METODI DI ANALISI DEL PATRIMONIO EDILIZIO ESISTENTE ED APPLICAZIONI PRATICHE A SCALA URBANA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "METODI DI ANALISI DEL PATRIMONIO EDILIZIO ESISTENTE ED APPLICAZIONI PRATICHE A SCALA URBANA"

Transcript

1 Corso di Energetica e pianificazione territoriale - Prof. Piercarlo Romagnoni - a.a PCTA METODI DI ANALISI DEL PATRIMONIO EDILIZIO ESISTENTE ED APPLICAZIONI PRATICHE A SCALA URBANA Arch. Righi Alessandro Università IUAV di Venezia

2 Analisi integrata di scenari di miglioramento dell efficienza energetica del settore civile e commerciale della regione Veneto è un progetto che ricade all interno di una collaborazione (interdisciplinare) tra tre Università ed è finanziato dal Fondo Sociale Europeo» Ha come obiettivo la creazione di un quadro di riferimento scientifico a supporto delle amministrazioni locali venete in fase di redazione ed implementazione dei PAES e dei piani energetici» E suddiviso in 3 aree tematiche, in linea con le competenze dei diversi gruppi di ricerca

3 Le tre aree tematiche:» - Analisi del building stock e scenari di efficienza energetica (IUAV)» - Ricadute industriali degli investimenti in mobilità sostenibile (Ca Foscari)» - Produzione locale di energia, analisi costi/benefici della generazione diffusa di energia elettrica (UNIPD)

4 L OGGETTO DELLA RICERCA La presente ricerca si propone di analizzare e valutare i possibili scenari relativi al miglioramento dell efficienza energetica del patrimonio esistente della regione Veneto. Le macro-fasi della ricerca:. Analisi del patrimonio edilizio esistente della Regione Veneto (dati ISTAT 2001 e stime CRESME ). Raccolta dati sui consumi energetici (raccolta delle schede di edifici analizzati puntualmente). Messa a punto di un modello energetico per lo stock abitativo (elaborazione e taratura di modelli numerici rappresentanti edifici tipo). Elaborazione di scenari tendenziali e correttivi, comparabili mediante analisi multicriteriale (valutazione dei dati ottenuti dalle simulazioni)

5 . 14 CENSIMENTO GENERALE DELLA POPOLAZIONE E DELLE ABITAZIONI DATI RACCOLTI:. Tipo costruzione. Destinazione d uso. Tipo di contiguità. Tipo di materiale struttura portante. Epoca di costruzione. Presenza dell ascensore. Stato di conservazione. Piani fuori terra / interrati. Numero di scale. Numero di interni

6 . 14 CENSIMENTO GENERALE DELLA POPOLAZIONE E DELLE ABITAZIONI 1.1 La costruzione è: EDIFICIO : Si intende per edificio una costruzione:. Di concezione ed esecuzione unitaria;. Dotato di una propria struttura indipendente;. Deve contenere spazi utilizzabili stabilmente da persone per abitazione e/o alla produzione di beni e/o di servizi;. Deve possedere obbligatoriamente una copertura ed un accesso dall esterno;. Un edificio può avere anche delle contiguità.. Deve avere una superficie minima 20mq.. Le pertinenze si considerano come parte dell edificio. COMPLESSO:. Si intende un insieme di costruzioni, edifici ed infrastrutture.. Normalmente un'area limitata e non frammentata, finalizzato in modo esclusivo o principale all'attività di un unico organismo. 1.2 L edificio è: UTILIZZATO: Si intende utilizzato un edificio/complesso ADATTO al fine abitativo e totalmente/parzialmente utilizzato. - Un edificio non utilizzato al momento della rilevazione (stagionale o simile) è da considerarsi UTILIZZATO. -Se l edificio è appena terminato ma vuoto è da considerarsi UTILIZZATO, mentre se non è ancora ultimato o quasi ultimato è NON UTILIZZATO. NON UTILIZZATO: Si intende non utilizzato un edificio NON ANCORA ADATTO al fine abitativo o NON PIU ADATTO. 1.3 Tipologia: ABITAZIONE: Si intende abitazione un edificio con destinazione abitativa. Edificio nato per avere una funzione abitativa.. Edificio che nel corso degli anni è divenuto tale.. Edificio che nel corso degli anni ha perso tale destinazione.. Case Famiglia e B&B in alloggio sono da considerarsi come abitazione.

7 2. CARATTERISTICHE 2.1 CONTIGUITA : condivisione tra 2 o più edifici di una AMPIA parte di parete esterna. Si considera non contiguo anche se la contiguità è minima rispetto alla superficie delle pareti.. NON CONTIGUO. SU 1 LATO. SU 2 O PIU LATI 2.2 MATERIALE DELLA STRUTTURA PORTANTE: prescindendo dal rivestimento indica il materiale della struttura portante. MURATURA PORTANTE (mattoni o pietra) CALCESTRUZZO ARMATO A PIANO TERRA APERTO (pilotis + tamponamento al piano terra non presente) CALCESTRUZZO ARMATO A PIANO TERRA CHIUSO (pilotis + tamponamento muratura totale o parziale) MISTO / ACCIAIO / ALTRO (combinazione di più strutture + altri materiali) 2.4 EPOCA DI COSTRUZIONE: epoca in cui è stato costruito l edificio. E indicata la data di ristrutturazione solo se questa ha previsto la sostanziale demolizione e costruzione dell edificio. PRIMA DEL DOPO 1991 (cioè ) 2.7 STATO DI CONSERVAZIONE: condizioni fisiche sia interne che esterne dell edificio. Le indicazioni sono puramente indicative e riguardano le condizioni di intonaci, infissi, tetti e danni strutturali. OTTIMO (tutto ok) BUONO (voce 1 o 2 deteriorato) MEDIOCRE (anche danni strutturali 3 o 4) PESSIMO (combinazioni di più voci 1/2/3/4) 2.8 NUMERO DI PIANI FUORI TERRA: ciascuna delle parti di un edificio compresa tra un pavimento ed un soffitto. Il SEMINTERRATO vale come piano, anche il piano attico e torrette sul tetto ma solo se comprendono la maggior parte della superficie della copertura NUMERO DI SCALE: sistema INTERNO che permette il collegamento tra due o più piani, sono escluse le scale antincendio e di sicurezza. Non contano le scale che collegano i piani di uno stesso alloggio NUMERO DI INTERNI: numero di interni ad uso abitativo e non che compongono un edificio. Sono esclusi gli interni con accesso indipendente dall esterno dell edificio.

8 ALCUNI CASI TIPO: EDIFICIO UNICO CASE A SCHIERA: allineati su un fronte unico, progettati e costruiti simultaneamente, con ognuno un ingresso e n civico, se CONTIGUI vengono considerati un EDIF ICIO UNICO. UNITARIETA ARCHITETTONICA: edifici formati da più blocchi CONTIGUI con civici diversi che si saldano fra loro con allineamenti ed altezze diverse vengono considerati un EDIFICIO UNICO. UNITARIETA PROGETTUALE: edifici che si sviluppano su un intero isolato, formati da più vani scala su strade diverse SE caratterizzati da contiguità ed UNITARIETA di progetto ed esecuzione vengono considerati un UNICO EDIFICIO. CASI DI EDIFICI DISTINTI: - EPOCA DI COSTRUZIONE DIVERSA - PROGETTI DIVERSI - ALTEZZE DIVERSE - SFASAMENTO TRA IL LIVELLO DEI PIANI - DISCONTINUITA DI BASAMENTO, STILE ED ELEMENTI DECORATIVI COSTRUTTIVI / MATERIALI / INFISSI CORPO DI COLLEGAMENTO: edifici con unicità progettuale uniti da un corpo di collegamento (basamento, alzato da terra o portico) per meno della metà della loro altezza sono da considerarsi DISTINTI.

9 . EDIFICI FINO AL 2001 DATI ISTAT 14 CENSIMENTO GENERALE DELLA POPOLAZIONE E DELLE ABITAZIONI Ai fini dell analisi energetica del patrimonio edilizio Veneto è necessario suddividere lo stock in base alla sua caratterizzazione geometrica ed all epoca di costruzione, sapendo che ad ogni epoca corrispondono delle caratteristiche prestazionali termiche dei sistemi d involucro. 14 censimento generale della popolazione e delle abitazioni Abitazioni per edificio / Piani / Vani scala collettivi / Contiguità CARATTERISTICHE PRESTAZIONALI DELL INVOLUCRO EPOCA DI COSTRUZIONE. < 1919 storico tra le due guerre ricostruzione boom edilizio / boom edilizio / crisi energetica legge 10/1991 TIPOLOGIA EDILIZIA. SINGOLA Nessuna contiguità, una abitazione per edificio. BIFAMILIARE Nessuna contiguità, due abitazioni per edificio Singola 1 contiguità. CONTIGUA > 2 abitazioni per edificio, nessun vano scala collettivo Bifamiliari 1+ contiguità, Singola 2+ contiguità. BLOCCO Nessuna contiguità, 1 vano scala collettivo, < 9 piani, max 5 abitazioni/piano. LINEA Nessuna contiguità, 1 vano scala collettivo, >5 abitazioni /piano Nessuna contiguità, 2+ vani scala collettivi Blocco 1+ contiguità. TORRE Edifici > 9 piani

10 CARATTERISTICHE DELLO STOCK EDILIZIO VENETO AL 2001 Dall analisi dello stock abitativo si nota come il Veneto possieda quasi il 9% degli edifici ad uso abitativo del territorio nazionale. Esso risulta composto al 2001 da edifici, abitazioni e m 2 costruiti. Il primo dato che emerge è che oltre il 70% degli edifici residenziali in Veneto non possiede contiguità, caratteristica che suggerisce edifici posti al centro del lotto con la conseguente smaterializzazione dei fronti stradali, oltre che ad aumento delle superfici disperdenti. La restante parte rappresenta edifici inseriti in un contesto caratterizzato dalla sedimentazione edificatoria composta da edifici contigui edificati in epoche diverse. Il secondo dato che emerge è la prevalenza di abitazioni con accesso indipendente o al massimo con un solo vano scala collettivo, dato che suggerisce la presenza di edifici compatti e di poche unità abitative. Ulteriore dato caratterizzante il tessuto abitativo è un numero di piani fuori terra limitato: sostanzialmente da 1 a 4 piani con un picco di abitazioni di 2 piani, sinonimo di bassa densità edilizia.

11 COMPOSIZIONE DELLO STOCK EDILIZIO VENETO AL 2001 La suddivisione del patrimonio abitativo in relazione all epoca di costruzione sottolinea come la maggior parte del patrimonio edilizio sia stato costruito tra il 1962 ed il 1981 nel cosi detto periodo del boom edilizio EDIFICI AD USO ABITATIVO EDIFICI PER EPOCA* < Elaborazioni Direzione del Sistema Statistico della Regione Veneto

12 DIMENSIONE DELLO STOCK EDILIZIO VENETO AL m 2 AD USO ABITATIVO UTILIZZABILI SUPERFICIE PER EPOCA* < * Elaborazioni Direzione Sistema Statistico Regione Veneto

13 COMPOSIZIONE DELLO STOCK EDILIZIO VENETO AL 2001 La maggior parte degli edifici ad uso abitativo in Veneto ricade sotto le tipologie Singola, Blocco e Linea. EDIFICI PER TIPOLOGIA* SINGOLA BIFAMILIARE SCHIERA BLOCCO LINEA TORRE 319 Elaborazioni Direzione del Sistema Statistico della Regione Veneto

14 COMPOSIZIONE PERCENTUALE DELLE TIPOLOGIE EDILIZIE PER ANNO DI CENSIMENTO IN VENETO Nel tempo si prediligono tipologie più compatte e a minore consumo di suolo per abitazione insediata.

15 DIMENSIONE DELLO STOCK EDILIZIO DEL VENETO AL 2001 In Veneto la maggior parte della superficie costruita ricade nelle tipologie a Blocco ed in Linea. SUPERFICIE PER TIPOLOGIA* SINGOLA BIFAMILIARE SCHIERA BLOCCO LINEA TORRE Elaborazioni Direzione del Sistema Statistico della Regione Veneto

16 DIMENSIONE DELLO STOCK EDILIZIO DEL VENETO AL 2001 Nel tempo aumenta la metratura quadra nelle tipologie singola e bi-familiare e diminuisce nelle tipologie più dense dove aumenta il numero di abitazioni per edificio.

17 TIPO DI MATERIALE DELLA STRUTTURA PORTANTE PER EPOCA DI COSTRUZIONE IN VENETO AL 2001 Dall analisi si può notare come gli edifici in Veneto siano prevalentemente in muratura portante (quasi per il 70% degli edifici residenziali costruiti al 2001). Il restante 30% viene suddiviso equamente tra edifici completamente in calcestruzzo armato a piano terra chiuso ed edifici con una struttura di altra tipologia. La categoria c.a. con piano terra aperto, invece, risulta scarsamente utilizzata (quasi esclusivamente negli edifici in linea ed a blocco). Si può notare come gli edifici costruiti prima del 1919 siano praticamente tutti in muratura portante (più una piccola quota di altro, probabilmente legno), La struttura in calcestruzzo armato inizia a diffondersi in maniera più marcata nel dopoguerra e soprattutto dagli anni 70 (aumento considerevole sia delle strutture totalmente in c.a. che di quelle miste a telaio considerate sotto altro ). Le strutture in acciaio iniziano a diffondersi solamente dagli anni 60 per questo la categoria altro fino a tale data si considera composta solamente da strutture in legno e misto in c.a. a telaio. Con l avanzare del tempo la muratura portante (48% tra il 1991 ed nel 2001) sta progressivamente lasciando il posto ad altri sistemi portanti (28% con struttura interamente in c.a. e 25% altro). Si segnala per la casa singola e bifamiliare una netta prevalenza, come prevedibile, per la muratura portante (circa 70%). Elaborazioni Direzione del Sistema Statistico della Regione Veneto

18 STATO DI CONSERVAZIONE PER EPOCA DI COSTRUZIONE IN VENETO AL 2001 Dall analisi del tipo di impianto di riscaldamento si nota come la maggior parte degli edifici ad uso abitativo in Veneto sia in Ottimo o Buono stato di conservazione. Dall analisi si può notare come gli edifici in Veneto siano prevalentemente in buono stato di conservazione (più dell 80% degli edifici costruiti al 2001 sono almeno in buono o ottimo stato di conservazione). Un restante 15% degli edifici costruiti nella regione è in condizioni di stato mediocre, tale da presentare vari elementi deteriorati in modo non grave, mentre l 1,5% si trova in stato di conservazione pessimo (con molteplici e gravi elementi deteriorati). Da questo scenario emerge una situazione abbastanza positiva in quanto solo nel 18% circa degli edifici è necessario intervenire nell immediato. La maggior parte degli edifici in pessimo stato di conservazione consiste in edifici costruiti prima del 1961 ed appartenenti alle tipologie edilizie Redan, edificio a blocco e casa singola. Elaborazioni Direzione del Sistema Statistico della Regione Veneto

19 TIPO DI IMPIANTO DI RISCALDAMENTO PER EPOCA DI COSTRUZIONE IN VENETO AL 2001 Dall analisi del tipo di impianto di riscaldamento si nota come la maggior parte degli edifici ad uso abitativo in Veneto possiede un impianto fisso autonomo (74,4%). I centralizzati (14,4%) sono prevalentemente diffusi nelle tipologie plurifamiliari di grandi dimensione. Dall analisi della tipologia di impianto di riscaldamento degli immobili abitativi della regione si nota come il 3,2% delle abitazioni in Veneto siano senza impianto di riscaldamento. Queste ultime sono riconducibili alle abitazioni per vacanze in ambiti costieri e quindi utilizzate solamente d estate. Si nota come gli edifici non riscaldati si concentrano soprattutto tra il 1962 ed il 1982 periodo del boom edilizio. Le restanti tipologie di impianto si dividono per ogni intervallo di epoca di costruzione con una suddivisione del 70-80% circa di autonomo fisso e 8-18% per il centralizzato. Unica esclusione si nota tra il 1962 ed il 1971 dove l installazione di impianti centralizzati ha riscontrato un grande incremento raggiungendo quasi il 25%. Andamento contrario per le abitazioni costruite dopo il 1991 dove si nota un costante aumento degli impianti fissi autonomi raggiungendo quasi il 90% delle abitazioni costruite. Elaborazioni Direzione del Sistema Statistico della Regione Veneto

20 EDIFICI DAL 2002 AL 2011 DATI CRESME E AGENZIA DEL TERRITORIO Per quantificare il patrimonio edilizio costruito dopo il 2001, in mancanza di dati certi provenienti dal 15 censimento della popolazione e delle abitazioni iniziato nel 2011, sono stati utilizzati, in via provvisoria, dati provvenienti da Cresme, Centro Ricerche Economiche sociali di Mercato per l Edilizia ed il territorio. Tali dati consentono di stimare gli immobili costruiti fino al 2011 mediante l elaborazione dei dati provenienti dal 14 censimento della popolazione e delle abitazi oni 2001, dai permessi di costruire dal 2001 in poi e da altri dati territoriali. Il risultato di tale elaborazione indica una apparente dimunuizione del numero di edifici costruiti rispetto agli anni precedenti, ma con una considerevole superficie costruita. Questo perché nel tempo l offerta abitativa è mutata prediligendo tipologie edilizie collettive rispetto a quelle individuali EDIFICI, ABITAZIONI E SUPERFICIE INDICE 1919 (BASE = 100) 100,0 Abitazioni Edifici Mq ,5 894,8 686,1 NUMERO DI EDIFICI Monofamiliare Bifamiliare Blocco Linea Torre

21 RISULTATI IN SINTESI

22 RINNOVO DEL PARCO EDILIZIO ESISTENTE (Retrofitting) DATI ENEA I dati ENEA sul sistema di detrazioni fiscali al 55% per interventi di riqualificazione energetica sugli edifici esistenti rappresentano un valore indicativo del tasso di efficientamento energetico degli edifici negli ultimi anni (periodo in cui è stato registrato un impressionante picco di interventi). Il tasso naturale di rinnovo risulta del 5% per la componente impiantistica e del 2% per la manutenzione ordinaria/straordinaria degli edifici. Le ricadute energetiche sarebbero in genere trascurabili (se non nel lunghissimo periodo). In questo senso il programma di detrazioni fiscali introdotto con la legge 296/2006 ha fornito un impulso notevole al miglioramento delle performances energetiche dello stock edilizio. RETROFITTING ENERGETICO FINO AL 2007 TASSI DI RIFERIMENTO (LETTERATURA) *Energy-efficient buildings PPP Multi-annual roadmap and longer term strategy, Directorate- General for research, Industrial Technologies Unit G2 DAL 2007 INCENTIVI MEDIANTE DETRAZIONE FISCALE 55%.Rapporti Enea 2007 / 2008 / 2009 /2010.Rapporto SAIENERGIA 2011

23 INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA PER EPOCA DI COSTRUZIONE E PER TIPOLOGIA EDILIZIA IN VENETO AL 2010 (con detrazione 55%) I dati pubblicati da ENEA confermano il tendenziale aumento degli interventi di riqualificazione energetica. In Veneto nei 4 anni presi in esame sono stati eseguiti ben interventi. La maggior parte degli interventi riguardano la sostituzione delle chiusure trasparenti e del generatore di calore, con un picco di interventi in edifici con epoca di costruzione compresa tra il 1962 ed il 1981, soprattutto mono e bifamiliari. NUMERO DI INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA IN VENETO

24 RACCOLTA DATI SUI CONSUMI ENERGETICI La raccolta dei dati sui consumi energetici di alcuni edifici tipo individuati è stata strutturata attraverso la compilazione di una scheda. Questa sintetizza dati climatici, geometrici composizione dell involucro edilizio, interventi di retrofitting effettuati nel corso del tempo, descrizione impiantistica, bollette energetiche e possibili interventi migliorativi sull involucro edilizio. LOCALIZZAZIONE CLIMATICA GEOMETRIA INVOLUCRO RETROFITTING

25 IMPIANTO BOLLETTE ENERGETICHE INTERVENTI MIGLIORATIVI

26 MESSA A PUNTO DI UN MODELLO ENERGETICO PER LO STOCK ABITATIVO. In dettaglio, in base ad all epoca di costruzione, si procede alla caratterizzazione prestazionale degli elementi d involucro. Tali dati serviranno ad eseguire, mediante modelli matematici, delle simulazioni energetiche in regime dinamico di ogni situazione individuata. I risultati delle simulazioni verranno inoltre confrontati con dati di consumo energetico reale di alcuni casi tipo analizzati.

27 MESSA A PUNTO DI UN MODELLO ENERGETICO PER LO STOCK ABITATIVO. In relazione alle analisi precedenti si caratterizza ogni epoca costruttiva con le componenti del sistema edificio-impianto maggiormente utilizzate.

28 3. MESSA A PUNTO DI UN MODELLO ENERGETICO PER LO STOCK ABITATIVO. UNI TS PARTE 1 ABACO COMPONENTI INVOLUCRO - LE CHIUSURE OPACHE VERTICALI - LE CHIUSURE OPACHE ORIZZONTALI INFERIORI - LE CHIUSURE OPACHE ORIZZONTALI SUPERIORI - LE CHIUSURE TRASPARENTI

29 3. MESSA A PUNTO DI UN MODELLO ENERGETICO PER LO STOCK ABITATIVO. UNI TS PARTE 2 IMPIANTO DI RISCALDAMENTO / ACS RENDIMENTO MEDIO GLOBALE - RENDIMENTO DEL SISTEMA DI PRODUZIONE - RENDIMENTO DEL SISTEMA DI DISTRIBUZIONE - RENDIMENTO DEL SISTEMA DI REGOLAZIONE - RENDIMENTO DEL SISTEMA DI EMISSIONE ηg = ηp ηd ηr ηe

30 3. MESSA A PUNTO DI UN MODELLO ENERGETICO PER LO STOCK ABITATIVO.

31 3. MESSA A PUNTO DI UN MODELLO ENERGETICO PER LO STOCK ABITATIVO.

32 COSTRUZIONE E TARATURA DEL MODELLO ENERGETICO. Partendo dai dati geometrici, tecnologici e di consumo energetico di un edificio campione viene costruito un modello digitale capace di simulare il comportamento energetico in regime dinamico dello stesso. Per tale scopo è stato utilizzato il software di calcolo Energy Plus con Design Builder come interfaccia grafica.

33 DEFINIZIONE DELLO SCENARIO BASE SULL EFFICIENZA ENERGETICA DELLO STOCK. I risultati delle precedenti elaborazioni possono essere riassunti in una matrice che suddivide il patrimonio abitativo esistente in relazione alla propria tipologia edilizia ed epoca di costruzione. Tali dati sono stati calcolati suddividendo il territorio in relazione alla zona climatica, individuando una prima fascia litorale e di pianura Veneta ed una seconda fascia prevalentemente alpina.

34 ANALISI SULLA RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DELLO STOCK ABITATIVO Partendo dai dati precedenti che rappresentano lo scenario base sull efficienza energetica del patrimonio abitativo Veneto, si analizzano vari interventi di riqualificazione energetica. Per tale analisi si predispongono 4 tipi di intervento, tratti dalla normativa riguardante la politica di incentivazione alla riqualificazione energetica degli edifici tramite la possibilità di detrarre fiscalmente gli oneri del 55%. Le prestazioni di ogni intervento vengono fissate dall Allegato B del Decreto del Ministro dello Sviluppo economico dell 11 marzo Gli interventi analizzati sono: - Coibentazione delle chiusure opache verticali - Coibentazione delle chiusure opache orizzontali - Sostituzione delle chiusure trasparenti - Sostituzione del generatore di calore

35

36 SCENARI TENDENZIALI E VALUTAZIONE MULTICRITERIALE Lo strumento permette di valutare per ogni caso tipo (tipologia edilizia/epoca di costruzione/zona climatica) gli interventi di riqualificazione energetica possibili attraverso diversi criteri (economico/ambientale/energetico). Lo strumento permette inoltre di creare diversi scenari potenziali o tendenziali a diversa scala.. CASO TIPO VALUTAZIONE INTERVENTI PROIEZIONE TERRITORIALE tipologia edilizia criterio economico epoca di costruzione criterio ambientale zona climatica criterio energetico

37 Il Patto dei Sindaci ed i Piani di Azione per Energia Sostenibile un caso studio: il PAES di Castelfranco Veneto (Tv)

38 La situazione attuale Emissioni gas serra Andamento dei consumi Esaurimento fonti energia fossili Aumento e instabilità prezzi energia

39 Nuove Politiche Energetiche PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI EUROPA ITALIA Direttiva 2001/77/CE: 2010, consumo del 12% di energia e il 22 % di energia elettrica da FER D.lgs. 387/03 MIGLIORAMENTO PRESTAZIONI ENERGETICHE DEGLI EDIFICI PROMOZIONE EFFICIENZA ENERGETICA EUROPA ITALIA EUROPA ITALIA Direttiva 2002/91/CE : Energy Performance of Buildings (EPBD) Certificazione energetica D.lgs 311/2006 Direttiva 2004/8/CE: promuovere la produzione combinata di energia elettrica e calore. D.Lgs n.20/2007 Nuovi Obiettivi europei al 2020 Consiglio UE 8/9 marzo % EFFICIENZA 20% da RINNOVABILI - 20% EMISSIONI CO 2 10% da BIOCOMBUSTIBILI

40 Cosa è il Patto dei Sindaci Convenant of Majors è un impegno di città e comuni a andare oltre agli obiettivi della politica energetica comunitaria in termini di riduzione di emissioni di CO 2 migliorando l efficienza energetica nell uso e produzione di energia e aumentando la produzione locale di energia rinnovabile. NOI, SINDACI, CI IMPEGNAMO ad andare oltre gli obiettivi fissati per l UE al 2020, riducendo le emissioni di CO 2 nelle rispettive città di oltre il 20% attraverso l attuazione di un Piano di Azione per l Energia Sostenibile - PAES. Questo impegno e il relativo Piano di Azione saranno ratificati attraverso specifiche procedure amministrative

41 Impegni che si prendono con la firma del Patto Preparare un Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) con l obiettivo di ridurre complessivamente le emissioni di CO 2 equivalenti di almeno il 20% al 2020 rispetto all anno di riferimento; Preparare l Inventario Base delle Emissioni (IBE). Esso fornisce le informazioni sulla situazione base necessarie per la redazione del PAES; Attuare il proprio Piano d Azione (PAES) monitorando e riferendo periodicamente sui progressi fatti; Coinvolgere attivamente i cittadini e tutte le parti interessate.

42 Cosa è un Piano d Azione per l Energia Sostenibile Il piano di azione per l energia sostenibile è: un documento politico uno strumento di comunicazione e coinvolgimento dei cittadini un riferimento per le politiche energetiche uno strumento di attuazione Le tre parti fondamentali: ANALIZZO PROPONGO VERIFICO Inventario delle emissioni IBE alla data di riferimento Misure tecniche per l efficienza energetica e per le energie rinnovabili Monitoraggio dell attuazione

43 L obbiettivo in sintesi Situazione iniziale anno base Situazione attuale Proposte 2020 ANALISI MONITORAGGIO PROPOSTA

44 Le fasi di attuazione del Patto dei Sindaci

45 Volontà di firma PAES CONSIGLIO Firma del PAES SINDACO Approvazione del PAES CONSIGLIO Consegna del PAES Relazione risultati PAES QUALITATIVI Relazione risultati PAES QUANTITATIVI Proposte 2020 Le fasi in sintesi 1 ANNO 2 ANNI 4 ANNI Situazione iniziale Anno base

46 La presa di coscienza Consumi di energia edifici: + residenziale e pubblico Consumo di energia trasporti Progetto PAES

47 Cos è il Progetto PAES? Il comune intende guidare il territorio verso una progressiva azione di razionalizzazione dei consumi energetici riducendo l impatto sull ambiente e sulle bollette dei cittadini, diventando così sia un punto di riferimento per i Castellani attraverso vari servizi gratuiti ed eventi formativi, che promotore di buone pratiche sui propri edifici ed impianti, fornendo il buon esempio e motivando il territorio ad un utilizzo intelligente dell energia. Progetto PAES

48 Le attività del Progetto PAES per i CITTADINI ed a tutto il settore privato per lo stesso COMUNE di Castelfranco Veneto PER I CITTADINI Sensibilizzare la popolazione all uso razionale dell energia - sito - eventi per sensibilizzare il territorio Supporto ai cittadini sul contenimento dei costi energetici - apertura dello Sportello Energia - termografia aerea ed analisi qualitativa della dispersione dalla copertura Sensibilizzazione all uso razionale dell energia nelle scuole - progetto pilota all interno delle scuole In-Formazione del territorio - eventi ed incontri sul territorio e presentazione del PAES Progetto PAES

49 Le attività del Progetto PAES per i CITTADINI ed a tutto il settore privato per lo stesso COMUNE di Castelfranco Veneto PER IL COMUNE Riduzione dei consumi energetici degli edifici pubblici - formazione e sensibilizzazione del personale del comune all uso razionale dell energia nei luoghi di lavoro - analisi dei consumi energetici del patrimonio edilizio del comune e valutazione dei relativi interventi di efficienza energetica possibili Pianificazione della riduzione dei consumi energetici e l aumento della qualità ambientale - redazione del Piano d Azione per l Energia Sostenibile e del relativo IBE - redazione coerente con il PAES di tutti gli strumenti di pianificazione locale, tra cui il Piano Urbano del Traffico Progetto PAES

50 Il supporto ai cittadini

51 La promozione del servizio

52 Cosa fa lo Sportello Energia? Supporto ai cittadini sul contenimento dei costi energetici della propria abitazione Come fa? 1 Indicazione qualitativa della dispersione da copertura - analisi della termografia aerea 2 Composizione dei consumi energetici - analisi delle bollette energetiche 3 Confronto dei consumi energetici da bolletta con casi omogenei - anno di costruzione dell edificio residenziale - tipologia edilizia - documentazione attestante la composizione del sistema edificio-impianto (L. 10/91 o s.m.i) 4 Valutazione degli interventi di efficienza energetica più adatti alla situazione

53 La termografia aerea

54 La valutazione qualitativa

55 Un CHECK-UP energetico degli edifici residenziali a Castelfranco Veneto LOCALIZZAZIONE CLIMATICA GEOMETRIA INVOLUCRO RETROFITTING

56 Confronto dei consumi energetici da bolletta con casi omogenei QUANTO CONSUMANO?

57 La valutazione degli interventi di efficienza energetica

58 Analisi del patrimonio edilizio per frazioni QUANTE ABITAZIONI CI SONO? COME SONO FATTE? 14 Censimento della popolazione e degli edifici Zone censuarie Comune di Castelfranco Veneto Suddivisione amministrativa Comune di Castelfranco Veneto

59 Analisi del patrimonio edilizio per frazioni Numero di edifici ad uso residenziale al 2001 * Elaborazioni Direzione Statistica Regione Veneto su dati Istat 14 Censimento della popolazione e degli edifici Zone censuarie Comune di Castelfranco Veneto Suddivisione amministrativa Comune di Castelfranco Veneto

60 Analisi del patrimonio edilizio per frazioni Numero di edifici ad uso residenziale al 2001 * Elaborazioni Direzione Statistica Regione Veneto su dati Istat Caratteristiche degli edifici ad uso residenziale al 2001 * Elaborazioni Direzione Statistica Regione Veneto su dati Istat 14 Censimento della popolazione e degli edifici Zone censuarie Comune di Castelfranco Veneto Suddivisione amministrativa Comune di Castelfranco Veneto

61 Analisi del patrimonio edilizio per frazioni 14 Censimento della popolazione e degli edifici Zone censuarie Comune di Castelfranco Veneto Suddivisione amministrativa Comune di Castelfranco Veneto

62 Analisi dei consumi energetici di edifici pubblici QUANTA ENERGIA CONSUMA ORA?

63 Analisi dei consumi energetici di edifici pubblici QUANTA ENERGIA CONSUMA ORA?

64 Analisi dei consumi energetici di edifici pubblici QUANTA ENERGIA CONSUMA ORA?

65 ANALISI TERMOGRAFICA PUNTUALE

66 Analisi dei consumi energetici di edifici pubblici QUANTA ENERGIA CONSUMA ORA? Bolletta energetica COME E FATTO? Dati tecnici

67 Come diminuire i consumi energetici di edifici pubblici QUANTA ENERGIA CONSUMA ORA? Bolletta energetica COME PUO CONSUMARE MENO? Valutazione degli interventi migliorativi

68 Azioni in fase di avvio: Analisi della produzione di energia da fonte rinnovabile QUANTI IMPIANTI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA RINNOVABILE CI SONO? EOLICO Impianti fotovoltaici Comune di Castelfranco Veneto

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

L esperienza del Green Energy Audit

L esperienza del Green Energy Audit L esperienza del Green Energy Audit Arch. Ph.D. Annalisa Galante Adjunct Professor Research Associate - Dipartimento ABC - Politecnico di Milano Coordinamento corsi di formazione - Comunicazione e Marketing

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico ERETO 11 marzo 2008 coordinato con ecreto 26 gennaio 2010 (modifiche in rosso, in vigore dal 14 marzo 2010; attenzione: le modifiche sono riportate al solo scopo di facilitare la lettura del decreto; in

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con Il Ministro dell Economia e delle Finanze di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, recante legge finanziaria per il 2007 (di seguito:

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

4 - Dati generali e climatici

4 - Dati generali e climatici 4 - Dati generali e climatici 88 Sommario 4.1 Dati catasto energetico... 91 4.1.1 Edificio... 91 4.1.2 Proprietario e responsabile dell impianto... 92 4.2 Dati generali... 96 4.2.1 Richiesta... 96 4.2.2

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico DECRETO 11 marzo 2008. Attuazione dell articolo 1, comma 24, lettera a) della legge 24 dicembre 2007, n. 244, per la definizione dei valori limite di fabbisogno di energia primaria annuo e di trasmittanza

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive e criticità. I principali interventi tecnici e gli esperti da coinvolgere.

La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive e criticità. I principali interventi tecnici e gli esperti da coinvolgere. La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive e criticità I principali interventi tecnici e gli esperti da coinvolgere I principali interventi tecnici e gli esperti da coinvolgere Obiettivi

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

Provincia di Belluno Attività in materia energetica

Provincia di Belluno Attività in materia energetica Provincia di Belluno Attività in materia energetica - Piano Energetico Ambientale Provinciale - Contributo Energia su PAT/PATI - Progetti europei arch. Paola Agostini Servizio pianificazione e gestione

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 2. VALUTAZIONI DI CARATTERE ECONOMICO... 6 2.1 COSTO DI PRODUZIONE DI UN FABBRICATO... 6 2.2 INCIDENZA DEL VALORE DEL TERRENO SUL FABBRICATO...

Dettagli

In collaborazione con. Sistema FAR Echo. Sistema FAR ECHO

In collaborazione con. Sistema FAR Echo. Sistema FAR ECHO In collaborazione con Sistema FAR ECHO 1 Sistema FAR ECHO Gestione intelligente delle informazioni energetiche di un edificio Tecnologie innovative e metodi di misura, contabilizzazione, monitoraggio e

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA Comune della Spezia MARIO NIRO 5S a.s. 2013/2014 RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA RELATIVA AL PROGETTO DI ABITAZIONE UNIFAMILIARE DA EDIFICARE PRESSO IL COMUNE DELLA SPEZIA, VIA MONTALBANO CT FOGLIO 60, MAPPALE

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza in consultazione 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del /12/2012.

Dettagli

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA (aggiornata a gennaio 2014) 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... pag. 3 IL PIANO CASA IN TOSCANA... pag. 4 INTERVENTI DI AMPLIAMENTO....pag. 5 INTERVENTI DI DEMOLIZIONE

Dettagli

Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan

Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del del : /12/2012. Il documento

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

Valore di costo procedimen+ sinte+ci

Valore di costo procedimen+ sinte+ci Corso di valutazione es+ma+va del proge5o Clasa a.a. 2012/13 Valore di costo procedimen+ sinte+ci Docente Collaboratore prof. Stefano Stanghellini arch. Pietro Bonifaci Il mercato delle costruzioni LE

Dettagli

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Edificio Ai sensi dell art. 3 del ordinanza sul Registro federale degli edifici e delle abitazioni, l edificio è definito come segue: per

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

I NUOVI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI: LINEE GUIDA PER I COMUNI DELLA PROVINCIA DI COMO PROVINCIA DI COMO. Assessorato Ecologia e Ambiente

I NUOVI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI: LINEE GUIDA PER I COMUNI DELLA PROVINCIA DI COMO PROVINCIA DI COMO. Assessorato Ecologia e Ambiente punt energia I NUOVI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI: LINEE GUIDA PER I COMUNI DELLA PROVINCIA DI COMO PROVINCIA DI COMO Assessorato Ecologia e Ambiente I nuovi regolamenti edilizi comunali Progetto a cura

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

Life-cycle cost analysis

Life-cycle cost analysis Valutazione economica del progetto Clamarch a.a. 2013/14 Life-cycle cost analysis con esempi applicativi Docenti Collaboratori Lezione di prof. Stefano Stanghellini prof. Sergio Copiello arch. Valeria

Dettagli

Sviluppo della metodologia comparativa costoptimal secondo Direttiva 2010/31/UE. V. Corrado, I. Ballarini, S. Paduos

Sviluppo della metodologia comparativa costoptimal secondo Direttiva 2010/31/UE. V. Corrado, I. Ballarini, S. Paduos Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Sviluppo della metodologia comparativa costoptimal secondo Direttiva 2010/31/UE

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A.

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE P.R.G. VIGENTE In base alla tavola di Zonizzazione del P.R.G. vigente l area oggetto dell intervento è normata come

Dettagli

dai vita alla tua casa

dai vita alla tua casa dai vita alla tua casa SEMPLICE MENTE ENERGIA bioedilizia Una STRUTTURA INNOVATIVA PARETE MEGA PLUS N 10 01 struttura in legno 60/60 mm - 60/40 mm 02 tubazione impianto elettrico ø 21 mm 03 struttura portante

Dettagli

LEGGE 10 E CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

LEGGE 10 E CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI Q U A D E R N I P E R L A P R O G E T T A Z I O N E LEGGE 10 E CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI Aggiornamento alle UNI TS 11300 parte 4 Contiene la versione del software Termo versione Lite, sviluppato

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

GSE Gestore Servizi Energetici. Guida all utilizzo dell applicazione web Portaltermico

GSE Gestore Servizi Energetici. Guida all utilizzo dell applicazione web Portaltermico GSE Gestore Servizi Energetici Guida all utilizzo dell applicazione web Portaltermico D.M. 28 dicembre 2012 Indice dei contenuti 1. Generalità... 4 Finalità del documento... 4 Requisiti minimi per l utilizzo

Dettagli

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Guida alla detrazione fiscale del 65% per la riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Aggiornata al 20 dicembre 2013 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO.... pag. 3 2. EDIFICI INTERESSATI.....

Dettagli

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790 SCHEDARIEPILOGATIVAINTERVENTO OPCMn.3779e3790 A)Caratteristicheedificio Esitodiagibilità: B-C (OPCM 3779) E (OPCM 3790) Superficielordacomplessivacoperta( 1 ) mqnum.dipiani Num.UnitàImmobiliaritotali B)Contributorichiestoaisensidi

Dettagli

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9 Indice Parte Prima Premessa... pag. 2 Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3 Parte Seconda A) Definizioni. pag. 9 B) Disposizioni riguardanti aspetti generali. 10 C) Disposizioni in materia di

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative

Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Roma, aprile 2013 INDICE Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Esempi di interventi incentivabili -2- Il Conto Termico: DM 28 12 12 Il Conto Termico

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE Piazza Mazzini, 46 16038 SANTA MARGHERITA LIGURE (GE) REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI SULLE COPERTURE DELLA SCUOLA PRIMARIA A.R. SCARSELLA, DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

Impianti Solari Fotovoltaici

Impianti Solari Fotovoltaici Impianti Solari Fotovoltaici Sono da considerarsi energie rinnovabili quelle forme di energia generate da fonti che per loro caratteristica intrinseca si rigenerano o non sono "esauribili" nella scala

Dettagli

Isolamento termico ad alta efficienza energetica Un investimento per il futuro che rende da subito. Costruire con coscienza.

Isolamento termico ad alta efficienza energetica Un investimento per il futuro che rende da subito. Costruire con coscienza. Tema Isolamento termico ad alta efficienza energetica Isolamento termico ad alta efficienza energetica Un investimento per il futuro che rende da subito. Costruire con coscienza. Le informazioni, le immagini,

Dettagli

La ricetta italiana. Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo:

La ricetta italiana. Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo: AMICI DELLA TERRA ITALIA www.amicidellaterra.it La ricetta italiana Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo: Verso Parigi 2015. Gli Stati generali dei cambiamenti climatici

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

Oppure passaggio all Urbano di un fabbricato rurale senza subalterni,

Oppure passaggio all Urbano di un fabbricato rurale senza subalterni, Schede esemplificative delle Tipologie di atti di aggiornamento attualmente trattate dalla procedura Pregeo 10 APAG Nella Tabella seguente sono riportate sinteticamente le tipologie di atti di aggiornamento

Dettagli

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI Comune di San Demetrio Ne Vestini Provincia dell Aquila RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI 1. INTRODUZIONE La sottoscritta arch. Tiziana Del Roio, iscritta all Ordine degli

Dettagli

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA 1. La trasmittanza termica U COS'E? La trasmittanza termica U è il flusso di calore medio che passa, per metro quadrato di superficie, attraverso

Dettagli

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA 123 4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA Il presente esempio è finalizzato a guidare il progettista alla compilazione del SI-ERC per un edificio con struttura a telaio in CA per il quale è

Dettagli

Costruire con la canapa in ITALIA

Costruire con la canapa in ITALIA Costruire con la canapa in ITALIA OLVER ZACCANTI anab architetturanaturale officinadelbuoncostruire@yahoo.it Costruire con la canapa in Italia pannelli in fibra di canapa per isolamenti Pareti divisorie

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

EVOLUZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI: DALLA CASA A BASSO CONSUMO AL TARGET PASSIVHAUS

EVOLUZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI: DALLA CASA A BASSO CONSUMO AL TARGET PASSIVHAUS EVOLUZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI: DALLA CASA A BASSO CONSUMO AL TARGET PASSIVHAUS arch. Fabio Sciurpi, Dipartimento TAeD, Università di Firenze Via San Niccolò 93, tel. 055 2491538, e-mail: fabio.sciurpi@taed.unifi.it

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

fotovoltaico chiavi in mano

fotovoltaico chiavi in mano chiavi in mano 1 Tetto a falda - silicio monocristallino ad altissima efficienza / disponibile da 1 a 20KWp I moduli fotovoltaici più efficienti al mondo (19,5%) ed inverters di stringa SUNPOWER garantiti

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE PROVINCIA DI FIRENZE AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE Variante normativa al Regolamento Urbanistico vigente di adeguamento al "regolamento di attuazione dell'articolo 144 della L.R. n. 1/2005

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO Gli aggiornamenti più recenti proroga detrazione del 65% estensione dell agevolazione ad altri interventi aumento della ritenuta d acconto sui bonifici

Dettagli

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata Cosa può fare l Istituto per le Energie Rinnovabili dell EURAC? E quando? Il team di EURAC è in grado di: gestire

Dettagli

Prot. n. 5140. L'Assemblea legislativa

Prot. n. 5140. L'Assemblea legislativa Progr. n. 156 Oggetto n. 3124: Approvazione atto di indirizzo e coordinamento sui requisiti di rendimento energetico e sulle procedure di certificazione energetica degli edifici. (Proposta della Giunta

Dettagli

NORME PER L ABITARE SOSTENIBILE. Guida alla Legge Regionale n 13 del 2008

NORME PER L ABITARE SOSTENIBILE. Guida alla Legge Regionale n 13 del 2008 NORME PER L ABITARE SOSTENIBILE Guida alla Legge Regionale n 13 del 2008 La promozione della sostenibilità ambientale nelle trasformazioni del territorio e in edilizia è stata al centro delle politiche

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA ED AMBIENTALE

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA ED AMBIENTALE LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA ED AMBIENTALE Ing. Leonardo Maffia Maffia@studiolce.it Formato del Certificato (aggiornabile) Certificato Energetico-Ambientale Prestazione energetica dell edificio EPi come

Dettagli

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Saint-Gobain, attraverso i suoi marchi, sviluppa e produce nuove generazioni di materiali con un approccio moderno e completo al mercato delle costruzioni:

Dettagli

p o : E o = p e : E e da cui p o = p e * E o E e

p o : E o = p e : E e da cui p o = p e * E o E e "Il cambiamento è inevitabile, la crescita personale è una scelta" Bob Proctor (Fondatore e Presidente di Life Success Productions) STANDARDS INTERNAZIONALI DI VALUTAZIONE IL COST APPROACH Il Cost Approach

Dettagli

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO ATTUAZIONE DEL PROGETTO REBIR Risparmio Energetico, Bioedilizia, Riuso Data 29.01.2009

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

IL PIANO ENERGETICO COMUNALE

IL PIANO ENERGETICO COMUNALE UNIVERSITA MEDITERRANEA DEGLI STUDI DI REGGIO CALABRIA FACOLTA DI ARCHITETTURA CORSO DI LAUREA IN PIANIFICAZIONE TERRITORIALE URBANISTICA ED AMBIENTALE CORSO DI FONDAMENTI DI PIANIFICAZIONE SETTORIALE

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Gli oneri concessori

Gli oneri concessori Laboratorio di di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Modulo di Estimo Integrazione al costo di produzione: gli oneri concessori Proff. Coll. Renato Da Re Federica Di Piazza Gli oneri concessori

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa Allegato B COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa SETTORE 2 GESTIONE DEL TERRITORIO E DEL PATRIMONIO U.O. URBANISTICA EDILIZIA Modifica all Appendice 2 Schede norma dei comparti di trasformazione

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI AVVERTENZA Nella tabella viene usato il termine per fare riferimento ai partecipanti al condominio, mentre viene usato il termine per far riferimento ai partecipanti

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

PIANO ENERGETICO della

PIANO ENERGETICO della PROVINCIA DI COMO PIANO ENERGETICO della PROVINCIA DI COMO 2 Documento di aggiornamento - 2011 Nuove politiche energetiche Offerta e Domanda di energia al 2010 Fonti di Energie Rinnovabili al 2010 Bilancio

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

FPA PROGETTI. presentazione SRL VIA PALMANOVA 24 20132 MILANO TEL. +39 02.2360126 FAX +39 02.70639971

FPA PROGETTI. presentazione SRL VIA PALMANOVA 24 20132 MILANO TEL. +39 02.2360126 FAX +39 02.70639971 presentazione FPA PROGETTI SRL VIA PALMANOVA 24 20132 MILANO TEL. +39 02.2360126 FAX +39 02.70639971 1 1. DATI SOCIETÀ FPA PROGETTI SRL SEDE IN MILANO VIA PALMANOVA 24 20132 TEL.02/2360126 02/26681716

Dettagli