L APPLICAZIONE DELLE REGOLE DI CONCORRENZA IN ITALIA E NELL UNIONE EUROPEA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L APPLICAZIONE DELLE REGOLE DI CONCORRENZA IN ITALIA E NELL UNIONE EUROPEA"

Transcript

1 L APPLICAZIONE DELLE REGOLE DI CONCORRENZA IN ITALIA E NELL UNIONE EUROPEA Atti del IV Convegno Antitrust tenutosi presso la Facoltà di Giurisprudenza dell Università di Trento il 18 e 19 aprile 2013 a cura di GIAN ANTONIO BENACCHIO e MICHELE CARPAGNANO 2014

2

3 QUADERNI DELLA FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA

4 Al fine di garantire la qualità scientifica della Collana di cui fa parte, il presente volume è stato sottoposto alla valutazione di un qualificato Referee rappresentante delle discipline corrispondenti o affini a quelle oggetto del lavoro, il quale ne ha approvato la pubblicazione all esito di una procedura che garantisce trasparenza di criteri valutativi, autonomia dei giudizi, anonimato del Revisore e dell Autore o del Curatore. PROPRIETÀ LETTERARIA RISERVATA Copyright 2014 by Università degli Studi di Trento Via Calepina Trento ISBN ISSN Libro in Open Access scaricabile gratuitamente dall archivio Unitneprints Research con Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-non opere derivate 3.0 Italia License. Maggiori informazioni circa la licenza all URL: Il presente volume è pubblicato anche in versione cartacea, grazie alla partecipazione finanziaria della Provincia autonoma di Trento, per i tipi di Editoriale Scientifica - Napoli, con ISBN Settembre 2014

5 L APPLICAZIONE DELLE REGOLE DI CONCORRENZA IN ITALIA E NELL UNIONE EUROPEA Atti del IV Convegno Antitrust tenutosi presso la Facoltà di Giurisprudenza dell Università di Trento il 18 e 19 aprile 2013 a cura di Gian Antonio Benacchio e Michele Carpagnano Università degli Studi di Trento 2014

6

7 INDICE Pag. Gian Antonio Benacchio e Michele Carpagnano Presentazione del IV Volume... 1 Bruno Lasserre Competition Culture in France: how a Competition Agency may reconcile Consumers and Citizens?... 5 Ricardo Alonso Soto Cultura della concorrenza, limiti sociali e istituzionali e promozione della concorrenza in Spagna Vito Cozzoli e Claudio Nardone Promozione e tutela della concorrenza: il rapporto tra Parlamento e Autorità Antitrust Innocenzo Cipolletta La cultura della concorrenza in Italia Luca Sanfilippo Intervento Aldo Frignani La Cassazione prosegue l erosione del diritto di difesa nelle cause risarcitorie antitrust follow-on Roberto Chieppa Il ruolo del public enforcement tra sanzioni e impegni... 89

8 INDICE Pag. Massimo Scuffi Gli sviluppi della giurisprudenza nazionale in materia di aiuti di Stato Enrico Adriano Raffaelli e Marta Brichetto Public e private antitrust enforcement: auspicabili ma difficili sinergie Carmen Herrero Suárez L eccezione di trasferimento di costi in azioni follow-on Luigi Prosperetti Oneri probatori, controfattuale e passing-on: alcune osservazioni sulla recente giurisprudenza europea Maurizio Raffaini e Dario Ruggiero La liberalizzazione del mercato postale comunitario. L esperienza italiana Leonor Rossi and Miguel Sousa Ferro Private enforcement of competition law in Portugal. Virtues and shortcomings of the actio popularis Muriel Chagny Le azioni di classe in Francia: molto lavoro per nulla? Class actions in France: much ado about nothing? Marina Tavassi L applicazione delle regole di concorrenza in Italia e nell Unione. Le azioni di classe in Italia Beatrice Zuffi L azione di classe dal punto di vista dell attore. Parte I - Le azioni di classe nella prospettiva dei proponenti in generale VI

9 INDICE Pag. Marcella Negri L azione di classe dal punto di vista dell attore. Parte II - L azione di classe e l illecito antitrust Paolo Buccirossi Analisi economica nel vaglio di ammissibilità di un azione di classe Notizie sugli Autori VII

10

11 PRESENTAZIONE DEL IV VOLUME Siamo molto orgogliosi di dare alle stampe il presente Volume che raccoglie gli atti del IV Convegno Antitrust di Trento dedicato alla Applicazione delle regole di concorrenza in Italia e nell Unione Europea tenutosi a Trento il 18 e 19 aprile La quarta edizione del Convegno, come le tre precedenti del 2007, del 2009 e del 2011, si inserisce nella più ampia attività di divulgazione e di alta formazione ideata e realizzata dalla Facoltà di Giurisprudenza dell Università di Trento per il tramite dell Osservatorio Permanente sull Applicazione delle Regole di Concorrenza e dedicata non più soltanto ai Giudici italiani ed europei ma a tutta la comunità antitrust nazionale ed internazionale. L edizione del 2013 si pregia del patrocinio della Camera dei Deputati ed ha potuto contare sul fondamentale supporto dell Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, della Regione Autonoma Trentino-Alto Adige/Südtirol, della Provincia autonoma di Trento, del Centro di Documentazione Europea di Trento e del Consiglio Superiore della Magistratura. Il Convegno ha potuto altresì contare sul prezioso contributo di TNT Post e di Casse Rurali Trentine e sulla eccellente collaborazione di Ounet, Outsourcing Network, per le attività di interpretariato e traduzione, di Cantine Ferrari per l accoglienza dei relatori e degli ospiti e di MLex per quanto riguarda la parte stampa e comunicazione. È stata la prima volta che il nostro Convegno ha coinvolto nell organizzazione partner privati e siamo davvero entusiasti di aver trovato partner che non solo hanno pienamente condiviso lo spirito ed i valori del nostro Convegno ma che hanno consentito di incrementarne il livello di qualità. Il presente Volume, oltre a rendere fruibili in forma cartacea i risultati emersi dalle giornate del Convegno (la cui registrazione è integralmente visibile on line sul sito dell Osservatorio Antitrust nella sezione Formazione - Convegno Biennale di Trento ), è stato pensato per essere un utile strumento

12 PRESENTAZIONE DEL IV VOLUME di approfondimento per gli studiosi e gli operatori del diritto antitrust per una condivisione di nozioni e di esperienze italiane ed europee. L edizione del 2013 riflette lo spirito internazionale e multidisciplinare che caratterizza da sempre il diritto della concorrenza nazionale e dell Unione: nelle pagine che seguono il lettore troverà prestigiosi contributi di accademici, magistrati, funzionari delle istituzioni nazionali e dell Unione preposte al public antitrust enforcement ed alla public policy, ma anche di economisti ed esponenti della business community. Tali diversità di esperienze e di percezioni di un unico (complesso) fenomeno sono essenziali, a nostro avviso, al fine di contribuire ad incrementare e consolidare una matura cultura della concorrenza e delle sue modalità di enforcement nel nostro Paese ed in Europa, possibilmente anche al di là della comunità degli studiosi e degli addetti ai lavori, fino a ricomprendere ogni livello della società civile e del tessuto imprenditoriale. I contributi di seguito riportati ripercorrono le tre tematiche principali della IV edizione del nostro Convegno: a) la cultura della concorrenza in Italia e nell Unione europea; b) i recenti sviluppi in materia di public e private antitrust enforcement; c) le azioni di classe in Italia ed in Europa. Tre tematiche che continuano ad essere di grande attualità e su cui, ne siamo convinti, ci sarà ancora da discutere e confrontarci nelle prossime edizioni del Convegno Antitrust di Trento. In conclusione segnaliamo che nel periodo intercorso tra la IV edizione del Convegno e la pubblicazione del presente Volume, si sono registrati importanti interventi delle Istituzioni UE: la Commissione Europea ha pubblicato la proposta di Direttiva in materia di private antitrust enforcement ed una promettente Raccomandazione in materia di collective redress destinata a gettare le basi per una più ampia (e benvenuta) diffusione delle azioni di classe nell Unione. Se la proposta di Direttiva, come auspichiamo nonostante alcuni suoi limiti intrinseci, sarà approvata, come previsto, entro la primavera del 2014, gli Stati Membri avranno due anni di tempo per implementare negli ordinamenti interni il contenuto della Direttiva. Se sarà effettivamente così, le modalità di codificazione negli Stati Membri del private antitrust enforce- 2

13 PRESENTAZIONE DEL IV VOLUME ment costituiranno certamente uno dei temi di approfondimento e dibattito della prossima edizione del Convegno Antitrust di Trento. Concludiamo questa brevissima introduzione ringraziando i Professori Pardolesi, Frignani e Consolo, presidenti delle sessioni del Convegno, che con grande puntualità e professionalità hanno contribuito ad animare il dibattito durante i lavori. Un doveroso ringraziamento va altresì ai collaboratori dell Osservatorio Permanente sull Applicazione delle Regole di Concorrenza che quotidianamente fanno sì che il nostro sito internet possa contribuire a divulgare con tempestiva efficacia e semplicità la conoscenza del diritto antitrust nazionale (non solo in Italia ma anche in altri ordinamenti) e dell Unione europea. Tra l altro non possiamo non ricordare che, a margine della IV edizione del Convegno, si è tenuto il primo workshop dei collaboratori dell Osservatorio Antitrust in cui sono state poste le basi per la nuova versione del sito internet attualmente on line. Il Workshop a margine del Convegno è un evento a cui crediamo molto perché concepito come un momento di confronto ed approfondimento dedicato ai giovani studiosi della materia ed ai talenti emergenti. Siamo sinceramente grati, inoltre, al Preside della Facoltà di Giurisprudenza, Prof. Giuseppe Nesi, per aver pienamente colto il valore del Convegno di Trento nella comunità antitrust nazionale ed internazionale ed averne condiviso lo spirito e supportato la realizzazione. Ringraziamo infine tutto il personale amministrativo e tecnico della Facoltà di Giurisprudenza che, con grande impegno, ha contribuito ad una ottimale riuscita del Convegno. Un ringraziamento particolare va alla Signora Carla Boninsegna per la dedizione, l impegno, la professionalità e la disponibilità che ha dimostrato nella cura del Convegno Antitrust di Trento (fin dalla prima edizione) ed alla Dott.ssa Valentina Lucatti per la attenta cura redazionale del presente Volume. Trento, 14 febbraio 2014 Gian Antonio Benacchio e Michele Carpagnano 3

14

15 COMPETITION CULTURE IN FRANCE: HOW A COMPETITION AGENCY MAY RECONCILE CONSUMERS AND CITIZENS? Bruno Lasserre SUMMARY: 1. The progressive dissemination of a competition culture amongst politicians and citizens; 2. The necessity to bridge the gap between how competition is perceived respectively by citizens and by consumers; 3. How may competition authorities reconcile citizens with competition?; 3.1. The Autorité s action in favor of consumers; 3.2. Private enforcement and collective redress: giving back to consumers the benefits of competition regulation. I am grateful to be invited to speak at this conference hosted by the University of Trento and especially to be granted the privilege of making an intervention on the fascinating topic of the development of competition culture in France. I would like to thank particularly Professor Benacchio and Professor Carpagnano for inviting me. I will divide my remarks in three parts. First, I will dwell on the historic roots of market economy and competition in France. I will then try to describe the current state of play in France and to analyze at which stage is France as regards the confidence consumers and citizens have in competition. Finally, I will try to answer to the question of how competition authorities may bridge the gap which exists in many countries between, on the one hand, the positive perception that consumers have of competition and, on the other hand, the rather negative perception of competition by citizens.

16 BRUNO LASSERRE 1. The progressive dissemination of a competition culture amongst politicians and citizens Looking at French history, three different phases can be identified which led to a progressive integration of a competition culture amongst French politicians and citizens. In France, free competition and market openness take their roots in the recognition of the principle of the liberty of commerce during the French Revolution of 1789 and the suppression of corporations in 1791, which were the first cartels. Indeed, the French revolutionaries saw in these reforms a bridge between the political values they were defending and the necessity to ensure that the economy was benefiting from the wealth coming from trade. At the same time, the Revolution s values are enshrined in the three concepts of freedom, equality and fraternity, and French history displays a perpetual tension between, in particular, the principles of freedom and equality. Making a huge jump through French history, this tension is then apparent in the post 2nd world war conservative alliance against free-market principles: Gaullists and communists were united in pushing for the state planning of the French economy and the control of retail prices, in a context where the reconstruction of a war-torn country was perceived as legitimizing such intervention and favoring economic stability. The French constitution of 1946 illustrates this movement in favor of state intervention and the development of public services. From then on, French citizens considered that state intervention was legitimate as regards the effective rebuilding of the country after the war and the strong development of the economy during the trente glorieuses. We had nevertheless seen in parallel in France the slow, progressive, but decisive building of a trans-partisan consensus for an effective competition regulation system. In , this was a socialist government that supported the insertion of provisions on competition in the Rome Treaty, and discarded the former reservations of Paul Ramadier, while in Germany there was already a nascent consensus 6

17 COMPETITION CULTURE IN FRANCE between the Christian Democrats and the SPD, which was actually achieved as early as However, if France applied European competition rules from 1957 on, the French vision of competition was at this time legal and technical and not authentic and sincere. On the contrary, this technical approach led France to support the creation of strong European institutions and especially the creation of the European Commission, which is one of the key to the success of the development of competition enforcement in Europe during the second half of the 20 th century. We had to wait until 1986 in France to see the establishment of an effective competition regulation system. A right-wing liberal government this time promoted the freedom of prices and the independent regulation of competition. But this was a socialist government who thereafter strengthened the fining and investigation powers of the Conseil de la concurrence, in Finally, the last reform in was backed by all political parties. This strong trans-partisan consensus was also apparent from the last presidential campaign in Spring 2012: the two main candidates, Nicolas Sarkozy and François Hollande, were simultaneously interviewed and their position was overall very consistent and supportive of competition regulation. Both supported private collective redress of competition law and the setting up of structural injunctions. So the political support to competition regulation is much more recent than in other countries but it is now steady and has followed its own progressive path. 2. The necessity to bridge the gap between how competition is perceived respectively by citizens and by consumers If a political consensus was found, French skepticism towards competition as a political value was however expressed in 2005 in the negative vote concerning the former Constitutional Treaty. It is in this context that the Autorité de la concurrence (the Autorité) commissioned in 2011 from a polling institute a survey on the perception of competition in France. This survey brought hope howev- 7

18 BRUNO LASSERRE er, in the sense that competition has a positive connotation for 81% of those surveyed against 69% in I take it as a sign that consumers are aware of the benefits that our action, about which I will dwell on later, has brought in terms of choice, quality and prices. However, the results of this survey shows a difference between the perception that French people is when they are asked about competition as an organization of the economy, on the one hand, or as a lever which can be used by consumers in their power struggle with companies. The positive outcomes of the survey in the latter situation is clear since it shows that the interviewed persons were aware of the benefits brought by competition as regards the competitiveness of companies (87%), innovation (72%), the choices of goods and services (82%), the decrease of prices (76%) and the increase of quality (71%). Furthermore, it emerges from the survey that French people supports the fact that there is a need for an institution which enforces competition and imposes deterrent fines. More surprisingly, one of the first answers which came out when asking why an effective enforcement of competition rules was necessary, is that competition leads to the protection of Small and Medium Enterprises ( SMEs ). This answer highlights the fact that competition is supported in France mainly because it provides equality between operators on the market. There is a kind of schizophrenia which exists amongst the French population which at the same time is in favor of competition when it comes to the protection of consumers and SMEs interests and has a less positive perception of competition where it is expressed in more abstract and general terms. 3. How may competition authorities reconcile citizens with competition? It is necessary that competition authorities manage to bridge the gap between the perceptions that consumers, on the one hand, and citizens, on the other hand, have of competition. In this context and in order to disseminate competition culture in France, the Autorité s action 8

19 COMPETITION CULTURE IN FRANCE in favor of consumers is crucial but has to go along with the development of private enforcement The Autorité s action in favor of consumers It is our responsibility as competition authorities to show the merits of competition not only by focusing our actions on behaviors which might have adverse effects on consumers but also by using market studies and public recommendations that raise consumers and competitors awareness of the benefits of competition. First, by focusing our action on cartels which increase costs for intermediary and retail goods and on abuses which foreclose innovating firms, especially SMEs, we increase the consumers and citizens trust in competition. The Autorité has pursued this objective decisively in the last few years by uncovering and fining several restrictive agreements and cartels on consumer goods markets. It is notably possible to mention a decision adopted in 2005 concerning an anticompetitive agreement between the three major French mobile phone operators leading to the sharing of strategic information and the stabilization of their market shares, the sanction imposed in 2011 to four major laundry detergent manufacturers which had coordinated their commercial strategies or a decision in 2012 concerning a cartel of German and French millers which aimed at limiting imports of flour between France and Germany and fixing prices. Looking at the same objectives, the Autorité had also a strong action since 2010 in the field of interbank fees where it obtained from banks that they reduce such fees on payment cards by 36% and remove them entirely for direct debit transactions. These decisions had a strong impact since they targeted practices that are directly harmful to consumers and made the action of the Autorité well-known by the general public. Second, market studies and public recommendations are also powerful tools so as to shape the public debate. Indeed, they allow the Autorité to highlight markets where undertakings draw rents at the cost of consumers. While defining its priorities, the Autorité thus analyzes 9

20 BRUNO LASSERRE whether a market study might rise or not a potential benefit for consumers. In this regard, two recent telling examples can be mentioned. In 2012, the Autorité s powers have been significantly strengthened in the overseas territories as a response to social unrest triggered by a higher cost of living in these remote islands. Competition has thus been seen as part of the solution rather than part of the problem. The Autorité obtained in particular a power of structural injunctions inspired from that of the Competition Commission in the UK in the food retail sector, where the high level of concentration is harmful to consumers and results in high prices. Then concerning the sector of car repair maintenance, the Autorité recommended in October 2012 a gradual opening up of the secondary market of visible spare parts (wings, bonnets, bumpers, windscreens, lights, mirrors, etc.) in a controlled manner, which should eventually lead, for consumers, to an average price drop from 6 to 15%. Although the Government has not decided yet on a legislative followon, it has launched a negotiation with the repairers and car makers to obtain a repair clause. In the current context of economic downturn, conducive to a trade-off between enforcement and advocacy, sector inquiries are also a good way to reconcile advocacy and enforcement. Actually, two important market studies are on-going in France, on interregional coach transport, which is a means of transport used especially by less affluent people (such as students and young people), and on the pharmaceutical sector, in order to issue recommendations to the industry notably as regards the development of generics as a competition factor. Third, the Autorité as the national expert in charge of competition has a mission to advocate competition to civil servants and the French administration as a whole. This role is crucial as a survey led by two economists commissioned by a think tank, the Institut Montaigne, at the end of the year 2012 showed that civil servants, including judges, had globally a negative perception of business and competition (77% of the civil servants think that competition is not positive and 80% think that it is not necessary to give more freedom to companies). In this context, the Autorité can act as a training body. Going a step further, the Autorité published in July 2012 a guide setting out a systematic method 10

21 COMPETITION CULTURE IN FRANCE of evaluation of the competitive impact of draft laws and regulations. This guide aims at contributing to the elaboration of norms by inviting lawmakers, the government and more generally civil servants at a fairly early stage to reflect on the effect the proposed text would have on competition. Finally, the Autorité has worked so as to reinforce its relationship with the Parliament. Not only is the accountability of the Autorité towards the Parliament a way to strengthen the confidence of citizens in its action but it also necessary to have a regular dialogue with the legislative body. In this context, the Autorité has been auditioned by the Parliament or received members of Parliament between 2 to 5 times a month in Private enforcement and collective redress: giving back to consumers the benefits of competition regulation The action of national competition authorities has to be combined with the development of private enforcement, especially in the context of follow-on actions, in order to increase consumer awareness of the benefits of competition regulation. Indeed, alongside public enforcement, it is crucial that victims of anticompetitive behaviors seek redress before the courts. In a crisis time, this is the best means (i) to give some power back to consumers (including intermediary consumers: SMEs) which have to be the beneficiaries of the competition policy led by NCAs and (ii) thus to increase their trust in competition. One of the cornerstones of the effectiveness of private enforcement is the introduction, in national laws and at the European Union s level, of collective redress. As regard the French example, in a case regarding a cartel between the three major French mobile operators, it was assumed that the practices at stake cost around 150 euros to each consumer concerned. At this time, a consumers association, UFCque-Choisir, tried to bring the case before a court gathering more than consumers in this action. However, judges denied the association s request for payment of the damage, since the French system did not provide for the possibility of collective actions. 11

22 BRUNO LASSERRE This topic is now particularly of interest in France since a bill is currently discussed by the Parliament regarding the introduction of such a system. The project allows follow-on class actions brought by consumer associations and it is based on the opt-in system. It also contains an ambitious mediation scheme under the control of the judge. This cautious approach is in line with the concerns that the European Parliament has also expressed and seems to me as a good start after 20 years of public debate in France. I also confess that it is particularly difficult to keep competition law in the scope of the bill. Our main task currently is to advocate an effective system whereby actions can be brought earlier than presently provided by the text, i.e. before all avenues for appeal have been exhausted, as the judicial process may be very protracted in France; it took for instance seven years to obtain the final confirmation of our 2005 decision regarding a cartel between the three mobile operators at that time. I believe that the development of private enforcement in France, notably through the introduction of collective redress, will be a decisive tool in order to overcome French skepticism towards free markets and to disseminate amongst consumers and citizens a competition culture. 12

23 CULTURA DELLA CONCORRENZA, LIMITI SOCIALI E ISTITUZIONALI E PROMOZIONE DELLA CONCORRENZA IN SPAGNA Ricardo Alonso Soto SOMMARIO: 1. Introduzione; 2. Necessità di creare una cultura della concorrenza; 3. Come si può realizzare una cultura della concorrenza?; 3.1. Credibilità ed accreditamento delle autorità garanti della concorrenza; 3.2. Promozione della concorrenza. 1. Introduzione 1.1. Molti paesi hanno scoperto o riscoperto il diritto della concorrenza in periodi piuttosto recenti. Infatti, fino all ultimo decennio del secolo scorso, solo pochi paesi avevano una legislazione antitrust. In Spagna, invece, esiste un sistema di difesa della concorrenza sin dall anno 1963 (proprio nel mese di luglio si celebra il cinquantesimo anniversario della Legge sulle pratiche restrittive della concorrenza). L attuazione di questo sistema si deve, da un lato, all apertura dell economia spagnola grazie al Piano di sviluppo economico e sociale e, dall altro, alla pressione esercitata dagli Stati Uniti d America per indurre la Spagna ad adottare un quadro normativo che consentisse l entrata delle loro imprese multinazionali nel nostro mercato. Tuttavia, fino al 1986 il sistema non è stato efficace a causa dell esistenza di ciò che possiamo denominare un sistema istituzionale anti-mercato. In Spagna esistevano: (i) un grande intervento dello Stato nell economia (dirigismo economico); (ii) un corporativismo istituzionale (esistenza di sindacati verticali formati da lavoratori, imprenditori e Pubblica Amministrazione); (iii) politiche protezionistiche dell industria e del commercio nazionale; (iv) abbondanza di monopoli e di concessioni amministrative in regime di esclusiva; e (v) mancanza di una cultura della concorrenza.

24 RICARDO ALONSO SOTO 1.2. La situazione cambia negli anni 80, dopo l approvazione della Costituzione spagnola (1978), che stabilisce un sistema economico basato sulla libertà d impresa nel quadro di un economia di mercato, e dopo l entrata della Spagna nella Comunità Economica Europea (1986). Diverse circostanze quali la deregolamentazione economica, la privatizzazione di importanti imprese pubbliche, l eliminazione delle sovvenzioni statali alle imprese, l arrivo di importanti investimenti stranieri, la liberalizzazione del commercio estero e la grande scommessa del Governo socialista sulle politiche della concorrenza hanno motivato la promulgazione di una nuova Legge sulla difesa della concorrenza nel 1989 destinata a rivitalizzare il sistema. A questo cambiamento hanno contribuito il rafforzamento dell indipendenza e dei poteri dell Autorità Nazionale per la Concorrenza (Tribunale per la Difesa della Concorrenza) e la creazione delle Autorità Regionali per la Concorrenza. A partire da questo momento, l attuazione del diritto della concorrenza si è sviluppata in due tappe: (i) una prima tappa didattica in cui si producono: - la divulgazione dei benefici del sistema di libera concorrenza - il riconoscimento sociale delle autorità garanti della concorrenza - l adozione da parte delle autorità garanti della concorrenza di decisioni pedagogiche - la moderazione nell imposizione delle sanzioni (sanzioni simboliche) (ii) una seconda tappa di consolidamento in cui si producono: - interventi d ufficio - selezione dei casi - elaborazione della dottrina delle decisioni - sanzioni dissuasorie La storia della difesa della concorrenza si conclude, per il momento, con la promulgazione della Legge sulla difesa della concorrenza dell anno 2007, che aggiorna la normativa adeguandola al pacchetto di riforma delle norme comunitarie sulla concorrenza, migliora la struttura istituzionale, svincolandola completamente dal Governo, e fornisce alla Commissione Nazionale per la Concorrenza nuovi stru- 14

25 CULTURA DELLA CONCORRENZA menti, necessari per lo svolgimento delle sue funzioni (come i meccanismi di leniency, la facoltà d impugnare in sede giudiziaria le decisioni, gli atti e le norme della pubblica amministrazione che limitino la concorrenza sul mercato, la possibilità di adottare misure strutturali come sanzione per l attuazione di pratiche anticompetitive). Attualmente si trova in fase di discussione in Parlamento un progetto di legge per la creazione di una Commissione Nazionale dei Mercati e della Concorrenza rivolta a creare un macro-organismo che comprenda l attuale Commissione Nazionale per la Concorrenza e le principali agenzie di regolazione indipendenti esistenti in settori quali quello delle telecomunicazioni, dell energia, postale, audiovisivo, ferroviario e aeroportuale, che ha ricevuto il rifiuto del mondo accademico, degli esperti (avvocati ed economisti), di tutti i partiti politici dell opposizione e dure critiche da parte della Commissione Europea. 2. Necessità di creare una cultura della concorrenza Da quanto detto prima si può dedurre che non solo è necessario creare un sistema di difesa della concorrenza, ma bisogna anche sviluppare una politica di concorrenza e creare una cultura della concorrenza. Una politica della concorrenza basata sui seguenti punti: a) obiettivi chiari: - difesa del mercato e dei consumatori come interessi generali (non perseguire la difesa dei concorrenti; non proteggere interessi particolaristici di gruppi o di settori) - soppressione delle barriere d entrata al mercato (non impedire l accesso alle imprese straniere) - controllo del potere di mercato (attraverso il controllo dei comportamenti imprenditoriali e dei cambiamenti nella struttura del mercato) b) norme tecnicamente corrette ed adeguate in base alla situazione del paese; c) autorità garanti della concorrenza indipendenti, efficaci e rispettate; d) interventi significativi dal punto di vista economico e sociale. 15

F ondazione Diritti Genetici. Biotecnologie tra scienza e società

F ondazione Diritti Genetici. Biotecnologie tra scienza e società F ondazione Diritti Genetici Biotecnologie tra scienza e società Fondazione Diritti Genetici La Fondazione Diritti Genetici è un organismo di ricerca e comunicazione sulle biotecnologie. Nata nel 2007

Dettagli

EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL. Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno iniziato una

EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL. Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno iniziato una ABSTRACT: LA NUOVA POLITICA DEI TRASPORTI NAZIONALE ED EUROPEA A FRONTE DELLA CRESCENTE DOMANDA DI MOBILITA. EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno

Dettagli

L APPLICAZIONE DELLE REGOLE DI CONCORRENZA IN ITALIA E NELL UNIONE EUROPEA

L APPLICAZIONE DELLE REGOLE DI CONCORRENZA IN ITALIA E NELL UNIONE EUROPEA Facoltà di Giurisprudenza IV Convegno biennale L APPLICAZIONE DELLE REGOLE DI CONCORRENZA IN ITALIA E NELL UNIONE EUROPEA 18-19 aprile 2013 Facoltà di Giurisprudenza, via Rosmini, 27 - Trento Aula 1 www.osservatorioantitrust.eu

Dettagli

ITALY IN THE GLOBAL OUTLOOK L ITALIA NEL QUADRO GLOBALE

ITALY IN THE GLOBAL OUTLOOK L ITALIA NEL QUADRO GLOBALE Session/Sessione ITALY IN THE GLOBAL OUTLOOK L ITALIA NEL QUADRO GLOBALE ELECTRONIC POLL RESULTS RISULTATI DEL TELEVOTO INTELLIGENCE ON THE WORLD, EUROPE, AND ITALY LO SCENARIO DI OGGI E DI DOMANI PER

Dettagli

Presentazione del sostegno linguistico on line, Sonia Peressini Conferenza per la Giornata europea delle Lingue, Firenze, 25 settembre 2014

Presentazione del sostegno linguistico on line, Sonia Peressini Conferenza per la Giornata europea delle Lingue, Firenze, 25 settembre 2014 Presentazione del sostegno linguistico on line, Sonia Peressini Conferenza per la Giornata europea delle Lingue, Firenze, 25 settembre 2014 Mobilità in Erasmus+ - Sostegno Linguistico Online: Dimostrazione

Dettagli

Notizie dall Unione europea

Notizie dall Unione europea Commissione Speciale sui Rapporti con l Unione europea e sulle Attività Internazionali della Regione Notizie dall Unione europea 20 novembre 2006 La Commissione europea propone un divieto totale del commercio

Dettagli

Economic and Social Council ECOSOC. United Nations

Economic and Social Council ECOSOC. United Nations Economic and Social Council ECOSOC United Nations 2010 Coordination segment New York, 6 July Address by Antonio MARZANO, President of AICESIS International Association of Economic and Social Councils and

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

Big Data, problematiche di privacy, Consorzio CBI. Alfonso Angrisani. Head of Diligence and Compliance Consorzio CBI

Big Data, problematiche di privacy, Consorzio CBI. Alfonso Angrisani. Head of Diligence and Compliance Consorzio CBI Big Data, problematiche di privacy, Consorzio CBI Alfonso Angrisani Head of Diligence and Compliance Consorzio CBI Convegno CBI 2013 Roma, 21 novembre 2013 Agenda n Big Data, problematiche di privacy,

Dettagli

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.)

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Presentazione del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Roma, 18 luglio 2002 Il Forum delle imprese regolate, che oggi viene inaugurato, vuole essere un luogo permanente di consultazione e scambio

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 1990 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori GRASSI, ALLOCCA e TECCE COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 30 GENNAIO 2008 Norme in materia di pluralismo informatico

Dettagli

Massimo Florio, Network Industries and Social Welfare. The Experiment that Reshuffled European Utilities, Oxford University Press, 2013, pp. V-406.

Massimo Florio, Network Industries and Social Welfare. The Experiment that Reshuffled European Utilities, Oxford University Press, 2013, pp. V-406. Massimo Florio, Network Industries and Social Welfare. The Experiment that Reshuffled European Utilities, Oxford University Press, 2013, pp. V-406. 1. Il volume Network Industries and Social Welfare è

Dettagli

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE Allegato B alla delibera n. 380/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: a) l ambito dell intervento regolamentare proposto, con particolare

Dettagli

Legislazione bancaria, finanziaria e assicurativa: la storia, il presente, il futuro

Legislazione bancaria, finanziaria e assicurativa: la storia, il presente, il futuro Banca d'italia Legislazione bancaria, finanziaria e assicurativa: la storia, il presente, il futuro Saluto di Fabrizio Saccomanni Direttore Generale della Banca d Italia Roma, 14 ottobre 2011 Do il benvenuto

Dettagli

I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager

I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager Valentina Bini, FIRE 27 marzo, Napoli 1 Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso Razionale dell Energia è un associazione tecnico-scientifica

Dettagli

CODICE ETICO E DI LEGALITA

CODICE ETICO E DI LEGALITA CODICE ETICO E DI LEGALITA INTRODUZIONE Carbotrade Gas S.p.A. è una società commerciale con esperienza pluridecennale nel settore dell energia, il cui fine è la commercializzazione e la vendita di G.P.L.

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

DIRITTO DELLA CONCORRENZA E DELL INNOVAZIONE

DIRITTO DELLA CONCORRENZA E DELL INNOVAZIONE Dipartimento di Giurisprudenza Master Universitario di secondo livello in DIRITTO DELLA CONCORRENZA E DELL INNOVAZIONE 1^ edizione Anno Accademico 2012/2013 Programma 1 modulo proprietà intellettuale (tot.

Dettagli

L APPLICAZIONE DELLE REGOLE DI CONCORRENZA IN ITALIA E NELL UNIONE EUROPEA

L APPLICAZIONE DELLE REGOLE DI CONCORRENZA IN ITALIA E NELL UNIONE EUROPEA L APPLICAZIONE DELLE REGOLE DI CONCORRENZA IN ITALIA E NELL UNIONE EUROPEA Atti del IV Convegno Antitrust tenutosi presso la Facoltà di Giurisprudenza dell Università di Trento il 18 e 19 aprile 2013 a

Dettagli

La Carta dell Investimento. Sostenibile e Responsabile. della finanza italiana

La Carta dell Investimento. Sostenibile e Responsabile. della finanza italiana La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana Introduzione L attività finanziaria trova fondamento nella funzione di veicolo dei capitali a sostegno dell economia reale e

Dettagli

La Dichiarazione di Pechino

La Dichiarazione di Pechino La Dichiarazione di Pechino CAPITOLO I OBIETTIVI 1. Noi, Governi partecipanti alla quarta Conferenza mondiale sulle donne, 2. Riuniti qui a Pechino nel settembre del 1995, nel cinquantesimo anniversario

Dettagli

Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità

Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità Intervento Convegno ANAV del 17 /2/2004. (Noleggio autobus ai sensi della l. 218/2003) Con la legge quadro n. 218/2003, entrata in vigore

Dettagli

Osservazioni della Concessionaria del Servizio Pubblico Radiotelevisivo italiano Rai-Radiotelevisione italiana Spa

Osservazioni della Concessionaria del Servizio Pubblico Radiotelevisivo italiano Rai-Radiotelevisione italiana Spa Proposta di revisione della Comunicazione della Commissione Europea del 2001 relativa all applicazione delle norme sugli aiuti di Stato al servizio pubblico di radiodiffusione 4 novembre 2008 Osservazioni

Dettagli

Codice Etico del Gruppo Poste Italiane

Codice Etico del Gruppo Poste Italiane Codice Etico del Gruppo Poste Italiane 28 settembre 2009 Approvato nell adunanza del 28 settembre 2009 del Consiglio di Amministrazione Indice 1. PREMESSA E OBIETTIVI............................. 2 2.

Dettagli

English-Medium Instruction: un indagine

English-Medium Instruction: un indagine English-Medium Instruction: un indagine Marta Guarda Dipartimento di Studi Linguistici e Letterari (DiSLL) Un indagine su EMI presso Unipd Indagine spedita a tutti i docenti dell università nella fase

Dettagli

Dal 1 luglio costeranno molto meno gli SMS, le chiamate e i servizi di dati in roaming

Dal 1 luglio costeranno molto meno gli SMS, le chiamate e i servizi di dati in roaming IP/09/620 Strasburgo, 22 aprile 2009 Dal 1 luglio costeranno molto meno gli SMS, le chiamate e i servizi di dati in roaming Dal 1 luglio un SMS spedito dall estero nell UE non costerà più di 0,11 euro,

Dettagli

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 1. Due anni dopo la firma della Dichiarazione di Bologna e tre dopo quella

Dettagli

La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana

La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana 6 Giugno 2012, Scuderie di Palazzo Altieri - Roma Siglata in occasione della Settimana Italiana dell Investimento Sostenibile

Dettagli

Convegno La biblioteca scientifica e tecnologica

Convegno La biblioteca scientifica e tecnologica Università degli Studi Roma Tre Università degli Studi La Sapienza Convegno La biblioteca scientifica e tecnologica Roma, 17 aprile 2008 Valutazione delle pubblicazioni scientifiche e open access Emanuela

Dettagli

CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S.

CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S. Pagina 1 di 6 CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S. Sede Legale in Torino (TO), Corso Lombardia n. 115 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO Allegato 1 Codice Etico ai sensi

Dettagli

Stefano Micossi Adam Smith Society Regulatory Lecture Milano 22 novembre 2004

Stefano Micossi Adam Smith Society Regulatory Lecture Milano 22 novembre 2004 I compiti dell Autorità garante della concorrenza e del mercato: quale evoluzione? Stefano Micossi Adam Smith Society Regulatory Lecture Milano 22 novembre 2004 1 Novità del 2004 Con la legge 22 luglio

Dettagli

Un investimento nasce dallo spreco

Un investimento nasce dallo spreco Concorso Un investimento nasce dallo spreco Articolo 1 Definizione dell'iniziativa Il concorso Un investimento nasce dallo spreco, in linea con le decisioni europee di dichiarare il 2014 anno europeo contro

Dettagli

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE Allegato B alla delibera n. 642/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: a) l ambito dell intervento regolamentare proposto, con particolare

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA IX LEGISLATURA ASSEMBLEA LEGISLATIVA OGGETTO: 2949 I COMMISSIONE PERMANENTE "BILANCIO AFFARI GENERALI ED ISTITUZIONALI"

REGIONE EMILIA-ROMAGNA IX LEGISLATURA ASSEMBLEA LEGISLATIVA OGGETTO: 2949 I COMMISSIONE PERMANENTE BILANCIO AFFARI GENERALI ED ISTITUZIONALI Atti assembleari IX LEGISLATURA Commissioni DOCUMENTI - PROGETTI DI LEGGE E DI REGOLAMENTO PROVVEDIMENTI E RELAZIONI DI COMPETENZA DELL ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONE EMILIA-ROMAGNA IX LEGISLATURA ASSEMBLEA

Dettagli

IMPORTAZIONI PARALLELE Protezione dei brevetti o concorrenza?

IMPORTAZIONI PARALLELE Protezione dei brevetti o concorrenza? Retroscena Il caso La catena di vendita al dettaglio Jumbo è stata accusata da Kodak di importare direttamente dalla Gran Bretagna pellicole a colori e macchine fotografiche usa e getta brevettate. Kodak

Dettagli

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro Conclusioni 1 La Riunione Tecnica Tripartita sulla migrazione per lavoro, ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro TTMLM/2013/14 Ginevra, 4-8 novembre

Dettagli

REGOLE DI COMPORTAMENTO

REGOLE DI COMPORTAMENTO REGOLE DI COMPORTAMENTO Missione e valori La Finprest Srl, agente in attività finanziaria con iscrizione BANCA D ITALIA nr. A7739, opera nel settore del credito al consumo mediante concessione di finanziamenti

Dettagli

Conclusioni del Garante europeo per la protezione dei dati innanzi al Tribunale dell Unione Europea Caso T-343/13 Lussemburgo, 24 Marzo 2015

Conclusioni del Garante europeo per la protezione dei dati innanzi al Tribunale dell Unione Europea Caso T-343/13 Lussemburgo, 24 Marzo 2015 Conclusioni del Garante europeo per la protezione dei dati innanzi al Tribunale dell Unione Europea Caso T-343/13 Lussemburgo, 24 Marzo 2015 Signori Giudici del Tribunale, Nelle conclusioni di questa mattina,

Dettagli

La stabilizzazione delle terre con calce

La stabilizzazione delle terre con calce PRESENTAZIONE PROPOSTA FORMATIVA.. Proposta formativa (Ai sensi del comma 6.2 delle Linee Guida e di Coordinamento attuative del Regolamento per l aggiornamento e sviluppo professionale continuo) La stabilizzazione

Dettagli

L UE PER LE PMI Notizie da Bruxelles

L UE PER LE PMI Notizie da Bruxelles L UE PER LE PMI Notizie da Bruxelles n 4 Marzo/Aprile 2014 in collaborazione con S O M M A R I O A C C E S S O A I F I N A N Z I A M E N T I Horizon 2020 Operativo lo strumento PMI N E W S D A L L E I

Dettagli

Decentramento e liberalizzazioni nella gestione dei pubblici servizi

Decentramento e liberalizzazioni nella gestione dei pubblici servizi Decentramento e liberalizzazioni nella gestione dei pubblici servizi Avv. Sara Gobbato Nuovo auditorium del Salone degli incanti Trieste 14 novembre 2006 Il diritto comunitario e l intervento degli Stati

Dettagli

Corso Federalismo e fiscalità locale

Corso Federalismo e fiscalità locale Ministero per la pubblica amministrazione e l'innovazione Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Programma di Empowerment delle amministrazioni pubbliche del Mezzogiorno Corso Profili didattico-scientifici

Dettagli

Impresa e innovazione nel settore energetico europeo: il contributo della conoscenza alla creazione di valore Silvia Bruzzi

Impresa e innovazione nel settore energetico europeo: il contributo della conoscenza alla creazione di valore Silvia Bruzzi ÉTUDES - STUDIES Impresa e innovazione nel settore energetico europeo: il contributo della conoscenza alla creazione di valore Silvia Bruzzi Polo Interregionale di Eccellenza Jean Monnet - Pavia Jean Monnet

Dettagli

GESTIONE IMMOBILIARE REAL ESTATE

GESTIONE IMMOBILIARE REAL ESTATE CONOSCENZA Il Gruppo SCAI ha maturato una lunga esperienza nell ambito della gestione immobiliare. Il know-how acquisito nei differenti segmenti di mercato, ci ha permesso di diventare un riferimento importante

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

CODICE EUROPEO DI ETICA SPORTIVA

CODICE EUROPEO DI ETICA SPORTIVA CODICE EUROPEO DI ETICA SPORTIVA (approvato dai Ministri europei responsabili per lo Sport, riuniti a Rodi per la loro 7^ conferenza, 13-15 maggio 1992) FAIR PLAY - IL MODO VINCENTE CHI GIOCA LEALMENTE

Dettagli

Programmazione e qualità della produzione statistica

Programmazione e qualità della produzione statistica Martedì 9 Novembre 2004, ore 16,45 Sala nord-ovest Sessione parallela Programmazione e qualità della produzione statistica coordinatore Giorgio Alleva Paola Baldi Il ruolo delle Regioni e degli Enti locali

Dettagli

Società italiana di scienze applicate alle piante officinali e ai prodotti per la salute

Società italiana di scienze applicate alle piante officinali e ai prodotti per la salute Società italiana di scienze applicate alle piante officinali e ai prodotti per la salute CODICE ETICO Al fine di favorire la qualità e il prestigio dell attività svolta dalla Società Italiana delle scienze

Dettagli

Sommario. Premessa. Parte I Regole di comportamento. Parte II. Modalità di attuazione. Sezione I - Rapporti con l esterno

Sommario. Premessa. Parte I Regole di comportamento. Parte II. Modalità di attuazione. Sezione I - Rapporti con l esterno CODICE ETICO AZIENDALE Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 23 dicembre 2009 1 Sommario Premessa 1. 0.1 Obiettivi 2. 0.2 Adozione 3. 0.3 Diffusione 4. 0.4 Aggiornamento Parte I Regole di comportamento

Dettagli

CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI

CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI Raccomandazione Rec(2001)1 del Comitato dei Ministri (degli Esteri) agli Stati membri sul Servizio Sociale (adottato dal Comitato dei Ministri (degli Esteri)0il

Dettagli

Corso Federalismo e fiscalità locale

Corso Federalismo e fiscalità locale Presidenza del Consiglio dei Ministri SCUOLA SUPERIORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Programma di Empowerment delle amministrazioni pubbliche del Mezzogiorno Corso Federalismo e fiscalità locale Profili

Dettagli

Risposta ABI al Consultation Paper del CESR sulla trasparenza dei mercati non azionari

Risposta ABI al Consultation Paper del CESR sulla trasparenza dei mercati non azionari Risposta ABI al Consultation Paper del CESR sulla trasparenza dei mercati non azionari POSITION PAPER 8 giugno 2007 1. Premessa L Associazione Bancaria Italiana (di seguito ABI), che con oltre 800 banche

Dettagli

Roma, 23 aprile 2009 Alcol e marketing sociale Tiziana Codenotti Contesto della discussione sul marketing sociale Forum Alcol e Salute Organismo individuato all interno della Strategia Europea sull alcol,

Dettagli

PROPOSTA DI INCHIESTA PARLAMENTARE

PROPOSTA DI INCHIESTA PARLAMENTARE SENATO DELLA REPUBBLICA XVII LEGISLATURA Doc. XXII n. 12 PROPOSTA DI INCHIESTA PARLAMENTARE d iniziativa del senatore MICHELONI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 23 OTTOBRE 2013 Istituzione di una Commissione

Dettagli

4 6 7 7 8 8 9 10 11 14 15 17 21 25 Riassunto Realizzazione di un Sistema Informativo Territoriale per la sorveglianza sanitaria della fauna nel Parco Nazionale della Majella tramite software Open Source

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ASSOCIAZIONE INTERCOMUNALE ALTA VAL TAGLIAMENTO (Comuni di: Ampezzo, Forni di Sopra, Forni di Sotto, Preone, Sauris, Socchieve) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE ALLEGATO 1 DIREZIONE POLITICHE AGRICOLE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 PIANO

Dettagli

Camera dei Deputati X Commissione (Attività Produttive, Commercio e Turismo) Audizione del Presidente di RetImpresa Aldo Bonomi

Camera dei Deputati X Commissione (Attività Produttive, Commercio e Turismo) Audizione del Presidente di RetImpresa Aldo Bonomi Camera dei Deputati X Commissione (Attività Produttive, Commercio e Turismo) Audizione del Presidente di RetImpresa Aldo Bonomi Risoluzione in commissione n. 7/00574 in tema di reti di impresa Roma, 7

Dettagli

Concorso Un investimento nasce dallo spreco Articolo 1 Definizione dell'iniziativa

Concorso Un investimento nasce dallo spreco Articolo 1 Definizione dell'iniziativa Concorso Un investimento nasce dallo spreco Articolo 1 Definizione dell'iniziativa Il concorso Un investimento nasce dallo spreco, in linea con le decisioni europee di dichiarare il 2014 anno europeo contro

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

Company profile. Nihil difficile volenti Nulla è arduo per colui che vuole. Environment, Safety & Enterprise Risk Management more or less

Company profile. Nihil difficile volenti Nulla è arduo per colui che vuole. Environment, Safety & Enterprise Risk Management more or less Environment, Safety & Enterprise Risk Management more or less Company profile Nihil difficile volenti Nulla è arduo per colui che vuole Business Consultant S.r.l. Via La Cittadella, 102/G 93100 Caltanissetta

Dettagli

ISAC. Company Profile

ISAC. Company Profile ISAC Company Profile ISAC, all that technology can do. L azienda ISAC nasce nel 1994, quando professionisti con una grande esperienza nel settore si uniscono, e creano un team di lavoro con l obiettivo

Dettagli

Convegno di studio su Privacy e Telemedicina

Convegno di studio su Privacy e Telemedicina Convegno di studio su Privacy e Telemedicina Tra diritto del paziente alla riservatezza ed utilità della condivisione del dato sanitario Il trattamento del dato sanitario con mezzi informatico-telematici:

Dettagli

Stoccolma 2010, Melbourne 2012, Madrid 2014: un riposizionamento strategico delle RP

Stoccolma 2010, Melbourne 2012, Madrid 2014: un riposizionamento strategico delle RP Stoccolma 2010, Melbourne 2012, Madrid 2014: un riposizionamento strategico delle RP 7 ottobre 2014 Prof. Giampaolo Azzoni Giampaolo Azzoni 2 MANAGER DELLE RP: IL NUOVO RUOLO IN AZIENDA Le 5 Key-Words

Dettagli

BOTTO POALA S.p.A. BOTTO POALA S.P.A. CODICE ETICO AZIENDALE. approvato dal C.D.A. di Botto Poala S.p.A. il 29 Marzo 2012 rev 00 INDICE

BOTTO POALA S.p.A. BOTTO POALA S.P.A. CODICE ETICO AZIENDALE. approvato dal C.D.A. di Botto Poala S.p.A. il 29 Marzo 2012 rev 00 INDICE BOTTO POALA SpA Pagina 1 di 5 Rev 00 del BOTTO POALA SPA CODICE ETICO AZIENDALE approvato dal CDA di Botto Poala SpA il 29 Marzo 2012 rev 00 INDICE 1 Premessa - Definizioni Pag 1 2 Obiettivi e valori Pag

Dettagli

Economic Policy Reforms Going for Growth 2009. Riforme di politica economica Obiettivo Crescita - Edizione 2009. Summary in Italian

Economic Policy Reforms Going for Growth 2009. Riforme di politica economica Obiettivo Crescita - Edizione 2009. Summary in Italian Economic Policy Reforms Going for Growth 2009 Summary in Italian Riforme di politica economica Obiettivo Crescita - Edizione 2009 Riassunto in italiano Gestire la crisi è oggi il compito prioritario dei

Dettagli

LINEE-GUIDA. per il. Premessa

LINEE-GUIDA. per il. Premessa LINEE-GUIDA per il Regolamento ministeriale sulla struttura e sul funzionamento dell Agenzia nazionale di valutazione del sistema universitario e della ricerca (ANVUR) Premessa La legge di istituzione

Dettagli

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA.

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA. CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA 18 Novembre, 2014 In occasione della Presidenza di turno del Consiglio dell Unione Europea,

Dettagli

RISPOSTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILE ALLA CONSULTAZIONE DELLA COMMISSIONE EUROPEA IN MERITO ALL

RISPOSTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILE ALLA CONSULTAZIONE DELLA COMMISSIONE EUROPEA IN MERITO ALL RISPOSTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILE ALLA CONSULTAZIONE DELLA COMMISSIONE EUROPEA IN MERITO ALL ADOZIONE DEI PRINCIPI DI REVISIONE INTERNAZIONALI Settembre

Dettagli

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA PRESENTAZIONE DELLA RICERCA IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA ROMA 23 OTTOBRE 2008 Vorrei ringraziare gli intervenuti, i relatori, le Istituzioni ed il GSE che con la sua collaborazione

Dettagli

2 MEETING INTERREGIONALE ANACI NORD OVEST BOARD OF CEPI-CEI

2 MEETING INTERREGIONALE ANACI NORD OVEST BOARD OF CEPI-CEI MILANO 2 MEETING INTERREGIONALE ANACI NORD OVEST BOARD OF CEPI-CEI MILANO 23/24/25 SETTEMBRE 2015 CON IL PATROCINIO LA CASA, L AMBIENTE, L EUROPA Nel corso dell Esposizione Universale EXPO2015 il 24 e

Dettagli

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt)

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) SCHEDA 8 La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) Verona, Italia, 5-9 luglio 2000 LA SFIDA DI VERONA Investire in salute significa promuoverne

Dettagli

LA REGOLAZIONE TARIFFARIA DEGLI INVESTIMENTI NEI SERVIZI PUBBLICI

LA REGOLAZIONE TARIFFARIA DEGLI INVESTIMENTI NEI SERVIZI PUBBLICI Convegno LA REGOLAZIONE TARIFFARIA DEGLI INVESTIMENTI NEI SERVIZI PUBBLICI Esperienze a confronto e prospettive per i servizi idrici 14 dicembre 2011 Intervento di Luciano Baggiani, Presidente dell ANEA

Dettagli

Obiettivi e Strumenti

Obiettivi e Strumenti Libro verde sul quadro al 2030 per le politiche energetiche e climatiche Consultazione pubblica del Ministero dello Sviluppo Economico Risposte Confindustria Confindustria considera il tema affrontato

Dettagli

La libera prestazione dei servizi e la libertà di stabilimento nell UE: prospettive ed impatto sulle realtà economiche nazionali e regionali

La libera prestazione dei servizi e la libertà di stabilimento nell UE: prospettive ed impatto sulle realtà economiche nazionali e regionali La libera prestazione dei servizi e la libertà di stabilimento nell UE: prospettive ed impatto sulle realtà economiche nazionali e regionali Prof.ssa Lucia Serena Rossi PROGETTO DI RICERCA Elisa Ambrosini

