Tutela del lavoro. Procedura di rimedio per il lavoro infantile Riesame della direzione SA estratto

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tutela del lavoro. Procedura di rimedio per il lavoro infantile Riesame della direzione SA8000 - estratto"

Transcript

1 Tutela del lavoro Procedura di rimedio per il lavoro infantile Riesame della direzione SA estratto

2 ESTRATTO PROCEDURA _ PR PRE LAVORO INFANTILE Scopo Lo scopo di questo paragrafo è di definire criteri per: - evitare l utilizzo, o comunque il sostegno, del lavoro infantile e fornire ai bambini, che risultino impiegati in attività lavorative, adeguate risorse affinché possano frequentare la scuola; - limitare e regolamentare le attività lavorative svolte da giovani lavoratori Definizioni Bambino: «Qualsiasi persona con meno di 15 anni di età, eccetto i casi in cui le leggi locali stabiliscano un età minima più elevata per l accesso al lavoro o per la frequenza della scuola dell obbligo, nel qual caso localmente si applica l età più elevata.» [SA8000:2008, III, 8] Lavoro infantile: «Qualsiasi lavoro effettuato da un bambino di età inferiore a quelle specificate nella definizione di bambino sopra riportata, ad eccezione di quanto previsto dalla Raccomandazione ILO 146» [SA8000:2008, III, 10] Azione di rimedio per i bambini: «Ogni forma di sostegno ed azioni necessarie a garantire la sicurezza, la salute, l educazione e lo sviluppo dei bambini, che siano stati sottoposti a lavoro infantile, come sopra definito, e che successivamente siano stati rimossi da tale lavoro.» [SA8000:2008, III, 13] Giovane lavoratore: «Qualsiasi lavoratore che superi l età di bambino, come sopra definito, e che non abbia compiuto i 18 anni» [SA8000:2008, III, 9] Ai sensi del D.lgs. 276/03 l assunzione di lavoratori di età uguale a 15 anni è consentita solo se assunti con contratto di apprendistato, per l espletamento del diritto dovere di istruzione e formazione, finalizzato al conseguimento di una qualifica professionale Verifiche in fase di inserimento al lavoro Coerentemente con il proprio impegno al rispetto dei requisiti SA8000 IDEALSERVICE si impegna: - a non impiegare bambini nell ambito delle proprie attività lavorative; - a impiegare giovani lavoratori solo in condizioni particolari e in modo limitato (ad es. durante il periodo di interruzione dell anno scolastico per le vacanze estive o invernali). Prima dell inserimento al lavoro, le funzioni che gestiscono gli inserimenti di nuovo personale hanno il compito di richiedere a tutti i lavoratori un attestazione dell età, in quanto parte integrante del processo di assunzione / inserimento; tale attestazione, oltre che dalla verifica diretta dell aspetto fisico, è data dalla richiesta dei seguenti documenti contenenti il riferimento alla data di nascita: - Carta d Identità / Codice Fiscale; - Passaporto / Permesso di soggiorno (per i candidati che non sono cittadini della Comunità Europea); - Altri documenti specifici per singole mansioni (ad es. patenti di guida).

3 ESTRATTO PROCEDURA _ PR PRE 10 I documenti sopra elencati vengono restituiti al candidato immediatamente dopo la verifica, mentre in azienda ne vengono archiviate delle copie; ciò al fine di non configurare una possibile situazione di lavoro forzato (vedi par. 5.2). Per quanto riguarda il personale delle agenzie di somministrazione lavoro, l attestazione della data di nascita dell addetto è richiesta direttamente all agenzia. Per il dettaglio dei criteri di gestione e delle responsabilità delle fasi di assunzione / inserimento del personale, si rimanda alla Procedura PR PRE 01 Gestione Risorse Umane Procedura di rimedio in caso di lavoro infantile Qualora, a seguito di sopralluoghi presso i fornitori o attraverso qualsiasi altra fonte di informazione, il personale della Cooperativa venga a conoscenza dell utilizzo di lavoro infantile all interno della Cooperativa stessa oppure presso fornitori, appaltatori o subappaltatori, lo stesso è tenuto ad effettuare una segnalazione in merito secondo le modalità indicate al successivo paragrafo Il Rappresentante della direzione SA8000 apre una non conformità documentata, secondo i criteri definiti dalla Procedura PR ASQ 02, e notifica l accaduto a: - Organizzazione Risorse Umane (ORU); - Coordinamento Acquisti di Direzione (CA), qualora l aspetto venga rilevato presso un fornitore, appaltatore o subappaltatore;. Le procedure di rimedio, da adottare nell eventualità che venga rilevato l uso di lavoro infantile, sono le seguenti: a) assicurarsi che venga posto termine al lavoro infantile nel più breve tempo possibile; b) qualora la situazione finanziaria della famiglia del bambino sia particolarmente critica e possa peggiorare a seguito della cessazione del lavoro da parte del bambino, impegnarsi per cercare un occupazione a un altro componente della famiglia del bambino, eventualmente attraverso il coinvolgimento delle amministrazioni locali; c) assicurarsi che il bambino continui a frequentare la scuola, impegnandosi o richiedendo al fornitore di impegnarsi a sostenere tutte le spese necessarie (ad es. rette scolastiche; libri di testo) alla frequenza scolastica; d) coinvolgere i servizi sociali o le associazioni di volontariato affinché tengano monitorata la situazione del bambino e della famiglia. La o le azioni di rimedio, tra quelle sopra elencare, che devono essere effettivamente adottate, vengono decise in base al contesto e alla situazione specifica. Le decisioni sono prese di comune accordo tra il Rappresentante della Direzione SA8000, il Rappresentante dei Lavoratori SA8000, le funzioni ORU e CA e gli eventuali altri responsabili coinvolti di volta in volta, oltre ovviamente ai fornitori, qualora il lavoro infantile li riguardi direttamente. Il Rappresentante della Direzione SA8000 deve adeguatamente evidenziare l azione o le azioni di rimedio adottate, tra quelle sopra elencate, all interno del Rapporto di Non Conformità. Tali azioni vengono riportate nel campo Trattamento come specificato nella procedura PR ASQ 02. Il Rappresentante della Direzione SA8000 valuta inoltre la necessità di definire un azione correttiva, da

