CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE CENTRO ELETTRONICO DI DOCUMENTAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE CENTRO ELETTRONICO DI DOCUMENTAZIONE"

Transcript

1 CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE CENTRO ELETTRONICO DI DOCUMENTAZIONE concorso esterno UTENTE : DATA : 05/05/14 08:48:05-1 -

2 Annotata Sez. 6, Sentenza n del 09/11/2011 Ud. (dep. 22/11/2011 ) Rv Presidente: De Roberto G. Estensore: Garribba T. Relatore: Garribba T. Imputato: P.G. in proc. Pizzo e altro. P.M. Cedrangolo O. (Parz. Diff.) (Annulla in parte con rinvio, App. Palermo, 23/04/2009) DELINQUERE - IN GENERE - Configurabilità del reato di scambio elettorale politico - Mafioso - Condizioni - Elementi differenziali rispetto al reato di associazione mafiosa - Indicazione - Conseguenze - Concorso - Possibilità. Ai fini della configurabilità del reato di scambio elettorale politico-mafioso (art. 416-ter cod. pen.) è sufficiente un accordo elettorale tra l'uomo politico e l'associazione mafiosa, avente per oggetto la promessa di voti in cambio del versamento di denaro, mentre non è richiesta la conclusione di ulteriori patti che impegnino l'uomo politico ad operare in favore dell'associazione in caso di vittoria elettorale. Ne consegue che, nell'ipotesi in cui tali ulteriori patti vengano conclusi, occorre accertare se la condotta successivamente posta in essere dal predetto a sostegno degli interessi dell'associazione che gli ha promesso o procurato i voti assuma i caratteri della partecipazione ovvero del concorso esterno all'associazione medesima, configurandosi, oltre il reato sopra indicato, anche quello di cui all'art. 416-bis cod. pen. Riferimenti normativi: Cod. Pen. art. 416 bis CORTE, Cod. Pen. art. 416 ter Massime precedenti Vedi: N del 2000 Rv , N del 2003 Rv , N del 2003 Rv , N del 2004 Rv , N del 2004 Rv , N del 2004 Rv Massime precedenti Vedi Sezioni Unite: N del 2005 Rv Annotata Sez. 2, Sentenza n del 20/04/2012 Cc. (dep. 16/05/2012 ) Rv Presidente: Esposito A. Estensore: Rago G. Relatore: Rago G. Imputato: Giglio. P.M. Volpe G. (Conf.) (Rigetta, Trib. lib. Milano, 28/12/2011) DELINQUERE - IN GENERE - Associazione di tipo mafioso - Partecipazione e concorso esterno - Presupposti - Fattispecie: cosiddetta borghesia mafiosa

3 Nei rapporti tra partecipazione ad associazione mafiosa e mero concorso esterno, la differenza tra il soggetto "intraneus" ed il concorrente esterno risiede nel fatto che quest'ultimo, sotto il profilo oggettivo, non è inserito nella struttura criminale, pur fornendo ad essa un contributo causalmente rilevante ai fini della conservazione o del rafforzamento dell'associazione, e, sotto il profilo soggettivo, è privo della "affectio societatis", mentre il partecipe "intraneus" è animato dalla coscienza e volontà di contribuire attivamente alla realizzazione dell'accordo, e quindi del programma delittuoso, in modo stabile e permanente. (La S.C. ha precisato che anche il contributo degli appartenenti alla c.d. "borghesia mafiosa" può integrare gli estremi della vera e propria partecipazione all'associazione mafiosa, e non del mero concorso esterno). Massime precedenti Vedi Sezioni Unite: N. 16 del 1994 Rv , N del 2003 Rv , N del 2005 Rv , N del 2005 Rv , N del 2005 Rv Sez. 6, Sentenza n del 27/11/2012 Ud. (dep. 20/12/2012 ) Rv Presidente: De Roberto G. Estensore: Paterno' Raddusa B. Relatore: Paterno' Raddusa B. Imputato: Trapani. P.M. Montagna A. (Parz. Diff.) (Rigetta, App. Palermo, 25/10/2011) DELINQUERE - IN GENERE - Associazione di tipo mafioso - Partecipazione e concorso esterno - Presupposti - Fattispecie: cosiddetta borghesia mafiosa. Nei rapporti tra partecipazione ad associazione mafiosa e mero concorso esterno, la differenza tra il soggetto "intraneus" ed il concorrente esterno risiede nel fatto che quest'ultimo, sotto il profilo oggettivo, non è inserito nella struttura criminale, pur fornendo ad essa un contributo causalmente rilevante ai fini della conservazione o del rafforzamento dell'associazione, e, sotto il profilo soggettivo, è privo della "affectio societatis", laddove il partecipe "intraneus" è animato dalla coscienza e volontà di contribuire attivamente alla realizzazione dell'accordo e del programma delittuoso in modo stabile e permanente. Massime precedenti Conformi: N del 2012 Rv Massime precedenti Vedi: N del 2000 Rv

4 Massime precedenti Vedi Sezioni Unite: N del 2000 Rv , N del 2002 Rv , N del 2005 Rv Sez. 6, Sentenza n del 13/04/2012 Cc. (dep. 11/05/2012 ) Rv Presidente: Di Virginio A. Estensore: Serpico F. Relatore: Serpico F. Imputato: Diana e altro. P.M. Scardaccione EV. (Diff.) (Annulla con rinvio, Trib. lib. Napoli, 27/12/2011) DELINQUERE - IN GENERE - Scambio elettorale politico - Mafioso - Elementi costitutivi - Differenza con gli illeciti previsti dagli artt. 96 e 97 T.U. delle leggi elettorali - Indicazione. Per la configurabilità del reato di cui all'art. 416 ter cod. pen. non basta l'elargizione di denaro, in cambio dell'appoggio elettorale, ad un soggetto aderente a consorteria di tipo mafioso, ma occorre anche che quest'ultimo faccia ricorso all'intimidazione ovvero alla prevaricazione mafiosa, con le modalità precisate nel terzo comma dell'art. 416 bis cod. pen. (cui l'art. 416 ter fa esplicito richiamo), per impedire ovvero ostacolare il libero esercizio del voto e per falsare il risultato elettorale, elementi, questi ultimi, da ritenersi determinanti ai fini della distinzione tra la figura di reato in questione ed i similari illeciti di cui agli artt. 96 e 97 T.U. delle leggi elettorali approvato con d.p.r. 30 marzo 1957, n Riferimenti normativi: Cod. Pen. art. 416 bis CORTE, Cod. Pen. art. 416 ter, DPR 30/03/1957 num. 361 art. 96, DPR 30/03/1957 num. 361 art. 97 Massime precedenti Conformi: N del 2003 Rv Massime precedenti Vedi: N del 2011 Rv , N del 2011 Rv Sez. 1, Sentenza n del 09/01/2013 Cc. (dep. 21/02/2013 ) Rv Presidente: Siotto MC. Estensore: Cavallo A. Relatore: Cavallo A. Imputato: Ferraro. P.M. Fraticelli M. (Conf.) (Annulla in parte con rinvio, Trib. lib. Napoli, 07/06/2012) DELINQUERE - IN GENERE - Associazione a delinquere di stampo mafioso - Concorso esterno da parte di un esponente politico - Configurabilità - Condizioni

5 Integra la fattispecie di concorso esterno in associazione mafiosa la promessa di un esponente politico di favorire, in cambio del sostegno elettorale, il sodalizio nei futuri rapporti con la pubblica amministrazione. Massime precedenti Conformi: N del 2004 Rv , N del 2012 Rv Massime precedenti Vedi: N del 2009 Rv , N del 2011 Rv Massime precedenti Vedi Sezioni Unite: N del 2005 Rv Sez. 6, Sentenza n del 07/02/2013 Ud. (dep. 03/05/2013 ) Rv Presidente: De Roberto G. Estensore: Carcano D. Relatore: Carcano D. Imputato: P.G. in proc. Stanganelli e altri. P.M. Montagna A. (Parz. Diff.) (Rigetta, App. Reggio Calabria, 14/07/2011) DELINQUERE - IN GENERE - Associazione di tipo mafioso - Concorso esterno - Mediazione tra cosca e mondo politico ai fini dello scambio tra voti e futuri favori - Reato - Configurabilità - Condizioni. Integra la fattispecie di concorso esterno in associazione di tipo mafioso la condotta di chi, anche avvalendosi della collaborazione di altre persone, pone in essere un'attività di avvicinamento al mondo politico-istituzionale in un'ottica di vantaggio per la cosca di riferimento, offrendo appoggio elettorale attraverso la creazione di circoli di partito in aree di dominio della consorteria, con il manifesto interesse di ottenere mitigazioni del regime carcerario e cariche onorifiche in favore di esponenti della stessa, così da contribuire ad accrescerne l'egemonia rispetto ad un sodalizio rivale operante sul medesimo territorio. Massime precedenti Vedi: N del 2012 Rv , N del 2012 Rv Sez. 5, Sentenza n del 22/01/2013 Ud. (dep. 28/05/2013 ) Rv Presidente: Ferrua G. Estensore: Guardiano A. Relatore: Guardiano A. Imputato: Alagna e altri. P.M. Aniello R. (Parz. Diff.) - 5 -

6 (Rigetta, App. Palermo, 16/07/2011) DELINQUERE - IN GENERE - Scambio elettorale politico mafioso - Punibilità espressa del promissario e non del promittente di voti - Concorso di quest'ultimo - Configurabilità. Concorre nel delitto di scambio elettorale politico-mafioso, di cui all'art. 416 ter cod. pen. ed è sanzionato ex art. 110 cod. pen. il soggetto che, in cambio della erogazione di denaro o di ogni altro bene traducibile in un valore di scambio immediatamente qualificabile in termini economici, prometta ad un candidato, in occasione di consultazioni elettorali, di procurare voti in suo favore, attraverso la forza di intimidazione del vincolo associativo tipico delle organizzazioni a delinquere di stampo mafioso e della condizione di assoggettamento e di omertà che ne deriva, di cui all'art. 416 bis cod. pen., Cod. Pen. art. 416 ter Massime precedenti Vedi: N del 2011 Rv , N del 2012 Rv , N del 2013 Rv Sez. 2, Sentenza n del 30/04/2013 Ud. (dep. 28/05/2013 ) Rv Presidente: Esposito A. Estensore: Macchia A. Relatore: Macchia A. Imputato: Gioffre' e altri. P.M. Mazzotta G. (Conf.) (Rigetta, App. Reggio Calabria, 03/04/2012) DELINQUERE - IN GENERE - Associazione di tipo mafioso - Controllo di elezioni amministrative - Configurabilità. Integra la fattispecie delittuosa prevista dall'art. 416 bis cod. pen. la condotta di coloro che, attraverso la carica intimidatoria indotta dalla "presenza" e dallo specifico "interesse" manifestato dal sodalizio mafioso sul territorio locale, condizionino e manipolino una tornata elettorale amministrativa al fine di creare le premesse per inserire uomini del sodalizio in seno all'amministrazione locale, non occorrendo che le pressioni sugli elettori assumano connotati di eclatante violenza o minaccia. Riferimenti normativi: Cod. Pen. art. 416 bis CORTE Massime precedenti Vedi: N del 1992 Rv , N del 2000 Rv , N del 2011 Rv , N del 2013 Rv

7 Sez. 6, Sentenza n del 05/12/2013 Ud. (dep. 10/12/2013 ) Rv Presidente: Conti G. Estensore: Aprile E. Relatore: Aprile E. Imputato: Billizzi e altri. P.M. Iacoviello FM. (Diff.) (Annulla in parte con rinvio, App. Caltanissetta, 26/07/2012) DELINQUERE - IN GENERE - Associazione di tipo mafioso - Concorso "esterno" - Configurabilità - Presupposti - Efficienza causale del contributo del concorrente - Necessità - Fattispecie. In tema di associazione di tipo mafioso, assume il ruolo di concorrente "esterno" colui che, pur non inserito stabilmente nella struttura organizzativa del sodalizio, fornisce tuttavia un concreto, specifico, consapevole e volontario contributo, di natura materiale o morale, sempre che questo esplichi una effettiva rilevanza causale nella conservazione o nel rafforzamento delle capacità operative dell'associazione, e sia diretto alla realizzazione, anche parziale, del programma criminoso della medesima. (Fattispecie relativa a soggetto dedito, in modo non occasionale né episodico, a far da tramite tra diversi appartenenti a "cosa nostra" ed altri associati, tra cui i familiari di un soggetto in posizione apicale). Massime precedenti Conformi: N. 542 del 2008 Rv , N del 2008 Rv , N del 2009 Rv Massime precedenti Vedi: N del 2012 Rv , N del 2012 Rv Massime precedenti Conformi Sezioni Unite: N del 2005 Rv Sez. 1, Sentenza n del 24/04/2012 Cc. (dep. 11/07/2012 ) Rv Presidente: Bardovagni P. Estensore: Capozzi R. Relatore: Capozzi R. Imputato: Macri'. P.M. Fraticelli M. (Diff.) (Annulla con rinvio, Trib. lib. Torino, 21 giugno 2011) DELINQUERE - IN GENERE - Reato ex art. 96 del d.p.r. n. 361 del 1957 e reato ex art. 416 ter cod. pen. - Differenze. Il reato di corruzione elettorale ed il delitto di scambio elettorale politico - mafioso differiscono tra loro in quanto nel primo di essi viene punito il candidato che, per ottenere il voto, offre, promette o somministri danaro, valori ovvero qualsiasi altra utilità, mentre nel - 7 -

8 secondo la promessa di voti viene fatta, in cambio di erogazione di denaro, da un aderente ad associazione mafiosa mediante l'assicurazione dell'intervento di membri della medesima, sì che in esso è tipico il ricorso alla forza d'intimidazione derivante dal vincolo associativo mafioso. Riferimenti normativi: Cod. Pen. art. 416 ter, DPR 30/03/1957 num. 361 art. 96 Massime precedenti Vedi: N del 2003 Rv , N del 2012 Rv

Rel. n. III/06/2014 Roma, 24 aprile 2014

Rel. n. III/06/2014 Roma, 24 aprile 2014 Rel. n. III/06/2014 Roma, 24 aprile 2014 Novità legislative: L. 17 aprile 2014, n. 62, Modifica dell art. 416-ter del codice penale, in materia di scambio elettorale politico-mafioso. Rif. Norm.: cod.

Dettagli

Chiunque pubblicamente istiga a commettere uno o più reati è punito, per il solo fatto dell'istigazione:

Chiunque pubblicamente istiga a commettere uno o più reati è punito, per il solo fatto dell'istigazione: Titolo V - Dei delitti contro l'ordine pubblico Art. 414. Istigazione a delinquere. Chiunque pubblicamente istiga a commettere uno o più reati è punito, per il solo fatto dell'istigazione: 1. con la reclusione

Dettagli

PARTE SPECIALE Sezione III

PARTE SPECIALE Sezione III PARTE SPECIALE Sezione III -Reati di criminalità organizzata -Reati di ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita -Induzione a rendere dichiarazioni mendaci all

Dettagli

Codice Penale. 270- bis. Associazioni con finalità di terrorismo anche internazionale o di eversione dell'ordine democratico (1).

Codice Penale. 270- bis. Associazioni con finalità di terrorismo anche internazionale o di eversione dell'ordine democratico (1). Codice Penale 270- bis. Associazioni con finalità di terrorismo anche internazionale o di eversione dell'ordine democratico (1). Chiunque promuove, costituisce, organizza, dirige o finanzia associazioni

Dettagli

REATO DI RICICLAGGIO E FATTISPECIE CRIMINOSE DI CARATTERE TRANSNAZIONALE

REATO DI RICICLAGGIO E FATTISPECIE CRIMINOSE DI CARATTERE TRANSNAZIONALE FAMIGLIA DI REATI REATO DI RICICLAGGIO E FATTISPECIE CRIMINOSE DI CARATTERE TRANSNAZIONALE NORMATIVA CHE LI HA INTRODOTTI L art. 10 della Legge 16 marzo 2006, n. 146 - "ratifica ed esecuzione della Convenzione

Dettagli

INDICE SOMMARIO CAPITOLO II L AMBITO DI OPERATIVITÀ DELLA NORMA

INDICE SOMMARIO CAPITOLO II L AMBITO DI OPERATIVITÀ DELLA NORMA INDICE SOMMARIO Prefazione alla terza edizione............................. Prefazione alla seconda edizione........................... Prefazione alla prima edizione............................ V VII

Dettagli

Svolgimento del processo e motivi della decisione

Svolgimento del processo e motivi della decisione Cassazione Sezione seconda penale sentenza 20 settembre 9 novembre 2007, n. 41499 Presidente Rizzo Relatore Tavassi Pm Passacantando c onforme Ricorrente Pubblico Ministero presso il Tribunale della Libertà

Dettagli

, REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE PRIMA SEZIONE PENALE SENTENZA

, REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE PRIMA SEZIONE PENALE SENTENZA , REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE PRIMA SEZIONE PENALE 1306 2/ 15 Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. ARTURO CORTESE Dott. LUIGI PIETRO CAIAZZO

Dettagli

Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Roma Scuola Forense V.E. Orlando. Parere di diritto penale 9.6.2012 Avv. Margherita Saccà

Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Roma Scuola Forense V.E. Orlando. Parere di diritto penale 9.6.2012 Avv. Margherita Saccà Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Roma Scuola Forense V.E. Orlando Parere di diritto penale 9.6.2012 Avv. Margherita Saccà Il Concorso esterno in associazione a delinquere di stampo mafioso (artt..

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITA DI PROVENIENZA ILLECITA Adozione con delibera Consiglio

Dettagli

Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita

Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ADOTTATO DA COMAG s.r.l.

Dettagli

CORSO DI MAGISTRATURA. Le lezioni di Roberto GAROFOLI

CORSO DI MAGISTRATURA. Le lezioni di Roberto GAROFOLI CORSO DI MAGISTRATURA Le lezioni di Roberto GAROFOLI Roberto GAROFOLI DIRITTO PENALE Parte generale e speciale Volume quinto SOMMARIO PARTE II IL REATO CAPITOLO VI LE CIRCOSTANZE DEL REATO 751 1. Le circostanze

Dettagli

La responsabilità del professionista nei reati tributari

La responsabilità del professionista nei reati tributari La responsabilità del professionista nei reati tributari 1) possibilità di concorso. Esclusione di uno sbarramento ad opera dell art. 9 D. Lvo 74/2000 1 Sul punto si veda Cas. Sez. III I ottobre 2010 n.

Dettagli

Capitolo Quarto I delitti contro l ordine pubblico

Capitolo Quarto I delitti contro l ordine pubblico Capitolo Quarto I delitti contro l ordine pubblico Sommario: 1. Generalità: Il concetto di ordine pubblico. - 2. Associazione per delinquere (artt. 416 e 417 c.p.). - 3. Figure speciali di associazioni

Dettagli

Emissione di fatture false

Emissione di fatture false Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 88 24.03.2014 Emissione di fatture false Il commercialista risponde del reato assieme al cliente, se lo ha istigato Categoria: Contenzioso Sottocategoria:

Dettagli

Cassazione Penale Sez. II, 27 febbraio 2013 n. 9220 - Pres. Petti, Est. Gentile RITENUTO IN FATTO

Cassazione Penale Sez. II, 27 febbraio 2013 n. 9220 - Pres. Petti, Est. Gentile RITENUTO IN FATTO DETENZIONE PER FINI DI COMMERCIALIZZAZIONE DI SUPPORTI AUDIOVISIVI ABUSIVAMENTE RIPRODOTTI E RICETTAZIONE: LA LEX MITIOR SI APPLICA ANCHE SE SUCCESSIVAMENTE VIENE MODIFICATA IN SENSO PEGGIORATIVO Cassazione

Dettagli

ATTI DI P.G. ISPEZIONE ART. 103 D.P.R. 9.10.1990 n. 309

ATTI DI P.G. ISPEZIONE ART. 103 D.P.R. 9.10.1990 n. 309 ISPEZIONI PERSONALI IN MATERIA DI STUPEFACENTI Norme di riferimento Art. 103 D.P.R. 309/90 Organo procedente Documentazione Garanzie di difesa Utilizzabilità Ufficiali di p.g. Delle operazioni è redatto

Dettagli

- PARTE SPECIALE D- I REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITA DI PROVENIENZA ILLECITA

- PARTE SPECIALE D- I REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITA DI PROVENIENZA ILLECITA 75 - PARTE SPECIALE D- I REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITA DI PROVENIENZA ILLECITA 75 76 D.1. I reati di cui all art. 25 octies del D. Lgs. n. 231/2001. Esemplificazione

Dettagli

Parte Speciale G: I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Codice documento:

Parte Speciale G: I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Codice documento: Parte Speciale G: I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Codice documento: MOG 231 - PSG COPIA CONTROLLATA N 1 REV. BREVE DESCRIZIONE

Dettagli

CONCORSO DI PERSONE NEL REATO E APPORTO DI MINIMA IMPORTANZA: APPLICAZIONI Riccardo MAZZON

CONCORSO DI PERSONE NEL REATO E APPORTO DI MINIMA IMPORTANZA: APPLICAZIONI Riccardo MAZZON CONCORSO DI PERSONE NEL REATO E APPORTO DI MINIMA IMPORTANZA: APPLICAZIONI Riccardo MAZZON P&D.IT Tipica figura deliquenziale, che la giurisprudenza considera incompatiblile con l'apporto di minima importanza,

Dettagli

CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE UFFICIO DEL MASSIMARIO E DEL RUOLO

CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE UFFICIO DEL MASSIMARIO E DEL RUOLO CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE UFFICIO DEL MASSIMARIO E DEL RUOLO Segnalazione di contrasto Rel. n. 123 Roma, 21 giugno 2012 Oggetto: TRIBUTI (IN GENERALE) - DISCIPLINA DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE (RIFORMA

Dettagli

CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE UFFICIO DEL MASSIMARIO E DEL RUOLO

CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE UFFICIO DEL MASSIMARIO E DEL RUOLO CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE UFFICIO DEL MASSIMARIO E DEL RUOLO Informazione di risoluzione di contrasto Rel. n. 7 Roma, 20 gennaio 2012 Oggetto: TRIBUTI ERARIALI DIRETTI - IN GENERE (TRIBUTI POSTERIORI

Dettagli

PARTE SPECIALE I DELITTI DI CRIMINALITA ORGANIZZATA

PARTE SPECIALE I DELITTI DI CRIMINALITA ORGANIZZATA PARTE SPECIALE I DELITTI DI CRIMINALITA ORGANIZZATA Energeko Gas Italia S.r.l. Versione 01 - Aggiornamento 01/2013 1 Sommario PARTE SPECIALE I DELITTI DI CRIMINALITA ORGANIZZATA... 1 1. I DELITTI DI CRIMINALITA

Dettagli

REATO DI RICICLAGGIO E FATTISPECIE CRIMINOSE DI CARATTERE TRANSNAZIONALE

REATO DI RICICLAGGIO E FATTISPECIE CRIMINOSE DI CARATTERE TRANSNAZIONALE FAMIGLIA DI REATI REATO DI RICICLAGGIO E FATTISPECIE CRIMINOSE DI CARATTERE TRANSNAZIONALE NORMATIVA CHE LI HA INTRODOTTI L art. 10 della Legge 16 marzo 2006, n. 146 - "ratifica ed esecuzione della Convenzione

Dettagli

Cassazione: chi usa Youtube per ricattare qualcuno commette un duplice reato

Cassazione: chi usa Youtube per ricattare qualcuno commette un duplice reato Cassazione: chi usa Youtube per ricattare qualcuno commette un duplice reato Oltre alla violenza privata, in seguito alla pubblicazione del video scatta anche la violazione della privacy di Marina Crisafi

Dettagli

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze N. 45 26.06.2014 Commercialisti. Concorso nella frode fiscale Categoria: Professionisti Sottocategoria: Commercialisti Rischia una condanna per

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA PENALE SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA PENALE SENTENZA Cass. Pen., sez.iii, 21.06.07, n.24468 Rifiuti - Sentenze - Fertilizzanti non conformi alla legge - Differenza con disciplina dei rifiuti. La produzione di fertilizzanti, in particolare di ammendante compostato

Dettagli

Carattere pedopornografico per le fotografie che ritraggono minorenni nudi a cura di Guglielmo Starace

Carattere pedopornografico per le fotografie che ritraggono minorenni nudi a cura di Guglielmo Starace Carattere pedopornografico per le fotografie che ritraggono minorenni nudi a cura di Guglielmo Starace (Cassazione, terza sezione penale, sentenza del 19 luglio 2011, depositata il 2 agosto 2011, n. 30564).

Dettagli

REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO

REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del D.lgs 8 giugno 2001 n. 231 Parte Speciale E REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO di Fujitsu Technology Solutions S.p.A. Vers.

Dettagli

CAPITOLO 1. Legge 15 Dicembre 2014 n. 186

CAPITOLO 1. Legge 15 Dicembre 2014 n. 186 CAPITOLO 1 Legge 15 Dicembre 2014 n. 186 Art 3. Modifica al codice penale in materia di riciclaggio 1. All Art. 648 bis, primo comma, del codice penale, che disciplina il diritto di riciclaggio le parole

Dettagli

Sommario. I. Il reato di riciclaggio e le misure antiriciclaggio pag. 9

Sommario. I. Il reato di riciclaggio e le misure antiriciclaggio pag. 9 I. Il reato di riciclaggio e le misure antiriciclaggio pag. 9 1. Le norme antiriciclaggio previste dal decreto legislativo n. 231 del 21 novembre 2007: applicabilità al nuovo reato di autoriciclaggio pag.

Dettagli

Parte Speciale R : Il reato di autoriciclaggio

Parte Speciale R : Il reato di autoriciclaggio Parte Speciale R : Il reato di autoriciclaggio MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ADOTTATO DA EMAK S.p.A. REV. BREVE DESCRIZIONE E COMMENTO DATA 0 EMISSIONE 7/08/2015 1 2 3 4 5 Tutti i cambiamenti

Dettagli

UNA PROSPETTIVA DE IURE CONDENDO DALL ART. 416-TER C.P. ALL ART. 416-QUATER C.P.

UNA PROSPETTIVA DE IURE CONDENDO DALL ART. 416-TER C.P. ALL ART. 416-QUATER C.P. UNA PROSPETTIVA DE IURE CONDENDO DALL ART. 416-TER C.P. ALL ART. 416-QUATER C.P. 1. Premesse 2. Sull art. 416-ter c.p. 3. Sull art. 416-quater c.p. 1. Premesse Nelle more dell approvazione delle tanto

Dettagli

Cass. pen. Sez. II, Sent., (ud. 16-12-2010) 21-02-2011, n. 6462

Cass. pen. Sez. II, Sent., (ud. 16-12-2010) 21-02-2011, n. 6462 Cass. pen. Sez. II, Sent., (ud. 16-12-2010) 21-02-2011, n. 6462 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SECONDA PENALE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dettagli

L AUTORICICLAGGIO. A cura dell' Avv. Michele Cardenà 1

L AUTORICICLAGGIO. A cura dell' Avv. Michele Cardenà 1 L AUTORICICLAGGIO 1 INDICE Legge15 dicembre 2014, n. 186 3 Schema comparativo norme c.p. 5 Reato di autoriciclaggio: evoluzione storica 6 Freno all interpretazione generalizzata 7 Introduzione in Italia

Dettagli

Osservatorio sulla Corte di cassazione

Osservatorio sulla Corte di cassazione Osservatorio sulla Corte di cassazione Pedopornografia La decisione Detenzione di file a contenuto pedopornografico Detenzione di materiale incompleto, illeggibile o inutilizzabile dall utente Insussistenza

Dettagli

Gara, con procedura aperta, servizio di gestione Elisuperficie S.Maria Goretti di Latina CIG 5811731822

Gara, con procedura aperta, servizio di gestione Elisuperficie S.Maria Goretti di Latina CIG 5811731822 SCHEMA di DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA Gara, con procedura aperta, servizio di gestione Elisuperficie S.Maria Goretti di Latina CIG 5811731822 Il sottoscritto nato il a... in qualità di. (eventualmente giusta

Dettagli

Fiscal News N. 90. Il reato di omessa dichiarazione. La circolare di aggiornamento professionale 25.03.2014

Fiscal News N. 90. Il reato di omessa dichiarazione. La circolare di aggiornamento professionale 25.03.2014 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 90 25.03.2014 Il reato di omessa dichiarazione Dal 18 settembre 2011 soglia di punibilità più bassa Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Reati

Dettagli

IITALIAN PENAL CODE. Per il solo fatto di partecipare all'associazione [c.p. 115], la pena è della reclusione da uno a cinque anni [c.p. 29, 32] (3).

IITALIAN PENAL CODE. Per il solo fatto di partecipare all'associazione [c.p. 115], la pena è della reclusione da uno a cinque anni [c.p. 29, 32] (3). IITALIAN PENAL CODE Art. 416 Codice Penale. Associazione per delinquere. 416. Associazione per delinquere (1). Quando tre o più persone si associano allo scopo di commettere più delitti [c.p. 576, n. 4],

Dettagli

REATI SOCIETARI ALLEGATO 3

REATI SOCIETARI ALLEGATO 3 ALLEGATO 3 REATI SOCIETARI 1. False comunicazioni sociali Art. 2621 c.c. Salvo quanto previsto dall articolo 2622, gli amministratori, i direttori generali, i dirigenti preposti alla redazione dei documenti

Dettagli

QUANDO LA VIOLAZIONE DELLA NORMATIVA FISCALE HA RIFLESSI DI NATURA PENALE

QUANDO LA VIOLAZIONE DELLA NORMATIVA FISCALE HA RIFLESSI DI NATURA PENALE QUANDO LA VIOLAZIONE DELLA FISCALE HA RIFLESSI DI NATURA PENALE di Teodoro Lateana Nell attuale sistema normativo, tra le fattispecie di reato aventi natura delittuosa (azioni volontarie che producono

Dettagli

TRIBUNALE DI CALTANISSETTA SEZIONE MISURE DI PREVENZIONE

TRIBUNALE DI CALTANISSETTA SEZIONE MISURE DI PREVENZIONE TRIBUNALE DI CALTANISSETTA SEZIONE MISURE DI PREVENZIONE Il Tribunale di Caltanissetta, Sezione per l applicazione delle misure di prevenzione nei confronti delle persone socialmente pericolose, composto

Dettagli

L'ATTO DI DISPOSIZIONE DELLA CD. QUOTINA ALLA LUCE DELLA SENTENZA DELLA CORTE DI CASSAZIONE S.U. N. 5068/2016

L'ATTO DI DISPOSIZIONE DELLA CD. QUOTINA ALLA LUCE DELLA SENTENZA DELLA CORTE DI CASSAZIONE S.U. N. 5068/2016 SCUOLA DI NOTARIATO DI CATANIA JACOPO DA LENTINI * * * * * CORSO DI SPECIALIZZAZIONE DI DIRITTO DELLE SUCCESSIONE 2015/2016 * * * * * L'ATTO DI DISPOSIZIONE DELLA CD. QUOTINA ALLA LUCE DELLA SENTENZA DELLA

Dettagli

MODIFICHE AL CODICE PENALE IN MATERIA DI AUTORICICLAGGIO

MODIFICHE AL CODICE PENALE IN MATERIA DI AUTORICICLAGGIO MODIFICHE AL CODICE PENALE IN MATERIA DI AUTORICICLAGGIO Nella Gazzetta Ufficiale n. 292 del 17 dicembre 2014 è stata pubblicata la legge 15 dicembre 2014, n. 186 recante "Disposizioni in materia di emersione

Dettagli

Gazzetta Ufficiale N. 144 del 23 Giugno 2010

Gazzetta Ufficiale N. 144 del 23 Giugno 2010 PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Gazzetta Ufficiale N. 144 del 23 Giugno 2010 CIRCOLARE 28 aprile 2010, n. 5 Articolo 55-quinquies del decreto legislativo n. 165 del 2001 (introdotto dal decreto legislativo

Dettagli

si riferisce a soggetti diversi da quelli effettivi, determina il realizzarsi di un' ipotesi di

si riferisce a soggetti diversi da quelli effettivi, determina il realizzarsi di un' ipotesi di LE OPERAZIONI SOGGETTIVAMENTE INESISTENTI L'intestazione fittizia della fattura o del documento, tale da far apparire che l'operazione si riferisce a soggetti diversi da quelli effettivi, determina il

Dettagli

IL SISTEMA GIURIDICO ITALIANO

IL SISTEMA GIURIDICO ITALIANO Studio Legale Associato Tosello & Partners Modello D.Lgs. 231/01 integrato con l art. 30 D.Lgs. 81/08 La responsabilità degli amministratori per mancata adozione del Modello 231 secondo la giurisprudenza

Dettagli

Concorso esterno in associazione mafiosa: custodia cautelare non obbligatoria Corte Costituzionale, sentenza 26.03.2015 n. 48 (Simone Marani)

Concorso esterno in associazione mafiosa: custodia cautelare non obbligatoria Corte Costituzionale, sentenza 26.03.2015 n. 48 (Simone Marani) Concorso esterno in associazione mafiosa: custodia cautelare non obbligatoria Corte Costituzionale, sentenza 26.03.2015 n. 48 (Simone Marani) E' costituzionalmente illegittimo l'art. 275, comma 3, secondo

Dettagli

SECURITY MANAGERIALE E RICONOSCIMENTO DELL INFORTUNIO PROFESSIONALE PATRONATO ANMIL ROMA- CONSULENTE CENTRALE AVV.

SECURITY MANAGERIALE E RICONOSCIMENTO DELL INFORTUNIO PROFESSIONALE PATRONATO ANMIL ROMA- CONSULENTE CENTRALE AVV. SECURITY MANAGERIALE E RICONOSCIMENTO DELL INFORTUNIO PROFESSIONALE PATRONATO ANMIL ROMA- CONSULENTE CENTRALE AVV.MAURO DALLA CHIESA TENTATO OMICIDIO A SCOPO DI RAPINA VITTIMA AGGRESSORE direttore punto

Dettagli

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE QUINTA PENALE. Presidente Ferrua Relatore Demarchi Albengo

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE QUINTA PENALE. Presidente Ferrua Relatore Demarchi Albengo Cassazione Penale, Sez. V, 17 gennaio 2012, n. 1843 LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE QUINTA PENALE Presidente Ferrua Relatore Demarchi Albengo RITENUTO IN FATTO M.C. propone ricorso per cassazione

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE SENTENZA 03 02 2014 N 2261

CORTE DI CASSAZIONE SENTENZA 03 02 2014 N 2261 CORTE DI CASSAZIONE SENTENZA 03 02 2014 N 2261 Imposta di registro acquisto prima casa acquisto avvenuto a seguito di sentenza sostitutiva di contratto non concluso ex art. 2932 C.C. agevolazioni richiesta

Dettagli

Con una pronuncia resa dalla sezione lavoro il 25 ottobre 2011, la Corte di Cassazione

Con una pronuncia resa dalla sezione lavoro il 25 ottobre 2011, la Corte di Cassazione LICENZIAMENTO PER GIUSTA CAUSA, CODICE DISCIPLINARE AZIENDALE E GRADUAZIONE DELLA SANZIONE, nota a Cass. sez. lavoro n. 22129 del 25 ottobre 2011 di MATTEO BARIZZA Con una pronuncia resa dalla sezione

Dettagli

Infortunio: le condizioni per la rendita ai superstiti - Sent. Cass. n. 18914/2014

Infortunio: le condizioni per la rendita ai superstiti - Sent. Cass. n. 18914/2014 Infortunio: le condizioni per la rendita ai superstiti - Sent. Cass. n. 18914/2014 Organo: CASSAZIONE CIVILE - SEZIONE VI LAVORO Numero atto: SENTENZA N. 18914 DEL 9 SETTEMBRE 2014 Sintesi : Il diritto

Dettagli

PARTE SPECIALE I DELITTI DI CRIMINALITÀ ORGANIZZATA. Approvazione AD Alessandro Fiocco

PARTE SPECIALE I DELITTI DI CRIMINALITÀ ORGANIZZATA. Approvazione AD Alessandro Fiocco PARTE SPECIALE I DELITTI DI CRIMINALITÀ ORGANIZZATA Approvazione AD Alessandro Fiocco INDICE PARTE SPECIALE I DEFINIZIONI I.1 DELITTI DI CRIMINALITA' ORGANIZZATA (art. 24-ter del Decreto) 3 3 I.2 AREE

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SEZIONE TRIBUTARIA CIVILE SENTENZA. SOCIETA' COOPERATIVA LATTERIE VICENTINE in persona

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SEZIONE TRIBUTARIA CIVILE SENTENZA. SOCIETA' COOPERATIVA LATTERIE VICENTINE in persona 1 3 740 ih REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TRIBUTARIA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Oggetto *TRIBUTI R.G.N. 10645/2013 cron.,,(3.4

Dettagli

SCRITTI ESAME AVVOCATO 2015 di Roberto Garofoli

SCRITTI ESAME AVVOCATO 2015 di Roberto Garofoli SCRITTI ESAME AVVOCATO 2015 di Roberto Garofoli Fabio BASILE PARERI DI SOMMARIO QUESTIONE I Concorso c.d. anomalo di persone (art. 116 c.p.) 1 QUESTIONE II Causalità e colpa nelle malattie da esposizione

Dettagli

RELAZIONE (APPUNTI DI LAVORO) LE CONTESTAZIONI A CATENA

RELAZIONE (APPUNTI DI LAVORO) LE CONTESTAZIONI A CATENA RELAZIONE (APPUNTI DI LAVORO) (art. 297 comma 3 c.p.p.) LE CONTESTAZIONI A CATENA INTRODUZIONE Il fenomeno della cd. contestazione a catena - che il legislatore ha inteso disciplinare al fine di evitarne

Dettagli

Circolare informativa: settore consulenza aziendale - tributaria

Circolare informativa: settore consulenza aziendale - tributaria Bosin & Maas & Stocker Wirtschaftsberatung Steuerrecht Arbeitsrecht Revisoren dottori commercialisti consulenti del lavoro revisori dr. F. J. S c h ö n w e g e r dr. M a n f r e d B o s i n dr. G o t t

Dettagli

A proposito delle Tigri Tamil: precisazioni penalistiche

A proposito delle Tigri Tamil: precisazioni penalistiche Reati contro la Personalità dello Stato La decisione A proposito delle Tigri Tamil: precisazioni penalistiche Iolanda D Alessandro Associazione con finalità di terrorismo o di eversione dell ordine democratico

Dettagli

Fiscal News N. 76. Dichiarazione infedele: quando è reato? La circolare di aggiornamento professionale 14.03.2014

Fiscal News N. 76. Dichiarazione infedele: quando è reato? La circolare di aggiornamento professionale 14.03.2014 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 76 14.03.2014 Dichiarazione infedele: quando è reato? Senza la prova del dolo specifico, la condanna è illegittima Categoria: Contenzioso Sottocategoria:

Dettagli

APPENDICE. Articolo 24 decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231

APPENDICE. Articolo 24 decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231 APPENDICE Documento di sintesi Parte generale del Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo, ai sensi del D. Lgs. 231/2001, adottato da Sigma -Tau Finanziaria S.p.A. in data 17.7.2003 4^ versione

Dettagli

Antonio Vallebona L'INGIUSTIFICATEZZA QUALIFICATA DEL LICENZIAMENTO: FATTISPECIE E ONERI PROBATORI

Antonio Vallebona L'INGIUSTIFICATEZZA QUALIFICATA DEL LICENZIAMENTO: FATTISPECIE E ONERI PROBATORI Antonio Vallebona L'INGIUSTIFICATEZZA QUALIFICATA DEL LICENZIAMENTO: FATTISPECIE E ONERI PROBATORI SOMMARIO: 1. L' ingiustificatezza qualificata come via di accesso alla tutela reale. - 2. Le due ipotesi

Dettagli

LA REVISIONE DELLE SANZIONI PENALI TRIBUTARIE

LA REVISIONE DELLE SANZIONI PENALI TRIBUTARIE LA REVISIONE DELLE SANZIONI PENALI TRIBUTARIE LA REVISIONE DELLE SANZIONI PENALI TRIBUTARIE D.Lgs. n. 74/2000 Artt. da 1 a 14, D.Lgs. n. 158/2015 Con la pubblicazione sulla G.U. del Decreto attuativo della

Dettagli

MODELLO A.3 (CUP: H22I13000100004 - CIG:5898558C09) Il sottoscritto. Via n. codice fiscale in qualità di della Società/impresa con sede legale in

MODELLO A.3 (CUP: H22I13000100004 - CIG:5898558C09) Il sottoscritto. Via n. codice fiscale in qualità di della Società/impresa con sede legale in COMUNE DI CASTIGLIONE D ADDA PROVINCIA DI LODI Cap. 26823 via Roma, 130 Tel. 0377 900403 909021 Fax 0377 901493 Codice Fiscale 82502070152 Partita IVA 07862160152 Sito Internet: www.comune.castiglionedadda.lo.it

Dettagli

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015)

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) Il testo inserisce nel codice penale un nuovo titolo, dedicato ai delitti contro l'ambiente, all'interno del quale vengono

Dettagli

PANDORA LE ULTIMISSIME TRACCE

PANDORA LE ULTIMISSIME TRACCE Roberto GAROFOLI PANDORA LE ULTIMISSIME TRACCE PER IL CONCORSO IN MAGISTRATURA ULTIMISSIME TRACCE DI CIVILE, PENALE E AMMINISTRATIVO AD ALTA PROBABILITÀ CONCORSUALE 2014 SOMMARIO PARTE PRIMA CIVILE SEZIONE

Dettagli

STATUTO di DEMOCRAZIA in MOVIMENTO

STATUTO di DEMOCRAZIA in MOVIMENTO STATUTO di DEMOCRAZIA in MOVIMENTO Art. 1 - OGGETTO E COSTITUZIONE È costituita l'associazione Democrazia in Movimento (in breve DIM), libera associazione fra cittadini (di seguito anche Movimento ) avente

Dettagli

Il comma 7 7) I commi 9, 10 e 11 I commi 13, 14 e 15, Il comma 18

Il comma 7 7) I commi 9, 10 e 11 I commi 13, 14 e 15, Il comma 18 ALLEGATO 2 Innovazioni introdotte in materia di contrasto alla criminalità organizzata dall articolo 2 della legge 15 luglio 2009, n. 94, recante Disposizioni in materia di sicurezza pubblica, 1) Il comma

Dettagli

Preliminari di compravendita: occultarli è reato

Preliminari di compravendita: occultarli è reato Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze N. 08 07.02.2013 Preliminari di compravendita: occultarli è reato Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Reati tributari In tema di reati tributari,

Dettagli

L evasione dell IVA all importazione quale autonoma fattispecie di reato Tributo interno o diritto di confine?

L evasione dell IVA all importazione quale autonoma fattispecie di reato Tributo interno o diritto di confine? L evasione dell IVA all importazione quale autonoma fattispecie di reato Tributo interno o diritto di confine? di Michele Petito e Tommaso De Angelis 1 La giurisprudenza penale di legittimità ha spesso

Dettagli

SANZIONI AMMINISTRATIVE IN MATERIA DI DICHIARAZIONE DOGANALE L art. 303 TULD è la norma sanzionatoria applicata con più frequenza nell attività di

SANZIONI AMMINISTRATIVE IN MATERIA DI DICHIARAZIONE DOGANALE L art. 303 TULD è la norma sanzionatoria applicata con più frequenza nell attività di 1 SANZIONI AMMINISTRATIVE IN MATERIA DI DICHIARAZIONE DOGANALE L art. 303 TULD è la norma sanzionatoria applicata con più frequenza nell attività di controllo del settore doganale. Il nuovo testo è stato

Dettagli

fra questi in particolare sono da ricordare

fra questi in particolare sono da ricordare La responsabilità penale è quella in cui incorre un pubblico ufficiale o un incaricato di pubblico servizio che compia uno dei reati contro la pubblica amministrazione previsti dal codice penale, fra questi

Dettagli

IL DELITTO DI ILLECITA CONCORRENZA CON VIOLENZA O MINACCIA

IL DELITTO DI ILLECITA CONCORRENZA CON VIOLENZA O MINACCIA IL DELITTO DI ILLECITA CONCORRENZA CON VIOLENZA O MINACCIA Tale fattispecie è stata introdotta nel codice penale dalla legge 646/1982, contenente misure di prevenzione patrimoniale antimafia. Si tratta

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. L Num. 12332 Anno 2015 Presidente: ROSELLI FEDERICO Relatore: MANNA ANTONIO Data pubblicazione: 15/06/2015 SENTENZA sul ricorso 21120-2013 proposto da: - I.N.P.S. - ISTITUTO NAZIONALE

Dettagli

ACAM Ambiente S.p.A.

ACAM Ambiente S.p.A. ACAM Ambiente S.p.A. Modello di organizzazione e controllo ex D.Lgs. 231/2001 Reati di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Approvato con determinazione

Dettagli

Commento alla circolare n. 19867 di Confindustria di Giovanni Barbato 1

Commento alla circolare n. 19867 di Confindustria di Giovanni Barbato 1 L autoriciclaggio tra reati fiscali e responsabilità 231 Commento alla circolare n. 19867 di Confindustria di Giovanni Barbato 1 Con la definitiva criminalizzazione dell autoriciclaggio ad opera della

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA In nome del Popolo Italiano LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE QUINTA SEZIONE PENALE. - Presidente - - Relatore - SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA In nome del Popolo Italiano LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE QUINTA SEZIONE PENALE. - Presidente - - Relatore - SENTENZA 12204/14 REPUBBLICA ITALIANA In nome del Popolo Italiano LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE QUINTA SEZIONE PENALE Composta da Gennaro Marasca Antonio Bevere Paolo Oldi Antonio Settembre Luca Pistorelli - Presidente

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 LA VIOLENZA ENDO-FAMILIARE E LO STALKING

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 LA VIOLENZA ENDO-FAMILIARE E LO STALKING INDICE SOMMARIO Elenco delle principali abbreviazioni... XIX Capitolo 1 LA VIOLENZA ENDO-FAMILIARE E LO STALKING 1.1. Introduzione... 1 1.2. I pregiudizi... 2 1.3. La tutela.... 4 1.4. La mancanza di una

Dettagli

PARTE SPECIALE G REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO ED IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÁ DI PROVENIENZA ILLECITA

PARTE SPECIALE G REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO ED IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÁ DI PROVENIENZA ILLECITA PARTE SPECIALE G REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO ED IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÁ DI PROVENIENZA ILLECITA APPROVATA DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE NELLA SEDUTA DEL 22 GIUGNO 2009 INDICE PARTE

Dettagli

Dichiarazione sostitutiva resa dall impresa consorziata per la quale il Consorzio

Dichiarazione sostitutiva resa dall impresa consorziata per la quale il Consorzio MODELLO A2 Dichiarazione sostitutiva resa dall impresa consorziata per la quale il Consorzio dichiara di concorrere alla gara relativa a: APPALTO DELLA MANUTENZIONE ORDINARIA, STRAORDINARIA, SERVIZIO DI

Dettagli

LA TUTELA DEI MARCHI E DEI PRODOTTI NELLE FIERE DI SETTORE IN ITALIA E IN EUROPA

LA TUTELA DEI MARCHI E DEI PRODOTTI NELLE FIERE DI SETTORE IN ITALIA E IN EUROPA LA TUTELA DEI MARCHI E DEI PRODOTTI NELLE FIERE DI SETTORE IN ITALIA E IN EUROPA di Roberto Lupetti, avvocato - INNOVA & PARTNERS s.r.l. * * * LE IPOTESI PRINCIPALI DI CONTRAFFAZIONE IN FIERA - Copia/imitazione

Dettagli

Il benessere animale L ATTIVITA DI P.G. Dott.ssa Anna Maggio Comandante Corpo Polizia Provinciale di Verona

Il benessere animale L ATTIVITA DI P.G. Dott.ssa Anna Maggio Comandante Corpo Polizia Provinciale di Verona Il benessere animale L ATTIVITA DI P.G. Dott.ssa Anna Maggio Comandante Corpo Polizia Provinciale di Verona Legge 20 luglio 2004, n. 189 il legislatore ha sancito che gli animali debbono essere sempre

Dettagli

Cass. Sez. VI, Ord., 5 maggio 2015, n. 18647 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SESTA PENALE

Cass. Sez. VI, Ord., 5 maggio 2015, n. 18647 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SESTA PENALE Cass. Sez. VI, Ord., 5 maggio 2015, n. 18647 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SESTA PENALE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. MILO Nicola

Dettagli

GAROFOLI LE TRACCE DELL ANNO

GAROFOLI LE TRACCE DELL ANNO Roberto GAROFOLI LE TRACCE DELL ANNO 2015 PENALE CON GIURISPRUDENZA EDIZIONE COMPLETAMENTE NUOVA SOMMARIO SEZIONE I L IMPATTO DEL DIRITTO SOVRANAZIONALE SUL DIRITTO PENALE NAZIONALE 1. Il rango della CEDU

Dettagli

L impatto del Decreto Legislativo 231/01 sui sistemi informativi. Michele Crudele www.crudele.it 2011-04

L impatto del Decreto Legislativo 231/01 sui sistemi informativi. Michele Crudele www.crudele.it 2011-04 CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN INFORMATION SECURITY MANAGEMENT 8ª EDIZIONE, ROMA FEBBRAIO 2011- SETTEMBRE 2011 ICT Risk Management Aspetti legali L impatto del Decreto Legislativo 231/01 sui sistemi informativi

Dettagli

La correttezza dell assunto pronunciato dal Gup di Milano, viene ribadita

La correttezza dell assunto pronunciato dal Gup di Milano, viene ribadita 1 La Cassazione chiarisce le conseguenze penali della sottrazione agli obblighi di mantenimento (cd. assegno) e l'ambito di applicazione dell'art. 3 della legge n. 54/2006. Corte di Cassazione, Sezione

Dettagli

C O R T E D I C A S S A Z I O N E

C O R T E D I C A S S A Z I O N E C O R T E D I C A S S A Z I O N E UFFICIO DEL RUOLO E DEL MASSIMARIO Servizio penale Rel. 47/2014 Roma, 16 luglio 2014 Orientamento di giurisprudenza Rassegna della giurisprudenza di legittimità in materia

Dettagli

S T A T U T O. È costituita l'associazione Decidiamolo Insieme, libera associazione fra

S T A T U T O. È costituita l'associazione Decidiamolo Insieme, libera associazione fra S T A T U T O ART. 1 - OGGETTO E COSTITUZIONE È costituita l'associazione Decidiamolo Insieme, libera associazione fra cittadini (di seguito anche Lista Civica ) avente quale finalità lo sviluppo e la

Dettagli

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze N. 70 31.10.2013 Frode fiscale. Sequestro della casa coniugale La casa coniugale è sequestrabile anche se è stata assegnata alla moglie dell indagato

Dettagli

- PARTE SPECIALE B- DELITTI INFORMATICI E TRATTAMENTO ILLECITO DI DATI

- PARTE SPECIALE B- DELITTI INFORMATICI E TRATTAMENTO ILLECITO DI DATI - PARTE SPECIALE B- DELITTI INFORMATICI E TRATTAMENTO ILLECITO DI DATI B.1. I reati di cui all art. 24 bis del D. Lgs. n. 231/2001 La legge 18 marzo 2008, n. 48, recante Ratifica ed esecuzione della Convenzione

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE Sentenza 09 settembre 2013, n. 36894

CORTE DI CASSAZIONE Sentenza 09 settembre 2013, n. 36894 CORTE DI CASSAZIONE Sentenza 09 settembre 2013, n. 36894 Ritenuto in fatto 1. Con decreto dì sequestro preventivo finalizzato alla confisca per equivalente del 26 ottobre 2012, il GIP presso il Tribunale

Dettagli

Istanza di partecipazione alla selezione

Istanza di partecipazione alla selezione Alla Provincia di Napoli Direzione Protezione Civile Istanza di partecipazione alla selezione OGGETTO: selezione per l affidamento biennale del presidio della sala operativa della Protezione Civile della

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez. III,12 dicembre 2006 (Ud. 28/09/2006), Sentenza n. 40438. pubblica udienza del 28.9.2006

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez. III,12 dicembre 2006 (Ud. 28/09/2006), Sentenza n. 40438. pubblica udienza del 28.9.2006 CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez. III,12 dicembre 2006 (Ud. 28/09/2006), Sentenza n. 40438 SENTENZA N. 1488 REG. GENERALE n. 43848/05 pubblica udienza del 28.9.2006 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO

Dettagli

Quale responsabilità per il medico competente?

Quale responsabilità per il medico competente? Quale responsabilità per il medico competente? Convegno nazionale SNOP Bologna 14-15 novembre 2012 dr. Alberto Chinaglia A me pare che la figura del medico competente emerga dal nuovo testo sulla sicurezza

Dettagli

Codice Penale art. 437

Codice Penale art. 437 Codice Penale art. 437 TITOLO VI Dei delitti contro l'incolumità pubblica Dei delitti di comune pericolo mediante violenza Rimozione od omissione dolosa di cautele contro infortuni sul lavoro. [I]. Chiunque

Dettagli

SOCIETA DI GESTIONE DEL RISPARMIO E NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO

SOCIETA DI GESTIONE DEL RISPARMIO E NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO SOCIETA DI GESTIONE DEL RISPARMIO E NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO - Premessa: i delitti di riciclaggio e impiego di denaro ed utilità di provenienza illecita art 648-bis c.p. (Riciclaggio) Fuori dei casi di

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DEL 1 LUGLIO 2013, N.

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DEL 1 LUGLIO 2013, N. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DEL 1 LUGLIO 2013, N. 28352: reati fiscali e tributari in relazione ad attività di trasporto rifiuti. «Questa Corte ha costantemente affermato, sulla scia

Dettagli

Nota a sentenza Cassazione penale Sez. VI, 06 aprile 2011, n. 26746 a cura della D.ssa Federica Federici

Nota a sentenza Cassazione penale Sez. VI, 06 aprile 2011, n. 26746 a cura della D.ssa Federica Federici Nota a sentenza Cassazione penale Sez. VI, 06 aprile 2011, n. 26746 a cura della D.ssa Federica Federici RICETTAZIONE - FRAUDOLENTO TRASFERIMENTO DI VALORI - Riciclaggio di denaro sporco (da parte dei

Dettagli

Inquadramento giuridico e responsabilità

Inquadramento giuridico e responsabilità Proprietario Custode Detentore Inquadramento giuridico e responsabilità Proprietario Proprietà Definizione La proprietà è il diritto di godere e di disporre delle cose in modo pieno ed esclusivo, entro

Dettagli

Cass. civ. Sez. III, Sent., 30 07 2015, n. 16181 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA CIVILE

Cass. civ. Sez. III, Sent., 30 07 2015, n. 16181 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. VIVALDI Roberta Presidente Dott. ARMANO Uliana rel. Consigliere Dott. FRASCA Raffaele Consigliere Dott. SCARANO Luigi Alessandro Consigliere Dott. D'AMICO

Dettagli