STRUTTURA E EVOLUZIONE DELL INDUSTRIA LEGNO-ARREDO IN TICINO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STRUTTURA E EVOLUZIONE DELL INDUSTRIA LEGNO-ARREDO IN TICINO"

Transcript

1 3. Legno e arredo STRUTTURA E EVOLUZIONE DELL INDUSTRIA LEGNO-ARREDO IN TICINO Maggio 211 Giubiasco, 3 maggio 211

2 I COMPARTI ANALIZZATI SETTORE SECONDARIO 1. EDILIZIA E COSTRUZIONI 2. CHIMICA E FARMACEUTICA 3. LEGNO E ARREDO 4. INDUSTRIA METALLURGICA 5. MECCANICA STRUMENTALE E DI PRECISIONE 6. INDUSTRIA DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE E DEI COMPONENTI ELETTRONICI 7. INDUSTRIA DELLE MATERIE PLASTICHE, DEL VETRO E DELLA CERAMICA 8. INDUSTRIA ALIMENTARE E DELLE BEVANDE SETTORE TERZIARIO 9. ALBERGHI E RISTORANTI 1. SERVIZI FINANZIARI E ASSICURATIVI 11. SANITÀ E SERVIZI SOCIALI 12. FORMAZIONE E RICERCA 13. COMMERCIO 14. ATTIVITÀ IMMOBILIARI, INFORMATICA E ATTIVITÀ PROFESSIONALI E IMPRENDITORIALI 15. TRASPORTI TERRESTRI E ATTIVITÀ AUSILIARIE 2

3 Breve quadro statistico della situazione nel comparto del legno e arredo in Ticino Premessa Nella presente scheda analizzeremo l industria del legno e dei prodotti in legno, unitamente al sottocomparto della fabbricazione di mobili 1. La situazione nel 28 Secondo i dati del Censimento federale delle aziende del 28 (data di riferimento 3 settembre), il comparto del legno e arredo conta in Ticino 264 aziende per un totale di 1.22 posti di lavoro (vedi tab 1). Otto posti di lavoro su dieci, ossia 958, sono propri alle 196 aziende attive nell industria del legno e dei prodotti in legno, mentre i restanti 244 appartengono alle 68 aziende che si occupano della fabbricazione di mobili. Nel suo complesso il comparto rappresenta per effettivo di posti di lavoro il 2,5% del settore secondario ticinese e lo,6% dell'interno sistema produttivo cantonale, un peso inferiore rispetto a quanto si rileva a livello nazionale, dove rappresenta il 5,% rispettivamente l 1,3%. 1 Aziende e addetti nel comparto legno e arredo, in Ticino, nel 28 Aziende Addetti di cui frontalieri di cui apprendisti Settore secondario Comparto legno e arredo Industria del legno e dei prodotti in legno (esclusa la fabbricazione di mobili) Fabbricazione di mobili Con l 89,4% dei posti di lavoro a tempo pieno, il comparto si allinea alla media del settore secondario ticinese (92,8%). L industria del legno si differenzia invece per la percentuale molto bassa di impieghi femminili: solo il 9,6%, contro la media del secondario ticinese del 25,%. Secondo tratto caratterizzante è la quota piuttosto bassa di lavoratori frontalieri, che rappresentano il 23,1% degli addetti, 278 su 1.22, contro una media del settore secondario pari al 46,4%. A livello di sottocomparti non vi sono grandi differenze, si passa infatti dal 22,5% per l industria del legno, al 25,4% nella fabbricazione di mobili. Di questi 278 lavoratori frontalieri, più di tre quarti ossia 215 sono impiegati nel Sottoceneri, dove rappresentano il 36,5% dei lavoratori totali del comparto. Nel Sopraceneri troviamo i restanti 63 addetti, pari al 1,2% dei 614 posti di lavoro totali. Interessante il dato sull apprendistato, con ben 92 posti offerti, pari a 7,7% degli impieghi totali. Presenza maggiore se rapportata al settore secondario ticinese (3,9%), ma inferiore al valore per il comparto rilevato a livello nazionale, dove in media ci sono ben 1 apprendisti ogni addetti. I livelli di qualifica richiesti per posto di lavoro (v. graf. E), secondo la rilevazione sulla struttura dei salari del 28 (RSS Ticino 2 ), indicano che oltre la metà dei posti di lavoro nell industria del legno 3 (54,1%) richiedono delle conoscenze professionali e specializzate, contro il 38,2% del settore secondario cantonale. 1 Nella fabbricazione di mobili rientrano la fabbricazione di sedie, mobili per uffici, per cucine e di materassi. Quest ultima voce non registra né aziende né addetti per il Ticino. 2 Dati riferiti al settore privato, che considerano l intero organico delle aziende interrogate (vengono quindi prese in considerazione tutte le tipologie di attività e le mansioni svolte nell azienda) 3 I dati forniti dalla rilevazione sulla struttura dei salari (RSS) riguardano l industria del legno, che non comprende il sottocomparto della fabbricazione di mobili (arredo) 3

4 Rispettivamente solo un quinto degli impieghi svolge attività semplici e ripetitive (2,3%), quando nel settore secondario questo genere di attività raggiunge il 42,6%. I lavori particolarmente esigenti, indipendenti e molto qualificati, nel sottocomparto del legno sono infine il 25,6% (23,8% nel secondario). Per i livelli formativi dei salariati (v. graf. F), considerata l alta quota di apprendisti, non sorprende che i due terzi degli addetti del sottocomparto (66,6%) abbiano concluso almeno una formazione (apprendistato, maturità o titolo equivalente), contro un 24,8% di addetti senza alcuna formazione conclusa. Nel settore secondario questi due gruppi rappresentano rispettivamente il 44,7% e il 42,7%. La percentuale di persone con una formazione superiore è leggermente inferiore alla media del settore secondario, l 8,6% contro 12,6%, questo non è dovuto al tipo di attività richieste nel sottocomparto che, come abbiamo visto sono particolarmente esigenti, ma probabilmente per il fatto che il comparto del legno si distingue per la presenza preponderante di microaziende che, vista la struttura essenziale, non sempre annoverano o necessitano di una figura con una formazione superiore. In termine di classe dimensionale, il comparto del legno e arredo, in Ticino come in Svizzera, si caratterizza per il numero rilevante di microaziende, rispettivamente, per la mancanza di aziende di medie o grandi dimensioni. In Ticino 236 delle 256 aziende hanno meno di 1 addetti, ed impiegano il 59,5% degli addetti a tempo pieno (ETP) del comparto, ossia 667 su La piccole e medie aziende sono presenti in proporzioni molto ridotte, se paragonato a quanto rilevato negli altri settori industriali, e offrono rispettivamente il 31,1% dei posti (le 18 piccole aziende) e solo il 9,4% (le 2 medie). In Ticino non vi sono aziende di grandi dimensioni, mentre su scala nazionale le 7 grandi (4 nel comparto del legno e 3 nella fabbricazione di mobili) impiegano dei 5'46 addetti totali (il 4,4%). In Svizzera sono le piccole aziende a detenere il primato dei posti di lavoro, con addetti pari al 42%, seguite dalle microaziende con (33,9%), e dalle medie aziende con addetti (19,6%). Di conseguenza la dimensione media aziendale in Ticino è di 4.3 addetti per azienda (4.6 addetti nel legno e 3.4 nella fabbricazione di mobili), inferiore ai 6.2 addetti del comparto a livello nazionale (5.7 addetti nel legno e 8.1 nella fabbricazione di mobili) e ai 13 registrati nell intero settore secondario ticinese e nazionale. Il settore si contraddistingue anche per una ripartizione del numero di addetti e di aziende sul territorio A Aziende nell industria ceramica del legno-arredo, secondo la classe dimensionale, nel 28 Medie aziende addetti.8% Piccole aziende 1-49 addetti 7.% Microaziende, < 1 addetti G 92.2% < 2 addetti 42.6% 2 addetti 18.4% 3-4 addetti 16.4% 5-9 addetti 14.8% B Addetti ETP e aziende nell industria del legno, nella fabbricazione di mobile e nel settore secondario per regione, nel 28 Fabbricazione di mobili Industria del legno Settore secondario addetti aziende addetti aziende addetti aziende 12.3% 14.7% 16.6% 22.2% 3.4% 27.6% 17.5% 29.4% 43.4% 21.5% 19.3% 21.9% 37.2% 39.7% 39.6% 24.6% 37.1% 37.2% 28.7% 19.3% 16.2% 13.% 13.3% 16.7% % 2% 4% 6% 8% % Bellinzonese e valli Locarnese e valli Luganese Mendrisiotto 4 Le microaziende in Svizzera sono 6'765 su 8'13, pari all 83,5% delle imprese del comparto 4

5 relativamente omogenea. L industria del legno si concentra prevalentemente nel Luganese, dove troviamo 73 delle 196 aziende e 338 dei 911 addetti (il 37,1%). Seguono la regione del Bellinzonese e valli, dove si riscontra una certa vocazione per la lavorazione del legno (il 3,4% degli addetti), e il Locarnese e valli dove si trovano circa un quinto degli addetti (19,3%) e delle aziende. La regione di Mendrisio, con soli 118 addetti impiegati e 26 aziende, non rappresenta che il 13,% degli impieghi totali. Il sottocomparto della fabbricazione di mobili si concentra invece nel Locarnese e valli, con 99 addetti su 228 e poco meno di un terzo delle aziende totali. Seguono il Luganese, dove troviamo il maggior numero di aziende (73 su 196) ma di dimensioni più ridotte e circa un quarto degli addetti totali, il Mendrisiotto e da ultimo il Bellinzonese e valli. L'evoluzione Tra il 1985 e il 28 l attività nella sola industria del legno in Ticino ha registrato un rallentamento molto marcato sia in termine di posti di lavoro che di aziende (v. graf. C). Gli addetti equivalenti a tempo pieno (ETP) sono passati da a 911 (-41,1%, v. tab. 2) e le aziende da 247 a 196 (-2,6%, v. tab. 3). Un risultato peggiore rispetto a quando registrato nel settore secondario cantonale dove vi è stata comunque una contrazione marcata degli addetti (-7'89 posti di lavoro, pari a 14,%), affiancata da un aumento nel numero di aziende (+288, pari a +8,6%). Anche a livello nazionale si è assistito al medesimo ridimensionamento, dove gli addetti totali del comparto sono passati da a (-29,8%). L industria del legno, contraddistinta per l alto tasso di apprendisti, ha ridotto in modo importante anche il numero di giovani in formazione nel nostro Cantone, passati da 226 nel 1985 a 81 nel 28 (-64,2%). Questa evoluzione dell impiego è il frutto della contrazione registrata in Ticino tra il e tra il Nell ultimo decennio l impiego nel comparto si è invece stabilizzato attorno alle 9 unità, registrando solo una debole ripresa tra il Censimento 25 e 28. Anche per il numero di aziende negli ultimi 1 anni non si è assistito a variazioni rilevanti: questo è sicuramente un segnale positivo, perché potrebbe significare che il comparto ha trovato un proprio equilibrio. La fabbricazione di mobili, nel periodo , ha segnato in Ticino una marcata flessione (v. graf. C). Il numero di addetti (ETP) si è più che dimezzato, passando da 57 a 228 addetti (-55,%, v. tab. 2), le aziende sono passate da 121 a 68 (-43,8%, v. tab. 2). Riduzione meno marcata a livello nazionale, dove gli addetti hanno registrato una contrazione del -21,9% (da a ) e le aziende del -26,8% (da a 1.718). C Addetti ETP nell industria del legno (indice, 1985=), nella fabbricazione di mobili (indice 1995=) e nel settore secondario, in Ticino e in Svizzera, dal 1985 al Svizzera Ticino Industria del legno Svizzera Ticino Fabbricazione di mobili Svizzera Ticino Settore secondario I dati di serie storica sono da considerare ancora provvisori. Le risultanze dell analisi non sono però inficiati da questo fatto. I dati per il sottocomparto della fabbricazione dei mobili sono disponibili solo a partire dal

6 I dati censiti nel 28 confermano per l ultimo triennio solo un lieve freno all emorragia di impieghi in atto dal 1995, lasciando presagire che in Ticino, ancor più di quanto si rileva nel resto della Svizzera, potrebbero non sussistere più le condizioni necessarie per il rilancio di questa attività tradizionale. 2 Addetti ETP e aziende nel comparto del legno e arredo in Ticino, dal Addetti ETP Settore secondario Comparto del legno Industria del legno e dei prodotti in legno (esclusa la fabbricazione di mobili) Fabbricazione di mobili Aziende Settore secondario Comparto del legno Industria del legno e dei prodotti in legno (esclusa la fabbricazione di mobili) Fabbricazione di mobili Fonte: Dati provvisori. Censimento federale delle aziende, UST (Neuchâtel) L evoluzione del numero di addetti per regione nel periodo presenta, eccezion fatta per il distretto di Mendrisio, l industria del legno in ridimensionamento in tutto il Cantone, a seguito della crisi degli anni 9. Tra il 1995 e il 21 le regioni del Bellinzonese, del Locarnese (e valli) e, in misura meno marcata, del Luganese hanno registrato forti contrazioni in termini di addetti, registrando variazioni rispettivamente del -42,8%, -4,2% e -25,2%. Le aziende insediate nel Bellinzonese e nel Luganese sembrano aver in seguito trovato nuove nicchie di mercato oppure in queste regioni si sono insediate nuove aziende, tanto che il numero di addetti tra il censimento 25 e 28 è tornato a crescere: +14,1% rispettivamente +9,4%. Continua invece l erosione di posti di lavoro nel Locarnese e valli (-34 addetti tra il 21 e il 28). Nella regione di Mendrisio, dove il sottocomparto era già poco presente nel 1995, c è stata una diminuzione minima ma costante del numero di addetti passati da 156 a 118 tra il 1995 e il 28 (-24,4%). D Addetti ETP nell industria del legno e nella fabbricazione di mobili per regione, dal 1985 Industria del legno Fabbricazione di mobili Bellinzonese e valli Luganese Locarnese e valli Mendrisiotto Bellinzonese e valli Luganese Locarnese e valli Mendrisiotto Fonte: Dati provvisori. Censimento federale delle aziende, UST (Neuchâtel) 6

7 Pure nella fabbricazione di mobili la tendenza al ribasso è un fenomeno che accomuna tutte le regioni del Cantone. Nel periodo nel Bellinzonese e valli si sono persi i tre quarti dei posti di lavoro (-75,9%, da 116 a 28) e oltre la metà delle aziende, passate da 21 a 1. Il Luganese ha perso i due terzi dei posti di lavoro (-67,6%, da 173 a 56) e oltre la metà delle aziende, passate da 59 a 27 (-53,4%). Nel distretto di Mendrisio gli addetti si sono dimezzati, da 88 a 44, e l ultimo censimento ha rilevato solo 11 aziende (da 17 nel 1995). Unico distretto che registra valori meno allarmanti è il Locarnese, dove si è passati da 13 a 99 addetti (-24%) e da 24 a 2 aziende (-17%). Evoluzione delle qualifiche richieste e della formazione tra il 2 e il 28 La struttura dell impiego in termini di qualifiche richieste (v. graf. E) ha subito modifiche contenute tra il 2 e il 28. I lavori esigenti, indipendenti e molto qualificati hanno registrato la variazione maggiore, con un aumento dal 2,5% al 25,6% dei posti totali. Le attività che richiedono delle conoscenze professionali e specializzate rimangono la categoria principale, ma registrano una diminuzione dal 57,% al 54,1%, così come le attività semplici e ripetitive (dal 22.5 % al 2,3%). In termini di profili formativi (v. graf. F), tra il 2 e il 28 la variazione maggiore si è registrata negli addetti senza una formazione completa, in diminuzione dal 31,8% al 24,8%. Per contro, sono aumentati sia gli addetti con un apprendistato, una maturità o una formazione completa equivalente (da 62,2% a 66,6%), come pure coloro con un titolo universitario o professionale superiore (dal 6,% al 8,6%). E Settore secondario Industria del legno F Settore secondario Industria del legno Livello di qualifica richiesto nell industria del legno e nel settore secondario ticinese, nel 2 e 28 q p p 2.3% 22.5% 38.2% 57.% 38.% 42.6% 42.% 54.1% 25.6% 2.5% 23.8% 15.4% % 2% 4% 6% 8% % Attività semplici e ripetitive Conoscenze professionali e specializzate Lavoro partic. esigente e difficile e lavoro indip. e molto qualificato (livello 1+2) Formazione del salariato nell industria del legno e nel settore secondario ticinese, nel 2 e % 31.8% 42.7% 66.6% 62.2% 44.7% 51.7% 37.8% 8.6% 12.6% 6.% 1.5% % 2% 4% 6% 8% % Formazione non conclusa, competenze acquisite in azienda Apprendistato, maturità, brevetto d'insegnamento e altre formazioni complete Università, politecnico, scuola universitaria prof. e formazione professionale superiore Fonte: Rilevazione sulla struttura dei salari 28 (RSS Ticino), UST (Neuchâtel) 7

STRUTTURA E EVOLUZIONE DEI SERVIZI FINANZIARI E ASSICURATIVI IN TICINO

STRUTTURA E EVOLUZIONE DEI SERVIZI FINANZIARI E ASSICURATIVI IN TICINO 1. Servizi finanziari e assicurativi STRUTTURA E EVOLUZIONE DEI SERVIZI FINANZIARI E ASSICURATIVI IN TICINO Maggio 211 Giubiasco, 3 maggio 211 I COMPARTI ANALIZZATI SETTORE SECONDARIO 1. EDILIZIA E COSTRUZIONI

Dettagli

STRUTTURA E EVOLUZIONE DELL INDUSTRIA ALIMENTARE E DELLE BEVANDE IN TICINO

STRUTTURA E EVOLUZIONE DELL INDUSTRIA ALIMENTARE E DELLE BEVANDE IN TICINO 8. Industria alimentare e delle bevande STRUTTURA E EVOLUZIONE DELL INDUSTRIA ALIMENTARE E DELLE BEVANDE IN TICINO Maggio 211 Giubiasco, 3 maggio 211 I COMPARTI ANALIZZATI SETTORE SECONDARIO 1. EDILIZIA

Dettagli

STRUTTURA E EVOLUZIONE DEL COMPARTO CHIMICO-FARMACEUTICO IN TICINO

STRUTTURA E EVOLUZIONE DEL COMPARTO CHIMICO-FARMACEUTICO IN TICINO 2. Chimica e farmaceutica STRUTTURA E EVOLUZIONE DEL COMPARTO CHIMICO-FARMACEUTICO IN TICINO Maggio 211 Giubiasco, 3 maggio 211 I COMPARTI ANALIZZATI SETTORE SECONDARIO 1. EDILIZIA E COSTRUZIONI 2. CHIMICA

Dettagli

STRUTTURA E EVOLUZIONE DEI SERVIZI COMMERCIALI IN TICINO

STRUTTURA E EVOLUZIONE DEI SERVIZI COMMERCIALI IN TICINO 13. Commercio STRUTTURA E EVOLUZIONE DEI SERVIZI COMMERCIALI IN TICINO Maggio 211 Giubiasco, 3 maggio 211 I COMPARTI ANALIZZATI SETTORE SECONDARIO 1. EDILIZIA E COSTRUZIONI 2. CHIMICA E FARMACEUTICA 3.

Dettagli

STRUTTURA E EVOLUZIONE DELL INDUSTRIA DELLE MATERIE PLASTICHE, DEL VETRO E DELLA CERAMICA IN TICINO

STRUTTURA E EVOLUZIONE DELL INDUSTRIA DELLE MATERIE PLASTICHE, DEL VETRO E DELLA CERAMICA IN TICINO 7. Industria delle materie plastiche, del vetro e della ceramica STRUTTURA E EVOLUZIONE DELL INDUSTRIA DELLE MATERIE PLASTICHE, DEL VETRO E DELLA CERAMICA IN TICINO Maggio 211 Giubiasco, 3 maggio 211 I

Dettagli

STRUTTURA E EVOLUZIONE DEL SETTORE ALBERGHIERO E DELLA RISTORAZIONE IN TICINO

STRUTTURA E EVOLUZIONE DEL SETTORE ALBERGHIERO E DELLA RISTORAZIONE IN TICINO 9. Alberghi e ristoranti STRUTTURA E EVOLUZIONE DEL SETTORE ALBERGHIERO E DELLA RISTORAZIONE IN TICINO Maggio 211 Giubiasco, 3 maggio 211 I COMPARTI ANALIZZATI SETTORE SECONDARIO 1. EDILIZIA E COSTRUZIONI

Dettagli

STRUTTURA E EVOLUZIONE DEI SERVIZI DI FORMAZIONE E RICERCA IN TICINO

STRUTTURA E EVOLUZIONE DEI SERVIZI DI FORMAZIONE E RICERCA IN TICINO 12. Formazione e ricerca STRUTTURA E EVOLUZIONE DEI SERVIZI DI FORMAZIONE E RICERCA IN TICINO Maggio 211 Giubiasco, 3 maggio 211 I COMPARTI ANALIZZATI SETTORE SECONDARIO 1. EDILIZIA E COSTRUZIONI 2. CHIMICA

Dettagli

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005 7 ottobre 2005 La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005 L Istat presenta i principali risultati delle rilevazioni sulla Ricerca e Sviluppo intra-muros 1 (R&S) in Italia, riferiti alle imprese,

Dettagli

IL SETTORE LEGNO-MOBILE-SEDIA IN PROVINCIA DI UDINE ANALISI STATISTICA. (aggiornamento maggio 2015)

IL SETTORE LEGNO-MOBILE-SEDIA IN PROVINCIA DI UDINE ANALISI STATISTICA. (aggiornamento maggio 2015) IL SETTORE LEGNO-MOBILE-SEDIA IN PROVINCIA DI UDINE ANALISI STATISTICA (aggiornamento maggio 2015) Il Sistema Legno-Mobile Sedia costituisce uno degli assi portanti del manifatturiero in Provincia di Udine

Dettagli

Comunicato stampa. Inchiesta congiunturale 2013/2014

Comunicato stampa. Inchiesta congiunturale 2013/2014 Comunicato stampa Inchiesta congiunturale 2013/2014 Sensibile miglioramento nel 2013 per le aziende ticinesi dopo le difficoltà degli ultimi anni. Previsioni sostanzialmente positive anche per il 2014,

Dettagli

Le performance settoriali

Le performance settoriali 20 febbraio 2013 IL PRIMO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Perché un Rapporto sulla competitività Con il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua

Dettagli

a cura della CGIL e dell IRES CGIL di MESSINA

a cura della CGIL e dell IRES CGIL di MESSINA a cura della CGIL e dell IRES CGIL di MESSINA Presentazione dei dati del 4 Studio sullo stato dell occupazione nella provincia di Messina a cura della CGIL e dell IRES CGIL di MESSINA 1 Nell ormai consueto

Dettagli

Risultati della rilevazione svizzera della struttura dei salari 2010. Nel 2010, salario lordo mediano pari a 5979 franchi al mese

Risultati della rilevazione svizzera della struttura dei salari 2010. Nel 2010, salario lordo mediano pari a 5979 franchi al mese Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale di statistica UST Comunicato stampa Embargo: 28.11.2011, 9:15 3 Lavoro e reddito N. 0352-1111-80 Risultati della rilevazione svizzera della struttura

Dettagli

Aprile 2008. Analisi dell andamento del mercato del lavoro e dei fabbisogni formativi nella provincia di Livorno

Aprile 2008. Analisi dell andamento del mercato del lavoro e dei fabbisogni formativi nella provincia di Livorno FABBISOGNI FORMATIVI E MERCATO DEL LAVORO Aprile 2008 Analisi dell andamento del mercato del lavoro e dei fabbisogni formativi nella provincia di Livorno L economia provinciale All interno dell economia

Dettagli

Osservatorio Economia e Lavoro in Emilia-Romagna. Marco Sassatelli

Osservatorio Economia e Lavoro in Emilia-Romagna. Marco Sassatelli Osservatorio Economia e Lavoro in Emilia-Romagna Marco Sassatelli Il quadro - Produzione industriale ed export - 60 Produzione Fatturato Ordini 40 20 0-20 2003 - I 2003 - II 2003 - III 2003 - IV 2004 -

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

Le imprese manifatturiere del IV capitalismo: profili di crescita. Paola Dubini Incontro Confindustria Prato 23 novembre 2007

Le imprese manifatturiere del IV capitalismo: profili di crescita. Paola Dubini Incontro Confindustria Prato 23 novembre 2007 Le imprese manifatturiere del IV capitalismo: profili di crescita Paola Dubini Incontro Confindustria Prato 23 novembre 2007 1 % 40 35 30 25 20 15 10 5 0 % Ripartizione per classi dimensionali di fatturato

Dettagli

Turismo alberghiero in Ticino RAPPORTO TREND ANNO TURISTICO 2014. O-Tur. Anno: III Numero: IX Autori: Igor Sarman Andrea Pellegrini Stefano Scagnolari

Turismo alberghiero in Ticino RAPPORTO TREND ANNO TURISTICO 2014. O-Tur. Anno: III Numero: IX Autori: Igor Sarman Andrea Pellegrini Stefano Scagnolari 06.05.2015 Anno: III Numero: IX Autori: Igor Sarman Andrea Pellegrini Stefano Scagnolari Turismo alberghiero in Ticino RAPPORTO TREND ANNO TURISTICO 2014 O-Tur Via Maderno, 24 -CP4361 CH-6904 Lugano www.otur.usi.ch

Dettagli

Communiqué de presse Pressemitteilung Comunicato Stampa

Communiqué de presse Pressemitteilung Comunicato Stampa Office fédéral de la statistique Bundesamt für Statistik Ufficio federale di statistica Uffizi federal da statistica Service d information Informationsdienst Servizio informazioni Servetsch d infurmaziun

Dettagli

Disoccupati registrati (+368, +5.2%)

Disoccupati registrati (+368, +5.2%) Disoccupati registrati (+368, +5.2%) Persone in cerca di impiego registrate (+319, +3.0%) Tasso di disoccupazione (+0.2 punti percentuali) Documentazione per la stampa della Sezione del lavoro / 9 gennaio

Dettagli

Il settore metalmeccanico veneto aziende e lavoratori nella crisi (2009-2012)

Il settore metalmeccanico veneto aziende e lavoratori nella crisi (2009-2012) Il settore metalmeccanico veneto aziende e lavoratori nella crisi (2009-2012) report marzo 2013 IX congresso regionale Veneto Dal lavoro rinasce il futuro Dolo (Venezia) 4-5 aprile 2013 - 2 - Il quadro

Dettagli

INDAGINE TRIMESTRALE SETTORE SERVIZI. 1 trimestre 2015 Allegato Statistico. Unioncamere Lombardia Funzione Informazione economica

INDAGINE TRIMESTRALE SETTORE SERVIZI. 1 trimestre 2015 Allegato Statistico. Unioncamere Lombardia Funzione Informazione economica INDAGINE TRIMESTRALE SETTORE SERVIZI 1 trimestre 201 Allegato Statistico Unioncamere Lombardia Funzione Informazione economica Maggio 201 1. Gli indicatori congiunturali Nel primo trimestre 201 le imprese

Dettagli

Flash Industria 3.2011

Flash Industria 3.2011 08 novembre 2011 Flash Industria 3.2011 Nel terzo trimestre 2011, sulla base dell'indagine VenetoCongiuntura, la produzione industriale ha registrato una crescita del +2,0 per cento rispetto allo stesso

Dettagli

CAPITOLO 5 LE ATTIVITÀ ECONOMICHE

CAPITOLO 5 LE ATTIVITÀ ECONOMICHE CAPITOLO 5 LE ATTIVITÀ ECONOMICHE 5.1 - Imprese dei settori industria e servizi Al Censimento intermedio dell Industria e dei Servizi (31 dicembre1996) sono state rilevate 3.494 imprese 1 di tipo industriale

Dettagli

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO Ufficio Comunicazione&Studi Confartigianato del Veneto ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO INDAGINE CONGIUNTURALE ANDAMENTO 2 SEMESTRE 2010 PREVISIONE 1 SEMESTRE 2011 In collaborazione con INDAGINE

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione PRODOTTI IN METALLO Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore; come misura dell attività si utilizza il valore aggiunto

Dettagli

I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE DELL INDUSTRIA E DEI SERVIZI PER IL 2013 Il Sistema Informativo Excelsior a supporto delle politiche del

I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE DELL INDUSTRIA E DEI SERVIZI PER IL 2013 Il Sistema Informativo Excelsior a supporto delle politiche del I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE DELL INDUSTRIA E DEI SERVIZI PER IL 2013 Il Sistema Informativo Excelsior a supporto delle politiche del lavoro e della formazione Conferenza stampa 23 luglio 2013

Dettagli

Dinamica strutturale dell economia cantonale tra il 1985 e il 1998

Dinamica strutturale dell economia cantonale tra il 1985 e il 1998 Dinamica strutturale dell economia cantonale tra il 1985 e il 1998 Apparso in Congiuntura Ticinese, Rapporto annuo, 2000 Siegfried Alberton Lugano, 05.2000 pag. 1 Introduzione Questo contributo intende

Dettagli

NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA ANNO 2010 3 TRIMESTRE

NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA ANNO 2010 3 TRIMESTRE NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA ANNO 3 TRIMESTRE Camera di Commercio di Modena Via Ganaceto, 134 41100 Modena Tel. 059 208423 http://www.mo.camcom.it Natalità

Dettagli

INDAGINE CONGIUNTURALE SULLE PREVISIONI DI ANDAMENTO DELL INDUSTRIA IN LIGURIA NEL TERZO TRIMESTRE 2013

INDAGINE CONGIUNTURALE SULLE PREVISIONI DI ANDAMENTO DELL INDUSTRIA IN LIGURIA NEL TERZO TRIMESTRE 2013 INDAGINE CONGIUNTURALE SULLE PREVISIONI DI ANDAMENTO DELL INDUSTRIA IN LIGURIA NEL TERZO TRIMESTRE 2013 Le previsioni delle imprese manifatturiere liguri per il terzo trimestre 2013 hanno confermato alcuni

Dettagli

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo»

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Torino, 28-30 Novembre 2011 Luca Pignatelli Demografia (2010-2011) Popolazione

Dettagli

IL SETTORE. COSTRUZIONI in provincia di Trento

IL SETTORE. COSTRUZIONI in provincia di Trento 26 marzo 2013 IL SETTORE DELLE COSTRUZIONI in provincia di Trento il contesto economico Nel 2012 l area dell euro è nuovamente in recessione, con una riduzione del Pil pari allo 0,6%; si stima che permanga

Dettagli

Statistica sulla domanda di turismo alberghiero in Ticino

Statistica sulla domanda di turismo alberghiero in Ticino Statistica sulla domanda di turismo alberghiero in Ticino Marzo - maggio 2015 Contenuti La sintesi dell Osservatorio del Turismo 3 Analisi per regioni turistiche svizzere 4 Arrivi e pernottamenti mensili

Dettagli

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO A cura dell Ufficio Studi Confcommercio LE DINAMICHE ECONOMICHE DEL VENETO Negli ultimi anni l economia del Veneto è risultata tra le più

Dettagli

INCHIESTA CONGIUNTURALE SULL INDUSTRIA

INCHIESTA CONGIUNTURALE SULL INDUSTRIA INCHIESTA CONGIUNTURALE SULL INDUSTRIA RISULTATI GENERALI L andamento dell Industria di Roma e Provincia nel quarto trimestre del 2002 è risultato sostanzialmente negativo. Con riferimento al Comune, i

Dettagli

Le imprese a Bologna nel 2013

Le imprese a Bologna nel 2013 Le imprese a Bologna nel 2013 Aprile 2014 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione: Stefano Venuti e Paola Ventura Le elaborazioni sono

Dettagli

8. Occupazione e forze di lavoro

8. Occupazione e forze di lavoro 8. Occupazione e forze di lavoro Dall Indagine continua sulle forze di lavoro condotta dall Istat risulta che nel 2005 erano occupate, a Roma, 1.086.092 persone, mentre a livello provinciale gli occupati,

Dettagli

TrendRa, l'indagine di CNA sull andamento economico e occupazionale dell artigianato a Ravenna

TrendRa, l'indagine di CNA sull andamento economico e occupazionale dell artigianato a Ravenna TrendRa, l'indagine di CNA sull andamento economico e occupazionale dell artigianato a Ravenna Venerdì 9 Ottobre 2015 Si intravede qualche segnale di ripresa, ma i principali indicatori economici rimangono

Dettagli

Le aree di Innovazione per la crescita

Le aree di Innovazione per la crescita Le aree di Innovazione per la crescita I Sistemi nazionali di Innovazione vengono caratterizzati dal grado di specializzazione tecnologica dei diversi settori produttivi: la capacità di sviluppare innovazione

Dettagli

MEDEC CENTRO DEMOSCOPICO METROPOLITANO

MEDEC CENTRO DEMOSCOPICO METROPOLITANO MEDEC CENTRO DEMOSCOPICO METROPOLITANO Bologna City Marketing 1 Aumento della popolazione Invecchiamento della popolazione attiva Abbassamento dell indice di vecchiaia e incremento dell i.s.p.a. Dal si

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione ENERGIA Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dell energia; come misura dell attività si utilizza il valore aggiunto

Dettagli

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica:

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica: VERSIONE PROVVISORIA Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Roberto Monducci Direttore

Dettagli

Atlante degli infortuni sul lavoro nella Regione Veneto

Atlante degli infortuni sul lavoro nella Regione Veneto Atlante degli infortuni sul lavoro nella Regione Veneto Anni 1990-2001 Nedda Visentini Direzione sistema statistico regionale 6 Gli autori Direzione prevenzione Centro operativo regionale per l epidemiologia

Dettagli

Disoccupati registrati (-444, -7.2%)

Disoccupati registrati (-444, -7.2%) Disoccupati registrati (-444, -7.2%) Persone in cerca di impiego registrate (-556, -5.7%) Tasso di disoccupazione (-0.3 punti percentuali) Disoccupati ai sensi dell Organizzazione Internazionale del Lavoro

Dettagli

Capitolo 24. Risultati economici delle imprese

Capitolo 24. Risultati economici delle imprese Capitolo 24 Risultati economici delle imprese 24. Risultati economici delle imprese Per saperne di più... Eurostat. http://europa. eu.int/comm/eurostat. Imf. World economic outlook. Washington: 2012.

Dettagli

AZIENDE INTERESSATE DALLA CIGS NEL 2011

AZIENDE INTERESSATE DALLA CIGS NEL 2011 IL MERCATO DEL LAVORO NELLA PROVINCIA DI MODENA: ANDAMENTO CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA E DEGLI AMMORTIZZATORI IN DEROGA (CIGS E CIGO) NEL 2011 L andamento del mercato del lavoro nella provincia

Dettagli

Osservatorio sul Mercato Immobiliare, 1 11. La dotazione immobiliare della provincia di Verona

Osservatorio sul Mercato Immobiliare, 1 11. La dotazione immobiliare della provincia di Verona VERONA La dotazione immobiliare della provincia di 13 città intermedie Nord Est Tavola 1 Italia Stock abitazioni 2009 (n.) 456.881 4.794.134 5.607.108 32.484.071 Var. % stock abitazioni 2008/09 1,6 1,6

Dettagli

Tassi di crescita del tessuto imprenditoriale. Anni 2002-2012 2002 2003 2004 2005 2006* 2007* 2008* 2009* 2010* 2011*

Tassi di crescita del tessuto imprenditoriale. Anni 2002-2012 2002 2003 2004 2005 2006* 2007* 2008* 2009* 2010* 2011* Si attenua la dinamica imprenditoriale Scende, anche se di poco, per la prima volta in 10 anni il numero di imprese registrate a Torino e provincia. Cala il tasso di natalità e sale quello di mortalità.

Dettagli

PROGETTO DI SVILUPPO REGIONALE BELLINZONA NORD

PROGETTO DI SVILUPPO REGIONALE BELLINZONA NORD PROGETTO DI SVILUPPO REGIONALE BELLINZONA NORD OPZIONI DI SVILUPPO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E TERRITORIALE DEL COMPRENSORIO NORD DEL BELLINZONESE CONSAVIS SA FIDIREVISA SA 1 I N D I C E 1 I N D I

Dettagli

Le previsioni sull occupazione nel 2010 in provincia di BERGAMO

Le previsioni sull occupazione nel 2010 in provincia di BERGAMO Le previsioni sull occupazione nel 2010 in provincia di BERGAMO Risultati dell Indagine Excelsior realizzata dal sistema camerale sulla domanda di lavoro delle imprese per l anno 2010 Servizio Documentazione

Dettagli

A.4 IL SISTEMA PRODUTTIVO

A.4 IL SISTEMA PRODUTTIVO A.4 IL SISTEMA PRODUTTIVO A.4.1 Le unità locali Le unità locali presenti sul territorio della provincia di Ferrara, al Censimento dell Industria e dei Servizi 2001, erano 32.101, in aumento, rispetto al

Dettagli

a cura del Centro Studi primo semestre 2013

a cura del Centro Studi primo semestre 2013 a cura del Centro Studi primo semestre 2013 INDAGINE CONGIUNTURALE TRA LE IMPRESE EDILI DEL PIEMONTE E DELLA VALLE D AOSTA INDAGINE CONGIUNTURALE TRA LE IMPRESE EDILI DEL PIEMONTE E DELLA VALLE D AOSTA

Dettagli

Fig. 1.24 - Indice dei prezzi al consumo per l'intera collettività nazionale (NIC). Variazione tendenziale annua. Roma e Italia, anni 2002-2006

Fig. 1.24 - Indice dei prezzi al consumo per l'intera collettività nazionale (NIC). Variazione tendenziale annua. Roma e Italia, anni 2002-2006 1.8 Prezzi e inflazione Se nel corso del 2004 i prezzi romani, dopo le tendenze inflazionistiche degli anni precedenti, hanno mostrato un percorso di progressiva decelerazione, l anno 2005 è caratterizzato

Dettagli

L interscambio commerciale tra Italia e India Anni 2000-2006

L interscambio commerciale tra Italia e India Anni 2000-2006 6 febbraio 2007 L interscambio commerciale tra Italia e India Anni 2000-2006 Ufficio della comunicazione Tel. +39 06 4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel. + 39 06 4673.3106 Informazioni

Dettagli

LA DOMANDA DI LAVORO IN PROVINCIA DI TREVISO

LA DOMANDA DI LAVORO IN PROVINCIA DI TREVISO LA DOMANDA DI LAVORO IN PROVINCIA DI TREVISO Previsioni occupazionali e fabbisogni professionali per il 2010 Elaborazioni Ufficio Studi e Statistica Camera di Commercio di Treviso Novembre 2010 SETTORE

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

Lavoro che arriva, lavoro che va

Lavoro che arriva, lavoro che va 1 Lavoro che arriva, lavoro che va Ruolo e opportunità per le microimprese tra realtà e tendenze evolutive Siegfried Alberton, Prof. SUPSI, inno3, DSAS-SUPSI 22 agosto 2014 DSAS / CCI3 / Lavoro che arriva

Dettagli

Osservatorio sul Mercato Immobiliare, Novembre 2014 NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A OTTOBRE 2014 1. Genova Evoluzione delle compravendite

Osservatorio sul Mercato Immobiliare, Novembre 2014 NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A OTTOBRE 2014 1. Genova Evoluzione delle compravendite Numero di compravendite Numero di compravendite Osservatorio sul Mercato Immobiliare, Novembre 1 G E N O V A NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A OTTOBRE 1 1.. Evoluzione delle compravendite Settore

Dettagli

Flash Industria 4.2011

Flash Industria 4.2011 15 febbraio 2011 Flash Industria 4.2011 Nel quarto trimestre 2011, sulla base dell'indagine VenetoCongiuntura, la produzione industriale ha registrato una flessione del -1,4 per cento rispetto allo stesso

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 16 DICEMBRE 2010 Microimprese ancora in affanno ma emergono i primi timidi segnali di miglioramento negli investimenti Calano

Dettagli

10 Turismo. Introduzione

10 Turismo. Introduzione 0 Turismo 2 Introduzione 3 Panorama 3 Il settore turistico ticinese 3 Evoluzioni recenti della domanda nel settore turistico 4 La domanda alberghiera per provenienza degli ospiti 5 La domanda alberghiera

Dettagli

Analisi delle domande di brevetto pubblicate dallo European Patent Office nel periodo 1999-2012

Analisi delle domande di brevetto pubblicate dallo European Patent Office nel periodo 1999-2012 Analisi delle domande di brevetto pubblicate dallo European Patent Office nel periodo 1999-2012 (Contributo DINTEC al rapporto Giornata Economia 2013) 1. Il quadro nazionale Nel periodo 1999-2012 l EPO

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

Censimento delle mense e dei doposcuola Scuole dell infanzia, scuole elementari e scuole medie pubbliche del Cantone Ticino Anno scolastico 2010/11

Censimento delle mense e dei doposcuola Scuole dell infanzia, scuole elementari e scuole medie pubbliche del Cantone Ticino Anno scolastico 2010/11 Michela Crespi Branca Luana Tozzini Paglia Censimento delle mense e dei doposcuola Scuole dell infanzia, scuole elementari e scuole medie pubbliche del Cantone Ticino Anno scolastico 2010/11 Documenti

Dettagli

L industria dentale italiana e il mercato di riferimento Maggio 2015

L industria dentale italiana e il mercato di riferimento Maggio 2015 Maggio 2015 L industria dentale italiana e il mercato di riferimento Maggio 2015 Presentazione Rapporto UNIDI definitivo sul mercato 2013 e stima 2014 Il progetto KEY-STONE Presentazione rapporto sul periodo

Dettagli

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche Osservatorio24 def 27-02-2008 12:49 Pagina 7 Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO 2.1 La produzione industriale e i prezzi alla produzione Nel 2007 la produzione industriale

Dettagli

Tutti nella rete? L utilizzo di Internet in Svizzera

Tutti nella rete? L utilizzo di Internet in Svizzera Tutti nella rete? L utilizzo di Internet in Svizzera I risultati della prima inchiesta Omnibus del censimento federale della popolazione Con la pubblicazione dei primi dati, iniziamo, anche tramite questa

Dettagli

Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino.

Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino. Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino. Specializzazione produttiva o SP., competitività internazionale e crescita economica o SP.,

Dettagli

Annuario Istat-Ice 2008

Annuario Istat-Ice 2008 Le informazioni statistiche sul Commercio estero e sulle Attività Internazionali delle imprese Luigi Biggeri 1 Struttura della presentazione 1. L Annuario e lo sviluppo delle informazioni statistiche sul

Dettagli

GLI ESITI OCCUPAZIONALI DELLA FORMAZIONE AL LAVORO

GLI ESITI OCCUPAZIONALI DELLA FORMAZIONE AL LAVORO GLI ESITI OCCUPAZIONALI DELLA FORMAZIONE AL LAVORO L indagine sugli esiti occupazionali dei corsi di formazione ha preso in considerazione i corsi Nof del biennio 2002/2003 e i post-diploma del 2003, analizzando

Dettagli

CARATTERISTICHE ED EVOLUZIONE DEI TIROCINI ATTIVATI IN PROVINCIA DI PIACENZA

CARATTERISTICHE ED EVOLUZIONE DEI TIROCINI ATTIVATI IN PROVINCIA DI PIACENZA CARATTERISTICHE ED EVOLUZIONE DEI TIROCINI ATTIVATI IN PROVINCIA DI PIACENZA In questa analisi vengono presi in esame i dati relativi alle comunicazioni obbligatorie pervenute al Sistema Informativo Lavoro

Dettagli

Movimprese III trimestre 2015. Natalità e mortalità delle imprese registrate presso le Camere di Commercio della Toscana

Movimprese III trimestre 2015. Natalità e mortalità delle imprese registrate presso le Camere di Commercio della Toscana Movimprese III trimestre 2015 Natalità e mortalità delle imprese registrate presso le Camere di Commercio della Toscana Firenze, Novembre 2015 Indice CAPITOLO 1: IL QUADRO GENERALE CAPITOLO 2: TIPOLOGIE

Dettagli

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A L economia del Veneto Venezia, 17 giugno 2014 Le imprese L'eredità della crisi Indice del PIL (2007=100) Nel Nord Est la riduzione cumulata del PIL è di 8 punti percentuali.

Dettagli

IL SETTORE DEI BENI STRUMENTALI NEL 2014

IL SETTORE DEI BENI STRUMENTALI NEL 2014 FEDERAZIONE NAZIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DEI PRODUTTORI DI BENI STRUMENTALI E LORO ACCESSORI DESTINATI ALLO SVOLGIMENTO DI PROCESSI MANIFATTURIERI DELL INDUSTRIA E DELL ARTIGIANATO IL SETTORE DEI BENI

Dettagli

Saldi delle posizioni lavorative dal 30 giugno 2008 per genere e cittadinanza

Saldi delle posizioni lavorative dal 30 giugno 2008 per genere e cittadinanza LA GRANDE CRISI RACCONTATA DAI NUMERI di Maurizio Gambuzza Saldi delle posizioni lavorative dal 3 giugno 28 per genere e cittadinanza 5-5 -1-15 -2-25 Uomini italiani Donne italiane Uomini stranieri Donne

Dettagli

PRODUZIONE INDUSTRIALE

PRODUZIONE INDUSTRIALE 9 maggio 2014 marzo 2014 PRODUZIONE INDUSTRIALE A marzo 2014 l indice destagionalizzato della produzione industriale è diminuito dello 0,5% rispetto a febbraio. Nella media del trimestre gennaio-marzo

Dettagli

L istruzione nel Comune di Udine

L istruzione nel Comune di Udine COMUNE DI UDINE Dipartimento Affari Generali U.Org. Studi e Statistica L istruzione nel Comune di Udine COMUNE DI UDINE U.Org. Studi e Statistica Via B. Stringher, 10-33100 Udine E-mail: statistica@comune.udine.it

Dettagli

Il mercato del lavoro in provincia di Padova

Il mercato del lavoro in provincia di Padova Osservatorio sul Mercato del Lavoro della Provincia di Padova Il mercato del lavoro in provincia di Padova Anno 2011 e I semestre 2012 1 ottobre 2012 A cura di Anna Basalisco 1 Fonti proprie - Cubi OLAP

Dettagli

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel 2006

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel 2006 24 novembre 2008 La Ricerca e Sviluppo in Italia nel 2006 L Istat diffonde i risultati delle rilevazioni sulla Ricerca e Sviluppo intra-muros (R&S) in Italia, riferiti alle imprese, alle istituzioni pubbliche

Dettagli

TrendRA RAPPORTO CONGIUNTURALE ED ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA Anno 2014 e prime tendenze 2015.

TrendRA RAPPORTO CONGIUNTURALE ED ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA Anno 2014 e prime tendenze 2015. TrendRA RAPPORTO CONGIUNTURALE ED ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA Anno 2014 e prime tendenze 2015. Questa mattina, nel corso di una conferenza stampa a cui hanno partecipato il direttore, Massimo

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UM21B ATTIVITÀ 46.34.20 COMMERCIO ALL INGROSSO DI BEVANDE ALCOLICHE NON ALCOLICHE

STUDIO DI SETTORE UM21B ATTIVITÀ 46.34.20 COMMERCIO ALL INGROSSO DI BEVANDE ALCOLICHE NON ALCOLICHE STUDIO DI SETTORE UM21B ATTIVITÀ 46.34.10 COMMERCIO ALL INGROSSO DI BEVANDE ALCOLICHE ATTIVITÀ 46.34.20 COMMERCIO ALL INGROSSO DI BEVANDE NON ALCOLICHE Settembre 2008 PREMESSA L evoluzione dello Studio

Dettagli

Il riciclo e il recupero

Il riciclo e il recupero 22 Rapporto di sostenibilità Conai 213 Il riciclo e il recupero Conai si fa carico del conseguimento degli obiettivi fissati dalla normativa europea e nazionale in materia di gestione ambientale dei rifiuti

Dettagli

TORINO CONGIUNTURA 1 SEMESTRE 2007

TORINO CONGIUNTURA 1 SEMESTRE 2007 TORINO CONGIUNTURA 1 SEMESTRE 2007 (fonte: Camera di Commercio di Torino) 1 ANDAMENTO PRODUZIONE INDUSTRIALE La produzione industriale torinese nel 2 trimestre del 2007 ha avuto un tasso di crescita del

Dettagli

economico congiunturale

economico congiunturale indicatori Economica Numero 6 novembre-dicembre 55 Osservatorio economico congiunturale indicatori ll punto sull economia della provincia di 56 Economica Numero 6 novembre-dicembre I RISULTATI DI BILANCIO

Dettagli

Capitolo 3. Specializzazioni produttive e sviluppo locale

Capitolo 3. Specializzazioni produttive e sviluppo locale Capitolo 3 Specializzazioni produttive e sviluppo locale 3.1 Introduzione L obiettivo di questo capitolo è di fornire una mappa dettagliata dello sviluppo locale italiano utilizzando i sistemi locali del

Dettagli

Dati statistici sull energia elettrica 2009 in Italia

Dati statistici sull energia elettrica 2009 in Italia Dati statistici sull energia elettrica 2009 in Italia Introduzione 1. Premessa Terna Rete Elettrica Nazionale (Terna) cura la raccolta dei dati statistici del settore elettrico nazionale, essendo il suo

Dettagli

Il Mercato del Lavoro in Provincia di Pavia

Il Mercato del Lavoro in Provincia di Pavia Settore Sviluppo e Lavoro - Servizi alla Persona e all'impresa Servizi per l Impiego della Provincia di Pavia Il Mercato del Lavoro in Provincia di Pavia 2 trimestre 2015 Premessa Il report sul mercato

Dettagli

Saldo naturale negativo, matrimoni e divorzi in aumento Movimento naturale della popolazione 2010

Saldo naturale negativo, matrimoni e divorzi in aumento Movimento naturale della popolazione 2010 Saldo naturale negativo, matrimoni e divorzi in aumento Nel si registra un aumento delle nascite (+21, per un totale di 2.953) e dei decessi (+110, per un totale di 2.971). Il saldo naturale, ossia la

Dettagli

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione ATTIVITÀ FINANZIARIE Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione Il settore dell intermediazione monetaria e finanziaria ha acquistato rilevanza nel corso degli ultimi vent anni:

Dettagli

PROPERti MARKET study

PROPERti MARKET study ricerca di mercato immobiliare PROPERti MARKET study 2013 Luganese Locarnese Bellinzonese Mendrisiotto INDICE Il Ticino economico 10 I crediti ipotecari 18 Il Ticino immobiliare 24 Come trasformare un

Dettagli

L INDUSTRIA VENETA AFFRONTA LO SHOCK FINANZIARIO

L INDUSTRIA VENETA AFFRONTA LO SHOCK FINANZIARIO Venezia, 10 novembre 2008 COMUNICATO STAMPA Indagine congiunturale di Unioncamere del Veneto sulle imprese manifatturiere III trimestre 2008 L INDUSTRIA VENETA AFFRONTA LO SHOCK FINANZIARIO Trimestre negativo

Dettagli

Questa presentazione fornisce informazioni su quali sono gli sbocchi occupazionali dei laureati del 2009 che hanno terminato gli studi e si sono

Questa presentazione fornisce informazioni su quali sono gli sbocchi occupazionali dei laureati del 2009 che hanno terminato gli studi e si sono 1 Questa presentazione fornisce informazioni su quali sono gli sbocchi occupazionali dei laureati del 2009 che hanno terminato gli studi e si sono presentati sul mercato del lavoro. Tali informazioni provengono

Dettagli

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2011

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2011 SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE COMUNICATO STAMPA CRESCE DEL 4,3 PER CENTO IL RISPARMIO GESTITO IN IMMOBILI TOTALE MONDIALE A 1.450 MILIARDI DI EURO OBIETTIVO 100 MILIARDI

Dettagli

A cura dell interessato

A cura dell interessato A cura dell interessato DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL INTERVENTO...l... sottoscritto/a... nato/a il a... (...) Stato... (Comune) Prov. Codice Fiscale fa domanda di partecipazione all intervento indicato Al

Dettagli

LA CONGIUNTURA IMMOBILIARE PRIMO SEMESTRE 2012 BOLOGNA

LA CONGIUNTURA IMMOBILIARE PRIMO SEMESTRE 2012 BOLOGNA OSSERVATORIO SUL MERCATO IMMOBILIARE Comunicato stampa LA CONGIUNTURA IMMOBILIARE PRIMO SEMESTRE 2012 NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A MAGGIO 2012 Trimestre Bologna Numero di compravendite

Dettagli

Sistema Informativo Excelsior

Sistema Informativo Excelsior Sistema Informativo Excelsior Sintesi dei principali risultati - 2011 SOMMARIO TAVOLE STATISTICHE Appendice 1 Corrispondenza tra la classificazione di attività economica ATECO 2007 e i settori EXCELSIOR

Dettagli

Movimprese IV trimestre e anno 2013. Natalità e mortalità delle imprese registrate presso le Camere di Commercio della Toscana

Movimprese IV trimestre e anno 2013. Natalità e mortalità delle imprese registrate presso le Camere di Commercio della Toscana Movimprese IV trimestre e anno 2013 Natalità e mortalità delle imprese registrate presso le Camere di Commercio della Toscana Firenze, Gennaio 2014 Indice CAPITOLO 1: IL QUADRO GENERALE CAPITOLO 2: TIPOLOGIE

Dettagli

Il fenomeno infortunistico in provincia di Rimini

Il fenomeno infortunistico in provincia di Rimini Il fenomeno infortunistico in provincia di Rimini Aggiornamento 2011 Indice 1 - Le dinamiche generali e la crisi economica pag. 2 2 - Una prospettiva settoriale pag. 5 3 - I lavoratori stranieri pag. 7

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA DEGLI INFORTUNI NEL COMPARTO DELLA CERAMICA 1

EPIDEMIOLOGIA DEGLI INFORTUNI NEL COMPARTO DELLA CERAMICA 1 EPIDEMIOLOGIA DEGLI INFORTUNI NEL COMPARTO DELLA CERAMICA 1 PREMESSA Il comparto della ceramica per piastrelle rappresenta, da vari decenni, una delle realtà industriali di maggiore rilievo della nostra

Dettagli

TRATTI DISTINTIVI DEL MERCATO DEL LAVORO

TRATTI DISTINTIVI DEL MERCATO DEL LAVORO Analisi TRATTI DISTINTIVI DEL MERCATO DEL LAVORO 51 Oscar Gonzalez 1 Ufficio di statistica Il mercato del lavoro vive continue trasformazioni che lo rendono sempre più articolato, mentre i sui funzionamenti

Dettagli