COLLANA DIDATTICA DEL DIPARTIMENTO DI STORIA, CULTURE, RELIGIONI SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COLLANA DIDATTICA DEL DIPARTIMENTO DI STORIA, CULTURE, RELIGIONI SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA"

Transcript

1 COLLANA DIDATTICA DEL DIPARTIMENTO DI STORIA, CULTURE, RELIGIONI SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA 5

2 Direttore Mariano PAVANELLO Direttore del Dipartimento di Storia, Culture, Religioni Sapienza Università di Roma Comitato scientifico Orsola AMORE Alberto CAMPLANI Anna IUSO Segreteria di redazione Michela GUERRATO (Coordinamento) Stefano MALTESE Elisa VASCONI

3 COLLANA DIDATTICA DEL DIPARTIMENTO DI STORIA, CULTURE, RELIGIONI SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA Il Dipartimento di Storia, Culture, Religioni della Sapienza (http://www.dipscr.uniroma1.it/), attraverso la sua collana didattica, si propone di offrire agli studenti, in una forma accessibile e organizzata, i materiali didattici (dispense, raccolte di fonti, articoli, ecc.) previsti nei moduli di insegnamento impartiti dai propri docenti. Questa collana ha quindi l obiettivo primario di essere uno strumento utile innanzitutto per gli studenti, ma anche per i docenti che potranno così mettere agevolmente a disposizione della comunità universitaria testi anche originali finalizzati all insegnamento. Mariano Pavanello Direttore del Dipartimento Storia, Culture, Religioni

4

5 Adriana Piga Fausto Carletti Riconfigurazioni politiche nelle aree di conflitto a sud del Sahara Nigeria, Sud Sudan e Mali

6 Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. via Raffaele Garofalo, 133/A B Roma (06) ISBN I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento anche parziale, con qualsiasi mezzo, sono riservati per tutti i Paesi. Non sono assolutamente consentite le fotocopie senza il permesso scritto dell Editore. I edizione: luglio 2013

7 Indice 09 ADRIANA PIGA Problematiche sociopolitiche e conflittualità estrema nella Nigeria contemporanea Premessa, Una breve cronologia politica, Le elezioni di Olusegun Obasanjo: la Quarta Repubblica dal 1999 ad oggi, Il processo di urbanizzazione, L Islam politico nel Nord della Nigeria, Origini e interpretazioni del MEND nel Sud-est della Nigeria, 70 Conclusioni, 85 Bibliografia, FAUSTO CARLETTI Sudan e Sud Sudan: storia di una secessione africana Premessa, Popolazione, urbanizzazione e ambiente, Suddivisioni amministrative, Cenni storici sul Sudan, L indipendenza e la prima guerra civile sudanese, La seconda guerra civile sudanese, Il Comprehensive Peace Agreement, L indipendenza del Sud Sudan, Sud Sudan: una nuova democrazia nel contesto africano, Sudan e Sud Sudan: quale futuro?, 144 Note, 154 Bibliografia, 157 Sitografia, FAUSTO CARLETTI Mali: cronologia della crisi fra debolezza politica e spinte integraliste Premessa, Il Mali nel Sahel conteso, Il crocevia algerino, L Azawad e le organizzazioni armate, Cronologia della crisi maliana, Le fazioni islamiste al potere nell Azawad, Nasce il governo di Unità Nazionale, La Risoluzione 2071, La Risoluzione 2085, L intervento armato francese, La riconquista di Gao, Tombouctou e Kidal, Il Mali: quali prospettive?, 222 Note, 233 Bibliografia, 235 Sitografia, 236 7

8 Ringraziamenti In primo luogo vorrei esprimere tutta la mia gratitudine a Mariano Pavanello, Direttore del Dipartimento di Storia, Culture, Religioni della Sapienza, Università di Roma per la simpatia e l interesse che ha sempre mostrato verso le mie ricerche. Inoltre un ringraziamento affettuoso va a Jean-Louis Triaud che mi ha sempre dimostrato grande stima in questi anni. Infine vorrei ringraziare colleghi ed amici quali, in particolare, Minette Macioti, Luciano Zani, Enzo Nocifora, Ernesto D Albergo, Federico Cresti e Mario Zamponi. Adriana Piga Un ringraziamento particolare a mia moglie, con tanto affetto. Fausto Carletti

9 Riconfigurazioni politiche nelle aree di conflitto a sud del Sahara ISBN DOI / pp (luglio 2013) Problematiche sociopolitiche e conflittualità estrema nella Nigeria contemporanea ADRIANA PIGA Premessa La Nigeria, paese considerato un gigante dell Africa subito dopo il Congo per motivi squisitamente geo-politici ma non solo, è uno Stato federale che comprende ben 36 Stati. Circa 250 i diversi gruppi etnici, sovente nel passato in rivalità accesa gli uni verso gli altri (Horowitz 1985). Pensiamo agli Yoruba delle regioni occidentali, ostili agli Hausa-Fulani del Nord, pensiamo agli Igbo e Ibibio delle regioni meridionali invisi alla importante frazione etnica hausa delle regioni settentrionali e così via. Tutti questi etnicismi esasperati, almeno fino alla fine degli anni Ottanta e anche oltre, hanno indotto diversi studiosi a parlare di una vera e propria questione etnica in Nigeria con specificità proprie, una sorta di lotta per le risorse in chiave squisitamente etnica in un processo di difficile integrazione nazionale (Crawford Young 1986; Suberu 1996). A lungo è, poi, perdurata una drammatica divisione fra il cosiddetto Far North, cioè le regioni settentrionali a vocazione essenzialmente agricola e, un tempo, completamente islamizzate e un Sud a prevalenza cristiana, più industrializzato e competitivo sul mercato internazionale che vede l importante etnia yoruba a Ovest e quella igbo-ibibio a Sud-Est (Crowder 1978). 9

10 10 Adriana Piga Dal punto di vista demografico, poi, la popolazione nigeriana ammonta a circa 150 milioni di persone (la popolazione ammontava a dopo il censimento 2006 ma recenti stime dell Ufficio di Statistica Nazionale fissano la popolazione a 167milioni di abitanti) (Nigeria R.C.A.C. ENIT, 2013). Dall inizio degli anni Novanta la Nigeria è diventata completamente dipendente, a livello economico, dall estrazione del petrolio, petrolio che costituisce ben il 40% del PIL. L agricoltura, che senza dubbio avrebbe potuto garantire l autosufficienza alimentare, è stata quasi abbandonata nel momento del boom petrolifero nel corso degli anni Settanta. Pertanto, la produzione, un tempo notevole, di mais, cotone e arachidi è praticamente crollata durante gli ultimi 20 anni. La Nigeria è la prima potenza petrolifera dell Africa e la sesta potenza petrolifera al mondo, non avrebbe proprio nulla da invidiare all Arabia Saudita. Invece, mentre nell ultimo decennio il PIL è triplicato, anche sotto la spinta dell aumento del prezzo della benzina, il reddito non ha seguito lo stesso andamento positivo. Anzi, almeno il 70% della popolazione nigeriana vive ancora sotto la soglia di povertà. Quasi il 40%, poi, dei giovani conosce la disoccupazione senza contare che in vaste aree periferiche del paese mancano ancora scuole, acqua e elettricità. Gli squilibri economici sono l effetto di un noto meccanismo perverso: l elite ricca diviene sempre più ricca, mentre la stragrande maggioranza della popolazione povera, nel migliore dei casi, resta povera. Si pensi che il 2% dei Nigeriani guadagna quanto il 55% della popolazione. La Nigeria è una società caratterizzata da livelli di povertà pro-capite paragonabili a quelli di paesi come il Malawi o la Somalia (Fani 2011:131). In definitiva, la Nigeria soffre del cosiddetto male olandese, cioè la maledizione che sembra colpire tutti gli Stati ricchi di petrolio. In tutti questi Stati, ad esempio, in Angola, Ciad, Gabon e Sudan in seguito alla scoperta di importanti giacimenti petroliferi, sono scoppiati violenti conflitti legati ad interessi contrastanti, locali, nazionali e internazionali. Petrolio, diaman-

11 Problematiche sociopolitiche e conflittualità estrema 11 ti, cassiterite, oro, coltan, queste le cause più frequenti di conflitti drammatici nei contesti più diversi. Come noto, nell attuale congiuntura storica e geo-politica della Nigeria, si intreccia l annosa problematica di un Federalismo imperfetto con le rivendicazioni dei gruppi etnici autoctoni e con le controversie sul ruolo delle multinazionali del petrolio, come vedremo nello specifico quando affronteremo il caso del MEND (Bach 1988: 22-30; Philippe 1988:31-43; Iwilade & Okwechime 2012). Dal punto di vista politico, più di 60 sarebbero i partiti attivi. Qui di seguito desideriamo fornire alcune indicazioni di massima su alcuni partiti nigeriani, consapevoli che questo elenco non è minimamente esaustivo. Il People s Democratic Party ha vinto tutte le elezioni fin dal 1999, pertanto si può considerare il partito egemone nella IV Repubblica. Ad esempio, nell aprile del 2003, questo partito aveva vinto le elezioni con il 54,5% dei voti e aveva ottenuto 223 seggi su 360 nella House of Representatives (la Camera dei Deputati) e ben 76 su un totale di 109 seggi in Senato. Lo stesso Olusegun Obasanjo, candidato del PDP nelle presidenziali del 2003 era stato confermato per il suo secondo mandato con il 61,9% dei voti. Nel marzo del 2008 il Congresso Nazionale del partito ha eletto come Chairman nazionale il Principe di Olokoro Vincent Eze Ogbulafor che era già stato il Segretario Nazionale del PDP dal 2001 al Tuttavia, nel corso degli ultimi anni si è notata una forte defezione dal PDP verso l Action Congress of Nigeria (ACN). Il PDP si è sempre mostrato a favore delle liberalizzazioni nel settore economico e in favore di uno spiccato conservatorismo sociale, si vedano ad esempio le misure punitive nei confronti dell omosessualità. L All People s Party (APP) era apparso come una coalizione molto articolata, dotata di un programma politico favorevole ad una democrazia reale. Tuttavia, molti dubbi sono sorti nella misura in cui molti dei suoi esponenti erano apparsi più che legati al regime dittatoriale di Abacha. Lo APP si è poi trasformato nel All Nigeria Peoples Party (ANPP), partito conservato-

12 12 Adriana Piga re, creato nel 1999, è considerato il partito di Muhammadu Buhari. È considerato il partito del Nord, il più forte partito di opposizione al PDP, tanto da controllare più o meno 7 Stati su 36. Questo partito nel 2007 prese posizione contro la vittoria di Yar Adua. Citiamo fra i suoi membri più influenti la National Women Leader Hajja Ramatu Tijani. Il National Party of Nigeria (NPN), istituito nel 1978, è stato il partito dominante durante la Seconda Repubblica sotto Shagari ( ), oggi si chiama il National Democratic Party (NDP). Il Peoples Redemption Party (PRP) era l erede della storica Northern Elements Progressive Union (NEPU) della città di Kano. Fu creato dal Mallam Aminu Kano e ne ha fatto parte il famoso scrittore Chinua Achebe. Il Congress for Progressive Change (CPC), è stato fondato nel 2009 ed era finalizzato alle elezioni dell aprile del È il 63 partito politico della Nigeria. Molti dei suoi membri erano affiliati prima allo ANPP, lo stesso Buhari lasciò formalmente lo ANPP per unirsi al CPC nel marzo del Il Segretario nazionale è stato un ingegnere Buba Galadima. Famoso nel Nord, questo partito, tuttavia, non ha mai avuto le risorse finanziarie del PDP. Muhammadu Buhari è stato il candidato del CPC contro Goodluck nel L Alliance for Democracy è stata definita da Marcella Emiliani un partito pan-yoruba, infatti, ne fanno parte molte personalità di spicco della storica, potentissima Associazione yoruba detta Afenifere sulla quale torneremo in seguito (2004). Lo stesso premio Nobel per la letteratura, Wole Soyinka ne fa parte. Questo partito si presentava come l erede dello Unity Party of Nigeria guidato un tempo (negli anni Sessanta-Settanta) dal notissimo leader yoruba Obafemi Awolowo. Il Movement for Democracy and Justice (MJD), era il partito di Muhammad Dikko, personaggio influente che pur provenendo dal Nord aveva saputo gestire ottimi rapporti con personalità politiche del Sud sia igbo che yoruba. Tra i partiti minori possiamo citare: il Labour Party (LP), il Progressive Action Congress (PAC), il Peoples Salvation Party

13 Problematiche sociopolitiche e conflittualità estrema 13 (PSP), il Nigerian Advance Party (NAP), il National Conscience Party (NCP), il Peoples Mandate Party (PMP), l Accord Party (AP), il National Movement for Progressive Party e il Mega Progressive Peoples Party (MPPP). La Nigeria ha conosciuto un numero impressionante di colpi di Stato militari che hanno dato luogo per circa 30 anni a dittature spietate e impopolari, pensiamo, ad esempio, ai regimi autoritari di generali quali Babangida e Abacha (ivi). Si è verificata cioè una militarizzazione della politica che ha minacciato a lungo la legittimità dello Stato (Falola 1995; Obi 2006:46). Di conseguenza, nella Nigeria contemporanea, il processo di democratizzazione, iniziato tardi verso la fine degli anni Novanta, si è rivelato farraginoso quanto mai e ha conosciuto difficoltà inenarrabili. Tutto ciò a causa di antiche e ramificate forme di corruzione a livello di governance locale come nazionale e a pattern di vero e proprio neo-patrimonialismo che ne hanno fatto un esempio eclatante di politica delle prebende (Joseph 1987; Carbone 2005; Blundo & de Sardan 2007). Ancora, una dialettica parlamentare debole nel passato, un regionalismo acceso e segnato da profondi squilibri regionali, un modello federale non sufficientemente elaborato dal punto di vista giuridico, hanno, poi, influito negativamente sulla gestione dello Stato (Bach 1988; Bach, Ricard 1988; Suberu 2001; Bach 2006). Dunque, con il caso nigeriano, ci troviamo di fronte ad una forma paradossale di democratizzazione ancora apparente e ancora sotto il controllo visibile e/o ovattato, almeno fino alla fine degli anni Novanta, di una potente classe militare che continuava ad influenzare la governance del paese (Falola 1995; Owoeye, 1999). Tuttavia la società civile, cristiana come musulmana, nelle sue molteplici sfaccettature, associazioni per i diritti umani, unioni di giornalisti, di avvocati, unioni sindacali, come ad esempio la Trade Union Congress appare vivace e combattiva e lotta da anni contro l eccessiva personalizzazione del potere politico (Maringues 1996; Kukah 1999; Daloz 2002; Thiery 2010:17-18; Aiyede 2003).

14 14 Adriana Piga 1.1. Una breve cronologia La Prima Repubblica: Dopo l Indipendenza, ottenuta il 1 ottobre del 1960, la Nigeria diviene una Repubblica Federale nell ambito del Commonwealth il 1 ottobre del Al Nord predomina il Northern People's Congress (NPC), il cui motto era One North One People, diretto da Ahmadu Bello e nelle regioni occidentali yoruba predomina l Action Group (AG) che si batte contro la dominazione oligarchica del Nord. Leader storico dell Action Group è stato il Chief Obafemi Awolowo, che sarà poi distrutto da accuse di corruzione, in parte ingiuste. È l epoca dell estrema etnicizzazione dei partiti, si pensi all All Progressives Grand Alliance (APGA), espressione del separatismo igbo, oppure al Great Nigerian People s Party (GNPP), partito etnico dei Kanuri del Nord-Est ( ) (Williams 1991). Più tardi apparirà nelle regioni settentrionali il Northern Elements Progressive Union, (NEPU), incentrata nella città di Kano e diretta da Aminou Kano. Negli anni Sessanta-Settanta si delinea una alleanza fra l Action Group e la NEPU contro lo NPC, accusato di una cattiva governance caratterizzata da malversazioni, sprechi, lussi esagerati e dal mantenimento del sistema dei latifondi. Molte problematiche del Federalismo appariranno fin da subito. Già nel 1963 gli scioperi riguarderanno lavoratori e nel 1965 arriveranno a coinvolgere addirittura lavoratori. Si delineano tratti di una alleanza fra gli studenti universitari e la classe operaia. Nella regione del Mid-West si susseguiranno disordini urbani e fin d allora il problema dell insicurezza urbana diventerà un tratto dominante della società nigeriana. La frattura storica fra un Nord all epoca tutto islamico e un Sud, all epoca tutto cristiano, si aggrava sempre più. Al Nord vi sarà una drammatica epurazione contro le popolazioni igbo provenienti dal Sud, alla quale Ahmadu Bello si opporrà invano.