4 ESTRATTO PROCEDURA _ PR PRE 10 formalizzarsi secondo i criteri definiti dalla Procedura PR ASQ 02. Il Rappresentante della Direzione SA8000 ha il compito di monitorare la chiusura delle decisioni e delle eventuali azioni correttive aperte Giovani lavoratori Qualora giovani lavoratori vengano impiegati all interno della Cooperativa, le funzioni Risorse Umane di Divisione (RUD), per i lavoratori impiegati all interno delle Divisioni, e ORU, per i lavoratori impiegati nell ambito degli staff di Presidenza e Direzione, devono assicurarsi, adottando misure appropriate, che: a) i giovani lavoratori siano impiegati esclusivamente in orari esterni all orario scolastico, se applicabile; b) il tempo complessivo trascorso a scuola, sul lavoro e nei relativi tragitti non superi le 10 ore al giorno; c) i giovani lavoratori non siano impiegati in lavori particolarmente pesanti o che possono esporli a situazioni pericolose per la loro salute fisica e mentale o per il loro sviluppo; d) i giovani lavoratori non lavorino per oltre 8 ore al giorno; e) i giovani lavoratori non lavorino in orario notturno. Con particolare riferimento al punto c), le funzioni RUD / ORU inoltrano la Scheda Assunzione Personale (SAP) al Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (RSPP), il quale valuta i rischi potenzialmente associati alla mansione assegnata all addetto e attesta tale valutazione in modo formalizzato. Nell eseguire la valutazione, il RSPP tiene comunque conto, come criterio minimo, dell elenco delle mansioni vietate ai lavoratori minorenni, di cui al D.Lgs. 345/1999 e s.m.i. Al fine di poter garantire la corretta e puntuale gestione degli aspetti sopra elencati, è fatto divieto di ricorrere a lavoratori somministrati in età minorile. Per quanto riguarda i giovani lavoratori eventualmente impiegati da fornitori / appaltatori / subappaltatori, l impegno a rispettare le medesime prescrizioni di cui al presente paragrafo è richiesto al fornitore all atto della sottoscrizione del modulo Lettera di impegno e Questionario di Autovalutazione sulla Responsabilità Sociale (ARS) (vedi par. 5.9). Chiunque venga a conoscenza del mancato rispetto di una qualunque delle misure sopra indicate è tenuto a darne immediata segnalazione al Rappresentante della Direzione SA8000, il quale apre una non conformità documentata, secondo i criteri definiti dalla Procedura PR ASQ 02.

5 VERBALE DEL COMITATO DI DIREZIONE RIESAME SA ottobre 2015 Requisito SA8000 Situazione 1 Obiettivi Lavoro infantile Bilancio: 2. Lavoro forzato e obbligato Numero e % di lavoratori per fasce d età, sesso ed extracomunitari al di ogni anno Altro: IDEALSERVICE non ha mai fatto uso di lavoro infantile per le proprie attività. Non sono mai state riscontrate situazioni di uso di lavoro infantile presso fornitori / appaltatori / subappaltatori. È in corso la distribuzione della lettera d impegno SA8000 a tutti i fornitori, la quale include l impegno a non avvalersi di lavoro infantile. Bilancio: nessuno Altro: IDEALSERVICE scoraggia nel modo più deciso qualsiasi forma, anche indiretta, di lavoro forzato e obbligato. Dall anno 2008 IDEALSERVICE non eroga prestiti ai soci lavoratori. IDEALSERVICE presta una particolare attenzione alle fasi dei passaggi d appalto, anche attraverso il coinvolgimento delle parti sindacali e della Lega delle Cooperative, al fine di garantire il pieno rispetto dei CCNL di riferimento. 3. Salute e sicurezza Bilancio: Salute e sicurezza Le tabelle contengono i dati relativi all andamento infortunistico per numero di infortuni, numero di ore/giorni persi. Altro: L azienda sta progressivamente estendendo il campo di applicazione del proprio Certificato OHSAS a tutte le sedi e attività aziendali. 1. Estensione della certificazione OHSAS all attività di Gestione e custodia dei centri di raccolta, ai Servizi portuali e all impianto di riciclo. 2. Completamento della revisione dei DVR secondo il nuovo modello. 3. Estensione dell utilizzo del software per la gestione delle manutenzioni alla Divisione Plastic System. È in corso di completamento la revisione dei DVR con l impostazione del nuovo modello generale per comparto e specifico per i cantieri industriali. Implementato il software per la gestione degli infortuni, incidenti e quasi incidenti. Implementato per le Divisioni Facility Management e Servizi Ambientali il nuovo software per la gestione dei piani di manutenzione degli impianti relativi agli immobili, alle macchine e agli autocarri.

6 VERBALE DEL COMITATO DI DIREZIONE RIESAME SA ottobre 2015 Requisito SA8000 Situazione 1 Obiettivi Libertà di associazione e diritto alla contrattazione collettiva Bilancio: nessuno. Altro: IDEALSERVICE garantisce ai propri lavoratori la massima libertà di associazione: a oggi, sono molteplici le sigle sindacali che hanno una rappresentanza all interno della Cooperativa. 5. Discriminazione Bilancio: Numero soci lavoratori suddivisi per sesso - tra comunitari ed extracomunitari al di ogni anno Numero e percentuale di lavoratori per fasce d età, sesso ed extracomunitari presenti al di ogni anno Numero e percentuale di presenze extracomunitarie suddivise per Paesi di provenienza Altro: IDEALSERVICE vieta qualsiasi forma, anche indiretta, di discriminazione sul lavoro. 6. Procedure disciplinari Bilancio: nessuno Per quanto riguarda in particolare gli annunci di lavoro, la Cooperativa ha identificato specifiche funzioni incaricate della definizione degli stessi, al fine di evitare qualsiasi riferimento, anche involontario, a elementi di potenziale discriminazione. Altro: I provvedimenti disciplinari sono gestiti in conformità alle disposizioni di legge e ai CCNL di riferimento. 7. Orario di lavoro Bilancio: nessuno. Altro: IDEALSERVICE applica la regolamentazione in materia di orario di lavoro definita dalla legislazione vigente e dai CCNL applicabili. 1. Sviluppare uno strumento informatico per il monitoraggio del dato relativo alle ore di riposo giornaliere e settimanali, con riferimento ai limiti di legge. Relativamente alla gestione delle ore di straordinario, è gestito un sistema di reportistica mensile del dato; tali report sono regolarmente trasmessi alle Divisioni competenti per un monitoraggio specifico del dato e per l adozione di misure preventive finalizzate al non superamento del limite annuale fissato per legge.

7 VERBALE DEL COMITATO DI DIREZIONE RIESAME SA ottobre 2015 Requisito SA8000 Situazione 1 Obiettivi Retribuzione Bilancio: Trattamenti economici di base e trattamenti economici ulteriori dei soci lavoratori Copertura oraria contrattuale (INPS + INAIL) Numero di soci lavoratori per livello al di ogni anno Numero di soci lavoratori per mansioni al di ogni anno Numero dei lavoratori (soci e dipendenti) al di ogni anno suddivisi per qualifica Numero medio lavoratori (soci e dipendenti) distinti tra impiegati e operai Numero lavoratori (soci e dipendenti) al di ogni anno distinti tra impiegati e operai Altro: IDEALSERVICE applica le retribuzioni previste dai CCNL di riferimento. 9. Sistemi di gestione Bilancio: Nessun obiettivo specifico Nessun obiettivo specifico Numero lavoratori partecipanti ai corsi di formazione trasversale (per posizione) e verticale (per mansione) Numero lavoratori partecipanti ai corsi di formazione trasversale (per posizione) Numero ore di formazione trasversale (per posizione) e verticale (per mansione) erogata ai lavoratori per tipologia Numero ore di formazione trasversale (per posizione) erogate. Numero di segnalazioni SA8000 ricevute dai lavoratori Numero di segnalazioni SA8000 ricevute dagli stakeholders. Altro: È applicata la Procedura PR PRE 10 Sistema di Gestione per la Responsabilità Sociale, che recepisce all interno del Sistema di Gestione Integrato IDEALSERVICE il requisito 9 dello standard SA8000.