Dettagli

Bimecar Carrelli Elevatori S.r.l. Codice etico

Bimecar Carrelli Elevatori S.r.l. Codice etico Bimecar Carrelli Elevatori S.r.l. Codice etico Sommario Premessa 0.1 Obiettivi 0.2 Adozione 0.3 Diffusione 0.4 Aggiornamento Parte I Regole di comportamento Sezione I Rapporti con l esterno 1.1 Competizione

Dettagli

OSSERVATORIO ECO-MEDIA

OSSERVATORIO ECO-MEDIA OSSERVATORIO ECO-MEDIA Indice Scenario Istituzione e Missione Organizzazione Attività Ricerca teorica Monitoraggio Divulgazione e promozione Iniziative editoriali Credits Scenario I temi dell ambiente

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

Concessionari di vendita: distributori e importatori esclusivi

Concessionari di vendita: distributori e importatori esclusivi Concessionari di vendita: distributori e importatori esclusivi Per poter competere con successo nei mercati stranieri è fondamentale la consapevolezza delle regole del gioco, dei rischi da evitare e delle

Dettagli

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Risposta alla consultazione Consob sul progetto di regolamento di attuazione dell articolo 23 della legge n. 262/2005 1. Introduzione La Consob ha sottoposto

Dettagli

Terzo modulo 2 dicembre 2010 Il progetto èconcluso Valutazione

Terzo modulo 2 dicembre 2010 Il progetto èconcluso Valutazione CORSO DI FORMAZIONE REGIONALE cosa stai cercando? riflessioni sulla ricerca sanitaria dall idea all application: come descrivere un progetto di ricerca e chiedere un finanziamento Regione Liguria Terzo

Dettagli

LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA IN FAVORE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE (PMI): SMALL BUSINESS ACT

LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA IN FAVORE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE (PMI): SMALL BUSINESS ACT LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA IN FAVORE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE (PMI): SMALL BUSINESS ACT Che cosa è lo Small Business Act? Tenuto conto del contesto globale, caratterizzato da continui mutamenti

Dettagli

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PREMESSA Per la prima volta quest anno la responsabilità sociale in Italia diventa un tema diffuso di dibattito

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

SSPA SCUOLA SUPERIORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

SSPA SCUOLA SUPERIORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE SSPA SCUOLA SUPERIORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LA FORMAZIONE PUBBLICA TRA SPENDING REVIEW E RIORGANIZZAZIONE PRESENTAZIONE DEL 15 RAPPORTO SULLA FORMAZIONE DEI DIPENDENTI PUBBLICI 21 MAGGIO 2013

Dettagli

LE PROPOSTE PER L INNOVAZIONE

LE PROPOSTE PER L INNOVAZIONE LE PROPOSTE PER L INNOVAZIONE Ricerca e innovazione in Italia. Le proposte della politica Italianieuropei intervista Maria Chiara Carrozza I ricercatori appartengono alla schiera dei potenziali innovatori.

Dettagli

OSSERVATORIO ECO-MEDIA. onlus

OSSERVATORIO ECO-MEDIA. onlus OSSERVATORIO ECO-MEDIA onlus Indice Scenario Istituzione e Missione Organizzazione Attività Ricerca teorica Monitoraggio Divulgazione e promozione Iniziative editoriali Credits Scenario I temi dell ambiente

Dettagli

26Primo piano. 52 Giurisprudenza. 102 Speciale AL VIA LE AZIONI SINDACALI. Bilancio Fpa. Il caso Global. Intervista Senatore Divina

26Primo piano. 52 Giurisprudenza. 102 Speciale AL VIA LE AZIONI SINDACALI. Bilancio Fpa. Il caso Global. Intervista Senatore Divina Anno XV n. 85 Settembre Ottobre 2010 Pubblicazione Sindacato Nazionale Agenti di Assicurazione AL VIA LE AZIONI SINDACALI 26Primo piano Intervista Senatore Divina 52 Giurisprudenza Il caso Global 102 Speciale

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario MAC COSTRUZIONI S.R.L. UNIPERSONALE

CODICE ETICO. Sommario MAC COSTRUZIONI S.R.L. UNIPERSONALE CODICE ETICO MAC COSTRUZIONI S.R.L. UNIPERSONALE Sommario Premessa 2 0.1 Obiettivi 2 0.2 Adozione 2 0.3 Diffusione 2 0.4 Aggiornamento 2 Rapporti con l esterno 3 1.1 Competizione 3 1.2 Relazioni 3 1.3

Dettagli

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità 1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità Roma, 21 Gennaio 2009 Palazzo Marini Sala delle Colonne Discorso di apertura, Luciano Baggiani Presidente ANEA Illustri ospiti,

Dettagli

Prof. Gustavo Piga EBRD International Master in Public Procurement Management, Director University of Rome Tor Vergata www.gustavopiga.

Prof. Gustavo Piga EBRD International Master in Public Procurement Management, Director University of Rome Tor Vergata www.gustavopiga. Appaltipubblicie professionalità. Il Master BERS-Tor Vergata Public Procurement in EBRD Projects September 26 th 2012 Chamber of Commerce of Trieste Trieste, Italy Prof. Gustavo Piga EBRD International

Dettagli

Scritto da DEApress Lunedì 14 Aprile 2014 12:03 - Ultimo aggiornamento Martedì 26 Maggio 2015 09:34

Scritto da DEApress Lunedì 14 Aprile 2014 12:03 - Ultimo aggiornamento Martedì 26 Maggio 2015 09:34 This week I have been walking round San Marco and surrounding areas to find things that catch my eye to take pictures of. These pictures were of various things but majority included people. The reason

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA LUISS SCHOOL OF GOVERNMENTAL STUDIES

REGOLAMENTO DELLA LUISS SCHOOL OF GOVERNMENTAL STUDIES REGOLAMENTO DELLA LUISS SCHOOL OF GOVERNMENTAL STUDIES (proposta deliberata dal Senato Accademico nella seduta del 23 maggio 2013 e approvata dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 23 maggio

Dettagli

Il Ministero dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministero dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministero dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico L Associazione Bancaria Italiana (ABI) Il Presidente dell ABI La CONFINDUSTRIA Il Presidente di CONFINDUSTRIA La Conferenza dei

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA CARTA DI TRASPARENZA PER IL CLIENTE WWW.IMMOBILIAREPRIMA.IT

CODICE DI CONDOTTA CARTA DI TRASPARENZA PER IL CLIENTE WWW.IMMOBILIAREPRIMA.IT 1 CODICE DI CONDOTTA CARTA DI TRASPARENZA PER IL CLIENTE WWW.IMMOBILIAREPRIMA.IT Versione 1.0 2 INDICE 1. INTRODUZIONE 2. PROFESSIONALITA 3. TRASPARENZA E COMPLETEZZA DELL INFORMAZIONE 4. RISERVATEZZA

Dettagli

Valentina Croff * La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova. Premessa. Contenuti e modalità di attuazione

Valentina Croff * La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova. Premessa. Contenuti e modalità di attuazione 33 Valentina Croff * Premessa Contenuti e modalità di attuazione La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova Lo scorso mese di aprile il Consorzio Venezia Nuova

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

C. & G. Agency Srl Via Novara, snc 01017 Tuscania VT Tel. 0761/096093 Fax. 0761/096106 Website: www.cegagency.it E-mail: info@cegagency.

C. & G. Agency Srl Via Novara, snc 01017 Tuscania VT Tel. 0761/096093 Fax. 0761/096106 Website: www.cegagency.it E-mail: info@cegagency. Servizi Recupero Crediti Debt Collection Services Chi Siamo C. & G. Agency Srl nasce grazie alla pluriennale esperienza maturata nel settore gestione e recupero del credito da parte del socio fondatore.

Dettagli