Il nuovo sistema normativo pone alcuni limiti, prima non previsti, alla cedibilità dei crediti di lavoro, limiti che costituiscono principi d di carattere generale che incidono direttamente sulla disponibilità del diritto. Problemi interpretativi in ordine alle conseguenze, per i datori di lavoro privati, dell applicazione delle disposizioni relative ai requisiti di validità della cessione Nella logica del T.U, come risulta anche dal regolamento di attuazione (d.p.r. 895/1950 cfr. art. 22 e 23 e 32), la verifica delle condizioni di validità della cessione fissate per i dipendenti pubblici, non è rimessa alla valutazione dell Amministrazione da cui il lavoratore dipende, ma all Ispettorato generale per il credito ai dipendenti dello Stato che deve concedere la garanzia del prestito. Solo a seguito della comunicazione da parte dell Ispettorato, l amministrazione si costituisce terza debitrice ceduta, ai sensi della legge civile, per le quote di retribuzione cedute dal lavoratore (cfr. art. 36 d.p.r. 895/1950)

24 Responsabilità del datore di lavoro/2 In base alla normativa del codice civile, invece, il terzo debitore non deve d verificare la sussistenza dei presupposti di validità della cessione( Cass. n. 2055/1972). Al contrario il debitore ceduto è obbligato a dare esecuzione alla cessione, senza poter opporre al cessionario le eccezioni sulla validità della cessione (salvo eccezioni che derivano dal rapporto di lavoro con il cedente), perché è rimasto estraneo e tale rapporto non incide in alcun modo sull obbligo di adempiere (Cass. 1257/1988) In attesa di chiarimenti ministeriali e giurisprudenziali, operativamente si consiglia di attenersi ad un interpretazione rigorosa del dettato normativo, verificando, ove possibile, la sussistenza dei requisiti illustrati e l opportunità di rifiutare di procedere alla cessione della retribuzione, ove tali requisiti difettino, valutando, volta a volta, i rischi del possibile contenzioso.

LA CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO

LA CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO Incontro informativo I SEMINARI DEL LAVORO LA CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO Milano, 18 novembre 2010 I SEMINARI DEL LAVORO LA CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO Relatori: Valeria Innocenti Area

Dettagli

2. Cessione della retribuzione Risposta quesito a)

2. Cessione della retribuzione Risposta quesito a) PARERE n. 2 Oggetto: a) eventuale obbligo della società Tizia, in qualità di datore di lavoro, di concedere o meno ad un proprio dipendente la possibilità di ottenere un prestito da un ente finanziatore

Dettagli

Pignoramento e cessione della retribuzione: istruzioni per l uso. Annalisa Cristellon Area Lavoro, Previdenza ed Education Vicenza, 23 aprile 2015

Pignoramento e cessione della retribuzione: istruzioni per l uso. Annalisa Cristellon Area Lavoro, Previdenza ed Education Vicenza, 23 aprile 2015 Pignoramento e cessione della retribuzione: istruzioni per l uso Annalisa Cristellon Area Lavoro, Previdenza ed Education Vicenza, 23 aprile 2015 CESSIONE DEL CREDITO DPR n. 180/1950 (e successive modifiche)

Dettagli

INDICE. Premessa Pag. 2

INDICE. Premessa Pag. 2 INDICE Premessa Pag. 2 CAPITOLO 1 Cessione della retribuzione Pag. 3 1.1 Ambito di applicazione Pag. 4 1.2 Istituti autorizzati a concedere prestiti Pag. 5 1.3 Limite quantitativo e di durata delle cessioni

Dettagli

ORIENTAMENTI IN MATERIA DI CESSIONI DEI DIRITTI DI CREDITO VERSO LE FORME PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI 1

ORIENTAMENTI IN MATERIA DI CESSIONI DEI DIRITTI DI CREDITO VERSO LE FORME PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI 1 ORIENTAMENTI IN MATERIA DI CESSIONI DEI DIRITTI DI CREDITO VERSO LE FORME PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI 1 Premessa In relazione alle richieste di chiarimenti pervenute in merito alle modalità applicative

Dettagli

Viale Regina Margherita n. 206 - C.A.P. 00198 Tel. n. 06854461 Codice Fiscale n. 02796270581 DIREZIONE GENERALE LORO SEDI LORO SEDI

Viale Regina Margherita n. 206 - C.A.P. 00198 Tel. n. 06854461 Codice Fiscale n. 02796270581 DIREZIONE GENERALE LORO SEDI LORO SEDI Viale Regina Margherita n. 206 - C.A.P. 00198 Tel. n. 06854461 Codice Fiscale n. 02796270581 DIREZIONE GENERALE Area Contributi e Prestazioni Direzione Prestazioni Previdenziali CIRCOLARE N. 11 DEL 23/06/2008

Dettagli

Assicurato/Beneficiario: il soggetto cui l Impresa deve corrispondere l indennizzo in caso di sinistro.

Assicurato/Beneficiario: il soggetto cui l Impresa deve corrispondere l indennizzo in caso di sinistro. Condizioni di Assicurazione della Polizza per l Assicurazione sul Credito a garanzia delle perdite patrimoniali derivanti dalla Contraente in caso di perdita dell impiego del mutuatario relativa a prestiti

Dettagli

Implicazioni con la previdenza complementare. Anna Ilaria Orlando 23/10/2009 1

Implicazioni con la previdenza complementare. Anna Ilaria Orlando 23/10/2009 1 Implicazioni con la previdenza complementare 1 Cos è la cessione del quinto dello stipendio? La cessione del quinto dello stipendio è una forma di prestito garantito a tasso fisso, svincolato da particolari

Dettagli

Gazzetta Ufficiale N. 32 dell'8 Febbraio 2007

Gazzetta Ufficiale N. 32 dell'8 Febbraio 2007 Gazzetta Ufficiale N. 32 dell'8 Febbraio 2007 MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 27 dicembre 2006, n.313 Regolamento di attuazione dell'articolo 13-bis del decreto-legge 14 marzo 2005, n.

Dettagli

ACCORDO IN MATERIA DI PRESTITI AI DIPENDENTI DI CUI ALL ART. 45 DEL CCNL 6/07/1995 E ALL ART. 27 DEL CCNL 14/02/2001

ACCORDO IN MATERIA DI PRESTITI AI DIPENDENTI DI CUI ALL ART. 45 DEL CCNL 6/07/1995 E ALL ART. 27 DEL CCNL 14/02/2001 ACCORDO IN MATERIA DI PRESTITI AI DIPENDENTI DI CUI ALL ART. 45 DEL CCNL 6/07/1995 E ALL ART. 27 DEL CCNL 14/02/2001 Sottoscritto il 25 Luglio 2013 a Roma 1 PER L INPS Il Presidente della delegazione trattante

Dettagli

CONVENZIONE QUADRO FINALIZZATA ALLA CONCESSIONE DI PRODOTTI DI FINANZIAMENTO TRA

CONVENZIONE QUADRO FINALIZZATA ALLA CONCESSIONE DI PRODOTTI DI FINANZIAMENTO TRA CONVENZIONE QUADRO FINALIZZATA ALLA CONCESSIONE DI PRODOTTI DI FINANZIAMENTO TRA La FONDAZIONE IRCCS ISTITUTO NAZIONALE DEI TUMORI, con sede in Milano, Via Venezian n. 1, C.F. 80018230153 P.I. 04376350155,

Dettagli

Cessione 5 Linee Guida per la gestione dei contratti di finanziamento con cessione del quinto dello stipendio e delegazioni di pagamento

Cessione 5 Linee Guida per la gestione dei contratti di finanziamento con cessione del quinto dello stipendio e delegazioni di pagamento Cessione 5 Linee Guida per la gestione dei contratti di finanziamento con cessione del quinto dello stipendio e delegazioni di pagamento Premessa Le presenti Linee Guida forniscono indicazioni operative

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Prestito Personale ConTanti Cessione del quinto dello stipendio / Delegazione di pagamento

FOGLIO INFORMATIVO Prestito Personale ConTanti Cessione del quinto dello stipendio / Delegazione di pagamento FOGLIO INFORMATIVO Prestito Personale ConTanti Cessione del quinto dello stipendio / Delegazione di pagamento Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari D.Lgs. n. 385/1993

Dettagli

Cessione 5 Linee Guida per la gestione dei contratti di finanziamento con cessione del quinto dello stipendio e delegazioni di pagamento

Cessione 5 Linee Guida per la gestione dei contratti di finanziamento con cessione del quinto dello stipendio e delegazioni di pagamento Cessione 5 Linee Guida per la gestione dei contratti di finanziamento con cessione del quinto dello stipendio e delegazioni di pagamento Premessa Le presenti Linee Guida forniscono indicazioni operative

Dettagli

PRESTITO CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO

PRESTITO CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO PRESTITO CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO Informazioni sulla Banca B@nca 24-7 S.p.A. Società per azioni avente socio unico Sede legale: Piazza Vittorio Veneto 8-24122 Bergamo - Sede operativa:

Dettagli

CESSIONE DEL QUINTO SENZA SEGRETI. La guida definitiva. Tutto quello che bisogna sapere ( prima di firmare! )

CESSIONE DEL QUINTO SENZA SEGRETI. La guida definitiva. Tutto quello che bisogna sapere ( prima di firmare! ) CESSIONE DEL QUINTO SENZA SEGRETI. La guida definitiva. Tutto quello che bisogna sapere ( prima di firmare! ) Dedicato ai lavoratori dipendenti ed ai pensionati. Si paga senza utilizzare il conto corrente,

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO

SCHEDA INFORMATIVA CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO CHE COS È LA La Cessione del Quinto dello Stipendio è una particolare forma di prestito personale che viene rimborsata dal soggetto finanziato (Cliente) mediante la cessione pro solvendo alla Banca di

Dettagli

NUMERO: DATA: Pagina 1 di 7

NUMERO: DATA: Pagina 1 di 7 NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI CQP IDENTITA E CONTATTI DEL FINANZIATORE FLA SpA FINANZIATORE REA/Pescara n 137769 - C.F./P. IVA: 01520400696 - Cap. Soc. Euro

Dettagli

pag. 1/6 , C.A.P. Località , data di rilascio, titolare di trattamento retributivo, dipendente dell Amministrazione dal. Retribuzione mensile lorda:

pag. 1/6 , C.A.P. Località , data di rilascio, titolare di trattamento retributivo, dipendente dell Amministrazione dal. Retribuzione mensile lorda: Atlantide S.p.A. Sede Legale: 10121 Torino - Corso Vitt. Emanuele II, 76 - Sede Amm.va e Direzione Generale: 40131 Bologna - Via de Carracci, 93 Tel. 051.0560000 - Fax 051.0621145 - e-mail: info@atlantidespa.it

Dettagli

CONVENZIONE TIPO FINALIZZATA ALLA CONCESSIONE DI PRODOTTI DI FINANZIAMENTO A PENSIONATI ENASARCO

CONVENZIONE TIPO FINALIZZATA ALLA CONCESSIONE DI PRODOTTI DI FINANZIAMENTO A PENSIONATI ENASARCO CONVENZIONE TIPO FINALIZZATA ALLA CONCESSIONE DI PRODOTTI DI FINANZIAMENTO A PENSIONATI ENASARCO L anno, il giorno del mese di in Roma Via TRA La FONDAZIONE ENASARCO, con sede in Roma, Via Antoniotto Usodimare

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO SULLE OPERAZIONI E SERVIZI OFFERTI ALLA CLIENTELA

FOGLIO INFORMATIVO SULLE OPERAZIONI E SERVIZI OFFERTI ALLA CLIENTELA Normativa sulla Trasparenza Bancaria (Testo Unico Bancario D.Lgs. 385/93 e norme di attuazione) FINANZIAMENTI CON CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO FOGLIO INFORMATIVO SULLE OPERAZIONI E SERVIZI OFFERTI

