FESTIVAL DEL FUNDRAISING

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FESTIVAL DEL FUNDRAISING"

Transcript

1 FESTIVAL DEL FUNDRAISING line Un pacchetto di strumenti ONad alta penetrazione: AdWords, Youtube, Facebook e Twitter, la nuova concezione della mailing list con fruizione in mobilità. Ma anche le nuove piattaforme di crowdfunding che aggiungono un canale alla raccolta fondi e alla comunicazione dei progetti. Il digitale sta cambiando le regole del mestiere. Ma bisogna saperlo maneggiare, ridefinendo le caratterisrtiche del messaggio, che deve diventare contenuto. line L ubriacatura per il digi- non deve portare a di- OFFtale menticare che, al di là del canale, quel che conta è la capacità di un organizzazione di far passare il valore della propria mission, e coinvolgere il potenziale donatore. Per questo i vecchi strumenti continuano a essere un asset fondamentale. Che devono saper sposare con intelligenza le opportunità e gli acceleratori di efficacia che il digitale mette a disposizione. Dalla cura del database a... DAL 14 AL 17 MAGGIO QUESTI DUE POLI SI INCONTRANO L IMPORTANTE È CHE SIA OLISTICO a cura di Mattia Schieppati e Gabriella Meroni VITA MAGGIO 2013 Non è un santone. E se usa, per sintetizzare al massimo la nuova frontiera dei fundraiser, un termine più da guru orientale che da tecnologico esperto di comunicazione, è perché «che ci piaccia o no, nel giro di pochi anni le regole della comunicazione, e del fundraising, sono state stravolte, e forse non siamo stati abbastanza rapidi a trovare definizioni adatte». Daniele Fusi, Head of Marketing & Fundraising Department di ActionAid Italia, una definizione per quella che - anche a livello internazionale - viene considerata la nuova frontiera della raccolta fondi ha provato a darla, e al Festival del Fundraising proverà a scandire le regole del fundraising olistico. Ovvero, un messaggio, e una chiamata all attivazione, che va a «coinvolgere il tutto che sta intorno a una persona». Un approccio che sbaraglia ore e ore di incontri e discussioni, materia quotidiana in tutte le non profit, che si avvitano intorno alla definizione di strategie ormai superate, tra chi sostiene i cari vecchi metodi tradizionali, dal giornalino associativo, al direct mailing, alla giornata in piazza, e chi invece guarda al web come alla panancea di tutti i mali, come alla prateria fitta di potenziali donatori da andare a conquistare con un video simpatico o commovente piazzato su YouTube, o postando gli aggiornamenti sui progressi di un progetto sulla bacheca di Facebook. Non è questo il punto. «Già se ci si mette a pensare se una campagna è meglio svilupparla su un canale online o offline, se è meglio investire - a livello creativo e di risorse - sul direct mailing o in adv su Google, significa non aver capito nulla della realtà in cui ci troviamo». Una realtà che in cinque anni ha cambiato completamente le regole del gioco, e con la stessa rapidità ha richiesto alle organizzazioni non profit un cambiamento altrettanto rapido, ed elastico. CONTENUTO O MESSAGGIO? «Una rivoluzione che paradossalmente, proprio come conseguenza del proliferare dei mezzi di fruizione dei messaggi, ha messo in secondo piano il mezzo, e ha promosso lo stesso contenuto - attenzione, non parlo più di messaggio, ma di contenuto, che è un qualcosa di più complesso - a driver essenziale. Perché ormai il conte- >

2 nuto è il mezzo stesso. La prima cosa su cui oggi bisogna ragionare è quale sia il touchpoint, il punto di contatto attraverso cui l utente fruisce il mio contenuto. E attenzione: parlare di touchpoint è cosa diversa che parlare di mezzo di comunicazione. Perché oggi bisogna considerare sia il mezzo - il pc, lo smartphone, il tablet, ma magari anche uno schermo posto alla fermata del bus - che il momento e le modalità di fruizione», spiega Fusi. Pensare alla propria personale esperienza di utente, in effetti, aiuta. Ormai consultiamo lo smartphone in maniera compulsiva, in qualsiasi momento della giornata. Buttiamo un occhio alla mail, o a Facebook, sia quando stiamo cucinando, che quando siamo sul divano davanti alla tv, che durante una riunione in ufficio. Facciamo scorrere gli aggiornamenti di Twitter ormai quasi sovrappensiero, mentre stiamo facendo altro, e il nostro cervello si è in qualche modo abituato a ricevere messaggi, soppesarli e dargli un ordine di priorità e di interesse anche senza che ci si debba dedicare attenzione o concentrazione. Può essere considerata follia, ma tant è: oggi il rapporto dell utente con l insieme delle comunicazioni è questo, e così quando si invia un messaggio bisogna ragionare sul fatto che ci si sta andando a inserire in questa modalità frammentata di percezione e di attenzione. Continuare a ragionare e impostare campagne mettendo al centro il concetto di "target" è un anacronismo. DOV È IL MIO PUBBLICO? «Il pubblico si è polverizzato», conferma Fusi, «e qui sta la grande difficoltà, ma anche la sfida più affascinante, per chi fa comunicazione», e per chi la fa in un modo ancora più complicato, ovvero da fundraiser. «Prima era più facile, ma anche tutto più banale: a seconda del budget che avevi a disposizione, decidevi di fare una campagna massiccia in tv, oppure una pressante operazione di direct mailing, e sapevi chi andavi a colpire. Il tuo messaggio arrivava nella casella di posta del signor x, o della famiglia y. Il tuo spot tv trasmesso alle veniva visto dalla famiglia z che aveva appena finito di cenare, e magari di guardare il tg». Sapevi dov'era il tuo pubblico nel momento in cui gli arrivava il tuo messaggio, e più o meno potevi anche immaginare con buona approssimazione in che stato d'animo andava a inserirsi. Oggi? Chi può dire che cosa stia facendo, o peggio pensando, la persona che alle 11 del mattino riceve il tuo Tweet? «L unica certezza è che il fundraiser non ha più una massa di pubblico in un unico punto. E quindi nell impostare una campagna vanno costruiti nuovi mediaframe che devono prevedere un numero molto più complesso di variabili». Il gioco delle variabili è proprio l'aspetto più affascinante del nuovo mestiere del fundraiser. «Bisogna lavorare per approssimazione successiva, e provare a determinare a quali altri stimoli informativi è stata sottoposta la persona sia prima, sia dopo che è stata raggiunta dal mio messaggio. Perché il mio contenuto si inserisce in un flusso di messaggi d ambiti e contenuti più diversi, e devo fare in modo che non sia dissonante rispetto a questo flusso». Soprattutto, «non si può più pensare che sia il singolo messaggio a fare la differenza. Investo 10 euro per fare una campagna di pubblicità sugli smartphone, e il mio compito è finito lì. Errore. Il singolo stimolo non produce > 72 PARTNERSHIP: COSÌ SI COINVOLGE IL PROFIT Dopo l esperienza nel settore bancario presso la City di Londra, dal 2009 Douglas Campbell Rouse è a capo del Corporate Partnership team di Save the Children. In poco tempo i risultati economici del team sono quintuplicati, da 3,4 milioni di sterline a poco meno di 18 milioni nel Il suo successo nel settore non profit è stato preceduto da una carriera altrettanto precoce e dinamica: da impiegato presso la Williams e Glynn a quella di direttore dell Investment Banks First Interstate and Dresdner Kleinwort Benson dopo soli 15 anni. Campbell Rouse è la persona giusta per spiegare come sempre più le partnership strategiche col profit rappresenteranno un dovere per il non profit. Mr. Campbell Rouse, quali sono gli obiettivi del suo Partnerhip team? L'obiettivo è acquisire e sviluppare partnership strategiche che producano un duplice beneficio, per la nostra organizzazione e per l'azienda con cui stringiamo l'accordo. E che questo beneficio porti una ricaduta positiva di lungo termine. Quali skills deve avere un fundraiser professionista per avere successo in questo particolare settore d'attività? Una buona esperienza in un'azienda di medie dimensioni è un requisito essenziale. Dal punto di vista delle caratteristiche personali, è importante avere un'ottima propensione alle relazioni interpersonali, la capacità di sapersele creare e rafforzare nel tempo, combinata a tenacia e ambizione. Qual è il fattore chiave che un'organizzazione non profit deve avere per creare un buon engagement con un'impresa profit? Una proposta avvincente, concreta, che presenti degli spunti di interesse per quella che è "l'agenda" commerciale dell'azienda cui ci si propone. Siamo noi i primi a dover entrare in sintonia con le esigenze del profit. Come è cambiato, in questi anni, l'atteggiamento e la disponibilità del mondo profit nello stringere partnership con realtà del non profit? Le aziende in questi ultimi anni stanno riconoscendo il valore incredibile di partenariati strategici impostati sul lungo termine in grado di offrire con successo molteplici obiettivi per tutti gli stakeholder che vengono coinvolti. Quali sono le tre regole base per stabilire una partnership duratura e di successo? Primo, essere onesti e avere apertura mentale. Secondo, saper gestire le aspettative. Terzo e ultimo, creare valore aggiunto per i propri partner. 69 MAGGIO 2013 VITA

3 BEST PRACTICE A CONFRONTO Come usare al meglio il giusto mix tra strumenti di fundraising on e off-line 70 ON LINE ROBERTO COBIANCHI: NELLA PIAZZA DI TWITTER «twitter è Come una piazza. I messaggi devono assomigliare alla conversazione che si farebbe tra persone vere, non a slogan pubblicitari. Se no non funzionano»: è questa la chiave del successo di una campagna fatta di tweet secondo Roberto Cobianchi, 52 anni, titolare della Mimulus e dell Osservatorio Foursquare Italia. Per Cobianchi il marketing vecchio stile sui social media sa di artificioso: «La chiave vincente è la relazione tra persone. Se un associazione esce da quest ottica di calore e vicinanza rischia di usare il social come veicolo pubblicitario, un approccio perdente». Twitter consente di ricevere aggiornamenti brevi e incisivi dalle realtà che si seguono senza la gerarchizzazione operata automaticamente, per esempio, da Facebook. Un ottimo modo per legare a sé un sostenitore, a patto che non si cada in un altro errore: l autoreferenzialità. «Il nostro consiglio alle associazioni che sbarcano su Twitter è di alternare comunicazioni relative alla loro attività ad altre più di interesse generale. Nel resto del mondo ci sono esempi felici, come quello di Charity:water che più che parlare di sé dà spazio ai follower che hanno qualcosa da dire o informa su fatti e notizie interessanti nel proprio settore». Attenzione: «La raccolta fondi solo online non è ancora decollata in Italia. I social servono per stringere relazioni, poi si raccoglie altrove». OFF LINE MARIE AMADEI: IL MAILING FA LA PIRAMIDE obiettivo: Costruire una piramide. «Un sostenitore che effettua una prima donazione viene ringraziato e poi regolarmente informato sui progetti attraverso invii postali», spiega Marie Amadei, a.d. dell agenzia Idmc. «È un dialogo continuo che permetterà di accrescere la sua conoscenza dell ente e dunque la fiducia, spingendolo a compromettersi nuovamente e ad aumentare la sua fedeltà. Si dice in questo caso che sale nella piramide». Il senso di appartenenza lo porterà a percorrere tutti i gradini della scala, da semplice donatore a sostenitore coinvolto fino a inserire la stessa organizzazione fra i beneficiari nel proprio testamento. «Il direct mailing è una comunicazione diretta: senza intermediari, un presidente parla alle persone che vuole raggiungere», continua Amadei. «Non è vero che la gente non apre, non legge. Non tutti si danno ovviamente il tempo di farlo, ma quelli sensibili vogliono capire nel dettaglio». Nessuna paura quindi di annoiare, e niente sforbiciate drastiche ai testi: chi si priva di 30, 50 o 100 euro per donarli a un organizzazione non profit vuole essere pienamente informato. «Attraverso invii ben fatti, oltre alla donazione l associazione avrà anche conquistato un altro risultato: un database da analizzare e poi, eventualmente, utilizzare anche nelle campagne online». OFF LINE TIZIANA CORDISCO: VALE IL CONTATTO DIRETTO «ho solo 8 secondi per convincere il potenziale donatore ad aprire una busta: corrono velocissimi, finire nel cestino è un attimo». Si gioca davvero al fotofinish il lavoro (che magari dura settimane) di Tiziana Cordisco, una vita nel settore marketing per il non profit e titolare della società che porta il suo nome. «Il mio obiettivo è fare aprire quella busta. Per questo ci concentriamo moltissimo, insieme all associazione, sul messaggio che si vuole comunicare ma anche su altri elementi che possano attirare l attenzione, come i gadget, le immagini o le buste trasparenti». Non c è una ricetta standard: a volte i colori, le fotografie o un gadget ben congegnato fanno la differenza («come» ricorda Tiziana «il metro per misurare i bambini di Mani Tese, che aveva da un lato le misure standard dei paesi occidentali e dall altra quelle medie di un bambino africano»), altre volte invece una comunicazione essenziale e senza fronzoli arriva prima e meglio. «Il nostro target è essenzialmente composto da over 65», spiega, «che, arrivati a una stagione della vita in cui si riflette, si accorgono di poter fare qualcosa per chi è meno fortunato». Visto il target e lo strumento, la domanda che sorge spontanea riguarda l attualità del mailing: funziona ancora o è il passato? «Funziona», risponde Cordisco: «con i donatori già acquisiti mantiene viva la relazione, con i nuovi la crea, anche se i tassi di redemption possono apparire bassi: in media siamo attorno all 1%». Soprattutto, sottolinea, il gioco vale la candela quando il nuovo sostenitore non dona una volta e basta, ma diventa un donatore fedele: «Questo è in realtà il nostro obiettivo: conquistare all organizzazione un amico che non se ne andrà, ma anzi continuerà ad aprire con piacere la lettera che la sua associazione gli invia ogni tanto». VITA MAGGIO 2013

4 ON LINE SIMONE TORNABENE: LE ANAGRFICHE NELL EPOCA DI FACEBOOK CHE FACEBOOK POSSA ESSERE un generatore di passaparola formidabile è noto. Su come trasformare questa caratteristica in uno strumento di raccolta fondi sono state scritte milioni di pagine, ma un giovane dirigente di una società specializzata in marketing ha tradotto la teoria in pratica. «Due associazioni avevano bisogno di raccogliere le anagrafiche di potenziali donatori, e con Facebook e un paio di accorgimenti mirati ce l hanno fatta», racconta Simone Tornabene, 28 anni, Head of Digital di Cemit. Tornabene ha lavorato per due realtà molto presenti sui social network: Radio Maria e associazione Madonna di Fatima. Per la prima Cemit ha creato un form con cui richiedere gratuitamente un rosario a domicilio: grazie a una campagna pubblicitaria che ha raggiunto un milione di persone, 10mila utenti hanno richiesto il rosario in soli due mesi, permettendo all organizzazione di inviare anche una richiesta di sostegno attraverso la proposta di un rid. La seconda associazione voleva invece creare da zero un database di anagrafiche di potenziali donatori: «Cercavano persone interessate all argomento religioso, per andare più a colpo sicuro», spiega Tornabene, «e grazie alle potenzialità di profilazione offerte da FB la richiesta è stata esaudita». Partendo da zero, con una pagina FB tutta nuova, l associazione Madonna di Fatima ha guadagnato, dal 26 giugno 2012 a oggi, 140mila fans, di cui oltre la metà è attiva, cioè condivide regolarmente i contenuti postati sulla pagina. Quanto all anagrafica, in pochi mesi l associazione ha potuto contare su nominativi, di cui 4mila con indirizzo postale a cui inviare mailing. Cemit ha calcolato che i contenuti della pagina gestita dall associazione sono stati visti da due milioni di persone. «La redemption è molto alta in questo caso», spiega ancora Tornabene, «perché chi clicca like su pagine come questa è veramente interessato ai contenuti, li condivide, ci crede. Una selezione così accurata del target è possibile solo su Facebook, offline sarebbe impensabile». ON LINE GIORGIO TAVERNITI: LA POTENZA DI YOUTUBE ALLA GT IDEA C È ATTESA per l arrivo anche in Italia di Youtube for good, il canale per le charity che sta per sbarcare anche nel Belpaese. «Le potenzialità sono enormi», spiega Giorgio Taverniti, esperto Seo e Web Marketing della società, «perché con questo strumento si potranno raccogliere fondi direttamente, visualizzando il video. Comunque già oggi Youtube offre molte opportunità alle organizzazioni non profit, basta saperle cogliere». La chiave, come per tutti i motori di ricerca, è una sola: il posizionamento. Ovvero la facilità con cui un utente, digitando alcune parole chiave, riesce a trovare il video che interessa all associazione. «Lo stesso Youtube offre diversi strumenti utili per permettere di raggiungere esattamente il target di utenti che ci serve. C è Google trends, per esempio, che visualizza le parole chiave più cercate su Youtube in una determinata categoria, il Keyword tool dello stesso Youtube che permette di vedere quali sono le parole chiave più digitate che hanno fatto apparire proprio il nostro video». Gli step successivi sono quindi inserire, nel titolo o nei sottotitoli del video caricato dall associazione, le parole giuste per farlo salire nei risultati, fino all obiettivo finale: rientrare nella prima pagina di ricerca. «Bisogna ottimizzare, migliorarsi continuamente. La raccolta fondi su Youtube è appena partita, ma promette bene; soprattutto, permette di raggiungere i giovani, un traguardo da sogno per molte associazioni». OFF LINE MONICA BRAVI : L EVENTO FUNZIONA SEMPRE «FARE FUNDRAISING SIGNIFICA condividere un idea, un progetto, una mission; scopo del fundraiser è creare relazioni e consolidarle. Noi abbiamo scelto di raggiungere questi obiettivi attraverso gli eventi speciali, che sono contemporaneamente strumenti di raccolta, di incontro, di ringraziamento e di comunicazione». Spiega così la scelta della Fondazione Isabella Seragnoli il d.g. dell ente, Monica Bravi. E fa un esempio di cui in Fondazione vanno particolarmente fieri: il progetto Do ut do, una mostra partecipata da 38 artisti internazionali, che con grande generosità hanno donato una loro opera; quadri e installazioni che poi sono stati estratti a sorte tra tutti coloro che avevano effettuato una donazione alla Fondazione Seragnoli. «Stiamo parlando di Yoko Ono, Michelangelo Pistoletto, Mimmo Paladino, Vanessa Beecroft, che hanno partecipato insieme ad artisti emergenti», racconta Bravi. Certo, scegliendo di mettere le opere all asta si sarebbe raccolto di più «È stata una scelta precisa», spiega il direttore generale. «Tutti hanno partecipato per il piacere di donare, ci sarebbe sembrato inopportuno che l artista più quotato e l acquirente in grado di offrire di più potessero determinare il prezzo. In questo modo invece, c è stata una partecipazione corale, senza differenze, animata da un vivo sentimento di solidarietà, non solo da parte degli artisti ma anche dei tanti fornitori dell evento, che hanno reso possibile la serata di gala, la mostra, la musica offrendo i loro beni e servizi a favore dell Hospice». Di sicuro il donatore che si è ritrovato in casa un Pistoletto o un Paladino senza sborsarne il reale valore di mercato non dimenticherà tanto facilmente la Fondazione. Più fidelizzazione di così 71 MAGGIO 2013 VITA

5 69> più un azione di risposta. Non è più la singola azione che fa la differenza, ma la capacità di costruire un continuum, e di farlo intervenendo su più mezzi, inserendomi nella fruizione comune dell'utente e conquistandolo via via alla mia storia, perché la ritrova e ci si ritrova. Per questo parlo di contenuto, e non semplicemente di messaggio». IL FUNDRAISER-SEDUTTORE Per spiegare in modo efficace questo processo Fusi prende a modello il meccanismo più diffuso e innato di conquista: la conquista amorosa. «Quello che un associazione, e chi si occupa di fundraising, deve mettere in atto è una sorta di raffinato corteggiamento, perché l'amata da conquistare oggi è un amata particolarmente sofisticata e difficile. Lo scopo non è più quello della serata e via, ma è fidanzarsi. E quindi c è un primo appuntamento in cui si beve magari solo un caffé e si fanno due chiacchiere, poi ci si rivede e ti accompagno per vetrine a guardare le scarpe, anche se magari è l'ultima cosa che ho voglia di fare quel giorno... Però intanto costruisco un rapporto di fiducia, racconto pian piano che cosa è importante per me, e ascolto che cosa è importante per lei. Con il sostenitore non bisogna più cercare il flirt, non funziona più. Bisogna riuscire a fidanzarsi, a porre le basi per una relazione duratura». Il motivo? Ora sì che Fusi entra nel dettaglio dei numeri, «non dimentichiamoci che tutte le survey di settore ci evidenziano come più della metà della popolazione italiana non ha mai donato una volta in vita sua a una non profit. Noi continuiamo a rivolgerci e a stressare quella metà di popolazione che dona o ha donato, ma che probabilmente non ne può veramente più. E invece facciamo fatica a metterci a pensare a perché l altra metà non l ha mai fatto, e come possiamo provare a instaurare un dialogo con questa fetta di pubblico». Anche perché «la necessità di riconoscersi in qualcosa di più ampio e di più alto è innata in qualsiasi individuo, e il non profit opera proprio su questo livello, su temi e cause che entrano in quella sfera. Certo, non bisogna per questo pretendere che siccome la nostra causa è buona, allora chiunque sia disposto a fare di tutto per sostenerla. Dobbiamo diventare più bravi nel capire qual è il livello massimo di impegno di ogni singolo individuo: c è chi al massimo ti firma la petizione, chi ti dona 5 euro via sms, chi magari arriva al passo del lascito testamentario. Solo se con queste persone si instaura un rapporto continuativo si può arrivare a capire che cosa sono disposte a fare, e magari accompagnare la crescita di questa disponibilità». Da fundraiser a latin lover. Pronti per questa sfida? 72 ITALIAN FUNDRAISING AWARD I QUATTRO VINCITORI DELL EDIZIONE 2013 Quattro categorie, candidature da tutto il non profit e una giuria d eccezione VITA MAGGIO 2013 Èun evento nell'evento. Si tratta dell Italia Fundraising Award, il contest promosso dall Associazione Festival del Fundraising in collaborazione con Assif e Vita che ogni anno premia i protagonisti italiani della raccolta fondi. Quattro le categorie in gara: Fundraiser, Donatore, Volontario e Corporate Donor. Ecco un breve profilo dei vincitori 2013, che verranno premiati al Festival nella serata del 15 maggio. CATEGORIA FUNDRAISER Elena Zanella direttore Fundraising, Comunicazione e Marketing presso Fondazione Serena Onlus - Centro Clinico Nemo. Laureata in Scienze della Comunicazione alla Iulm di Milano e poi un Post Graduate alla Scuola d Alta Formazione Altis della Cattolica, ha promosso numerosi progetti di sensibilizzazione in collaborazione con vari enti come Aisla, Uildm e Telethon Fondazione Onlus. Dal 2012 è anche blogger di Vita Nonprofit. Nel novembre del 2009 è stata premiata con l Albo d oro Marketing Farmaffari per il Centro Clinico Nemo. CATEGORIA DONATORE Alberto Usuelli, candidato da Project for People Onlus, associazione cui si avvicina nel 2000 e dalla quale viene coinvolto in progetti di adozioni a distanza. Ad oggi sostiene a distanza 68 bambini tra India e Brasile; coinvolgendo anche altri membri della famiglia e lo studio Rari Nantes, contribuisce al sostegno di altri 50 bambini. CATEGORIA VOLONTARIO Aurelio Luglio candidato da BolognAil Onlus. Incontra Ail durante il periodo di cura di una malattia onco-ematologica, conosce il lavoro di Ail; quasi immediato il passaggio da ex-paziente a volontario. Ha coinvolto Aeroporto di Bologna, l azienda in cui lavora, in un azione di sensibilizzazione, di fundraising e di corporate social responsibility di grande impatto, e insieme a Newton Management Innovation, nasce il progetto Fai volare la Ricerca. CATEGORIA CORPORATE DONOR NWG Spa, azienda candidata da Amref Italia. È un azienda leader nella green economy per l installazione di impianti fotovoltaici. Dal 2003 collabora con Amref, a sostegno dei progetti idrici in Kenya: a oggi ha donato complessivamente euro, consentendo la realizzazione di 45 pozzi. Grazie a questi interventi, circa persone hanno avuto finalmente accesso ad acqua potabile e sicura.

6 VALERIO MELANDRI «UN MESTIERE PER GIOVANI SOGNATORI, COI PIEDI PER TERRA» Il direttore del Master in Fundraising fa il punto su una professione giunta alla svolta Come ogni anno (siamo alla sesta edizione), le giornate del Festival del Fundraising sono l occasione per fare il punto sulla professione del fundraiser, anche grazie agli stimoli che derivano dal confronto con esperti e professionisti provenienti da mezzo mondo. Un punto che proviamo a fare con Valerio Melandri, direttore del Master in Fundraising per il non profit e gli enti pubblici dell Università di Bologna. Chi sono, oggi, i fundraiser italiani? La cosa che può sembrare incredibile, ma che è tremendamente seria, è che a oggi nessuno lo può dire in maniera certa e scientifica. È per questo che stiamo lavorando appunto al primo censimento completo di tutto coloro che effettivamente si occupano di fundraising nel non profit, che nel loro mansionario hanno il termine fundraiser e fanno raccolta fondi specificatamente da privati o da fondazioni, escludendo quindi le figure che raccolgono risorse da bandi pubblici. È importante affermare un criterio scientifico di misurazione della professione, tracciare dei confini, per questo vogliamo fare un censimento, non un indagine a campione. Siamo già a arrivati a 935 persone, professionisti, che in Italia rispondono a queste caratteristiche, e siamo solo agli inizi. Crediamo che alla fine saranno circa 5mila. Tante o poche? È una professione in cui c è spazio? Lo spazio c è, ma il freno allo sviluppo è dato da una concezione ancora sbagliata di governance che condiziona il non profit. Dove il fundraiser è ancora considerato un costo, non una risorsa, e i fundraiser all interno delle organizzazioni non hanno libertà di spesa per svolgere al meglio il proprio lavoro, che vuol dire possibilità di investire per migliorare i risultati della raccolta fondi. Sviluppando sistemi per l analisi dei dati, per esempio, ma vorrebbe dire che una non profit dovrebbe investire, ripeto investire, su questo dai 4 ai 7mila euro... e pochi hanno il coraggio di farlo. Perché questo freno? Perché non si è mai fatta chiarezza sulla differenza tra non profit distributivo, quello delle fondazioni bancarie per esempio, che hanno costi di struttura alti pur dovendo solo distribuire fondi, e il non profit produttivo, all interno del quale la struttura, il fundraiser, deve andare a cercarsi i soldi, ma deve farlo all interno di un primetro di costi di struttura che devono essere compressi al minimo, perché una non profit che dichiara alti costi di struttura è considerata cattiva. È una mentalità completamente sbagliata, che ormai mostra la corda, e per questo bisogna tornare a fare un discorso culturale. Un discorso culturale che parta da chi ha il compito arduo e concreto di trovare risorse? Sì. Perché per motivi storici, culturali, ha finito per prevalere anche nella cattolica Italia quella mentalità protestante-capitalistica che ha creato una frattura tra interesse personale e bene comune. Per cui o uno persegue il proprio interesse personale e in parte dona qualcosa per il bene comune, oppure mette da parte l interesse personale e si dona totalmente al bene comune. È sbagliato. Il fundraiser ha il compito primario di ricomporre questa frattura, di riaffermare l esistenza di una terza via: nel fare il mio interesse personale, faccio anche il bene comune. Chi sono i ragazzi che si avvicinano oggi a questa professione? Sono felice di vedere che proprio tra i giovani non c è più questa separazione che fino a qualche anno fa era discriminante, i sognatori da una parte, che vogliono cambiare il mondo rinunciando a se stessi, e allora scelgono di dedicarsi anima e corpo al non profit, e di fare i fundraiser, dall altra parte gli squali-manager orientati al profitto, che sceglievano di andare a lavorare nella grande banca d affari simbolo del profit. Oggi si trovano nel mondo profit tanti giovani con una sana attenzione al sociale, così come nel non profit ci sono ragazzi coi piedi ben piantati per terra, con skills, professionalità ed entusiasmo pari a quelle dei loro coetanei che hanno scelto il profit. Nei giovani che partecipano al Master - e che vengono al Festival - vedo questa energia e questa consapevolezza, che è un bel passo avanti anche per la professione. È un bellissimo segnale. [M.S.] L'edizione 2013 del Festival del Fundraising si svolgerà dal 14 al 17 maggio presso il Grand Hotel Terme di Castrocaro. Il programma Classic approfondirà, attraverso lezioni e workshop, le esperienze di maggiore successo e le migliori tecniche di raccolta fondi (70 i relatori coinvolti, provenienti da tutto il mondo, oltre 80 i workshop previsti con case history sulla raccolta fondi), cui si aggiungono due sessioni plenarie su due temi di frontiera intitolate: Neuromarketing: il futuro del fundraising?; Leader! Chi guiderà il futuro del nonprofit?. Sono previste poi 4 Masterclass dedicate ai settori emergenti del fundraising italiano: Emotional Fundraising (con in cattedra Francesco Ambrogetti e Dan Hill); Fundraising per la Cultura (con Giovanni Festa); Fundraising per l Educazione (con Ben Morton); Fundraising per la Sanità (con Alberto Masacci). Per le informazioni sulla partecipazione, i programmi, i profili dei relatori, i costi e le modalità di prenotazione consultare il sito: 73 MAGGIO 2013 VITA

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

Catalogo formativo. Kaleidos Comunicazione Training Dpt. 01/01/2014

Catalogo formativo. Kaleidos Comunicazione Training Dpt. 01/01/2014 2014 Catalogo formativo Kaleidos Comunicazione Training Dpt. 01/01/2014 Internet Training Program Email Marketing Negli ultimi anni l email è diventata il principale strumento di comunicazione aziendale

Dettagli

Fatti trovare... Fatti preferire! Web Site» E-Commerce» Social Media» Web Marketing» Photo» Video» Graphic design

Fatti trovare... Fatti preferire! Web Site» E-Commerce» Social Media» Web Marketing» Photo» Video» Graphic design Fatti trovare... Fatti preferire! Web Site» E-Commerce» Social Media» Web Marketing» Photo» Video» Graphic design Come si trovano oggi i clienti? Così! ristorante pizzeria sul mare bel Perchè è importante

Dettagli

La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network

La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network Di cosa parliamo? La Borsa delle Idee è la soluzione per consentire alle aziende di coinvolgere attivamente le persone (dipendenti, clienti,

Dettagli

Company Profile 2014

Company Profile 2014 Company Profile 2014 Perché Alest? Quando una nuova azienda entra sul mercato, in particolare un mercato saturo come quello informatico viene da chiedersi: perché? Questo Company Profile vuole indicare

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond EBOOK la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond.it indice Capitolo 1 Metodo #1 per aumentare i Mi piace su Facebook: Concorsi 5 Capitolo 5 Metodo #5 per aumentare

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com Il mobile e lo shopping on demand Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto tradedoubler.com I canali di performance marketing mobile stanno trasformando l esperienza di acquisto

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Scegli il Totem. La forza di Tòco sta nella continuità.

Scegli il Totem. La forza di Tòco sta nella continuità. Studio Le tue aspettative, il nostro Totem. Nella tradizione indigena il tucano rappresenta la guida per la comunicazione tra la realtà ed il mondo dei sogni. Per Tòco è il simbolo della comunicazione

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

Produzioni dal Basso. Manuale di utilizzo della piattaforma

Produzioni dal Basso. Manuale di utilizzo della piattaforma Produzioni dal Basso Manuale di utilizzo della piattaforma FolkFunding 2015 Indice degli argomenti: 1 - CROWDFUNDING CON PRODUZIONI DAL BASSO pag.3 2 - MODALITÁ DI CROWDFUNDING pag.4 3- CARICARE UN PROGETTO

Dettagli

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A.

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A. Mobile Messaging SMS Copyright 2015 VOLA S.p.A. INDICE Mobile Messaging SMS. 2 SMS e sistemi aziendali.. 2 Creare campagne di mobile marketing con i servizi Vola SMS.. 3 VOLASMS per inviare SMS da web..

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

Elaidon Web Solutions

Elaidon Web Solutions Elaidon Web Solutions Realizzazione siti web e pubblicità sui motori di ricerca Consulente Lorenzo Stefano Piscioli Via Siena, 6 21040 Gerenzano (VA) Telefono +39 02 96 48 10 35 elaidonwebsolutions@gmail.com

Dettagli

I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola

I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola Europrogettista Il profilo è ricercato in particolare da ONG,

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Descrizione tecnica Indice

Descrizione tecnica Indice Descrizione tecnica Indice 1. Vantaggi del sistema Vertical Booking... 2 2. SISTEMA DI PRENOTAZIONE ON LINE... 3 2.1. Caratteristiche... 3 I EXTRANET (Interfaccia per la gestione del programma)... 3 II

Dettagli

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB?

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Registro 1 COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Guida pratica per muovere con successo i primi passi nel web INTRODUZIONE INDEX 3 6 9 L importanza di avere un dominio e gli obiettivi di quest opera Come è cambiato

Dettagli

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit.

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. NID Non profit Innovation Day Università Bocconi Milano, 12 novembre 2014 18/11/2014 1 Mi presento, da dove vengo? E perché

Dettagli

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO Tutte le aziende ed attività economiche hanno bisogno di nuovi clienti, sia per sviluppare il proprio business sia per integrare tutti quei clienti, che

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Guida agli strumenti etwinning

Guida agli strumenti etwinning Guida agli strumenti etwinning Registrarsi in etwinning Prima tappa: Dati di chi effettua la registrazione Seconda tappa: Preferenze di gemellaggio Terza tappa: Dati della scuola Quarta tappa: Profilo

Dettagli

Mai più senza smartphone.

Mai più senza smartphone. Mai più senza smartphone. Il telefonino ha superato il pc come mezzo di consultazione del web: 14,5 milioni contro 12,5 milioni.* Sempre più presente, lo smartphone è ormai parte integrante delle nostre

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee IL CONTESTO

Dettagli

Il software per la gestione smart del Call Center

Il software per la gestione smart del Call Center Connecting Business with Technology Solutions. Il software per la gestione smart del Call Center Center Group srl 1 Comunica : per la gestione intelligente del tuo call center Comunica è una web application

Dettagli

Prosegue il percorso di riflessione

Prosegue il percorso di riflessione strategie WEB MARKETING. Strategie di Customer Journey per la creazione di valore Il viaggio del consumatore in rete Come le aziende possono calarsi nell esperienza multicanale del cliente per costruire

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Che cos è il Marketing 3.0?

Che cos è il Marketing 3.0? Che cos è il Marketing 3.0? di Fabrizio Pieroni Philip Kotler, studioso di Marketing attento ai cambiamenti della società e pronto a modificare di conseguenza le sue posizioni, ha recentemente presentato

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

E. Bisetto e D. Bordignon per

E. Bisetto e D. Bordignon per Personal Branding pensare, creare e gestire un brand a cura di E. Bisetto e D. Bordignon per Cosa significa Personal Branding Come si fa Personal Branding Come coniugare Brand Personale e Brand Aziendale

Dettagli

Soluzioni di risparmio

Soluzioni di risparmio Soluzioni di risparmio Alla ricerca delle spese nascoste Visibile Gestita totalmente Aereo Treno Gestita tradizionalmente Servizi generalmente prenotati in anticipo e approvati dal line manager Meno potenziale

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

CORSI BREVI. Catalogo formativo 2015. /FitzcarraldoFon

CORSI BREVI. Catalogo formativo 2015. /FitzcarraldoFon CORSI BREVI Catalogo formativo 2015 La svolge attività di formazione dal 1989 ed è stata tra i primi in Italia a introdurre percorsi formativi legati al management e al marketing culturale. L'offerta formativa

Dettagli

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO Uno spot pubblicitario è formato da tre elementi principali: IMMAGINI MUSICA PAROLE L INFLUENZA DELLO SPOT SULLO SPETTATORE LE IMMAGINI Possono, anche tramite l'utilizzo

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Alessandra Cimatti*, Paolo Saibene Marketing Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Nelle fasi iniziali del processo d acquisto, oggigiorno, i compratori sono dei fai da te e - sempre

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

app, API e opportunità Integrazione delle piattaforme e il futuro di Internet

app, API e opportunità Integrazione delle piattaforme e il futuro di Internet app, API e opportunità Integrazione delle piattaforme e il futuro di Internet 2 app, API e opportunità Integrazione delle piattaforme e il futuro di Internet L integrazione delle piattaforme è il concetto

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & 2013 GENNAIO-MARZO 9 CORSI: MARKETING STRATEGY BRANDING & VIRAL-DNA CONTENT STRATEGY DESIGN & USABILITY WEB MARKETING CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT SOCIAL

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Logistica digitale delle Operazioni a premio

Logistica digitale delle Operazioni a premio Logistica digitale delle Operazioni a premio La piattaforma logistica delle operazioni a premio digitali BITGIFT è la nuova piattaforma dedicata alla logistica digitale delle vostre operazioni a premio.

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

1. Qual è l'idea e il progetto che si intende realizzare (il servizio o l'attività e le sue caratteristiche)?

1. Qual è l'idea e il progetto che si intende realizzare (il servizio o l'attività e le sue caratteristiche)? Il Progetto Caratteristiche del progetto 1. Qual è l'idea e il progetto che si intende realizzare (il servizio o l'attività e le sue caratteristiche)? L idea è di creare un centro giovani in Parrocchia

Dettagli

agenzia per le ONLUS Linee Guida per la Raccolta dei Fondi Agenzia per le Organizzazioni Non Lucrative di Utilità Sociale

agenzia per le ONLUS Linee Guida per la Raccolta dei Fondi Agenzia per le Organizzazioni Non Lucrative di Utilità Sociale agenzia per le Linee Guida per la Raccolta dei Fondi Agenzia per le Organizzazioni Non Lucrative di Utilità Sociale Linee Guida per la Raccolta dei Fondi 2010 Linee Guida per la Raccolta dei Fondi maggio

Dettagli

Ascolto, gestione degli spazi social e analisi con Hootsuite.com

Ascolto, gestione degli spazi social e analisi con Hootsuite.com Ascolto, gestione degli spazi social e analisi con Hootsuite.com #TTTourism // 30 settembre 2014 - Erba Hootsuite Italia Social Media Management HootsuiteIT Diego Orzalesi Hootsuite Ambassador Programma

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS.

L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS. SMS: usali per raggiungere i tuoi contatti... con un click! Guida pratica all utilizzo degli sms pubblicitari L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS. 2 SMS: usali

Dettagli

Domini, una guida per capire come avviare un business nel web. Il dominio, lʼinizio di qualsiasi attività sul web

Domini, una guida per capire come avviare un business nel web. Il dominio, lʼinizio di qualsiasi attività sul web Domini, una guida per capire come avviare un business nel web HostingSolutions.it, ISP attivo da 10 anni nel mondo della registrazione domini, vuole fornire ai propri clienti e non una breve guida che

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Master in Fundraising e Project Management

Master in Fundraising e Project Management Master in Fundraising e Project Management Il Master in Fundraising e Project Management, in collaborazione con l Università degli Studi di Roma Tor Vergata, è volto a formare esperti di raccolta fondi

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

L IDEA PER FAR CONOSCERE A TUTTI

L IDEA PER FAR CONOSCERE A TUTTI L IDEA PER FAR CONOSCERE A TUTTI IL VOSTRO LAVORO E LA VOSTRA PASSIONE I VOSTRI CAVALLI La nostra iniziativa vuole essere un aiuto agli allevatori per raggiungere ogni potenziale cliente e trasformarlo

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

L email marketing per negozi e negozianti

L email marketing per negozi e negozianti EMAIL MARKETING GURU 13 L email marketing per negozi e negozianti Attrezzi e consigli per entrare nel digitale dal bancone Prefazione a cura di Gianluca Diegoli di www.minimarketing.it Cosa c è nell ebook?

Dettagli

Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012

Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012 Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012 Presentazione dei risultati del progetto e prospettive future dr. Antonio Biasi

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

TECNICHE DI NEGOZIAZIONE E DI REDAZIONE DEI CONTRATTI DI VENDITA E DI DISTRIBUZIONE COMMERCIALE

TECNICHE DI NEGOZIAZIONE E DI REDAZIONE DEI CONTRATTI DI VENDITA E DI DISTRIBUZIONE COMMERCIALE RIEPILOGO CORSI Tecniche di negoziazione e di redazione dei contratti di vendita e di distribuzione commerciale Talenti & Vendite: la gestione della relazione commerciale Capire per vendere Tecniche di

Dettagli

www.noinoncilasceremomai.it

www.noinoncilasceremomai.it www.noinoncilasceremomai.it Chi siamo: la storia Il progetto trae ispirazione dalla vita di Vigor Bovolenta e sua moglie Federica Lisi che hanno, con il loro amore, sfidato il destino e la vita stessa.

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie

INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie Mobile Marketing Interattivo QR Code Inside Active Mailing Interattivo Interattivo Chi Siamo Interactive Advertising si avvale di un network di manager

Dettagli

REAL ESTATE. Il software per la gestione della presenza online per le agenzie immobiliari

REAL ESTATE. Il software per la gestione della presenza online per le agenzie immobiliari REAL ESTATE Il software per la gestione della presenza online per le agenzie immobiliari è un sistema progettato per garantire la semplice gestione della presenza online per le agenzie immobiliari. Il

Dettagli

Lettera aperta agli studenti di questo pianeta

Lettera aperta agli studenti di questo pianeta Lettera aperta agli studenti di questo pianeta Postscritto all edizione tascabile dell estate 2011 di The World Is Open: How Web Technology Is Revolutionizing Education C U R T I S J. B O N K, P R O F

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM INDICE Premessa Adotta una Scuola per l EXPO 2015: obiettivi Tipologie di scuole La procedura di selezione delle scuole Le modalità per adottare la

Dettagli

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO Che cos è la Convenzione Onu sui diritti dei bambini? La Convenzione sui diritti dei bambini è un accordo delle

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

LA TUA ASSICURAZIONE SULLA CARRIERA: FAR LAVORARE I SOCIAL MEDIA PER TE

LA TUA ASSICURAZIONE SULLA CARRIERA: FAR LAVORARE I SOCIAL MEDIA PER TE LA TUA ASSICURAZIONE SULLA CARRIERA: FAR LAVORARE I SOCIAL MEDIA PER TE LA TUA POLIZZA D ASSICURAZIONE SULLA CARRIERA: FAR LAVORARE I SOCIAL MEDIA PER TE I social media impattano praticamente su ogni parte

Dettagli