La conversione A/D. Segnali digitali A differenza del segnale analogico quello digitale è costituito da una funzione "tempo discreta" e "quantizzata :

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La conversione A/D. Segnali digitali A differenza del segnale analogico quello digitale è costituito da una funzione "tempo discreta" e "quantizzata :"

Transcript

1 La overioe A/D Segali aalogii U egale aalogio può eere rappreetato mediate ua fuzioe del tempo he gode delle egueti aratteritihe: 1) la fuzioe è defiita per ogi valore del tempo (è ioè otiua el domiio) ) la fuzioe è otiua. Segali digitali A differeza del egale aalogio quello digitale è otituito da ua fuzioe "tempo direta" e "quatizzata : 1) defiita olamete i u iieme umerabile di itati "equipaziati ) dotata di u odomiio otituito da u iieme direto di valori. 1

2 La overioe A/D Segali aalogii e digitali

3 La overioe A/D Pregi del egale digitale ( altrimeti detto "umerio" ) I egali digitali hao ua maggiore reiezioe ai diturbi ripetto ai egali aalogii (rumore). I egali digitali pooo eere elaborati più failmete dei egali aalogii (elaborazioe o mirootrollori o miroproeori e o o iruiti aalogii) I egali digitali pooo eere regitrati i maiera più fedele e tabile dei egali aalogii 3

4 La overioe A/D La diretizzazioe dei egali La traformazioe di u egale otiuo el domiio del tempo e dell ampiezza i ua equeza di parole, formate da u umero fiito di ifre, rihiede ua diretizzazioe, ia el domiio del tempo, ia el domiio dell ampiezza, oti ripettivamete ome: ampioameto quatizzazioe. L itero proeo è oto ol ome di overioe aalogio-digitale (A/D overio). I dipoitivi he effettuao la overioe oo oti ome Covertitori Aalogio Digitale (A/D Coverter) [V] ample 4

5 La overioe A/D La diretizzazioe dei egali Obiettivi: Selta del umero di ampioi i u periodo (frequeza di ampioameto) atti a forire ua orretta rappreetazioe (riotruzioe) del egale origiale. Teihe per la odifia el domiio digitale (e. 0001) del valore aalogio di u ampioe (e..54v) e vievera [V] ample 5

6 La overioe A/D Il teorema del ampioameto Il teorema del ampioameto i aiura he e oo oddifatte alue ipotei, il proeo di diretizzazioe el domiio del tempo, o produe alua perdita d iformazioe: Sia f(t) u egale o traformata di Fourier F(), tale he F()0 per >. Si ha, allora: f ( t ) f ( T ) ; T i ( ) t T ( t T ) π / Cioè partedo dai ampioi f(t) è teoriamete poibile riotruire il egale origiale!!! Limite teorio!!!!! 6

7 f La overioe A/D Utilizzado u filtro riotruttore ideale: ( t) f ( T ) La riotruzioe del egale ; H ( ) 1 0 i T per per < ( ) t T ( t T ) π / f(t) f (t) f Riotruita 7

8 La overioe A/D La riotruzioe del egale Il mateitore ardiale La formula itrodotta el teorema del ampioameto è ota ome erie ardiale e la fuzioe: it g ( t) t è detta mateitore ardiale e la pulazioe / è ota i letteratura ome frequeza di Nyquit.. U mateitore ardiale è u filtro o fiiamete realizzabile. Eo può eere oltato approimato. Per queto motivo: Si utilizza ua frequeza di ampioameto uperiore a quella previta dal teorema di Shao (tipiamete 10 volte); Si utilizzao dei filtri riotruttori o mateitori. I filtri più omuemete utilizzati oo: Il riotruttore di ordie zero; Il riotruttore del primo ordie; Il oettore ideale di puti. 8

9 La overioe A/D Il proeo di ampioameto L uita di u ampioatore può eere rappreetata ome ua erie umeria, i ui elemeti oiidoo o i valori auti dal egale tempo-otiuo i itati multipli del tempo di ampioameto f(t) T {f(t)} U egale ampioato può eere peato ome il riultato del prodotto tra il egale aalogio e u treo di impuli di durata fiita. T 9

10 La overioe A/D Il ampioameto Il egale ampioato vale quidi: f ( t) f ( t) ( t) Il proeo di ampioameto equivale ad u operazioe di modulazioe ad ampiezza di impuli (PAM). il treo di impuli otituie la portate; il egale da ampioare rappreeta la modulate. 10

11 La overioe A/D Il ampioameto Si ottiee u ampioameto ideale quado (t) è u treo di impuli di Dira. ( t) δ ( t) 0 igolare t t 0 0 La igolarità è tale he: ξ ξ δ ( t ) dt 1 ξ > 0 Ituitivamete, la fuzioe impulo di Dira può eere immagiata ome il limite per he tede a zero dell impulo di durata fiita p (t). L impulo di Dira gode della proprietà di elezioe. Sia g( ) ua fuzioe otiua, i ha: ξ ξ g ( t) δ ( t) dt g( 0 ) ξ > 0 11

12 La overioe A/D Nel ao di u ampioatore ideale i utilizza u treo di impuli di Dira! Il ampioameto ( t) δ ( t T ) f ( t) f ( t) ( t ) f ( t) f ( t) δ ( t T ) f ( t) δ ( t T ) f ( T ) δ ( t T ) Il egale ampioato viee rappreetato da treo di impuli. u f(t) f (t) 1

13 La overioe A/D Il ampioameto el domiio della frequeza il egale (t) è u egale periodio di periodo T; è quidi poibile fare lo viluppo i erie di Fourier: µ π j t ( ) T t µ e µ e π, t T 1 T T / T / (, ) ( ) j t t e dt j t Quidi, il egale ampioato aume la forma: f jt ( t) f ( t) µ e, t (, ) µ f jt ( t) e π T 13

14 La overioe A/D Il ampioameto el domiio della frequeza Nel ao del ampioameto ideale el domiio della frequeza i ha: µ F 1 T T T / δ / 1 T ( t) e ( t ) 1 T j t e dt j t. 1 T ( ) F( ). 14

15 La overioe A/D Il ampioameto el domiio della frequeza Si oti he f (t)è u egale traiete ed è quidi poibile alolare la traformata di Fourier: F jt ( ) F µ f ( t) e µ F f ( t) { j t } e Poihé la traformata di Fourier di u egale f(t) vale per defiizioe: F jt ( ) f ( t ) e dt Per il egale ampioato i ottiee: F ( ) µ f ( t) µ f e j t jt j( ) ( ) t t e dt µ F( ) Eedo F()F(f(t)) la traformata di Fourier del egale modulate. e dt 15

16 La overioe A/D Il ampioameto L operazioe di ampioameto itrodue uove ompoeti pettrali he orripodoo alla tralazioe dello pettro i bada bae F() del egale. F() - F ()

17 La overioe A/D La riotruzioe del egale Se f(t) è u egale o pettro limitato F()0 per > e >, allora le varie ripetizioi o i ovrappogoo ed il egale origiario può eere riotruito a meo di u fattore di ala elaborado il egale ampioato f (t), utilizzado u filtro he abbia ome fuzioe di traferimeto: H 0 1 per ( ) < per F () - 17

18 La overioe A/D La riotruzioe del egale: aliaig Se la odizioe > o viee ripettata le ripetizioi dello pettro del egale origiario i ovrappogoo e i verifia il feomeo dell alia. I tali odizioi o è più poibile riotruire il egale origiario attravero u operazioe di filtraggio. F()

19 La overioe A/D Il ampioameto: ao reale Nel ao di u ampioatore reale (i utilizza u treo di impuli di durata fiita T 1 ) i ha: + 1 k Il egale ampioato viee rappreetato da u treo di fuzioi impulive e l area di ogi impulo orripode al valore del geerio ampioe. Nel domiio della frequeza: ( t ) ( t ) ret T1 T1 µ ( ) 1 T T i 1 F ( ) 1 i( T ) F( ) T 1 F ()

20 La overioe A/D Il ampioameto F() - F () Nel ao di u ampioatore ideale: F () Nel ao di u ampioatore reale: - - 0

21 La overioe A/D La riotruzioe del egale F() - F () Nel ao di u ampioatore ideale: H() F () H() Nel ao di u ampioatore reale:

22 La overioe A/D Poihé f(t) è u egale o pettro limitato è poibile alolare lo viluppo i erie epoeziale dello pettro. Si ha, quidi: ( ) ( ) ( ) π π π π d e F d e F f e f F t T j j j 1 1 ; ; ; Dimotrazioe del teorema ampioameto ( ) ( ) π π d e F d e F f 1 1 Per la defiizioe di atitraformata di Fourier di u egale vale la relazioe: ( ) ( ), 1 π d e X t X t j Il geerio oeffiiete del otro viluppo i erie di poteze può eere, allora, riritto ome:, f f π π

23 La overioe A/D quidi lo pettro del egale aume la forma ( ) < 0. j per per e f F π π π e atitraformado ( ) ( ) ( ) t j t j d e F d e F t f π π 1 1 Dimotrazioe del teorema ampioameto 3 t j t j t j t j t j t j e e f e f d e f π π π π π π π π π 1 1 1

24 La overioe A/D i 1 t t f j e e t f t j t j π π π π π π π Dimotrazioe del teorema ampioameto 4 ( ) [ ] [ ]., i T eedo T t T t T f π π π π

25 La overioe A/D La riotruzioe del egale Il riotruttore di ordie zero E il filtro riotruttore più omue ed è oto ahe ome ample-ad-hold o mateitore di ordie zero. Eo è aratterizzato dalla ripota all impulo: h ( t) t T altrove Se T 0 per T fiito 5

26 La overioe A/D Il riotruttore di ordie zero Quidi la qualità (viiva) dell approimazioe di u egale aumeta al dimiuire dell itervallo T. La ripota i frequeza del S&H vale: 1 1 ) ( 1 ) ( j e e e j e e e j e j H e H T j T j T j T j T j T j T j T La riotruzioe del egale 6 ( ). / / i i T T Te T e j j e j T j T j

27 La overioe A/D La riotruzioe del egale Il riotruttore del primo ordie Il filtro riotruttore del primo ordie predie il ampioe f((+1)t) utilizzado la retta he paa per i puti f((-1)t) e f(t). y( t) f ( T) + f ( T) f (( 1) T) ( t T T) per T t < ( + 1) T; e la ripota all impulo è (per T1): u(t)+ret(t)-u(t-1)-ret(t-1)+u(t-)+ret(t-) y(t) f((-1)t) f(t) T 7

28 La overioe A/D La riotruzioe del egale Il riotruttore del primo ordie Le orripodeti fdt e ripota armoia valgoo: H( ) H( j) ( )( + 1 1e + e ) ( )( j j j + 1 1e + e ). ( j) NB: la ripota i frequeza di u FOH ha ua miore atteuazioe alle bae frequeze ma amplifia le ompoeti ad alta frequeza, ripetto al riotruttore di ordie zero. 8

29 La overioe A/D La riotruzioe del egale Il riotruttore del primo ordie Le pretazioi di u FOH pooo eere migliorate utilizzado u filtro o orrezioe parziale della veloità: y( t) per f f ( T) + α T t < ( + 1) T; ( T) f (( 1) T) ( t T) T 0 α 1 α 9

30 La overioe A/D La riotruzioe del egale Il oettore ideale di puti Se è poibile aettare u ritardo di u ampioe, u buo riotruttore è il oettore ideale di puti. y( t) per t T f ( T) + f T T t < ( + 1) T; [( 1) T] ( + 1) T T t e la ripota all impulo è (per T1): h(t)ret(t)-ret(t-1)+ret(t-) 30

31 La overioe A/D La riotruzioe del egale Il oettore ideale di puti Le orripodeti fdt e ripota armoia valgoo: H( ) H( j) ( 1e + e ) ( j j 1e + e ). ( j) NB: u oettore ideale ha aratteritihe migliori i termii di filtraggio delle ompoeti ad alta frequeza e di ampiezza dei lobi eodari. 31

32 La overioe A/D La quatizzazioe Da u puto di vita di priipio, per quatizzare il egale i deve iazitutto defiire il ampo di valori etro ui il egale deve mateeri per permettere ua orretta quatizzazioe. Per il ampo opra itato, hiamato "ampo di miura", vegoo uualmete oiderate due alterative: ampo uipolare o etremo iferiore ullo ed etremo uperiore E : ampo di miura [ 0, +E ] ampo bipolare o etremo iferiore -E ed etremo uperiore +E : ampo di miura [ -E, +E ]. 3

33 La overioe A/D La quatizzazioe Defiito il ampo di miura lo i deve uddividere i u umero arbitrario (ma fiito) di itervalli otigui. Ahe i queto ao i pooo avere due alterative priipali: uddiviioe i itervalli di ampiezza otate: quatizzazioe uiforme uddiviioe i itervalli di ampiezze divere: quatizzazioe NON uiforme. Si idividua poi il valore etrale di iau itervallo i ui è tato uddivio il ampo di miura. Si otituie ifie al valore di iau ampioe del egale ampioato il valore etrale dell'itervallo i ui eo i trova. 33

34 La overioe A/D Iertezza di quatizzazioe L ampiezza di u igolo livello è detta tep di quatizzazioe (tep ize). Se o V FS idihiamo il valore maimo he può aumere la teioe, l ampiezza del livello di quatizzazioe è: V LSB V FS / Il livello di quatizzazioe è detto ahe LSB. 34

35 La overioe A/D Iertezza di quatizzazioe L alterazioe he al maimo può eere apportata al valore di iau ampioe è pari alla emi-ampiezza dell'itervallo etro ui il valore del ampioe (aalogio) i trova. Se i idia o il imbolo e l ampiezza dell'itervallo, l iertezza itrodotta dalla fae di quatizzazioe (hiamata "iertezza di quatizzazioe") riulta di ± e/. Quatizzazioe uiforme La quatizzazioe 35

36 La overioe A/D La quatizzazioe Iertezza di quatizzazioe Quatizzazioe o uiforme: oteimeto della maima iertezza relativa di quatizzazioe Nella quatizzazioe o uiforme gli itervalli i ui viee uddivio il ampo di miura pooo avere ampiezza he deree mao a mao he il livello etrale dell'itervallo dimiuie: oo tate viluppate divere quatizzazioi o uiformi, iaua delle quali aratterizzata per la legge o la quale varia l'ampiezza degli itervalli (leggi lieari, logaritmihe, e.). 36

37 La overioe A/D Shemi pratii per la quatizzazioe uiforme Quatizzazioe o ileziata Ua prima forma di quatizzazioe uiforme, detta "quatizzazioe o ileziata", prevede he il ampo ia uddivio i u umero pari di itervalli di uguale ampiezza dei quali ua oppia (quella etrale) abbia ome etremo omue lo zero. Il ampo di miura i etede da -E a +E L'ampiezza del igolo itervallo (hiamato "bit meo igifiativo" o LSB) è forita dal rapporto fra l'ampiezza del ampo di miura ( + E ) ed il umero di itervalli reati. Il priipale difetto della quatizzazioe o ileziata è otituito dal fatto he qualiai valore ompreo fra 0+ e + 1 LSB viee aoiato al odie 100 metre qualiai valore ompreo fra 1 LSB e 0- viee aoiato al odie 011: u ampioe prelevato dal egale he avee valore ullo verrebbe omuque aoiato empre ad u valore o ullo poitivo o egativo eluivamete i fuzioe del otributo dato dal rumore e dall'offet dei dipoitivi aalogii utilizzati ella iruiteria del quatizzatore reale. 37

38 La overioe A/D Shemi pratii per la quatizzazioe uiforme Quatizzazioe ileziata Ua forma più evoluta di quatizzazioe uiforme è quella detta "quatizzazioe ileziata" la quale prevede he il ampo ia aora uddivio i u umero pari di itervalli, tutti di uguale ampiezza alvo i due etremi, e o u itervallo etrato ullo zero Il ampo di miura ha per etremo iferiore -E e uperiore (+E - 1 LSB) ed è uddivio i N itervalli dei quali: N - oo itervalli di ampiezza uguale a 1 LSB hao ampiezza uguale a ½ LSB Queta partiolare oluzioe permette di avere u itervallo "etrato" ullo zero pertato tutti quei ampioi prelevati dal egale di igreo a ui i ovrappoe u rumore he aveero u valore ompreo fra - ½ LSB e + ½ LSB verrebbero aoiati a zero. Il itema preeta quidi ua reiezioe (ieibilità) ai rumori he i ovrappogoo ad u egale ullo azzeradoe l'effetto el egale quatizzato fio a quado il loro otributo o upera ± ½ LSB. 38

39 La overioe A/D La odifia La fae di odifia oite ell'aoiare ad ogi itervallo i ui è tato uddivio il ampo di miura ua parola (di olito eprea i odie biario) he lo idetifia i modo uivoo. Soo i uo divere odifihe biarie fra le quali le più diffue oo le egueti: biario puro: uata per ampi uipolari [ 0, +E ] o la orripodeza E - 1 LSB biario o offet - "OB Code": uata per ampi bipolari [ -E, +E ] o la orripodeza -E E - 1 LSB biario o offet omplemetato a due - "COB Code": uata per ampi bipolari [ -E, +E ] o la orripodeza -E E - 1 LSB La figura otto riportata motra u eempio di odifia di tipo "biario o offet": 39

40 U eempio: La overioe A/D La odifia Codifia a 3 bit, ±E Quatizzazioe o ileziata (tutti gli itervalli oo uguali a E/ N ) e odifia Biaria o Offet: (-E 000, +E-1 LSB 111) COD da A 000 -E -E+E/ E+E/4 -E+E/ 010 -E+E/ -E+3E/ E+3E/ E/4 101 E/4 E/ 110 E/ 3E/ E/4 E 40

41 U eempio: La overioe A/D La odifia Codifia a 3 bit, ±E Quatizzazioe ileziata e odifia Biaria o Offet: (-E 000, +E-1 LSB 111) COD Da A 000 -E -E+E/ E+E/8 -E+E/8+E/ E+3E/8 -E+5E/ E+5E/8 -E+7E/ E/8 E/8 101 E/8 3E/ E/8 5E/ E/8 5E/8+E/8 6E/8 +E-1 LSB 111 E-E/8 41

42 La overioe A/D Note geerali ui overtitori A/D U overtitore A/D aetta i igreo u egale otiuo (peo ua teioe V x ) e la overte i ua parola he può eere failmete maipolata da u alolatore. Ahe per u overtitore A/D vegoo itrodotte delle aratteritihe metrologihe tatihe e diamihe. 4

43 La overioe A/D Note geerali ui overtitori A/D Le aratteritihe tatihe più omui oo: La urva di overioe; L errore di offet e di guadago; L errore di liearità (differeziale o itegrale); L errore di mootoiità; Il miig ode. 43

44 La overioe A/D Note geerali ui overtitori A/D La urva di overioe; q A/D q Pao di quatizzazioe: V FS / N 1LSB /8 /8 3/8 4/8 5/8 6/8 7/8 8/8 Iertezza di quatizzazioe: idetermiazioe itriea o ui opera il dipoitivo el quatizzare il egale aalogio i u umero fiito di livelli : ±0.5LSB I u A/D tutte le aue di iertezza dovrebbero eere iferiori all errore di quatizzazioe. /V FS 44

45 La overioe A/D Note geerali ui overtitori A/D A/D L Errore di offet implia he la prima traizioe o i verifia quado il egale d igreo aume u valore pari a 1/LSB. q L Errore di guadago 45

46 La overioe A/D Note geerali ui overtitori A/D q i a MISSING CODE /8 /8 3/8 4/8 5/8 6/8 7/8 8/8 /V FS COD STEP SIZE DIFF ERR INT ERR A/D q

47 La overioe A/D Note geerali ui overtitori A/D Gli errori diamii dipedoo: Dalla variazioe del egale durate il periodo di overioe: E A ; Da ua frequeza di ampioameto o idoea alla frequeza del egale da overtire: E S Iertezza ull itate effettivo di ampioameto (JITTER) U idie globale per la time delle iertezze i u overtitore A/D: E T dove E ed E E i ST ST + E A i + E i E S oo le iertezze di tipotatio 47

48 La overioe A/D Note geerali ui overtitori A/D Eitoo alui idii itetii he vegoo utilizzati per dare iformazioi ul omportameto globale di u overtitore: SNR (Sigal to Noie ratio) ENOB (Effetive Number of Bit) L SNR è il rapporto tra la poteza di egale e la poteza di rumore. Se aumeta N migliora il rapporto egale-rumore. 48

49 La overioe A/D Note geerali ui overtitori A/D Nel ao ideale l uio errore durate ua overioe è quello di quatizzazioe. Nel ao reale la poteza di rumore aumeta e quidi l SNR dimiuie ripetto al ao ideale. SNR ideale 6.0 N (db) SNR reale 6.0 N (db) N ENOB (SNR reale -1.87)/

50 La overioe A/D Bit equivaleti Dipoedo di u overtitore he quatizza il egale (t) u bit, i avrà u PASSO DI QUANTIZZAZIONE V Q e duque ua variaza (iertezza di quatizzazioe) pari a: X x X σ ( µ ) f ( x) dx x f ( x) dx µ. X Q 1 V σ q 1 1 σ (σ ) è la variaza di u egale geerio he può aumere valori i [0 V]. 50

51 La overioe A/D Bit equivaleti q q log log 1 σ σ σ σ I u overtitore ideale σ σ σ σ σ > + + I u overtitore reale 51 q,ext,a/d q σ σ σ σ σ > + + overtitore reale rumore etero < e log 1 σ σ q log 1 σ σ e

52 La overioe A/D La overioe D/A I overtitori D/A (Digital to Aalog Coverter) rappreetao u iterfaia tra i egali digitali del modo dei omputer e il modo aalogio. U D/A aatta ome igreo u egale digitale e forie u uita (i teioe o i orrete a eoda della teologia utilizzata e dell appliazioe previta) dipedete dall igreo forito, eodo la relazioe: o FS [ ] 1 a1 + a a VOS V K V + a 1, a DAC V o V REF Eedo: V o la teioe d uita; K il guadago (tipiamete è K1); a 1,,a la parola digitale da overtire; V o la teioe di offet (tipiamete è V o 0) V FS la teioe di fodo-ala (legata a V REF, valori tipii oo.500, 5.000, 10.00, 5.10, 10.4 V o i orripodeti valori bipolari e.0ma). 5

53 La overioe A/D La overioe D/A COD Aal. 000 V V V FS /8 010 V 3 V FS /8 011 V 4 3V FS /8 100 V 5 4V FS /8 101 V 6 5V FS /8 110 V 7 6V FS /8 111 V 8 7V FS /8 1LSB La traizioe tra due odii oeutivi orripode ad ua variazioe del egale aalogio di 1LSB. 53

54 La overioe A/D I overtitori D/A oo aratterizzati mediate aratteritihe tatihe e aratteritihe diamihe. Le aratteritihe tatihe più importati oo: La rioluzioe ; La overioe D/A La urva aratteritia ; L errore di lierità; L errore di mootoiità; Le aratteritihe diamihe più importati oo: Il ettlig time; Il feomeo del glithig. 54

55 La rioluzioe La overioe A/D La overioe D/A La rioluzioe di u overtitore è pari alla miima variazioe del egale d uita he il dipoitivo può geerare. Ea è pari a 1 LSB (Leat Sigifiat Bit) ed è legata alla teioe di fodo ala e al umero di bit (parallelimo del overtitore) dalla relazioe: V LSB V FS / 1 LSB 1/ e i tratta di u dipoitivo uipolare V LSB V FS / -1 1 LSB 1/ -1 Nel ao di u dipoitivo bipolare Valori tipii di rioluzioe vao da 8 a 16 bit. 55

56 La rioluzioe La overioe A/D ESEMPIO: U overtitore AD ad 8 bit ha ua teioe di riferimeto pari a 5V. La teioe orripodete alla parola è: Vref*( )Vref*(1/+1/8+1/3+1/64)3.5156V Il LSB vale: La overioe D/A 1LSB1/ -8 1/56 V LSB 5/ mv NB: epreioi equivaleti per l epreioe della rioluzioe oo: 8 bit di rioluzioe, 0.4% del fodo ala [(1/56)*100], 1 parte u

57 La overioe A/D La overioe D/A La urva aratteritia La urva aratteritia di u DA rappreeta il legame eitete tra i odii i igreo e i valori foriti i uita (teioe o orrete i aordo o la teologia utilizzata) V OS 0; K 1. Il valore maimo della teioe d uita è pari al valore del fodo ala V FS meo 1LSB. 57

58 La overioe A/D La overioe D/A La urva aratteritia Vegoo defiiti gli errori (i LSB) di: Offet Guadago E OS o E K V V OUT LSB ; errore di offet aullato V V OUT LSB V V OUT LSB N ( 1) NB: Le ae otruttrii uggerioo i iruiti da utilizzare per elimiare tali aue di errore! 58

59 La overioe A/D La overioe D/A Fiora i è fatta l ipotei he el paaggio da ua parola alla ueiva la variazioe della teioe i uita ia empre otate e pari a 1 LSB e he quidi la urva aratteritia ia ua retta. Nei dipoitivi reali, a aua di imperfezioi iruitali, i valori di teioe i uita o i trovao u ua retta. 59

60 La overioe A/D La overioe D/A La urva aratteritia Dopo aver orretto l errore di guadago e di offet la urva (retta) aratteritia viee determiata attravero u proeo di approimazioe. Leat-quare fit Utilizza il metodo dei miimi quadrati per determiare la retta he approima le uite del DAC; Zero-bae method Determia la urva aratteritia impoedo il paaggio per il primo puto e determiado il guadago miimizzado il valore aoluto dell errore maimo. Termial-poit method Approima la urva aratteritia o la retta he paa per il primo e l ultimo valore i uita dal DAC 60

61 La overioe A/D La overioe D/A Errore di liearità: Idia lo arto maimo i LSB tra l uita reale e quella ideale. Ad eempio el ao i figura i hao i egueti errori di o liearità: IN Liearity Error -0.5 LSB -0.5 LSB 0.5 LSB 0.5 LSB L errore di liearità arà duque pari a: 0.5LSB 61

62 La overioe A/D La overioe D/A Quado l igreo varia di u bit la teioe di uita dovrebbe variare di 1LSB. Step ize Variazioe effettiva del egale d uita tra due odifihe ueive. Errore di liearità differeziale Differetial error Sarto maimo i LSB tra la variazioe effettiva e la variazioe previta di 1LSB. Errore di liearità itegrale Itegral error Valore maimo della omma degli errori di liearità differeziale fio al valore dell igreo oiderato (maimo otameto dalla urva iterpolate). 6

63 La overioe A/D La overioe D/A 63

64 La overioe A/D La overioe D/A Errore di mootoiità A valori di igreo reeti devoo orripodere valori di uita reeti; i ao otrario il dipoitivo i omporta i maiera o mootoa!!!! NB: Se il overtitore preeta u errore di mootoiità l errore differeziale è maggiore di 1LSB. 64

65 La overioe A/D La overioe D/A Auratezza relativa: maimo arto tra l uita reale e quella ideale dopo he iao tate apportate le orrezioi per l errore di guadago e di offet. 65

66 La overioe A/D La overioe D/A Stabilità: degrado delle pretazioi o l ivehiameto, la temperatura e la teioe di riferimeto 66

67 La overioe A/D La overioe D/A Settlig time: Tempo di aetameto he impiega il egale d uita per portari al valore di regime dopo ua variazioe del egale d igreo. Glithe: La traizioe del egale d uita oeguete alla traizioe tra due tati proimi del egale di igreo può produrre dei diturbi ul egale d uita. Tali diturbi dipedoo da tati itermedi he i pooo preetare ome igrei del DAC, dovuti a ritardi itrodotti dai iruiti iteri al DAC teo. 67

68 La overioe A/D Covertitori D/A: a reiteze peate Il overtitore a reiteze peate utilizza ua rete di reiteze, i ui valori reoo ome poteze ueive di due, per realizzare i diveri bit della parola da overtire. 68

69 Caue di iertezza La overioe A/D Covertitori D/A: a reiteze peate itabilita' a lugo termie di E otameti fra i valori teorii e reali dei rapporti fra le reiteze dei reitori. Le variazioi di reiteza prodotte dalla temperatura pooo ivee o ifluire e i reitori hao tutti lo teo oeffiiete di temperatura e e la medeima temperatura. guadago o ifiito, offet o ullo degli OpAmp. Pregi Il iruito è emplie ed il geeratore ampioe opera "a ario otate", ituazioe queta he permette di evitare fluttuazioi della teioe E provoate dal variare del umero N. Difetti Teologiamete o è faile avere a dipoizioe reitori di preiioe o ua ampia gamma di valori ed i queto iruito i valori dei reitori variao o le poteze di : per realizzare u overtitore a bit ervoo reitori tali he il rapporto fra il maimo ed il miimo riulti pari a. Per queto motivo o è ouetudie trovare overtitori di queto tipo o più di 4 bit. 69

70 La overioe A/D Covertitori D/A: R/R Il overtitore a rete R/R utilizza, per realizzare i diveri bit della parola da overtire, ua rete di reiteze aratterizzati oltato da due diveri valori. Tipiamete il valore di R varia ell itervallo.5kω- 10kΩ. Co queta teologia vegoo peo realizzati dipoitivi moolitii a a levata rioluzioe. 70

71 Caue di iertezza La overioe A/D Covertitori D/A: R/R itabilita' a lugo termie di E otameti fra i valori omiali e reali delle reiteze dei reitori. Le variazioi di reiteza prodotte dalla temperatura pooo ivee o ifluire e i reitori hao tutti lo teo oeffiiete di temperatura e e la medeima temperatura. o idealità dello OpAmp: guadago o ifiito, impedeza di igreo o ifiita, CMRR o ifiito, offet o ullo. Pregi Il iruito è emplie ed i reitori hao olamete due valori relativamete imili: R e R. Difetti Il iruito preeta due priipali difetti: Il geeratore ampioe o opera "a ario otate", ituazioe queta he può provoare delle fluttuazioi della teioe E al variare del umero N. Vi è ua teioe di modo omue o traurabile i igreo allo OpAmp he, o dipoedo di u CMRR ifiito, e reta ifluezato. 71

Capitolo. Il comportamento dei sistemi in regime transitorio. 5.8 Esercizi - Risposta al gradino dei sistemi del 2 ordine reazionati e non reazionati

Capitolo. Il comportamento dei sistemi in regime transitorio. 5.8 Esercizi - Risposta al gradino dei sistemi del 2 ordine reazionati e non reazionati Capitolo 5 Il comportameto dei itemi i regime traitorio 5.1 Geeralità ulla ripota dei itemi el domiio del tempo 5. Ripota al gradio di u itema del primo ordie. 5.3 Eercizi - Ripota al gradio dei itemi

Dettagli

Lezione 2. Campionamento e Aliasing. F. Previdi - Controlli Automatici - Lez. 2 1

Lezione 2. Campionamento e Aliasing. F. Previdi - Controlli Automatici - Lez. 2 1 Lezione 2. Campionamento e Aliaing F. Previdi - Controlli Automatici - Lez. 2 1 Schema della lezione 1. Introduzione 2. Il campionatore ideale 3. Traformata di un egnale campionato 4. Teorema del campionamento

Dettagli

LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE

LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI Dipartimeto di Sieze Eoomihe Uiversità di Veroa VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE Lezioi di Matematia per

Dettagli

Foglio di esercizi N. 1 - Soluzioni

Foglio di esercizi N. 1 - Soluzioni Foglio di esercizi N. - Soluzioi. Determiare il domiio della fuzioe f) = log 3 + log 3 3)). Deve essere + log 3 3) > 0, ovvero log 3 3) >, ovvero prededo l espoeziale i base 3 di etrambi i membri) 3 >

Dettagli

Campi vettoriali conservativi e solenoidali

Campi vettoriali conservativi e solenoidali Campi vettoriali coservativi e soleoidali Sia (x,y,z) u campo vettoriale defiito i ua regioe di spazio Ω, e sia u cammio, di estremi A e B, defiito i Ω. Sia r (u) ua parametrizzazioe di, fuzioe della variabile

Dettagli

Terzo appello del. primo modulo. di ANALISI 18.07.2006

Terzo appello del. primo modulo. di ANALISI 18.07.2006 Terzo appello del primo modulo di ANALISI 18.7.26 1. Si voglioo ifilare su u filo delle perle distiguibili tra loro solo i base alla dimesioe: si hao a disposizioe perle gradi di diametro di 2 cetimetri

Dettagli

I appello - 29 Giugno 2007

I appello - 29 Giugno 2007 Facoltà di Igegeria - Corso di Laurea i Ig. Iformatica e delle Telecom. A.A.6/7 I appello - 9 Giugo 7 ) Studiare la covergeza putuale e uiforme della seguete successioe di fuzioi: [ ( )] f (x) = cos (

Dettagli

SUCCESSIONI NUMERICHE

SUCCESSIONI NUMERICHE SUCCESSIONI NUMERICHE Ua fuzioe reale di ua variabile reale f di domiio A è ua legge che ad ogi x A associa u umero reale che deotiamo co f(x). Se A = N, la f è detta successioe di umeri reali. Se co si

Dettagli

3. Catene di Misura e Funzioni di Trasferimento

3. Catene di Misura e Funzioni di Trasferimento 3.. Generalità 3. Catene di Miura e Funzioni di Traferimento 3.. Generalità Il egnale che rappreenta la grandezza da miurare viene trattato in modo da poter eprimere quet ultima con uno o più valori numerici

Dettagli

Tutti i diritti di sfruttamento economico dell opera appartengono alla Esselibri S.p.A. (art. 64, D.Lgs. 10-2-2005, n. 30)

Tutti i diritti di sfruttamento economico dell opera appartengono alla Esselibri S.p.A. (art. 64, D.Lgs. 10-2-2005, n. 30) Copyright 2005 Esselibri S.p.A. Via F. Russo, 33/D 8023 Napoli Azieda co sistema qualità certificato ISO 400: 2003 Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzioe ache parziale e co qualsiasi mezzo

Dettagli

Analisi statistica dell Output

Analisi statistica dell Output Aalisi statistica dell Output IL Simulatore è u adeguata rappresetazioe della Realtà! E adesso? Come va iterpretato l Output? Quado le Osservazioi soo sigificative? Quati Ru del Simulatore è corretto effettuare?

Dettagli

5 ln n + ln. 4 ln n + ln. 6 ln n + ln

5 ln n + ln. 4 ln n + ln. 6 ln n + ln DOMINIO FUNZIONE Determiare il domiio della fuzioe f = l e e + e + e Deve essere e e + e + e >, posto e = t si ha t e + t + e = per t = e e per t = / Il campo di esisteza è:, l, + Determiare il domiio

Dettagli

Serie numeriche e serie di potenze

Serie numeriche e serie di potenze Serie umeriche e serie di poteze Sommare u umero fiito di umeri reali è seza dubbio u operazioe che o può riservare molte sorprese Cosa succede però se e sommiamo u umero ifiito? Prima di dare delle defiizioi

Dettagli

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DI UN GRUPPO DI OSSERVAZIONI O DI ESPERIMENTI, SI PERVIENE A CERTE CONCLUSIONI, LA CUI VALIDITA PER UN COLLETTIVO Più AMPIO E ESPRESSA

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA ALGEBRA \ ARITMETICA \ NUMERI NATURALI (1)

APPUNTI DI MATEMATICA ALGEBRA \ ARITMETICA \ NUMERI NATURALI (1) ALGEBRA \ ARITMETICA \ NUMERI NATURALI (1) I umeri aturali hao u ordie; ogi umero aturale ha u successivo (otteuto aggiugedo 1), e ogi umero aturale diverso da zero ha u precedete (otteuto sottraedo 1).

Dettagli

SUCCESSIONI e LIMITI DI SUCCESSIONI. c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 15/16 Successioni cap3b.pdf 1

SUCCESSIONI e LIMITI DI SUCCESSIONI. c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 15/16 Successioni cap3b.pdf 1 SUCCESSIONI e LIMITI DI SUCCESSIONI c Paola Gervasio - Aalisi Matematica 1 - A.A. 15/16 Successioi cap3b.pdf 1 Successioi Def. Ua successioe è ua fuzioe reale (Y = R) a variabile aturale, ovvero X = N:

Dettagli

Capitolo 3: Procedure e funzioni ricorsive

Capitolo 3: Procedure e funzioni ricorsive Capitolo 3: Proedure e fuzioi riorsive L'uso di proedure riorsive (o di riorreza o riorreti ) permette spesso di desrivere u algoritmo i maiera semplie e oisa, mettedo i rilievo la teia adottata per la

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica A.A. 2014/15. Complementi di Probabilità e Statistica. Prova scritta del del 23-02-15

Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica A.A. 2014/15. Complementi di Probabilità e Statistica. Prova scritta del del 23-02-15 Corso di Laurea Magistrale i Igegeria Iformatica A.A. 014/15 Complemeti di Probabilità e Statistica Prova scritta del del 3-0-15 Puteggi: 1. 3+3+4;. +3 ; 3. 1.5 5 ; 4. 1 + 1 + 1 + 1 + 3.5. Totale = 30.

Dettagli

CONCETTI BASE DI STATISTICA

CONCETTI BASE DI STATISTICA CONCETTI BASE DI STATISTICA DEFINIZIONI Probabilità U umero reale compreso tra 0 e, associato a u eveto casuale. Esso può essere correlato co la frequeza relativa o col grado di credibilità co cui u eveto

Dettagli

Sintassi dello studio di funzione

Sintassi dello studio di funzione Sitassi dello studio di fuzioe Lavoriamo a perfezioare quato sapete siora. D ora iazi pretederò che i risultati che otteete li SCRIVIATE i forma corretta dal puto di vista grammaticale. N( x) Data la fuzioe:

Dettagli

PARAMETRI DEL MOTO SISMICO

PARAMETRI DEL MOTO SISMICO PARAMETRI DEL MOTO SISMICO Attività microsismica: caratterizzata da vibrazioi di debole ampiezza e periodi molto gradi tali da o essere percepiti dai più comui strumeti di registrazioe (importate soprattutto

Dettagli

Il motore asincrono (3 parte): coppie parassite, raccorciamento di passo, rendimento, reattanza di dispersione Lucia FROSINI

Il motore asincrono (3 parte): coppie parassite, raccorciamento di passo, rendimento, reattanza di dispersione Lucia FROSINI Il motore asiroo ( parte): oppie parassite, raoriameto di passo, redimeto, reattaza di dispersioe uia FROSINI Dipartimeto di Igegeria Idustriale e dell Iormazioe Uiversità di Pavia E-mail: luia@uipv.it.

Dettagli

Ing. Mariagrazia Dotoli Controlli Automatici NO (9 CFU) Antitrasformata di Laplace PROCEDIMENTI DI ANTITRASFORMAZIONE

Ing. Mariagrazia Dotoli Controlli Automatici NO (9 CFU) Antitrasformata di Laplace PROCEDIMENTI DI ANTITRASFORMAZIONE PROCEDIMENTI DI ANTITRASFORMAZIONE L'operazione di paaggio invero dal dominio della frequenza complea al dominio del tempo F() f(t) è detta antitraformata o traformazione invera di Laplace. Data una funzione

Dettagli

Le carte di controllo

Le carte di controllo Le carte di cotrollo Dott.ssa Bruella Caroleo 07 dicembre 007 Variabilità ei processi produttivi Le caratteristiche di qualsiasi processo produttivo soo caratterizzate da variabilità Le cause di variabilità

Dettagli

1 Successioni 1 1.1 Limite di una successione... 2. 2 Serie 3 2.1 La serie armonica... 6 2.2 La serie geometrica... 6

1 Successioni 1 1.1 Limite di una successione... 2. 2 Serie 3 2.1 La serie armonica... 6 2.2 La serie geometrica... 6 SUCCESSIONI Successioi e serie Idice Successioi. Limite di ua successioe........................................... Serie 3. La serie armoica................................................ 6. La serie

Dettagli

3.4 Tecniche per valutare uno stimatore

3.4 Tecniche per valutare uno stimatore 3.4 Teciche per valutare uo stimatore 3.4. Il liguaggio delle decisioi statistiche, stimatori corretti e stimatori cosisteti La teoria delle decisioi forisce u liguaggio appropriato per discutere sulla

Dettagli

Dall atomo di Bohr alla costante di struttura fine

Dall atomo di Bohr alla costante di struttura fine Dall atomo di Bohr alla ostate di struttura fie. INFORMAZIONI SPETTROSCOPICHE SUGLI ATOMI E be oto he ogi sostaza opportuamete eitata emette radiazioi elettromagetihe. Co uo spettrosopio, o strumeti aaloghi,

Dettagli

LA VERIFICA DELLE IPOTESI SUI PARAMETRI

LA VERIFICA DELLE IPOTESI SUI PARAMETRI LA VERIFICA DELLE IPOTESI SUI PARAMETRI E u problema di ifereza per molti aspetti collegato a quello della stima. Rispode ad u esigeza di carattere pratico che spesso si preseta i molti campi dell attività

Dettagli

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Defiire lo strumeto matematico ce cosete di studiare la cresceza e la decresceza di ua fuzioe Si comicia col defiire cosa vuol dire ce ua fuzioe è crescete. Defiizioe:

Dettagli

Costruzioni elettromeccaniche a.a. 2003-04. bozza 1

Costruzioni elettromeccaniche a.a. 2003-04. bozza 1 Cotruzioi elettromeccaiche a.a. 3-4 MACCHINE ASINCRONE bozza 1 Coteuti 1 - Morfologia e itemi di raffreddameto - Circuiti magetici 3 - Avvolgimeti 4 - Caratteritiche elettriche 5 - Diagramma circolare

Dettagli

Appunti sulla MATEMATICA FINANZIARIA

Appunti sulla MATEMATICA FINANZIARIA INTRODUZIONE Apputi sulla ATEATIA FINANZIARIA La matematica fiaziaria si occupa delle operazioi fiaziarie. Per operazioe fiaziaria si itede quella operazioe ella quale avviee uo scambio di capitali, itesi

Dettagli

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M Matematica per la uova maturità scietifica A. Berardo M. Pedoe 6 Questioario Quesito Se a e b soo umeri positivi assegati quale è la loro media aritmetica? Quale la media geometrica? Quale delle due è

Dettagli

Risposte. f v = φ dove φ(x,y) = e x2. f(x) = e x2 /2. +const. Soluzione. (i) Scriviamo v = (u,w). Se f(x) è la funzione richiesta, si deve avere

Risposte. f v = φ dove φ(x,y) = e x2. f(x) = e x2 /2. +const. Soluzione. (i) Scriviamo v = (u,w). Se f(x) è la funzione richiesta, si deve avere Eserciio 1 7 puti. Dato il campo vettoriale v, + 1,, i si determii ua fuioe f > i modo tale che il campo vettoriale f v sia irrotaioale, cioè abbia le derivate icrociate uguali; ii si spieghi se i risultati

Dettagli

8. Quale pesa di più?

8. Quale pesa di più? 8. Quale pesa di più? Negli ultimi ai hao suscitato particolare iteresse alcui problemi sulla pesatura di moete o di pallie. Il primo problema di questo tipo sembra proposto da Tartaglia el 1556. Da allora

Dettagli

Modelli multiperiodali discreti. Strategie di investimento

Modelli multiperiodali discreti. Strategie di investimento Modelli multiperiodali discreti Cosideriamo ora modelli discreti cioè co u umero fiito di stati del modo multiperiodali, cioè apputo co più periodi. Il prototipo di questa classe di modelli è il modello

Dettagli

Introduzione OFDM. Motivazioni. Introduzione

Introduzione OFDM. Motivazioni. Introduzione Uiversità degli Studi di Cagliari Corso di Laurea Magistrale i Igegeria Elettroia e delle eleomuiazioi Orthogoal Frequey Divisio Multiplexig Itroduzioe L ossia multiplazioe a divisioe di frequeza ortogoale

Dettagli

Statistica di base. Luca Mari, versione 31.12.13

Statistica di base. Luca Mari, versione 31.12.13 Statistica di base Luca Mari, versioe 31.12.13 Coteuti Moda...1 Distribuzioi cumulate...2 Mediaa, quartili, percetili...3 Sigificatività empirica degli idici ordiali...3 Media...4 Acora sulla media...4

Dettagli

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI SUCCESSIONI DI FUNZIONI I cocetti di successioe e di serie possoo essere estesi i modo molto aturale al caso delle fuzioi DEFINIZIONE Sia E u sottoisieme di  e, per ogi

Dettagli

ESERCIZI DI ANALISI I. Prof. Nicola Fusco 1. Determinare l insieme in cui sono definite le seguenti funzioni:

ESERCIZI DI ANALISI I. Prof. Nicola Fusco 1. Determinare l insieme in cui sono definite le seguenti funzioni: N. Fusco ESERCIZI DI ANALISI I Prof. Nicola Fusco Determiare l isieme i cui soo defiite le segueti fuzioi: ) log/ arctg π ) 4 ) log π 6 arcse ) ) tg log π + ) 4) 4 se se se tg 5) se cos tg 6) [ 6 + 8 π

Dettagli

Controllore Processo. Le principali componenti del sistema sono: il rivelatore di errore, il controllore che ha il compito di trasformare il segnale

Controllore Processo. Le principali componenti del sistema sono: il rivelatore di errore, il controllore che ha il compito di trasformare il segnale CONTROLLORI DI TIO ID rincipi di funzionamento Il termine controllo definice l azione volta per portare e mantenere ad un valore prefiato un parametro fiico di un impianto o di un proceo (ad eempio, la

Dettagli

Esercitazione 2 Progetto e realizzazione di un semplice sintetizzatore musicale basato su FPGA

Esercitazione 2 Progetto e realizzazione di un semplice sintetizzatore musicale basato su FPGA Architetture dei sistemi itegrati digitali Alessadro Bogliolo Esercitazioe 2 Progetto e realizzazioe di u semplice sitetizzatore musicale basato su FPGA (A) Defiizioe della specifica ed esperimeti prelimiari

Dettagli

Verifica e progetto allo stato limite ultimo di pilastri in c.a. a sezione rettangolare: un metodo semplificato

Verifica e progetto allo stato limite ultimo di pilastri in c.a. a sezione rettangolare: un metodo semplificato Veriica e progetto allo tato limite ultimo di pilatri i c.a. a ezioe rettagolare: u metodo empliicato Aurelio Gheri, arco uratore Sommario L uo del metodo degli tati limite per la veriica ed il progetto

Dettagli

Corso di Microonde II

Corso di Microonde II POITECNICO DI MIANO Coro di Microonde II ezi n. 3: Generalità ugli amplificatori ineari Coro di aurea pecialitica in Ingegneria delle Telecomunicazi Circuiti attivi a microonde (Amplificatori) V in Z g

Dettagli

Approfondimenti di statistica e geostatistica

Approfondimenti di statistica e geostatistica Approfodimeti di statistica e geostatistica APAT Agezia per la Protezioe dell Ambiete e per i Servizi Tecici Cos è la geostatistica? Applicazioe dell aalisi di Rischio ai siti Cotamiati Geostatistica La

Dettagli

PARTE QUARTA Teoria algebrica dei numeri

PARTE QUARTA Teoria algebrica dei numeri Prerequisiti: Aelli Spazi vettoriali Sia A u aello commutativo uitario PARTE QUARTA Teoria algebrica dei umeri Lezioe 7 Cei sui moduli Defiizioe 7 Si dice modulo (siistro) su A (o semplicemete, A-modulo)

Dettagli

Random walk classico. Simulazione di un random walk

Random walk classico. Simulazione di un random walk Radom walk classico Il radom walk classico) è il processo stocastico defiito da co prob. S = S0 X k, co X k = k= co prob. e le X soo tra di loro idipedeti. k Si tratta di u processo a icremeti idipedeti

Dettagli

Introduzione all assicurazione. (Dispensa per il corso di Microeconomia)

Introduzione all assicurazione. (Dispensa per il corso di Microeconomia) Itroduzioe all assicurazioe. (Dispesa per il corso di Microecoomia) Massimo A. De Fracesco Uiversità di Siea December 18, 2013 1 ichiami su utilità attesa e avversioe al rischio Prima di cosiderare il

Dettagli

Il progetto allo SLU per la flessione semplice e composta

Il progetto allo SLU per la flessione semplice e composta Il progetto allo SLU per la leione emplie e ompota Nomenlatura σ R h y.n. σ 0,8y b σ T /0 Ipotei i bae onervazione elle ezioni piane La eormazione in ogni punto ella ezione è proporzionale alla itanza

Dettagli

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE Esercizi di Fodameti di Iformatica 1 EQUAZIONI ALLE RICORRENZE 1.1. Metodo di ufoldig 1.1.1. Richiami di teoria Il metodo detto di ufoldig utilizza lo sviluppo dell equazioe alle ricorreze fio ad u certo

Dettagli

CAPITOLO UNDICESIMO VARIABILI CASUALI 1. INTRODUZIONE

CAPITOLO UNDICESIMO VARIABILI CASUALI 1. INTRODUZIONE CAPITOLO UNDICESIMO VARIABILI CASUALI SOMMARIO:. Itroduzioe. -. Variabili casuali discrete. - 3. La variabile casuale di Beroulli. - 4. La variabile casuale biomiale. -. La variabile casuale di Poisso.

Dettagli

Studio dei transitori con il metodo delle trasformate di Laplace

Studio dei transitori con il metodo delle trasformate di Laplace Studio di traitori co il mtodo dll traformat di Laplac Apputi a cura dll Igg. Baoccu Gia Piro Marra Luca Tutor dl coro di ELETTROTECNICA pr mccaici chimici A. A 3/4 4/5 Facoltà di Iggria dll Uivrità dgli

Dettagli

Introduzione all assicurazione. (Dispensa per il corso di Microeconomia per manager. Prima versione, marzo 2013; versione aggiornata, marzo 2014)

Introduzione all assicurazione. (Dispensa per il corso di Microeconomia per manager. Prima versione, marzo 2013; versione aggiornata, marzo 2014) Itroduzioe all assicurazioe. (Dispesa per il corso di Microecoomia per maager. Prima versioe, marzo 2013; versioe aggiorata, marzo 2014) Massimo A. De Fracesco Uiversità di Siea March 14, 2014 1 Prezzo

Dettagli

Problemi di Scheduling Definizioni. Problemi di Scheduling Definizioni. Problemi di Scheduling Definizioni. Problemi di Scheduling Definizioni

Problemi di Scheduling Definizioni. Problemi di Scheduling Definizioni. Problemi di Scheduling Definizioni. Problemi di Scheduling Definizioni Problemi di Schedulig Defiizioi I problemi di schedulig soo caratterizzati da tre isiemi: Attività (Task) T {T,T 2, T } macchie (Machies) P {P,P 2, P m } Risorse R {R,R 2, R s } Schedulig: assegare m Macchie

Dettagli

Elementi di matematica finanziaria

Elementi di matematica finanziaria Elemeti di matematica fiaziaria 18.X.2005 La matematica fiaziaria e l estimo Nell ambito di umerosi procedimeti di stima si rede ecessario operare co valori che presetao scadeze temporali differeziate

Dettagli

Dalle tensioni ammissibili agli stati limite alla luce del nuovo Testo Unico

Dalle tensioni ammissibili agli stati limite alla luce del nuovo Testo Unico Dalle tenioni ammiiili agli tati limite alla lue del nuovo Teto Unio Dalle tenioni ammiiili agli tati limite: un approio unitario Silvi arina, 28 maggio 2005 Aurelio Gheri Evoluzione della normativa (imia)

Dettagli

Statistica I, Laurea triennale in Ing. Gestionale, a.a. 2011/12 Registro delle lezioni

Statistica I, Laurea triennale in Ing. Gestionale, a.a. 2011/12 Registro delle lezioni Statistica I, Laurea trieale i Ig. Gestioale, a.a. 2011/12 Registro delle lezioi Lezioe 1 (28/9, ore 11:30). Vedere la registrazioe di Barsati, dispoibile alla pagia http://users.dma.uipi.it/barsati/statistica_2011/idex.html.

Dettagli

1 Generalità sui sistemi di controllo

1 Generalità sui sistemi di controllo 1 Generalità ui itemi di controllo Col termine proceo nell impiantitica chimica i intende un inieme di operazioni eeguite u una certa quantità di materia allo copo di modificarne in tutto o in parte alcune

Dettagli

Matematica Finanziaria

Matematica Finanziaria Corso di Matematica Fiaziaria a.a. 202/203 Testo a cura del Prof. Sergio Biachi Programma Operazioi fiaziarie i codizioi di certezza L operazioe fiaziaria elemetare Operazioi a proti e a termie Regimi

Dettagli

Selezione avversa e razionamento del credito

Selezione avversa e razionamento del credito Selezioe avversa e razioameto del credito Massimo A. De Fracesco Dipartimeto di Ecoomia politica e statistica, Uiversità di Siea May 3, 013 1 Itroduzioe I questa lezioe presetiamo u semplice modello del

Dettagli

Diagramma circolare di un motore asincrono trifase

Diagramma circolare di un motore asincrono trifase Diagramma circolare di un motore aincrono trifae l diagramma circolare è un diagramma che permette di leggere tutte le grandezze del motore aincrono trifae (potenza rea, perdite nel ferro, coppia motrice,

Dettagli

Matematica Finanziaria

Matematica Finanziaria Corso di Matematica Fiaziaria a.a. 202/203 Testo a cura del Prof. Sergio Biachi Programma Operazioi fiaziarie i codizioi di certezza L operazioe fiaziaria elemetare Operazioi a proti e a termie Regimi

Dettagli

2. In un mercato concorrenziale senza intervento pubblico non si ha perdita di benessere sociale netto.

2. In un mercato concorrenziale senza intervento pubblico non si ha perdita di benessere sociale netto. Beanko & Breautigam Microeconomia Manuale elle oluzioni Capitolo 10 Mercati concorrenziali: applicazioni Soluzioni elle Domane i ripao 1. In corriponenza ell equilibrio i lungo perioo, un mercato concorrenziale

Dettagli

Note su alcuni principi fondamentali di macroeconomia Versione parziale e provvisoria. Claudio Sardoni Sapienza Università di Roma

Note su alcuni principi fondamentali di macroeconomia Versione parziale e provvisoria. Claudio Sardoni Sapienza Università di Roma Note u alcuni principi fondamentali di macroeconomia Verione parziale e provvioria Claudio Sardoni Sapienza Univerità di Roma Anno accademico 2010-2011 ii Indice Premea v I Il breve periodo 1 1 Il fluo

Dettagli

Comportamento a regime dei sistemi in retroazione per segnali di ingresso canonici

Comportamento a regime dei sistemi in retroazione per segnali di ingresso canonici Comortamento a regime dei itemi in retroazione er egnali di ingreo anonii Errore a regime ed ineguimento Un obiettivo rimario nella rogettazione dei itemi di ontrollo è l ineguimento del egnale di riferimento

Dettagli

Circuito Simbolico. Trasformazione dei componenti

Circuito Simbolico. Trasformazione dei componenti Circuito Simbolico Principio di bae E poibile applicare a tutte le leggi matematiche che regolano un circuito la traformata di Laplace, in modo da ottenere un nuovo circuito con delle proprietà differenti.

Dettagli

Capitolo Terzo. rappresenta la rata di ammortamento del debito di un capitale unitario. Si tratta di risolvere un equazione lineare nell incognita R.

Capitolo Terzo. rappresenta la rata di ammortamento del debito di un capitale unitario. Si tratta di risolvere un equazione lineare nell incognita R. 70 Capitolo Terzo i cui α i rappreseta la rata di ammortameto del debito di u capitale uitario. Si tratta di risolvere u equazioe lieare ell icogita R. SIANO NOTI IL MONTANTE IL TASSO E IL NUMERO DELLE

Dettagli

Metodi statistici per l'analisi dei dati

Metodi statistici per l'analisi dei dati Metodi statistici per l aalisi dei dati due Motivazioi Obbiettivo: Cofrotare due diverse codizioi (ache defiiti ) per cui soo stati codotti gli esperimeti. Metodi tatistici per l Aalisi dei Dati due Esempio

Dettagli

Appunti su rendite e ammortamenti

Appunti su rendite e ammortamenti Corso di Matematica I Facoltà di Ecoomia Dipartimeto di Matematica Applicata Uiversità Ca Foscari di Veezia Fuari Stefaia, fuari@uive.it Apputi su redite e ammortameti 1. Redite Per redita si itede u isieme

Dettagli

CAPITOLO 5 TEORIA DELLA SIMILITUDINE

CAPITOLO 5 TEORIA DELLA SIMILITUDINE CAPITOLO 5 TEORIA DELLA SIMILITUDINE 5.. Itroduzioe La Teoria della Similitudie ha pricipalmete due utilizzi: Estedere i risultati otteuti testado ua sigola macchia ad altre codizioi operative o a ua famiglia

Dettagli

Capitolo uno STATISTICA DESCRITTIVA BIVARIATA

Capitolo uno STATISTICA DESCRITTIVA BIVARIATA Capitolo uo STATISTICA DESCRITTIVA BIVARIATA La statistica bidimesioale o bivariata si occupa dello studio del grado di dipedeza di due caratteri distiti della stessa uità statistica. E possibile, ad esempio,

Dettagli

Il test parametrico si costruisce in tre passi:

Il test parametrico si costruisce in tre passi: R. Lombardo I. Cammiatiello Dipartimeto di Ecoomia Secoda Uiversità degli studi Napoli Facoltà di Ecoomia Ifereza Statistica La Verifica delle Ipotesi Obiettivo Verifica (test) di u ipotesi statistica

Dettagli

Campionamento stratificato. Esempio

Campionamento stratificato. Esempio ez. 3 8/0/05 Metodi Statiici per il Marketig - F. Bartolucci Uiversità di Urbio Campioameto ratificato Ua tecica molto diffusa per sfruttare l iformazioe coteuta i ua variabile ausiliaria (o evetualmete

Dettagli

Metodi statistici per l analisi dei dati

Metodi statistici per l analisi dei dati Metodi statistici per l aalisi dei dati due ttameti Motivazioi ttameti Obbiettivo: Cofrotare due diverse codizioi (ache defiiti ttameti) per cui soo stati codotti gli esperimeti. due ttameti Esempio itroduttivo

Dettagli

Trasformata di Laplace ESEMPI DI MODELLIZZAZIONE

Trasformata di Laplace ESEMPI DI MODELLIZZAZIONE Traformata di Laplace ESEMPI DI MODELLIZZAZIONE Introduzione La traformata di Laplace i utilizza nel momento in cui è tata individuata la funzione di traferimento La F.d.T è una equazione differenziale

Dettagli

Introduzione alla Statistica descrittiva. Definizioni preliminari. Definizioni preliminari. Fasi di un indagine statistica. Tabelle statistiche

Introduzione alla Statistica descrittiva. Definizioni preliminari. Definizioni preliminari. Fasi di un indagine statistica. Tabelle statistiche Itroduzioe alla Statistica descrittiva Defiizioi prelimiari È la scieza che studia i feomei collettivi o di massa. U feomeo è detto collettivo o di massa quado è determiato solo attraverso ua molteplicità

Dettagli

Le onde elettromagnetiche. Origine e natura, spettro delle onde e.m., la polarizzazione

Le onde elettromagnetiche. Origine e natura, spettro delle onde e.m., la polarizzazione Le ode elettromagetiche Origie e atura, spettro delle ode e.m., la polarizzazioe Origie e atura delle ode elettromagetiche: Ua carica elettrica che oscilla geera u campo elettrico E che oscilla e a questo

Dettagli

Capitolo 8 Le funzioni e le successioni

Capitolo 8 Le funzioni e le successioni Capitolo 8 Le fuzioi e le successioi Prof. A. Fasao Fuzioe, domiio e codomiio Defiizioe Si chiama fuzioe o applicazioe dall isieme A all isieme B ua relazioe che fa corrispodere ad ogi elemeto di A u solo

Dettagli

Distribuzione di un carattere

Distribuzione di un carattere Distribuzioe di u carattere Dopo le fasi di acquisizioe e di registrazioe dei dati, si passa al loro cotrollo e quidi alle loro elaborazioe. Si defiisce distribuzioe uitaria semplice di u carattere l elecazioe

Dettagli

TRASMISSIONE IN FIBRA OTTICA

TRASMISSIONE IN FIBRA OTTICA TRASMISSIONE IN FIBRA OTTICA Storia delle comuicazioi ottiche 84 a.c.: caduta di Troia comuicata a Micee (550km di distaza) attraverso ua serie di fuochi allieati 794 d.c.: rete di Chappe collega Parigi

Dettagli

Capitolo. Il comportamento dei sistemi di controllo in regime permanente. 6.1 Classificazione dei sistemi di controllo. 6.2 Errore statico: generalità

Capitolo. Il comportamento dei sistemi di controllo in regime permanente. 6.1 Classificazione dei sistemi di controllo. 6.2 Errore statico: generalità Capitolo 6 Il comportamento dei itemi di controllo in regime permanente 6. Claificazione dei itemi di controllo 6. Errore tatico: generalità 6. Calcolo dell errore a regime 6.4 Eercizi - Errori a regime

Dettagli

Il confronto tra DUE campioni indipendenti

Il confronto tra DUE campioni indipendenti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Cofroto tra due medie I questi casi siamo iteressati a cofrotare il valore medio di due camioi i cui i le osservazioi i u camioe soo

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2006

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2006 ESAME DI STAT DI LICE SCIENTIFIC CRS SPERIMENTALE P.N.I. 006 Il cadidato risolva uo dei due problemi e 5 dei 0 quesiti i cui si articola il questioario. PRBLEMA U filo metallico di lughezza l viee utilizzato

Dettagli

Slide del corso di. Controllo digitale

Slide del corso di. Controllo digitale Slide del coro di Controllo digitale Coro di Laurea in Ingegneria Informatica e dell Informazione Univerità di Siena, Dip. Ing. dell Informazione e Sc. Matematiche Parte III Sitemi a dati campionati Gianni

Dettagli

Teorema del Limite Centrale

Teorema del Limite Centrale Teorema del Limite Centrale Una combinazione lineare W = a 1 X + a Y + a 3 Z +., di variabili aleatorie indipendenti X,Y,Z, ciacuna avente una legge di ditribuzione qualiai ma con valori attei comparabili

Dettagli

Analisi Fattoriale Discriminante

Analisi Fattoriale Discriminante Aalisi Fattoriale Discrimiate Bibliografia Lucidi (materiale reperibile via Iteret) Lauro C.N. Uiversità di Napoli Gherghi M. Uiversità di Napoli D Ambra L. Uiversità di Napoli Keeth M. Portier Uiversity

Dettagli

Demand-Side Management in a Smart Micro-Grid: A Distributed Approach Based on Bayesian Game Theory

Demand-Side Management in a Smart Micro-Grid: A Distributed Approach Based on Bayesian Game Theory Demad-Side Maagemet i a Smart Micro-Grid: A Distributed Approach Based o Bayesia Game Theory Matteo Sola e Giorgio M. Vitetta Dipartimeto di Igegeria Ezo Ferrari Uiversità degli Studi di Modea e Reggio

Dettagli

180. Quando anche la matematica diventa un'opinione Joseph TOSCANO 1 joseph.toscano@sbai.uniroma1.it

180. Quando anche la matematica diventa un'opinione Joseph TOSCANO 1 joseph.toscano@sbai.uniroma1.it Matematiamete.it Magazie 180. Quado ahe la matematia diveta u'opiioe Joseph TOSCANO 1 joseph.tosao@sbai.uiroma1.it A volte suede he dei luoghi omui vegao eletti a verità assolute solo perhé vegoo proferiti

Dettagli

INVENTORY CONTROL. Ing. Lorenzo Tiacci

INVENTORY CONTROL. Ing. Lorenzo Tiacci INVENTORY CONTRO Ig. orezo Tiacci Testo di riferimeto: Ivetory Maagemet ad Productio Plaig ad Cotrol - Third Ed. E.A. Silver, D.F. Pyke, R. Peterso Wiley, 998 Idice. POITICA (s, ) (order poit, order quatity)

Dettagli

Matematica II: Calcolo delle Probabilità e Statistica Matematica

Matematica II: Calcolo delle Probabilità e Statistica Matematica Matematica II: Calcolo delle Probabilità e Statistica Matematica ELT A-Z Docete: dott. F. Zucca Esercitazioe # 4 1 Distribuzioe Espoeziale Esercizio 1 Suppoiamo che la durata della vita di ogi membro di

Dettagli

, l'insieme dei numeri interi relativi: 0, 1, 1, 2, 2, infinito. m dove m e n sono elementi di. Le frazioni hanno tre

, l'insieme dei numeri interi relativi: 0, 1, 1, 2, 2, infinito. m dove m e n sono elementi di. Le frazioni hanno tre Uiversità Boccoi. Ao accademico 00 00 Corso di Matematica Geerale Prof. Fabrizio Iozzi email: fabrizio.iozzi@ui-boccoi.it Lezioi / Gli isiemi umerici Gli isiemi umerici co i quali lavoreremo soo:, l'isieme

Dettagli

Complessità Computazionale

Complessità Computazionale Uiversità degli studi di Messia Facoltà di Igegeria Corso di Laurea i Igegeria Iformatica e delle Telecomuicazioi Fodameti di Iformatica II Prof. D. Brueo Complessità Computazioale La Nozioe di Algoritmo

Dettagli

STIMA DEI DANNI 1) Che cosa si intende per danno economico?

STIMA DEI DANNI 1) Che cosa si intende per danno economico? STIMA DEI DANNI 1) Che cosa si itede per dao ecoomico? Per dao ecoomico si itede la perdita o la dimiuzioe di valore che u bee subisce a seguito di u siistro ( eveto o prevedibile) o da u fatto doloso

Dettagli

SERIE NUMERICHE. (Cosimo De Mitri) 1. Definizione, esempi e primi risultati... pag. 1. 2. Criteri per serie a termini positivi... pag.

SERIE NUMERICHE. (Cosimo De Mitri) 1. Definizione, esempi e primi risultati... pag. 1. 2. Criteri per serie a termini positivi... pag. SERIE NUMERICHE (Cosimo De Mitri. Defiizioe, esempi e primi risultati... pag.. Criteri per serie a termii positivi... pag. 4 3. Covergeza assoluta e criteri per serie a termii di sego qualsiasi... pag.

Dettagli

Sommario. Metodologie di progetto. Introduzione. Modello del Sistema. Diagramma a Blocchi. Progetto

Sommario. Metodologie di progetto. Introduzione. Modello del Sistema. Diagramma a Blocchi. Progetto Sommario Metodologie di progetto Massimo Violate troduzioe Progetto a Livello Porte Logiche Progetto a Livello Registri Progetto a Livello Sistema. troduzioe U sistema è ua collezioe di oggetti, compoeti,

Dettagli

LA GESTIONE DELLA QUALITA : IL TOTAL QUALITY MANAGEMENT

LA GESTIONE DELLA QUALITA : IL TOTAL QUALITY MANAGEMENT LA GESTIONE DELLA QUALITA : IL TOTAL QUALITY MANAGEMENT La gestioe, il cotrollo ed il migliorameto della qualità di u prodotto/servizio soo temi di grade iteresse per l azieda. Il problema della qualità

Dettagli

Interesse e formule relative.

Interesse e formule relative. Elisa Battistoi, Adrea Frozetti Collado Iteresse e formule relative Esercizio Determiare quale somma sarà dispoibile fra 7 ai ivestedo oggi 0000 ad u tasso auale semplice del 5% Soluzioe Il diagramma del

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2003

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2003 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 003 Il candidato riolva uno dei due problemi e 5 dei 0 queiti in cui i articola il quetionario. PROLEMA Si conideri un tetraedro regolare T di vertici

Dettagli

ESERCIZI DI STATISTICA DESCRITTIVA ALCUNI TRATTI DA PROVE D ESAME DA REALIZZARE ANCHE CON L AUSILIO DI UN FOGLIO DI CALCOLO. Angela Donatiello 1

ESERCIZI DI STATISTICA DESCRITTIVA ALCUNI TRATTI DA PROVE D ESAME DA REALIZZARE ANCHE CON L AUSILIO DI UN FOGLIO DI CALCOLO. Angela Donatiello 1 ESERCIZI DI STATISTICA DESCRITTIVA ALCUNI TRATTI DA PROVE D ESAME DA REALIZZARE ANCHE CON L AUSILIO DI UN FOGLIO DI CALCOLO Agela Doatiello 1 Esercizio. E stato tabulato il peso di ua certa popolazioe

Dettagli

1. Considerazioni generali

1. Considerazioni generali . osiderazioi geerali Il processaeto di ob su acchie parallele è iportate sia dal puto di vista teorico che pratico. Dal puto di vista teorico questo caso è ua geeralizzazioe dello schedulig su acchia

Dettagli

IMPLICAZIONE TRA VARIABILI BINARIE: L Implicazione di Gras

IMPLICAZIONE TRA VARIABILI BINARIE: L Implicazione di Gras IMPLICAZIONE TRA VARIABILI BINARIE: L Implicazioe di Gras Date due variabili biarie a e b, i quale misura posso assicurare che i ua popolazioe da ogi osservazioe di a segue ecessariamete quella di b? E

Dettagli