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO

SCHEDA INFORMATIVA CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO CHE COS È LA La Cessione del Quinto dello Stipendio è una particolare forma di prestito personale che viene rimborsata dal soggetto finanziato (Cliente) mediante la cessione pro solvendo alla Banca di

Dettagli

- Conosci il prodotto

- Conosci il prodotto - Conosci il prodotto La cessione del quinto è una particolare forma di prestito personale non finalizzato caratterizzato da rate costanti trattenute direttamente dal datore di lavoro dalla busta paga

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Num. rep. A0301B/43/2015 Data: 21 aprile 2015 Direzione: A0301B

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Num. rep. A0301B/43/2015 Data: 21 aprile 2015 Direzione: A0301B REGIONE PIEMONTE BU20 21/05/2015 Consiglio Regionale DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Num. rep. A0301B/43/2015 Data: 21 aprile 2015 Direzione: A0301B Approvazione dei modelli della disciplina e della convezione

Dettagli

Cessione e pignoramento degli stipendi

Cessione e pignoramento degli stipendi Viale Berlinguer, 8 48124 Ravenna RA - Tel. 0544.516111 Fax 0544.407733 Reg. Imprese/RA, C.F. e P.IVA 00431550391 Albo Società Cooperative Sez. Mutualità prevalente n. A116117 Sito web: www.confartigianato.ra.it

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO PRESTITO CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO. Redatto secondo le istruzioni di vigilanza di Banca d Italia

FOGLIO INFORMATIVO PRESTITO CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO. Redatto secondo le istruzioni di vigilanza di Banca d Italia Pagina 1 di 5 FOGLIO INFORMATIVO Redatto secondo le istruzioni di vigilanza di Banca d Italia Documento n 05 - data ultimo aggiornamento APRILE 2010 NOTA BENE: le parti evidenziate in giallo sono state

Dettagli

DELEGAZIONE DI PAGAMENTO

DELEGAZIONE DI PAGAMENTO INFORMATIVA GENERALE SUL CONTRATTO DI PRESTITO A DIPENDENTI DI AZIENDE PRIVATE RIMBORSABILE MEDIANTE DELEGAZIONE DI QUOTE DELLO STIPENDIO - CREDITO AL CONSUMO Informazioni pubblicitarie con finalità promozionali

Dettagli

COMUNE DI MIRA Provincia di Venezia

COMUNE DI MIRA Provincia di Venezia COMUNE DI MIRA Provincia di Venezia OGGETTO: Convenzione disciplinante modalità per la concessione di finanziamenti ai dipendenti da parte di banche ed intermediari finanziari con delegazione convenzionale.

Dettagli

PRESTITO CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLA PENSIONE

PRESTITO CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLA PENSIONE PRESTITO CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLA PENSIONE Informazioni sulla Banca B@nca 24-7 S.p.A. Società per azioni avente socio unico Sede legale: Piazza Vittorio Veneto 8-24122 Bergamo - Sede operativa:

Dettagli

INDICE. Sezione Prima ASPETTI CIVILISTICI

INDICE. Sezione Prima ASPETTI CIVILISTICI INDICE Sezione Prima ASPETTI CIVILISTICI Definizione di TFR... pag. 10 Fonti normative...» 10 Soggetti beneficiari... pag. 12 Decesso del dipendente...» 12 Cessione e pignoramento del TFR...» 13 Calcolo

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO (ed. Dicembre 2008) PRESTITI A LAVORATORI DIPENDENTI CON RIMBORSO MEDIANTE TRATTENUTA SULLO STIPENDIO

SCHEDA PRODOTTO (ed. Dicembre 2008) PRESTITI A LAVORATORI DIPENDENTI CON RIMBORSO MEDIANTE TRATTENUTA SULLO STIPENDIO SCHEDA PRODOTTO (ed. Dicembre 2008) PRESTITI A LAVORATORI DIPENDENTI CON RIMBORSO MEDIANTE TRATTENUTA SULLO STIPENDIO Contraente: CONSEL S.p.A., quale Istituto mutuante. Assicuratore: l Impresa di Assicurazioni

Dettagli

CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO, GARANZIA DEL TFR E PREVIDENZA. A cura di Anna Ilaria Orlando

CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO, GARANZIA DEL TFR E PREVIDENZA. A cura di Anna Ilaria Orlando CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO, GARANZIA DEL TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE. A cura di Anna Ilaria Orlando Premesse generali. La cessione del quinto dello stipendio è una forma di prestito garantito

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 6 EFFICACIA OBBLIGATORIA O REALE DEL PREAVVISO DI RECESSO IL QUESITO Si chiede quale sia la natura del preavviso

Dettagli

ESTRATTO DI CONVENZIONE

ESTRATTO DI CONVENZIONE ESTRATTO DI CONVENZIONE COPERTURA ASSICURATIVA PERDITE PECUNIARIE ABBINATA A PRESTITI PERSONALI RIMBORSABILI MEDIANTE CESSIONE / DELEGAZIONE DI PAGAMENTO DI QUOTE DI STIPENDIO Fra Net Insurance S.p.A.