8 VERBALE DEL COMITATO DI DIREZIONE RIESAME SA ottobre 2015 Requisito SA8000 Situazione 1 Obiettivi Sistemi di gestione Come previsto dallo standard sono presenti nell organizzazione le figure del Rappresentante del Lavoratori SA8000 e del Rappresentante della Direzione SA8000. I lavoratori vengono informati sui contenuti dello standard SA8000, attraverso la distribuzione e la spiegazione di un informativa in fase di assunzione / inserimento al lavoro e la pubblicazione della stessa nel sito aziendale, nell intranet e nelle bacheche dei cantieri. Sono individuati i canali per le segnalazioni in merito al mancato rispetto dei requisiti SA8000: gli stessi sono divulgati a tutti i lavoratori, attraverso la documentazione di cui sopra. È gestito il Piano di Monitoraggio dei Fornitori finalizzato alla verifica del rispetto dei requisiti di responsabilità sociale. È presente nel sito web aziendale una specifica sezione relativa al Sistema di Responsabilità Sociale SA8000, all interno della quale sono pubblicati informazioni e documenti aventi attinenza con il Sistema stesso. 1 Gli indicatori citati nella sezione Bilancio fanno riferimento alle tabelle contenute nel Bilancio di esercizio e consolidato 2014.

LAVORO INFANTILE PEORSI Toscana Energia S.p.A. COD. PROCEDURA P 70/1 DECORRENZA 30/11/2010 PAG. 1 DI 7 LAVORO INFANTILE

LAVORO INFANTILE PEORSI Toscana Energia S.p.A. COD. PROCEDURA P 70/1 DECORRENZA 30/11/2010 PAG. 1 DI 7 LAVORO INFANTILE COD. PROCEDURA P 70/1 DECORRENZA 30/11/2010 PAG. 1 DI 7 LAVORO INFANTILE COD. PROCEDURA P 70/1 DECORRENZA 30/11/2010 PAG. 2 DI 7 FRUIBILITA DEL DOCUMENTO Il presente documento è disponibile nel portale

Dettagli

PROCEDURA LAVORO INFANTILE

PROCEDURA LAVORO INFANTILE PROCEDURA LAVORO INFANTILE N REVISIONE 1 DATA REVISIONE 06/07/09 NATURA DELLA REVISIONE Adeguamento alla norma SA8000:2008 POSIZIONE FIRMA ELABORAZIONE ELABORAZIONE APPROVAZIONE RD SA8000 Responsabile

Dettagli

LAVORO INFANTILE LAVORO INFANTILE

LAVORO INFANTILE LAVORO INFANTILE Pag. 1/6 Redatto: E. Brichetti Versione: 01 Data emissione: Novembre 2014 Rivisto: G. Baldessari Firma Data Approvato: M.L. Orler Distribuito a: Area Amministrazione Finanza e Personale RLS / RLSA8000

Dettagli

PROCEDURA GESTIONALE DELLA QUALITA' E DELLA RESPONSABILITÀ SOCIALE - PG 016 LAVORO INFANTILE E MINORILE

PROCEDURA GESTIONALE DELLA QUALITA' E DELLA RESPONSABILITÀ SOCIALE - PG 016 LAVORO INFANTILE E MINORILE PROCEDURA GESTIONALE DELLA QUALITA' E DELLA RESPONSABILITÀ SOCIALE - PG 016 LAVORO INFANTILE E MINORILE INDICE 1 - SCOPO ED APPLICABILITÀ...2 2 - RIFERIMENTI:...2 3 - TERMINI E DEFINIZIONI...2 4 - MODALITÀ

Dettagli

Documento di registrazione

Documento di registrazione /allegato B 1 / 5 Il giorno 29 aprile 2013 si è tenuta la prima visita di sorveglianza da parte dell Organismo di Certificazione ABS Quality Evaluations e sono emersi i seguenti suggerimenti: a) 3.4 -

Dettagli

LOTTA CONTRO IL LAVORO MINORILE E PROCEDURA DI RECUPERO DEI MINORI TROVATI AL LAVORO INDICE

LOTTA CONTRO IL LAVORO MINORILE E PROCEDURA DI RECUPERO DEI MINORI TROVATI AL LAVORO INDICE Pag 1 di 5 LOTTA CONTRO IL LAVORO INDICE 1.1 Introduzione 1.2 Scopo e campo di applicazione 1.3 Attività 1.3.1 Iniziative a tutela del bambino / giovane lavoratore 1.3.2 Verifica dell età in fase di assunzione

Dettagli

LAVORO INFANTILE PROCEDURA ORGANIZZATIVA RESPONSABILITA SOCIALE. Edizione 1. Rev Data Redaz. Descrizione Resp. Funz. R.G.Q.

LAVORO INFANTILE PROCEDURA ORGANIZZATIVA RESPONSABILITA SOCIALE. Edizione 1. Rev Data Redaz. Descrizione Resp. Funz. R.G.Q. Pagina n. 1 di 6 SRS 01 LAVORO INFANTILE PROCEDURA ORGANIZZATIVA RESPONSABILITA SOCIALE Edizione 1 Rev Data Redaz. Descrizione Resp. Funz. R.G.Q. In vigore da 0 24/11/2010 Emissione M. Sandra P. Simionato

Dettagli

POLITICA PER LA QUALITÀ, L AMBIENTE, LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO E LA RESPONSABILITA SOCIALE

POLITICA PER LA QUALITÀ, L AMBIENTE, LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO E LA RESPONSABILITA SOCIALE POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO La Cooperativa sociale ITALCAPPA è consapevole dell importanza e della necessità di avvalersi di un Sistema di Gestione integrato per la qualità, l ambiente,

Dettagli

Tutela del lavoro. Procedura di rimedio per il lavoro infantile Riesame della direzione SA estratto

Tutela del lavoro. Procedura di rimedio per il lavoro infantile Riesame della direzione SA estratto Tutela del lavoro Procedura di rimedio per il lavoro infantile Riesame della direzione SA8000 - estratto ESTRATTO PROCEDURA _ PR PRE 10 Rev. 25.08.2017 5.1. LAVORO INFANTILE 5.1.1. Scopo Lo scopo di questo

Dettagli

COMUNICAZIONE AGLI STAKEHOLDERS

COMUNICAZIONE AGLI STAKEHOLDERS COMUNICAZIONE AGLI STAKEHOLDERS Oggetto: Comunicazione relativa all impegno per la Responsabilità Sociale di Sparacio Trasporti Sparacio Trasporti ha sempre dato una fondamentale importanza alla qualità

Dettagli

COMUNICAZIONE AZIENDALE

COMUNICAZIONE AZIENDALE Pag. 1/8 Redatto: E. Brichetti Versione: 01 Data emissione: Ottobre 2014 Firma Data Rivisto: Approvato: M.L. Orler M.L. Orler Distribuito a: Personale CLA e Parti Interessate esterne all Azienda Pag. 2/8

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

RELAZIONE BILANCIO SOCIALE 2014

RELAZIONE BILANCIO SOCIALE 2014 RELAZIONE BILANCIO SOCIALE 2014 Quanta ha ottenuto la certificazione in conformità allo standard internazionale SA 8000, standard che ha come punti cardini il rispetto dei diritti umani, il rispetto dei

Dettagli

PROCEDURA PG. A 6.1 RIMEDIO PER IL LAVORO INFANTILE PROCEDURA PG. A 6.1 TITOLO

PROCEDURA PG. A 6.1 RIMEDIO PER IL LAVORO INFANTILE PROCEDURA PG. A 6.1 TITOLO Pag 1/6 PROCEDURA PG. A 6.1 TITOLO Indice 1. Scopo 2. Campo di applicazione 3. Definizioni 4. Responsabilità 5. Modalità operative 5.1 Azioni di rimedio per il lavoro infantile 5.2 Azioni di tutela e sostegno

Dettagli

QUESTIONARIO VALUTAZIONE FORNITORI

QUESTIONARIO VALUTAZIONE FORNITORI SOMMARIO 1. Introduzione 1.1 Scopo 1.2 Riferimenti normativi 2. Informazioni di carattere generale ed economiche 2.1 Dati generali 2.2 Informazioni economiche 2.3 Informazioni commerciali 2.4 Contatti

Dettagli

Documento in attesa di approvazione definitiva Nota per la Commissione Consultiva Permanente

Documento in attesa di approvazione definitiva Nota per la Commissione Consultiva Permanente Commissione Consultiva Permanente Comitato n. 4 Modelli di Organizzazione e di Gestione (MOG) Documento in attesa di approvazione definitiva Nota per la Commissione Consultiva Permanente Prima di procedere

Dettagli

ISO 26000. ISO (International Organisation for Standardization )

ISO 26000. ISO (International Organisation for Standardization ) ISO 26000 ISO (International Organisation for Standardization ) ISO 26000 ISO (International Organisation for Standardization ) Linea Guida sulla Responsabilità Sociale delle Organizzazioni. Nasce da lavoro

Dettagli

ISO 26000. ISO (International Organisation for Standardization )

ISO 26000. ISO (International Organisation for Standardization ) ISO 26000 ISO (International Organisation for Standardization ) Linea Guida sulla Responsabilità Sociale delle Organizzazioni. Nasce da lavoro di un gruppo Multistakeholder internazionale, coordinato da

Dettagli

SA 8000. CERTIFICAZIONE ETICA I Sistemi di Responsabilità Sociale coinvolgono le cosiddette Parti Interessate e cioè:

SA 8000. CERTIFICAZIONE ETICA I Sistemi di Responsabilità Sociale coinvolgono le cosiddette Parti Interessate e cioè: SA 8000 La SA 8000 ha la stessa impostazione generale delle norme internazionali relative ai Sistemi di Qualità ed impegna l Azienda ad assicurare il rispetto dei principi etici delle Nazioni Unite sancite

Dettagli

L impegno de L Operosa per la responsabilità sociale Anno 2010. Cadriano (BO) 24 Maggio 2011

L impegno de L Operosa per la responsabilità sociale Anno 2010. Cadriano (BO) 24 Maggio 2011 per la responsabilità sociale Anno 2010 Cadriano (BO) 24 Maggio 2011 per la responsabilità sociale Questo documento ha lo scopo di dimostrare l impegno che la Cooperativa L Operosa ha profuso nel 2010

Dettagli

DOCUMENTO SULLA POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI E DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI E DELL AMBIENTE

DOCUMENTO SULLA POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI E DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI E DELL AMBIENTE 0 PREMESSA La scienza dei trattamenti galvanici e di verniciatura e le attinenti applicazioni industriali sono relativamente antiche. Il progresso delle conoscenze in campo medico e scientifico ha evidenziato

Dettagli

Bilancio SA8000:2008

Bilancio SA8000:2008 Bilancio SA8000:2008 2010 30 luglio 2011 Il Presidente Fabio Pini Bilancio Sociale SA 8000:2008 anno 2009 Pagina 1 Indice Leggi di Riferimento per la Cooperativa pag. 03 Requisiti della norma SA8000 Lavoro

Dettagli

VERBALE DEL RIESAME DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA

VERBALE DEL RIESAME DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA PAGINA 1 DI 8 4. Analisi dei requisiti del SGRS 4.1. Lavoro infantile Non risultano sino ad oggi essersi verificati né riscontrati casi di dipendenti minori e/o giovani lavoratori, avendo PVB Solutions

Dettagli

Tutto il personale impiegato in Webkorner è maggiorenne.

Tutto il personale impiegato in Webkorner è maggiorenne. SA8000 IN WEBKORNER LAVORO INFANTILE Webkorner si impegna a non utilizzare né a favorire l utilizzo di manodopera infantile e minorile. L azienda, ritenendo la tutela dei minori di assoluta priorità, ha

Dettagli

GESTIONE RECLAMI E SEGNALAZIONI

GESTIONE RECLAMI E SEGNALAZIONI Pag 1/7 PROCEDURA PG. A 5.4 TITOLO GESTIONE RECLAMI E SEGNALAZIONI Indice 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. DEFINIZIONI 4. RESPONSABILITÀ 5. MODALITÀ OPERATIVE 5.1 Gestione dei reclami, suggerimenti/proposte,

Dettagli

DOCUMENTO DI RIESAME DELLA DIREZIONE

DOCUMENTO DI RIESAME DELLA DIREZIONE DOCUMENTO DI RIESAME DELLA DIREZIONE REPORT SULLO STATO DI GESTIONE DEL SISTEMA DI RESPONSABILITA SOCIALE IN BASE AI REQUISITI DELLA NORMA SA 8000/08 AGGIORNATO AL 3 NOVEMBRE 2014 Doc. Riesame della Direzione

Dettagli

Gestione del personale

Gestione del personale PROCEDURA PGSA 01 Gestione del personale Rev. Data Oggetto Redatto da Approvato da 01 30/09/212 Prima emissione Resp. RSGSA Direzione 1 Sommario 1. Scopo...... 3 2. Campo di applicazione...3 3. Riferimenti...3

Dettagli

1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2 RIFERIMENTI...2 3 SIGLE E DEFINIZIONI...2 4 RESPONSABILITA...3 5 PROCEDURA...3

1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2 RIFERIMENTI...2 3 SIGLE E DEFINIZIONI...2 4 RESPONSABILITA...3 5 PROCEDURA...3 Pagina 1 di 9 INDICE 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2 RIFERIMENTI...2 3 SIGLE E DEFINIZIONI...2 4 RESPONSABILITA...3 5 PROCEDURA...3 5.1 Pianificazione delle attività...3 5.2 Documentazione...4 5.3

Dettagli

APAM. esercizio spa CODICE ETICO E DI COMPORTAMENTO. APAM esercizio spa - Codice etico e di comportamento

APAM. esercizio spa CODICE ETICO E DI COMPORTAMENTO. APAM esercizio spa - Codice etico e di comportamento APAM esercizio spa 1 CODICE ETICO E DI COMPORTAMENTO Indice 1. PREMESSA BREVE PROFILO DELLA SOCIETÀ pag. 3 2. PRINCIPI GENERALI 2.1 Contenuto e finalità del codice etico pag. 4 2.2 Destinatari del codice

Dettagli

Procedura Gestione delle Risorse Umane

Procedura Gestione delle Risorse Umane Pag. 1 di 7 Procedura Gestione delle Risorse Umane Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione n. 7 del 23.09.2015 1. SCOPO...2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE...2 3. RESPONSABILITÀ...2 4. PROCESSO

Dettagli

ESTRATTO DEL REGOLAMENTO DELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI

ESTRATTO DEL REGOLAMENTO DELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI ESTRATTO DEL REGOLAMENTO DELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI Integrazione malattia Durante l assenza del lavoratore l impresa, entro i limiti della conservazione del posto di cui all art. 27 del C.C.N.L in

Dettagli

BILANCIO SOCIALE SA 8000

BILANCIO SOCIALE SA 8000 BILANCIO SOCIALE SA 8000 ITAF srl www.itafsrl.it Pag 1 di 10 INDICE 1Introduzione... 3 2 PROFILO AZIENDALE 2.1 Company Profile.. 3 2.2 Certificazioni e Qualifiche...3 2.3 Attività realizzate.4 2.3 I valori..4

Dettagli

CHECK LIST ANALISI INIZIALE ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

CHECK LIST ANALISI INIZIALE ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO CHECK LIST ANALISI INIZIALE ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO QUESITO RISCONTRO* Documentazione di P N NA riscontro 1. ANALISI INIZIALE Il DVR /autocertificazione e gli allegati

Dettagli

Procedura di Responsabilità Sociale

Procedura di Responsabilità Sociale Pag. 1 di 5 INDICE 1. Generalità... 2 2. Responsabilità... 2 3. Procedura... 3 3.1 Piano di rimedio per bambini lavoratori... 3 3.2. Selezione ed assunzione di giovani lavoratori... 4 3.3. Comunicazione

Dettagli

SERVIZIO PREVENZIONE PROTEZIONE RSPP MC PREPOSTO RLS DL AGG.TO N DATA REDATTO DA: VISTO DA: VERIFICATO DA: VISTO DA: VALIDATO DA: FILE: ELABORAZIONE

SERVIZIO PREVENZIONE PROTEZIONE RSPP MC PREPOSTO RLS DL AGG.TO N DATA REDATTO DA: VISTO DA: VERIFICATO DA: VISTO DA: VALIDATO DA: FILE: ELABORAZIONE CITTÀ DI ALESSANDRIA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PIAZZA DELLA LIBERTÀ N. 1 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Art. 28 comma 1, 1bis e art. 29, D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. Circolare Ministero del

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE DI RESPONSABILITA SOCIALE 8000 (SOCIAL ACCOUNTABILITY 8000 SA 8000)

LA CERTIFICAZIONE DI RESPONSABILITA SOCIALE 8000 (SOCIAL ACCOUNTABILITY 8000 SA 8000) LA CERTIFICAZIONE DI RESPONSABILITA SOCIALE 8000 (SOCIAL ACCOUNTABILITY 8000 SA 8000) La SA8000:2008 è la certificazione rilasciata alle aziende che, dopo controllo, risultano essere conformi a parametri

Dettagli

Procedura per la gestione del lavoro infantile

Procedura per la gestione del lavoro infantile Procedura per la gestione del lavoro infantile Pagina 1 di 5 IL PROGRESSO Procedura per la gestione del lavoro infantile Copia controllata n. Redatta da RdD SA8000 Verificata ed approvata da Direzione

Dettagli

IL PRESENTE REGOLAMENTO È STATO DELIBERATO DAL CONSIGLIO COMUNALE NELLA SEDUTA DEL CONSIGLIO COMUNALE DEL 30/11/2010 N. 67

IL PRESENTE REGOLAMENTO È STATO DELIBERATO DAL CONSIGLIO COMUNALE NELLA SEDUTA DEL CONSIGLIO COMUNALE DEL 30/11/2010 N. 67 REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO A COOPERATIVE SOCIALI DI SERVIZI CHE PREVEDONO L INSERIMENTO LAVORATIVO DI PERSONE SVANTAGGIATE DI IMPORTO INFERIORE ALLE SOMME STABILITE DALLE DIRETTIVE COMUNITARIE IL PRESENTE

Dettagli

INTEGRAZIONE E CONFRONTO DELLE LINEE GUIDA UNI-INAIL CON NORME E STANDARD (Ohsas 18001, ISO, ecc.) Dott.ssa Monica Bianco Edizione: 1 Data: 03.12.

INTEGRAZIONE E CONFRONTO DELLE LINEE GUIDA UNI-INAIL CON NORME E STANDARD (Ohsas 18001, ISO, ecc.) Dott.ssa Monica Bianco Edizione: 1 Data: 03.12. Learning Center Engineering Management INTEGRAZIONE E CONFRONTO DELLE LINEE GUIDA UNI-INAIL CON NORME E STANDARD (Ohsas 18001, ISO, ecc.) Autore: Dott.ssa Monica Bianco Edizione: 1 Data: 03.12.2007 VIA

Dettagli

SA 8000: 1997 SA 8000. Social Accountability 8000 Responsabilità Sociale 8000

SA 8000: 1997 SA 8000. Social Accountability 8000 Responsabilità Sociale 8000 SA 8000: 1997 SA 8000 Social Accountability 8000 Responsabilità Sociale 8000 Sulla Norma SAI Questa è l edizione iniziale di SA8000, una norma omogenea e verificabile attraverso un sistema di verifica

Dettagli

PROCEDURA PI 4.3.1-16 Procedura per la definizione dei requisiti della Responsabilità Sociale

PROCEDURA PI 4.3.1-16 Procedura per la definizione dei requisiti della Responsabilità Sociale PROCEDURA PI 4.3.1-16 Procedura per la definizione dei requisiti della Sociale Emissione 25/06/2010 1 di 11 1. SCOPO Lo scopo della presente procedura è di individuare e specificare i requisiti derivanti

Dettagli

Regolamento per il reclutamento del personale e il conferimento di incarichi professionali

Regolamento per il reclutamento del personale e il conferimento di incarichi professionali Regolamento per il reclutamento del personale e il conferimento di incarichi professionali approvato dal Consiglio d Amministrazione in data 23 luglio 2015 rev.2 settembre 2015 Indice Art. 1 Oggetto e

Dettagli

ISO 45001. il nuovo ponte tra sicurezza e innovazione. Comprendere il cambiamento

ISO 45001. il nuovo ponte tra sicurezza e innovazione. Comprendere il cambiamento ISO 45001 il nuovo ponte tra sicurezza e innovazione Comprendere il cambiamento Premessa L art. 30 del Testo Unico della Sicurezza dice chiaramente che i modelli di organizzazione aziendale definiti conformemente

Dettagli

LA SICUREZZA SUL LAVORO LA NORMA BS OHSAS 18001 E LA CERTIFICAZIONE

LA SICUREZZA SUL LAVORO LA NORMA BS OHSAS 18001 E LA CERTIFICAZIONE G E S T I R E LA SICUREZZA SUL LAVORO LA NORMA E LA CERTIFICAZIONE Premessa La sicurezza sui luoghi di lavoro è un argomento che da molto tempo è all attenzione del nostro Paese. Gli incidenti sui luoghi

Dettagli

LA SICUREZZA SUL LAVORO Sicurezza significa svolgimento dell attività lavorativa in condizioni tali che la vita, l incolumità fisica e la salute non siano esposte a pericolo. Oggetto di tutela non è esclusivamente

Dettagli

La norma UNI EN ISO 14001:2004

La norma UNI EN ISO 14001:2004 La norma COS È UNA NORMA La normazione volontaria Secondo la Direttiva Europea 98/34/CE del 22 giugno 1998: "norma" è la specifica tecnica approvata da un organismo riconosciuto a svolgere attività normativa