15 Problematiche sociopolitiche e conflittualità estrema 15 Le elezioni del si svolgeranno in un clima avvelenato e vincerà il partito conservatore, lo NPC (Dudley 1968). Il presidente della Repubblica all epoca era Nnamdi Azikwe di etnia igbo. Nascerà il Nigeria National Democratic Party (NNDP) nella Western Region (Williams 1991). Vi sarà un golpe militare del generale Ironsi nel 1966 e continueranno i massacri, già iniziati da tempo, degli Igbo a Nord. Nel 1967 si avrà la famosa secessione del Biafra, regione abitata prevalentemente dagli Igbo. Gli scontri armati cruenti proseguiranno fino al gennaio del 1970, nell ignavia, o quasi, della comunità internazionale. Dopo la fine della guerra del Biafra si avrà un nuovo assetto federale che comprenderà 12 Stati. L Eastern Region sarà frammentata e sarà creato un nuovo Stato detto Rivers. La ragione di ciò risiedeva nella strategia politica di Yakubu Gowon che temeva la creazione di un vasto fronte meridionale con l alleanza tra Yoruba e Igbo contro il Nord. Infatti, gli Igbo avevano ricercato l alleanza con l importante frazione yoruba, ma invano. Da un punto di vista generale la popolazione nigeriana era a favore della politica di Gowon. Come conseguenza, la fiorente economia del Biafra venne distrutta e gli Igbo saranno emarginati dalla pubblica amministrazione nigeriana per ben venti anni. Negli anni Settanta la Nigeria si trasforma da sistema federale decentrato in una Federazione centralizzata (Williams 1991:102). Tutti gli Stati vengono a dipendere molto più dal governo centrale e il sistema di allocazione delle risorse viene modificato a favore dello Stato federale. Vige all epoca nella distribuzione degli introiti provenienti dallo sfruttamento delle risorse naturali nazionali il criterio dell eguaglianza fra tutti gli Stati Golpe di Mohammed Murtala nel 1975 Il golpe si rivelò incruento e Mohammed Murtala si autoattribuì una missione moralizzatrice. Sotto Mohammed Murtala si avranno gli anni della cosiddetta ubriacatura del petrolio e degli sprechi immani. L agricoltura, purtroppo, inizia a perdere

16 16 Adriana Piga la sua centralità, anche se ha luogo nel 1976 un operazione spettacolare a favore proprio dell agricoltura, il Feed the Nation che però si risolverà in un clamoroso fallimento. L epoca Murtala è stata l epoca degli scandali della Nigerian National Petroleum Corporation. Murtala aveva creato la Commissione Irikefe al fine di aumentare il numero degli Stati federali, ma purtroppo la riforma federale del 1976 sarà il prodromo della balcanizzazione dei territori nigeriani. Il 3 febbraio 1976 gli Stati Federali diventeranno 19. Si deciderà anche il trasferimento della capitale federale da Lagos ad Abuja (trasferimento che sarà effettivo solo nel 1991). Nel 1976 Murtala venne assassinato, anche perché avrebbe voluto consegnare il potere ai civili. Tra il 1976 e il 1979 vi sarà un governo di transizione guidato proprio da Olusegun Obasanjo che restituirà il potere ai civili. Tuttavia nel 1978 il governo scatenerà una severa repressione contro gli studenti universitari e darà il via a un controllo ferreo sulla stampa da parte della News Agency of Nigeria La presidenza Shehu Shagari: Seconda Repubblica Il presidente è stato Shehu Shagari del National Party of Nigeria (NPN), che dominerà la Seconda Repubblica. Infatti, alle elezioni vince lo NPN di Shagari ma Awolowo, il leader yoruba si ribella e contesta invano le elezioni. In parte si organizzò una certa smobilitazione dell esercito e furono creati degli enti ad hoc contro la corruzione, come, ad esempio, la National Security Organization. Vi fu una modifica importante della Costituzione dal modello parlamentare inglese al modello americano. I governatori dei singoli Stati federali dureranno in carica per quattro anni. La Costituzione era favorevole ad evitare le discriminazioni su base etnica, tuttavia introduceva un concetto pericoloso, quello di Cittadino indigeno, concetto che crea da subito una differenza fra la popolazione indigena di un singolo Stato e tutti gli altri (art. 227, comm. 1).

17 Problematiche sociopolitiche e conflittualità estrema 17 Inizia in questo momento la cosiddetta Febbre della Shari a. Sarà sempre la Costituzione del 1979 a riconoscere il pluralismo dei partiti politici. L Action Group diventerà lo Unity Party of Nigeria, partito etnico yoruba, sempre sotto la guida del Chief Awolowo. Gli Stati yoruba vengono definiti collettivamente come Loobo e non riconobbero mai la presidenza di Shagari. Negli Stati Loobo si dà il via a un ottimo programma di welfare. Questi sono gli Stati di Lagos, Ogun, Ondo, Oyo e Bendel. Awolowo non farà che denunciare lo stato di polizia diffuso in tutto il paese. Infatti, tutte le testate più importanti del paese erano state sospese come il Nigerian Observer, il Nigerian Tribune e lo Standard. Per lo Unity Party of Nigeria (UPN) il dilemma era: quale rapporto instaurare con gli Hausa-Fulani del Nord? Lo Unity Party of Nigeria non si alleerà con la NEPU perché tra il 1978 e il 1979 la NEPU era entrata nel National Party of Nigeria. Aminu Kano lascia la NEPU e fonda il Peoples Redemption Party (PRP). Questo partito si batte per la giustizia sociale come conseguenza dell Islam e si diffonderà soprattutto a Kano e Kaduna. Tutto ciò, ovviamente frammentava il blocco settentrionale hausa-fulani fino ad allora omogeneo. La Seconda Repubblica è caratterizzata da un processo continuo di scissioni e riaggregazioni, da una politica clanica accesa in Parlamento e dall opposizione grave fra gli Stati Federali e la Federazione unitaria. Si viene a delineare una politica detta consociativa, basata sul compromesso e accordi con i gruppi rivali (Williams 1991: 97ss). Nel 1982 viene approvato un nuovo criterio per la suddivisione delle risorse. Nel Nord il PRP si spacca in due e nel 1983 morirà il leader storico Aminu Kano. Sempre nel Nord avranno luogo nella città di Kano agli inizi degli anni Ottanta i famosi disordini provocati dal movimento fondamentalista radicale di Maitatsine. Shagari negava l evidenza della recessione, anche se il debito estero si amplificava a dismisura e ovunque avvenivano scio-

18 18 Adriana Piga peri e manifestazioni di piazza. Le associazioni studentesche vennero dichiarate fuorilegge, soprattutto al Nord quelle a favore della rivoluzione iraniana. La corruzione era forsennata, si pensi solo ai mega-appalti truccati per i lavori relativi alla nuova capitale federale Abuja. Iniziano, inoltre, le espulsioni dei lavoratori stranieri immigrati. Un regionalismo a tutto tondo pervaderà tutta la Prima e tutta la Seconda Repubblica, mentre allo stesso tempo non scemerà la paura di ogni gruppo etnico nei confronti della possibile dominazione da parte degli altri gruppi etnici (Thiery 2010: 3). Ad essere penalizzate saranno soprattutto le frazioni etniche, yoruba e igbo, all'insegna di un acceso nazionalismo. (Coleman 1958) Nelle elezioni del 1983, anche queste vistosamente truccate, vincerà di nuovo il National Party of Nigeria. Il regime Shagari perderà il controllo sull economia e fallirà completamente nel tentativo di stabilizzare l economia nel momento in cui i redditi del petrolio declinavano. Inoltre, si può parlare a ragione di assoluta impopolarità del governo Shagari Golpe del generale Buhari nel 1983 Militare illuminato, Buhari adotterà provvedimenti economici durissimi per la popolazione. Il nuovo regime di Buhari era di tendenza conservatrice ma con orientazione riformista ed è riuscito a riequilibrare il settore finanziario. Inoltre, ha ristabilito l autorità del potere esecutivo che era stato indebolito durante il regime di Shagari. Tuttavia, il servizio di contro-spionaggio era dotato di un potere privo di limiti, potendo arrestare chiunque eludendo qualsiasi garanzia legale. Da qui l arresto di molti giornalisti e professionisti. La composizione del Consiglio militare supremo favoriva nettamente, ancora una volta, gli Stati del Nord. Buhari sospende la Costituzione e chiude le frontiere. Saranno varate nuove tasse pesanti per la scolarizzazione e la sanità e vi sarà un aumento delle tariffe relative all elettricità e idriche. Buhari parlerà di War against Indiscipline, anche se le spese militari saranno folli. (Aiyede 2003:7)

19 Problematiche sociopolitiche e conflittualità estrema Golpe del generale Ibrahim Babangida: la Terza Repubblica Il 27 agosto 1987 la Nigeria diviene una vera e propria dittatura. I militari al potere si auto-esaltano in alternativa ai politici che hanno fallito e a livello politico sarà creato un nuovo organo detto Political Bureau. A livello popolare la politica viene definita addirittura un Army arrangement. Babangida viene definito, nella stampa nigeriana, un Machiavelli africano, la sua origine etnica era gwari, etnia minoritaria del Nord. Babangida, detto popolarmente IBB, per primo fa un accordo con lo FMI per l applicazione dei PAS in Nigeria. Darà inizio alla revisione dei processi e legalizzerà le associazioni professionali in un lungo periodo definito di transizione senza fine (Apter 1999; Obi 2006: 49). Babangida si dimetterà nel Il candidato yoruba Abiola che aveva vinto le elezioni presidenziali del 1993, vedrà poi annullata la sua vittoria e ciò provocò un vero sconcerto fra gli Yoruba La dittatura militare di Sani Abacha Abacha si autoproclama capo dello Stato, sopprime tutte le istituzioni democratiche e sostituisce molti funzionari civili con dei militari (Emiliani 2004: ). Il debito estero aumenta in modo vertiginoso, la produzione industriale è estremamente debole e l autoritarismo del potere scatena il risentimento popolare. Il governo Abacha ha terrorizzato tutte le fasce sociali della società nigeriana, in particolare la repressione poliziesca si è scatenata contro gli Yoruba, usando lo strumento dell assassinio politico e le teorie del complotto. Così il 4 giugno del 1996 Abacha faceva assassinare uno dei leader yoruba più amati, cioè proprio Moshood Abiola. Disordini urbani si diffondono a iosa, soprattutto a Lagos, la disubbidienza civile paralizza il Sud. Persino il Nord, feudo da sempre dei militari, contesta il regime. Sarà Abacha a far con-

20 20 Adriana Piga dannare a morte Ken Saro Wiwa, come vedremo nel capitolo sul MEND (Emiliani 2004: 277ss). La militarizzazione del regime è sempre più evidente (ivi: ). La situazione era tanto drammatica da far creare a Oslo, grazie all impegno politico del Premio Nobel Wole Soyinka lo United Democratic Front of Nigeria (UDFN). Alla morte di Abacha nel giugno del 1998 avrebbe potuto aprirsi un pericoloso vuoto di potere, aggravato dall isolamento internazionale nel quale il dittatore aveva fatto piombare il paese. Eppure, la massima autorità politica nigeriana dell epoca, il Provisional Ruling Council designò, nel giro di soli due giorni, come presidente della Federazione il capo di Stato maggiore, Abdulsalam Abubakar. Costui era un militare stimato e, soprattutto, alieno da intrighi di palazzo. (ivi: 303). Infatti, Abubakar, nato nella città di Kano, non aveva mai manifestato ambizioni politiche e la sua nomina, secondo il parere di Marcella Emiliani, doveva prima di tutto, rassicurare l esercito e favorire il processo di transizione democratica (ivi: 305). Nell arco di poche settimane, Abubakar avrebbe liberato molti eccellenti prigionieri politici, quali, ad esempio, lo stesso Olusegun Obasanjo, diversi sindacalisti e numerosi attivisti ogoni. Fece scarcerare, persino, Ibrahim Zakzaki, leader islamista radicale del Nord. Abubakar, inoltre, sembrava deciso a voler risanare l economia e a ridurre o, almeno rinegoziare, il debito estero, contratto soprattutto, ma non esclusivamente, con il Fondo Monetario Internazionale. Infine, Abubakar riuscirà nell intento di spezzare l isolamento internazionale in cui versava da tempo la Nigeria e ciò tramite una serie di viaggi diplomatici in Europa, come negli USA e nello stesso continente africano. Fu anche vincitore di molti premi, quali lo Star Award del Ghana e la Gold Medal della Communauté Economique des Etats de l Afrique de l Ouest (CEDEAO). Proprio durante la transizione democratica promessa e poi mantenuta da Abubakar, il PDP era probabilmente il partito che presentava un programma politico realmente democratico e innovatore. Questo partito rappresentava il partito del Gruppo dei 34 (G-34), gruppo di pressione che aveva protestato con

DIRITTO DELL IMMIGRAZIONE / 1 A12 339

DIRITTO DELL IMMIGRAZIONE / 1 A12 339 DIRITTO DELL IMMIGRAZIONE / 1 A12 339 Direttore Raffaele Chiarelli Università Telematica Guglielmo Marconi Comitato Scientifico Eugenio De Marco Università degli Studi di Milano Claudio Rossano Sapienza

Dettagli

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo:

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo: 01 L Europa divisa La seconda guerra mondiale provoca (fa) grandi danni. Le vittime (i morti) sono quasi 50 milioni. L Unione Sovietica è il Paese con più morti (20 milioni). La guerra con i bombardamenti

Dettagli

Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo

Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo L Italia fascista Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo La nascita e l affermazione del Fascismo La prima riunione del movimento dei fasci di combattimento si tenne a Milano nel 1919.

Dettagli

La rivoluzione russa: le cause ( 1905)

La rivoluzione russa: le cause ( 1905) La rivoluzione russa: le cause ( 1905) assolutismo politica populismo Rivoluzione contadina 85% della popolazione contadini, ex servi della gleba sociale Arretratezza Malcontento e disagi per a guerra

Dettagli

DA SUDDITI A CITTADINI

DA SUDDITI A CITTADINI DA SUDDITI A CITTADINI LO STATO ASSOLUTO 1) L'assolutismo. Lo Stato nasce in Europa a partire dal 15 secolo: i sovrani stabilirono il loro poteri su territori che avevano in comune razza, lingua, religione

Dettagli

L AFRICA SETTENTRIONALE. -Popolazione e principali stati -Storia -Attualità

L AFRICA SETTENTRIONALE. -Popolazione e principali stati -Storia -Attualità L AFRICA SETTENTRIONALE -Geografia fisica e risorse economiche -Popolazione e principali stati -Storia -Attualità 1 E affacciata a: -Nord: Mar mediterraneo -Est: Mar Rosso -Ovest: Oceano Atlantico 2 3

Dettagli

FRANCIA: LE MOTIVAZIONI DELL INTERVENTO IN MALI

FRANCIA: LE MOTIVAZIONI DELL INTERVENTO IN MALI Sede legale e amministrativa: Palazzo Besso - Largo di Torre Argentina, 11-00186 Roma Sede secondaria: Largo Luigi Antonelli, 4-00145 Roma Web: www.ifiadvisory.com; Mail: info@ifiadvisory.com Umberto Profazio

Dettagli

Ricordo che solo la coesione nazionale e la completa conoscenza dei fini ultimi dell intelligence, da parte della collettività di uno Stato, permette

Ricordo che solo la coesione nazionale e la completa conoscenza dei fini ultimi dell intelligence, da parte della collettività di uno Stato, permette A13 Ricordo che solo la coesione nazionale e la completa conoscenza dei fini ultimi dell intelligence, da parte della collettività di uno Stato, permette il superamento del dilemma morale che si cela dietro

Dettagli

Politica ed economia della Nigeria

Politica ed economia della Nigeria Politica ed economia della Nigeria Giovanni Carbone Università degli Studi di Milano e ISPI Perché la Nigeria è importante in Africa: la forza dei numeri 1 a per dimensione economia: $522 mld (32,5 % Pil

Dettagli

I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano

I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-12 La famiglia

Dettagli

SOCIETÀ, STATO E DIRITTO

SOCIETÀ, STATO E DIRITTO 27 SOCIETÀ, STATO E DIRITTO Caratteri dello Stato Dal feudalesimo alla nascita dello Stato moderno Le idee del filosofo Immanuel Kant Le idee del filosofo greco Aristotele Il moderno Stato di diritto La

Dettagli

STORIA. Il Fascismo. Perchè si ha il Fascismo in Italia? L Italia nel dopoguerra. Chi è Benito Mussolini? il testo:

STORIA. Il Fascismo. Perchè si ha il Fascismo in Italia? L Italia nel dopoguerra. Chi è Benito Mussolini? il testo: 01 Perchè si ha il ascismo in Italia? L Italia nel dopoguerra Nel dopoguerra (alla fine della prima Guerra Mondiale, che si chiama anche Grande Guerra) l Italia si trova in una situazione difficile. In

Dettagli

Stefano Iuliani Non tutte le vittime sono uguali

Stefano Iuliani Non tutte le vittime sono uguali DIRITTO DI STAMPA 69 DIRITTO DI STAMPA Il diritto di stampa era quello che, nell università di un tempo, veniva a meritare l elaborato scritto di uno studente, anzitutto la tesi di laurea, di cui fosse

Dettagli

Andrea Quintiliani L impresa di assicurazione

Andrea Quintiliani L impresa di assicurazione A13 Andrea Quintiliani L impresa di assicurazione Profili di rischio e di solvibilità Prefazione di Antonio Minguzzi Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it

Dettagli

Rapporto micro progetto Tabligbo, Togo

Rapporto micro progetto Tabligbo, Togo Rapporto micro progetto Tabligbo, Togo Il Togo (in francese Republique Togolaise) è uno Stato dell'africa Occidentale. Confina a ovest con il Ghana, a est con il Benin, a nord con il Burkina Faso. Si affaccia

Dettagli

Tappe della trasformazione fascista dello Stato. Gli eventi

Tappe della trasformazione fascista dello Stato. Gli eventi Tappe della trasformazione fascista dello Stato Gli eventi DESTRA CENTRO SINISTRA GRUPPI POLITICI SEGGI Partito Comunista d'italia 19 Partito Socialista Italiano 22 Partito Socialista Unificato 24 Partito

Dettagli

Per iniziare, guarda questo breve video:

Per iniziare, guarda questo breve video: Per iniziare, guarda questo breve video: http:///la-carestia-in-somalia.htm Per svolgere le attività proposte, ricava notizie dal tuo libro di geografia e dai seguenti siti: https://it.wikipedia.org/wiki/carestia

Dettagli

Il nazismo al potere. La caduta della Repubblica di Weimar e l ascesa del nazismo. Lezioni d'autore

Il nazismo al potere. La caduta della Repubblica di Weimar e l ascesa del nazismo. Lezioni d'autore Il nazismo al potere La caduta della Repubblica di Weimar e l ascesa del nazismo Lezioni d'autore Dal sito: www.biography.com La Repubblica di Weimar (1919-1933) 3 ottobre 1918: Il Reich tedesco-prussiano

Dettagli

SCHEDA DATI. UNICEF: Rapporto Per ogni bambino la giusta opportunità. Un mondo a misura di bambini e adolescenti Post-2015

SCHEDA DATI. UNICEF: Rapporto Per ogni bambino la giusta opportunità. Un mondo a misura di bambini e adolescenti Post-2015 SCHEDA DATI UNICEF: Rapporto Per ogni bambino la giusta opportunità. Un mondo a misura di bambini e adolescenti Post-2015 Trasformare il circolo vizioso in un circolo virtuoso ha benefici enormi: - Si

Dettagli

IL FASCISMO 1919-1943

IL FASCISMO 1919-1943 IL FASCISMO 1919-1943 Origini del fascismo 1919-1921 Il fascismo prende il potere 1922-1924 Diventa una regime totalitario di massa (dittatura) 1925-1943 Le origini del Fascismo 1919-1921 Dalla crisi economica

Dettagli

Luigi Lepore Loris Landriani Alessandro Scaletti I costi standard delle aziende dei trasporti pubblici locali

Luigi Lepore Loris Landriani Alessandro Scaletti I costi standard delle aziende dei trasporti pubblici locali A13 494 Luigi Lepore Loris Landriani Alessandro Scaletti I costi standard delle aziende dei trasporti pubblici locali Stato dell arte e problematiche aperte verso il federalismo fiscale Copyright MMXII

Dettagli

La prima guerra mondiale

La prima guerra mondiale La prima guerra mondiale CAUSE POLITICHE 1. Le cause Contrasti Francia Germania per l Alsazia Lorena Contrasto Italia Impero Austro Ungarico per Trento e Trieste Espansionismo di Austria, Russia e Italia

Dettagli

LA QUESTIONE MERIDIONALE

LA QUESTIONE MERIDIONALE ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI Centro Linceo Interdisciplinare Beniamino Segre I LINCEI PER LA SCUOLA Lezioni Lincee di Economia Roma, 9 febbraio 2011 LA QUESTIONE MERIDIONALE Anna Giunta agiunta@uniroma3.it

Dettagli

evidenziate le cause che hanno portato alla crisi, tra cui la pesante regolamentazione, lo spreco di risorse, la lenta crescita delle esportazioni, l

evidenziate le cause che hanno portato alla crisi, tra cui la pesante regolamentazione, lo spreco di risorse, la lenta crescita delle esportazioni, l Riassunto L India è uno dei paesi più grandi del mondo, il secondo in quanto a popolazione e uno di quelli in via di sviluppo che negli ultimi anni ha mostrato le maggiori potenzialità di crescita economica

Dettagli

La repubblica di Weimar

La repubblica di Weimar Hitler e il nazismo La repubblica di Weimar Mentre gli eserciti degli imperi centrali stavano perdendo la guerra, in Germania vi fu una rivoluzione che portò nel novembre 1918 al crollo dell impero (il

Dettagli

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO CELEBRAZIONI UFFICIALI ITALIANE PER LA GIORNATA MONDIALE DELL ALIMENTAZIONE 2009 Conseguire la sicurezza alimentare in tempi di crisi PARTE III L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO L Italia con l ONU contro

Dettagli

La rivoluzione francese

La rivoluzione francese La rivoluzione francese Comunque la si giudichi, qualunque interpretazione se ne dia, non si può negare che la rivoluzione francese rappresenti una svolta nella storia: il mondo dopo di essa sarà diverso.

Dettagli

Alessandro Giosi Azione di governo e ruolo della contabilità pubblica nell Italia liberale e corporativa

Alessandro Giosi Azione di governo e ruolo della contabilità pubblica nell Italia liberale e corporativa A13 Alessandro Giosi Azione di governo e ruolo della contabilità pubblica nell Italia liberale e corporativa Copyright MMXII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele

Dettagli

Economia, ricchezza e povertà: alcuni processi globali in atto. Lorenzo Giovanni Bellù Economista, FAO UN - Roma 6 Novembre 2010

Economia, ricchezza e povertà: alcuni processi globali in atto. Lorenzo Giovanni Bellù Economista, FAO UN - Roma 6 Novembre 2010 Economia, ricchezza e povertà: alcuni processi globali in atto. Lorenzo Giovanni Bellù Economista, FAO UN - Roma 6 Novembre 2010 Alcune domande Quanti siamo? Quanti poveri ci sono? Tra questi ultimi, quanti

Dettagli

RELIGIONI E CULTURE DELL IMMIGRAZIONE IN ITALIA E IN EUROPA REALTÀ E MODELLI A CONFRONTO. Programma di dettaglio

RELIGIONI E CULTURE DELL IMMIGRAZIONE IN ITALIA E IN EUROPA REALTÀ E MODELLI A CONFRONTO. Programma di dettaglio Fondo Europeo per l integrazione di cittadini di Paesi terzi CORSO DI ALTA SPECIALIZZAZIONE RELIGIONI E CULTURE DELL IMMIGRAZIONE IN ITALIA E IN EUROPA REALTÀ E MODELLI A CONFRONTO Programma di dettaglio

Dettagli

Maria Chiara Vanacore Il patto di famiglia

Maria Chiara Vanacore Il patto di famiglia A12 Maria Chiara Vanacore Il patto di famiglia Aracne editrice www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it Copyright MMXVI Gioacchino Onorati editore S.r.l. unipersonale www.gioacchinoonoratieditore.it

Dettagli

Claudio Colombo Gli interessi nei contratti bancari

Claudio Colombo Gli interessi nei contratti bancari A12 Claudio Colombo Gli interessi nei contratti bancari Copyright MMXIV ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A B 00173 Roma (06) 93781065 ISBN

Dettagli

Le strategie competitive dell azienda nei mercati finanziari

Le strategie competitive dell azienda nei mercati finanziari Michele Galeotti Le strategie competitive dell azienda nei mercati finanziari ARACNE Copyright MMVIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133 A/B

Dettagli

Paolo Capuano La crisi finanziaria internazionale. Il ruolo della funzione di risk management delle banche

Paolo Capuano La crisi finanziaria internazionale. Il ruolo della funzione di risk management delle banche A13 Paolo Capuano La crisi finanziaria internazionale Il ruolo della funzione di risk management delle banche Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele

Dettagli

Liceo Europeo M.Delfico - Teramo. Anno scolastico 2014/2015

Liceo Europeo M.Delfico - Teramo. Anno scolastico 2014/2015 Liceo Europeo M.Delfico - Teramo Anno scolastico 2014/2015 Materia di insegnamento: Geografia Classe: 2H Docenti: Valentina Gagliano Philippe Dedeur Testo in adozione: D. Cotroneo, Territori e radici.

Dettagli

José Graziano da Silva. della

José Graziano da Silva. della 1 9 4 5 Se tutti facciamo la nostra parte, insieme possiamo realizzare l obiettivo fame zero nell arco della nostra vita José Graziano da Silva Direttore Generale della FAO A N N I della 2 0 1 5 i Nostri

Dettagli

(15) Le nostre idee per un programma per l Europa. Leader, candidati e programma vincenti

(15) Le nostre idee per un programma per l Europa. Leader, candidati e programma vincenti (15) Le nostre idee per un programma per l Europa. Leader, candidati e programma vincenti 61 I. L Europa che vogliamo II. III. IV. I valori del Partito popolare europeo L Europa delle libertà L Europa

Dettagli

Saggistica Aracne 262

Saggistica Aracne 262 Saggistica Aracne 262 Mauro Annese Il Petrolio Un percorso quasi autobiografico lungo le vie del petrolio descritto in 101 domande e risposte Prefazione di Brunetto Chiarelli Copyright MMXIII ARACNE editrice

Dettagli

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto)

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) La Repubblica è una forma di governo. La Repubblica è un modo per governare uno Stato. Nella Repubblica romana c era un Senato e c erano

Dettagli

Valerio Cellini Il falso in bilancio. Aspetti economico-aziendali e giuridici

Valerio Cellini Il falso in bilancio. Aspetti economico-aziendali e giuridici A13 Valerio Cellini Il falso in bilancio Aspetti economico-aziendali e giuridici Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A B 00173

Dettagli

Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS

Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS La fine della Seconda Guerra Mondiale aprì un periodo di gravi problemi economici, politici e sociali. Gli unici che uscirono economicamente rafforzati dalla

Dettagli

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014)

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014) RESeT INTERNAZIONALE Fondo Monetario Internazionale FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE ED. IT. DI ALDO CARBONE 19 Giugno 2014 Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell

Dettagli

Il comportamento economico delle famiglie straniere

Il comportamento economico delle famiglie straniere STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Il comportamento economico delle straniere Redditi, consumi, risparmi e povertà delle straniere in Italia nel 2010 Elaborazioni su dati Banca d Italia Perché

Dettagli

STORIA CONTEMPORANEA

STORIA CONTEMPORANEA STORIA CONTEMPORANEA 15 Direttore Valentina SOMMELLA Sapienza Università di Roma Comitato scientifico Antonello Folco BIAGINI Sapienza Università di Roma Giuliano CAROLI Università Telematica delle Scienze

Dettagli

Il1968 è anno di rottura col passato

Il1968 è anno di rottura col passato Il1968 è anno di rottura col passato Evento chiave: la guerra in Vietnam perché non si riconosce all intervento di Usa quella valenza di tutela della libertà contro i rischi del comunismo Giovani di paesi

Dettagli

Rivoluzione Francese

Rivoluzione Francese Rivoluzione Francese Alla fine degli anni 80 del XVIII secolo la Francia attraversata una grave crisi economica: la produzione agricola era calata, le spese militari viste le numerose guerre erano aumentate,

Dettagli

COSA SONO GLI O.G.M.?

COSA SONO GLI O.G.M.? COSA SONO GLI O.G.M.? Da secoli l uomo cerca di migliorare le specie animali e vegetali presenti nell ecosistema, per poterle utilizzare in maniera economicamente più vantaggiosa. Come allevatore ed agricoltore,

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 08 La crisi argentina (cap. 2) La crisi giapponese (cap. 2) La crisi argentina - 1 L Argentina negli ultimi decenni ha attraversato diversi periodi

Dettagli

Le parole per dirlo. Emigranti -Migranti. Immigrati. Rifugiato. Clandestino-irregolare. Aree di accoglienza. Flussi migratori

Le parole per dirlo. Emigranti -Migranti. Immigrati. Rifugiato. Clandestino-irregolare. Aree di accoglienza. Flussi migratori In viaggio Le parole per dirlo Emigranti -Migranti Immigrati Rifugiato Clandestino-irregolare Aree di accoglienza Flussi migratori Carta dei flussi migratori Condizioni di vita insostenibili Le cause economia

Dettagli

Fabrizio Minniti Il regime di non proliferazione nucleare

Fabrizio Minniti Il regime di non proliferazione nucleare A12 Fabrizio Minniti Il regime di non proliferazione nucleare Copyright MMXV Aracne editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Quarto Negroni, 15 00040 Ariccia (RM) (06) 93781065

Dettagli

La questione curda CHI SONO I CURDI?

La questione curda CHI SONO I CURDI? Il conflitto politico culturale tra il governo turco e la minoranza curda nel paese ha una lunga storia alle spalle, che risale agli accordi di pace dopo il primo conflitto mondiale quando, dopo lo scioglimento

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO ITALO BRASILIANA www.ccib.it

CAMERA DI COMMERCIO ITALO BRASILIANA www.ccib.it CAMERA DI COMMERCIO ITALO BRASILIANA www.ccib.it SCHEDA PAESE BRASILE IL BRASILE IN BREVE Storia e geografia Ordinamento interno Economia Produzioni STORIA e GEOGRAFIA Storia Il Brasile è stato scoperto

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE L Europa secondo De Gasperi: proposte istituzionali e prospettive teoriche negli anni della ricostruzione

Dettagli

Crisi economica e migrazioni nella realtà europea

Crisi economica e migrazioni nella realtà europea XIII CONVEGNO Italian National Focal Point Infectious Diseases and Migrant Salute e Migrazione: nuovi scenari internazionali e nazionali Roma, 17 Febbraio 2015 Crisi economica e migrazioni nella realtà

Dettagli

Scheda didattica LA BANCA MONDIALE

Scheda didattica LA BANCA MONDIALE Scheda didattica LA BANCA MONDIALE La Banca Internazionale per la Ricostruzione e lo Sviluppo, conosciuta anche come Banca Mondiale (World Bank), è un istituzione che si occupa di dare assistenza ai Paesi

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA Classe 3ªC Cucina a.s. 2014-2015 prof.ssa Simonetta Simone

PROGRAMMA DI STORIA Classe 3ªC Cucina a.s. 2014-2015 prof.ssa Simonetta Simone 1. MODULO 1: l Europa feudale PROGRAMMA DI STORIA Classe 3ªC Cucina a.s. 2014-2015 prof.ssa Simonetta Simone 1. Il sistema feudale 1.1 Vassallaggio e beneficio nell Europa carolingia 1.2 I feudi verso

Dettagli

Seminario Impatto della crisi economica su università e ricerca in Europa Roma, 25-26 ottobre 2011

Seminario Impatto della crisi economica su università e ricerca in Europa Roma, 25-26 ottobre 2011 Seminario Impatto della crisi economica su università e ricerca in Europa Roma, 25-26 ottobre 2011 L Impatto della Crisi Economica sull Educazione Superiore in Turchia Anno Numero di Università Pubbliche

Dettagli

Flussi di cittadini in Italia

Flussi di cittadini in Italia Flussi di cittadini in Italia Il fenomeno dell immigrazione in Italia secondo gli ultimi dati del Ministero del lavoro riguarda più di 4 milioni di stranieri con un incidenza sulla popolazione

Dettagli

Decida il popolo europeo. Strategia per l azione quadro Milano, 1 marzo 2008

Decida il popolo europeo. Strategia per l azione quadro Milano, 1 marzo 2008 Decida il popolo europeo Strategia per l azione quadro Milano, 1 marzo 2008 Obiettivi politici fissati dal CC (1) avviare un azione-quadro che includa il rilancio del processo costituente anche tra un

Dettagli

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014 Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Discorso del Vice Ministro allo Sviluppo Economico, Carlo CALENDA Signor Presidente della Repubblica, Autorità

Dettagli

ALTRO CHE SALVA ITALIA!

ALTRO CHE SALVA ITALIA! 79 i dossier www.freefoundation.com ALTRO CHE SALVA ITALIA! Panorama, 18 ottobre 2012 18 ottobre 2012 a cura di Renato Brunetta 2 All inizio del disastro è stato l anticipo del pareggio di bilancio al

Dettagli

IL DIRITTO ALLO STUDIO CI RIGUARDA TUTTI. COSTRUIAMO L ALTROBANDO.

IL DIRITTO ALLO STUDIO CI RIGUARDA TUTTI. COSTRUIAMO L ALTROBANDO. Tel. Fax 06/6783559 IL DIRITTO ALLO STUDIO CI RIGUARDA TUTTI. COSTRUIAMO L ALTROBANDO. L esigenza di porre il tema del diritto allo studio al centro del dibattito non è più rimandabile: la condizione catastrofica

Dettagli

Ripiegati da tempo sulla Grande Crisi che

Ripiegati da tempo sulla Grande Crisi che economia e lavoro di Diego Motta Cina, Russia, India, ma anche Brasile, Turchia. Qui sta succedendo quello che l Occidente ha vissuto tra l inizio degli anni Novanta e la metà del primo decennio del Duemila:

Dettagli

La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato

La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato Data l indecisione sul metodo della votazione ( per stato o per testa) il terzo stato si riunì

Dettagli

Indica gli elementi naturali che caratterizzano i confini dell Europa a a. Sud:... b. Ovest:... c. Nord:... d. Est:...

Indica gli elementi naturali che caratterizzano i confini dell Europa a a. Sud:... b. Ovest:... c. Nord:... d. Est:... Unità 1 Nome... Classe... Data... Prima Osserva la carta dell Europa e prova a rispondere alle seguenti domande: perché appare strano definire l Europa come un continente a sé a differenza di quanto avviene,

Dettagli

Il Servizio Civile Nazionale: problemi e prospettive future

Il Servizio Civile Nazionale: problemi e prospettive future INTERGRUPPO PARLAMENTARE SUL TERZO SETTORE Roma, 31 luglio 2013 ore 10:00-13:00 Sala delle Colonne Via Poli, 19 Seminario Il Servizio Civile Nazionale: problemi e prospettive future Il contributo di ASC

Dettagli

Emergenza alimentare nel Corno d Africa: supporto alle famiglie vulnerabili in Somalia.

Emergenza alimentare nel Corno d Africa: supporto alle famiglie vulnerabili in Somalia. Emergenza alimentare nel Corno d Africa: supporto alle famiglie vulnerabili in Somalia. Agosto 2011 - Donne e bambini nella Bay Region, Sud Somalia, beneficiari del progetto di COOPI. Foto archivio COOPI.

Dettagli

Famiglia e politiche familiari. Situazione attuale e previsioni di sviluppo. 1) Cambiamento sociale-familriare e crisi dei regimi di welfare

Famiglia e politiche familiari. Situazione attuale e previsioni di sviluppo. 1) Cambiamento sociale-familriare e crisi dei regimi di welfare Famiglia e politiche familiari. Situazione attuale e previsioni di sviluppo. Prof. Gianpiero Dalla Zuanna Professore Straordinario facoltà di Scienze Statistiche Università di Padova 1) Cambiamento sociale-familriare

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il rischio debito affonda le Borse, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta corretta è una soltanto. FRANCOFORTE.

Dettagli

PIL e tasso di crescita.

PIL e tasso di crescita. PIL e tasso di crescita. 1.1 Il lungo periodo PIL è una sigla molto usata per indicare il livello di attività di un sistema economico. Il Prodotto Interno Lordo, misura l insieme dei beni e servizi finali,

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO. Progettazioni didattiche disciplinari per gli alunni della classe II Disciplina: STORIA

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO. Progettazioni didattiche disciplinari per gli alunni della classe II Disciplina: STORIA UNITÀ DI APPRENDIMENTO n 1 UNA NUOVA VISIONE DEL MONDO Durata prevista: SETTEMBRE - OTTOBRE Individuare e definire i caratteri fondamentali del nuovo periodo storico che ha inizio con l Umanesimo Cogliere

Dettagli

IL RISORGIMENTO IN SINTESI

IL RISORGIMENTO IN SINTESI IL RISORGIMENTO IN SINTESI La rivoluzione francese ha rappresentato il tentativo violento, da parte del popolo, ma soprattutto della borghesia francese (e poi anche del resto dei paesi europei) di lottare

Dettagli

La democrazia fa la differenza?

La democrazia fa la differenza? La democrazia fa la differenza? Rif.: Clark Golder Golder, Principi di scienza politica, McGrawHill, 2011 (cap. 9) Andrea Cassani Dip. Scienze Sociali e Politiche Università degli Studi di Milano andrea.cassani@unimi.it

Dettagli

Damiano Marinelli Riflessioni sull art. 2645 ter del codice civile

Damiano Marinelli Riflessioni sull art. 2645 ter del codice civile A12 Damiano Marinelli Riflessioni sull art. 2645 ter del codice civile Copyright MMXII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A B 00173 Roma (06)

Dettagli

15^ Congresso AIAF ASSICOM ATIC FOREX

15^ Congresso AIAF ASSICOM ATIC FOREX 15^ Congresso AIAF ASSICOM ATIC FOREX Milano, 21 febbraio 2009 Alessandro Profumo CEO UniCredit Group Relazione Introduttiva In questi ultimi anni il sistema finanziario internazionale è stato caratterizzato

Dettagli

La democrazia può fare la differenza?

La democrazia può fare la differenza? La democrazia può fare la differenza? Giovanni Carbone, Università degli Studi di Milano da: Clark Golder Golder, Principi di scienza politica, McGrawHill, 2011 Democrazia e crescita economica I regimi

Dettagli

1 ) La politica del lavoro nell economia internazionale

1 ) La politica del lavoro nell economia internazionale SOMMARI0 QUATTRO Lezione del 24 0ttobre 2005. 1 ) La politica del lavoro nell economia internazionale Il lavoro come fattore di produzione. La politica del lavoro presenta una diversa dimensione rispetto

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CAPEZZONE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CAPEZZONE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2397 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CAPEZZONE Riforma della disciplina delle tasse automobilistiche e altre disposizioni concernenti

Dettagli

DIRITTO DELL IMMIGRAZIONE A12 339

DIRITTO DELL IMMIGRAZIONE A12 339 DIRITTO DELL IMMIGRAZIONE 3 A12 339 Direttore Raffaele Chiarelli Università degli Studi Guglielmo Marconi di Roma Comitato scientifico Eugenio De Marco Università degli Studi di Milano Claudio Rossano

Dettagli

Collegio Italiano. dei Consulenti in Proprietà Industriale

Collegio Italiano. dei Consulenti in Proprietà Industriale Collegio Italiano dei Consulenti in Proprietà Industriale Milano, 28 luglio 2011 Oggetto: Posizione del Collegio dei Consulenti in Proprietà Industriale sul brevetto unitario Il Collegio dei Consulenti

Dettagli

Confini, etnie e conflitti. Alberto Alesina Harvard University e Igier Bocconi Trento Maggio 2009

Confini, etnie e conflitti. Alberto Alesina Harvard University e Igier Bocconi Trento Maggio 2009 Confini, etnie e conflitti Alberto Alesina Harvard University e Igier Bocconi Trento Maggio 2009 Due domande E possibile e desiderabile avere paesi omogenei etnicamente? E possibile ridisegnare confini

Dettagli

Le schede di Sapere anche poco è già cambiare

Le schede di Sapere anche poco è già cambiare Le schede di Sapere anche poco è già cambiare LE LISTE CIVETTA Premessa lo spirito della riforma elettorale del 1993 Con le leggi 276/1993 e 277/1993 si sono modificate in modo significativo le normative

Dettagli

SOCIAL SUMMIT CONSULTAZIONE CON LE PARTI SOCIALI E LE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI

SOCIAL SUMMIT CONSULTAZIONE CON LE PARTI SOCIALI E LE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI SOCIAL SUMMIT CONSULTAZIONE CON LE PARTI SOCIALI E LE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI Domenica 29 marzo 2009 Sala delle Conferenze Internazionali Ministero degli Affari Esteri Intervento del Vice Presidente

Dettagli

AGENZIA CIVICA DI AVVIAMENTO AL CREDITO

AGENZIA CIVICA DI AVVIAMENTO AL CREDITO per l innovazione della città CHANGE MILANO è un iniziativa del Partito Democratico: un piano di progetti d innovazione per il governo della Città AGENZIA CIVICA DI AVVIAMENTO AL CREDITO Per aprire la

Dettagli

data, non solo i martiri di Nassiriya, morti per cercare di fermare la guerra civile presente in Iraq, ma anche tutti coloro che hanno perso la vita

data, non solo i martiri di Nassiriya, morti per cercare di fermare la guerra civile presente in Iraq, ma anche tutti coloro che hanno perso la vita Costituita in memoria di Piero Salvati, carabiniere e poi funzionario della Pubblica Amministrazione, ottimo maresciallo dell ANC di Tortona, mancato all affetto dei suoi cari e dei suoi tanti amici il

Dettagli

1 PARTE CARATTERISTICHE DEL SOGGETTO CONSULTATO

1 PARTE CARATTERISTICHE DEL SOGGETTO CONSULTATO 1 PARTE CARATTERISTICHE DEL SOGGETTO CONSULTATO 1. Sesso maschile femminile 2. Età anni 14-17 18-25 26-35 36-60 più di 60 3. In quale settore/i svolgi prioritariamente la tua attività? Ricerca Pubblica

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... L AFRICA VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: deserto...... Sahara...... altopiano...... bacino......

Dettagli

IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE

IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE Gli Italiani vogliono essere indipendenti. Gli Italiani cercano di liberarsi dagli austriaci e dagli amici degli austriaci. Questo periodo si chiama RISORGIMENTO. Gli

Dettagli

Il Libro dei Sopravvissuti

Il Libro dei Sopravvissuti Il Libro dei Sopravvissuti Cathy Freeman: una GRANDE atleta Nel 2000 ha partecipato alle Olimpiadi di Sydney: è stata la porta bandiera e ha acceso la fiamma olimpica Ha vinto la gara dei 400 metri da

Dettagli

Governo e amministrazione pubblica

Governo e amministrazione pubblica Governo e amministrazione pubblica 1 2 3 Il governo della società si realizza attraverso poteri differenziati e distribuiti: potere legislativo produce leggi sui diritti e la sicurezza degli individui

Dettagli

Save the Children Italia Onlus Via Volturno, 58 00185 Roma Italia Tel: +39 06 48070 047 Fax: +39 06 48070 039 www.savethechildren.

Save the Children Italia Onlus Via Volturno, 58 00185 Roma Italia Tel: +39 06 48070 047 Fax: +39 06 48070 039 www.savethechildren. A12 Save the Children Italia Onlus Via Volturno, 58 00185 Roma Italia Tel: +39 06 48070 047 Fax: +39 06 48070 039 www.savethechildren.it Un sistema di giustizia a misura di minore: il ruolo delle Legal

Dettagli

Vincenzo Cerami* * Scrittore. Intervento non rivisto dall autore.

Vincenzo Cerami* * Scrittore. Intervento non rivisto dall autore. Vincenzo Cerami* Sono venuto a questo confronto senza preparare nulla. Sentendo gli interventi di chi mi ha preceduto sono tornato con la mente agli anni dell università. Stavo ripensando a Roma. Gli operai

Dettagli

Raffaele Fiorentino Il change management nei processi d integrazione tra aziende

Raffaele Fiorentino Il change management nei processi d integrazione tra aziende A13 Raffaele Fiorentino Il change management nei processi d integrazione tra aziende Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A B

Dettagli

Luca Limonta 1 L EVOLUZIONE DELLE CLASSI SOCIALI NEL TEMPO

Luca Limonta 1 L EVOLUZIONE DELLE CLASSI SOCIALI NEL TEMPO Luca Limonta Nella lezione del 30 aprile abbiamo analizzato 4 punti: 1- L evoluzione delle classi sociali nel tempo 2- Le prime rilevazioni statistiche 3- I poveri, una classe particolare 4- L indice di

Dettagli

Analisi dei brevetti nell agricoltura italiana durante il periodo 1970 2003

Analisi dei brevetti nell agricoltura italiana durante il periodo 1970 2003 Lucia Baldi Analisi dei brevetti nell agricoltura italiana durante il periodo 1970 2003 ARACNE Copyright MMV ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti VIII. 1979-1984. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti VIII. 1979-1984. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti VIII. 1979-1984 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino Nota sulla Polonia Il caso polacco ha valore storico, nel senso che pone per tutti, e non solo per

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

COMUNE DI REGGIO EMILIA. Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 2010

COMUNE DI REGGIO EMILIA. Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 2010 Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 21 1 Pagina Pagina Pagina Demografia delle imprese reggiane Andamento congiunturale Fallimenti Pagina Pagina Protesti Credito

Dettagli

La crisi del sistema. Dicembre 2008 www.quattrogatti.info

La crisi del sistema. Dicembre 2008 www.quattrogatti.info La crisi del sistema Dicembre 2008 www.quattrogatti.info Credevo avessimo solo comprato una casa! Stiamo vivendo la più grande crisi finanziaria dopo quella degli anni 30 La crisi finanziaria si sta trasformando

Dettagli