LA MONTAGNA DEL LAGO. Progetto di comunicazione per l Altopiano di Brentonico (TN)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA MONTAGNA DEL LAGO. Progetto di comunicazione per l Altopiano di Brentonico (TN)"

Transcript

1 LA MONTAGNA DEL LAGO Progetto di comunicazione per l Altopiano di Brentonico (TN) Prof. Alberto Mancinelli Esercitazione finale Area Comunicazione e relazioni pubbliche MTM 2006/2007

2 SOMMARIO 1. INTRODUZIONE ANALISI DI SCENARIO ANALISI SWOT OBIETTIVI DESTINATARI DELLA COMUNICAZIONE STRATEGIA DI COMUNICAZIONE AZIONI CRISIS MANAGEMENT TIMING BUDGET ANNUALE ALLEGATO

3 1. INTRODUZIONE Il nostro gruppo di consulenza è stato incaricato dall APT Rovereto e Vallagarina di realizzare un progetto di comunicazione per lo sviluppo turistico sostenibile dell Altopiano di Brentonico, in provincia di Trento. Tale area è situata dal punto di vista amministrativo all interno dell Apt Rovereto e Vallagarina e confina ad Ovest con l Apt Ingarda Trentino e a sud con la provincia di Verona. La zona dell Altopiano di Brentonico è tuttavia legata dal punto di vista territoriale sia alla Val d Adige che al lago di Garda e fa parte del massiccio del Monte Baldo (vedi Allegato 1). L Apt Ingarda Trentino ha partecipato alla costituzione del Sistema Turistico Locale GARDA, come unico rappresentante della provincia di Trento, insieme ai due consorzi turistici del Garda bresciano ed ai tre consorzi turistici del veronese. A tale accordo hanno partecipato le province di Trento, Brescia, Verona e Mantova. Per quanto riguarda più specificamente l area Baldo Garda, su di essa insiste un Patto Territoriale dal Il progetto La montagna del lago si pone come obiettivo la riqualificazione ed il riposizionamento dell Altopiano di Brentonico, in ottica sostenibile: non è prevista infatti la realizzazione di nuove strutture. La strategia è incentrata sulla valorizzazione delle risorse naturali ed artistiche di quest area dominata dal Monte Baldo, la montagna del Lago di Garda per l appunto. Tale progetto prevede infatti un budget annuale che per più della metà è destinato alla progettazione e realizzazione di attività cosiddette di Promotion by doing, a scapito dell attività di comunicazione vera e propria. Tuttavia si prevede che, per la progettazione di tali attività, verrà effettuata un attività di fund raising e la presenza di sponsor ed eventuali contributi provinciali permetteranno, già a partire dal secondo anno, di poter dedicare un budget molto più consistente all attività di marketing e comunicazione. L impegno economico e in termini di risorse ed energie richiesto alla comunità ed agli stakeholder locali dal progetto La montagna del Lago è tuttavia presupposto necessario per il rilancio dell Altopiano, di cui il nostro progetto si fa portavoce. 2. ANALISI DI SCENARIO L ambito della Vallagarina si presenta come un territorio nel complesso di facile accessibilità, soprattutto da un turismo di breve raggio (2-3 ore di viaggio in automobile): costituiscono elementi molto positivi la presenza a fondovalle dell autostrada A22 del Brennero, la presenza di un 3

4 trasporto ferroviario frequente tra Verona e Rovereto, cui si aggiunge un trasporto in autobus di linea. Questi tre mezzi di comunicazione favoriscono la raggiungibilità di Rovereto con la pianura Padana, territorio che genera infatti la percentuale più cospicua di turisti dell ambito. Riguardo gli arrivi, la Vallagarina ha ridotto il proprio peso percentuale sul totale provinciale, passando dal 4% del 1990 al 2,8% del 2004, rivelando pertanto un calo di appetibilità e competitività rispetto ad altri ambiti del Trentino. Durante lo stesso periodo, si è registrata una riduzione del 19,9% degli arrivi, passati dagli del 1990 al del 2003, con una contrazione della presenza media da 7 giornate a 5,5. Elemento di potenziale criticità è sicuramente una bassa qualità dell offerta alberghiera, nella quale il peso degli esercizi a tre stelle si attesta ad appena un 43% sul totale dell ambito, mentre nel resto della provincia è del 65%. Gli alberghi ad una e due stelle sono quasi il 50% del totale, mentre nel resto del Trentino sono appena il 21% circa. Le strutture di livello superiore sono al 6%, cioè la metà della media provinciale. Ciononostante, la buona dotazione di offerta ristorativa e di shopping, di divertimento e intrattenimento, in gran parte createsi a seguito di un forte aumento demografico della popolazione residente nel capoluogo Rovereto, può costituire un utile presupposto allo sviluppo turistico dell ambito. A ciò si aggiunge la presenza forte della componente eno-gastronomica: produzioni di noti vini, cinque ristoranti aderenti al Club di prodotto delle Osterie Tipiche del Trentino, una cinquantina di cantine, la presenza di una Strada dei Vini e dei Sapori. La risorsa turistica dalla quale non si deve prescindere rimane però il Mart di Rovereto. Un indagine realizzata dall Osservatorio Provinciale per il Turismo della Provincia Autonoma di Trento mostra come la motivazione di vacanza culturale si possa abbinare felicemente ad altre motivazioni di vacanza. MART Il Mart si presenta come un istituzione di punta per il Trentino, oggetto primario per l attrazione turistica, perla di valore mondiale per l arte contemporanea. Il Mart offre ai suoi visitatori una notevole varietà d interessi e servizi. Si distinguono in esso la permanente, dove molti capolavori ospitati vengono esposti in maniera ciclica, e le temporanee, ossia mostre di vario genere che possono essere singole, quando di particolare rilievo, o sovrapposte, quando nella fattispecie è possibile adottare più temporanee contemporaneamente. Il Mart quale museo e il Mart quale galleria d arte contemporanea, adottano specifici strumenti. In particolare le mostre temporanee sono sostenute da una massiccia campagna di comunicazione, in generale, e pubblicitaria in 4

5 particolare. Ne consegue che il logo Mart viene ripetutamente associato ad artisti di fama internazionale che di volta in volta si presentano sul palcoscenico roveretano. Il logo Mart viene però presentato anche in altri contesti: non solo arte in senso stretto, ma anche in relazione a esibizioni di oggetti di consumo (automobili, sedie, accessori femminili). Infine il brand del Mart trae forte giovamento dalla continua spinta che la provincia di Trento, con il suo organo deputato al marketing territoriale, la Trentino S.p.a., le infonde in termini di co-branding e di sinergia associando il Mart a numerose campagne legate allo sviluppo turistico del Trentino. Viceversa il Mart si presenta al pubblico in modo molto autonomo, non solo sotto il profilo istituzionale, ma anche d immagine. Se di fatto il Trentino turistico riverbera la propria azione sul Mart, non si può dire che avvenga il contrario. Ne è esempio il club di prodotto provinciale Family, di cui il Mart, pur essendone socio, non presenta il logo neppure sulla sua pagina web dedicata alle famiglie. Ancora più palese la permanente mancanza di accenni al Trentino e al suo marchio nelle campagne pubblicitarie svolte in Italia e all estero. Anche nei confronti del territorio circostante il Mart si presta con alterigia. Per l altopiano di Brentonico il Mart è un potenziale straordinario di attrazione turistica e di selezione del target. Tuttavia si presenta difficilmente la possibilità di interagire con la sua strategia di comunicazione, per il momento incentrata ad aumentare i visitatori all interno delle proprie mura, senza badare ad una comunicazione più contestualizzata al territorio. Il Mart va quindi utilizzato con acume, al fine di convincere i visitatori che vi si recano a prolungare il proprio soggiorno in Trentino e in particolare sull altopiano. In questo senso viene proposto un approccio strategico indirizzato a valorizzare eventi artistici sparsi sul territorio brentegano, come ArteGolosa. APT ROVERETO E VALLAGARINA L APT della Vallagarina, a cui fa riferimento anche la comunità di Brentonico, contempla la promozione di un territorio relativamente vasto e orientato a diversi tipi di turismo. Spiccano in particolare Rovereto, città antica, venezianeggiante e orientata ad un turismo di passaggio, prevalentemente interessato alla grande realtà del Mart e della sua storia rinascimentale, ed enogastronomico, potendo contare su un ampio ventaglio di cantine e produzioni d eccellenza. La realtà dell area in pianura e quella delle coltivazioni intensiva di frutteti, prevalenti i vitigni. L altopiano di Brentonico condivide con la Val di Leno, situata sul lato opposto della val d Adige, un paesaggio più tipicamente montano, dove valore prospiciente assumono gli alpeggi e l attività casearia. I paesaggi dolci delle due aree le rendono adeguate a un turismo di mezza montagna e particolarmente adatti per famiglie con bambini o con scarse abilità motorie e per gli anziani. 5

6 Aspetti critici li ritroviamo sia nell ambito dell offerta turistica che in quello speculare della comunicazione. Quest ultima in particolare risente di bassi budget dovuti ad un territorio che ha perso quote importanti di flussi turistici e che, nella sua complessità, risente della riforma che ha visto la privatizzazione delle aziende per il turismo trentino. In particolare lo scollamento delle varie aree non è compensato da piani operativi indirizzati a creare sinergie, che sembrano promettenti soprattutto nell integrazione fra il turismo agreste (enogastronomico, agrituristico) con gli aspetti artistico/culturali di Rovereto. L APT d ambito rimane quindi uno stakeholder potenzialmente molto sensibile a progetti in direzione dello sviluppo dell altopiano ma piuttosto debole dal punto di vista amministrativo e d immagine. In questo senso l apporto dell APT dovrebbe essere di coordinamento e di collocamento degli eventi che giocano un ruolo chiave per il rilancio turistico dell area. Dall APT ci si attende anche un ruolo strategico di orientamento delle azioni e di leadership fondamentale per motivare i vari stakeholder e farli convergere sugli obiettivi dichiarati. COMUNITÀ MONTANA DEL MONTE BALDO Il monte Baldo, un massiccio in cui spiccano varie vette interessanti, si presenta come una realtà naturalistica di primissimo piano. Ha una flora molto particolare ed estremamente varia che gli ha valso, fin da tempi non sospetti, l appellativo di Giardino d Italia. Il monte si presta molto bene ad una varietà di itinerari escursionistici da livelli di difficoltà basilari fino a tratti decisamente più impegnativi. La competenza in materia turistica sul Baldo è divisa dallo stesso confine amministrativo fra Veneto e Trentino. L area a Sud è resa una realtà unica a livello di Comunità Montana del Baldo. La comunità comprende 9 comuni che hanno interessi molto eterogenei in ambito turistico. Quelli affacciati sul lago di Garda basano la propria economia sul turismo e sono realtà decisamente suggestive accomunando lo splendore del lago a quello dell imponente massiccio del Baldo. Tuttavia altri comuni sono molto meno interessati al turismo ed orientati esclusivamente all agricoltura e all artigianato. Inoltre la comunità presenta altre due forti criticità. Dal punto di vista della viabilità i comuni sono anche molto distanti fra loro, in quanto uniti e al contempo divisi dallo stesso massiccio da cui prendono il nome. La Comunità poi sconta i gravi limiti si finanziari che politici propri di tutte le comunità montane venete, fortemente vincolate dall autonomia dei comuni e dal sostegno della regione. La Comunità si presenta molto debole e non sufficientemente integrata dal punto di vista politico. Da essa un progetto di sviluppo strategico, fondato sulla valorizzazione del legame fra Malcesine (comune appartenente alla Comunità), Baldo e Brentonico, può attendersi solo un appoggio istituzionale e di sostegno politico presso la regione Veneto. La Comunità dovrebbe soprattutto 6

7 provvedere a fornire i permessi necessari all utilizzo turistico delle aree d interesse, in fase d implementazione del progetto. AZIENDA TRASPORTI FUNICOLARI MALCESINE MONTE BALDO La società privata gestisce il collegamento fra la località lacustre di Malcesine e il monte Baldo. Gli impianti superano un dislivello di circa 1800mt. e permettono una rapida ascensione alla montagna portando il turista da un ambiente mediterraneo ad uno alpino nell arco di 10 min. La grande potenzialità del servizio risulta strategica per il brentonicense se si pensa che ci sono diversi sentieri che conducono dalla stazione di arrivo all altopiano, offrendo spettacolari prospettive e possibilità di escursioni sia semplici che impegnative. Per la stessa società impiantistica si tratta di una grande opportunità per valorizzare ulteriormente i propri impianti. Si tratta infatti di attivare una serie di opportunità, che prevedono il percorso circolare che riporterebbe l escursionista a Malcesine apprezzando sempre nuovi panorami. A livello di incisività sulla comunicazione la società può risultare un ottimo partner per Brentonico, in quanto può informare i clienti abituali e quanto trascorrono a Malcesine le vacanze della possibilità di percorrere le vie escursionistiche del Baldo che portano sul territorio dell Altopiano. APT INGARDA TRENTINO L Apt che ha il suo baricentro sul lago, si caratterizza anche per la sua vicinanza con il territorio di nostro interesse e la valle dell Adige. Rovereto risulta importante fin dalla prima pagina del sito web, che presenta una highlight del Mart. Ancor più stretto è la relazione con il monte Baldo, che simboleggia un importante attrazione della destinazione. Meno chiaro è il rapporto con l altopiano di Brentonico. Pur essendo la zona piuttosto vicina, è tuttavia difficile considerarla legata al Garda in modo considerevole. L Apt Ingarda rappresenta un partner di ragguardevole interesse, con cui costruire motivi di vacanza integrati lago-montagna. Dal punto di vista della comunicazione l Apt offre la possibilità importantissima di raggiungere i visitatori già in loco. 7

8 3. ANALISI SWOT Punti di forza Presenza di forte attrattiva del turismo culturale (MART) Buona accessibilità al territorio Alta qualità di offerta eno-gastronomica Marcato interesse naturalistico dell area Monte Baldo Stazione sciistica più prossima al Lago di Garda Posizione strategica tra il Lago di Garda e la Val d Adige Opportunità Possibilità di posizionare la Vallagarina come ambito turistico trentino a forte caratterizzazione artistico-culturale Possibilità di raggiungere nuovi target Coinvolgimento di nuovi gruppi locali (artigiani, artisti, ecc.) in un processo di sviluppo turistico d ambito. Possibilità di utilizzo degli impianti di risalita anche nel periodo estivo Aumento dei flussi turistici fuori stagione (destagionalizzazione) Valorizzazione delle peculiarità naturalistiche dell area Punti di debolezza Carenza di identità dell ambito Presenza di conflitti tra gli stakeholder interni Minore qualità alberghiera rispetto alla media provinciale Mancanza di integrazione tra le offerte turistiche dell Altopiano e del Fondovalle. Ambito debole all interno del sistema Trentino Scarsa o quasi nulla collaborazione con l ambito Garda Trentino Minacce Innalzamento del limite della neve Possibili conflittualità tra gli stakeholder delle tre APT coinvolte 8

9 4. OBIETTIVI L area dell Altopiano di Brentonico vive un momento enigmatico nella gestione dei flussi turistici. Se i numeri ci dicono che il turismo continua ad attestarsi dall inizio del secolo su poco meno di presenze annue, pare che vi sia un trend positivo per quanto riguarda la capacità di spesa della clientela che tende ad attestarsi in via crescente sull offerta alberghiera (dai arrivi nel 2002 agli oltre nel 2006) con una live contrazione dell extra-alberghiero. Tuttavia, lasciando da parte i già citati problemi inerenti la ricettività presente sul territorio, il processo non sembra consolidato. In particolare il target, per altro molto fidelizzato, dell altipiano, sembra avviato verso una fase di forte stagnazione. Emerge quindi l esigenza di allargare e ammodernare i segmenti di mercato raggiunti dall attività di comunicazione da parte dell Apt e di tutti gli altri attori dell incoming locale. Il primo dei due nuovi gruppi target individuato, grazie alle indagini di target e di posizionamento attuate da Trentino Spa e da Alto Adige Marketing, è un profilo emergente: quello dei Bon Vivants. Oltre a questi da intercettare ci sono i giovani turisti che scendono dai paesi del Nord Europa. Tuttavia, malgrado l esistenza di importanti attrattori come il Monte Baldo per la stagione estiva ed il carosello sciistico di Polsa-San Valentino, il brand Brentonico è lungi dal presentarsi in modo convincente a questi segmenti. Il principale lavoro di comunicazione sarà concentrato alla ridefinizione del look del nostro territorio, per cui gli obiettivi individuati sono di: comunicare un immagine della destinazione che integri l ambiente alpino alla cultura mitteleuropea legare l immagine dell altopiano all attrattività del lago di Garda Per fare tutto ciò sarà indispensabile raggiungere degli obiettivi intermedi: o collegare la comunicazione brentegana all immagine rigeneratrice che si è dato il Trentino; o attivare un canale di comunicazione interna tra gli stakeholder dell APT di Rovereto per la gestione dei conflitti interni e per motivarli relativamente all importanza strategica delle azioni da intraprendere o informare, motivare e coinvolgere gli stakeholder (sia di Brentonico che di Rovereto che del Garda), nella consapevolezza che l ambizione del progetto sia irraggiungibile senza l apporto cooperativo degli altri. 9

10 5. DESTINATARI DELLA COMUNICAZIONE I beneficiari finali della comunicazione sono i turisti effettivi e potenziali dell ambito. La comunicazione infatti è rivolta a raggiungere sia i target già esistenti, in ottica di consolidamento quindi per aumentare le presenze e favorire la destagionalizzazione, sia nuovi potenziali target. Il principale target di riferimento per l Altopiano è composto da famiglie con bambini, durante l inverno infatti gli impianti di risalita sono utilizzati prevalentemente come campi scuola, mentre durante l estate sono molto frequentati i tennis camp. Un obiettivo è quindi quello di trattenere sull Altopiano anche i genitori, sfruttando anche la ricettività del settore extra-alberghiero in particolare Bed&Breakfast, Agritur ed alloggi privati. Fare in modo che si fermino durante il soggiorno dei figli, ma anche fare in modo che tornino coi figli in un momento diverso sull Altopiano. Altro target di riferimento già presente da raggiungere sono i turisti di mezza età che frequentano prevalentemente Brentonico paese, target da stimolare con nuove proposte in ottica di destagionalizzazione dei flussi ed incremento delle permanenze. I nuovi target da raggiungere sono distinguibili in due gruppi: Bon Vivants e giovani stranieri. Nel primo gruppo ci sono i turisti delle cosiddette tre L (Landscape, Leisure and Learning) altrimenti detti Bon Vivants. Da un punto di vista demografico spesso si tratta di coppie senza figli o singles fortemente interessati alla vacanza culturale, ma al contempo dinamica e attenta alle particolarità locali, fra cui spiccano gli elementi gastronomici. Il secondo gruppo target si riferisce a giovani stranieri attuali frequentatori del lago di Garda, interessati a: scoprire i luoghi circostanti al luogo di permanenza; svolgere attività come la discesa in mountain bike sul Monte Baldo; utilizzare come base per il pernottamento una località più economica come l altopiano; associare alla vacanza relax/mondanità del lago delle giornate dedicate al trekking sul Giardino d Italia. Tra gli stakeholder a cui si deve rivolgere la comunicazione ricordiamo: Singoli operatori della ricettività e ristorazione, consorzi, associazioni di operatori dell Altopiano di brentonico; Soci dell APT; Residenti dell Altopiano Società di trasporti su ruota (Trentino trasporti, Consorzio Autotrasportatori Trentini) Società Impianti a Fune Polsa S.p.A Azienda Trasporti Funicolari Malcesine Monte Baldo 10

11 Associazioni Artigiani provincia di Trento APT Ingarda MART Comunità Montana del Monte Baldo Consorzio di Promozione Turistica Lago di Garda è Istituzioni locali (Comuni di Brentonico - TN, Nago-Torbole -TN e Malcesine VR) E importante inoltre rivolgere l attenzione ai soggetti cosiddetti influenti, ovvero in grado di dare credibilità al messaggio, quali la Società di Marketing Territoriale Trentino S.p.A. e le Associazioni di consumatori. Tra i media di riferimento verranno coinvolte le agenzie di stampa, i giornali e le radio locali ed infine i media on-line. 6. STRATEGIA DI COMUNICAZIONE Per raggiungere gli obiettivi individuati è necessario anzitutto instaurare una strategia di comunicazione che sia comune tra l APT Rovereto e Vallagarina e l APT Garda Trentino. E quindi un prerequisito strategico fondamentale la collaborazione fra i due ambiti alla fine del rilancio del turismo di Brentonico. Per il Garda trentino il vantaggio di questa cooperazione consisterebbe nell opportunità di consolidare la propria offerta nel campo dell escursionismo montano, fino ad ora piuttosto carente. La strategia da implementare sarà di natura integrata, utilizzerà quindi diversi strumenti e diversi canali in modo da massimizzare l efficacia ed il raggiungimento degli obiettivi. La comunicazione interna dev essere gestita in modo olistico dall organizzazione, che vede capofila l Apt della Vallagarina supportata da stakeholder importanti come le Apt Ingarda Trentino ed il Consorzio di Promozione Turistica Lago di Garda è. Il lavoro preliminare, affinché porti gradualmente ad una situazione di chiarezza e di risoluzione dei conflitti, si deve svolgere attraverso la creazione di unanimità o almeno accordo della maggioranza sugli obiettivi comuni di sviluppo. La comunicazione interna è rivolta anche ai principali stakeholder individuati per l ambito Garda Trentino, in modo da stimolare e motivare la creazione e condivisione di obiettivi di sviluppo comune tra gli ambiti. Per raggiungere gli obiettivi previsti e riposizionare l ambito turistico è necessario inoltre: Potenziare il collegamento tra il lago e l Altopiano Legare l immagine dell Altopiano a quella del Mart Monitorare l efficacia delle azioni per il raggiungimento degli obiettivi 11

12 Una parte importante della strategia consiste nell affiancare ad un efficace comunicazione interna, tesa alla creazione partecipata di un prodotto turistico interessante per i vari stakeholder, anche un processo di orientamento al mercato che renda la possibilità di vacanza immediatamente raggiungibile dal pubblico. La comunicazione verso il mercato dovrà presentare l altopiano di Brentonico come una realtà fruibile dai turisti del lago in modo semplice e veloce. D altra parte lo stesso territorio brentegano sarà legato al lago è rappresenterà l opportunità di attirare visitatori sia al lago che a Rovereto. Date le condizioni di contesto la comunicazione dovrebbe riuscire a formulare un messaggio in cui il triangolo Altopiano di Brentonico Alto Garda Rovereto si presenti come un polo d attrazione integrato, raggiungibile e fruibile, fondato su due principali motivazioni di vacanza: cultura, trekking leggero, lago. L immagine risultante dovrebbe risultare quella di un luogo spaziale che concilia armoniosamente l ambiente mediterraneo con il paesaggio alpino e di un luogo emozionale dove la sofisticazione artistica si fonde con la serenità della vacanza famigliare. Le attività tese alla massimizzazione dell attività comunicativa riguardano 5 aree d azione, che contemplano un eterogenea varietà di strumenti. 7. AZIONI I) Promotion by doing : Quest area è la più operativa e meno legata agli aspetti della comunicazione di massa fra le 5. Le iniziative in questo senso sono di vero e proprio approntamento del territorio al rilancio dell area secondo le linee guida strategiche. Le attività sono eventi utili alla comunicazione in sé. La loro successiva adeguata promozione e pubblicizzazione vengono più specificatamente trattati nelle aree successive. Le azioni prevedono: Utilizzo degli impianti estivi per la discesa con le mountain bike. La promozione del nordic-walking e, per l inverno, le passeggiate con le racchette da neve. L organizzazione di workshop di attività come yoga (rilassanti) nella natura. Questa iniziativa si giustifica nella volontà di attirare i genitori che portano i bambini ai campi sci invernali e ai tennis camp estivi, senza fermarsi durante la settimana. L organizzazione di un evento all inizio della stagione estiva che raccordi la natura e le tradizioni locali (malghe, natura e prodotti tipici dell enogastronomia) all arte 1. 1 Esiste già un progetto di questo tipo dal nome ArteGolosa presentato all APT quest anno. 12

13 Questo evento si proporrà come apertura della stagione estiva e sarà seguito da un calendario di altre manifestazioni legate ai temi natura, arte ed enogastronomia. Realizzazione del progetto Sentieri d arte 2, attraverso un calendario di incontri tra artisti e artigiani locali e turisti. Gli incontri si potranno svolgere sotto forma di workshop negli alberghi che metteranno a disposizione gli spazi. Per gli ultimi due punti si richiederà il patrocinio del MART. II) Comunicazione interna: Sono le iniziative che mirano alla discussione delle criticità, risoluzione di conflitti interni, alla condivisione di obiettivi e strategie e alla creazione di consenso attorno al progetto. Sono tese a stabilire un clima di reciproca stima e fiducia, con l obiettivo di arrivare alla massima collaborazione possibile. Organizzazione di un ciclo di tavole rotonde: 3 incontri tra gli stahekolder dell APT Rovereto e Vallagarina e 3 incontri allargati agli altri stakeholder coinvolti dal progetto Organizzazione di 3 incontri aperti ai residenti III) Testimonial: Si prevede una partecipazione di personalità che accompagnino e inaugurino l apertura delle attività di cui al punto I). Sono importanti per attirare l attenzione dei media sull area e per valorizzare i momenti chiave del piano anche nei confronti degli stakeholder. IV) Stampa: Le aree target sono le regioni della pianura Padana, che rappresentano i bacini d affluenza tradizionali e da potenziare, ed alcune città della Germania indicate nel piano marketing dell APT Ingarda. La comunicazione stampa avverrà attraverso: Comunicati stampa per la promozione di eventi su quotidiani locali e nazionali Pubblicazione di un pubbli-redazionale tramite Trentino S.p.A. su Tuttoturismo V) Direct Marketing: Stampa di brochures, depliants e manifesti Direct mailing 2 Presentato all APT nel mese di aprile

14 VI) Web Marketing: Promozione di eventi ed attività attraverso loro pubblicazione sul sito delle 3 APT coinvolte e sul sito Creazione di una newsletter da inviare agli indirizzari delle 3 APT 8. CRISIS MANAGEMENT La percezione della montagna invernale è stata modificata dai cambiamenti climatici in atto: molte località turistiche non sono più considerate in grado di fornire garanzie di innevamento e di praticabilità degli sport invernali, sebbene di fatto le infrastrutture sciisitiche abbiano funzionato in modo quasi regolare lungo tutto l arco della stagione. L altopiano di Brentonico risente particolarmente di questo problema perché è situato ai limiti della quota neve ed in prossimità del lago di Garda, che contribuisce a mitigare il clima. La dotazione di impianti di innevamento artificiale non è inoltre sufficiente a garantire l innevamento costante di tutte le piste e per il momento non è nemmeno ipotizzabile un ampliamento di tale dotazione. Durante la scorsa stagione invernale gli impianti sono stati chiusi per cause di forza maggiore una settimana prima che chiudessero gli alberghi, con una previsione di arrivi a pieno carico (circa 700 persone) e pochi giorni prima della presentazione dell offerta dell Altopiano per la prossima stagione invernale. Conseguentemente a tale criticità, si rende indispensabile promuovere un immagine della montagna invernale che non sia necessariamente legata allo sci, ma che punti su altre caratteristiche di interesse ed unicità. Contemporaneamente si rende necessario combattere il pregiudizio diffusosi anche in conseguenza di numerose campagne medianiche che vede le destinazioni di montagna messe in ginocchio dalla mancanza di neve. In particolare, ciò si traduce in una comunicazione dinamica e reattiva, in grado cioè di adattarsi alle situazioni in tempo reale, con particolare riferimento, nella stagione invernale ai dati sull innevamento e sull apertura degli impianti sciistici. 14

15 9. TIMING AZIONI MAGGIO GIUGNO LUGLIO AGOSTO SETTEMBRE OTTOBRE NOVEMBRE DICEMBRE GENNAIO FEBBRAIO MARZO APRILE Promotion by doing Progettazione e realizzazione downhill Progettazione eventi e calendario Progettazione workshop natura Promozione "Arte Golosa" Promozione "Sentieri d'arte" Comunicazione interna Incontri Comunicazione interna Testimonial Promozione Evento con testimonial realizzazione evento con testimonial Stampa Comunicati stampa da pianificare dopo il calendario eventi Pubbli-redazionale Direct marketing Stampa brochures, depliant e manifesti Direct mailing Web Marketing Promozione su siti APT e Trentino.to Predisposizione newsletter 15

16 10. BUDGET ANNUALE ATTIVITA COSTO Promotion by doing Comunicazione interna 2000 Testimonial Stampa Direct Marketing 5000 Web Marketing 2000 TOTALE

17 11. ALLEGATO 1 Cartina sciistica dell Altopiano e cartina stradale della zona 17

Il turismo montano in Italia: fattori di competitività e innovazione. MARA MANENTE Direttore CISET Università Ca Foscari di Venezia

Il turismo montano in Italia: fattori di competitività e innovazione. MARA MANENTE Direttore CISET Università Ca Foscari di Venezia Il turismo montano in Italia: fattori di competitività e innovazione Bologna, 15 Novembre 2011 MARA MANENTE Direttore CISET Università Ca Foscari di Venezia IL TURISMO MONTANO IN ITALIA Su circa 370 milioni

Dettagli

La domanda tiene, ma la crisi emerge

La domanda tiene, ma la crisi emerge La domanda tiene, ma la crisi emerge Sintesi del II Rapporto sulla Competitività e attrattività del sistema turistico Gardesano Roberta Apa Luciano Pilotti, Alessandra Tedeschi-Toschi Università di Milano

Dettagli

LA MONTAGNA COME LUOGO DELL ACCESSIBILITA PER PERSONE CON DIVERSE ABILITA

LA MONTAGNA COME LUOGO DELL ACCESSIBILITA PER PERSONE CON DIVERSE ABILITA LA MONTAGNA COME LUOGO DELL ACCESSIBILITA PER PERSONE CON DIVERSE ABILITA L ACCADEMIA DELLA MONTAGNA, CON IL COMITATO MONDIALI DELLA VALLE DI FIEMME E L APT LOCALE, PROMUOVE IL PROGETTO PILOTA FIEMME ACCESSIBILE

Dettagli

Modelli di sviluppo del turismo montano Il caso Madonna di Campiglio. by Graziano Molon

Modelli di sviluppo del turismo montano Il caso Madonna di Campiglio. by Graziano Molon Modelli di sviluppo del turismo montano Il caso Madonna di Campiglio by Graziano Molon Madonna di Campiglio l Centro turistico rinomato del Trentino occidentale l 73 Km da Trento l 127 Km da Brescia l

Dettagli

Cantone dei Grigioni. Regione Bregaglia. Piano direttore regionale. Allegato 2. Linee di guida strategiche BET 2012-2014

Cantone dei Grigioni. Regione Bregaglia. Piano direttore regionale. Allegato 2. Linee di guida strategiche BET 2012-2014 Cantone dei Grigioni Regione Bregaglia Piano direttore regionale Allegato 2 Linee di guida strategiche BET 2012-2014 Esposizione pubblica dal 13 settembre al 15 ottobre 2012 Indice 1. Introduzione e premesse...

Dettagli

LA MENDOLA CANYON. TREKKING - Percorsi per tutti i gusti

LA MENDOLA CANYON. TREKKING - Percorsi per tutti i gusti LA MENDOLA Nel 2013 l ApT si è fatta carico del restyling della vecchia brochure dedicata alla storia del Passo della Mendola che ormai da anni non veniva più ristampata e necessitava di un aggiornamento.

Dettagli

COMUNE DI CORTINA D AMPEZZO

COMUNE DI CORTINA D AMPEZZO REGIONE VENETO PROVINCIA DI BELLUNO COMUNE DI CORTINA D AMPEZZO C. A. P. 3 2 0 4 3 C o r s o I t a l i a n. 3 3 T e l. 0 4 3 6 / 4 2 9 1 f a x 0 4 3 6 / 8 6 8 4 4 5 SERVIZIO CULTURA TURISMO E SPORT DETERMINAZIONE

Dettagli

EVENTI E TERRITORIO. Eventi e territorio. turismo e turismo di nicchia

EVENTI E TERRITORIO. Eventi e territorio. turismo e turismo di nicchia 1 EVENTI E TERRITORIO turismo e turismo di nicchia 2 Turismo come settore economico importante e con margini di sviluppo a livello mondiale, nazionale e locale Nicchie e turismi maturi I turismi maturi:

Dettagli

Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi

Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi Bari, Fiera del Levante, 12 settembre 2002 Il programma di Sviluppo Italia

Dettagli

Turismo Veneto: il lago di Garda. Giovanni Altomare Direttore Federalberghi Garda Veneto Verona, 4 maggio 2012

Turismo Veneto: il lago di Garda. Giovanni Altomare Direttore Federalberghi Garda Veneto Verona, 4 maggio 2012 Turismo Veneto: il lago di Garda Giovanni Altomare Direttore Federalberghi Garda Veneto Verona, 4 maggio 2012 Il turismo in Italia Il turismo in Italia rappresenta il 9,5% del PIL, oltre 130 miliardi di

Dettagli

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N N O 2 0 0 8 R A P P O R TO A N N U A L E 2 0 0 8 1. L andamento del mercato

Dettagli

Il turismo sportivo nello sviluppo del marketing territoriale

Il turismo sportivo nello sviluppo del marketing territoriale Il turismo sportivo nello sviluppo del marketing territoriale Caorle, 25 maggio 2013 Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati Srl Il mestiere di promuovere i territori (città, province,

Dettagli

Promuovere il territorio per promuovere il turismo

Promuovere il territorio per promuovere il turismo Promuovere il territorio per promuovere il turismo Da territorio a destinazione turistica Dare risposte alla domanda di sviluppo di un territorio A livello nazionale A livello locale Per uno sviluppo a

Dettagli

Rimini Bike Hotels 2013. A Rimini un nuovo Club di Prodotto per la vacanza attiva

Rimini Bike Hotels 2013. A Rimini un nuovo Club di Prodotto per la vacanza attiva Rimini Bike Hotels 2013 A Rimini un nuovo Club di Prodotto per la vacanza attiva aprile 2012 LO SCENARIO DI RIFERIMENTO Oggi il turismo e le motivazioni che lo alimentano sono profondamente cambiate Ci

Dettagli

OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA ANALISI DEI COMPORTAMENTI DELLA DOMANDA TURISTICA NAZIONALE E INTERNAZIONALE

OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA ANALISI DEI COMPORTAMENTI DELLA DOMANDA TURISTICA NAZIONALE E INTERNAZIONALE OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA ANALISI DEI COMPORTAMENTI DELLA DOMANDA TURISTICA NAZIONALE E INTERNAZIONALE Le vacanze dei liguri 2008 - Abstract Aprile 2009 A cura di Sommario Premessa... 3 Le vacanze

Dettagli

PROGETTO BIKE TOURIST IN CIOCIARIA

PROGETTO BIKE TOURIST IN CIOCIARIA PROGETTO BIKE TOURIST IN CIOCIARIA Premessa Il progetto Bike Tourism nasce dalla consapevolezza di ricercare nel territorionuove forme di turismo sostenibile, nell'ottica di una diversificazione delle

Dettagli

EMBARGO FINO A SABATO 20 LUGLIO ORE 9.00 COMUNICATO STAMPA

EMBARGO FINO A SABATO 20 LUGLIO ORE 9.00 COMUNICATO STAMPA Ufficio Stampa EMBARGO FINO A SABATO 20 LUGLIO ORE 9.00 COMUNICATO STAMPA TURISMO ESTERO, CONFESERCENTI- REF: GLI STRANIERI CONTINUANO A SCEGLIERE L ITALIA, MA CONOSCONO POCO IL SUD: PREFERITO IL CENTRO-

Dettagli

MARKETING TERRITORIALE PER LA MESSA IN RETE DELLA QUALITA PAESAGGISTICA, AGRO-CULTURALE E ALIMENTARE DEL COMUNE DI SONDRIO

MARKETING TERRITORIALE PER LA MESSA IN RETE DELLA QUALITA PAESAGGISTICA, AGRO-CULTURALE E ALIMENTARE DEL COMUNE DI SONDRIO MARKETING TERRITORIALE PER LA MESSA IN RETE DELLA QUALITA PAESAGGISTICA, AGRO-CULTURALE E ALIMENTARE DEL COMUNE DI SONDRIO Facoltà di Architettura e società Laurea triennale in Urbanistica A.A. 2013/2014

Dettagli

1. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO

1. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO CARTELLA STAMPA di 0. INDICE 1. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO pag. 3 2. PERCHÉ NASCE EXPLORA pag. 3 3. LA SUA IDENTITÀ pag. 3 4. MISSION pag. 4 5. APPROCCIO pag. 4 6. ELEMENTI DISTINTIVI

Dettagli

Turismo: una risorsa in crescita per Brescia I dati sulle presenze 2014, i progetti per Expo 2015 e le attese dalla nuova legge Franceschini

Turismo: una risorsa in crescita per Brescia I dati sulle presenze 2014, i progetti per Expo 2015 e le attese dalla nuova legge Franceschini Turismo: una risorsa in crescita per Brescia I dati sulle presenze 2014, i progetti per Expo 2015 e le attese dalla nuova legge Franceschini Brescia 1 agosto I due Infopoint cittadini fanno registrare

Dettagli

Capitolo 2.3. La situazione internazionale. Relazione Annuale

Capitolo 2.3. La situazione internazionale. Relazione Annuale Capitolo 2.3 Il turismo in Piemonte Carlo Alberto Dondona Si ringraziano Cristina Bergonzo (Sviluppo Piemonte Turismo), Amedeo Mariano(Città Metropolitana di Torino Sistema Informativo Turistico) La situazione

Dettagli

OSSERVATORIO TURISTICO DELLA PROVINCIA DI BERGAMO

OSSERVATORIO TURISTICO DELLA PROVINCIA DI BERGAMO OSSERVATORIO TURISTICO DELLA PROVINCIA DI BERGAMO Nota congiunturale sull area delle Orobie Consuntiva stagione invernale 2007-2008 Redatta in Aprile 2008 Caratteristiche e metodologia di indagine L Osservatorio

Dettagli

Analisi SWOT - Comune di San Gimignano

Analisi SWOT - Comune di San Gimignano Analisi SWOT - Comune di San Gimignano PUNTI DI FORZA Grande patrimonio storico culturale artistico concentrato in un centro storico intatto e preservato nei secoli, dichiarato Patrimonio dell Umanità

Dettagli

Indagine sul futuro dei Giovani Albergatori Trentini

Indagine sul futuro dei Giovani Albergatori Trentini Indagine sul futuro dei Giovani Albergatori Trentini Risultati dell indagine 2014 Ricerca commissionata dalla Presidente Giovani Albergatori Trentini dott. Francesca Maffei a cura dell Ufficio Marketing

Dettagli

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO in collaborazione con LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO Gennaio 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Versione: 1.0 Quadro

Dettagli

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO Osservatorio turistico della regione Sardegna LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO Ottobre 2012 A cura di La performance di vendita delle imprese del ricettivo Periodo di riferimento:

Dettagli

OBIETTIVI DEL MASTER

OBIETTIVI DEL MASTER L Italia è una delle 5 maggiori destinazioni al mondo per turismo culturale e ambientale. 2 turisti stranieri su 3 considerano la cultura e il cibo come principale motivazione di un viaggio in Italia e

Dettagli

L'indice di fiducia del viaggiatore italiano: Rilevazione GENNAIO 2015. 30 Gennaio 2015

L'indice di fiducia del viaggiatore italiano: Rilevazione GENNAIO 2015. 30 Gennaio 2015 L'indice di fiducia del viaggiatore italiano: Rilevazione GENNAIO 2015 30 Gennaio 2015 METODOLOGIA e CAMPIONE L indagine che presentiamo è stata eseguita fra il 24 e il 28 gennaio 2015 con metodologia

Dettagli

Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale. Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere

Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale. Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere MultiPiani si occupa dal 1994 di Comunicazione e Marketing strategico, rivolgendosi

Dettagli

Programma di eventi culturali finalizzato alla promozione turistica del territorio ed alla valorizzazione del Carignano del Sulcis.

Programma di eventi culturali finalizzato alla promozione turistica del territorio ed alla valorizzazione del Carignano del Sulcis. ALLEGATO 1 Programma di eventi culturali finalizzato alla promozione turistica del territorio ed alla valorizzazione del Carignano del Sulcis Relazione 1 PREMESSA Il settore turistico rappresenta per il

Dettagli

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N N O 2 0 0 9 R A P P O R TO A N N U A L E 2 0 0 9 1. L andamento del mercato

Dettagli

scopri l altro piano di Asiago

scopri l altro piano di Asiago scopri l altro piano di Asiago ASIAGO TREKKING L ALTRO PIANO DI ASIAGO Una vastissima rete di sentieri e mulattiere finalmente alla portata di tutti. Una rete di rifugi organizzati per scoprire l anima

Dettagli

DA LUOGHI A DESTINAZIONI TURISTICHE

DA LUOGHI A DESTINAZIONI TURISTICHE DA LUOGHI A DESTINAZIONI TURISTICHE 1 marzo 2008 IL CONTESTO STORICO Negli ultimi 20 anni l industria turistica ha aumentato la sua complessità. Dagli anni 90 fenomeni innovativi hanno modificato la natura

Dettagli

ESTRATTO PIANO MARKETING

ESTRATTO PIANO MARKETING OBIETTIVI GENERALI ESTRATTO PIANO MARKETING QUANTITATIVI 1. Aumentare significativamente il numero degli arrivi nella provincia di Torino; 2. Allungare la permanenza di turisti in provincia (presenze);

Dettagli

LIBERI DI VIAGGIARE. 20060 Bussero (MI) in via L. da Vinci 5 www.ldvitalia.it

LIBERI DI VIAGGIARE. 20060 Bussero (MI) in via L. da Vinci 5 www.ldvitalia.it LIBERI DI VIAGGIARE 20060 Bussero (MI) in via L. da Vinci 5 www.ldvitalia.it L associazione nata nel 2009 (è un marchio commerciale di Marco Grieco) rappresenta un circuito di circa 1800 cral, associazioni,

Dettagli

Toscana Turistica Sostenibile & Competitiva - Fase 2

Toscana Turistica Sostenibile & Competitiva - Fase 2 Toscana Turistica Sostenibile & Competitiva - Fase 2 Applicazione del Modello di Gestione sostenibile della Destinazione turistica Area di verifica AUTOVALUTAZIONE Elenco Domande per area tematica NECSTOUR

Dettagli

2. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO

2. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO CARTELLA STAMPA di 1. INDICE 2. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO pag. 3 3. PERCHÉ NASCE EXPLORA pag. 3 4. LA SUA IDENTITÀ pag. 3 5. MISSION pag. 4 6. APPROCCIO pag. 4 7. ELEMENTI DISTINTIVI

Dettagli

AMICI DI VENEZIA. Il club esclusivo dei partner della città

AMICI DI VENEZIA. Il club esclusivo dei partner della città AMICI DI VENEZIA Il club esclusivo dei partner della città Venezia e i suoi partner Venezia è il luogo che, nell immaginario collettivo, rappresenta una incredibile sintesi di arte e cultura, spettacolo

Dettagli

Professionalità, consapevolezza e accoglienza: fattori strategici per lo sviluppo del turismo nel Lazio

Professionalità, consapevolezza e accoglienza: fattori strategici per lo sviluppo del turismo nel Lazio Professionalità, consapevolezza e accoglienza: fattori strategici per lo sviluppo del turismo nel Lazio Realizzato dall EURES Ricerche Economiche e Sociali in collaborazione con ATLAZIO Agenzia Regionale

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

Progetto interregionale cicloturismo

Progetto interregionale cicloturismo Progetto interregionale cicloturismo 1 Indice 1 Premessa...2 2 Titolo del progetto...3 3 Obiettivi...3 4 Descrizione generale...3 5 Azioni previste...4 6 Dettaglio fasi...5 Fase preliminare...5 Fase di

Dettagli

YOUTH ON THE MOVE I GIOVANI PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE DEL TERRITORIO: NUOVE IDEE E PROGETTI INNOVATIVI

YOUTH ON THE MOVE I GIOVANI PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE DEL TERRITORIO: NUOVE IDEE E PROGETTI INNOVATIVI All. A) Formulario per la realizzazione del Project Work Finale A. DATI SUL PROPONENTE A.1 Istituto Scolastico: I.T.E. P.F. Calvi (Belluno) A.2 Classe/Classi coinvolte: IV B B. DATI DI SINTESI DEL PROGETTO

Dettagli

LO SVILUPPO DI UNA DESTINAZIONE TURISTICA

LO SVILUPPO DI UNA DESTINAZIONE TURISTICA LO SVILUPPO DI UNA DESTINAZIONE TURISTICA 15 marzo 2008 1. ANALISI DELLE DESTINAZIONI TURISTICHE 2. TIPOLOGIE DI DESTINAZIONI TURISTICHE 3. IL CICLO DI VITA DI UNA DESTINAZIONE TURISTICA 4. LO SVILUPPO

Dettagli

un Cuore Verde a Pochi Passi dal Blu

un Cuore Verde a Pochi Passi dal Blu Destinazione Turismo Interno un Cuore Verde a Pochi Passi dal Blu Corso Turismatica Prof. Paini 1 Introduzione La breve relazione intende delineare i passi base per introdurre sul mercato della rete una

Dettagli

TUNISIA Rapporto Congiunto Ambasciate/Consolati/ENIT 2016

TUNISIA Rapporto Congiunto Ambasciate/Consolati/ENIT 2016 TUNISIA Rapporto Congiunto Ambasciate/Consolati/ENIT 2016 Tunisia 1 INDICE : 1. Analisi del quadro socio-economico 1.a Principali indicatori economici 1.b Principali indicatori sociali e demografici 2.

Dettagli

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro Linee Guida A partire dalle esperienze sviluppate dai singoli partner in relazione al coinvolgimento attivo dei giovani all interno delle specifiche realtà locali, il team di lavoro ha elaborato le seguenti

Dettagli

MONITORAGGIO DEI FLUSSI TURISTICI IN PROVINCIA DI LUCCA

MONITORAGGIO DEI FLUSSI TURISTICI IN PROVINCIA DI LUCCA MONITORAGGIO DEI FLUSSI TURISTICI IN PROVINCIA DI LUCCA Stagione estiva 2003 settembre 2003 Previsioni ottobre-novembre 2003 MONITORAGGIO PROVINCIALE SULL'ANDAMENTO DEI FLUSSI TURISTICI NELLA STAGIONE

Dettagli

TURISMO, ENOGASTRONOMIA E ARTIGIANATO: UNA RETE PER LO SVILUPPO

TURISMO, ENOGASTRONOMIA E ARTIGIANATO: UNA RETE PER LO SVILUPPO TURISMO, ENOGASTRONOMIA E ARTIGIANATO: UNA RETE PER LO SVILUPPO Lo sviluppo turistico dell area sud della Basilicata attraverso la valorizzazione delle risorse e delle produzioni locali e la creazione

Dettagli

Viaggio di classe I risultati dell Osservatorio sul Turismo Scolastico del Centro Studi TCI A.S. 2009/2010

Viaggio di classe I risultati dell Osservatorio sul Turismo Scolastico del Centro Studi TCI A.S. 2009/2010 Viaggio di classe I risultati dell Osservatorio sul Turismo Scolastico del Centro Studi TCI A.S. 2009/2010 L Osservatorio TCI sul Turismo Scolastico Perché? L idea di costituire un Osservatorio sul Turismo

Dettagli

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO Gennaio 2014 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Versione: 1.0 Quadro dell opera: Termine

Dettagli

Piano Territoriale Provinciale di Catania (ex art.12 L.R.9/86) RELAZIONE GENERALE DELLO SCHEMA DI MASSINA.

Piano Territoriale Provinciale di Catania (ex art.12 L.R.9/86) RELAZIONE GENERALE DELLO SCHEMA DI MASSINA. 4.1.7. L ATTIVITÀ TURISTICA. Secondo le stime del World Travel and Tourism Council, l industria dei viaggi e del turismo diventerà, a breve termine, la prima industria mondiale sia in termini di fatturato

Dettagli

Il Nuovo Giornale di Modena. Appennino Modena, stagione in chiaroscuro. La neve condiziona il turismo, più presenze da febbraio in poi

Il Nuovo Giornale di Modena. Appennino Modena, stagione in chiaroscuro. La neve condiziona il turismo, più presenze da febbraio in poi Il Nuovo Giornale di Modena Appennino Modena, stagione in chiaroscuro. La neve condiziona il turismo, più presenze da febbraio in poi Appennino Modena, stagione in chiaroscuro. La neve condiziona il turismo,

Dettagli

Progetto. promo-commercializzazione. TurismoFVG 2010

Progetto. promo-commercializzazione. TurismoFVG 2010 Progetto promo-commercializzazione TurismoFVG 2010 Obiettivi generali del progetto Progetto per la realizzazione di un programma di commercializzazione del prodotto turistico della Regione Friuli Venezia

Dettagli

Una nuova grande fiera internazionale sulla bici. Una sede fieristica e un organizzazione forti

Una nuova grande fiera internazionale sulla bici. Una sede fieristica e un organizzazione forti Una nuova grande fiera internazionale sulla bici Una sede fieristica e un organizzazione forti La vita è come andare in bicicletta. Per mantenere l equilibrio devi muoverti. 1 SCENARIO La bicicletta è

Dettagli

Il Parco compagno di viaggio. I risultati dei primi incontri

Il Parco compagno di viaggio. I risultati dei primi incontri Il Parco compagno di viaggio Nuove alleanze per l innovazione sociale, ambientale, ecologica Forum Carta Europea del Turismo Sostenibile e Piano Socio-economico I risultati dei primi incontri Massimo De

Dettagli

I Corsi T. T. LAB 2.0 0 Social Media Marketing per la promozione e la gestione della Brand Reputation del prodotto turistico Il seminario é pensato per un target di gestori di aziende (strutture ricettive,

Dettagli

Progetto Montagna senza confini : la rete del turismo, il territorio come ecomuseo, per una vacanza in libertà

Progetto Montagna senza confini : la rete del turismo, il territorio come ecomuseo, per una vacanza in libertà Allegato B alla deliberazione consiliare n. 43 del 28 luglio 2010 Progetto Montagna senza confini : la rete del turismo, il territorio come ecomuseo, per una vacanza in libertà Premessa: La montagna friulana

Dettagli

Passare dalla offerta di risorse (natura, patrimonio, cultura ecc) FOURTOURISM 2015 16

Passare dalla offerta di risorse (natura, patrimonio, cultura ecc) FOURTOURISM 2015 16 Passare dalla offerta di risorse (natura, patrimonio, cultura ecc) 16 Alla proposta di esperienze (bike, trekking, fattorie didattiche ecc.) 17 La costruzione del prodotto turistico Posizion amento Prodotto

Dettagli

Marche, Il centro storico verso un nuovo modello di sviluppo integrato del territorio e dei borghi: Il progetto FERMO

Marche, Il centro storico verso un nuovo modello di sviluppo integrato del territorio e dei borghi: Il progetto FERMO Marche, Il centro storico verso un nuovo modello di sviluppo integrato del territorio e dei borghi: Il progetto FERMO L'evoluzione della domanda di turismo e le implicazioni per i modelli di offerta turistica

Dettagli

RAPPORTO SPECIALE BIT 2013

RAPPORTO SPECIALE BIT 2013 RAPPORTO SPECIALE BIT 2013 OSSERVATORIO DEL SISTEMA TURISTICO LAGO DI COMO 1 L Osservatorio è una iniziativa al servizio di tutti gli operatori pubblici e privati del Sistema Turistico Lago di Como realizzata

Dettagli

OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE DELLA LIGURIA RAPPORTO ANNUALE 2011

OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE DELLA LIGURIA RAPPORTO ANNUALE 2011 OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE DELLA LIGURIA RAPPORTO ANNUALE 2011 Focus Provincia di Savona Maggio 2012 A cura di I flussi turistici nelle strutture ricettive Le principali dinamiche e tendenze manifestate

Dettagli

Gli italiani, la montagna e gli sport invernali

Gli italiani, la montagna e gli sport invernali Gli italiani, la montagna e gli sport invernali Principali evidenze delle tre ricerche condotte da AstraRicerche per FISI Gli italiani 1 manifestano un rapporto con la montagna stretto (il 41.8% vi si

Dettagli

INDICE. Prefazione Presentazione 1. PARTE PRIMA: STATISTICHE ED ECONOMIA Introduzione 5 1. 1 L Italia nel contesto mondiale ed europeo

INDICE. Prefazione Presentazione 1. PARTE PRIMA: STATISTICHE ED ECONOMIA Introduzione 5 1. 1 L Italia nel contesto mondiale ed europeo XVIII Rapporto sul Turismo Italiano I INDICE Prefazione Presentazione 1 PARTE PRIMA: STATISTICHE ED ECONOMIA Introduzione 5 1. 1 L Italia nel contesto mondiale ed europeo 1 Il turismo nel mondo secondo

Dettagli

Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale

Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale Lingue e Cultura per l Impresa Economia e Gestione delle Imprese Turistiche A.A. 2007-2008 Ddr Fabio Forlani

Dettagli

Strategie on-line e off-line integrate per la promozione di Bibione

Strategie on-line e off-line integrate per la promozione di Bibione Strategie on-line e off-line integrate per la promozione di Bibione Come veicolare il marketing offline-online Adamo Zecchinel Presidente Consorzio di Promozione Turistica del Veneto Orientale I contenuti

Dettagli

Il marketing territoriale dal basso: il cittadino protagonista della promozione del territorio

Il marketing territoriale dal basso: il cittadino protagonista della promozione del territorio Il marketing territoriale dal basso: il cittadino protagonista della promozione del territorio Paolo Grigolli Chiara Bille Caprino Veronese 16 ottobre 2014 PROGETTO DI PROMOZIONE DEL TURISMO RURALE: I

Dettagli

I PIANI DI VALORIZZAZIONE IN PIEMONTE GABRIELLA BOVONE, SARA MELA. LaST - Laboratorio Sviluppo e Territorio

I PIANI DI VALORIZZAZIONE IN PIEMONTE GABRIELLA BOVONE, SARA MELA. LaST - Laboratorio Sviluppo e Territorio I PIANI DI VALORIZZAZIONE IN PIEMONTE GABRIELLA BOVONE, SARA MELA LaST - Laboratorio Sviluppo e Territorio Indice 1. Il Bando Regionale sui PdV 2. Il territorio 3. Il partenariato 4. Le risorse dei PdV

Dettagli

IL COACHING delle Ambasciatrici

IL COACHING delle Ambasciatrici IL COACHING delle Ambasciatrici European Commission Enterprise and Industry Coaching ambasciatrici WAI-Women Ambassadors in Italy, Ravenna, 20/05/2010 2 FASE 1 Le motivazioni e gli scopi FASE 2 L analisi

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Osservatorio turistico della provincia di Pavia INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Rapporto annuale Settembre 2009 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: CCIAA

Dettagli

I MONDIALI DELLA PALLAVOLO. 27 Giugno 2013

I MONDIALI DELLA PALLAVOLO. 27 Giugno 2013 I MONDIALI DELLA PALLAVOLO 27 Giugno 2013 La pallavolo in Italia 5.000 Società di pallavolo 11,5 milioni affiliate alla FIPAV 340.000000 Appassionati di pallavolo di Atleti Tesserati cui il 28% tra 25

Dettagli

Per crescere con le competenze

Per crescere con le competenze T. T. LAB 2.0 Formavo per le Imprese del Turismo Per crescere con le competenze La Camera di Commercio di Nuoro, in collaborazione con le Associazioni di Categoria: Confcommercio, Confesercen, Associazione

Dettagli

Piano straordinario di rigenerazione del bacino termale euganeo. Attività per la differenziazione delle imprese alberghiere termali

Piano straordinario di rigenerazione del bacino termale euganeo. Attività per la differenziazione delle imprese alberghiere termali Piano straordinario di rigenerazione del bacino termale euganeo Attività per la differenziazione delle imprese alberghiere termali Piano straordinario di rigenerazione del bacino termale euganeo Turismo

Dettagli

Aziende di promozione turistica dovevano individuare gli ambiti territoriali turisticamente rilevanti.

Aziende di promozione turistica dovevano individuare gli ambiti territoriali turisticamente rilevanti. Promozione, informazione e accoglienza turistica = compiti amministrativi in materie in cui per le Regioni speciali la competenza legislativa è primaria o esclusiva e per le Regioni ordinarie è ora di

Dettagli

in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI

in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI 12 bollettino mensile Dicembre 2009 Gennaio 2010 A cura di Storia

Dettagli

COMITATO PROVINCIALE DI VERONA Unità Bardolino Baldo Garda Via Gardesana dell'acqua 10 37011 Bardolino (Vr) Email

COMITATO PROVINCIALE DI VERONA Unità Bardolino Baldo Garda Via Gardesana dell'acqua 10 37011 Bardolino (Vr) Email COMITATO PROVINCIALE DI VERONA Unità Bardolino Baldo Garda ESTATE SUL GARDA 2013 Bardolino, lì 2 Febbraio 2013 Oggetto: Estate sul Garda 2013 - Servizio estivo presso la sede CRI Bardolino Baldo Garda

Dettagli

Per crescere con le competenze

Per crescere con le competenze T. T. LAB 2.0 Formavo per le Imprese del Turismo Per crescere con le competenze La Camera di Commercio di Nuoro, in collaborazione con le Associazioni di Categoria: Confcommercio, Confesercen, Confindustria,

Dettagli

Departure: Sicilia Uneso

Departure: Sicilia Uneso Departure: Sicilia Uneso Azione di co-marketingcon i vettori aerei per la promozione del SUD EST di Sicilia il Distretto Turistico Tematico del SUD EST - Accessibilità fisica al territorio - Accessibilità

Dettagli

Evoluzione dell andamento turistico in Provincia di Treviso

Evoluzione dell andamento turistico in Provincia di Treviso Elaborazioni dai dati ufficiali 2009-2010 Evoluzione dell andamento turistico in Provincia di Treviso - Osservatorio Turistico Provinciale - I flussi turistici nei primi mesi del 2010 ARRIVI Valori Assoluti

Dettagli

Newsletter VisitItaly in lingua italiana, tedesca e inglese. Il mezzo più veloce per raggiungere il proprio target di riferimento

Newsletter VisitItaly in lingua italiana, tedesca e inglese. Il mezzo più veloce per raggiungere il proprio target di riferimento Newsletter VisitItaly in lingua italiana, tedesca e inglese. Il mezzo più veloce per raggiungere il proprio target di riferimento [pag. 2] Cos è la Newsletter di VisitItaly [pag. 3] Perché promuoversi

Dettagli

LICEO STATALE DELLE SCIENZE UMANE (ECONOMICO-SOCIALE-SCIENTIFICO-SPORTIVO) Limone Piemonte (SEZIONE ASSOCIATA DELL ISTITUTO MAGISTRALE STATALE

LICEO STATALE DELLE SCIENZE UMANE (ECONOMICO-SOCIALE-SCIENTIFICO-SPORTIVO) Limone Piemonte (SEZIONE ASSOCIATA DELL ISTITUTO MAGISTRALE STATALE LICEO STATALE DELLE SCIENZE UMANE (ECONOMICO-SOCIALE-SCIENTIFICO-SPORTIVO) Limone Piemonte (SEZIONE ASSOCIATA DELL ISTITUTO MAGISTRALE STATALE DE-AMICIS DI CUNEO) Caratteristiche principali: Il Liceo delle

Dettagli

DI RICERCA E PROMOZIONE DELL'ACCESSIBILITÀ EUROPEAN CENTRE OF RESEARCH AND ACCESSIBILITY PROMOTION

DI RICERCA E PROMOZIONE DELL'ACCESSIBILITÀ EUROPEAN CENTRE OF RESEARCH AND ACCESSIBILITY PROMOTION CENTRO EUROPEO DI RICERCA E PROMOZIONE DELL'ACCESSIBILITÀ EUROPEAN CENTRE OF RESEARCH AND ACCESSIBILITY PROMOTION Associazione O.n.l.u.s. C.E.R.P.A. ITALIA via Palermo, 23B 38100 TRENTO (I) Tel. (39) 0461

Dettagli

VIII Edizione del Forum delle Camere di Commercio dell Adriatico e dello Ionio TAVOLO DEL TURISMO

VIII Edizione del Forum delle Camere di Commercio dell Adriatico e dello Ionio TAVOLO DEL TURISMO VIII Edizione del Forum delle Camere di Commercio dell Adriatico e dello Ionio TAVOLO DEL TURISMO Intervento del Dott. Michele De Vita Segretario Generale Forum 1 Attività svolte dal tavolo del turismo

Dettagli

La qualitàdel accoglienza turistica

La qualitàdel accoglienza turistica La qualitàdel accoglienza turistica Turismopertutti: l accoglienzadiqualitàel eccelenzadeiservizi Ciclodiseminariinfo-formativi Roma Febbraio-Luglio2014 Laqualitàpercepitadaicitadininelvivereilteritorio

Dettagli

UN NUOVO PROGETTO PER IL TURISMO TERMALE DI DARFO BOARIO TERME

UN NUOVO PROGETTO PER IL TURISMO TERMALE DI DARFO BOARIO TERME La Valle dei Segni 3 marzo 2012 Capo di Ponte UN NUOVO PROGETTO PER IL TURISMO TERMALE DI DARFO BOARIO TERME Arch. Michela Vielmi Presidente Consorzio Turistico Terme di Boario I TEMI 1. CONTESTO: Valle

Dettagli

Intervento Presidente Roberto Manzoni CONFERENZA REGIONALE SUL TURISMO Modena, 29 novembre 2013

Intervento Presidente Roberto Manzoni CONFERENZA REGIONALE SUL TURISMO Modena, 29 novembre 2013 Intervento Presidente Roberto Manzoni CONFERENZA REGIONALE SUL TURISMO Modena, 29 novembre 2013 La lunga crisi economica che ha colpito pesantemente il nostro Paese e con gradi diversi l economia internazionale

Dettagli

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI TRA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO, LA COMUNITA DELLA VALLE DEI LAGHI, IL COMUNE DI VEZZANO, IL COMUNE DI

Dettagli

R A P P O R T O A N N U A L E 2 0 1 0

R A P P O R T O A N N U A L E 2 0 1 0 A N A L I S I D E L L A D O M A N D A T U R I S T I C A N E G L I E S E R C I Z I A L B E R G H I E R I D I R O M A E P R O V I N C I A A N N O 2 0 1 0 R A P P O R T O A N N U A L E 2 0 1 0 1. L andamento

Dettagli

RASSEGNA STAMPA 2014

RASSEGNA STAMPA 2014 RASSEGNA STAMPA 2014 Indice: 10.01.2014 LegaCoop Fundraising strumento su misura per la cooperazione 3 06.02.2014 Tiscali Social Il fundraiser figura chiave del non profit e non solo 4 07.02.2014 Avvenire

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO in collaborazione con BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI

OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO in collaborazione con BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO in collaborazione con BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI 3 bollettino mensile Marzo 2011 Aprile 2011 A cura di Storia

Dettagli

Il turismo e l immagine della Brianza

Il turismo e l immagine della Brianza Il turismo e l immagine della Brianza Sistema delle imprese, flussi turistici e percezione del territorio A cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio di Monza e Brianza Luglio 2011 I numeri del

Dettagli

CORSO DI SPECIALIZZAZIONE STRATEGIE DI MARKETING E COMUNICAZIONE PER LA PROMOZIONE DEL TERRITORIO E DELLE PRODUZIONI AGROALIMENTARI TIPICHE

CORSO DI SPECIALIZZAZIONE STRATEGIE DI MARKETING E COMUNICAZIONE PER LA PROMOZIONE DEL TERRITORIO E DELLE PRODUZIONI AGROALIMENTARI TIPICHE CORSO DI SPECIALIZZAZIONE STRATEGIE DI MARKETING E COMUNICAZIONE PER LA PROMOZIONE DEL TERRITORIO E DELLE PRODUZIONI AGROALIMENTARI TIPICHE PROGETTO. Promuovere uno sviluppo economico basato sul territorio

Dettagli

Sezione Industria del Turismo e del Tempo Libero

Sezione Industria del Turismo e del Tempo Libero Sezione Industria del Turismo e del Tempo Libero Programma di Attività 2011-2015 2015 ROBERTO N. RAJATA 12 maggio 2011 Introduzione Il turismo nella Regione Lazio è profondamente mutato nel corso degli

Dettagli

Turismo rurale in Veneto: il ruolo degli enti, delle associazioni, delle imprese

Turismo rurale in Veneto: il ruolo degli enti, delle associazioni, delle imprese Turismo rurale in Veneto: il ruolo degli enti, delle associazioni, delle imprese Stefan Marchioro Direttore Turismo Padova Terme Euganee Docente a contratto di Economia e Marketing del Turismo presso l

Dettagli

CARTELLA STAMPA CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE. Milano, 10 Dicembre 2013

CARTELLA STAMPA CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE. Milano, 10 Dicembre 2013 CARTELLA STAMPA di CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE Turismo integrato, motore di Expo 2015 Milano, 10 Dicembre 2013 INDICE 1. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO pag. 3 2. PERCHÉ NASCE

Dettagli

L ascolto del turista

L ascolto del turista IL TURISMO NELLA PROVINCIA DI LECCE Indagine conoscitiva sulle motivazioni della domanda turistica nella Provincia di Lecce 1 Estate 2005 L ascolto del turista La Provincia di Lecce, su proposta dell Assessorato

Dettagli

L agriturismo italiano si presenta al mondo. L agriturismo italiano nel mercato Andrea Mazzanti

L agriturismo italiano si presenta al mondo. L agriturismo italiano nel mercato Andrea Mazzanti L agriturismo italiano si presenta al mondo L agriturismo italiano nel mercato Andrea Mazzanti Punti di forza dell agriturismo italiano La nostra identità - Una storia di circa mezzo secolo con una crescita

Dettagli

Manifestazione d interesse Progetti Chiave

Manifestazione d interesse Progetti Chiave PROGRAMMA DI SVILUPPO LOCALE (PSL) 2014-2020 Manifestazione d interesse Progetti Chiave (Scheda SOLO per PRIVATI) Adesione ai Progetti Chiave nell ambito del Programma di Sviluppo Locale Leader 2014-2020

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE ALLEGATO 1 DIREZIONE POLITICHE AGRICOLE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 PIANO

Dettagli

International youth ROCK CLIMBING camp

International youth ROCK CLIMBING camp GYS 2016 International youth ROCK CLIMBING camp 25 /30 giugno 2016 Arco - Trento - Italia Vieni ad arrampicare sulle stupende falesie di Arco, in un clima di amicizia e divertimento. Ogni giorno nuove

Dettagli

Turismo di Comunità in Val di Rabbi

Turismo di Comunità in Val di Rabbi Turismo di Comunità in Val di Rabbi Sintesi del progetto Il Turismo di Comunità : definizione Il turismo responsabile di comunità è una nuova forma di accoglienza turistica, recentemente sviluppatasi in

Dettagli