Assessore al turismo: Graziano Morganti Dirigente: Bruno Rigoldi Servizio Turismo: Sabrina Pelucchi Antonella Pasetti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Assessore al turismo: Graziano Morganti Dirigente: Bruno Rigoldi Servizio Turismo: Sabrina Pelucchi Antonella Pasetti"

Transcript

1 L accoglienza turistica in casa Manuale per l avvio e la gestione di un Bed & Breakfast

2 Provincia di Lecco Settore Attività Economiche Servizio Turismo Via Balicco, Lecco Tel Fax Assessore al turismo: Graziano Morganti Dirigente: Bruno Rigoldi Servizio Turismo: Sabrina Pelucchi Antonella Pasetti Il presente volume è stato curato da: Ideas. Strategie per il turismo sostenibile Via San Bassiano, Lodi Tel/Fax 0371/ Curatore: Carlo Montisci - Ideas Contributi: Angelo Ferraroli ASL di Lecco Antonio Gattinoni ASL di Lecco Carlo Montisci Ideas Fabrizio Mazzei Comune di Lecco Giovanni Riva Dottore Commercialista Sabrina Pelucchi Provincia di Lecco Stefano Motta Ideas Vittorio Paolillo Provincia di Lecco GENNAIO

3 INDICE Il B&B nel mercato turistico italiano...5 Il concetto di B&B...5 La domanda turistica...7 Elementi di gestione del B&B...8 L offerta turistica...10 Il B&B nel mercato turistico lecchese...11 I numeri del turismo della provincia di Lecco...11 I turismi delle diverse sub-aree...12 Un confronto con la realtà nazionale...14 Simulazione costi/ricavi annuali...17 La colazione: diverse tipologie per ogni ospite...19 La colazione continentale classica...19 La colazione continentale arricchita...19 L English breakfast...19 Come proporre la colazione...20 L attrezzatura e il coperto...20 Alcuni consigli...21 La promozione del B&B...23 Strumenti di promozione...23 Materiale cartaceo...23 Passaparola...24 Inserimento in elenchi istituzionali...24 Sito Internet...24 Iscrizione ad associazioni di categoria...25 Inserzioni pubblicitarie...26 Partecipazione ad itinerari organizzati...26 Direct mailing...26 Guide turistiche...27 Comunicati stampa...27 Agenzie di viaggio e tour operators...27 La gestione degli alimenti...29 La sicurezza degli impianti...35 Gli impianti...35 Installazione degli Impianti e Dichiarazione di Conformità (DPR 380/2001, art )...36 Impianti a norma di legge...37 Gli adempimenti amministrativi...39 La denuncia di inizio attività...39 La comunicazione all autorità di Pubblica Sicurezza...43 FAC-SIMILE di scheda di dichiarazione delle generalità degli alloggiati...44 La comunicazione all APT

4 Alcuni cenni sugli adempimenti fiscali Imposta sul Valore Aggiunto Imposte sul Reddito Tassazione Contributi previdenziali Interazione dei redditi derivanti dall attivita di Bed & Breakfast con altre imposte, deduzioni e detrazioni Elenco sintetico degli adempimenti fiscali a carico del gerente l attivita di Bed & Breakfast FAC-SIMILE di ricevuta L intervista al gestore di B&B I fattori critici di successo Allegati Estratto regolamento locale di igiene Note

5 IL B&B NEL MERCATO TURISTICO ITALIANO di Stefano Motta Ideas Il concetto di B&B Il Bed & Breakfast, come si intuisce dalla traduzione letterale letto e colazione, consiste nell offerta di ospitalità a pagamento presso la propria abitazione: si tratta di una forma di accoglienza di origine anglo-sassone, particolarmente diffusa nell Europa settentrionale. In Italia, fino a una decina di anni fa, si registrava una presenza significativa di B&B quasi esclusivamente nelle grandi città d arte: Roma, Firenze e Venezia; ad oggi, l emanazione di leggi regionali dedicate a questo settore ha permesso la nascita di un cospicuo numero di strutture che si stanno imponendo ovunque come un alternativa alle forme di ospitalità tradizionale. Il B&B, rispetto alle altre forme di accoglienza turistica, si caratterizza per una serie di fattori principali: ospitalità a pagamento presso la propria abitazione; offerta dei servizi di pernottamento e prima colazione; numero di camere ridotto; contesto familiare e informale dell accoglienza. Secondo la Legge della Regione n. 12 del 1997 e successive modifiche e integrazioni, i gestori di B&B sono I privati che utilizzano parte della loro abitazione di residenza, offrendo un servizio a conduzione familiare di alloggio e prima colazione. Le più importanti prescrizioni della legge si possono individuare nei punti seguenti: la compresenza del titolare e degli ospiti nell abitazione adibita a B&B; il carattere saltuario dell attività; l assenza dell obbligo di iscrizione al "Registro delle imprese"; la possibilità di esercitare l attività in case unifamiliari o, previa approvazione dell'assemblea dei condomini, in unità condominiali; l assenza dell obbligo di modificare la destinazione d'uso dell'immobile;l utilizzo di non più di tre stanze con un massimo di sei posti letto. 5

6 L.R. 6/2001 Modifiche alla legislazione per l'attuazione degli indirizzi contenuti nel documento di programmazione economico-finanziaria Art. 16 Bis (Esercizio del servizio di ospitalità turistica denominato "Bed & Breakfast") I privati che, utilizzando parte della loro abitazione di residenza, offrono un servizio a conduzione familiare di alloggio e prima colazione, sono tenuti a presentare denuncia di inizio di attività al Comune ai sensi dell' articolo 19 della legge 7 agosto 1990, n.241 "Nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi"; copia della denuncia deve essere inviata alla Provincia di competenza. Tale attività ha carattere saltuario ed è denominata "Bed & Breakfast". La Giunta regionale definisce un apposito marchio identificativo "Bed & Breakfast" che può essere affisso, a spese di chi esercita l'attività, all'esterno della residenza. L'esercizio dell'attività di "Bed & Breakfast" non necessita di iscrizione alla sezione speciale del "Registro delle imprese" e beneficia delle agevolazioni fiscali previste dalla normativa vigente. L'attività è esercitata in case unifamiliari o, previa approvazione dell'assemblea dei condomini, in unità condominiali; comunque l'esercizio dell'attività non determina il cambio di destinazione d'uso dell'immobile. L'attività può essere esercitata in non più di tre stanze con un massimo di sei posti letto; qualora l'attività si svolga in più di una stanza devono essere garantiti non meno di due servizi igienici per unità abitativa; alle camere da letto si deve poter accedere senza attraversare i locali. I locali devono possedere i requisiti igienico sanitari previsti dal regolamento edilizio comunale e dal regolamento di igiene, nonchè rispettare la normativa vigente in materia di sicurezza e di somministrazione i cibi e bevande. La denuncia di inizio di attività deve essere corredata dai certificati comprovanti i requisiti di cui al comma 5, dalla fotocopia del libretto sanitario del responsabile e dall'autodichiarazione comprovante l'estraneità della casistica di cui al testo unico delle leggi di Pubblica Sicurezza. Copia della denuncia deve essere esposta visibilmente all'interno dei locali dove è esercitata l'attività. Il servizio di pulizia delle stanze e sostituzione della biancheria deve essere obbligatoriamente svolto almeno tre volte alla settimana e, comunque, ad ogni cambio di ospite. La pulizia del bagno deve avvenire quotidianamente. Il responsabile dell'attività è colui che ha presentato la denuncia di inizio attività. Egli è tenuto a registrare le presenze e comunicarle alla locale autorità di Pubblica Scurezza, nonché a comunicare gli organi competenti il movimento degli ospiti secondo le disposizioni in materia di rilevazioni statistiche. Le tariffe, liberamente determinate, devono essere comunicate alla Provincia di competenza. La Provincia redige annualmente l'elenco delle attività ricettive di "Bed & Breakfast" comprensivo della denominazione e dell'indirizzo, delle generalità del responsabile, del numero di camere, delle tariffe e del periodo di apertura, ai fini dell'attività di informazione turistica. L'elenco è comunicato alla Regione. Il responsabile dell'attività è tenuto a sottoscrivere un'adeguata polizza assicurativa di responsabilità civile per il verificarsi di eventuali danni agli ospiti. Il Comune esercita la vigilanza sull'attività di "Bed & Breakfast". Qualora il Comune accerti delle irregolarità amministrative riferite al presente articolo, diffida il responsabile dell'attività a rimuovere le irregolarità stesse entro un termine non superiore a quindici giorni e, in caso di persistenza, vieta con provvedimento motivato la prosecuzione dell'attività. E' assoggettato alla sanzione pecuniaria da due a dieci milioni chiunque intraprenda attività di "Bed & Breakfast" senza aver presentato la prescritta denuncia al Comune. E' assoggettato alla sanzione pecuniaria da uno a tre milioni chiunque eserciti l'attività in mancanza dei requisiti previsti. Le sanzioni sono riscosse ed introitate dal Comune. 6

