Protocolli PH e DL nelle LAN

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Protocolli PH e DL nelle LAN"

Transcript

1 Reti in area locale () UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Protocolli PH e DL nelle Luca Veltri (mail.to: Coro di Reti di Telecomunicazione, a.a. 0/04 Una è un itema di comunicazione che permette di interconnettere apparecchiature indipendenti in un'area limitata Sono peo caratterizzate da Etenione geografica limitata (edificio, gruppo di edifici) Velocità tramiiva elevata Bao tao di errore Mezzi tramiivi condivii (almeno in origine) Utilizzo di particolari protocolli di acceo al mezzo Facilità di intallazione e getione HW plug&play aenza di configurazione (indirizzi, routing, etc) Sotto la proprietà di una ingola organizzazione e getita da queta 80. Relazioni con OSI, bridging, management, V- 80. CSMA CD ISO Token Bu ISO Il modello IEEE 80 L I V E L L I S U P E R I O R I 80. Logical Link Control LLC ISO Token DQDB FDDI WWMAN MAC Ring ISO ISO ISO WiFi WiMAX PHY Livelli Superiori (OSI -7) Data Link Fiico IEEE 80 v OSI Logical Link Control (LLC) Medium Acce Control (MAC) Fiico Modello OSI Modello IEEE 80 Interfaccia unificata vero il livello network Non è però preente nel cao di IP Recupero errori, controllo di fluo, getione della conneione logica Controllo di acceo, indirizzamento, 'framing' controllo di errore Codifica, incronizzazione, interfaccia con il mezzo tramiivo 4

2 Ethernet: Storia Standard IEEE 80. (Ethernet) Il protocollo Ethernet è uno degli tandard per reti in area locale più diffuo e implementato a livello mondiale Nacque agli inizi degli anni 70 preo il laboratorio di ricerca Xero californiano Nel 98 lo tandard divenne Ethernet II (Digital, Intel, Xero) Nel 98 lo tandard fu poto otto il controllo dell IEEE (nel gruppo 80) Ethernet: Caratteritiche principali Ethernet: Funzioni implementate La topologia logica di una rete Ethernet (cioè il percoro logico che le informazioni eguono) è a BUS La velocità di tramiione nella verione originale era di 0 Mbit/ in banda bae con codifica di tipo Mancheter; attualmente ono utilizzate le verioni a 00 Mb/ e a Gb/ Utilizza un protocollo di acceo al mezzo denominato CSMA/CD Dimenione minima di un pacchetto 4 byte (tale valore corriponde al tempo neceario per aicurare che tutte le tazioni iano in grado i rilelare una avvenuta colliione) Obiettivi degli trati PH e MAC Ethernet e relative funzioni: indirizzamento dei nodi (tazioni) orgente e detinazione, identificando anche il protocollo utente (di trato uperiore) funzione di indirizzamento, tramite indirizzi dei SSAP e DSAP invio di UI a datagramma tra tazioni terminali, con o enza nodi intermedi funzione di invio/ricezione, routing utilizzo di un mezzo broadcat condivio funzione MAC rivelazione di errore e carto delle UI errate (non recupero) funzione di controllo di errore 7 8

3 80.: Standard di livello fiico IEEE Strato PH 0 IEEE 80. di livello fiico: Coaiale Coaiale Thick (0Bae5) IEEE 80. (Ethernet) 0Bae5 e 0Bae dominante ino al '90, uato olo in Ethernet a 0Mb/ Topologia bae di trato fiico: BUS tutte le tazioni collegate direttamente ad un unico bu (coaiale) il bu e le tazioni collegate formano un ingolo egmento di rete non ono neceari nodi intermedi Opzionalmente, più egmenti di rete poono eere interconnei tramite nodi intermedi di livello PH (repeater) i ottiene coì una topologia ad ALBERO con intradamento broadcat Codifica utilizzata: Mancheter Tipi di cavi coaiali uati: Cavo groo (Thick-RG) Cavo ottile (Thin-RG58) Cavo coaiale groo (Thick-RG) unico cavo coaiale 50 Ω, enza giunture tazioni collegate tramite dipoitivi detti tranceiver tranceiver connei direttamente al coaiale con pree a vampiro min ditanza tra i tranceiver:.5 m max lunghezza del ingolo egmento: 500m max numero di tranceiver u ingolo egmento: 00 STAZIONE controller tranceiver cavo tranceiver o cavo drop o cavo AUI coaiale STAZIONE controller tranceiver Eventualmente, utilizzo di ripetitori per interconnettere più egmenti terminatore 50 Ω

4 Coaiale Thick (0Bae5) (cont.) Coaiale Thin (0Bae) Eempi di configurazione 0Bae5 Drop S R R R R Fiber Fiber 0Bae5 0Bae5 0Bae5... S S... S S... S Cavo coaiale ottile (Thin-RG58) più pezzoni di coaiale interconnei tramite connettori BNC crimptati al cavo max lunghezza del cavo (maggiore attenuazione): 85 m max numero di tazioni: 0 min ditanza tra le tazioni: 0.5 m chede di rete in genere connee direttamente al cavo, tramite connettori BNC a T cavo coaiale thin Fiber R Fiber Fiber connettori BNC a T borchie u parete R R R R Stazione Stazione Stazione Drop S 0Bae5 0Bae5 0Bae5 0Bae5... S S... S S... S S... S Altre caratteritiche coto inferiore del cavo maggiore facilità e minor coto di poa cara affidabilità (il cavo è acceibile all'utente) 4 IEEE 80. di livello fiico: Coppia immetrica (Twited Pair) IEEE 80. (Ethernet) 0/00/000 Bae T Cavi con 4 coppie immetriche e intrecciate tramiione bilanciata i due conduttori traportano lo teo egnale, ma in controfae l intreccio mira a far ubire ad entrambi i conduttori le tee interferenze elettromagnetiche utilizzo di connettori di tipo RJ45 Coppia immetrica (cont.) Caratteritiche: lunghezza maima conigliata 00 m 90 m di cablaggio trutturato 0 m di cavetti di patch pretazioni inferiori al cavo coaiale (u lunghe ditanze) bao coto e facilità di poa e conneione (connettori RJ45) adatto a cablaggi trutturati enorme diffuione a partire dal '90 Realizza olo collegamenti punto-punto richiede l'adozione di apparati di rete per collegare più tazioni a livello PH: ripetitori multiporta (hub) a livello DL: witch topologia di trato PH a STELLA 5 Tipi di collegamenti tra tazione e tazione tra tazione e apparato tra apparati

5 Coppia immetrica (cont.) Connettori per Bae-T Tipologie di cavi UTP (Unhielded): non chermato STP (Shielded): chermato coppia per coppia FTP (Foiled): uno olo chermo per tutto il cavetto S/FTP, S/UTP, SSTP Jack Plug Connettore RJ Poizione Contatti Categorie dei cavi - telefonia analogica - telefonia numerica (ISDN) e dati a baa velocità - dati ino a MHz di banda 4 - dati ino a 0 MHz di banda 5 - dati ino a 00 MHz di banda - dati ino a 50 MHz di banda 7 - dati ino a 00 MHz di banda 0BaeT Rx Tx Cavo UTP Tx Rx Cavo UTP incrociato 7 0BaeT Rx Tx Rx Tx 0BaeT 8 Cablaggio in coppia immetrica (o in fibra) Fibra ottica Eempio di topologia tellare gerarchica Ditribuzione primaria Ditribuzione orizzontale Cavi con doppia fibra ottica una fibra per ogni vero di tramiione elevate velocità di tramiione adatti a lunghe ditanze di interconneione adatti ad ambienti con problemi di compatibilità elettromagnetica Caratteritiche: inenibilità al rumore elettromagnetico mancanza di emiioni baa attenuazione banda paante molto elevata coto della fibra relativamente bao alto coto per interfacce e giunzioni 9 Tipologie di fibre Fibre multimodali Fibre monomodali 0

6 Repeater/Hub Repeater/Hub Upper layer Upper layer Serve per ripetere e rigenerare una equenza di bit ricevuti da una porta ulle altre porte Aume il nome di: repeater quando è cotituito da porte multiport repeater quando è cotituito da più di porte hub equivale a multiport repeater per cablaggi a coppie immetriche con connettori RJ45 MAC PH Repeater/Hub PH MAC PH Hub Medium Medium A B C D E F Repeater/Hub: funzioni Cablaggio mito Un pacchetto ricevuto u una porta va ripetuto u tutte le altre porte (Retiming) Eempio di cablaggio mito a 0Mb/ Se u un porta viene rilevata una colliione deve interrompere la ripetizione del pacchetto u tutte le porte e tramettere una equenza di Jamming l hub deve poter anche rilevare una colliione che avviene al uo interno invece che u un egmento fibra fibra fibra R 0Bae In cao di colliioni conecutive deve partizionare la porta intereata rilevamento di guati/malfunzionamenti 0BaeT 4

7 Ethernet a 00 Mb/ (IEEE 80.u) IEEE80.u: 00Bae-TX e 00Bae-FX 80.u detto anche 00BASE-T o Fat-Ethernet Steo protocollo CSMA/CD dello tandard originale a 0Mb/ Velocità dieci volte uperiore ripetto al 0 Mb/ 00 Mb/ bit time 0 n lot time 5 bit (5. µ) 00BASE-TX utilizza con pochiime modifiche lo tandard TP-PMD (Twited-Pair Phyical Medium Depedent) per FDDI: Codifica 4B/5B Scrambling Codifica MLT- (Multilevel threhold-) Ditanze dieci volte inferiori Stea lunghezza del pacchetto Round trip delay ridotto di 0 volte dimenioni max. della rete ridotte di 0 volte tazioni connee a max. 00 mt dall Compatibilità a livello di cheda con 0BaeT Tre otto-tandard per tre tipi di mezzi fiici: 00BASE-TX (doppino, u coppie) 00BASE-4 (doppino, u 4 coppie) 00BASE-FX (fibra ottica) 5 00BASE-FX utilizza con pochiime modifiche lo tandard PMD per FDDI u fibra ottica multimodale (ISO 94-) Codifica 4B/5B Scrambling Codifica NRZI Gigabit Ethernet Gigabit Ethernet (cont.) Come lo tandard IEEE 80.u, rappreenta una evoluzione di Ethernet formato e dimenione del pacchetto uguali a Ethernet 0/00Mb/ (IEEE 80.) bitrate di Gb/ Come anche Fat-Ethernet, upporta le eguenti modalità operative: Half-Duplex CSMA/CD nella pratica NON è implementato nella verione Gigabit Full-Duplex (con controllo di fluo) enza colliioni non ci ono limiti al diametro della rete dovuti al protocollo di acceo è la modalità di Gigabit Ethernet effettivamente implementata 7 Gigabit Ethernet offre i vantaggi tipici di Ethernet: emplicità del metodo di acceo CSMA/CD alta calabilità tra le divere velocità di tramiione Facile evoluzione (e coti contenuti) a partire da Ethernet già eitenti: otituzione degli apparati di rete (hub, witch, chede, etc.) Nella modalità half-duplex per mantenere lo teo lot time previto per Fat Ethernet (e quindi teo diametro max) è previto: etenione dei pacchetti corti ino a raggiungere lunghezza di 409 bit tramiione conecutiva di più pacchetti enza rilaciare il mezzo tramiivo fino al burt-limit che è di 55 bit (89 ottetti) 8

8 IEEE 80.: Livello DL IEEE Strato MAC/DL Funzioni realizzate da IEEE 80. livello DL: controllo di acceo multiplo al mezzo (MAC) rivelazione di errore indirizzamento e itradamento delle UI Nodi a livello DL: tazioni terminali nodi intermedi: SWITCH e BRIDGE 0 Indirizzi Ethernet A livello PH le le UI vengono inviate a tutte le tazioni; a livello DL le UI vengono ricevute ulla bae dell indirizzo di detinazione preente nelle UI (DL-PDU) indirizzi Ethernet (IEEE 80.) o Indirizzi MAC L indirizzo MAC è una tringa di 48 bit ( Byte) b c a IEEE 80.: Formato della trama Lunghezza della trama comprea tra 4 e 58 ottetti PREAM. SFD DSAP SSAP LEN. LLC PDU PAD FCS Aegnato dall IEEE Aegnato dal cotruttore Ottetti 7 da 0 a 500 da 0 4 a 4 L indirizzo MAC può eere: Individuale (E ) Di gruppo (E e--4-5) Broadcat (ff-ff-ff-ff-ff-ff)

9 IEEE 80.: Formato della trama (cont.) IEEE 80. / Ethernet Formato di una MAC PDU (tandard IEEE 80.) preambolo (7 ottetti), formato da alternanze di e 0 Start Frame Delimiter (SFD) ( ottetto), con valore 000, indica l inizio trama indirizzo di detinazione ( o ottetti) indirizzo di orgente ( o ottetti) lunghezza del campo dati ( ottetti) dati (nello tandard 80. ono la PDU di trato LLC) PAD (da 0 a 4 ottetti), inerito quando la parte dati è inferiore a 4 ottetti in modo da garantire che la trama abbia una lunghezza minima di 4 ottetti Frame Check Sequence (FCS) (4 ottetti), di tipo CRC IEEE 80. Preambolo ETHERNET Preambolo SFD Detination Addre SFD Detination Addre Source Addre Source Addre Il campo 'Protocol Type' permette di multiplare più protocolli direttamente ullo teo MAC e.g. PT=0x0800 (=048) corriponde al protocollo IP Length Dati PAD FCS Prot. Type Dati PAD FCS 4 Protocollo MAC IEEE 80. Colliioni E funzione importante del IEEE 80. a livello DL per queto lo trato viene indicato come trato MAC Carrier Sening Multiple Acce with Colliion Detection (CSMA/CD) meccanimo non determinitico (acceo cauale) con tempo di attea non limitato uperiormente concepito per topologie a bu ma utilizzato anche con topologie di trato fiico a tella e albero un ingolo egmento di rete che interconnette tazioni con olo nodi di livello PH viene vito a livello logico dal MAC come unico mezzo condivio (dominio di colliione) Tra due tazioni (e.g. A e C) avviene una colliione e ee accedono al canale in itanti che ditano tra loro un tempo inferiore a quello di propagazione tra le due tazioni t 0 t t... A B C t t t All itante t4 C copre la colliione