Dettagli

Compendio sul Prestito Personale e la Cessione del Quinto

Compendio sul Prestito Personale e la Cessione del Quinto Compendio sul Prestito Personale e la Cessione del Quinto INDICE 1 Prestito Personale: caratteristiche fondamentali 2 2 Garanzie per richiedere un Prestito Personale 2 Caratteristiche determinanti di un

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO SULLE OPERAZIONI E SERVIZI OFFERTI ALLA CLIENTELA

FOGLIO INFORMATIVO SULLE OPERAZIONI E SERVIZI OFFERTI ALLA CLIENTELA Normativa sulla Trasparenza Bancaria (T.U. Leggi Bancarie D.Lgs. 385/93 e norme di attuazione) FINANZIAMENTI CON CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO O DELLA PENSIONE E CON DELEGA DI PAGAMENTO MEDIANTE

Dettagli

COMUNE DI VITTORIA DISCIPLINARE IN MATERIA DI CESSIONI, DELEGHE, SEQUESTRI E PIGNORAMENTI SULLO STIPENDIO DEI DIPENDENTI

COMUNE DI VITTORIA DISCIPLINARE IN MATERIA DI CESSIONI, DELEGHE, SEQUESTRI E PIGNORAMENTI SULLO STIPENDIO DEI DIPENDENTI COMUNE DI VITTORIA DISCIPLINARE IN MATERIA DI CESSIONI, DELEGHE, SEQUESTRI E PIGNORAMENTI SULLO STIPENDIO DEI DIPENDENTI ALLEGATO AL REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE UFFICI E SERVIZI Allegato alla Delibera

Dettagli

1. CESSIONE DEL QUINTO. Acronimi Di Riconoscimento Prodotto. Schede prodotto del 16/05/2012

1. CESSIONE DEL QUINTO. Acronimi Di Riconoscimento Prodotto. Schede prodotto del 16/05/2012 Schede Prodotto CQS 1. CESSIONE DEL QUINTO Acronimi Di Riconoscimento Prodotto Analogamente alla classificazione delle amministrazioni in settori di attività, distinguiamo il prodotto di cessione a seconda

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO SULLE OPERAZIONI E SERVIZI OFFERTI ALLA CLIENTELA

FOGLIO INFORMATIVO SULLE OPERAZIONI E SERVIZI OFFERTI ALLA CLIENTELA Normativa sulla Trasparenza Bancaria (Testo Unico Bancario D.Lgs. 385/93 e norme di attuazione) FINANZIAMENTI CON CESSIONE DEL QUINTO DELLA PENSIONE FOGLIO INFORMATIVO SULLE OPERAZIONI E SERVIZI OFFERTI

Dettagli

Delibera del Direttore Generale n. 1007 del 11/12/2014

Delibera del Direttore Generale n. 1007 del 11/12/2014 Servizio Sanitario Nazionale - Regione dell Umbria AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE UMBRIA N. 2 Sede Legale Provvisoria: Viale Donato Bramante 37 Terni Codice Fiscale e Partita IVA 01499590550 Delibera del

Dettagli

Allegato A SCHEMA CONVENZIONE QUADRO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI TRAMITE L ISTITUTO DELLA DELEGAZIONE DI PAGAMENTO. Tra

Allegato A SCHEMA CONVENZIONE QUADRO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI TRAMITE L ISTITUTO DELLA DELEGAZIONE DI PAGAMENTO. Tra Allegato A SCHEMA CONVENZIONE QUADRO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI TRAMITE L ISTITUTO DELLA DELEGAZIONE DI PAGAMENTO Tra la PROVINCIA DI CASERTA, con sede in Corso Trieste - 81100 CASERTA, c.f. 80004770618,

Dettagli

ISTITUTO POSTELEGRAFONICI STATUTO DELLA NUOVA GESTIONE MUTUALITA (Nuovo Fondo di Mutualità)

ISTITUTO POSTELEGRAFONICI STATUTO DELLA NUOVA GESTIONE MUTUALITA (Nuovo Fondo di Mutualità) ISTITUTO POSTELEGRAFONICI STATUTO DELLA NUOVA GESTIONE MUTUALITA (Nuovo Fondo di Mutualità) Deliberazione del Commissario Straordinario dell Ipost n. 37 del 12 giugno 2009 Parte I Nuovo Fondo di Mutualità

Dettagli

ESTRATTO DI CONVENZIONE

ESTRATTO DI CONVENZIONE ESTRATTO DI CONVENZIONE COPERTURA ASSICURATIVA PERDITE PECUNIARIE ABBINATA A PRESTITI PERSONALI RIMBORSABILI MEDIANTE CESSIONE / DELEGAZIONE DI PAGAMENTO DI QUOTE DI STIPENDIO Fra Net Insurance S.p.A.

Dettagli

Tutto ciò premesso: Convengono che:

Tutto ciò premesso: Convengono che: Premessa. Protocollo d intesa in tema di anticipazione sociale dell indennità di Cassa Integrazione Guadagni Straordinaria e in Deroga per il sostegno ai lavoratori e alle imprese. La Provincia, la Camera

Dettagli

FAC-SIMILE COPIA IDONEA PER LA STIPULA DEL CONTRATTO DI PRESTITO RIMBORSABILE MEDIANTE CESSIONE PRO-SOLVENDO DI QUOTE DELLA RETRIBUZIONE MENSILE

FAC-SIMILE COPIA IDONEA PER LA STIPULA DEL CONTRATTO DI PRESTITO RIMBORSABILE MEDIANTE CESSIONE PRO-SOLVENDO DI QUOTE DELLA RETRIBUZIONE MENSILE Atlantide S.p.A. Sede Legale: 10121 Torino - Corso Vitt. Emanuele II, 76 - Sede Amm.va e Direzione Generale: 40131 Bologna - Via de Carracci, 93 Tel. 051.0560000 - Fax 051.0621145 - e-mail: info@atlantidespa.it

Dettagli

IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE

IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Prestiti ai dipendenti pubblici anche da intermediatori finanziari (Decreto Ministero delle economia e delle Finanze 27.12.2006, n. 313) Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale, n. 32, serie generale, del

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO n. 2/2011 del 1 Aprile 2011 CESSIONE DEL QUINTO DELLA PENSIONE

FOGLIO INFORMATIVO n. 2/2011 del 1 Aprile 2011 CESSIONE DEL QUINTO DELLA PENSIONE FOGLIO INFORMATIVO n. 2/2011 del 1 Aprile 2011 (redatto ai sensi della Delibera C.I.C.R. 4 marzo 2003 e del Provvedimento della Banca d Italia 29 luglio 2009) CESSIONE DEL QUINTO DELLA PENSIONE INFORMAZIONI