7 La domanda turistica Per una corretta ed efficace gestione di un attività commerciale, ed in particolare di un attività ricettiva in cui il turista viene ospitato in casa propria, è importante avere una chiara idea delle caratteristiche generali del potenziale cliente, in modo da poter configurare i servizi offerti in base alle sue esigenze. A questo scopo è utile analizzare i risultati di una recentissima ricerca effettuata dal Touring club italiano presso un campione di gestori di B&B italiani 1. L indagine è stata condotta in Italia su un insieme di 200 gestori di B&B allo scopo di ottenere informazioni riguardo alla domanda e all offerta turistica. Per quanto riguarda la domanda (ossia la clientela), sono stati rilevati in particolare i dati socio-anagrafici dei turisti ospitati, i loro comportamenti di viaggio e le motivazioni della scelta del B&B come forma di alloggio. Sono riportati di seguito i risultati dell indagine: Età Reddito Composizione del gruppo di viaggio Durata del soggiorno Motivazioni Nazionalità Canali di conoscenza Organizzazione del viaggio PROFILO DEL CLIENTE DI B&B IN ITALIA La clientela del B&B è prevalentemente composta da giovani e adulti, pochi gli anziani (> 65 anni): 40% giovani, 41% adulti, 3% anziani Il cliente è benestante, e dimostra una buona propensione a spendere in cambio di servizi adeguati (maggiore qualità dei servizi maggior livello di spesa) Prevalentemente in coppia: 67% in coppia, 11% con la famiglia, 6% con amici, 6% da soli La permanenza media dura generalmente più di una notte: 49% due notti, 22% tre notti, 18% quattro o più, 11% una notte (questi dati indicano che il B&B non è una scelta di ripiego rispetto ad altre tipologie di strutture ricettive) Il cliente sceglie di alloggiare presso un B&B perché offre la possibilità di vivere a contatto con la popolazione locale in maniera informale ed economicamente conveniente: 55% clima familiare, 55% prezzo, 35% contatto con il territorio, 18% tranquillità e serenità, 9% assenza di strutture ricettive Si registra una sostanziale equivalenza fra clienti stranieri ed italiani I clienti vengono a conoscenza della struttura soprattutto tramite passaparola, guide turistiche e internet Indipendente: il turista è abituato a creare da solo il proprio itinerario E possibile inoltre osservare che negli ultimi anni il B&B si sta affermando come forma di ospitalità anche per la clientela affari : si tratta di un fenomeno che si verifica nelle grandi città o nei centri cittadini dei distretti industriali e coinvolge una clientela composta principalmente da professionisti e dirigenti di piccole imprese in trasferta. Le loro caratteristiche principali si riassumono nel desiderio di trovarsi in un ambiente confortevole (casalingo) e nella propensione a spendere di più per servizi di maggiore qualità. 7

8 Elementi di gestione del B&B Alla luce dei risultati dell indagine e degli studi su questo tipo di domanda turistica, è possibile concludere che i requisiti considerati maggiormente rilevanti dagli ospiti sono: le dimensioni delle camere e del bagno; l atmosfera casalinga, accogliente ed informale; i modi di fare del gestore; i consigli da parte di quest ultimo in merito a ristoranti e luoghi d'interesse turistico presenti nei dintorni del B&B. Il questionario sottoposto al cliente è lo strumento indispensabile per il controllo della qualità del proprio lavoro, poiché consente di: ottenere un giudizio sui servizi proposti ai clienti; correggere gli eventuali disservizi per assicurare ai futuri clienti un livello qualitativo più elevato; definire con precisione i profili della propria clientela; personalizzare i servizi offerti aumentando la soddisfazione del cliente; attuare efficaci forme di promozione del proprio B&B. Giudicare ciò che è stato fatto e correggere ciò che si farà è fondamentale al fine di ottenere il massimo dei risultati per un gestore di un attività ricettiva...un CLIENTE SODDISFATTO!!! La scheda seguente presenta un agile modello di questionario, utilizzabile dal gestore di B&B. È consigliabile farlo compilare dal cliente, prima della partenza, e farlo riporre dal cliente stesso in un contenitore trasparente in cui sono conservati altri questionari, in modo che egli sia certo dell anonimato delle sue risposte. Per questo motivo è bene non richiedere la compilazione dei dati personali (nominativo, indirizzo, professione, ecc.), che il gestore ha già potuto registrare dal documento d identità nel momento dell arrivo del cliente. La raccolta delle informazioni deve poi essere riassunta, attraverso l analisi dei questionari, in tabelle riassuntive per permettere di capire quali sono gli errori più frequenti che si commettono e individuare rimedi efficaci. L analisi del gradimento e l adeguamento dei propri comportamenti danno un significato alla raccolta dei dati. 8

9 ESEMPIO DI QUESTIONARIO PER LA VERIFICA DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Come è venuto a conoscenza del B&B? Passaparola Internet Guide Riviste/giornali Pubblicità Altro Ha trovato facilmente la strada per raggiungerci? Qual è il motivo principale del suo soggiorno? Sì No Vacanza Lavoro Altro Come giudica la pulizia della camera? Insufficiente Sufficiente Buona Come giudica la pulizia del bagno? Insufficiente Sufficiente Buona Come giudica la tranquillità della camera? Insufficiente Sufficiente Buona C'era qualcosa che non funzionava nella sua camera? C'era qualcosa che non funzionava nel bagno? Sì (cosa? ) No Sì (cosa? ) No Come giudica la qualità della colazione? Insufficiente Sufficiente Buona Commento 9

10 L offerta turistica La citata indagine del Touring Club Italiano, come già anticipato, ha permesso di rilevare le caratteristiche dei B&B italiani e dei loro gestori. Nella tabella seguente è riassunto il ritratto dei gestori e delle strutture di B&B in Italia: Dimensioni del settore Collocazione geografica Caratteristiche della struttura Sesso Istruzione Lingue straniere Professione Motivazioni Partecipazione a reti Mezzi di promozione utilizzati Tariffa media a persona Pernottamenti venduti Ricavi Servizi supplementari offerti In Italia i B&B ammontano a circa unità Le strutture si localizzano per il 46% al Centro, per il 33% al Nord e per il 21% al Sud Il 64% utilizza un abitazione indipendente, il 36% un appartamento I gestori di Bed & Breakfast sono per il 63% donne Il 73% dei proprietari è diplomato o laureato Il 67,3% parla l inglese, il 44,2% il francese, il 17,6 il tedesco, il 17,6 lo spagnolo Il 20% è impiegato o insegnante, il 18% è in pensione, il 15% è rappresentato da casalinghe, il 32% si classifica come altro Il 44% ha scelto di avviare un Bed & Breakfast per arrotondare il bilancio familiare, il 23% per conoscere nuove persone e nuove culture, il 21% per avviare un attività imprenditoriale Osservazione: dall analisi emerge che in media guadagna di più chi ha iniziato la propria attività per conoscere persone nuove Il 47,5% non partecipa ad alcuna forma di promozione organizzata (associazioni, tour operators, itinerari turistici locali) Il 52,5% partecipa a reti di questo tipo (di questi, l 80% esprime una soddisfazione medio-alta nel rapporto con la rete) 81,9% internet, 50,3% passaparola, 34,2% guide o riviste specializzate, 17,1% pubblicità a pagamento Il prezzo medio di un pernottamento in Italia è di circa 31 euro, con un minimo di 13 ed un massimo di 100 euro In media ogni B&B in Italia vende meno di 50 pernottamenti all anno Il fatturato medio annuale dei B&B italiani ammonta a circa euro - noleggio biciclette (33%) - lavanderia (30%) - visite guidate (19%) - incontri a tema (16%) - cena (19%) - quotidiano gratuito (10%) - attività sportive con istruttore (7%) 10

11 Il B&B nel mercato turistico lecchese di Carlo Montisci Ideas L avvio di un attività turistica deve tener conto della realtà del mercato in cui si opera. Nel presente capitolo vengono fornite alcune informazioni essenziali per comprendere le caratteristiche del mercato turistico in provincia di Lecco, ed in particolare le differenze che esistono fra le diverse subaree. I numeri del turismo della provincia di Lecco Il primo dato che emerge nel turismo lecchese è la modesta intensità del fenomeno. Complessivamente nel 2002 ci sono stati arrivi 2. Per dare un parametro di riferimento possiamo confrontare il dato con le province confinanti: la provincia di Como conta circa arrivi all anno, la provincia di Bergamo arrivi, la provincia di Sondrio arrivi e la provincia di Milano 4 milioni di arrivi. Arrivi e presenze Figura 1. ARRIVI All interno della domanda lecchese, la domanda straniera ha registrato dal 1999 al 2002 un aumento pari al 4,3% negli arrivi e al 6,7% nelle presenze: i tedeschi continuano a guidare la classifica delle presenze attestandosi al 6,8%, seguiti dagli statunitensi con il 4,1%, dai francesi con il 2,6%, da olandesi e britannici con il 2,5% e dagli svizzeri con l 1,9%. Britannici, statunitensi, francesi e croati sono i turisti che hanno fatto registrare l incremento di presenze più consistente negli ultimi quattro anni, mentre i tedeschi perdono leggermente terreno (-3,9% rispetto al 1999). Il comparto turistico è ancora poco sviluppato e sostanzialmente stabile nei numeri, ma in corso di trasformazione al suo interno. In particolare, si registra l emergere delle PRESENZE strutture di qualità rispetto a forme di accoglienza a basso costo. Nella figura seguente si confrontano i posti letto presenti nella provincia nel 1999 e nel Dei 6337 posti letto disponibili, 3227 sono offerti dai 97 alberghi e 3110 dai 72 esercizi complementari (campeggi, agriturismi, etc ). Ma il dato più significativo è il calo di esercizi alberghieri a due stelle a favore di quelli a tre e quattro stelle. Si tratta di una tendenza che segnala la necessità di offrire standard elevati per poter far fronte alla concorrenza della media montagna dell arco alpino. Si tratta di un fenomeno che coinvolge inevitabilmente anche la recente offerta di B&B, che dovrà puntare sulla qualità per rispondere alle richieste del mercato. 11

12 N letti disponibili 1999 e 2002 per tipologia ricettiva stelle 3 stelle 2 stelle 1 stella Res. tur.- alb. Camere, case iscritte Campeggi, villaggi Agriturismo Altre strutture TOTALE Figura 2. I turismi delle diverse sub-aree La provincia presenta una notevole variabilità nella proposta di beni primari: sotto il profilo naturalistico si trovano la montagna, il lago, il fiume e la collina; mentre, sotto il profilo architettonico, numerosi sono i monumenti religiosi e industriali di notevole pregio. Questa ricchezza di risorse non sempre coincide con il tipo di turismo che interessa le cinque sub-aree di rilevanza statistica 3 della provincia. Le figure seguenti illustrano come si distribuiscono gli arrivi nelle cinque sub aree: Stagionalità arrivi LAGO EST Stagionalità arrivi VALLE SAN MARTINO GEN FEB MAR APR MAG GIU LUG AGO SET OTT NOV DIC GEN FEB MAR APR MAG GIU LUG AGO SET OTT NOV DIC Stagionalità arrivi BRIANZA Stagionalità arrivi LAGO OVEST GEN FEB MAR APR MAG GIU LUG AGO SET OTT NOV DIC 0 GEN FEB MAR APR MAG GIU LUG AGO SET OTT NOV DIC Stagionalità arrivi VALSASSINA GEN FEB MAR APR MAG GIU LUG AGO SET OTT NOV DIC Figura 3. 12

13 La distribuzione degli arrivi delle singole aree evidenzia due tipologie principali di turismo: 1. Una tipologia legata prevalentemente al segmento svago, quindi di vacanza, rappresentata perfettamente dalla curva relativa all area Lago est. Quest ultima infatti rivela una stagionalità dei flussi turistici legata alla bella stagione, con un picco di arrivi non eccessivamente concentrato, anzi esteso su quattro mesi (da giugno a settembre). La stessa tipologia di domanda riguarda anche le aree Valle San Martino e Valsassina: quest ultima presenta una stagionalità ancora più accentuata perchè concentrata nei mesi di luglio e agosto con un ulteriore picco (registrato sia nel 1999 che nel 2002) nel mese di dicembre, legato al sotto-segmento neve. 2. Una tipologia legata prevalentemente al segmento affari, rappresentata dalle curve delle aree Brianza e Lago ovest. In entrambi i casi si registra infatti un picco negativo in agosto, mentre la variabilità che si registra tra il mese più debole e il mese più forte è decisamente minore rispetto alla analoga variabilità registrata nelle altre tre aree. Naturalmente il segmento affari è da ritenersi prevalente nelle due aree citate, ma non è l unico: ne è testimone la diminuzione degli arrivi che si verifica nei mesi invernali. Questa informazione è decisiva nella definizione del servizio che il B&B dovrà fornire se desidera rispondere al flusso principale della sub-area in cui opera. Nelle aree a prevalenza svago il cliente tenderà ad essere più interessato a ricevere, oltre al servizio strettamente legato al B&B, informazioni di natura turistica sulla zona in cui si trova a trascorrere la vacanza (ad esempio: luoghi da visitare, guide da contattare, etc ) e gradirà maggiore flessibilità del servizio e degli orari. Nelle aree in cui prevale la clientela affari sarà più probabile avere ospiti che privilegiano il comfort della casa (struttura gradevole, televisore satellitare, radio, colazione ricca, etc ) perché avranno meno tempo da dedicare alla scoperta dei luoghi in cui si trovano. Si tratta ovviamente di indicazioni di massima che non escludono la specializzazione differente per chi opera in contesti particolari (ad esempio: se il B&B si trova in prossimità di una fabbrica potrebbe divenire il punto di riferimento per l accoglienza del personale in visita, nonostante si trovi in un area a prevalenza svago). Riassumendo questi concetti, nella figura seguente sono evidenziate in giallo le aree a prevalenza affari e in blu le aree a prevalenza svago: Figura 4. 13

14 Un confronto con la realtà nazionale Il presente paragrafo intende confrontare i dati della realtà nazionale con quelli della realtà lecchese, sia rispetto al profilo del cliente, sia rispetto al profilo del gestore al fine di fornire un ulteriore spunto di riflessione ai nuovi gestori di un B&B. Le informazioni sui B&B lecchesi sono il frutto di una indagine svolta su 6 strutture operanti in provincia per cui hanno un valore meramente orientativo. CONFRONTO FRA I CLIENTI LA MEDIA ITALIANA Età: prevalentemente giovani e adulti, pochi anziani (> 65 anni), 40% giovani, 41% adulti, 3% anziani Reddito: benestante, buona propensione a spendere in cambio di servizi adeguati Composizione del gruppo: prevalentemente in coppia 67%, 11% con la famiglia, 6% con amici, 6% da soli Durata del soggiorno: 49% due notti, 22% tre notti, 18% quattro o più, 11% una notte (non è una scelta di ripiego, ma una scelta consapevole) Motivazioni: 55% clima familiare, 55% prezzo, 35% contatto con il territorio, 18% tranquillità e serenità, 9% assenza di strutture ricettive LECCO Età: equivalenza fra giovani e adulti, pochi anziani Reddito: benestante, prevalenza di dirigenti e liberi professionisti Composizione del gruppo: prevalentemente in coppia, ma vi è una notevole presenza di famiglie (dal 25 al 50%) Durata del soggiorno: notevole incidenza di una notte (dal 40 al 70%). Notevole la permanenza di due notti (dal 20 al 40%) Zona di passaggio? Motivazioni: Prevalenza di motivazioni non economiche (clima familiare, contatto con il territorio) Nazionalità: equivalenza fra stranieri e italiani Nazionalità: prevalenza degli stranieri Fattore di scelta: passaparola, guide, internet Fattore di scelta: netta prevalenza di internet, poi il passaparola 14

15 CONFRONTO FRA I GESTORI LA MEDIA ITALIANA LECCO Sesso: i proprietari di Bed & Breakfast sono per il 63% donne Istruzione: il 73% dei proprietari è diplomato o laureato Lingue straniere: il 67,3% parla l inglese, il 44,2% il francese, il 17,6 il tedesco, il 17,6 lo spagnolo Professione: 20% impiegati o insegnanti, 18% pensionati, 15% casalinghe, 5% commercianti, 4% studenti, 4% liberi professionisti, 2% operai, il 32% si classifica come altro Motivazioni: 44% per arrotondare il bilancio familiare 23% per conoscere nuove persone e nuove culture 21% per avviare un attività imprenditoriale Mezzi di comunicazione utilizzati: 81,9% internet, 50,3% passaparola, 34,2% guide o riviste specializzate, il 17,1% pubblicità a pagamento Tariffa media: il prezzo medio di un pernottamento in Italia è di circa 31 euro, con un minimo di 13 ed un massimo di 100 euro I servizi supplementari più offerti dai B&B: noleggio biciclette (33%) lavanderia (30%) visite guidate (19%) incontri a tema (16%) la cena (19%) il quotidiano gratuito (10%) le attività sportive con istruttore (7%) Sesso: i proprietari di Bed & Breakfast sono per il 90% donne Istruzione: la maggioranza sono diplomate o laureate Lingue straniere: una fra le seguenti lingue: inglese, francese, spagnolo Professione: prevalgono le persone con un impiego dipendente o autonomo Motivazioni: Motivazioni economiche, conoscenza di nuove persone, impresa Mezzi di comunicazione utilizzati: In prevalenza sito internet, meno brochure e tour operator Tariffa media: il prezzo medio di un pernottamento a Lecco è di circa 31 euro I servizi supplementari più offerti dai B&B informazioni orali o cartacee, in misura minore visite e incontri a tema 15

16 16

17 Simulazione costi/ricavi annuali di Stefano Motta Ideas Allo scopo di poter valutare la redditività dell attività di Bed & Breakfast viene di seguito proposta una semplice simulazione del bilancio annuale di una struttura che offre ai suoi clienti una camera dotata di due posti letto, oltre al servizio di prima colazione continentale. Supponendo che il B&B considerato sia aperto 9 mesi all anno, risulta che i posti letto disponibili all anno ammontano a: 2 (posti letto a camera) x 270 (giorni di apertura) = 540 (posti letto disponibili all anno) Supponiamo che il gestore di B&B riesca ad occupare durante l arco dell anno il 35% dei posti letto disponibili: 540 (posti letto disponibili all anno) x 35/100 (tasso di occupazione medio annuale) = 189 (pernott. venduti) Assumendo come prezzo praticato dal gestore l importo di 31 a persona (prezzo medio praticato dai B&B in Italia), si ottiene il ricavo annuale al lordo delle tasse: 189 (pernottamenti venduti) x 31 (prezzo medio a persona) = (ricavo annuale) 17

18 Per determinare le spese annuali di gestione (da cui sono ovviamente escluse le spese di investimento sostenute dal gestore per avviare l attività e le spese annuali di manutenzione straordinaria), stabiliamo le seguenti voci di spesa con i relativi costi: Utenze ( 1,5 al giorno a persona x 189 persone) 283,5 Telefono 100 Materiali di consumo per la prima colazione ( 2 al giorno a persona x 189 persone) 378 Promozione (realizzazione brochures, iscrizione associazione B&B, mantenimento sito internet) 900 Attrezzature e materiale pulizia, varie 300 Totale spese 1.961,5 In conclusione, è possibile individuare, almeno come valore indicativo, il ricavo annuale di un B&B aperto nove mesi all anno, dotato di due posti letto con servizio di pernottamento e prima colazione: Ricavo annuale: Spese di gestione annuali: 1.961,5 = Ricavo annuale al lordo delle imposte: 3.897,5 18

19 La colazione: diverse tipologie per ogni ospite di Carlo Montisci Ideas In questo capitolo si vuole fornire una panoramica relativa al servizio di colazione che ogni Bed & Breakfast deve poter offrire ai propri ospiti. La colazione continentale classica La colazione continentale è la tipica colazione italiana, composta principalmente da bevande calde e/o succhi di frutta; pane, biscotti o brioches; marmellata, burro, miele. Vengono di seguito indicati tutti gli alimenti che solitamente sono offerti al cliente come colazione standard compresa nel prezzo del soggiorno: Yogurt Cereali Pane Croissant Biscotti Torta al taglio Fette biscottate Burro Marmellata Miele Succo di frutta o spremuta Acqua Tè Caffè Latte Cacao solubile La colazione continentale arricchita La colazione continentale arricchita, diffusa nel nord-europa, prevede in aggiunta alla classica colazione continentale i seguenti alimenti: Frutta fresca Uova à la coque Salumi Formaggi L English breakfast La colazione all inglese, diffusa nelle isole britanniche e nel Nord-America, è un vero e proprio pasto, che prevede, oltre agli ingredienti della colazione continentale arricchita, i seguenti alimenti: Uova cucinate in diversi modi: à la coque, strapazzate, all occhio di bue, omelette Pancetta affumicata Salsicce o wurstel Frutta tagliata a pezzi 19

20 Come si può notare, questo tipo di colazione prevede la cottura e l elaborazione di alimenti freschi; si tratta quindi di una colazione che impone maggiore attenzione alle norme igieniche di cui si parlerà in seguito. Come proporre la colazione Il gestore di B&B solitamente può operare scegliendo fra tre tipi di servizio: 1. colazione fissa: il cliente consuma ciò che il gestore gli mette a disposizione al mattino. Il vantaggio di questo tipo di offerta consiste nel fatto che, trattandosi di un servizio base, viene limitata al minimo l attività da parte del gestore, che si occupa soltanto della preparazione delle bevande calde; 2. colazione su richiesta: il cliente sceglie la sera precedente cosa consumare da una lista predefinita dal gestore; questo tipo di colazione consente al gestore di offrire un servizio più vicino alle esigenze del cliente e di sapere in anticipo quali ingredienti utilizzare, limitando al massimo gli sprechi ed evitando il rischio di carenza di ingredienti; 3. colazione a menù: il gestore fissa 2/3 menù (per esempio menù dolce / salato, oppure menù continentale / continentale arricchito / English breakfast), fra cui il cliente può scegliere il più gradito. Ciò consente al gestore di migliorare il livello del servizio grazie ad una gamma più ampia di ingredienti, a fronte di eventuali supplementi sul prezzo, che il cliente paga per consumare i menù più elaborati. In generale nei B&B, a differenza di ciò che avviene negli hotel, il cliente è più predisposto ad adattarsi a ciò che gli viene offerto dal gestore, a causa del fatto che solitamente apprezza il contatto con gli usi e le tradizioni del luogo in cui è ospitato. Il gestore può quindi scegliere il tipo di colazione da somministrare in base alle proprie esigenze (tempo, capacità, accuratezza del servizio, prezzo praticato), considerando il fatto che colazioni più elaborate comportano più lavoro e più cura del servizio, ma giustificano un aumento del prezzo praticato. Per quanto riguarda l orario riservato alla colazione, in genere si usa servire la colazione fra le 7.00 e le 10.00, ma è bene non rendere questa norma troppo rigida, visto che più l orario è flessibile, più il cliente è soddisfatto: è possibile specificare ad esempio che dopo le e fino alle la colazione sarà disponibile, ma dovrà essere preparata dal cliente stesso. L attrezzatura e il coperto La seguente tabella illustra l attrezzatura ed i componenti del coperto che è necessario avere a disposizione per un efficace servizio di colazione: L attrezzatura Tavolo e sedie per ospitare contemporaneamente tutti i possibili ospiti Tostapane Moka Bricco per latte / tè Eventuale macchina preparazione caffè espresso e riscaldamento bevande Padelle per preparazioni piatti caldi (uova, ecc.) Stoviglie da cucina 20

Delibera n. 29 del Consiglio Comunale del 28.06.2004 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ALLOGGIO E PRIMA COLAZIONE

Delibera n. 29 del Consiglio Comunale del 28.06.2004 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ALLOGGIO E PRIMA COLAZIONE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ALLOGGIO E PRIMA COLAZIONE Delibera n. 29 del Consiglio Comunale del 28.06.2004 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ALLOGGIO E PRIMA COLAZIONE INDICE TITOLO I Pag. 1 Art. 1 Pag.

Dettagli

Bed & Breakfast in Lombardia

Bed & Breakfast in Lombardia Bed & Breakfast in Lombardia Angelo Zito Struttura Sistemi Turistici ed Imprese Direzione Generale Commercio, Turismo e Servizi Regione Lombardia e-mail: Angelo_Zito@regione.lombardia.it Bed and Breakfast,

Dettagli

La normativa dei Bed & Breakfast inlombardia

La normativa dei Bed & Breakfast inlombardia La normativa dei Bed & Breakfast inlombardia Luca Mambretti U.O. Sviluppo di iniziative per la Promozione dell Offerta Turistica Direzione Generale Commercio, Turismo e Servizi Regione Lombardia e-mail:

Dettagli

a cura Direzione Turismo Sport Parchi Piemonte emozioni Manuale d uso per l esercizio saltuario di ospitalità denominato Bed & Breakfast

a cura Direzione Turismo Sport Parchi Piemonte emozioni Manuale d uso per l esercizio saltuario di ospitalità denominato Bed & Breakfast a cura Direzione Turismo Sport Parchi Piemonte emozioni Manuale d uso per l esercizio saltuario di ospitalità denominato Bed & Breakfast Cos è il Bed end Breakfast? Con la denominazione Bed & Breakfast

Dettagli

Attività ricettive non alberghiere

Attività ricettive non alberghiere Attività ricettive non alberghiere Le attività: ESERCIZI DI AFFITTACAMERE; CASE E APPARTAMENTI PER VACANZE; BED & BREAKFAST sono classificate come "attività ricettive non alberghiere", ai sensi della vigente

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI ACCOGLIENZA RICETTIVA A CONDUZIONE FAMILIARE DENOMINATA BED & BREAKFAST L.R. 26.02.

REGOLAMENTO SULLA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI ACCOGLIENZA RICETTIVA A CONDUZIONE FAMILIARE DENOMINATA BED & BREAKFAST L.R. 26.02. COMUNE DI TAURIANOVA PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA REGOLAMENTO SULLA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI ACCOGLIENZA RICETTIVA A CONDUZIONE FAMILIARE DENOMINATA BED & BREAKFAST L.R. 26.02.2003 N 2 Approvato con

Dettagli

APRIRE UN BED & BREAKFAST SEMINARIO PER GLI OPERATORI

APRIRE UN BED & BREAKFAST SEMINARIO PER GLI OPERATORI APRIRE UN BED & BREAKFAST SEMINARIO PER GLI OPERATORI Luca Mambretti Unità Organizzativa Turismo Programmazione e sviluppo iniziative a supporto dell'attrattività turistica del territorio e-mail: Luca_Mamabretti@regione.lombardia.it

Dettagli

DDL Disciplina dell attività ricettiva di Bed and Breakfast (B&B) CAPO I GENERALITÀ, DEFINIZIONI, REQUISITI

DDL Disciplina dell attività ricettiva di Bed and Breakfast (B&B) CAPO I GENERALITÀ, DEFINIZIONI, REQUISITI DDL Disciplina dell attività ricettiva di Bed and Breakfast (B&B) CAPO I GENERALITÀ, DEFINIZIONI, REQUISITI ARTICOLO 1 Generalità 1. La Regione Puglia favorisce lo sviluppo e la presenza su tutto il territorio

Dettagli

COMUNE DI PALMI Provincia di Reggio Calabria

COMUNE DI PALMI Provincia di Reggio Calabria COMUNE DI PALMI Provincia di Reggio Calabria REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ACCOGLIENZA RICETTIVA A CONDUZIONE FAMILIARE DENOMINATA "BED AND BREAKFAST" Approvato con Deliberazione

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER CARE ALLE IMPRESE CERTIFICATE OSPITALITA ITALIANA

INDAGINE DI CUSTOMER CARE ALLE IMPRESE CERTIFICATE OSPITALITA ITALIANA INDAGINE DI CUSTOMER CARE ALLE IMPRESE CERTIFICATE OSPITALITA ITALIANA MARCHIO OSPITALITA ITALIANA Luglio 2014 A cura di Premessa L indagine di seguito presentata svolta dalla Comitel&Partners per conto

Dettagli

REGOLAMENTO IMPOSTA DI SOGGIORNO

REGOLAMENTO IMPOSTA DI SOGGIORNO Città di Chioggia Provincia di Venezia REGOLAMENTO IMPOSTA DI SOGGIORNO (In vigore dal 1 gennaio 2015) Deliberazione del Consiglio Comunale n. 52 del 27/04/2015 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA

Dettagli

BED & BREAKFAST NUOVA NORMATIVA REGIONALE, ANCHE A PORTATA DI MARCHE, DOVE FLESSIBILITÀ FA RIMA CON PROFESSIONALITÀ.

BED & BREAKFAST NUOVA NORMATIVA REGIONALE, ANCHE A PORTATA DI MARCHE, DOVE FLESSIBILITÀ FA RIMA CON PROFESSIONALITÀ. BED & BREAKFAST PICCOLO VADEMECUM PER CHI VUOLE APRIRE NELLE MARCHE UN BED & BREAKFAST O CAMERA & COLAZIONE CHE DIR SI VOGLIA, MEGLIO NOTO CON LA SIGLA B&B. IL B&B CREA LA POSSIBILITÀ DI OFFRIRE OSPITALITÀ

Dettagli

4. Quali sono le tipologie di attività ricettive?

4. Quali sono le tipologie di attività ricettive? ROMA CAPITALE - INFORMAZIONI VARIE STRUTTURE RICETTIVE EXTRALBERGHIERE FAQ 1. Cosa bisogna fare per avviare un'attività ricettiva? Per avviare un attività ricettiva si deve trasmettere, esclusivamente

Dettagli

Le imprese di viaggi: norme regolatrici e loro attività

Le imprese di viaggi: norme regolatrici e loro attività Percorso A ndimento 5 Un it à di re p p A Le imprese di viaggi Le imprese di viaggi: norme regolatrici e loro attività All interno della legge-quadro 135 del 29 marzo 2001 sul turismo non c è una precisa

Dettagli

Osservatorio Le vacanze degli italiani a Natale 2013 A cura del Centro Studi TCI Dicembre 2013

Osservatorio Le vacanze degli italiani a Natale 2013 A cura del Centro Studi TCI Dicembre 2013 Osservatorio Le vacanze degli italiani a Natale 2013 A cura del Centro Studi TCI Dicembre 2013 Per comprendere cosa succederà in queste imminenti festività natalizie, in particolare nel periodo tra metà

Dettagli

CITTA' di TERMINI IMERESE

CITTA' di TERMINI IMERESE CITTA' di TERMINI IMERESE Secondo Settore: Territorio, Ambiente e Attività Produttive S.U.A.P. CARTA DELLA QUALITA DEI SERVIZI Sportello unificato per la ricettivita turistica: ESERCIZI DI AFFITTACAMERE

Dettagli

Prot. 622916 Roma 16/11/2015

Prot. 622916 Roma 16/11/2015 AGENZIA REGIONALE DEL TURISMO IL DIRETTORE Prot. 622916 Roma 16/11/2015 A Roma Capitale A tutti i Responsabili degli Uffici SUAP o SUAR dei Comuni del Lazio Alla Città Metropolitana di Roma Capitale Alle

Dettagli

LIBERI DI VIAGGIARE. 20060 Bussero (MI) in via L. da Vinci 5 www.ldvitalia.it

LIBERI DI VIAGGIARE. 20060 Bussero (MI) in via L. da Vinci 5 www.ldvitalia.it LIBERI DI VIAGGIARE 20060 Bussero (MI) in via L. da Vinci 5 www.ldvitalia.it L associazione nata nel 2009 (è un marchio commerciale di Marco Grieco) rappresenta un circuito di circa 1800 cral, associazioni,

Dettagli

Classificazione delle strutture ricettive alberghiere di Milano e provincia

Classificazione delle strutture ricettive alberghiere di Milano e provincia Classificazione delle strutture ricettive alberghiere di Milano e provincia 20 21 22 23 febbraio 2012 Istituto Moreschi via San Michele del Carso, 25 - Milano 1 2 3 INDICE 1. Riferimenti normativi 2. Funzioni

Dettagli

Bed & Breakfast: legislazione e statistiche

Bed & Breakfast: legislazione e statistiche 08/01/2008 Bed & Breakfast: legislazione e statistiche Dott. Gaetano Buquicchio CHE COSA E IL BED & BREAKFAST Il bed & breakfast (B&B), ossia letto e prima colazione,è un attività turistica non convenzionale

Dettagli

SUAP DELLE VALLI SPORTELLO UNICO ATTIVITÀ PRODUTTIVE

SUAP DELLE VALLI SPORTELLO UNICO ATTIVITÀ PRODUTTIVE SUAP DELLE VALLI SPORTELLO UNICO ATTIVITÀ PRODUTTIVE PRESSO LA COMUNITÀ MONTANA VALLE SUSA E VAL SANGONE S.C.I.A - SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ ESERCIZIO DI BED & BREAKFAST Al Comune di

Dettagli

(L.R. n. 13/2007, artt. 28 e 31, come modificati dalla L.R. n. 17/2011).

(L.R. n. 13/2007, artt. 28 e 31, come modificati dalla L.R. n. 17/2011). ALLEGATO A (costituito da n. 8 pagine complessive) Linee guida concernenti modalità e termini di comunicazione, per via telematica - tramite il Portale del Turismo e del Made in Lazio www.ilmiolazio.it

Dettagli

L estate 2007 nelle isole del golfo Indagine di valutazione dei flussi turistici (Nota Metodologica)

L estate 2007 nelle isole del golfo Indagine di valutazione dei flussi turistici (Nota Metodologica) L estate 2007 nelle isole del golfo Indagine di valutazione dei flussi turistici (Nota Metodologica) (novembre 2007) (codice prodotto OSPN04-R02-D02) Osservatorio Del Turismo della Regione Campania Via

Dettagli

Il Presidente di Commissione (dott. Roberto Bandinelli)

Il Presidente di Commissione (dott. Roberto Bandinelli) Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Tecnico per il Turismo M. POLO Firenze Gara Nazionale Istituti Tecnici per il Turismo Indirizzo Iter 01 Dicembre 2010 Prima prova : Discipline

Dettagli

Il turismo e l immagine della Brianza

Il turismo e l immagine della Brianza Il turismo e l immagine della Brianza Sistema delle imprese, flussi turistici e percezione del territorio A cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio di Monza e Brianza Luglio 2011 I numeri del

Dettagli

*la voce Altri Complementari comprende: Villaggi Turistici, Ostelli, Case per Ferie, Case per Vacanza, Affittacamere

*la voce Altri Complementari comprende: Villaggi Turistici, Ostelli, Case per Ferie, Case per Vacanza, Affittacamere 1. IL SISTEMA DELL OSPITALITÀ NELLA PROVINCIA DI RIMINI Complessivamente è costituito da un offerta di 2.565 strutture 1 con caratteristiche di impresa e di oltre 13.000 abitazioni private ad uso turistico

Dettagli

L'indice di fiducia del viaggiatore italiano: Rilevazione GENNAIO 2015. 30 Gennaio 2015

L'indice di fiducia del viaggiatore italiano: Rilevazione GENNAIO 2015. 30 Gennaio 2015 L'indice di fiducia del viaggiatore italiano: Rilevazione GENNAIO 2015 30 Gennaio 2015 METODOLOGIA e CAMPIONE L indagine che presentiamo è stata eseguita fra il 24 e il 28 gennaio 2015 con metodologia

Dettagli

La qualità. Di Stefano Azzini

La qualità. Di Stefano Azzini . La qualità Di Stefano Azzini Nel settore turisticoalberghiero e nella ristorazione, la parola qualità è molto di moda. E' vero che la maggior parte delle aziende che hanno superato la crisi sono quelle

Dettagli

1. IL SISTEMA DELL OSPITALITA NELLA PROVINCIA DI RIMINI

1. IL SISTEMA DELL OSPITALITA NELLA PROVINCIA DI RIMINI 1. IL SISTEMA DELL OSPITALITA NELLA PROVINCIA DI RIMINI E costituito da un offerta di 2.699 strutture 1 con caratteristiche di impresa e di oltre 13.000 abitazioni private ad uso turistico 2, ormai un

Dettagli

OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE DELLA LIGURIA RAPPORTO ANNUALE 2011

OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE DELLA LIGURIA RAPPORTO ANNUALE 2011 OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE DELLA LIGURIA RAPPORTO ANNUALE 2011 Focus Provincia di Savona Maggio 2012 A cura di I flussi turistici nelle strutture ricettive Le principali dinamiche e tendenze manifestate

Dettagli

appartamenti dello stesso stabile Quali sono i requisiti necessari per la classificazione di un affittacamere nelle categorie prima, seconda e terza?

appartamenti dello stesso stabile Quali sono i requisiti necessari per la classificazione di un affittacamere nelle categorie prima, seconda e terza? 1 2 Chi rilascia l'autorizzazione per l'apertura di una struttura ricettiva extra alberghiera classificata? Quali documenti sono necessari per la classifica di un affittacamere? La Provincia provvede a

Dettagli

Annuario Statistico della Sardegna

Annuario Statistico della Sardegna Annuario Statistico della Sardegna TURISMO Turismo L Indagine sulla capacità degli esercizi ricettivi è una rilevazione censuaria condotta annualmente con l obiettivo di fotografare, al 31 dicembre di

Dettagli

Carta Servizi Turistici di Qualità a tutela del consumatore e dell operatore. Strutture all aria aperta Campeggi

Carta Servizi Turistici di Qualità a tutela del consumatore e dell operatore. Strutture all aria aperta Campeggi Carta Servizi Turistici di Qualità a tutela del consumatore e dell operatore Strutture all aria aperta Campeggi 32 33 1. Accesso e posizione Il campeggio è ben segnalato, in ottime condizioni generali

Dettagli

C O M U N E D I M A T T I N A T A Provincia di Foggia Settore IV - Polizia Municipale Attività Produttive Tel. 0884-550310 Fax 559870

C O M U N E D I M A T T I N A T A Provincia di Foggia Settore IV - Polizia Municipale Attività Produttive Tel. 0884-550310 Fax 559870 C O M U N E D I M A T T I N A T A Provincia di Foggia Settore IV - Polizia Municipale Attività Produttive Tel. 0884-550310 Fax 559870 AL SIGNOR SINDACO Attività Produttive DEL COMUNE DI MATTINATA SEGNALAZIONE

Dettagli

Testo ddl CAPO I GENERALITÀ, DEFINIZIONI, CARATTERISTICHE. Art. 1 Generalità

Testo ddl CAPO I GENERALITÀ, DEFINIZIONI, CARATTERISTICHE. Art. 1 Generalità Disegno di legge concernente Disciplina dell attività ricettiva di bed and breakfast (B&B B&B). Testo ddl CAPO I GENERALITÀ, DEFINIZIONI, CARATTERISTICHE Art. 1 Generalità 1. La Regione Sardegna al fine

Dettagli

1 Rapporto dell Osservatorio Nazionale sul Turismo

1 Rapporto dell Osservatorio Nazionale sul Turismo 1 Rapporto dell Osservatorio Nazionale sul Turismo a cura di Flavia Maria Coccia Direzione Operativa Isnart Unioncamere Roma, 14 luglio 2011 www.isnart.it 1 L occupazione delle camere nelle imprese ricettive

Dettagli

REGIONE ABRUZZO Comune di XXXXXXXX Servizio S.U.A.P. Sportello Unico per le Attività Produttive

REGIONE ABRUZZO Comune di XXXXXXXX Servizio S.U.A.P. Sportello Unico per le Attività Produttive logo Comune REGIONE ABRUZZO Comune di XXXXXXXX Servizio S.U.A.P. Sportello Unico per le Attività Produttive SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA SCIA STRUTTURE TURISTICO - RICETTIVE allegato alla

Dettagli

SCHEDE OPERATIVE IN MATERIA DI AGRITURISMO (di cui al comma 4 dell art. 23 L.R. 30/03 s.m.i.)

SCHEDE OPERATIVE IN MATERIA DI AGRITURISMO (di cui al comma 4 dell art. 23 L.R. 30/03 s.m.i.) SCHEDE OPERATIVE IN MATERIA DI AGRITURISMO (di cui al comma 4 dell art. 23 L.R. 30/03 s.m.i.) PARTE OPERATIVA INDICE PARTE II VERBALI DI CONTROLLO SCHEDA PRINCIPALITA SCHEDA CLASSIFICAZIONE SCHEDA NATURA

Dettagli

che, diversamente dalla raccomandata, nella ricevuta di avvenuta consegna sono presenti anche i contenuti del messaggio originale.

che, diversamente dalla raccomandata, nella ricevuta di avvenuta consegna sono presenti anche i contenuti del messaggio originale. Di seguito sono riportate le risposte relative a quesiti pervenuti circa i seguenti aspetti del servizio: caratteristiche generali; funzionamento; attivazione; gestori; Indice PA. 1. Introduzione Che cos'è?

Dettagli

COMUNE DI TAORMINA Provincia di Messina. Regolamento Imposta di Soggiorno

COMUNE DI TAORMINA Provincia di Messina. Regolamento Imposta di Soggiorno COMUNE DI TAORMINA Provincia di Messina Regolamento Imposta di Soggiorno (Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 80 del 06/11/2012) Art.1 Presupposto dell'imposta Presupposto dell'imposta di soggiorno

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO FIERISTICO IN TRENTINO - Visitatori -

INDAGINE SUL TURISMO FIERISTICO IN TRENTINO - Visitatori - Provincia Autonoma di Trento Osservatorio provinciale per il Turismo Servizio Turismo Provincia Autonoma di Trento INDAGINE SUL TURISMO FIERISTICO IN TRENTINO - Visitatori - Anno 2007 Per la collaborazione

Dettagli

CLUB DI PRODOTTO OSPITALITA GLAMOUR DOMANDA DI ADESIONE. alberghiero relais agriturismo

CLUB DI PRODOTTO OSPITALITA GLAMOUR DOMANDA DI ADESIONE. alberghiero relais agriturismo CLUB DI PRODOTTO OSPITALITA GLAMOUR DOMANDA DI ADESIONE Il sottoscritto/a nato/a il residente a via in qualità di gestore/titolare dell esercizio ricettivo: alberghiero relais agriturismo sotto l insegna

Dettagli

DISCIPLINA DELL ATTIVITÀ DI BED & BREAKFAST. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE promulga

DISCIPLINA DELL ATTIVITÀ DI BED & BREAKFAST. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE promulga Parte I N. 24 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 16-6-2008 4401 Legge Regionale 4 giugno 2008, n. 8. DISCIPLINA DELL ATTIVITÀ DI BED & BREAKFAST IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato IL PRESIDENTE

Dettagli

Al Fondo SPES Napoli Via Giacinto Gigante, 7-80136 Napoli Tel. 081/5492018 mail: info@fondospes.it

Al Fondo SPES Napoli Via Giacinto Gigante, 7-80136 Napoli Tel. 081/5492018 mail: info@fondospes.it Modulo di richiesta di finanziamento Al Fondo SPES Napoli Via Giacinto Gigante, 7-80136 Napoli Tel. 081/5492018 mail: info@fondospes.it OGGETTO: Programma di microcredito con il sostegno del FONDO SPES

Dettagli

TURISMO SOCIALE E FAMIGLIE. 3 Workshop preparatorio al Congresso BITES Rimini 31 luglio 2010

TURISMO SOCIALE E FAMIGLIE. 3 Workshop preparatorio al Congresso BITES Rimini 31 luglio 2010 TURISMO SOCIALE E FAMIGLIE 3 Workshop preparatorio al Congresso BITES Rimini 31 luglio 2010 Chi siamo? Nuova Planetario Viaggi spa, è un azienda autonoma, che opera nel settore del turismo, ma è anche

Dettagli

OSSERVATORIO PROVINCIALE SUGLI STUDI DI SETTORE DIREZIONE DELLE ENTRATE PER LA VALLE D AOSTA

OSSERVATORIO PROVINCIALE SUGLI STUDI DI SETTORE DIREZIONE DELLE ENTRATE PER LA VALLE D AOSTA OSSERVATORIO PROVINCIALE SUGLI STUDI DI SETTORE DIREZIONE DELLE ENTRATE PER LA VALLE D AOSTA L Osservatorio provinciale sugli studi di settore ha svolto un lavoro di approfondimento sulla categoria alberghiera

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) DI BED AND BREAKFAST VARIAZIONE DELL ATTIVITA (da comunicare entro 15 giorni dalla variazione)

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) DI BED AND BREAKFAST VARIAZIONE DELL ATTIVITA (da comunicare entro 15 giorni dalla variazione) SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) DI BED AND BREAKFAST VARIAZIONE DELL ATTIVITA (da comunicare entro 15 giorni dalla variazione) AL COMUNE DI FOSSATO DI VICO UFFICIO ATTIVITA PRODUTTIVE

Dettagli

Il sottoscritto: Cognome Nome C.F. Sesso M _ F _

Il sottoscritto: Cognome Nome C.F. Sesso M _ F _ SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) DI VARIAZIONI NELL ATTIVITA DI AFFITTACAMERE (da comunicare entro 15 giorni dalla variazione) Il presente modello può essere presentato con le seguenti

Dettagli

(Testo coordinato con le modifiche e le integrazioni di cui alla L.R. 26 giugno 2003, n. 8) CAPO I. Art. 1 Finalità

(Testo coordinato con le modifiche e le integrazioni di cui alla L.R. 26 giugno 2003, n. 8) CAPO I. Art. 1 Finalità LEGGE REGIONALE 26 febbraio 2003, n. 2 Disciplina dell attività di accoglienza ricettiva a conduzione familiare denominata Bed and Breakfast. (BUR n. 4 dell 1 marzo 2003, supplemento straordinario n. 1)

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 2 DEL 26-02-2003 REGIONE CALABRIA

LEGGE REGIONALE N. 2 DEL 26-02-2003 REGIONE CALABRIA LEGGE REGIONALE N. 2 DEL 26-02-2003 REGIONE CALABRIA Disciplina dell'attività di accoglienza ricettiva a conduzione familiare denominata "Bed and Breakfast" Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CALABRIA

Dettagli

DOMANDE FREQUENTI SULLE STRUTTURE RICETTIVE TURISTICHE

DOMANDE FREQUENTI SULLE STRUTTURE RICETTIVE TURISTICHE 1) Cosa è un attività Turistica Ricettiva? DOMANDE FREQUENTI SULLE STRUTTURE RICETTIVE TURISTICHE Si definisce attività Ricettiva Turistica quella diretta alla produzione ed all offerta al pubblico di

Dettagli

Panoramica delle funzioni

Panoramica delle funzioni Panoramica delle funzioni 1/16 Indice Premessa L email di accoglienza L area di accoglienza La gestione dei servizi Il Cross selling & l Hotel Chain Experience Gli eventi in città Gli invii automatici

Dettagli

CARTA EUROPEA PER IL TURISMO SOSTENIBILE NELLE AREE PROTETTE Indagine sul profilo e soddisfazione dei visitatori

CARTA EUROPEA PER IL TURISMO SOSTENIBILE NELLE AREE PROTETTE Indagine sul profilo e soddisfazione dei visitatori CARTA EUROPEA PER IL TURISMO SOSTENIBILE NELLE AREE PROTETTE Indagine sul profilo e soddisfazione dei visitatori Gentile Visitatore, attraverso l adesione alla Carta Europea per il Turismo sostenibile

Dettagli

L.R. 2/2002, artt. 62 e 90 B.U.R. 5/6/2002, n. 23. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 7 maggio 2002, n. 0128/Pres.

L.R. 2/2002, artt. 62 e 90 B.U.R. 5/6/2002, n. 23. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 7 maggio 2002, n. 0128/Pres. L.R. 2/2002, artt. 62 e 90 B.U.R. 5/6/2002, n. 23 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 7 maggio 2002, n. 0128/Pres. Regolamento concernente le modalità di rilascio e i requisiti del provvedimento di classificazione

Dettagli

REGOLAMENTO ALBERGO DIFFUSO. Articolo 1 (Ambito di applicazione) Articolo 2 (Definizione tipologica)

REGOLAMENTO ALBERGO DIFFUSO. Articolo 1 (Ambito di applicazione) Articolo 2 (Definizione tipologica) REGOLAMENTO ALBERGO DIFFUSO Articolo 1 (Ambito di applicazione) Il presente regolamento disciplina la forma di ricettività denominata Albergo Diffuso nei centri storici urbani, di cui all articolo 12,

Dettagli

COMUNE DI JESOLO Provincia di Venezia REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ISTITUZIONE E L'APPLICAZIONE DELL IMPOSTA DI SOGGIORNO

COMUNE DI JESOLO Provincia di Venezia REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ISTITUZIONE E L'APPLICAZIONE DELL IMPOSTA DI SOGGIORNO COMUNE DI JESOLO Provincia di Venezia REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ISTITUZIONE E L'APPLICAZIONE DELL IMPOSTA DI SOGGIORNO ANNO 2013 Art. 1 Oggetto del Regolamento 1. Il presente regolamento, adottato nell

Dettagli

INDAGINE SUL PUBBLICO DELL UFFICIO TURISTICO DI VIA CAVOUR Sondaggio realizzato con tre successive rilevazioni nei mesi di marzo, luglio, ottobre

INDAGINE SUL PUBBLICO DELL UFFICIO TURISTICO DI VIA CAVOUR Sondaggio realizzato con tre successive rilevazioni nei mesi di marzo, luglio, ottobre Amministrazione Provinciale di Firenze Dipartimento Sviluppo Economico e Turismo INDAGINE SUL PUBBLICO DELL UFFICIO TURISTICO DI VIA CAVOUR Sondaggio realizzato con tre successive rilevazioni nei mesi

Dettagli

Viaggio di classe I risultati dell Osservatorio sul Turismo Scolastico del Centro Studi TCI A.S. 2009/2010

Viaggio di classe I risultati dell Osservatorio sul Turismo Scolastico del Centro Studi TCI A.S. 2009/2010 Viaggio di classe I risultati dell Osservatorio sul Turismo Scolastico del Centro Studi TCI A.S. 2009/2010 L Osservatorio TCI sul Turismo Scolastico Perché? L idea di costituire un Osservatorio sul Turismo

Dettagli

S.C.I.A. - Segnalazione Certificata di Inizio Attività

S.C.I.A. - Segnalazione Certificata di Inizio Attività STRUTTURE TURISTICHE RICETTIVE BED & BREAKFAST (artt. 25 e 27 L.R..33/2002) S.C.I.A. - Segnalazione Certificata di Inizio Attività AL COMUNE DI Cod. ISTAT _ _ _ _ _ _.l... sottoscritt...: Cognome Nome

Dettagli

Imposta di soggiorno

Imposta di soggiorno Lawt è lieta di offrirvi, nell ambito del progetto di collaborazione con Federalberghi VCO - finalizzato ad offrire ai propri associati nuovi servizi di consulenza fiscale tematici - un tema di approfondimento

Dettagli

L'indice di fiducia del viaggiatore italiano: Rilevazione LUGLIO 2015. 27 luglio 2015

L'indice di fiducia del viaggiatore italiano: Rilevazione LUGLIO 2015. 27 luglio 2015 L'indice di fiducia del viaggiatore italiano: Rilevazione LUGLIO 2015 27 luglio 2015 METODOLOGIA e CAMPIONE L indagine che presentiamo è stata eseguita fra il 20 e il 25 luglio 2015 con metodologia CATI/CAWI

Dettagli

Andamento della stagione turistica Analisi congiunturale Terzo Report 2008

Andamento della stagione turistica Analisi congiunturale Terzo Report 2008 Allegato 9 Andamento della stagione turistica Analisi congiunturale Terzo Report 2008 Osservatorio Turistico della Regione Puglia 1 Osservatorio Turistico Regione Puglia L osservatorio turistico della

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) DI AFFITTACAMERE

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) DI AFFITTACAMERE SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) DI AFFITTACAMERE Il presente modello può essere presentato con le seguenti modalità: tramite PEC all indirizzo suape@pec.comune.perugia.it, a mezzo posta

Dettagli

Agenzie di viaggio e turismo

Agenzie di viaggio e turismo LEGGE REGIONALE 23 marzo 2000, n. 42 Testo unico delle Leggi Regionali in materia di turismo. 3.4.2000 Bollettino Ufficiale della Regione Toscana - n. 15 (Testo coordinato con la L.R. 17 gennaio 2005 n.

Dettagli

Bollettino Ufficiale Regionale 16 luglio 2002, n. 16. [Preambolo] Finalità. Definizione e caratteristiche. Esercizio dell'attività

Bollettino Ufficiale Regionale 16 luglio 2002, n. 16. [Preambolo] Finalità. Definizione e caratteristiche. Esercizio dell'attività www.sistema24edilizia.ilsole24ore.com Regione Molise Legge regionale 12 luglio 2002, n. 13 Bollettino Ufficiale Regionale 16 luglio 2002, n. 16 Norme in materia di attività ricettiva alla produzione di

Dettagli

RAPPORTO SPECIALE BIT 2013

RAPPORTO SPECIALE BIT 2013 RAPPORTO SPECIALE BIT 2013 OSSERVATORIO DEL SISTEMA TURISTICO LAGO DI COMO 1 L Osservatorio è una iniziativa al servizio di tutti gli operatori pubblici e privati del Sistema Turistico Lago di Como realizzata

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 5 DEL 10-05-2001 REGIONE CAMPANIA "DISCIPLINA DELL'ATTIVITA' DI BED AND BREAKFAST"

LEGGE REGIONALE N. 5 DEL 10-05-2001 REGIONE CAMPANIA DISCIPLINA DELL'ATTIVITA' DI BED AND BREAKFAST LEGGE REGIONALE N. 5 DEL 10-05-2001 REGIONE CAMPANIA "DISCIPLINA DELL'ATTIVITA' DI BED AND BREAKFAST" Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA N. 26 del 14 maggio 2001 IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

CLUB DI PRODOTTO SAPORI DI BASILICATA DOMANDA DI ADESIONE

CLUB DI PRODOTTO SAPORI DI BASILICATA DOMANDA DI ADESIONE CLUB DI PRODOTTO SAPORI DI BASILICATA DOMANDA DI ADESIONE Il sottoscritto/a nato/a il residente a via in qualità di gestore/titolare dell esercizio ricettivo/ristorativo: ristorante agriturismo sotto l

Dettagli

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA. Vista la L.R. 16 luglio 2004, n. 16: "Disciplina delle strutture ricettive dirette all'ospitalità";

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA. Vista la L.R. 16 luglio 2004, n. 16: Disciplina delle strutture ricettive dirette all'ospitalità; Prot.(TUR/07/139282) LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Vista la L.R. 16 luglio 2004, n. 16: "Disciplina delle strutture ricettive dirette all'ospitalità"; Vista la propria delibera n. 2186/05: "L.R.

Dettagli

La pubblicità sui siti del gruppo Bravofly 07 settembre 2012

La pubblicità sui siti del gruppo Bravofly 07 settembre 2012 La pubblicità sui siti del gruppo Bravofly 07 settembre 2012 Chi siamo: Il Gruppo Bravofly è leader in Europa nel settore dei viaggi, del turismo e del tempo libero. Il primo sito, Volagratis.it, nasce

Dettagli

L'indice di fiducia del viaggiatore italiano: Rilevazione DICEMBRE 2014. 8 Gennaio 2015

L'indice di fiducia del viaggiatore italiano: Rilevazione DICEMBRE 2014. 8 Gennaio 2015 L'indice di fiducia del viaggiatore italiano: Rilevazione DICEMBRE 2014 8 Gennaio 2015 METODOLOGIA e CAMPIONE L indagine che presentiamo è stata eseguita fra il 18 e il 22 dicembre 2014 con metodologia

Dettagli

GUIDA ALL'IMPOSTA PROVINCIALE DI SOGGIORNO

GUIDA ALL'IMPOSTA PROVINCIALE DI SOGGIORNO Sede legale: Via Romagnosi 11 A 38122 TRENTO www.trentinoriscossionispa.it info@trentinoriscossionispa.it trentinoriscossionispa@pec.provincia.tn.it 0461/495532 0461/495510 GUIDA ALL'IMPOSTA PROVINCIALE

Dettagli

particolari che verranno trattate in Regolamenti ad hoc.

particolari che verranno trattate in Regolamenti ad hoc. Relazione a Regolamento Regionale: degli standard qualitativi e delle dotazioni minime obbligatorie degli ostelli per la gioventù, delle case e appartamenti per vacanze, delle foresterie lombarde, delle

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Osservatorio turistico della provincia di Pavia INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Rapporto annuale Settembre 2009 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: CCIAA

Dettagli

PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA UFFICIO TURISMO MODELLO C

PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA UFFICIO TURISMO MODELLO C PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA UFFICIO TURISMO MODELLO C RESIDENZE TURISTICO ALBERGHIERE Legge Regionale n. 15 del 16/07/2007 Regolamento Regionale n. 5 del 7/12/2009 Pubblicato sul BURL n. 50-1 Suppl. Ord.

Dettagli

OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA ANALISI DEI COMPORTAMENTI DELLA DOMANDA TURISTICA NAZIONALE E INTERNAZIONALE

OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA ANALISI DEI COMPORTAMENTI DELLA DOMANDA TURISTICA NAZIONALE E INTERNAZIONALE OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA ANALISI DEI COMPORTAMENTI DELLA DOMANDA TURISTICA NAZIONALE E INTERNAZIONALE Le vacanze dei liguri 2008 - Abstract Aprile 2009 A cura di Sommario Premessa... 3 Le vacanze

Dettagli

L attività di affittacamere è disciplinata dalla Legge n.1111 del 16 giugno 1939. Per il suo esercizio non è previsto alcun

L attività di affittacamere è disciplinata dalla Legge n.1111 del 16 giugno 1939. Per il suo esercizio non è previsto alcun EXPO 2015 UN OPPORTUNITA DI BUSINESS: L ATTIVITA DI AFFITTACAMERE APPROFONDIMENTO TEMATICO DEL 16 MARZO 2015 a cura del Dott. Giuseppe Mancini L ATTIVITA DI AFFITTACAMERE Gli adempimenti civilistici e

Dettagli

Percorso A. p A. Le imprese ricettive. L industria dell ospitalità

Percorso A. p A. Le imprese ricettive. L industria dell ospitalità Percorso A ndimento 3 Un it à di re p p A Le imprese ricettive L industria dell ospitalità Il numero di imprese che attualmente operano nel settore turistico è elevato e possiamo individuare le seguenti

Dettagli

PARTE PRIMA. LEGGE REGIONALE 7 agosto 2013, n. 27. Disciplina dell attività ricettiva di Bed and Breakfast

PARTE PRIMA. LEGGE REGIONALE 7 agosto 2013, n. 27. Disciplina dell attività ricettiva di Bed and Breakfast 26826 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali LEGGE REGIONALE 7 agosto 2013, n. 27 Disciplina dell attività ricettiva di Bed and Breakfast (B&B) IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA

Dettagli

European Homestay. Vi ringraziamo per il Vostro Interesse per i Nostri Corsi. Intensivi di European Homestay. 1

European Homestay. Vi ringraziamo per il Vostro Interesse per i Nostri Corsi. Intensivi di European Homestay. 1 European Homestay Intensive Language Homestay Courses in Europe Vi ringraziamo per il Vostro Interesse per i Nostri Corsi Intensivi di European Homestay. 1 DOVE FACCIAMO HOMESTAY? I corsi di Inglese di

Dettagli

MONITORAGGIO DEI FLUSSI TURISTICI IN PROVINCIA DI LUCCA

MONITORAGGIO DEI FLUSSI TURISTICI IN PROVINCIA DI LUCCA MONITORAGGIO DEI FLUSSI TURISTICI IN PROVINCIA DI LUCCA Stagione estiva 2003 settembre 2003 Previsioni ottobre-novembre 2003 MONITORAGGIO PROVINCIALE SULL'ANDAMENTO DEI FLUSSI TURISTICI NELLA STAGIONE

Dettagli

ART. 1 FINALITA ART. 2 OGGETTO

ART. 1 FINALITA ART. 2 OGGETTO VIII DIREZIONE CENTRALE SVILUPPO COMMERCIALE ARTIGIANALE E TURISTICO Servizio Polizia Amministrativa REGOLAMENTO COMUNALE PER L ATTIVITA DI "BED & BREAKFAST" ART. 1 FINALITA In armonia con gli indirizzi

Dettagli

Città di Chioggia Provincia di Venezia REGOLAMENTO IMPOSTA DI SOGGIORNO

Città di Chioggia Provincia di Venezia REGOLAMENTO IMPOSTA DI SOGGIORNO Città di Chioggia Provincia di Venezia REGOLAMENTO IMPOSTA DI SOGGIORNO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA DI SOGGIORNO Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento, adottato ai sensi dell art. 52

Dettagli

Relazione sulle modifiche ed integrazioni dell Allegato C della legge regionale 4 novembre 2002, n. 33

Relazione sulle modifiche ed integrazioni dell Allegato C della legge regionale 4 novembre 2002, n. 33 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. 2879 del 30 nov. 2010 pag. 1/6 Relazione sulle modifiche ed integrazioni dell Allegato C della legge regionale 4 novembre 2002, n. 33 1. Il contesto statistico

Dettagli

Gli esercizi ricettivi - caratteristiche

Gli esercizi ricettivi - caratteristiche Gli esercizi ricettivi - caratteristiche Alberghi, motels e villaggi albergo Gli alberghi sono esercizi ricettivi aperti al pubblico, a gestione unitaria, che forniscono alloggio, eventualmente vitto ed

Dettagli

UFFICIO COMUNALE DI STATISTICA

UFFICIO COMUNALE DI STATISTICA COMUNE DI PISTOIA UFFICIO STATISTICA Via dell'annona, 210 51100 PISTOIA Tel.0573 / 371 922 - Fax 371 928 e mail : statistica@comune.pistoia.it UFFICIO COMUNALE DI STATISTICA INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO

Dettagli

LE AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO NELLA PROVINCIA DI PRATO. Note informative

LE AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO NELLA PROVINCIA DI PRATO. Note informative LE AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO NELLA PROVINCIA DI PRATO Note informative Le agenzie di viaggio e turismo in Toscana sono disciplinate dal Testo Unico delle Leggi Regionali in materia di turismo approvato

Dettagli

Tabella degli elementi costitutivi degli ambiti di valutazione Marchio collettivo di qualità dei B&B SETTORE ACCOGLIENZA

Tabella degli elementi costitutivi degli ambiti di valutazione Marchio collettivo di qualità dei B&B SETTORE ACCOGLIENZA 1.1 Accessibilità struttura L arrivo e la partenza degli ospiti deve essere possibile 24 ore su 24, previo accordo. Gli ospiti devono poter entrare ed uscire dalla struttura 24 ore su 24 1.2 Assistenza

Dettagli

REQUISITI OBBLIGATORI PER VILLAGGI-ALBERGO E RESIDENZE TURISTICO-ALBERGHIERE

REQUISITI OBBLIGATORI PER VILLAGGI-ALBERGO E RESIDENZE TURISTICO-ALBERGHIERE Allegato C Dgr n. del pag. 1 /5 ALLEGATOC alla Dgr n. 807 del 7 maggio 014 giunta regionale 9^ legislatura REQUISITI OBBLIGATORI PER VILLAGGI-ALBERGO E RESIDENZE TURISTICO-ALBERGHIERE N. REQUISITI DIMENSIONALI

Dettagli

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO Gennaio 2014 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Versione: 1.0 Quadro dell opera: Termine

Dettagli

Per quanto non espressamente previsto dalle presenti disposizioni si fa riferimento alla normativa vigente.

Per quanto non espressamente previsto dalle presenti disposizioni si fa riferimento alla normativa vigente. Per quanto non espressamente previsto dalle presenti disposizioni si fa riferimento alla normativa vigente. Allegato D Elenco dei requisiti da rispettare nelle strutture ricettive: a) Registrazione pulizia

Dettagli

Allegato B PARTE I 1. Requisiti per ottenere una spiga

Allegato B PARTE I 1. Requisiti per ottenere una spiga PARTE I Allegato B Criteri generali per la classificazione delle strutture ricettive agrituristiche 1. Le strutture ricettive agrituristiche autorizzate vengono classificate con l'attribuzione di un numero

Dettagli

Dal Marketing di di destinazione al al Marketing di di motivazione Tendenze di di mercato e proposte per rimanere competitivi

Dal Marketing di di destinazione al al Marketing di di motivazione Tendenze di di mercato e proposte per rimanere competitivi Dal Marketing di di destinazione al al Marketing di di motivazione Tendenze di di mercato e proposte per rimanere competitivi ALESSANDRO TORTELLI Direttore Centro Studi Turistici Firenze Via Piemonte 7

Dettagli

FAQ relative a PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE COLLETTIVA A FAVORE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA CIG: 047576340B

FAQ relative a PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE COLLETTIVA A FAVORE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA CIG: 047576340B FAQ relative a PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE COLLETTIVA A FAVORE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA CIG: 047576340B D1: Relativamente all art. 1 Partecipanti alla gara del

Dettagli

SOLUZIONE ICT: SOFTWARE GESTIONALE INTRODUZIONE SINTESI DEL CASO AZIENDALE

SOLUZIONE ICT: SOFTWARE GESTIONALE INTRODUZIONE SINTESI DEL CASO AZIENDALE SOLUZIONE ICT: SOFTWARE GESTIONALE INTRODUZIONE Non vi è dubbio che nello scenario economico attuale per incrementare il proprio vantaggio competitivo sia importante focalizzare l attenzione sugli aspetti

Dettagli

ATTIVITA DI BED AND BREAKFAST FAMILIARE. (L. r. 7 agosto 2013, n.27 e L n. 241/1990, art. 19) data di nascita / / cittadinanza sesso: M. F.

ATTIVITA DI BED AND BREAKFAST FAMILIARE. (L. r. 7 agosto 2013, n.27 e L n. 241/1990, art. 19) data di nascita / / cittadinanza sesso: M. F. Mod. SCIA B & B familiare REGIONE PUGLIA AREA POLITICHE PER LA PROMOZIONE DEL TERRITORIO DEI SAPERI E DEI TALENTI SERVIZIO TURISMO Al COMUNE DI TARANTO Sportello Unico per le Attività produttive (SUAP)

Dettagli

UD14. La ripartizione dei costi comuni. obiettivi

UD14. La ripartizione dei costi comuni. obiettivi _ MODULO 5 la gestione economica _ I UD14 La ripartizione dei costi comuni obiettivi Vedremo come si forma il costo e con quale metodologia i costi indiretti possono essere ripartiti tra i settori aziendali

Dettagli

PROMOTRICE E PROMOTORE TURISTICO

PROMOTRICE E PROMOTORE TURISTICO Aggiornato il 9 luglio PROMOTRICE E PROMOTORE TURISTICO 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie...

Dettagli

DICHIARAZIONE DI AVVIO ATTIVITA (D.A.A.) E COMUNICAZIONI VARIE

DICHIARAZIONE DI AVVIO ATTIVITA (D.A.A.) E COMUNICAZIONI VARIE DICHIARAZIONE DI AVVIO ATTIVITA (D.A.A.) (ai sensi L.R. n. 31/2008 art. 154) E COMUNICAZIONI VARIE Al Comune di... Il /La sottoscritto/a Codice ISTAT Comune A cura degli Uffici Comunali Cognome........

Dettagli

Le politiche regionali per la disciplina e lo sviluppo dell agriturismo in Toscana

Le politiche regionali per la disciplina e lo sviluppo dell agriturismo in Toscana Consiglio Regionale della Toscana Valutazione delle politiche regionali Progetto di ricerca n. 2 Aprile 2008 a cura del Settore Analisi della Normazione. Biblioteca del Consiglio regionale Le politiche

Dettagli