Verbale Riesame Direzione SA 8000

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Verbale Riesame Direzione SA 8000"

Transcript

1 N 01/2009 Data Descrizione Breve cenno sulla storia del Consorzio Il Consorzio solidarietà CON.SOL. è la prima risposta organizzata alla crescente domanda di servizi ad ampio raggio proveniente dai settori socio-sanitario, assistenziale e formativo, con particolare riguardo per i fenomeni legati all emarginazione, handicap e a tutte le forme di svantaggio sociale. Il Consorzio costituitosi in forma cooperativa raggruppa una serie di realtà operanti da anni sul territorio, in grado di coprire un ampio ventaglio di richieste di enti pubblici come di privati. In questo ci si ispira ai principi che sono alla base del movimento cooperativo: mutualità, solidarietà, associazionismo, rispetto della persona, priorità dell uomo sul denaro, democraticità interna ed esterna. Operando secondo questi principi, intende perseguire l interesse generale della comunità alla promozione umana e all integrazione sociale dei cittadini, attraverso il sostegno e coordinamento delle cooperative socie e loro integrazione con altri soggetti pubblici, privati soci e non. Il Consorzio svolge con propria autonomia: partecipazione gare, acquisizione contratti (modello general contractor), progettazione, ed erogazione, direttamente o tramite le proprie consociate, di servizi socio sanitari educativi (residenze socioassistenziali per anziani e disabili, assistenza domiciliare infermieristica e sociale per anziani e disabili, gestione Centri diurni per minori, gestione centrale di telesoccorso, servizio trasporto disabili e consegna materiali sanitari e protesi, gestione Centri diurni anziani, assistenza scolastica minori disabili, servizio di Segretariato Sociale, centri diurni per portatori di handicap, gestione Nidi d Infanzia, formazione e consulenza). Le cooperative attualmente consociate ed iscritte al Libro Soci sono: ATES Servizi socio educativi per minori semi residenziali. CCNL Coop. Sociali S. Antonio Servizi socio sanitari assistenziali ed educativi di tipo CCNL Coop. Sociali domiciliare e residenziale. Socialtur Sociale Servizi socio sanitari assistenziali ed educativi di tipo CCNL Coop. Sociali domiciliare e residenziale. Socialtur Turistica Inserimento lavorativo attraverso la gestione di attività CCNL Coop. Sociali turistica. Medicinsieme Gestione ambulatori associati. Omniares Gestione asilo nido. CCNL Coop. Sociali Consorzio Futura Servizi socio assistenziali ed educativi di tipo domiciliare CCNL Coop. Sociali e residenziale. Inserimento lavorativo. Servizi e Lavoro Servizi riabilitativi domiciliari. Pubblica assistenza Trasporto sanitario e disabili. CCNL Coop. Sociali CCNL Coop. Sociali Net Service Consulenza del lavoro. SAIMA Coop Soc. a r.l. Servizi socio sanitari assistenziali ed educativi di tipo CCNL Coop. Sociali domiciliare e residenziale SAIMA Coop Soc. a r.l. Coop. Tipo B - Inserimento lavorativo CCNL Coop. Sociali Gentes Coop Soc. a r.l. Servizi socio assistenziali di tipo residenziale CCNL Coop. Sociali Cooperativa Treetà Servizi socio educativi di tipo residenziale CCNL Coop. Sociali Studio 85 Servizi socio sanitari assistenziali di tipo domiciliare. Il Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro Il CCNL della Cooperative Sociali. Storia progetto SA8000 Nell aprile 2009, ha avuto avvio il processo di implementazione del Sistema di Gestione per la Responsabilità Etica SA Tale processo ha previsto la nomina del Rappresentante della Direzione SA 8000 nella persona di Teodora Di Santo e la nomina, da parte dei lavoratori, del Rappresentate dei Lavoratori SA 8000 nella persona di Vincenza Giordano. L implementazione del sistema di responsabilità sociale si è caratterizzato per i seguenti passaggi: 1) Adeguamento allo standard rispetto ai requisiti SA 8000:2008 Lavoro infantile: nell organizzazione aziendale sono impiegati solo lavoratori di età superiore a 18 anni e non soggetti all obbligo scolastico. L azienda non utilizza e non ammette l impiego di lavoro infantile. Lavoro obbligato: tutte le persone che l azienda impiega prestano il loro lavoro volontariamente. Salute e sicurezza: la sicurezza riveste un ruolo centrale nell ambito dell attività aziendale: viene garantito un luogo di lavoro sicuro e salubre ai lavoratori o a chiunque altro possa essere coinvolto nelle attività aziendali. Sono state impiegate tutte le risorse necessarie affinché sia scongiurato qualsiasi incidente tramite la rimozione delle cause di pericolo.

2 Libertà di associazione e diritto alla contrattazione collettiva: sono rispettate la libertà di ciascun lavoratore di formare o aderire a sindacati di sua scelta e il diritto alla contrattazione collettiva. Discriminazione: sono garantite pari opportunità alle persone che lavorano nel Consorzio e esclusa ogni forma di discriminazione. Procedure disciplinari: le pratiche disciplinari esistenti sono esclusivamente quelle previste dal CCNL e si propongono, nel rispetto dell integrità personale, di favorire il rispetto e lo spirito di collaborazione fra i lavoratori, salvaguardando e proteggendo l integrità morale e i diritti di ognuno. Orario di lavoro: la settimana lavorativa ordinaria è variabile nel numero di ore, e sempre in linea con quanto previsto nei Contratti Collettivi Nazionali. Retribuzione: ciascun lavoratore riceve una retribuzione proporzionata alla quantità e alla qualità del proprio lavoro ed è in ogni caso sufficiente ad assicurare a sé e alla propria famiglia un esistenza dignitosa. 2) Predisposizione di un piano di controllo fornitori: Sono state definite e implementate procedure per la selezione dei fornitori sulla base della loro capacità di soddisfare i requisiti dello standard. 3) Definizione dei ruoli e delle funzioni affinché possa essere reso noto e chiaro a tutto il personale le responsabilità, soprattutto in riferimento all esecuzione delle attività necessarie alla gestione del sistema conforme alla SA ) Nomina del Rappresentante dei lavoratori. Tale figura, prevista esplicitamente dalla norma, rappresenta il garante dell applicazione della norma stessa in azienda, a cui tutti i lavoratori possono segnalare eventuali non conformità ai requisiti della SA 8000 di cui vengano a conoscenza. 5) Definizione e attuazione delle modalità di controllo periodiche dell efficacia del Sistema SA 8000 implementato e la conformità ai requisiti della norma, attraverso sia la realizzazione del riesame interno, sia attraverso la pianificazione e lo svolgimento di apposite verifiche ispettive interne. 6) Formazione del personale, attraverso l organizzazione di apposite sessioni formative e riunioni atte a sensibilizzare tutti i soci e i collaboratori sui principi etici enunciati dalla SA ) Adozione di un piano di comunicazione esterna per rendere noto alle parti interessate i dati relativi alla performance aziendale riguardanti i requisiti della norma. 8) Comunicazione ai lavoratori della possibilità, da parte di ciascuno di loro, di presentare reclamo all organismo di certificazione, nel caso venissero rilevate azioni o comportamenti dell azienda non conformi alla norma SA Con l implementazione e il mantenimento del suddetto sistema, l azienda si impegna a rispettare tutti i requisiti di responsabilità sociale previsti dallo standard SA 8000:2008, oltre alle leggi nazionali vigenti e applicate al proprio settore di attività e alla propria realtà operativa e alle disposizioni degli strumenti internazionali espressamente richiamati dallo standard. Il Consorzio si impegna inoltre a considerare il miglioramento continuo quale principio guida delle attività di programmazione e di gestione aziendale, cercando di migliorare continuamente le condizioni di lavoro dei propri operatori. Dall analisi dei dati, relativamente ai diversi temi affrontati, è emerso quanto segue: 1) Lavoro infantile I lavoratori non considerano il lavoro infantile una criticità ai fini etici. Come si evince dal libro matricola, non vi sono lavoratori di età inferiore a 18 anni o soggetti all obbligo scolastico con contratti di apprendistato o stage. L età media dei lavoratori è di anni 35. Nel rispetto delle normative nazionali e internazionali vigenti, il Consorzio ha sempre sostenuto l importanza del lavoro come modalità di crescita e sviluppo personale, oltre che professionale e di acquisizione di capacità tecniche. Il Consorzio ha sempre cercato di avvicinare i giovani al mondo aziendale, offrendo tirocini, stage e contratti di apprendistato, che favoriscono l acquisizione di professionalità specifiche e il loro inserimento nel mondo del lavoro. Se in futuro il Consorzio dovesse impiegare giovani lavoratori con contratti di stage o apprendistato verrà assicurata:

3 l identificazione per ciascun stagista, tirocinante o apprendista di un tutor interno all organizzazione, con funzioni di supporto, programmazione e coordinamento delle attività di formazione e di lavoro; che lo stagista, tirocinante o apprendista non sia esposto a situazioni pericolose o nocive per la salute; la redazione a fine rapporto di lavoro una relazione che dia evidenza della formazione svolta e della crescita professionale del giovane lavoratore. Una nota particolare viene fatta per i tirocinanti (in particolare con qualifica di Addetto alle Commissioni), inviati per un breve periodo dal Centro per l Impiego di Lanciano e comunque al di fuori dell obbligo scolastico. Nel caso in cui, si rilevasse la presenza di un minore presso un fornitore, si provvederà immediatamente a denunciare l accaduto alle autorità competenti. Inoltre, ove possibile, si contribuirà ad aiutare il fornitore, o a seconda della situazione, si assumerà la responsabilità diretta di aiutare il bambino ad esempio: dando un sostegno economico alla famiglia del bambino lavoratore e/o provvedendo ad inserire all interno del proprio organico di un familiare (ove risultassero compatibili le esigenze produttive con le caratteristiche del familiare). Per il prossimo anno si definiscono i seguenti obiettivi e relativo piano di miglioramento: Riduzione lavoro minorile N minori / N lavoratori intera filiera 0 0 Riduzione lavoro giovanile N giovani / N lavoratori intera filiera 0 0 Il Consorzio si impegna nella formazione dei lavoratori con comunicazione preventivamente a tutto il personale delle procedure predisposte. Campagna di informazione presso organizzazione e fornitori contro lo sfruttamento del lavoro minorile 2) Lavoro forzato e obbligato I lavoratori in generale non ritengono essere presenti criticità legate al lavoro forzato ed obbligato. Tutti lavoratori prestano il loro lavoro volontariamente. Nessun lavoratore ha mai lasciato in deposito nel Consorzio denaro o copie originali di documenti. Il Consorzio non ammette che il lavoro prestato dalle persone che impiega sia ottenuto dietro minaccia di una qualsiasi penale. Il lavoro straordinario è richiesto solo quando strettamente necessario e nel rispetto delle normative vigenti ed è sempre volontario. Per assicurare la piena volontarietà di qualsiasi prestazione, il Consorzio si impegna a garantire che tutti i lavoratori siano pienamente consapevoli dei diritti e doveri derivanti dal loro contratto di lavoro. Nel caso in cui, si rilevasse la presenza di situazioni di lavoro forzato presso un fornitore, si provvederà immediatamente a denunciare l accaduto alle autorità competenti. Anticipi concessi stipendi e TFR al Anticipi stipendi Anticipi TFR Anni Beneficiari Ammontare Beneficiari Ammontare ,00 Il Consorzio non ha mai concesso prestiti ai lavoratori ma ha concesso prestiti alle consorziate. Un prestito erogato a Socialtur Turistica per un importo di a condizioni di mercato. Un acconto su fattura a Socialtur Sociale per un importo di Può tuttavia concedere, quando richiesto dai lavoratori e quando possibile dalla situazione economica aziendale, anticipi sugli stipendi fino ad un massimo del 80% dell ammontare dovuto sull ultimo stipendio. L ammontare dell anticipo concesso è evidenziato in busta paga. Gli anticipi sullo stipendio e sul TFR sono concessi dietro espressa richiesta del lavoratore. atteso attuale

4 Turn over personale 10 anni 7 anni Mantenere alto il clima aziendale Media durata assunzioni Contratti TI 2,5 anni 2 anni Rinuncia lavoro forzato e obbligato N denuncie lavoro forzato o obbligato 0 0 Il Consorzio assicura la massima disponibilità alla consegna del CCNL Tutti i lavoratori potranno rivolgersi al RDD. Il Consorzio si impegna in ogni caso ad effettuare ulteriori sessioni formative riguardanti i diritti e obblighi dei lavoratori. Campagna di informazione ai lavoratori sul rispetto del lavoro obbligato. 3) Salute e sicurezza In generale i lavoratori sono soddisfatti circa le condizioni di sicurezza e salubrità sul luogo di lavoro. Tuttavia le indicazioni dei lavoratori mostrano che alcuni aspetti possono essere migliorati. In particolare: il 29% dei lavoratori ritiene che il Consorzio debba adottare misure più adeguate per prevenire incidenti e danni alla salute. il 21% dei lavoratori ritiene che l ambiente di lavoro non è sicuro per la salute del lavoratore. La questione della sicurezza è stata posta con forza al centro dell attenzione dell attività di organizzazione del lavoro, al fine di garantire ai lavoratori e a chiunque altro possa essere coinvolto nelle attività aziendali un luogo di lavoro sicuro e salubre. Il Consorzio ha realizzato un Documento di Valutazione del Rischio per sede in conformità al D.lgs. 81/08 ed ha predisposto piani di evacuazione per emergenze in relazione alla sede. Il Rappresentante dei Lavoratori per la sicurezza, regolarmente eletto, è la sig.ra Tiziana Di Francesco il quale ha partecipato a corso di formazione specifico di 32 ore. Il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione, è il Sig.ra Teodora Di Santo. Il Medico Competente è il dott. Vittorio Bottone. Infortuni al N infortuni 1 2 N lavoratori % infortuni Ore perse malattia È stata fatta formazione adeguata per Pronto Soccorso, Antincendio e per L RSPP. Realizzate tutte le visite mediche con periodicità previste da normativa vigente per neo-assunti. Realizzate tutte le visite mediche di routine secondo i protocolli sanitari predisposti dal Medico Competente. L Analisi del Rischi è aggiornato alla attuali situazioni aziendali. Effettuata revisione estintori. Effettuata verifica cassette pronto soccorso. Grazie ad una strategia tesa alla salvaguardia della salute e della sicurezza dei lavoratori e di chiunque venga coinvolto nelle attività aziendali nonché alla riduzione dei rischi di incidente, abbiamo un numero infortuni basso, dei quali nessuno di particolare gravità. Il miglioramento degli indici di salute e sicurezza è strettamente legato alle attività di prevenzione e di sensibilizzazione, all organizzazione di corsi di formazione e all acquisto e distribuzione di dispositivi di protezione individuali. La fornitura dei dispositivi di protezione individuale ai lavoratori è a carico del Consorzio. Il dettaglio dei DPI distribuiti ai lavoratori è riportato nel documento di valutazione dei rischi. Garantire la sicurezza sul luogo di lavoro N infortuni / N lavoratori 0,02 0,04 Ore perse malattia/infortunio Formazione a tutti i lavoratori circa il D.lgs 81/08 Testo Unico per la Sicurezza e presentazione del RSPP Comunicazione Ispettorato del Lavoro; Effettuare formazione per RSPP, RLS e addetti di primo soccorso Aggiornare nomine addetti emergenza

5 Aggiornare DVR Adeguare cassette di pronto soccorso in conformità a D.lg. 388/03. 4) Libertà di associazione e diritto alla contrattazione collettiva In generale possiamo dire che i lavoratori ritengono che ci sia libertà di associazione e diritto alla contrattazione collettiva. Il Consorzio rispetta il diritto di tutto il personale di formare e aderire ai sindacati di loro scelta, e il diritto dei lavoratori alla contrattazione collettiva. La maggior parte dei lavoratori (1%) aderiscono al sindacato CGIL. Tutti gli altri lavoratori sono liberi di essere contattati da Sindacati anche all interno dell azienda e nell orario di lavoro, come previsto dal CCNL, e di aderire a tali associazioni. Il Consorzio garantisce che, anche in caso di eventuali adesioni, queste non saranno motivo di alcun tipo di discriminazione e che i lavoratori potranno, se vogliono, comunicare liberamente con i rappresentanti sindacali, nei luoghi di lavoro. In tale caso il Consorzio metterà a disposizione spazi aziendali appositi per lo svolgimento delle riunioni sindacali. A testimonianza del clima di collaborazione costruttiva presente in azienda vi è la totale assenza di ore per sciopero, di contenziosi e vertenze. Non esiste un Rappresentante sindacale all interno dell azienda. Lavoratori iscritti ad un sindacato su totale lavoratori Giornate sciopero Contenziosi e vertenze Sindacato 2008 % % % Anni Giorni Anni N CGIL Garantire la libertà di Giorni di sciopero /Giorni lavorativi < 0,01 0 associazione e diritto alla Contenziosi o vertenze < 2 0 contrattazione collettiva % adesione alle organizzazioni sindacali di categoria > 2% 1% Sviluppare le competenza del Rappresentante dei lavoratori per la SA 8000 Agevolare il rapporto tra il Rappresentante dei lavoratori per la SA 8000 ed i lavoratori. 5) Discriminazione In generale i lavoratori sono soddisfatti circa il requisito della discriminazione. L unico input di miglioramento è:: il 14% dei lavoratori ritiene che i ruoli del personale non sono ben definiti provocando confusione. Come si evince dalla tabella, l età dei lavoratori è distribuita in modo omogeneo, abbracciando tutte le fasce d età considerate ad esclusione, come riportato in premessa, quella che va dai 16 ai 18 anni. Composizione organico azienda per fasce età Anzianità del servizio Anni 2008 Anni > da 10 a Da 5 a Meno di Oltre 60 anni 0 Composizione organico per settore Composizione organico per cittadinanza Anno 2008 F M Totale Anno Italiani Comunitari Extra-Comunitari Totale

6 Area Amministrativa Infermieri Fisioterapisti Operatori domiciliari Ausiliari Commissioni generiche Totali 40 Il Consorzio garantisce pari opportunità a tutte le persone che vi lavorano e non ammette alcuna forma di discriminazione. Il Consorzio in più occasioni ha attivato tirocini di inserimento lavorativo per soggetti svantaggiati (ex alcolisti e tossicodipendenti) La tabella Anzianità di servizio ci serve per valutare la continuità del rapporto di lavoro nel tempo. Per molti lavoratori questa azienda è stato il primo impiego ed evidentemente il buon clima aziendale, il rispetto dell orario di lavoro e della dignità di ognuno, fanno si che questo rapporto si protragga nel tempo. Il nuovo personale è assunto sulla base di parametri oggettivi in termini di formazione, esperienze e abilità in relazione alle funzioni da ricoprire. In accordo al CCNL il lavoratore può essere sottoposto, prima dell'assunzione, a visita medica da parte del sanitario di fiducia del Consorzio per l'accertamento dei requisiti fisici e psicoattitudinali necessari per l'espletamento del lavoro cui sono destinati. Tutto il personale di nuova assunzione è inoltre sottoposto ad un periodo di prova in accordo e secondo i tempi dettati dal CCNL al fine di definire l idoneità rispetto alle mansioni da svolgere (lavoratore) ovvero rispetto ai doveri in qualità di soggetto che deve entrare a far parte della compagine sociale (socio lavoratore). Il lavoro è remunerato secondo le indicazioni contenute nel CCNL applicato. L accesso alla formazione è garantito tenendo conto delle necessità aziendali. Per tutti i lavoratori, indipendentemente dalle mansioni loro attribuite, sono organizzati corsi di formazione sui temi salute, sicurezza e responsabilità sociale. Non vi è alcuna interferenza con la libertà di ciascun lavoratore di seguire i propri principi. L integrità dei lavoratori è salvaguardata e non sono ammessi comportamenti offensivi della loro sfera personale. La tabella Composizione organico per settore mostra che i lavoratori sia soci che non sono omogenei sotto il profilo del genere e non si ha alcuna concentrazione particolare di uomini o donne in una specifica funzione. Nell anno in corso le donne hanno fatto parte dell organico in percentuale del 82%. La tabella Composizione organico per cittadinanza mostra che nell anno in corso non ci sono stati comunitari e extracomunitari ma solo lavoratori con cittadinanza italiana. L esigua percentuale non sta a rappresentare un fenomeno discriminatorio ma la carenze di qualifiche e competenze richieste tra i lavoratori extracomunitari. La tabella Composizione organico azienda per fasce età mostra che i lavoratori sia soci che non sono omogenei sotto il profilo dell età e non si ha alcuna concentrazione particolare di giovani o anziani in una specifica funzione. atteso attuale Porre attenzione pari opportunità utilizzando strumenti di legge Composizione organico (Uomini/Donne) 0,80 0,82 Favore inserimento lavorativo di persone diversamente abili e categorie svantaggiate N lavoratori diversamente abili 0,01 0,02 Mobbing N denuncie per mobbing 0 0 Agevolare il rapporto tra il Rappresentante dei lavoratori per la SA 8000 ed i lavoratori Costituzione del comitato per le pari Opportunità; Sostegno ad iniziative rivolte a persone diversamente abili; 6) Procedure disciplinari In generale i lavoratori sono soddisfatti della scarsa applicazione delle procedure disciplinari. Esiste un regolamento disciplinare in vigore nel Consorzio, affisso alla bacheca destinata alle comunicazioni interne, che descrive le pratiche disciplinari esistenti e si propone di favorire il rispetto e lo spirito di collaborazione fra i lavoratori. Tale regolamento è estratto dal Contratto Collettivo Nazionale.

7 La tabella Pratiche disciplinari applicate mostra che il ricorso alle varie pratiche descritte è praticamente nullo. Negli ultimi tre anni il Consorzio non è ricorsa ad alcun provvedimento disciplinare, a dimostrazione dell effettivo clima di rispetto esistente presso il Consorzio. Pratiche disciplinari applicate 2008 Ammonizione verbale 2 Ammonizione scritta (lettere di richiamo) 0 Multe 0 Sospensione dal lavoro 0 Licenziamento 0 Implementare nuove metodologie per ridurre il N pratiche attivate < 2 0 numero di pratiche disciplinari. Tipologia sanzioni Verbali Formazione a tutti i lavoratori sulle pratiche disciplinari così come previsto dal CCNL; 7) Orario di lavoro In generale i lavoratori sono soddisfatti circa il rispetto dell orario di lavoro. Relativamente agli orari di lavoro il Consorzio risulta parzialmente inadeguata alle leggi in vigore, agli standard di settore e a quanto previsto dal CCNL. Il CCNL prevede: 38 ore settimanali con almeno un giorno di riposo ogni 7 giorni lavorativi; lavoro straordinario (superiore alle 38 ore settimanali) di massimo 12 ore settimanali retribuito con una percentuale aggiuntiva rispetto alle ore ordinarie. In realtà alcuni lavoratori con contratto di dipendenza che svolgono attività domiciliare e attività di coordinamento possono svolgere un monte ore variabile in funzione delle ore di prestazione da erogare. Per questa tipologia di lavoratori viene applicata la flessibilità goduto e flessibilità lavorata (superamento del normale orario di lavoro settimanale a causa dell intensità dell attività compensato da una riduzione, nei periodi di minore intensità lavorativa, di una pari entità di ore di lavoro). L eccedenza delle ore di lavoro oltre le 38 ore settimanali non pregiudica assolutamente la possibilità di assicurare ad altri lavoratori un monte ore tale da garantire loro una equa retribuzione e non genera alcuna forma di discriminazione. Se infatti si dovesse verificare che un lavoratore effettua un monte ore tale da non garantire una equa retribuzione si verifica sempre la volontà dello stesso di aumentare il suo monte ore ed in caso di volontà espressa si aumentano le ore a discapito di chi ha un monte ore superiore alle 38 ore settimanali; L orario di lavoro è definito tramite appositi turni e orari stabiliti a seconda della tipologia di servizi erogati e comunicati al personale interessato. Eventuali modifiche della distribuzione delle ore nell arco della settimana sono concordate con i lavoratori, così come la pianificazione delle ferie, dei congedi e dei permessi. L orario di lavoro aziendale è: Ufficio sede principale: ,30-19,00 dal lunedì al giovedi, il venerdi Ufficio sede Consol Venafro: 08,00-20,00 tutti i giorni dal lunedì al venerdi. 08,00-14,00 il sabato; Adeguamento al CCNL rispetto ore di lavoro Media ore lavorative settimanali < Migliorare efficienza orario lavoro riducendo le ore di straordinario Ore straordinario < 12 0 Applicazione flessibilità goduta e flessibilità lavorata Introdurre nuove forme di orario in via sperimentale chiarendo bene ai lavoratori le innovazioni; 8) Retribuzione

8 In generale i lavoratori sono soddisfatti circa gli aspetti della retribuzione. Nello specifico: il 14% dei lavoratori ritiene che il suo inquadramento contrattuale non è adeguato al CCNL il 14% dei lavoratori dichiara che il suo lavoro non è giustamente remunerato. Non risultano previsti inquadramenti contrattuali inferiori alle qualifiche reali del personale operante in azienda. Le retribuzioni medie pagate ai dipendenti sono in linea con quanto previsto dai contratti nazionali e sono superiori, sebbene in misura diversa a seconda della funzione svolta, alla soglia di povertà prevista a livello nazionale e sono in grado quindi di soddisfare le necessità fondamentali dei lavoratori e di garantire una parte di reddito aggiuntiva per fini discrezionali. Le forme contrattuali attualmente utilizzate nel Consorzio sono: Tipologia di Contratto Contratto a Tempo Determinato 0 Contratto a Tempo Indeterminato 14 CI Part Time 4 CI Full Time 10 Contratto Occasionale 0 Contratto a Progetto 24 Tirocinio 1 Indennità di Direzione 1 In ogni caso i contratti a termine sono utilizzati per: a) sostituzioni di lavoratori dipendenti assenti per malattia, maternità, ferie, servizio militare ed in tutti i casi in cui il lavoratore dipendete assente abbia diritto alla conservazione del posto di lavoro b) per sostituzione, anche parziale, di soci e di lavoratori dipendenti, chiamati a svolgere funzioni di coordinamento all'interno del Consorzio o per soci e per i lavoratori dipendenti che abbiano ottenuto l'aspettativa; c) in periodi di intensificazione dell'attività; d) per sostituzione di personale dipendente a part-time, post maternità; e) per sostituzione di soci e di lavoratori temporaneamente inidonei a svolgere le mansioni loro assegnate; f) per figure professionali non esistenti in azienda. Il contratto di lavoro a Tempo a Progetto è la forma contrattuale più utilizzata nel Consorzio. Questa situazione è assolutamente momentanea e dovuta al fatto che il Consorzio è stata costretta a gestire in forma diretta l affidamento ricevuto dall ASREM di Campobasso del bando integrato per l Ente d Ambito di Venafro. Per tamponare la criticità ed evitare di essere bandita all accesso di altri bandi pubblici il Consorzio ha assunto con contratto a progetto tutti i lavoratori fino alla scadenza del bando. Per quanto riguarda i tempi di erogazione delle retribuzioni il primo giorno utile dopo il giorno 20 di ogni mese vengono erogate a tutti i lavoratori le retribuzioni relative alle prestazioni erogate durante il mese precedente. In ogni caso i tempi di pagamento sono sempre concordati con i lavoratori e formalizzati nel CCNL. E assicurata una retribuzione decorosa in modo che il salario pagato per una settimana lavorativa standard corrisponda sempre agli standard legali o agli standard minimi di settore e che sia sempre sufficiente a soddisfare i bisogni primari del personale. In particolare è rispettato il living wage su base nazionale applicato al centro Italia pari a 790 per il minimo livello (retribuzione minima per un full time). Media dei compensi 2008 Totale Area Amministrativa 800 Infermieri Fisioterapisti Operatori domiciliari 600 Ausiliari 400 Commissioni generiche 400