Dettagli

Gestire la Sorveglianza Sanitaria

Gestire la Sorveglianza Sanitaria Scopo Responsabile Fornitore del Processo Input Cliente del Processo Output Indicatori Riferimenti Normativi Processi Correlati Sistemi Informatici Gestire la sorveglianza sanitaria dei lavoratori per

Dettagli

Requisiti minimi per un Percorso di Responsabilità Sociale d Impresa

Requisiti minimi per un Percorso di Responsabilità Sociale d Impresa Requisiti minimi per un Percorso di Responsabilità Sociale d Impresa Il presente documento riporta gli Indicatori per la Responsabilità Sociale d Impresa, individuati dal Comitato Tecnico Operativo e approvati

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO Per il personale coinvolto nelle attività di distribuzione e misura del gas naturale Rev. 01 del 10.06.2015 Il presente Codice di Comportamento è stato elaborato per assicurare

Dettagli

Il corretto approccio al Sistema di Gestione Aziendale per la Sicurezza e Salute OHSAS 18001:2007

Il corretto approccio al Sistema di Gestione Aziendale per la Sicurezza e Salute OHSAS 18001:2007 Il corretto approccio al Sistema di Gestione Aziendale per la Sicurezza e Salute OHSAS 18001:2007 GENERALITA Il Sistema di Gestione Aziendale rappresenta la volontà di migliorare le attività aziendali,

Dettagli

1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2 RIFERIMENTI... 2 3 SIGLE E DEFINIZIONI... 2 4 RESPONSABILITA...3 5 PROCEDURA...3

1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2 RIFERIMENTI... 2 3 SIGLE E DEFINIZIONI... 2 4 RESPONSABILITA...3 5 PROCEDURA...3 del 13 11 2012 Pagina 1 di 6 INDICE 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2 RIFERIMENTI... 2 3 SIGLE E DEFINIZIONI... 2 4 RESPONSABILITA...3 5 PROCEDURA...3 5.1 Programmazione delle attività...3 5.2 Documentazione...

Dettagli

TAI MILANO S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE DI GESTIONE E DI CONTROLLO (D.lgs. 231/001 art. 30 D. lgs. 81/08)

TAI MILANO S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE DI GESTIONE E DI CONTROLLO (D.lgs. 231/001 art. 30 D. lgs. 81/08) TAI MILANO S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE DI GESTIONE E DI CONTROLLO (D.lgs. 231/001 art. 30 D. lgs. 81/08) Approvato dal Consiglio Di Amministrazione di TAI MILANO S.p.A. il MOG Rev. 01 del 23/06/2009

Dettagli

Regolamento per il reclutamento del personale

Regolamento per il reclutamento del personale Pagina 1 di 7 Regolamento per il 1 Pagina 2 di 7 INDICE PREMESSA... 3 ARTICOLO 1 PRINCIPI GENERALI... 3 ARTICOLO 2 PROCEDURA DI RICERCA E SELEZIONE DEL PERSONALE... 4 ARTICOLO 3 PROCEDURA PER LA RICERCA

Dettagli

SGSL UN SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NELLA SCUOLA

SGSL UN SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NELLA SCUOLA SGSL UN SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NELLA SCUOLA COSA È IN PRATICA UN SISTEMA DI GESTIONE? L insieme delle regole e dei processi di funzionamento di un organizzazione. Comprende:

Dettagli

IL COMMITTENTE NEI LAVORI EDILI

IL COMMITTENTE NEI LAVORI EDILI COLLEGIO DEI GEOMETRI E GEOMETRI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SIENA IL COMMITTENTE NEI LAVORI EDILI GUIDA PRATICA SUGLI OBBLIGHI E REPONSABILITA DEL COMMITTENTE E DEL RESPONSABILE DEI LAVORI PREMESSA Con

Dettagli

Protocollo di intesa a programmare, ferme restando le specifiche. competenze di ogni soggetto, interventi di prevenzione congiunti e

Protocollo di intesa a programmare, ferme restando le specifiche. competenze di ogni soggetto, interventi di prevenzione congiunti e PROTOCOLLO DI INTESA IN MATERIA DI SICUREZZA, IGIENE NEI LUOGHI DI LAVORO E LEGALITA NELLA REALIZZAZIONE DI UNA NUOVA RESIDENZA UNIVERSITARIA IN PISA Protocollo di intesa a programmare, ferme restando

Dettagli

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Ente di formazione accreditato dalla Regione Siciliana Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Page1 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO IN MATERIA

Dettagli

Corso di Qualificazione per. Auditor Interni. dei. Sistemi di Gestione della Sicurezza BS OHSAS 18001:2007 PROGRAMMA DEL CORSO 24 ORE

Corso di Qualificazione per. Auditor Interni. dei. Sistemi di Gestione della Sicurezza BS OHSAS 18001:2007 PROGRAMMA DEL CORSO 24 ORE Corso di Qualificazione per Auditor Interni dei Sistemi di Gestione della Sicurezza BS OHSAS 18001:2007 PROGRAMMA DEL CORSO 24 ORE Responsabile del progetto formativo: Dott. Ing. Antonio Razionale Tutor:

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO CBL Distribuzione S.r.l. nel quadro del programma di adempimenti ex art. 12.2, della delibera AEEG del 18 gennaio 2007, n 11/07 e ss. mm. e ii. Adottato dal Gestore Indipendente

Dettagli

R e g i o n e L a z i

R e g i o n e L a z i o R e g i o n e L a z i Titolo del Progetto o del programma: Siamo sicuri che si può lavorare sicuri Identificativo della linea o delle linee di intervento generale/i: Prevenzione degli eventi infortunistici

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12 INDICE RESPONSABILITÀ DELLA DIREZIONE Impegno della Direzione Attenzione focalizzata al cliente Politica della Qualità Obiettivi della Qualità Soddisfazione del cliente

Dettagli

COMUNITA MONTANA VALLE SERIANA Z.O. N. 8

COMUNITA MONTANA VALLE SERIANA Z.O. N. 8 BANDO PER L ACCREDITAMENTO DELLE UNITA DI OFFERTA SOCIALE PER LA PRIMA INFANZIA Art. 1 - Oggetto L Ambito Territoriale Valle Seriana Superiore e Valle di Scalve, in attuazione della DGR n. 20943 del 16

Dettagli

CONTROLLATO & APPROVATO

CONTROLLATO & APPROVATO SGQ MOD. 001 FG 1-05.2003 BILANCIO 2014 KURSANA PIEMONTE Data: 31.01.2015 Pag.: 1/12 1. PREMESSA 2. LAVORO INFANTILE 3. LAVORO OBBLIGATO 3.1 ORE DI ASSENZA PER MALATTIA, MATERNITÀ 4. SALUTE & SICUREZZA

Dettagli

Commissione Consultiva Permanente ex Art. 6 DLgs 81/08. Il documento del Comitato n. 4 Modelli di Organizzazione e di Gestione (MOG)

Commissione Consultiva Permanente ex Art. 6 DLgs 81/08. Il documento del Comitato n. 4 Modelli di Organizzazione e di Gestione (MOG) Commissione Consultiva Permanente ex Art. 6 DLgs 81/08 Il documento del Comitato n. 4 Modelli di Organizzazione e di Gestione (MOG) Ivo Dagazzini Rappresentante delle Regioni per la Regione Veneto Direttore

