Protocolli PH e DL nelle LAN

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Protocolli PH e DL nelle LAN"

Transcript

1 Reti in area locale () UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Protocolli PH e DL nelle Luca Veltri (mail.to: Coro di Reti di Telecomunicazione, a.a. 0/04 Una è un itema di comunicazione che permette di interconnettere apparecchiature indipendenti in un'area limitata Sono peo caratterizzate da Etenione geografica limitata (edificio, gruppo di edifici) Velocità tramiiva elevata Bao tao di errore Mezzi tramiivi condivii (almeno in origine) Utilizzo di particolari protocolli di acceo al mezzo Facilità di intallazione e getione HW plug&play aenza di configurazione (indirizzi, routing, etc) Sotto la proprietà di una ingola organizzazione e getita da queta 80. Relazioni con OSI, bridging, management, V- 80. CSMA CD ISO Token Bu ISO Il modello IEEE 80 L I V E L L I S U P E R I O R I 80. Logical Link Control LLC ISO Token DQDB FDDI WWMAN MAC Ring ISO ISO ISO WiFi WiMAX PHY Livelli Superiori (OSI -7) Data Link Fiico IEEE 80 v OSI Logical Link Control (LLC) Medium Acce Control (MAC) Fiico Modello OSI Modello IEEE 80 Interfaccia unificata vero il livello network Non è però preente nel cao di IP Recupero errori, controllo di fluo, getione della conneione logica Controllo di acceo, indirizzamento, 'framing' controllo di errore Codifica, incronizzazione, interfaccia con il mezzo tramiivo 4

2 Ethernet: Storia Standard IEEE 80. (Ethernet) Il protocollo Ethernet è uno degli tandard per reti in area locale più diffuo e implementato a livello mondiale Nacque agli inizi degli anni 70 preo il laboratorio di ricerca Xero californiano Nel 98 lo tandard divenne Ethernet II (Digital, Intel, Xero) Nel 98 lo tandard fu poto otto il controllo dell IEEE (nel gruppo 80) Ethernet: Caratteritiche principali Ethernet: Funzioni implementate La topologia logica di una rete Ethernet (cioè il percoro logico che le informazioni eguono) è a BUS La velocità di tramiione nella verione originale era di 0 Mbit/ in banda bae con codifica di tipo Mancheter; attualmente ono utilizzate le verioni a 00 Mb/ e a Gb/ Utilizza un protocollo di acceo al mezzo denominato CSMA/CD Dimenione minima di un pacchetto 4 byte (tale valore corriponde al tempo neceario per aicurare che tutte le tazioni iano in grado i rilelare una avvenuta colliione) Obiettivi degli trati PH e MAC Ethernet e relative funzioni: indirizzamento dei nodi (tazioni) orgente e detinazione, identificando anche il protocollo utente (di trato uperiore) funzione di indirizzamento, tramite indirizzi dei SSAP e DSAP invio di UI a datagramma tra tazioni terminali, con o enza nodi intermedi funzione di invio/ricezione, routing utilizzo di un mezzo broadcat condivio funzione MAC rivelazione di errore e carto delle UI errate (non recupero) funzione di controllo di errore 7 8

3 80.: Standard di livello fiico IEEE Strato PH 0 IEEE 80. di livello fiico: Coaiale Coaiale Thick (0Bae5) IEEE 80. (Ethernet) 0Bae5 e 0Bae dominante ino al '90, uato olo in Ethernet a 0Mb/ Topologia bae di trato fiico: BUS tutte le tazioni collegate direttamente ad un unico bu (coaiale) il bu e le tazioni collegate formano un ingolo egmento di rete non ono neceari nodi intermedi Opzionalmente, più egmenti di rete poono eere interconnei tramite nodi intermedi di livello PH (repeater) i ottiene coì una topologia ad ALBERO con intradamento broadcat Codifica utilizzata: Mancheter Tipi di cavi coaiali uati: Cavo groo (Thick-RG) Cavo ottile (Thin-RG58) Cavo coaiale groo (Thick-RG) unico cavo coaiale 50 Ω, enza giunture tazioni collegate tramite dipoitivi detti tranceiver tranceiver connei direttamente al coaiale con pree a vampiro min ditanza tra i tranceiver:.5 m max lunghezza del ingolo egmento: 500m max numero di tranceiver u ingolo egmento: 00 STAZIONE controller tranceiver cavo tranceiver o cavo drop o cavo AUI coaiale STAZIONE controller tranceiver Eventualmente, utilizzo di ripetitori per interconnettere più egmenti terminatore 50 Ω

4 Coaiale Thick (0Bae5) (cont.) Coaiale Thin (0Bae) Eempi di configurazione 0Bae5 Drop S R R R R Fiber Fiber 0Bae5 0Bae5 0Bae5... S S... S S... S Cavo coaiale ottile (Thin-RG58) più pezzoni di coaiale interconnei tramite connettori BNC crimptati al cavo max lunghezza del cavo (maggiore attenuazione): 85 m max numero di tazioni: 0 min ditanza tra le tazioni: 0.5 m chede di rete in genere connee direttamente al cavo, tramite connettori BNC a T cavo coaiale thin Fiber R Fiber Fiber connettori BNC a T borchie u parete R R R R Stazione Stazione Stazione Drop S 0Bae5 0Bae5 0Bae5 0Bae5... S S... S S... S S... S Altre caratteritiche coto inferiore del cavo maggiore facilità e minor coto di poa cara affidabilità (il cavo è acceibile all'utente) 4 IEEE 80. di livello fiico: Coppia immetrica (Twited Pair) IEEE 80. (Ethernet) 0/00/000 Bae T Cavi con 4 coppie immetriche e intrecciate tramiione bilanciata i due conduttori traportano lo teo egnale, ma in controfae l intreccio mira a far ubire ad entrambi i conduttori le tee interferenze elettromagnetiche utilizzo di connettori di tipo RJ45 Coppia immetrica (cont.) Caratteritiche: lunghezza maima conigliata 00 m 90 m di cablaggio trutturato 0 m di cavetti di patch pretazioni inferiori al cavo coaiale (u lunghe ditanze) bao coto e facilità di poa e conneione (connettori RJ45) adatto a cablaggi trutturati enorme diffuione a partire dal '90 Realizza olo collegamenti punto-punto richiede l'adozione di apparati di rete per collegare più tazioni a livello PH: ripetitori multiporta (hub) a livello DL: witch topologia di trato PH a STELLA 5 Tipi di collegamenti tra tazione e tazione tra tazione e apparato tra apparati

