Scelte collettive ed effetti sulla politica economica

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Scelte collettive ed effetti sulla politica economica"

Transcript

1 Ministero dell economia e delle finanze Scuola superiore dell economia e delle finanze Dipartimento delle Scienze Economiche Master in FINANZA PUBBLICA 1^ Edizione Scelte collettive ed effetti sulla politica economica Paolo Balduzzi

2 La tesi: «Institutions matter!» Per convincere: aneddotica Per convincere gli scettici: un po di evidenza empirica La teoria delle scelte collettive

3 1. Le istituzioni contano!

4 1. Le istituzioni contano!

5 1. Le istituzioni contano! Preferenze individuali STATO Preferenza collettiva

6 1. Le istituzioni contano! I cittadini votano Preferenze individuali STATO Preferenza collettiva Quale imposizione fiscale? Quanta istruzione? Quali pensioni?

7 1. Le istituzioni contano! Preferenze individuali STATO Preferenza collettiva Cosa avviene qui dentro? E come avviene?

8 ma prima di tutto è un problema rilevante?

9 2. Two tales of one city

10 2. Two tales of one city

11 2. Two tales of one city Nogales, Arizona (USA): - Reddito medio annuo per famiglia: 30,000$ - Alto tasso di partecipazione scolastica - La maggior parte degli adulti ha almeno un diploma di scuola superiore - Speranza di vita elevata - Servizi disponibili: elettricità, acqua, telefono, fognature, strade,

12 2. Two tales of one city Nogales, Sonora (Messico) - Reddito medio annuo per famiglia: 10,000$ - Alto tasso di mortalità infantile; basso tasso di partecipazione scolastica - La maggior parte degli adulti non ha nemmeno un diploma di scuola superiore - Corruzione e crimine diffusi

13 2. Two tales of one city PERCHÉ? Al di qua e al di là del confine, cambiano le possibilità (e modalità) di accesso alle istituzioni economiche (mercati) e politiche (libertà di voto). Diverse istituzioni portano a diversi incentivi per gli abitanti delle due metà della stessa città e quindi a risultati molto differenti!

14 3. Evidenza empirica più robusta - Effetti economici delle LEGGI ELETTORALI - Effetti economici delle FORME DI GOVERNO

15 Effetti economici delle leggi elettorali Due casi estremi di leggi elettorali: - legge PROPORZIONALE (PR): ogni partito ha un numero di seggi in parlamento in proporzione ai voti presi nelle votazioni. Il Paese è costituito da un unico collegio elettorale; - legge MAGGIORITARIA (PL): il Paese è diviso in un numero di collegi pari al numero dei seggi; chi ottiene la maggioranza relativa dei voti all interno del collegio, lo conquista.

16 Effetti economici delle leggi elettorali Consideriamo gli effetti sulle scelte politiche in economia (livello di redistribuzione, livello di spesa pubblica, struttura delle aliquote, federalismo fiscale) di tre diversi elementi che differenziano le regole elettorali.

17 a) Ampiezza dei collegi elettorali: quanti candidati possono essere eletti in ciascun collegio elettorale. Come abbiamo visto, i due casi polari sono quelli in cui, da un lato (PL), il Paese è diviso in tanti collegi quanti sono i seggi in Parlamento e in ogni collegio viene eletto un solo candidato; dall altro (PR), c è un collegio unico in cui vengono eletti tutti i candidati che servono a riempire il Parlamento b) Formula elettorale: come i voti diventano seggi. Con PR i seggi sono distribuiti in perfetta proporzione ai voti ottenuti; con PL vince in ogni collegio chi ha la maggioranza relativa c) Modalità di voto: come i cittadini esprimono le proprie preferenze, se dando preferenza a una lista (tipico PR) o al singolo candidato (tipico PL).

18 a) Ampiezza dei collegi Le previsioni teoriche si concentrano sulla composizione e allocazione della spesa pubblica da parte del vincitore. - collegi grandi: le promesse (o realizzazioni) in termini di spesa pubblica devono cercare di soddisfare un ampio numero di persone, tipicamente diverse tra loro. La spesa pubblica preferisce beni pubblici puri o trasferimenti generici; - collegi piccoli: la competizione si concentra sui collegi più incerti, che vengono conquistati con politiche (o proposte) più mirate al territorio in questione. Se costi di più il primo approccio o il secondo è ancora materia ambigua.

19 b) Formula elettorale Se valgono le considerazioni di Duverger, una formula PR lascia la possibilità a più partiti di partecipare al Parlamento e al Governo. L esistenza di coalizioni più ampie porta a dover soddisfare istanze diverse e tipicamente è associata a un livello di spesa pubblica più elevata.

20 c) Modalità di voto Se le preferenze vengono espresse sui singoli candidati e non su liste chiuse di partiti, la previsione è che ciò aumenti la responsabilità di tali candidati, la riconoscibilità dei loro meriti e quindi la possibilità che questo non vengano rieletti se fanno male. Ciò dovrebbe spingere verso una migliore performance degli eletti. Più nello specifico, i politici eletti in una lista bloccata sono meno responsabili perché: - la probabilità della loro elezione dipende dalla posizione in lista: si è più sensibili al leader di partito (che fa le liste) che agli elettori; - la probabilità di essere eletti è un bene pubblico che porta al free riding fra appartenenti alla stessa lista.

21 Effetti economici delle forme di governo Due casi estremi di forme di governo: - regime PARLAMENTARE: il Capo del governo deve ottenere un voto di fiducia dalle Camere e non può scioglierle - regime PRESIDENZIALE: Capo del governo eletto direttamente, può sciogliere le Camere

22 Effetti economici delle forme di governo - Voto di fiducia: se il Governo ha bisogno di voto di fiducia, ci si aspetta maggiore disciplina di partito e maggioranza coesa, con la necessità di implementare politiche fiscale ad ampio raggio; senza voto di fiducia, ci si attende un maggior conflitto tra minoranze organizzate, con influenza maggiore da parte delle lobby più potenti. I regimi parlamentari sono associati spesso a governo «più ampi» (maggiore spesa pubblica e pressione fiscale)

23 Effetti economici delle forme di governo - Divisione dei poteri: nei regimi parlamentari l iniziativa (non il potere!) legislativo è spesso nelle mani del governo; nei regimi presidenziali invece i due poteri (Parlamento e Governo) si bilanciano meglio. Questo «conflitto» porta a una collusione inferiore tra politici e dunque a minore corruzione, estrazioni di rendita, pressione fiscale.

24 4. La teoria delle scelte collettive Teorema di Arrow Scelte in democrazia diretta: Il voto a maggioranza Scelte in democrazia rappresentativa: Il modello di Downs Modelli a più partiti: il contributo di Duverger Teorie di coalizioni

25 Teorema di Arrow 1. K individui devono prendere una scelta collettiva; le alternative possibili (stati sociali) sono N. 2. Ogni individuo ha preferenze razionali su questi stati sociali (completezza e transitività). 3. A partire da queste preferenze individuali, è possibile ricavare un criterio di scelta sociale, una preferenza collettiva, che soddisfi determinati requisiti di desiderabilità (assiomi)?

26 Quali caratteristiche secondo voi? Gli assiomi di Arrow: 1. Razionalità 2. Pareto efficienza 3. Dominio non ristretto; 4. Non dittatorialità; 5. Indipendenza dalla alternative irrilevanti

27 Razionalità Una relazione di preferenza collettiva è razionale (R) se soddisfa la seguente proprietà. Essa deve essere completa e transitiva, così come le preferenze individuali. La completezza garantisce che la scelta collettiva sia efficace, cioè sempre in grado di determinare quale alternativa debba essere scelta. La transitività garantisce economicità della scelta: se x è preferito a y e y è preferito a z, non serve una nuova ricerca per sapere che x è preferito a z.

