Mensile dedicato alla funeraria italiana NUMERO 1 LUGLIO-AGOSTO 2011

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Mensile dedicato alla funeraria italiana NUMERO 1 LUGLIO-AGOSTO 2011"

Transcript

1 M A G A Z I N E Mensile dedicato alla funeraria italiana NUMERO 1 LUGLIO-AGOSTO

2 M A G A Z I N E numero 1 luglio-agosto 2011 Sommario 2 DIREZIONE, AMMINISTRAZIONE, PUBBLICITÀ: Via Vochieri, Alessandria Tel Fax Direttore RESPONSABILE: Franco Capone Responsabile redazione: Cristina Pasino Redazione: Franco Capone Cristina Pasino Pier Luigi Pasino Vito Saccinto Collaboratori: Matteo Alfonso Antonio Fiori Mauro Tita Grafica e IMPAGINAZIONE: Salvatore Zagari webmaster: Marco Assandri segreteria: Tiziana Capone Francesca Zancanaro PUBBLICITÀ: Pasino P. Cell STAMPA: Tipografia Duesse Via Morosini, Novi Ligure (AL) COPYRIGHT: Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione, anche parziale, dell' opera, in ogni forma e con ogni mezzo senza previa autorizzazione. Testi ed opinioni in essi contenuti sono sotto la responsabilità dei singoli autori Distribuzione in copie inviate agli operatori della Funeraria Italiana Proprietà editoriale e copyright: O.F. ITALIA s.a.s O.F. ITALIA MAGAZINE è un marchio depositato CONTATTI: Registrazione: Tribunale di Alessandria n 2/2011 del 30/06/ Un augurio... Bellachioma Giuseppe 5 Editoriale Franco Capone 6 Il Fatto Intervista a Alessandro Bosi Il malaffare nel settore funebre 9 Temi attualità Mazzette nell Empolese 11 Legislazione Nuova proposta di legge dell On. Paolini di Giovanni Caciolli 12 Fiere/Eventi Eterna 18 Chi siamo Ofitalia 20 La Formazione A cura di Federcofit 23 Elementi Redazionale 26 Trevisin Ivan Legislazione Veneto 28 Agec Verona Separa le Onoranze dai Cimiteri 30 Trapani Costituita Federcofit Sicilia 32 Intervista Vergani Cristian 35 Intervista Aquilini Marco 36 Energia Nucleare: Un opzione ancora praticabile in italia? di Mauro Tita 40 Vita degli operatori Intervista a Salvatore Marcucci di Antonio Fiori 42 Sale del commiato o case funebri? Un opportunità decisiva per lo sviluppo della funeraria italiana. 45 Tar di Catania Non si può insediare una struttura del commiato senza le autorizzazioni necessarie 48 Teatro Due metri sotto... il palco di Matteo Alfonso 52 I Riti Cina il governo contro i cimiteri sempre più estesi e affollati 57 Legge Marche A che punto siamo? di Gianluca Corvatta 62 Sport Omaggio a Fausto Coppi di Franco Capone 70 Il Reportage S Accabadora tra realtà e leggenda di Antonio Fiori 77 Ofitalia Avviso importante 78 Domina Vacanze Otterta esclusiva ai lettori di Ofitalia Magazine

3 Nasce una nuova rivista per il Settore Funebre: Un augurio di buon lavoro e di sostegno all imprenditoria tutta Si pubblica il primo numero di OF Italia Magazine. Come in tutti i battesimi è doveroso un grande augurio di crescita, sviluppo e positivo lavoro per il settore, e lo faccio molto volentieri per il rapporto di amicizia che mi lega con Piero e per i rapporti di appassionata collaborazione maturati tra OF Italia e Federcofit. Certo qualche riflessione non guasta, e, se l amico Pasino me lo permette, le voglio esporre. Alla domanda se si sentiva la mancanza di una nuova rivista in questo settore, non è facile rispondere. Fin troppo numerose sono le pubblicazioni che si occupano della funeraria italiana. Tutte rigorosamente distribuite gratuitamente agli operatori, con conseguenti difficoltà a valutarne il successo ed il gradimento. Più volte ci siamo soffermati all interno della Federazione su una riflessione, considerata sgradita da alcuni, in merito ai limiti della riflessione sulla funeraria, condotta dalle numerose pubblicazioni, e sulle caratteristiche di una informazione sul settore completa, ben consapevoli dell impegno di questa affermazione. Forse la ricerca di questa rivista rappresenta un po l araba fenice, più un sogno, una tensione, che una concreta possibilità, ma pur sempre obiettivo nobile su cui lavorare tutti. Se OF Italia Magazine rappresenta un tassello ed un passo verso questo traguardo, allora il gioco vale davvero la candela, perché questo intervento si aggiunge ai diversi altri positivi messi in atto in Italia. Questo è l augurio vero, e questa è anche la sfida su cui si impegna Pasino. Con una caratteristica nuova e particolarmente interessante: mettere cioè in campo, con questa nuova rivista anche un mondo di produttori e di operatori funebri più attenti alla necessità di comunicare la propria identità ed immagine. E una bella avventura, particolarmente impegnativa, ma anche degna di essere tentata. Caro Piero, Federcofit, nel rapporto di amicizia e di collaborazione sviluppato, ti sarà vicina e non ti risparmierà le critiche, ma anche il sostegno che Ti sei meritato in questi anni!!! Giuseppe Bellachioma Presidente Federcofit 4 5

4 Caratterizzata da uno spirito libero, parte OF Italia Magazine, con l obiettivo di attirare l attenzione di tutto il comparto funebre e diventarne così, un interessante punto di riferimento. OF Italia si pone con grande disponibilità, come vetrina di comunicazione commerciale, per gli operatori del settore, e, finalità ambiziosa come spazio di confronto e discussione fra le varie componenti imprenditoriali e istituzionali della Funeraria Italiana. Siamo consapevoli che attiviamo una grande sfida. Intendiamo vincerla, costruendo una rivista degli Impresari Funebri per gli Impresari Funebri, con il contributo di tutti i soggetti interessati al raggiungimento di tale obiettivo. Franco Capone Le Imprese di Onoranze Funebri presenti nelle pagine successive, danno la loro disponibilità ai colleghi per il disbrigo pratiche, documenti, trasporti e/o altri servizi garantendo serietà e professionalità, al pari di tutte le Imprese aderenti a O.F.Italia e visibili sul Volume e sul portale web dedicato G A Z 6 7

5 Il Fatto Alessandro Bosi: Il malaffare nel settore funebre Questo mese abbiamo contattato il Segretario FENIOF Alessandro Bosi in ordine al problema del malaffare nel settore funebre evidenziato da recenti programmi televisivi e redazionali giornalistici. Ci interessava infatti il punto di vista della FENIOF che da 46 anni opera a tutela delle imprese funebri private e che pertanto risulta essere un referente qualificato ad argomentare la tematica. Recenti redazionali e programmi televisivi hanno puntato il dito sui fenomeni di malaffare nel settore funebre quali, ad esempio, la presenza delle imprese negli ospedali nella disdicevole attività di procacciamento di funerali. Qual è la posizione della FENIOF a riguardo? La posizione della FENIOF circa i fenomeni di malaffare è la medesima da sempre ovvero avversa a simili sistemi di procacciamento dei funerali ed impegnata in una impegnativa battaglia contro tali attività che minano il buon nome delle imprese funebri virtuose. E infatti evidente che laddove viene evidenziato un comportamento criminoso ad opera di non una ma più imprese funebri, il pensiero dell opinione pubblica viene avvelenato dalla convinzione che tutto il settore sia dedito a tali criminosi comportamenti con un evidente danno d immagine per la categoria che invece, giova ribadirlo, è composta da tanta brava gente dai comportamenti ineccepibili. Ma a cosa è dovuto questo fenomeno? Il problema della presenza delle imprese funebri all interno degli ospedali è una vecchia questione; va premesso che in Italia circa il 75% dei decessi avviene in ambito ospedaliero ed è dunque naturale l interesse delle imprese funebri verso tali strutture; ciò non giustifica però la presenza negli istituti di cura di operatori funebri che, in considerazione del momento estremamente delicato del dolente, dovrebbero applicare in modo più attento la deontologia professionale. Una impresa funebre virtuosa attende dentro i propri locali di essere contattata dai dolenti ed evita la frequentazione degli ambienti ospedalieri per offrirsi di eseguire funerali. Se i cittadini fossero correttamente informati su quali sono i comportamenti corretti e quali quelli criminosi probabilmente si assisterebbe ad un brusco rallentamento del fenomeno di malaffare negli ospedali. Ma anche l effettuazione di adeguati controlli, oggi inesistenti, sarebbe veicolo di una positiva risoluzione dell attuale problema. A riguardo servirebbe un aggiornato testo di legge nazionale con precise sanzioni. Il testo c è, è la volontà di approvarlo che evidentemente manca. Avverto un tono polemico. A cosa si riferisce? Da anni lavoriamo affinché venga approvato un testo di legge nazionale nell ambito del quale sia disposta l impossibilità da parte dei soggetti esercenti l attività funebre di ottenere la gestione di camere mortuarie o obitori: dapprima il Ddl 3310, poi il 4144 (504), fino all attuale disegno di legge che accorpa la discussione di tre diversi Ddl (56, 511, e 95) dal titolo Disciplina delle attività nel settore funerario e norme in materia di dispersione e conservazione delle ceneri (attualmente in fase di discussione); tutti disegni di legge che recepivano l incompatibilità tra chi esercita l attività funebre e chi gestisce ospedali, cimiteri, camere mortuarie o esercita attività sanitarie, assistenziali e di ricovero e cura. Queste incompatibilità sono state introdotte a tutela sia degli operatori che, soprattutto, dei cittadini toccati da un evento luttuoso. Sono tutte tutele inventate dalla FENIOF quando era l unica associazione a tutela delle imprese funebri private. Si parla di circa 20 anni fa. Purtroppo, a livello nazionale, dopo quasi vent anni il risultato di una approvazione di un testo di riforma del settore funerario ancora stenta ad arrivare. E dunque non si sono fatti passi avanti verso la tutela dei dolenti? Fortunatamente si: le Regioni non sono state a guardare e seppur generando problemi di altra natura (per lo più sul fronte operativo) derivanti da testi molto simili tra loro ma con qualche differenza, tutte si sono allineate nelle disposizioni relative alle incompatibilità tra chi esercita l attività funebre e chi gestisce cimiteri, camere mortuarie, obitori o svolge attività di carattere sanitario. Va altresì aggiunto che, onde scongiurare la presenza delle imprese funebri nei reparti o negli obitori (anche solo sostandovi in cerca di clienti), in seno a diverse normative regionali (es. Lombardia, Emilia Romagna, Marche, etc) è stato previsto che le attività commerciali e d Agenzia d Affari svolte dalle imprese non possano avvenire al di fuori della sede amministrativa dell impresa. In alcuni casi sono state altresì previste sanzioni sia pecuniarie sia, nei casi più gravi, che possono comportare il ritiro dell autorizzazione ad operare. La linea normativa e politica adottata dalle Regioni sulla questione in oggetto giunge in ossequio a quanto reso dall Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato con il parere del 23 maggio 2007 che, attraverso una lucida disamina del problema, condannò fermamente quelle situazioni nelle quali si consentiva l affidamento a soggetti esercenti l attività funebre di obitori, camere mortuarie e cimiteri auspicando altresì che, alla luce delle problematiche evidenziate, venissero adottati interventi legislativi a livello nazionale e/o regionale che sancissero la necessità di una chiara separazione ed incompatibilità fra i servizi di onoranze funebri ed i diversi servizi pubblici che si connotano per un prevalente interesse igienico-sanitario o di carattere pubblico-sociale. A ben vedere l attuale condivisa posizione circa quanto reso dall Antitrust ha origine ben più remota; già nel lontano 2000 la FENIOF relazionò sulla decisione, allora eclatante, dell ospedale San Paolo di Milano che, dopo avere istituzionalizzato per anni la presenza delle imprese funebri in ambito sanitario (con turni o concessioni esclusive) giunse alle decisione di escluderle da simili contesti. A seguire giunsero nel tempo anche le decisioni di diversi TAR d Italia che confermarono con la divisibilità delle posizioni di FENIOF. In questa battaglia la FENIOF è sola o vi sono altre associazioni che sposano il vostro pensiero? Mi piacerebbe avere conferma della volontà delle altre federazioni di scongiurare la presenza di imprese funebri dentro gli ospedali. Alcuni testi di leggi regionali che abbiamo commentato hanno visto le osservazioni di FENIOF a riguardo essere analoghe a quelle avanzate da altri, Federcofit per esempio. Questo ci ha dato la speranza che anche altre federazioni sposassero la linea politica di FENIOF su tali questioni. Poi talvolta tale speranza improvvisamente viene meno come accaduto in una riunione tenutasi un paio di settimane fa in Codacons nella quale il Presidente di Federcofit Lazio, chiamato ad argomentare le posizioni della sua federazione in ordine ai fenomeni di malaffare nel settore funebre, ha sostenuto che l affidamento in gestione delle camere mortuarie ad una sola impresa funebre fosse un sistema per garantire l ordine negli ospedali. Evidentemente c è ancora tanta strada da fare. Per combattere questo problema serve coerenza e trasparenza. Dunque siete contrari all affidamento ad una impresa funebre del servizio di gestione degli obitori e camere mortuarie ospedaliere. Può spiegarci meglio i motivi? Certamente, anche perché il problema spesso viene sottovalutato dalle stesse istituzioni. Pensi che ancora oggi ci 8 9

6 sono ospedali e strutture sanitarie che, forse per ignoranza o superficialità, procedono con una certa costanza a valutare tali appalti o affidamenti. E eclatante quanto accade oggi in Lazio, in particolare su Roma, ove diversi obitori sono dati in gestione a imprese funebri che, di fatto, svolgono la maggior parte dei funerali connessi ai decessi avvenuti in tali strutture. L intervento sinergico verso quegli ospedali che, anche in tempi recenti (alcuni in questi giorni!), hanno inteso bandire appalti per l affidamento di camere mortuarie e relativi servizi ad imprese funebri, hanno consentito, l uno dopo l altro, di bloccare simili illecite situazioni. Ma c è un costante interesse di una parte delle imprese funebri verso tali sistemi. Interesse comprensibile ma non accettabile. Sarebbe onesto riconoscere quali interessi vi sono alle spalle di tali affidamenti, stante il fatto che chi gestisce obitori e camere mortuarie risulta essere il soggetto privilegiato nell avvicinare i parenti toccati da un evento luttuoso ai quali diviene facile proporsi quali soggetti esecutori del servizio funebre operando, di fatto, in un regime di completo monopolio. L ordine negli obitori e camere mortuarie si ottiene non operando in regime di monopolio all interno dell ospedale ma attraverso adeguati controlli atti ad evidenziare fenomeni illeciti. Affidare ad un solo operatore funebre la gestione degli obitori è forse un sistema atto a garantire che i fenomeni illeciti non vengano messi in atto? O forse un sistema per organizzare in modo ordinato ed in monopolio l esecuzione del procacciamento dell affare? E indubbio che la presenza di una o più imprese funebri in seno ad ospedali, in particolare laddove queste ultime risultano affidatarie di obitori o camere mortuarie, finisce per istituire un sistema blindato per avvicinare i parenti dei defunti ed eseguire le successive esequie, esercitando una pressione psicologica sui dolenti (altro che aiuto nel momento del bisogno come qualcuno ha tentato di asserire!) ed una profonda turbativa a danno dei soggetti più virtuosi che attendono nelle proprie sedi di essere interessati dai clienti. Ma la Magistratura cosa sta facendo a riguardo? Laddove si è inteso effettuare adeguati controlli si sono ottenuti interessanti risultati. Le indagini della Magistratura, laddove intervenuta su tali questioni, hanno evidenziato come le imprese funebri operanti negli obitori e camere mortuarie, al fine di svolgere i funerali dei soggetti ivi deceduti, spesso omettessero ai cittadini le corrette informazioni in ordine alla loro presenza giustificandola con frasi tipo L ospedale è convenzionato con la nostra impresa funebre e per i funerali deve rivolgersi a noi o In questo ospedale i servizi funebri sono affidati in appalto a noi perché siamo i più economici; può rivolgersi ad altri ma non conviene, se l ospedale ha dato in affidamento a noi i servizi obitoriali c è un motivo e via dicendo in un orgia di false affermazioni che non hanno poi mancato di comportare sanzioni e provvedimenti sul piano penale. Dove sono stati fatti i controlli sono anche venute a galla le situazioni illegittime ed i comportamenti criminosi. Purtroppo i controlli non ci sono o meglio, sono talmente pochi e superficiali da non risultare finalizzanti a ridurre l entità del fenomeno. In questo una adeguata informazione ai cittadini aiuterebbe molto a mettere in guardia sull operato degli approfittatori. Cosa dovrebbero fare i cittadini toccati da un lutto per proteggersi da chi è dedito a tali comportamenti? Chi si propone con veemenza di incaricarsi di tutto quanto riguarda il funerale alleggerendo i parenti di ulteriori pensieri è proprio chi opera in modo illecito e con un proprio tornaconto personale, finendo con l approfittarsi di determinate situazioni con spiacevoli sorprese all atto della presentazione dell importo da pagare per il funerale. I dolenti devono scegliere senza nessuna pressione da parte di alcuno a chi affidare l esecuzione delle esequie di un proprio caro, rivolgendosi o all impresa storica di fiducia, o comparando i preventivi di più imprese attraverso i listini che, per legge, gli operatori devono esporre all interno delle proprie sedi. In questi momenti è opportuno incaricare della scelta dell impresa funebre il soggetto meno coinvolto emotivamente in quanto in grado di effettuare le scelte più lucide e coscienziose. Certamente non è mai opportuno affidarsi al primo che passa o a chi si autopropone avvicinando i dolenti negli ospedali o locali necroscopici giocando proprio su quel particolare momento di fragilità psicologica che porta i dolenti a fare scelte affrettate (delle quali poi, inevitabilmente, pentirsi quando è troppo tardi). A riguardo va fatta la più ampia informazione atta a spiegare ai cittadini che: Nessuna Impresa di Onoranze Funebri ha accordi esclusivi o privilegiati con le aziende ospedaliere; La scelta dell Impresa di Onoranze Funebri, ovunque ubicata, è di esclusiva ed insindacabile facoltà dei parenti del deceduto. E necessario diffidare di chi si avvicina per proporre l esecuzione del servizio funebre e tali situazioni vanno prontamente denunciate alla Direzione Sanitaria; Ogni attività commerciale e di propaganda all interno di qualsiasi Presidio, Stabilimento o Ufficio dell Azienda Ospedaliera ad opera di imprese funebri o di personale a queste ultime riconducibile al fine dell esecuzione di servizi funebri è espressamente vietata e va prontamente denunciata alla Direzione Sanitaria. Solita brutta storia di mazzette per accaparrarsi funerali. Questa volta nell Empolese Dall alba di questa mattina sono in corso perquisizioni domiciliari, nei comuni di Empoli, Montelupo Fiorentino, Cerreto Guido, Fucecchio, San Gimignano, Castelfranco di Sotto, Scandicci, Pontedera, San Miniato, nei confronti di 6 soggetti indagati dalla Procura della Repubblica di Firenze per associazione a delinquere finalizzata alla corruzione di persona incaricata di un pubblico servizio e l abuso d ufficio. Le indagini, svolte dalla Compagnia della Guardia di Finanza di Empoli, hanno visto il coinvolgimento di persone impiegate presso l obitorio dell ASL 11 empolese ed imprese di onoranze funebri. Gli addetti all obitorio indirizzavano i congiunti dei defunti verso specifici imprenditori del settore ricevendo in cambio gratificazioni in denaro e regali vari. Alle altre società esterne al cartello era impossibile poter lavorare poiché i congiunti dei defunti erano scoraggiati ad avvalersi delle prestazioni delle imprese concorrenti al sodalizio, che operavano in una sorta di oligopolio. Inoltre ad uno degli addetti alla camera mortuaria era offerta la possibilità di prendere parte alle operazioni di vestizione e trasporto della salma previo il pagamento di denaro, 50 euro a servizio

7 Legge Paolini Giovanni Caciolli Presentata dall'on. Luca Rodolfo Paolini della Lega Nord la Proposta di Legge sulla funeraria Modifiche al testo unico delle leggi sanitarie di cui al regio decreto 27 luglio 1934, n. 1265, e alla legge30 marzo 2001, n. 130 e altre disposizioni in materia di disciplina delle attività e deli servizi necroscopici, funebri e cimiteriali. L'On. Luca Rodolfo Paolini ha presentato alla Camera dei Deputati, il 19 maggio u.s. una nuova proposta di legge sulla funeraria, illustrata dallo stesso Deputato nel corso di un Convegno organizzato da FEDERCOFIT nelle Marche, terra d origine di Paolini. La proposta di legge ripercorre i temi che sono state oggetto di riflessione in tutti questi anni, a partire, prima di tutto dai problemi delle quasi famiglie, oltre persone, coinvolte da un lutto ogni anno, nel nostro paese: è fondamentale dare adeguate risposte a questi cittadini e, quindi, dare slancio all'iter di riforma di una norma che ha questo così vasto impatto sui nostri cittadini, sottolinea il proponente. Rispetto al testo giacente al Senato vogliamo sottolineare alcune novità di interesse per la categoria. Prima di tutto la definizione dei materiali per la realizzazione dei cofani, il legno massello o massiccio, al fine di salvaguardare sia le sensibilità ambientali, giustamente sempre più attente alla tutela ambientale, sia, soprattutto, la dignità del servizio funebre; in secondo luogo l estensione della incompatibilità tra attività funebri ed attività adiacenti con l inserimento in questa categoria anche delle attività sanitarie e parasanitarie; infine l introduzione della possibilità, in deroga alle disposizioni generali, di realizzare impianti crematori all interno delle sale del commiato o case funebri, al fine di poter offrire alle famiglie un servizio completo, ovviamente se richiesto, superando le difficoltà, presenti in gran parte del territorio nazionale, derivanti dalla necessità di spostare il cadavere presso il crematorio più vicino, in qualche casio anche fuori dalla propria regione. La proposta di legge si articola in 24 articoli relativi alle diverse materie, dai cimiteri alle attività necroscopiche alle attività funebri, con l inserimento di norme specifiche, analogamente alla proposta giacente al Senato, sulle materie fiscali, con un aumento considerevole del totale di detrazioni per le spese funerarie in occasione del decesso (comprese le spese cimiteriali) fino a 7500,00 e l introduzione dell IVA su queste prestazioni con un aliquota ridotta al 10% e sulla previdenza funeraria con l obbligo di definire al momento della stipula l operatore funebre di riferimento, al fine di non espropriare l operatore funebre di un servizio di sua competenza. La proposta di legge, quindi, si caratterizza come una proposta di principi, atta a definire un quadro di riferimento per tutte le Regioni, delegando alle stesse, come impone la modifica del Capo V della Costituzione, la legislazione di dettaglio. Con la proposta di legge dell On. Paolini si arricchisce il panorama legislativo sulla funeraria: anche la Lega Nord ha definito un proprio specifico pensiero sul futuro assetto della funeraria nel nostro paese: si tratta di un oggettivo e positivo passo avanti verso il varo di nuove norme adeguate ai problemi del settore ed alle necessità di sviluppo delle attività funebri e cimiteriali. Se, poi, questa proposta potrà accelerare l iter di definizione e di approvazione delle nuove norme sulla funeraria, il risultato sarà ancora più positivo. Su questa proposta si attiverà, questa la promessa dell on. Paolini, un confronto vasto e capillare con la categoria per dotare il paese di una norma efficiente, innovativa e rispondente alle necessità delle famiglie e del settore. Anche le categorie dovranno esprimere le proprie convinzioni e valutazioni per migliorare il testo proposto, ma non basta Sarebbe oltremodo importante che tutte le componenti coinvolte in questo settore fossero chiamate ad evidenziare i problemi e suggerire le soluzioni, anche per quei temi oggi in grande sviluppo, come la cremazione, con i connessi problemi di rilevazione dei fumi e della compatibilità dell azione di filtraggio alla compiuta tutela ambientale, come l evoluzione delle problematiche dei cimiteri sia a livello di gestione della struttura, sia a livello di realizzazione e manutenzione dei singoli manufatti, per non parlare delle funzioni sanitarie e di quelle amministrative che vedono coinvolte tante figure professionali importanti: ufficiali di stato civile, medici, ecc. Non si deve, inoltre, dimenticare i grandi e complessi problemi del mondo produttivo, nelle varie articolazioni, non soltanto, quindi, gli aspetti relativi ai cofani ed alla loro costruzione, ma anche tutti gli altri comparti, dai carri ai marmi, ai bronzi, alle imbottiture,, fino ai prodotti e strumenti sanitari sempre più impiegati nelle attività funebri. Infine si debbono evidenziare le norme di introduzione delle nuove figure professionali, il tanatoprattore, per essere precisi, che possono favorire compiutamente lo sviluppo di importanti innovazioni, come la sala del commiato o casa funebre. Un impegno importante per tutti, aspettiamo i futuri sviluppi. Giovanni Caciolli Segretario Federcofit 12 13

8 umano. In altre parole, il nostro obiettivo è quello di ottimizzare gli appuntamenti, unendo i vantaggi dell evento fieristico (location, contenuti, numero visitatori) con gli aspetti positivi degli incontri locali (bassi costi, breve durata, rapporto diretto con i clienti). Arrivare in Fiera Roma e trovare lo spazio allestito e l alloggio in una primaria struttura alberghiera nei pressi del quartiere fieristico è la nostra risposta. Evento Dinamico, in collaborazione con Fiera Roma, presenta la novità fieristica romana di settore; è infatti in programma prossimamente presso il nuovo polo fieristico di Roma, ETERNA Mostra- Convegno delle attrezzature e dei servizi funerari e cimiteriali. Eterna nasce dalla rielaborazione, da parte degli organizzatori, di una serie di input ricevuti durante i vari incontri con gli operatori del settore, ponendosi come evento di riferimento per il mercato nazionale. La vera e propria novità di ETERNA consiste nel presentare alle imprese di settore un pacchetto tutto incluso, che prevede già lo spazio espositivo allestito e il servizio di pernottamento alberghiero. In questa maniera le Aziende partecipanti non hanno alcun altro onere se non quello di scegliere, nella gamma dei loro prodotti, i classici da riproporre e le novità da presentare, affidandosi completamente all esperienza degli organizzatori per la parte tecnicologistica. Tutto ciò nella splendida cornice di una città unica, magica e accogliente, vero e proprio plus della manifestazione. Siamo consapevoli del proliferare degli appuntamenti fieristici nel settore affermano gli organizzatori, questo, comunque, dimostra l estrema necessità delle aziende di dialogare direttamente con le imprese funebri, soprattutto in mercati di riferimento come quello del Centro Sud Italia. Piuttosto che inserirci in questo meccanismo di polverizzazione degli appuntamenti, crediamo invece di poterlo contrastare presentandoci sul mercato con quella che riteniamo un alternativa reale e valida a molti di essi. La nostra idea vincente è quella di proporre un format che consenta alle Aziende di spendere poco in termini di impegno organizzativo ed economico, allontanandole dalla logica del gigantismo in fatto di metratura e allestimento, ponendo invece al centro il prodotto e il rapporto L attenzione però non si limita solo agli espositori ma si focalizza anche ai visitatori proseguono gli organizzatori la gratuità dell ingresso, ad esempio, e per noi è fondamentale in una manifestazione B2B, dove dobbiamo agevolare la presenza dell impresario funebre, attore protagonista, che deve trovare in ETERNA un punto di riferimento per il proprio business. A lui dedichiamo una serie di appuntamenti e incontri istituzionali e formativi con la presenza di relatori di spicco. Alla luce di queste argomentazioni siamo convinti della validità dell appuntamento, anche perché gli organizzatori lasciano trapelare, pur senza sbilanciarsi, che importanti novità tecnico/istituzionali verranno presentate nel corso della manifestazione. Non resta quindi che darci appuntamento a Roma...stiamo arrivando. Scarica l invito gratuito dal sito

9 16 17

10 18 19

11 Sei interessato ad avere il volume Ofitalia? Contatta i nostri uffici O.F. ITALIA rappresenta il Volume Nazionale delle Onoranze Funebri Italiane unitamente al sito web: Lo staff di O.F. ITALIA si avvale di un esperienza pluridecennale nel settore. L obiettivo che abbiamo raggiunto era, e rimane, quello di creare uno strumento professionale cartaceo e multimediale per agevolare i contatti operativi interni nel settore funerario nazionale. L innovativa ed esclusiva edizione, ricca di dati e di informazioni, intende essere come un amico prezioso che accompagna l imprenditore funebre nello svolgimento quotidiano delle sue attività professionali. Il progetto O.F. ITALIA non si limita a favorire gli interscambi interni al Comparto Funerario, ma contiene novità importanti:la possibilità di essere visti e contattati non solo dai colleghi, ma anche dai privati. Tutto questo è possibile in quanto il portale offre la possibilità all utente di interagire con l Impresario Funebre. O.F. ITALIA è un interessante opportunità anche per i Produttori e Operatori del Comparto Funerario Nazionale, proponendo loro una forte visibilità. Mission: Il nostro scopo è quello di proporre un servizio moderno agli Operatori del Comparto Funerario che risponda alle loro esigenze ed alla loro immagine. Internet ha un continuo e aggressivo crescendo nelle relazioni commerciali e personali degli italiani, ed è in questo quadro di sviluppo informatico che O.F. ITALIA pone le basi per creare nuovi orizzonti di mercato per le Imprese Funebri e Costruttori/Produttori che aderiscono a tale iniziativa. LA COMUNICAZIONE PER LE IMPRESE LA VETRINA DEI PRODUTTORI E COSTRUTTORI Usufruire dei servizi Ofitalia significa: 20 Per l'impresario funebre una maggiore visibilità fra i colleghi e con i privati Per un produttore e/o fornitore una forte presenza negli uffici degli impresari funebri ANNIVERSARIO DELL UNITÁ D ITALIA 560 pag. G A Z 21

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi.

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi. Carissimi Soci, anche quest anno di vita associativa si avvia gradualmente a conclusione con moltissimi obiettivi raggiunti, moltissime iniziative a tutela e promozione della nostra Professione concluse

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE 1 aprile 2014 1 PREMESSA Il Consorzio camerale per il credito e la finanza, in accordo con Unioncamere Lombardia, intende individuare professionalità da

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE

LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE I problemi del sistema vigente Lo Sportello Unico per le attività Produttive (SUAP) non ha avuto diffusione su tutto il territorio nazionale e non ha sostituito

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

1. non intraprendere trattative di affari con operatori senza prima aver raccolto informazioni sull esistenza e l affidabilita della controparte;

1. non intraprendere trattative di affari con operatori senza prima aver raccolto informazioni sull esistenza e l affidabilita della controparte; CAUTELE NELLE TRATTATIVE CON OPERATORI CINESI La Cina rappresenta in genere un partner commerciale ottimo ed affidabile come dimostrato dagli straordinari dati di interscambio di questo Paese con il resto

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni DOMANDA DI CARTA DELL AZIENDA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di DATI DELL AZIENDA Denominazione

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

Centrale Rischi Banca d Italia: dal suo monitoraggio alla gestione attiva dell andamentale

Centrale Rischi Banca d Italia: dal suo monitoraggio alla gestione attiva dell andamentale Centrale Rischi Banca d Italia: dal suo monitoraggio alla gestione attiva dell andamentale di Luca Martini e Valerio Vimercati (*) In un contesto dove l accesso al credito da parte delle imprese risulta

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia/169/2015/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott.ssa Simonetta Rosa dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Premessa L accesso agli atti ed ai documenti amministrativi, introdotto nel nostro ordinamento dalla Legge 7 agosto 1990, n. 241, costituisce

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale»

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» La proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso

Dettagli

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Parere n. 5 del 22/6/2011 Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Oggetto: Programmazione nazionale dei

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE V MOD2 FR GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE INIZIATIVE DI FRANCHISI NG DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II Introduzione Questa guida è stata realizzata per

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO Premessa Il Centro Servizi Culturali Santa Chiara propone annualmente una Stagione di Teatro che si compone di differenti

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE ARTICOLO 1 (Istituzione e scopo) Con Protocollo di intesa, posto in allegato (All. 1),

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

SELEZIONI INTERNE PER LA COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO DI N.5 POSTI DI OPERATORE TECNICO SPECIALIZZATO-AUTOMEZZI, N.

SELEZIONI INTERNE PER LA COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO DI N.5 POSTI DI OPERATORE TECNICO SPECIALIZZATO-AUTOMEZZI, N. Azienda Ospedaliera Nazionale SS. Antonio e Biagio e Cesare Arrigo Alessandria Via Venezia, 16 15121 ALESSANDRIA Tel. 0131 206111 www.ospedale.al.it asoalessandria@pec.ospedale.al.it C. F. P. I. 0 1 6

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012

Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012 Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012 Presentazione dei risultati del progetto e prospettive future dr. Antonio Biasi

Dettagli

Al Responsabile del S.U.A.P.

Al Responsabile del S.U.A.P. Marca da bollo Da inviare al Comune competente mediante lettera A/R Al Responsabile del S.U.A.P. Comune di Penna Sant Andrea (TE) M0297/83-AB OGGETTO: Domanda di rilascio nuova autorizzazione di tipo A

Dettagli

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Fabio Ragaini, Gruppo Solidarietà Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Con Ordinanza 189/2010, www.grusol.it/informazioni/12-04-10.pdf, Il Tar delle

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale)

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale) Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale) Premesso che A) IL CONTESTO POLITICO - CULTURALE 1. Col Quarto Programma d azione (1996-2000) la politica europea

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto Mini Guida Lotta alle frodi nella RC Auto Guida realizzata da Con il patrocinio ed il contributo finanziario del LOTTA ALLE FRODI NELLA RC AUTO Le frodi rappresentano un problema grave per il settore della

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI VALENTINO DOMINI L attacco iniziale, prima azione di affrancamento della coppia controgiocante, è un privilegio e una responsabilità: molti contratti vengono battuti o realizzati proprio in rapporto a

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli