Verbale Riesame Direzione SA 8000

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Verbale Riesame Direzione SA 8000"

Transcript

1 N 01/2009 Data Descrizione Breve cenno sulla storia del Consorzio Il Consorzio solidarietà CON.SOL. è la prima risposta organizzata alla crescente domanda di servizi ad ampio raggio proveniente dai settori socio-sanitario, assistenziale e formativo, con particolare riguardo per i fenomeni legati all emarginazione, handicap e a tutte le forme di svantaggio sociale. Il Consorzio costituitosi in forma cooperativa raggruppa una serie di realtà operanti da anni sul territorio, in grado di coprire un ampio ventaglio di richieste di enti pubblici come di privati. In questo ci si ispira ai principi che sono alla base del movimento cooperativo: mutualità, solidarietà, associazionismo, rispetto della persona, priorità dell uomo sul denaro, democraticità interna ed esterna. Operando secondo questi principi, intende perseguire l interesse generale della comunità alla promozione umana e all integrazione sociale dei cittadini, attraverso il sostegno e coordinamento delle cooperative socie e loro integrazione con altri soggetti pubblici, privati soci e non. Il Consorzio svolge con propria autonomia: partecipazione gare, acquisizione contratti (modello general contractor), progettazione, ed erogazione, direttamente o tramite le proprie consociate, di servizi socio sanitari educativi (residenze socioassistenziali per anziani e disabili, assistenza domiciliare infermieristica e sociale per anziani e disabili, gestione Centri diurni per minori, gestione centrale di telesoccorso, servizio trasporto disabili e consegna materiali sanitari e protesi, gestione Centri diurni anziani, assistenza scolastica minori disabili, servizio di Segretariato Sociale, centri diurni per portatori di handicap, gestione Nidi d Infanzia, formazione e consulenza). Le cooperative attualmente consociate ed iscritte al Libro Soci sono: ATES Servizi socio educativi per minori semi residenziali. CCNL Coop. Sociali S. Antonio Servizi socio sanitari assistenziali ed educativi di tipo CCNL Coop. Sociali domiciliare e residenziale. Socialtur Sociale Servizi socio sanitari assistenziali ed educativi di tipo CCNL Coop. Sociali domiciliare e residenziale. Socialtur Turistica Inserimento lavorativo attraverso la gestione di attività CCNL Coop. Sociali turistica. Medicinsieme Gestione ambulatori associati. Omniares Gestione asilo nido. CCNL Coop. Sociali Consorzio Futura Servizi socio assistenziali ed educativi di tipo domiciliare CCNL Coop. Sociali e residenziale. Inserimento lavorativo. Servizi e Lavoro Servizi riabilitativi domiciliari. Pubblica assistenza Trasporto sanitario e disabili. CCNL Coop. Sociali CCNL Coop. Sociali Net Service Consulenza del lavoro. SAIMA Coop Soc. a r.l. Servizi socio sanitari assistenziali ed educativi di tipo CCNL Coop. Sociali domiciliare e residenziale SAIMA Coop Soc. a r.l. Coop. Tipo B - Inserimento lavorativo CCNL Coop. Sociali Gentes Coop Soc. a r.l. Servizi socio assistenziali di tipo residenziale CCNL Coop. Sociali Cooperativa Treetà Servizi socio educativi di tipo residenziale CCNL Coop. Sociali Studio 85 Servizi socio sanitari assistenziali di tipo domiciliare. Il Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro Il CCNL della Cooperative Sociali. Storia progetto SA8000 Nell aprile 2009, ha avuto avvio il processo di implementazione del Sistema di Gestione per la Responsabilità Etica SA Tale processo ha previsto la nomina del Rappresentante della Direzione SA 8000 nella persona di Teodora Di Santo e la nomina, da parte dei lavoratori, del Rappresentate dei Lavoratori SA 8000 nella persona di Vincenza Giordano. L implementazione del sistema di responsabilità sociale si è caratterizzato per i seguenti passaggi: 1) Adeguamento allo standard rispetto ai requisiti SA 8000:2008 Lavoro infantile: nell organizzazione aziendale sono impiegati solo lavoratori di età superiore a 18 anni e non soggetti all obbligo scolastico. L azienda non utilizza e non ammette l impiego di lavoro infantile. Lavoro obbligato: tutte le persone che l azienda impiega prestano il loro lavoro volontariamente. Salute e sicurezza: la sicurezza riveste un ruolo centrale nell ambito dell attività aziendale: viene garantito un luogo di lavoro sicuro e salubre ai lavoratori o a chiunque altro possa essere coinvolto nelle attività aziendali. Sono state impiegate tutte le risorse necessarie affinché sia scongiurato qualsiasi incidente tramite la rimozione delle cause di pericolo.

2 Libertà di associazione e diritto alla contrattazione collettiva: sono rispettate la libertà di ciascun lavoratore di formare o aderire a sindacati di sua scelta e il diritto alla contrattazione collettiva. Discriminazione: sono garantite pari opportunità alle persone che lavorano nel Consorzio e esclusa ogni forma di discriminazione. Procedure disciplinari: le pratiche disciplinari esistenti sono esclusivamente quelle previste dal CCNL e si propongono, nel rispetto dell integrità personale, di favorire il rispetto e lo spirito di collaborazione fra i lavoratori, salvaguardando e proteggendo l integrità morale e i diritti di ognuno. Orario di lavoro: la settimana lavorativa ordinaria è variabile nel numero di ore, e sempre in linea con quanto previsto nei Contratti Collettivi Nazionali. Retribuzione: ciascun lavoratore riceve una retribuzione proporzionata alla quantità e alla qualità del proprio lavoro ed è in ogni caso sufficiente ad assicurare a sé e alla propria famiglia un esistenza dignitosa. 2) Predisposizione di un piano di controllo fornitori: Sono state definite e implementate procedure per la selezione dei fornitori sulla base della loro capacità di soddisfare i requisiti dello standard. 3) Definizione dei ruoli e delle funzioni affinché possa essere reso noto e chiaro a tutto il personale le responsabilità, soprattutto in riferimento all esecuzione delle attività necessarie alla gestione del sistema conforme alla SA ) Nomina del Rappresentante dei lavoratori. Tale figura, prevista esplicitamente dalla norma, rappresenta il garante dell applicazione della norma stessa in azienda, a cui tutti i lavoratori possono segnalare eventuali non conformità ai requisiti della SA 8000 di cui vengano a conoscenza. 5) Definizione e attuazione delle modalità di controllo periodiche dell efficacia del Sistema SA 8000 implementato e la conformità ai requisiti della norma, attraverso sia la realizzazione del riesame interno, sia attraverso la pianificazione e lo svolgimento di apposite verifiche ispettive interne. 6) Formazione del personale, attraverso l organizzazione di apposite sessioni formative e riunioni atte a sensibilizzare tutti i soci e i collaboratori sui principi etici enunciati dalla SA ) Adozione di un piano di comunicazione esterna per rendere noto alle parti interessate i dati relativi alla performance aziendale riguardanti i requisiti della norma. 8) Comunicazione ai lavoratori della possibilità, da parte di ciascuno di loro, di presentare reclamo all organismo di certificazione, nel caso venissero rilevate azioni o comportamenti dell azienda non conformi alla norma SA Con l implementazione e il mantenimento del suddetto sistema, l azienda si impegna a rispettare tutti i requisiti di responsabilità sociale previsti dallo standard SA 8000:2008, oltre alle leggi nazionali vigenti e applicate al proprio settore di attività e alla propria realtà operativa e alle disposizioni degli strumenti internazionali espressamente richiamati dallo standard. Il Consorzio si impegna inoltre a considerare il miglioramento continuo quale principio guida delle attività di programmazione e di gestione aziendale, cercando di migliorare continuamente le condizioni di lavoro dei propri operatori. Dall analisi dei dati, relativamente ai diversi temi affrontati, è emerso quanto segue: 1) Lavoro infantile I lavoratori non considerano il lavoro infantile una criticità ai fini etici. Come si evince dal libro matricola, non vi sono lavoratori di età inferiore a 18 anni o soggetti all obbligo scolastico con contratti di apprendistato o stage. L età media dei lavoratori è di anni 35. Nel rispetto delle normative nazionali e internazionali vigenti, il Consorzio ha sempre sostenuto l importanza del lavoro come modalità di crescita e sviluppo personale, oltre che professionale e di acquisizione di capacità tecniche. Il Consorzio ha sempre cercato di avvicinare i giovani al mondo aziendale, offrendo tirocini, stage e contratti di apprendistato, che favoriscono l acquisizione di professionalità specifiche e il loro inserimento nel mondo del lavoro. Se in futuro il Consorzio dovesse impiegare giovani lavoratori con contratti di stage o apprendistato verrà assicurata:

3 l identificazione per ciascun stagista, tirocinante o apprendista di un tutor interno all organizzazione, con funzioni di supporto, programmazione e coordinamento delle attività di formazione e di lavoro; che lo stagista, tirocinante o apprendista non sia esposto a situazioni pericolose o nocive per la salute; la redazione a fine rapporto di lavoro una relazione che dia evidenza della formazione svolta e della crescita professionale del giovane lavoratore. Una nota particolare viene fatta per i tirocinanti (in particolare con qualifica di Addetto alle Commissioni), inviati per un breve periodo dal Centro per l Impiego di Lanciano e comunque al di fuori dell obbligo scolastico. Nel caso in cui, si rilevasse la presenza di un minore presso un fornitore, si provvederà immediatamente a denunciare l accaduto alle autorità competenti. Inoltre, ove possibile, si contribuirà ad aiutare il fornitore, o a seconda della situazione, si assumerà la responsabilità diretta di aiutare il bambino ad esempio: dando un sostegno economico alla famiglia del bambino lavoratore e/o provvedendo ad inserire all interno del proprio organico di un familiare (ove risultassero compatibili le esigenze produttive con le caratteristiche del familiare). Per il prossimo anno si definiscono i seguenti obiettivi e relativo piano di miglioramento: Riduzione lavoro minorile N minori / N lavoratori intera filiera 0 0 Riduzione lavoro giovanile N giovani / N lavoratori intera filiera 0 0 Il Consorzio si impegna nella formazione dei lavoratori con comunicazione preventivamente a tutto il personale delle procedure predisposte. Campagna di informazione presso organizzazione e fornitori contro lo sfruttamento del lavoro minorile 2) Lavoro forzato e obbligato I lavoratori in generale non ritengono essere presenti criticità legate al lavoro forzato ed obbligato. Tutti lavoratori prestano il loro lavoro volontariamente. Nessun lavoratore ha mai lasciato in deposito nel Consorzio denaro o copie originali di documenti. Il Consorzio non ammette che il lavoro prestato dalle persone che impiega sia ottenuto dietro minaccia di una qualsiasi penale. Il lavoro straordinario è richiesto solo quando strettamente necessario e nel rispetto delle normative vigenti ed è sempre volontario. Per assicurare la piena volontarietà di qualsiasi prestazione, il Consorzio si impegna a garantire che tutti i lavoratori siano pienamente consapevoli dei diritti e doveri derivanti dal loro contratto di lavoro. Nel caso in cui, si rilevasse la presenza di situazioni di lavoro forzato presso un fornitore, si provvederà immediatamente a denunciare l accaduto alle autorità competenti. Anticipi concessi stipendi e TFR al Anticipi stipendi Anticipi TFR Anni Beneficiari Ammontare Beneficiari Ammontare ,00 Il Consorzio non ha mai concesso prestiti ai lavoratori ma ha concesso prestiti alle consorziate. Un prestito erogato a Socialtur Turistica per un importo di a condizioni di mercato. Un acconto su fattura a Socialtur Sociale per un importo di Può tuttavia concedere, quando richiesto dai lavoratori e quando possibile dalla situazione economica aziendale, anticipi sugli stipendi fino ad un massimo del 80% dell ammontare dovuto sull ultimo stipendio. L ammontare dell anticipo concesso è evidenziato in busta paga. Gli anticipi sullo stipendio e sul TFR sono concessi dietro espressa richiesta del lavoratore. atteso attuale

4 Turn over personale 10 anni 7 anni Mantenere alto il clima aziendale Media durata assunzioni Contratti TI 2,5 anni 2 anni Rinuncia lavoro forzato e obbligato N denuncie lavoro forzato o obbligato 0 0 Il Consorzio assicura la massima disponibilità alla consegna del CCNL Tutti i lavoratori potranno rivolgersi al RDD. Il Consorzio si impegna in ogni caso ad effettuare ulteriori sessioni formative riguardanti i diritti e obblighi dei lavoratori. Campagna di informazione ai lavoratori sul rispetto del lavoro obbligato. 3) Salute e sicurezza In generale i lavoratori sono soddisfatti circa le condizioni di sicurezza e salubrità sul luogo di lavoro. Tuttavia le indicazioni dei lavoratori mostrano che alcuni aspetti possono essere migliorati. In particolare: il 29% dei lavoratori ritiene che il Consorzio debba adottare misure più adeguate per prevenire incidenti e danni alla salute. il 21% dei lavoratori ritiene che l ambiente di lavoro non è sicuro per la salute del lavoratore. La questione della sicurezza è stata posta con forza al centro dell attenzione dell attività di organizzazione del lavoro, al fine di garantire ai lavoratori e a chiunque altro possa essere coinvolto nelle attività aziendali un luogo di lavoro sicuro e salubre. Il Consorzio ha realizzato un Documento di Valutazione del Rischio per sede in conformità al D.lgs. 81/08 ed ha predisposto piani di evacuazione per emergenze in relazione alla sede. Il Rappresentante dei Lavoratori per la sicurezza, regolarmente eletto, è la sig.ra Tiziana Di Francesco il quale ha partecipato a corso di formazione specifico di 32 ore. Il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione, è il Sig.ra Teodora Di Santo. Il Medico Competente è il dott. Vittorio Bottone. Infortuni al N infortuni 1 2 N lavoratori % infortuni Ore perse malattia È stata fatta formazione adeguata per Pronto Soccorso, Antincendio e per L RSPP. Realizzate tutte le visite mediche con periodicità previste da normativa vigente per neo-assunti. Realizzate tutte le visite mediche di routine secondo i protocolli sanitari predisposti dal Medico Competente. L Analisi del Rischi è aggiornato alla attuali situazioni aziendali. Effettuata revisione estintori. Effettuata verifica cassette pronto soccorso. Grazie ad una strategia tesa alla salvaguardia della salute e della sicurezza dei lavoratori e di chiunque venga coinvolto nelle attività aziendali nonché alla riduzione dei rischi di incidente, abbiamo un numero infortuni basso, dei quali nessuno di particolare gravità. Il miglioramento degli indici di salute e sicurezza è strettamente legato alle attività di prevenzione e di sensibilizzazione, all organizzazione di corsi di formazione e all acquisto e distribuzione di dispositivi di protezione individuali. La fornitura dei dispositivi di protezione individuale ai lavoratori è a carico del Consorzio. Il dettaglio dei DPI distribuiti ai lavoratori è riportato nel documento di valutazione dei rischi. Garantire la sicurezza sul luogo di lavoro N infortuni / N lavoratori 0,02 0,04 Ore perse malattia/infortunio Formazione a tutti i lavoratori circa il D.lgs 81/08 Testo Unico per la Sicurezza e presentazione del RSPP Comunicazione Ispettorato del Lavoro; Effettuare formazione per RSPP, RLS e addetti di primo soccorso Aggiornare nomine addetti emergenza

5 Aggiornare DVR Adeguare cassette di pronto soccorso in conformità a D.lg. 388/03. 4) Libertà di associazione e diritto alla contrattazione collettiva In generale possiamo dire che i lavoratori ritengono che ci sia libertà di associazione e diritto alla contrattazione collettiva. Il Consorzio rispetta il diritto di tutto il personale di formare e aderire ai sindacati di loro scelta, e il diritto dei lavoratori alla contrattazione collettiva. La maggior parte dei lavoratori (1%) aderiscono al sindacato CGIL. Tutti gli altri lavoratori sono liberi di essere contattati da Sindacati anche all interno dell azienda e nell orario di lavoro, come previsto dal CCNL, e di aderire a tali associazioni. Il Consorzio garantisce che, anche in caso di eventuali adesioni, queste non saranno motivo di alcun tipo di discriminazione e che i lavoratori potranno, se vogliono, comunicare liberamente con i rappresentanti sindacali, nei luoghi di lavoro. In tale caso il Consorzio metterà a disposizione spazi aziendali appositi per lo svolgimento delle riunioni sindacali. A testimonianza del clima di collaborazione costruttiva presente in azienda vi è la totale assenza di ore per sciopero, di contenziosi e vertenze. Non esiste un Rappresentante sindacale all interno dell azienda. Lavoratori iscritti ad un sindacato su totale lavoratori Giornate sciopero Contenziosi e vertenze Sindacato 2008 % % % Anni Giorni Anni N CGIL Garantire la libertà di Giorni di sciopero /Giorni lavorativi < 0,01 0 associazione e diritto alla Contenziosi o vertenze < 2 0 contrattazione collettiva % adesione alle organizzazioni sindacali di categoria > 2% 1% Sviluppare le competenza del Rappresentante dei lavoratori per la SA 8000 Agevolare il rapporto tra il Rappresentante dei lavoratori per la SA 8000 ed i lavoratori. 5) Discriminazione In generale i lavoratori sono soddisfatti circa il requisito della discriminazione. L unico input di miglioramento è:: il 14% dei lavoratori ritiene che i ruoli del personale non sono ben definiti provocando confusione. Come si evince dalla tabella, l età dei lavoratori è distribuita in modo omogeneo, abbracciando tutte le fasce d età considerate ad esclusione, come riportato in premessa, quella che va dai 16 ai 18 anni. Composizione organico azienda per fasce età Anzianità del servizio Anni 2008 Anni > da 10 a Da 5 a Meno di Oltre 60 anni 0 Composizione organico per settore Composizione organico per cittadinanza Anno 2008 F M Totale Anno Italiani Comunitari Extra-Comunitari Totale

6 Area Amministrativa Infermieri Fisioterapisti Operatori domiciliari Ausiliari Commissioni generiche Totali 40 Il Consorzio garantisce pari opportunità a tutte le persone che vi lavorano e non ammette alcuna forma di discriminazione. Il Consorzio in più occasioni ha attivato tirocini di inserimento lavorativo per soggetti svantaggiati (ex alcolisti e tossicodipendenti) La tabella Anzianità di servizio ci serve per valutare la continuità del rapporto di lavoro nel tempo. Per molti lavoratori questa azienda è stato il primo impiego ed evidentemente il buon clima aziendale, il rispetto dell orario di lavoro e della dignità di ognuno, fanno si che questo rapporto si protragga nel tempo. Il nuovo personale è assunto sulla base di parametri oggettivi in termini di formazione, esperienze e abilità in relazione alle funzioni da ricoprire. In accordo al CCNL il lavoratore può essere sottoposto, prima dell'assunzione, a visita medica da parte del sanitario di fiducia del Consorzio per l'accertamento dei requisiti fisici e psicoattitudinali necessari per l'espletamento del lavoro cui sono destinati. Tutto il personale di nuova assunzione è inoltre sottoposto ad un periodo di prova in accordo e secondo i tempi dettati dal CCNL al fine di definire l idoneità rispetto alle mansioni da svolgere (lavoratore) ovvero rispetto ai doveri in qualità di soggetto che deve entrare a far parte della compagine sociale (socio lavoratore). Il lavoro è remunerato secondo le indicazioni contenute nel CCNL applicato. L accesso alla formazione è garantito tenendo conto delle necessità aziendali. Per tutti i lavoratori, indipendentemente dalle mansioni loro attribuite, sono organizzati corsi di formazione sui temi salute, sicurezza e responsabilità sociale. Non vi è alcuna interferenza con la libertà di ciascun lavoratore di seguire i propri principi. L integrità dei lavoratori è salvaguardata e non sono ammessi comportamenti offensivi della loro sfera personale. La tabella Composizione organico per settore mostra che i lavoratori sia soci che non sono omogenei sotto il profilo del genere e non si ha alcuna concentrazione particolare di uomini o donne in una specifica funzione. Nell anno in corso le donne hanno fatto parte dell organico in percentuale del 82%. La tabella Composizione organico per cittadinanza mostra che nell anno in corso non ci sono stati comunitari e extracomunitari ma solo lavoratori con cittadinanza italiana. L esigua percentuale non sta a rappresentare un fenomeno discriminatorio ma la carenze di qualifiche e competenze richieste tra i lavoratori extracomunitari. La tabella Composizione organico azienda per fasce età mostra che i lavoratori sia soci che non sono omogenei sotto il profilo dell età e non si ha alcuna concentrazione particolare di giovani o anziani in una specifica funzione. atteso attuale Porre attenzione pari opportunità utilizzando strumenti di legge Composizione organico (Uomini/Donne) 0,80 0,82 Favore inserimento lavorativo di persone diversamente abili e categorie svantaggiate N lavoratori diversamente abili 0,01 0,02 Mobbing N denuncie per mobbing 0 0 Agevolare il rapporto tra il Rappresentante dei lavoratori per la SA 8000 ed i lavoratori Costituzione del comitato per le pari Opportunità; Sostegno ad iniziative rivolte a persone diversamente abili; 6) Procedure disciplinari In generale i lavoratori sono soddisfatti della scarsa applicazione delle procedure disciplinari. Esiste un regolamento disciplinare in vigore nel Consorzio, affisso alla bacheca destinata alle comunicazioni interne, che descrive le pratiche disciplinari esistenti e si propone di favorire il rispetto e lo spirito di collaborazione fra i lavoratori. Tale regolamento è estratto dal Contratto Collettivo Nazionale.

7 La tabella Pratiche disciplinari applicate mostra che il ricorso alle varie pratiche descritte è praticamente nullo. Negli ultimi tre anni il Consorzio non è ricorsa ad alcun provvedimento disciplinare, a dimostrazione dell effettivo clima di rispetto esistente presso il Consorzio. Pratiche disciplinari applicate 2008 Ammonizione verbale 2 Ammonizione scritta (lettere di richiamo) 0 Multe 0 Sospensione dal lavoro 0 Licenziamento 0 Implementare nuove metodologie per ridurre il N pratiche attivate < 2 0 numero di pratiche disciplinari. Tipologia sanzioni Verbali Formazione a tutti i lavoratori sulle pratiche disciplinari così come previsto dal CCNL; 7) Orario di lavoro In generale i lavoratori sono soddisfatti circa il rispetto dell orario di lavoro. Relativamente agli orari di lavoro il Consorzio risulta parzialmente inadeguata alle leggi in vigore, agli standard di settore e a quanto previsto dal CCNL. Il CCNL prevede: 38 ore settimanali con almeno un giorno di riposo ogni 7 giorni lavorativi; lavoro straordinario (superiore alle 38 ore settimanali) di massimo 12 ore settimanali retribuito con una percentuale aggiuntiva rispetto alle ore ordinarie. In realtà alcuni lavoratori con contratto di dipendenza che svolgono attività domiciliare e attività di coordinamento possono svolgere un monte ore variabile in funzione delle ore di prestazione da erogare. Per questa tipologia di lavoratori viene applicata la flessibilità goduto e flessibilità lavorata (superamento del normale orario di lavoro settimanale a causa dell intensità dell attività compensato da una riduzione, nei periodi di minore intensità lavorativa, di una pari entità di ore di lavoro). L eccedenza delle ore di lavoro oltre le 38 ore settimanali non pregiudica assolutamente la possibilità di assicurare ad altri lavoratori un monte ore tale da garantire loro una equa retribuzione e non genera alcuna forma di discriminazione. Se infatti si dovesse verificare che un lavoratore effettua un monte ore tale da non garantire una equa retribuzione si verifica sempre la volontà dello stesso di aumentare il suo monte ore ed in caso di volontà espressa si aumentano le ore a discapito di chi ha un monte ore superiore alle 38 ore settimanali; L orario di lavoro è definito tramite appositi turni e orari stabiliti a seconda della tipologia di servizi erogati e comunicati al personale interessato. Eventuali modifiche della distribuzione delle ore nell arco della settimana sono concordate con i lavoratori, così come la pianificazione delle ferie, dei congedi e dei permessi. L orario di lavoro aziendale è: Ufficio sede principale: ,30-19,00 dal lunedì al giovedi, il venerdi Ufficio sede Consol Venafro: 08,00-20,00 tutti i giorni dal lunedì al venerdi. 08,00-14,00 il sabato; Adeguamento al CCNL rispetto ore di lavoro Media ore lavorative settimanali < Migliorare efficienza orario lavoro riducendo le ore di straordinario Ore straordinario < 12 0 Applicazione flessibilità goduta e flessibilità lavorata Introdurre nuove forme di orario in via sperimentale chiarendo bene ai lavoratori le innovazioni; 8) Retribuzione

8 In generale i lavoratori sono soddisfatti circa gli aspetti della retribuzione. Nello specifico: il 14% dei lavoratori ritiene che il suo inquadramento contrattuale non è adeguato al CCNL il 14% dei lavoratori dichiara che il suo lavoro non è giustamente remunerato. Non risultano previsti inquadramenti contrattuali inferiori alle qualifiche reali del personale operante in azienda. Le retribuzioni medie pagate ai dipendenti sono in linea con quanto previsto dai contratti nazionali e sono superiori, sebbene in misura diversa a seconda della funzione svolta, alla soglia di povertà prevista a livello nazionale e sono in grado quindi di soddisfare le necessità fondamentali dei lavoratori e di garantire una parte di reddito aggiuntiva per fini discrezionali. Le forme contrattuali attualmente utilizzate nel Consorzio sono: Tipologia di Contratto Contratto a Tempo Determinato 0 Contratto a Tempo Indeterminato 14 CI Part Time 4 CI Full Time 10 Contratto Occasionale 0 Contratto a Progetto 24 Tirocinio 1 Indennità di Direzione 1 In ogni caso i contratti a termine sono utilizzati per: a) sostituzioni di lavoratori dipendenti assenti per malattia, maternità, ferie, servizio militare ed in tutti i casi in cui il lavoratore dipendete assente abbia diritto alla conservazione del posto di lavoro b) per sostituzione, anche parziale, di soci e di lavoratori dipendenti, chiamati a svolgere funzioni di coordinamento all'interno del Consorzio o per soci e per i lavoratori dipendenti che abbiano ottenuto l'aspettativa; c) in periodi di intensificazione dell'attività; d) per sostituzione di personale dipendente a part-time, post maternità; e) per sostituzione di soci e di lavoratori temporaneamente inidonei a svolgere le mansioni loro assegnate; f) per figure professionali non esistenti in azienda. Il contratto di lavoro a Tempo a Progetto è la forma contrattuale più utilizzata nel Consorzio. Questa situazione è assolutamente momentanea e dovuta al fatto che il Consorzio è stata costretta a gestire in forma diretta l affidamento ricevuto dall ASREM di Campobasso del bando integrato per l Ente d Ambito di Venafro. Per tamponare la criticità ed evitare di essere bandita all accesso di altri bandi pubblici il Consorzio ha assunto con contratto a progetto tutti i lavoratori fino alla scadenza del bando. Per quanto riguarda i tempi di erogazione delle retribuzioni il primo giorno utile dopo il giorno 20 di ogni mese vengono erogate a tutti i lavoratori le retribuzioni relative alle prestazioni erogate durante il mese precedente. In ogni caso i tempi di pagamento sono sempre concordati con i lavoratori e formalizzati nel CCNL. E assicurata una retribuzione decorosa in modo che il salario pagato per una settimana lavorativa standard corrisponda sempre agli standard legali o agli standard minimi di settore e che sia sempre sufficiente a soddisfare i bisogni primari del personale. In particolare è rispettato il living wage su base nazionale applicato al centro Italia pari a 790 per il minimo livello (retribuzione minima per un full time). Media dei compensi 2008 Totale Area Amministrativa 800 Infermieri Fisioterapisti Operatori domiciliari 600 Ausiliari 400 Commissioni generiche 400

9 Miglioramento forme contrattuali N Contratti atipici / N totale Contratti < 0,20 0,60 Adeguamento livelli inquadramento N lavoratori livello < mansioni svolte / N lavoratori 0 0 Rispetto tempistiche di pagamento Media ritardo giorni di pagamento stipendi < 30 gg 25 gg Rispetto del salario minimo N lavoratori retribuzione inferiore al living wage ( 790) / N lavoratori 0 0,00 Trasformazione contratti CoCoPro in contratti a tempo determinati; 9) Sistemi di gestione In generale i lavoratori sono soddisfatti circa il rispetto di tutti i requisiti di sistema della SA Il Consorzio dal aprile 2009 ha iniziato l implementazione di un Sistema di Gestione della Responsabilità Sociale conforme alla norma SA8000:2008. atteso Aumentare ore formazione profession. e sviluppo competenze Ore di formazione 5 3 Riduzione Non Conformità fornitori NC rilevate in verifica ispettiva di parte seconda 0 Comunicazione applicazione sistema di gestione della responsabilità sociale; Divulgazione Politica della Responsabilità Sociale; Formazione a tutto il personale circa i requisiti della SA 8000; attuale Il dialogo con le parti interessate: comunicazione interna ed esterna I lavoratori del Consorzio, i Committenti, gli utenti e loro famiglie, fornitori, le istituzioni e le varie associazioni locali sono stati individuati quali parti interessate più vicine all azienda e più direttamente coinvolti nella vita aziendale. Il Consorzio da la possibilità a tutte le parti interessate di segnalare eventuali non conformità rispetto ai requisiti della norma SA 8000:2008. Coinvolgimento attivo nella realtà sociale come Aggiunto Di seguito si elencano le principali attività di impegno sociale del Consorzio: Bilancio sociale anno 2007; Organizzazione convegni circa Piano di Zona sull ambito sociale e territoriale n 27 (Maielletta); Predisposizione del Documento Tecnico di Servizio relativo ai Centri Diurni Minori; Progetto di cooperazione transnazionale a favore di alcune popolazioni della Colombia; Progetto sulla promozione dell imprenditoria femminile (L. 125); Accreditamento per l accoglienza di volontari di servizio civile; Tirocini Sviluppo Locale organizzati dalla Provincia di Chieti per la promozione dello sviluppo locale del lavoro; Controllo fornitori/subappaltatori e subfornitori Le attese della società civile e delle comunità locali si sono evolute considerevolmente negli ultimi anni: sono divenute sempre più sensibili al comportamento etico delle imprese e hanno imparato a riconoscere, dietro il prodotto e il servizio, il processo produttivo che lo ha generato. A questo proposito il Consorzio si è attivata sempre di più negli ultimi tempi per intraprendere uno "stile gestionale" socialmente responsabile, orientato al coinvolgimento degli stakeholder e al controllo della filiera. L obiettivo ultimo di questo lavoro è infatti di stimolare un processo a catena di adeguamento agli standard da parte di partner, fornitori e sub fornitori influenzandone il comportamento e accrescendone la qualità etico sociale. L adozione dello standard SA 8000:2008 porta a privilegiare le imprese che dimostreranno, oltre alle competenze tecniche e gestionali, la propria sensibilità alle problematiche sociali, senza generare oneri aggiuntivi al cliente. Nel processo di adeguamento allo standard SA 8000:2008, è stata posta particolare attenzione alla capacità dei fornitori/subappaltatori e subfornitori di rispondere ai requisiti della norma, non solo perché richiesto

10 espressamente, ma per la possibilità concreta, coinvolgendo attori a monte della filiera produttiva, di estendere il rispetto di principi fondamentali riconosciuti a livello internazionale. E stato avviato un processo di monitoraggio sui fornitori con l invio di una lettera di adesione ai principi della norma SA 8000:2008 e l effettuazione di apposite verifiche ispettive di parte seconda. Il codice di condotta stabilisce i requisiti di minimi a cui i fornitori devono essere conformi, in quanto il rispetto dello Standard SA 8000:2008 sarà condizione gradualmente necessaria per mantenere e rafforzare i rapporti con i soggetti in causa. In particolare sono criteri di valutazione: l adesione al programma SA 8000:2008; il rispetto di tutti i requisiti della norma (discriminante per la scelta di un nuovo fornitore); l impegno a conformarsi a tutti i requisiti in un arco temporale concordato in base alle criticità individuate per tutti gli altri fornitori di prodotti e quelli di servizio come fattore determinante al proseguimento del rapporto; l impegno a partecipare alle attività di monitoraggio aziendale. Nel caso in cui i fornitori critici (ossia con un elevata presenza di manodopera) si trovassero in una condizione critica relativamente alla SA 8000:2008, il Consorzio si impegnerà ad aiutare il fornitore, mettendo a disposizione il proprio know how, in modo da poter attuare delle azioni correttive efficaci. Nel caso in cui tutti gli interventi effettuati siano risultati inutili, anche per la mancanza di volontà del fornitore stesso, il Consorzio si troverà costretta a eliminare il fornitore da proprio elenco. Il Consorzio sollecita inoltre i propri fornitori a: estendere la conoscenza dei requisiti dello standard e l adesione allo stesso progetto ai propri fornitori, consapevoli della necessità di sviluppare cultura e consapevolezza sui temi della responsabilità sociale per rendere efficaci ed efficienti tutti gli sforzi in merito; registrare in modo accurato e completo tutti i fornitori con cui interagiscono in modo continuativo, al fine di rafforzare il controllo su tutta la filiera. Verifiche ispettive interne Nel corso del 2009 è stata effettuata una verifica ispettiva interna su tutti i requisiti della norma SA 8000:2008, condotta da personale della società di consulenza. Tale verifica, svolta in data , ha avuto un esito positivo. Riesame della Direzione L alta direzione riesamina annualmente l adeguatezza, l appropriatezza e la continua efficacia della politica aziendale, delle procedure e dei risultati di performance in ottemperanza ai requisiti previsti dalla norma SA 8000 e dagli altri requisiti sottoscritti del Consorzio. Le eventuali modifiche e i miglioramenti ritenuti necessari saranno implementati. Per facilitare il riesame, è stata definita una serie di indicatori, significativi e rilevanti, e in grado di evidenziare il raggiungimento degli obiettivi fissati e la definizione di ulteriori obiettivi. Gli indicatori utilizzati nel riesame interno costituiscono la struttura portante del presente documento, che la direzione aziendale ha scelto come forma privilegiata di comunicazione dei dati e delle informazioni riguardanti la performance aziendale ai requisiti della norma. Sarà stabilita e mantenuta attiva la regolare comunicazione a tutte le parti interessate dei dati e le altre informazioni riguardanti la performance aziendale in relazione ai requisiti della norma. Partecipanti Nominativo Firma Presenza Nominativo Firma Presenza Teodora Di Santo (RDD SA) Vincenza Giordano (RL SA) Chiara Nardecchia Tiziana Di Francesco Di Santo Tucci Di Giancristofaro

Verbale Riesame Direzione SA 8000

Verbale Riesame Direzione SA 8000 N 01/2010 Data 05.05.2010 Descrizione Breve cenno sulla storia del Consorzio Il Consorzio solidarietà CON.SOL. è la prima risposta organizzata alla crescente domanda di servizi ad ampio raggio proveniente

Dettagli

DOCUMENTO DI RIESAME DELLA DIREZIONE

DOCUMENTO DI RIESAME DELLA DIREZIONE DOCUMENTO DI RIESAME DELLA DIREZIONE REPORT SULLO STATO DI GESTIONE DEL SISTEMA DI RESPONSABILITA SOCIALE IN BASE AI REQUISITI DELLA NORMA SA 8000/08 AGGIORNATO AL 3 NOVEMBRE 2014 Doc. Riesame della Direzione

Dettagli

Riesame SA 8000/08. Responsabilità Sociale SA 8000:2008 M 9.2.1. Rev. 1 del 03.11.2011 Pag. 1 di 16

Riesame SA 8000/08. Responsabilità Sociale SA 8000:2008 M 9.2.1. Rev. 1 del 03.11.2011 Pag. 1 di 16 Pag. 1 di 16 R I E S A M E S A 8 0 0 0 / 0 8 DATA OGGETTO REDATTO VERIFICATO APPROVATO 09/06/2011 Riesame SA 8000 PASTORE G. PASTORE G. I semestre 2011 GALEAZZO F. DA 03/11/2011 PASTORE G. PASTORE G. Riesame

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE DI RESPONSABILITA SOCIALE 8000 (SOCIAL ACCOUNTABILITY 8000 SA 8000)

LA CERTIFICAZIONE DI RESPONSABILITA SOCIALE 8000 (SOCIAL ACCOUNTABILITY 8000 SA 8000) LA CERTIFICAZIONE DI RESPONSABILITA SOCIALE 8000 (SOCIAL ACCOUNTABILITY 8000 SA 8000) La SA8000:2008 è la certificazione rilasciata alle aziende che, dopo controllo, risultano essere conformi a parametri

Dettagli

Bilancio SA8000:2008

Bilancio SA8000:2008 Bilancio SA8000:2008 2010 30 luglio 2011 Il Presidente Fabio Pini Bilancio Sociale SA 8000:2008 anno 2009 Pagina 1 Indice Leggi di Riferimento per la Cooperativa pag. 03 Requisiti della norma SA8000 Lavoro

Dettagli

COMUNICAZIONE AGLI STAKEHOLDERS

COMUNICAZIONE AGLI STAKEHOLDERS COMUNICAZIONE AGLI STAKEHOLDERS Oggetto: Comunicazione relativa all impegno per la Responsabilità Sociale di Sparacio Trasporti Sparacio Trasporti ha sempre dato una fondamentale importanza alla qualità

Dettagli

BILANCIO SOCIALE e RIESAME DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA RESPONSABILITA SOCIALE SA 8000

BILANCIO SOCIALE e RIESAME DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA RESPONSABILITA SOCIALE SA 8000 BILANCIO SOCIALE SA 8000 BILANCIO SOCIALE e RIESAME DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA RESPONSABILITA SOCIALE SA 8000 Data emissione condivisione Approvazione : Rappresentante della Direzione - Responsabile

Dettagli

RELAZIONE BILANCIO SOCIALE 2014

RELAZIONE BILANCIO SOCIALE 2014 RELAZIONE BILANCIO SOCIALE 2014 Quanta ha ottenuto la certificazione in conformità allo standard internazionale SA 8000, standard che ha come punti cardini il rispetto dei diritti umani, il rispetto dei

Dettagli

BILANCIO SA 8000:2008

BILANCIO SA 8000:2008 \ BILANCIO SA 8000:2008 AL 05.10.2012 DELTA GROUP AGROALIMENTARE s.r.l. via Dosso, 43 PORTO VIRO (RO) Pagina 1 di 13 Politica Etico - Sociale DELTA GROUP AGROALIMENTARE s.r.l. La Direzione Generale di

Dettagli

Tutto il personale impiegato in Webkorner è maggiorenne.

Tutto il personale impiegato in Webkorner è maggiorenne. SA8000 IN WEBKORNER LAVORO INFANTILE Webkorner si impegna a non utilizzare né a favorire l utilizzo di manodopera infantile e minorile. L azienda, ritenendo la tutela dei minori di assoluta priorità, ha

Dettagli

Documento di registrazione

Documento di registrazione /allegato B 1 / 5 Il giorno 29 aprile 2013 si è tenuta la prima visita di sorveglianza da parte dell Organismo di Certificazione ABS Quality Evaluations e sono emersi i seguenti suggerimenti: a) 3.4 -

Dettagli

POLITICA PER LA RESPONSABILITÀ SOCIALE SA8000

POLITICA PER LA RESPONSABILITÀ SOCIALE SA8000 POLITICA PER LA RESPONSABILITÀ SOCIALE SA8000 L Enpacl sostiene l importanza dei valori d etica d impresa, sia per l impatto che questa ha nel contesto sociale in cui è inserita, sia per quello ambientale

Dettagli

BILANCIO SA 8000:2008

BILANCIO SA 8000:2008 \ BILANCIO SA 8000:2008 AL 02.11.2015 Società Cooperativa Sociale Onlus Roèh Via delle Industrie Rovigo Pagina 1 di 15 Politica Etico - Sociale SOCIETÀ COOPERATIVA SOCIALE ROÈH La Presidenza della SOCIETÀ

Dettagli

Bilancio SA 8000 Anno 2013

Bilancio SA 8000 Anno 2013 PAG. 1 DI 18 INDICE 1. Scopo e metodologia 2. Descrizione dell Azienda 2.1. Gli Stakeholders 3. Politica per la Responsabilità Sociale 4. I requisiti della norma SA 8000 4.1. Lavoro infantile 4.2. Lavoro

Dettagli

PROCEDURA PI 4.3.1-16 Procedura per la definizione dei requisiti della Responsabilità Sociale

PROCEDURA PI 4.3.1-16 Procedura per la definizione dei requisiti della Responsabilità Sociale PROCEDURA PI 4.3.1-16 Procedura per la definizione dei requisiti della Sociale Emissione 25/06/2010 1 di 11 1. SCOPO Lo scopo della presente procedura è di individuare e specificare i requisiti derivanti

Dettagli

MANUALE DI RESPONSABILITÀ SOCIALE SA8000 ED ALLEGATI APPENDICE B: DATI DEL BILANCIO SOCIALE AL 31/12/2015 PARTE PRIMA ELEMENTI NORMATIVI

MANUALE DI RESPONSABILITÀ SOCIALE SA8000 ED ALLEGATI APPENDICE B: DATI DEL BILANCIO SOCIALE AL 31/12/2015 PARTE PRIMA ELEMENTI NORMATIVI APPENDICE B: DATI DEL BILANCIO SOCIALE AL 31/12/2015 1.LAVORO INFANTILE PARTE PRIMA ELEMENTI NORMATIVI L azienda non intende utilizzare e favorire l utilizzo di lavoro infantile. Se l azienda dovesse venire

Dettagli

RESPONSABILITÀ SOCIALE BILANCIO SOCIALE SA8000 ANNO 2015

RESPONSABILITÀ SOCIALE BILANCIO SOCIALE SA8000 ANNO 2015 RESPONSABILITÀ SOCIALE BILANCIO SOCIALE SA8000 ANNO 2015 DISTRIBUZIONE CONTROLLATA DISTRIBUZIONE NON CONTROLLATA NUMERO IDENTIFICATIVO PERSONALE (Solo per distribuzione controllata) Verifica Edizione Revisione

Dettagli

COMMUNICATION ON PROGRESS 2012

COMMUNICATION ON PROGRESS 2012 COMMUNICATION ON PROGRESS 2012 Messaggio della Bruschi Spa attraverso il suo CEO A distanza di 1 anno dalla prima adesione all iniziativa Global Compact siamo lieti di confermare il nostro impegno a proseguire

Dettagli

SA 8000: 1997 SA 8000. Social Accountability 8000 Responsabilità Sociale 8000

SA 8000: 1997 SA 8000. Social Accountability 8000 Responsabilità Sociale 8000 SA 8000: 1997 SA 8000 Social Accountability 8000 Responsabilità Sociale 8000 Sulla Norma SAI Questa è l edizione iniziale di SA8000, una norma omogenea e verificabile attraverso un sistema di verifica

Dettagli

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A.

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A. GENERALITA ALPHAITALIA Spa ha deciso di adottare, integrare nel proprio sistema di gestione (insieme agli aspetti dell assicurazione qualità, della gestione ambientale e della sicurezza sul luogo di lavoro)

Dettagli

QUESTIONARIO VALUTAZIONE FORNITORI

QUESTIONARIO VALUTAZIONE FORNITORI SOMMARIO 1. Introduzione 1.1 Scopo 1.2 Riferimenti normativi 2. Informazioni di carattere generale ed economiche 2.1 Dati generali 2.2 Informazioni economiche 2.3 Informazioni commerciali 2.4 Contatti

Dettagli

BILANCIO SOCIALE SA 8000

BILANCIO SOCIALE SA 8000 BILANCIO SOCIALE SA 8000 ITAF srl www.itafsrl.it Pag 1 di 10 INDICE 1Introduzione... 3 2 PROFILO AZIENDALE 2.1 Company Profile.. 3 2.2 Certificazioni e Qualifiche...3 2.3 Attività realizzate.4 2.3 I valori..4

Dettagli

RIESAME DELLA DIREZIONE E. PIANO DI MIGLIORAMENTO 2015 Installazioni Impianti S.p.A. Roma, 28 Gennaio 2015

RIESAME DELLA DIREZIONE E. PIANO DI MIGLIORAMENTO 2015 Installazioni Impianti S.p.A. Roma, 28 Gennaio 2015 Riunione del 28 gennaio 2015 RIESAME DELLA DIREZIONE E PIANO DI MIGLIORAMENTO 2015 Installazioni Impianti S.p.A. Roma, 28 Gennaio 2015 Silvia Sforza: della Direzione per la SA8000 Emiliano Sabbatini: della

Dettagli

IL BILANCIO SA8000: UN ESEMPIO DI APPLICAZIONE.

IL BILANCIO SA8000: UN ESEMPIO DI APPLICAZIONE. IL BILANCIO SA8000: UN ESEMPIO DI APPLICAZIONE. CONSIDERAZIONI GENERALI Quello che segue è un esempio di applicazione del bilancio SA8000 ad un caso aziendale astratto. E redatto solamente a fini dimostrativi

Dettagli

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE Brugherio, 20 gennaio 2015 piomboleghe srl via eratostene, 1-20861 brugherio (mb) tel. 039289561, fax. 039880244 info@piomboleghe.it www.piomboleghe.it cap. soc. 1.300.000,00

Dettagli

BILANCIO SOCIALE 2014

BILANCIO SOCIALE 2014 BILANCIO SOCIALE 2014 Aggiornato al 31.12.14 Il Bilancio Sociale SA 8000 risponde all obiettivo di comunicare in modo trasparente, chiaro e completo a tutte le parti interessate sulle prestazioni dell

Dettagli

Bilancio SA8000 Rev. 8 - Gennaio 2013 Parte II INDICE Parte II

Bilancio SA8000 Rev. 8 - Gennaio 2013 Parte II INDICE Parte II 1 INDICE SALUTE E SICUREZZA... 2 LIBERTA DI ASSOCIAZIONE E DIRITTO ALLA CONTRATTAZIONE COLLETTIVA... 4 DISCRIMINAZIONE... 5 PROCEDURE DISCIPLINARI... 6 ORARIO DI LAVORO... 7 SISTEMA DI GESTIONE... 12 4.OBIETTIVI

Dettagli

CONTROLLATO & APPROVATO

CONTROLLATO & APPROVATO SGQ MOD. 001 FG 1-05.2003 BILANCIO 2014 KURSANA PIEMONTE Data: 31.01.2015 Pag.: 1/12 1. PREMESSA 2. LAVORO INFANTILE 3. LAVORO OBBLIGATO 3.1 ORE DI ASSENZA PER MALATTIA, MATERNITÀ 4. SALUTE & SICUREZZA

Dettagli

Sommario INTRODUZIONE - PERCHÉ UN BILANCIO SA 8000...3 1 PRESENTAZIONE DELLA SOCIETA...3

Sommario INTRODUZIONE - PERCHÉ UN BILANCIO SA 8000...3 1 PRESENTAZIONE DELLA SOCIETA...3 BILANCIO SA 8000 2009 Sommario INTRODUZIONE - PERCHÉ UN BILANCIO SA 8000...3 1 PRESENTAZIONE DELLA SOCIETA...3 2 IDENTIFICAZIONE DEI PORTATORI DI INTERESSE (STAKEHOLDER)...4 2.1 Amministratore Unico...4

Dettagli

L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL

L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SCHEDE DI APPROFONDIMENTO IL 1 Servizio di Prevenzione e Protezione (art. 31) Che cos

Dettagli

RAPPORTO DI RESPONSABILITA SOCIALE 2014

RAPPORTO DI RESPONSABILITA SOCIALE 2014 RAPPORTO DI RESPONSABILITA SOCIALE 2014 RAPPORTO DI RESPONSABILITA SOCIALE 2014 1. Chi siamo? Autoguidovie, nata nel 1908, è una società per azioni a capitale privato che da più di 100 anni opera nel trasporto

Dettagli

Indicatori Etici SA 8000

Indicatori Etici SA 8000 Da anni la Ditta Giuntoli G&G si occupa della produzione di ghiaccioli, granite e gelato artigianale. L'azienda produce una vasta gamma di prodotti tutti relativi alla gelateria e sorbetteria: ghiaccioli,

Dettagli

PRINCIPALI DEFINIZIONI

PRINCIPALI DEFINIZIONI SOCIAL ACCOUNTABILITY 8000 (SA8000 è un marchio registrato di Social Accountability International) SCOPO E AMBITO D'AZIONE Lo scopo della SA8000 è di fornire una base standard rispetto a diritti umani

Dettagli

CITTA DI PADERNO DUGNANO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ASILI NIDO COMUNALI

CITTA DI PADERNO DUGNANO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ASILI NIDO COMUNALI CITTA DI PADERNO DUGNANO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ASILI NIDO COMUNALI APPROVATO CON DELIBERAZIONE CONSILIARE N 78 del 26 settembre 1997 e N 13 del 12 marzo 1998 TITOLO 1 Finalità

Dettagli

Gestione del personale

Gestione del personale PROCEDURA PGSA 01 Gestione del personale Rev. Data Oggetto Redatto da Approvato da 01 30/09/212 Prima emissione Resp. RSGSA Direzione 1 Sommario 1. Scopo...... 3 2. Campo di applicazione...3 3. Riferimenti...3

Dettagli

Azione Pegaso 2015. del D.Lgs. 81/08. Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza

Azione Pegaso 2015. del D.Lgs. 81/08. Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Applicazione del D.Lgs. 81/08 nella scuola Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Cosa deve fare il Dirigente Scolastico (misure generali di tutela, art 15) Individuare

Dettagli

COMUNICAZIONE AZIENDALE

COMUNICAZIONE AZIENDALE Pag. 1/8 Redatto: E. Brichetti Versione: 01 Data emissione: Ottobre 2014 Firma Data Rivisto: Approvato: M.L. Orler M.L. Orler Distribuito a: Personale CLA e Parti Interessate esterne all Azienda Pag. 2/8

Dettagli

BILANCIO SOCIALE SA8000

BILANCIO SOCIALE SA8000 BILANCIO SOCIALE SA8000 Go2Tracks Srl Cascina (PI) - Italia INDICE INTRODUZIONE... 3 DESCRIZIONE DELL AZIENDA... 4 1.1 Presentazione dell Azienda... 4 1.2 Struttura organizzativa... Errore. Il segnalibro

Dettagli

Verbale di riesame della direzione

Verbale di riesame della direzione Verbale di riesame della direzione Responsabilità Sociale SA8000 ALTEC SERVICES S.r.l. Via Bombrini 13/5 16149 Genova Italy Phone / Fax +39 010419948 e-mail: info@altecservices.it C.F. / P.I. 01828020998

Dettagli

Regolamento Interno Premessa Art. 1 - Principi dei rapporti sociali Art. 2 - Diritti e doveri dei soci

Regolamento Interno Premessa  Art. 1 - Principi dei rapporti sociali Art. 2 - Diritti e doveri dei soci Regolamento Interno Premessa La Cooperativa Sociale Solidaria ha lo scopo di perseguire l'interesse generale della comunità alla promozione umana e all integrazione sociale dei cittadini attraverso la

Dettagli

SA 8000. CERTIFICAZIONE ETICA I Sistemi di Responsabilità Sociale coinvolgono le cosiddette Parti Interessate e cioè:

SA 8000. CERTIFICAZIONE ETICA I Sistemi di Responsabilità Sociale coinvolgono le cosiddette Parti Interessate e cioè: SA 8000 La SA 8000 ha la stessa impostazione generale delle norme internazionali relative ai Sistemi di Qualità ed impegna l Azienda ad assicurare il rispetto dei principi etici delle Nazioni Unite sancite

Dettagli

POLITICA PER LA QUALITÀ, L AMBIENTE, LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO E LA RESPONSABILITA SOCIALE

POLITICA PER LA QUALITÀ, L AMBIENTE, LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO E LA RESPONSABILITA SOCIALE POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO La Cooperativa sociale ITALCAPPA è consapevole dell importanza e della necessità di avvalersi di un Sistema di Gestione integrato per la qualità, l ambiente,

Dettagli

CODICE ETICO E DI CONDOTTA

CODICE ETICO E DI CONDOTTA CODICE ETICO E DI CONDOTTA Premesse La Cooperativa, retta dai principi della mutualità' prevalente, senza finalità' speculative, ha lo scopo di perseguire l interesse generale della comunità' alla promozione

Dettagli

Dott.ssa Margareth Stefanelli

Dott.ssa Margareth Stefanelli IL RAPPORTO DI LAVOR0 NORME CHE TUTELANO IL DIRITTO DEL LAVORO Leggi del lavoro Norme Costituzionali Codice Civile Leggi Speciali Direttive Comunitarie Tutela della maternità Lavoro minorile Integrità

Dettagli

Nella presente riunione sono stati discussi gli argomenti di seguito riportati. SCOPO E OBIETTIVI DEL RIESAME

Nella presente riunione sono stati discussi gli argomenti di seguito riportati. SCOPO E OBIETTIVI DEL RIESAME Rev. 0 Del 11/03/2013 Mod. PGE 05-01 Pag. n : 1 di 15 N 5 DEL 24/11/2015 Pag. 1 di 8 Nella presente riunione sono stati discussi gli argomenti di seguito riportati. SCOPO E OBIETTIVI DEL RIESAME La CEIE

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO. ARTICOLO 2 Rapporti di lavoro instaurabili e relative modalità di scelta

REGOLAMENTO INTERNO. ARTICOLO 2 Rapporti di lavoro instaurabili e relative modalità di scelta REGOLAMENTO INTERNO ARTICOLO 1 Scopo ed oggetto del regolamento Il presente regolamento ha lo scopo - ai sensi dell articolo 6 della legge 3 aprile 2001, n. 142, e dell articolo 39 dello statuto - di disciplinare

Dettagli

idee in movimento costruzioni edili Srl BILANCIO SOCIALE SA8000

idee in movimento costruzioni edili Srl BILANCIO SOCIALE SA8000 idee in movimento costruzioni edili Srl BILANCIO SOCIALE SA8000 ANNO 2007 SA8000 REGISTERED FIRM DET NORSKE VERITAS 1/13 INDICE INTRODUZIONE 3 DESCRIZIONE DELL AZIENDA 4 STORIA 4 LA POLITICA DELLA QUALITÀ

Dettagli

COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti

COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE per la realizzazione delle pari opportunità tra uomo e donna 2010/2012 PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE 2010 2012 Fonti normative:

Dettagli

Communication on. Progress 2011

Communication on. Progress 2011 Sommario PARTE PRIMA Dichiarazione Aziendale PARTE SECONDA Applicazione principi PARTE TERZA Set di Indicatori 3 Dichiarazione Aziendale L adesione al Global Compact della Neatec, e l applicazione dei

Dettagli

VERBALE DEL RIESAME DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA

VERBALE DEL RIESAME DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA PAGINA 1 DI 8 4. Analisi dei requisiti del SGRS 4.1. Lavoro infantile Non risultano sino ad oggi essersi verificati né riscontrati casi di dipendenti minori e/o giovani lavoratori, avendo PVB Solutions

Dettagli

Il corretto approccio al Sistema di Gestione Aziendale per la Sicurezza e Salute OHSAS 18001:2007

Il corretto approccio al Sistema di Gestione Aziendale per la Sicurezza e Salute OHSAS 18001:2007 Il corretto approccio al Sistema di Gestione Aziendale per la Sicurezza e Salute OHSAS 18001:2007 GENERALITA Il Sistema di Gestione Aziendale rappresenta la volontà di migliorare le attività aziendali,

Dettagli

RACCOMANDAZIONE RELATIVA ALLA PROMOZIONE DELLE COOPERATIVE, 2002 1

RACCOMANDAZIONE RELATIVA ALLA PROMOZIONE DELLE COOPERATIVE, 2002 1 Raccomandazione 193 RACCOMANDAZIONE RELATIVA ALLA PROMOZIONE DELLE COOPERATIVE, 2002 1 La Conferenza generale dell Organizzazione internazionale del Lavoro, Convocata a Ginevra dal Consiglio di amministrazione

Dettagli

- anziani o inabili adulti, soli, privi di sostegno familiare adeguato o in stato di abbandono ;

- anziani o inabili adulti, soli, privi di sostegno familiare adeguato o in stato di abbandono ; ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE REGOLAMENTO ART. 1 - DEFINIZIONE E FINALITA 1. Il Servizio di Assistenza Domiciliare è un insieme di prestazioni di carattere socio assistenziale

Dettagli

COMUNE DI VAIANO Provincia di Prato REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI E DEGLI INTERVENTI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA

COMUNE DI VAIANO Provincia di Prato REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI E DEGLI INTERVENTI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA COMUNE DI VAIANO Provincia di Prato REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI E DEGLI INTERVENTI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 67 del 28/10/2004 COMUNE

Dettagli

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA SETTORE SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Premessa 1. Il Comune di Chignolo d Isola con il presente regolamento intende disciplinare il servizio

Dettagli

Ai Soci Lavoratori/dipendenti ed alle Parti interessate

Ai Soci Lavoratori/dipendenti ed alle Parti interessate Ai Soci Lavoratori/dipendenti ed alle Parti interessate Con la pubblicazione del presente documento, la Cooperativa informa i soci lavoratori/dipendenti e le parti interessate sul funzionamento del sistema

Dettagli

CHI SIAMO? RAPPORTO DI RESPONSABILITA SOCIALE 2013

CHI SIAMO? RAPPORTO DI RESPONSABILITA SOCIALE 2013 CHI SIAMO? Autoguidovie, nata nel 1908, è una società per azioni a capitale privato che da più di 95 anni opera nel trasporto pubblico locale (Tpl) delle province di Cremona, Milano e Bergamo, Monza e

Dettagli

Tutela del lavoro. Procedura di rimedio per il lavoro infantile Riesame della direzione SA8000 - estratto

Tutela del lavoro. Procedura di rimedio per il lavoro infantile Riesame della direzione SA8000 - estratto Tutela del lavoro Procedura di rimedio per il lavoro infantile Riesame della direzione SA8000 - estratto ESTRATTO PROCEDURA _ PR PRE 10 5.1. LAVORO INFANTILE 5.1.1. Scopo Lo scopo di questo paragrafo è

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA RESPONSABILITA SOCIALE SECONDO LO STANDARD SA 8000 ROMA 24 MARZO 2010

IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA RESPONSABILITA SOCIALE SECONDO LO STANDARD SA 8000 ROMA 24 MARZO 2010 IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA RESPONSABILITA SOCIALE SECONDO LO STANDARD SA 8000 ROMA 24 MARZO 2010 Qualifiche auditor La SA 8000 è l unico schema certificabile da ente terzo in politiche di responsabilità

Dettagli

BILANCIO SOCIALE SA 8000

BILANCIO SOCIALE SA 8000 BILANCIO SOCIALE SA 8000 ITAF srl www.itafsrl.it Pag 1 di 9 INDICE 1Introduzione... 3 2 PROFILO AZIENDALE 2.1 Company Profile.. 3 2.2 Certificazioni e Qualifiche...3 2.3 Attività realizzate.4 2.3 I valori..4

Dettagli

RESPONSABILITA SOCIALE RIESAME SA 8000 ANNO 2014

RESPONSABILITA SOCIALE RIESAME SA 8000 ANNO 2014 RESPONSABILITA SOCIALE RIESAME SA 8000 ANNO 2014 Il presente Riesame SA 8000 rappresenta il documento dinamico che attesta la volontà e contiene le modalità operative messe in atto per raggiungere gli

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Piano di Azioni Positive della Provincia di Matera

Piano di Azioni Positive della Provincia di Matera PROVINCIA DI MATERA COMITATO UNICO DI GARANZIA Piano di Azioni Positive della Provincia di Matera Triennio 2011-2014 1 PIANO DI AZIONI POSITIVE DELLA PROVINCIA DI MATERA (ART. 48 D.LGS. 198/06) PREMESSA

Dettagli

CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA

CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA COMUNE DI MOGORO Provincia di Oristano CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA Finanziamento anno 2014 1 Art. 1 Oggetto Il presente documento stabilisce i criteri per la

Dettagli

Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015

Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015 COMUNE DI VANZAGHELLO PROVINCIA DI MILANO Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015 Il Decreto Legislativo 11 aprile 2006 n. 198 Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma dell art.

Dettagli

Regolamento del personale TITOLO I NORME GENERALI. ART.1 - Oggetto

Regolamento del personale TITOLO I NORME GENERALI. ART.1 - Oggetto Regolamento del personale TITOLO I NORME GENERALI ART.1 - Oggetto Il presente regolamento disciplina le modalità di acquisizione, di gestione e sviluppo delle risorse umane dell azienda Servizi Bassa Reggiana.

Dettagli

Il lavoro subordinato

Il lavoro subordinato Il lavoro subordinato Aggiornato a luglio 2012 1 CHE COS È? Il contratto di lavoro subordinato è un contratto con il quale un lavoratore si impegna a svolgere una determinata attività lavorativa alle dipendenze

Dettagli

R e s p o n s a b i l i t à S o c i a l e

R e s p o n s a b i l i t à S o c i a l e R e s p o n s a b i l i t à S o c i a l e Introduzione alla SA 8000 Nel 2013 Carimali ha deciso di intraprendere l ambizioso cammino di certificazione del proprio Sistema di Responsabilità Sociale seguendo

Dettagli

Azione Disabilità. Per raggiungere gli obiettivi enunciati si perseguiranno sue punti: Le attività previste verranno realizzate in tre fasi:

Azione Disabilità. Per raggiungere gli obiettivi enunciati si perseguiranno sue punti: Le attività previste verranno realizzate in tre fasi: Azione Disabilità Num. Scheda 2 TITOLO AZIONE o o Assistenza domiciliare per disabili LIVEAS OBIETTIVI Scopo dell intervento è consentire alle persone disabili la permanenza nell abituale contesto di vita

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2 RIFERIMENTI...2 3 SIGLE E DEFINIZIONI...2 4 RESPONSABILITA...3 5 PROCEDURA...3

1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2 RIFERIMENTI...2 3 SIGLE E DEFINIZIONI...2 4 RESPONSABILITA...3 5 PROCEDURA...3 Pagina 1 di 9 INDICE 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2 RIFERIMENTI...2 3 SIGLE E DEFINIZIONI...2 4 RESPONSABILITA...3 5 PROCEDURA...3 5.1 Pianificazione delle attività...3 5.2 Documentazione...4 5.3

Dettagli

Rapporto sulla implementazione della Carta

Rapporto sulla implementazione della Carta Rapporto sulla implementazione della Carta Il Rapporto sul grado di implementazione degli impegni assunti con la sottoscrizione della Carta per le Pari Opportunità e l Uguaglianza sul lavoro è un rendiconto

Dettagli

Prove Esame di Stato

Prove Esame di Stato Prove Esame di Stato 2012 SEZ. A 1 Prova L Assistente Sociale specialista responsabile di un servizio sociale riceve dal proprio riferimento politico (Assessore alle politiche sociali) l incarico di redigere

Dettagli

Alcune Linee Guida per l affidamento di appalti di servizi e forniture agli organismi della cooperazione sociale

Alcune Linee Guida per l affidamento di appalti di servizi e forniture agli organismi della cooperazione sociale Alcune Linee Guida per l affidamento di appalti di servizi e forniture agli organismi della cooperazione sociale 1. Premessa. A partire dalle indicazione della Giunta Comunale, il Settore Lavori Pubblici

Dettagli

PROTOCOLLO per lo SVILUPPO di AZIONI POSITIVE

PROTOCOLLO per lo SVILUPPO di AZIONI POSITIVE PROTOCOLLO per lo SVILUPPO di AZIONI POSITIVE Nel campo delle pari opportunità, della solidarietà e della conciliazione tempi di lavoro e di vita (Allegato e parte integrante al Contratto di 2 livello

Dettagli

L impegno de L Operosa per la responsabilità sociale Anno 2010. Cadriano (BO) 24 Maggio 2011

L impegno de L Operosa per la responsabilità sociale Anno 2010. Cadriano (BO) 24 Maggio 2011 per la responsabilità sociale Anno 2010 Cadriano (BO) 24 Maggio 2011 per la responsabilità sociale Questo documento ha lo scopo di dimostrare l impegno che la Cooperativa L Operosa ha profuso nel 2010

Dettagli

CARTIERA PARTENOPE S.p.A.

CARTIERA PARTENOPE S.p.A. CARTIERA PARTENOPE S.p.A. Bilancio SA8000- Anno 2013 CARTIERA PARTENOPE S.p.A. BILANCIO SA8000 ANNO 2013 Revisione 00 10/03/ Pag. 1/20 CARTIERA PARTENOPE S.p.A. Bilancio SA8000- Anno 2013 Redatto da Verificato

Dettagli

COLLABORATORI COMPOSIZIONE DEL PERSONALE

COLLABORATORI COMPOSIZIONE DEL PERSONALE COLLABORATORI COMPOSIZIONE DEL PERSONALE Età media dipendenti 2010 2009 2008 Uomini 45,4 44,7 44,5 Donne 41,3 40,6 40,2 Dirigenti 50,1 49,6 49,3 Dipendenti per categoria e genere [%] 2010 2009 2008 Dirigenti

Dettagli

ALLEGATO GS1 LISTA DI CONTROLLO PER LA VALUTAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SICUREZZA

ALLEGATO GS1 LISTA DI CONTROLLO PER LA VALUTAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SICUREZZA Pag. 1 di 13 01 Emissione in allegato a procedura verifica GS 4 Maggio 2014 00 Prima emissione Luglio 2013 Revisione Motivo Data Nota: Lo sviluppo e l implementazione dell organizzazione e gestione della

Dettagli

Verbale di RIESAME della DIREZIONE del Sistema di Gestione Aziendale Etica Sociale

Verbale di RIESAME della DIREZIONE del Sistema di Gestione Aziendale Etica Sociale RIESAME SISTEMA: Gestione anno 2013 ORDINE DEL GIORNO: INTRODUZIONE Elementi in ingresso 1. Esito verifiche ispettive esterne anno precedente 2. Esito verifiche ispettive interne anno precedente 3. Reclami,

Dettagli

BILANCIO SOCIALE 2014-2015

BILANCIO SOCIALE 2014-2015 BILANCIO SOCIALE 2014-2015 Maierato 30/09/2015 Sommario INTRODUZIONE... 2 PREMESSA... 3 DESCRIZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE... 7 GLI OBIETTIVI DELLA SA 8000... 8 Requisito SA 8000: Lavoro Infantile...

Dettagli

La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica

La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica Obblighi e responsabilità derivanti dal D.Lgs. 81/08 La sicurezza nell ambito dell attività Paolo Troncana infermieristica Attività di R.S.P.P. e

Dettagli

La Torre Società Coop. Sociale BILANCIO SOCIALE SA 8000 ANNO 2014

La Torre Società Coop. Sociale BILANCIO SOCIALE SA 8000 ANNO 2014 BILANCIO SOCIALE SA 8000 ANNO 2014 1 1. INTRODUZIONE Il tema della responsabilità sociale dell impresa si è affermato come un esigenza sempre più forte e centrale. Gli aspetti etici di correttezza, responsabilità,

Dettagli

I documenti per la gestione della tutela della sicurezza negli appalti di servizi e forniture

I documenti per la gestione della tutela della sicurezza negli appalti di servizi e forniture SEMINARIO TECNICO La gestione degli appalti pubblici: sicurezza e regolarità del lavoro I documenti per la gestione della tutela della sicurezza negli appalti di Tiziana Petrella Direttore Amministrativo

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD)

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD) PREMESSA Il presente regolamento del Servizio di Assistenza Domiciliare fa riferimento alle disposizioni della legislazione nazionale, regionale

Dettagli

Verbale 1: Incarico del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione

Verbale 1: Incarico del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione 8Verbali per la gestione della sicurezza nelle aziende agricole V1. Verbale di nomina Rspp V2. Verbale di nomina del Medico Competente V3. Verbale di elezione RlS V4. Verbale di nomina addetto gestione

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Cooperativa sociale Area Azzurra a r.l. 2) Codice di accreditamento: NZ01031 3) Albo e classe

Dettagli

CONVENZIONE DI TIROCINIO DI FORMAZIONE E ORIENTAMENTO. Premesso che

CONVENZIONE DI TIROCINIO DI FORMAZIONE E ORIENTAMENTO. Premesso che Allegato n. 3 CONVENZIONE DI TIROCINIO DI FORMAZIONE E ORIENTAMENTO ai sensi dell art. 4 bis della legge provinciale 16 giugno 1983, n. 19 Premesso che - la Provincia autonoma di Trento, per favorire le

Dettagli

A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer

A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer CARTA DEI SERVIZI INDICE 1. PREMESSA 2. PRINCIPI FONDAMENTALI 3. FINALITA DEL SERVIZIO 4. OBIETTIVO 5. DESTINATARI 6. ACCESSO AL SERVIZIO 7. ORARI DI APERTURA 8.

Dettagli

Codice di Condotta di Benetton Group

Codice di Condotta di Benetton Group Codice di Condotta di Benetton Group Il Gruppo Benetton, che comprende Benetton Group S.p.A. e tutte le società direttamente o indirettamente controllate da Benetton Group S.p.A., è impegnato nella promozione

Dettagli

IL LAVORO COME MISSIONE... QUASI IMPOSSIBILE.. (LA STAMPA APRILE 2014)

IL LAVORO COME MISSIONE... QUASI IMPOSSIBILE.. (LA STAMPA APRILE 2014) LAVORARE... occupare un posto di lavoro realizzazione personale, familiare indipendenza percepire uno stipendio, reddito conquistare un ruolo attivo riconoscibile dalla comunità, partecipazione sociale,

Dettagli

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO REGIONE TOSCANA L.R. 2 aprile 2009, n. 16 Cittadinanza di genere B.U. Regione Toscana 06 aprile 2009, n. 11 PREAMBOLO Visto l articolo 117, terzo, quarto e settimo comma della Costituzione; Visto l articolo

Dettagli

MASTER GESTIONE INTEGRATA

MASTER GESTIONE INTEGRATA MASTER GESTIONE INTEGRATA ESPERTI in SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE: QUALITA, AMBIENTE E SICUREZZA ISO serie 9000, ISO serie 14000, OHSAS 18001, OHSAS 18002, ISO 22000, ISO 27001, Reg. EMAS, ISO 19011,

Dettagli

Programma Operativo della Regione Lombardia 2000-2006 Obiettivo 3 Fondo FSE

Programma Operativo della Regione Lombardia 2000-2006 Obiettivo 3 Fondo FSE Programma Operativo della Regione Lombardia 2000-2006 Obiettivo 3 Fondo FSE Il programma Operativo del FSE Obiettivo 3 è strutturato per Assi a ciascuno dei quali corrisponde l attuazione degli obiettivi

Dettagli

POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATA POLITICA PER LA QUALITÀ E PER LA SICUREZZA

POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATA POLITICA PER LA QUALITÀ E PER LA SICUREZZA POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATA POLITICA PER LA QUALITÀ E PER LA SICUREZZA 01.04 La Politica per la Qualità e per la salute e sicurezza sui luoghi di lavoro definita dalla Direzione contiene

Dettagli

Il giorno del mese di dell anno 2011 nella sede della ASL RM/A, - via Ariosto 3/5, in esecuzione della deliberazione n.

Il giorno del mese di dell anno 2011 nella sede della ASL RM/A, - via Ariosto 3/5, in esecuzione della deliberazione n. C O N V E N Z I O N E PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA NON SANITARIA AGLI OSPITI DELLA STRUTTURA RESIDENZIALE A BASSA INTENSITA ASSISTENZIALE PER PAZIENTI PSICHIATRICI DEL 2 DISTRETTO DELLA

Dettagli

1) Titolo del progetto: 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): 3) Obiettivi del progetto:

1) Titolo del progetto: 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): 3) Obiettivi del progetto: 1) Titolo del progetto: Pronto Intervento Sociale 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): Area: Assistenza Settori: Anziani (A01) Assistenza Disabili (A06)

Dettagli

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Il quadro Istituzionale organizzativo in Regione Veneto Dirigente Regionale Servizi Sociali dott. Mario Modolo

Dettagli