28 Pareto efficienza Una relazione di preferenza collettiva è pareto efficiente (PE) se soddisfa la seguente proprietà. Data una coppia di alternative (stati sociali), genericamente x e y, se tutti gli individui preferiscono x a y, anche la relazione di preferenza collettiva deve preferire x a y. Si dice Pareto efficiente perché passando dallo stato x a quello y tutti gli individui starebbero meglio e nessuno peggio. Nota: il criterio di PE dice che la scelta compiuta dalla relazione di preferenza collettiva deve essere la migliore (non deve essere pareto dominata) tra quelle possibili, non che sia la scelta migliore in assoluto.

29 Dominio non ristretto Una relazione di preferenza collettiva soddisfa il dominio non ristretto (DNR) se soddisfa la seguente proprietà. Ogni tipo di preferenza individuale, anche la più strana (purché razionale) è ammesso. Questo criterio garantisce la libertà individuale.

30 Non dittatorialità Una relazione di preferenza collettiva è non dittatoriale (ND) se soddisfa la seguente proprietà. La relazione di preferenza collettiva non deve coincidere con le preferenze di un unico individuo per ogni possibile configurazione delle preferenze degli altri individui. Il criterio di scelta collettiva deve quindi garantire democraticità: le opinioni di tutti devono essere considerate.

31 Indipendenza dalle alternative irrilevanti Una relazione di preferenza collettiva è indipendente dalle alternative irrilevanti (IAI) se soddisfa la seguente proprietà. Il criterio di scelta collettiva, nell ordinare due alternative sociali, deve tenere conto delle preferenze individuali solo rispetto a queste alternative, senza considerare le preferenze rispetto a una terza alternativa. Anche in questo caso si vuole garantire l economicità della scelta. Inoltre si vuole limitare il ricorso alla manipolabilità strategica del meccanismo di aggregazione. In altri termini, se la scelta tra x e y dipendesse anche dalle preferenze degli individui su w, questi potrebbero trovare conveniente mentire riguardo le loro preferenze su w.

32 Assiomi e diritti: Libertà; Democraticità; Efficienza; Economicità; Non manipolazione. Esistono meccanismi di scelta collettiva che soddisfano contemporaneamente i cinque assiomi?

33 Teorema dell impossibilità di Arrow: la risposta è negativa. Quando scegliamo un meccanismo di voto, dobbiamo rinunciare ad almeno uno degli assiomi!

34 Dittatorialità e diritti inalienabili Esigere una regola di scelta collettiva non dittatoriale significa rifiutare che molte decisioni fondamentali (se entrare in guerra o no, che tipo di redistribuzione effettuare, quali politiche scolastiche, etc.) vengano sulla base di preferenze di un unica persona. Dobbiamo però ammettere che esiste una cerca di decisioni per cui è altrettanto inammissibile che sia lo Stato a decidere per noi, cioè che si sostituisca al libero arbitrio di ciascuno: in altri termini, si possono individuare sfere private entro cui ogni cittadino deve essere libero di scegliere, di imporre quindi la sua preferenza su quella della società (es.: diritti religiosi). Chiamiamo queste sfere quelle dei diritti inalienabili.

35 Un contributo di Amartya Sen (The impossibility of a Paretian Liberal, JPE, 78 (1970)) affronta il punto: assumiamo che ogni individuo abbia una sfera privata nella quale sia il solo a prendere decisioni riguardo due alternative x e y. La decisione di scelta collettiva secondo Sen dovrebbe soddisfare i seguenti tre assiomi: Dominio non ristretto (DNR): idem Pareto efficienza (PE): idem Razionalità (R): idem Liberalismo (L): ciascun individuo nella società ha diritto a imporre le proprie preferenze su (almeno) una coppia di alternative.

36 Il teorema dell impossibilità di Sen stabilisce che nessuna regola di scelta collettiva soddisfa i quattro assiomi contemporaneamente. L impossibilità dunque emerge pur ammettendo un certo grado di dittatorialità delle scelte. Non dimostriamo il teorema ma lo illustriamo con un esempio

37 Una società composta da due individui: Mr A: il puritano; Mr B: il goliardo. Tale società deve compiere una scelta riguardante la lettura di un libro scabroso: L amante di Lady Chatterley di D. H. Lawrence. Le tre alternative sono le seguenti: a) Mr A legge il libro; b) Mr B legge il libro; c) Nessuno legge il libro.

38 Le preferenze individuali sono le seguenti: Mr A: c f A af A b Mr B: a f B bf B c Un principio liberale dovrebbe ammettere che ognuno sia libero di decidere se leggere o no questo libro, quindi che la scelta tra leggere e non leggere sia presa solo dall interessato. In altri termini, Mr A ha diritto di imporre le sue preferenze tra le alternative a e c; Mr B ha diritto di imporre le sue preferenze tra b e c.

39 Ciò significa che, secondo l assioma L, la società dovrebbe ammettere: c f a; bf c : b f a Secondo l assioma PE, però, la società dovrebbe avere il seguente ordinamento di preferenze: af b I due ordinamenti sono incoerenti (impossibilità).

40 Contro i teoremi di impossibilità: rilassamento delle ipotesi e degli assiomi: Dominio ristretto; Liberalismo debole; Pareto efficienza limitata. Vediamo come si comportano alcune diffuse regole di aggregazione delle scelte.

41 a) Democrazia diretta Meccanismi di voto analizzati (voto a maggioranza): V1: Voto a maggioranza su tutte le coppie di alternative; V2: Agenda di voto

42 Problemi: in realtà pochi se le alternative sono due, ma nella maggior parte dei casi e alternative sono di più (o bisogna selezionare in qualche modo le due alternative da mettere ai voti). La votazione a maggioranza è sicuramente il meccanismo più utilizzato, e dunque appare utile capire quelli che sono i suoli limiti, più o meno evidenti. Scelte: - tipo di maggioranza (qualificata, assoluta, semplice, etc): non affrontata qui; - la procedure di voto

43 V1: Voto a maggioranza su tutte le coppie alternative Come funziona: Tutte le alternative vengono messe ai voti l una contro l altra. Per ottenere un ordinamento completo, con N alternative, sono quindi necessari N(N-1)/2 turni di voto. Pregi: Il meccanismo soddisfa: PE: se tutti gli individui preferiscono x a y, allora questo meccanismo selezionerà sicuramente x. IAI: i confronti vengono fatti di volta in volta tra due sole alternative e non è dunque possibile manipolare le proprie scelte. Problemi: Con N elevato il meccanismo è molto dispendioso.

44 E gli altri assiomi? Vediamo alcuni esempi per capire: ESEMPIO 1 prendiamo tre individui (A, B e C) e tre stati sociali (x, y e z). Le preferenze degli individui tra le coppie di alternative sono le seguenti: A: B: C: che danno luogo alla seguente preferenza sociale (come?): x z y z y x z x y f f f f f : ; ; z y x z x z y y x f f f f f : ; ; x y z y z x z x y f f f f f : ; ; x z y f f

45 L individuo B è un dittatore? B sarebbe un dittatore se le sue preferenze fossero vincenti per qualunque tipo di preferenze di A e C. In questo caso A e C hanno preferenze opposte, che si annullano e lasciano quindi a B la possibilità di vincere. Se infatti A e C avessero preferenze uguali, B sarebbe in minoranza. Quindi anche l assioma ND è soddisfatto. E in riferimento a DNR e R? analizziamo un altro esempio, in cui variano solo le preferenze di C. ESEMPIO 2. Abbiamo: A: B: C: x y x f y; yf z; xf z : f x; z f x; yf z : f y; z f x; zf y : x y z f f f y z x f f f z x y

46 Date queste preferenze individuali, la scelta collettiva non soddisfa R: perché? Non esiste una alternativa che può essere considerata migliore di tutte le altre, cioè che le batte tutte in confronti a due a due (cd Condorcet winner). La ciclicità che emerge viene detta paradosso di Condorcet o paradosso del voto: una irrazionalità che deriva dall aggregazione di preferenze razionali. Quindi o si accetta la possibilità di cicli (rinuncia a R) oppure bisogna eliminare alcuni profili di preferenze (rinuncia a DNR). Il teorema di Arrow aveva ragione. È possibile costruire meccanismi di voto che eliminano (apparentemente) la possibilità di cicli, ma non senza costo: l agenda di voto.