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO ANALOGO DELLE SOCIETA CONTROLLATE O PARTECIPATE

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO ANALOGO DELLE SOCIETA CONTROLLATE O PARTECIPATE Approvato con delibera assembleare nr. 10 del 11.02.2014 REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO ANALOGO DELLE SOCIETA CONTROLLATE O PARTECIPATE Art. 1 - Ambito di applicazione e modalità di controllo Le disposizioni

Dettagli

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA ing. Davide Musiani Modena- Mercoledì 8 Ottobre 2008 L art. 30 del D.Lgs 81/08 suggerisce due modelli organizzativi e di controllo considerati idonei ad avere efficacia

Dettagli

Edilizia, urbanistica e ambiente Parte 9: Coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione dell opera

Edilizia, urbanistica e ambiente Parte 9: Coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione dell opera Edilizia, urbanistica e ambiente Parte 9: Coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione dell opera Premessa Il presente documento è stato elaborato dal Gruppo di Lavoro Standard di qualità ai fini

Dettagli

PROCEDURA RECUPERO MINORI LAVORATORI

PROCEDURA RECUPERO MINORI LAVORATORI 1/7 1. OBIETTIVO Questa procedura individua le responsabilità e stabilisce le attività che verrebbero realizzate dall Organizzazione per porre il rimedio della condizione dei bambini, per i quali si dovesse

Dettagli

COMUNE DI SAN MANGO D AQUINO Provincia di Catanzaro

COMUNE DI SAN MANGO D AQUINO Provincia di Catanzaro COMUNE DI SAN MANGO D AQUINO Provincia di Catanzaro Regolamento per l istituzione e la tenuta dell Albo Comunale delle Associazioni e del Volontariato approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 30

Dettagli

- POLITICA AZIENDALE -

- POLITICA AZIENDALE - ALLEGATO AL MANUALE DEL SISTEMA DI GESTIONE - POLITICA AZIENDALE - Indice di revisione Data di emissione Motivo della revisione 00 09.01.2012 Prima emissione 01 15.12.2014 Implementazione per l adeguamento

Dettagli

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità 1 I modelli di gestione per la qualità I modelli normativi I modelli per l eccellenza Entrambi i modelli si basano sull applicazione degli otto principi del TQM 2 I modelli normativi I modelli normativi

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 187, FATTA A GINEVRA IL 15 GIUGNO

DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 187, FATTA A GINEVRA IL 15 GIUGNO DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 155, FATTA A GINEVRA IL 22 GIUGNO 1981, E RELATIVO PROTOCOLLO, FATTO A GINEVRA IL 22 GIUGNO

Dettagli

POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATA POLITICA PER LA QUALITÀ E PER LA SICUREZZA

POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATA POLITICA PER LA QUALITÀ E PER LA SICUREZZA POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATA POLITICA PER LA QUALITÀ E PER LA SICUREZZA 01.04 La Politica per la Qualità e per la salute e sicurezza sui luoghi di lavoro definita dalla Direzione contiene

Dettagli

Milano, Giugno 2009 Claudia Strasserra CSR Market Developer

Milano, Giugno 2009 Claudia Strasserra CSR Market Developer Il valore aggiunto del sistema di gestione della responsabilità sociale Milano, Giugno 2009 Claudia Strasserra CSR Market Developer L azienda come luogo di incontro L azienda è il luogo in cui si confrontano

Dettagli

D.L.vo 81/08 Novità STRUTTURA AMBITO OGGETTIVO DI APPLICAZIONE AMBITO SOGGETTIVO DI APPLICAZIONE. Il TU: 13 Titoli e 306 articoli

D.L.vo 81/08 Novità STRUTTURA AMBITO OGGETTIVO DI APPLICAZIONE AMBITO SOGGETTIVO DI APPLICAZIONE. Il TU: 13 Titoli e 306 articoli D.L.vo 81/08 Novità ARGOMENTI NOVITA Il TU: 13 Titoli e 306 articoli Titolo I diviso in 4 Capi Capo I Disposizioni generali Capo II definisce il Sistema Istituzionale della Tutela e Sicurezza Capo III

Dettagli

MANUALE DI RESPONSABILITÀ SOCIALE SA8000 ED ALLEGATI APPENDICE B: DATI DEL BILANCIO SOCIALE AL 31/12/2015 PARTE PRIMA ELEMENTI NORMATIVI

MANUALE DI RESPONSABILITÀ SOCIALE SA8000 ED ALLEGATI APPENDICE B: DATI DEL BILANCIO SOCIALE AL 31/12/2015 PARTE PRIMA ELEMENTI NORMATIVI APPENDICE B: DATI DEL BILANCIO SOCIALE AL 31/12/2015 1.LAVORO INFANTILE PARTE PRIMA ELEMENTI NORMATIVI L azienda non intende utilizzare e favorire l utilizzo di lavoro infantile. Se l azienda dovesse venire

Dettagli

Edilizia, urbanistica e ambiente Parte 3: Contabilità dei lavori

Edilizia, urbanistica e ambiente Parte 3: Contabilità dei lavori Edilizia, urbanistica e ambiente Parte 3: Contabilità dei lavori Premessa Il presente documento è stato elaborato dal Gruppo di Lavoro Standard di qualità ai fini della qualificazione professionale della

Dettagli

RAPPORTO DI RESPONSABILITA SOCIALE 2014

RAPPORTO DI RESPONSABILITA SOCIALE 2014 RAPPORTO DI RESPONSABILITA SOCIALE 2014 RAPPORTO DI RESPONSABILITA SOCIALE 2014 1. Chi siamo? Autoguidovie, nata nel 1908, è una società per azioni a capitale privato che da più di 100 anni opera nel trasporto

Dettagli

Determinazione dei requisiti relativi al servizio Lo Studio Legale Scuderi - Motta, per ciascun cliente si premura di determinare:

Determinazione dei requisiti relativi al servizio Lo Studio Legale Scuderi - Motta, per ciascun cliente si premura di determinare: ORIENTAMENTO AL CLIENTE PROCESSI RELATIVI AL CLIENTE Il nostro Studio Legale si impegna ad evadere ogni richiesta formulata dalla propria clientela entro i termini di legge, ovvero come concordati contrattualmente

Dettagli

GESTIONE DEI DOCUMENTI E DEI DATI

GESTIONE DEI DOCUMENTI E DEI DATI I.T.C.S. ERASMO DA ROTTERDAM Via Varalli, 24-20021 BOLLATE (Mi) Tel. 023506460/75 Fax 0233300549 MITD450009 C.F. 97068290150 PROCEDURE GENERALI PER LA GESTIONE DELLA QUALITÀ Pag. 1 / 10 GESTIONE DEI DOCUMENTI

Dettagli

SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO

SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO Dal 2008 è entrata in vigore una nuova legge, il Decreto Legislativo 81/2008 o TESTO UNICO SULLA SICUREZZA SUL LAVORO. IL D.Lgs. 81/08 ha introdotto anche in Italia

Dettagli

PROTOCOLLO INTERNO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

PROTOCOLLO INTERNO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO . Pag 1/8 PROTOCOLLO INTERNO SULLA SALUTE E SICUREZZA PALLOTTA S.P.A. EMESSO APPROVATO REVISIONE DATA FUNZIONE FIRMA FUNZIONE FIRMA CdA CdA . Pag 2/8 1 INDIVIDUAZIONE DELLA AREE A RISCHIO NELL AMBITO DELLA

Dettagli

GESTIONE RISORSE UMANE

GESTIONE RISORSE UMANE rev. 01 Data: 26-07-2007 pag. 1 7 SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE... 2 1.1. SCOPO DELLA PROCEDURA GESTIONALE... 2 1.2. OBIETTIVI E STANDARD DEL PROCESSO... 2 1.3. RESPONSABILITÀ E RISORSE COINVOLTE... 2 2.

