Articolo per Economia e politica industriale, gennaio Instabilità e asimmetrie del nuovo paradigma. di Mario Pianta

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Articolo per Economia e politica industriale, gennaio 2002. Instabilità e asimmetrie del nuovo paradigma. di Mario Pianta"

Transcript

1 Articolo per Economia e politica industriale, gennaio 2002 Instabilità e asimmetrie del nuovo paradigma di Mario Pianta A due anni dalla caduta delle quotazioni delle borse internazionali, e un anno dopo l'inizio della recessione internazionale, si può valutare con quanta leggerezza una parte della letteratutura economica, soprattutto americana, abbia considerato le trasformazioni in corso come una novità assoluta, inventando per l'occasione categorie come "new economy", "economia senza peso", teorizzando aumenti di produttività elevatissimi (ma spesso calcolati con prezzi edonici) e perfino la "fine dei cicli economici". Il nuovo paradigma Un primo merito dell'articolo di Enzo Rullani, New/net/knowledge economy: le molte facce del postfordismo, è quello di richiamarci alle rivoluzioni tecnologiche del passato e in particolare ai paradigmi tecno-economici (si veda in particolare Freeman et al., 1982, Freeman e Soete, 1994) e di ancorare ad essi l'emergere di quella che è stata transitoriamente chiamata "new economy". Quel modello spiega che le tecnologie dell'informazione e comunicazione (TIC) affermatesi negli ultimi trent'anni rappresentano un vero e proprio "nuovo sistema tecnologico", alimentato da una serie di innovazioni radicali, capace di disegnare una traiettoria di lungo periodo del cambiamento tecnologico. La forte caduta dei costi e pervasività delle tecnologie dell'informazione e comunicazione portano alla loro rapida diffusione nel sistema economico, con pressoché tutti i settori che le adottano e le adattano, realizzando nuovi prodotti e nuovi processi. Il modello dei paradigmi tecno-economici segnala pure il lungo tempo necessario per questo processo, e la frequente presenza di mismatch, il mancato incontro tra l'affermarsi del paradigma tecno-economico emergente e l'evoluzione delle istituzioni e dei rapporti sociali. La crisi di quella che è stata la "new economy" può essere spiegata in modo soddisfacente proprio da questo modello. Se la causa diretta è stata la fine di un ciclo esasperato di speculazione finanziaria, che ha gonfiato oltremodo aspettative e valori di borsa, l'insostenibilità della "new economy" è legata alle sua base troppo ristretta nelle attività produttive, al mancato radicamento nell'insieme dell'economia, all'assenza di interazione con processi sociali più ampi. In altre parole, il nuovo paradigma ha bisogno di forme di organizzazione sociale che possano valorizzare e diffondere le nuove potenzialità tecnologiche, orientarle verso la realizzazione di nuovi prodotti e servizi capaci di soddisfare meglio bisogni reali, creare nuova occupazione e migliorare la qualità dello sviluppo. Naturalmente, la crisi della "new economy" non rappresenta un arresto delle trasformazioni in corso. E l'articolo di Rullani individua in modo adeguato i tre cerchi concentrici di diffusione degli effetti del nuovo paradigma: il cuore del cambiamento nelle attività che producono le nuove tecnologie dell'informazione e comunicazione, la 1

2 loro diffusione e applicazione attraverso l'"economia delle reti" e la generalizzazione nell'"economia della conoscenza". Tuttavia, utilizzare il termine "new economy" per il cuore tecnologico dei settori produttori di tecnologie dell'informazione e comunicazione appare improprio. Questo termine è stato associato ad una particolare combinazione di sviluppi nella tecnologia, nell'organizzazione delle imprese, e nella finanza (un aspetto chiave nell'ascesa e declino della "new economy"), nella logica di produzione e distribuzione. Le dinamiche di generazione di innovazioni radicali nei settori manufatturieri e dei servizi legati alle TIC hanno delle specificità ben più concrete della nebulosa della "new economy". Inoltre, la progressione tra "produzione di TIC-diffusione nelle reti-generalizzazione nella conoscenza" non è tanto una sequenza di cause-effetti successivi, ma una distinzione logica. Se questo è il percorso che segna l' espansione degli effetti del nuovo paradigma sull'insieme dell'economia, non vanno dimenticate anche le relazioni inverse. L'economia della conoscenza o meglio, dell'apprendimento (Lundvall, 1996) è una condizione necessaria per l'affermarsi del nuovo paradigma, non una sua conseguenza. E allo stesso modo lo è la presenza di reti complesse che sostituiscono le tradizionali forme di integrazione tra imprese. Ancora una volta, si tratta di processi che evolvono insieme: i legami tra questi aspetti sono un esempio del matching necessario per l'emergere del nuovo paradigma, cioè dello sviluppo parallelo di cambiamenti nelle tecnologie, nelle organizzazioni e nella base sociale di conoscenze che è necessaria per l'affermarsi del nuovo modello. Una verifica indiretta si può avere osservando che le economie in cui il nuovo paradigma è avanzato maggiormente - gli Stati Uniti, la Svezia - sono caratterizzate dalla compresenza di basi tecnologiche forti, da solide organizzazioni d'imprese con flessibili reti transnazionali e locali e da elevati processi di apprendimento e livelli d'istruzione. Le basi tecnologiche giapponesi o tedesche, o la flessiblità italiana, o gli stock di conoscenza di Francia o Regno Unito non sono state sufficienti da sole a far decollare il nuovo paradigma. I motori del cambiamento, secondo l'analisi di Rullani, risiedono nella riduzione dei costi offerta dalla produzione di TIC; nella flessibilità delle relazioni tra imprese e nelle economie di varietà offerte dall'economia delle reti, e dalla valorizzazione dei saperi resa possibile dall'economia della conoscenza. E' indubbio che questi tre processi siano al centro delle trasformazioni attuali, ma può essere utile articolarli maggiormente, allontanandoci da una visione unidirezionale. Quattro modelli di cambiamento La riduzione dei costi nelle TIC (e nei componenti di base, come i microprocessori) è accompagnata da una esplosione di nuove opportunità tecnologiche che possono essere utilizzate (o non utilizzate) in direzioni diverse. I modelli di cambiamento tecnologico che ne conseguono possono essere così schematizzati. 1. Un modello concentrato sulle competenze chiave nelle tecnologie dell'informazione e comunicazione. Siamo qui più vicini alle fonti scientifiche e ingegneristiche delle nuove tecnologie, con l'esigenza di grandi sforzi di ricerca e sviluppo per rinnovare di continuo le competenze esistenti. E' un modello, concentrato tutto dal lato 2

3 dell'"offerta", che riguarda soprattutto le grandi imprese protagoniste delle TIC e le reti di loro fornitori, presente in isole produttive ristrette di pochissimi paesi. I benefici che offre restano fortemente localizzati. 2. Un modello basato sulle innovazioni di prodotto. Quando le TIC si traducono in nuovi prodotti, con mercati in espansione, emerge un modello che mette al centro le potenzialità di mercato, integrando in qualche modo trasformazioni dell'offerta e della domanda. E' il modello che riguarda le imprese in cui le funzioni legate al mercato sono importanti, esteso in molti settori dell'industria e dei servizi, aperto a tutti i paesi e capace di portare maggiori vantaggi in termini di crescita e occupazione, e con la maggior potenzialità di generalizzazione e diffusione dei benefici del nuovo paradigma. 3. Un modello dominato dalle innovazioni di processo. La pervasività delle TIC consente di applicarle agevolmente a un vasto arco di attività produttive, razionalizzando i processi e ottenendo risparmi sui costi, a cominciare da quelli del lavoro. E' questo il canale più diretto che diffonde nell'economia la riduzione dei costi offerta dalle TIC, agendo attraverso la ristrutturazione dell'offerta e senza modificare la composizione della domanda. E' questo il modello che in molti paesi e settori, in Europa in particolare, sembra essersi affermato più rapidamente. In questo caso i benefici sono una maggior competitività dei settori di attività pre-esistenti, anche se al prezzo di registrare una "crescita senza occupazione" e con una limitata realizzazione dei benefici potenziali del nuovo paradigma. 4. Un modello fondato sull'apprendimento. Se guardiamo invece al ruolo chiave che svolgono nel nuovo paradigma le competenze del lavoro, i processi di apprendimento di persone e organizzazioni, la capacità di elaborare contenuti, emerge un modello di cambiamento in cui conoscenze e relazioni sono centrali. L'innalzamento generale del livello di competenze associato al cambiamento tecnologico - l'upskilling riscontrato da una vasta letteratura empirica - mostra il dinamismo di questo modello che tuttavia sembra caratterizzare soprattutto i servizi, e i fenomeni di integrazione tra alcune attività manifatturiere e alcuni servizi, in cui l'evoluzione dell'offerta e della domanda si intrecciano strettamente, dando risposte a nuovi bisogni e ridisegnando spesso i confini e la natura delle attività economiche. E' un modello che presenta ancora una diffusione limitata, ma che contiene le potenzialità maggiori di realizzazione dei benefici offerti dal nuovo paradigma. Questa articolazione dei modelli di cambiamento tecnologico può essere uno strumento concettuale utile a individuare le alternative possibili e i percorsi seguiti da imprese, settori ed economie nazionali nella loro transizione verso il nuovo paradigma tecnoeconomico. Ciascun modello privilegia attività innovative e investimenti di diversa natura - in modo schematico, rispettivamente: l'aumento del numero di scienziati e tecnologi; l'espansione della ricerca, sviluppo e progettazione di nuovi prodotti; l'acquisto di nuovi macchinari; l'innalzamento delle conoscenze e attività di formazione - anche se in ogni modello è necessaria la compresenza di attività innovative differenziate. Un approccio e indicatori di questo tipo possono inoltre permettere di monitorare (come negli esercizi di benchmarking ora così diffusi) l'evoluzione delle 3

4 strategie private e delle politiche pubbliche di fronte alle tecnologie dell'informazione e comunicazione. Gli effetti di specializzazione e concentrazione L'analisi di Rullani sottolinea la sequenza che unisce la riduzione dei costi offerta dalle TIC, le "economie di scala legate al processo di standardizzazione" (p. 10), l'aumento dei processi di specializzazione e i benefici economici che ne dovrebbero derivare. Analizzando in parallelo la dinamica delle attività innovative, della produzione e dell'occupazione nei settori al centro della generazione delle nuove tecnologie, il quadro che emerge appare un po' più incerto. La tabella 1 mostra per i settori manifatturieri più legati alle TIC in cinque paesi europei le dinamiche recenti di alcune variabili chiave: - sforzo innovativo, misurato dalla spesa totale per innovazione (che comprende dall'r&s agli investimenti innovativi) per addetto nel 1996; - risultati innovativi in termini di quota del fatturato dovuto a nuovi prodotti nel 1996; - tassi di variazione tra il 1994 e il 1999 di valore aggiunto (in termini reali) e occupazione. Dalla teoria economica e da quella dell'innovazione ci aspettiamo una complessiva coerenza tra le dinamiche di queste variabili: i paesi e i settori che più si impegnano in spesa innovativa, dovrebbero avere migliori risultati in termini di nuovi prodotti introdotti sul mercato, veder crescere di più il proprio valore aggiunto e con questo l'occupazione. Alla radice di questo legame virtuoso ci potrebbe essere proprio la riduzione dei costi e i vantaggi di specializzazione di cui si è parlato. Non stupisce vedere che ciascun paese accentua la propria specializzazione e registra prestazioni migliori in genere nei settori in cui ha già un vantaggio comparato. Tuttavia, nei settori più legati alle tecnologie dell'informazione comunicazione, ci dovremmo aspettare una relazione particolarmente stretta tra queste dinamiche. Invece dai dati della Tabella 1 scopriamo andamenti fortemente irregolari: input e output innovativo procedono raramente insieme e crescita di valore aggiunto e occupazione hanno andamenti a volte imprevedibili, che richiedono spiegazioni più complesse. Innanzi tutto esistono forti specificità dei singoli settori, influenzati spesso dalle alterne fortune di poche grandi imprese multinazionali che dominano alcune industrie nazionali. Ad esempio, la forte crescita della Svezia nelle comunicazioni si spiega con l'impegno della Ericsson, e qui troviamo pure il più alto livello di spesa per l'innovazione per addetto in Europa. Il ristagno dell'italia nei primi due settori è legato al tramonto di imprese come Olivetti, Italtel etc., ma qui compaiono valori stranamente elevati della quota di nuovi prodotti sul fatturato. In Francia il grande sforzo per l'innovazione nelle comunicazioni (Alcatel) e nei trasporti aerei e ferroviari (Aérospatiale e produzione di treni TGV) fa crescere il valore aggiunto ma non l'occupazione, con risultati ancora peggiori negli strumenti di precisione. Il Regno Unito ristagna o perde produzione e occupazione quasi ovunque tranne che nelle comunicazioni, dove sembra non investire quasi in attività innovative. 4

5 Emerge insomma una frammentazione delle prestazioni innovative ed economiche in Europa, che mostra da un lato l'attesa crescita della specializzazione, ma dall'altro un'imprevista assenza di coerenza tra attività tecnologiche, produzione e occupazione. Un maggior impegno innovativo e un'accresciuta specializzazione settoriale, in altre parole, non portano necessariamente con sè, nell'incerto, instabile e competitivo mondo delle nuove tecnologie, minori costi, maggior produttività, più crescita e più occupazione. Il prevalere di uno dei quattro modelli di cambiamento sopra delineati potrebbe contribuire molto a illuminare le ragioni di esiti così divaricati tra dinamiche innovative e prestazioni economiche e occupazionali. Un'ultima conseguenza di queste considerazioni è che maggior attenzione dovrebbe essere riservata al cambiamento strutturale delle economie, oggi caratterizzato ovunque da una rapida crescita dei servizi e da un relativo declino dell'industria manifatturiera, ma anche da una rapida evoluzione della composizione della domanda (due aspetti trascurati nell'articolo di Rullani). Buona parte della nuova domanda, dei bisogni emergenti e quindi della nuova produzione e dei nuovi posti di lavoro si trovano oggi nei servizi (alcuni "esternalizzati" dalle imprese industriali, altri strettamente connessi ad esse). Lo sviluppo di nuovi settori e nuove attività avviene in genere fuori dalle "reti" costruite intorno all'attività economica pre-esistente, è un occasione di cambiamento radicale non solo nelle tecnologie usate e nei bisogni soddisfatti, ma anche nelle organizzazioni che producono i nuovi beni e nelle relazioni che si stabiliscono intorno ad esse. Ogni nuovo paradigma ha portato con sè cambiamenti strutturali di grande rilievo, ha ridisegnato il volto delle economie, ha prodotto nuove imprese protagoniste della produzione, ha cambiato la gerarchia tra le economie nazionali. E la transizione attuale non è da meno. Asimmetrie e distribuzione L'esperienza storica ha mostrato che il nuovo paradigma si afferma, realizzando i suoi benerfici potenziali, quando si sviluppa una coerenza generale tra tecnologie, attività economiche, istituzioni e processi sociali. La scala a cui questo è avvenuto in passato è sempre stata quella delle economie nazionali. Oggi, la difficoltà di raggiungere questa coerenza è aggravata dalla natura globale di molti di questi processi. Mentre il "fordismo" si è affermato in contesti largamente nazionali con forti istituzioni legati agli stati che ne hanno accompagnato la crescita, il "capitalismo della conoscenza" si sviluppa a scala globale, con imprese multinazionali che sono la regola e non più l'eccezione nel modo di produrre. Qusto accentua le asimmetrie nelle competenze, nei rapporti di mercato e sociali, nella distribuzione di costi e benefici, e proprio le asimmetrie che accompagnano l'affermarsi delle tecnologie dell'informazione e comunicazione meriterebero di essere indagate più attentamente in quanto finiscono per essere i punti forti su cui si disegna il nuovo profilo dell'economia e della società. Ci sono le asimmetrie tra un'offerta che produce tecnologie e beni e una domanda che spesso non emerge, lasciando bisogni insoddisfatti. Ci sono le asimmetrie nella produzione, tra grandi e piccole imprese, tra reti globali e reti locali, che spostano potere contrattuale e quote di mercato con effetti di grande rilievo sulle strutture produttive. Ci sono le asimmetrie nella distribuzione tra i profitti realizzati da imprese 5

6 che operano a scala globale, che cambiano produzioni e mercati, e i redditi di lavoratori "fermi" nelle loro competenze, strutture sociali e luoghi di residenza. Ci sono le asimmetrie nel potere di prendere decisioni su produzione e distribuzione. Un problema chiave qui appare la capacità del nuovo modello di compensare gli effetti più gravi di queste crescenti asimmetrie, trovando meccanismi che generalizzino i benefici offerti dalle tecnologie dell'informazione e comunicazione. Una delle caratteristiche più estreme della meteora della "new economy" è stata proprio la sua ristrettissima "base sociale", il gruppo di protagonisti, utenti e beneficiari delle attività realizzate. Una ben più ampia diffusione di questi benefici è necessaria per costruire un consenso intorno a un nuovo modello che possa offrire opportunità di lavoro, di reddito, di sicurezza a gruppi sociali estesi e possa trasferire risorse anche alla società nel suo insieme. Non sono sufficienti qui i prezzi decrescenti dei nuovi beni. C'è un problema di distribuzione classico, tra salari, profitti e rendite (finanziarie in questo caso). C'è un problema di ridefinire il ruolo tecnico e sociale del lavoro nella produzione basata sulla conoscenza. E sono poi necessarie innovazioni sociali e istituzionali che sappiano redistribuire socialmente i benefici del cambiamento, com'è stato il welfare state ai tempi dell'affermarsi del "fordismo". Bibliografia Accademia Nazionale dei Lincei (2001), Tecnologia e società. Tecnologia, produttività, sviluppo. Atti del convegno dell'11-12 dicembre 2000, Roma, Accademia Nazionale dei Lincei. Freeman C., Clark J., Soete L. (1982), Unemployment and technical innovation, Pinter, Londra Freeman C., Soete L. (1994), Lavoro per tutti o disoccupazione di massa?, Etas, Milano. Lundvall, B.A. (1996), L'economia dell'apprendimento, Economia e Politica Industriale. OECD (2001), The new economy: beyond the hype. Parigi, OECD. Pianta M. (1996), L'innovazione nell'industria italiana e gli effetti economici e occupazionali, 'Economia e politica industriale, n.89. Pini P. (1992), Cambiamento tecnologico e occupazione. Recenti modelli di disoccupazione tecnologica, Il Mulino, Bologna. Rullani, E. (2002) New/net/knowledge economy: le molte facce del postfordismo, in questo volume. 6

7 Vivarelli, M. e Pianta, M. (a cura di) (2000) The employment impact of innovation. Evidence and policy. Routledge, Londra. 7

8 Note: 1. Perdeterminare i sttori innovativi da quelli non innovativi ho usato: QSE, QSI, QFW. In tutti i casi i setori scelti risultano i più innovativi. Alcune eccezioni: uk 19 e 20 non sono innovativi uk 8 non ha dati no 8 non ha dati no 20 non è innovativo Riporto comunque questi settori nella tabella per permettere i confronti. 2. Per standardizzare divido Vam per 10, Vom per 10 e QSE per 100 in tutti i paesi. Con questi valori puoi fare i grafici Con questo foglio vedi le differenze cross section e cross countries dei soli settori innovativi. Ma non mi sembrano facilmente leggibili i grafici. Fammi sapere su questo punto. 4. Settori settori bart settori ISIC3 settori irae Food products, Beverages and Tobacco Textiles Wearing apparel and Fur (excl. Footwear) Leather; luggage, saddlery, footwear Wood; prod. of wood, cork, straw, plaiting mat Paper and paper products Publishing, printing, repro. of record. media Coke, refines petroleum prod,, nuclear fuel Chemical and chemical products Rubber and plastic products Other non-metallic mineral products Basic metals Fabricated metal prod. (excl. mach. and eq.) Machinery and equipment nec Office, accounting and computing machinery Electrical machinery & apparatus nec Radio, TV & communication equip. & app Medic.,prec.,optic.instr.,watches &clocks Motor vehicles,trailers & semi-trailers Other transport equipment Furniture; manufacturing nec; Recycling 10 Coke, refines petroleum prod,, nuclear fuel Chemical and chemical products Office, accounting and computing machinery Radio, TV & communication equip. & app. Medic.,prec.,optic.instr.,watches &clocks Motor vehicles,trailers & semi-trailers Other transport equipment

9 Dati originali 1. Perdete settori VAM VOM QSE QFW In tutti i cascoke, refines petroleum prod,, nuclear fuel IT9 Chemical and chemical products IT15 Office, accounting and computing machinery IT17 Radio, TV & communication equip. & app IT18 Medic.,prec.,optic.instr.,watches &clocks IT19 Motor vehicles,trailers & semi-trailers IT20 Other transport equipment FR8 Coke, refines petroleum prod,, nuclear fuel FR9 Chemical and chemical products FR15 Office, accounting and computing machinery FR17 Radio, TV & communication equip. & app FR18 Medic.,prec.,optic.instr.,watches &clocks FR19 Motor vehicles,trailers & semi-trailers FR20 Other transport equipment UK8 Coke, refines petroleum prod,, nuclear fuel * * * * UK9 Chemical and chemical products UK15 Office, accounting and computing machinery UK17 Radio, TV & communication equip. & app UK18 Medic.,prec.,optic.instr.,watches &clocks UK19 Motor vehicles,trailers & semi-trailers UK20 Other transport equipment SE8 Coke, refines petroleum prod,, nuclear fuel SE9 Chemical and chemical products SE15 Office, accounting and computing machinery SE17 Radio, TV & communication equip. & app SE18 Medic.,prec.,optic.instr.,watches &clocks SE19 Motor vehicles,trailers & semi-trailers SE20 Other transport equipment NO8 Coke, refines petroleum prod,, nuclear fuel * * * * NO9 Chemical and chemical products NO15 Office, accounting and computing machinery NO17 Radio, TV & communication equip. & app NO18 Medic.,prec.,optic.instr.,watches &clocks NO19 Motor vehicles,trailers & semi-trailers NO20 Other transport equipment

10 paesi settori paesi VAM VOM QSE QFW 1. PerdeterCoke, refines petroleum prod,, nuclear fuel IT In tutti i caschemical and chemical products IT IT15 Office, accounting and computing machinery IT IT17 Radio, TV & communication equip. & app. IT IT18 Medic.,prec.,optic.instr.,watches &clocks IT IT19 Motor vehicles,trailers & semi-trailers IT IT20 Other transport equipment IT FR8 Coke, refines petroleum prod,, nuclear fuel FR FR9 Chemical and chemical products FR FR15 Office, accounting and computing machinery FR FR17 Radio, TV & communication equip. & app. FR FR18 Medic.,prec.,optic.instr.,watches &clocks FR FR19 Motor vehicles,trailers & semi-trailers FR FR20 Other transport equipment FR UK8 Coke, refines petroleum prod,, nuclear fuel UK8 * * * UK9 Chemical and chemical products UK UK15 Office, accounting and computing machinery UK UK17 Radio, TV & communication equip. & app. UK UK18 Medic.,prec.,optic.instr.,watches &clocks UK UK19 Motor vehicles,trailers & semi-trailers UK UK20 Other transport equipment UK SE8 Coke, refines petroleum prod,, nuclear fuel SE SE9 Chemical and chemical products SE SE15 Office, accounting and computing machinery SE SE17 Radio, TV & communication equip. & app. SE SE18 Medic.,prec.,optic.instr.,watches &clocks SE SE19 Motor vehicles,trailers & semi-trailers SE SE20 Other transport equipment SE NO8 Coke, refines petroleum prod,, nuclear fuel NO8 * * * * NO9 Chemical and chemical products NO NO15 Office, accounting and computing machinery NO NO17 Radio, TV & communication equip. & app. NO NO18 Medic.,prec.,optic.instr.,watches &clocks NO NO19 Motor vehicles,trailers & semi-trailers NO NO20 Other transport equipment NO

11 Tabella 1. La dinamica dei settori dell'informazione e comunicazione in Europa 1. Perdeterminare i sttori innovativi da quelli non innovativi ho usato: QSE, QSI, QFW. In tutti i casi i setori scelti risultano i più innovativi. Alcune eccezioni: Settori Paesi Valore aggiunto Occupazione Spesa totale Quota di fatturato per l'innovazione dovuta a nuovi prodotti Tassi medi annui di variaz , migl. $ per addetto 1996 Macchine Italia % per ufficio Francia % Regno Unito % Svezia % Norvegia % Attrezz. per Italia % comunicaz., Francia % radio e tv Regno Unito % Svezia % Norvegia % Strumenti Italia % di precisione Francia % Regno Unito % Svezia % Norvegia % Altri mezzi Italia % di trasporto Francia % (ferr., aeron.) Regno Unito % Svezia % Norvegia % Fonte: elaborazioni su dati OECD, STAN 2001 e Eurostat, CIS 2.

12 ITALY 1. Perdeterminare i sttori innovativi da quelli non innovativi ho usato: QSE, QSI, QFW. une eccezioni: TURN RTOT rtotppp emp ,287,537 2,667, , ,161, , , ,839, , , ,624, , , ,151, , , ,494, , , ,341, , , ,263, , , ,291,912 3,160, , ,259, , , ,772, , , ,510, , , ,003,319 1,727, , ,223,118 3,230, , ,898, , , ,931,923 1,092, , ,368,230 2,050, , ,654, , , ,055,562 2,538, , ,153,853 1,896, , ,365, , ,647 france Isic Rev. 3 turn96 emp96 RTOT$ RTOT , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , UK SIC_CODE TURN_96 EMP_96 PPP EXPTOTAL

13 NO NACE TURN EMP RTOT$ RTOT 15,16 94,623, , ,125, ,251, , , ,178, , , , , ,575, , , ,280, , , ,404, , , , , ,449, , ,150, ,755, , , ,822, , , ,627, , , ,243, , , ,856, , , ,591, , ,163, , , ,747, , , ,602, , , ,081, , , ,616, , , ,650, , , SE NACE TURN EMP PPP RTOT

14

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

Innovazione e competitività: un confronto settoriale tra l Italia e gli altri Paesi europei.

Innovazione e competitività: un confronto settoriale tra l Italia e gli altri Paesi europei. Innovazione e competitività: un confronto settoriale tra l Italia e gli altri Paesi europei. Alessia Amighini (Università del Piemonte Orientale) Versione preliminare Intervento al convegno Innovare per

Dettagli

MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE. Gli indicatori. G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1

MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE. Gli indicatori. G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1 MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE 4. Gli indicatori G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1 Cosa sono gli indicatori Gli indicatori sono strumenti in grado

Dettagli

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Botteghe artigiane. Partic. da Ambrogio Lorenzetti, Effetti del buon governo nella città Palazzo Pubblico,

Dettagli

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014 Indice 1 2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 214 RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI EDIZIONE 214 ISBN 978-88-458-1784-7 214 Istituto nazionale di statistica

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

OECD Multilingual Summaries Education at a Glance 2012. Uno sguardo sull'istruzione 2012. Summary in Italian. Sintesi in italiano

OECD Multilingual Summaries Education at a Glance 2012. Uno sguardo sull'istruzione 2012. Summary in Italian. Sintesi in italiano OECD Multilingual Summaries Education at a Glance 2012 Summary in Italian Read the full book on: 10.1787/eag-2012-en Uno sguardo sull'istruzione 2012 Sintesi in italiano Lo studio intitolato Uno sguardo

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa CAPITOLO 3 Elementi fondamentali della struttura organizzativa Agenda La struttura organizzativa Le esigenze informative Tipologia di strutture Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura per

Dettagli

Perché non si può crescere senza ricerca Ignazio Visco

Perché non si può crescere senza ricerca Ignazio Visco Perché non si può crescere senza ricerca Ignazio Visco Un economia sana e con buone prospettive di crescita deve saper cogliere i frutti del progresso tecnico, che solo adeguati investimenti in ricerca

Dettagli

IMPORTANZA DELLE PREVISIONI TECNOLOGICHE NEI PROCESSI PRODUTTIVI 1

IMPORTANZA DELLE PREVISIONI TECNOLOGICHE NEI PROCESSI PRODUTTIVI 1 1. Introduzione IMPORTANZA DELLE PREVISIONI TECNOLOGICHE NEI PROCESSI PRODUTTIVI 1 Ottobre 1970 Caratteristica saliente dell'epoca odierna sembra essere quella della transitorietà. E- spansione, andamento

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2

Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2 Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2 Profilo per paese L', con un 3 complessivo pari a 0,36, è venticinquesima nella classifica dei Stati membri dell'. Nell'ultimo anno ha fatto progressi

Dettagli

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVORO 01 Tendenze generali riguardanti l orario

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione Processi (di sviluppo del) software Fase di Analisi dei Requisiti Un processo software descrive le attività (o task) necessarie allo sviluppo di un prodotto software e come queste attività sono collegate

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

ROTTE ANALIZZATE NEL SEMINARIO. 6.000 teus

ROTTE ANALIZZATE NEL SEMINARIO. 6.000 teus ROTTE ANALIZZATE NEL SEMINARIO 6.000 teus EVOLUZIONE NAVI PORTA CONTENITORI I PORTI: MASSIME ESIGENZE MSC OSCAR Lunghezza x Larghezza : 396 m x 59 m DWT: 196000 t Pescaggio: 15 m I PORTI: MINIME ESIGENZE

Dettagli

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT LEAR ITALIA MES/LES PROJECT La peculiarità del progetto realizzato in Lear Italia da Hermes Reply è quello di integrare in un unica soluzione l execution della produzione (con il supporto dell RFID), della

Dettagli

Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società

Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società Cosa è la sociologia? Rispetto alle altre scienze sociali Soluzione gerarchica Soluzione residuale Soluzione formale Soluzione gerarchica A. Comte

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA CAPITOLO 11 USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA Introduzione La conoscenza delle quantità di risorse utilizzate in un dato sistema socio-economico e più in generale di quelle necessarie al suo funzionamento

Dettagli

Soluzioni di risparmio

Soluzioni di risparmio Soluzioni di risparmio Alla ricerca delle spese nascoste Visibile Gestita totalmente Aereo Treno Gestita tradizionalmente Servizi generalmente prenotati in anticipo e approvati dal line manager Meno potenziale

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Michele Pellizzari, Gaetano Basso, Andrea Catania, Giovanna Labartino, Davide Malacrino e Paola Monti 1 Premessa Questo rapporto analizza il settore

Dettagli

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania)

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) Capitolo 8 Le imprese nell economia globale: esportazioni, outsourcing e multinazionali [a.a. 2012/13] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) 8-1 Struttura della

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA?

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? La maggior parte dei Retailer effettua notevoli investimenti in attività promozionali. Non è raro che un Retailer decida di rinunciare al 5-10% dei ricavi

Dettagli

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB?

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Registro 1 COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Guida pratica per muovere con successo i primi passi nel web INTRODUZIONE INDEX 3 6 9 L importanza di avere un dominio e gli obiettivi di quest opera Come è cambiato

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Commissione tecnica per l elaborazione dei materiali d esame di Sociologia:

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO.

MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO. MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO. di A. Lalomia Premessa Si propongono di seguito venticinque items di Storia da utilizzare per una terza prova su argomenti

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

Linee Guida ACCREDIA. I riferimenti all accreditamento e alla certificazione nelle richieste di offerta e nei bandi di gara.

Linee Guida ACCREDIA. I riferimenti all accreditamento e alla certificazione nelle richieste di offerta e nei bandi di gara. Linee Guida ACCREDIA Emanuele Riva Direttore Dipartimento certificazione e ispezione Roberto De Giovanni Funzionario Tecnico Dipartimento laboratori di prova I riferimenti all accreditamento e alla certificazione

Dettagli

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE?

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? NOTA ISRIL ON LINE N 8-2013 LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it www.isril.it LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA

Dettagli

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 30 maggio 2002 Conoscenza e uso del dominio internet ".gov.it" e l'efficace interazione del portale nazionale "italia.gov.it" con le IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

(Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RACCOMANDAZIONI CONSIGLIO

(Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RACCOMANDAZIONI CONSIGLIO 26.4.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 120/1 I (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RACCOMANDAZIONI CONSIGLIO RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO del 22 aprile 2013 sull'istituzione di una garanzia

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4.

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4. Industry 4.0 - La Fabbrica prossima ventura? Incontro e Dibattito per esplorazione di >> Cosa succederà per gli Imprenditori, i Manager, i Cittadini?

Dettagli

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI capitolo 15-1 POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI OBIETTIVO: EQUILIBRIO (ANCHE SE NEL LUNGO PERIODO) DISAVANZI: IMPLICANO PERDITE DI RISERVE VALUTARIE AVANZI: DANNEGGIANO ALTRI PAESI E CONDUCONO A

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Tiziano Vecchiato Da dove partire Ripartire dai poveri (2008) è la risposta all interrogativo «Rassegnarsi alla povertà?».

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

Agenda per uno sviluppo industriale sostenibile

Agenda per uno sviluppo industriale sostenibile Agenda per uno sviluppo industriale sostenibile Aprile 2015 Indice 1. Un nuovo approccio al tema della sostenibilità 1.1. Il Ruolo della manifattura per la crescita sostenibile 1.2. Politiche industriali

Dettagli

CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO

CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO è il resoconto di uno studio completo e originale, con struttura ben definita e costante: rappresenta il punto finale di una ricerca (in inglese: paper, article) STRUTTURA

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale?

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Growing Unequal? : Income Distribution and Poverty in OECD Countries Summary in Italian Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Riassunto in italiano La disuguaglianza

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

dei processi di customer service

dei processi di customer service WHITE PAPER APRILE 2013 Il Business Process Orchestrator dei processi di customer service Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente documento sono di proprietà esclusiva

Dettagli

Le difficoltà cui fanno fronte i giovani italiani per trovare un lavoro rischiano di compromettere gli investimenti nell istruzione.

Le difficoltà cui fanno fronte i giovani italiani per trovare un lavoro rischiano di compromettere gli investimenti nell istruzione. Il rapporto dell OCSE intitolato Education at a Glance: OECD Indicators è una fonte autorevole d informazioni accurate e pertinenti sullo stato dell istruzione nel mondo. Il rapporto presenta dati sulla

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

Paolo Ferrario, Dispensa didattica n. 2: SCHEMI DI ANALISI DELLE POLITICHE SOCIALI: IL MODELLO STATO E MERCATO 15 marzo 2011

Paolo Ferrario, Dispensa didattica n. 2: SCHEMI DI ANALISI DELLE POLITICHE SOCIALI: IL MODELLO STATO E MERCATO 15 marzo 2011 MODELLO STATO E MERCATO, 15 Marzo 2011 1/12 Paolo Ferrario, Dispensa didattica n. 2: SCHEMI DI ANALISI DELLE POLITICHE SOCIALI: IL MODELLO STATO E MERCATO 15 marzo 2011 FATTORI (O VARIABILI, O COMPONENTI

Dettagli

1. La situazione economica e del mercato del lavoro

1. La situazione economica e del mercato del lavoro 1. La situazione economica e del mercato del lavoro Per la lettura dei dati non si può prescindere dal considerare l impatto dei molteplici fattori che hanno mutato radicalmente il mondo del lavoro a causa

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro EXECUTIVE SUMMARY 2 Executive Summary La ricerca si è proposta di indagare il tema del rapporto Giovani e Lavoro raccogliendo il punto di vista di

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

LA DISPRASSIA EVOLUTIVA VERBALE

LA DISPRASSIA EVOLUTIVA VERBALE LA DISPRASSIA EVOLUTIVA VERBALE Rapporti tra DVE e CAS Valutazione e trattamento Irina Podda A.F.A. Centro REUL Genova UNIVERSITA DEGLI STUDI Genova Roma, 29-30 gennaio 2012 III Convegno Nazionale AIDEE

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO

INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO La finanziarizzazione dell economia Di Osvaldo Lamperti Per valutare meglio l attuale fase di crisi del capitalismo globalizzato è necessario fare alcune considerazioni sui

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

2. Fabula e intreccio

2. Fabula e intreccio 2. Fabula e intreccio Abbiamo detto che un testo narrativo racconta una storia. Ora dobbiamo però precisare, all interno della storia, ciò che viene narrato e il modo in cui viene narrato. Bisogna infatti

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita CAPITOLO 3 Lavoro e conciliazione dei tempi di vita L importanza di una buona occupazione Un attività adeguatamente remunerata, ragionevolmente sicura e corrispondente alle competenze acquisite nel percorso

Dettagli