Dettagli

RICHIESTA DI FINANZIAMENTO ESTINGUIBILE MEDIANTE CESSIONE DI QUOTE DELLA RETRIBUZIONE

RICHIESTA DI FINANZIAMENTO ESTINGUIBILE MEDIANTE CESSIONE DI QUOTE DELLA RETRIBUZIONE CONSEL S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: Via V. Bellini 2 10121 Torino Tel. 011.50.61.111 Fax 011.57.32.578 info@e-consel.it www.e-consel.it Cod. Fisc./Part. IVA 02007340025 Capitale sociale e riserve:

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 12-08-2015. Messaggio n. 5301

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 12-08-2015. Messaggio n. 5301 Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 12-08-2015 Messaggio n. 5301 Allegati n.2 OGGETTO: Finanziamenti estinguibili dietro cessione del quinto della pensione

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO PRESTITO SU CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO E PRESTITO CON DELEGAZIONE DI PAGAMENTO AL DATORE DI LAVORO

FOGLIO INFORMATIVO PRESTITO SU CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO E PRESTITO CON DELEGAZIONE DI PAGAMENTO AL DATORE DI LAVORO Sede legale e Direzione Amministrativa : Via Sferracavallo, 8 (Condominio Acacia) 03043 CASSINO (FR) ITALIA Tel. / Fax 0776 21108 C.F./P.I. 02422400602 C.C.I.A.A. Frosinone - R.E.A. n 151181 Capitale Sociale:

Dettagli

COMUNE DI PANTELLERIA Provincia di Trapani

COMUNE DI PANTELLERIA Provincia di Trapani COMUNE DI PANTELLERIA Provincia di Trapani Oggetto: convenzione disciplinante modalità per la concessione di finanziamenti ai dipendenti da parte di banche ed intermediari finanziari con delegazione convenzionale.

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA DIREZIONE CENTRALE PER LE RISORSE UMANE

DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA DIREZIONE CENTRALE PER LE RISORSE UMANE DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA DIREZIONE CENTRALE PER LE RISORSE UMANE ALLEGATO A Art. 1 I competenti Uffici periferici del Dipartimento della Pubblica Sicurezza operano le ritenute sulle competenze

Dettagli

Relazione del Coordinatore del Centro studi dell ANCL UP NA OSVALDO BARONCELLI Dott. Vincenzo Balzano

Relazione del Coordinatore del Centro studi dell ANCL UP NA OSVALDO BARONCELLI Dott. Vincenzo Balzano INCONTRO DI STUDIO Prestiti ai dipendenti garantiti con cessione del quinto Aspetti e problematiche nel fallimento Giovedì 18 Settembre 2014 - ore 15.00 Salone Centrale del Tribunale di Nola - Piazza G.

Dettagli

RICHIESTA DI FINANZIAMENTO ESTINGUIBILE MEDIANTE "CESSIONE DEL QUINTO"

RICHIESTA DI FINANZIAMENTO ESTINGUIBILE MEDIANTE CESSIONE DEL QUINTO DATI CONSEL S.p.A. Direzione Generale: Via Bellini, 2 10121 Torino Tel. 011.50.61.111 Fax 011.50.61.113 info@e-consel.it www.e-consel.it Capitale sociale deliberato: euro 22.666.668,99; sottoscritto e

Dettagli

CONVENZIONE. premesso che

CONVENZIONE. premesso che Allegato A CONVENZIONE....... (codice fiscale.. ), di seguito Amministrazione, nella persona di., nato il... a., in qualità di.. e.... con sede legale in..... (codice fiscale.... e iscrizione all albo

Dettagli

CONVENZIONE QUADRO FINALIZZATA ALLA CONCESSIONE DI PRODOTTI DI FINANZIAMENTO A PENSIONATI INPS. L anno duemilasette, il giorno del mese di in Roma Via

CONVENZIONE QUADRO FINALIZZATA ALLA CONCESSIONE DI PRODOTTI DI FINANZIAMENTO A PENSIONATI INPS. L anno duemilasette, il giorno del mese di in Roma Via CONVENZIONE QUADRO FINALIZZATA ALLA CONCESSIONE DI PRODOTTI DI FINANZIAMENTO A PENSIONATI INPS L anno duemilasette, il giorno del mese di in Roma Via TRA L Istituto Nazionale della Previdenza Sociale,

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA DIREZIONE CENTRALE PER LE RISORSE UMANE

DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA DIREZIONE CENTRALE PER LE RISORSE UMANE DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA DIREZIONE CENTRALE PER LE RISORSE UMANE ALLEGATO A Art. 1 I competenti Uffici periferici del Dipartimento della Pubblica Sicurezza operano le ritenute sulle competenze

Dettagli

CITTÀ DI AVIGLIANO SETTORE BILANCIO, CONTABILITÀ, PERSONALE, TRIBUTI E ATTIVITÀ PRODUTTIVE. Ufficio Personale

CITTÀ DI AVIGLIANO SETTORE BILANCIO, CONTABILITÀ, PERSONALE, TRIBUTI E ATTIVITÀ PRODUTTIVE. Ufficio Personale ALLEGATO ALLA DELIBERA DI G.C. N. 114 DEL 12/12/2013 CITTÀ DI AVIGLIANO SETTORE BILANCIO, CONTABILITÀ, PERSONALE, TRIBUTI E ATTIVITÀ PRODUTTIVE Ufficio Personale REGOLAMENTO PER LE DELEGAZIONI CONVENZIONALI

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 12-08-2015. Messaggio n. 5301

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 12-08-2015. Messaggio n. 5301 Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 12-08-2015 Messaggio n. 5301 Allegati n.2 OGGETTO: Finanziamenti estinguibili dietro cessione del quinto della pensione

Dettagli

Convenzione in materia di contratti di finanziamento CONVENZIONE TRA

Convenzione in materia di contratti di finanziamento CONVENZIONE TRA Convenzione in materia di contratti di finanziamento CONVENZIONE TRA L Università degli Studi di Napoli Parthenope (Partita IVA 01877320638), nella persona del Prof. Claudio QUINTANO nato a Castellammare

Dettagli

FINFAMILY S.P.A. FinfamilyS.p. Soluzioni Finanziarie

FINFAMILY S.P.A. FinfamilyS.p. Soluzioni Finanziarie FOGLIO INFORMATIVO PRESTITO CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO/DELEGAZIONE DI PAGAMENTO (redatto ai sensi della Delibera C.I.C.R. 4 marzo 2003 e del Provvedimento della Banca d Italia 29 luglio

Dettagli

CONVENZIONE IN TEMA DI ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA, ANCHE IN DEROGA.

CONVENZIONE IN TEMA DI ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA, ANCHE IN DEROGA. CONVENZIONE IN TEMA DI ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA, ANCHE IN DEROGA. In data 27 Febbraio 2008 in Milano: Tra ABI/Commissione Regionale Lombardia ASSOLOMBARDA

Dettagli

GUIDA CESSIONE DEL QUINTO / DELEGAZIONE DI PAGAMENTO

GUIDA CESSIONE DEL QUINTO / DELEGAZIONE DI PAGAMENTO GUIDA CESSIONE DEL QUINTO / DELEGAZIONE DI PAGAMENTO Sommario LE DOMANDE DI BASE... 2 QUALI SONO I PRINCIPALI DIRITTI DEL CONSUMATORE?... 4 COS E IL SECCI (Standard European Consumer Credit Information

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N. 5 del 25 Marzo 2010

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N. 5 del 25 Marzo 2010 Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N. 5 del 25 Marzo 2010 OGGETTO: OBBLIGO DI RITENUTA SULLE SOMME OGGETTO DI PIGNORAMENTO PREMESSA L articolo 15, coma 2 del decreto Legge 1 luglio

Dettagli

FONDO PENSIONE INTEGRATIVO (FIP)

FONDO PENSIONE INTEGRATIVO (FIP) FONDO PENSIONE INTEGRATIVO (FIP) LO SCOPO Il FIP qui descritto è una forma pensionistica complementare individuale di tipo assicurativo, ché ha lo scopo di consentire all aderente di attivare un piano

Dettagli

La responsabilità solidale tra cedente e cessionario nel trasferimento d azienda

La responsabilità solidale tra cedente e cessionario nel trasferimento d azienda La responsabilità solidale tra cedente e cessionario nel trasferimento d azienda di Davide Venturi - Adapt senior research fellow La Corte di Cassazione, con la sentenza del 16 ottobre 2013, n.23533, torna

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 5 GENNAIO 1950, N. 180(*)

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 5 GENNAIO 1950, N. 180(*) DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 5 GENNAIO 1950, N. 180(*) Approvazione del testo unico delle leggi concernenti il sequestro, il pignoramento e la cessione degli stipendi, salari e pensioni dei

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO PER CESSIONE DEL QUINTO - N. 3 DEL 01 luglio 2010 -

FOGLIO INFORMATIVO PER CESSIONE DEL QUINTO - N. 3 DEL 01 luglio 2010 - FOGLIO INFORMATIVO PER CESSIONE DEL QUINTO - N. 3 DEL 01 luglio 2010 - LE CONDIZIONI DI SEGUITO PUBBLICIZZATE NON COSTITUISCONO OFFERTA AL PUBBLICO INFORMAZIONI SULL INTERMEDIARIO GE Capital Servizi Finanziari

Dettagli

CONTRATTO DI FINANZIAMENTO CONTRO DELEGAZIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO E CESSIONE TFR INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

CONTRATTO DI FINANZIAMENTO CONTRO DELEGAZIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO E CESSIONE TFR INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI CONTRATTO DI FINANZIAMENTO CONTRO DELEGAZIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO E CESSIONE TFR INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE Finanziatore Indirizzo

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE FINANZIATORE INDIRIZZO IBL Banca

Dettagli

REGOLAMENTO. Fondo mètasalute

REGOLAMENTO. Fondo mètasalute REGOLAMENTO Fondo mètasalute 1 DISPOSIZIONI GENERALI Il presente regolamento disciplina il funzionamento di mètasalute, il Fondo di assistenza sanitaria integrativa per i lavoratori dell industria metalmeccanica

Dettagli

TIPO DI PRESTITO RICHIESTO: DATI DEL CEDENTE/DELEGANTE DATI AMMINISTRAZIONE/DATORE DI LAVORO

TIPO DI PRESTITO RICHIESTO: DATI DEL CEDENTE/DELEGANTE DATI AMMINISTRAZIONE/DATORE DI LAVORO Bollo assolto in modo virtuale Aut. n. 3/9825/97 del 29 luglio 1997 Aggiornamento Contratto Cessione del Quinto/Delegazione di pagamento nr. 1 del 16.04.2015 Spazio riservato ad Agos Ducato S.p.A. Dati

Dettagli

MUTUI IPOTECARI AGLI ISCRITTI PICCOLO PRESTITO

MUTUI IPOTECARI AGLI ISCRITTI PICCOLO PRESTITO MUTUI IPOTECARI AGLI ISCRITTI La prestazione fornisce mutui ipotecari, per l'acquisto della prima casa di abitazione, della durata di 10, 15, 20, 25 o 30 anni. Il beneficio è riservato agli iscritti alla

Dettagli

TITOLO I DEL SEQUESTRO, DEL PIGNORAMENTO E DELLA CESSIONE DEGLI STIPENDI SALARI E PENSIONI

TITOLO I DEL SEQUESTRO, DEL PIGNORAMENTO E DELLA CESSIONE DEGLI STIPENDI SALARI E PENSIONI Decreto del Presidente della Repubblica 5 gennaio 1950, n. 180(*) (*)Gazzetta Ufficiale n. 99 del 29 aprile 1950, supplemento ordinario Approvazione del Testo Unico delle Leggi concernenti il sequestro,

Dettagli

INDICE ART. 1 PREMESSA ART. 2 FINALITA E OGGETTO DEL REGOLAMENTO ART. 3 QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO

INDICE ART. 1 PREMESSA ART. 2 FINALITA E OGGETTO DEL REGOLAMENTO ART. 3 QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO REGOLAMENTO PER LE DELEGAZIONI CONVENZIONALI DI PAGAMENTO MEDIANTE TRATTENUTE OPERATE DALL ASL DI CAGLIARI SULLO STIPENDIO DEI DIPENDENTI A FAVORE DEGLI ISTITUTI ESERCENTI IL CREDITO E DELLE SOCIETÀ DI

Dettagli

DEFINIZIONI. il soggetto cui l Assicuratore deve corrispondere l Indennizzo in caso di Sinistro.

DEFINIZIONI. il soggetto cui l Assicuratore deve corrispondere l Indennizzo in caso di Sinistro. ALLEGATO A CONVENZIONE PER POLIZZA CREDITO A CAPITALE DECRESCENTE A PREMIO UNICO ANTICIPATO ABBINATA A PRESTITI PERSONALI RIMBORSABILI MEDIANTE CESSIONE DI PAGAMENTO DI QUOTE DI STIPENDIO Tra la Compagnia

Dettagli

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Previdenza (Gestione Dipendenti Pubblici) Roma, 12/09/2014

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Previdenza (Gestione Dipendenti Pubblici) Roma, 12/09/2014 Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Previdenza (Gestione Dipendenti Pubblici) Roma, 12/09/2014 Circolare n. 104 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori

Dettagli

6. CONTABILITA GENERALE

6. CONTABILITA GENERALE 6. CONTABILITA GENERALE SCRITTURE DI GESTIONE SCRITTURE RELATIVE AL LAVORO DIPENDENTE 1 E. Scritture relative al lavoro dipendente Definizione Il lavoro rappresenta un fattore della produzione che contabilmente

Dettagli

La funzione della previdenza complementare è

La funzione della previdenza complementare è RIFORMA DELLA PREVIDENZA Nuovo sistema di previdenza di Maria Rosa Gheido (*) e Alfredo Casotti (**) La funzione della previdenza complementare è quella di permettere al lavoratore di integrare la pensione

Dettagli

INDICE. Prefazione... pag. 9 CAPITOLO PRIMO ASPETTI STORICI E DEFINIZIONE GIURIDICA DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO

INDICE. Prefazione... pag. 9 CAPITOLO PRIMO ASPETTI STORICI E DEFINIZIONE GIURIDICA DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO INDICE Prefazione... pag. 9 CAPITOLO PRIMO ASPETTI STORICI E DEFINIZIONE GIURIDICA DEL TRATTAMENTO 1.1 Indennità di licenziamento, indennità di anzianità e trattamento di fine rapporto... pag. 11 1.1.1

Dettagli

CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO

CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO INFORMATIVA GENERALE SUL CONTRATTO DI PRESTITO A DIPENDENTI DI AZIENDE PRIVATE RIMBORSABILE MEDIANTE CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO CREDITO AL CONSUMO Informazioni pubblicitarie con finalità promozinali

Dettagli

FIDES S.p.A. Società a socio unico e soggetta a direzione e coordinamento di Banco di Desio e della Brianza S.p.A.

FIDES S.p.A. Società a socio unico e soggetta a direzione e coordinamento di Banco di Desio e della Brianza S.p.A. Foglio informativo n 84 Data ultimo aggiornamento 31/03/2011 FOGLIO INFORMATIVO - Prestito contro cessione del quinto dello stipendio Ai sensi della delibera C.I.C.R. del 04.03.2003 e successivo provvedimento

Dettagli

INFORMATIVA GENERALE SUL CONTRATTO DI PRESTITO A PENSIONATI RIMBORSABILE MEDIANTE CESSIONE DEL QUINTO DELLA PENSIONE-CREDITO AL CONSUMO

INFORMATIVA GENERALE SUL CONTRATTO DI PRESTITO A PENSIONATI RIMBORSABILE MEDIANTE CESSIONE DEL QUINTO DELLA PENSIONE-CREDITO AL CONSUMO INFORMATIVA GENERALE SUL CONTRATTO DI PRESTITO A PENSIONATI RIMBORSABILE MEDIANTE CESSIONE DEL QUINTO DELLA PENSIONE-CREDITO AL CONSUMO Informazioni pubblicitarie con finalità promozionali ai sensi del

Dettagli

NOTA SULLE PRINCIPALI QUESTIONI TECNICO GIURIDICHE CONSEGUENTI ALLA CESSAZIONE DEGLI EFFETTI DEL CCNL 20 GENNAIO 2008

NOTA SULLE PRINCIPALI QUESTIONI TECNICO GIURIDICHE CONSEGUENTI ALLA CESSAZIONE DEGLI EFFETTI DEL CCNL 20 GENNAIO 2008 NOTA SULLE PRINCIPALI QUESTIONI TECNICO GIURIDICHE CONSEGUENTI ALLA CESSAZIONE DEGLI EFFETTI DEL CCNL 20 GENNAIO 2008 Premessa La mancata firma della Fiom del CCNL 15 ottobre 2009 e la nostra comunicazione

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO n. 1/2011 del 1 Gennaio 2011 CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO

FOGLIO INFORMATIVO n. 1/2011 del 1 Gennaio 2011 CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO FOGLIO INFORMATIVO n. 1/2011 del 1 Gennaio 2011 (redatto ai sensi della Delibera C.I.C.R. 4 marzo 2003 e del Provvedimento della Banca d Italia 29 luglio 2009) CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO INFORMAZIONI

Dettagli

Ccnl Metalmeccanici e Orafi e argentieri (Confindustria): il fondo Cometa Barbara Massara Consulente del lavoro in Roma

Ccnl Metalmeccanici e Orafi e argentieri (Confindustria): il fondo Cometa Barbara Massara Consulente del lavoro in Roma Ccnl Metalmeccanici e Orafi e argentieri (Confindustria): il fondo Cometa Barbara Massara Consulente del lavoro in Roma Cometa è il fondo pensione per i lavoratori dell industria metalmeccanica e delle

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) RONDINONE Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) RONDINONE Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) LAPERTOSA (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) CONTINO Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) RONDINONE Membro

Dettagli

TITOLO I DEL SEQUESTRO, DEL PIGNORAMENTO E DELLA CESSIONE DEGLI STIPENDI SALARI E PENSIONI

TITOLO I DEL SEQUESTRO, DEL PIGNORAMENTO E DELLA CESSIONE DEGLI STIPENDI SALARI E PENSIONI Decreto del Presidente della Repubblica 5 gennaio 1950, n. 180 (*) APPROVAZIONE DEL TESTO UNICO DELLE LEGGI CONCERNENTI IL SEQUESTRO, IL PIGNORAMENTO E LA CESSIONE DEGLI STIPENDI, SALARI E PENSIONI DEI

Dettagli

INFORMATIVA GENERALE SUL CONTRATTO DI PRESTITO A DIPENDENTI PUBBLICI RIMBORSABILE MEDIANTE DELEGAZIONE DI QUOTE DELLO STIPENDIO - CREDITO AL CONSUMO

INFORMATIVA GENERALE SUL CONTRATTO DI PRESTITO A DIPENDENTI PUBBLICI RIMBORSABILE MEDIANTE DELEGAZIONE DI QUOTE DELLO STIPENDIO - CREDITO AL CONSUMO INFORMATIVA GENERALE SUL CONTRATTO DI PRESTITO A DIPENDENTI PUBBLICI RIMBORSABILE MEDIANTE DELEGAZIONE DI QUOTE DELLO STIPENDIO - CREDITO AL CONSUMO Informazioni pubblicitarie con finalità promozionali

Dettagli

FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER IL PERSONALE DELLA CASSA DI RISPARMIO DI ASTI S.P.A.

FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER IL PERSONALE DELLA CASSA DI RISPARMIO DI ASTI S.P.A. FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER IL PERSONALE DELLA CASSA DI RISPARMIO DI ASTI S.P.A. ISCRITTO ALL'ALBO DEI FONDI PENSIONE - I SEZIONE SPECIALE - FONDI PENSIONE PREESISTENTI CON SOGGETTIVITA' GIURIDICA

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO SULLE OPERAZIONI E SERVIZI OFFERTI ALLA CLIENTELA

FOGLIO INFORMATIVO SULLE OPERAZIONI E SERVIZI OFFERTI ALLA CLIENTELA Normativa sulla Trasparenza Bancaria (Testo Unico Bancario D.Lgs. 385/93 e norme di attuazione) FINANZIAMENTI CON CESSIONE DEL QUINTO DELLA PENSIONE FOGLIO INFORMATIVO SULLE OPERAZIONI E SERVIZI OFFERTI

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 6 II) SCRITTURE DI GESTIONE E) SCRITTURE RELATIVE AL LAVORO DIPENDENTE 14 novembre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 E. Scritture relative

Dettagli

Il contratto di somministrazione e il lavoro intermittente

Il contratto di somministrazione e il lavoro intermittente Il contratto di somministrazione e il lavoro intermittente Il titolo XIII (artt. 55-56) del Ccnl degli studi professionali è dedicato alla disciplina del lavoro somministrato e del lavoro intermittente

Dettagli

GUIDA ALLA CESSIONE DEL QUINTO E ALLA DELEGAZIONE DI PAGAMENTO

GUIDA ALLA CESSIONE DEL QUINTO E ALLA DELEGAZIONE DI PAGAMENTO GUIDA ALLA CESSIONE DEL QUINTO E ALLA DELEGAZIONE DI PAGAMENTO Sommario LE DOMANDE DI BASE QUALI SONO I PRINCIPALI DIRITTI DEL CONSUMATORE? COS E IL SECCI (Standard European Consumer Credit Information

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO Copia originale per UNICREDIT Sig./Sig.ra Cognome e Nome INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. identità e contatti del finanziatore / INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore UniCredit

Dettagli

Art.2 (Eccezioni alla insequestrabilità e all'impignorabilità)

Art.2 (Eccezioni alla insequestrabilità e all'impignorabilità) LEGGE 180/50 - SULLA CESSIONE DEL QUINTO STIPENDIO TITOLO I - DEL SEQUESTRO, DEL PIGNORAMENTO E DELLA CESSIONE DEGLI STIPENDI SALARI E PENSIONI Art.1 (Insequestrabilità, impignorabilità e incedibilità

Dettagli

LEGGE 180/50 - CESSIONE QUINTO STIPENDIO

LEGGE 180/50 - CESSIONE QUINTO STIPENDIO LEGGE 180/50 - CESSIONE QUINTO STIPENDIO TITOLO I - DEL SEQUESTRO, DEL PIGNORAMENTO E DELLA CESSIONE DEGLI STIPENDI SALARI E PENSIONI Art.1 (Insequestrabilità, impignorabilità e incedibilità di stipendi,

Dettagli

ORIGINALE PER FUTURO

ORIGINALE PER FUTURO (segue sul retro) FUTURO S.p.A. - Gruppo Bancario Mediobanca INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE Finanziatore Indirizzo Telefono/Email/Fax/Sito

Dettagli

GUIDA ALLA CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO, DELLA PENSIONE E ALLA DELEGAZIONE DI PAGAMENTO CHE COS E'?

GUIDA ALLA CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO, DELLA PENSIONE E ALLA DELEGAZIONE DI PAGAMENTO CHE COS E'? GUIDA ALLA CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO, DELLA PENSIONE E ALLA DELEGAZIONE DI PAGAMENTO CHE COS E'? La cessione del quinto dello stipendio è una particolare forma di prestito personale non finalizzato,

Dettagli