Introduzione al corso ASIMMETRIA INFORMATIVA NEI MERCATI FINANZIARI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Introduzione al corso ASIMMETRIA INFORMATIVA NEI MERCATI FINANZIARI"

Transcript

1 Cerasi V./Economia nanziaria 1 Introduzione al corso ASIMMETRIA INFORMATIVA NEI MERCATI FINANZIARI Investitori (INV) con capitale ma senza idee imprenditoriali e imprenditori (EN) senza capitale; INV presta I OGGI; EN investe in un progetto rischioso che restituisce X + > 0 DOMANI con prob p, 0 altrimenti; DOMANI se il progetto rende X + EN deve restituire R + X + all INV, altrimenti 0 per la clausola di RESPONSABILITA LIMI- TATA. PROBLEMI se X + non osservabile, allora EN potrebbe dichiarare di avere 0 anche se progetto ha reso X + per non dare nulla a INV ) MANIPOLAZIONE DEI BILANCI; se p dipende da impegno non-osservabile dell EN ) AZZARDO MORALE; se p dipende da scelta non-osservabile dell EN tra progetti rischiosi ) SELEZIONE AVVERSA; ad esempio appropriazione di bene ci privati (jet privati, u ci lussuosi, ecc.) da parte dei managers, nepotismo (assumere i propri conoscenti); perseguire obiettivi in con itto con quelli dell azienda (gigantismo).

2 Cerasi V./Economia nanziaria 2 "FIDUCIA" E MERCATI FINANZIARI alla base del nanziamento c è " ducia" dell INV: ti presto I OGGI nella speranza che DOMANI quando il progetto rende tu mi restituisca qualcosa (la strategia "prendi i soldi e scappa" non puo funzionare, perchè se INV anticipa comportamento opportunistico non nanzia); senza ducia non si sottoscrivono contratti nanziari e mercati - nanziari (luogo dove si scambiano contratti nanziari) non si formano; se INV non sottoscrive il contratto, allora vengono intrapresi solo i progetti che EN è in grado di auto- nanziare, ma non ci sarebbe la FINANZA ESTERNA alle imprese; =) peso della nanza esterna è ridotto [Fig.1 qui]

3 Cerasi V./Economia nanziaria 3 Come fanno gli INV a proteggersi? In parte attraverso la CORPORATE GOVERNANCE (=governo delle imprese) che si occupa dei modi in cui gli investitori che nanziano le imprese si assicurano di ottenere un reddito dal loro investimento (Shleifer-Vishny, JF 97) In parte attraverso le istituzioni (per es. BANCHE, GRANDI INVESTITORI, ecc). SOLUZIONI 1. attraverso un buon DISEGNO dei CONTRATTI FINANZIARI (ad es. scelta tra debito e azioni; clausole nei contratti - collaterale o meno -, ecc.); anche supporto di norme del diritto commerciale che garantiscano protezione degli INV e giustizia e ciente; 2. attraverso un buon sistema di INCENTIVI ai MANAGERS (contratti incentivanti ai managers, ma anche mercato del controllo contendibile dove società con manager/amministratori ine cienti siano oggetto di scalate); 3. attraverso il monitoring (interferenza degli INV nelle scelte di EN) (BANCHE sono "ottimi" delegati al monitoring per conto di INV; fondi di investimenti; società di controllo della Borsa, ecc.) DIVERSI TIPI DI SISTEMI FINANZIARI a seconda della SOLUZIONE scelta: USA [1]+[2] Common Law o re una protezione adeguata degli INV; mercato del controllo contendibile + contratti manageriali incentivanti; GERMANIA [1]+[3] Diritto tedesco o re una protezione adeguata degli INV; Banche universali con azioni nelle imprese (proxy votes); ITALIA no [1]; [3] pero banche non hanno controllo delle imprese - divieto di banca universale no ad anni recenti - semmai imprese hanno controllo delle banche; concentrazione azionaria (imprese di famiglia: piramidi); GIAPPONE [3] gruppi industriali con banca interna "keiretsu"

4 Cerasi V./Economia nanziaria 4 Appunti del corso #1: Razionamento del credito Cosa faremo: Razionamento del credito: perchè non tutti i progetti vengono nanziati? Un imprenditore è detto RAZIONATO se non ottiene il nanziamento che vuole anche se è disposto a pagare il tasso di interesse richiesto dal creditore o un tasso di interesse più elevato. La spiegazione è che: un tasso di interesse più elevato riduce la quota del reddito per l imprenditore quando il progetto non fallisce; questo riduce l incentivo dell imprenditore a scegliere progetti migliori o a mettere impegno a nchè il progetto non fallisca. Anche potendo dunque il creditore non vorrà accettare un tasso di interesse "troppo" alto. Qual è il tasso di interesse massimo per ciascun imprenditore? Idee principali: C è con itto di interesse (asimmetria informativa) tra: chi prende le decisioni operative (imprenditore, manager) chi nanzia l impresa (investitori) Finanza esterna comporta dei costi: Razionamento del credito: alcuni progetti validi non vengono - nanziati

5 Cerasi V./Economia nanziaria 5 UN MODELLO DI BASE Tre date (t = 0; 1; 2): Rendimento lordo alternativo certo y = 1. Un imprenditore ha un progetto: In t = 0: nanziamento ha bisogno di I > 0 fondi propri (dell imprenditore) per l investimento A mercati dei capitali concorrenziali In t = 1: azzardo morale l imprenditore è cruciale al progetto egli può scegliere tra due progetti fh; Lg (un progetto migliore H e uno peggiore L) se però sceglie il progetto L godrà di un bene cio privato B > 0 In t = 2: il progetto rende X 2 fx ; X + g con X = X + X > 0: la probabilità di successo del progetto è Pr [X = X + ] = p: Il progetto migliore H ha una maggiore probabilità di successo, ovvero p H > p L con p = p H p L : Ipotesi: Scegliere il progetto migliore è e ciente: px > B Ipotesi: Il valore atteso netto (VAN), di erenza tra il reddito atteso e l investimento, del progetto migliore è positivo: V AN H X + p H X I > 0 [Fig.2 qui]

6 Cerasi V./Economia nanziaria 6 Osservazione: Si assume neutralità al rischio da parte di tutti gli agenti. Solo l esito del progetto X è osservabile, non la scelta del progetto H o L: First best: Se l imprenditore avesse fondi propri su cienti, A I: investirebbe I nel progetto migliore. Cosa succede invece se non ha fondi propri su cienti, se cioè A < I? L imprenditore deve trovarsi un nanziamento esterno di (I un contratto sui mercati nanziari. A) vendendo Contratto nanziario generico: Un titolo che in cambio di I A in t = 0 dia diritto ad una quota di X in t = 2 R se X = X e R + se X = X + N.B. Essendo X osservabile, l unica variabile a cui il contratto puo essere condizionato è X: Esempio 1: Debito con valore facciale D: R = minfx ; Dg e R + = minfx + ; Dg Esempio 2: Una frazione del capitale azionario Ipotesi (per ora): X = 0 R = X and R + = X + Per la clausola di responsabilità limitata R = 0: Non c è di erenza tra debito, azioni, ecc.

7 Cerasi V./Economia nanziaria 7 L imprenditore nanzia (I A) con un titolo tale per cui: 0 R + X + Puo l imprenditore nanziare il suo progetto vendendo un titolo che dia diritto ad una quota del reddito totale del progetto R + = X +? La risposta è a ermativa solo se la scelta del progetto fosse contrattabile o non soggetta ad azzardo morale (cioè quando B = 0). Azzardo morale La scelta tra i due progetti crea un con itto (cioè B > 0) e non è contrattabile. Mostriamo dunque che mentre in teoria R + puo assumere qualunque valore nell intervallo [0; X + ] di fatto l intervallo di valori si restringe se teniamo conto dell informazione asimmetrica. Mostreremo che, a nchè l imprenditore abbia incentivo a scegliere il progetto H; non puo essere che R + = X + ma R + < X +. In t = 1, l imprenditore sceglie il progetto migliore solo se ne ha l incentivo: (IC) p(x + R + ) B o R + X + B=p {z } massimo reddito impegnabile Inoltre il creditore non sarà disposto a sottoscrivere un contratto che prometta R + = 0 e dunque R + > 0. Nell ipotesi che l imprenditore scelga il progetto migliore, l investitore si aspetta di recuperare per lo meno l ammontare nanziato, ovvero: (IR) R + (I A)=p H Quindi, il contratto è accettabile da entrambe le parti se e solo se: p H (X + B=p) (I A) La condizione è più facilmente soddisfatta quanto più A è grande.

8 Cerasi V./Economia nanziaria 8 De niamo A I p H (X + B p ) la soglia di capitale proprio tale per cui: se A A ) il progetto viene nanziato se A < A ) il progetto non viene nanziato Quando l imprenditore ha pochi fondi propri, A < A; è RAZIONATO. La ragione è che per un A più piccolo, l ammontare dei fondi richiesti (I A) è troppo grande e dunque il reddito da impegnare per il creditore troppo grande perchè l imprenditore scelga il progetto H: Si noti che la soglia A cresce, dunque il razionamento è più probabile, quanto più grande è l investimento I, quanto più piccola è la redditività del progetto X + e quanto maggiore è l informazione asimmetrica B:

9 Cerasi V./Economia nanziaria 9 Appunti del corso #2 Selezione avversa e contratti nanziari Cosa faremo: Selezione avversa tra imprenditori e nanziatori: Fallimento del mercato del credito Ruolo del collaterale Nuove emissioni di azioni ad un prezzo inferiore Gerarchia nella scelta delle fonti di nanza BREVE GUIDA AI PROBLEMI Forme di asimmetrie informative: insiders (proprietari e managers) hanno migliore informazione rispetto ad outsiders sul: valore delle attività pre-esistenti prospettive degli investimenti valore del collaterale prospettiva temporale dei redditi futuri bene cio privato (costo dello sforzo) dell insider Conseguenze ) nel caso più grave: fallimento del mercato (mercato dei bidoni) o nanziamento di tutti, ma i migliori sovvenzionano i peggiori. Forme di segnalazione costose: insiders possono avere incentivo a differenziarsi con modalità costose (N.B. E caci solo se sono più costose per i tipi peggiori che non per i tipi migliori): i tipi migliori investono meno

10 Cerasi V./Economia nanziaria 10 collaterale ricorrere ad un collocamento privato o certi cazione pagare una commissione vendere i titoli sotto-prezzo distribuire i dividendi emettere più debito di quanto necessario Gerarchia delle forme di nanza (Pecking order) 1. fondi interni (fondi propri, utili non distribuiti) 2. debito (non rischioso) 3. debito convertibile (e forme ibride) 4. capitale azionario Dalle forme 1. e 2. che non sono distorte dall esistenza di informazione asimmetrica a forme via via più rischiose e a maggiore intensità di informazione (più in uenzabili dall asimmetria informativa)

11 Cerasi V./Economia nanziaria 11 FALLIMENTO DEL MERCATO (MERCATO DEI BIDONI) Tre date (t = 0; 1; 2). Rendimento alternativo lordo certo y = 1: Un imprenditore ha un progetto: In t = 0: nanziamento ha bisogno di I > 0 fondi propri (dell imprenditore) per l investimento A = 0: mercati dei capitali concorrenziali In t = 1: selezione avversa l imprenditore è cruciale al progetto due tipi di imprenditori: quelli buoni G (Good) e quelli cattivi B (Bad) In t = 2: il progetto rende X 2 f0; X + g la probabilità di successo è Pr [X = X + ] = p per gli imprenditori G, mentre per gli imprenditori B è q < p: Informazione simmetrica Investitori osservano esattamente il tipo dell imprenditore che chiede il - nanziamento. Il contratto nanziario prevede che l imprenditore restituisca R + G (rispettivamente, R + B ) se il progetto del tipo G (rispettivamente di B) rende X+, 0 altrimenti. Per l ipotesi di concorrenza perfetta (in senso stretto, ovvero su ogni contratto) dunque: pr + G = I qr + B = I da cui R G + < R+ B poichè p > q: Essendo gli imprenditori G meno rischiosi dei B, si nanziano ad un tasso più favorevole.

12 Cerasi V./Economia nanziaria 12 Informazione asimmetrica In t = 0; quando cioè si contratta il nanziamento, il tipo dell imprenditore è informazione privata solo dell imprenditore. Gli investitori non conoscono il tipo dell imprenditore, non sanno cioè se l imprenditore che chiede il - nanziamento è del tipo buono, G, o di tipo cattivo, B: Ipotesi: Investitori sanno solo che vi sono 2 (0; 1) imprenditori buoni e ( 1 ) imprenditori cattivi. Il contratto nanziario prevede che l imprenditore restituisca R + (indipendentemente dal tipo dell imprenditore, che non è osservabile) se il progetto rende X +, 0 altrimenti. Per un dato R +, gli investitori nanziano o tutti i progetti o nessuno. Finanziano tutti i progetti se e solo se: [p + (1 De niamo una soglia tale per cui Allora se: )q] R + I [ p + (1 )q] R + = I ) tutti i progetti vengono nanziati < ) nessun progetto viene nanziato Se < ) fallimento del mercato del credito. Occorre che vi sia, almeno nelle aspettative degli investitori una certa percentuale di buoni imprenditori a nchè il mercato del credito funzioni. Se vi sarà un mercato del credito in cui tutti i tipi vengono nanziati (equilibrio pooling). Tuttavia gli imprenditori G pagano un tasso di interesse superiore al caso di informazione simmetrica: R + G = I p < I p + (1 )q = R+ Poichè sul mercato vi sono anche imprenditori cattivi, i tipi buoni devono pagare di più il nanziamento esterno. I tipi G sussidiano i tipi B.

13 Cerasi V./Economia nanziaria 13 RUOLO DEL COLLATERALE Stesso modello di prima, con imprenditore senza fondi propri A, ma in possesso di un bene che possa essere usato come collaterale (un bene che il debitore valuta più del creditore). Un imprenditore ha un progetto: In t = 0: nanziamento ha bisogno di I > 0 fondi propri (dell imprenditore) per l investimento A = 0, Possiede un bene che può usare come collaterale C (valore per il creditore è C con < 1) ecc. come prima. Informazione simmetrica Nessun ruolo per il collaterale. L investitore riconosce il tipo e o re un contratto distinto a ciascuno dei due tipi: R + G ; R+ B tale per cui pr + G qr + B = I = I da cui R + B > R+ G poichè p > q: Informazione asimmetrica I tipi G possono aver incentivo ad a ancare al contratto nanziario anche la promessa di cedere il collaterale nel caso le cose non vadano bene. In altre parole segnalano il proprio tipo ra orzando la scommessa del progetto: poichè la scommessa è troppo costosa per i tipi peggiori, si avrà un equilibrio separatore in cui solo i tipi migliori scelgono il contratto con il collaterale. L investitore non osserva il tipo di imprenditore. Se dunque i contratti o erti sono quelli del caso di informazione simmetrica, il tipo B avrebbe incentivo a

14 Cerasi V./Economia nanziaria 14 imitare il comportamento del tipo G (poichè R G + < R+ B il tipo B ha incentivo a ngere di essere il tipo G e pagare un tasso di interesse inferiore). Ma allore se vi sono < 1 tipi G, i pro tti dell investitore sono: [p + (1 )q] R + G < pr+ G = I e dunque non presta soldi. Può l imprenditore G segnalare il suo tipo per es. o rendo un collaterale e ottenere che il tipo peggiore non lo imiti? Equilibrio separatore: In equilibrio viene o erto il seguente menù di contratti R + G ; C G e R + B ; 0 : L imprenditore G massimizza i suoi guadagni: sotto i vincoli: U G = p(x + R + G ) (1 p)c G pr + G + (1 p)c G I (IR 1 ) q(x + R + G ) (1 q)c G q(x + R + B ) (IC B) qr + B I (IR 2) p(x + R + G ) (1 p)c G p(x + R + B ) (IC G) Possiamo dimostrare che tutti i vincoli ad eccezione di (IC G ) sono stringenti: (IR 1 ) e (IR 2 ) sono stringenti per l ipotesi di mercati dei capitali concorrenziali; (IC B ) è stringente perchè se così non fosse basterebbe ridurre R + G o C G per aumentare U G : Risolviamo il sistema dei tre vincoli stringenti (IR 1 ), (IR 2 ) e (IC B ): pr G + + (1 p)c G = I (IR 1 ) q(x + R G + ) (1 q)c G = q(x + R B + ) (IC B) qr B + = I (IR 2)

15 Cerasi V./Economia nanziaria 15 Sostituiamo (IR 2 ) nel lato destro di (IC B ): q(x + R + G ) (1 q)c G = qx + I Sempli cando i due termini qx + si ottiene: qr + G + (1 q)c G = I Uguagliando il lato sinistro con quello del vincolo (IR 1 ) otteniamo: R + G = C G f(1 q) (1 p)g p q In ne sostituendo R + G nella (IR 1); si ottiene il livello di collaterale in equilibrio: C G = 1 + I (1 )q(1 p) (p q) da cui si ricava che: 1. se " allora C G ": quanto più simile è la valutazione del collaterale tra creditore e imprenditore, tanto maggiore deve essere il livello di collaterale. 2. se (p q) " allora C G ": quanto maggiore è la di erenza tra i due tipi (maggiore informazione asimmetrica), tanto maggiore collaterale. Mostriamo in ne che nell equilibrio separatore il tipo G non ha incentivo a ngersi il tipo B, cioè che il vincolo (IC G ) non è stringente: p(x + R + G ) (1 p)c G p(x + R + B ) (IC G) Sempli cando il vincolo, otteniamo: p(r + B R + G ) (1 p)c G 0 Una soluzione compatibile con il vincolo sarebbe R + G = R+ B e C G = 0: In questo caso il vincolo sarebbe stringente. Se pero riduciamo R + G # e allo stesso tempo C G " il vincolo è ugualmente soddisfatto e l utilità U G aumenta. Dunque un contratto con C G > 0 è preferito.

16 Cerasi V./Economia nanziaria 16 In ne vediamo una rappresentazione gra ca dell equilibrio separatore. [Fig.3 qui] Innanzitutto notiamo che la curva di indi erenza del tipo G è più piatta di quella del tipo B: la ragione è che per una uguale riduzione del collaterale C il tipo G ottiene un aumento del tasso di interesse R + inferiore a quello del tipo B (l inclinazione in valore assoluto è 1 p p < 1 q q ). Perchè il tipo G accetta di o rire un collaterale C > 0 e il tipo B no? Partiamo dal caso di informazione simmetrica (o ro M al tipo B e N al tipo G, cioè R G + < R+ B senza collaterale). I tipi B hanno incentivo a ngersi i tipi G e prendersi N (poichè l utilità aumenta verso l origine). Occorre allora o rire un menu di contratti come per es. M = R + B ; 0 ; P = R + G ; C G in modo che i tipi B, essendo indi erenti, non ngano di essere i tipi G e i tipi G non vogliano il contratto M, poichè la loro utilità sarebbe minore.

17 Cerasi V./Economia nanziaria 17 Idee principali: GERARCHIA DELLE FONTI DI FINANZA (MYERS & MAJLUF - JFE-1984) Informazione asimmetrica induce i tipi migliori a nanziare gli investimenti in maniera da minimizzare la sottovalutazione dei titoli. Con un attività già avviata, la sottovalutazione dei titoli può indurre sottoinvestimento anche se tutti i progetti hanno un VAN>0. Imprese migliori preferiscono emettere titoli nanziari il cui valore sia il meno sensibile possibile all informazione perchè così saranno meno sottovalutati: Se le imprese possono emettere debito rischioso, il problema della sottovalutazione sarà ridotto. Se le imprese possono scegliere tra azioni e debito rischioso, non emettono mai azioni. Le attività nanziarie possono essere classi cate secondo una gerarchia di sensibilità all informazione: Fondi interni Debito non rischioso Debito rischioso Titoli ibridi (debito convertibile) Azioni Implicazioni Riluttanza ad emettere azioni; si segue la gerarchia delle fonti di nanziamento. Il prezzo dei titoli azionari scende in seguito all annuncio di una nuova emissione di azioni. Gli investimenti dipendono dalla disponibilità nanziaria (liquidità + capacità di nanziarsi emettendo attività prive di rischio)

18 Cerasi V./Economia nanziaria 18 NUOVE EMISSIONI A PREZZI INFERIORI Tre date (t = 0; 1; 2): Rendimento alternativo lordo certo y = 1: Un imprenditore ha un attività in corso, per la quale non ha debiti pregressi. In t = 0: attività in corso Due tipi di imprenditori: quelli buoni G e quelli cattivi B (il tipo è conoscenza privata dell imprenditore). La probabilità che un imprenditore sia del tipo G è 2 (0; 1), mentre la probabilità che sia del tipo B è (1 ): In t = 1: nanziamento di una nuova opportunità produttiva. imprenditore ha bisogno di I > 0 fondi propri (dell imprenditore) per l investimento A = 0: mercati dei capitali concorrenziali. In t = 2 : il progetto e l attività in corso rendono Il progetto del tipo buono G rende X + con certezza; il progetto del tipo cattivo B rende X con certezza, con X X + X > 0: il nuovo progetto rende Y con certezza. L imprenditore si nanzia con capitale azionario: ottiene I in cambio della promessa di una frazione dei pro tti futuri dell impresa. Ipotesi: Il VAN del nuovo investimento è positivo, Y I > 0: [Fig.4 qui] Informazione simmetrica

19 Cerasi V./Economia nanziaria 19 Se gli investitori potessero osservare il tipo dell imprenditore, potrebbero accordare il nanziamento sulla base di una diversa spartizione dei pro tti futuri, ovvero: B = G = I X + Y I X + + Y < B con una maggiore generosità dei tipi peggiori, al ne di assicurarsi il nanziamento. (N.B. Il prezzo dei due titoli è uguale, perchè uguali sono i rendimenti Informazione asimmetrica B (X + Y ) I = G (X + + Y ) I Poichè il tipo di investitore non è osservabile, gli investitori non possono condizionare al tipo di imprenditore. Richiedono pertanto, per un dato ; che l investimento consenta di pareggiare in termini attesi: I X + Y (IR) dove X X + + (1 )X : Inoltre a nchè l imprenditore intraprenda l investimento occorre che il vincolo degli incentivi sia soddisfatto, cioè: (1 ) X + + Y X + (IC G ) (1 ) X + Y X (IC B ) Da cui segue che Y Y + X + < Y Y + X Equilibrio pooling: Condizione: = I X + Y < Y Y + X + N.B. Se = 1 questa condizione è sempre soddisfatta, poichè X 2 [X ; X + ]. Al diminuire di lo è con minore probabilità.

20 Cerasi V./Economia nanziaria 20 Nell eq. pooling i tipi buoni sussidiano i tipi peggiori, ovvero = I X + Y > I X + + Y = G Gli imprenditori buoni vendono le azioni ad un prezzo troppo basso (risp. ad un rendimento troppo alto), mentre gli imprenditori cattivi ad un prezzo troppo alto (risp. ad un rendimento troppo basso). Ovvero i titoli dei tipi buoni risultano sottovalutati, mentre quelli dei tipi cattivi sopravalutati. Occorre naturalmente controllare che i tipi buoni abbiano incentivo ad intraprendere il nuovo progetto (i tipi B hanno interesse a farlo perchè vengono confusi con i tipi G):Sostituendo Y = I X dal vincolo di razionalità degli investitori nel (IC G ), si ottiene: Y I > (X + X) > 0 (*) Ma questo implica che non tutti gli investimenti con VAN positivo verranno nanziati. In conclusione vi sono due casi: La condizione (*) è soddisfatta: equilibrio pooling in cui entrambi i tipi intraprendono il progetto e si nanziano promettendo una frazione dei pro tti futuri. Tuttavia: 1) i titoli migliori sono sottovalutati e venduti ad un prezzo inferiore 2) alcuni progetti, con VAN positivo anche se non elevato, non verranno nanziati. La condizione (*) non è soddisfatta: equilibrio separatore in cui solo i tipi B intraprendono il progetto. I tipi migliori non investono perchè è troppo costoso segnalare il loro tipo. Il valore dell impresa pre-emissione è: V 0 = X + + (1 )(X + Y I) mentre il valore dell impresa dopo l emissione è: V 1 = (X + Y I) < V 0 poichè la condizione (*) non è soddisfatta per ipotesi =) Il prezzo delle azioni si riduce dopo l annuncio di una nuova emissione di capitale (UNDER-PRICING)

21 Cerasi V./Economia nanziaria 21 Debito non rischioso Cosa succederebbe nel modello precedente se l imprenditore potesse emettere debito non rischioso? Il debito non rischioso è un attività nanziaria a bassa sensibilità informativa, ovvero consente al reddito degli investitori una variazione minima al crescere dell informazione asimmetrica X. Debito non rischioso: D < X + Y < X + + Y dove D=valore facciale del debito. N.B. Si avrebbe debito rischioso quando X + Y < D < X + + Y: Investitori richiedono D + (1 )D I; ovvero che D = I: Controlliamo che entrambi i tipi intraprendano l investimento X + + Y D X + X + Y D X dato che D = I < Y:La ragione per cui entrambi investono è che il debito lascia il massimo reddito se le cose vanno bene, nulla se le cose vanno male. Poichè il debito non è rischioso, il reddito dell investitore è certo e l imprenditore ha massimo incentivo ad investire. Si invece il debito fosse rischioso, mostrate che solo il tipo G investe.

22 Cerasi V./Economia nanziaria 22 Gerarchia delle fonti EVIDENZA EMPIRICA Le imprese preferiscono gli utili non distribuiti ai nanziamenti esterni Condizionatamente al bisogno di nanza esterna, le imprese preferiscono debito al debito convertibile e questo alle azioni. 1) Ruolo modesto del nanziamento azionario: Le imprese nanziano una grande parte dei loro investimenti con fondi interni Per i fondi esterni, il debito domina il capitale azionario Negli USA, media su : emissioni di azioni rappresentano solo lo 0:8% delle fonti di nanziamento per le imprese non nanziarie Nella maggior parte dei paesi, i fondi interni dominano e il capitale azionario è minimo ( 12% nei G7 media su ) 2) Liquidità nanziaria e investimenti Informazione asimmetrica può rendere la nanza esterna molto cara. Il vincolo di liquidità che ne consegue comporta una correlazione positiva tra usso di cassa e investimenti, poichè i fondi interni sono l unica fonte di nanziamento praticabile. Il test di quest ipotesi richiede di distinguere il campione tra imprese soggette a vincoli di liquidità e imprese non soggette. Poi, si confronta la relazione tra investimenti e ussi di cassa tra i due sotto-campioni. In genere, gli investimenti delle imprese vincolate mostrano maggiore elasticità al usso di cassa. Due sono le conclusioni: Vincoli di liquidità inducono una relazione tra investimenti e usso di cassa.

23 Cerasi V./Economia nanziaria 23 Questa relazione implica che molte imprese investono meno quando il loro usso di cassa è basso. 3) Reazioni di prezzo alle emissioni di azioni (event studies) Reazioni di prezzo non-positive all annuncio di emissioni di azioni sul mercato secondario. Quanto più i titoli emessi sono tipo-azioni, quanto più negativa è la reazione di prezzo delle azioni: Emissioni di debito: e etto piccolo o nullo Debito convertibile: ' 2% Azioni: ' 3% Reazione del prezzo delle azioni positiva (negativa) all annuncio di una transazione che riduca (aumenti) il livello di capitale azionario Reazione positiva all annuncio di: scambi di debito per azioni scambi di azioni privilegiate per azioni ordinarie eliminazioni di o erte di azioni Reazioni negativa all annuncio di: scambi di azioni per debito azioni ordinarie per azioni privilegiate ) Ipotesi di gerarchia delle fonti di nanza sembra essere coerente con i fatti stilizzati.

24 Cerasi V./Economia nanziaria 24 Appunti del corso #3 La banca come intermediario nanziario Cosa faremo: Azzardo morale tra imprenditori e investitori molto severo: può essere risolto solo con monitoring Intermediari nanziari come ottimi delegati a monitorare Ruolo della diversi cazione Costo del capitale azionario (esterno) Idee principali: C è con itto di interesse tra: chi prende le decisioni operative (imprenditore, manager) chi nanzia l impresa (investitori) Finanza esterna comporta dei costi: monitoring Delega del monitoring: Chi fa monitoring deve essere incentivato Strumenti per incentivare monitoring: diversi cazione e debito

25 Cerasi V./Economia nanziaria 25 INTERMEDIARI FINANZIARI: DIVERSIFICAZIONE E DEBITO (DIAMOND - RES-1984) Tre date (t = 0; 1; 2), tasso di rendimento lordo alternativo certo y: Un imprenditore ha un progetto: In t = 0: nanziamento ha bisogno di I = 1: imprenditore non ha fondi propri per l investimento (A = 0) mercati dei capitali concorrenziali: tanti investitori, ciascuno con " (molto inferiore a 1) In t = 1: azzardo morale l imprenditore è cruciale al progetto egli può scegliere tra due progetti fh; Lg (un progetto migliore H e uno peggiore L) se però sceglie il progetto L godrà di un bene cio privato (non contrattabile) B In t = 2: il progetto rende X 2 f0; X + g con X + > y: la probabilità di successo del progetto è Pr [X = X + ] = p: Il progetto migliore H ha una maggiore probabilità di successo, ovvero p H > p L con p = p H p L : Ipotesi: Il surplus del progetto migliore è positivo, mentre quello del progetto peggiore è negativo: p H X + y > 0 p L X + + B y < 0

26 Cerasi V./Economia nanziaria 26 da cui scegliere il progetto migliore è e ciente: Osservazioni: px + > B Si assume neutralità al rischio da parte di tutti gli agenti. La scelta del progetto non è osservabile, mentre tutti osservano il reddito del progetto. Nessun imprenditore ha fondi propri, quindi deve chiedere nanziamento esterno. Responsabilità limitata degli individui: possono promettere di restituire R + se e solo se il progetto rende X + : Ipotesi (A1): Il con itto di interesse tra imprenditori e investitori è talmente severo che non può essere risolto con un contratto nanziario: p H X + ph y B < 0 p In altre parole, anche se l investitore si aspetta che l imprenditore sceglie il progetto migliore (p H R + = y), il vincolo degli incentivi dell imprenditore, ovvero p(x + R + ) > B (IC) non sarà soddisfatto e quindi l imprenditore non sceglierà il progetto migliore. Per ogni R + 2 y p H ; y p L il vincolo (IC) dell imprenditore non è mai soddisfatto. E quindi solo il monitoring può indurre l imprenditore a scegliere il progetto migliore. Tecnologia di monitoring: E possibile esercitare uno sforzo E ad un costo privato (non contrattabile) ce in modo da aumentare la probabilità di successo di ciascun progetto, cioè p = p L + Ep: Ipotesi (A2): Il monitoring è e ciente: px + > c

27 Cerasi V./Economia nanziaria 27 Credito diretto non è possibile. Poichè ciascun investitore ha solo una frazione " del nanziamento necessario, occorrono 1=" investitori per un progetto. A nchè l imprenditore intraprenda il progetto migliore occorre fare del monitoring costoso (N.B. lo sforzo del monitoring non è osservabile). Free riding disincentiva il monitoring. 1 Quanto meno capitale hanno gli investitori, tanto meno il credito diretto è possibile. Credito intermediato è soluzione al nanziamento di progetti per piccoli investitori. 1 Il reddito atteso di ciascun investitore è : "px + ce i dove e i è lo sforzo di monitoring di ciascun investitore, p = p L + Ep è la probabilità di successo del progetto. Si noti che la probabilità di successo dipende dal monitoring totale E di tutti gli n = 1 " nq investitori. Assumiamo che E = 1 (1 e i ) sia il modo in cui lo sforzo di ciascuno si traduce nel i=1 monitoring complessivo (il monitoring ha la caratteristica di bene pubblico non contrattabile). Lo sforzo di ciascuno è dunque: "px + (1 e i ) n 1 c < 0 se " è piccolo.

28 Cerasi V./Economia nanziaria 28 Intermediario con capitale proprio Supponiamo che vi sia un investitore che abbia capitale su ciente a nanziare un progetto (" = 1): I suoi pro tti (assumendo per semplicità che l imprenditore ceda tutto il suo reddito alla banca, ovvero che R + = X + ) sono: = px + y ce con p = p L +Ep: (N.B. Supponiamo per semplicità che l imprenditore venga espropriato di tutto il reddito del progetto, ovvero che R + = X + : Poichè qua l impreditore non deve essere incentivato, dato che c è il monitoring, questa ipotesi non cambia il risultato.) Quanto monitoring farà l investitore? (IC F B ) px + c > 0 (1) Egli sceglierà di monitorare con la massima intensità E = 1:

Accesso Limitato al Credito e la Politica Monetaria: il Modello di Stiglitz e Weiss

Accesso Limitato al Credito e la Politica Monetaria: il Modello di Stiglitz e Weiss Accesso Limitato al Credito e la Politica Monetaria: il Modello di Stiglitz e Weiss Dr. Giuseppe Rose (Ph.D., M.Phil, M.Sc., London) Università degli Studi della Calabria Macroeconomia Applicata Prof.ssa

Dettagli

Selezione avversa, screening e segnalazione

Selezione avversa, screening e segnalazione Selezione avversa, screening e segnalazione Il modello principale agente è uno strumento fondamentale per analizzare le relazioni economiche caratterizzate da problemi di asimmetrie informative un primo

Dettagli

Esempi di domande per l esame di Economia Monetaria

Esempi di domande per l esame di Economia Monetaria Esempi di domande per l esame di Economia Monetaria. Supponete che la funzione di utilità di un agente sia u x. La remunerazione è rappresentata da un prospetto incerto, che prevede un reddito di 800 nel

Dettagli

Lezioni di Economia Monetaria 1 - V settimana

Lezioni di Economia Monetaria 1 - V settimana Lezioni di Economia Monetaria 1 - V settimana Prof. Marco A. Marini Facoltà di Economia - Università di Urbino Carlo Bo A.A. 006-007 1 La struttura del capitale dell impresa, i costi di agenzia e l informazione

Dettagli

Massimo A. De Francesco Dipartimento di Economia politica e statistica, Università di 1 Siena Introduzione

Massimo A. De Francesco Dipartimento di Economia politica e statistica, Università di 1 Siena Introduzione Valore dell impresa e decisioni di investimento. Irrilevanza della struttura patrimoniale in condizioni di certezza (prima versione, aprile 2013; versione aggiornata, aprile 2014) Massimo A. De Francesco

Dettagli

Contenuti. Fatti stilizzati microeconomici. L evidenza empirica è in contrasto con le previsioni del teorema Modigliani Miller.

Contenuti. Fatti stilizzati microeconomici. L evidenza empirica è in contrasto con le previsioni del teorema Modigliani Miller. Contenuti L evidenza empirica è in contrasto con le previsioni del teorema Modigliani Miller. ECONOMIA MONETARIA E FINANZIARIA (7) Esistono quindi delle imperfezioni dei mercati. Le imperfezioni dei mercati

Dettagli

DOMANDE di RIEPILOGO

DOMANDE di RIEPILOGO DOMANDE di RIEPILOGO UNITA A - ANALISI ECONOMICA DELL IMPRESA Lez 3 Aspetti organizzativi dell impresa Natura e forme istituzionali Quali sono le caratteristiche dell impresa come istituzione gerarchica

Dettagli

L effetto delle asimmetrie informative sul mercato del credito 1

L effetto delle asimmetrie informative sul mercato del credito 1 L effetto delle asimmetrie informative sul mercato del credito 1 Fausto Panunzi 2 Settembre 2009 Perché il mercato del credito è diverso da altri mercati? La crisi finanziaria emersa nell autunno 2008

Dettagli

Sandro Brusco (Stony Brook) Fausto Panunzi (Bocconi) INFORMAZIONE ASIMMETRICA

Sandro Brusco (Stony Brook) Fausto Panunzi (Bocconi) INFORMAZIONE ASIMMETRICA Sandro Brusco (Stony Brook) Fausto Panunzi (Bocconi) INFORMAZIONE ASIMMETRICA Introduzione - 1 Una delle idee più importanti della teoria economica è che i mercati sotto alcune condizioni- allocano i beni

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 2

Economia monetaria e creditizia. Slide 2 Economia monetaria e creditizia Slide 2 Le attività e i mercati finanziari Oltre alla moneta, un altra istituzione consente di ridurre i costi di transazione negli scambi: i mercati Si tratta dei contesti

Dettagli

Il concetto di rischio

Il concetto di rischio Il concetto di rischio Il rischio si presenta in forma simmetrica: vi è la possibilità di ottenere un risultato inferiore a quello più probabile ma anche di ottenere un risultato superiore. Si può guardare

Dettagli

UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario

UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario Inquadramento generale In questa unità didattica analizzeremo come i risparmi delle famiglie affluiscono alle imprese per trasformarsi in investimenti.

Dettagli

Corso di Economia del lavoro Specialistica Scienze Economiche Giovanni Sulis (gsulis@unica.it) Istruzione

Corso di Economia del lavoro Specialistica Scienze Economiche Giovanni Sulis (gsulis@unica.it) Istruzione Introduzione Corso di Economia del lavoro Specialistica Scienze Economiche Giovanni Sulis (gsulis@unica.it) Istruzione Evidenza empirica su partecipaz. scolastica. Teoria dell investimento in capitale

Dettagli

L azzardo morale e il modello principale-agente

L azzardo morale e il modello principale-agente L azzardo morale e il modello principale-agente L azzardo morale e il problema principale agente Il modello principale agente è uno strumento fondamentale per analizzare le relazioni economiche caratterizzate

Dettagli

di informazione asimmetrica:

di informazione asimmetrica: Informazione asimmetrica In tutti i modelli che abbiamo considerato finora abbiamo assunto (implicitamente) che tutti gli agenti condividessero la stessa informazione (completa o incompleta) a proposito

Dettagli

Lezione 7. L intermediazione monetaria e creditizia

Lezione 7. L intermediazione monetaria e creditizia Lezione 7. L intermediazione monetaria e creditizia Il ruolo delle banche nel sistema finanziario Nella realtà i mercati non sono perfettamente concorrenziali e non vale il teorema di Modigliani-Miller.

Dettagli

ESERCITAZIONE 1. 15 novembre 2012

ESERCITAZIONE 1. 15 novembre 2012 ESERCITAZIONE 1 Economia dell Informazione e dei Mercati Finanziari C.d.L. in Economia degli Intermediari e dei Mercati Finanziari (8 C.F.U.) C.d.L. in Statistica per le decisioni finanziarie ed attuariali

Dettagli

= 8.000 + 2.000 = 5.000.

= 8.000 + 2.000 = 5.000. Esercizio 1 Consideriamo il mercato delle barche usate e supponiamo che esse possano essere di due tipi, di buona qualità e di cattiva qualità. Il valore di una barca di buona qualità è q = 8000, mentre

Dettagli

2. Ci sono due soggetti, 1 e 2. Ciascun soggetto i (i = 1; 2) ha la funzione

2. Ci sono due soggetti, 1 e 2. Ciascun soggetto i (i = 1; 2) ha la funzione CONDIVISIONE DEI RISCHI 1. Ci sono due soggetti, 1 e 2. Ciascun soggetto i (i = 1; 2) ha la funzione di utilità Von Neumann-Morgenstern (VNM) 500Wi 5W U(W i ) = i 2 per W i 50 12500 per W i 50 : (1) La

Dettagli

Lezioni di Economia Monetaria 1 - III settimana

Lezioni di Economia Monetaria 1 - III settimana Lezioni di Economia Monetaria 1 - III settimana Prof. Marco A. Marini Facoltà di Economia - Università di Urbino Carlo Bo A.A. 2006-2007 1 Banche e intermediari nanziari 1.1 Gli intermediari nanziari Alcune

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Una relazione fondamentale per la crescita economica è quella tra risparmio e investimenti. In un economia di mercato occorre individuare meccanismi capaci

Dettagli

Il mercato assicurativo: selezione avversa, fallimenti del mercato, menù di contratti, assicurazione obbligatoria

Il mercato assicurativo: selezione avversa, fallimenti del mercato, menù di contratti, assicurazione obbligatoria Il mercato assicurativo: selezione avversa, fallimenti del mercato, menù di contratti, assicurazione obbligatoria Esercizio 1 Ci sono 2000 individui ciascuno con funzione di utilità Von Neumann-Morgestern

Dettagli

Capitolo 17. I mercati con informazione asimmetrica

Capitolo 17. I mercati con informazione asimmetrica Capitolo 17 I mercati con informazione asimmetrica Introduzione L incertezza sulla qualità e il mercato dei bidoni I segnali di mercato Il rischio morale Il problema agente-principale L informazione asimmetrica

Dettagli

5.7. Assicurazione e equilibri di separazione.

5.7. Assicurazione e equilibri di separazione. ELORTO DL PR ON LINE DI ECONOMI DEI CONTRTTI 5.7. ssicurazione e equilibri di separazione. In questo paragrafo esaminiamo l attività di screening di una compagnia assicurativa (per definizione neutrale

Dettagli

Scelte in condizioni di rischio e incertezza

Scelte in condizioni di rischio e incertezza CAPITOLO 5 Scelte in condizioni di rischio e incertezza Esercizio 5.1. Tizio ha risparmiato nel corso dell anno 500 euro; può investirli in obbligazioni che rendono, in modo certo, il 10% oppure in azioni

Dettagli

Capitolo 23. Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 23. Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 23 Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali In questa lezione Sistema finanziario e allocazione del risparmio a usi produttivi: sistema bancario obbligazioni e azioni Ruolo dei mercati

Dettagli

Appunti sul teorema di Modigliani-Miller

Appunti sul teorema di Modigliani-Miller Appunti sul teorema di odiliani-iller (di assimo A. De Francesco) In questi appunti provvisori deriviamo le due proposizioni (la Proposizione I e la Proposizione II) che sono state stabilite da odiliani

Dettagli

Lezioni di Economia Monetaria 1 - II settimana

Lezioni di Economia Monetaria 1 - II settimana Lezioni di Economia Monetaria 1 - II settimana Prof. Marco A. Marini Facoltà di Economia - Università di Urbino Carlo Bo A.A. 2006-2007 1 Adverse selection e moral hazard nelle relazioni contrattuali 1.1

Dettagli

Le garanzie possono essere di due tipi (Chan e Kanatas, 1985):

Le garanzie possono essere di due tipi (Chan e Kanatas, 1985): Sull uso delle Garanzie. Tassonomia Le garanzie possono essere di due tipi (Chan e Kanatas, 1985): a) Un mutuatario può impegnare come garanzia ( interna all impresa) un cespite che viene utilizzato nel

Dettagli

Moneta e Finanza Internazionale MERCATI FINANZIARI

Moneta e Finanza Internazionale MERCATI FINANZIARI Moneta e Finanza Internazionale MERCATI FINANZIARI Funzioni dei mercati finanziari 1. Canalizzare risorse da agenti in surplus (risparmiatori) ad agenti in deficit (imprese/prenditori) 2. Direct finance:

Dettagli

Lezione 1. Moneta, finanza e produzione

Lezione 1. Moneta, finanza e produzione Lezione 1. Moneta, finanza e produzione Attività patrimoniali: stock di ricchezza 1. beni materiali e immateriali che partecipano ai processi produttivi, correnti e futuri, e che prospettano un flusso

Dettagli

Lezioni di Economia Monetaria 1 - IV settimana

Lezioni di Economia Monetaria 1 - IV settimana Lezioni di Economia Monetaria 1 - IV settimana Prof. Marco A. Marini Facoltà di Economia - Università di Urbino Carlo Bo A.A. 2006-2007 1 Le decisioni nanziarie delle imprese 1.1 Introduzione Una delle

Dettagli

PRINCIPI DI COMPOSIZIONE DELLA STRUTTURA FINANZIARIA. Docente: Prof. Massimo Mariani

PRINCIPI DI COMPOSIZIONE DELLA STRUTTURA FINANZIARIA. Docente: Prof. Massimo Mariani PRINCIPI DI COMPOSIZIONE DELLA STRUTTURA FINANZIARIA Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO La politica finanziaria aziendale: definizione I benefici del ricorso al debito Gerarchia delle fonti di finanziamento

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 26 Il sistema finanziario Il sistema finanziario fa in modo che

Dettagli

Economia Industriale: esercizi su INNOVAZIONE E R&D

Economia Industriale: esercizi su INNOVAZIONE E R&D Università Carlo Cattaneo - LIUC Economia Industriale: esercizi su INNOVAZIONE E R&D 26 Novembre 2009 Informazioni generali Testo: Garavaglia C. (2006), Economia Industriale: Esercizi e Applicazioni, Carocci

Dettagli

FINANZA AZIENDALE Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale

FINANZA AZIENDALE Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale FINANZA AZIENDALE Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale 6 parte Prof. Giovanna Lo Nigro # 1 I titoli derivati # 2 Copyright 2003 - The McGraw-Hill Companies, srl Argomenti trattati Tipologie

Dettagli

Contratto di agenzia

Contratto di agenzia Contratto di agenzia Se l azione e non è osservabile (verificabile), il contratto di first best non è più utilizzabile. La scelta ottimale dell agente con salario fisso è esercitare sforzo nullo; La soluzione

Dettagli

Corso di Valutazione Economica dei Progetti e dei Piani. Marta Berni AA. 2006-2007

Corso di Valutazione Economica dei Progetti e dei Piani. Marta Berni AA. 2006-2007 Corso di Valutazione Economica dei Progetti e dei Piani AA. 2006-2007 Problemi del Coordinamento 3 Coordinamento Un coordinamento consiste in accordo preventivo con il quale 2 o più attori uniscono i propri

Dettagli

Capitolo Secondo L obiettivo per l azienda

Capitolo Secondo L obiettivo per l azienda Capitolo Secondo L obiettivo per l azienda 1. Massimizzare il valore dell impresa Per massimizzare il valore occorre capire quale considerare, il valore del capitale netto (stockholder wealth), che si

Dettagli

5.7. Assicurazione, selezione e equilibri di separazione.

5.7. Assicurazione, selezione e equilibri di separazione. ELBORTO SULL BSE DEL PR ON LINE 5.7 DI NICIT-SCOPP, ECONOMI DEI CONTRTTI (versione CZ del 10.12.2012) 5.7. ssicurazione, selezione e equilibri di separazione. In questo paragrafo esaminiamo l attività

Dettagli

Dividendi e valore delle azioni

Dividendi e valore delle azioni Dividendi e valore delle azioni La teoria economica sostiene che in ultima analisi il valore delle azioni dipende esclusivamente dal flusso scontato di dividendi attesi. Formalmente: V = E t=0 1 ( ) t

Dettagli

Economia pubblica. Alberto Zanardi

Economia pubblica. Alberto Zanardi Università di Bologna Scuola di Economia, Management e Statistica Corso di laurea CLEF Economia pubblica a.a. 2013-14 14 (8 crediti, 60 ore insegnamento) Le asimmetrie informative Alberto Zanardi Carenze

Dettagli

Fallimenti del mercato

Fallimenti del mercato Fallimenti del mercato Il mercato fallisce quando non è in grado di raggiungere un ottimo socialmente soddisfacente in termini di efficienza ed equità Potere di mercato Esternalità Beni pubblici Asimmetria

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

Risparmio Investimenti Sistema Finanziario

Risparmio Investimenti Sistema Finanziario 26 Risparmio Investimenti Sistema Finanziario Il Sistema Finanziario Il sistema finanziario è costituito dalle istituzioni che operano per far incontrare l offerta di denaro (risparmio) con la domanda

Dettagli

Slides per il corso di ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI

Slides per il corso di ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI Slides per il corso di ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI Nicola Meccheri (meccheri@ec.unipi.it) Facoltà di Economia Università di Pisa A.A. 2011/2012 ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI: ASPETTI INTRODUTTIVI

Dettagli

4033 Scienza delle finanze - Clefin

4033 Scienza delle finanze - Clefin 4033 Scienza delle finanze - Clefin Effetti delle imposte sugli investimenti e sulle scelte di finanziamento delle imprese Appunti sostitutivi dei paragrafi 4 (inclusi sottoparagrafi), 5, 5.1 e 5.2 del

Dettagli

NATURA E CARATTERISTICHE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI

NATURA E CARATTERISTICHE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI CHE COS È IL SISTEMA FINANZIARIO? È l insieme organizzato di mercati, intermediari e strumenti finanziari Il suo funzionamento avviene in un contesto di regole e controlli: la quarta componente strutturale

Dettagli

La condivisione del rischio e la sua ripartizione su ampia scala

La condivisione del rischio e la sua ripartizione su ampia scala La condivisione del rischio e la sua ripartizione su ampia scala Kreps: "Microeconomia per manager" 1 ARGOMENTI DI QUESTA LEZIONE Questa lezione fornisce la principale motivazione economica dell esistenza

Dettagli

Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri

Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri 1 Risparmio e investimento Risparmio è l ammontare di reddito che non viene consumato. Si origina nelle famiglie

Dettagli

Analisi di bilancio: redditività e finanza

Analisi di bilancio: redditività e finanza Analisi di bilancio: redditività e finanza Analisi di bilancio: redditività e finanza Redditività finale per i proprietari: gli effetti della finanza gli effetti delle imposte e delle rettifiche : la teoria

Dettagli

D A D M D N D B. Quantità

D A D M D N D B. Quantità 4. Informazione asimmetrica (Adattato dal capitolo 8 di di I. Lavanda e G. Rampa, Microeconomia. Scelte individuali e benessere sociale, Roma, Carocci, 2004) L informazione posseduta da compratori e venditori

Dettagli

Esercitazione relativa al cap. 10 INVESTIMENTI

Esercitazione relativa al cap. 10 INVESTIMENTI Esercitazione relativa al cap. 10 INVESTIMENTI GLI INVESTIMENTI FINANZIARI SONO ACQUISTI DI ATTIVITA FINANZIARIE EFFETTUATE NELL ASPETTATIVA DI RICEVERNE UN RENDIMENTO. I PIU IMPORTANTI SONO: - I DEPOSITI

Dettagli

Introduzione all informazione asimmetrica. Informazione imperfetta; Informazione nascosta; Selezione avversa; Azione nascosta; Azzardo morale;

Introduzione all informazione asimmetrica. Informazione imperfetta; Informazione nascosta; Selezione avversa; Azione nascosta; Azzardo morale; Introduzione all informazione asimmetrica Informazione imperfetta; Informazione nascosta; Selezione avversa; Azione nascosta; Azzardo morale; Informazione imperfetta Virtualmente ogni transazione economica

Dettagli

Mercati assicurativi, Adverse selection e Moral hazard

Mercati assicurativi, Adverse selection e Moral hazard 5/0/05 Università degli Studi di Perugia Corso di Laurea Magistrale in Scienze della Politica e dell'amministrazione COOMIA FIAZA PUBBLICA nza Caruso Lezione n. 3 I fallimenti del mercato: lo Stato può

Dettagli

Introduzione. Lo scambio di risorse nanziarie. Le funzioni del sistema nanziario

Introduzione. Lo scambio di risorse nanziarie. Le funzioni del sistema nanziario Introduzione Ma Il risparmio costituisce un'assicurazione contro eventi imprevisti. Ma assume anche un ruolo importante nello sviluppo dell'attività produttiva L'idale sarebbe che il risparmio riuscisse

Dettagli

Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie

Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie I mercati finanziari migliorano la negoziabilità dei titoli; gli intermediari emettono passività più liquide dei titoli con i quali concedono credito. Solo

Dettagli

La Massimizzazione del profitto

La Massimizzazione del profitto La Massimizzazione del profitto Studio del comportamento dell impresa, soggetto a vincoli quando si compiono scelte. Ora vedremo un modello per analizzare le scelte di quantità prodotta e come produrla.

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

a) In concorrenza perfetta il ricavo totale è dato dal prodotto tra il prezzo e la quantità venduta:

a) In concorrenza perfetta il ricavo totale è dato dal prodotto tra il prezzo e la quantità venduta: Esercizio 1 a) In concorrenza perfetta il ricavo totale è dato dal prodotto tra il prezzo e la quantità venduta: RT = P Q Da cui si ottiene che il ricavo medio e il ricavo marginale sono costanti e pari

Dettagli

Risparmio e Investimento

Risparmio e Investimento Risparmio e Investimento Risparmiando un paese ha a disposizione più risorse da utilizzare per investire in beni capitali I beni capitali a loro volta fanno aumentare la produttività La produttività incide

Dettagli

Informazione e mercati competitivi. Lezione 29. Infomazione asimmetrica. Infomazione asimmetrica. Infomazione asimmetrica.

Informazione e mercati competitivi. Lezione 29. Infomazione asimmetrica. Infomazione asimmetrica. Infomazione asimmetrica. Lezione 9 Informazione Asimmetrica Informazione e mercati competitivi Mercati perfettamente competitivi: tutti gli agenti sono pienamente informati circa i beni scambiati e sul funzionamento del mercato.

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Seconda Parte Aspetti gestionali: scelte organizzative e distributive, la gestione dei rischi, il bilancio della banca 2 Argomenti

Dettagli

MONOPOLIO. 1. Massimizzazione del Profitto

MONOPOLIO. 1. Massimizzazione del Profitto MONOPOLIO Quando nel mercato c è una sola impresa, difficilmente questa accetta il prezzo di mercato come dato. Il monopolista può infatti influire sul prezzo di mercato (price-maker) e quindi sceglie

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING Relatore : Marino Baratti Credemfactor spa Pag. 1/8 Il rapporto tra PMI e Sistema creditizio L applicazione della nuova

Dettagli

Obiettivi aziendali e compiti della finanza

Obiettivi aziendali e compiti della finanza Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Obiettivi aziendali e compiti della finanza Capitolo 1 Indice degli argomenti 1. Creazione di valore come idea guida 2. L impresa come

Dettagli

L assenza di condizioni di concorrenza perfetta

L assenza di condizioni di concorrenza perfetta Monopolio L assenza di condizioni di concorrenza perfetta è causa di fallimento del mercato per la difficoltà delle parti a trovare un accordo potenzialmente vantaggioso p Condizione di max profitto del

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

I contratti finanziari. Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

I contratti finanziari. Corso di Economia degli Intermediari Finanziari I contratti finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Definizioni I contratti finanziari-detti anche attività finanziarie e strumenti finanziari-sono beni intangibili che costituiscono

Dettagli

Lezione 8. Politica Economica Avanzata A.A 2009-10

Lezione 8. Politica Economica Avanzata A.A 2009-10 Lezione 8 Politica Economica Avanzata Alcuni approfondimenti sul concetto di complementarietà/sostituibilità Abbiamo visto che il grado di concorrenza sembra favorire la crescita della produttività dell

Dettagli

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza 23.1: Introduzione In questo capitolo studiamo la scelta ottima del consumatore in condizioni di incertezza, vale a dire in situazioni tali che il consumatore

Dettagli

Dispensa 4. June 11, 2009

Dispensa 4. June 11, 2009 Dispensa 4 June 11, 2009 1 Il mercato dei bidoni Il problema della selezione avversa è dovuto al fatto che l agente detiene informazioni private (delle quali il principale non è a conoscenza) prima della

Dettagli

La definizione di Spread e le diverse metodologie di calcolo. 17 Maggio 2012

La definizione di Spread e le diverse metodologie di calcolo. 17 Maggio 2012 La definizione di Spread e le diverse metodologie di calcolo 17 Maggio 2012 DEFINIZIONE DELL UNIVERSO INVESTIBILE UNIVERSO INVESTIBILE AZIONARIO OBBLIGAZIONARIO L acquisto di una azione o simil strumento

Dettagli

Scelte in condizione di incertezza

Scelte in condizione di incertezza Scelte in condizione di incertezza Tutti i problemi di decisione che abbiamo considerato finora erano caratterizzati dal fatto che ogni possibile scelta dei decisori portava a un esito certo. In questo

Dettagli

L ECONOMICITÀ AZIENDALE

L ECONOMICITÀ AZIENDALE L ECONOMICITÀ AZIENDALE IMPRESA tende alla sopravvivenza (autonoma) nel tempo 1 a condizione: Equilibrio economico Risorse consumo (utilizzazione) Collocamento l azienda deve conseguire in volume di ricavi

Dettagli

Esame preliminare delle decisioni di finanziamento

Esame preliminare delle decisioni di finanziamento PROGRAMMA 1) Nozioni di base di finanza aziendale - Valore: Valore attuale Valutazione delle obbligazioni e delle azioni, Valore attuale netto ed altri criteri di scelta degli investimenti Esame preliminare

Dettagli

ASIMMETRIE INFORMATIVE. (Cap. 34 di Hey) Eppure si tratta di elementi piuttosto diffusi nella realtà di tutti i giorni:

ASIMMETRIE INFORMATIVE. (Cap. 34 di Hey) Eppure si tratta di elementi piuttosto diffusi nella realtà di tutti i giorni: ASIMMETRIE INFORMATIVE (Cap. 34 di Hey) Tener conto delle asimmetrie informative consente di evidenziare alcuni importanti elementi che la teoria standard - assumendo informazione completa e simmetrica

Dettagli

ESERCITAZIONE 8: GIOCHI SEQUENZIALI, ASIMMETRIE INFORMATIVE ED ESTERNALITA

ESERCITAZIONE 8: GIOCHI SEQUENZIALI, ASIMMETRIE INFORMATIVE ED ESTERNALITA MICRECNMI CLE.. 003-004 ssistente alla didattica: Elena rgentesi ESERCITZINE 8: GICHI SEUENZILI, SIMMETRIE INFRMTIVE E ESTERNLIT Esercizio : Giochi sequenziali e minacce credibili Si consideri un mercato

Dettagli

CAPITOLO 5 L economia aperta

CAPITOLO 5 L economia aperta CPITOLO 5 L economia aperta Domande di ripasso 1. Nel testo abbiamo mostrato che è possibile riscrivere l identità contabile del reddito nazionale come: S I In questa forma l identità contabile del reddito

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it mauro.aliano@unica.it 1 La gestione della raccolta In termini generali l espressione politica della raccolta è sinonimo dell

Dettagli

CORSO DI POLITICA ECONOMICA PER L INNOVAZIONE FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA

CORSO DI POLITICA ECONOMICA PER L INNOVAZIONE FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA PROF.SSA MARIA ALESSANDRA ROSSI ALESSANDRA.ROSSI@UNISI.IT Il problema dell investimento innovativo SCHEMA DELLA LEZIONE Cosa si intende per investimento

Dettagli

LEZIONE 4. Il Capital Asset Pricing Model. Professor Tullio Fumagalli Corso di Finanza Aziendale Università degli Studi di Bergamo.

LEZIONE 4. Il Capital Asset Pricing Model. Professor Tullio Fumagalli Corso di Finanza Aziendale Università degli Studi di Bergamo. LEZIONE 4 Il Capital Asset Pricing Model 1 Generalità 1 Generalità (1) Il Capital Asset Pricing Model è un modello di equilibrio dei mercati che consente di individuare una precisa relazione tra rendimento

Dettagli

No (questo accadrebbe, all incirca, se l elasticità fosse pari a -2) 1.5.3. FALSO. Un aumento del prezzo dell 1%

No (questo accadrebbe, all incirca, se l elasticità fosse pari a -2) 1.5.3. FALSO. Un aumento del prezzo dell 1% Facoltà di Economia Test intermedio di Microeconomia A-K del 7/04/011 Turno A-C SOLUZIONI 1. Attenzione: in questo prototipo l ordine delle domande è diverso da quello di ciascuno dei vostri compiti; inoltre,

Dettagli

Dispensa n. 2 Le cause del fallimento del mercato: quale intervento pubblico?

Dispensa n. 2 Le cause del fallimento del mercato: quale intervento pubblico? Davide Natale Dispensa n. 2 Le cause del fallimento del mercato: quale intervento pubblico? 1) Perché il mercato fallisce? Il mercato fallisce prevalentemente a causa della presenza di tre fenomeni, che

Dettagli

Selezione avversa. Informazione nascosta; Possibili conseguenze: Possibili rimedi: distruzione dei mercati; razionamento;

Selezione avversa. Informazione nascosta; Possibili conseguenze: Possibili rimedi: distruzione dei mercati; razionamento; Selezione avversa Informazione nascosta; Possibili conseguenze: distruzione dei mercati; razionamento; Possibili rimedi: Screening Signaling; Costi; Equilibri (pooling and screening) Selezione avversa

Dettagli

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi Molti paesi cercano di fissare o ancorare il proprio tasso di cambio ad una valuta o ad un gruppo di valute intervenendo sul mercato dei cambi.

Dettagli

I derivati creditizi. Giuseppe Squeo

I derivati creditizi. Giuseppe Squeo I derivati creditizi Giuseppe Squeo 1 Il trasferimento del rischio di credito L attività di impiego, sia sotto forma di prestito che di acquisto obbligazioni, comporta un rischio di credito collegato sia

Dettagli

Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali

Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali 22.1: Introduzione In questo capitolo analizziamo lo scambio nel mercato dei capitali, dove si incontrano la domanda di prestito e l offerta di credito.

Dettagli

Il Capital asset pricing model è un modello di equilibrio dei mercati, individua una relazione tra rischio e rendimento, si fonda sulle seguenti

Il Capital asset pricing model è un modello di equilibrio dei mercati, individua una relazione tra rischio e rendimento, si fonda sulle seguenti Il Capital asset pricing model è un modello di equilibrio dei mercati, individua una relazione tra rischio e rendimento, si fonda sulle seguenti ipotesi: Gli investitori sono avversi al rischio; Gli investitori

Dettagli

Corso di Economia Applicata

Corso di Economia Applicata Corso di Economia Applicata a.a. 2007-08 II modulo 12 Lezione Asimmetrie informative e Adverse Selection Soluzioni per l Adverse Selection? selezione (screening ) segnalazione razionamento le soluzioni

Dettagli

Economia Pubblica Informazione incompleta e Azzardo morale

Economia Pubblica Informazione incompleta e Azzardo morale Economia Pubblica Informazione incompleta e Azzardo morale Giuseppe De Feo Università degli Studi di Pavia email: giuseppe.defeo@unipv.it Secondo Semestre 2014-15 Outline Asimmetrie Informative Giochi

Dettagli

Economia dell Informazione. Cap. 12

Economia dell Informazione. Cap. 12 Economia dell Informazione Cap. 12 Informazione completa Significa che non esistono gap informativi rispetto a nessuna delle situazioni connesse agli scambi: sui beni disponibili, sui loro prezzi, sulla

Dettagli

5 Risparmio e investimento nel lungo periodo

5 Risparmio e investimento nel lungo periodo 5 Risparmio e investimento nel lungo periodo 5.1 Il ruolo del mercato finanziario Il ruolo macroeconomico del sistema finanziario è quello di far affluire i fondi risparmiati ai soggetti che li spendono.

Dettagli

L impostazione dell analisi: 5 possibili approcci. L approccio del valore. Cos è la creazione di valore? Questo livello, nella logica del valore, è

L impostazione dell analisi: 5 possibili approcci. L approccio del valore. Cos è la creazione di valore? Questo livello, nella logica del valore, è L impostazione dell analisi: 5 possibili approcci l approccio dello schema di raccordo degli indici l approccio dei flussi di cassa l approccio dello sviluppo sostenibile l approccio del valore l approccio

Dettagli

Le obbligazioni: misure di rendimento e rischio. Economia degli Intermediari Finanziari 4 maggio 2009 A.A. 2008-2009

Le obbligazioni: misure di rendimento e rischio. Economia degli Intermediari Finanziari 4 maggio 2009 A.A. 2008-2009 Le obbligazioni: misure di rendimento e rischio Economia degli Intermediari Finanziari 4 maggio 009 A.A. 008-009 Agenda 1. Introduzione ai concetti di rendimento e rischio. Il rendimento delle obbligazioni

Dettagli

1. CAPITOLO - Ruolo e origine della moneta

1. CAPITOLO - Ruolo e origine della moneta CORSO DI ECONOMIA MONETARIA A.A.2002/2003 Prof. M. Marini 1. CAPITOLO - Ruolo e origine della moneta Domande ed esercizi 1. Quali sono le funzioni principali svolte dalla moneta? Tali funzioni sono separabili?

Dettagli

OBIETTIVI MACROECONOMICI E POLITICA MONETARIA

OBIETTIVI MACROECONOMICI E POLITICA MONETARIA capitolo 12-1 OBIETTIVI MACROECONOMICI E POLITICA MONETARIA ECONOMIA MONETARIA CARATTERISTICA ESSENZIALE: SCAMBI ATTRAVERSO LA MONETA E NON ATTRAVERSO TUTTI GLI ALTRI BENI (BARATTO). LA MONETA, INIZIALMENTE

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA FINANZA AZIENDALE. Docente: Prof. Massimo Mariani

INTRODUZIONE ALLA FINANZA AZIENDALE. Docente: Prof. Massimo Mariani INTRODUZIONE ALLA FINANZA AZIENDALE Docente: Prof. Massimo Mariani SOMMARIO La creazione del valore Che cos è la finanza aziendale Obiettivi degli stakeholders Massimizzazione del valore Massimizzazione

Dettagli