Dettagli

BILANCIO SOCIALE e RIESAME DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA RESPONSABILITA SOCIALE SA 8000

BILANCIO SOCIALE e RIESAME DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA RESPONSABILITA SOCIALE SA 8000 BILANCIO SOCIALE SA 8000 BILANCIO SOCIALE e RIESAME DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA RESPONSABILITA SOCIALE SA 8000 Data emissione condivisione Approvazione : Rappresentante della Direzione - Responsabile

Dettagli

ALLEGATO GS1 LISTA DI CONTROLLO PER LA VALUTAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SICUREZZA

ALLEGATO GS1 LISTA DI CONTROLLO PER LA VALUTAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SICUREZZA Pag. 1 di 13 01 Emissione in allegato a procedura verifica GS 4 Maggio 2014 00 Prima emissione Luglio 2013 Revisione Motivo Data Nota: Lo sviluppo e l implementazione dell organizzazione e gestione della

Dettagli

AVVISO DI PROCEDURA COMPARATIVA DI SELEZIONE

AVVISO DI PROCEDURA COMPARATIVA DI SELEZIONE AVVISO DI PROCEDURA COMPARATIVA DI SELEZIONE PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO, DURATA 12 MESI, DI N. 1 IMPIEGATO/A PER L UFFICIO FORMAZIONE DEL CELVA LIVELLO 1 CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE COMMERCIO

Dettagli

Spettabile AZIENDA ESPOSITRICE. Oggetto: Sicurezza sul lavoro nell ambito dell Agrilevante 2015. Spettabile Ditta Espositrice,

Spettabile AZIENDA ESPOSITRICE. Oggetto: Sicurezza sul lavoro nell ambito dell Agrilevante 2015. Spettabile Ditta Espositrice, Bologna, 15/09/2015 Spettabile AZIENDA ESPOSITRICE Oggetto: Sicurezza sul lavoro nell ambito dell Agrilevante 2015 Spettabile Ditta Espositrice, nell ambito dell organizzazione del salone Agrilevante 2015,

Dettagli

LA NORMA OHSAS 18001 E IL TESTO UNICO SULLA SICUREZZA 81/2008: IMPATTO SUL SISTEMA SANZIONATORIO

LA NORMA OHSAS 18001 E IL TESTO UNICO SULLA SICUREZZA 81/2008: IMPATTO SUL SISTEMA SANZIONATORIO LA NORMA OHSAS 18001 E IL TESTO UNICO SULLA SICUREZZA 81/2008: IMPATTO SUL SISTEMA SANZIONATORIO Studio Candussi & Partners novembre 2008 Lo Studio Candussi & Partners Lo Studio opera dal 1998 con consulenti

Dettagli

Piano Nazionale della Prevenzione 2005-2007 Relazione al 31.12.2008

Piano Nazionale della Prevenzione 2005-2007 Relazione al 31.12.2008 Piano Nazionale della Prevenzione 2005-2007 Relazione al 31.12.2008 Regione: Lazio Titolo del progetto: Sorveglianza e prevenzione degli infortuni nei luoghi di lavoro Referente: Elisa Romeo Negli ultimi

Dettagli

Coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione dell opera

Coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione dell opera Standard di qualità ai fini della qualificazione professionale della categoria dei geometri Specifica E09 Edilizia, urbanistica e ambiente Coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione dell opera

Dettagli

Allegato I al modello OT24

Allegato I al modello OT24 Allegato I al modello OT24 Questionario per la valutazione della Responsabilità Sociale delle Imprese ai fini della riduzione del tasso medio di tariffa ai sensi dell art. 24 delle Modalità di applicazione

Dettagli

Procedura Operativa PO23

Procedura Operativa PO23 PO23 Pagina 1 di 5 Procedura Operativa PO23 INDICE 1. Scopo e campo di applicazione... 2 2. Riferimenti e documenti di supporto... 2 3. Responsabilità... 2 4. Individuazione di situazioni di lavoro infantile

Dettagli

Firenze 19 aprile 2012 FEDERLEGNOARREDO FENAL UIL FILCA CISL FILLEA CGIL

Firenze 19 aprile 2012 FEDERLEGNOARREDO FENAL UIL FILCA CISL FILLEA CGIL Visto il D.Lgs.14 settembre 2011, n. 167 Testo unico ell'apprendistato, a norma dell'articolo 1, comma 30, della legge 24 dicembre 2007, n. 247 le parti concordano che la normativa presente nel ccnl firmato

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 6

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 6 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 6 INDICE GESTIONE DELLE RISORSE Messa a disposizione delle risorse Competenza, consapevolezza, addestramento Infrastrutture Ambiente di lavoro MANUALE DELLA QUALITÀ Pag.

Dettagli

Comune di Grumento Nova Sistema per la misurazione e la valutazione della performance. Finalità e principi

Comune di Grumento Nova Sistema per la misurazione e la valutazione della performance. Finalità e principi Comune di Grumento Nova Sistema per la misurazione e la valutazione della performance Finalità e principi Art. 1 - Finalità Il presente regolamento disciplina il sistema di misurazione e valutazione della

Dettagli

PROCEDURE SGSL Versione 3.0 Edizione 2014

PROCEDURE SGSL Versione 3.0 Edizione 2014 SGSL BS OHSAS 18001:2007 PROCEDURE SGSL Versione 3.0 Edizione 2014 Kit di strumenti con manuale, procedure, modulistica e check list per l implementazione di un sistema di gestione sulla sicurezza lavoro

Dettagli

Tuttavia, occorre rimarcare come il perdurare di una siffatta condizione mette a rischio l attuazione di politiche di sviluppo del personale

Tuttavia, occorre rimarcare come il perdurare di una siffatta condizione mette a rischio l attuazione di politiche di sviluppo del personale LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE 2014 L esercizio 2014 è stato caratterizzato dal pieno recepimento degli indirizzi del socio unico Roma Capitale, che hanno imposto una linea di austerità e di totale compliance

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO PER IL PERSONALE COINVOLTO NELL ATTIVITA DI DISTRIBUZIONE E MISURA DEL GAS NATURALE. ACSM-AGAM Reti Gas Acqua S.r.l.

CODICE DI COMPORTAMENTO PER IL PERSONALE COINVOLTO NELL ATTIVITA DI DISTRIBUZIONE E MISURA DEL GAS NATURALE. ACSM-AGAM Reti Gas Acqua S.r.l. CODICE DI COMPORTAMENTO PER IL PERSONALE COINVOLTO NELL ATTIVITA DI DISTRIBUZIONE E MISURA DEL GAS NATURALE ACSM-AGAM Reti Gas Acqua S.r.l. Approvato dal CdA del 15 ottobre 2010 2 INDICE Preambolo...4

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli