IL VALORE ECONOMICO-SOCIALE DEL FUNDRAISING

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL VALORE ECONOMICO-SOCIALE DEL FUNDRAISING"

Transcript

1 IL VALORE ECONOMICO-SOCIALE DEL FUNDRAISING Il fundraising per il volontariato: criteri ed opportunità Alessandra D'Attilio dottore commercialista revisore legale 1

2 definizione FUND RAISING è una espressione anglosassone con la quale si indica la raccolta di fondi destinati a sostenere attività senza scopo di lucro. Trova origine con riferimento alle organizzazioni non profit, ma attualmente si parla di fundraising anche con riferimento ad enti e servizi pubblici, e ad aziende che promuovono iniziative a contenuto sociale. Alessandra D'Attilio dottore commercialista revisore legale 2

3 fundraiser FUNDRAISER è chi raccoglie fondi: figura che deve avere ampia conoscenza delle diverse forme di raccolta, nonché saper gestire la comunicazione e le relazioni con i donatori. Da un indagine condotta dal centro studi Philanthropy e istituto Doxa, presentata al Festival del fundraising di Lazise (13/16 maggio 2014) l identikit del fundraiser professionista italiano è: 39 anni di età e 7 di esperienza nel non profit, laurea, retribuzione annua tra i 20 e i 40mila euro (retribuzione fissa, alla quale si può aggiungere una percentuale sui fondi raccolti o un bonus); si registra una prevalenza femminile (63.3% degli addetti), anche se nei ruoli di responsabilità si ha una prevalenza maschile. Il 65% degli operatori è concentrato in 5 settori: assistenza sociale; cooperazione internazionale; cultura e sport; istruzione e ricerca; sanità (fonte: Il Sole 24 ore, ) Alessandra D'Attilio dottore commercialista revisore legale 3

4 origini Il FUNDRAISING ha radici antiche. Già in epoche remote, si sentiva la necessità e l opportunità di coinvolgere soggetti della società civile nel miglioramento delle condizioni di vita della popolazione. In un codice ebraico, raccolta di regole sul valore degli atti di bontà, giustizia e beneficenza, si parla di possibilità di sollecitare i donatori. Anche i Greci, nel IV sec. A.C., raccoglievano sottoscrizioni, e lo stesso si faceva nell Impero romano. Le prime istituzioni caritative risalgono al medioevo, sviluppando attività di beneficenza, sanità e istruzione (accoglienza dei pellegrini, cura degli infermi, iniziative a favore di orfani e vedove, ospedali, carcerati). In epoca rinascimentale, lo Stato nella persona del sovrano sosteneva arte, cultura e scienza. Alessandra D'Attilio dottore commercialista revisore legale 4

5 storia e sviluppo Nell ottocento inizia l istituzione di società di mutuo soccorso, nascono le prime banche popolari e casse rurali, nonché iniziative nel campo dell istruzione scolastica e professionale. Nella seconda metà del XIX secolo, lo Stato inizia a estendere la sua influenza in ogni ambito della vita civile, sottraendo progressivamente spazio alla iniziativa e responsabilità dei privati. Gli interventi legislativi a ridosso dell Unità d Italia e dopo la seconda guerra mondiale, tendono a eliminare buona parte delle organizzazioni operanti nel sociale, affievolendo così l impulso del donatore a contribuire alle aziende non profit. Intorno ai primi anni settanta in Italia si assiste a una crisi della tradizione solidaristica e a una ripresa del mondo del volontariato e del non profit. Alessandra D'Attilio dottore commercialista revisore legale 5

6 Il fundraising è la nobile arte di insegnare alle persone la gioia di donare (Henry Rosso) Sebbene molti riconducano la nascita del fundraising all Europa e alle attività dei sacerdoti e della Chiesa, lo sviluppo più importante di questa disciplina si è avuto un secolo fa negli Stati Uniti, ove ha preso piede con la scuola nata dal pensiero di Henry Rosso. Alessandra D'Attilio dottore commercialista revisore legale 6

7 fundraising in Italia In Italia di attività di fundraising concepita in modo sistematico e scientifico si è iniziato a parlare solo una ventina di anni fa, e tuttora è vista da alcuni con una certa diffidenza. Il fundraising viene generalmente ricollegato alla cultura della carità o a quella filantropica e del mecenatismo, e fonda il suo significato sulla RESPONSABILITA SOCIALE che induce singoli individui ed entità collettive ad effettuare investimenti di risorse per il raggiungimento di comuni benefici sociali. Il fundraising si può quindi definire insieme delle teorie e delle tecniche necessarie a garantire la sostenibilità di una causa sociale e dell organizzazione che la persegue e di promuoverne lo sviluppo costante nel tempo verso una molteplicità di interlocutori pubblici e privati. Alessandra D'Attilio dottore commercialista revisore legale 7

8 fundraising in Italia Nel nostro paese, il fundraising si sta ritagliando un ruolo sempre più strategico. Ogni buona causa necessita di nuove risorse; esigenza che si amplifica in relazione ai seguenti fattori: crisi del welfare e dell intervento pubblico recessione economica crescita dei bisogni sociali competizione sempre più accesa tra le realtà che animano il Terzo Settore Alessandra D'Attilio dottore commercialista revisore legale 8

9 fundraising e reciprocità Il fundraising è ciò che l organizzazione fa per creare rapporti di interesse fra chi chiede risorse economiche, materiali e umane e chi è potenzialmente disponibile a donarle (Valerio Melandri, fundraiser e direttore del Master in fund raising presso l Università di Bologna) La interazione che nasce tra il donatore e l organizzazione beneficiaria afferisce alla categoria dell INTERESSE RECIPROCO, dello scambio sociale. A differenza dello scambio di beni equivalenti, tipico delle imprese profit, e di quello redistributivo, tipico degli enti pubblici, si tratta di uno scambio di RECIPROCITA. Nel contesto della DIMENSIONE RELAZIONALE, le parti apportano reciprocamente qualcosa di non misurabile, di non contrattabile, ma di personale e non di meramente strumentale. Fra gli esempi relazionali più classici: l abitudine a ritrovarsi in certe occasioni, la conoscenza reciproca, la fiducia che si instaura tra persone, e soprattutto lo scambio generato dal meccanismo di fund raising dove il donatore devolve risorse e l organizzazione non profit non restituisce un bene equivalente, ma esclusivamente un bene relazionale (ringraziamento, amicizia, appartenenza) unito, a volte, a un bene economico materiale di valore simbolico (come una tessera di socio, una notazione, una qualche forma di pubblicità indiretta). Alessandra D'Attilio dottore commercialista revisore legale 9

10 analisi e progettazione Alla base di un piano di fundraising efficace devono esserci un ANALISI e una PROGETTAZIONE finalizzate a individuare il migliore modello in relazione a quelle che sono le caratteristiche dell organizzazione. Prima ancora di impostare una strategia, bisogna tener conto di alcuni principi basilari fondamentali, utili in qualsiasi intervento di fundraising. Ken Burnett detta cinque assunti fondamentali, da tenere a mente riguardo ai potenziali finanziatori: i donatori in genere sono GENEROSI e sono ATTENTI ALLA GENTE; sono INTELLIGENTI; si aspettano di essere trattati con GENTILEZZA; sono INDIVIDUI, con interessi, abitudini e risposte differenti; è più probabile che rispondano meglio quando RICEVONO DA NOI CIO CHE VOGLIONO RICEVERE, piuttosto che ciò che non vogliamo che essi abbiano. Alessandra D'Attilio dottore commercialista revisore legale 10

11 strategia Raccogliere fondi non è come vendere profumi. Bisogna offrire una forte credibilità e non sottovalutare i cittadini (Massimo Coen Cagli, Direttore scientifico della Scuola di Fundraising di Roma, Autore del Manuale di fundraising: la raccolta fondi per le organizzazioni non profit ) I passaggi base di una strategia di marketing sociale sono: coinvolgimento e analisi dell organizzazione; analisi dell ambiente (opportunità e minacce, trend generali, soggetti e relazioni con i finanziatori); progettazione e pianificazione (definizione singole attività e scelta strumenti); messa in opera (staff, monitoraggio, gestione degli aspetti finanziari, contabili e fiscali); valutazione del piano e gestione degli esiti (analisi economica, valutazione potenzialità, fidelizzazione, rinnovo e incremento); revisione del ciclo (riformulazione di alcuni suoi presupposti e avvio di un nuovo ciclo). Alessandra D'Attilio dottore commercialista revisore legale 11

12 comunicazione Prima impara a comunicare, solo poi lavora per raccogliere fondi : è questo il messaggio emerso dal Festival del Volontariato che si è svolto a Lucca ad aprile Gli strumenti di comunicazione sono la base da cui partire: avere un sito internet usare i social network materiali cartacei E importante utilizzare strumenti che da un lato possano essere specifici per il target da raggiungere, dall altro non trascurino informazioni essenziali quali: chi è l associazione, cosa fa e di che tipo di aiuto ha bisogno Alessandra D'Attilio dottore commercialista revisore legale 12

13 il dono inizia con per favore e si chiude con grazie Il fundraising è molto più che semplice raccolta fondi perché il vero obiettivo per un associazione è costruire un RAPPORTO DUREVOLE NEL TEMPO che si fonda sulla FIDUCIA la quale, a sua volta, si basa sul DIALOGO COSTANTE con i donatori. L associazione deve comunicare la propria idea di COME RISOLVERE UN PROBLEMA puntando l attenzione sulla SOLUZIONE prima ancora che sul PROBLEMA. Nell illustrazione del problema, bisogna fornire dati precisi che ne illustrino la portata, la dimensione. Le organizzazioni che fanno bene fundraising sanno comunicare il progetto e la destinazione dei fondi raccolti, senza poi dimenticare di ringraziare il donatore e di rendicontare l esito della raccolta stessa. La vera ricchezza di un associazione è la sua rete di VOLONTARI e di CONOSCENZE perché da lì possono arrivare soluzioni a costo basso o nullo. Vitale è inoltre la conoscenza del territorio Alessandra D'Attilio dottore commercialista revisore legale 13

14 le sei regole d oro del fundraiser INFORMARE: meno retorica e più razionalità: i progetti realizzati vanno messi in primo piano RINGRAZIARE: il donatore è uno stakeholder, va trattato con grande rispetto DIALOGARE: valorizzare il contatto diretto anche quando la donazione arriva grazie a un appello tv INNOVARE: no a slogan o cliché. Le immagini dei bimbi africani ormai sono ritrite MOSTRARSI: a mobilitarsi per fare fundraising dovrebbe essere innanzitutto il presidente RIFLETTERE: pensare anche ai non donatori. Bisogna ragionare sulle loro motivazioni. Alessandra D'Attilio dottore commercialista revisore legale 14

15 messaggio di fundraising L azione di fundraising ha una funzione di sensibilizzazione e mobilitazione, in ordine ai problemi e alle cause sociali che ne sono oggetto. Molte cause sociali si sono affermate proprio a seguito di campagne di raccolta fondi. Le cause sociali, in relazione alla tipologia di intervento, si possono classificare in: TANGIBILI: si tratta di interventi che apportano benefici immediati e facilmente comunicabili (es. costruzione di una scuola, di un ospedale, di una struttura di accoglienza; restauro di un opera d arte). Una OdV che si occupa di queste cause può comunicare con semplicità e chiarezza i risultati del progetto, può mostrare gli stati di avanzamento attraverso fotografie, visite sul campo. INTANGIBILI: sono più difficili da comunicare, i risultati sono immateriali e difficilmente quantificabili. Ad esempio il sostegno alla ricerca scientifica oppure alle campagne di sensibilizzazione, in cui non è facile esplicitare cosa è stato possibile fare con un contributo specifico. Alessandra D'Attilio dottore commercialista revisore legale 15

16 comunicazione = valore La causa che una OdV intende portare avanti non assume VALORE finchè non può essere comunicata in maniera efficace ai soggetti che la possono sostenere direttamente con i loro contributi. Affinchè l azione di fundraising possa essere efficiente, è necessario che il pubblico conosca la OdV, la sua missione e i suoi progetti. I messaggi devono avere la massima originalità: il distinguersi dagli altri è l inizio del successo. E essenziale dimostrare che l OdV ha un anima e dei valori distintivi, che si differenzia da altre organizzazioni anche simili; sa trasmettere e condividere la passione del proprio impegno, comunicare efficacemente i risultati raggiunti, cioè l utilità sociale realmente prodotta. Alessandra D'Attilio dottore commercialista revisore legale 16

17 caratteristiche del messaggio Il messaggio di fundraising dovrebbe avere le seguenti caratteristiche: essere semplice, conciso e completo; prospettare un interesse a donare, fornendo al donatore un motivo razionale, oltre che emotivo; umanizzare la causa: un messaggio dovrebbe essere centrato sulle persone, per dare credibilità all operato dell OdV. Nella comunicazione bisogna coinvolgere gli utenti dei servizi, come testimonial. E una caratteristica dell essere umano capire il generale attraverso il particolare, perché favorisce il meccanismo di identificazione; fissare un traguardo temporale per la raccolta; anticipare e sciogliere i possibili dubbi del donatore sulle modalità di impiego dei fondi raccolti; indicare concreti obiettivi raggiungibili anche con una donazione di modico valore, per dare a ogni donatore la misura dell utilità e dell importanza del suo gesto; raccontare, se esistono, i risultati conseguiti in precedenti progetti; indicare le modalità con cui in concreto contribuire: denaro, beni, tempo Alessandra D'Attilio dottore commercialista revisore legale 17

18 strumenti Esiste un ampio ventaglio di soluzioni per la raccolta fondi, più o meno tradizionali o innovative: tesseramento merchandising (vendita diretta di gadget) eventi (finalizzati alla raccolta fondi e/o alla promozione pubblicitaria) creazione di partnership con imprese del settore profit direct marketing telemarketing (es. donazioni tramite SMS solidali) online fundraising (utilizzo di piattaforme web) Alessandra D'Attilio dottore commercialista revisore legale 18

19 mix di strumenti La scelta dello strumento o del mix di strumenti influenza la struttura del messaggio e, di conseguenza, porta a risultati differenti. E consigliabile costruire piani di fundraising tramite l uso di strumenti diversi ma coordinati, perché un unico strumento non è sufficiente e, anche se lo fosse, è rischioso puntare tutto su quello. Gli strumenti possono essere classificati in: strumenti a supporto diretto della raccolta fondi strumenti a supporto indiretto della raccolta fondi altri strumenti Alessandra D'Attilio dottore commercialista revisore legale 19

20 strumenti a supporto diretto Rientrano nel direct marketing, che ha cinque caratteristiche: selettività capillarità personalizzazione flessibilità misurabilità Alessandra D'Attilio dottore commercialista revisore legale 20

21 strumenti a supporto diretto INVIO POSTALE (direct mailing), ossia la spedizione di lettere, depliant, pieghevoli cartacei. Rimane uno dei metodi più efficaci; è utilizzato soprattutto dalle ONP di medie-grandi dimensioni, dotate di risorse umane ed economiche per gestirlo. In genere si concentra a Natale. Deve avere grafica e contenuto accattivante, deve essere soggetto a un monitoraggio costante nell ottica di un progressivo, continuo miglioramento. SMS SOLIDALE. Rappresenta una modalità efficace di raccolta fondi per la facilità dell operazione, il modesto importo richiesto e per l elevato coinvolgimento emotivo dei donatori, generalmente sollecitati a seguito di calamità. E molto utilizzato anche nel settore della ricerca scientifica. Alessandra D'Attilio dottore commercialista revisore legale 21

22 strumenti a supporto diretto INTERNET. Deve essere considerato in primo luogo uno strumento per la costruzione di relazioni e solo secondariamente come strumento di fundraising. E sopravvalutato ed eccessivamente promosso come strumento di fundraising; in realtà è necessario usarlo come strumento addizionale ai classici, in quanto permette di migliorare le proprie capacità in termini di raccolta fondi, ma non sostituisce le tecniche tradizionali (in particolare, il contatto diretto con il donatore). SITO INTERNET. E un biglietto da visita virtuale della ONP, deve essere considerato non solo un momento di promozione e presentazione dell organizzazione, ma un vero e proprio punto di informazione e aggregazione. Devono essere molto curati grafica e aspetti di contatto ( , forum, bacheche e news). Ogni visitatore va considerato anche come un potenziale donatore in quanto le informazioni, le immagini, gli appelli, le parole contenute nel sito possono indurre ad effettuare una donazione online (attraverso carta di credito) oppure una donazione offline con le modalità più classiche (conto corrente postale, bonifico o altro) Alessandra D'Attilio dottore commercialista revisore legale 22

23 strumenti a supporto diretto DIRECT ING. Il problema principale è creare un data-base di indirizzi. E opportuno fornire una buona ragione per lasciare l indirizzo (esempio un incentivo, un regalo). E importantissimo identificarsi attraverso una casella specifica, che permetta al destinatario di individuare con chiarezza il mittente. NEWSLETTER. Comunicazione periodica inviata gratuitamente a tutti i richiedenti, che contiene informazioni aggiornate su argomenti correlati alla vita e alle attività della ONP. La possibilità di iscriversi viene data nel sito web. Può essere un importante strumento di informazione, ma non deve essere una mera riproposizione del giornale cartaceo. Deve essere agile, diversificata nei contenuti, di agevole lettura, con fotografie esplicative e brevi testi. BLOG. Il nome è la forma contratta di WEB e LOG; è un completamento del sito ufficiale, un diario scritto su web e pubblicato in ordine cronologico. Non prevede tempistiche fisse e scadenze, è il blogger che ne decide modalità e frequenza. Alessandra D'Attilio dottore commercialista revisore legale 23

24 strumenti a supporto diretto SOCIAL NETWORK. Può diventare per le ONP un valido canale di diffusione della mission, di sostegno dell immagine, di svolgimento delle azioni di raccolta fondi. Deve essere dedicata una cura particolare all identificazione delle possibili categorie di destinatari e della loro capacità e volontà di ritrasmettere ad altri il messaggio contribuendo in prima persona alla sua diffusione. E importante cogliere gli elementi emotivi o razionali di un messaggio che possono spingere alla sua diffusione e ad una possibile azione in favore di una donazione. Tra i social, FACEBOOK è una piattaforma in continua crescita; l affollamento esistente su di essa, però, può rendere difficile in molti casi porsi in evidenza o porre in primo piano la propria organizzazione. E opportuno evitare il moltiplicarsi di pagine facebook legate magari alle diverse sezioni locali dell organizzazione o a qualche volontario entusiasta: meglio invitare tutti a convergere su un unica pagina. Anche TWITTER è una piattaforma utilizzabile. Per avere sempre più seguaci è necessario iniziare a cinguettare scrivendo al meglio i propri tweet e riuscire a scrivere aggiornamenti interessanti in modo da dare ai seguaci un motivo per seguire il profilo. Ogni aggiornamento dovrebbe avere un hashtag, con l uso del simbolo #, per favorire la contestualizzazione. Alessandra D'Attilio dottore commercialista revisore legale 24

25 strumenti a supporto diretto CROWDFUNDING. La raccolta online si può effettuare direttamente o indirettamente. Le ONP più grandi possono effettuare raccolta online direttamente, attraverso un proprio sito. Per le più piccole, o meno conosciute, si può iniziare appoggiandosi a siti già esistenti, effettuando un fundraising indiretto, evitando di dover strutturare all interno del proprio sito un meccanismo di gestione diretta dei pagamenti. Crowdfunding significa finanziamento dalla folla, dal basso, una tecnica nata alla fine degli anni 90. Si tratta di piattaforme che diventano vetrine per i progetti per i quali si chiedono finanziamenti. La facilità di contatto tra chi dona e chi chiede donazioni e la possibilità di seguire in tempo reale l andamento delle donazioni ne rappresentano due elementi di forza. Di norma, se non si raggiunge la cifra ipotizzata nel tempo prefissato, le offerte tornano in possesso del sostenitore e il progetto non viene realizzato. La maggior parte delle piattaforme trattiene un fee (in genere il 5%), ma ce ne sono anche di gratuite. CONTATTO DIRETTO. Il passaparola è uno strumento efficacissimo di comunicazione, conferisce un grande peso al messaggio e al suo contenuto, perché trasmesso da una persona che si conosce e si stima. Alessandra D'Attilio dottore commercialista revisore legale 25

26 strumenti a supporto diretto EVENTO SPECIALE. E una manifestazione aperta ad un determinato pubblico, che richiede una preparazione intensa, professionale e si sviluppa in uno o più giorni. E una delle opportunità più importanti per comunicare a più target, crea contatti personali che nessun altro tipo di comunicazione può produrre. Esistono svariati tipi di eventi: sottoscrizioni a premi, distribuzione di gadget o di prodotti deperibili (azalee, bonsai, arance, stelle di natale, panettoni, uova di Pasqua), a offerta libera, generalmente previa fissazione di un contributo minimo. Questo tipo di evento, o campagna, in genere si ripete con cadenza annuale; ha un organizzazione complessa e costosa e, in questi ultimi anni, è molto inflazionato. Le grandi organizzazioni, con ampia distribuzione territoriale, migliaia di volontari e capillarità di presenza sul territorio, riescono ad ottenere risultati significativi. Per le piccole organizzazioni, si tratta di eventi che comportano un investimento molto aleatorio nei risultati. Eventi speciali possono essere anche cene di beneficenza, lotterie, tornei, partite di calcio, spettacoli, concerti, convegni, etc.. Gli obiettivi essenziali che si perseguono quando si organizza un evento sono: promuovere l immagine dell associazione (diffondere la conoscenza della mission; motivare volontari, dipendenti e dirigenti; espandere la rete di relazioni; far parlare i media); reperire risorse per proseguire l attività (risorse economiche, risorse umane in termini di nuovi volontari; risorse in natura, in termini di beni e servizi). Alessandra D'Attilio dottore commercialista revisore legale 26

27 strumenti a supporto diretto TESTIMONIAL. L efficacia di un evento o più in generale di uno strumento di fundraising può essere rafforzata dalla presenza/immagine di un personaggio famoso, perché traspone la fiducia dei suoi fans all evento/strumento stesso, garantendo anche di fare notizia sui media. Deve essere però un personaggio in qualche modo attinente alla causa, coinvolto e con un entusiasmo che vada oltre quanto gli viene richiesto. L adesione deve essere autentica e non occasionale: senza questa condizione il testimonial può addirittura danneggiare la causa e la propria stessa immagine. La celebrità non può essere il solo criterio di scelta. Si possono avere ottimi riscontri anche con personaggi non famosissimi, purchè credibili e realmente motivati. Alessandra D'Attilio dottore commercialista revisore legale 27

28 strumenti a supporto indiretto Erano usati in passato, oggi non garantiscono grandi risultati VOLANTINO INSERTO PUBBLICITARIO AFFISSIONE RADIO CINEMA (spot) Alessandra D'Attilio dottore commercialista revisore legale 28

29 altri strumenti DEPLIANT ISTITUZIONALE SOLLECITAZIONE TELEFONICA (telemarketing) TELEVISIONE SALVADANAIO (collecting box) Alessandra D'Attilio dottore commercialista revisore legale 29

30 fidelizzazione Un passaggio essenziale del ciclo di raccolta fondi riguarda la FIDELIZZAZIONE. La professionalizzazione dell attività di fund raising porta a un miglior impiego delle risorse, a soluzioni più strategiche ed efficaci. Una evoluzione che non può, però, prescindere da una condizione antica: il FATTORE FIDUCIA. Pietra miliare del fundraising è la capacità di dare fiducia ai donatori sul fatto che le loro donazioni sono utilizzate per la causa che intendono sostenere. La fiducia informata è la più solida garanzia affinchè risorse private e pubbliche possano sostenere i progetti delle ONP. La prima regola è che i soldi non si danno a chi ne ha bisogno, ma a chi dimostra di saper soddisfare il bisogno; il beneficiario deve dimostrare l uso che ha fatto dei fondi. Alessandra D'Attilio dottore commercialista revisore legale 30

31 codice etico In Italia, purtroppo, siamo ancora lontani dalle regole di trasparenza esistenti negli Stati Uniti e in altri paesi. L Associazione Italiana Fundraiser nel 2004 si è dotata di un CODICE ETICO DEL FUNDRAISER. Da più parti si avverte la necessità, anche in Italia come all estero, di un Ente autorevole che possa garantire, sulla base di rigorosi processi di verifica, che principi e regole siano osservati. Alessandra D'Attilio dottore commercialista revisore legale 31

32 donare con fiducia L unico esempio di certificazione è costituito dal marchio DONARE CON FIDUCIA rilasciato dall ISTITUTO ITALIANO DELLA DONAZIONE ai propri aspiranti soci, una volta superate fasi di controllo e verifiche ispettive da parte di commissioni di esperti su trasparenza, efficacia ed efficienza. Alessandra D'Attilio dottore commercialista revisore legale 32

33 GRAZIE INFINITE per l attenzione Alessandra D'Attilio dottore commercialista revisore legale 33

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

Che cos è il Marketing 3.0?

Che cos è il Marketing 3.0? Che cos è il Marketing 3.0? di Fabrizio Pieroni Philip Kotler, studioso di Marketing attento ai cambiamenti della società e pronto a modificare di conseguenza le sue posizioni, ha recentemente presentato

Dettagli

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

Produzioni dal Basso. Manuale di utilizzo della piattaforma

Produzioni dal Basso. Manuale di utilizzo della piattaforma Produzioni dal Basso Manuale di utilizzo della piattaforma FolkFunding 2015 Indice degli argomenti: 1 - CROWDFUNDING CON PRODUZIONI DAL BASSO pag.3 2 - MODALITÁ DI CROWDFUNDING pag.4 3- CARICARE UN PROGETTO

Dettagli

agenzia per le ONLUS Linee Guida per la Raccolta dei Fondi Agenzia per le Organizzazioni Non Lucrative di Utilità Sociale

agenzia per le ONLUS Linee Guida per la Raccolta dei Fondi Agenzia per le Organizzazioni Non Lucrative di Utilità Sociale agenzia per le Linee Guida per la Raccolta dei Fondi Agenzia per le Organizzazioni Non Lucrative di Utilità Sociale Linee Guida per la Raccolta dei Fondi 2010 Linee Guida per la Raccolta dei Fondi maggio

Dettagli

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit.

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. NID Non profit Innovation Day Università Bocconi Milano, 12 novembre 2014 18/11/2014 1 Mi presento, da dove vengo? E perché

Dettagli

INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie

INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie Mobile Marketing Interattivo QR Code Inside Active Mailing Interattivo Interattivo Chi Siamo Interactive Advertising si avvale di un network di manager

Dettagli

IL FESTIVAL. Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio

IL FESTIVAL. Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio IL FESTIVAL Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio della Tuscia ma con una forte vocazione internazionale, premiato al Jazzit Awards come

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS.

L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS. SMS: usali per raggiungere i tuoi contatti... con un click! Guida pratica all utilizzo degli sms pubblicitari L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS. 2 SMS: usali

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola

I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola Europrogettista Il profilo è ricercato in particolare da ONG,

Dettagli

Cap.12 Le relazioni pubbliche. Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it

Cap.12 Le relazioni pubbliche. Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Cap.12 Le relazioni pubbliche Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Capitolo 12 Le relazioni pubbliche Le relazioni pubbliche (PR) Insieme di attività

Dettagli

Il Fund Raising per la cultura: realtà o miraggio?

Il Fund Raising per la cultura: realtà o miraggio? Il Fund Raising per la cultura: realtà o miraggio? Marianna Martinoni Per citare il contenuto di queste slides, usate il seguente formato: Martinoni M, (2010), Lezioni di fundraising: Il Fund Raising per

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS AGENDA Il contesto la strategia europea Significati e definizioni Disseminazione:quando e come, a beneficio di chi? Youthpass Link e materiali di disseminazione

Dettagli

Informazioni sulle modalità di collaborazione al Progetto Avvocato di Strada

Informazioni sulle modalità di collaborazione al Progetto Avvocato di Strada Informazioni sulle modalità di collaborazione al Progetto Avvocato di Strada Uno degli obiettivi istituzionali del Progetto Avvocato di Strada è quello di esportare il proprio modello nelle città dove

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

CORSI BREVI. Catalogo formativo 2015. /FitzcarraldoFon

CORSI BREVI. Catalogo formativo 2015. /FitzcarraldoFon CORSI BREVI Catalogo formativo 2015 La svolge attività di formazione dal 1989 ed è stata tra i primi in Italia a introdurre percorsi formativi legati al management e al marketing culturale. L'offerta formativa

Dettagli

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 Nucleo di Valutazione RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 (ex art. 5, comma 21 della Legge 24 dicembre 1993 n. 537) - GIUGNO 2015 - DOC 07/15 Sommario: 1. Obiettivi e struttura

Dettagli

Per chi ha bisogno: in ogni momento e in qualsiasi luogo. Catalogo 2013

Per chi ha bisogno: in ogni momento e in qualsiasi luogo. Catalogo 2013 Per chi ha bisogno: in ogni momento e in qualsiasi luogo. Catalogo 2013 Per i tuoi regali di Natale scegli di essere al fianco del WFP: in ogni momento e in qualsiasi luogo. Scegli i tuoi regali aziendali

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

donare&ricevere Guida rapida alle norme sulla donazione + dai - versi!

donare&ricevere Guida rapida alle norme sulla donazione + dai - versi! Guida rapida alle norme sulla donazione + dai - versi! DONARE AL VOLONTARIATO Vantaggi e opportunità per imprese e persone!l attuale normativa, dopo l approvazione anche della legge Le Organizzazioni di

Dettagli

Scegli il Totem. La forza di Tòco sta nella continuità.

Scegli il Totem. La forza di Tòco sta nella continuità. Studio Le tue aspettative, il nostro Totem. Nella tradizione indigena il tucano rappresenta la guida per la comunicazione tra la realtà ed il mondo dei sogni. Per Tòco è il simbolo della comunicazione

Dettagli

Catalogo formativo. Kaleidos Comunicazione Training Dpt. 01/01/2014

Catalogo formativo. Kaleidos Comunicazione Training Dpt. 01/01/2014 2014 Catalogo formativo Kaleidos Comunicazione Training Dpt. 01/01/2014 Internet Training Program Email Marketing Negli ultimi anni l email è diventata il principale strumento di comunicazione aziendale

Dettagli

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A.

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A. Mobile Messaging SMS Copyright 2015 VOLA S.p.A. INDICE Mobile Messaging SMS. 2 SMS e sistemi aziendali.. 2 Creare campagne di mobile marketing con i servizi Vola SMS.. 3 VOLASMS per inviare SMS da web..

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

L IDEA PER FAR CONOSCERE A TUTTI

L IDEA PER FAR CONOSCERE A TUTTI L IDEA PER FAR CONOSCERE A TUTTI IL VOSTRO LAVORO E LA VOSTRA PASSIONE I VOSTRI CAVALLI La nostra iniziativa vuole essere un aiuto agli allevatori per raggiungere ogni potenziale cliente e trasformarlo

Dettagli

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012 ATTIVITA 2012 L ORMA Educazione e Promozione Sociale Presentazione servizi e attività Anno 2012 L Orma è una realtà che opera da più di 10 anni nel settore dell Educazione e della Promozione Sociale. Tutte

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva. Roma, 30 maggio 2002

SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva. Roma, 30 maggio 2002 SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva Roma, 30 maggio 2002 Indice Lo scenario italiano 3-10! Come la pensano gli italiani! Le cause sociali di maggiore interesse! Alcuni casi italiani! Il consumatore

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

10 errori e-mail da evitare!

10 errori e-mail da evitare! 10 errori e-mail da evitare! Dal sito PILLOLE DI MARKETING WEB Le e-mail sono parte integrante dell attività di business come mezzo di contatto e di relazione e come tali diffondono l immagine di aziende

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Master in Fundraising e Project Management

Master in Fundraising e Project Management Master in Fundraising e Project Management Il Master in Fundraising e Project Management, in collaborazione con l Università degli Studi di Roma Tor Vergata, è volto a formare esperti di raccolta fondi

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

EROGAZIONI LIBERALI: le agevolazioni fiscali

EROGAZIONI LIBERALI: le agevolazioni fiscali le agevolazioni fiscali aggiornata con la normativa in vigore al 30 novembre 2007 INDICE 1. PREMESSA 2 2. LE LIBERALITÀ ALLE ONLUS 4 La deducibilità dal reddito delle erogazioni liberali alle ONLUS 4 La

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA

OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA Le presenti Linee Guida si applicano ad ogni amministratore, direttore, dipendente a tempo pieno o parziale, docente, esterno

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond EBOOK la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond.it indice Capitolo 1 Metodo #1 per aumentare i Mi piace su Facebook: Concorsi 5 Capitolo 5 Metodo #5 per aumentare

Dettagli

FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente

FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente un grande evento mondiale una grande festa popolare Che cos è Far east Film Festival? Un grande evento popolare Far East

Dettagli

Descrizione tecnica Indice

Descrizione tecnica Indice Descrizione tecnica Indice 1. Vantaggi del sistema Vertical Booking... 2 2. SISTEMA DI PRENOTAZIONE ON LINE... 3 2.1. Caratteristiche... 3 I EXTRANET (Interfaccia per la gestione del programma)... 3 II

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti BANDI 2015 2 Guida alla presentazione La Fondazione Cariplo è una persona giuridica privata, dotata di piena autonomia gestionale, che, nel quadro delle disposizioni della Legge 23 dicembre 1998, n. 461,

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1 Natura e Sede 3. Articolo 2 Durata. 3. Articolo 3 - Contrassegno 3. Articolo 4 Oggetto e finalità 3

REGOLAMENTO. Articolo 1 Natura e Sede 3. Articolo 2 Durata. 3. Articolo 3 - Contrassegno 3. Articolo 4 Oggetto e finalità 3 non statuto REGOLAMENTO pagina 2 di 5 Articolo 1 Natura e Sede 3 Articolo 2 Durata. 3 Articolo 3 - Contrassegno 3 Articolo 4 Oggetto e finalità 3 Articolo 5 Adesione al MoVimento 4 Articolo 6 Finanziamento

Dettagli

OGGETTO: Giornata del dono e Concorso "Donare, molto più di un semplice dare"

OGGETTO: Giornata del dono e Concorso Donare, molto più di un semplice dare Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e di formazione Direzione Generale per lo Studente, l Integrazione e la Partecipazione Ufficio

Dettagli

NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG

NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG Premessa TELEPASS S.p.A. Società per Azioni, soggetta all attività di direzione e coordinamento di Autostrade per l Italia S.p.A., con sede legale in Roma,

Dettagli

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito OdV Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito di Sebastiano Di Diego* Nell articolo viene descritto il variegato regime fiscale, ai fini IRES, delle associazioni

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2011 Progetto Istanze On Line 21 febbraio 2011 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 PROGETTO ISTANZE ON LINE... 4 2.1 COS È E A CHI È RIVOLTO... 4 2.2 NORMATIVA

Dettagli

Bando chefare. 1. Cos è. 2. Contesto. Milano, 18/04/2015

Bando chefare. 1. Cos è. 2. Contesto. Milano, 18/04/2015 Milano, 18/04/2015 Bando chefare 1. Cos è L Associazione Culturale chefare pubblica il presente bando con la finalità di: 1. assegnare un contributo a favore di un progetto di innovazione culturale caratterizzato

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale

Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale Progetto Nazionale di Educazione al Patrimonio 2011-2012 Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale Presentazione Sul presupposto che si conserva

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM INDICE Premessa Adotta una Scuola per l EXPO 2015: obiettivi Tipologie di scuole La procedura di selezione delle scuole Le modalità per adottare la

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Fatti trovare... Fatti preferire! Web Site» E-Commerce» Social Media» Web Marketing» Photo» Video» Graphic design

Fatti trovare... Fatti preferire! Web Site» E-Commerce» Social Media» Web Marketing» Photo» Video» Graphic design Fatti trovare... Fatti preferire! Web Site» E-Commerce» Social Media» Web Marketing» Photo» Video» Graphic design Come si trovano oggi i clienti? Così! ristorante pizzeria sul mare bel Perchè è importante

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Resellers Kit 2003/01

Resellers Kit 2003/01 Resellers Kit 2003/01 Copyright 2002 2003 Mother Technologies Mother Technologies Via Manzoni, 18 95123 Catania 095 25000.24 p. 1 Perché SMS Kit? Sebbene la maggior parte degli utenti siano convinti che

Dettagli

CONFCOMMERCIO MEMBERSHIP CARD: MANUALE/FAQ

CONFCOMMERCIO MEMBERSHIP CARD: MANUALE/FAQ CONFCOMMERCIO MEMBERSHIP CARD: MANUALE/FAQ A) ASPETTI GENERALI SU CONFCOMMERCIO MEMBERSHIP CARD na Carta di Credito TOP senza uguali sul mercato. Per gli Associati che non vorranno o non potranno avere

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 REGIONE ABRUZZO Servizio Politica Energetica, Qualità dell aria, SINA Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 anno scolastico 2014-2015 1. PREMESSA La Regione Abruzzo - insieme al MIUR (Ministero della Pubblica

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli