CSC CSD DRC DRD DRE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CSC 40-60 CSD 75-100 DRC 40-60 DRD 75-100 DRE 100-120"

Transcript

1 CC - C - 0 Trii cighi C E 0-0 Trii d igrggi Cprri vi d iii li Vlcià fi vbil i, fcil, illig. ffidbilià d vgur ll gi dll cpr.. POBL PTP PBL TEC O C T FFBL EPLC

2 POBL PTP Vggi pr l prr Fcil illi - i u i u cp - ig iviv - Trpr gvl cpl pr - Piibil crrll lvr frch ( pui llv) rpll ( pu llv) - è c lcu b pcil Qulià ri - Cpi cclli pri cl - Cighi lug dur qulià - i cighi ffidbil pr prii ipccbili - frigrr d rr dll li pri, u ggir vi uil gri ll ridui dglibli rici - ffrdd filrggi dll prfi - Pri vrccrichi - Crll ir uic - r qulià pr ipighi pi Pric cc fcil ui - Tui i cpi ggi ui piii ll pr rir dll cchi pr grir u ccibilià il - cc gvl pr ui pulii - cc gvl i rri - pi rir ipi dl livll dll li - Crlli fcili vlci gri l crllr ll prll rvii - Pulii ui pr u l prr bbi ci - iri ci ripri - Ci ifriri ui - Cu ifrir rgi - Effici, lubrifici rffrdd ili - Crllr pii pr u ggir ffici rgic icur PBL TEC O C T EPLC - rr rg - Grigli pri - Pll pr pri dll cighi - r chiu dl cvrir FFBL OPZ CC C Trii cighi C E Trii d igrggi l cprr è il r dll vr id. Pr qu v fdl cglir qull giu. L r qulific g cprri CC/C C//E vi d iii li è u cl ch ripigr. Pr u p d frc ll vr id pprfi dll cclli prii dll lv ffici ch i ri dlli pr ffrirvi. L g CC/C C//E ffr u pi cl dlli d, c rii cighi igrggi, vlcià fi (fui cric/cric) d vlcià vbil. ci rgici l vr priclri ig vi iur ividur l lui iglir pr l vr pplicii. Qulii dll cgli, ricrr pr u prf irgi r dig qulià cpi, pr grirvi l prii ch didr. Fui Cric cric vlu fi dll cprr cric/cric ffr u pr d c. L pri vi crll d u vlvl igr ch iv il cicl cric/cric dl cprr. l c i cui i rggiug l pri ip, il cprr p ll dlià cric (chiudd l vlvl igr). Qud il vlr pri cd l u livll pcific, il cprr rivvi l cicl. Fui Vlcià Vbil vlu vbil dll cprr vlcià vbil pr u cicl priv c picchi ifriri u prfil più rglr. Qu crriich dvu l crll dll pr dll ll prdui dll l c ll pplici dl cli i u dri. L pri r vi u gri ll ipig u cvrir frqu. i cgu, il cprr cu l l rgi c ffrd u lv ci ci. Crriich pili drd C Vlcià fi Vlcià vbil GGG Vlcià fi Vlcià vbil prr d cric uic pr prr d * iri ri crr drd drd i filri dll piri d ffici lv Pll prfilrggi d lv ffici Pll filrggi drd drd drd drd drd flr ridui dl rur (ulrili) icldr dll li ir li Oli 000 r Oli ip lir i rcupr rgi igr bllggi c cir i lg Vlvl ric rpicl ivvi uic i gui u irrui dll lii drd drd drd drd Crllr v E 00 drd drd = pibil = pibil * Pr qu pi, ccrr il prr d

3 Gr vggi cici L Z FFBLE CE TVTE CECO Cpi qulià pr u ggir ffidbilià ggir pr (F..) c u ir cu rgic Pll filrggi drd ch prlug gli irvlli ui GEVE GET, T- TBLE LLE VOE EGEZE i prur illig: ui i plli prvvii crir rivibili ripiibili pr cui p r uilii c prlli c plli. L u c plli è idl l c i cui l pi pvi i lii r l uili c prlli è u lui priclr pric. FCLE TLZZE, EPE OTTO COLO COLE E00 T pr CC/ C C//E Cicli cric illigi irggi c dll pri ivvi uic i gui u irrui dll lii COLE E00 VZTO pr CC/ C V C// E V OPZ T + Tu l fuilià dl crllr drd pi vrià ir crllr crl igr FCLE TEZ frigrr d rr dll li pri, ch riduc gli bli rici ud l vi uil piivi l ggi u guid crrvli gvl l ui ch gui d u pr l.

4 CC CC CC C C 0 P dl r cf Vlu rffrdd ir dll uci dll cpr, 0 0, 0 0, , P L C cprri c rii cighi di u i c cighi rii prg ir. u vl, qu i è crll d u r lric qulià, ch fui d u vlcià fi. l i cighi rii vi ffr: Fcilià ui Fcilià illi plic fui drd dl r T 0, CC V CC V CC V C V cf ir dll uci dll cpr CC - - C 0 CC - - V C V C 0 0 cf, C C C lug g lr 0 E 0 E 0 pll filrggi rr dll li vl il rr rg rfrigrr d grupp vi crllr r r filr dll ivrr i c rii cighi pll filrggi rfrigrr d vl il rbi prr d li cighi rr rg r grupp vi crllr ivrr r filr dll iccr igr filr dll TE FFEETO ECCTOE // 0// c Vlcià fi Vlcià vbil / ig i CC/C ll dll di P E vgur / / i C d lià d ffici g i p r rbu u d d p i i, ig pi r gi ui pr df. l u l prr. li dll c ggir ripri. rbi prr d li C V C V C V V 0 V Vi E 0 V TPO rgi Gri ll i i dlli, è l dig d ffur più plic ripri irvi cchi l pibilià bi è pri ric u ggir, c ridui cgu ivià. pi i, 0 0 0, 00, ,, 0, , 0, ,, 0 00 TE // FFEETO 0// ECCTOE c C/ (Vlcià fi) E (Vlcià fi) C/ (Vlcià vbil) E (Vlcià vbil) Vrifich rgich L cl u cprr vlcià vbil vi ffr u lui cpri dll ffici dl pu vi rgic, ch icur u rir ul ggir ivi r - i. Pr drvi u id più prci dl pil ripri, l ff Ccc h cr il gli-rgi, u ru ch clcl i d chir vlc i ripri ui drivi dll ivi i u cprr vlcià vbil pr qulii r iduril. Olr qu ru, vi ffri vrifich rgich cul pcili pr iurvi prdr l dcii giu l dll cqui dl vr cprr. E 0 V PO B E P ir dll uci dll cpr cf P V + icr L C P Livll Vlu ir P dll uci dl rur rffrdd- dll r cpr Pr x. (F...) * Vi, VELOC Pri Pr i. VBLE d rcii (F...)* ( br) ii lug GG G Vlu rffrdd Livll rur, lug P dl r P iii ii TPO F Pr ll cii rifri* P Cpi 0 * Prii dll uià clcl i b ll r, llg C, uli i Livll rur clcl i b ll r c dflr pil Tui i di cici i rifric ll cchi rffrdd d iccr igr. Pr i di cici dll cchi rffrdd d dll cchi c iccr igr, rivlgri l pu v lcl VELOC VBLE C Prii più lv c u ir cu rgic Ci ui ifriri u pr p u cighi - VELOC GG G L rii d igrggi può r u i u cprri vlcià vbil ch vlcià c. ci rgici lcli l ig dll pplici r fri drii pr ividur il ip i più cic d ll vr pplici. l i d igrggi vi ffr: Pri rcii rifri F Livll Vlu P dl rur rffrdr d C x. pri rcii VELOC Pr x. (F...) * VELOC Pri Pr i. VBLE d rcii (F...)* ( br) Cpi E i cici C E 0-0 CC - C * Prii dll uià clcl i b ll r, llg C, uli i Livll rur clcl i b ll r c dflr pil Tui i di cici i rifric ll cchi rffrdd d iccr igr. Pr i di cici dll cchi rffrdd d dll cchi c iccr igr, rivlgri l pu v lcl iii VELOC VBLE ii VELOC F lug lug + icr C E 0-0 ii + icr lug V lug V + icr + icr 0 C - - V V E 0-0 Livll rur E P GGG - Vlcià fi vbil BL FF Pr ll cii rifri* P pri ccll c ripri rgic Pri rcii rifri L drd dl r, fcil d uilir d prr ui P P x. pri rcii F E i cici PBL T L BL FF C - Vlcià fi vbil VELOC PBL PO B T L lug g lr

5 CC CC CC C C 0 P dl r cf Vlu rffrdd ir dll uci dll cpr, 0 0, 0 0, , P L C cprri c rii cighi di u i c cighi rii prg ir. u vl, qu i è crll d u r lric qulià, ch fui d u vlcià fi. l i cighi rii vi ffr: Fcilià ui Fcilià illi plic fui drd dl r T 0, CC V CC V CC V C V cf ir dll uci dll cpr CC - - C 0 CC - - V C V C 0 0 cf, C C C lug g lr 0 E 0 E 0 pll filrggi rr dll li vl il rr rg rfrigrr d grupp vi crllr r r filr dll ivrr i c rii cighi pll filrggi rfrigrr d vl il rbi prr d li cighi rr rg r grupp vi crllr ivrr r filr dll iccr igr filr dll TE FFEETO ECCTOE // 0// c Vlcià fi Vlcià vbil / ig i CC/C ll dll di P E vgur / / i C d lià d ffici g i p r rbu u d d p i i, ig pi r gi ui pr df. l u l prr. li dll c ggir ripri. rbi prr d li C V C V C V V 0 V Vi E 0 V TPO rgi Gri ll i i dlli, è l dig d ffur più plic ripri irvi cchi l pibilià bi è pri ric u ggir, c ridui cgu ivià. pi i, 0 0 0, 00, ,, 0, , 0, ,, 0 00 TE // FFEETO 0// ECCTOE c C/ (Vlcià fi) E (Vlcià fi) C/ (Vlcià vbil) E (Vlcià vbil) Vrifich rgich L cl u cprr vlcià vbil vi ffr u lui cpri dll ffici dl pu vi rgic, ch icur u rir ul ggir ivi r - i. Pr drvi u id più prci dl pil ripri, l ff Ccc h cr il gli-rgi, u ru ch clcl i d chir vlc i ripri ui drivi dll ivi i u cprr vlcià vbil pr qulii r iduril. Olr qu ru, vi ffri vrifich rgich cul pcili pr iurvi prdr l dcii giu l dll cqui dl vr cprr. E 0 V PO B E P ir dll uci dll cpr cf P V + icr L C P Livll Vlu ir P dll uci dl rur rffrdd- dll r cpr Pr x. (F...) * Vi, VELOC Pri Pr i. VBLE d rcii (F...)* ( br) ii lug GG G Vlu rffrdd Livll rur, lug P dl r P iii ii TPO F Pr ll cii rifri* P Cpi 0 * Prii dll uià clcl i b ll r, llg C, uli i Livll rur clcl i b ll r c dflr pil Tui i di cici i rifric ll cchi rffrdd d iccr igr. Pr i di cici dll cchi rffrdd d dll cchi c iccr igr, rivlgri l pu v lcl VELOC VBLE C Prii più lv c u ir cu rgic Ci ui ifriri u pr p u cighi - VELOC GG G L rii d igrggi può r u i u cprri vlcià vbil ch vlcià c. ci rgici lcli l ig dll pplici r fri drii pr ividur il ip i più cic d ll vr pplici. l i d igrggi vi ffr: Pri rcii rifri F Livll Vlu P dl rur rffrdr d C x. pri rcii VELOC Pr x. (F...) * VELOC Pri Pr i. VBLE d rcii (F...)* ( br) Cpi E i cici C E 0-0 CC - C * Prii dll uià clcl i b ll r, llg C, uli i Livll rur clcl i b ll r c dflr pil Tui i di cici i rifric ll cchi rffrdd d iccr igr. Pr i di cici dll cchi rffrdd d dll cchi c iccr igr, rivlgri l pu v lcl iii VELOC VBLE ii VELOC F lug lug + icr C E 0-0 ii + icr lug V lug V + icr + icr 0 C - - V V E 0-0 Livll rur E P GGG - Vlcià fi vbil BL FF Pr ll cii rifri* P pri ccll c ripri rgic Pri rcii rifri L drd dl r, fcil d uilir d prr ui P P x. pri rcii F E i cici PBL T L BL FF C - Vlcià fi vbil VELOC PBL PO B T L lug g lr

6 CC CC CC C C 0 P dl r cf Vlu rffrdd ir dll uci dll cpr, 0 0, 0 0, , P L C cprri c rii cighi di u i c cighi rii prg ir. u vl, qu i è crll d u r lric qulià, ch fui d u vlcià fi. l i cighi rii vi ffr: Fcilià ui Fcilià illi plic fui drd dl r T 0, CC V CC V CC V C V cf ir dll uci dll cpr CC - - C 0 CC - - V C V C 0 0 cf, C C C lug g lr 0 E 0 E 0 pll filrggi rr dll li vl il rr rg rfrigrr d grupp vi crllr r r filr dll ivrr i c rii cighi pll filrggi rfrigrr d vl il rbi prr d li cighi rr rg r grupp vi crllr ivrr r filr dll iccr igr filr dll TE FFEETO ECCTOE // 0// c Vlcià fi Vlcià vbil / ig i CC/C ll dll di P E vgur / / i C d lià d ffici g i p r rbu u d d p i i, ig pi r gi ui pr df. l u l prr. li dll c ggir ripri. rbi prr d li C V C V C V V 0 V Vi E 0 V TPO rgi Gri ll i i dlli, è l dig d ffur più plic ripri irvi cchi l pibilià bi è pri ric u ggir, c ridui cgu ivià. pi i, 0 0 0, 00, ,, 0, , 0, ,, 0 00 TE // FFEETO 0// ECCTOE c C/ (Vlcià fi) E (Vlcià fi) C/ (Vlcià vbil) E (Vlcià vbil) Vrifich rgich L cl u cprr vlcià vbil vi ffr u lui cpri dll ffici dl pu vi rgic, ch icur u rir ul ggir ivi r - i. Pr drvi u id più prci dl pil ripri, l ff Ccc h cr il gli-rgi, u ru ch clcl i d chir vlc i ripri ui drivi dll ivi i u cprr vlcià vbil pr qulii r iduril. Olr qu ru, vi ffri vrifich rgich cul pcili pr iurvi prdr l dcii giu l dll cqui dl vr cprr. E 0 V PO B E P ir dll uci dll cpr cf P V + icr L C P Livll Vlu ir P dll uci dl rur rffrdd- dll r cpr Pr x. (F...) * Vi, VELOC Pri Pr i. VBLE d rcii (F...)* ( br) ii lug GG G Vlu rffrdd Livll rur, lug P dl r P iii ii TPO F Pr ll cii rifri* P Cpi 0 * Prii dll uià clcl i b ll r, llg C, uli i Livll rur clcl i b ll r c dflr pil Tui i di cici i rifric ll cchi rffrdd d iccr igr. Pr i di cici dll cchi rffrdd d dll cchi c iccr igr, rivlgri l pu v lcl VELOC VBLE C Prii più lv c u ir cu rgic Ci ui ifriri u pr p u cighi - VELOC GG G L rii d igrggi può r u i u cprri vlcià vbil ch vlcià c. ci rgici lcli l ig dll pplici r fri drii pr ividur il ip i più cic d ll vr pplici. l i d igrggi vi ffr: Pri rcii rifri F Livll Vlu P dl rur rffrdr d C x. pri rcii VELOC Pr x. (F...) * VELOC Pri Pr i. VBLE d rcii (F...)* ( br) Cpi E i cici C E 0-0 CC - C * Prii dll uià clcl i b ll r, llg C, uli i Livll rur clcl i b ll r c dflr pil Tui i di cici i rifric ll cchi rffrdd d iccr igr. Pr i di cici dll cchi rffrdd d dll cchi c iccr igr, rivlgri l pu v lcl iii VELOC VBLE ii VELOC F lug lug + icr C E 0-0 ii + icr lug V lug V + icr + icr 0 C - - V V E 0-0 Livll rur E P GGG - Vlcià fi vbil BL FF Pr ll cii rifri* P pri ccll c ripri rgic Pri rcii rifri L drd dl r, fcil d uilir d prr ui P P x. pri rcii F E i cici PBL T L BL FF C - Vlcià fi vbil VELOC PBL PO B T L lug g lr

7 CC CC CC C C 0 P dl r cf Vlu rffrdd ir dll uci dll cpr, 0 0, 0 0, , P L C cprri c rii cighi di u i c cighi rii prg ir. u vl, qu i è crll d u r lric qulià, ch fui d u vlcià fi. l i cighi rii vi ffr: Fcilià ui Fcilià illi plic fui drd dl r T 0, CC V CC V CC V C V cf ir dll uci dll cpr CC - - C 0 CC - - V C V C 0 0 cf, C C C lug g lr 0 E 0 E 0 pll filrggi rr dll li vl il rr rg rfrigrr d grupp vi crllr r r filr dll ivrr i c rii cighi pll filrggi rfrigrr d vl il rbi prr d li cighi rr rg r grupp vi crllr ivrr r filr dll iccr igr filr dll TE FFEETO ECCTOE // 0// c Vlcià fi Vlcià vbil / ig i CC/C ll dll di P E vgur / / i C d lià d ffici g i p r rbu u d d p i i, ig pi r gi ui pr df. l u l prr. li dll c ggir ripri. rbi prr d li C V C V C V V 0 V Vi E 0 V TPO rgi Gri ll i i dlli, è l dig d ffur più plic ripri irvi cchi l pibilià bi è pri ric u ggir, c ridui cgu ivià. pi i, 0 0 0, 00, ,, 0, , 0, ,, 0 00 TE // FFEETO 0// ECCTOE c C/ (Vlcià fi) E (Vlcià fi) C/ (Vlcià vbil) E (Vlcià vbil) Vrifich rgich L cl u cprr vlcià vbil vi ffr u lui cpri dll ffici dl pu vi rgic, ch icur u rir ul ggir ivi r - i. Pr drvi u id più prci dl pil ripri, l ff Ccc h cr il gli-rgi, u ru ch clcl i d chir vlc i ripri ui drivi dll ivi i u cprr vlcià vbil pr qulii r iduril. Olr qu ru, vi ffri vrifich rgich cul pcili pr iurvi prdr l dcii giu l dll cqui dl vr cprr. E 0 V PO B E P ir dll uci dll cpr cf P V + icr L C P Livll Vlu ir P dll uci dl rur rffrdd- dll r cpr Pr x. (F...) * Vi, VELOC Pri Pr i. VBLE d rcii (F...)* ( br) ii lug GG G Vlu rffrdd Livll rur, lug P dl r P iii ii TPO F Pr ll cii rifri* P Cpi 0 * Prii dll uià clcl i b ll r, llg C, uli i Livll rur clcl i b ll r c dflr pil Tui i di cici i rifric ll cchi rffrdd d iccr igr. Pr i di cici dll cchi rffrdd d dll cchi c iccr igr, rivlgri l pu v lcl VELOC VBLE C Prii più lv c u ir cu rgic Ci ui ifriri u pr p u cighi - VELOC GG G L rii d igrggi può r u i u cprri vlcià vbil ch vlcià c. ci rgici lcli l ig dll pplici r fri drii pr ividur il ip i più cic d ll vr pplici. l i d igrggi vi ffr: Pri rcii rifri F Livll Vlu P dl rur rffrdr d C x. pri rcii VELOC Pr x. (F...) * VELOC Pri Pr i. VBLE d rcii (F...)* ( br) Cpi E i cici C E 0-0 CC - C * Prii dll uià clcl i b ll r, llg C, uli i Livll rur clcl i b ll r c dflr pil Tui i di cici i rifric ll cchi rffrdd d iccr igr. Pr i di cici dll cchi rffrdd d dll cchi c iccr igr, rivlgri l pu v lcl iii VELOC VBLE ii VELOC F lug lug + icr C E 0-0 ii + icr lug V lug V + icr + icr 0 C - - V V E 0-0 Livll rur E P GGG - Vlcià fi vbil BL FF Pr ll cii rifri* P pri ccll c ripri rgic Pri rcii rifri L drd dl r, fcil d uilir d prr ui P P x. pri rcii F E i cici PBL T L BL FF C - Vlcià fi vbil VELOC PBL PO B T L lug g lr

8 Cprri vi d iii d li, rii cighi d igrggi dlli CC/C C//E POBL PTP PBL TEC O C T EPLC FFBL prd fil qulià uprir d u clgi i cui pui fr ffid cglid u ri cprri d prii clidr c i u prrhip durur ri prdi plici fcili d ur icur l i ffidbilià L i cic il rvii p-v icuri Pri rigili ui ri rivri vi pr vicii vi ffr l lr i pibilià u i vri prfii iglir l igi dll vr id C ubi il vr rppr Ccc! 0

PROGETTO PON SICUREZZA 2007-2013 Gli investimenti delle mafie

PROGETTO PON SICUREZZA 2007-2013 Gli investimenti delle mafie PROGETTO PON SICUREZZA 27-213 Gli investimenti delle mafie SINTESI Progetto I beni sequestrati e confiscati alle organizzazioni criminali nelle regioni dell Obiettivo Convergenza: dalle strategie di investimento

Dettagli

Anno 2013 Tipologia Istituzione U - UNITA' SANITARIE LOCALI. Istituzione 9565 - ASL VENEZIA - MESTRE 12 Contratto SSNA - SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE

Anno 2013 Tipologia Istituzione U - UNITA' SANITARIE LOCALI. Istituzione 9565 - ASL VENEZIA - MESTRE 12 Contratto SSNA - SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE nno 213 Tipologia Istituzione U - UNIT' SNIT LCLI Istituzione 9565 - SL VNZI - MSTR 12 Contratto SSN - SRVIZI SNIT NZINL Fase/Stato Rilevazione: pprovazione/ttiva Data Creazione Stampa: 19/6/215 14:15:25

Dettagli

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA 1 esercizi in corrente continua completamente svolti ESERCIZI DI ELETTROTECNICA IN CORRENTE CONTINUA ( completamente svolti ) a cura del Prof. Michele ZIMOTTI 1 2 esercizi in corrente continua completamente

Dettagli

METODO VOLTAMPEROMETRICO

METODO VOLTAMPEROMETRICO METODO OLTAMPEOMETCO Tle etodo consente di isrre indirettente n resistenz elettric ed ipieg l definizione stess di resistenz : doe rppresent l tensione i cpi dell resistenz e l corrente che l ttrers coe

Dettagli

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia Una voce oco a / Barbiere di Siviglia Andante 4 3 RÔ tr tr tr 4 3 RÔ & K r # Gioachino Rossini # n 6 # R R n # n R R R R # n 8 # R R n # R R n R R & & 12 r r r # # # R Una voce oco a qui nel cor mi ri

Dettagli

George Frideric Handel. Reduction. From the Deutsche Händelgesellschaft Edition Edited by Frideric Chrysander

George Frideric Handel. Reduction. From the Deutsche Händelgesellschaft Edition Edited by Frideric Chrysander Gorg Fdc Hndl GIULIO CESARE 1724 Rduction From th Dutsch Händlgsllschft Etion Etd by Fdc Chrysndr Copyght 2001-2008 Nis Scux. Licnsd undr th Ctiv Commons Attbution 3.0 Licns 2 3 INDICE 0-1 OUVERTURE 5

Dettagli

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008 ANALISI REALE E COMPLESSA.. 2007-2008 1 Successioni e serie di funzioni 1.1 Introduzione In questo cpitolo studimo l convergenz di successioni del tipo n f n, dove le f n sono tutte funzioni vlori reli

Dettagli

V ar i a nt e spec if ic a ai s ens i de l l a rt. 17 c o mm a 8 de l l a L.R. 56 /7 7 e s.m.i.

V ar i a nt e spec if ic a ai s ens i de l l a rt. 17 c o mm a 8 de l l a L.R. 56 /7 7 e s.m.i. Inquadramento generale e obiettivi delle modifiche La Variante specifica art. 17 comma 7 definita nei suoi obiettivi generali come anticipatoria di alcuni contenuti della variante Strutturale Qualità è

Dettagli

VBA. Il Visual Basic for Application. Funz ioni

VBA. Il Visual Basic for Application. Funz ioni VBA Il Visual Basic for Application Le funz ioni Le procedure Funz ioni µ E pos s ibile (e cons igliato) s comporre un problema i n sotto- problemi e combinar e poi assieme le s oluz i oni per ottenere

Dettagli

LINGUAGGI'CREATIVITA 'ESPRESSIONE' '

LINGUAGGI'CREATIVITA 'ESPRESSIONE' ' LINGUAGGICREATIVITA ESPRESSIONE 3 4ANNI 5ANNI Mniplrmtrilidivritipin finlizzt. Fmilirizzrindivrtntcnil cmputr Ricnsclmntidl mnd/rtificilcglindn diffrnzprfrmmtrili Distingugliggttinturlidqulli rtificili.

Dettagli

Il villaggio delle fiabe

Il villaggio delle fiabe Il villaggio delle fiabe Idea Progetto bambini 2^ A A. Mei Costruzione Direzione dei lavori maestre L idea di partenza Il DADO è un cubo. Noi siamo molto curiosi e ci siamo posti questa domanda: Come sono

Dettagli

C T. I ORIGINALE] 9249/15. AG x elettlvllliicnte. REPUBBLICA ITALIANA Ogi!J4ltto. BR X in proprio c nel1ft. procura speci al e in calce al ricorso;

C T. I ORIGINALE] 9249/15. AG x elettlvllliicnte. REPUBBLICA ITALIANA Ogi!J4ltto. BR X in proprio c nel1ft. procura speci al e in calce al ricorso; r 9249/15 I ORIGINALE] REPUBBLICA ITALIANA Ogi!J4ltto C T. IN NaG: DEL POPOLO ITALIANO LA CO RTE SUPREMA DI CASSAZIONE COr.lpOSU daql1 I 11. lid Siqq.ri M.aq lst.n t.1.: Cott. G!OVANNI BATT I STA PETTr

Dettagli

10. Risorse umane coinvolte nella prima fase del progetto Ceis comunità.

10. Risorse umane coinvolte nella prima fase del progetto Ceis comunità. 0. Risrs uman cinvl nlla prima fas dl prg Cis cmunià. funzini n. n. r Oprari di Prg Prgazin, pianificazin dl prg O p r a ri d l p r g prari di bas prari cnici cn qualifica prfssinal prari spcializzai Op.

Dettagli

\ l o n g a r e \ RE5 INDICE - TITOLO PRIMO - NORME GENERALI

\ l o n g a r e \ RE5 INDICE - TITOLO PRIMO - NORME GENERALI \ l o n g a r e \ RE5 INDICE - TITOLO PRIMO - NORME GENERALI ART. 1 - OGGETTO DEL REGOL AMENTO EDI L I ZI O E RI CHI AMO AL L E DI SPOSI ZI ONI DI L EGGE E REGOL AMENTI - TITOLO SECONDO - DISCIPLINA DEGLI

Dettagli

La CANCELLAZIONE di: dal REGISTRO delle IMPRESE e dall ALBO delle IMPRESE ARTIGIANE

La CANCELLAZIONE di: dal REGISTRO delle IMPRESE e dall ALBO delle IMPRESE ARTIGIANE Registro Imprese La CANCELLAZIONE di: Imprese Individuali Società di Persone Società di Capitale dal REGISTRO delle IMPRESE e dall ALBO delle IMPRESE ARTIGIANE Indice Introduzione pag. 3 Cancellazione

Dettagli

RELAZIONE TECNICA PROTEZIONE CONTRO I FULMINI. di struttura adibita a Ufficio. relativa alla

RELAZIONE TECNICA PROTEZIONE CONTRO I FULMINI. di struttura adibita a Ufficio. relativa alla II I RELAZIONE TECNICA t relativa alla PROTEZIONE CONTRO I FULMINI di struttura adibita a Ufficio. sita nel comune di AF.EZZO (AR) PROPRIET A' AP{EZZO MULTISERVIZI SRL Valutazione del rischio dovuto al

Dettagli

Protezione degli apparecchi utilizzatori Acti 9

Protezione degli apparecchi utilizzatori Acti 9 Protezione degli apparecchi utilizzatori Acti 9 Interruttori per protezione motore P5M 68 Ausiliari per interruttore P5M 70 Sezionatori-fusibili STI 7 Limitatori di sovratensione di Tipo PRF Master 7 Limitatori

Dettagli

A S S O C I A Z I O N E - A S S O C I AT I O N - ONLUS. P R E S I D E N T E Associazione La Nostra Famiglia. Consiglio di Amministrazione

A S S O C I A Z I O N E - A S S O C I AT I O N - ONLUS. P R E S I D E N T E Associazione La Nostra Famiglia. Consiglio di Amministrazione P R E S I D E N T E Associazione La Nostra Famiglia Consiglio di Amministrazione D i re t t o re Generale SEZIONE DI RICERCA ISTITUTO SCIENTIFICO E. MEDEA RESEARCH SECTION E.MEDEA Comitato Etico P residente

Dettagli

Analisi Costi e Benefici Laura Vici laura.vici@unibo.it LEZIONE 5

Analisi Costi e Benefici Laura Vici laura.vici@unibo.it LEZIONE 5 Analisi Costi e Benefici Laura Vici laura.vici@unibo.it LEZIONE 5 Rimini, 26 aprile 2006 1 The Inter temporal Effects of International Trade Valore in $ del consumo di beni oggi G D F H 1/(1+r) G Valore

Dettagli

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino:

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino: Prof. Emnul ANDRISANI Studio di funzion Funzioni rzionli intr n n o... n n Crttristich: sono funzioni continu drivbili in tutto il cmpo rl D R quindi non sistono sintoti vrticli D R quindi non sistono

Dettagli

BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza

BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza AN001 Centro di Ateneo di Documentazione - Polo Villarey - Facoltà

Dettagli

Capitolo 7. Circuiti magnetici

Capitolo 7. Circuiti magnetici Capitolo 7. Circuiti magnetici Esercizio 7.1 Dato il circuito in figura 7.1 funzionante in regime stazionario, sono noti: R1 = 7.333 Ω, R2 = 2 Ω, R3 = 7 Ω δ1 = 1 mm, δ2 = 1.3 mm, δ3 = 1.5 mm Α = 8 cm 2,

Dettagli

O la, o che bon eccho! (The Echo Song)

O la, o che bon eccho! (The Echo Song) la che bn ecch! (The Ech ng) ATB Duble Chir a cappella rland di Lass (1532-1596) CANT (pran I) 2 ALT (Alt II) 2 TENRE (Tenr II) BA (Bass I) % E %E % E E 1 la la la la che bun che bun che bun che bun ec

Dettagli

Rexroth Pneumatics. Cilindro senz asta Cilindri senza stelo. Pressione di esercizio min/max Temperatura ambiente min./max.

Rexroth Pneumatics. Cilindro senz asta Cilindri senza stelo. Pressione di esercizio min/max Temperatura ambiente min./max. Rexroth Pneumatics 1 Pressione di esercizio min/max 2 bar / 8 bar Temperatura ambiente min./max. -10 C / +60 C Fluido Aria compressa Dimensione max. particella 5 µm contenuto di olio dell aria compressa

Dettagli

ATTREZZATURE A TEMPERATURA POSITIVA

ATTREZZATURE A TEMPERATURA POSITIVA ANUGA COLONIA 05-09 OTTOBRE 2013 Ragione Sociale Inviare a : all'attenzione di : Padiglione Koelnmesse Srl Giulia Falchetti/Alessandra Cola Viale Sarca 336 F tel. 02/86961336 Stand 20126 Milano fax 02/89095134

Dettagli

LE IRRESISTIBILI DOLCI TENTAZIONI DEL MOMENTO, SCEGLI LA TUA BASE SCATENA LA TUA FANTASIA CONQUISTA TANTI NUOVI CLIENTI!

LE IRRESISTIBILI DOLCI TENTAZIONI DEL MOMENTO, SCEGLI LA TUA BASE SCATENA LA TUA FANTASIA CONQUISTA TANTI NUOVI CLIENTI! Le ALL ITALIANA CREA LA TUA ALL ITALIANA Decidi di essere oriin le, cre tivo e diverso d i tuoi concorrenti : Cre le tue person lissime cup c kes ll it li n, LE IRRESISTIBILI DOLCI TENTAZIONI DEL MOMENTO,

Dettagli

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI . L'INSIEME DEI NUMERI REALI. I pricipli isiemi di umeri Ripredimo i pricipli isiemi umerici N, l'isieme dei umeri turli 0; ; ; ; ;... L'ide ituitiv di umero turle è ssocit l prolem di cotre e ordire gli

Dettagli

VILLAGGI TURISTICI Comunicazione dell attrezzatura e dei prezzi per l anno 20

VILLAGGI TURISTICI Comunicazione dell attrezzatura e dei prezzi per l anno 20 MOD.COM/VIT COMUNE di VILLAGGI TURISTICI Comunicazione dell attrezzatura e dei prezzi per l anno 20 1 SEMESTRE (scrivere a macchina o in stampatello) 2 SEMESTRE 01 Denominazione del Villaggio Turistico

Dettagli

Forze Conservative. Il lavoro eseguito da una forza conservativa lungo un qualunque percorso chiuso e nullo.

Forze Conservative. Il lavoro eseguito da una forza conservativa lungo un qualunque percorso chiuso e nullo. Lavoro ed energia 1. Forze conservative 2. Energia potenziale 3. Conservazione dell energia meccanica 4. Conservazione dell energia nel moto del pendolo 5. Esempio: energia potenziale gravitazionale 6.

Dettagli

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità COMMISSIONE AMMINISTRATIVA PER LA SICUREZZA SOCIALE DEI LAVORATORI MIGRANTI E 104 CH (1) CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA Malattia maternità

Dettagli

PROGRAMMA DI RlQUALIFICAZIONE URBANA E SVILUPPO SOSTENIBILE DEL TERRlTORlO PRUSST CALIDONE. COLLEGIa DI VIGILANZA P.R.U.S.S.T.

PROGRAMMA DI RlQUALIFICAZIONE URBANA E SVILUPPO SOSTENIBILE DEL TERRlTORlO PRUSST CALIDONE. COLLEGIa DI VIGILANZA P.R.U.S.S.T. PRUSST "CALDONE" Programma di Riqualificazione Urbana e Sviluppo So sren i bi le del Terr it o r i o Collegio d i Vigilanza Via Traianc.tc- 821 ne-benevento. Tel.:0824/21549 Fax:0824/25432 Email: collegiodivigilanza@virgilio.it

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÁ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI SALERNO PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÁ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI SALERNO PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO Distrtto Scolastico N 53 Nocra Infrior (SA) SCUOLA MEDIA STATALE Frsa- Pascoli Vial Europa ~ 84015 NOCERA SUPERIORE (SA) Tl. 081 933111-081 931395- fax: 081 936230 C.F.: 94041550651 Cod: Mcc.: SAMM28800N

Dettagli

-r#s*ts*^ fk **rr?r--w. "-ì"* f &" '& Fr\COLTA' DI ECONOMIA. Cotrltre.ro rlerrorale. no 321.-,-,..''':...: rfo 4, -_- rjle'.' 0

-r#s*ts*^ fk **rr?r--w. -ì* f & '& Fr\COLTA' DI ECONOMIA. Cotrltre.ro rlerrorale. no 321.-,-,..''':...: rfo 4, -_- rjle'.' 0 -r#s*ts*^ "-ì"* f &" '& fk **rr?r--w UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FALERMO Fr\COLTA' DI ECONOMIA Cotrltre.ro rlerrorale Sulla base dei verbali redatti dalla (lornmissione del Seggio elettorale presieduta dalla

Dettagli

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito.

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito. Integrli de niti. Il problem di clcolre l re di un regione pin delimitt d gr ci di funzioni si può risolvere usndo l integrle de nito. L integrle de nito st l problem del clcolo di ree come l equzione

Dettagli

Letture progressive per la prima

Letture progressive per la prima Letture progressive per la prima Alunno/a ------------ Classe --- ORDINE DI PRESENTAZIONE DELLE LETTERE O I A U - E M R S L F P T - N B V - Z D CA CO CU Q CE CI GA GO GU GE GI H CHE CHI GHE GHI SCHE SCHI

Dettagli

Ottica in policarbonato opalino bianco

Ottica in policarbonato opalino bianco Modulo a sospensione e a soffitto per lampade fluorescenti lineari T5. Schermo di chiusura frontale in policarbonato opalino bianco, a filo apparecchio. Ottica in policarbonato opalino bianco 7086 Modulo

Dettagli

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI:

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI: COMUNE DI FINALE EMILIA (Provincia di Modena) P.zza Verdi, 1 41034 Finale Emilia (Mo) Tel. 0535-788111 fa 0535-788130 Sito Internet: www.comunefinale.net SERVIZIO URBANISTICA E EDILIZIA PRIVATA AUTOCALCOLO

Dettagli

6 fl. . di non aver subito condanne penali;. di assicurare la propria presènza a tutti gli incontri collegati alla realizzazione del P.I.

6 fl. . di non aver subito condanne penali;. di assicurare la propria presènza a tutti gli incontri collegati alla realizzazione del P.I. FOn,l Éù.TTBUTTURQLI \àd, ia) EUROPEI 2047-2015.ÙMPETENZÉ PER LO SVILUPP (r e, - r{btenll P B L' APPNEN IMENTO {FC ) l-c.'sawétvlllll" ISTITUTO COMPRENSIVO "G. SAIVEMIM" 74122 TARANTO. VIA GREGORIO VII,

Dettagli

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg.

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg. COMUNE DI PALMANOVA Provincia di Udine Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Copia N. 120 Reg. OGGETTO: Integrazione del G.C. 34 dd. 11.04.2012 "Servizi pubblici a domanda individuale 2012 - determinazione

Dettagli

DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ, VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ AI FINI IVA

DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ, VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ AI FINI IVA Modello 9/11 DIHIRZIONE DI INIZIO TTIVITÀ, VRIZIONE DTI O ESSZIONE TTIVITÀ I FINI IV (IMPRESE INDIVIDULI E LVORTORI UTONOMI) Informativa sul dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del

Dettagli

PROGETTAZIONE DIDATTICA PER COMPETENZE

PROGETTAZIONE DIDATTICA PER COMPETENZE ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE G. M. MONTANI CONVITTO ANNESSO AZIENDA AGRARIA 63900 FERMO Via Montani n. 7 - Tl. 0734-622632 Fax 0734-622912 www.istitutomontani.it -mail aptf010002@istruzion.it Coc

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

VERIFICA DI UN CIRCUITO RESISTIVO CONTENENTE PIÙ GENERATORI CON UN TERMINALE COMUNE E SENZA TERMINALE COMUNE.

VERIFICA DI UN CIRCUITO RESISTIVO CONTENENTE PIÙ GENERATORI CON UN TERMINALE COMUNE E SENZA TERMINALE COMUNE. FCA D UN CCUTO SSTO CONTNNT PÙ GNATO CON UN TMNAL COMUN SNZA TMNAL COMUN. Si verifino quttro iruiti on due genertori: genertori on polrità onorde e un terminle omune genertori on polrità disorde e un terminle

Dettagli

Joomla! Import/Export Virtuemart

Joomla! Import/Export Virtuemart Joomla! Import/Export Virtuemart Queste funzionalità permettono di importare anagrafiche e prodotti all interno del componente Virtuemart 2.0.x, installato su un sito Joomla! 2.5 e di esportare da esso

Dettagli

Monitoraggio quantitativo della risorsa idrica superficiale Anno 2012

Monitoraggio quantitativo della risorsa idrica superficiale Anno 2012 Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale Politiche mbientali, nergia e Cambiamenti Climatici Settore Servizio Idrologico Regionale Centro Funzionale della Regione Toscana M Monitoraggio quantitativo

Dettagli

Ca ta l o go dei pro d o t t i. Spl i n e I m pla n t Syste m

Ca ta l o go dei pro d o t t i. Spl i n e I m pla n t Syste m Per ul teriori info r ma zioni sui nostri Prodotti, sui nostri pro g rammi pro fessi o nali e sul n ost ro p ro g ra m ma di Co n t i n u i ng Ed u cation, co n ta t ta te ci : Zimmer De n tal I tal y

Dettagli

C O M U N E.Di FO R M TA

C O M U N E.Di FO R M TA C O M U N E.Di FO R M TA P r o v in c ia di L a t in a SETTO RE : POLIZIA LOCALE E SERVIZI SOCIALI SERVIZIO : UFFICIO SCUOLA e d i r i t t o a l l o s t u d i o 1 2 FEB. 2015 N. 3 o D e t e r m in a z

Dettagli

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 02 FASCICOLO 2 Quadro RH Quadro RL Quadro RM Quadro RT Quadro RR Redditi di partecipazione in

Dettagli

IL PIANETA TERRA. IL RETICOLATO TERRESTRE POLI: sono i punti di intersezione tra l asse terrestre e la superficie terrestre. s i pia i paralleli

IL PIANETA TERRA. IL RETICOLATO TERRESTRE POLI: sono i punti di intersezione tra l asse terrestre e la superficie terrestre. s i pia i paralleli IL PIANETA TERRA IL RETICOLATO TERRESTRE POLI: sono i punti di intersezione tra l asse terrestre e la superficie terrestre. s i pia i paralleli all a r e a su. EQUATORE: piano perpendic lare all i rotazione,

Dettagli

07 GUIDA ALLA PROGETTAZIONE. Guida alla progettazione

07 GUIDA ALLA PROGETTAZIONE. Guida alla progettazione 07 Guid ll progettzione Scelt tubzioni e giunti 2 tubi di misur [mm] Dimetro tubzioni unità esterne (A) Giunti 12Hp 1Hp 1Hp Selezionre il dimetro delle unità esterne dll seguente tbell Giunto Y tr unità

Dettagli

SPETTRO DI RISPOSTA ELASTICO SPETTRO DI PROGETTO

SPETTRO DI RISPOSTA ELASTICO SPETTRO DI PROGETTO SPETTRO DI RISPOSTA ELASTICO SPETTRO DI PROGETTO 1 (Ridis. con modifiche da M. De Stefano, 2009) 2 3 Concetto di duttilità 4 5 6 7 E necessario avere i valori di q dallo strutturista ( ma anche qo). Per

Dettagli

Introduzione all elettronica

Introduzione all elettronica Introduzione all elettronica L elettronica nacque agli inizi del 1900 con l invenzione del primo componente elettronico, il diodo (1904) seguito poi dal triodo (1906) i cosiddetti tubi a vuoto. Questa

Dettagli

Specifiche tecniche per la trasmissione telematica della certificazione Unica 2015

Specifiche tecniche per la trasmissione telematica della certificazione Unica 2015 ALLEGATO A Specifiche tecniche per la trasmissione telematica della certificazione Unica 2015 per i redditi di lavoro dipendente/assimilati e di lavoro autonomo/provvigioni e diversi Specifiche tecniche

Dettagli

Esercitazione IX - Calorimetria

Esercitazione IX - Calorimetria Esercitazione IX - Calorimetria Esercizio 1 Un blocco di rame di massa m Cu = 5g si trova a una temperatura iniziale T i = 25 C. Al blocco viene fornito un calore Q = 120J. Determinare la temperatura finale

Dettagli

Interruttori di posizione precablati serie FA

Interruttori di posizione precablati serie FA Interruttori di posizione precablati serie FA Diagramma di selezione 01 08 10 11 1 15 1 0 guarnizione guarnizione esterna in esterna in gomma gomma AZIONATORI 1 51 5 54 55 56 5 leva leva regolabile di

Dettagli

Domanda n. del Pensione n. cat. abitante a Prov. CAP. via n. DICHIARA, sotto la propria responsabilità, che per gli anni:

Domanda n. del Pensione n. cat. abitante a Prov. CAP. via n. DICHIARA, sotto la propria responsabilità, che per gli anni: Mod. RED Sede di Domnd n. del Pensione n. ct. nto il stto civile bitnte Prov. CAP vi n. DICHIARA, sotto l propri responsbilità, che per gli nni: A B (brrre l csell reltiv ll propri situzione) NON POSSIEDE

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

Non vuoi disegnare a mano libera? Preferisci usare il computer? Nessun problema! Puoi...

Non vuoi disegnare a mano libera? Preferisci usare il computer? Nessun problema! Puoi... Idee per nn far fatica Nn vui disegnare a man libera? Preferisci usare il cmputer? Nessun prblema! Pui... Utilizzare gli emticn In quest blg ci sn numersi emticn a tua dispsizine. Clicca semplicemente

Dettagli

2014 Indicazioni per il Rimborso. Insieme per una gestione più semplice.

2014 Indicazioni per il Rimborso. Insieme per una gestione più semplice. 2014 Indicazioni per il Rimborso. Insieme per una gestione più semplice. Ticket Restaurant City Time Ticket Restaurant Smart Ticket Restaurant Card BuonChef Standard BuonChef Club Ticket Restaurant Max

Dettagli

Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura

Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura Diagramma di selezione VF KEYF VF KEYF1 VF KEYF2 VF KEYF3 VF KEYF7 VF KEYF AZIONATORI UNITA DI CONTATTO 1 2 21 22 2NO+1NC FD FP

Dettagli

Tabella riassuntiva ai sensi dell Art.1, comma 32 della Legge 06/11/2012 n. 190. -Gruppo Talarico S.R.L. -P.I.02610230795 Soveria Mannelli (CZ)

Tabella riassuntiva ai sensi dell Art.1, comma 32 della Legge 06/11/2012 n. 190. -Gruppo Talarico S.R.L. -P.I.02610230795 Soveria Mannelli (CZ) Legione Carabinieri Servizio Amministrativo Via G.Marafioti,19 88100 Catanzaro C.F. 80002040790 C.NO 091/713000 e-mail tcz34277@pec.carabinieri.it Tabella riassuntiva ai sensi dell Art.1, comma 32 della

Dettagli

Guida per l utente di BookDB. Tr a d u zio ne n o n ufficiale e libera m e nte a dattata del m a n u ale dell utente da:

Guida per l utente di BookDB. Tr a d u zio ne n o n ufficiale e libera m e nte a dattata del m a n u ale dell utente da: Guida per l utente di BookDB Tr a d u zio ne n o n ufficiale e libera m e nte a dattata del m a n u ale dell utente da: Zerg Productions p u b blica anche: U lteriori infor m a zio ni sul sito: http://randor

Dettagli

Autore BIOETICA. num ero speci ale P.Cattorini, P.Minnucci, D. Morelli 1990

Autore BIOETICA. num ero speci ale P.Cattorini, P.Minnucci, D. Morelli 1990 Num r Cd ic Titl Vlu m Autr An pubblic azin Citt à Editr Catgri a BIOETICA 6 7 8 9 0 CAT 66.87 AN G 70 AIDS E BIOETICA MATERIALI E LINEE GUIDA PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DI ASSISTENZA SANITARIA Intrdisciplinar

Dettagli

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari Gli indicatori socio-sanitari sanitari 1 1 INDICATORI SOCIO-SANITARI Misurare: EFFICACIA (rispetto degli obiettivi prefissati) EFFICIENZA (rispetto delle azioni e risorse impegnate) del sistema ospedaliero

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

LE ATTIVITA AGRICOLE CONNESSE: DEFINIZIONE, REGOLE E CONCETTI

LE ATTIVITA AGRICOLE CONNESSE: DEFINIZIONE, REGOLE E CONCETTI Forlì, 5 luglio 2013 Prot. n. 115/2013 LE ATTIVITA AGRICOLE CONNESSE: DEFINIZIONE, REGOLE E CONCETTI Continuano a pervenire al nostro ufficio studi, numerose richieste di chiarimenti sulla gestione fiscale

Dettagli

L EQUILIBRIO CHIMICO

L EQUILIBRIO CHIMICO EQUIIBRIO CHIMICO Molte reazioni chimiche possono avvenire in entrambe i sensi: reagenti e prodotti possono cioè scambiarsi fra di loro; le reazioni di questo tipo vengono qualificate come reazioni reversibili.

Dettagli

Ore lezione, tirocinio, ricerca OS401 BAS1A-BIO

Ore lezione, tirocinio, ricerca OS401 BAS1A-BIO modulo & componenti ANNO 1 - LIVELLO 4 - YEAR 1BSc Scienze di base/mediche 1A: BIOSCIENZE Codice OS401 BAS1A-BIO Ore lezione, tirocinio, ricerca Ore di apprendimento Crediti UK 164 300 30 15 Crediti ECTS

Dettagli

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit) 1 141.0 del 29 settembre 1952 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

Sportello Unico Immigrazione NORMATI VA I N MATERI A DI I MMI GRAZI ONE

Sportello Unico Immigrazione NORMATI VA I N MATERI A DI I MMI GRAZI ONE Sportello Unico Immigraione NORMATI VA I N MATERI A DI I MMI GRAZI ONE 38172&(175$/('(//$/(**(%266,),1,( &+(1(66812 675$1,(5262**,251,,1,7$/,$6(1=$815(*2/$5( &2175$772',/$9252('81$//2**,2$'(*8$72 '/JV1

Dettagli

PI.EFFE.CI. Oltre 40 anni di esperienza

PI.EFFE.CI. Oltre 40 anni di esperienza Oltre 40 anni di esperienza mette a disposizione della propria clientela i 40 anni della sua esperienza nel mercato dei prodotti per il fissaggio delle tubazioni, utilizzati negli innumerevoli settori

Dettagli

Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i. Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano.

Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i. Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano. Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano. Prot. n. 5789 Bordano, 04.12.2014 POR FESR 2007 2013 Obiettivo

Dettagli

Provvedimento di Predisposizione del Programma Annuale dell'esercizio finanziario 2014. Il Dsga

Provvedimento di Predisposizione del Programma Annuale dell'esercizio finanziario 2014. Il Dsga Provvdimnto di Prdisposizion dl Programma Annual dll'srcizio finanziario 2014 Il Dsga Visto Il Rgolamnto crnnt l istruzioni gnrali sulla gstion amministrativotabil dll Istituzioni scolastich Dcrto 01 Fbbraio

Dettagli

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI La massa dei singoli atomi ha un ordine di grandezza compreso tra 10-22 e 10-24 g. Per evitare di utilizzare numeri così piccoli, essa è espressa relativamente a

Dettagli

QUESITI BANDO RISERVATO ALLE P.M.I. TEMATICA 2 (SECONDA TORNATA DI INVIO DI DOMANDE E RISPOSTE)

QUESITI BANDO RISERVATO ALLE P.M.I. TEMATICA 2 (SECONDA TORNATA DI INVIO DI DOMANDE E RISPOSTE) QUESITI BANDO RISERVATO ALLE P.M.I. TEMATICA 2 (SECONDA TORNATA DI INVIO DI DOMANDE E RISPOSTE) Sono pervenuti in merito al Bando riservato alle P.M.I. pubblicato sul sito dell ASI in data 11 agosto 2010

Dettagli

TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Una trasformazione geometrica del piano in sé è una corrispondenza biunivoca tra i punti del piano: ( ) , :,

TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Una trasformazione geometrica del piano in sé è una corrispondenza biunivoca tra i punti del piano: ( ) , :, TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Un rsforzione geoeric del pino in sé è un corrispondenz iunivoc r i puni del pino P P, P P P è l igine di P rispeo ll rsforzione. Ad ogni puno P(,) corrisponde uno ed un solo

Dettagli

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Aerospaziale e Geotecnica Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Prof. Ing. L.Cavaleri L amplificazione locale: gli aspetti matematici u=spostamentoin

Dettagli

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE Soluzioni di quesiti e prolemi trtti dl Corso Bse Blu di Mtemti volume 5 [] (Es. n. 8 pg. 9 V) Dell prol f ( ) si hnno le seguenti informzioni, tutte

Dettagli

Nota Metodologica Applicazione Regolamento sul RECLUTAMENTO DEL PERSONALE E CONFERIMENTO DI INCARICHI (D.L. 112/08, Art. 18)

Nota Metodologica Applicazione Regolamento sul RECLUTAMENTO DEL PERSONALE E CONFERIMENTO DI INCARICHI (D.L. 112/08, Art. 18) STAFF RISRSE UMANE Nota Metodologica Applicazione Regolamento sul RECLUTAMENT DEL PERSNALE E CNFERIMENT DI INCARICHI (D.L. 112/08, Art. 18) NTA METDLGICA SCREENING Servizio Gestione Risorse 1 PREMESSA

Dettagli

aleatoria; se è nota la sua densità di probabilità ad essa si può associare una valore medio statistico. La grandezza così definita: (III.1.

aleatoria; se è nota la sua densità di probabilità ad essa si può associare una valore medio statistico. La grandezza così definita: (III.1. Caitolo III VALORI MEDI. SAZIONARIEÀ ED ERGODICIÀ III. - Mdi tatitich dl rimo ordi. Sia f( ) ua fuzio cotiua i aoci al gal alatorio (, t ζ ) la uatità dfiita dalla y f[(, t ζ )]. Ea idividua, a ua volta,

Dettagli

v999999999 Italià (més grans de 25 anys) Aferrau una etiqueta identificativa Convocatòri a 2015 de codi de barres Model 1

v999999999 Italià (més grans de 25 anys) Aferrau una etiqueta identificativa Convocatòri a 2015 de codi de barres Model 1 Aferru un etiquet identifictiv v999999999 de codi de brres Itlià (més grns de 25 nys) Model 1 Not 1ª Not 2ª Aferru l cpçler d exmen un cop cbt l exercici Puntució: preguntes vertder/fls: 1 punt; preguntes

Dettagli

rl-0luf~c!f'go8r~lo Ministp.ri Ec,- in.

rl-0luf~c!f'go8r~lo Ministp.ri Ec,- in. M' ~ULARI 10i0N 9900 (''Oh TE DEl CC f~ti Uf.FICJ.O CONTROLLO AlTI, Mlft E'CON.CO FI ANZ RI' MOD.99/01 REG.TO ALLA CORTE DEI ONTI rl-0luf~c!f'go8r~lo Ministp.ri Ec,- in. Vista la legge 23 dicembre 1996,

Dettagli

Progetto I CARE Progetto CO.L.O.R.

Progetto I CARE Progetto CO.L.O.R. Attori in rt pr la mobilità di risultati dll apprndimnto Dirtta WEB, 6 dicmbr 2011 Progtto I CARE Progtto CO.L.O.R. Elmnti distintivi complmntarità Michla Vcchia Fondazion CEFASS gli obittivi Facilitar

Dettagli

La scelta di equilibrio del consumatore. Integrazione del Cap. 21 del testo di Mankiw 1

La scelta di equilibrio del consumatore. Integrazione del Cap. 21 del testo di Mankiw 1 M.Blconi e R.Fontn, Disense di conomi: 3) quilirio del consumtore L scelt di equilirio del consumtore ntegrzione del C. 21 del testo di Mnkiw 1 Prte 1 l vincolo di ilncio Suonimo che il reddito di un consumtore

Dettagli

Esercizi della 8 lezione sulla Geomeria Linere ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA ESERCIZI SULLA PARABOLA ESERCIZI SULL' ELLISSE ERCIZI SULL' IPERBOLE

Esercizi della 8 lezione sulla Geomeria Linere ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA ESERCIZI SULLA PARABOLA ESERCIZI SULL' ELLISSE ERCIZI SULL' IPERBOLE Eserizi dell lezione sull Geomeri Linere ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA ESERCIZI SULLA PARABOLA ESERCIZI SULL' ELLISSE ES ERCIZI SULL' IPERBOLE ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA. Determinre l equzione dell ironferenz

Dettagli

Corso di matematica classe quinta-anno 2010-2011-Giunti scuola- Annarita Monaco 1

Corso di matematica classe quinta-anno 2010-2011-Giunti scuola- Annarita Monaco 1 Corso di matematica classe quinta-anno 2010-2011-Giunti scuola- Annarita Monaco 1 352*(77$=,21(','$77,&$ 3UHVHQWD]LRQH: Consolidiamo la conoscenza dei numeri naturali, decimali e interi relativi, dei procedimenti

Dettagli

CONTRATTO di prestazione di servizi

CONTRATTO di prestazione di servizi CONTRATTO di prestazione di servizi tra CLENEAR S ROSY di Nappi Maria Rosaria con sede in Via Moncenisio, 27-20031 Cesano Maderno (MI) E Nome Cognome. luogo e data di nascita residenza o domicilio.. codice

Dettagli

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario Prot. Novara, 20 luglio 20 OGGETTO: CALENDARIO DEGLI IMPEGNI DI SETTEMBRE 20 Date Impegni Orario 1 settembre Collegio Docenti :00 2 settembre Prove studenti con giudizio sospeso (vedi elenco) 8:30 3 settembre

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA

LA CORRENTE ELETTRICA L CORRENTE ELETTRIC H P h Prima che si raggiunga l equilibrio c è un intervallo di tempo dove il livello del fluido non è uguale. Il verso del movimento del fluido va dal vaso a livello maggiore () verso

Dettagli

IL METODO SPEDITIVO NEL SIT PER L EMERGENZA DA RISCHIO CHIMICO- INDUSTRIALE. Pasquale DI DONATO

IL METODO SPEDITIVO NEL SIT PER L EMERGENZA DA RISCHIO CHIMICO- INDUSTRIALE. Pasquale DI DONATO IL METODO SPEDITIVO NEL SIT PER L EMERGENZA DA RISCHIO CHIMICO- INDUSTRIALE Pasquale DI DONATO Cos è il Metodo Speditivo? Controllo di attività comportanti rischi di incidente rilevante è regolato da:

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING POTENZA FRIGORIFERA DA 4 A 26,8 kw ED.P 161 SF E K 98 FC La gamma di condizionatori

Dettagli

TAV. 393 - MOLT I PL I CATORE T 312. Polg

TAV. 393 - MOLT I PL I CATORE T 312. Polg TAV. 393 - MOLT I PL I CATORE T 312 Polg 'Tay. 393 11 97 I T 312 con pto passante Sax 1600-1800-2100 - Tex 2300-2700 - Nico Pos. Codice Denominazione 1 0.312.3001.00 albero passante 2 07.0.069 paraolio

Dettagli

COMUNE di F AE N Z A

COMUNE di F AE N Z A All. G COMUNE di F AE N Z A Settore Territorio ADOZIONE ATTO C.C. n. 73 del 10.02.2010 PUBBLICAZIONE BUR n. 54 del 31.03.2010 APPROVAZIONE ATTO C.C. n. 290 del 21/11/2011 PUBBLICAZIONE BUR n. del ATTI

Dettagli

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it)

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it) I rdicli Cludio CANCELLI (www.cludioccelli.it) Ed..0 www.cludioccelli.it Dec. 0 I rdicli INDICE DEI CONTENUTI. I RADICALI... INDICE DI RADICE PARI...4 INDICE DI RADICE DISPARI...5 RADICALI SIMILI...6 PROPRIETA

Dettagli

UEFA EUROPA LEAGUE - STAGIONE 2014/15 CARTELLE STAMPA

UEFA EUROPA LEAGUE - STAGIONE 2014/15 CARTELLE STAMPA UEFA EUROPA LEAGUE - STAGIONE 2014/15 CARTELLE STAMPA Liverpool FC Anfield - Liverpool Giovedì, 19 febbraio 2015 21.05CET (20.05 ora locale) Sedicesimi di finale, Andata Beşiktaş JK Ultimo aggiornamento

Dettagli

Earned Value e monitoring del progetto

Earned Value e monitoring del progetto IT Project Management Lezione 8 Earned Value Federica Spiga A.A. 2009-2010 1 Aspetti economico-finanziari (1) Costi C Fine progetto T Tempo La curva a S è chiamata baseline dei costi risultato dell aggregazione

Dettagli