OTTIMIZZAZIONE DELLA REGOLAZIONE DI UNA VELA RIGIDA PER CATAMARANI DA REGATA MEDIANTE modefrontier e ANSYS

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "OTTIMIZZAZIONE DELLA REGOLAZIONE DI UNA VELA RIGIDA PER CATAMARANI DA REGATA MEDIANTE modefrontier e ANSYS"

Transcript

1 OTTIMIZZAZIONE DELLA REGOLAZIONE DI UNA VELA RIGIDA PER CATAMARANI DA REGATA MEDIANTE modefrontier e ANSYS Alberto Clarich, Rosario Russo, Gianluca Gustin*, Enrico Nobile*, Mitja Morgut* ESTECO SpA *Dipartimento di Ingegneria e Architettura Trieste, Italia Web: Riassunto Università degli Studi di Trieste, Trieste, Italia In questo lavoro viene presentata una metodologia numerica innovativa per la regolazione ottimale di una vela alare rigida per catamarani da regata, in condizioni di navigazione prefissate. La procedura di ottimizzazione è implementata nell ambiente di ottimizzazione modefrontier, attraverso il quale è possibile definire il processo completo di simulazione mediante le interfacce dirette con i prodotti ANSYS (in questo caso ICEM CFD e CFX ), utilizzati per definire i modelli di simulazione numerica della vela. Al giorno d oggi nella progettazione industriale diventa sempre più fondamentale l utilizzo di metodologie avanzate d ottimizzazione, che consentano da un lato di poter eseguire in tempi rapidi complessi workflow di 1

2 simulazione numerica, che includano l aggiornamento automatico dei modelli CAD, della griglia di calcolo e della simulazione numerica, e dall altro lato di scegliere gli opportuni algoritmi multi-obiettivo di ottimizzazione, necessari a trovare nel minor numero possibile di simulazioni le soluzioni ottimali come compromesso tra i diversi obiettivi e criteri adottati. Per questo scopo il presente lavoro vuole dimostrare, attraverso l applicazione alla vela da regata, l efficienza della metodologia e degli strumenti impiegati. Dal lato della simulazione numerica, i modelli sono stati accuratamente preparati e validati utilizzando ANSYS ICEM CFD e ANSYS CFX, a partire da un modello parametrico definito in SolidWorks. Inoltre, è stata applicata la tecnologia di modefrontier per la distribuzione dei processi di calcolo sulle risorse disponibili in rete, in modo da ottimizzarne lo sfruttamento e favorire la collaborazione tra diversi dipartimenti. Dal lato della metodologia di ottimizzazione, è stato applicato l algoritmo FAST di modefrontier, che consente la combinazione di Algoritmi Genetici Multi-Obiettivo (MOGAII) con Superfici di Risposta Adattative (RSM), per combinare l elevata efficienza e robustezza dell algoritmo con la rapidità dei metamodelli, la cui accuratezza è garantita dalla procedura adattativa. L algoritmo infatti allena diverse superfici di risposta automaticamente a partire da un database di pochi design, ne utilizza la migliore per trovare istantaneamente le soluzioni ottimali attraverso l applicazione del MOGAII, valida tali soluzioni eseguendone la simulazione, e utilizza tali risultati per aggiornare il database ottenendo così nuovi superfici di risposta più accurate. La procedura viene ripetuta in modo iterativo fino a quando la convergenza ai risultati ottimali viene raggiunta, con un numero significativamente ridotto di simulazioni globali (effettive). Nell articolo sono descritti i modelli utilizzati per la simulazione, gli strumenti utilizzati per l ottimizzazione, e vengono presentati i risultati ottenuti, al fine di mettere in luce l efficienza della tecnologia, applicabile in diversi settori della progettazione industriale. 1. Regolazione della vela di un Catamarano L obiettivo di questo lavoro è la definizione di una procedura di ottimizzazione numerica per la regolazione di una vela rigida per catamarani da regata, in funzione delle condizioni di navigazione. In questo studio, basato su una tesi di laurea svolta presso il Dipartimento di Ingegneria e Architettura dell Università di Trieste [1], è stata considerata una vela alare rigida simile a quella installata sui catamarani da regata AC45, che gareggeranno nella America s Cup World Series nel Questa tipologia di catamarani (ovvero imbarcazioni a due scafi) ha, per la classe AC45, dimensioni determinate dalle regole di classe [2], ovvero: lunghezza pari a 13.45m, trave tra i due scafi di lunghezza pari a 6.90m e superficie dell ala pari a 85m 2. In figura 1 [1] sono rappresentate le forze agenti sull imbarcazione. Figura 1: Forze agenti su un catamarano 2

3 L angolo AWA (Apparent Wind Angle) definisce l angolo tra la direzione della rotta della barca (la cui velocità è BS o Boat Speed) e la direzione del vento apparente, la cui velocità (AWS o Apparent Wind Speed) è ottenuta come somma vettoriale del vento reale (TWS o True Wind Speed) e la stessa velocità della barca (BS). Il vento agente sulla vela, con velocità e direzione pari a AWS, determina quindi sulla vela una forza aerodinamica risultante FA (rossa in fig.1), con componente FM agente lungo l asse della barca e che costituisce la forza motrice della stessa, e componente ortogonale detta forza sbandante (FS) che contribuisce al momento sbandante [3]. La stessa forza FA può anche essere scomposta nelle componenti ortogonali e parallele alla direzione del vento apparente, ottenendo rispettivamente: L o portanza aerodinamica, e D o resistenza aerodinamica. L effetto delle azioni aerodinamiche è equilibrato dall effetto delle appendici idrodinamiche sotto lo scafo, che danno origine a una forza risultante FI (verde in fig.1), avente nella sezione frontale (fig.2) una componente PI scomponibile a sua volta in una componente verticale (P_V) pari alla forza di galleggiamento e una orizzontale (P_H) che di fatto determina la resistenza al moto di scarroccio rispetto l asse della barca (angolo in fig.1 che definisce la rotta rispetto all asse della barca). La barca si inclinerà quindi di un angolo tale che il momento esercitato dalla forza peso W (il centro di gravità si sposta in funzione della posizione dell equipaggio) bilanci il momento sbandante determinato dalla forza sbandante FS agente sulla vela e dalla forza sbandante PI agente sullo scafo, come definito in fig.2 [1]. Figura 2: Vista frontale del catamarano; parametri per la regolazione della vela Una regolazione ottimale richiede quindi un intervento sulla vela che, come rappresentato in fig.2 a destra, per questo tipo di imbarcazioni è alare rigida [4] ed è definita da due elementi (generati rispettivamente, nel nostro caso, da un profilo NACA 0021 e NACA 0012 [5], con corda variabile lungo l altezza) svergolati tra la base e l altezza. La regolazione deve consentire di massimizzare la componente motrice risultante della forza aerodinamica (FM) e di ottenere un momento sbandante (MS) più vicino possibile al momento raddrizzante ottimale per un equipaggio tipico di questo tipo di imbarcazioni, che si è stimato pari a Nm con una tolleranza di +/-5.000Nm. Nel dettaglio, i parametri utilizzati per la regolazione sono: angolo (o AoA_e1) che definisce l angolo tra la linea media di base del primo elemento e l asse della barca; angolo o camber), che definisce l angolo tra la 3

4 linea media del profilo alla base dei due elementi; angoli di twist 1 ed 2, che definiscono l angolo tra la linea media dei profili alla base e all apice della vela dei 2 elementi (angoli di svergolamento dei 2 profili). E stato quindi realizzato un modello CAD parametrico in Solidworks per la definizione della geometria della vela, con i 4 parametri definiti qui sopra integrati in esso. 2. Modello numerico in ANSYS Il modello numerico per la simulazione numerica della vela è stato interamente realizzato in ANSYS, utilizzando ICEM CFD per la definizione della griglia di calcolo e CFX per la simulazione. Per quanto riguarda il dominio di calcolo, le dimensioni sono tali da contenere 16.5 volte la corda a prua (dove il contorno è cilindrico) e 17.5 volte la corda a poppa (dove il contorno è rettangolare), con un altezza pari a 14.7 volta la corda. Il dominio è suddiviso in due parti, ovvero una parte costituita da un parallelepipedo di dimensioni ridotte (di lato inferiore a 4 volte la lunghezza della corda) contenente la vela, nella quale è generata una griglia di calcolo ibrida, ed il resto del dominio, nel quale è generata una mesh strutturata a blocchi. Figura 3: Dettaglio della mesh Come condizioni al contorno è definita a prua, sopravento e sottovento una velocità in ingresso pari al vento apparente, mentre a poppa è definita una condizione di pressione relativa pari a 0 Pa. Più precisamente, la velocità in ingresso non è costante lungo l altezza della vela, ma segue un profilo di velocità dato dalla seguente formula [3]: ( ) ( ) (1) dove TWS(h) è il profilo del vento reale in funzione dell altezza della vela, u TW è la velocità indisturbata del vento reale (considerata pari a 8.2 m/s), H ref è l altezza di riferimento della vela (10 m), e è il gradiente del vento (in genere pari a 0.1). Con un angolo TWA del vento reale rispetto la barca pari a 40 (andatura di bolina) e una velocità della barca considerata pari a 9.6m/s, la velocità indisturbata del vento apparente risulta pari a 15m/s: il numero di Reynolds basato sulla corda della vela e su quest ultima velocità risulta quindi pari a Tornando ai dettagli della mesh (fig.3), attorno alla vela sono quindi stati estrusi 15 layers con fattore di espansione pari a 1.3, a partire da un altezza della prima cella adiacente alla vela di 1 mm. Lo spessore totale di layers estrusi risulta quindi essere di m, che è sufficiente a coprire lo spessore dello stato limite. Utilizzando infatti la formula: essendo c la lunghezza della corda (pari a 5.44m) e utilizzando il valore di Re precedentemente calcolato, si verifica che l altezza dello strato di prismi è superiore alla dimensione stessa stimata dello strato limite. In conclusione la griglia ibrida generata intorno alla vela è composta da circa 10 7 elementi con oltre nodi, mentre la griglia strutturata a blocchi nel resto del dominio è composta da circa elementi ed analogo numero di nodi. Infine, come modello di turbolenza è stato adottato il modello SST [6] disponibile in ANSYS CFX. (2) 4

5 3. Definizione della procedura di ottimizzazione I modelli numerici preparati secondo quanto descritto nei paragrafi precedenti sono stati quindi integrati nell ambiente di ottimizzazione multi-obiettivo modefrontier [7] prodotto da ESTECO. In tale ambiente modulare è possibile definire un workflow attraverso la connessioni di diversi nodi che rappresentano diverse fasi del processo da automatizzare, per la valutazione di ogni singola configurazione proposta dall algoritmo di ottimizzazione. Dal momento che parte dei software utilizzati sono disponibili presso il Dipartimeno di Ingegneria e Architettura dell Università di Trieste, e parte in ESTECO, è stata utilizzata la nuova soluzione Enterprise di ESTECO, per eseguire un workflow o parte di esso (sub-process) in qualunque macchina disponibile nella rete attraverso l utilizzo di tecnologia basata su standard di comunicazione internet: con questa tecnologia è quindi possibile gestire un processo di ottimizzazione utilizzando risorse disponibili in diversi dipartimenti di una azienda o addirittura gestire progetti che coinvolgano diverse aziende. Nei prossimi paragrafi quindi descriveremo prima brevemente il workflow utilizzato per l ottimizzazione definita in questo articolo, e quindi descriveremo l algoritmo utilizzato per l ottimizzazione, di cui riportiamo i risultati nell ultimo capitolo. 3.1 Workflow per l esecuzione automatica delle simulazioni in modefrontier Nella figura 4 è rappresentato il workflow di modefrontier utilizzato per l ottimizzazione del modello definito nei capitoli precedenti. Il workflow è utilizzato per definire la catena di processi da eseguire in modo automatico per ogni configurazione proposta dall algoritmo di ottimizzazione (definito dai primi due nodi a sinistra, DOE + FAST, del workflow). In alto è possibile notare come le 4 variabili di input siano definiti da altrettanti nodi, al cui interno sono definiti i range di variazione previsti. Le variabili sono collegate direttamente al nodo SolidWorks, ovvero l interfaccia diretta col relativo CAD: attraverso questa interfaccia è possibile specificare direttamente quali parametri geometrici del modello sono controllati dalle 4 variabili di input dell ottimizzazione (in questo caso, i 4 angoli di regolazione definiti nel capitolo 2). Una volta che il modello CAD è aggiornato per ogni configurazione proposta, il file (Iges) è trasferito all applicazione successiva, la cui esecuzione viene eseguita come accennato nel paragrafo precedente tramite il nodo Sub-Process. Figura 4: Workflow in modefrontier Tale nodo consente di eseguire un sub-process ovvero una parte di workflow, che è rappresentato nel riquadro azzurro, su una risorsa esterna disponibile in rete, in questo caso una macchina disponibile all Università. In questo workflow è definito sostanzialmente il processo che deve essere ivi eseguito, cioè la simulazione del modello ANSYS, attraverso l interfaccia diretta con Workbench. Al nodo viene passato il file relativo al modello CAD aggiornato, e viene quindi eseguita la simulazione numerica utilizzando il modello ANSYS preparato secondo quanto indicato nel paragrafo 2. 5

6 Vogliamo far notare che sfruttando il plugin diretto tra SolidWorks e ANSYS sarebbe sufficiente utilizzare l interfaccia diretta con ANSYS soltanto, ma dal momento che vogliamo rappresentare una situazione industriale nella quale software diversi possono essere disponibili in dipartimenti diversi, utilizziamo separatamente il nodo SolidWorks nel workflow principale, e il nodo Workbench nel Sub-process da eseguire altrove. Gli ultimi nodi definiti nel workflow principale sono quindi i nodi rappresentanti le variabili di output del processo, ovvero la forza motrice FM e il momento sbandante MS, ai quali sono collegati rispettivamente l obiettivo da massimizzare (freccia blu verso l alto nel workflow) e il vincolo sul momento sbandante definito dall equazione: abs(ms-60000)<5000, con abs() funzione valore assoluto. Le variabili di output (definiti nell ambiente CFX-Post ) sono ottenute direttamente dal modello Workbench attraverso l interfaccia diretta, e quindi passate attraverso il nodo Sub-Process al workflow principale. 3.2 Algoritmo FAST: Algoritmo Genetico combinato con Superfici di Risposta Adattative Nei precedenti paragrafi abbiamo introdotto le tecnologie utilizzate per la definizione della procedura automatica di simulazione e per l utilizzo delle risorse remote di calcolo, mentre in questo paragrafo ci soffermiamo sull algoritmo di ottimizzazione scelto in modefrontier. L algoritmo utilizzato per questa applicazione è il FAST, in quanto esso consente un ottima combinazione di robustezza in termini di bontà dei risultati ottenibili ed efficienza in termini di numero di simulazioni necessarie ad ottenerli. L algoritmo è infatti basato sull integrazione di un robusto algoritmo di ottimizzazione multi-obiettivo, MOGAII (Multi-Objective Genetic Algorithm) [8] con le Superfici di Risposta (RSM) adattative [9]. Partendo da un database di designs scelti da un opportuno algoritmo (DOE o Design of Experiments), diverse Superfici di Risposta o Meta-modelli (tra le quali Radial Basis Function, Kriging, Neural Network, SVD, ecc.. [6]), indicati per semplicità col termine RSM, possono essere addestrate, e quindi utilizzate per l estrapolazione automatica delle risposte del sistema in funzione delle variabili di design. In questa maniera, può essere effettuata un ottimizzazione virtuale in modo istantaneo (virtuale nel senso che i software CAE e le altre applicazioni definite nel workflow non vengono usati direttamente, ma i risultati sono estrapolati automaticamente dai modelli RSM), incluso un DOE di affinamento locale attorno alle soluzioni migliori. A questo punto, le soluzioni migliori così ottenute (Fronte di Pareto) possono essere validate mediante simulazioni reali (ovvero mediante l uso dei processi CAE definiti nel workflow), aggiornando in questo modo il database utilizzato per il training delle RSM. Una procedura automatica di validazione determinerà l algoritmo RSM più performante, che sarà quindi utilizzato per il passo successivo di ottimizzazione virtuale e validazione, che si ripeterà fino ad ottenere una convergenza sulle soluzioni ottimali. Uno schema dell algoritmo è riportato nella figura 5 qui sotto. Figura 5: Schema logico dell algoritmo FAST di modefrontier 6

7 4. Risultati dell ottimizzazione Una volta definito il workflow e scelto l algoritmo per l ottimizzazione, modefrontier può eseguire automaticamente le simulazioni necessarie ad ottimizzare gli obiettivi definiti. La figura 6 riporta i risultati ottenuti: in ascissa è indicata la forza motrice (da massimizzare) e in ordinata il momento sbandante (da contenere entro il valore ammissibile di 60,000±5,000N), mentre ogni punto del grafico rappresenta una diversa configurazione simulata. In totale sono state eseguite 64 simulazioni, corrispondenti a 4 steps di dimensione pari a 16 designs ciascuno. Figura 6: Risultati dell ottimizzazione (forza motrice vs momento sbandante) Si può notare come il range entro il quale i risultati rispettano il vincolo sul momento sbandante (punti di colore verde, ovvero feasible) è particolarmente stretto, per questo motivo abbiamo riportato in figura uno zoom relativo alla zona di interesse. L algoritmo FAST è riuscito con un numero limitato di simulazioni a trovare dei risultati validi in questa zona, nonostante la difficoltà di trovare soluzioni che rispettassero vincoli tanto stretti. Per migliorare ulteriormente le soluzioni, è stato quindi applicato un metodo del gradiente molto accurato, NLPQPL [10], utilizzando per il calcolo delle derivate parziali le Superfici di Risposta precedentemente allenate ed adattate dall algoritmo FAST. In questo modo, per eseguire 10 nuove iterazioni dell algoritmo, si sono rese necessarie soltanto 10 nuove simulazioni, senza bisogno di ripeterne nessuna per il calcolo delle stesse derivate parziali. Tra questi nuovi risultati, è stata scelta come configurazione ottimale la soluzione col valore più alto di forza motrice, alla quale corrispondono i seguenti parametri di regolazione (fig.7): Asse barca Figura 7: Parametri di regolazione ottimale W E interessante notare come l angolo di attacco del primo elemento,, abbia raggiunto praticamente il valore massimo del range considerato, mentre il camber tra i 2 elementi abbia un valore intermedio; lo svergolamento del primo elemento 1 è praticamente nullo, mentre quello del secondo, 2, è piuttosto importante. Al fine di validare i risultati ottenuti, è stata ripetuta la simulazione della geometria migliore utilizzando una mesh strutturata a esaedri con analogo numero di elementi; i risultati differiscono soltanto del 2-3%, confermando la validità delle simulazioni. 7

8 In figura 7 riportiamo il Run Analysis Monitor di modefrontier, che consente di monitorare l andamento dell ottimizzazione e analizzare i risultati ottenuti durante le simulazioni; in particolare, nella figura possiamo osservare la geometria CAD e il campo di velocità, ad una sezione di 5m di altezza, per la soluzione ottimale. Figura 7: Run Analysis monitor in modefrontier ; dettagli della soluzione ottimale Per concludere, in figura 8 riportiamo dei diagrammi relativi alle superfici di risposta, allenate sul database complessivo di designs disponibili e adattate quindi in modo ottimale dell algoritmo FAST. Le prime due figure in alto si riferiscono alla superfice di risposta per la forza motrice FM, in funzione rispettivamente dei parametri e camber, e poi 1 (TW_e1) e 2 (TW_e2). Le successive due figure in basso si riferiscono invece alle superfici di risposta per MS (momento sbandante), in funzione degli stessi parametri. Figura 8: Superfici di risposta (FM in alto e MS in basso, in funzione dei 4 parametri di regolazione) 8

9 Ringraziamenti Gli autori desiderano ringraziare l Ing. Matteo Ledri di PLUS srl per il contributo all'elaborazione e messa a punto dei modelli sviluppati durante la tesi di laurea di Gianluca Gustin, sulla base della quale è stato realizzato questo lavoro. Conclusioni In questo articolo è stata presentata una metodologia per l ottimizzazione numerica della regolazione di una vela per catamarani da regata, basata sull integrazione dei prodotti ANSYS con modefrontier. L efficienza della metodologia è basata su: (i) definizione di workflow modulare per la simulazione di processi multi-disciplinari, facilmente adattabile a diverse esigenze di progettazione; (ii) utilizzo delle risorse di calcolo disponibili in rete attraverso l utilizzo della nuova tecnologia Enterprise offerta da ESTECO; (iii) utilizzo di efficienti algoritmi di ottimizzazione multi-obiettivo, come FAST basato sulla combinazione di algoritmi Genetici e Superfici di Risposta Adattative, per il raggiungimento degli obiettivi di progetto nel minor numero possibile di simulazioni. Riferimenti [1] G. Gustin, Analisi fluidodinamica di una vela rigida per catamarani da regata, Tesi di Laurea in Termofluidodinamica Computazionale, Università degli Studi di Trieste, Marzo [2] [3] F. Fossati, Teoria dello yacht a vela, polipress, [4] T. Kaloyanov, Investigation of 2D Airfoils equipped with a trailing edge flaps, Master Thesis, Wind Energy Division of Technical University of Denmark, [5] N.J. Eastman, K.E. Ward, R.M. Pinkerton, The characteristics of 78 related airfoil sections from tests in the variable density wind tunnel, Report NACA n 460, [6] F. R. Menter, Two-equation eddy-viscosity turbulence models for engineering applications, AIAA Journal, vol. 32, no. 8, pp , [7] [8] D. Quagliarella, J. Periaux, C. Poloni, Genetic Algorithms and Evolution Strategies in Engineering and Computer Science, John Wiley & Sons, England, [9] A. Clarich, V. Pediroda, C. Poloni, A fast and robust adaptive methodology for design under uncertanties based on DACE response surface and game theory, AIAA 2006, Reno, January [10] Y. Dai, K. Schittkowski (2008): A sequential quadratic programming algorithm with non-monotone line search, Pacific Journal of Optimization, Vol. 4,

OTTIMIZZAZIONE DELLA REGOLAZIONE DI UNA VELA RIGIDA PER CATAMARANI DA REGATA

OTTIMIZZAZIONE DELLA REGOLAZIONE DI UNA VELA RIGIDA PER CATAMARANI DA REGATA u ottimizzazione OTTIMIZZAZIONE DELLA REGOLAZIONE DI UNA VELA RIGIDA PER CATAMARANI DA REGATA Alberto Clarich (Esteco spa), Gianluca Gustin (Università di Trieste) u L obiettivo dello studio era definire

Dettagli

OTTIMIZZAZIONE DELLA REGOLAZIONE DI UNA VELA RIGIDA PER CATAMARANI DA REGATA

OTTIMIZZAZIONE DELLA REGOLAZIONE DI UNA VELA RIGIDA PER CATAMARANI DA REGATA L obiettivo dello studio era definire una procedura di ottimizzazione numerica per regolare una vela rigida per catamarani da regata, in funzione delle condizioni di navigazione. L analisi ha considerato

Dettagli

Sintesi Scopo Metodo

Sintesi Scopo Metodo Sintesi Scopo: analizzare le variazioni aerodinamiche dovute allo sbandamento in una barca a vela monoscafo. Metodo: - definizione di un modello ideale di vela; - simulazione numerica del flusso d aria

Dettagli

La fisica della vela. comprendere i meccanismi, migliorare le prestazioni e...divertirsi!!! Laura Romanò Dipartimento di Fisica Università di Parma

La fisica della vela. comprendere i meccanismi, migliorare le prestazioni e...divertirsi!!! Laura Romanò Dipartimento di Fisica Università di Parma La fisica della vela comprendere i meccanismi, migliorare le prestazioni e...divertirsi!!! laura.romano@fis.unipr.it Laura Romanò Dipartimento di Fisica Università di Parma Il gioco della simmetria Dal

Dettagli

Politecnico di Bari I Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Meccanica ENERGIA EOLICA

Politecnico di Bari I Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Meccanica ENERGIA EOLICA Politecnico di Bari I Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Meccanica ENERGIA EOLICA turbine eoliche ad asse verticale VAWT A.A. 2008/09 Energie Alternative Prof.B.Fortunato

Dettagli

CNR INSEAN - Istituto Nazionale per Studi ed Esperienze di Architettura Navale

CNR INSEAN - Istituto Nazionale per Studi ed Esperienze di Architettura Navale CNR INSEAN - Istituto Nazionale per Studi ed Esperienze di Architettura Navale INSEAN 01 - Stabilità idrodinamica di scafi ad alta velocità... 2 INSEAN 02 - Stima delle caratteristiche di resistenza e

Dettagli

Analisi numerica del flusso all interno del diffusore troncoconico ERCOFTAC

Analisi numerica del flusso all interno del diffusore troncoconico ERCOFTAC UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE FACOLTÀ DI INGEGNERIA Analisi numerica del flusso all interno del diffusore troncoconico ERCOFTAC Tesina di Termofluidodinamica Computazionale Docente: prof. Enrico Nobile

Dettagli

h) Elementi di aerodinamica delle vele

h) Elementi di aerodinamica delle vele h) Elementi di aerodinamica delle vele L effetto del vento su un piano Poniamo un piano all azione del vento come indicato nella figura 1. Esso si sposterà sottovento muovendosi parallelamente a se stesso.

Dettagli

Ottimizzazione Multi-Obiettivo

Ottimizzazione Multi-Obiettivo Giro di prova g Giancarlo Sada Ottimizzazione Multi-Obiettivo modefrontier fornisce al progettista una piattaforma di ottimizzazione, dove possono essere combinati in modo sinergico strumenti CAD e CAE

Dettagli

Oggetto: VERIFICA TERMICA DEL DISSIPATORE

Oggetto: VERIFICA TERMICA DEL DISSIPATORE Report fotovoltaico issue 2 Di: VINCENZO CASCIOLI Data: 11 Settembre 2008 Oggetto: VERIFICA TERMICA DEL DISSIPATORE Verifica termica del dissipatore 1 INDICE 1. PREMESSA 4 2. MODELLO SOLIDO 5 2.1 Scheda

Dettagli

u metallurgiau A. Diani, L. Rossetto

u metallurgiau A. Diani, L. Rossetto ANALISI NUMERICA DELLA CONVEZIONE FORZATA DI ARIA IN SCHIUME METALLICHE A. Diani, L. Rossetto Le schiume metalliche sono una promettente classe di materiali cellulari che consistono in una interconnessione

Dettagli

Metodologia di calcolo per pompe a ingranaggi esterni Articolo pubblicato sulla rivista oleodinamica e pneumatica 03/2013 Gibellini Matteo

Metodologia di calcolo per pompe a ingranaggi esterni Articolo pubblicato sulla rivista oleodinamica e pneumatica 03/2013 Gibellini Matteo In questo articolo verrà descritta la metodologia di calcolo per la progettazione delle pompe a ingranaggi esterni con dentatura ad evolvente sviluppato dall autore per conto di Galtech S.p.A. con l obiettivo

Dettagli

Descrizione e stima dell errore

Descrizione e stima dell errore Descrizione e stima dell errore Raccomandazioni per l analisi di accuratezza di una simulazione CFD: 1 Descrizione e stima dell errore Raccomandazioni per l analisi di accuratezza di una simulazione CFD:

Dettagli

SISTEMI INNOVATIVI TRATTAMENTO ARIA AMBIENTE. Catalogo di selezione Canali perforati dld per la diffusione dell aria ad alta induzione

SISTEMI INNOVATIVI TRATTAMENTO ARIA AMBIENTE. Catalogo di selezione Canali perforati dld per la diffusione dell aria ad alta induzione SISTEMI INNOVATIVI TRATTAMENTO ARIA AMBIENTE Catalogo di selezione Canali perforati dld per la diffusione dell aria ad alta induzione PARAmeTRI DI SceLTA Di seguito sono dettagliate le informazioni da

Dettagli

Benchmark Ansys Fluent su CRESCO

Benchmark Ansys Fluent su CRESCO Benchmark Ansys Fluent su CRESCO NOTA TECNICA ENEA GRID/CRESCO: NTN201003 NOME FILE: NTN201003-BenchmarkFluentCresco-v1_0.doc DATA: 30/07/2010 STATO: Versione iniziale AUTORE: F. Ambrosino Abstract: Questa

Dettagli

RESISTENZA E PORTANZA. P. Di Marco Termofluidodinamica Appl. RP-1

RESISTENZA E PORTANZA. P. Di Marco Termofluidodinamica Appl. RP-1 RESISTENZA E PORTANZA P. Di Marco Termofluidodinamica Appl. RP-1 DISTACCO DELLO STRATO LIMITE Al di fuori dello strato limite: nelle zone in cui la pressione aumenta (gradiente di pressione avverso), il

Dettagli

n matr.145817 23. 01. 2003 ore 8:30-10:30

n matr.145817 23. 01. 2003 ore 8:30-10:30 Matteo Vecchi Lezione del n matr.145817 23. 01. 2003 ore 8:30-10:30 Il Moto Esterno Con il termine moto esterno intendiamo quella branca della fluidodinamica che studia il moto dei fluidi attorno ad un

Dettagli

GUIDA DELL UTENTE. Analisi dello stato tensionale tangenziale per i profili sottili aperti v. 1.00.55 del 14 aprile 2014

GUIDA DELL UTENTE. Analisi dello stato tensionale tangenziale per i profili sottili aperti v. 1.00.55 del 14 aprile 2014 GUSCI Analisi dello stato tensionale tangenziale per i profili sottili aperti v. 1.00.55 del 14 aprile 2014 dott. ing. FERRARI Alberto GUIDA DELL UTENTE centro di taglio; valutazione delle sollecitazioni

Dettagli

Istituto Nazionale per Studi ed Esperienze di Architettura Navale (INSEAN) Via di Vallerano, 139-00128 - Roma

Istituto Nazionale per Studi ed Esperienze di Architettura Navale (INSEAN) Via di Vallerano, 139-00128 - Roma Istituto Nazionale per Studi ed Esperienze di Architettura Navale (INSEAN) Via di Vallerano, 139-00128 - Roma Programma di Ricerca sulla sicurezza per il triennio 2006-2008 Rapporto INSEAN 2006-017 Previsione

Dettagli

Lezione 4: I profili alari e le forze

Lezione 4: I profili alari e le forze Corso di MECCANICA DEL VOLO Modulo Prestazioni Lezione 4: I profili alari e le forze aerodinamiche Prof. D. P. Coiro coiro@unina.itit www.dias.unina.it/adag/ Corso di Meccanica del Volo - Mod. Prestazioni

Dettagli

Discretizzazione di superfici per analisi CFD: messa a punto di un modulo automatico per la modellazione di assiemi complessi.

Discretizzazione di superfici per analisi CFD: messa a punto di un modulo automatico per la modellazione di assiemi complessi. Facoltà di Ingegneria Civile ed Industriale Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica Discretizzazione di superfici per analisi CFD: messa a punto di un modulo automatico per la modellazione di

Dettagli

DTI SUPSI. Corso: Produrre energia con il vento - DACD SUPSI. Maurizio Barbato ; Davide Montorfano - DTI SUPSI

DTI SUPSI. Corso: Produrre energia con il vento - DACD SUPSI. Maurizio Barbato ; Davide Montorfano - DTI SUPSI DTI / ICIMSI / PRODURRE ENERGIA CON IL VENTO PROGETTO DTI SUPSI 1 Progetto Generatore Eolico DTI SUPSI Corso: Produrre energia con il vento - DACD SUPSI Maurizio Barbato ; Davide Montorfano - DTI SUPSI

Dettagli

Comportamento dinamico di valvole

Comportamento dinamico di valvole Comportamento dinamico di valvole Dott. Ing. Mario Cozzani Srl & Università degli Studi di Genova Felice Sfravara, Fabio Manfrone, Luca Montanelli, Massimo Schiavone, Andrea Raggi Obiettivi del progetto

Dettagli

Relazione di fine tirocinio. Andrea Santucci

Relazione di fine tirocinio. Andrea Santucci Relazione di fine tirocinio Andrea Santucci 10/04/2015 Indice Introduzione ii 1 Analisi numerica con COMSOL R 1 1.1 Il Software.................................... 1 1.1.1 Geometria................................

Dettagli

Regressione non lineare con un modello neurale feedforward

Regressione non lineare con un modello neurale feedforward Reti Neurali Artificiali per lo studio del mercato Università degli studi di Brescia - Dipartimento di metodi quantitativi Marco Sandri (sandri.marco@gmail.com) Regressione non lineare con un modello neurale

Dettagli

STRUMENTO PER LA LOCALIZZAZIONE DI CAMPI EOLICI. Eolo-CISMA

STRUMENTO PER LA LOCALIZZAZIONE DI CAMPI EOLICI. Eolo-CISMA STRUMENTO PER LA LOCALIZZAZIONE DI CAMPI EOLICI Eolo-CISMA è un sistema di previsioni meteorologiche messo a punto da CISMA srl che ci permette di disporre di previsioni del potenziale eolico di un sito

Dettagli

Valutazione delle performance di uno strumento CFD open. source per lo sviluppo di un energy harvester

Valutazione delle performance di uno strumento CFD open. source per lo sviluppo di un energy harvester Università degli Studi di Genova Scuola Politecnica Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Valutazione delle performance di uno strumento CFD open source per lo sviluppo di un energy harvester Candidato:

Dettagli

Esercitazione di Termofluidodinamica Computazionale

Esercitazione di Termofluidodinamica Computazionale Ing. Mitja Morgut Prof. Enrico Nobile Università degli Studi di Trieste DINMA, Sezione di Fisica Tecnica Esercitazione di Termofluidodinamica Computazionale Utilizzo del Generatore di Mesh ANSYS-ICEM CFD

Dettagli

Disegno e Modellazione Tridimensionale delle Superfici esterne del RE 2005

Disegno e Modellazione Tridimensionale delle Superfici esterne del RE 2005 Università degli Studi di Bologna FACOLTA DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Disegno Tecnico Industriale Disegno e Modellazione Tridimensionale delle Superfici esterne del RE 2005 Tesi

Dettagli

EDIFICI IN MURATURA ORDINARIA, ARMATA O MISTA

EDIFICI IN MURATURA ORDINARIA, ARMATA O MISTA Edifici in muratura portante 2 1 Cosa è ANDILWall? ANDILWall è un software di analisi strutturale che utilizza il motore di calcolo SAM II, sviluppato presso l Università degli Studi di Pavia e presso

Dettagli

teoresi studi&ricerche

teoresi studi&ricerche UN SISTEMA DI CONTROLLO PER ELICOTTERO Realizzazione con Simulink e Direct3D di M. CARIDI e L. DAGA Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università degli Studi di Roma La Sapienza via Eudossiana

Dettagli

Istruzioni per l installazione del software ANSYS 11.0 SP1 Workbench, CFX e ICEM-CFD sul proprio laptop Win32 o Mac Os X

Istruzioni per l installazione del software ANSYS 11.0 SP1 Workbench, CFX e ICEM-CFD sul proprio laptop Win32 o Mac Os X Prof. Enrico Nobile Ing. Mitja Morgut DINMA, Sezione di Fisica Tecnica Università degli Studi di Trieste Esercitazioni di Termofluidodinamica Computazionale Istruzioni per l installazione del software

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA 1 Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione

POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA 1 Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA 1 Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione Analisi strutturale di un alberatura velica. Progettazione ed ottimizzazione di un caso

Dettagli

STACEC s.r.l. Software e servizi per l ingegneria S.S. 106 Km 87 89034 Bovalino (RC)

STACEC s.r.l. Software e servizi per l ingegneria S.S. 106 Km 87 89034 Bovalino (RC) COPYRIGHT Tutto il materiale prodotto da Stacec (CD contenente i file dei software, chiave di protezione, altri supporti di consultazione, e altro) è protetto dalle leggi e dai trattati sul copyright,

Dettagli

Introduzione alla navigazione a vela

Introduzione alla navigazione a vela Introduzione alla navigazione a vela Corso per gli allievi Realizzato dalla Scuola di Vela dello Yacht Club degli Aregai autore: mailto:meo@bogliolo.name Argomenti del corso L arte della navigazione a

Dettagli

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA 1) IL MOMENTO DI UNA FORZA Nell ambito dello studio dei sistemi di forze, diamo una definizione di momento: il momento è un ente statico che provoca la rotazione dei corpi. Le forze producono momenti se

Dettagli

Forze, leggi della dinamica, diagramma del. 28 febbraio 2009 (PIACENTINO - PREITE) Fisica per Scienze Motorie

Forze, leggi della dinamica, diagramma del. 28 febbraio 2009 (PIACENTINO - PREITE) Fisica per Scienze Motorie Forze, leggi della dinamica, diagramma del corpo libero 1 FORZE Grandezza fisica definibile come l' agente in grado di modificare lo stato di quiete o di moto di un corpo. Ci troviamo di fronte ad una

Dettagli

Backpropagation in MATLAB

Backpropagation in MATLAB Modello di neurone BACKPROPAGATION Backpropagation in MATLAB Prof. Beatrice Lazzerini Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Via Diotisalvi 2, 56122 Pisa La funzione di trasferimento, che deve essere

Dettagli

Analisi non lineari statiche e dinamiche valutate con il software: ETABS

Analisi non lineari statiche e dinamiche valutate con il software: ETABS Dipartimento di Ingegneria CORSO DI LAUREA IN INGENGNERIA CIVILE PER LA PROTEZIONE DAI RISCHI NATURALI Relazione di fine tirocinio Analisi non lineari statiche e dinamiche valutate con il software: ETABS

Dettagli

Simulazioni accoppiate 1D-3D per scenari d incendio

Simulazioni accoppiate 1D-3D per scenari d incendio Simulazioni accoppiate 1D-3D per scenari d incendio Applicazione a tunnel stradali e linee metropolitane Luca Iannantuoni Dipartimento di Energia - Politecnico di Milano 29 Ottobre 2009 Luca Iannantuoni

Dettagli

Prestazioni computazionali di OpenFOAM sul. sistema HPC CRESCO di ENEA GRID

Prestazioni computazionali di OpenFOAM sul. sistema HPC CRESCO di ENEA GRID Prestazioni computazionali di OpenFOAM sul sistema HPC CRESCO di ENEA GRID NOTA TECNICA ENEA GRID/CRESCO: NEPTUNIUS PROJECT 201001 NOME FILE: NEPTUNIUS201001.doc DATA: 03/08/10 STATO: Versione rivista

Dettagli

D. Nicolini, A. Fontanella, E. Giovannini. Report RdS/PAR2013/173 MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

D. Nicolini, A. Fontanella, E. Giovannini. Report RdS/PAR2013/173 MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi fluidodinamica CFD su dispositivi a colonna d acqua oscillante OWC -

Dettagli

Volume GESTFLORA. Gestione aziende agricole e floricole. Guidaall uso del software

Volume GESTFLORA. Gestione aziende agricole e floricole. Guidaall uso del software Volume GESTFLORA Gestione aziende agricole e floricole Guidaall uso del software GESTIONE AZIENDE AGRICOLE E FLORICOLE Guida all uso del software GestFlora Ver. 2.00 Inter-Ware Srl Viadegli Innocenti,

Dettagli

Luigi Piroddi piroddi@elet.polimi.it

Luigi Piroddi piroddi@elet.polimi.it Automazione industriale dispense del corso 2. Introduzione al controllo logico Luigi Piroddi piroddi@elet.polimi.it Modello CIM Un moderno sistema di produzione è conforme al modello CIM (Computer Integrated

Dettagli

Relazione sulle ATTIVITA SPERIMENTALI E NUMERICHE SVOLTE SU PNEUMATICI PER GO KART DA COMPETIZIONE

Relazione sulle ATTIVITA SPERIMENTALI E NUMERICHE SVOLTE SU PNEUMATICI PER GO KART DA COMPETIZIONE Relazione sulle ATTIVITA SPERIMENTALI E NUMERICHE SVOLTE SU PNEUMATICI PER GO KART DA COMPETIZIONE Oggetto e scopo della ricerca Le attività svolte hanno avuto l obiettivo di caratterizzare le prestazioni

Dettagli

Università degli studi di Salerno corso di studi in Ingegneria Informatica TUTORATO DI FISICA. Lezione 5 - Meccanica del punto materiale

Università degli studi di Salerno corso di studi in Ingegneria Informatica TUTORATO DI FISICA. Lezione 5 - Meccanica del punto materiale Università degli studi di Salerno corso di studi in Ingegneria Informatica TUTORATO DI FISICA Esercizio 1 Lezione 5 - Meccanica del punto materiale Un volano è costituito da un cilindro rigido omogeneo,

Dettagli

Verifica e Validazione del Simulatore

Verifica e Validazione del Simulatore Verifica e del Simulatore I 4 passi principali del processo simulativo Formulare ed analizzare il problema Sviluppare il Modello del Sistema Raccolta e/o Stima dati per caratterizzare l uso del Modello

Dettagli

Industria 2015 Bando Mobilità Sostenibile Progetto MS01_00027 SIFEG - Sistema Integrato trasporto merci FErro-Gomma. Ing.

Industria 2015 Bando Mobilità Sostenibile Progetto MS01_00027 SIFEG - Sistema Integrato trasporto merci FErro-Gomma. Ing. Industria 2015 Bando Mobilità Sostenibile Progetto MS01_00027 SIFEG - Sistema Integrato trasporto merci FErro-Gomma Ing. Fiorenzo Formichi Obiettivi realizzativi: il sottosistema SIOTI 06/06/2014 Slide

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Dipartimento di Ingegneria Meccanica Gruppo Progettazione Meccanica

Università di Roma Tor Vergata Dipartimento di Ingegneria Meccanica Gruppo Progettazione Meccanica OTTIMIZZAZIONE AERODINAMICA DELLA CARENA DI UN KART PER LAND SPEED RECORD Manieri Gianluca Gruppo di Ricerca Tor Vergata Karting Università di Roma Tor Vergata Introduzione Land Speed Record Coast down

Dettagli

THE FUTURE BOAT & YACHT VENICE CONVENTION

THE FUTURE BOAT & YACHT VENICE CONVENTION THE FUTURE BOAT & YACHT VENICE CONVENTION Venezia, 14 15 Marzo 2008 INNOVAZIONE IDRODINAMICA E TECNOLOGICA NEI MODERNI CATAMARANI VELOCI Igor ZOTTI, Università di Trieste, Dipartimento DINMA PREMESSA I

Dettagli

Allo stato attuale dell arte, gli otturatori delle valvole

Allo stato attuale dell arte, gli otturatori delle valvole INGEGNERIA DI MANUTENZIONE Innovazioni sulle valvole dei compressori alternativi Studi ed esperienze per migliorarne la capacità di tenuta e l efficienza fluidodinamica M. Schiavone, A. Bianchi, Dott.

Dettagli

Massimo Rundo Politecnico di Torino Dipartimento Energia Fluid Power Research Laboratory

Massimo Rundo Politecnico di Torino Dipartimento Energia Fluid Power Research Laboratory La simulazione delle pompe oleodinamiche Massimo Rundo Politecnico di Torino Dipartimento Energia Fluid Power Research Laboratory Politecnico di Torino Dipartimento Energia Macchine a fluido Laboratorio

Dettagli

Introduzione a ANSYS CFX-11

Introduzione a ANSYS CFX-11 Introduzione a ANSYS CFX-11 Enrico Nobile Francesco Pinto Dipartimento di Ingegneria Navale, del Mare e per l Ambiente DINMA, Sezione di Fisica Tecnica Facoltà di Ingegneria, Università di Trieste 1 Sommario

Dettagli

IL VENTO. ropatec - vertical energy 1

IL VENTO. ropatec - vertical energy 1 IL VENTO ropatec - vertical energy 1 L energia del Vento Da dove arriva il Vento? È noto che tutta l energia rinnovabile deriva dal sole (meno che l energia geotermica e del movimento marittimo), Circa

Dettagli

La CFD al servizio dell ambiente: simulazione di trasporto e diffusione di inquinan2 nel mare in seguito ad even2 catastrofici

La CFD al servizio dell ambiente: simulazione di trasporto e diffusione di inquinan2 nel mare in seguito ad even2 catastrofici La CFD al servizio dell ambiente: simulazione di trasporto e diffusione di inquinan2 nel mare in seguito ad even2 catastrofici Ing. Filippo Palo, XC Engineering Srl Ing. Raul Pirovano, XC Engineering Srl

Dettagli

CAE PreProcessing. Strategie di modellazione per l analisi agli elementi finiti. Annotazioni con riferimento a Hyperworks

CAE PreProcessing. Strategie di modellazione per l analisi agli elementi finiti. Annotazioni con riferimento a Hyperworks CAE PreProcessing Strategie di modellazione per l analisi agli elementi finiti Annotazioni con riferimento a Hyperworks Metodi di Progettazione Avanzata F. Campana Sapienza Università di Roma Scopo del

Dettagli

Personalizzazione stampe con strumento Fincati

Personalizzazione stampe con strumento Fincati Personalizzazione stampe con strumento Fincati Indice degli argomenti Introduzione 1. Creazione modelli di stampa da strumento Fincati 2. Layout per modelli di stampa automatici 3. Impostazioni di stampa

Dettagli

Tools Design for the Engineering of Free Form Envelopes

Tools Design for the Engineering of Free Form Envelopes Tools Design for the Engineering of Free Form Envelopes Eng. Davide Tonelli Ph.D. Student in Civil Engineering Techniques EMAIL: davide.tonelli@dic.unipi.it WEBSITE: www.dic.unipi.it/davide.tonelli/ University

Dettagli

S.C.S. - survey CAD system 4 - PARTICELLE

S.C.S. - survey CAD system 4 - PARTICELLE 4 - PARTICELLE Il menu PARTICELLE gestisce la creazione di nuove particelle mediante diversi problemi relativi alla divisione di aree. È possibile impostare l orientamento della dividente, generarla parallela

Dettagli

Tutorial 3DRoom. 3DRoom

Tutorial 3DRoom. 3DRoom Il presente paragrafo tratta il rilievo di interni ed esterni eseguito con. L utilizzo del software è molto semplice ed immediato. Dopo aver fatto uno schizzo del vano si passa all inserimento delle diagonali

Dettagli

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore 13.1: Introduzione L analisi dei due capitoli precedenti ha fornito tutti i concetti necessari per affrontare l argomento di questo capitolo:

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L INFORMATICA INDUSTRIALE

TECNICO SUPERIORE PER L INFORMATICA INDUSTRIALE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L INFORMATICA INDUSTRIALE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA FIGURA

Dettagli

SiStema dam e Stampa. automatizzata

SiStema dam e Stampa. automatizzata 0100101010010 0100101010 010101111101010101010010 1001010101010100100001010 111010 01001010100 10101 111101010101010010100101 0 1 0 1 0 1 0 1 0 0 1 0 0 0 0 1 0 1 0 1 1 1 0 1 0 010010101001010 1111101010101

Dettagli

La gestione dei progetti informatici

La gestione dei progetti informatici Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Ingegneria del Software La gestione dei progetti informatici Giulio Destri Ing. del Sw: Gestione - 1 Scopo

Dettagli

EED Sonde Geotermiche

EED Sonde Geotermiche EED Sonde Geotermiche EED è un software per il calcolo delle sonde geotermiche verticali - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Dettagli

Apros s.r.l. è lieta di presentarvi

Apros s.r.l. è lieta di presentarvi Apros s.r.l. è lieta di presentarvi Apros Configurator è uno strumento facile ed intuitivo nel suo utilizzo, che vi permetterà di realizzare in breve tempo il dimensionamento di canne fumarie e renderà

Dettagli

Confronto tra i codici di calcolo QUAD4-M e LSR2D

Confronto tra i codici di calcolo QUAD4-M e LSR2D 2 Confronto tra i codici di calcolo QUAD4-M e LSR2D Introduzione Questo documento riporta un confronto tra i risultati di un analisi di risposta sismica locale condotta con il codice di calcolo LSR2D (Stacec

Dettagli

Traduzione dell articolo ACHIEVING THE BEST ANGLE di Ed Kolano tratto dalla rivista Sport Aviation di dicembre 2000.

Traduzione dell articolo ACHIEVING THE BEST ANGLE di Ed Kolano tratto dalla rivista Sport Aviation di dicembre 2000. Traduzione dell articolo ACHIEVING THE BEST ANGLE di Ed Kolano tratto dalla rivista Sport Aviation di dicembre 2000. Otteniamo il miglior angolo di salita. Riduzione dei dati di prestazione in salita,

Dettagli

Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business.

Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. ACCREDITED PARTNER 2014 Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. Gariboldi Alberto Group Srl è una realtà

Dettagli

YOUR EASY SOLUTION FOR COSTING

YOUR EASY SOLUTION FOR COSTING YOUR EASY SOLUTION FOR COSTING INNOVAZIONE TECNOLOGICA CHE SEMPLIFICA I PROCESSI AZIENDALI Hyperlean nasce dall intuizione di sei giovani ricercatori del Dipartimento di Meccanica (ora Dipartimento di

Dettagli

LABORATORIO DI ANALISI DEI SISTEMI

LABORATORIO DI ANALISI DEI SISTEMI LABORATORIO DI ANALISI DEI SISTEMI Si utilizzerà, come strumento di lavoro, un foglio elettronico, il più diffuso Excel o anche quello gratuito di OpenOffice (www.openoffice.org). Tale scelta, pur non

Dettagli

TESI DI LAUREA SPECIALISTICA

TESI DI LAUREA SPECIALISTICA UNIVERSITA' DI PISA FACOLTA' DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA AEROSPAZIALE TESI DI LAUREA SPECIALISTICA Ottimizzazione fluidodinamica di una superficie portante per un catamarano da competizione

Dettagli

Capitolo 3 Flussaggio Stazionario di una Valvola Formula 1

Capitolo 3 Flussaggio Stazionario di una Valvola Formula 1 Capitolo 3 Flussaggio Stazionario di una Valvola Formula 1 3.1 Introduzione al problema In questa simulazione si vuole verificare il comportamento del fluido nel passaggio attraverso una valvola motoristica

Dettagli

Introduzione all uso di un programma per analisi agli Elementi Finiti

Introduzione all uso di un programma per analisi agli Elementi Finiti L analisi strutturale con il metodo degli elementi finiti Introduzione all uso di un programma per analisi agli Elementi Finiti L analisi di una struttura può essere effettuata attraverso metodi analitici

Dettagli

Modellazione CFD di una palettatura di turbina a gas con bordo di uscita raffreddato

Modellazione CFD di una palettatura di turbina a gas con bordo di uscita raffreddato Modellazione CFD di una palettatura di turbina a gas con bordo di uscita raffreddato Responsabile scientifico: S. Ravelli Dipartimento di Ingegneria Tutor di progetto: R. Ponzini 18 Febbraio 2014 MILANO

Dettagli

CORSO BASE (1 livello)

CORSO BASE (1 livello) CORSI VELA CORSO BASE (1 livello) L'obiettivo del corso base è quello di iniziare a conoscere la barca :si imparerà a condurre un' imbarcazione nelle varie andature, bolina,traverso,lasco, poppa, tante

Dettagli

VALUTAZIONE DELLE OMBRE E DELL IRRAGGIAMENTO DEL SISTEMA SOLAR RETROFIT

VALUTAZIONE DELLE OMBRE E DELL IRRAGGIAMENTO DEL SISTEMA SOLAR RETROFIT VALUTAZIONE DELLE OMBRE E DELL IRRAGGIAMENTO DEL SISTEMA SOLAR RETROFIT OGGETTO SOLAR RETROFIT TITOLO VALUTAZIONE DELLE OMBRE E DELL IRRAGGIAMENTO DEL SISTEMA SOLAR RETROFIT COMMITTENTE Emanuele Lanteri

Dettagli

Problematiche di progettazione e sviluppo di impianti pluvirrigui

Problematiche di progettazione e sviluppo di impianti pluvirrigui Problematiche di progettazione e sviluppo di impianti pluvirrigui Prof. Ing. Virgilio Fiorotto *, Ing. Mauro Castellarin ** * Dipartimento di Ingegneria Civile, Sezione di Idraulica e Geotecnica,Università

Dettagli

ACCESSNET -T IP NMS. Network Management System. www.hytera.de

ACCESSNET -T IP NMS. Network Management System. www.hytera.de ACCESSNET -T IP NMS Network System Con il sistema di gestione della rete (NMS) è possibile controllare e gestire l infrastruttura e diversi servizi di una rete ACCESSNET -T IP. NMS è un sistema distribuito

Dettagli

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. ELICOTTERO Ref. 41-827-840

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. ELICOTTERO Ref. 41-827-840 Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. ELICOTTERO Ref. 41-827-840 Parte 1 - AERODINAMICA 1 Come si definisce la velocità? A) la distanza percorsa moltiplicata per il tempo impiegato

Dettagli

BLUE Engineering Via Albenga 98 Rivoli (To) ITALY Danilo LAZZERI Amministratore Delegato Phone +39 011 9504211 Fax +39 011 9504216 info@blue-group.

BLUE Engineering Via Albenga 98 Rivoli (To) ITALY Danilo LAZZERI Amministratore Delegato Phone +39 011 9504211 Fax +39 011 9504216 info@blue-group. BLUE Engineering Via Albenga 98 Rivoli (To) ITALY Danilo LAZZERI Amministratore Delegato Phone +39 011 9504211 Fax +39 011 9504216 E-mail info@blue-group.it Il Cilea, l Engineering nel settore dell industria

Dettagli

I MODULI Q.A.T. PANORAMICA. La soluzione modulare di gestione del Sistema Qualità Aziendale

I MODULI Q.A.T. PANORAMICA. La soluzione modulare di gestione del Sistema Qualità Aziendale La soluzione modulare di gestione del Sistema Qualità Aziendale I MODULI Q.A.T. - Gestione clienti / fornitori - Gestione strumenti di misura - Gestione verifiche ispettive - Gestione documentazione del

Dettagli

Metodi Numerici per Equazioni Ellittiche

Metodi Numerici per Equazioni Ellittiche Metodi Numerici per Equazioni Ellittiche Vediamo ora di descrivere una tecnica per la risoluzione numerica della più semplice equazione ellittica lineare, l Equazione di Laplace: u xx + u yy = 0, (x, y)

Dettagli

e-dva - eni-depth Velocity Analysis

e-dva - eni-depth Velocity Analysis Lo scopo dell Analisi di Velocità di Migrazione (MVA) è quello di ottenere un modello della velocità nel sottosuolo che abbia dei tempi di riflessione compatibili con quelli osservati nei dati. Ciò significa

Dettagli

Caratteristiche principali dei reattori in vetro AG!

Caratteristiche principali dei reattori in vetro AG! Caratteristiche principali dei reattori in vetro AG! Pacchetti completi E possibile scegliere tra 3 tipi diversi di reattore. pag. 1 Ring Baffles per un controllo della temperature rapido ed accurato Una

Dettagli

MATERIA : SISTEMI ELETTRICI AUTOMATICI INS. TEORICO: PROF. CIVITAREALE ALBERTO

MATERIA : SISTEMI ELETTRICI AUTOMATICI INS. TEORICO: PROF. CIVITAREALE ALBERTO PIANO DI LAVORO CLASSE 5 ES A.S. 2014-2015 MATERIA : SISTEMI ELETTRICI AUTOMATICI INS. TEORICO: PROF. CIVITAREALE ALBERTO INS. TECNICO-PRATICO: PROF. BARONI MAURIZIO MODULO 1: ALGEBRA DEGLI SCHEMI A BLOCCHI

Dettagli

2. TEORIA DEI CARICHI ECCEZIONALI

2. TEORIA DEI CARICHI ECCEZIONALI . TEORIA DEI CARICHI ECCEZIONAI Si vuole costruire un modello di ponte di riferimento e un modello di carico eccezionale che consenta una verifica automatica della possibilità di passaggio del carico su

Dettagli

Guida all uso del software e delle schede operative

Guida all uso del software e delle schede operative 4 Guida all uso del software e delle schede operative Avvio e struttura del software Dopo aver installato il software sul pc, viene visualizzata la videata del menu principale con le icone di accesso alle

Dettagli

- 1 - UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Idraulica, dei Trasporti e del Territorio

- 1 - UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Idraulica, dei Trasporti e del Territorio UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Idraulica, dei Trasporti e del Territorio SINTESI DELLA TESI DI LAUREA STATO DELL ARTE SULLE PERDITE NELLE

Dettagli

Il polo magnetico: simulazione nel tempo

Il polo magnetico: simulazione nel tempo Corso di Elettrotecnica Industriale Professore Paolo Di Barba Il polo magnetico: simulazione nel tempo Anno Accademico 2013/2014 Lo scopo dell esercizio è quello di valutare l andamento del campo magnetico

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE FACOLTÀ DI INGEGNERIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE FACOLTÀ DI INGEGNERIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE FACOLTÀ DI INGEGNERIA DiEG Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica Aree di ricerca: Analisi energetiche dei sistemi edificio-impianto Simulazioni termofluidodinamiche

Dettagli

Progettazione e realizzazione di un manipolatore elettromeccanico

Progettazione e realizzazione di un manipolatore elettromeccanico Progettazione e realizzazione di un manipolatore elettromeccanico Hermes Giberti Politecnico di Milano u robotica u La progettazione di un sistema automatico richiede una collaborazione sinergica tra le

Dettagli

Nuovi oggetti grafici per la Visualizzazione del Tracker

Nuovi oggetti grafici per la Visualizzazione del Tracker Chapter 4 Nuovi oggetti grafici per la Visualizzazione del Tracker In questo capitolo illustrerò i nuovi oggetti grafici che ho sviluppato ed implementato nel software di visualizzazione di CMS. Prima

Dettagli

Conferenza Regionale Allenatori di Canottaggio

Conferenza Regionale Allenatori di Canottaggio Conferenza Regionale Allenatori di Canottaggio Andrea Benecchi Allenatore Nazionale settore Femminile Federazione Italiana Canottaggio Trieste Friuli V.G., 15 dicembre 2012 Presentazione a cura di Andrea

Dettagli

Le Basi di dati: generalità. Unità di Apprendimento A1 1

Le Basi di dati: generalità. Unità di Apprendimento A1 1 Le Basi di dati: generalità Unità di Apprendimento A1 1 1 Cosa è una base di dati In ogni modello di organizzazione della vita dell uomo vengono trattate informazioni Una volta individuate e raccolte devono

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

Gestione integrata Regate Iscrizioni e Tracking

Gestione integrata Regate Iscrizioni e Tracking SGS tracking Genova Gestione integrata Regate Iscrizioni e Tracking Revisione 13/12/2012 1 YCI, pioniere nella tecnica Lo YCI è stato pioniere nella localizzazione remota di regate ed eventi sportivi a

Dettagli

VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10. 5.1 Introduzione

VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10. 5.1 Introduzione VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10 5.1 Introduzione Tra gli interventi finanziati dalla Regione Emilia Romagna per il 2004, ai fini della messa a punto di strumenti conoscitivi utili per

Dettagli

L analisi dei dati. Capitolo 4. 4.1 Il foglio elettronico

L analisi dei dati. Capitolo 4. 4.1 Il foglio elettronico Capitolo 4 4.1 Il foglio elettronico Le più importanti operazioni richieste dall analisi matematica dei dati sperimentali possono essere agevolmente portate a termine da un comune foglio elettronico. Prenderemo

Dettagli

Software per il calcolo termico

Software per il calcolo termico ISOVER TechCalc Thermal Calculation for Technical Insulation Isolamento tecnico ISOVER TechCalc Software per il calcolo termico Efficienza energetica e ridotte emissioni di CO 2 in applicazioni industriali

Dettagli