9 Miglioramento forme contrattuali N Contratti atipici / N totale Contratti < 0,20 0,60 Adeguamento livelli inquadramento N lavoratori livello < mansioni svolte / N lavoratori 0 0 Rispetto tempistiche di pagamento Media ritardo giorni di pagamento stipendi < 30 gg 25 gg Rispetto del salario minimo N lavoratori retribuzione inferiore al living wage ( 790) / N lavoratori 0 0,00 Trasformazione contratti CoCoPro in contratti a tempo determinati; 9) Sistemi di gestione In generale i lavoratori sono soddisfatti circa il rispetto di tutti i requisiti di sistema della SA Il Consorzio dal aprile 2009 ha iniziato l implementazione di un Sistema di Gestione della Responsabilità Sociale conforme alla norma SA8000:2008. atteso Aumentare ore formazione profession. e sviluppo competenze Ore di formazione 5 3 Riduzione Non Conformità fornitori NC rilevate in verifica ispettiva di parte seconda 0 Comunicazione applicazione sistema di gestione della responsabilità sociale; Divulgazione Politica della Responsabilità Sociale; Formazione a tutto il personale circa i requisiti della SA 8000; attuale Il dialogo con le parti interessate: comunicazione interna ed esterna I lavoratori del Consorzio, i Committenti, gli utenti e loro famiglie, fornitori, le istituzioni e le varie associazioni locali sono stati individuati quali parti interessate più vicine all azienda e più direttamente coinvolti nella vita aziendale. Il Consorzio da la possibilità a tutte le parti interessate di segnalare eventuali non conformità rispetto ai requisiti della norma SA 8000:2008. Coinvolgimento attivo nella realtà sociale come Aggiunto Di seguito si elencano le principali attività di impegno sociale del Consorzio: Bilancio sociale anno 2007; Organizzazione convegni circa Piano di Zona sull ambito sociale e territoriale n 27 (Maielletta); Predisposizione del Documento Tecnico di Servizio relativo ai Centri Diurni Minori; Progetto di cooperazione transnazionale a favore di alcune popolazioni della Colombia; Progetto sulla promozione dell imprenditoria femminile (L. 125); Accreditamento per l accoglienza di volontari di servizio civile; Tirocini Sviluppo Locale organizzati dalla Provincia di Chieti per la promozione dello sviluppo locale del lavoro; Controllo fornitori/subappaltatori e subfornitori Le attese della società civile e delle comunità locali si sono evolute considerevolmente negli ultimi anni: sono divenute sempre più sensibili al comportamento etico delle imprese e hanno imparato a riconoscere, dietro il prodotto e il servizio, il processo produttivo che lo ha generato. A questo proposito il Consorzio si è attivata sempre di più negli ultimi tempi per intraprendere uno "stile gestionale" socialmente responsabile, orientato al coinvolgimento degli stakeholder e al controllo della filiera. L obiettivo ultimo di questo lavoro è infatti di stimolare un processo a catena di adeguamento agli standard da parte di partner, fornitori e sub fornitori influenzandone il comportamento e accrescendone la qualità etico sociale. L adozione dello standard SA 8000:2008 porta a privilegiare le imprese che dimostreranno, oltre alle competenze tecniche e gestionali, la propria sensibilità alle problematiche sociali, senza generare oneri aggiuntivi al cliente. Nel processo di adeguamento allo standard SA 8000:2008, è stata posta particolare attenzione alla capacità dei fornitori/subappaltatori e subfornitori di rispondere ai requisiti della norma, non solo perché richiesto

10 espressamente, ma per la possibilità concreta, coinvolgendo attori a monte della filiera produttiva, di estendere il rispetto di principi fondamentali riconosciuti a livello internazionale. E stato avviato un processo di monitoraggio sui fornitori con l invio di una lettera di adesione ai principi della norma SA 8000:2008 e l effettuazione di apposite verifiche ispettive di parte seconda. Il codice di condotta stabilisce i requisiti di minimi a cui i fornitori devono essere conformi, in quanto il rispetto dello Standard SA 8000:2008 sarà condizione gradualmente necessaria per mantenere e rafforzare i rapporti con i soggetti in causa. In particolare sono criteri di valutazione: l adesione al programma SA 8000:2008; il rispetto di tutti i requisiti della norma (discriminante per la scelta di un nuovo fornitore); l impegno a conformarsi a tutti i requisiti in un arco temporale concordato in base alle criticità individuate per tutti gli altri fornitori di prodotti e quelli di servizio come fattore determinante al proseguimento del rapporto; l impegno a partecipare alle attività di monitoraggio aziendale. Nel caso in cui i fornitori critici (ossia con un elevata presenza di manodopera) si trovassero in una condizione critica relativamente alla SA 8000:2008, il Consorzio si impegnerà ad aiutare il fornitore, mettendo a disposizione il proprio know how, in modo da poter attuare delle azioni correttive efficaci. Nel caso in cui tutti gli interventi effettuati siano risultati inutili, anche per la mancanza di volontà del fornitore stesso, il Consorzio si troverà costretta a eliminare il fornitore da proprio elenco. Il Consorzio sollecita inoltre i propri fornitori a: estendere la conoscenza dei requisiti dello standard e l adesione allo stesso progetto ai propri fornitori, consapevoli della necessità di sviluppare cultura e consapevolezza sui temi della responsabilità sociale per rendere efficaci ed efficienti tutti gli sforzi in merito; registrare in modo accurato e completo tutti i fornitori con cui interagiscono in modo continuativo, al fine di rafforzare il controllo su tutta la filiera. Verifiche ispettive interne Nel corso del 2009 è stata effettuata una verifica ispettiva interna su tutti i requisiti della norma SA 8000:2008, condotta da personale della società di consulenza. Tale verifica, svolta in data , ha avuto un esito positivo. Riesame della Direzione L alta direzione riesamina annualmente l adeguatezza, l appropriatezza e la continua efficacia della politica aziendale, delle procedure e dei risultati di performance in ottemperanza ai requisiti previsti dalla norma SA 8000 e dagli altri requisiti sottoscritti del Consorzio. Le eventuali modifiche e i miglioramenti ritenuti necessari saranno implementati. Per facilitare il riesame, è stata definita una serie di indicatori, significativi e rilevanti, e in grado di evidenziare il raggiungimento degli obiettivi fissati e la definizione di ulteriori obiettivi. Gli indicatori utilizzati nel riesame interno costituiscono la struttura portante del presente documento, che la direzione aziendale ha scelto come forma privilegiata di comunicazione dei dati e delle informazioni riguardanti la performance aziendale ai requisiti della norma. Sarà stabilita e mantenuta attiva la regolare comunicazione a tutte le parti interessate dei dati e le altre informazioni riguardanti la performance aziendale in relazione ai requisiti della norma. Partecipanti Nominativo Firma Presenza Nominativo Firma Presenza Teodora Di Santo (RDD SA) Vincenza Giordano (RL SA) Chiara Nardecchia Tiziana Di Francesco Di Santo Tucci Di Giancristofaro

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A.

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A. GENERALITA ALPHAITALIA Spa ha deciso di adottare, integrare nel proprio sistema di gestione (insieme agli aspetti dell assicurazione qualità, della gestione ambientale e della sicurezza sul luogo di lavoro)

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Il lavoro subordinato

Il lavoro subordinato Il lavoro subordinato Aggiornato a luglio 2012 1 CHE COS È? Il contratto di lavoro subordinato è un contratto con il quale un lavoratore si impegna a svolgere una determinata attività lavorativa alle dipendenze

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA PARTI CONTRAENTI Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil DATA DI STIPULA 3 febbraio 2008 FINALITÀ

Dettagli

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL)

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Guida operativa Ottobre 2003 1 SOMMARIO Presentazione pag. 4 Premessa (da Linee Guida UNI-INAIL) pag. 5 A. Finalità (da

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

L Operatore Locale di Progetto OLP

L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito,

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO RCT/RCO Parma, ottobre 2013 2 INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE Ragione sociale Pedemontana Sociale - Azienda Territoriale per i Servizi alla

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO PART TIME PER RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE QUESITO (posto in data 23 marzo 2014) Sono una dipendente a tempo indeterminato dal 2010, trasferita in mobilità nel luglio 2011 presso un Azienda Sanitaria

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

La Responsabilità Sociale d Impresa

La Responsabilità Sociale d Impresa La Responsabilità Sociale d Impresa Claudio Toso Direttore Soci e Comunicazione claudio.toso@nordest.coop.it Piacenza 21 giugno 2005 1 Coop Consumatori Nordest Consuntivo 2004 460.000 Soci 78 supermercati

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 244 IN DATA 28 OTTOBRE 1997. MODIFICATO CON DELIBERAZIONI

Dettagli

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Definizione di RLS (Art 2, comma 1, lettera i) del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81) persona eletta o designata per rappresentare i lavoratori per

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

Dichiarazione dei diritti dell uomo

Dichiarazione dei diritti dell uomo Dichiarazione dei diritti dell uomo Politica dei diritti sul posto di lavoro Per noi è importante il rapporto che abbiamo con i nostri dipendenti. Il successo della nostra azienda dipende da ogni singolo

Dettagli

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale 1 - Individuazione qualifiche e numero di rapporti di lavoro a tempo parziale Il rapporto di lavoro a tempo parziale, anche se a tempo

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

Il Part-Time in Poste Italiane

Il Part-Time in Poste Italiane Il Part-Time in Poste Italiane Vademecum Che cos è? Il contratto a tempo parziale è un contratto di lavoro subordinato che prevede una prestazione di lavoro di durata inferiore rispetto alle 36 ore settimanali

Dettagli

PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015

PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015 PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015 A seguito delle riunioni con le strutture regionali, sono state approfondite le tematiche relative al rinnovo

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Discriminazione sul posto di lavoro Quando una persona viene esclusa o trattata peggio delle altre a causa del sesso, della

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

Il nominativo dell RLS riguarda il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.), e non, come

Il nominativo dell RLS riguarda il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.), e non, come Breve riassunto operativo per la notifica: 1. La comunicazione all INAIL riguarda gli RLS in carica alla data del 31/12/2008. 2. Se non vi sono RLS in carica in tale data, non va effettuata alcuna comunicazione.

Dettagli

GRUPPO. Sicurezza per scelta

GRUPPO. Sicurezza per scelta Ge.Ma. Sicurezza per scelta Ge. Ma. la Qualità e la Sicurezza sono valori che costruiamo insieme a te GE.MA. company profile UN OCCHIO APERTO SUL FUTURO UNA REALTÀ DINAMICA, UN MODELLO EVOLUTO DI CONSULENZA

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro REGIONE VENETO Assessorato alle Politiche Sociali, Volontariato, e Non-Profit Direzione Regionale per i Servizi Sociali - Servizio Prevenzione delle devianze D.G.R. 4019 del 30/12/2002 FONDO REGIONALE

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani 2011 Censite 535,595 2021Stimate 909,000 Età 80+ 2.7% della popolazione nel 2011 14% dal 2006 2041-1397,000 7.3% della popolazione nel 2041 La maggior

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

COMUNE DI VILLACHIARA. Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI

COMUNE DI VILLACHIARA. Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI COMUNE DI VILLACHIARA Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI (Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 174 del 22/10/1997,

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

CONCILIAZIONE NELLA POLITICA DELE PARTI SOCIALI Roma, 2 ottobre 2012

CONCILIAZIONE NELLA POLITICA DELE PARTI SOCIALI Roma, 2 ottobre 2012 CONCILIAZIONE NELLA POLITICA DELE PARTI SOCIALI Roma, 2 ottobre 2012 ACCORDI SINDACALI BITRON SpA IL CONTESTO Il Gruppo Bitron è presente nella provincia di Cuneo con due unità produttive In provincia

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER LE AZIENDE CHE SVOLGONO ATTIVITÀ NEL SETTORE DEL TURISMO

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER LE AZIENDE CHE SVOLGONO ATTIVITÀ NEL SETTORE DEL TURISMO CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER LE AZIENDE CHE SVOLGONO ATTIVITÀ NEL SETTORE DEL TURISMO Premessa Le Parti, nel predisporre questo nuovo contratto collettivo per le aziende del turismo, hanno

Dettagli

- - - - - - - - - - - - 1 - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AFM S.p.A. Sede Legale in Bologna, Via del Commercio Associato n. 22/28 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

Dettagli

Paghe. Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro

Paghe. Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro Definizione Riposi compensativi La banca ore è un istituto contrattuale che consiste nell accantonamento, su di un conto

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO DEL PART-TIME

REGOLAMENTO DEL PART-TIME REGOLAMENTO DEL PART-TIME (approvato con deliberazione di Giunta comunale n. 279 del 14/11/2012, integrato con deliberazione di Giunta comunale n. 311 del 17/12/2013 e, da ultimo, modificato con deliberazione

Dettagli

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali I. Introduzione : una Carta essenziale per tutti i lavoratori europei II. Contesto storico : come è stata elaborata

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DEI CRITERI E DELLE MODALITA DI TRASFORMAZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO DA TEMPO PIENO A TEMPO PARZIALE.

REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DEI CRITERI E DELLE MODALITA DI TRASFORMAZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO DA TEMPO PIENO A TEMPO PARZIALE. COMUNE DI USMATE VELATE Provincia di Monza e della Brianza. Corso Italia n. 22 20040 USMATE VELATE Cod.Fisc.01482570155 REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DEI CRITERI E DELLE MODALITA DI TRASFORMAZIONE DEL

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

ACCORDO DI RINNOVO 5 DICEMBRE 2012

ACCORDO DI RINNOVO 5 DICEMBRE 2012 ACCORDO DI RINNOVO 5 DICEMBRE 2012 MINIMI ED ALTRI ISTITUTI ECONOMICI 130 euro al 5 livello; 112 euro al 3 livello; 132 euro in media Tranche: 1/1/ 13 35 euro; 1/1/ 14 45 euro; 1/1/ 15 50 euro Conglobamento

Dettagli

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA ALLEGATO E) CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA Regione Toscana DG Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale Settore Politiche di Welfare regionale, per la famiglia e cultura della legalità, C.F.

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Approvato con atto deliberativo n. 105 del 29.3.2011 REGOLAMENTO AZIENDALE per la DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE per il Personale Dipendente dell Area del COMPARTO FINALITA : Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Regolamento per la gestione dei contratti di lavoro part-time (approvato con determinazione n 172 del 15.4.2013) Art. 1 - Oggetto

Regolamento per la gestione dei contratti di lavoro part-time (approvato con determinazione n 172 del 15.4.2013) Art. 1 - Oggetto Regolamento per la gestione dei contratti di lavoro part-time (approvato con determinazione n 172 del 15.4.2013) Art. 1 - Oggetto Il presente Regolamento disciplina le procedure per la trasformazione del

Dettagli

Progetto Insieme si può

Progetto Insieme si può Progetto Insieme si può Network dei servizi sociali Lavoro di cura, badanti, politiche dei servizi Milano, 17 aprile 2007 e.mail insieme.roma@libero.it Sito del progetto www.insiemesipuo.net GLI OBIETTIVI

Dettagli

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH ,OQXRYRSDUWWLPH $PELWRGLDSSOLFD]LRQH La circolare ministeriale n. 9 del 18 marzo 2004 ha integrato ed in alcuni casi ampliato, la revisione all istituto del part- time attuata con il D.lgs. n. 276/2003

Dettagli

ACCORDO QUADRO SINDACALE PROVINCIALE SULLA MATERIA DEI CONTRATTI PART TIME INTEGRATIVO AL CCNL TURISMO PARTE SPECIALE PUBBLICI ESERCIZI

ACCORDO QUADRO SINDACALE PROVINCIALE SULLA MATERIA DEI CONTRATTI PART TIME INTEGRATIVO AL CCNL TURISMO PARTE SPECIALE PUBBLICI ESERCIZI ACCORDO QUADRO SINDACALE PROVINCIALE SULLA MATERIA DEI CONTRATTI PART TIME INTEGRATIVO AL CCNL TURISMO PARTE SPECIALE PUBBLICI ESERCIZI Il giorno 4 Febbraio 2003 presso la sede dell Ascom Provinciale in

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani. Possono essere assunti in

Dettagli

Prot. N. 931 /E7 Volterra, 14 aprile 2014 INTESA CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO

Prot. N. 931 /E7 Volterra, 14 aprile 2014 INTESA CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO ISTITUTO d ISTRUZIONE SUPERIORE GIOSUÈ CARDUCCI LICEO CLASSICO, SCIENTIFICO, SOCIO-PSICO-PEDAGOGICO V.le Trento e Trieste n 26-56048 - Volterra (PI) - tel. 0588 86055 - fax 0588 90203 ISTITUTO STATALE

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI IMPRESE ED ENTI OPERANTI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA AD OSPITARE GIOVANI DESTINATARI DI BORSE DI STUDIO/LAVORO

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

(1) Livello Inquadramento

(1) Livello Inquadramento di Mutualità ed Assistenza MACERATA Via Gramsci, 38 Tel. 0733 230243 Fax. 0733 232145 E mail: info@cassaedilemacerata.it www. cassaedilemacerata.it DATI ANAGRAFICI DEL LAVORATORE ( per i nuovi assunti

Dettagli