47 V2: Agenda di voto In questo meccanismo, si fissa un agenda, cioè un ordine, di voto in cui due alternative sono confrontate. Quella sconfitta viene eliminata e quella scelta viene messa ai voti con la seguente. Sono necessari solo N-1 turni di voto per determinare lo stato sociale vincente: la procedura sembra efficace (permette la scelta e non fa emergere cicli) anche se non completa: individua lo stato vincente ma non dice nulla sull ordinamento degli stati perdenti (a differenza di V1).

48 Problema: il paradosso del voto è eliminato solo in apparenza: il risultato finale dipende dall ordine scelto dei confronti! Problema correlato: manipolazione dell ordine e voto strategico.

49 ESEMPIO 2: Torniamo alle preferenze individuali che hanno fatto emergere il paradosso del voto con V1. A: x f y; yf z; xf z : x f y f z B: y f x; z f x; yf z : y f z f x C: x f y; z f x; zf y : z f x f y Abbiamo tre possibili agende a disposizione; partiamo con la prima votazione: l opzione vincente verrà messa ai voti con la rimanente alternativa. Chi vincerà nei tre casi? Agenda I: x vs y Agenda II: x vs z Agenda III: y vs z

50 Vincono: Agenda I: x contro y: vince x; x contro z: vince z. Agenda II: x contro z: vince z; z contro y: vince y. Agenda III:z contro y: vince y; y contro x: vince x. Ciascuna agenda porta a un risultato diverso! Come sceglierà l agenda? Se a sorte, allora il risultato è arbitrario e casuale (tanto vale scegliere a sorte direttamente l alternativa vincente); se viene nominato un agenda setter sceglierà l ordine a lui più favorevole. V1 e V2 hanno quindi lo stesso problema dell indecisività in alcuni casi. Inoltre sono soggette al problema del voto strategico.

51 Il voto strategico Finora abbiamo ipotizzato (tacitamente) che gli individui votassero sinceramente, cioè che scegliessero l alternativa preferita. Quando le alternative sono solo due, non c è nessun problema. Quando le alternative sono di più, però, gli elettori potrebbero avere incentivo a mentire. Per capire perché e vedere come, torniamo all esempio precedente.

52 ESEMPIO 2: Torniamo alle preferenze individuali che hanno fatto emergere il paradosso del voto con V1 e V2 e ipotizziamo che sia scelta l Agenda 1: x contro y e vincente contro z. A: x f y; yf z; xf z : x f y f z B: y f x; z f x; yf z : y f z f x C: x f y; z f x; zf y : z f x f y Osservate le preferenze dell individuo A: se A è convinto che B e C votino sinceramente, non ha forse un incentivo a mentire? E questo non dipende dal fatto che tale esempio implichi il paradosso del voto (provare anche con ESEMPIO 1). Se tutti gli individui votano strategicamente (strategic voting) e non sinceramente (sincere o naive voting) allora quello che si ottiene è un esito elettorale come Equilibrio di Nash.

53 Torniamo al paradosso del voto e cerchiamo di capire: 1. da che cosa dipende? 2. è possibile eliminarlo limitando il dominio delle preferenze individuali?

54 Il Teorema dell elettore mediano Consideriamo due esempi con tre individui (nessun problema di generalità) A, B e C e quattro alternative: x, y, z, w.

55 ESEMPIO 4 wx wy wz xy xz yz Preferenze di A P P P P P P Preferenze di B P np np np np P Preferenze di C np np np P P P Scelta collettiva (V1) P np np P P P w x y z Migliore A Medio - alta B Medio - bassa C Peggiore

56 Dalle votazioni 6, 3 e 1 otteniamo: y P z z P w w P x e per la transitività dovrebbe essere: y P x. Tuttavia, dalla votazione 4 otteniamo: x P y Nonostante valgano le condizioni di Sen (es.: tutti concordano che y non è l alternativa peggiore), emerge un ciclo.

57 ESEMPIO 5 wx wy wz xy xz yz Preferenze di A P P P P P P Preferenze di B np np P np P P Preferenze di C np np np P P P Scelta collettiva (V1) np np P P P P w x y z Migliore A Medio - alta B Medio - bassa C Peggiore

58 In ESEMPIO 5 variano solo le preferenze di B. il meccanismo V1 soddisfa ora la transitività. Infatti dalle votazioni 4, 2 e 3 emerge che: x P w P y P z che non è contraddetto dalle altre votazioni (1, 5 e 6). Cosa distingue i due esempi?

59 Guardano i grafici è evidente. In ESEMPIO 5 le preferenze hanno tutte un solo picco. In gergo tecnico, queste preferenze sono dette a picco singolo o unimodali o single peaked e significano che, man mano l individua si allontana dall alternativa preferita, passa ad alternative che sono sempre più in basso nelle proprie preferenze.

60 Restringere il campo a preferenze unimodali significa rinunciare all assioma di DNR: stiamo cioè costringendo la nostra analisi ai soli casi in cui le preferenze dei soggetti abbiano un solo picco. Questo limite però permette di stabilire il seguente risultato, utile sotto due punti di vista.

61 Il Teorema dell elettore mediano Definiamo l elettore mediano come l individuo il cui picco nelle preferenze è compreso tra i picchi degli altri due. Se le preferenze dei votanti sono unimodali, allora la relazione di preferenza collettiva che emerge a voto di maggioranza V1 è transitiva. Inoltre, l alternativa che batte tutte le altre nel voto di maggioranza V1 è quella preferita dall elettore mediano.

62 Commenti: Il TEM (o MVT) si applica per ogni N > 2 e quindi è generale; Si applica per variabili discrete e anche continue; Si applica solo nel caso di stati sociali uni-dimensionali; Le condizioni del TEM sono sufficienti e non necessarie;

63 Intuizione: l elettore mediano divide il corpo elettorale in due: coloro che preferiscono meno di lui e coloro che preferiscono di più (es.: livello di spesa pubblica). Ciò significa che il livello preferito da tale elettore (il suo picco) è l unico in grado di battere, in un voto a maggioranza, tutti gli altri livelli preferiti; Rilevanza pratica: dipende dalle preferenze (quando le curve di indifferenza sono convesse preferenze regolari allora le preferenze sono sempre unimodali).

64 Ricapitolando Il Teorema dell impossibilità di Arrow prevede che nessuna regola di aggregazione delle preferenze sia in grado di soddisfare contemporaneamente gli assiomi PE, DNR, ND, IAI e R. In particolare, abbiamo visto che: V1 e V2 soddisfano PE, ND e IAI. Esiste però in entrambi il rischio di voto strategico, cioè di mentire a un certo punto delle votazioni per influenzare il voto finale. Se richiediamo DNR, bisogna rinunciare a R. Senza restrizioni sui tipi di preferenze che gli individui possono avere, può emergere il paradosso del voto, una ciclicità che implica assenza di R. Se invece vogliamo R, dobbiamo rinunciare a DNR: sia il Teorema di Sen che quello dell elettore mediano impongono tali restrizioni alle preferenze, che sono sufficienti a garantire transitività. Da notare che, in termini etici, rinunciare al DNR significa limitare le libertà individuali. Infine, potremmo rinunciare a un altro assioma pur di garantire contemporaneamente R e DNR. È il caso della prossima procedura di voto, in cui rinunciamo a IAI.

65 b) Democrazia rappresentativa Nella maggior parte dei sistemi democratici moderni, le decisioni non vengono prese direttamente dagli elettori ma vengono delegate a organismi preposti a farlo (es.: i Congressi o Parlamenti). Le regole di democrazia diretta valgono dunque più come regolo di voto all interno di questi stessi organismi.

66 Democrazia rappresentativa: a cosa serve una legge elettorale? Una legge elettorale dovrebbe servire ai seguenti quattro finalità. Essendo finalità molto diverse tra loro, può darsi che leggi elettorali che soddisfano un requisito riescano meno a soddisfarne altri: - rappresentazione delle preferenze: una democrazia rappresentativa ha senso se, a fronte del guadagno pratico che si ha da consultazioni più snelle, porta a risultati non troppo distanti da quelli che si otterrebbero in democrazia diretta; - governabilità: una democrazia rappresentativa deve essere efficace;

67 Democrazia rappresentativa: a cosa serve una legge elettorale? - selezione della classe politica: una democrazia rappresentativa, quando esistano tipi di politici più o meno capaci, dovrebbe poter selezionare i tipi migliori; - disciplina della classe politica: una democrazia rappresentativa dovrebbe contenere meccanismi che obblighino gli eletti a mantenere le promesse fatte, cioè a soddisfare le esigenze del corpo elettorale e, nel caso opposto, a punire i politici bugiardi.

68 Il modello di competizione elettorale di Downs Richiamo del modello di competizione spaziale di Hotelling; Ipotesi: - 2 candidati (o 2 partiti): D e S; - obiettivo: vincere le elezioni a qualunque costo; - regola di commitment: la promessa sarà mantenuta - competizione su una sola variabile, ad esempio il livello di spesa pubblica G: le proposte sono G D e G S e vengono annunciate contemporaneamente; - ogni cittadino ha preferenze single peaked su G: G i - vince chi ottiene più voti (a sorte in caso di parità);

69 Il modello di competizione elettorale spaziale di Downs Cosa fanno gli elettori? Votano la proposta più vicina al proprio G i. Cosa fanno i partiti? Chiamiamo G m la politica preferita dall elettore mediano. Il partito D sa che la sua probabilità di vittoria P D è la seguente: P D = 0KG 1 2KG 1K G S D D < < = G G G S D S < G < G G m m m

70 Lo stesso ragionamento vale per livelli di spesa proposti maggiori di G m. Quindi: Un partito che proponga il livello di spesa G più distante da G m rispetto al concorrente, perde sicuramente. Se le proposte sono uguali, la probabilità di vittoria è al 50%; Se la proposta è più vicina a G m allora vincerà

71 Teorema di Downs Se le preferenze di tutti i votanti sono unimodali, esiste un unico equilibrio (di Nash) del gioco a competizione elettorale fra i candidati D e S, nel quale entrambi annunciano la politica preferita dall elettore mediano: G* D = G* S = G m. il centro vince sempre?? dipende!

72 Limite della visione di Downs Secondo Downs i partiti fanno proposte politiche per cercare di vincere le elezioni invece che cercare di vincere le elezioni per poter poi effettuare le loro politiche preferite. Se questo fosse vero, allora non dovremmo osservare, come è evidente in Europa, la presenza di partiti ideologicamente riconoscibili (e lontani dalla mediana). Inoltre

73 Multiparty systems pur avendo trovato vastissime applicazioni, il modello ha i seguenti limiti aggiuntivi: - spazio politico unidimensionale: si compete solo su un elemento (es.: livello di spesa pubblica); - presenza di due soli partiti. Noi ci concentreremo solo sul secondo punto

74 Leggi elettorali: introduzione e rimando Due casi estremi: - legge proporzionale: ogni partito ha un numero di seggi in parlamento in proporzione ai voti presi nelle votazioni. Il Paese è costituito da un unico collegio (district) elettorale (solo Israele e Olanda); - legge maggioritaria (plurality rule): il Paese è diviso in un numero di districts pari al numero dei seggi; chi ottiene la maggioranza relativa dei voti all interno del collegio, lo conquista (UK).

75 Leggi elettorali e numero di partiti Sotto plurality rule, i partiti più piccoli e che hanno voti dispersi in tutto il territorio non vincono seggi e, alla lunga, possiamo aspettarci che scompaiano. Nel lungo periodo, quindi, i sistemi plurality dovrebbero portare a due soli partiti. Legge di Duverger (1954) Ipotesi: voto strategico

76 Legge di Duverger Ogni elettore conosce la probabilità di vittoria di ogni partito sulla base, per esempio, dei risultati alle elezioni precedenti. Ipotizziamo tre partiti (A, B, C) con le seguenti probabilità di vincere: Π A >Π A meno che le probabilità di vincere di B e C siano molto simili, l unico modo che un elettore di C ha di influenzare l esito della votazione è di votare A o B, a seconda delle sue seconde preferenze. L elettore strategico vota per uno dei partiti maggiori con plurality rule. B > Π C

77 Ipotesi di Duverger Se all interno di ogni distretto viene eletto più di un candidato (allontanamento da plurality verso proportional rule), allora un numero sempre più elevato di partiti potrà competere. Ipotizziamo quattro partiti (A, B, C, D) con le seguenti probabilità di vincere: Π A >Π B >Π C > Π D Se i candidati eletti sono due e le differenze tra le probabilità sono sensibili, i voti sprecati saranno quelli dati sia a D che ad A. Infatti A vincerà sicuramente un candidato, quindi la competizione si fa solo sul secondo. Gli elettori di D dovrebbero votare o C o B.

78 La nascita di coalizioni Supponiamo un Stato con sistema proporzionale e partiti posizionati su una linea sinistra-destra dello spazio politico unidimensionale. Supponiamo inoltre che, poiché il sistema è proporzionale, ogni elettore voti sinceramente. La distribuzione dei seggi ottenuti (totale: 100) è la seguente A B C D E F G Per governare è necessario ottenere la maggioranza di 51 voti. I partiti cercheranno quindi di coalizzarsi expost per ottenere la maggioranza.

79 La nascita di coalizioni La teoria delle coalizioni prevede, tra le altre, le seguenti possibilità: 1. Una coalizione è un insieme di partiti che controlla almeno 51 voti. Ci sono ben 61 possibili coalizioni di questo tipo (vale evidentemente la supercoalizione che comprende tutti i partiti); come prevedere quale delle 61 si formerà? 2. Un criterio proposto da Von Neumann e Morgenstern (1953) è quello della minimal winning coalition, cioè quello di una coalizione in cui la rimozione di un singolo membro porta dalla maggioranza alla minoranza. L idea è che aggiungere membri a queste coalizioni minime porterebbe la scelta politica più lontana da quella che la minimal potrebbe garantire. Ci sono 11 possibilità: BE, ABF, ACE, ADE, AEF, AEG, ABCD, ACG, ABDG, CDEF, DEFG);

80 La nascita di coalizioni 3. Riker (1962) propose che tra le minimal winning coalition è più facile che si formino le più piccole tra queste. Propose quindi il concetto di minimum winning coalition, che in questo caso è CDEF. L idea è che la minimum winning coalition e minore è la divisione tra le varie posizioni governative. 4. Poiché la contrattazione richiede tempo, è però più semplice che si formino coalizioni tra il minor numero possibile di partiti invece che di voti (Lieserson, 1966): nel nostro caso, la coalizione vincente sarebbe BE. Cosa hanno in comune queste teorie? Le posizioni dei partiti sono ignorate, si considerano solo il numero di voti che questi controllano.

81 La nascita di coalizioni Altre teorie richiedono invece continuità nelle posizioni politiche. 5. Axelrod (1970) propose il concetto di minimal connected winning coalition (4 possibilità: ABCD, BCDE, CDEF, DEFG). Da notare che in questo caso la presenza di alcuni partiti in una coalizione è necessaria non più a garintire voti bensì a garantire continuità (es.: D in CDEF) 6. Infine, de Swaan (1973) propose di considerare come più semplici coalizioni continue ma con posizioni più vicine tra loro (vedi figura): le closed minimal range winning coalitions. In questo caso, CDEF.

Corso di Politica Economica Teoria delle votazioni

Corso di Politica Economica Teoria delle votazioni Corso di Politica Economica Teoria delle votazioni Prof. Paolo Buonanno Università degli Studi di Bergamo Funzione di Benessere Sociale Problema della scelta di un punto socialmente ottimale lungo la frontiera

Dettagli

Corso di Politica Economica

Corso di Politica Economica Corso di Politica Economica Teoria delle Votazioni David Bartolini Università Politecnica delle Marche (Sede di S.Benedetto del Tronto) d.bartolini@univpm.it (email) http://utenti.dea.univpm.it/politica

Dettagli

Economia pubblica. Alberto Zanardi

Economia pubblica. Alberto Zanardi Università di Bologna Scuola di Economia, Management e Statistica Corso di laurea CLEF Economia pubblica a.a. 2013-14 14 (8 crediti, 60 ore insegnamento) La funzione del benessere sociale Alberto Zanardi

Dettagli

Corso di Politica Economica

Corso di Politica Economica Corso di Politica Economica Teoria delle scelte sociali David Bartolini Università Politecnica delle Marche (Sede di S.Benedetto del Tronto) d.bartolini@univpm.it (email) http://utenti.dea.univpm.it/politica

Dettagli

Una breve introduzione alla Teoria dei Giochi

Una breve introduzione alla Teoria dei Giochi Una breve introduzione alla Teoria Stefano GAGLIARDO Dipartimento di Matematica - Università degli studi di Genova Stage DIMA - 19/04/2011 (DIMA, UNIGE) 19/04/2011 1 / 74 Outline 1 Un po di storia 2 La

Dettagli

1. Possiamo stabilire oggettivamente quale è il sistema elettorale migliore? Risposta: no

1. Possiamo stabilire oggettivamente quale è il sistema elettorale migliore? Risposta: no 1 Schema della lezione 1. Possiamo stabilire oggettivamente quale è il sistema elettorale migliore? Risposta: no 2. Possiamo dire qualcosa su quale è il sistema elettorale migliore? Risposta: si 3. Dato

Dettagli

Teoria dei Giochi. Anna Torre

Teoria dei Giochi. Anna Torre Teoria dei Giochi Anna Torre Almo Collegio Borromeo 26 marzo 2015 email: anna.torre@unipv.it sito web del corso:www-dimat.unipv.it/atorre/borromeo2015.html COOPERAZIONE Esempio: strategie correlate e problema

Dettagli

Le schede di Sapere anche poco è già cambiare

Le schede di Sapere anche poco è già cambiare Le schede di Sapere anche poco è già cambiare LE LISTE CIVETTA Premessa lo spirito della riforma elettorale del 1993 Con le leggi 276/1993 e 277/1993 si sono modificate in modo significativo le normative

Dettagli

1 Il criterio Paretiano e la "Nuova economia del Benessere"

1 Il criterio Paretiano e la Nuova economia del Benessere 1 Il criterio Paretiano e la "Nuova economia del Benessere" 1.1 L aggregazione di preferenze ordinali inconfrontabili e il criterio di Pareto L aggregazione delle preferenze individuali è problematica

Dettagli

Teoria dei Giochi non Cooperativi

Teoria dei Giochi non Cooperativi Politecnico di Milano Descrizione del gioco Egoismo Razionalità 1 L insieme dei giocatori 2 La situazione iniziale 3 Le sue possibili evoluzioni 4 I suoi esiti finali I Giochi della teoria Perché studiare

Dettagli

TEORIA DELLE DECISIONI. DOCENTE: JULIA MORTERA mortera@uniroma3.it

TEORIA DELLE DECISIONI. DOCENTE: JULIA MORTERA mortera@uniroma3.it TEORIA DELLE DECISIONI DOCENTE: JULIA MORTERA mortera@uniroma3.it 1 Decisioni in Condizioni di Incertezza Sia singoli individui che gruppi di individui (società, governi, aziende, sindacati ecc. si trovano

Dettagli

Politica Economica Avanazata. Lezione 17

Politica Economica Avanazata. Lezione 17 Politica Economica Avanazata Lezione 17 Alcune estensioni al modello di BG (Spector, European Economic Review, 48, 2004, 25-38 Due ipotesi importanti del modello di BG: 1. La funzione di produzione Y=N

Dettagli

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni 25.1: Introduzione In questo capitolo la teoria economica discussa nei capitoli 23 e 24 viene applicata all analisi dello scambio del rischio nel

Dettagli

La democrazia può fare la differenza?

La democrazia può fare la differenza? La democrazia può fare la differenza? Giovanni Carbone, Università degli Studi di Milano da: Clark Golder Golder, Principi di scienza politica, McGrawHill, 2011 Democrazia e crescita economica I regimi

Dettagli

Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali

Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali 22.1: Introduzione In questo capitolo analizziamo lo scambio nel mercato dei capitali, dove si incontrano la domanda di prestito e l offerta di credito.

Dettagli

Scelte in condizioni di rischio e incertezza

Scelte in condizioni di rischio e incertezza CAPITOLO 5 Scelte in condizioni di rischio e incertezza Esercizio 5.1. Tizio ha risparmiato nel corso dell anno 500 euro; può investirli in obbligazioni che rendono, in modo certo, il 10% oppure in azioni

Dettagli

CAPITOLO 18 L investimento

CAPITOLO 18 L investimento CAPITOLO 18 L investimento Domande di ripasso 1. Nel modello neoclassico dell investimento, le imprese traggono vantaggio dall aumentare la propria dotazione di capitale se la rendita reale del capitale

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

I mercati assicurativi

I mercati assicurativi I mercati NB: Questi lucidi presentano solo parzialmente gli argomenti trattati ttati in classe. In particolare non contengono i modelli economici per i quali si rinvia direttamente al libro di testo e

Dettagli

Crisi dell eurocentrismo e futuro dell umanesimo europeo: una prospettiva «economica» Michele Grillo Dipartimento di Economia e Finanza

Crisi dell eurocentrismo e futuro dell umanesimo europeo: una prospettiva «economica» Michele Grillo Dipartimento di Economia e Finanza Crisi dell eurocentrismo e futuro dell umanesimo europeo: una prospettiva «economica» Michele Grillo Dipartimento di Economia e Finanza 1 Una premessa Sono consapevole di accingermi a uno sforzo temerario:

Dettagli

Proprietà contratti e potere

Proprietà contratti e potere Proprietà contratti e potere Le istituzioni formali e informali Definiscono le regole dello scambio Possono risolvere i problemi di free riding Hanno effetti redistributivi 1) Definiscono e difendono i

Dettagli

Oligopolio. G. Degli Antoni 26/2/2014 (Economia Applicata/Industriale)

Oligopolio. G. Degli Antoni 26/2/2014 (Economia Applicata/Industriale) Oligopolio G. Degli Antoni 26/2/2014 (Economia Applicata/Industriale) Oligopolio In Oligopolio le imprese possono produrre beni sostanzialmente omogenei, oppure differenziati (automobili, bibite, giornali)

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato LAURICELLA. Disposizioni in materia di elezione della Camera dei deputati

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato LAURICELLA. Disposizioni in materia di elezione della Camera dei deputati Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI N. 3385 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato LAURICELLA Disposizioni in materia

Dettagli

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

Lezione 25 (BAG cap. 23)

Lezione 25 (BAG cap. 23) Lezione 25 (BAG cap. 23) Il ruolo della politica economica Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Quale dovrebbe essere il ruolo della politica economica? Un giusto mix di politica

Dettagli

Discuteremo di. Domanda individuale e domanda di mercato. Scelta razionale

Discuteremo di. Domanda individuale e domanda di mercato. Scelta razionale Discuteremo di. La determinazione dell insieme delle alternative all interno del quale sceglie il consumatore La descrizione e la rappresentazione delle sue preferenze Come si determina la scelta ottima

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 6-7 Il capitale umano - La teoria dei segnali 1 Hip. base del modello di istruzione (teoria del capitale umano): istruzione => ( produttività del lavoratore) => w. Ragionamento

Dettagli

A. Domande a Risposta Multipla (max 12 punti)

A. Domande a Risposta Multipla (max 12 punti) Esame di Politica Economica 2 appello Sessione Estiva A.A. 2010-2011 NOME E MATRICOLA: ISTRUZIONI: Utilizzate gli spazi indicati per le risposte Fogli addizionali possono essere consegnati solo con indicazione

Dettagli

Equilibrio economico generale e benessere

Equilibrio economico generale e benessere Scambio Equilibrio economico generale e benessere Equilibrio economico generale e benessere (KR 12 + NS 8) Dipartimento di Economia Politica Università di Milano Bicocca Outline Scambio 1 Scambio 2 3 4

Dettagli

Sistemi Elettorali. Giorgio Gallo

Sistemi Elettorali. Giorgio Gallo Sistemi Elettorali Giorgio Gallo Le fasi di un processo elettorale Definizione delle regole elettorali Il voto Determinazione dei seggi da attribuire a partire dai voti espressi Formazione del governo

Dettagli

EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE PROF. MATTIA LETTIERI

EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE PROF. MATTIA LETTIERI EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE PROF. MATTIA LETTIERI Indice 1 EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE ------------------------------------------------------------------------------ 3 2 L EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE

Dettagli

ANALISI COSTI-BENEFICI

ANALISI COSTI-BENEFICI ANALISI COSTI-BENEFICI ANALISI COSTI BENEFICI Fondamento dell ANALISI COSTI BENEFICI è l idea che un progetto o una politica possono essere considerati validi dal punto di vista della società se i benefici

Dettagli

Microeconomia A-K, Prof Giorgio Rampa a.a. 2011-2012. Svolgimento della prova scritta di Microeconomia AK del 19 settembre 2012

Microeconomia A-K, Prof Giorgio Rampa a.a. 2011-2012. Svolgimento della prova scritta di Microeconomia AK del 19 settembre 2012 Svolgimento della prova scritta di Microeconomia AK del 19 settembre 2012 A DEFINIZIONI - Si definiscano sinteticamente i termini anche con l ausilio, qualora necessario, di formule e grafici. 1. Beni

Dettagli

L INTERVENTO PUBBLICO NELLA REALTA

L INTERVENTO PUBBLICO NELLA REALTA Fallimenti dello stato-1 L INTERVENTO PUBBLICO NELLA REALTA NELLA REALTA L INTERVENTO PUBBLICO NON REALIZZA SEMPRE APPIENO LE SUE POTENZIALITA, COME INDICATE DALLA TEORIA NORMATIVA DELLA POLITICA ECONOMICA.

Dettagli

Fallimenti del mercato

Fallimenti del mercato Fallimenti del mercato Il mercato fallisce quando non è in grado di raggiungere un ottimo socialmente soddisfacente in termini di efficienza ed equità Potere di mercato Esternalità Beni pubblici Asimmetria

Dettagli

Indice. 1 La disoccupazione ---------------------------------------------------------------------------------------- 3. 2 di 6

Indice. 1 La disoccupazione ---------------------------------------------------------------------------------------- 3. 2 di 6 INEGNAMENO DI EONOMIA OLIIA LEZIONE VIII IL EORE DELL OUAZIONE ROF. ALDO VAOLA Economia olitica Indice 1 La disoccupazione ----------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Macroeconomia, Esercitazione 2. 1 Esercizi. 1.1 Moneta/1. 1.2 Moneta/2. 1.3 Moneta/3. A cura di Giuseppe Gori (giuseppe.gori@unibo.

Macroeconomia, Esercitazione 2. 1 Esercizi. 1.1 Moneta/1. 1.2 Moneta/2. 1.3 Moneta/3. A cura di Giuseppe Gori (giuseppe.gori@unibo. acroeconomia, Esercitazione 2. A cura di Giuseppe Gori (giuseppe.gori@unibo.it) 1 Esercizi. 1.1 oneta/1 Sapendo che il PIL reale nel 2008 è pari a 50.000 euro e nel 2009 a 60.000 euro, che dal 2008 al

Dettagli

1. Calcolare la probabilità che estratte a caso ed assieme tre carte da un mazzo di 40, fra di esse vi sia un solo asso, di qualunque seme.

1. Calcolare la probabilità che estratte a caso ed assieme tre carte da un mazzo di 40, fra di esse vi sia un solo asso, di qualunque seme. Esercizi difficili sul calcolo delle probabilità. Calcolare la probabilità che estratte a caso ed assieme tre carte da un mazzo di, fra di esse vi sia un solo asso, di qualunque seme. Le parole a caso

Dettagli

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri.

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri. 6 LEZIONE: Algoritmi Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10-25 Minuti (a seconda che tu abbia dei Tangram disponibili o debba tagliarli a mano) Obiettivo Principale: Spiegare come

Dettagli

Corso di Politica Economica Teorie delle scelte sociali

Corso di Politica Economica Teorie delle scelte sociali Corso di Politica Economica Teorie delle scelte sociali Prof. Paolo Buonanno Università degli Studi di Bergamo Ottimo sociale Scelta di uno specifico punto Pareto ottimo sulla frontiera delle possibilità

Dettagli

Teoria dei Giochi. Anna Torre

Teoria dei Giochi. Anna Torre Teoria dei Giochi Anna Torre Almo Collegio Borromeo 14 marzo 2013 email: anna.torre@unipv.it sito web del corso:www-dimat.unipv.it/atorre/borromeo2013.html IL PARI O DISPARI I II S T S (-1, 1) (1, -1)

Dettagli

Equilibrio bayesiano perfetto. Giochi di segnalazione

Equilibrio bayesiano perfetto. Giochi di segnalazione Equilibrio bayesiano perfetto. Giochi di segnalazione Appunti a cura di Stefano Moretti, Silvia VILLA e Fioravante PATRONE versione del 26 maggio 2006 Indice 1 Equilibrio bayesiano perfetto 2 2 Giochi

Dettagli

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni 25.1: Introduzione In questo capitolo la teoria economica discussa nei capitoli 23 e 24 viene applicata all analisi dello scambio del rischio nel

Dettagli

Teoria dei Giochi. Teoria dei Giochi

Teoria dei Giochi. Teoria dei Giochi Teoria dei Giochi E uno strumento decisionale, utile per operare previsioni sul risultato quando un decisore deve operare in concorrenza con altri decisori. L ipotesi principale su cui si basa la TdG è

Dettagli

OFFERTA DI LAVORO [Borjas 1.1-1.7]

OFFERTA DI LAVORO [Borjas 1.1-1.7] OFFERTA DI LAVORO [Borjas 1.1-1.7] hi lavora nel mercato? dipende, offerta di lavoro varia tra tipi di persona (uomini/donne, giovani/adulti) tra Paesi (configurazioni diverse) nel tempo (al variare delle

Dettagli

Testo alla base del Pitgame redatto dal prof. Yvan Lengwiler, Università di Basilea

Testo alla base del Pitgame redatto dal prof. Yvan Lengwiler, Università di Basilea Testo alla base del Pitgame redatto dal prof. Yvan Lengwiler, Università di Basilea Funzionamento di un mercato ben organizzato Nel Pitgame i giocatori che hanno poche informazioni private interagiscono

Dettagli

COMUNE DI MONTAZZOLI Provincia di Chieti REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

COMUNE DI MONTAZZOLI Provincia di Chieti REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI COMUNE DI MONTAZZOLI Provincia di Chieti REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n 17 del 30 marzo 2007 NORME

Dettagli

I beni pubblici. Fallimenti del mercato

I beni pubblici. Fallimenti del mercato I beni pubblici Fallimenti del mercato Introduzione Esistono beni che non vengono offerti da imprese private ma, in misura ed in modi diversi, vengono offerti dal settore pubblico. Es. la difesa nazionale,

Dettagli

Capitolo 33: Beni Pubblici

Capitolo 33: Beni Pubblici Capitolo 33: Beni Pubblici 33.1: Introduzione In questo capitolo discutiamo le problematiche connesse alla fornitura privata dei beni pubblici, concludendo per l opportunità dell intervento pubblico in

Dettagli

Decisioni in condizioni di rischio. Roberto Cordone

Decisioni in condizioni di rischio. Roberto Cordone Decisioni in condizioni di rischio Roberto Cordone Decisioni in condizioni di rischio Rispetto ai problemi in condizioni di ignoranza, oltre all insieme Ω dei possibili scenari, è nota una funzione di

Dettagli

Richiami di teoria della domanda di moneta

Richiami di teoria della domanda di moneta Richiami di teoria della domanda di moneta Parte seconda La teoria della preferenza della liquidità di Keynes Keynes distingue tre moventi principali per cui si detiene moneta. Transattivo Precauzionale

Dettagli

TICHU NANJING (per 4 giocatori)

TICHU NANJING (per 4 giocatori) TICHU NANJING (per 4 giocatori) Le carte Sono di quattro tipi (Jade/Sword/Pagoda/Star) (Giada-verde/Spada-nero/Pagoda-blu/Stella-rosso) di 13 valori ognuna che corrispondono alle carte del Poker. L Asso

Dettagli

Corso di Politica Economica Teorie del benessere sociale

Corso di Politica Economica Teorie del benessere sociale Corso di Politica Economica Teorie del benessere sociale Prof. Paolo Buonanno Università degli Studi di Bergamo Funzioni di benessere sociale che cosa intendiamo per bene comune? come è possibile confrontare

Dettagli

Consultazione how-to. Guida alla consultazione pubblica sulle Riforme Costituzionali

Consultazione how-to. Guida alla consultazione pubblica sulle Riforme Costituzionali Consultazione how-to Guida alla consultazione pubblica sulle Riforme Costituzionali 1 2 3 4 5 Autonomie Territoriali Forma di Governo e Parlamento Parlamentarismo o Presidenzialismo? Secondo te, l attuale

Dettagli

Indice. Presentazione p. 7 Una grande prova di democrazia di Domenico Pantaleo

Indice. Presentazione p. 7 Una grande prova di democrazia di Domenico Pantaleo Indice Presentazione p. 7 Una grande prova di democrazia di Domenico Pantaleo PARTE PRIMA - La RSU 11 Capitolo I Che cosa è la RSu 13 Capitolo II Come lavora la RSu 18 Capitolo III - Il negoziato: tempi

Dettagli

Scelta sociale. Definizione del problema. Il teorema di impossibilità di Arrow. Interpretazione e superamento attraverso l indebolimento degli assiomi

Scelta sociale. Definizione del problema. Il teorema di impossibilità di Arrow. Interpretazione e superamento attraverso l indebolimento degli assiomi Scelta sociale Definizione del problema Il teorema di impossibilità di Arrow Interpretazione e superamento attraverso l indebolimento degli assiomi Definizione del problema Il problema della scelta di

Dettagli

Il vantaggio comparato. Il vantaggio comparato. Il vantaggio comparato

Il vantaggio comparato. Il vantaggio comparato. Il vantaggio comparato Il vantaggio comparato Nel giorno di San Valentino la domanda statunitense di rose è di circa 10 milioni. Coltivare rose negli Stati Uniti d inverno è difficile. E necessario l uso di serre riscaldate.

Dettagli

massimizzazione del benessere sociale

massimizzazione del benessere sociale POLITICA ECONOMICA A.A. 2011-2012 Prof. Francesca Gastaldi TEORIA DELL ECONOMIA DEL BENESSERE (1930-1950) che studia il funzionamento di una economia di produzione e di scambio domandandosi quale debba

Dettagli

Note su quicksort per ASD 2010-11 (DRAFT)

Note su quicksort per ASD 2010-11 (DRAFT) Note su quicksort per ASD 010-11 (DRAFT) Nicola Rebagliati 7 dicembre 010 1 Quicksort L algoritmo di quicksort è uno degli algoritmi più veloci in pratica per il riordinamento basato su confronti. L idea

Dettagli

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza 23.1: Introduzione In questo capitolo studiamo la scelta ottima del consumatore in condizioni di incertezza, vale a dire in situazioni tali che il consumatore

Dettagli

Economia del benessere

Economia del benessere Economia del benessere 1 Mercato e Stato Il problema principale che si pone è come e in quali condizioni i risultati economici che possono essere conseguiti attraverso il mercato garantiscono il rispetto

Dettagli

I giochi delle Gioc-Arte

I giochi delle Gioc-Arte I giochi delle Gioc-Arte Giochi basati sulla capacità di osservazione e di attenzione. Indovina l opera Numero di giocatori: da 2 a tutta la classe. Ognuno col suo mazzo, o una parte di esso, senza le

Dettagli

Lezione 1 Introduzione

Lezione 1 Introduzione Lezione 1 Introduzione Argomenti Cosa è l Economia politica I principi fondamentali dell Economia politica Cosa studia l Economia politica Perché studiare l Economia politica 1.1 COSA È L ECONOMIA POLITICA

Dettagli

Capitolo 4 Probabilità

Capitolo 4 Probabilità Levine, Krehbiel, Berenson Statistica II ed. 2006 Apogeo Capitolo 4 Probabilità Insegnamento: Statistica Corso di Laurea Triennale in Economia Facoltà di Economia, Università di Ferrara Docenti: Dott.

Dettagli

Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento

Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento Non aspettare, il tempo non potrà mai essere " quello giusto". Inizia da dove ti trovi, e lavora con qualsiasi strumento di cui disponi, troverai

Dettagli

Guida per i venditori

Guida per i venditori Guida per i venditori Vendere un azienda può essere complicato e impegnativo ed è generalmente un evento che si presenta una volta nella vita. Vi preghiamo di leggere con attenzione i seguenti paragrafi.

Dettagli

Le obbligazioni: misure di rendimento Tassi d interesse, elementi di valutazione e rischio delle attività finanziarie

Le obbligazioni: misure di rendimento Tassi d interesse, elementi di valutazione e rischio delle attività finanziarie Le obbligazioni: misure di rendimento Tassi d interesse, elementi di valutazione e rischio delle attività finanziarie Economia degli Intermediari Finanziari 29 aprile 2009 A.A. 2008-2009 Agenda 1. Il calcolo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA ELEZIONE R.S.U./R.L.S. Gruppo A2A

REGOLAMENTO PER LA ELEZIONE R.S.U./R.L.S. Gruppo A2A REGOLAMENTO PER LA ELEZIONE R.S.U./R.L.S. Gruppo A2A Premessa Il presente regolamento è riferito alle elezioni RSU/RLS del Gruppo A2A (perimetro ex-aem) sulla base delle previsioni dell accordo sottoscritto

Dettagli

Il mercato di monopolio

Il mercato di monopolio Il monopolio Il mercato di monopolio Il monopolio è una struttura di mercato caratterizzata da 1. Un unico venditore di un prodotto non sostituibile. Non ci sono altre imprese che possano competere con

Dettagli

Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza

Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza Economia Pubblica lezione 3 1 Esistono infinite allocazioni Pareto-efficienti: Frontiera del Benessere (FB) o grande frontiera dell utilità

Dettagli

CAPITOLO 27 Credibilità e reputazione

CAPITOLO 27 Credibilità e reputazione CAPITOLO 27 Credibilità e reputazione! La credibilità! La reputazione! Le tribolazioni (e la salvezza) dei monopolisti 1 ! La credibilità (1)! Consideriamo il gioco della minaccia. B combatte A sfida si

Dettagli

Efficienza, carenze dei mercati e implicazioni per l intervento pubblico. (la prospettiva costruttivistica) (parte 2) Manuale 1: cap. 5 (par.

Efficienza, carenze dei mercati e implicazioni per l intervento pubblico. (la prospettiva costruttivistica) (parte 2) Manuale 1: cap. 5 (par. Efficienza, carenze dei mercati e implicazioni per l intervento pubblico (la prospettiva costruttivistica) (parte 2) Manuale 1: cap. 5 (par. 4) Le carenze informative Diverse tipologie di carenze informative

Dettagli

MICROECONOMIA La teoria del consumo: Alcuni Arricchimenti. Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza

MICROECONOMIA La teoria del consumo: Alcuni Arricchimenti. Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza MICROECONOMIA La teoria del consumo: Alcuni Arricchimenti Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza 1 Dotazioni iniziali Il consumatore dispone ora non di un dato reddito monetario ma di un ammontare

Dettagli

Capitolo Terzo Valore attuale e costo opportunità del capitale

Capitolo Terzo Valore attuale e costo opportunità del capitale Capitolo Terzo Valore attuale e costo opportunità del capitale 1. IL VALORE ATTUALE La logica di investimento aziendale è assolutamente identica a quella adottata per gli strumenti finanziari. Per poter

Dettagli

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore 13.1: Introduzione L analisi dei due capitoli precedenti ha fornito tutti i concetti necessari per affrontare l argomento di questo capitolo:

Dettagli

LA VALUTAZIONE DI PORTAFOGLIO. Giuseppe G. Santorsola 1

LA VALUTAZIONE DI PORTAFOGLIO. Giuseppe G. Santorsola 1 LA VALUTAZIONE DI PORTAFOGLIO Giuseppe G. Santorsola 1 Rendimento e rischio Rendimento e rischio di un singolo titolo Rendimento e rischio di un portafoglio Rendimento ex post Media aritmetica dei rendimenti

Dettagli

Economia pubblica. Alberto Zanardi

Economia pubblica. Alberto Zanardi Università di Bologna Scuola di Economia, Management e Statistica Corso di laurea CLEF Economia pubblica a.a. 2013-14 14 (8 crediti, 60 ore insegnamento) I beni pubblici Alberto Zanardi Fallimenti del

Dettagli

SINTESI DEI PRINCIPALI SISTEMI ELETTORALI REGIONALI

SINTESI DEI PRINCIPALI SISTEMI ELETTORALI REGIONALI SINTESI DEI PRINCIPALI SISTEMI ELETTORALI REGIONALI Premessa Con l approvazione della legge costituzionale 22 novembre 1999 n. 1 ogni regione a statuto ordinario è tenuta a dotarsi di una propria legge

Dettagli

CAPITOLO 10 I SINDACATI

CAPITOLO 10 I SINDACATI CAPITOLO 10 I SINDACATI 10-1. Fate l ipotesi che la curva di domanda di lavoro di una impresa sia data da: 20 0,01 E, dove è il salario orario e E il livello di occupazione. Ipotizzate inoltre che la funzione

Dettagli

Capitolo 26: Il mercato del lavoro

Capitolo 26: Il mercato del lavoro Capitolo 26: Il mercato del lavoro 26.1: Introduzione In questo capitolo applichiamo l analisi della domanda e dell offerta ad un mercato che riveste particolare importanza: il mercato del lavoro. Utilizziamo

Dettagli

Il modello generale di commercio internazionale

Il modello generale di commercio internazionale Capitolo 6 Il modello generale di commercio internazionale [a.a. 2013/14] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) 6-1 Struttura della presentazione Domanda e

Dettagli

ESERCITAZIONE 1. 15 novembre 2012

ESERCITAZIONE 1. 15 novembre 2012 ESERCITAZIONE 1 Economia dell Informazione e dei Mercati Finanziari C.d.L. in Economia degli Intermediari e dei Mercati Finanziari (8 C.F.U.) C.d.L. in Statistica per le decisioni finanziarie ed attuariali

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 1-3 Offerta di lavoro -Le preferenze del lavoratore 1 Offerta di lavoro Le preferenze del lavoratore Il comportamento dell offerta di lavoro è analizzato dagli economisti

Dettagli

Il mercato dei cambi

Il mercato dei cambi Il mercato dei cambi 18 maggio 2009 Agenda Il mercato valutario Nozioni fondamentali Tassi di cambio Operazioni in cambi Cross rates Operatori del mercato Andamento del tasso di cambio 2 Nozioni fondamentali

Dettagli

Economia Industriale

Economia Industriale Università del Piemonte Orientale Amedeo Avogadro Facoltà di Economia A.A. 2005/2006 Economia Industriale Dott. Massimiliano Piacenza Lezione 3 Monopolio e regola dell elasticità Monopolio naturale e regolamentazione

Dettagli

Esercizio 1 Dato il gioco ({1, 2, 3}, v) con v funzione caratteristica tale che:

Esercizio 1 Dato il gioco ({1, 2, 3}, v) con v funzione caratteristica tale che: Teoria dei Giochi, Trento, 2004/05 c Fioravante Patrone 1 Teoria dei Giochi Corso di laurea specialistica: Decisioni economiche, impresa e responsabilità sociale, A.A. 2004/05 Soluzioni degli esercizi

Dettagli

LA SURROGA FACILE (Guida n.2)

LA SURROGA FACILE (Guida n.2) LA SURROGA FACILE (Guida n.2) KreditOnline Mediazione Creditizia Srl Iscrizione Oam M301 - Ivass E000585138 P.Iva 10471761006 Sede Legale: Via F. S. Correra, 11-80135 Napoli Sede Op.: Prima Trav. Paolo

Dettagli

PROBLEMI DI SCELTA. Problemi di. Scelta. Modello Matematico. Effetti Differiti. A Carattere Continuo. A più variabili d azione (Programmazione

PROBLEMI DI SCELTA. Problemi di. Scelta. Modello Matematico. Effetti Differiti. A Carattere Continuo. A più variabili d azione (Programmazione 1 PROBLEMI DI SCELTA Problemi di Scelta Campo di Scelta Funzione Obiettivo Modello Matematico Scelte in condizioni di Certezza Scelte in condizioni di Incertezza Effetti Immediati Effetti Differiti Effetti

Dettagli

Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM

Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM 2 OBIETTIVO: Il modello IS-LM Fornire uno schema concettuale per analizzare la determinazione congiunta della produzione e del tasso

Dettagli

Domanda e offerta di lavoro

Domanda e offerta di lavoro Domanda e offerta di lavoro 1. Assumere (e licenziare) lavoratori Anche la decisione di assumere o licenziare lavoratori dipende dai costi che si devono sostenere e dai ricavi che si possono ottenere.

Dettagli

= 8.000 + 2.000 = 5.000.

= 8.000 + 2.000 = 5.000. Esercizio 1 Consideriamo il mercato delle barche usate e supponiamo che esse possano essere di due tipi, di buona qualità e di cattiva qualità. Il valore di una barca di buona qualità è q = 8000, mentre

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

Che cos è la politica?

Che cos è la politica? Che cos è la politica? Giovanni Carbone, Università degli Studi di Milano da: Clark Golder Golder, Principi di scienza politica, McGrawHill, 2011 Che cosa è la politica? Potere (sociale): capacità di un

Dettagli

OLIGOPOLIO. Introduzione

OLIGOPOLIO. Introduzione OLIGOPOLIO Introduzione Nelle precedenti lezioni abbiamo visto differenti forme di mercato quali la concorrenza perfetta e il monopolio. Queste due strutture di mercato sono assai diverse 1, tuttavia entrambe

Dettagli

Gestione del conflitto o della negoziazione

Gestione del conflitto o della negoziazione 1. Gestione del conflitto o della negoziazione Per ognuna delle 30 coppie di alternative scegli quella che è più vera per te. A volte lascio che siano gli altri a prendersi la responsabilità di risolvere

Dettagli

Esportazioni 110 Vendite a B 200. Vendite al pubblico 600. Calcolate il valore del PIL di questa economia usando le tre definizioni possibili.

Esportazioni 110 Vendite a B 200. Vendite al pubblico 600. Calcolate il valore del PIL di questa economia usando le tre definizioni possibili. Esercizi 2014-2015 IL BREVE PERIODO Esercizio 1 Si consideri il seguente sistema economico in cui operano solamente due (categorie di) imprese, e la cui attività può essere sintetizzata come segue: Impresa

Dettagli

Domande a scelta multipla 1

Domande a scelta multipla 1 Domande a scelta multipla Domande a scelta multipla 1 Rispondete alle domande seguenti, scegliendo tra le alternative proposte. Cercate di consultare i suggerimenti solo in caso di difficoltà. Dopo l elenco

Dettagli

Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.

Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg. Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.it) Introduzione Differenziazione del prodotto Differenziazione

Dettagli

Elezioni e sistemi elettorali (1)

Elezioni e sistemi elettorali (1) Elezioni e sistemi elettorali (1) Elezioni: una panoramica Praticamente ogni paese indipendente del mondo, a regime democratico o autoritario, ha indetto elezioni in un qualche momento Al 2007, solo 6

Dettagli

Economia Politica Prof. Paolo Di Giannatale

Economia Politica Prof. Paolo Di Giannatale Università degli Studi di Teramo Corso di Laurea in Scienze del Turismo e dell'organizzazioni delle Manifestazioni Sportive Economia Politica Prof. Paolo Di Giannatale A. A. 2011/2012 1 Le scelte del consumatore

Dettagli