COMUNE IM CALASCIBETTA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE IM CALASCIBETTA"

Transcript

1 COMUNE IM CALASCIBETTA (Provincia Regionale di Enna) COPIA di Deliberazione del Consiglio ADUNANZA DEL 03/10/2014 VERBALE N. 71 OGGETTO: Determinazione tariffe tassa sui Rifiuti (TARI)- Anno 2014 Seduta di prosecuzione art.30 L.R. 9/86 L'anno duemilaquattordici il giorno Itrei del mese di ottobre alle ore 18:00 e segg. nella sala delle adunanze del Comune, convocato nelle forme prescritte dalla normativa vigente con appositi avvisi regolarmente notificati a ciascun Consigliere, si è oggi riunito in prosecuzione ed in seduta pubblica il Consiglio Comunale nelle persone dei seguenti Signori: CONSIGLIERI Pres. Ass. CONSIGLIERI Pres. SPECIALE MARIA RITA X i CACCIATO SALVATORE MARSALA LAURA X TERADONIA MARIA PIERA LO VETRI GIUSEPPE lionanno IDA MATINA ALESSANDRO X VANADIA BARTOLO GIUSEPPE LO VETRI GIUSEPPE A.S. r DI STEFANO STEFANIA CATALANO SALVATORE LO GIOCO FABIO CAPIZZI GABRIELLA ROSSO SALVATORE MAGONZA ANGELA PRESENTI N.13 ASSENTI N.2 Assume la presidenza l'avv. Maria Rita Speciale Presidente Partecipa il Segretario Comunale Dott. Pietro Stivale

2 Il Presidente comunica che le tariffe sono state rideterminate in esecuzione alla deliberazione del Consiglio Comunale che ha modificato il Piano di Intervento riducendole ad euro ,60. Pertanto è su tale documento, datato 1/10/2014 a firma del dott. Pietro Stivale, che il Consiglio dovrà pronunciarsi. Riferisce che è stato presentato un emendamento del Gruppo Misto in relazione alla tariffa "box, garages, etc. " che riduce la stessa da 0.80 euro /mq. /anno a 0,10 euro/mq./anno. Sull'emendamento sono espressi i pareri tecnico e contabile favorevoli. II cons. Catalano è contrario all'emendamento proposto in quanto la tariffa di 0,10 euro mq/anno è talmente irrisoria da non potere essere accettata. Il cons. Lo Vetri Giuseppe ritiene giusto che si approvino tariffe idonee a coprire i costi, per cui ritiene sbagliata la proposta di ridurre la tariffa ad euro 0,10 dei garage. II cons. Vanadia Bartolo evidenzia che quando faceva parte del partito Democratico, unitamente al cons. Lo Vetri e ad altri cittadini propose un ricorso al TAR contro una delibera dell'amministrazione Capizzi che riguardava la tassazione dei garage. Pertanto, in rispetto di quei cittadini il Gruppo Misto mantiene la proposta di E 0,10. Il cons. Matina afferma che all'epoca del ricorso al TAR il Comune poteva compartecipare con fondi di bilancio. Oggi ciò non può più avvenire, quindi, si ritiene opportuno mantenere la tariffa proposta dall'amministrazione, o quantomeno ridurla ad E 0,50 mq/anno. Ultimati gli interventi, il Presidente pone ai voti l'emendamento proposto dal gruppo Misto. L'esito della votazione resa per alzata di mano, accertato e proclamato dal Presidente con l'assistenza degli scrutatori è il seguente: Consiglieri presenti 13 Assenti 2 (Ceradonia Rosso) Voti favorevoli 7 (Lo Vetri G.A.S. Marsala Cacciato Bonanno Vanadia Bartolo Magonza Capizzi), Contrari 6 (ex maggioranza) Successivamente, il Presidente pone ai voti la proposta di delibera con le tariffe scaturenti dal Piano Economico di E ,60 oltre l'emendametnto di E 0,10 per box, garage, etc. L'esito della votazione, resa per alzata di mano, accertato e proclamato dal Presidente con l'assistenza degli scrutatori è il seguente: Consiglieri presenti 13 Assenti 2 (Ceradonia Rosso) Voti favorevoli 7 (Lo Vetri G.A.S. Marsala Cacciato Bonanno Vanadia Bartolo Magonza Capizzi), Contrari 6 (ex maggioranza). Pertanto, IL CONSIGLIO COMUNALE - Vista ed esaminata la proposta di delibera avente per oggetto: "Determinazione tariffe tassa sui Rifiuti (TARI) Anno 2014"; - Esaminato e votato l'emendamento proposto dal Gruppo Misto; - Accertato l'esito delle votazioni, meglio sopra riportate, Approvare le tariffe TARI anno 2014 per come segue: DELIBERA TARIFFE TARI 2014 UTENZE DOMESTICHE componenti nucleo Quota fissa Quota variabile familiare E / MQ / ANNO E / ANNO 1 componente 1,98 31,78 2 componenti 2,17 38,13 3 componenti 2,36 42,37 4 componenti 2,50 48,73 5 componenti 2,69 52,96 6 e oltre componenti 2,83 55,08 box garage ecc.. 0,10

3 TARIFFE TARI 2014 UTENZE NON DOMESTICHE Categorie TARIFFA 2014 MUSEI, BIBLIOTECHE, UFFICI PUBBLICI, SCUOLE, ASSOCIAZIONI CULTURALI, POLITICHE, RELIGIOSE, SPORTIVE, SINDACALI, CIRCOLI RICREATIVI DISTRIBUTORI DI CARBURANTE 3,41 3,25 AUTOSALONI, SALE DI ESPOSIZIONE, LOCALI DESTINATI AL SEMPLICE DEPOSITO DI PRODOTTI SENZA VENDITA DIRETTA, GROSSISTI, COLLEGI, CONVITTI, ISTITUTI E CASE DI RIPOSO E DI ASSISTENZA, ISTITUTI RELIGIOSI CON CONVITTO, OSPEDALI E CASE DI CURA, ALBERGHI, LOCANDE, PENSIONI RESIDENCES, AFFITTACAMERE, BED & BREAKFAST, CASERME, CARCERI, OSPEDALI, AMBULATORI, STUDI MEDICI E VETERINARI, LABORATORI DI ANALISI, ISITUTI FISIOTERAPICI, RISTORANTI, TRATTORIE, TAVOLACALDA, ROSTICCERIE, PUB, BAR, GELATERIE, PASTICCERIE, BIRRERIE, PANINOTECHE, PIZZERIE AL TAGLIO E SIMILI SUPERMERCATI, MACELLERIE, ESERCIZI DI VENDITA DI GENERI ALIMENTARI, DI FRUTTA E VERDURA, DI FIORIE PIANTE, DI POLLAME, DI PESCE, ENOTECHE, PANIFICI, E QUALSIASI ALTRA ATTIVITA' DI VENDITA DI PRODOTTI ALIMENTARI NEGOZI ABBIGLIAMENTO, CALZATURE, CARTOLIBRERIE, EDICOLE, FARMACIE, TABACCAIO, VENDITA COSE ANTICHE E USATE, FERRAMENTA ED ALTRI BENI DUREVOLI,MERCERIE, PRODOTTI PER L'AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO, TELEFONIA E INFORMATICA, AUTORICAMBI, OTTICA, GIOIELLERIE, E QUALASIASI ALTRA ATTIVITA' DI VENDITA DI PRODOTTI NON ALIMENTARI BANCHE E ISTITUTI DI CREDITO, UFFICI, STUDI PROFESSIONALI, AGENZIE ASSICURATIVE, AGENZIE POMPE FUNEBRI, RICEVITORIE, AUTOSCUOLE, AGENZIE DI VIAGGIO, ATTIVITA' ARTIGIANALI IN GENERE, BARBIERI, PARRUCCHIERI, SALONI DI BELLEZZA, FALEGNAME, FABBRO, TIPOGRAFIA, 3,04 6,51 5,12 8,68 6,07 4,34 4,39 4,34 ATTIVITA' ARTIGINALI DI PRODUZIONEDI BENI SPECIFICI 4,34 CARROZZERIA, OFFICINA, ELETTRAUTO, GOMMISTA 5,64 ATTIVITA' INDUSTRIALI CON CAPANNONI DI PRODUZIONE 4,34

4 Successivamente, il Presidente pone ai voti l'immediata esecutività del presente atto L'esito della votazione, resa per alzata di mano, accertato e proclamato dal l'assistenza degli scrutatori, è il seguente: Consiglieri presenti 13 Assenti 2 (Ceradonia Rosso) Voti favorevoli 7 (Lo Marsala Cacciato Bonanno Vanadia Bartolo Magonza Capizzi), maggioranza), pertanto, Presidente con Vetri G.A.S. Contrari 6 (ex IL CONSIGLIO COMUNALE Accertato l'esito della votazione, meglio sopra riportata DELIBERA Dichiarare il presente atto immediatamente esecutivo. Al termine della votazione, il Presidente, esaurita la trattazione degli argomenti posti all'o.d.g., dichiara sciolta la seduta alle ore

5 RkiCFL: T U k u TE ii ) Z.0 ADC\--Cecs:T n CNGT C\Pkie_àe c\ic UL_Ct E r C-2 C, ec \ C\ 'ne\ re)spgal o \L) a 2-U C pii L Gib a ( Rhi i h r?)' e m ialm ca e yv" \ 0 e x c orcrt cri c\\\c-\ QS \ D'Q_ Cc\ ir ry i 1a21 0/ k,c-\ E" "- Se ccs-c, (TAQ'i) n.1 e 20 pritcru1/4; ri-e- G1/47(c, gri5if ruv Cc; P,A-K -Xer aviirmaar erjice,cx fd

6 All. A alla Deliberazione di C.C. avente per oggetto: Determinazione tariffe tassa sui rifiuti(tari) anno 2014 CRITERI DETERMINAZIONE TARIFFA TARI ANNO 2014 Al fine di superare i numerosi e controversi problemi applicativi del Metodo Normalizzato ex Dpr 158/1999 il Comune di Calascibetta in applicazione dell'art. 1 comma 652 della Legge 147/2013 (legge di stabilità 2014) e del secondo comma dell'art. 15 del regolamento TARI, ha ritenuto opportuno determinare le tariffe TARI applicando dei coefficienti con parametri variabili. Le esperienze degli enti che hanno applicato il metodo normalizzato hanno evidenziato, oltre a difficoltà tecnico - operative, altre criticità quali : Una rigida ripartizione tra parte fissa e parte variabile della tariffa che ha penalizzato decisamente alcune categorie, sia di utenze domestiche che non domestiche; alcuni aumenti tariffari sono risultati difficili da giustificare (si pensi alle tariffe per famiglie numerose, ai ristoranti, e ai negozi di ortofrutta); la scarsa manovrabilità dei coefficienti, all'interno di un range predefinito, che ha limitato fortemente le scelte degli amministratori, costretti ad approvare tariffe comportanti una elevata disparità tra i soggetti passivi Il comma 652 della legge di stabilità 2014, stabilisce che il comune, in alternativa ai criteri di cui al comma 651 e nel rispetto del principio «chi inquina paga», sancito dall'articolo 14 della direttiva 2008/98/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 19 novembre 2008, relativa ai rifiuti, può commisurare la tariffa alle quantità e qualità medie ordinarie di rifiuti prodotti per unità di superficie, in relazione agli usi e alla tipologia delle attività svolte nonché al costo del servizio sui rifiuti. Le tariffe per ogni categoria o sottocategoria omogenea sono determinate dal comune moltiplicando il costo del servizio per unità di superficie imponibile accertata, previsto per l'anno successivo, per uno o più coefficienti di produttività quantitativa e qualitativa di rifiuti. Inoltre, ai sensi del comma 654 della stessa legge, in ogni caso deve essere assicurata la copertura integrale dei costi di investimento e di esercizio relativi al servizio. Pertanto, sfruttando tale opportunità, il Comune può svolgere un ruolo fondamentale nella determinazione delle tariffe, basandosi su coefficienti di produttività oggettivi, in modo tale da rispettare il principio chi inquina papa ". La possibilità di determinare le tariffe senza il vincolo del metodo normalizzato, " consente apprezzabili vantaggi in quanto l'ente ha la possibilità di un margine di manovra molto più ampio, pur rispettando i criteri di ragionevolezza e non discriminazione, rispetto ai "range" concessi dal metodo normalizzato, che invece limitano l'autonomia degli enti. Inoltre, in tal modo si possono contenere i divari e le sperequazioni tra le diverse categorie non domestiche. Il consiglio comunale ha determinato un costo complessivo di ,60 di cui COSTI FISSI ,60 percentuale 83,30% COSTI VARIABILI ,00 percentuale 16,70% TOTALE ,60 1

7 Prendendo come parametro base l'ultimo ruolo TARSU 2013, si possono determinare i coefficienti di riparto in merito alle categorie domestiche e alle categorie non domestiche. Sul totale del molo emesso in relazione all'esercizio 2013 ( al netto di maggiorazioni e tributo provinciale), le due categorie si rapportano nel modo seguente: categorie domestiche 89,99% ( ,00 / e ) categorie non domestiche 10,01% ( / C ) Pertanto per l'esercizio 2014 si stabilisce il seguente riparto : â UTENZE DOMESTICHE 90% â UTENZE NON DOMESTICHE 10% DETERMINAZIONE TARIFFE UTENZE DOMESTICHE Per la determinazione delle tariffe delle utenze domestiche si farà riferimento a due parametri: â â Superficie degli immobili Componenti del nucleo familiare La superficie degli immobili, moltiplicata per il coefficiente di adattamento della superficie, determina la quota fissa della tariffa : /MQ/ ANNO. Il numero dei componenti del nucleo familiare determina la quota variabile della tariffa : C/ANNO La quota fissa dovrà garantire un gettito di C ,84 (90% dei costi fissi ,60 x 0,90) La quota variabile dovrà garantire un gettito di ,40 (90% dei costi variabili x 0.9 -). Determinato il gettito dei due elementi si stabiliscono i seguenti coefficienti di adattamento della superficie in relazione al numero dei componenti il nucleo familiare e in relazione alla potenzialità di produzione di rifiuti, ritenendo come parametro base il nucleo di tre componenti componenti nucleo familiare Quota fissa Quota variabile 1 componente 0,84 0,75 2 componenti 0,92 0,90 3 componenti 1,00 1,00 4 componenti 1,06 1,15 5 componenti 1,14 1,25 6 e oltre componenti 1,20 1,30 I coefficienti così determinati saranno applicati ad una ipotetica tariffa unica calcolata rispetto alle tariffe TARSU dell'anno Tenuto conto che il gettito complessivo del ruolo 2013 era di ,00, circa, e che il costo complessivo del servizio 2014 ammonta ad ,60, si può calcolare un incremento del 35,80%, circa. Nel 2013 la tariffa TARSU per le utenze domestiche era di 1,90 /mq, oltre il 10% di maggiorazione ex Eca. Applicando la maggiorazione del 35,80% ad 2,09, si ha un importo di 2,84 mq. L'importo ipotetico così calcolato deve ora essere ripartito tra quota fissa e quota variabile, in relazione ai costi fissi e ai costi variabili rispettivamente, del 83,30% e del 16,70%. 2

8 Pertanto la quota fissa sarà calcolata su un parametro base di C 2,36 ( 83,30% di 2 84 moltiplicato per i coefficienti prima determinati. componenti nucleo familiare Parametro base coefficiente Quota fissa C / mq 1 componente 2,36 0,84 1,98 2 componenti 2,36 0,92 2,17 3 componenti 2,36 1,00 2,36 4 componenti 2,36 1,06 2,50 5 componenti 2,36 1,14 2,69 6 e oltre componenti 2,36 1,20 2,83 Per le abitazioni a disposizione si considera un nucleo familiare di 1 componente. GETTITO PREVISTO QUOTA FISSA TABELLA PER EVIDENZIARE LA MOLTIPLICAZIONE DEI COEFFICIENTI PER LE SUPERFICI DI CIASCUNA CATEGORIA DI COMPONENTI DEL NUCLEO FAMILIARE. COMPONENTI UTENZE N. SUPERFICIE ALIQUOTA E / MQ /ANNO IMPORTO ,50 1,98 E ,69 ABITAZIONI A ,98 E ,36 DISPOSIZIONE ,50 2,17 e , ,50 2,36 E , ,50 2,50 E , ,69 e ,92 6 e oltre ,83 E7.904,19 TOTALI C ,64 La quota variabile, che dovrà garantire un gettito di ,40 sarà calcolata applicando alla media delle superfici ( superficie totale utenze domestiche ,diviso il numero delle utenze 2585) i coefficienti sopra determinati, moltiplicati per il parametro base di 0,47 (16,70% di 2,84) componenti nucleo familiare I componente 2 componenti 3 componenti 4 componenti 5 componenti 6 e oltre componenti Media superfici 90,16 90,16 90,16 90,16 90,16 90,16 Parametro base coefficiente 0,75 0,90 1,00 1,15 1,25 1,30 Quota variabile C / anno 31,78 38,13 42,37 48,73 52,96 55,08 3

9 GETTITO PREVISTO QUOTA VARIABILE TABELLA PER EVIDENZIARE LA MOLTIPLICAZIONE DELLA QUOTA VARIABILE PER CIASCUNA CATEGORIA DI COMPONENTI DEL NUCLEO FAMILIARE. COMPONENTI UTENZE N. ABITAZIONI A DISPOSIZIONE ALIQUOTA C / ANNO , , , , , ,96 6 e oltre 26 55,08 IMPORTO , , , , , ,84 1,432,08 TOTALE ,97 GETTITO PREVISTO QUOTA FISSA ,64 GETTITO PREVISTO QUOTA VARIABILE ,97 TOTALE ,61 RIDUZIONE 30% ABITAZIONI A DISPOSIZIONE ,98 ( , ,60 = ,96) ALTRE RIDUZIONI COMPOSTAGGIO ,00 DISTANZA ,00 TOTALE COMPLESSIVO GETTITO PREVISTO ,63 4

10 TARIFFE TARI 2014 UTENZE DOMESTICHE componenti nucleo 1 componente r Quota fissa C / MQ I ANNO Quota ANNO 1,98 i 31,78 2 componenti 2,17 38,13 3 componenti 2,36 42,37 4 componenti 2,50 E 48,73 r 5 componenti 2,69 I 52,96 6 e oltre componenti 2,83 i I 55,08 box garage ecc.. 0,80 I --=-- 5

11 DETERMINAZIONE TARIFFE UTENZE NON DOMESTICHE Per la determinazione delle tariffe delle utenze non domestiche si farà riferimento alla tariffa applicata nel 2013, aumentata del 35,80%. Si otterrà così una ipotetica tariffa, cui saranno applicati dei coefficienti in base alla potenziale produttività dei rifiuti, pur sempre nel rispetto del principio fondamentale " chi più inquina più paga". Potendosi discostare dai "range" previsti dal DPR 158/1999 è possibile evitare aumenti tariffari tali da creare vistose disparità tra i soggetti passivi. Quindi, partendo dai coefficienti previsti dal DPR 158/1999 si sono determinati i seguenti coefficienti: Coefficienti Coefficienti categorie DPR 158/1999 applicati Min max MUSEI, BIBLIOTECHE, UFFICI PUBBLICI, SCUOLE, ASSOCIAZIONI CULTURALI, POLITICHE, RELIGIOSE, SPORTIVE, SINDACALI, CIRCOLI RICREATIVI 0,29 0,52 0,70 DISTRIBUTORI DI CARBURANTE 0,44 0,74 0,75 AUTOSALONI, SALE DI ESPOSIZIONE, LOCALI DESTINATI AL SEMPLICE DEPOSITO DI PRODOTTI SENZA VENDITA DIRETTA, GROSSISTI, 0,34 0,52 0,70 COLLEGI, CONVITTI, ISTITUTI E CASE DI RIPOSO E DI ASSISTENZA, ISTITUTI RELIGIOSI CON CONVITTO, OSPEDALI E CASE DI CURA, ALBERGHI, LOCANDE, PENSIONI 0,89 1,20 RESIDENCES, AFFITTACAMERE, BED & BREAKFAST, 1,20 CASERME, CARCERI, OSPEDALI, AMBULATORI, STUDI MEDICI E VETERINARI, LABORATORI DI ANALISI, ISITUTI FISIOTERAPICI, ,05 1,05 RISTORANTI, TRATTORIE, TAVOLACALDA, ROSTICCERIE, PUB, BAR, GELATERIE, PASTICCERIE, BIRRERIE, PANINOTECHE PIZZERIE AL TAGLIO E SIMILI 5,54 8,18 1,6 SUPERMERCATI, MACELLERIE, ESERCIZI DI VENDITA DI GENERI ALIMENTARI, DI FRUTTA E VERDURA. DI FIORIE PIANTE. DI POLLAME, DI PESCE, ENOTECHE PANIFICI, E 0,57 QUALSIASI ALTRA ATTIVITA' DI VENDITA DI PRODOTTI 2,80 1,40 ALIMENTARI NEGOZI ABBIGLIAMENTO, CALZATURE, CARTOLIBRERIE, EDICOLE, FARMACIE, TABACCAIO, VENDITA COSE ANTICHE E USATE, FERRAMENTA ED ALTRI BENI DUREVOLI,MERCERIE, PRODOTTI PER L'AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO, TELEFONIA E INFORMATICA, 0,94 1,16 1,00 AUTORICAMBI, OTTICA, GIOIELLERIE, E QUALASIASI ALTRA ATTIVITA' DI VENDITA DI PRODOTTI NON ALIMENTARI BANCHE E ISTITUTI DI CREDITO, UFFICI, STUDI PROFESSIONALI, AGENZIE ASSICURATIVE, AGENZIE POMPE FUNEBRI, RICEVITORIE, AUTOSCUOLE, AGENZIE DI VIAGGIO, 0,44 0,63 0,90 ATTIVITA' ARTIGIANALI IN GENERE, BARBIERI, PARRUCCHIERI, SALONI DI BELLEZZA, FALEGNAME, FABBRO, TIPOGRAFIA, 0,78 1,06 1,00 ATTIVITA' ARTIGINALI DI PRODUZIONEDI BENI SPECIFICI 0,67 0,95 0,90 CARROZZERIA, OFFICINA, ELETTRAUTO, GOMMISTA 0,91 1,45 1,30 ATTIVITA' INDUSTRIALI CON CAPANNONI DI PRODUZIONE 0,41 0,86 0,80 6

12 TARIFFE 2013 INCREMNTATE DEL 35,80% Categorie.. TARIFFA 2013 Incremento del 35,80 Totale MUSEI, BIBLIOTECHE, UFFICI PUBBLICI, SCUOLE, ASSOCIAZIONI CULTURALI, POLITICHE, RELIGIOSE, SPORTIVE, SINDACALI, CIRCOLI RICREATIVI 3,60 1,28 4,88 DISTRIBUTORI DI CARBURANTE 3,20 1,14 4,34 AUTOSALONI, SALE DI ESPOSIZIONE, LOCALI DESTINATI AL SEMPLICE DEPOSITO DI PRODOTTI SENZA VENDITA DIRETTA, GROSSISTI, COLLEGI CONVITTI, ISTITUTI E CASE DI RIPOSO E DI ASSISTENZA, ISTITUTI RELIGIOSI CON CONVITTO, OSPEDALI E CASE DI CURA, ALBERGHI, LOCANDE, PENSIONI RESIDENCES, AFFITTACAMERE, BED & BREAKFAST, CASERME, CARCERI, OSPEDALI, AMBULATORI, STUDI MEDICI E VETERINARI, LABORATORI DI ANALISI, ISITUTI FISIOTERAPICI, 3,20 1,14 4,34 4,00 1,43 5,43 3,60 1,28 4$8 RISTORANTI, TRATTORIE, TAVOLACALDA, ROSTICCERIE, PUB, BAR, GELATERIE, PASTICCERIE, BIRRERIE, PANINOTECHE, PIZZERIE AL TAGLIO E SIMILI 4,00 1,43 5,43 SUPERMERCATI, MACELLERIE, ESERCIZI DI VENDITA DI GENERI ALIMENTARI, DI FRUTTA E VERDURA, DI FIORIE PIANTE, DI POLLAME. DI PESCE, ENOTECHE, PANIFICI, E 3,20 1,14 QUALSIASI ALTRA ATTIVI FA DI VENDITA DI PRODOTTI 4,34 ALIMENTARI NEGOZI ABBIGLIAMENTO, CALZATURE, CARTOLIBRERIE, EDICOLE, FARMACIE, TABACCAIO, VENDITA COSE ANTICHE E USATE, FERRAMENTA ED ALTRI BENI DUREVOLI,MERCERIE, PRODOTTI PER L'AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO, TELEFONIA E INFORMATICA, 3,20 1,14 4$4 AUTORICAMBI, OTTICA, GIOIELLERIE, E QUALASIASI ALTRA ATTIVITA' DI VENDITA DI PRODOTTI NON ALIMENTARI BANCHE E ISTITUTI DI CREDITO, UFFICI, STUDI PROFESSIONALI, AGENZIE ASSICURATIVE, AGENZIE POMPE FUNEBRI, RICEVITORIE, AUTOSCUOLE, AGENZIE DI VIAGGIO, 3,60 1,28 4$8 ATTIVITA' ARTIGIANALI IN GENERE, BARBIERI, PARRUCCHIERI, SALONI DI BELLEZZA, FALEGNAME, FABBRO, TIPOGRAFIA, 3,20 1,14 4,34 ATTIVITA' ARTIG1NAL1 D PRODUZIONEDI BENI SPECIFICI 3,20 1,14 4,34 CARROZZERIA, OFFICINA, ELETTRAUTO, GOMMISTA 3,20 1,14 4,34 ATTIVITA' INDUSTRIALI CON CAPANNONI DI PRODUZIONE 4,00 1,43 5,43

13 TARIFFE TARI 2014 UTENZE NON DOMESTICHE Categorie TARIFFA ,80% Coefficiente TARIFFA 2014 MUSEI, BIBLIOTECHE, UFFICI PUBBLICI, SCUOLE, ASSOCIAZIONI CULTURALI, POLITICHE, RELIGIOSE, SPORTIVE, SINDACALI, CIRCOLI RICREATIVI 4,88 0,70 3,41 DISTRIBUTORI DI CARBURANTE 4,34 0,75 3,25 AUTOSALONI, SALE DI ESPOSIZIONE, LOCALI DESTINATI AL SEMPLICE DEPOSITO DI PRODOTTI SENZA VENDITA DIRETTA, GROSSISTI, COLLEGI, CONVITTI, ISTITUTI E CASE DI RIPOSO E DI ASSISTENZA, ISTITUTI RELIGIOSI CON CONVITTO, OSPEDALI E CASE DI CURA, ALBERGHI, LOCANDE, PENSIONI RESIDENCES, AFFITTACAMERE, BED & BREAKFAST, CASERME, CARCERI, OSPEDALI, AMBULATORI, STUDI MEDICI E VETERINARI, LABORATORI DI ANALISI, ISITUTI FISIOTERAPICI, RISTORANTI, TRATTORIE, TAVOLACALDA, ROSTICCERIE, PUB, BAR, GELATERIE, PASTICCERIE, BIRRERIE, PANINOTECHE PIZZERIE AL TAGLIO E SIMILI SUPERMERCATI, MACELLERIE, ESERCIZI DI VENDITA DI GENERI ALIMENTARI. DI FRUTTA E VERDURA, DI FIORIE PIANTE, DI POLLAME, DI PESCE, ENOTECHE. PANIFICI, E QUALSIASI ALTRA ATTIVITA' DI VENDITA DI PROD0131 ALIMENTARI NEGOZI ABBIGLIAMENTO, CALZATURE, CARTOLIBRERIE, EDICOLE, FARMACIE, TABACCAIO, VENDITA COSE ANTICHE E USATE, FERRAMENTA ED ALTRI BENI DUREVOLLMERCERIE, PRODOTTI PER L'AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO, TELEFONIA E INFORMATICA, AUTORICAMBI, OTTICA, GIOIELLERIE, E QUALASIASI ALTRA ATTIVITA' DI VENDITA DI PRODOTTI NON ALIMENTARI BANCHE E ISTITUTI DI CREDITO, UFFICI, STUDI PROFESSIONALI, AGENZIE ASSICURATIVE, AGENZIE POMPE FUNEBRI, RICEVITORIE, AUTOSCUOLE, AGENZIE DI VIAGGIO, Al I VITA' ARTIGIANALI IN GENERE, BARBIERI, PARRUCCHIERI, SALONI DI BELLEZZA, FALEGNAME, FABBRO, TIPOGRAFIA, 4,34 0,70 3,04 5,43 1,20 6,51 4,88 1,05 5,12 5,43 1,60 8,68 4,34 1,40 6,07 4,34 1,00 4,34 4,88 0,90 4,39 4,34 1,00 4,34 ATTIVITA' ARTIGINALI DI PRODUZIONEDI BENI SPECIFICI 4,34 1,00 4,34 CARROZZERIA, OFFICINA, ELETTRAUTO, GOMMISTA 4,34 1,30 5,64 ATTIVITA' INDUSTRIALI CON CAPANNONI DI PRODUZIONE 5,43 0,80 4,34

14 GETTITO PREVISTO DA UTENZE NON DOMESTICHE Categorie UTENZE MQ TARIFFA TOTALE ' MUSEI, BIBLIOTECHE, UFFICI PUBBLICI, SCUOLE, ASSOCIAZIONI CULTURALI, POLITICHE, RELIGIOSE, SPORTIVE, SINDACALI, CIRCOLI RICREATIVI , ,31 DISTRIBUTORI DI CARBURANTE ,25 230,75 AUTOSALONI, SALE DI ESPOSIZIONE, LOCALI DESTINATI AL SEMPLICE DEPOSITO DI PRODOTTI SENZA VENDITA , ,96 DIRETTA, GROSSISTI, COLLEGI, CONVITTI, ISTITUTI E CASE DI RIPOSO E DI ASSISTENZA, ISTITUTI RELIGIOSI CON CONVITTO, OSPEDALI E CASE DI CURA, ALBERGHI, LOCANDE, PENSIONI RESIDENCES, AFFITTACAMERE, BED & BREAKFAST, CASERME, CARCERI, OSPEDALI, AMBULATORI, STUDI MEDICI E VETERINARI, LABORATORI DI ANALISI, ISITUTI FISIOTERAPICI, , ,90 IO 620 5, ,40 RISTORANTI, TRATTORIE, TAVOLACALDA, ROSTICCERIE, PUB, BAR, GELATERIE, PASTICCERIE, BIRRERIE, PANINOTECHE, PIZZERIE AL TAGLIO E SIMILI , ,76 SUPERMERCATI, MACELLERIE, ESERCIZI DI VENDI l'a DI GENERI ALIMENTARI, DI FRUTTA E VERDURA. DI FIORIE PIANTE, DI POLLAME, DI PESCE, ENOTECHE, PANIFICI, E , ,31 QUALSIASI ALTRA ATTI VITA' DI VENDITA DI PRODOTTI ALIMENTARI NEGOZI ABBIGLIAMENTO, CALZATURE, CARTOLIBRERIE, EDICOLE, FARMACIE, TABACCAIO, VENDITA COSE ANTICHE E USATE, FERRAMENTA ED ALTRI BENI DUREVOLI,MERCERIE, PRODOTTI PER L'AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO, TELEFONIA E INFORMATICA, , ,74 AUTORICAMBI, OTTICA, GIOIELLERIE, E QUALASIASI ALTRA ATTIVITA' DI VENDITA DI PRODOTTI NON ALIMENTARI BANCHE E ISTITUTI DI CREDITO, UFFICI, STUDI PROFESSIONALI, AGENZIE ASSICURATIVE, AGENZIE POMPE FUNEBRI, RICEVITORIE, AUTOSCUOLE, AGENZIE DI VIAGGIO, , ,96 ATTIVITA' ARTIGIANALI IN GENERE, BARBIERI, PARRUCCHIERI, SALONI DI BELLEZZA FALEGNAME, FABBRO, TIPOGRAFIA, , ,84 ATTIVITA' ARTIGINALI DI PRODUZIONEDI BENI SPECIFICI , ,88 CARROZZERIA OFFICINA, ELETTRAUTO, GOMMISTA , ,32 ATTIVITA' INDUSTRIALI CON CAPANNONI DI PRODUZIONE 4,34 TOTALE ,15 Calascibetta 1 ottobre 2014 n CJ 9

15 Proposta n. Il /Area Econom. Finanz. Del 22/09/2014 Registro generale n. 1a_14. COMUNE IM CALASCIBETTA Provincia Regionale di Enna Area Economico Finanziaria Tributi e Personale PROPOSTA E SCHEMA DI DELIBERAZIONE DA SOTTOPORRE AL CONSIGLIO COMUNALE AVENTE PER OGGETTO: DETERMINAZIONE TARIFFE TASSA SUI RIFIUTI (TARI ) - ANNO IL SINDACO PROPONENTE VISTO il comma 639 dell'art. 1 della L. n 147/2013 che ha istituito a decorrere dal 1 gennaio 2014 la tassa sui rifiuti destinata a finanziare i costi del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti (TARI) ; ATTESO che a decorrere dal 01/01/2014 sono soppressi tutti i pre-vigenti prelievi relativi alla gestione dei rifiuti urbani quindi, per il Comune di Calascibetta viene soppressa la TARSU; CHE con deliberazione del Consiglio Comunale in pari data è stata istituita la tassa sui rifiuti (TARI), ed è stato approvato il relativo regolamento; CHE con deliberazione del Consiglio Comunale è stato approvato il Piano Finanziario per l'anno 2014; CHE, ai sensi del comma 683 dell'art. 1 della L. n 147/2013 il Consiglio Comunale deve approvare le tariffe del tributo in conformità al piano finanziario del servizio di gestione dei rifiuti urbani, a copertura integrale dei costi di investimento e di esercizio relativi al servizio di gestione dei rifiuti urbani e dei rifiuti assimilati avviati allo smaltimento; CHE al fine di superare i numerosi e controversi problemi applicativi del Metodo Normalizzato ex Dpr 158/1999 il Comune di Calascibetta in applicazione dell'art. 1 comma 652 della Legge 147/2013 e successive modifiche ed integrazioni (legge di stabilità 2014) e del secondo comma dell'art. 15 del regolamento TARI, ha ritenuto opportuno determinare le tariffe TARI applicando dei coefficienti con parametri variabili; CHE le tariffe vanno determinate per fasce d'utenza, suddividendole in parte fissa, determinata sulla base delle componenti essenziali del costo del servizio, con riferimento agli investimenti per le opere e relativi ammortamenti, ed in parte variabile, rapportata alla quantità e qualità dei rifiuti conferiti e all'entità dei costi di gestione degli stessi; CHE la tariffa è articolata nelle fasce di utenza domestica e di utenza non domestica e il calcolo per le utenze domestiche è rapportato al numero dei componenti il nucleo e alla superficie, mentre per le utenze non domestiche, distinte nelle categorie di cui alla tabella indicata nel dispositivo del presente atto;

16 Vista la scheda relativa ai criteri di determinazione della tariffa, dalla quale si evince la motivazione delle scelte e la relativa metodologia di calcolo; VISTO il comma 683 dell'art. 1 della 1. n. 147/2013 che attribuisce arconsiglio Comunale la potestà di stabilire le tariffe della TARI ; DATO ATTO che, ai sensi della normativa vigente, gli enti locali deliberano le tariffe e le aliquote relative ai tributi di loro competenza entro la data fissata da norme statali per la deliberazione del bilancio di previsione; VISTI l'art. 2-bis del D.L. 06/03/2014, n. 16, convertito con modificazioni dalla L. 02/05/2014, n. 68, ed il D.M. 29/04/2014, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 99 del 30/04/2014, i quali fissano il termine per l'approvazione del Bilancio di Previsione dell'anno 2014 al 31/07/2014, nonché il decreto 18 luglio 2014 con il quale il termine è stato ulteriormente differito al 30/09/2014; RICHIAMATA la nota del del Ministero dell'economia e delle Finanze, Dipartimento delle Finanze, Direzione Federalismo Fiscale relativa alle modalità di trasmissione telematica dei regolamenti e delle delibere di approvazione delle aliquote e tariffe ; VISTO il D.Lgs. 18/08/2000, n. 267; PROPONE AL CONSIGLIO DI DELIBERARE 1. di approvare i criteri per la determinazione delle tariffe TARI anno 2014, di cui all'allegato " A "; 2. di approvare per l'anno 2014 le seguenti tariffe TARIFFE TARI 2014 UTENZE DOMESTICHE componenti nucleo familiare 1 componente 2 componenti 3 componenti 4 componenti 5 componenti 6 e oltre componenti Box garage ecc.. Quota fissa C / MQ / ANNO , ,80 Quota variabile C / ANNO 52,74 58,60 67,39 73,25 76,18

17 TARIFFE TARI 2014 UTENZE NON DOMESTICHE Categorie TARIFFA 2014 MUSEI, BIBLIOTECHE, UFFICI PUBBLICI, SCUOLE, ASSOCIAZIONI CULTURALI, POLITICHE, RELIGIOSE, SPORTIVE, SINDACALI, CIRCOLI RICREATIVI 4,28 DISTRIBUTORI DI CARBURANTE 4,08 AUTOSALONI, SALE DI ESPOSIZIONE, LOCALI DESTINATI AL SEMPLICE DEPOSITO DI 3,80 PRODOTTI SENZA VENDITA DIRETTA, GROSSISTI, COLLEGI, CONVITTI, ISTITUTI E CASE DI RIPOSO E DI ASSISTENZA, ISTITUTI RELIGIOSI CON CONVITTO, OSPEDALI E CASE DI CURA, ALBERGHI, LOCANDE, PENSIONI RESIDENCES, AFFITTACAMERE, BED & BREAKFAST, CASERME, CARCERI, 8,16 OSPEDALI, AMBULATORI, STUDI MEDICI E VETERINARI, LABORATORI DI ANALISI, ISITUTI FISIOTERAPICI, 6,42 RISTORANTI, TRATTORIE, TAVOLACALDA, ROSTICCERIE, PUB, BAR, GELATERIE, PASTICCERIE, BIRRERIE, PANINOTECHE, PIZZERIE AL TAGLIO E SIMILI 10,88 SUPERMERCATI, MACELLERIE, ESERCIZI DI VENDITA DI GENERI ALIMENTARI. DI ERUTTA E VERDURA, DI i:1012w PIANTE. DI POLLAME., DI PESCE. ENO TECHE, 7,60 PANIFICI, E QUALSIASI ALTRA ATTI VITA' Dl VENDITA Dl PRODOTTI ALIMENT ARI NEGOZI ABBIGLIAMENTO, CALZATURE, CARTOLIBRERIE, EDICOLE, FARMACIE, TABACCAIO, VENDITA COSE ANTICHE E USATE, FERRAMENTA ED ALTRI BENI DUREVOLLMERCERIE, PRODOTTI PER L'AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO, TELEFONIA E INFORMATICA, AUTORICAMBI, OTTICA, GIOIELLERIE, E QUALASIASI ALTRA ATTIVITA' DI VENDITA DI PRODOTTI NON ALIMENTARI BANCHE E ISTITUTI DI CREDITO, UFFICI, STUDI PROFESSIONALI, AGENZIE ASSICURATIVE, AGENZIE POMPE FUNEBRI, RICEVITORIE, AUTOSCUOLE, AGENZIE DI VIAGGIO, 5,44 5,50 ATTIVITA' ARTIGIANALI IN GENERE, BARBIERI, PARRUCCHIERI, SALONI DI BELLEZZA, FALEGNAME, FABBRO, TIPOGRAFIA, 5,44 ATTI VITA' ARTIGINALI DI PRODUZIONEDI BENI SPECIFICI 5,44 CARROZZERIA, OFFICINA, ELETTRAUTO, GOMMISTA 7,07 ATTIVITA' INDUSTRIALI CON CAPANNONI DI PRODUZIONE 5,44

18 3. Di dare atto che con l'applicazione delle suddette tariffe si garantisce la copertura integrale dei costi indicati nel Piano Finanziario; 4. Di inviare la presente deliberazione mediante inserimento del testo nell'apposita sezione del Portale del federalismo fiscale, per la pubblicazione sul sito informatico di cui all'art. 1, comma 3, del D.Lgs 360/1998 e successive modificazioni; 5. Di dichiarare la presente deliberazione immediatamente eseguibile. `` IL SI 13ACO - PROPONENTE Parere di regolarità tecnica e contabile. Ai sensi dell'art. 53 della Legge 142/90 come recepito dal comma 1 lett. i) dell art. I della L.R. 11/12/1991 n. 48 novellato dall'art. 12 della L.R. n. 30 del 23/12/2000 in ordine alla regolarità tecnica si esprime parere : FA)00,,e-is cor'.5, l (.7. C e- // C LI 9 6 su-iv 4 = 1' 4eveln fr p-e. pr t.s b er.c , Calascibetta 7,04 Il responsa delse zio tr buti ovale Ai sensi dell'art. 53 della Legge 142/90 come recepito dal comma 1 lett. i) dell'art. l della L.R. 11/12/1991 n. 48 novellato dall'art. 12 della L.R. n. 30 del 23/12/2000 in ordine alla regolarità contabile si esprime parere : F-Anro teataxt- A cov-15( /45-1C con-r4t-ro CP/C-urine Arstotd. 9M-Pro e ,-, b( arn4 4t-te' Elat, rawra A-o% s--jr- yr. ps artorfigi euv-q c itajwic i e Dei_7Yoe12," AkivCcA'» 12ACC ~0~ parr lit~ (a.thrptc? 1/4.4.7 Diì... ta. Calascibetta &-( Il Responsabile del servizio Economico Finan ano tt. Ani io

19 Del che è redatto il presente verbale, che, previa lettura ed approvazione, viene sottoscritto come segue. Il Consigliere Anziano Il Presidente del Consiglio Il SegretarioComunale F.to Marsala dr.ssa Laura F.to Avv. Maria Rita Speciale F.to Stivale dr. Pietro Sa CERTIFICATO DI PUBBLICAZIONE La presente delibera è stata pubblicata all'albo on line di questo Comune, istituito nel sito informatico di questo Comune, ai sensi dell'art.32 della legge n.69/2009 e ai sensi del combinato disposto di cui all'art.11 della L.R. 44/91 e ss.mm.ii. e dell'art.89 del D.P.R.S. n.3 del 29/10/1957 dal giorno 2 C) /C; -2L/h e per quindici giorni fino al giorno ()A1t-eh/4 _e contro di essa non /sono state prodotte opposizioni. Calascibetta, lì Il Responsabile della pubblicazione F.to 11 Segretario Comunale certifica su conforme attestazione del responsabile della pubblicazione che la presente deliberazione è stata pubblicata all'albo on line, istituito nel sito informatico di questo Comune ai sensi dell'art.32 della legge n.69/2009 il giorno e vi è rimasta per gg. 15 consecutivi ai sensi dell'art. 11 della Legge Regionale 03 dicembre 1991, n. 44 così come modificato dall'art.i27, comma 21, della L.R. 17/2004 e dell'art.89 del D.P.R. S. 29/10/1957 N.3 e contro di essa non /sono state prodotte opposizioni. Calascibetta, lì II Segretario Comunale F.to dr. CERTIFICATO DI ESECUTIVITA' Si attesta che la presente deliberazione è divenuta esecutiva il giorno 03/10/2014 X ai sensi del 1 comma dell'art. 12 della L.R. n. 44/1991; ai sensi del 2 comma dell'art. 12 della L.R. n. 44/1991. ai sensi dell' art.i6 della L.R. n. 44/1991; Calascibetta 03/10/2014 Il Segretario Comunale F.to Stivale dr. Pietro E' COPIA CONFORME ALL'ORIGINALE, in atti da servire per uso amministrativo. Calascibetta

Comune di Sindia Provincia di Nuoro

Comune di Sindia Provincia di Nuoro Comune di Sindia Provincia di Nuoro DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n 11 del 30.07.2015 Oggetto: Tributo sui rifiuti (TARI): approvazione tariffe per l anno 2015. Il giorno trenta del mese di luglio

Dettagli

COMUNE DI FORNI AVOLTRI Provincia di Udine

COMUNE DI FORNI AVOLTRI Provincia di Udine COMUNE DI FORNI AVOLTRI Provincia di Udine Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale SEDUTA del 27/04/2016 N 9 del Reg. Del OGGETTO: APPROVAZIONE TARIFFE RELATIVE ALLA TASSA SUI RIFIUTI (TARI) PER

Dettagli

Comune di Villafranca di Verona APPROVATA CON DELIBERAZIONE N 27 DEL 27/05/2015

Comune di Villafranca di Verona APPROVATA CON DELIBERAZIONE N 27 DEL 27/05/2015 Comune di Villafranca di Verona APPROVATA CON DELIBERAZIONE N 27 DEL 27/05/2015 Proposta di Deliberazione N : 231 del 14/05/2015 AREA II - SERVIZI ECONOMICO FINANZIARI E TRIBUTARI Unità TRIBUTI OGGETTO:

Dettagli

COMUNE DI FORCE (Provincia di Ascoli Piceno).---------------------------------------------------------------------------------------------------------

COMUNE DI FORCE (Provincia di Ascoli Piceno).--------------------------------------------------------------------------------------------------------- COMUNE DI FORCE (Provincia di Ascoli Piceno).--------------------------------------------------------------------------------------------------------- COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE NUM.

Dettagli

COMUNE DI PARETE (PROVINCIA DI CASERTA)

COMUNE DI PARETE (PROVINCIA DI CASERTA) COMUNE DI PARETE (PROVINCIA DI CASERTA) Delibera di Consiglio Comunale N 17 del 3/07/2014 OGGETTO: TASSA SUI RIFIUTI (TARI) DETERMINAZIONE TARIFFE ANNO 2014 Premesso che: L Assessore all Ambiente - il

Dettagli

Verbale di deliberazione della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Comune di San Pietro Vernotico Provincia di Brindisi Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Copia N. 41 del 07/04/2009 OGGETTO : TASSA SMALTIMENTO RIFIUTI SOLIDI URBANI - CONFERMA ALIQUOTE ANNO

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI VERGATO PROVINCIA DI BOLOGNA C O P I A. Cognome e Nome Carica Presente SINDACO DEGLI ESPOSTI GIULIANA

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI VERGATO PROVINCIA DI BOLOGNA C O P I A. Cognome e Nome Carica Presente SINDACO DEGLI ESPOSTI GIULIANA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI VERGATO PROVINCIA DI BOLOGNA Comunicata ai Capigruppo C O P I A il Nr. Prot. TASSA RACCOLTA E SMALTIMENTO RIFIUTI SOLIDI URBANI. DETERMINAZIONE TARIFFE ANNO

Dettagli

COMUNE DI AZZANELLO Provincia di Cremona. Seduta ordinaria Prima convocazione VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

COMUNE DI AZZANELLO Provincia di Cremona. Seduta ordinaria Prima convocazione VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI AZZANELLO Provincia di Cremona Seduta ordinaria Prima convocazione VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 14 del 29/04/2015 OGGETTO: ESAME ED APPROVAZIONE PIANO FINANZIARIO SERVIZI

Dettagli

COMUNE DI GRAVELLONA LOMELLINA (Provincia di PAVIA)

COMUNE DI GRAVELLONA LOMELLINA (Provincia di PAVIA) COMUNE DI GRAVELLONA LOMELLINA (Provincia di PAVIA) DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 14 Reg. Delib. OGGETTO : Approvazione del piano finanziario per la determinazione dei costi del servizio di gestione

Dettagli

C O M U N E D I S A N P I E T R O A L N A T I S O N E P r o v i n c i a d i U d i n e SEDUTA DEL 01.08.2013 CONSIGLIERI P. A. P. A. TOTALE N.

C O M U N E D I S A N P I E T R O A L N A T I S O N E P r o v i n c i a d i U d i n e SEDUTA DEL 01.08.2013 CONSIGLIERI P. A. P. A. TOTALE N. C O P I A N. 2 0 del Reg.Delibere C O M U N E D I S A N P I E T R O A L N A T I S O N E P r o v i n c i a d i U d i n e V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L C O N S I G L I O C O M U N A L

Dettagli

COMUNE DI ALBIANO. VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 06 del Consiglio Comunale

COMUNE DI ALBIANO. VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 06 del Consiglio Comunale COPIA COMUNE DI ALBIANO VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 06 del Consiglio Comunale Oggetto: APPROVAZIONE TARIFFA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI PER L ANNO 2015. L anno duemilaquindici, il giorno

Dettagli

VISTO l'art. 1, comma 184, della L. 27.12.2006 n. 296 (Legge Finanziaria. 2008) in cui è previsto che il regime di prelievo relativo al servizio

VISTO l'art. 1, comma 184, della L. 27.12.2006 n. 296 (Legge Finanziaria. 2008) in cui è previsto che il regime di prelievo relativo al servizio GIUNTA MUNICIPALE L'anno 2011 addì 9 del mese di marzo, alle ore 19,00, nella sala delle adunanze, posta nella Sede Comunale, appositamente convocata, si è riunita la Giunta Municipale nelle persone dei

Dettagli

COMUNE DI DEIVA MARINA PROVINCIA DELLA SPEZIA ---------ooooooooooooo---------

COMUNE DI DEIVA MARINA PROVINCIA DELLA SPEZIA ---------ooooooooooooo--------- COMUNE DI DEIVA MARINA PROVINCIA DELLA SPEZIA ---------ooooooooooooo--------- COPIA DELLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N.25 DEL 28-03-14 Oggetto: TASSA SUI RIFIUTI (TARI) DETERMINAZIONE TARIFFE

Dettagli

COMUNE DI MONTEFORTE D'ALPONE PROVINCIA DI VERONA

COMUNE DI MONTEFORTE D'ALPONE PROVINCIA DI VERONA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI MONTEFORTE D'ALPONE PROVINCIA DI VERONA C O P I A Affissa all'albo Pretorio il 10/04/2015 APPROVAZIONE PIANO FINANZIARIO E DETERMINAZIONE TARIFFE TARI 2015.

Dettagli

COMUNE DI FORNI AVOLTRI Provincia di Udine

COMUNE DI FORNI AVOLTRI Provincia di Udine COMUNE DI FORNI AVOLTRI Provincia di Udine Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale SEDUTA del 26/08/2014 N 27 del Reg. Del OGGETTO: APPROVAZIONE DELLE TARIFFE RELATIVE ALLA TASSA SUI RIFIUTI (TARI)

Dettagli

COMUNE DI TORRE D'ARESE PROVINCIA DI PAVIA ----------------------

COMUNE DI TORRE D'ARESE PROVINCIA DI PAVIA ---------------------- COMUNE DI TORRE D'ARESE PROVINCIA DI PAVIA ---------------------- Verbale di Deliberazione del Consiglio Comunale Sessione ordinaria Seduta pubblica di prima Convocazione NR. 23 DEL 29-07-2014 ORIGINALE

Dettagli

C O M U N E D I N O N A N T O L A PROVINCIA DI MODENA

C O M U N E D I N O N A N T O L A PROVINCIA DI MODENA Deliberazione Consiglio comunale n. 24 del 29.04.2014 OGGETTO: Approvazione tariffe della tassa rifiuti (TARI) anno 2014 e definizione scadenze. IL CONSIGLIO COMUNALE - Preso atto che, in relazione ai

Dettagli

COMUNE DI ZOCCA. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 46 in data 29 maggio 2012

COMUNE DI ZOCCA. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 46 in data 29 maggio 2012 COMUNE DI ZOCCA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 46 in data 29 maggio 2012 OGGETTO: TASSA PER LA RACCOLTA E LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI DETERMINAZIONE TARIFFE ANNO 2012. LA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

C O M U N E D I I N V E R I G O

C O M U N E D I I N V E R I G O C O M U N E D I I N V E R I G O PROVINCIA DI COMO D E L I B E R A Z I O N E D E L C O N S I G L I O C O M U N A L E COPIA N 21 del Registro delle Deliberazioni OGGETTO: IUC (IMPOSTA UNICA COMUNALE) - COMPONENTE

Dettagli

COMUNE DI OTTOBIANO PROVINCIA DI PAVIA

COMUNE DI OTTOBIANO PROVINCIA DI PAVIA COMUNE DI OTTOBIANO PROVINCIA DI PAVIA COPIA DELIBERAZIONE N. 16 in data: 21.06.2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ADUNANZA ORDINARIA DI PRIMA CONVOCAZIONE - SEDUTA PUBBLICA OGGETTO:

Dettagli

CITTA DI LOMAZZO Provincia di Como. Verbale di Deliberazione di Consiglio Comunale

CITTA DI LOMAZZO Provincia di Como. Verbale di Deliberazione di Consiglio Comunale Cat. 2 Cl. 3. COPIA CONFORME CITTA DI LOMAZZO Provincia di Como Deliberazione n. 20 del 07-04-2015 Verbale di Deliberazione di Consiglio Comunale Oggetto: Approvazione Piano Finanziario e Tariffe per la

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE CC n. 30 del 26/10/2013 Oggetto: Rettifica delibera consiliare n. 21 del 24/09/2013 "tariffe per la gestione dei rifiuti solidi urbani e assimilati per l'anno 2013" IL CONSIGLIO COMUNALE Visto l art. 14

Dettagli

COMUNE DI SERDIANA Provincia di Cagliari

COMUNE DI SERDIANA Provincia di Cagliari COMUNE DI SERDIANA Provincia di Cagliari DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ORIGINALE N. 46 OGGETTO: Modifica tariffe Tares DEL 18-10-2013 SESSIONE Straordinaria SEDUTA Pubblica DI Prima CONVOCAZIONE

Dettagli

COMUNE DI FORTE DEI MARMI (Provincia di Lucca)

COMUNE DI FORTE DEI MARMI (Provincia di Lucca) COPIA COMUNE DI FORTE DEI MARMI (Provincia di Lucca) Piazza Dante, 1 55042 Forte dei Marmi Lucca C.F. e P.I. 00138080460 tel. 0584/2801 Fax 0584/280246 DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 60 Data 24/09/2013

Dettagli

COMUNE DI CASTIGLIONE DEI PEPOLI

COMUNE DI CASTIGLIONE DEI PEPOLI COMUNE DI CASTIGLIONE DEI PEPOLI DELIBERAZIONE N. 23 C O P I A VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Oggetto: Tassa Raccolta Smaltimento Rifiuti Solidi Urbani (TARSU): determinazione tariffe anno

Dettagli

COMUNE DI CASTELLINA IN CHIANTI PROVINCIA DI SIENA

COMUNE DI CASTELLINA IN CHIANTI PROVINCIA DI SIENA {Copiaprima COMUNE DI CASTELLINA IN CHIANTI PROVINCIA DI SIENA COPIA Verbale di Deliberazione del Consiglio Comunale DELIBERAZIONE N. 28 DEL 30/07/2015 Oggetto: IUC Componente TARI - Approvazione Piano

Dettagli

COMUNE DI CASATISMA PROVINCIA DI PAVIA

COMUNE DI CASATISMA PROVINCIA DI PAVIA COMUNE DI CASATISMA PROVINCIA DI PAVIA DELIBERAZIONE CONSIGLIO COMUNALE N. 6 OGGETTO DETERMINAZIONE TARIFFE PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO TARI ANNO 2015. L'anno duemilaquindici addi trenta del mese di

Dettagli

Oggetto: Approvazione aliquote tassa per la gestione dei rifiuti urbani - TARI per l anno di imposta 2015. Il Consiglio Comunale

Oggetto: Approvazione aliquote tassa per la gestione dei rifiuti urbani - TARI per l anno di imposta 2015. Il Consiglio Comunale CC 14 dd11-03-2015 Oggetto: Approvazione aliquote tassa per la gestione dei rifiuti urbani - TARI per l anno di imposta 2015. Il Consiglio Comunale Ricordato che l'art. 1 comma 639, della L. 147/2013,

Dettagli

COMUNE DI CARNAGO (Provincia di Varese)

COMUNE DI CARNAGO (Provincia di Varese) COPIA COMUNE DI CARNAGO (Provincia di Varese) VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Delibera N. 51 del 28/05/2012 OGGETTO: EAME ED APPROVAZIONE DELLE TARIFFE PER L'APPLICAZIONE DELLA TASSA PER

Dettagli

C O M U N E D I S A S S O M A R C O N I PROVINCIA DI BOLOGNA ESTRATTO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 74 DEL 26/11/2013

C O M U N E D I S A S S O M A R C O N I PROVINCIA DI BOLOGNA ESTRATTO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 74 DEL 26/11/2013 C O M U N E D I S A S S O M A R C O N I PROVINCIA DI BOLOGNA ESTRATTO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 74 DEL 26/11/2013 Adunanza ordinaria in PRIMA convocazione OGGETTO: DETERMINAZIONE

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. Numero 51 del 12 Agosto 2014 ADUNANZA IN PRIMA CONVOCAZIONE

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. Numero 51 del 12 Agosto 2014 ADUNANZA IN PRIMA CONVOCAZIONE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Numero 51 del 12 Agosto 2014 ADUNANZA IN PRIMA CONVOCAZIONE OGGETTO: TARI 2014 - LA NUOVA DISCIPLINA TARIFFARIA Il giorno 12 Agosto 2014 alle ore 19:50 presso la Residenza

Dettagli

COMUNE DI LAURIANO Provincia di Torino

COMUNE DI LAURIANO Provincia di Torino COMUNE DI LAURIANO Provincia di Torino Via Mazzini, 22 10020 LAURIANO (TO) Tel. 011 9187801 Fax 011 9187482 P.IVA 01734040015 C.F. 82500430010 WWW.COMUNE.LAURIANO.TO.IT info@comune.lauriano.to.it mail

Dettagli

Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale

Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale Deliberazione n.16 Comune di Sestola (Mo) Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza ordinaria di 1a_ convocazione. Seduta pubblica_ Oggetto: Approvazione piano finanziario e tariffe TARI

Dettagli

originale COMUNE DI SUNI Provincia di Oristano DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n 17 del 02.09.2013

originale COMUNE DI SUNI Provincia di Oristano DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n 17 del 02.09.2013 originale COMUNE DI SUNI Provincia di Oristano DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n 17 del 02.09.2013 Oggetto: Approvazione tariffe. Tributo comunale sui rifiuti e servizi. TARES 2013. L'anno duemilatredici,

Dettagli

COMUNE DI VAIE PROVINCIA DI TO V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E DEL CONSIGLIO COMUNALE N.17

COMUNE DI VAIE PROVINCIA DI TO V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E DEL CONSIGLIO COMUNALE N.17 C o p i a A l b o COMUNE DI VAIE PROVINCIA DI TO V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E DEL CONSIGLIO COMUNALE N.17 OGGETTO: Imposta Unica Comunale (IUC) anno 2014. Approvazione Piano Finanziario

Dettagli

COMUNE DI SAN MARCO ARGENTANO (Provincia di Cosenza)

COMUNE DI SAN MARCO ARGENTANO (Provincia di Cosenza) COMUNE DI SAN MARCO ARGENTANO (Provincia di Cosenza) DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N. 17 DEL 08/04/2014 OGGETTO: TASSA SUI RIFIUTI (TARI) : ESAME EDAPPROVAZIONE PIANO FINANZIARIO E TARIFFE

Dettagli

COMUNE DI GRANA Provincia di Asti

COMUNE DI GRANA Provincia di Asti COMUNE DI GRANA Provincia di Asti DELIBERAZIONE N.32 COPIA ORIGINALE VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE SEDUTA ORDINARIA OGGETTO : DETERMINAZIONE DELLA TARIFFE PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO

Dettagli

COMUNE DI POTENZA UNITA DI DIREZIONE FISCALITA LOCALE ED ENTRATE PER SERVIZI UFFICIO: TASSA SUI RIFIUTI

COMUNE DI POTENZA UNITA DI DIREZIONE FISCALITA LOCALE ED ENTRATE PER SERVIZI UFFICIO: TASSA SUI RIFIUTI COMUNE DI POTENZA UNITA DI DIREZIONE FISCALITA LOCALE ED ENTRATE PER SERVIZI UFFICIO: TASSA SUI RIFIUTI Oggetto: Tassa sui rifiuti (TARI). Determinazione delle tariffe relative all anno 2015. Premesso

Dettagli

CALCOLO E DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE PER IL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI TASSA SUI RIFIUTI TARI TARIFFE ESERCIZIO 2014

CALCOLO E DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE PER IL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI TASSA SUI RIFIUTI TARI TARIFFE ESERCIZIO 2014 CALCOLO E DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE PER IL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI TASSA SUI RIFIUTI TARI TARIFFE ESERCIZIO 2014 DATI DI BASE abitanti al 31/12/2013 n. 25.859 COSTI PREVISTI PER L ESERCIZIO

Dettagli

COMUNE DI MONTIGNOSO PIANO FINANZIARIO E DEFINIZIONE DELLO SCENARIO. Allegato A

COMUNE DI MONTIGNOSO PIANO FINANZIARIO E DEFINIZIONE DELLO SCENARIO. Allegato A COMUNE DI MONTIGNOSO PIANO FINANZIARIO E DEFINIZIONE DELLO SCENARIO Allegato A RILEVAZIONE SULLO STATO DELL ARTE STATO DELL ARTE La base di partenza dell elaborazione necessaria all analisi per il passaggio

Dettagli

C O M U N E DI L I M B A D I (Provincia di Vibo Valentia) *************

C O M U N E DI L I M B A D I (Provincia di Vibo Valentia) ************* C O M U N E DI L I M B A D I (Provincia di Vibo Valentia) ************* COPIA DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO nell esercizio delle competenze e dei poteri del Consiglio comunale N. 4 del Reg.

Dettagli

COMUNE DI SAN GEMINI PROVINCIA DI TERNI COPIA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

COMUNE DI SAN GEMINI PROVINCIA DI TERNI COPIA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI SAN GEMINI PROVINCIA DI TERNI COPIA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 29 Data 29/07/2015 OGGETTO: Approvazione tariffe TARI. L anno 2015 il giorno 29 del mese di LUGLIO alle ore 17:30, nella

Dettagli

COMUNE DI GATTEO (PROVINCIA DI FORLI' - CESENA)

COMUNE DI GATTEO (PROVINCIA DI FORLI' - CESENA) COMUNE DI GATTEO (PROVINCIA DI FORLI' - CESENA) ORIGINALE Atto del Consiglio Comunale n 33 del 29/07/2015 Oggetto: SERVIZIO RELATIVO ALLA RACCOLTA E AL TRASPORTO DEI RIFIUTI URBANI. TASSA SUI RIFIUTI (TARI).

Dettagli

Deliberazione di C.C. n.35 del 29.2.2000, ad oggetto:

Deliberazione di C.C. n.35 del 29.2.2000, ad oggetto: Deliberazione di C.C. n.35 del 29.2.2000, ad oggetto: DELIBERA C.C. N.93 DEL 29.10.1999, AD OGGETTO: REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETERMINAZIONE E LA RISCOSSIONE DELLA TARIFFA DEL SERVIZIO DI GESTIONE INTEGRATA

Dettagli

COMUNE DI AYMAVILLES N. 36 RIDETERMINAZIONE TARIFFE PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI PER L'ANNO 2013.

COMUNE DI AYMAVILLES N. 36 RIDETERMINAZIONE TARIFFE PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI PER L'ANNO 2013. Regione Autonoma Valle d Aosta Région Autonome Vallée d Aoste COMUNE DI AYMAVILLES Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale N. 36 Oggetto: RIDETERMINAZIONE TARIFFE PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO

Dettagli

COPIA DI DELIBERAZIONE COMMISSARIALE 18/05/2013 N. 166

COPIA DI DELIBERAZIONE COMMISSARIALE 18/05/2013 N. 166 Comune di Avellino COPIA DI DELIBERAZIONE COMMISSARIALE 18/05/2013 N. 166 OGGETTO: TARES (TASSA RIFIUTI E SERVIZI) :APPROVAZIONE REGOLAMENTO, PIANO FINANZIARIO,TARIFFE. ANNO 2013. L anno duemilatredici

Dettagli

COMUNE DI FANANO (Provincia di Modena)

COMUNE DI FANANO (Provincia di Modena) COMUNE DI FANANO (Provincia di Modena) ORIGINALE VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Prot. del DELIBERA N. 30 del 20.07.2015 OGGETTO: RISCOSSIONE TARI ANNO 2015 - DETERMINAZIONE DEL NUMERO

Dettagli

OGGETTO: Tassa per lo Smaltimento dei Rifiuti Solidi Urbani ed Assimilati. Approvazione tariffe per l'anno 2012. IL CONSIGLIO COMUNALE

OGGETTO: Tassa per lo Smaltimento dei Rifiuti Solidi Urbani ed Assimilati. Approvazione tariffe per l'anno 2012. IL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERA DI C.C. N. 8 DEL 02/04/2012 OGGETTO: Tassa per lo Smaltimento dei Rifiuti Solidi Urbani ed Assimilati. Approvazione tariffe per l'anno 2012. IL CONSIGLIO COMUNALE VISTO il nuovo regolamento per

Dettagli

COMUNE DI AZZANO MELLA Provincia di Brescia VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI AZZANO MELLA Provincia di Brescia VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA COMUNE DI AZZANO MELLA Provincia di Brescia Delibera N. 100 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: Definizione dei criteri di assimilazione ai rifiuti urbani dei rifiuti speciali

Dettagli

COMUNE DI BORDIGHERA PROVINCIA DI IMPERIA DELIBERAZIONE DELLA COMMISSIONE STRAORDINARIA ADOTTATA CON I POTERI DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI BORDIGHERA PROVINCIA DI IMPERIA DELIBERAZIONE DELLA COMMISSIONE STRAORDINARIA ADOTTATA CON I POTERI DELLA GIUNTA COMUNALE C o p i a COMUNE DI BORDIGHERA PROVINCIA DI IMPERIA DELIBERAZIONE DELLA COMMISSIONE STRAORDINARIA ADOTTATA CON I POTERI DELLA GIUNTA COMUNALE N. 56 del registro delle deliberazioni. OGGETTO: TRIBUTI -

Dettagli

ESERCIZIO FINANZIARIO 2007

ESERCIZIO FINANZIARIO 2007 CAPITOLO 5801938 5181954 5451960 4391943 5621937 5830404 5801493 5801939 5830406 ESERCIZIO FINANZIARIO 2007 Canone Servizio raccolta R.S.U. 8.577.807,93 Canone pulizia cimitero 140.892,00 Canone pul. Piazzali,

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE TARIFFE TARI 2015

OGGETTO: APPROVAZIONE TARIFFE TARI 2015 Città metropolitana di Bologna COPIA n. 24 del 10.06.2015 OGGETTO: APPROVAZIONE TARIFFE TARI 2015 Il giorno 10 giugno 2015 alle ore 20.45 nella sala consiliare del Municipio, previa l'osservanza di tutte

Dettagli

BOZZA RELAZIONE. Desenzano del Garda 03.05.2014. Pagina 1 di 7

BOZZA RELAZIONE. Desenzano del Garda 03.05.2014. Pagina 1 di 7 BOZZA RELAZIONE Desenzano del Garda 03.05.2014 Pagina 1 di 7 Richiamata la recente Legge 27 dicembre 2013 n. 147 ( Legge di stabilità 2014), in particolare art. 1 commi 639 668 di istituzione della TARI

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza ordinaria di 1^ convocazione - seduta pubblica

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza ordinaria di 1^ convocazione - seduta pubblica COMUNE DI GROPPARELLO Provincia di Piacenza...................... COPIA N.22 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza ordinaria di 1^ convocazione - seduta pubblica Oggetto: Approvazione

Dettagli

COMUNE DI ZEDDIANI PROVINCIA DI OR V E R B AL E D I D E L I B E R AZ I ONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 17

COMUNE DI ZEDDIANI PROVINCIA DI OR V E R B AL E D I D E L I B E R AZ I ONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 17 C o p i a COMUNE DI ZEDDIANI PROVINCIA DI OR V E R B AL E D I D E L I B E R AZ I ONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 17 OGGETTO: CONFERMA T.A.R.S.U. ANNO 2009 L anno duemilanove addì dodici del mese di febbraio

Dettagli

Verbale di Deliberazione del Consiglio Comunale Seduta Straordinaria - Convocazione Prima - Seduta Pubblica

Verbale di Deliberazione del Consiglio Comunale Seduta Straordinaria - Convocazione Prima - Seduta Pubblica COMUNE DI CREAZZO PROVINCIA DI VICENZA Nr. di Prot. COPIA Deliberazione nr. 42 del 06-06-2013 Verbale di Deliberazione del Consiglio Comunale Seduta Straordinaria - Convocazione Prima - Seduta Pubblica

Dettagli

COMUNE DI TODI (Provincia di Perugia)

COMUNE DI TODI (Provincia di Perugia) COMUNE DI TODI (Provincia di Perugia) DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 92 DEL 25 MARZO 2010 Oggetto: Tassa smaltimento Rifiuti Solidi Urbani TARSU Determinazione tariffe anno 2010. L anno duemiladieci

Dettagli

COMUNE DI USSARAMANNA

COMUNE DI USSARAMANNA COPIA COMUNE DI USSARAMANNA PROVINCIA DEL MEDIO CAMPIDANO DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N 15/2013 OGGETTO: APPROVAZIONE TARIFFE TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI (TARES) - ESERCIZIO FINANZIARIO

Dettagli

COMUNE DI SAN CESAREO

COMUNE DI SAN CESAREO Repubblica Italiana COMUNE DI SAN CESAREO Provincia di Roma DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Copia n. 20 del 02-07-2015 OGGETTO: TASSA SUI RIFIUTI (TARI) - APPROVAZIONE TARIFFE E SCADENZE DI PAGAMENTO

Dettagli

D.C.C. N. 04 DEL 12/01/2004 OGGETTO: DETERMINAZIONI IN MERITO A MODIFICHE AL REGOLAMENTO COMUNALE PER LO SMALTIMENTO RIFIUTI. IL CONSIGLIO COMUNALE

D.C.C. N. 04 DEL 12/01/2004 OGGETTO: DETERMINAZIONI IN MERITO A MODIFICHE AL REGOLAMENTO COMUNALE PER LO SMALTIMENTO RIFIUTI. IL CONSIGLIO COMUNALE D.C.C. N. 04 DEL 12/01/2004 OGGETTO: DETERMINAZIONI IN MERITO A MODIFICHE AL REGOLAMENTO COMUNALE PER LO SMALTIMENTO RIFIUTI. IL CONSIGLIO COMUNALE VISTA la D.C.C. n. 43 in data 06/10/1995 avente per oggetto:

Dettagli

TASSA SUI RIFIUTI (TARI) ANNO 2016 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA DETERMINAZIONE TARIFFE TARI METODO NORMALIZZATO 1

TASSA SUI RIFIUTI (TARI) ANNO 2016 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA DETERMINAZIONE TARIFFE TARI METODO NORMALIZZATO 1 allegato A) alla deliberazione di Consiglio Comunale n. 22 in data 30/04/2016 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA DETERMINAZIONE TARIFFE TARI METODO NORMALIZZATO 1 Il procedimento di calcolo delle tariffe TARI

Dettagli

fino a 30 1 da 31 a 45 2 da 46 a 60 3 da 61 a 75 4 da 76 a 90 5

fino a 30 1 da 31 a 45 2 da 46 a 60 3 da 61 a 75 4 da 76 a 90 5 TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI GUIDA AL CALCOLO TARES (AGGIORNATO ALL'11/01/2014) La componente Rifiuti della TARES è composta da: UNA QUOTA FISSA: determinata in relazione alle componenti

Dettagli

La Giunta comunale propone al Consiglio l adozione della sotto riportata deliberazione. Il Consiglio Comunale

La Giunta comunale propone al Consiglio l adozione della sotto riportata deliberazione. Il Consiglio Comunale Delib. n. 60-20.4.2015 OGGETTO: Servizio relativo alla raccolta e al trasporto dei rifiuti urbani. Tassa sui rifiuti (TARI). Tariffe per le utenze domestiche e per le utenze non domestiche per l anno 2015.

Dettagli

COMUNE DI SOGLIANO CAVOUR Provincia di Lecce UFFICIO TRIBUTI PIANO FINANZIARIO-TARIFFARIO GESTIONE RIFIUTI URBANI ANNO 2014

COMUNE DI SOGLIANO CAVOUR Provincia di Lecce UFFICIO TRIBUTI PIANO FINANZIARIO-TARIFFARIO GESTIONE RIFIUTI URBANI ANNO 2014 COMUNE DI SOGLIANO CAVOUR Provincia di Lecce UFFICIO TRIBUTI PIANO FINANZIARIO-TARIFFARIO GESTIONE RIFIUTI URBANI ANNO 2014 Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 11 del 01/08/2014 1 Il presente

Dettagli

Comune di. Determinazione delle tariffe della Tassa sui rifiuti- TARI. Allegato A) alla D.C.C. n. 14 del 30/07/2015. Oggetto:

Comune di. Determinazione delle tariffe della Tassa sui rifiuti- TARI. Allegato A) alla D.C.C. n. 14 del 30/07/2015. Oggetto: Comune di BOSCHI SANT ANNA Oggetto: Determinazione delle tariffe della Tassa sui rifiuti- TARI L. 147 del 27.12.2013 D.P.R. 27 aprile 1999, n. 158 Competenza: UFFICIO TRIBUTI DEL COMUNE DI BOSCHI SANT

Dettagli

LA GIUNTA COMUNALE. SI RITIENE OPPORTUNO aumentare per l anno 2009 le seguenti tariffe:

LA GIUNTA COMUNALE. SI RITIENE OPPORTUNO aumentare per l anno 2009 le seguenti tariffe: LA GIUNTA COMUNALE PREMESSO: che la TRSU Tassa per lo Smaltimento dei Rifiuti Solidi Urbani Interni è stata istituita con il Capo III, del D.Lgvo 15 novembre 1992, n.507 e dallo stesso disciplinata, con

Dettagli

ALLEGATO B Categorie di utenze non domestiche. Le utenze non domestiche sono suddivise nelle seguenti categorie:

ALLEGATO B Categorie di utenze non domestiche. Le utenze non domestiche sono suddivise nelle seguenti categorie: ALLEGATO B Categorie di utenze non domestiche Le utenze non domestiche sono suddivise nelle seguenti categorie: Categoria 1 Musei, biblioteche, scuole, associazioni, luoghi di culto Associazioni o istituzioni

Dettagli

COMUNE DI MONTICELLI D'ONGINA Provincia di PIACENZA COPIA Deliberazione N. 51 del 14/06/2012

COMUNE DI MONTICELLI D'ONGINA Provincia di PIACENZA COPIA Deliberazione N. 51 del 14/06/2012 COMUNE DI MONTICELLI D'ONGINA Provincia di PIACENZA COPIA Deliberazione N. 51 del 14/06/2012 Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Oggetto: TASSA PER LO SMALTIMENTO RIFIUTI SOLIDI URBANI. CONFERMA

Dettagli

COMUNE DI BUTTAPIETRA PROVINCIA DI VERONA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. SESSIONE Ordinaria di Prima CONVOCAZIONE

COMUNE DI BUTTAPIETRA PROVINCIA DI VERONA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. SESSIONE Ordinaria di Prima CONVOCAZIONE COMUNE DI BUTTAPIETRA PROVINCIA DI VERONA ORIGINALE Reg. Deliberazioni Numero 19 Del 30-06-2015 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE SESSIONE Ordinaria di Prima CONVOCAZIONE Oggetto: TASSA SUI

Dettagli

Comune di Vairano Patenora Provincia di Caserta

Comune di Vairano Patenora Provincia di Caserta Comune di Vairano Patenora Provincia di Caserta DELIBERAZIONE ORIGINALE DEL CONSIGLIO COMUNALE Numero 20 Del 29-04-15 OGGETTO: Approvazione Tariffe relative alla Tassa sui rifiuti ( TARI) anno 2015. L'anno

Dettagli

COMUNE DI GODIASCO SALICE TERME

COMUNE DI GODIASCO SALICE TERME COMUNE DI GODIASCO SALICE TERME (PROVINCIA DI PAVIA) N. 19 Reg. Delib. VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: Imposta unica comunale (IUC) Componente TARI Determinazione rate, scadenze

Dettagli

COMUNE DI TREPUZZI PROVINCIA DI LECCE

COMUNE DI TREPUZZI PROVINCIA DI LECCE COMUNE DI TREPUZZI PROVINCIA DI LECCE Prot. N... Spedita al CO.RE.CO. il.. COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 18 DEL 03/07/2015 OGGETTO: IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC). APPROVAZIONE DEL REGOLAMENTO

Dettagli

COMUNE DI TRAPPETO PROVINCIA DI PALERMO

COMUNE DI TRAPPETO PROVINCIA DI PALERMO Di quanto sopra è redatto il presente verbale che, letto e confermato, viene sottoscritto. IL PRESIDENTE f.to IL CONSIGLIERE ANZIANO IL SEGRETARIO COMUNALE f.to f.to REFERTO DI PUBBLICAZIONE Reg.Pubbl.

Dettagli

COMUNE DI GARBAGNATE MONASTERO PROVINCIA DI LECCO SCHEDA TECNICA PER LA DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE PER L APPLICAZIONE DELLA TARI (TASSA SUI RIFIUTI) PER L ANNO 2015 [SCHEDA TECNICA] Pagina 1 1.PREMESSA

Dettagli

Verbale di deliberazione del Commissario Straordinario (Assunta con i poteri della Giunta Comunale) OGGETTO: Determinazione tariffe TARSU anno 2011.

Verbale di deliberazione del Commissario Straordinario (Assunta con i poteri della Giunta Comunale) OGGETTO: Determinazione tariffe TARSU anno 2011. Verbale di deliberazione del (Assunta con i poteri della Giunta Comunale) N. 46 del 11/5/2011 OGGETTO: Determinazione tariffe TARSU anno 2011. L'anno duemilaundici, addì undici del mese di maggio, alle

Dettagli

COMUNE DI CASTELLO D'ARGILE

COMUNE DI CASTELLO D'ARGILE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI CATELLO D'ARGILE PROVINCIA DI BOLOGNA C O P I A Comunicata ai Capigruppo Consiliari il 12/02/2008Nr. Prot. 1664 Affissa all'albo Pretorio il 12/02/2008 DETERMINAZIONE

Dettagli

COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA DELIBERAZIONE ORIGINALE DEL CONSIGLIO COMUNALE

COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA DELIBERAZIONE ORIGINALE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA DELIBERAZIONE ORIGINALE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 41 del Reg. Data 30/09/2014 OGGETTO: IMPOSTA UNICA COMUNALE. TASSA SUI RIFIUTI. (TARI). APPROVAZIONE TARIFFE PER

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITA ECONOMICHE

CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITA ECONOMICHE CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITA ECONOMICHE 1) Musei, Biblioteche, Scuole, Associazioni, Luoghi di culto Musei e gallerie pubbliche e private Biblioteche Scuole pubbliche di ogni ordine e grado Scuole parificate

Dettagli

* COMUNITA MONTANA - COMMUNAUTE DE

* COMUNITA MONTANA - COMMUNAUTE DE * COMUNITA MONTANA - COMMUNAUTE DE MONTAGNE GRAND COMBIN Scopri con me quanto costa il Servizio di raccolta e smaltimento rifiuti e come si calcola quanto si paga per l anno 2014 * Previsione costi anno

Dettagli

COMUNE DI CINTANO Provincia di Torino

COMUNE DI CINTANO Provincia di Torino COMUNE DI CINTANO Provincia di Torino ESTRATTO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza ORDINARIA di PRIMA CONVOCAZIONE Seduta PUBBLICA N. 24 Del 31/07/2014 OGGETTO : Tributo servizio rifiuti

Dettagli

PIANO FINANZIARIO GESTIONE TARI 2014

PIANO FINANZIARIO GESTIONE TARI 2014 PIANO FINANZIARIO GESTIONE TARI 2014 Premessa normativa Il presente Piano Finanziario, redatto in conformità a quanto previsto nel D.P.R. n. 158/1999, ha lo scopo di fornire i dati utili all'applicazione

Dettagli

COMUNE DI ALTILIA Prov. di Cosenza

COMUNE DI ALTILIA Prov. di Cosenza COMUNE DI ALTILIA Prov. di Cosenza TARIFFE TASSA SUI RIFIUTI (TARI) - ANNO 2016 Utenze domestiche 1,00 a mq. Utenze domestiche di campagna 0,60 a mq. Utenze domestiche (Pensionati nei paesi di residenza

Dettagli

L'Assessore alle Attività Finanziarie e ai Servizi Comunali, VALENTINO rag. Gerardo, propone l'adozione del presente provvedimento:

L'Assessore alle Attività Finanziarie e ai Servizi Comunali, VALENTINO rag. Gerardo, propone l'adozione del presente provvedimento: CITTÀ DI CERIGNOLA COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Atto N. 29 In data 09-02-06 OGGETTO: Approvazione tariffe TARSU delle categorie di locali e aree di produzione rifiuti - Anno. L'anno duemilasei,

Dettagli

COMUNE IM CALASCIBETTA (Provincia Regionale di Enna)

COMUNE IM CALASCIBETTA (Provincia Regionale di Enna) COMUNE IM CALASCIBETTA (Provincia Regionale di Enna) COPIA Deliberazione della Giunta Municipale ADUNANZA DEL 30/12/2014 VERBALE N. 89 Oggetto: Contributo straordinario all'associazione SLRO Enna - Onlus

Dettagli

Comune di Nibbiano P R O V I N C I A P I A C E N Z A DELIBERAZIONE N 23 ADUNANZA DEL 25-07-2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Comune di Nibbiano P R O V I N C I A P I A C E N Z A DELIBERAZIONE N 23 ADUNANZA DEL 25-07-2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Comune di Nibbiano P R O V I N C I A P I A C E N Z A DELIBERAZIONE N 23 ADUNANZA DEL 25-07-2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione seduta Pubblica

Dettagli

L'Assessore al Bilancio, Tributi e Patrimonio, GALLO dott. Nicola, propone l'adozione del presente provvedimento:

L'Assessore al Bilancio, Tributi e Patrimonio, GALLO dott. Nicola, propone l'adozione del presente provvedimento: CITTÀ DI CERIGNOLA COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Atto N.225 In data 03-07-2012 OGGETTO: Approvazione tariffe TARSU delle categorie dei locali ed aree di produzione di rifiuti. - Anno 2012.

Dettagli

Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale

Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale COPIA Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Oggetto: Tariffa Igiene Ambientale anno 2012. Delibera n 71 in data 29/05/2012 La presente viene pubblicata in data odierna all Albo Pretorio on line

Dettagli

Comune di Fabriano GIUNTA COMUNALE

Comune di Fabriano GIUNTA COMUNALE L anno duemiladieci addì trenta del mese di marzo alle ore 18.30 in Fabriano si è riunita la Giunta Comunale nel prescritto numero legale con l intervento dei Signori: Risultano PRESENTI: SORCI ROBERTO

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ ECONOMICHE NELLE CATEGORIE TARI

CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ ECONOMICHE NELLE CATEGORIE TARI CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ ECONOMICHE NELLE CATEGORIE TARI Classe 1 -Musei, biblioteche, scuole, associazioni, luoghi di culto Associazioni o istituzioni con fini assistenziali Associazioni o istituzioni

Dettagli

COMUNE DI VERBANIA TRANSIZIONE A TARES DEFINIZIONE DEGLI SCENARI TARES 2013 UD 49,71% UND 50,29%

COMUNE DI VERBANIA TRANSIZIONE A TARES DEFINIZIONE DEGLI SCENARI TARES 2013 UD 49,71% UND 50,29% COMUNE DI VERBANIA TRANSIZIONE A TARES DEFINIZIONE DEGLI SCENARI TARES 2013 UD 49,71% UND 50,29% Piano Economico Finanziario come approvato da AC con atto 8/13; ELABORAZIONE TRANSIZIONE A TARES Il presente

Dettagli

PIANO FINANZIARIO GESTIONE TARI

PIANO FINANZIARIO GESTIONE TARI PIANO FINANZIARIO GESTIONE TARI Premessa normativa Il presente Piano Finanziario, redatto in conformità a quanto previsto nel D.P.R. n. 158/1999, ha lo scopo di fornire i dati utili all'applicazione del

Dettagli

CONSIGLIO COMUNALE 49 07/07/2015

CONSIGLIO COMUNALE 49 07/07/2015 COPIA CITTA DI MELEGNANO Provincia di Milano CONSIGLIO COMUNALE 49 07/07/2015 OGGETTO: APPROVAZIONE PIANO ECONOMICO FINANZIARIO PER IL SERVIZIO DI IGIENE AMBIENTALE E TARIFFE TARI PER L ESERCIZIO 2015.

Dettagli

COMUNE DI MOGGIO UDINESE Provincia di Udine

COMUNE DI MOGGIO UDINESE Provincia di Udine COMUNE DI MOGGIO UDINESE Provincia di Udine medaglia d'oro al valore civile P.ZZA UFFICI, 1 C.F. 8400 1550 304 TEL. 0433 / 51177-51877-51888 www.comune.moggioudinese.ud.it C.A.P. 33015 P. I.V.A. 01 134

Dettagli

DELIBERAZIONE CONSIGLIO COMUNALE. Numero 61 del 28-07-2014. OGGETTO: Tassa sui rifiuti (Ta.Ri.) - Determinazione importi unitari anno 2014.

DELIBERAZIONE CONSIGLIO COMUNALE. Numero 61 del 28-07-2014. OGGETTO: Tassa sui rifiuti (Ta.Ri.) - Determinazione importi unitari anno 2014. O R I G I N A L E DELIBERAZIONE CONSIGLIO COMUNALE Numero 61 del 28-07-2014 OGGETTO: Tassa sui rifiuti (Ta.Ri.) - Determinazione importi unitari anno 2014. L anno duemilaquattordici e questo giorno ventotto

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE TARIFFE TARI 2015

OGGETTO: APPROVAZIONE TARIFFE TARI 2015 Città metropolitana di Bologna COPIA n. 19 del 18.03.2015 OGGETTO: APPROVAZIONE TARIFFE TARI 2015 Il giorno 18 marzo 2015 alle ore 14.00 nel Municipio, previa l'osservanza di tutte le formalità prescritte

Dettagli

COMUNE DI CARTIGLIANO Provincia di Vicenza ------- NON SOGGETTA A CONTROLLO SOGGETTA A CONTROLLO DI IMMEDIATA ESEGUIBILITA

COMUNE DI CARTIGLIANO Provincia di Vicenza ------- NON SOGGETTA A CONTROLLO SOGGETTA A CONTROLLO DI IMMEDIATA ESEGUIBILITA N.14 reg COPIA COMUNE DI CARTIGLIANO Provincia di Vicenza ------- NON SOGGETTA A CONTROLLO SOGGETTA A CONTROLLO DI IMMEDIATA ESEGUIBILITA Oggetto: VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Seduta

Dettagli