10 Intervallo di vulnerabilità Intervallo di vulnerabilità (cont.) L intervallo di vulnerabilità è l'intervallo di tempo in cui una unità informativa emea può ubire colliione A B C t 0 t +τ t t 0 +τ Per definizione, lo trato MAC Ethernet (IEEE 80.) NON deve terminare l emiione completa di una trama prima che ia certo lo tato di NON colliione; in queto modo che: a fine tramiione la orgente a e la trama deve eere coniderata inviata o deve eere ri-tramea in cao di colliione chi tramette può aggiungere alla trama in invio informazione che egnali l evento (trama errata) in queto modo i evita che alcune tazioni poano non accorgeri della colliione; tutte le tazione capicono che la trama deve eere cartata Poiché il tempo per tramettere completamente una trama dipende dalla ua t e t 0 e t ono due itanti di tempo in cui due tazioni incominciano ad inviare una UI, il cao peggiore è quando t =t 0 +τ-ε, con ε piccolo Intervallo di vulnerabilità: T = t +τ-t 0 = t 0 +τ-ε +τ-t 0 < τ lunghezza e dal bit rate R, mentre il tempo di propagazione τ maimo dipende dalla lunghezza del mezzo, Ethernet definice una lunghezza min di trama (MAC-PDU) di 4 byte e lunghezza maima del mezzo d max coì legati: L min = 4 byte (5 bit) τ d max /v m tempo minimo di trama: T min = L min /R imponendo: T min > τ i ottiene: d max v m τ < v m L min /R con v m = velocità di propagazione nel mezzo dove τ è il tempo di propagazione da etremo a etremo 7 8 CSMA/CD CSMA/CD (cont.) Procedura di acceo al mezzo (CSMA): Una tazione prima di tentare la tramiione verifica lo tato del mezzo (Carrier Sening) Se il mezzo è occupato i ritarda l emiione ad un itante ucceivo (i attende che diventi libero) Quando il mezzo è libero i attende un tempo di deferring (ditanziamento delle trame) e i effettua la tramiione (due PDU conecutive devono eere eparate da un intervallo di durata non inferiore a un valore pecificato - tempo di intertrama) e il canale era tato rilevato occupato, oltre ad attendere un tempo di intertrama, l'itante ucceivo di emiione può eere ulteriormente ritardato in accordo ad una PROCEDURA DI PERSISTENZA e.g. con probabilità p i tramette ubito, e con probabilità -p i ritarda A caua del ritardo di propagazione non nullo il protocollo CSMA non evita completamente le colliioni trama in propagazione A A è in tramiione B B è in acolto 9 Durante l emiione i acolta il canale per verificare eventuali colliioni (Colliion Detection) Se è rivelata una colliione i interrompe l emiione della trama e i rinforza la colliione con una equenza di jamming (procedura di colliion enforcement) per egnalare l evento alle altre tazioni i eegue poi l algoritmo di ubentro per decidere quando deve eere riemea la PDU andata in colliione l'acceo viene tentato nuovamente dopo un intervallo di tempo T celto a cao tra 0 e un valore Tmax (algoritmo di ubentro) per ridurre la probabilità di colliione il valore di Tmax dovrebbe dipendere dal numero di tazioni che tanno provando contemporaneamente ad inviare PDU non potendo apere quante ono le tazioni contemporaneamente in tramiione, Tmax viene aumentato eponenzialmente all'aumentare del numero di colliioni conecutive verificatei (back-off eponenziale) 40

11 Back-off eponenziale Protocollo CSMA/CD (cont.) Algoritmo che controlla le ritramiioni in cao di colliioni Eempio di acceo CSMA/CD: Parametri: τ = tempo min. di trama = tempo neceario a tramettere 5 bit e.g. Ethernet 00Mb/, τ = 5, µ n = numero di tramiioni già tentate (e fallite per colliione) Algoritmo tra due tramiioni i deve attendere T = r. τ al maimo tentativi di tramiione r è celto caualmente nell intervallo 0 r < k k = min{n,0} ovvero, T viene celto caualmente tra 0 e Tmax, con Tmax= min{n. τ, 0 τ} 4 4 Procedura di emiione Procedura di ricezione Procedura di emiione delle MAC PDU: ) accettare i dati dello trato uperiore (e.g. LLC) e l indirizzo di detinazione ) formare la PDU indirizzamento controllo della lunghezza minima (in cao ia inferiore i effettua il riempimento) calcolo del CRC (campo controllo di errore) 4) preentare un fluo di dati eriale allo trato fiico per la codifica e per la ucceiva emiione, in accordo al protocollo MAC CSMA/CD Procedura di ricezione delle MAC PDU: ) ricevere un fluo eriale di dati dallo trato fiico ) elaborare la PDU controllo dell integrità della PDU (tramite il campo di rivelazione di errore) controllo dell indirizzo di detinazione della PDU ) preentare allo trato uperiore le PDU indirizzate al terminale locale 4 44

12 Upper layer DL/MAC PH PH (domino di colliione ) Bridging/Switching Bridge/Switch DL/MAC PH PH Upper layer DL/MAC PH PH (domino di colliione ) Bridge e Switch I Bridge nacono per ezionare le in differenti domini di broadcat a livello PH per ragioni di traffico traffico locale confinato u ciacun egmento per ragioni di ditanze fiiche Gli witch i comportano come i Bridge e nacono come apparati centro-tella in otituzione degli Hub traffico tra coppie di tazioni confinato u coppie di rami Switch banda aggregata molto uperiore a quella della ingola porta molte tramiioni in contemporanea tra egmenti A B C D E F 45 4 Dominio di colliione Hub v. Switch In una rete CSMA/CD al crecere del numero di tazioni e/o del traffico aumenta la probabilità di colliioni e quindi diminuice l efficienza della rete enza witch con witch E poibile uddividere la rete in più ottoreti in modo che la contea del mezzo avvenga oltanto tra le tazioni appartenenti ad una ingola ottorete, la quale rappreenta un ingolo dominio di broadcat a livello fiico o dominio di colliione Le tazioni eparate da repeater fanno parte dello teo dominio di colliione (i repeater e gli hub ono nodi di relay che lavorano a livello PH) Unico dominio broadcat a livello PH (Colliion Domain) Dominio broadcat a livello DL Colliion Domain Colliion Domain Colliion Domain Switch Colliion Domain Colliion Domain Colliion Domain Dominio broadcat a livello DL Appartengono a domini di colliione diveri le tazioni eparate da apparecchiature di rete che lavorano a livelli uperiori al fiico (bridge, witch) 47 48

13 Dominio di colliione (cont.) Eempio di con Hub e Switch Switch unico dominio di colliione repeater/hub Segmento 00 Mbit/ condivii Hub S4 Segmento 00 Mbit/ condivii Hub witch/bridge /router unico dominio di colliione S Hub S S Segmento 00 Mbit/ dedicati S5 S S7 due domini di colliione eparati Ethernet Full-Duplex (/) Ethernet Full-Duplex (/) Le ono toricamente Half-duplex: una ola tazione tramette in un certo itante di tempo (mezzo tramiivo condivio) D altra parte le conneioni tra due witch o tra witch e tazione Ethernet ono dedicate: il mezzo tramiivo diventa punto-punto Il mezzo tramiivo punto-punto può allora eere uato in modalità Full-duplex (e upportata): entrambe le tazioni poono tramettere contemporaneamente le tramiioni avvengono u canali fiici diveri due coppie eparate del cavetto in rame due fibre ottiche aenza di colliioni, viene diattivato il CSMA-CD la lunghezza di un link full-duplex dipende ora olo dalle caratteritiche del mezzo tramiivo (non c è dominio i colliione) raddoppia la banda diponibile 5 Per utilizzare Ethernet in modalità full-duplex: il mezzo tramiivo deve upportare tramiioni full-duplex (twited pair o fibra ottica) conneione diretta tra due dipoitivi attivi (link punto-punto) conneione tra due witch conneione tazione-witch o router-witch conneione tra due tazioni le chede di rete deve eere in grado di operare in full-duplex nei tranceiver deve eere diabilitata la rilevazione di colliioni Nota: In modalità Half-duplex i tranceiver inviano un egnale di colliione quando i ha la preenza di attività contemporanea u TX e RX In modalità Full-duplex i tranceiver non rilevano la colliione 5

14 Switching Switching (cont.) I bridge/witch rilanciano le trame ulla bae del loro indirizzo di detinazione e è nota l interfaccia attravero la quale è raggiungibile la detinazione, la trama è rilanciata u queta interfaccia altrimenti, la trama è rilanciata u tutte le interfacce tranne quella di provenienza tabella di intradamento di SW MAC addre det port A B C D E F A B C D SW Ethernet egment Ethernet egment Ethernet egment F E 5 I bridge/witch apprendono la truttura di rete oervando il campo Source Addre delle trame ricevute le tabelle di intradamento vengo aggiornate in accordo a tali informazioni (backward learning) A C B egment D A A B A D C A det port A B D data data data data SW egment egment F D E 54 Switching (cont.) Spanning tree Le tabelle di intradamento normalmente ono calcolate tramite apprendimento dinamico backward learning aggiornamento delle tabelle in bae agli indirizzi di orgente preenti nelle trame ricevute L algoritmo di panning tree ha lo copo di traformare una topologia magliata in albero opera periodicamente decide quali porte porre in tato di forwarding e quali in tato di blocking Il backward learning funziona olo u reti con topologia ad albero D S data SW SW In cao di rete magliata queta deve eere traformata in albero a queto copo viene utilizzato un algoritmo/protocollo di panning-tree (IEEE 80.D) gli intradamenti coì ottenuti ( pegnendo alcuni rami) non ono più quelli ottimali che arebbero poibili nella rete magliata originale SW SW 7 SW 5 SW SW

15 Bridging e Switching virtuali (V) Vantaggi iolano il traffico aumentando la capacità tramiiva totale e la icurezza Si configurano automaticamente Permettono riconfigurazioni automatiche della rete in cao di guati Svantaggi Non adatti alla getione di reti complee Non filtrano i pacchetti broadcat Non permettono il bilanciamento del traffico u link in parallelo o in generale u più percori 57 Le etee, quando crecono troppo di dimenione, ono fonte di problemi: elevato traffico di multicat/broadcat routing tra le ottoreti IP icurezza Si introduce il concetto di virtuali: unica infratruttura fiica con apparati di rete definizione di più ottoreti logiche eparate tramite opportune configurazione degli witch (domini Ethernet differenti) Vantaggi limitazione del traffico di broadcat e di multicat in modo da non impegnare banda tramiiva e capacità elaborativa di un numero elevato di tazioni ed apparati aumentare il livello di icurezza limitando l acceo a porzioni della rete fiica allo teo tempo, getione dinamica di un unica rete fiica 58 V V: layout logico equivalente Backbone Switch A V V V Switch B V V V V V 59 0

Ethernet Truncated Binary Exponential Back-off (TBEB)

Ethernet Truncated Binary Exponential Back-off (TBEB) Reti di Telecomunicazioni R. Bolla, L. Caviglione, F. Davoli Standard IEEE 802 Ethernet Truncated Binary Exponential Back-off (TBEB) IEEE 802.3 20.2 Livello di Rete LLC MAC 802.3 802.2 Logical Link Control

Dettagli

Ethernet e la famiglia di protocolli IEEE 802

Ethernet e la famiglia di protocolli IEEE 802 Ethernet e la famiglia di protocolli IEEE 802 Davide Quaglia Local Area Network (LAN) Apparecchiature indipendenti Canale ad alta capacita ma condiviso da piu stazioni Basso tasso di errore nel caso di

Dettagli

Reti LAN. IZ3MEZ Francesco Canova www.iz3mez.it francesco@iz3mez.it

Reti LAN. IZ3MEZ Francesco Canova www.iz3mez.it francesco@iz3mez.it Reti LAN IZ3MEZ Francesco Canova www.iz3mez.it francesco@iz3mez.it Le LAN Una LAN è un sistema di comunicazione che permette ad apparecchiature indipendenti di comunicare fra loro entro un area limitata

Dettagli

Introduzione alle Reti Telematiche Centro Multimediale Montiferru

Introduzione alle Reti Telematiche Centro Multimediale Montiferru Domande di verifica: Standard IEEE 802.2, IEEE802.3 1. I protocolli di sottolivello MAC (Medium Access Control) hanno lo scopo A. di permettere la condivisione di un canale punto-punto B. di permettere

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo

Università degli Studi di Bergamo Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Ingegneria 3 Reti locali.1 Architetture Prof. Filippini 2 Le reti locali (Local Area Networks-LAN) sono reti di telecomunicazione pensate e ottimizzate per

Dettagli

Fast Ethernet. Caratteristiche generali

Fast Ethernet. Caratteristiche generali Fast Ethernet Caratteristiche generali Nascita di Fast Ethernet La rapida crescita delle reti locali e lo sviluppo crescenti di applicazioni e servizi multimediali ha portato all'esigenza di realizzare

Dettagli

Networking e Reti IP Multiservizio

Networking e Reti IP Multiservizio Networking e Reti IP Multiservizio Modulo 2: Introduzione alle reti per dati IEEE802.3 (Ethernet) Gabriele Di Stefano: gabriele@ing.univaq.it Argomenti già trattati: Lezioni: Concetti fondamentali Entità

Dettagli

Ripetitori, bridge, switch, router

Ripetitori, bridge, switch, router Ripetitori, bridge, switch, router Vittorio Maniezzo Università di Bologna Vittorio Maniezzo Università di Bologna 04 Segmentazioni - 1/31 Limiti delle LAN Distanze massime tra stazioni Limitano la portata

Dettagli

Sottolivello MAC - Medium Access Protocol

Sottolivello MAC - Medium Access Protocol Sottolivello MAC - Medium Access Protocol Sottolivello del data link Regola l accesso al mezzo per reti broadcast LAN e WAN satellitari allocazione statica - a priori allocazione dinamica - in base allo

Dettagli

Introduzione alle reti locali ad alta velocità: dallo switching al Gb/s

Introduzione alle reti locali ad alta velocità: dallo switching al Gb/s Teach Convegni Networking ad Alta Velocità: le nuove LAN e il Multi-Layer switching Milano, 17-18 novembre 1997 Introduzione alle reti locali ad alta velocità: dallo switching al Gb/s Pier Luca Montessoro

Dettagli

Febbraio 1998 GIGABIT ETHERNET. Pietro Nicoletti. p.nicol@inrete.it. GIGABIT - 1 Copyright: si veda nota a pag. 2

Febbraio 1998 GIGABIT ETHERNET. Pietro Nicoletti. p.nicol@inrete.it. GIGABIT - 1 Copyright: si veda nota a pag. 2 GIGABIT ETHERNET Pietro Nicoletti p.nicol@inrete.it GIGABIT - 1 Copyright: si veda nota a pag. 2 Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze (detto nel seguito slides) è protetto dalle leggi sul copyright

Dettagli

http://mottatommaso.altervista.org

http://mottatommaso.altervista.org Standard IEEE 802 per reti LAN http://mottatommaso.altervista.org T. Motta Rete locale Rete LAN: rete di computer di dimensione limitata e senza attraversamento di suolo pubblico Sono di diversi tipi:

Dettagli

Nelle reti locali il livello 2 dlla pila OSI è suddiviso in: . delimitazione di trama (effettuata dal sottostrato MAC);

Nelle reti locali il livello 2 dlla pila OSI è suddiviso in: . delimitazione di trama (effettuata dal sottostrato MAC); Standard Lan Introduzione Nelle reti locali il livello 2 dlla pila OSI è suddiviso in:. strato MAC (Medium Access Control);. strato LLC (Logical Link Control). Le funzioni del livello 2 sono:. delimitazione

Dettagli

Protocolli PH e DL nelle LAN

Protocolli PH e DL nelle LAN Reti in area locale () Protocolli PH e DL nelle Luca Veltri (mail.to: luca.veltri@.veltri@unipr.it) Coro di Reti di Telecomunicazione, a.a. 01/01 http:// ://www.tlc.unipr.it it/veltri Una è un itema di

Dettagli

Reti Locali. www.vincenzocalabro.it 1

Reti Locali. www.vincenzocalabro.it 1 Reti Locali 1 LAN (LocalArea Network) Rete di calcolatori Rete a commutazione di pacchetto; Reti Private; Alte prestazioni; Basso tasso di errore; Basso Costo. Sistema di comunicazione che permette ad

Dettagli

Programmazione in Rete

Programmazione in Rete Programmazione in Rete a.a. 2005/2006 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-rete/prog-rete0506.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 10-12 Sommario della

Dettagli

15. Data link layer: Ethernet e FastEthernet

15. Data link layer: Ethernet e FastEthernet INFO-COM Dpt. Dipartimento di Scienza e Tecnica dell Informazione e della Comunicazione Università degli Studi di Roma La Sapienza 15. Data link layer: Ethernet e FastEthernet Prof. R. R. Cusani Ethernet

Dettagli

Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione IEEE 802.X

Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione IEEE 802.X Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione IEEE 802.X 1 LAN Il progetto IEEE 802 Comitati IEEE per standardizzare l'evoluzione delle LAN (e MAN) 802.1 Overview, Architecture, Bridging

Dettagli

Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione. Interconnessione di LAN

Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione. Interconnessione di LAN Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione Interconnessione di LAN Problema di Interconnesisone di LAN o Limitazioni: n Propagazione n Disturbi n Protocollo di Accesso Multiplo o Occorrono

Dettagli

Principali Standard per LAN. Sistemi LAN. Caratterisitche del Controllo di Accesso al Mezzo. La Storia di Ethernet

Principali Standard per LAN. Sistemi LAN. Caratterisitche del Controllo di Accesso al Mezzo. La Storia di Ethernet Sistemi LAN Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Principali Standard per LAN

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo

Università degli Studi di Bergamo Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Ingegneria 3 Reti locali.3 Interconnessione Prof. Filippini 2! Limitazioni LAN su grandi aree:! Propagazione! Disturbi! Protocolli di Accesso Multiplo! Occorrono

Dettagli

5. Internetworking L2/L3

5. Internetworking L2/L3 Università di Genova Facoltà di Ingegneria Reti di Telecomunicazioni e Telemedicina 1 5. Internetworking L2/L3 Prof. Raffaele Bolla dist! Sia l esistenza (almeno nella fase iniziale) di tecnologie diverse,

Dettagli

Evoluzione della rete Ethernet (II parte)

Evoluzione della rete Ethernet (II parte) Evoluzione della rete Ethernet (II parte) Argomenti della lezione Richiami sul funzionamento della rete Ethernet Fast Ethernet Gigabit Ethernet Implicazioni sul cablaggio 10Gb Ethernet 10 Gigabit Ethernet:

Dettagli

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Il problema Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Docenti: M. Goldwurm, S. Aguzzoli Appello del 5 Aprile 005 Progetto Recinti Conegna entro il Aprile 005 Si tudia la reitenza di alcune pecie di piante

Dettagli

Capitolo IV L n-polo

Capitolo IV L n-polo Capitolo IV L n-polo Abbiamo oervato che una qualiai rete, vita da due nodi, diventa, a tutti gli effetti eterni, un bipolo unico e queto è in qualche miura ovvio e abbiamo anche motrato come cotruire

Dettagli

Evoluzione della rete Ethernet

Evoluzione della rete Ethernet Evoluzione della rete Ethernet Contenuti del corso La progettazione delle reti Il routing nelle reti IP Il collegamento agli Internet Service Provider e problematiche di sicurezza Analisi di traffico e

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo

Università degli Studi di Bergamo Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Ingegneria 3 Reti locali.1 Architetture Prof. Filippini 2 Le reti locali (Local Area Networks-LAN) sono reti di telecomunicazione pensate e ottimizzate per

Dettagli

Le tecnologie ed i componenti di Ethernet

Le tecnologie ed i componenti di Ethernet Le tecnologie ed i componenti di Ethernet Hub, Bridge, Switch Ethernet Tecnologia LAN dominante: Economica:

Dettagli

Modulo 3: Il protocollo Ethernet e sue evoluzioni

Modulo 3: Il protocollo Ethernet e sue evoluzioni Modulo 3: Il protocollo Ethernet e sue evoluzioni Parte 4: Fast Ethernet 1 Fast Ethernet Nel 1992 IEEE ha riunito il comitato 802.3 per sviluppare un protocollo a 100 Mbps basato sulla tecnologia Ethernet

Dettagli

Programmazione modulare 2015-2016

Programmazione modulare 2015-2016 Programmazione modulare 05-06 Indirizzo: Informatica Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: 4 B Docente: Buscemi Letizia Ore settimanali previste: 4 ore ( teoria + ) Totale ore previste: 4 ore per 33 settimane

Dettagli

RETI LOCALI. 1 livello fisico 2 livello data link

RETI LOCALI. 1 livello fisico 2 livello data link 1 Topologie 2 Standard IEEE 802 3 Standard IEEE 802.3 (CSMA/CD) 4 Standard IEEE 802.5 (Token Ring) 5 Standard IEEE 802.11 (Wireless) 6 Bluetooth 7 Bridge RETI LOCALI 1 livello fisico 2 livello data link

Dettagli

Necessità crescente di maggiori velocità trasmissive. appendice allo standard, d 802.3u, comunemente nota come Fast Ethernet, che precisa le

Necessità crescente di maggiori velocità trasmissive. appendice allo standard, d 802.3u, comunemente nota come Fast Ethernet, che precisa le FAST ETHERNET Necessità crescente di maggiori velocità trasmissive compatibilità con le installazioni preesistenti appendice allo standard, d 802.3u, comunemente nota come Fast Ethernet, che precisa le

Dettagli

Reti in Area Locale (LAN)

Reti in Area Locale (LAN) Reti in Area Locale (LAN) A.A. 200-200 Docente: Vincenzo Eramo Reti in area locale (LAN) Scopo Interconnettere apparecchiature di calcolo (personal computers, workstations, stampanti) Caratteristiche di

Dettagli

Reti e problematiche di Rete: Reti geografiche e reti locali

Reti e problematiche di Rete: Reti geografiche e reti locali Reti e problematiche di Rete: Reti geografiche e reti locali Enrico Cavalli - enrico.cavalli@unibg.it Università di Bergamo - Anno Accademico 2008-2009 Reti Locali Reti geografiche e reti locali 2 1 Applicazioni

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 22

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 22 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 22 Martedì 20-05-2014 1 Ethernet Ethernet

Dettagli

Crescita di Internet. Torna alla prima pagina

Crescita di Internet. Torna alla prima pagina Crescita di Internet Ogni computer connesso ad Internet viene univocamente identificato dal proprio IP address: stringa di 32 bit costituita dall indirizzo della rete (net-id), e dall indirizzo del computer

Dettagli

Lezione 2. Campionamento e Aliasing. F. Previdi - Controlli Automatici - Lez. 2 1

Lezione 2. Campionamento e Aliasing. F. Previdi - Controlli Automatici - Lez. 2 1 Lezione 2. Campionamento e Aliaing F. Previdi - Controlli Automatici - Lez. 2 1 Schema della lezione 1. Introduzione 2. Il campionatore ideale 3. Traformata di un egnale campionato 4. Teorema del campionamento

Dettagli

Reti di calcolatori. Lezione del 27 maggio

Reti di calcolatori. Lezione del 27 maggio Reti di calcolatori Lezione del 27 maggio TPC/IP ed i livelli 1 e 2 TCP/IP architettura di rete focalizzata sull internetworking Mancano i primi 2 livelli Connessione ad Internet: due scenari tipici Connessione

Dettagli

Reti di Calcolatori:

Reti di Calcolatori: Reti di Calcolatori: Internet, Intranet e Mobile Computing a.a. 2007/2008 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/reti/reti0708.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì

Dettagli

Le ipotesi di base che si utilizzano sono le stesse quattro già viste con riferimento al caso della flessione semplice e cioè:

Le ipotesi di base che si utilizzano sono le stesse quattro già viste con riferimento al caso della flessione semplice e cioè: LEZIONI N 44 E 45 CALCOLO A ROTTURA DELLA SEZIONE PRESSOINFLESSA PROBLEMI DI VERIFICA La procedura di verifica dei pilatri di c.a., ottopoti a forzo normale e momento flettente, è baata ulla cotruzione

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE RETI

CLASSIFICAZIONE DELLE RETI CLASSIFICAZIONE DELLE RETI A seconda dei ruoli dei computer le reti si classificano in: Reti Client Server in cui sono presenti computer con ruoli diversi, alcuni funzionano da client e uno o più da server

Dettagli

Reti locali LAN (Local Area Networks)

Reti locali LAN (Local Area Networks) Reti locali LAN (Local Area Networks) Una LAN è un sistema di comunicazione che permette ad apparecchiature indipendenti di comunicare tra di loro, entro un'area delimitata, utilizzando un canale fisico

Dettagli

Switch di Livello 2 (L2 Switch) Tecniche di Ethernet Switching Tipologie di Switch. Switch di Livello 3 (L3 Switch)

Switch di Livello 2 (L2 Switch) Tecniche di Ethernet Switching Tipologie di Switch. Switch di Livello 3 (L3 Switch) Reti di Telecomunicazioni R. Bolla, L. Caviglione, F. Davoli Switch di Livello 2 (L2 Switch) Tecniche di Ethernet Switching Tipologie di Switch Switch di Livello 3 (L3 Switch) Virtual LAN (VLAN) 23.2 Inizialmente

Dettagli

Capitolo ETHERNET BUS. Figura 1. Struttura della rete Ethernet

Capitolo ETHERNET BUS. Figura 1. Struttura della rete Ethernet Capitolo ETHERNET 1. Introduzione Ethernet rappresenta oggi la rete più nota e più diffusa in tutto il mondo. La nascita di Ethernet risale al 1976 quando Xerox utilizzò il protocollo CSMA/CD per realizzare

Dettagli

RACCOLTA ESEMPI ESAMI SCRITTI TELECOMUNICAZIONI 2013 2014

RACCOLTA ESEMPI ESAMI SCRITTI TELECOMUNICAZIONI 2013 2014 RACCOLTA ESEMPI ESAMI SCRITTI TELECOMUNICAZIONI 2013 2014 (NOTA BENE: GLI ESERCIZI E LE DOMANDE SI RIFERISCONO AL PROGRAMMA SVOLTO NELL A. A. 2013 14 E NON NECESSARIAMENTE TUTTE LE DOMANE/ESERCIZI SONO

Dettagli

La manutenzione. Definizioni. Evoluzione storica. Manutenzione: Manutenibilità: Dott.ssa Brunella Caroleo

La manutenzione. Definizioni. Evoluzione storica. Manutenzione: Manutenibilità: Dott.ssa Brunella Caroleo La Dott.a Brunella Caroleo Definizioni Manutenzione: È il controllo cotante degli impianti e l inieme dei lavori di riparazione e otituzione neceari ad aicurare il funzionamento regolare e a mantenere

Dettagli

Teorema del Limite Centrale

Teorema del Limite Centrale Teorema del Limite Centrale Una combinazione lineare W = a 1 X + a Y + a 3 Z +., di variabili aleatorie indipendenti X,Y,Z, ciacuna avente una legge di ditribuzione qualiai ma con valori attei comparabili

Dettagli

Introduzione alla gestione dei sistemi di rete. Davide Quaglia

Introduzione alla gestione dei sistemi di rete. Davide Quaglia Introduzione alla gestione dei sistemi di rete Davide Quaglia Tipologie di doppino Doppino non schermato: un-shielded twisted pair (UTP) Doppino schermato: shielded twisted pair (STP) 2 Doppino in rame

Dettagli

Componenti della rete

Componenti della rete Componenti della rete Nodi, Link e adattatori di rete (NIC) Modulazione e Multiplexing Tipologia di cavi - wireless Correzione d errore - rete affidabile Ethernet - reti ad anello - reti wireless - reti

Dettagli

Brevi considerazioni sulla Tecnologia. Rete di calcolatori = insieme di nodi collegati mediante link di comunicazione

Brevi considerazioni sulla Tecnologia. Rete di calcolatori = insieme di nodi collegati mediante link di comunicazione Reti di Calcolatori Brevi considerazioni sulla Tecnologia 1 Definizioni Rete di calcolatori = insieme di nodi collegati mediante link di comunicazione Nodi: Calcolatore general purpose Switch o router

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori I

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori I Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Corso di Reti di Calcolatori I Roberto Canonico (roberto.canonico@unina.it) Giorgio Ventre (giorgio.ventre@unina.it) Reti locali Ethernet I lucidi presentati al

Dettagli

Reti locali broadcast. Interconnettere più LAN. Limiti delle LAN. Interconnessione di LAN tramite Bridge. Partizionare una LAN

Reti locali broadcast. Interconnettere più LAN. Limiti delle LAN. Interconnessione di LAN tramite Bridge. Partizionare una LAN Reti locali broadcast 09Udc Reti di alcolatori Progettazione di reti locali basate su switch L L L. Limiti delle LN Interconnettere più LN Massima estensione fisica Massimo numero di stazioni anda condivisa

Dettagli

Corso di Microonde II

Corso di Microonde II POITECNICO DI MIANO Coro di Microonde II ezi n. 3: Generalità ugli amplificatori ineari Coro di aurea pecialitica in Ingegneria delle Telecomunicazi Circuiti attivi a microonde (Amplificatori) V in Z g

Dettagli

Le reti in area locale

Le reti in area locale Parte III Le reti in area locale Introduzione alle LAN Famiglia degli standard IEEE 802 Ethernet Reti in area locale (LAN) (1/2) Nascono per interconnettere sistemi di elaborazione delle informazioni e

Dettagli

Reti Locali. Tecnologie delle Reti Locali. Caratteristiche delle Reti LAN. Applicazioni di LAN. Reti che coprono un area geografica limitata

Reti Locali. Tecnologie delle Reti Locali. Caratteristiche delle Reti LAN. Applicazioni di LAN. Reti che coprono un area geografica limitata I semestre 03/04 Tecnologie delle Reti Locali Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Reti Locali Reti che coprono un area geografica limitata un ufficio,

Dettagli

Indirizzi LAN e ARP. Tecnologie LAN. Indirizzi LAN e ARP (2) Indirizzo LAN. ARP: Address Resolution Protocol. Ricordiamo il routing

Indirizzi LAN e ARP. Tecnologie LAN. Indirizzi LAN e ARP (2) Indirizzo LAN. ARP: Address Resolution Protocol. Ricordiamo il routing Tecnologie LAN Indirizzamento Ethernet Hub, bridge, switch wireless Ethernet 802.11 PPP Indirizzi LAN e ARP Indirizzi IP a 32-bit: o Indirizzi del livello network o Usati per portare un datagram alla rete

Dettagli

i nodi i concentratori le dorsali

i nodi i concentratori le dorsali RETI LOCALI Reti di computer collegati direttamente tra di loro in un ufficio, un azienda etc. sono dette LAN (Local Area Network). Gli utenti di una LAN possono condividere fra di loro le risorse quali

Dettagli

APPARATI DI INTERNETWORKING

APPARATI DI INTERNETWORKING APPARATI DI INTERNETWORKING Prof. Ing. Maurizio Casoni Dipartimento di Ingegneria Enzo Ferrari Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia REPEATERS Apparato attivo che collega 2 o più mezzi di trasmissione

Dettagli

Note su alcuni principi fondamentali di macroeconomia Versione parziale e provvisoria. Claudio Sardoni Sapienza Università di Roma

Note su alcuni principi fondamentali di macroeconomia Versione parziale e provvisoria. Claudio Sardoni Sapienza Università di Roma Note u alcuni principi fondamentali di macroeconomia Verione parziale e provvioria Claudio Sardoni Sapienza Univerità di Roma Anno accademico 2010-2011 ii Indice Premea v I Il breve periodo 1 1 Il fluo

Dettagli

Reti e sottoreti Componenti hardware per le reti Topologie di rete Rete con cavo UTP Tecnologie di rete Ethernet IEEE 802.3 Token Ring IEEE 802.

Reti e sottoreti Componenti hardware per le reti Topologie di rete Rete con cavo UTP Tecnologie di rete Ethernet IEEE 802.3 Token Ring IEEE 802. Reti e sottoreti LAN, MAN, WAN, PAN Nodi di rete, client e server NOS (Network Operating System) Reti Peer-to-Peer Componenti hardware per le reti Cablaggio Schede di rete (NIC-Network Interface Card)

Dettagli

PROGRAMMAZIONE MODULARE 2015-2016. Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: QUINTA A INF SERALE Indirizzo: INFORMATICA

PROGRAMMAZIONE MODULARE 2015-2016. Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: QUINTA A INF SERALE Indirizzo: INFORMATICA PROGRAMMAZIONE MODULARE 2015-2016 Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: QUINTA A INF SERALE Indirizzo: INFORMATICA Docenti: Gualdi (teoria), Travaglioni (laboratorio) Ore settimanali previste: 2 TEORIA +

Dettagli

Reti, Protocolli e Indirizzi. DIMENSIONE della RETE. Arpanet e Internetworking. Topologia a Stella

Reti, Protocolli e Indirizzi. DIMENSIONE della RETE. Arpanet e Internetworking. Topologia a Stella Premessa breve Reti, Protocolli e Indirizzi Lo sviluppo delle telecomunicazioni ha avuto due fattori determinanti : L esistenza di una rete esistente (quella telefonica) La disponibilita di HW e SW adeguati

Dettagli

Lo strato di collegamento: Ethernet Hub Bridge Switch

Lo strato di collegamento: Ethernet Hub Bridge Switch Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Corso di Reti di Calcolatori Docente: Simon Pietro Romano spromano@unina.it Lo strato di collegamento: Ethernet Hub Bridge Switch Tecnologie per le LAN Riepilogo

Dettagli

NETWORKING: SEMINARIO DI STUDIO 1

NETWORKING: SEMINARIO DI STUDIO 1 NETWORKING: SEMINARIO DI STUDIO 1 Obiettivi: 1. Fornire una panoramica sulle reti di calcolatori, tecnologie, potenzialità, limiti, servizi, internet. 2. Fornire una panoramica sulle capacità di base per

Dettagli

LE RETI E INTERNET. Definizione della rete Internet dal punto di vista fisico

LE RETI E INTERNET. Definizione della rete Internet dal punto di vista fisico LE RETI E INTERNET 1 Definizione della rete Internet dal punto di vista fisico LE RETI E INTERNET 2 Parla dei commutatori di pacchetto o packet switch. LE RETI E INTERNET 3 Parla dei dispositivi fisici

Dettagli

Semestre 1 Modulo 7 Tecnologie Ethernet

Semestre 1 Modulo 7 Tecnologie Ethernet Semestre 1 Modulo 7 Tecnologie Ethernet 7.1 Ethernet a 10 Mbps e 100 Mbps 7.1.1 Ethernet a 10 Mbps 10 base 2, 10 base 5, 10 base formano Legacy Ethernet. Le 4 caratterisiche comuni di Legacy sono: 1. timing

Dettagli

Cap. 7 Tecnologie Ethernet

Cap. 7 Tecnologie Ethernet CCNA_1 (Versione 3.1) Networking basics Marco Ciampi m.ciampi@ithum.it 2/45 Ithum Learning License Licenza d uso del materiale didattico Questo documento e tutto il materiale prodotto da Ithum S.r.l. e

Dettagli

STAFFE ROTANTI. Programma generale. Pressione d esercizio fino a 500 bar. A semplice e doppio effetto. 7 differenti tipi di corpo

STAFFE ROTANTI. Programma generale. Pressione d esercizio fino a 500 bar. A semplice e doppio effetto. 7 differenti tipi di corpo Programma generale STAFFE ROTANTI Preione d eercizio fino a A emplice e doppio effetto 7 differenti tipi di corpo Forza di bloccaggio maima da 0,6 a 41 kn Cora di bloccaggio maima da 7 a 50 mm Sicurezza

Dettagli

Modulo 8 Ethernet Switching

Modulo 8 Ethernet Switching Modulo 8 Ethernet Switching 8.1 Ethernet Switching 8.1.1 Bridging a livello 2 Aumentando il numero di nodi su un singolo segmento aumenta la probabilità di avere collisioni e quindi ritrasmissioni. Una

Dettagli

Sezioni in c.a. La flessione composta. Catania, 16 marzo 2004 Marco Muratore

Sezioni in c.a. La flessione composta. Catania, 16 marzo 2004 Marco Muratore Sezioni in c.a. La fleione compota Catania, 16 marzo 004 arco uratore Per chi non c era 1. Compreione: verifica Tenioni ammiibili α cd Ac f 1.5 f yd A 0.7 σ ( A max c c n A ) Riultati comparabili per il

Dettagli

1 Generalità sui sistemi di controllo

1 Generalità sui sistemi di controllo 1 Generalità ui itemi di controllo Col termine proceo nell impiantitica chimica i intende un inieme di operazioni eeguite u una certa quantità di materia allo copo di modificarne in tutto o in parte alcune

Dettagli

3. RETI DATI IN AREA LOCALE (LAN) Slide 1

3. RETI DATI IN AREA LOCALE (LAN) Slide 1 Politecnico di Milano Sede di Cremona A.A. 2010/11 Corso di RETI DI COMUNICAZIONE E INTERNET Modulo 1 Martino De Marco (demarco@cremona.polimi.it, demarco@ictc.it) Parte 3 RETI DATI IN AREA LOCALE (LAN)

Dettagli

Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione. Reti d accesso. -Accesso a Internet -Interconnessione di reti locali

Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione. Reti d accesso. -Accesso a Internet -Interconnessione di reti locali Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione Reti d accesso -Accesso a Internet -Interconnessione di reti locali Accesso a Internet Dialup via modem Fino a 56Kbps Accesso diretto al router

Dettagli

RETI -ARGOMENTI. Prof.ssa D'Angelo - Ti presento le reti - www.meatim.eu

RETI -ARGOMENTI. Prof.ssa D'Angelo - Ti presento le reti - www.meatim.eu RETI -ARGOMENTI 1. Definizione di Internet dal punto di vista fisico 2. Definizione di Internet dal punto di vista logico 3. Le reti di accesso 4. I tre tipi di connessione 5. Le reti locali (L.A.N.) 6.

Dettagli

Anno Accademico 2013-2014. Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale. Introduzione ( parte II) Topologie di rete

Anno Accademico 2013-2014. Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale. Introduzione ( parte II) Topologie di rete INFORMATICA e COMUNICAZIONE DIGITALE Anno Accademico 2013-2014 Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale Introduzione ( parte II) Prof. Sebastiano Pizzutilo Dipartimento di Informatica

Dettagli

3. Catene di Misura e Funzioni di Trasferimento

3. Catene di Misura e Funzioni di Trasferimento 3.. Generalità 3. Catene di Miura e Funzioni di Traferimento 3.. Generalità Il egnale che rappreenta la grandezza da miurare viene trattato in modo da poter eprimere quet ultima con uno o più valori numerici

Dettagli

Ing. Mariagrazia Dotoli Controlli Automatici NO (9 CFU) Antitrasformata di Laplace PROCEDIMENTI DI ANTITRASFORMAZIONE

Ing. Mariagrazia Dotoli Controlli Automatici NO (9 CFU) Antitrasformata di Laplace PROCEDIMENTI DI ANTITRASFORMAZIONE PROCEDIMENTI DI ANTITRASFORMAZIONE L'operazione di paaggio invero dal dominio della frequenza complea al dominio del tempo F() f(t) è detta antitraformata o traformazione invera di Laplace. Data una funzione

Dettagli

5 - Reti locali parte A

5 - Reti locali parte A Università degli studi di Bergamo Università degli studi di Bergamo Dipartimento di Ingegneria dell Informazione e Metodi Matematici Reti di Calcolatori prof. F. Martignon 5 - Reti locali parte A 1 Reti

Dettagli

Lo strato di collegamento e le reti Ethernet Modulo 5 (Unità 1-2-3)

Lo strato di collegamento e le reti Ethernet Modulo 5 (Unità 1-2-3) Lo strato di collegamento e le reti Ethernet Modulo 5 (Unità 1-2-3) Il livello 2, Data-Link, è suddiviso in due sottolivelli: - il sottolivello MAC (Media Access Control) - il sottolivello LLC (Logical

Dettagli

il progetto ieee 802

il progetto ieee 802 il progetto ieee 802 architettura generale g. di battista nota di copyright questo insieme di slides è protetto dalle leggi sul copyright il titolo ed il copyright relativi alle slides (inclusi, ma non

Dettagli

LAN. Interfacce di rete. La multiplazione. La commutazione

LAN. Interfacce di rete. La multiplazione. La commutazione Interfacce di rete LAN Nei sistemi UNIX, con il termine interfaccia di rete viene indicata una entità logica in grado di scambiare traffico TCP/IP a cui è assegnato un indirizzo di rete, che viene utilizzato

Dettagli

Slide del corso di. Controllo digitale

Slide del corso di. Controllo digitale Slide del coro di Controllo digitale Coro di Laurea in Ingegneria Informatica e dell Informazione Univerità di Siena, Dip. Ing. dell Informazione e Sc. Matematiche Parte III Sitemi a dati campionati Gianni

Dettagli

Classificazione delle tecniche di accesso multiplo

Classificazione delle tecniche di accesso multiplo Classificazione delle tecniche di accesso multiplo Le tecniche di accesso multiplo si dividono in tre classi: Protocolli deterministici o senza contesa: evitano la possibilità che due utenti accedano al

Dettagli

HUB, Switch, Bridge e Router. Domini di Collisione

HUB, Switch, Bridge e Router. Domini di Collisione L'hardware delle reti LAN HUB, Switch, Bridge e Router Domini di Collisione T. Motta Hardware di rete L hardware di rete fondamentale comprende: Hub Repeater Switch Bridge Router Gateway Firewall Modem

Dettagli

Lo Stack TCP/IP: Le Basi

Lo Stack TCP/IP: Le Basi Lo Stack TCP/IP: Le Basi I livelli TCP/IP hanno questa relazione con i livelli di OSI. Lo stack di protocolli TCP/IP implementa un livello network (livello 3) di tipo: packet-switched; connectionless.

Dettagli

Le reti Ethernet e il data link

Le reti Ethernet e il data link Le reti Ethernet e il data link Dopo la fine degli anni '70 si diffusero rapidamente sul mercato, soprattutto statunitense, le reti LAN, reti di calcolatori locali con uso di canali trasmissivi ad alta

Dettagli

Lezione 12. Regolatori PID

Lezione 12. Regolatori PID Lezione 1 Regolatori PD Legge di controllo PD Conideriamo un regolatore che eercita un azione di controllo dipendente dall errore attravero la eguente legge: t ut = K et K e d K de t P + τ τ+ D. dt La

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 1 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Intro: 1 Con il termine rete si indica in modo generico un collegamento fra 2 apparecchiature (sorgente - destinazione)

Dettagli

Cap.6 Ethernet Fundamentals

Cap.6 Ethernet Fundamentals CCNA_1 (Versione 3.1) Networking basics Marco Ciampi m.ciampi@ithum.it Ithum Learning License 2/45 Questo documento e tutto il materiale prodotto da Ithum S.r.l. e dai suoi collaboratori in qualità di

Dettagli

Elementi di Reti per Telecomunicazioni

Elementi di Reti per Telecomunicazioni Elementi di Reti per Telecomunicazioni (Parte II) Topologie ed Interfacciamento di Reti Corso di Telecomunicazioni Anno Accademico 2004/2005 Contenuti Introduzione alle reti di TLC. Topologie di Reti per

Dettagli

Brevi itruzioni Verione 1.0 Dicembre 2002 ITALIANO ISTRUZIONI DI SICUREZZA AVVERTENZA: Per ridurre il richio di coa elettrica, non rimuovere il coperchio (o il pannello poteriore). All'interno non ono

Dettagli

Reti locali LAN (Local Area Networks)

Reti locali LAN (Local Area Networks) Reti locali LAN (Local Area Networks) Una LAN è un sistema di comunicazione che permette ad apparecchiature indipendenti di comunicare tra di loro, entro un'area delimitata, utilizzando un canale fisico

Dettagli

ITIS G. Fauser. Classe 4^ BI. Materia: Sistemi. Anno Scolastico 2013-2014. Docenti: prof.ssa Manuela Cesa, prof. Pasquale Pietrangelo

ITIS G. Fauser. Classe 4^ BI. Materia: Sistemi. Anno Scolastico 2013-2014. Docenti: prof.ssa Manuela Cesa, prof. Pasquale Pietrangelo ITIS G. Fauser Classe 4^ BI Materia: Sistemi Anno Scolastico 2013-2014 Docenti: prof.ssa Manuela Cesa, prof. Pasquale Pietrangelo Numero ore di lezione settimanali: 4 Testi adottati: - Materiale didattico

Dettagli

Networking e Reti IP Multiservizio

Networking e Reti IP Multiservizio Networking e Reti IP Multiservizio Modulo 2: Introduzione alle reti per dati Interconnessione di LAN a livello 2 Gabriele Di Stefano: gabriele@ing.univaq.it Argomenti già trattati: Lezioni: Concetti fondamentali

Dettagli

Si introdurranno poi le topologie delle reti di calcolatori per capire meglio come gli apparati vengono interconnessi e secondo quali standard.

Si introdurranno poi le topologie delle reti di calcolatori per capire meglio come gli apparati vengono interconnessi e secondo quali standard. Pagina 1 di 8 Installare e configurare componenti hardware di rete Topologie di rete In questo approfondimento si daranno alcune specifiche tecniche per l'installazione e la configurazione hardware dei

Dettagli

Protocolli di accesso multiplo

Protocolli di accesso multiplo Protocolli di accesso multiplo Quando l accesso ad una risorsa può avvenire da parte di più utenti indipendenti, si parla di risorsa condivisa ed è necessaria l implementazione di particolari protocolli

Dettagli

Reti di calcolatori. Evoluzione dei calcolatori

Reti di calcolatori. Evoluzione dei calcolatori Reti di calcolatori Evoluzione dei calcolatori I calcolatori hanno subito nel corso degli anni un evoluzione dei modelli costruttivi, dal mainframe alla rete, che ha influito anche sulle modalità di utilizzo

Dettagli

Strumenti della Teoria dei Giochi per l Informatica A.A. 2009/10. Lecture 11: 13-14 Maggio 2010. Meccanismi per la Condivisione dei Costi

Strumenti della Teoria dei Giochi per l Informatica A.A. 2009/10. Lecture 11: 13-14 Maggio 2010. Meccanismi per la Condivisione dei Costi Strumenti della Teoria dei Giochi per l Informatica A.A. 2009/0 Lecture : 3-4 Maggio 200 Meccanimi per la Condiviione dei Coti Docente Paolo Penna Note redatte da: Paolo Penna Primo Eempio Vogliamo vendere

Dettagli