5 Coppia immetrica (cont.) Connettori per Bae-T Tipologie di cavi UTP (Unhielded): non chermato STP (Shielded): chermato coppia per coppia FTP (Foiled): uno olo chermo per tutto il cavetto S/FTP, S/UTP, SSTP Jack Plug Connettore RJ Poizione Contatti Categorie dei cavi - telefonia analogica - telefonia numerica (ISDN) e dati a baa velocità - dati ino a MHz di banda 4 - dati ino a 0 MHz di banda 5 - dati ino a 00 MHz di banda - dati ino a 50 MHz di banda 7 - dati ino a 00 MHz di banda 0BaeT Rx Tx Cavo UTP Tx Rx Cavo UTP incrociato 7 0BaeT Rx Tx Rx Tx 0BaeT 8 Cablaggio in coppia immetrica (o in fibra) Fibra ottica Eempio di topologia tellare gerarchica Ditribuzione primaria Ditribuzione orizzontale Cavi con doppia fibra ottica una fibra per ogni vero di tramiione elevate velocità di tramiione adatti a lunghe ditanze di interconneione adatti ad ambienti con problemi di compatibilità elettromagnetica Caratteritiche: inenibilità al rumore elettromagnetico mancanza di emiioni baa attenuazione banda paante molto elevata coto della fibra relativamente bao alto coto per interfacce e giunzioni 9 Tipologie di fibre Fibre multimodali Fibre monomodali 0

6 Repeater/Hub Repeater/Hub Upper layer Upper layer Serve per ripetere e rigenerare una equenza di bit ricevuti da una porta ulle altre porte Aume il nome di: repeater quando è cotituito da porte multiport repeater quando è cotituito da più di porte hub equivale a multiport repeater per cablaggi a coppie immetriche con connettori RJ45 MAC PH Repeater/Hub PH MAC PH Hub Medium Medium A B C D E F Repeater/Hub: funzioni Cablaggio mito Un pacchetto ricevuto u una porta va ripetuto u tutte le altre porte (Retiming) Eempio di cablaggio mito a 0Mb/ Se u un porta viene rilevata una colliione deve interrompere la ripetizione del pacchetto u tutte le porte e tramettere una equenza di Jamming l hub deve poter anche rilevare una colliione che avviene al uo interno invece che u un egmento fibra fibra fibra R 0Bae In cao di colliioni conecutive deve partizionare la porta intereata rilevamento di guati/malfunzionamenti 0BaeT 4

7 Ethernet a 00 Mb/ (IEEE 80.u) IEEE80.u: 00Bae-TX e 00Bae-FX 80.u detto anche 00BASE-T o Fat-Ethernet Steo protocollo CSMA/CD dello tandard originale a 0Mb/ Velocità dieci volte uperiore ripetto al 0 Mb/ 00 Mb/ bit time 0 n lot time 5 bit (5. µ) 00BASE-TX utilizza con pochiime modifiche lo tandard TP-PMD (Twited-Pair Phyical Medium Depedent) per FDDI: Codifica 4B/5B Scrambling Codifica MLT- (Multilevel threhold-) Ditanze dieci volte inferiori Stea lunghezza del pacchetto Round trip delay ridotto di 0 volte dimenioni max. della rete ridotte di 0 volte tazioni connee a max. 00 mt dall Compatibilità a livello di cheda con 0BaeT Tre otto-tandard per tre tipi di mezzi fiici: 00BASE-TX (doppino, u coppie) 00BASE-4 (doppino, u 4 coppie) 00BASE-FX (fibra ottica) 5 00BASE-FX utilizza con pochiime modifiche lo tandard PMD per FDDI u fibra ottica multimodale (ISO 94-) Codifica 4B/5B Scrambling Codifica NRZI Gigabit Ethernet Gigabit Ethernet (cont.) Come lo tandard IEEE 80.u, rappreenta una evoluzione di Ethernet formato e dimenione del pacchetto uguali a Ethernet 0/00Mb/ (IEEE 80.) bitrate di Gb/ Come anche Fat-Ethernet, upporta le eguenti modalità operative: Half-Duplex CSMA/CD nella pratica NON è implementato nella verione Gigabit Full-Duplex (con controllo di fluo) enza colliioni non ci ono limiti al diametro della rete dovuti al protocollo di acceo è la modalità di Gigabit Ethernet effettivamente implementata 7 Gigabit Ethernet offre i vantaggi tipici di Ethernet: emplicità del metodo di acceo CSMA/CD alta calabilità tra le divere velocità di tramiione Facile evoluzione (e coti contenuti) a partire da Ethernet già eitenti: otituzione degli apparati di rete (hub, witch, chede, etc.) Nella modalità half-duplex per mantenere lo teo lot time previto per Fat Ethernet (e quindi teo diametro max) è previto: etenione dei pacchetti corti ino a raggiungere lunghezza di 409 bit tramiione conecutiva di più pacchetti enza rilaciare il mezzo tramiivo fino al burt-limit che è di 55 bit (89 ottetti) 8

8 IEEE 80.: Livello DL IEEE Strato MAC/DL Funzioni realizzate da IEEE 80. livello DL: controllo di acceo multiplo al mezzo (MAC) rivelazione di errore indirizzamento e itradamento delle UI Nodi a livello DL: tazioni terminali nodi intermedi: SWITCH e BRIDGE 0 Indirizzi Ethernet A livello PH le le UI vengono inviate a tutte le tazioni; a livello DL le UI vengono ricevute ulla bae dell indirizzo di detinazione preente nelle UI (DL-PDU) indirizzi Ethernet (IEEE 80.) o Indirizzi MAC L indirizzo MAC è una tringa di 48 bit ( Byte) b c a IEEE 80.: Formato della trama Lunghezza della trama comprea tra 4 e 58 ottetti PREAM. SFD DSAP SSAP LEN. LLC PDU PAD FCS Aegnato dall IEEE Aegnato dal cotruttore Ottetti 7 da 0 a 500 da 0 4 a 4 L indirizzo MAC può eere: Individuale (E ) Di gruppo (E e--4-5) Broadcat (ff-ff-ff-ff-ff-ff)

9 IEEE 80.: Formato della trama (cont.) IEEE 80. / Ethernet Formato di una MAC PDU (tandard IEEE 80.) preambolo (7 ottetti), formato da alternanze di e 0 Start Frame Delimiter (SFD) ( ottetto), con valore 000, indica l inizio trama indirizzo di detinazione ( o ottetti) indirizzo di orgente ( o ottetti) lunghezza del campo dati ( ottetti) dati (nello tandard 80. ono la PDU di trato LLC) PAD (da 0 a 4 ottetti), inerito quando la parte dati è inferiore a 4 ottetti in modo da garantire che la trama abbia una lunghezza minima di 4 ottetti Frame Check Sequence (FCS) (4 ottetti), di tipo CRC IEEE 80. Preambolo ETHERNET Preambolo SFD Detination Addre SFD Detination Addre Source Addre Source Addre Il campo 'Protocol Type' permette di multiplare più protocolli direttamente ullo teo MAC e.g. PT=0x0800 (=048) corriponde al protocollo IP Length Dati PAD FCS Prot. Type Dati PAD FCS 4 Protocollo MAC IEEE 80. Colliioni E funzione importante del IEEE 80. a livello DL per queto lo trato viene indicato come trato MAC Carrier Sening Multiple Acce with Colliion Detection (CSMA/CD) meccanimo non determinitico (acceo cauale) con tempo di attea non limitato uperiormente concepito per topologie a bu ma utilizzato anche con topologie di trato fiico a tella e albero un ingolo egmento di rete che interconnette tazioni con olo nodi di livello PH viene vito a livello logico dal MAC come unico mezzo condivio (dominio di colliione) Tra due tazioni (e.g. A e C) avviene una colliione e ee accedono al canale in itanti che ditano tra loro un tempo inferiore a quello di propagazione tra le due tazioni t 0 t t... A B C t t t All itante t4 C copre la colliione

10 Intervallo di vulnerabilità Intervallo di vulnerabilità (cont.) L intervallo di vulnerabilità è l'intervallo di tempo in cui una unità informativa emea può ubire colliione A B C t 0 t +τ t t 0 +τ Per definizione, lo trato MAC Ethernet (IEEE 80.) NON deve terminare l emiione completa di una trama prima che ia certo lo tato di NON colliione; in queto modo che: a fine tramiione la orgente a e la trama deve eere coniderata inviata o deve eere ri-tramea in cao di colliione chi tramette può aggiungere alla trama in invio informazione che egnali l evento (trama errata) in queto modo i evita che alcune tazioni poano non accorgeri della colliione; tutte le tazione capicono che la trama deve eere cartata Poiché il tempo per tramettere completamente una trama dipende dalla ua t e t 0 e t ono due itanti di tempo in cui due tazioni incominciano ad inviare una UI, il cao peggiore è quando t =t 0 +τ-ε, con ε piccolo Intervallo di vulnerabilità: T = t +τ-t 0 = t 0 +τ-ε +τ-t 0 < τ lunghezza e dal bit rate R, mentre il tempo di propagazione τ maimo dipende dalla lunghezza del mezzo, Ethernet definice una lunghezza min di trama (MAC-PDU) di 4 byte e lunghezza maima del mezzo d max coì legati: L min = 4 byte (5 bit) τ d max /v m tempo minimo di trama: T min = L min /R imponendo: T min > τ i ottiene: d max v m τ < v m L min /R con v m = velocità di propagazione nel mezzo dove τ è il tempo di propagazione da etremo a etremo 7 8 CSMA/CD CSMA/CD (cont.) Procedura di acceo al mezzo (CSMA): Una tazione prima di tentare la tramiione verifica lo tato del mezzo (Carrier Sening) Se il mezzo è occupato i ritarda l emiione ad un itante ucceivo (i attende che diventi libero) Quando il mezzo è libero i attende un tempo di deferring (ditanziamento delle trame) e i effettua la tramiione (due PDU conecutive devono eere eparate da un intervallo di durata non inferiore a un valore pecificato - tempo di intertrama) e il canale era tato rilevato occupato, oltre ad attendere un tempo di intertrama, l'itante ucceivo di emiione può eere ulteriormente ritardato in accordo ad una PROCEDURA DI PERSISTENZA e.g. con probabilità p i tramette ubito, e con probabilità -p i ritarda A caua del ritardo di propagazione non nullo il protocollo CSMA non evita completamente le colliioni trama in propagazione A A è in tramiione B B è in acolto 9 Durante l emiione i acolta il canale per verificare eventuali colliioni (Colliion Detection) Se è rivelata una colliione i interrompe l emiione della trama e i rinforza la colliione con una equenza di jamming (procedura di colliion enforcement) per egnalare l evento alle altre tazioni i eegue poi l algoritmo di ubentro per decidere quando deve eere riemea la PDU andata in colliione l'acceo viene tentato nuovamente dopo un intervallo di tempo T celto a cao tra 0 e un valore Tmax (algoritmo di ubentro) per ridurre la probabilità di colliione il valore di Tmax dovrebbe dipendere dal numero di tazioni che tanno provando contemporaneamente ad inviare PDU non potendo apere quante ono le tazioni contemporaneamente in tramiione, Tmax viene aumentato eponenzialmente all'aumentare del numero di colliioni conecutive verificatei (back-off eponenziale) 40

11 Back-off eponenziale Protocollo CSMA/CD (cont.) Algoritmo che controlla le ritramiioni in cao di colliioni Eempio di acceo CSMA/CD: Parametri: τ = tempo min. di trama = tempo neceario a tramettere 5 bit e.g. Ethernet 00Mb/, τ = 5, µ n = numero di tramiioni già tentate (e fallite per colliione) Algoritmo tra due tramiioni i deve attendere T = r. τ al maimo tentativi di tramiione r è celto caualmente nell intervallo 0 r < k k = min{n,0} ovvero, T viene celto caualmente tra 0 e Tmax, con Tmax= min{n. τ, 0 τ} 4 4 Procedura di emiione Procedura di ricezione Procedura di emiione delle MAC PDU: ) accettare i dati dello trato uperiore (e.g. LLC) e l indirizzo di detinazione ) formare la PDU indirizzamento controllo della lunghezza minima (in cao ia inferiore i effettua il riempimento) calcolo del CRC (campo controllo di errore) 4) preentare un fluo di dati eriale allo trato fiico per la codifica e per la ucceiva emiione, in accordo al protocollo MAC CSMA/CD Procedura di ricezione delle MAC PDU: ) ricevere un fluo eriale di dati dallo trato fiico ) elaborare la PDU controllo dell integrità della PDU (tramite il campo di rivelazione di errore) controllo dell indirizzo di detinazione della PDU ) preentare allo trato uperiore le PDU indirizzate al terminale locale 4 44

12 Upper layer DL/MAC PH PH (domino di colliione ) Bridging/Switching Bridge/Switch DL/MAC PH PH Upper layer DL/MAC PH PH (domino di colliione ) Bridge e Switch I Bridge nacono per ezionare le in differenti domini di broadcat a livello PH per ragioni di traffico traffico locale confinato u ciacun egmento per ragioni di ditanze fiiche Gli witch i comportano come i Bridge e nacono come apparati centro-tella in otituzione degli Hub traffico tra coppie di tazioni confinato u coppie di rami Switch banda aggregata molto uperiore a quella della ingola porta molte tramiioni in contemporanea tra egmenti A B C D E F 45 4 Dominio di colliione Hub v. Switch In una rete CSMA/CD al crecere del numero di tazioni e/o del traffico aumenta la probabilità di colliioni e quindi diminuice l efficienza della rete enza witch con witch E poibile uddividere la rete in più ottoreti in modo che la contea del mezzo avvenga oltanto tra le tazioni appartenenti ad una ingola ottorete, la quale rappreenta un ingolo dominio di broadcat a livello fiico o dominio di colliione Le tazioni eparate da repeater fanno parte dello teo dominio di colliione (i repeater e gli hub ono nodi di relay che lavorano a livello PH) Unico dominio broadcat a livello PH (Colliion Domain) Dominio broadcat a livello DL Colliion Domain Colliion Domain Colliion Domain Switch Colliion Domain Colliion Domain Colliion Domain Dominio broadcat a livello DL Appartengono a domini di colliione diveri le tazioni eparate da apparecchiature di rete che lavorano a livelli uperiori al fiico (bridge, witch) 47 48

13 Dominio di colliione (cont.) Eempio di con Hub e Switch Switch unico dominio di colliione repeater/hub Segmento 00 Mbit/ condivii Hub S4 Segmento 00 Mbit/ condivii Hub witch/bridge /router unico dominio di colliione S Hub S S Segmento 00 Mbit/ dedicati S5 S S7 due domini di colliione eparati Ethernet Full-Duplex (/) Ethernet Full-Duplex (/) Le ono toricamente Half-duplex: una ola tazione tramette in un certo itante di tempo (mezzo tramiivo condivio) D altra parte le conneioni tra due witch o tra witch e tazione Ethernet ono dedicate: il mezzo tramiivo diventa punto-punto Il mezzo tramiivo punto-punto può allora eere uato in modalità Full-duplex (e upportata): entrambe le tazioni poono tramettere contemporaneamente le tramiioni avvengono u canali fiici diveri due coppie eparate del cavetto in rame due fibre ottiche aenza di colliioni, viene diattivato il CSMA-CD la lunghezza di un link full-duplex dipende ora olo dalle caratteritiche del mezzo tramiivo (non c è dominio i colliione) raddoppia la banda diponibile 5 Per utilizzare Ethernet in modalità full-duplex: il mezzo tramiivo deve upportare tramiioni full-duplex (twited pair o fibra ottica) conneione diretta tra due dipoitivi attivi (link punto-punto) conneione tra due witch conneione tazione-witch o router-witch conneione tra due tazioni le chede di rete deve eere in grado di operare in full-duplex nei tranceiver deve eere diabilitata la rilevazione di colliioni Nota: In modalità Half-duplex i tranceiver inviano un egnale di colliione quando i ha la preenza di attività contemporanea u TX e RX In modalità Full-duplex i tranceiver non rilevano la colliione 5

14 Switching Switching (cont.) I bridge/witch rilanciano le trame ulla bae del loro indirizzo di detinazione e è nota l interfaccia attravero la quale è raggiungibile la detinazione, la trama è rilanciata u queta interfaccia altrimenti, la trama è rilanciata u tutte le interfacce tranne quella di provenienza tabella di intradamento di SW MAC addre det port A B C D E F A B C D SW Ethernet egment Ethernet egment Ethernet egment F E 5 I bridge/witch apprendono la truttura di rete oervando il campo Source Addre delle trame ricevute le tabelle di intradamento vengo aggiornate in accordo a tali informazioni (backward learning) A C B egment D A A B A D C A det port A B D data data data data SW egment egment F D E 54 Switching (cont.) Spanning tree Le tabelle di intradamento normalmente ono calcolate tramite apprendimento dinamico backward learning aggiornamento delle tabelle in bae agli indirizzi di orgente preenti nelle trame ricevute L algoritmo di panning tree ha lo copo di traformare una topologia magliata in albero opera periodicamente decide quali porte porre in tato di forwarding e quali in tato di blocking Il backward learning funziona olo u reti con topologia ad albero D S data SW SW In cao di rete magliata queta deve eere traformata in albero a queto copo viene utilizzato un algoritmo/protocollo di panning-tree (IEEE 80.D) gli intradamenti coì ottenuti ( pegnendo alcuni rami) non ono più quelli ottimali che arebbero poibili nella rete magliata originale SW SW 7 SW 5 SW SW

15 Bridging e Switching virtuali (V) Vantaggi iolano il traffico aumentando la capacità tramiiva totale e la icurezza Si configurano automaticamente Permettono riconfigurazioni automatiche della rete in cao di guati Svantaggi Non adatti alla getione di reti complee Non filtrano i pacchetti broadcat Non permettono il bilanciamento del traffico u link in parallelo o in generale u più percori 57 Le etee, quando crecono troppo di dimenione, ono fonte di problemi: elevato traffico di multicat/broadcat routing tra le ottoreti IP icurezza Si introduce il concetto di virtuali: unica infratruttura fiica con apparati di rete definizione di più ottoreti logiche eparate tramite opportune configurazione degli witch (domini Ethernet differenti) Vantaggi limitazione del traffico di broadcat e di multicat in modo da non impegnare banda tramiiva e capacità elaborativa di un numero elevato di tazioni ed apparati aumentare il livello di icurezza limitando l acceo a porzioni della rete fiica allo teo tempo, getione dinamica di un unica rete fiica 58 V V: layout logico equivalente Backbone Switch A V V V Switch B V V V V V 59 0

LA RETE ETHERNET E LO STANDARD IEEE 802.3

LA RETE ETHERNET E LO STANDARD IEEE 802.3 150 RETI LOCALI: DAL CABLAGGIO ALL'INTERNETWORKING 6 LA RETE ETHERNET E LO STANDARD IEEE 802.3 6.1 INTRODUZIONE Nei primi anni '70 tre industrie di alta tecnologia formarono il consorzio DIX per lo sviluppo

Dettagli

CHAPTER 1 CINEMATICA. 1.1. Moto Rettilineo

CHAPTER 1 CINEMATICA. 1.1. Moto Rettilineo ESERCIZI DI FISICA CHAPTER 1 CINEMATICA 1.1. Moto Rettilineo Velocità media: vettoriale e calare. Exercie 1. Carl Lewi ha coro i 100m piani in circa 10, e Bill Rodger ha vinto la maratona (circa 4km)

Dettagli

Errori di misura. è ragionevole assumere che una buona stima del valore vero sia la media

Errori di misura. è ragionevole assumere che una buona stima del valore vero sia la media Errori di miura Se lo trumento di miura è abbatanza enibile, la miura rietuta della tea grandezza fiica darà riultati diveri fra loro e fluttuanti in modo caratteritico. E l effetto di errori cauali, o

Dettagli

BOZZA. Lezione n. 20. Stati limite nel cemento armato Stato limite ultimo per tensioni normali

BOZZA. Lezione n. 20. Stati limite nel cemento armato Stato limite ultimo per tensioni normali Lezione n. Stati limite nel cemento armato Stato limite ultimo per tenioni normali Determinazione elle configurazioni i rottura per la ezione Una volta introotti i legami cotitutivi, è poibile eterminare

Dettagli

Impianti VAV di ultima generazione

Impianti VAV di ultima generazione PANORAMICA Impianti VAV di ultima generazione Prodotti all'avanguardia per la ventilazione regolabile u richieta! www.wegon.com La ventilazione regolabile u richieta garantice grande comfort e coti di

Dettagli

ALU STAFFE IN ALLUMINIO SENZA FORI

ALU STAFFE IN ALLUMINIO SENZA FORI ALU STAFFE IN ALLUMINIO SENZA FORI Giunzione a compara in lega di alluminio per utilizzo in ambienti interni ed eterni (cl. di erv. 2) Preforata con ditanze ottimizzate per giunzioni ia u legno (chiodi

Dettagli

Messa a punto avanzata più semplice utilizzando Funzione Load Observer

Messa a punto avanzata più semplice utilizzando Funzione Load Observer Mea a punto avanzata più emplice utilizzando Funzione Load Oberver EMEA Speed & Poition CE Team AUL 34 Copyright 0 Rockwell Automation, Inc. All right reerved. Co è l inerzia? Tutti comprendiamo il concetto

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

GLI ELEMENTI BASE PER LA CREAZIONE DI UNA RETE...

GLI ELEMENTI BASE PER LA CREAZIONE DI UNA RETE... GUIDA ALLE RETI INDICE 1 BENVENUTI... 4 2 GLI ELEMENTI BASE PER LA CREAZIONE DI UNA RETE... 5 2.1 COMPONENTI BASE DELLA RETE... 5 2.2 TOPOLOGIA ETHERNET... 6 2.2.1 Tabella riassuntiva... 7 2.3 CLIENT E

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

Introduzione alle reti e all architettura TCP/IP

Introduzione alle reti e all architettura TCP/IP Introduzione alle reti e all architettura TCP/IP Indice dei contenuti: 1) Introduzione alle reti Topologia di Internet e topologie di rete I mezzi fisici Il software di rete: architetture a livelli Reti

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

Considerazioni generali nella progettazione di una rete

Considerazioni generali nella progettazione di una rete Considerazioni generali nella progettazione di una rete La tecnologia che ormai costituisce lo standard per le reti LAN è l Ethernet per cui si sceglie di realizzare una LAN Ethernet 100BASE-TX (FastEhernet)

Dettagli

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa Cosa è MPLS MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa L idea di base consiste nell associare a ciascun pacchetto un breve identificativo

Dettagli

Lezione 4. Risposte canoniche dei sistemi del primo e del secondo ordine

Lezione 4. Risposte canoniche dei sistemi del primo e del secondo ordine Lezione 4 Ripoe canoniche dei iemi del primo e del econdo ordine Parameri caraeriici della ripoa allo calino Per ripoe canoniche i inendono le ripoe dei iemi dinamici ai egnali coiddei canonici (impulo,

Dettagli

ONDE ESERCIZI SVOLTI DAL PROF. TRIVIA GIANLUIGI

ONDE ESERCIZI SVOLTI DAL PROF. TRIVIA GIANLUIGI ONDE ESERCIZI SVOLTI DAL PROF. TRIVIA GIANLUIGI 1. Tipi di Onde Exercie 1. Un onda viaggia lungo una corda tea. La ditanza verticale dalla creta al ventre è di 13 c e la ditanza orizzontale dalla creta

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

COME NON CADERE NELLA RETE. Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori

COME NON CADERE NELLA RETE. Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori COME NON CADERE NELLA RETE Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori Come non cadere nella rete guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le

Dettagli

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento Reti Di cosa parleremo? - Definizione di Rete e Concetti di Base - Tipologie di reti - Tecnologie Wireless - Internet e WWW - Connessioni casalinghe a Internet - Posta elettronica, FTP e Internet Browser

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Laboraorio di Algorimi e Sruure Dai Aniello Murano hp://people.na.infn.i people.na.infn.i/ ~murano/ 1 Algorimi per il calcolo di percori minimi u un grafo 1 Un emplice problema Pr oblema: Supponiamo che

Dettagli

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi:

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Routing (instradamento) in Internet Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Stub AS: istituzione piccola Multihomed AS: grande istituzione (nessun ( transito Transit AS: provider

Dettagli

PAOLO CAMAGNI RICCARDO NIKOLASSY. I linguaggi. Web. del. HTML, CSS, JavaScript, VBScript, ASP, PHP

PAOLO CAMAGNI RICCARDO NIKOLASSY. I linguaggi. Web. del. HTML, CSS, JavaScript, VBScript, ASP, PHP PAOLO CAMAGNI RICCARDO NIKOLASSY I linguaggi del Web HTML, CSS, JavaScript, VBScript, ASP, PHP Paolo Camagni Riccardo Nikolassy I linguaggi del Web HTML, CSS, JavaScript, VBScript, ASP, PHP EDITORE ULRICO

Dettagli

Problema 1: Una collisione tra meteoriti

Problema 1: Una collisione tra meteoriti Problema : Una colliione ra meeorii Problemi di imulazione della econda prova di maemaica Eami di ao liceo cienifico 5 febbraio 05 Lo udene deve volgere un olo problema a ua cela Tempo maimo aegnao alla

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete.

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete. Premessa. La traccia di questo anno integra richieste che possono essere ricondotte a due tipi di prove, informatica sistemi, senza lasciare spazio ad opzioni facoltative. Alcuni quesiti vanno oltre le

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

Informazione tecnica SUNNY CENTRAL COMMUNICATION CONTROLLER

Informazione tecnica SUNNY CENTRAL COMMUNICATION CONTROLLER Informazione tecnica SUNNY CENTRAL COMMUNICATION CONTROLLER Contenuto Sunny Central Communication Controller è un componente integrale dell inverter centrale che stabilisce il collegamento tra l inverter

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it)

SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it) SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it) In una rete TCP/IP, se un computer (A) deve inoltrare una richiesta ad un altro computer (B) attraverso la rete locale, lo dovrà

Dettagli

PROVE POWERLINE. Cablaggio di rete:

PROVE POWERLINE. Cablaggio di rete: Di Simone Zanardi Cablaggio di rete: offre la casa La tecnologia Powerline consente di sfruttare l impianto elettrico domestico per collegamenti Ethernet; un alternativa alla posa dei cavi Utp e alle soluzioni

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Elementi di rete che permettono lo scambio dei messaggi di segnalazione

Elementi di rete che permettono lo scambio dei messaggi di segnalazione SEGNALAZIONE Segnalazione e sistemi di segnalazione Segnalazione Messaggi tra elementi di una rete a commutazione di circuito (apparecchi di utente e centrali o fra le varie centrali) che permettono la

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA PSICOGERIATRIA. anni di AIP. Relazione del Presidente in occasione del 10 Congresso Nazionale

ASSOCIAZIONE ITALIANA PSICOGERIATRIA. anni di AIP. Relazione del Presidente in occasione del 10 Congresso Nazionale ASSOCIAZIONE ITALIANA PSICOGERIATRIA anni di AIP Relazione del Preidente in occaione del 10 Congreo Nazionale Gardone Riviera (BS), 15 aprile 2010 Preidenti Onorari Mario Barucci Lodovico Frattola Pat

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Uno degli aspetti progettuali più importanti di un sistema Control4 è la rete. Una rete mal progettata, in molti casi, si tradurrà

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Sicurezza delle reti wireless Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Concetti di base IEEE 802.11: famiglia di standard tra cui: 802.11a, b, g: physical e max data rate spec. 802.11e: QoS (traffic

Dettagli

Mai più offline. viprinet. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub

Mai più offline. viprinet. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub viprinet Mai più offline. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub Adatti per la connettività Internet e reti VPN Site-to-Site Bounding effettivo delle connessioni WAN (fino a sei) Design modulare

Dettagli

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo 86-W Sistema integrato compatto di valvole con I/O elettronici Sistemi personalizzati premontati e collaudati per il pilotaggio del

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

Introduzione alle VLAN Autore: Roberto Bandiera 21 gennaio 2015

Introduzione alle VLAN Autore: Roberto Bandiera 21 gennaio 2015 Introduzione alle VLAN Autore: Roberto Bandiera 21 gennaio 2015 Definizione Mentre una LAN è una rete locale costituita da un certo numero di pc connessi ad uno switch, una VLAN è una LAN VIRTUALE (Virtual

Dettagli

Qualità di Servizio - Tutorial - Mauro Campanella INFN-GARR Mauro.Campanella@garr.it

Qualità di Servizio - Tutorial - Mauro Campanella INFN-GARR Mauro.Campanella@garr.it Qualità di Servizio - Tutorial - Mauro Campanella INFN-GARR Mauro.Campanella@garr.it Agenda - Introduzione alla Qualità di Servizio - Definizione quantitativa della QoS - Architetture di QoS - QoS : compiti

Dettagli

Questo documento è allegato al libro Elettrotecnica, Elettronica, Telecomunicazioni e Automazione di

Questo documento è allegato al libro Elettrotecnica, Elettronica, Telecomunicazioni e Automazione di Questo documento è allegato al libro Elettrotecnica, Elettronica, Telecomunicazioni e Automazione di Trapa L., IBN Editore, a cui si può fare riferimento per maggiori approfondimenti. Altri argomenti correlati

Dettagli

Liste di specie e misure di diversità

Liste di specie e misure di diversità Lte d pece e mure d dvertà Carattertche delle lte d pece I dat ono par, coè hanno molt valor null (a volte la maggoranza!) La gran parte delle pece preent è rara. I fattor ambental che nfluenzano la dtrbuzone

Dettagli

Nota di applicazione: impostazione della comunicazione

Nota di applicazione: impostazione della comunicazione Nota di applicazione: impostazione della comunicazione Questa nota di applicazione descrive come installare e impostare la comunicazione tra l'inverter e il server di monitoraggio SolarEdge. Questo documento

Dettagli

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless La configurazione degli indirizzi IP Configurazione statica, con DHCP, e stateless 1 Parametri essenziali per una stazione IP Parametri obbligatori Indirizzo IP Netmask Parametri formalmente non obbligatori,

Dettagli

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP.

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP. Configurazione di indirizzi IP statici multipli Per mappare gli indirizzi IP pubblici, associandoli a Server interni, è possibile sfruttare due differenti metodi: 1. uso della funzione di Address Translation

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 NB: alcune domande hanno risposta multipla: si richiede di identificare TUTTE le risposte corrette.

Dettagli

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Protocolli di rete Sommario Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Configurazione statica e dinamica

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

Access point wireless Cisco Small Business serie 500

Access point wireless Cisco Small Business serie 500 Scheda tecnica Access point wireless Cisco Small Business serie 500 Connettività Wireless-N, prestazioni elevate, implementazione semplice e affidabilità di livello aziendale Caratteristiche principali

Dettagli

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA Fondamenti Segnali e Trasmissione Trasmissione dati su rete telefonica rete telefonica analogica ISP (Internet Service Provider) connesso alla WWW (World Wide Web)

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Le funzioni di una rete (parte 1)

Le funzioni di una rete (parte 1) Marco Listanti Le funzioni di una rete (parte 1) Copertura cellulare e funzioni i di base di una rete mobile Strategia cellulare Lo sviluppo delle comunicazioni mobili è stato per lungo tempo frenato da

Dettagli

Guida alle impostazioni generali

Guida alle impostazioni generali Istruzioni per l uso Guida alle impostazioni generali 1 2 3 4 5 6 7 8 9 Collegamento della macchina Impostazioni di sistema Impostazioni Copiatrice/Document server Impostazioni fax Impostazioni Stampante

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

ALICE BUSINESS GATE 2 PLUS WI-FI MODEM/ROUTER ADSL / ADSL2+ ETHERNET / USB / WI-FI

ALICE BUSINESS GATE 2 PLUS WI-FI MODEM/ROUTER ADSL / ADSL2+ ETHERNET / USB / WI-FI ALICE BUSINESS GATE 2 PLUS WI-FI MODEM/ROUTER ADSL / ADSL2+ ETHERNET / USB / WI-FI GUIDA D INSTALLAZIONE E USO Contenuto della Confezione La confezione Alice Business Gate 2 plus Wi-Fi contiene il seguente

Dettagli

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM Barriera optoelettronica di misurazione LGM Misurare con intelligenza - nuove dei materiali in tutti i mercati La nuova Serie LGM di

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

FAQ. 1 Quali sono le differenze con un accesso telefonico?

FAQ. 1 Quali sono le differenze con un accesso telefonico? FAQ 1. Quali sono le differenze con un accesso telefonico? 2. Quali sono le differenze con un collegamento DSL? 3. Funziona come un collegamento Satellitare? 4. Fastalp utilizza la tecnologia wifi (802.11)?

Dettagli

PROBLEMI. 1) Calcolare il tempo impiegato dal suono per percorrere 8 Km. La velocità del suono nell aria è v = 340 m/s.

PROBLEMI. 1) Calcolare il tempo impiegato dal suono per percorrere 8 Km. La velocità del suono nell aria è v = 340 m/s. PROBLEMI 1) Calcolare il tempo impiegato dal uono per percorrere 8 Km. La velocità del uono nell aria è v = 340 m/. ) Dopo quanto tempo un onda onora emea da un punto ditante 400 m da una uperficie ripaa

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

TIA/EIA 568A, 50173, ISO/IEC

TIA/EIA 568A, 50173, ISO/IEC Cos è il cablaggio Il cablaggio è un insieme di componenti passivi posati in opera: cavi, connettori, prese, permutatori, ecc. opportunamente installati e predisposti per poter interconnettere degli apparati

Dettagli

Introduzione all elettronica

Introduzione all elettronica Introduzione all elettronica L elettronica nacque agli inizi del 1900 con l invenzione del primo componente elettronico, il diodo (1904) seguito poi dal triodo (1906) i cosiddetti tubi a vuoto. Questa

Dettagli

Raffinamenti dell equilibrio di Nash

Raffinamenti dell equilibrio di Nash Raffinamenti dell equilibrio di Nah equilibri perfetti nei ottogiohi (SPE) ed altro Appunti a ura di Fioravante PATRONE verione del: maggio ndie Equilibri perfetti nei ottogiohi (SPE) SPE problematii 4

Dettagli

Progettare network AirPort con Utility AirPort. Mac OS X v10.5 + Windows

Progettare network AirPort con Utility AirPort. Mac OS X v10.5 + Windows Progettare network AirPort con Utility AirPort Mac OS X v10.5 + Windows 1 Indice Capitolo 1 3 Introduzione a AirPort 5 Configurare un dispositivo wireless Apple per l accesso a Internet tramite Utility

Dettagli

ARP (Address Resolution Protocol)

ARP (Address Resolution Protocol) ARP (Address Resolution Protocol) Il routing Indirizzo IP della stazione mittente conosce: - il proprio indirizzo (IP e MAC) - la netmask (cioè la subnet) - l indirizzo IP del default gateway, il router

Dettagli

Modulo 11. Il livello trasporto ed il protocollo TCP Indice

Modulo 11. Il livello trasporto ed il protocollo TCP Indice Pagina 1 di 14 Il livello trasporto ed il protocollo TCP Indice servizi del livello trasporto multiplexing/demultiplexing trasporto senza connesione: UDP principi del trasferimento dati affidabile trasporto

Dettagli

Introduzione alle reti radiomobili. Meglio wireless o wired???

Introduzione alle reti radiomobili. Meglio wireless o wired??? GSM - GPRS Introduzione alle reti radiomobili Wireless Vs Wired L unica differenza sembra consistere nel mezzo trasmissivo radio, eppure: Le particolari caratteristiche del mezzo trasmissivo hanno un grosso

Dettagli

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n Comunicazioni elettriche A - Prof. Giulio Colavolpe Compito n. 3 3.1 Lo schema di Fig. 1 è un modulatore FM (a banda larga). L oscillatore che genera la portante per il modulatore FM e per la conversione

Dettagli

Sistemi di citofonia e videocitofonia Posti interni Zenith Posti esterni Musa

Sistemi di citofonia e videocitofonia Posti interni Zenith Posti esterni Musa Sistemi di citofonia e videocitofonia Posti interni Zenith Posti esterni Musa Indice Sistemi di citofonia e videocitofonia - Tecnologia e qualità... - Installazione più facile e rapida... 4 - I sistemi

Dettagli

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN per Expert NANO 2ZN Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie Expert NANO 2ZN Nome documento: MODBUS-RTU_NANO_2ZN_01-12_ITA Software installato: NANO_2ZN.hex

Dettagli

Redatto da Product Manager info@e4company.com. Verificato da E4 Team Supporto supporto@e4company.com

Redatto da Product Manager info@e4company.com. Verificato da E4 Team Supporto supporto@e4company.com Redatto da Product Manager info@e4company.com Verificato da E4 Team Supporto supporto@e4company.com 2 SOMMARIO 1 INTRODUZIONE... 4 2 SOLUTION OVERVIEW... 5 3 SOLUTION ARCHITECTURE... 6 MICRO25... 6 MICRO50...

Dettagli

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC 5 giugno 09 IT-BOOK Configurazioni e cartatteristiche tecniche possono essere soggette a variazioni senza preavviso. Tutti i marchi citati sono registrati dai rispettivi proprietari. Non gettare per terra:

Dettagli

Mini manuale di Audacity.

