SELEZIONE DEGLI INQUINANTI INDICATORI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SELEZIONE DEGLI INQUINANTI INDICATORI"

Transcript

1 SELEZIONE DEGLI INQUINANTI INDICATORI (ISS) Istituto Superiore di Sanità 1

2 Selezione degli inquinanti indicatori Contaminante Indice secondo il D. Lgs. 152/06 La scelta dei contaminanti indice, desunti dai risultati della caratterizzazione, deve tener conto dei seguenti fattori: Superamento della o delle CSC, ovvero dei valori di fondo naturali. Livelli di tossicità. Grado di mobilità e persistenza nelle varie matrici ambientali. Correlabilità ad attività svolta nel sito. Frequenza dei valori superiori al CSC. 2

3 Selezione degli inquinanti indicatori Il numero di specie chimiche inquinanti indagate nell ambito di una campagna di indagine può risultare estremamente elevato quindi risultati di difficile comprensione, se non addirittura fuorvianti rispetto al rischio dominante presente nel sito. L analisi di rischio sanitario può risultare complessa e dispendiosa 3

4 Selezione degli inquinanti indicatori E necessario ridurre il numero di specie chimiche da inserire nella procedura di analisi, selezionando quelle più importanti tali sostanze prendono il nome di inquinanti indicatori 4

5 Selezione degli inquinanti indicatori Gli inquinanti indicatori sono quelli che per: valori di concentrazione; tossicità; frequenza di rilevamento; mobilità nei comparti ambientali; persistenza; capacità di bioaccumulo presentano il rischio maggiore per l uomo. 5

6 Selezione degli inquinanti indicatori Procedura per la identificazione degli inquinanti indicatori: Raggruppamento delle specie chimiche in classi Raggruppamento delle specie chimiche in sotto-classi Selezione dell inquinante indicatore Calcolo della concentrazione rappresentativa dell inquinante indicatore Calcolo del Rischio e dell Indice di Pericolo Calcolo degli obiettivi di bonifica sito-specifici (CSR) 6

7 Selezione degli inquinanti indicatori Raggruppamento delle specie chimiche in classi L insieme di specie chimiche rilevate nel sito in esame deve essere suddiviso in classi differenziate in funzione della tipologia della sostanza in esame Composti inorganici Fenoli non clorurati Aromatici Fenoli clorurati Aromatici policiclici Ammine aromatiche Alifatici clorurati Fitofarmaci Alifatici alogenati Diossine e furani Nitrobenzeni Idrocarburi Clorobenzeni 7

8 Selezione degli inquinanti indicatori Raggruppamento delle specie chimiche in sotto-classi Ogni classe di sostanze deve essere ulteriormente suddivisa in due sottoclassi sostanze che hanno effetti cancerogeni Sostanze non cancerogene che hanno effetti tossici Le sostanze che hanno effetti sia cancerogeni che tossici vanno inserite in entrambe le sotto-classi. 8

9 Selezione dell inquinante indicatore In corrispondenza ad ogni sotto-classe si identifica l inquinante indicatore in funzione della concentrazione misurata in sito e della sua tossicità. Ad ogni sostanza i, di cui è possibile conoscere il valore di tossicità, si assegna un fattore di rischio individuale R ij (CSR), determinato sulla base della sua concentrazione in un determinato comparto ambientale j e della tossicità, secondo la formula: R ij C ij T ij R ij = C ij x T ij è il fattore di rischio della specie i nella matrice j è la concentrazione della specie i nella matrice j è il valore di tossicità della specie i nella matrice j (valore più conservativo) 9

10 Selezione dell inquinante indicatore Si calcola il fattore di rischio totale R j di ogni matrice contaminata j come somma dei fattori di rischio individuali R ij : R j = R 1j + R 2j + R 3j + + R ij Si calcola il rapporto relativo R ij / R j per ogni sostanza i nel mezzo j inquinante indicatore quello avente rapporto relativo R ij / R j maggiore 10

11 Selezione degli inquinanti indicatori Calcolo della concentrazione rappresentativa dell inquinante indicatore Per ogni campione, si attribuisce a ciascun inquinante indicatore la concentrazione totale di ogni sotto-classe 11

12 Selezione degli inquinanti indicatori Calcolo del Rischio e dell Indice di Pericolo Calcolo del Rischio si considera la concentrazione rappresentativa dell inquinante indicatore riferita alla sotto-classe dei composti cancerogeni Calcolo dell Indice di Pericolo si considera la concentrazione rappresentativa dell inquinante indicatore riferita alla sottoclasse dei composti tossici non cancerogeni 12

13 Selezione degli inquinanti indicatori Calcolo degli obiettivi di bonifica sito-specifici (CSR) una volta calcolata la CSR relativa ad ogni inquinante indicatore, le concentrazioni da attribuire a ciascun inquinante della medesima sotto-classe, vengono determinate mediante ripartizione della concentrazione totale, sulla base dei fattori di rischio individuali E opportuno osservare che la procedura indicata per la selezione degli inquinanti indicatori deve essere strettamente limitata ai casi in cui le specie chimiche per le quali deve essere applicata l analisi di rischio (in modalità diretta e/o inversa) risultino in numero tale da rendere difficoltosa e/o complessa l applicazione dei modelli di analisi di rischio. Tale eventualità deve essere accertata dagli Enti di Controllo. 13

14 Selezione degli inquinanti indicatori Procedura per la identificazione degli inquinanti indicatori Fase 1: Raggruppamento delle specie chimiche in classi, in funzione della loro tipologia Fase 2: Raggruppamento delle specie chimiche in sottoclassi, in funzione della loro cancerogenità Fase 3: Selezione dell inquinante indicatore per ogni sotto-classe in funzione del valore di concentrazione e di tossicità Fase 4: Attribuzione all inquinante indicatore della concentrazione totale della sotto-classe 14

15 L Istituto Superiore di Sanità ha proprosto ad oggi una concentrazione di riferimento per i suoli e per le acque per circa 220 sostanze (mg/kg s.s.) DICLOROMETANO ALCOOL ISOPROPILICO in assenza di Acetone ALIFATICI ALOGENATI ALCOOL ALIFATICO ETANOLO ALCOOL ALIFATICO CICLOESANOLO ALCOOLI ISOBUTANOLO ALCOOLI ALCOOL ETILESILICO ALCOOL BENZILICO NITROBENZALDEIDE ,1,1 TRICLOROETANO ALCOOLI ALIFATICI ALCOOLI ALDEIDI ALIFATICI ALOGENATI

16 ,1,1,2-TETRACLOROETANO ALIFATICI ALOGENATI ESACLOROBUTADIENE ESACLOROBUTANO ESACLOROETANO FREON FREON 113 PENTACLOROBUTADIENI PENTACLOROETANO TETRACLOROBUTADIENI TETRACLORURO DI CARBONIO ALIFATICI ALOGENATI ALIFATICI ALOGENATI ALIFATICI ALOGENATI ALIFATICI ALOGENATI ALIFATICI ALOGENATI ALIFATICI ALOGENATI ALIFATICI ALOGENATI ALIFATICI ALOGENATI ALIFATICI ALOGENATI DIMETILFORMAMMIDE AMMIDI

17 DIBUTILAMMINA DIETANOLAMMINA TRIBUTILAMMINA ,2-FENILENDIAMMINA ,3-FENILENDIAMMINA NAFTILAMMINA ,3,4-TRICLOROANILINA ,3-DICLOROANILINA ,3-DIMETILANILINA ,4,5-TRICLOROANILINA ,4,6-TRICLOROANILINA ALIFATICHE ALIFATICHE ALIFATICHE

18 ,4,6-TRIMETILANILINA ,4-DICLOROANILINA ,4-DIMETILANILINA ,4-DIMETOSSIANILINA ,4-DINITROANILINA ,5-DICLOROANILINA ,5-DIMETILANILINA ,5-DIMETOSSIANILINA ,6-DICLORO-4- NITROANILINA ,6-DICLOROANILINA ,6-DIETILANILINA

19 ,6-DIMETILANILINA AMMINOBIFENILE CLORO-4-METILANILINA CLORO-5-METILANILINA CLORO-5-NITROANILINA CLORO-6-METILANILINA ETILANILINA ETOSSIANILINA METIL-3-NITROANILINA METIL-4-NITROANILINA

20 METIL-5-NITROANILINA METIL-6-NITROANILINA NITRO-4-CLOROANILINA ,3'-DICLOROBENZIDINA ,3'-DIMETILBENZIDINA ,3'-DIMETOSSIBENZIDINA ,4,5-TRICLOROANILINA ,4-DICLOROANILINA ,4-DIMETILANILINA ,4-DIMETOSSIANILINA

21 ,5-DICLOROANILINA ,5-DIMETILANILINA ,5-DIMETOSSIANILINA CLORO-2-METILANILINA CLORO-4-METILANILINA ETILANILINA METIL-2-NITROANILINA METILANILINA METIL ANILINA AMMINOBIFENILE

22 CLORO-2-ANISIDINA CLORO-3-NITROANILINA CLORO-N-METILANILINA ETILANILINA FENILAZOANILINA METIL-2-NITROANILINA METIL-3-NITROANILINA NITRO-2-CLOROANILINA CLORO-2-NITROANILINA CLORO-2-TOLUIDINA

23 BENZIDINA BETANAFTILAMMINA M-CLOROANILINA M-NITROANILINA N,N-DIMETILANILINA N-ETIL-3-METILANILINA N-ETILANILINA N-METIL-2-NITROANILINA N-METIL-4-NITROANILINA N-METILANILINA 23

24 O-CLOROANILINA O-NITROANILINA O-TOLUIDINA P-CLOROANILINA P-NITROANILINA DIMETRIDAZOLO AZOCOMPOSTO IPRONIDAZOLO AZOCOMPOSTO AMMONIACA BASI INORGANICHE ,4 - DICLOROBENZOFENON E 2,4' - DICLOROBENZOFENON E CHETONI CHETONI

25 ,4 - DICLOROBENZOFENON E 4,4 - DICLOROBENZOFENON E CHETONI CHETONI ACETONE CHETONI CICLOESANONE CHETONI METILETILCHETONE CHETONI METIL-2-PENTANONE CHETONI ,2,3,5- TETRACLOROBENZENE 1,2,3- TRICLOROBENZENE 1,3,5- TRICLOROBENZENE PENTACLORONITROBE NZENE CLOROBENZENI CLOROBENZENI CLOROBENZENI CLOROBENZENI

26 DIOSSOLANI ETEROCICLICI ACIDO 1- NAFTALEN - SOLFONICO NAFTALENSOLFONI CI ACIDO 1,5- ANTRACHINONDISOLFO NICO NAFTALENSOLFONI CI ACIDO 1,5- NAFTALENDISOLFONIC O NAFTALENSOLFONI CI ACIDO 1,6- ANTRACHINONDISOLFO NICO NAFTALENSOLFONI CI ACIDO 1,6- NAFTALENDISOLFONIC O NAFTALENSOLFONI CI ACIDO 1,8- ANTRACHINONDISOLFO NICO NAFTALENSOLFONI CI ACIDO 1- ANTRACHINONSOLFONI CO NAFTALENSOLFONI CI 26

27 ACIDO 2 - NAFTALEN - SOLFONICO ACIDO 2,3-BON ACIDO 2,6- NAFTALENDISOLFONIC O ACIDO 2,7- ANTRACHINONDISOLFO NICO ACIDO 2,7- NAFTALENDISOLFONIC O ACIDO 2- ANTRACHINONSOLFONI CO ACIDO 2-IDROSSI-1,5- NAFTALENDISOLFONIC O NAFTALENSOLFON ICI NAFTALENSOLFON ICI NAFTALENSOLFON ICI NAFTALENSOLFON ICI NAFTALENSOLFON ICI NAFTALENSOLFON ICI NAFTALENSOLFON ICI 27

28 ACIDO 2-IDROSSI-1,6- NAFTALENDISOLFONI CO ACIDO 2-IDROSSI-1- NAFTALENSOLFONIC O ACIDO 2-IDROSSI- 3,6,8- NAFTALENTRISOLFO NICO ACIDO 2-IDROSSI-3,6- NAFTALENDISOLFONI CO ACIDO 2-IDROSSI-5- NAFTALENSOLFONIC O ACIDO 2-IDROSSI-6,8- NAFTALENDISOLFONI CO NAFTALENSOL FONICI NAFTALENSOL FONICI NAFTALENSOL FONICI NAFTALENSOL FONICI NAFTALENSOL FONICI NAFTALENSOL FONICI LIMITE PROPOSTO PER AREE AD USO VERDE PUBBLICO, LIMITE PROPOSTO PER AREE AD USO COMMERCIALE E LIMITE PROPOSTO PER ACQUE SOTTERRANEE (µg/l) 28

29 ACIDO 2-IDROSSI-6- NAFTALENSOLFONIC O ACIDO 2-IDROSSI-7- NAFTALENSOLFONIC O ACIDO 2-IDROSSI-8- NAFTALENSOLFONIC O ACIDO META- NITROBENZENSOLF ONICO BETANAFTOLO ACIDO 2-AMMINO-5- IDROSSI-7- NAFTALENSOLFONIC O NAFTALENSOLF ONICI NAFTALENSOLF ONICI NAFTALENSOLF ONICI NAFTALENSOLF ONICI NAFTALENSOLF ONICI NAFTALENSOLF ONICI DI TIOAMMINICO LIMITE PROPOSTO PER AREE AD USO VERDE PUBBLICO, LIMITE PROPOSTO PER AREE AD USO COMMERCIALE E LIMITE PROPOSTO PER ACQUE SOTTERRANEE (µg/l)

30 ACIDO 2-AMMINO-8- NAFTALENSOLFONICO NAFTALENSOLFONI CI DI TIOAMMINICO ACIDO 2-AMMINO-8- IDROSSI-6- NAFTALENSOLFONICO NAFTALENSOLFONI CI DI TIOAMMINICO ACIDO 2-NAFTILAMMIN- 1- SOLFONICO NAFTALENSOLFONI CI DI TIOAMMINICO ACIDO 2-NAFTILAMMIN- 5,7- DISOLFONICO NAFTALENSOLFONI CI DI TIOAMMINICO ACIDO 2-NAFTILAMMIN- 6,8- DISOLFONICO NAFTALENSOLFONI CI DI TIOAMMINICO ACIDO META- ANILINSOLFONICO NAFTALENSOLFONI CI DI TIOAMMINICO

31 ACIDO ORTO- ANILINSOLFONICO ACIDO PARA- ANILINSOLFONICO PIOMBO TETRAETILE ACIDO p- TOLUENSOLFONICO NAFTALENSOLF ONICI DI TIOAMMINICO NAFTALENSOLF ONICI DI TIOAMMINICO ORGANOMETAL LICI SOLFONATI LIMITE PROPOSTO PER AREE AD USO VERDE PUBBLICO, LIMITE PROPOSTO PER AREE AD USO COMMERCIALE E LIMITE PROPOSTO PER ACQUE SOTTERRANEE (µg/l) TETRAIDROFURANO EPOSSIDI FTALATO DI BIS(2- ETILESILE) BENZEN-1,2,4- TRICARBOSSILATO DI TRIS(2- ETILESILE) ESTERI ESTERI

32 CAS_Numbe r Nome_Bonifiche1 ETER - TERT - BUTIL - ETERE FAMIGLIA LIMITE PROPOSTO PER AREE AD USO VERDE PUBBLICO, LIMITE PROPOSTO PER AREE AD USO COMMERCIALE E LIMITE PROPOSTO PER ACQUE SOTTERRANEE (µg/l) ETERI ALIFATICI ETERE ETILICO ETERI ALIFATICI METIL TERBUTIL ETERE DICLOROISOPROPI LETERE DIFENILETERE FENOLI (indice fenoli) ETERI ALIFATICI ETERI ALIFATICI ALOGENATI ETERI FENOLI m-cresolo FENOLI p-cresolo FENOLI ,3,4,5- TETRACLORO- FENOLO FENOLI CLORURATI

33 CLORO, 3-METIL- FENOLO FENOLI CLORURATI M-CLORO-FENOLO FENOLI CLORURATI P-CLORO-FENOLO FENOLI CLORURATI ,4,6-TRIMETIL-FENOLO ,4-DIMETIL-FENOLO ,4-DINITROFENOLO NITROFENOLO NITROFENOLO META-AMMINOFENOLO O-ETIL-FENOLO FENOLI NON CLORURATI FENOLI NON CLORURATI FENOLI NON CLORURATI FENOLI NON CLORURATI FENOLI NON CLORURATI FENOLI NON CLORURATI FENOLI NON CLORURATI

34 GLICOLEDIETILENICO GLICOLI ETAN-1,2-DIOLO GLICOLI ALIFATICI CICLOESANO DICICLOPENTADIENE IDROCARBURI ALIFATICI IDROCARBURI ALIFATICI VANADIO METALLI ,4-DICLOROTOLUENE CLOROTOLUENE CLOROTOLUENE METILCLOROBENZ ENI METILCLOROBENZ ENI METILCLOROBENZ ENI ACETONITRILE NITRILI ,5- DICLORONITROBENZENE 3,4- DICLORONITROBENZENE NITROBENZENI NITROBENZENI

35 PEROSSIDO DI BENZOILE ACENAFTENE ACENAFTILENE ANTRACENE BENZO(J)FLUORANTEN E FENANTRENE FLUORANTENE FLUORENE NAFTALENE ETILACETATO PEROSSIDI ORGANICI POLICICLICI POLICICLICI POLICICLICI POLICICLICI POLICICLICI POLICICLICI POLICICLICI POLICICLICI SALI DELL'ACIDO ACETICO

36 MONOCLOROACETATO DI SODIO ,2,3 TRIMETILBENZENE ,2,4 TRIMETILBENZENE ,3,5 TRIMETILBENZENE META XILENE ORTO XILENE PARA XILENE ISOPROPILBENZENE MERCAPTOBENZOTIAZO LO TIOANISOLO SALI DELL'ACIDO ACETICO SOLVENTI SOLVENTI SOLVENTI SOLVENTI SOLVENTI SOLVENTI SOLVENTI TIAZOLI TIOALCOLI

37 DISOLFURO DI DIBUTILE TIOETERI DISOLFURO DI DIPROPILE DISOLFURO DI DI-TER- BUTILE TIOETERI TIOETERI XANTATO DI CELLULOSA XANTOGENATI DIMETOATO FITOFARMACI FOSFOLANO FITOFARMACI MALATION FITOFARMACI MEFOSFOLANO FITOFARMACI METOMIL FITOFARMACI METOLACLOR FITOFARMACI PENDIMETALIN FITOFARMACI , MONOALCHIL (C 10-14)BENZENE

Elenco metodi accreditati in campo flessibile

Elenco metodi accreditati in campo flessibile Mod.G2501_Elenco metodi accreditati flessibili_rev01_2013_01_04 Pagina 1 di 45 Elenco metodi accreditati in campo flessibile N Materiale / Prodotto / Matrice Misurando / Proprietà misurata / Denominazione

Dettagli

Elenco metodi accreditati in campo flessibile

Elenco metodi accreditati in campo flessibile 1 di 45 Elenco metodi accreditati in campo flessibile N Materiale / Prodotto / Matrice Misurando / Proprietà misurata / Denominazione della prova Campo di misura e/o di prova Tecnica di prova Metodo di

Dettagli

Confronto tra concentrazioni limite accettabili ex D.M. 471/99 e concentrazioni soglia di contaminazione ex D.Lgs 152/06.

Confronto tra concentrazioni limite accettabili ex D.M. 471/99 e concentrazioni soglia di contaminazione ex D.Lgs 152/06. Confronto tra concentrazioni limite accettabili ex D.M. 471/99 e concentrazioni soglia di contaminazione ex D.Lgs 152/06 Acque sotterranee D.M. 471/99 D.Lgs. 152/06 Sostanze Valori limite (μ/l) Sostanze

Dettagli

Centro Ricerche Chimiche Srl Via Sigalina a/m, 22 25018 Montichiari (BS)

Centro Ricerche Chimiche Srl Via Sigalina a/m, 22 25018 Montichiari (BS) Centro Ricerche Chimiche Srl Via Sigalina a/m, 22 25018 Montichiari (BS) L odore è una percezione una traduzione della presenza di un composto chimico mediante il sistema olfattivo dell osservatore. Se

Dettagli

Tariffe per prestazioni di laboratorio a pagamento S.C. Medicina del Lavoro (Delibera Direttore Genelare N. 261 del 4/03/2009)

Tariffe per prestazioni di laboratorio a pagamento S.C. Medicina del Lavoro (Delibera Direttore Genelare N. 261 del 4/03/2009) Tariffe per prestazioni di laboratorio a pagamento S.C. Medicina del Lavoro (Delibera Direttore Genelare N. 261 del 4/03/2009) ANALISI DI INQUINANTI AERODISPERSI PRESTAZIONE Matrice Tecnica analitica Euro

Dettagli

LISTINO PREZZI DELLE PRESTAZIONI ANALITICHE DI ARPA EMILIA ROMAGNA

LISTINO PREZZI DELLE PRESTAZIONI ANALITICHE DI ARPA EMILIA ROMAGNA 1 di 54 LISTINO PREZZI DELLE PRESTAZIONI ANALITICHE Approvato con Delibera del Direttore Generale DEL. n. 2012-37 del 28/03/2012 In vigore dal 01/04/2012 Direzione Tecnica - Area Attività Laboratoristiche

Dettagli

PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0

PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Scheda N 1 di 9 PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 1 2 3 Acque destinate al consumo umano, acque naturali Clostridium perfringens UNI EN ISO 19458:2006 + Rapporti ISTISAN 2007/5 Pag 48 Met ISS A 005A, Rapporti

Dettagli

DI GEOLOGIA APPLICATA BALDELLI

DI GEOLOGIA APPLICATA BALDELLI Committente: Comune di Castelplanio Località : Zona industriale Pozzetto Comune: CASTELPLANIO (AN) RELAZIONE PER LE OPERAZIONI DI SMALTIMENTO RIFIUTI PER LA MESSA IN SICUREZZA E RIPRISTINO AMBIENTALE DELL

Dettagli

Progetto Sito di Ferrara Nuova Torcia MTD (Migliore Tecnologia Disponibile) per Basell Poliolefine Italia S.r.l.

Progetto Sito di Ferrara Nuova Torcia MTD (Migliore Tecnologia Disponibile) per Basell Poliolefine Italia S.r.l. Progetto Sito di Ferrara Nuova Torcia MTD (Migliore Tecnologia Disponibile) per Basell Poliolefine Italia S.r.l. Comunicazione al pubblico ai sensi del PMA approvato con prescrizioni da ISPRA (Istituto

Dettagli

Spett.le 2 F s.n.c. di Federico Fastro & C. Via Conti d Onigo, 6 31040 Pederobba (TV)

Spett.le 2 F s.n.c. di Federico Fastro & C. Via Conti d Onigo, 6 31040 Pederobba (TV) Spett.le 2 F s.n.c. di Federico Fastro & C. Via Conti d Onigo, 6 31040 Pederobba (TV) DATI IDENTIFICATIVI DEL CAMPIONE N richiesta prove : 2014 1862 Del : 01/08/2014 Cliente: 2 F s.n.c. di Federico Fastro

Dettagli

SCHEDA TECNICA DI PRODOTTO STP A17_I

SCHEDA TECNICA DI PRODOTTO STP A17_I Cilindretti per chiusura fori Tipo A L Adatto Imballo per standard/minimo guarnizione (mm) (mm) TGM38 36A3M1623 3 8 5.000/100 TGM48 36A3M1624 + 36A3M2034 + 36A3M2554 4 8 5.000/100 TGM58 36A3M2025 5 8 5.000/100

Dettagli

Decreto Ministeriale 14 aprile 2009, n. 56

Decreto Ministeriale 14 aprile 2009, n. 56 Decreto Ministeriale 14 aprile 2009, n. 56 Acque superficiali Tab. 1/A Standard di qualità nella colonna d acqua per le sostanze dell elenco di priorità 1 2 (1) Le sostanze contraddistinte dalla lettera

Dettagli

All'interno del programma eco della MIGROS i seguenti criteri e requisiti sono la base per il monitoraggio e l'ottimizzazione delle procedure.

All'interno del programma eco della MIGROS i seguenti criteri e requisiti sono la base per il monitoraggio e l'ottimizzazione delle procedure. Migros eco Criteria All'interno del programma eco della MIGROS i seguenti criteri e requisiti sono la base per il monitoraggio e l'ottimizzazione delle procedure. Fase I 1. Ogni produttore deve assicurare

Dettagli

CATALOGO DELLE PRESTAZIONI 2014 U.O. Laboratorio di Milano - Sede Laboratoristica di Milano. Data aggiornamento: 18/12/2014

CATALOGO DELLE PRESTAZIONI 2014 U.O. Laboratorio di Milano - Sede Laboratoristica di Milano. Data aggiornamento: 18/12/2014 2014 Data aggiornamento: 18/12/2014 TARIFFARIO : ACQUE SOTTERRANEE PREPARATIVA CAMPIONI ACQUE SOTTERRANEE : Applicare il Codice Tarffario 01.006-63 - (Pretrattamento medio del campione) ad eccezione della

Dettagli

ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0

ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Scheda 1 di 6 ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Acqua sotterranea, superficiale potabile, Acqua di scarico, percolato Idrocarburi totali come n-esano APAT CNR IRSA 5160B2 Man 29 2003 Acque di scarico

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA N. 3717/15

RAPPORTO DI PROVA N. 3717/15 Spett.le P3 SRL VIA SALVO D'ACQUISTO, 5 35010 RONCHI DI VILLAFRANCA (PD) Sigla del campione SFRIDI E SCARTI DI LAVORAZIONE PANNELLI POLIURETANICI COMPOSTI Numero accettazione 3717 Campione ricevuto 08/07/2015

Dettagli

SCHEDA TECNICA DI PRODOTTO STP A5_I

SCHEDA TECNICA DI PRODOTTO STP A5_I Passo Pg DIN 40 430 Tipo Grigio Chiaro P Foro Fissaggio Ø A B Chiave C L Imballo 1900.07 Pg 7 12,7 3,5-7 15 8 18-22 100 1900.09 Pg 9 15,5 5-8 19 8 22-26 100 1900.11 Pg11 18,8 5-10 22 8 23-28 100 1900.13

Dettagli

Tabella. Permittività relativa, parametro di solubilità, parametri empirici di polarità di alcuni solventi Solvente (a 25 C) ε r.

Tabella. Permittività relativa, parametro di solubilità, parametri empirici di polarità di alcuni solventi Solvente (a 25 C) ε r. Tabella. Permittività relativa, parametro di solubilità, parametri empirici di polarità di alcuni solventi ε r δ Z E T S π* (a 25 ) kcal/mole kcal/mole Esano 1.88 7.27 0.9 0.7 0.08 icloesano 2.02 8.2 1.2

Dettagli

Valori limite e prescrizioni basati sulle migliori tecniche disponibili (come definite dall art. 268 del d.lgs. 152/2006)

Valori limite e prescrizioni basati sulle migliori tecniche disponibili (come definite dall art. 268 del d.lgs. 152/2006) ALLEGATO H Valori limite e prescrizioni basati sulle migliori tecniche disponibili (come definite dall art. 268 del d.lgs. 152/2006) I valori di emissione costituiscono il riferimento per la fissazione

Dettagli

Anno 2009 PONTE S.S. ROMEA (MESOLA) - CANAL BIANCO

Anno 2009 PONTE S.S. ROMEA (MESOLA) - CANAL BIANCO Sezione Provinciale di Ferrara Rete di monitoraggio per la qualità ambientale Stazioni acque superficiali interne Resp. Serv. Sistemi Ambientali Dott.ssa. C. Milan Resp. Ecosistemi Idrici Dott.ssa S. Bignami

Dettagli

Anno 2009 PONTELAGOSCURO (FERRARA) - FIUME PO

Anno 2009 PONTELAGOSCURO (FERRARA) - FIUME PO Sezione Provinciale di Ferrara Rete di monitoraggio per la qualità ambientale Stazioni acque superficiali interne Resp. Serv. Sistemi Ambientali Dott.ssa. C. Milan Resp. Ecosistemi Idrici Dott.ssa S. Bignami

Dettagli

MANUALE GESTIONE QUALITÀ Laboratorio Analisi

MANUALE GESTIONE QUALITÀ Laboratorio Analisi 1,1,1-Tricloroetano Acqua APHA SMEW ed 22nd 2012, 6200/B 1,1,2-Tricloroetano Acqua APHA SMEW ed 22nd 2012, 6200/B 1,1-Dicloroetilene Acqua APHA SMEW ed 22nd 2012, 6200/B 1,2,4-Triclorobenzene Acqua APHA

Dettagli

LA NOSTRA RICERCA AL TUO SERVIZIO TUTELA DELL UOMO TUTELA DELL AMBIENTE

LA NOSTRA RICERCA AL TUO SERVIZIO TUTELA DELL UOMO TUTELA DELL AMBIENTE TUTELA DELL UOMO TUTELA DELL AMBIENTE LA NOSTRA RICERCA AL TUO SERVIZIO Copyright SCAR Labs s.r.l. Tutti i diritti riservati. Viale delle Industrie. Zona ASI, 81020 S. Marco Evangelista (CE) Tel. +39 0823

Dettagli

ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0

ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Scheda 1 di 7 ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Acque destinate al consumo umano Carica Batterica Totale a 22 C e 36 C MU 956:01 Coliformi fecali MU 953/1:01 Coliformi totali MU 952/1:01 Enterobatteri

Dettagli

GUANTI DA LAVORO UNI EN 420 UNI EN 388 UNI EN 374-2 UNI EN 374-3 UNI EN 407 UNI EN 421

GUANTI DA LAVORO UNI EN 420 UNI EN 388 UNI EN 374-2 UNI EN 374-3 UNI EN 407 UNI EN 421 420 marzo 2010 novembre 2004 abcd ottobre 2004 Definisce i requisiti di ergonomia e costruzione che devono essere soddisfatti dai guanti. Nello specifico garantisce: identificazione del fabbricante, corretta

Dettagli

GUANTI DA LAVORO UNI EN 420 UNI EN 388 UNI EN 374-2 UNI EN 374-3 UNI EN 407 UNI EN 421

GUANTI DA LAVORO UNI EN 420 UNI EN 388 UNI EN 374-2 UNI EN 374-3 UNI EN 407 UNI EN 421 420 marzo 2010 novembre 2004 abcd Definisce i requisiti di ergonomia e costruzione che devono essere soddisfatti dai guanti. Nello specifico garantisce: identificazione del fabbricante, corretta marcatura

Dettagli

Validazione dati nelle misure in campo di aeriformi

Validazione dati nelle misure in campo di aeriformi Validazione dati nelle misure in campo di aeriformi Maurizio Di Tonno Nucleo Operativo Bonifiche e Suolo Marco Fontana, Maria Radeschi Rischio industriale ed Igiene industriale Roma, 29 Gennaio 2015 Competenze

Dettagli

Classificazione e analisi dei rifiuti

Classificazione e analisi dei rifiuti Classificazione e analisi dei rifiuti Esempi pratici e Modifiche introdotte dal Regolamento 1357/2014 1 Argomenti trattati Definizioni Responsabilità e soggetti coinvolti Il processo di caratterizzazione

Dettagli

ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0

ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Scheda 1 di 7 ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Acqua a basso grado di contaminazione (acqua potabile, acqua non trattata, acqua di piscina) Cloriti UNI EN ISO 10304-4:2001 Acque destinate ad uso

Dettagli

PROVA STRUTTURATA DI CHIMICA ORGANICA

PROVA STRUTTURATA DI CHIMICA ORGANICA 1. Una delle seguenti definizioni di gruppo funzionale è errata. Quale? "In chimica organica, i gruppi funzionali sono gruppi di atomi presenti in ogni molecola A. dai quali dipendono le caratteristiche

Dettagli

GUARNIZIONI. Mescola a base di EPDM (gomma etilene propilene) con ottima resistenza agli agenti atmosferici ed all ozono.

GUARNIZIONI. Mescola a base di EPDM (gomma etilene propilene) con ottima resistenza agli agenti atmosferici ed all ozono. TIPO DENOMINAZIONE TECNICA GOMMA NATURALE COLORE GRIGIO NERO PERBUNAN NITRILE () SILICON (VMO VMQ) NERO BIANCO TRASPARENTE BEIGE NOTA TECNICA Mescola a base di NR (gomma naturale) con ottima elasticità

Dettagli

UTILIZZO IN SICUREZZA DEI GUANTI

UTILIZZO IN SICUREZZA DEI GUANTI POSTER con 10 consigli inclusi UTILIZZO IN SICUREZZA DEI GUANTI nella gestione dei solventi in collaborazione con ESIG European Solvents Industry Group (ESIG) è un associazione che rappresenta i principali

Dettagli

ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0

ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Scheda 1 di 22 ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Acqua di piscina, imbottigliata, destinata al consumo umano Pseudomonas aeruginosa UNI EN ISO 16266: 2008 Acque destinate al consumo umano Batteri

Dettagli

Impianti produttivi con caratteristiche odorigene: un approccio integrato di valutazione degli impatti

Impianti produttivi con caratteristiche odorigene: un approccio integrato di valutazione degli impatti Impianti produttivi con caratteristiche odorigene: un approccio integrato di valutazione degli impatti C.Regazzi, R.Roncarati, C.Volta, G.Biagi Arpa Emilia-Romagna Sezione Provinciale di Bologna ECOMONDO

Dettagli

MATERIALE O PRODOTTO DA PROVARE DENOMINAZIONE DELLA PROVA RIFERIMENTO NORMA

MATERIALE O PRODOTTO DA PROVARE DENOMINAZIONE DELLA PROVA RIFERIMENTO NORMA MATERIALE O PRODOTTO DA PROVARE DENOMINAZIONE DELLA PROVA RIFERIMENTO NORMA ACQUE POTABILI, MINERALI, SUPERFICIALI, DI, LIQUIDI DI DISSOLUZIONE ACQUE POTABILI, MINERALI, SUPERFICIALI, DI, LIQUIDI DI DISSOLUZIONE

Dettagli

ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0

ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Scheda 1 di 8 ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Acque di scarico (domestici ed industriali) Alluminio, Antimonio, Arsenico, Bario, Berillio, Boro, Cadmio, Calcio, Cromo, Cobalto, Rame, Ferro, Piombo,

Dettagli

ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0

ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Scheda 1 di 8 ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Acque Colore APAT CNR IRSA 2020 A Man 29 2003 Conduttività Water and Wastewater, ed 22nd 2012, 2510 B Conta di microorganismi vitali a 36 C e 22 C

Dettagli

Linee di Luce Microscopia / Diffrazione e Linee di Luce Spettroscopia / Scattering. Regolamento

Linee di Luce Microscopia / Diffrazione e Linee di Luce Spettroscopia / Scattering. Regolamento Smaltimento dei rifiuti chimici prodotti Il documento originale nello stato di revisione corrente è quello disponibile sul sistema documentale aziendale. Questo documento è riservato e non può essere diffuso

Dettagli

Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n "Norme in materia ambientale"

Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n Norme in materia ambientale Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152 "Norme in materia ambientale" pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 88 del 14 aprile 2006 - Supplemento Ordinario n. 96 PARTE TERZA - ALLEGATO 1 Monitoraggio

Dettagli

ELENCO DELLE PROVE Matrici Ambientali

ELENCO DELLE PROVE Matrici Ambientali Pag. 1 a 8 ELENCO DELLE Matrici Ambientali Elenco delle prove non esaustivo effettuabili presso i laboratori di Ecoprisma. MATRICI: Acque, Acque di scarico, Acque superficiali, Campioni acquosi, Acque

Dettagli

Composti organici volatili (COV)

Composti organici volatili (COV) D1 Composti organici volatili (COV) Componenti di radiello da utilizzare Corpo diffusivo bianco codice 120 Piastra di supporto codice 121 Adattatore verticale codice 122 (opzionale) Cartuccia adsorbente

Dettagli

Rapporto di prova n. 16RA05608

Rapporto di prova n. 16RA05608 Centro Tessile Cotoniero e Abbigliamento S.p.A. Piazza S. Anna, 2 Busto Arsizio (VA) Tel. 0331 696711 Fax 0331 680056 email info@centrocot.it web www.centrocot.it C.F. e P.IVA 01724710122 LAB N 0033 Rapporto

Dettagli

Guanto pelle fiore bianco. Taglia : 7 8 9 10. Taglia : 7 8 9 10. Guanto pelle fiore dorso crosta. Palmo rinforzato.

Guanto pelle fiore bianco. Taglia : 7 8 9 10. Taglia : 7 8 9 10. Guanto pelle fiore dorso crosta. Palmo rinforzato. Guanto pelle fiore bianco Taglia : 7 8 9 10 Guanto pelle fiore dorso crosta Taglia : 7 8 9 10 Guanto pelle fiore dorso crosta Taglia : 9 10 Palmo rinforzato Manichetta crosta Guanto pelle crosta bordato

Dettagli

GAMMA COMPLETA RIVESTIMENTO ANTICORROSIVO ED ECOLOGICO

GAMMA COMPLETA RIVESTIMENTO ANTICORROSIVO ED ECOLOGICO 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 INDICE Caratteristiche Plus Normative e certificazioni Erogatori manuali Lavaocchi Lavaocchi Docce a parete o a soffitto Docce a soffitto Docce a pavimento Stazioni di decontaminazione

Dettagli

CATALOGO DELLE PRESTAZIONI U.O. LABORATORIO DI BRESCIA SEDE LABORATORISTICA DI BERGAMO. Data aggiornamento: 19/11/2015

CATALOGO DELLE PRESTAZIONI U.O. LABORATORIO DI BRESCIA SEDE LABORATORISTICA DI BERGAMO. Data aggiornamento: 19/11/2015 U.O. LABORATORIO DI BRESCIA SEDE LABORATORISTICA DI BERGAMO Data aggiornamento: 19/11/2015 CAMPIONI: ACQUE REFLUE Applicare il Codice Tarffario 01.006-63 - (Pretrattamento medio del campione) ad eccezione

Dettagli

ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0

ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Scheda 1 di 5 ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Acque destinate al consumo umano, di piscina Conta di Legionella spp (compresa Legionella pneumophila) UNI EN ISO 11731-2: 2008 Acque destinate al

Dettagli

Matrici ambientali inquinate: la valutazione dei rischi per i lavoratori

Matrici ambientali inquinate: la valutazione dei rischi per i lavoratori Matrici ambientali inquinate: la valutazione dei rischi per i lavoratori Vai Tiziana, Campo Calogera - Servizio PSAL Colombo Laura, Careghini Alessandro, Trovato Monica - SSD Salute Ambiente Milano, 26

Dettagli

Corrodibilità leghe (escluse Al-Cu) Acetilendicloruro Buona resistenza Buona resistenza. Buona resistenza (purché anidro)

Corrodibilità leghe (escluse Al-Cu) Acetilendicloruro Buona resistenza Buona resistenza. Buona resistenza (purché anidro) Ottobre 2015 L impiego di materiali ferrosi, non ferrosi e materie plastiche per la costruzione di apparecchiature elettriche ed elettroniche adatte ad essere installate in ambienti con pericolo di esplosione

Dettagli

Luigi Turrio Baldassarri Igiene degli ambienti di vita Istituto superiore di sanità, Roma

Luigi Turrio Baldassarri Igiene degli ambienti di vita Istituto superiore di sanità, Roma Luigi Turrio Baldassarri Igiene degli ambienti di vita Istituto superiore di sanità, Roma L aria indoor è contaminata? L aria degli ambienti interni può essere contaminata sia da sostanze già presenti

Dettagli

Tariffario per analisi di acqua potabile (Stato 7.1.2016)

Tariffario per analisi di acqua potabile (Stato 7.1.2016) Dipartimento della sanità e della socialità LABORATORIO CANTONALE Tariffario per analisi di acqua potabile (Stato 7.1.2016) Prestazioni di servizio del laboratorio cantonale per analisi di acqua potabile.

Dettagli

Filtri a Quarzo e Carboni Attivi. per la Depurazione ed il Ricircolo dell'acqua di scarico degli autolavaggi,

Filtri a Quarzo e Carboni Attivi. per la Depurazione ed il Ricircolo dell'acqua di scarico degli autolavaggi, Filtri a Quarzo e Carboni Attivi per la Depurazione ed il Ricircolo dell'acqua di scarico degli autolavaggi, non richiedono l'aggiunta di sostanze chimiche. IL RICIRCOLO dell'acqua di scarico, permette

Dettagli

SCHEDA CATASTO SCARICHI

SCHEDA CATASTO SCARICHI 1 SCHEDA ANAGRAFICA RAGIONE SOCIALE O COGNOME E NOME PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS AREA DEI SERVIZI AMBIENTALI Ufficio Tutela delle Acque e Risorse Idriche SCHEDA CATASTO SCARICHI INDIRIZZO FISCALE COMUNE

Dettagli

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia SCHEDA Valori di emissione VALORI DI EMISSIONE D. Lgs 152/06 (Parte quinta, parte II dell Allegato I alla parte quinta) Sostanze ritenute cancerogene e/o tossiche per la riproduzione e/o mutagene (tabella

Dettagli

SCHEDA CARATTERIZZAZIONE RIFIUTI REV.9

SCHEDA CARATTERIZZAZIONE RIFIUTI REV.9 SCHEDA CARATTERIZZAZIONE RIFIUTI REV.9 Istruzione per la compilazione della scheda Ai sensi della normativa vigente, il produttore dei rifiuti, ai fini dello smaltimento in discarica, deve fornire al gestore

Dettagli

Chimica organica. Biomolecole. Tessuti biologici. Polimeri proprietà funzioni

Chimica organica. Biomolecole. Tessuti biologici. Polimeri proprietà funzioni Chimica organica Biomolecole Tessuti biologici Polimeri proprietà funzioni 1 Chimica organica Biomolecole Tessuti biologici Polimeri proprietà funzioni C O N 1 Chimica organica Biomolecole Tessuti biologici

Dettagli

Guanti Jugitec. Soluzioni di protezione per isolatori farmaceutici e camere a guanti

Guanti Jugitec. Soluzioni di protezione per isolatori farmaceutici e camere a guanti Guanti Jugitec Soluzioni di protezione per isolatori farmaceutici e camere a guanti Serie Jugitech Il marchio Jugitec è sinonimo di elevata qualità. La Jung Gummitechnik GmbH è certificata ISO 9001-2000.

Dettagli

BONIFICA. Tecnologie di bonifica: - Chimiche - Fisiche - Biologiche - Termiche 1

BONIFICA. Tecnologie di bonifica: - Chimiche - Fisiche - Biologiche - Termiche 1 BONIFICA - intervento necessario al risanamento di situazioni di contaminazione create da eventi accidentali o a seguito dell individuazione di fenomeni di inquinamento derivanti da attività lavorative.

Dettagli

SERIE OMOLOGHE E GRUPPI FUNZIONALI.

SERIE OMOLOGHE E GRUPPI FUNZIONALI. SERIE OMOLOGE E GRUPPI FUZIOALI. 1. Le serie omologhe e i gruppi funzionali I composti organici sono estremamente numerosi, ma la loro descrizione può essere semplificata se li si raggruppa in cosiddette

Dettagli

LEGGE REGIONALE 21 luglio 2004, n. 14. bonifica Ripristino delle ambientale aree inquinate. dei siti inquinati e disciplina del Piano per la

LEGGE REGIONALE 21 luglio 2004, n. 14. bonifica Ripristino delle ambientale aree inquinate. dei siti inquinati e disciplina del Piano per la 2 Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 32 del 4 agosto 2004 SOMMARIO LEGGE REGIONALE 21 luglio 2004, n. 14. bonifica Ripristino delle ambientale aree inquinate. dei

Dettagli

Per la parte generale relativa ai guanti di protezione si rimanda alla scheda 3

Per la parte generale relativa ai guanti di protezione si rimanda alla scheda 3 Dipartimento di Prevenzione U.O.C. SPISAL - Servizio Prevenzione Igiene e Sicurezza in Ambienti di Lavoro SCHEDA 4 Guanti Protezione dai rischi Chimici e Biologici V2-28/05/2014 Per la parte generale relativa

Dettagli

ATTIVITÀ CONDOTTE DA ARPA

ATTIVITÀ CONDOTTE DA ARPA ATTIVITÀ DI MONITORAGGIO AMBIENTALE 8 giugno 2010 Sezione Provinciale di Ferrara Via Bologna, 534 44124 Ferrara ATTIVITÀ CONDOTTE DA ARPA Ricerca di microinquinanti in suoli superficiali della provincia

Dettagli

CER 19.08.05. 24/03/2014 24/03/2014 CNR IRSA 2 Q 64 Vol2 1984 10 25/03/2014 26/03/2014 UNI EN 13346:2002 + UNI EN ISO 11885:2009

CER 19.08.05. 24/03/2014 24/03/2014 CNR IRSA 2 Q 64 Vol2 1984 10 25/03/2014 26/03/2014 UNI EN 13346:2002 + UNI EN ISO 11885:2009 LAB ANALYSIS Srl Via Europa, 5 27041 CASANOVA LONATI (PV) Tel. 0385-287000 Fax: 0385-57311 e-mail: info@labanalysis.it Internet: www.labanalysis.it Rapporto di prova n : Identificazione: 1405830-001 Fango

Dettagli

OFFERTA DI PRESTAZIONI DELLA UF IGIENE INDUSTRIALE

OFFERTA DI PRESTAZIONI DELLA UF IGIENE INDUSTRIALE Pagina 1 di 7 Aldeidi Aldeide formica (A) R MPI001 HPLC 15,11 HIach3 Aldeide acetica (A) R MPI001 HPLC 15,11 HIach3 Acroleina (A) R MPI001 HPLC 15,11 HIach3 Benzaldeide R MPI003 HPLC 15,11 HIach3 Benzaldeide

Dettagli

LATI COMPOUND DATI RESISTENZE CHIMICHE

LATI COMPOUND DATI RESISTENZE CHIMICHE LTI COMPOUND DTI RESISTENZE CHIMICHE =Buona, B=Discreta, C=Scadente CIDI INORGNICI LSTIROL (PS) LSTIL (SN) LTI S.p.. - Ed. 03/02 LSTILC (BS) LTILON (PC) LRIL (PPOm) LSTNE (PUR) LSULF (PSU) Conc. 23 50

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEI FILE EXCEL INSERISCI DATI PROVINCE E INSERISCI DATI COMUNI. Catasto Scarichi RIAL RISORSE IDRICHE ARPA LOMBARDIA

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEI FILE EXCEL INSERISCI DATI PROVINCE E INSERISCI DATI COMUNI. Catasto Scarichi RIAL RISORSE IDRICHE ARPA LOMBARDIA INSERISCI DATI PROVINCE E INSERISCI DATI COMUNI Catasto Scarichi RIAL RISORSE IDRICHE ARPA LOMBARDIA Aprile 2006 INTRODUZIONE In questo documento si forniscono alcune note di compilazione che aiutano

Dettagli

Dipartimento di Scienze Chimiche e Farmaceutiche. Regolamento per la gestione dei rifiuti

Dipartimento di Scienze Chimiche e Farmaceutiche. Regolamento per la gestione dei rifiuti Regolamento per la gestione dei rifiuti Revisione: aprile 2013 1 INDICE SCOPO DEL REGOLAMENTO NORMATIVA AMBITO D APPLICAZIONE DIVIETI E OBBLIGHI TIPOLOGIE DI RIFIUTI PRODOTTI DAL DIPARTIMENTO Rifiuti assimilabili

Dettagli

TESTI COORDINATI E AGGIORNATI

TESTI COORDINATI E AGGIORNATI TESTI COORDINATI E AGGIORNATI Testo del decreto-legge 21 giugno 2013, n. 69 (in S.O. n. 50/L alla Gazzetta Ufficiale - Serie generale - n. 144 del 21 giugno 2013), coordinato con la legge di conversione

Dettagli

ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0

ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Scheda 1 di 6 ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Acque potabili, acque di piscina Batteri coliformi e Escherichia coli (conta) UNI EN ISO 9308-1:2014 acque potabili, industriali, naturali e materiali

Dettagli

Direzione Generale per le Valutazioni Ambientali LISTA DELLE SOSTANZE VIETATE (O IN RESTRIZIONE)

Direzione Generale per le Valutazioni Ambientali LISTA DELLE SOSTANZE VIETATE (O IN RESTRIZIONE) Direzione Generale per le Valutazioni Ambientali LISTA DELLE SOSTANZE VIETATE (O IN RESTRIZIONE) A cura della Divisione V - Certificazione ambientale, prodotti chimici e acquisti pubblici verdi Coordinamento:

Dettagli

nuova domanda Modifica Rinnovo

nuova domanda Modifica Rinnovo D.Lgs. n 152/99 e D. Lgs. 258/00 SCHEDA DI RILEVAMENTO DI SCARICO DI ACQUE REFLUE INDUSTRIALI E/O DI ACQUE METEORICHE DI DILAVAMENTO DA STABILIMENTO INDUSTRIALE (da allegare alla domanda di autorizzazione

Dettagli

CUPOLA ASPIRANTE modelli 901 901/R. TIPO A - codice A2940012 - CIVAB CIRASA91 FILTRO A CARBONI ATTIVI PER SOSTANZE GENERICHE

CUPOLA ASPIRANTE modelli 901 901/R. TIPO A - codice A2940012 - CIVAB CIRASA91 FILTRO A CARBONI ATTIVI PER SOSTANZE GENERICHE CUPOLA ASPIRANTE modelli 901 901/R TIPO A - codice A2940012 - CIVAB CIRASA91 FILTRO A CARBONI ATTIVI PER SOSTANZE GENERICHE TIPO B - codice A2940026 - CIVAB CIRASA91 FILTRO A CARBONI IMPREGNATO PER SOSTANZE

Dettagli

GIOCATTOLI ED OGGETTI PER L INFANZIA: FTALATI ED ALTRI CONTAMINANTI

GIOCATTOLI ED OGGETTI PER L INFANZIA: FTALATI ED ALTRI CONTAMINANTI GIOCATTOLI ED OGGETTI PER L INFANZIA: FTALATI ED ALTRI CONTAMINANTI Ermanno Errani Responsabile Area Analitica Alimenti ARPA Emilia-Romagna Sezione Provinciale di Bologna IL QUADRO NORMATIVO NORME UNI

Dettagli

METODI ANALISI AMBIENTE

METODI ANALISI AMBIENTE Accreditato ACCREDIA Parametri determinati in campo Anidride carbonica analizzatore IR Carbonio organico totale (T.O.C.) UNI EN 13526:2002 Metano Metano Monossido di carbonio Ossigeno Temperatura Umidità

Dettagli

UNI EN 374-2 UNI EN 374-3 UNI EN 420 UNI EN 407 UNI EN 388 UNI EN 511 UNI EN 421

UNI EN 374-2 UNI EN 374-3 UNI EN 420 UNI EN 407 UNI EN 388 UNI EN 511 UNI EN 421 ottobre 2004 Definisce i requisiti ed i livelli prestazionali per guanti che offrono protezione da rischi di natura microbiologica. Il pittogramma indica che il guanto resiste alle prove di perdita d acqua

Dettagli

LISTINO ANALISI CHIMICHE LABORATORIO GENESI srl ANNO 2013

LISTINO ANALISI CHIMICHE LABORATORIO GENESI srl ANNO 2013 LISTINO ANALISI CHIMICHE LABORATORIO GENESI srl ANNO 2013 All.MQ_4.4_02 rev.00 del 30.03.2013 Pagina 1 di 23 MATRICE: ACQUE PARAMETRO METODO PREZZO ph APAT CNR IRSA 2060 Man 5,00 Conducibilità elettrolitica

Dettagli

Chimica Organica. Definizione. La chimica organica è la chimica dei composti contenenti carbonio

Chimica Organica. Definizione. La chimica organica è la chimica dei composti contenenti carbonio Chimica Organica Definizione La chimica organica è la chimica dei composti contenenti carbonio I carbonati, il biossido di carbonio e i cianuri metallici sono un eccezione in quanto vengono classificati

Dettagli

METODI ANALISI TERRENO

METODI ANALISI TERRENO Data aggiornamento 0/0/202 Accreditato ACCREDIA Residui residuo a 600 C DM 3/09/999 SO n 85 GU n 248 2/0/999 Met II.2 residuo secco a 05 C DM 3/09/999 SO n 85 GU n 248 2/0/999 Met II.2 umidità DM 3/09/999

Dettagli

Diffusività dei Gas. componente A in direzione della diffusione di A in A+B gr.moli/m 3 Dx Distanza nella direzione della diffusione di A in A+B m

Diffusività dei Gas. componente A in direzione della diffusione di A in A+B gr.moli/m 3 Dx Distanza nella direzione della diffusione di A in A+B m Diffusività dei Gas Descriviamo l assorbimento di un gas in un liquido per introdurre il concetto di diffusività. Si voglia ad esempio assorbire con acqua dell ammoniaca contenuta in un gas sia per liberare

Dettagli

ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0

ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Scheda 1 di 6 ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Acqua, Depositi, Incrostazioni, Filtri, Tamponi Conta di Legionella Doc. 04/04/2000 GU n 103 05/05/2000 All.2 e All.3 Acque destinate al consumo umano

Dettagli

CAPPA ASPIRANTE ASALAIR CARBO 900 900/R

CAPPA ASPIRANTE ASALAIR CARBO 900 900/R CAPPA ASPIRANTE ASALAIR CARBO 900 900/R TIPO A COD. 29940002 FILTRO A CARBONI ATTIVI PER SOSTANZE GENERICHE TIPO B COD. 29940009 FILTRO A CARBONI ATTIVI PER SOSTANZE SPECIALI CODICE CIVAB CIRASA9C Modello

Dettagli

MONTEPAONE S.R.L. Strumentazione Scientifica da laboratorio CAPPA ASPIRANTE ASALAIR CARBO 900 900/R

MONTEPAONE S.R.L. Strumentazione Scientifica da laboratorio CAPPA ASPIRANTE ASALAIR CARBO 900 900/R CAPPA ASPIRANTE ASALAIR CARBO 900 900/R TIPO A COD. 29940002 FILTRO A CARBONI ATTIVI PER SOSTANZE GENERICHE TIPO B COD. 29940009 FILTRO A CARBONI ATTIVI PER SOSTANZE SPECIALI CODICE CIVAB CIRASA9C +39

Dettagli

LA CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI DAL PUNTO DI VISTA TECNICO-PRATICO

LA CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI DAL PUNTO DI VISTA TECNICO-PRATICO Il regime della classificazione dei rifiuti: aspetti normativi e analisi tecnica Vicenza 13 marzo 2014 1 LA CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI DAL PUNTO DI VISTA TECNICO-PRATICO Gabriella Jaforte 2 Tipi di rifiuti

Dettagli

PROGETTO OPERATIVO DEGLI INTERVENTI DI BONIFICA

PROGETTO OPERATIVO DEGLI INTERVENTI DI BONIFICA committente Comune di Pesaro PROGETTO OPERATIVO DEGLI INTERVENTI DI BONIFICA ai sensi del D.Lgs. 152/06 sito Area Centro Direzionale Benelli sottocomparto 1 via Morosini, 12 Pesaro (PU) PROGETTO N : B3

Dettagli

Linee guida per la caratterizzazione dei siti contaminati

Linee guida per la caratterizzazione dei siti contaminati Linee guida per la caratterizzazione dei siti contaminati 1 Scopo e campo di applicazione Il presente documento è finalizzato a standardizzare la procedura per l espletamento delle indagini sui siti contaminati

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 04 INCOMPATIBILITA. Revisione 00 - Gennaio A cura di: Servizio Ambiente e Progettazione per la Sicurezza

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 04 INCOMPATIBILITA. Revisione 00 - Gennaio A cura di: Servizio Ambiente e Progettazione per la Sicurezza ISTRUZIONE OPERATIVA N. 04 Revisione 00 - Gennaio 2015 A cura di: Servizio Ambiente e Progettazione per la Sicurezza ISTRUZIONE OPERATIVA N.04. Scopo e campo di applicazione Il rifiuto, prima di essere

Dettagli

COMPOSIZIONE CHIMICA DEL FUMO PRINCIPALE DI SIGARETTA

COMPOSIZIONE CHIMICA DEL FUMO PRINCIPALE DI SIGARETTA COMPOSIZIONE CHIMICA DEL FUMO PRINCIPALE DI SIGARETTA Emilia Marchei, Manuela Pellegrini, Roberta Pacifici, Piergiorgio Zuccaro, Simona Pichini Istituto Superiore di Sanità, Dipartimento del Farmaco Viale

Dettagli

L acqua potabile nel comune di Cuggiono

L acqua potabile nel comune di Cuggiono L acqua potabile nel comune di Cuggiono Introduzione Scopo di questa relazione è descrivere la qualità dell acqua fornita dall acquedotto di Cuggiono, quale risulta dai controlli effettuati nel corso del

Dettagli

CONTAMINAZIONE DEI SUOLI E PROBLEMI DI BONIFICA DEI SUOLI CONTAMINATI. SINTESI NORMATIVA E LINEE GUIDA

CONTAMINAZIONE DEI SUOLI E PROBLEMI DI BONIFICA DEI SUOLI CONTAMINATI. SINTESI NORMATIVA E LINEE GUIDA CONTAMINAZIONE DEI SUOLI E PROBLEMI DI BONIFICA DEI SUOLI CONTAMINATI. SINTESI NORMATIVA E LINEE GUIDA Andrea Buondonno Dipartimento di Architettura e Disegno industriale Luigi Vanvitelli Seconda Università

Dettagli

Provincia: Indirizzo: N

Provincia: Indirizzo: N Spazio per la vidimazione da parte del SUAP ALLEGATO A-11 Dichiarazione di conformità dell impianto alle vigenti norme CONFORMITA ALLE NORME IN MATERIA DI SCARICHI N.B: Per tutti gli scarichi la competenza

Dettagli

Azienda con sistema di gestione qualità conforme ai requisiti della norma UNI EN ISO 9001:2008. Certificato TÜV Italia n 50 100 3290 Rev.

Azienda con sistema di gestione qualità conforme ai requisiti della norma UNI EN ISO 9001:2008. Certificato TÜV Italia n 50 100 3290 Rev. ASAL S.R.L. - APPARECCHI SCIENTIFICI ATTREZZATURE LABORATORI Azienda con sistema di gestione qualità conforme ai requisiti della norma UNI EN ISO 9001:2008. Certificato TÜV Italia n 50 100 3290 Rev. 03

Dettagli

Guida alla scelta del filtro

Guida alla scelta del filtro Guida alla scelta del filtro MSA offre un ampia gamma di maschere a pieno facciale, semi-maschere, facciali filtranti, cappucci e visori, in abbinamento con filtri e elettrorespiratori che permettono all

Dettagli

CAPPA ASPIRANTE MODELLO 900

CAPPA ASPIRANTE MODELLO 900 CAPPA ASPIRANTE MODELLO 900 MOD. 900/A CODICE 29940002 FILTRO A CARBONI ATTIVI MOD. 900/B CODICE 29940009 FILTRO A CARBONI ATTIVI PER APPLICAZIONI SPECIALI CODICE CIVAB CIRASA9C Distribuito da: Zetalab

Dettagli

Comportamento delle tubazioni in PVC agli agenti chimici

Comportamento delle tubazioni in PVC agli agenti chimici Comportamento delle tubazioni in PVC agli agenti chimici Si riportano di seguito alcuni prospetti relativi la resistenza chimica del PVC rigido, basati su esperienze pratiche e di laboratorio eseguite

Dettagli

LABORATORIO CHIMICO AGROALIMENTARE

LABORATORIO CHIMICO AGROALIMENTARE LABORATORIO CHIMICO PROVE DI LABORATORIO SU CAMPIONI DI OLIO VEGETALE ( ) acidità totale ( ) analisi spettrofotometrica UV (DK) ( ) numero perossidi analisi degli esteri metilici degli acidi grassi idrocarburi

Dettagli

Numero 41 /2015 Il lavoro delle donne e il tumore del seno: il punto sulle conoscenze (2)

Numero 41 /2015 Il lavoro delle donne e il tumore del seno: il punto sulle conoscenze (2) Numero 41 /2015 Il lavoro delle donne e il tumore del seno: il punto sulle conoscenze (2) oseguiamo la pubblicazione del rapporto pubblicato nell agosto 2015 dal Breast Cancer Fund statunitense *******

Dettagli

Simboli di pericolo simboli di pericolo sostanze formulazioni prodotti simboli di pericolo

Simboli di pericolo simboli di pericolo sostanze formulazioni prodotti simboli di pericolo Simboli di pericolo I simboli di pericolo vengono usati per etichettare le sostanze pericolose, come previsto dalle normative vigenti sull argomento. La Ordinance on Hazardous Substances è una regolamentazione

Dettagli

Rapporto sui risultati relativi alla ricerca di fitofarmaci nelle acque Anno 2007

Rapporto sui risultati relativi alla ricerca di fitofarmaci nelle acque Anno 2007 Rapporto sui risultati relativi alla ricerca di fitofarmaci nelle acque Anno 2007 a cura di Alessandro Franchi, ARPA - Toscana 1 Introduzione Fin dal 1997 il Gruppo di lavoro APAT-ARPA-APAT Fitofarmaci,

Dettagli

Datore di Lavoro RSPP. Medico Competente RLS. A cura del Servizio di Prevenzione e Protezione d Istituto

Datore di Lavoro RSPP. Medico Competente RLS. A cura del Servizio di Prevenzione e Protezione d Istituto REGOLAMENTO PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI DERIVANTI DALLE ATTIVITA LABORATORIALI CHIMICO-BIOLOGICHE ai sensi del D.lgs.81/08 (integrazione del DVR d Istituto) Datore di Lavoro RSPP Medico Competente

Dettagli

MODULO ASPIRANTE MODELLO 1200 COMBI

MODULO ASPIRANTE MODELLO 1200 COMBI MODULO ASPIRANTE MODELLO 1200 COMBI 1200 COMBI / A COD. 29940021 FILTRO A CARBONI ATTIVI 1200 COMBI / B COD. 29940024 FILTRO A CARBONI ATTIVI PER APPLICAZIONI SPECIALI CODICE CIVAB CIRASAC2 Ed. 01/11 Pagina

Dettagli

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLA SARDEGNA ARPAS

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLA SARDEGNA ARPAS AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLA SARDEGNA ARPAS Direzione generale PIANO DI MONITORAGGIO AMBIENTALE DELLA LAGUNA DI SANTA GILLA E DELLO STAGNO DI CAPOTERRA FASE I CAMPIONATURA ED

Dettagli