Introduzione al corso ASIMMETRIA INFORMATIVA NEI MERCATI FINANZIARI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Introduzione al corso ASIMMETRIA INFORMATIVA NEI MERCATI FINANZIARI"

Transcript

1 Cerasi V./Economia nanziaria 1 Introduzione al corso ASIMMETRIA INFORMATIVA NEI MERCATI FINANZIARI Investitori (INV) con capitale ma senza idee imprenditoriali e imprenditori (EN) senza capitale; INV presta I OGGI; EN investe in un progetto rischioso che restituisce X + > 0 DOMANI con prob p, 0 altrimenti; DOMANI se il progetto rende X + EN deve restituire R + X + all INV, altrimenti 0 per la clausola di RESPONSABILITA LIMI- TATA. PROBLEMI se X + non osservabile, allora EN potrebbe dichiarare di avere 0 anche se progetto ha reso X + per non dare nulla a INV ) MANIPOLAZIONE DEI BILANCI; se p dipende da impegno non-osservabile dell EN ) AZZARDO MORALE; se p dipende da scelta non-osservabile dell EN tra progetti rischiosi ) SELEZIONE AVVERSA; ad esempio appropriazione di bene ci privati (jet privati, u ci lussuosi, ecc.) da parte dei managers, nepotismo (assumere i propri conoscenti); perseguire obiettivi in con itto con quelli dell azienda (gigantismo).

2 Cerasi V./Economia nanziaria 2 "FIDUCIA" E MERCATI FINANZIARI alla base del nanziamento c è " ducia" dell INV: ti presto I OGGI nella speranza che DOMANI quando il progetto rende tu mi restituisca qualcosa (la strategia "prendi i soldi e scappa" non puo funzionare, perchè se INV anticipa comportamento opportunistico non nanzia); senza ducia non si sottoscrivono contratti nanziari e mercati - nanziari (luogo dove si scambiano contratti nanziari) non si formano; se INV non sottoscrive il contratto, allora vengono intrapresi solo i progetti che EN è in grado di auto- nanziare, ma non ci sarebbe la FINANZA ESTERNA alle imprese; =) peso della nanza esterna è ridotto [Fig.1 qui]

3 Cerasi V./Economia nanziaria 3 Come fanno gli INV a proteggersi? In parte attraverso la CORPORATE GOVERNANCE (=governo delle imprese) che si occupa dei modi in cui gli investitori che nanziano le imprese si assicurano di ottenere un reddito dal loro investimento (Shleifer-Vishny, JF 97) In parte attraverso le istituzioni (per es. BANCHE, GRANDI INVESTITORI, ecc). SOLUZIONI 1. attraverso un buon DISEGNO dei CONTRATTI FINANZIARI (ad es. scelta tra debito e azioni; clausole nei contratti - collaterale o meno -, ecc.); anche supporto di norme del diritto commerciale che garantiscano protezione degli INV e giustizia e ciente; 2. attraverso un buon sistema di INCENTIVI ai MANAGERS (contratti incentivanti ai managers, ma anche mercato del controllo contendibile dove società con manager/amministratori ine cienti siano oggetto di scalate); 3. attraverso il monitoring (interferenza degli INV nelle scelte di EN) (BANCHE sono "ottimi" delegati al monitoring per conto di INV; fondi di investimenti; società di controllo della Borsa, ecc.) DIVERSI TIPI DI SISTEMI FINANZIARI a seconda della SOLUZIONE scelta: USA [1]+[2] Common Law o re una protezione adeguata degli INV; mercato del controllo contendibile + contratti manageriali incentivanti; GERMANIA [1]+[3] Diritto tedesco o re una protezione adeguata degli INV; Banche universali con azioni nelle imprese (proxy votes); ITALIA no [1]; [3] pero banche non hanno controllo delle imprese - divieto di banca universale no ad anni recenti - semmai imprese hanno controllo delle banche; concentrazione azionaria (imprese di famiglia: piramidi); GIAPPONE [3] gruppi industriali con banca interna "keiretsu"

4 Cerasi V./Economia nanziaria 4 Appunti del corso #1: Razionamento del credito Cosa faremo: Razionamento del credito: perchè non tutti i progetti vengono nanziati? Un imprenditore è detto RAZIONATO se non ottiene il nanziamento che vuole anche se è disposto a pagare il tasso di interesse richiesto dal creditore o un tasso di interesse più elevato. La spiegazione è che: un tasso di interesse più elevato riduce la quota del reddito per l imprenditore quando il progetto non fallisce; questo riduce l incentivo dell imprenditore a scegliere progetti migliori o a mettere impegno a nchè il progetto non fallisca. Anche potendo dunque il creditore non vorrà accettare un tasso di interesse "troppo" alto. Qual è il tasso di interesse massimo per ciascun imprenditore? Idee principali: C è con itto di interesse (asimmetria informativa) tra: chi prende le decisioni operative (imprenditore, manager) chi nanzia l impresa (investitori) Finanza esterna comporta dei costi: Razionamento del credito: alcuni progetti validi non vengono - nanziati

5 Cerasi V./Economia nanziaria 5 UN MODELLO DI BASE Tre date (t = 0; 1; 2): Rendimento lordo alternativo certo y = 1. Un imprenditore ha un progetto: In t = 0: nanziamento ha bisogno di I > 0 fondi propri (dell imprenditore) per l investimento A mercati dei capitali concorrenziali In t = 1: azzardo morale l imprenditore è cruciale al progetto egli può scegliere tra due progetti fh; Lg (un progetto migliore H e uno peggiore L) se però sceglie il progetto L godrà di un bene cio privato B > 0 In t = 2: il progetto rende X 2 fx ; X + g con X = X + X > 0: la probabilità di successo del progetto è Pr [X = X + ] = p: Il progetto migliore H ha una maggiore probabilità di successo, ovvero p H > p L con p = p H p L : Ipotesi: Scegliere il progetto migliore è e ciente: px > B Ipotesi: Il valore atteso netto (VAN), di erenza tra il reddito atteso e l investimento, del progetto migliore è positivo: V AN H X + p H X I > 0 [Fig.2 qui]

6 Cerasi V./Economia nanziaria 6 Osservazione: Si assume neutralità al rischio da parte di tutti gli agenti. Solo l esito del progetto X è osservabile, non la scelta del progetto H o L: First best: Se l imprenditore avesse fondi propri su cienti, A I: investirebbe I nel progetto migliore. Cosa succede invece se non ha fondi propri su cienti, se cioè A < I? L imprenditore deve trovarsi un nanziamento esterno di (I un contratto sui mercati nanziari. A) vendendo Contratto nanziario generico: Un titolo che in cambio di I A in t = 0 dia diritto ad una quota di X in t = 2 R se X = X e R + se X = X + N.B. Essendo X osservabile, l unica variabile a cui il contratto puo essere condizionato è X: Esempio 1: Debito con valore facciale D: R = minfx ; Dg e R + = minfx + ; Dg Esempio 2: Una frazione del capitale azionario Ipotesi (per ora): X = 0 R = X and R + = X + Per la clausola di responsabilità limitata R = 0: Non c è di erenza tra debito, azioni, ecc.

7 Cerasi V./Economia nanziaria 7 L imprenditore nanzia (I A) con un titolo tale per cui: 0 R + X + Puo l imprenditore nanziare il suo progetto vendendo un titolo che dia diritto ad una quota del reddito totale del progetto R + = X +? La risposta è a ermativa solo se la scelta del progetto fosse contrattabile o non soggetta ad azzardo morale (cioè quando B = 0). Azzardo morale La scelta tra i due progetti crea un con itto (cioè B > 0) e non è contrattabile. Mostriamo dunque che mentre in teoria R + puo assumere qualunque valore nell intervallo [0; X + ] di fatto l intervallo di valori si restringe se teniamo conto dell informazione asimmetrica. Mostreremo che, a nchè l imprenditore abbia incentivo a scegliere il progetto H; non puo essere che R + = X + ma R + < X +. In t = 1, l imprenditore sceglie il progetto migliore solo se ne ha l incentivo: (IC) p(x + R + ) B o R + X + B=p {z } massimo reddito impegnabile Inoltre il creditore non sarà disposto a sottoscrivere un contratto che prometta R + = 0 e dunque R + > 0. Nell ipotesi che l imprenditore scelga il progetto migliore, l investitore si aspetta di recuperare per lo meno l ammontare nanziato, ovvero: (IR) R + (I A)=p H Quindi, il contratto è accettabile da entrambe le parti se e solo se: p H (X + B=p) (I A) La condizione è più facilmente soddisfatta quanto più A è grande.

8 Cerasi V./Economia nanziaria 8 De niamo A I p H (X + B p ) la soglia di capitale proprio tale per cui: se A A ) il progetto viene nanziato se A < A ) il progetto non viene nanziato Quando l imprenditore ha pochi fondi propri, A < A; è RAZIONATO. La ragione è che per un A più piccolo, l ammontare dei fondi richiesti (I A) è troppo grande e dunque il reddito da impegnare per il creditore troppo grande perchè l imprenditore scelga il progetto H: Si noti che la soglia A cresce, dunque il razionamento è più probabile, quanto più grande è l investimento I, quanto più piccola è la redditività del progetto X + e quanto maggiore è l informazione asimmetrica B:

9 Cerasi V./Economia nanziaria 9 Appunti del corso #2 Selezione avversa e contratti nanziari Cosa faremo: Selezione avversa tra imprenditori e nanziatori: Fallimento del mercato del credito Ruolo del collaterale Nuove emissioni di azioni ad un prezzo inferiore Gerarchia nella scelta delle fonti di nanza BREVE GUIDA AI PROBLEMI Forme di asimmetrie informative: insiders (proprietari e managers) hanno migliore informazione rispetto ad outsiders sul: valore delle attività pre-esistenti prospettive degli investimenti valore del collaterale prospettiva temporale dei redditi futuri bene cio privato (costo dello sforzo) dell insider Conseguenze ) nel caso più grave: fallimento del mercato (mercato dei bidoni) o nanziamento di tutti, ma i migliori sovvenzionano i peggiori. Forme di segnalazione costose: insiders possono avere incentivo a differenziarsi con modalità costose (N.B. E caci solo se sono più costose per i tipi peggiori che non per i tipi migliori): i tipi migliori investono meno

10 Cerasi V./Economia nanziaria 10 collaterale ricorrere ad un collocamento privato o certi cazione pagare una commissione vendere i titoli sotto-prezzo distribuire i dividendi emettere più debito di quanto necessario Gerarchia delle forme di nanza (Pecking order) 1. fondi interni (fondi propri, utili non distribuiti) 2. debito (non rischioso) 3. debito convertibile (e forme ibride) 4. capitale azionario Dalle forme 1. e 2. che non sono distorte dall esistenza di informazione asimmetrica a forme via via più rischiose e a maggiore intensità di informazione (più in uenzabili dall asimmetria informativa)

11 Cerasi V./Economia nanziaria 11 FALLIMENTO DEL MERCATO (MERCATO DEI BIDONI) Tre date (t = 0; 1; 2). Rendimento alternativo lordo certo y = 1: Un imprenditore ha un progetto: In t = 0: nanziamento ha bisogno di I > 0 fondi propri (dell imprenditore) per l investimento A = 0: mercati dei capitali concorrenziali In t = 1: selezione avversa l imprenditore è cruciale al progetto due tipi di imprenditori: quelli buoni G (Good) e quelli cattivi B (Bad) In t = 2: il progetto rende X 2 f0; X + g la probabilità di successo è Pr [X = X + ] = p per gli imprenditori G, mentre per gli imprenditori B è q < p: Informazione simmetrica Investitori osservano esattamente il tipo dell imprenditore che chiede il - nanziamento. Il contratto nanziario prevede che l imprenditore restituisca R + G (rispettivamente, R + B ) se il progetto del tipo G (rispettivamente di B) rende X+, 0 altrimenti. Per l ipotesi di concorrenza perfetta (in senso stretto, ovvero su ogni contratto) dunque: pr + G = I qr + B = I da cui R G + < R+ B poichè p > q: Essendo gli imprenditori G meno rischiosi dei B, si nanziano ad un tasso più favorevole.

12 Cerasi V./Economia nanziaria 12 Informazione asimmetrica In t = 0; quando cioè si contratta il nanziamento, il tipo dell imprenditore è informazione privata solo dell imprenditore. Gli investitori non conoscono il tipo dell imprenditore, non sanno cioè se l imprenditore che chiede il - nanziamento è del tipo buono, G, o di tipo cattivo, B: Ipotesi: Investitori sanno solo che vi sono 2 (0; 1) imprenditori buoni e ( 1 ) imprenditori cattivi. Il contratto nanziario prevede che l imprenditore restituisca R + (indipendentemente dal tipo dell imprenditore, che non è osservabile) se il progetto rende X +, 0 altrimenti. Per un dato R +, gli investitori nanziano o tutti i progetti o nessuno. Finanziano tutti i progetti se e solo se: [p + (1 De niamo una soglia tale per cui Allora se: )q] R + I [ p + (1 )q] R + = I ) tutti i progetti vengono nanziati < ) nessun progetto viene nanziato Se < ) fallimento del mercato del credito. Occorre che vi sia, almeno nelle aspettative degli investitori una certa percentuale di buoni imprenditori a nchè il mercato del credito funzioni. Se vi sarà un mercato del credito in cui tutti i tipi vengono nanziati (equilibrio pooling). Tuttavia gli imprenditori G pagano un tasso di interesse superiore al caso di informazione simmetrica: R + G = I p < I p + (1 )q = R+ Poichè sul mercato vi sono anche imprenditori cattivi, i tipi buoni devono pagare di più il nanziamento esterno. I tipi G sussidiano i tipi B.

13 Cerasi V./Economia nanziaria 13 RUOLO DEL COLLATERALE Stesso modello di prima, con imprenditore senza fondi propri A, ma in possesso di un bene che possa essere usato come collaterale (un bene che il debitore valuta più del creditore). Un imprenditore ha un progetto: In t = 0: nanziamento ha bisogno di I > 0 fondi propri (dell imprenditore) per l investimento A = 0, Possiede un bene che può usare come collaterale C (valore per il creditore è C con < 1) ecc. come prima. Informazione simmetrica Nessun ruolo per il collaterale. L investitore riconosce il tipo e o re un contratto distinto a ciascuno dei due tipi: R + G ; R+ B tale per cui pr + G qr + B = I = I da cui R + B > R+ G poichè p > q: Informazione asimmetrica I tipi G possono aver incentivo ad a ancare al contratto nanziario anche la promessa di cedere il collaterale nel caso le cose non vadano bene. In altre parole segnalano il proprio tipo ra orzando la scommessa del progetto: poichè la scommessa è troppo costosa per i tipi peggiori, si avrà un equilibrio separatore in cui solo i tipi migliori scelgono il contratto con il collaterale. L investitore non osserva il tipo di imprenditore. Se dunque i contratti o erti sono quelli del caso di informazione simmetrica, il tipo B avrebbe incentivo a

14 Cerasi V./Economia nanziaria 14 imitare il comportamento del tipo G (poichè R G + < R+ B il tipo B ha incentivo a ngere di essere il tipo G e pagare un tasso di interesse inferiore). Ma allore se vi sono < 1 tipi G, i pro tti dell investitore sono: [p + (1 )q] R + G < pr+ G = I e dunque non presta soldi. Può l imprenditore G segnalare il suo tipo per es. o rendo un collaterale e ottenere che il tipo peggiore non lo imiti? Equilibrio separatore: In equilibrio viene o erto il seguente menù di contratti R + G ; C G e R + B ; 0 : L imprenditore G massimizza i suoi guadagni: sotto i vincoli: U G = p(x + R + G ) (1 p)c G pr + G + (1 p)c G I (IR 1 ) q(x + R + G ) (1 q)c G q(x + R + B ) (IC B) qr + B I (IR 2) p(x + R + G ) (1 p)c G p(x + R + B ) (IC G) Possiamo dimostrare che tutti i vincoli ad eccezione di (IC G ) sono stringenti: (IR 1 ) e (IR 2 ) sono stringenti per l ipotesi di mercati dei capitali concorrenziali; (IC B ) è stringente perchè se così non fosse basterebbe ridurre R + G o C G per aumentare U G : Risolviamo il sistema dei tre vincoli stringenti (IR 1 ), (IR 2 ) e (IC B ): pr G + + (1 p)c G = I (IR 1 ) q(x + R G + ) (1 q)c G = q(x + R B + ) (IC B) qr B + = I (IR 2)

15 Cerasi V./Economia nanziaria 15 Sostituiamo (IR 2 ) nel lato destro di (IC B ): q(x + R + G ) (1 q)c G = qx + I Sempli cando i due termini qx + si ottiene: qr + G + (1 q)c G = I Uguagliando il lato sinistro con quello del vincolo (IR 1 ) otteniamo: R + G = C G f(1 q) (1 p)g p q In ne sostituendo R + G nella (IR 1); si ottiene il livello di collaterale in equilibrio: C G = 1 + I (1 )q(1 p) (p q) da cui si ricava che: 1. se " allora C G ": quanto più simile è la valutazione del collaterale tra creditore e imprenditore, tanto maggiore deve essere il livello di collaterale. 2. se (p q) " allora C G ": quanto maggiore è la di erenza tra i due tipi (maggiore informazione asimmetrica), tanto maggiore collaterale. Mostriamo in ne che nell equilibrio separatore il tipo G non ha incentivo a ngersi il tipo B, cioè che il vincolo (IC G ) non è stringente: p(x + R + G ) (1 p)c G p(x + R + B ) (IC G) Sempli cando il vincolo, otteniamo: p(r + B R + G ) (1 p)c G 0 Una soluzione compatibile con il vincolo sarebbe R + G = R+ B e C G = 0: In questo caso il vincolo sarebbe stringente. Se pero riduciamo R + G # e allo stesso tempo C G " il vincolo è ugualmente soddisfatto e l utilità U G aumenta. Dunque un contratto con C G > 0 è preferito.

16 Cerasi V./Economia nanziaria 16 In ne vediamo una rappresentazione gra ca dell equilibrio separatore. [Fig.3 qui] Innanzitutto notiamo che la curva di indi erenza del tipo G è più piatta di quella del tipo B: la ragione è che per una uguale riduzione del collaterale C il tipo G ottiene un aumento del tasso di interesse R + inferiore a quello del tipo B (l inclinazione in valore assoluto è 1 p p < 1 q q ). Perchè il tipo G accetta di o rire un collaterale C > 0 e il tipo B no? Partiamo dal caso di informazione simmetrica (o ro M al tipo B e N al tipo G, cioè R G + < R+ B senza collaterale). I tipi B hanno incentivo a ngersi i tipi G e prendersi N (poichè l utilità aumenta verso l origine). Occorre allora o rire un menu di contratti come per es. M = R + B ; 0 ; P = R + G ; C G in modo che i tipi B, essendo indi erenti, non ngano di essere i tipi G e i tipi G non vogliano il contratto M, poichè la loro utilità sarebbe minore.

17 Cerasi V./Economia nanziaria 17 Idee principali: GERARCHIA DELLE FONTI DI FINANZA (MYERS & MAJLUF - JFE-1984) Informazione asimmetrica induce i tipi migliori a nanziare gli investimenti in maniera da minimizzare la sottovalutazione dei titoli. Con un attività già avviata, la sottovalutazione dei titoli può indurre sottoinvestimento anche se tutti i progetti hanno un VAN>0. Imprese migliori preferiscono emettere titoli nanziari il cui valore sia il meno sensibile possibile all informazione perchè così saranno meno sottovalutati: Se le imprese possono emettere debito rischioso, il problema della sottovalutazione sarà ridotto. Se le imprese possono scegliere tra azioni e debito rischioso, non emettono mai azioni. Le attività nanziarie possono essere classi cate secondo una gerarchia di sensibilità all informazione: Fondi interni Debito non rischioso Debito rischioso Titoli ibridi (debito convertibile) Azioni Implicazioni Riluttanza ad emettere azioni; si segue la gerarchia delle fonti di nanziamento. Il prezzo dei titoli azionari scende in seguito all annuncio di una nuova emissione di azioni. Gli investimenti dipendono dalla disponibilità nanziaria (liquidità + capacità di nanziarsi emettendo attività prive di rischio)

18 Cerasi V./Economia nanziaria 18 NUOVE EMISSIONI A PREZZI INFERIORI Tre date (t = 0; 1; 2): Rendimento alternativo lordo certo y = 1: Un imprenditore ha un attività in corso, per la quale non ha debiti pregressi. In t = 0: attività in corso Due tipi di imprenditori: quelli buoni G e quelli cattivi B (il tipo è conoscenza privata dell imprenditore). La probabilità che un imprenditore sia del tipo G è 2 (0; 1), mentre la probabilità che sia del tipo B è (1 ): In t = 1: nanziamento di una nuova opportunità produttiva. imprenditore ha bisogno di I > 0 fondi propri (dell imprenditore) per l investimento A = 0: mercati dei capitali concorrenziali. In t = 2 : il progetto e l attività in corso rendono Il progetto del tipo buono G rende X + con certezza; il progetto del tipo cattivo B rende X con certezza, con X X + X > 0: il nuovo progetto rende Y con certezza. L imprenditore si nanzia con capitale azionario: ottiene I in cambio della promessa di una frazione dei pro tti futuri dell impresa. Ipotesi: Il VAN del nuovo investimento è positivo, Y I > 0: [Fig.4 qui] Informazione simmetrica

19 Cerasi V./Economia nanziaria 19 Se gli investitori potessero osservare il tipo dell imprenditore, potrebbero accordare il nanziamento sulla base di una diversa spartizione dei pro tti futuri, ovvero: B = G = I X + Y I X + + Y < B con una maggiore generosità dei tipi peggiori, al ne di assicurarsi il nanziamento. (N.B. Il prezzo dei due titoli è uguale, perchè uguali sono i rendimenti Informazione asimmetrica B (X + Y ) I = G (X + + Y ) I Poichè il tipo di investitore non è osservabile, gli investitori non possono condizionare al tipo di imprenditore. Richiedono pertanto, per un dato ; che l investimento consenta di pareggiare in termini attesi: I X + Y (IR) dove X X + + (1 )X : Inoltre a nchè l imprenditore intraprenda l investimento occorre che il vincolo degli incentivi sia soddisfatto, cioè: (1 ) X + + Y X + (IC G ) (1 ) X + Y X (IC B ) Da cui segue che Y Y + X + < Y Y + X Equilibrio pooling: Condizione: = I X + Y < Y Y + X + N.B. Se = 1 questa condizione è sempre soddisfatta, poichè X 2 [X ; X + ]. Al diminuire di lo è con minore probabilità.

20 Cerasi V./Economia nanziaria 20 Nell eq. pooling i tipi buoni sussidiano i tipi peggiori, ovvero = I X + Y > I X + + Y = G Gli imprenditori buoni vendono le azioni ad un prezzo troppo basso (risp. ad un rendimento troppo alto), mentre gli imprenditori cattivi ad un prezzo troppo alto (risp. ad un rendimento troppo basso). Ovvero i titoli dei tipi buoni risultano sottovalutati, mentre quelli dei tipi cattivi sopravalutati. Occorre naturalmente controllare che i tipi buoni abbiano incentivo ad intraprendere il nuovo progetto (i tipi B hanno interesse a farlo perchè vengono confusi con i tipi G):Sostituendo Y = I X dal vincolo di razionalità degli investitori nel (IC G ), si ottiene: Y I > (X + X) > 0 (*) Ma questo implica che non tutti gli investimenti con VAN positivo verranno nanziati. In conclusione vi sono due casi: La condizione (*) è soddisfatta: equilibrio pooling in cui entrambi i tipi intraprendono il progetto e si nanziano promettendo una frazione dei pro tti futuri. Tuttavia: 1) i titoli migliori sono sottovalutati e venduti ad un prezzo inferiore 2) alcuni progetti, con VAN positivo anche se non elevato, non verranno nanziati. La condizione (*) non è soddisfatta: equilibrio separatore in cui solo i tipi B intraprendono il progetto. I tipi migliori non investono perchè è troppo costoso segnalare il loro tipo. Il valore dell impresa pre-emissione è: V 0 = X + + (1 )(X + Y I) mentre il valore dell impresa dopo l emissione è: V 1 = (X + Y I) < V 0 poichè la condizione (*) non è soddisfatta per ipotesi =) Il prezzo delle azioni si riduce dopo l annuncio di una nuova emissione di capitale (UNDER-PRICING)

21 Cerasi V./Economia nanziaria 21 Debito non rischioso Cosa succederebbe nel modello precedente se l imprenditore potesse emettere debito non rischioso? Il debito non rischioso è un attività nanziaria a bassa sensibilità informativa, ovvero consente al reddito degli investitori una variazione minima al crescere dell informazione asimmetrica X. Debito non rischioso: D < X + Y < X + + Y dove D=valore facciale del debito. N.B. Si avrebbe debito rischioso quando X + Y < D < X + + Y: Investitori richiedono D + (1 )D I; ovvero che D = I: Controlliamo che entrambi i tipi intraprendano l investimento X + + Y D X + X + Y D X dato che D = I < Y:La ragione per cui entrambi investono è che il debito lascia il massimo reddito se le cose vanno bene, nulla se le cose vanno male. Poichè il debito non è rischioso, il reddito dell investitore è certo e l imprenditore ha massimo incentivo ad investire. Si invece il debito fosse rischioso, mostrate che solo il tipo G investe.

22 Cerasi V./Economia nanziaria 22 Gerarchia delle fonti EVIDENZA EMPIRICA Le imprese preferiscono gli utili non distribuiti ai nanziamenti esterni Condizionatamente al bisogno di nanza esterna, le imprese preferiscono debito al debito convertibile e questo alle azioni. 1) Ruolo modesto del nanziamento azionario: Le imprese nanziano una grande parte dei loro investimenti con fondi interni Per i fondi esterni, il debito domina il capitale azionario Negli USA, media su : emissioni di azioni rappresentano solo lo 0:8% delle fonti di nanziamento per le imprese non nanziarie Nella maggior parte dei paesi, i fondi interni dominano e il capitale azionario è minimo ( 12% nei G7 media su ) 2) Liquidità nanziaria e investimenti Informazione asimmetrica può rendere la nanza esterna molto cara. Il vincolo di liquidità che ne consegue comporta una correlazione positiva tra usso di cassa e investimenti, poichè i fondi interni sono l unica fonte di nanziamento praticabile. Il test di quest ipotesi richiede di distinguere il campione tra imprese soggette a vincoli di liquidità e imprese non soggette. Poi, si confronta la relazione tra investimenti e ussi di cassa tra i due sotto-campioni. In genere, gli investimenti delle imprese vincolate mostrano maggiore elasticità al usso di cassa. Due sono le conclusioni: Vincoli di liquidità inducono una relazione tra investimenti e usso di cassa.

23 Cerasi V./Economia nanziaria 23 Questa relazione implica che molte imprese investono meno quando il loro usso di cassa è basso. 3) Reazioni di prezzo alle emissioni di azioni (event studies) Reazioni di prezzo non-positive all annuncio di emissioni di azioni sul mercato secondario. Quanto più i titoli emessi sono tipo-azioni, quanto più negativa è la reazione di prezzo delle azioni: Emissioni di debito: e etto piccolo o nullo Debito convertibile: ' 2% Azioni: ' 3% Reazione del prezzo delle azioni positiva (negativa) all annuncio di una transazione che riduca (aumenti) il livello di capitale azionario Reazione positiva all annuncio di: scambi di debito per azioni scambi di azioni privilegiate per azioni ordinarie eliminazioni di o erte di azioni Reazioni negativa all annuncio di: scambi di azioni per debito azioni ordinarie per azioni privilegiate ) Ipotesi di gerarchia delle fonti di nanza sembra essere coerente con i fatti stilizzati.

24 Cerasi V./Economia nanziaria 24 Appunti del corso #3 La banca come intermediario nanziario Cosa faremo: Azzardo morale tra imprenditori e investitori molto severo: può essere risolto solo con monitoring Intermediari nanziari come ottimi delegati a monitorare Ruolo della diversi cazione Costo del capitale azionario (esterno) Idee principali: C è con itto di interesse tra: chi prende le decisioni operative (imprenditore, manager) chi nanzia l impresa (investitori) Finanza esterna comporta dei costi: monitoring Delega del monitoring: Chi fa monitoring deve essere incentivato Strumenti per incentivare monitoring: diversi cazione e debito

25 Cerasi V./Economia nanziaria 25 INTERMEDIARI FINANZIARI: DIVERSIFICAZIONE E DEBITO (DIAMOND - RES-1984) Tre date (t = 0; 1; 2), tasso di rendimento lordo alternativo certo y: Un imprenditore ha un progetto: In t = 0: nanziamento ha bisogno di I = 1: imprenditore non ha fondi propri per l investimento (A = 0) mercati dei capitali concorrenziali: tanti investitori, ciascuno con " (molto inferiore a 1) In t = 1: azzardo morale l imprenditore è cruciale al progetto egli può scegliere tra due progetti fh; Lg (un progetto migliore H e uno peggiore L) se però sceglie il progetto L godrà di un bene cio privato (non contrattabile) B In t = 2: il progetto rende X 2 f0; X + g con X + > y: la probabilità di successo del progetto è Pr [X = X + ] = p: Il progetto migliore H ha una maggiore probabilità di successo, ovvero p H > p L con p = p H p L : Ipotesi: Il surplus del progetto migliore è positivo, mentre quello del progetto peggiore è negativo: p H X + y > 0 p L X + + B y < 0

26 Cerasi V./Economia nanziaria 26 da cui scegliere il progetto migliore è e ciente: Osservazioni: px + > B Si assume neutralità al rischio da parte di tutti gli agenti. La scelta del progetto non è osservabile, mentre tutti osservano il reddito del progetto. Nessun imprenditore ha fondi propri, quindi deve chiedere nanziamento esterno. Responsabilità limitata degli individui: possono promettere di restituire R + se e solo se il progetto rende X + : Ipotesi (A1): Il con itto di interesse tra imprenditori e investitori è talmente severo che non può essere risolto con un contratto nanziario: p H X + ph y B < 0 p In altre parole, anche se l investitore si aspetta che l imprenditore sceglie il progetto migliore (p H R + = y), il vincolo degli incentivi dell imprenditore, ovvero p(x + R + ) > B (IC) non sarà soddisfatto e quindi l imprenditore non sceglierà il progetto migliore. Per ogni R + 2 y p H ; y p L il vincolo (IC) dell imprenditore non è mai soddisfatto. E quindi solo il monitoring può indurre l imprenditore a scegliere il progetto migliore. Tecnologia di monitoring: E possibile esercitare uno sforzo E ad un costo privato (non contrattabile) ce in modo da aumentare la probabilità di successo di ciascun progetto, cioè p = p L + Ep: Ipotesi (A2): Il monitoring è e ciente: px + > c

27 Cerasi V./Economia nanziaria 27 Credito diretto non è possibile. Poichè ciascun investitore ha solo una frazione " del nanziamento necessario, occorrono 1=" investitori per un progetto. A nchè l imprenditore intraprenda il progetto migliore occorre fare del monitoring costoso (N.B. lo sforzo del monitoring non è osservabile). Free riding disincentiva il monitoring. 1 Quanto meno capitale hanno gli investitori, tanto meno il credito diretto è possibile. Credito intermediato è soluzione al nanziamento di progetti per piccoli investitori. 1 Il reddito atteso di ciascun investitore è : "px + ce i dove e i è lo sforzo di monitoring di ciascun investitore, p = p L + Ep è la probabilità di successo del progetto. Si noti che la probabilità di successo dipende dal monitoring totale E di tutti gli n = 1 " nq investitori. Assumiamo che E = 1 (1 e i ) sia il modo in cui lo sforzo di ciascuno si traduce nel i=1 monitoring complessivo (il monitoring ha la caratteristica di bene pubblico non contrattabile). Lo sforzo di ciascuno è dunque: "px + (1 e i ) n 1 c < 0 se " è piccolo.

28 Cerasi V./Economia nanziaria 28 Intermediario con capitale proprio Supponiamo che vi sia un investitore che abbia capitale su ciente a nanziare un progetto (" = 1): I suoi pro tti (assumendo per semplicità che l imprenditore ceda tutto il suo reddito alla banca, ovvero che R + = X + ) sono: = px + y ce con p = p L +Ep: (N.B. Supponiamo per semplicità che l imprenditore venga espropriato di tutto il reddito del progetto, ovvero che R + = X + : Poichè qua l impreditore non deve essere incentivato, dato che c è il monitoring, questa ipotesi non cambia il risultato.) Quanto monitoring farà l investitore? (IC F B ) px + c > 0 (1) Egli sceglierà di monitorare con la massima intensità E = 1:

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Scelta sotto incertezza

Scelta sotto incertezza Scelta sotto incertezza 1. Introduzione Nei capitoli 1 e 2 della microeconomia standard si studia la scelta dei consumatori e dei produttori, che hanno un informazione perfetta sulle circostanze che caratterizzano

Dettagli

1 Il criterio Paretiano e la "Nuova economia del Benessere"

1 Il criterio Paretiano e la Nuova economia del Benessere 1 Il criterio Paretiano e la "Nuova economia del Benessere" 1.1 L aggregazione di preferenze ordinali inconfrontabili e il criterio di Pareto L aggregazione delle preferenze individuali è problematica

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1 Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali Economia dei tributi_polin 1 Allocazione internazionale del capitale Si possono definire due principi di neutralità della tassazione del capitale

Dettagli

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15,

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, info@camponovoam.com La Gestione Patrimoniale Un felice connubio fra tradizione, tecnologia e

Dettagli

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale La Distribuzione Normale o Gaussiana è la distribuzione più importante ed utilizzata in tutta la statistica La curva delle frequenze della distribuzione Normale ha una forma caratteristica, simile ad una

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria.

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria. Politica monetaria Obiettivi principali della politica monetaria stabilità monetaria interna (controllo dell inflazione) stabilità monetaria esterna (stabilità del cambio e pareggio della BdP) ma può avere

Dettagli

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi;

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi; Capitolo 3 Prodotti derivati: forward, futures ed opzioni Per poter affrontare lo studio dei prodotti derivati occorre fare delle ipotesi sul mercato finanziario che permettono di semplificare dal punto

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

CAP.1: FINANZA AZIENDALE.

CAP.1: FINANZA AZIENDALE. FINANZA AZIENDALE CAP.1: FINANZA AZIENDALE. Studio dei principi di valutazione della convenienza economica delle decisioni (finanziarie) di investimento e di finanziamento delle imprese. Il mercato si

Dettagli

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione Il monitoraggio della gestione finanziaria nei fondi pensione Prof. Università di Cagliari micocci@unica.it Roma, 4 maggio 2004 1 Caratteristiche tecnico - attuariali dei fondi pensione Sistema finanziario

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania)

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) Capitolo 8 Le imprese nell economia globale: esportazioni, outsourcing e multinazionali [a.a. 2012/13] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) 8-1 Struttura della

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo Scelta

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

Il Project Financing. Introduzione

Il Project Financing. Introduzione Il Project Financing Introduzione Il Project Financing nasce nei paesi anglosassoni come tecnica finanziaria innovativa volta a rendere possibile il finanziamento di iniziative economiche sulla base della

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

VC-dimension: Esempio

VC-dimension: Esempio VC-dimension: Esempio Quale è la VC-dimension di. y b = 0 f() = 1 f() = 1 iperpiano 20? VC-dimension: Esempio Quale è la VC-dimension di? banale. Vediamo cosa succede con 2 punti: 21 VC-dimension: Esempio

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 12 Il monopolio IL MONOPOLIO Il monopolio è una forma di mercato in cui un unico venditore offre un bene che non ha stretti sostituti, ad una moltitudine di consumatori La differenza fondamentale

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

VARIABILI ALEATORIE CONTINUE

VARIABILI ALEATORIE CONTINUE VARIABILI ALEATORIE CONTINUE Se X è una variabile aleatoria continua, la probabilità che X assuma un certo valore x fissato è in generale zero, quindi non ha senso definire una distribuzione di probabilità

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Rosa Maria Mininni a.a. 2014-2015 1 Introduzione ai modelli binomiali La valutazione degli strumenti finanziari derivati e, in particolare, la valutazione

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale in Viale Umberto I n. 4, 00060 Formello (Rm) Tel. 06/9014301 Fax 06/9089034 Cod.Fiscale 00721840585 Iscrizione Registro Imprese Roma e P.Iva 009260721002 Iscritta all Albo

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore Le reverse convertible Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice Introduzione 3 Le reverse convertible 4 Cos è una reverse convertible

Dettagli

Lezione XII: La differenziazione del prodotto

Lezione XII: La differenziazione del prodotto Lezione XII: La differenziazione del prodotto Ci sono mercati che per la natura del loro prodotto, la numerosità dei soggetti coinvolti su entrambi i lati del mercato (e in particolare, la bassa concentrazione

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Luglio 2007 Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Indice Preambolo... 3 1. Campo

Dettagli

Le due facce dell investimento

Le due facce dell investimento Schroders Educational Rischio & Rendimento Le due facce dell investimento Per essere buoni investitori non basta essere buoni risparmiatori. La sfida del rendimento è tutta un altra storia. È un cammino

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

Stima per intervalli Nei metodi di stima puntuale è sempre presente un ^ errore θ θ dovuto al fatto che la stima di θ in genere non coincide con il parametro θ. Sorge quindi l esigenza di determinare una

Dettagli

IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI

IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI SOMMARIO 1. COS E IL MONOPOLIO NATURALE 2. LE DIVERSE OPZIONI DI GESTIONE a) gestione diretta b) regolamentazione c) gara d appalto 3. I

Dettagli

Corso di Matematica finanziaria

Corso di Matematica finanziaria Corso di Matematica finanziaria modulo "Fondamenti della valutazione finanziaria" Eserciziario di Matematica finanziaria Università degli studi Roma Tre 2 Esercizi dal corso di Matematica finanziaria,

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

«LABOUR MANAGED FIRM» ED EFFETTO DI «MORAL HAZARD»

«LABOUR MANAGED FIRM» ED EFFETTO DI «MORAL HAZARD» «LABOUR MANAGED FIRM» ED EFFETTO DI «MORAL HAZARD» MARINA ALBANESE * 1. Introduzione Il modello Ward-Vanek-Meade è un noto paradigma relativo ad un particolare tipo di impresa in cui i lavoratori prendono

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO APPUNTI PER IL CORSO DI ANALISI MATEMATICA I G. MAUCERI Indice 1. Introduzione 1 2. La funzione esponenziale 2 3. Il numero e di Nepero 9 4. L irrazionalità di e

Dettagli

Analisi Mat. 1 - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 23-3-06

Analisi Mat. 1 - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 23-3-06 Analisi Mat. - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 3-3-6 Sia p il polinomio di quarto grado definito da pz = z 4. Sia S il settore circolare formato dai numeri complessi che hanno modulo minore o

Dettagli

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione.

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1.1. Intorni circolari. Assumiamo come distanza di due numeri reali x e y il numero non negativo x y (che, come sappiamo, esprime la distanza tra i punti

Dettagli

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti.

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. LINEA INVESTIMENTO GUIDA AI PRODOTTI Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti!

Dettagli

Metodi risolutivi per le disequazioni algebriche

Metodi risolutivi per le disequazioni algebriche Metodi risolutivi per le disequazioni algebriche v.scudero Una disequazioni algebrica si presenta in una delle quattro forme seguenti: () P( () P( (3) P( () P( essendo P( un polinomio in. Noi studieremo

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

Se si insiste non si vince

Se si insiste non si vince Se si insiste non si vince Livello scolare: 2 biennio Abilità interessate Valutare la probabilità in diversi contesti problematici. Distinguere tra eventi indipendenti e non. Valutare criticamente le informazioni

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il Credito ai consumatori in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il credito ai consumatori dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4 I SUSSIDI ALLE ESPORTAZIONI NELL AGRICOLTURA E NEI SETTORI AD ALTA TECNOLOGIA 10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole

Dettagli