Mini manuale di Audacity. Mini manuale di Audacity. Questo mini manuale è parte del corso on-line Usare il software libero di Altrascuola. Il corso è erogato all'interno del portale per l'e-learning Altrascuola con la piattaforma

Dettagli

Guida ai Servizi Voce per il Referente. Guida ai Servizi Voce per il Referente

Guida ai Servizi Voce per il Referente. Guida ai Servizi Voce per il Referente Guida ai Servizi Voce per il Referente Guida ai Servizi Voce per il Referente 1 Sommario 1 Introduzione... 3 1.1 Accesso al Self Care Web di Rete Unica... 4 2 Servizi Aziendali... 6 2.1 Centralino - Numero

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

Analisi qualitativa di reti wifi attraverso l individuazione di parametri significativi e la rilevazione dello spostamento degli utenti

Analisi qualitativa di reti wifi attraverso l individuazione di parametri significativi e la rilevazione dello spostamento degli utenti UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PISA FACOLTA DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea Specialistica in Tecnologie Informatiche Analisi qualitativa di reti wifi attraverso l individuazione di

Dettagli

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti Project Management Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova Project Management 2 Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti esempi sono progetti nell

Dettagli

SKY on DEMAND. Guida all attivazione e navigazione

SKY on DEMAND. Guida all attivazione e navigazione SKY on DEMAND Guida all attivazione e navigazione . Il Nuovo Sky On Demand: dettagli 1/2 Che cosa è il nuovo Sky On Demand Il nuovo Sky On Demand è il Servizio che consente di accedere ad un intera videoteca

Dettagli

aleatoria; se è nota la sua densità di probabilità ad essa si può associare una valore medio statistico. La grandezza così definita: (III.1.

aleatoria; se è nota la sua densità di probabilità ad essa si può associare una valore medio statistico. La grandezza così definita: (III.1. Caitolo III VALORI MEDI. SAZIONARIEÀ ED ERGODICIÀ III. - Mdi tatitich dl rimo ordi. Sia f( ) ua fuzio cotiua i aoci al gal alatorio (, t ζ ) la uatità dfiita dalla y f[(, t ζ )]. Ea idividua, a ua volta,

Dettagli

Cenni su Preamplificatori, mixer e segnali

Cenni su Preamplificatori, mixer e segnali Cenni su Preamplificatori, mixer e segnali Preamplificazione: spalanca le porte al suono! Tra mixer, scheda audio, amplificazione, registrazione, il segnale audio compie un viaggio complicato, fatto a

Dettagli

INDICE Listino aggiornato al 25/05/2015

INDICE Listino aggiornato al 25/05/2015 INDICE Listino aggiornato al 25/05/2015 NethSecurity Firewall UTM 3 NethService Unified Communication & Collaboration 6 NethVoice Centralino VoIP e CTI 9 NethMonitor ICT Proactive Monitoring 11 NethAccessRecorder

Dettagli

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA ANDREA USAI Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Andrea Usai (D.I.S. Antonio Ruberti ) Laboratorio di Automatica

Dettagli

UML Component and Deployment diagram

UML Component and Deployment diagram UML Component and Deployment diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania I diagrammi UML Classificazione

Dettagli

Nella prima lezione... Che cos è il Digitale. Prima parte: Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale

Nella prima lezione... Che cos è il Digitale. Prima parte: Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale !"$#%!" #% Nella prima lezione... Definizione di Informatica Cosa è una soluzione algoritmica Esempi di algoritmi cicalese@dia.unisa.it 2 Prima parte: Società dell informazione Ma cosa vuol dire società

Dettagli

L Impresa Estesa come motore dell Innovazione

L Impresa Estesa come motore dell Innovazione L Impresa Estesa come motore dell Innovazione VOIP e RFID Andrea Costa Responsabile Marketing Clienti Enterprise 0 1. Innovazione: un circolo virtuoso per l Impresa Profondità e latitudine (l azienda approfondisce

Dettagli

Interruttori di posizione precablati serie FA

Interruttori di posizione precablati serie FA Interruttori di posizione precablati serie FA Diagramma di selezione 01 08 10 11 1 15 1 0 guarnizione guarnizione esterna in esterna in gomma gomma AZIONATORI 1 51 5 54 55 56 5 leva leva regolabile di

Dettagli

Minimizzazione di Reti Logiche Combinatorie Multi-livello

Minimizzazione di Reti Logiche Combinatorie Multi-livello Minimizzazione di Reti Logiche Combinatorie Multi-livello Maurizio Palesi Maurizio Palesi 1 Introduzione Obiettivo della sintesi logica: ottimizzazione delle cifre di merito area e prestazioni Prestazioni:

Dettagli

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis Descrizione Generale Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis EOLO DAVIS rappresenta una soluzione wireless di stazione meteorologica, basata su sensoristica Davis Instruments, con possibilità di mettere

Dettagli

Ricerca Operativa Branch-and-Bound per problemi di Programmazione Lineare Intera

Ricerca Operativa Branch-and-Bound per problemi di Programmazione Lineare Intera Ricerca Operativa Branch-and-Bound per problemi di Programmazione Lineare Intera L. De Giovanni AVVERTENZA: le note presentate di seguito non hanno alcuna pretesa di completezza, né hanno lo scopo di sostituirsi

Dettagli

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai Articolo Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai INDICE Introduzione 3 Dieci cose che il vostro fornitore

Dettagli

Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro

Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro Sistemi digitali per l ufficio sempre più efficienti e facili da usare Ottenere massima efficienza ed elevata professionalità, pur mantenendo

Dettagli

IL FUTURO DELLA RETE FISSA HA UN CUORE ANTICO

IL FUTURO DELLA RETE FISSA HA UN CUORE ANTICO 4 NETWORK IL FUTURO DELLA RETE FISSA HA UN CUORE ANTICO Giancarlo Lepidi, Roberto Giuseppe Opilio 5 La rete di Telecom Italia ha un cuore antico e il suo futuro, con la sua capacità di innovarsi e di rimanere

Dettagli

I componenti di un Sistema di elaborazione. CPU (central process unit)

I componenti di un Sistema di elaborazione. CPU (central process unit) I componenti di un Sistema di elaborazione. CPU (central process unit) I componenti di un Sistema di elaborazione. CPU (central process unit) La C.P.U. è il dispositivo che esegue materialmente gli ALGORITMI.

Dettagli

Determinare la grandezza della sottorete

Determinare la grandezza della sottorete Determinare la grandezza della sottorete Ogni rete IP possiede due indirizzi non assegnabili direttamente agli host l indirizzo della rete a cui appartiene e l'indirizzo di broadcast. Quando si creano

Dettagli