Articolo per Economia e politica industriale, gennaio Instabilità e asimmetrie del nuovo paradigma. di Mario Pianta

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Articolo per Economia e politica industriale, gennaio 2002. Instabilità e asimmetrie del nuovo paradigma. di Mario Pianta"

Transcript

1 Articolo per Economia e politica industriale, gennaio 2002 Instabilità e asimmetrie del nuovo paradigma di Mario Pianta A due anni dalla caduta delle quotazioni delle borse internazionali, e un anno dopo l'inizio della recessione internazionale, si può valutare con quanta leggerezza una parte della letteratutura economica, soprattutto americana, abbia considerato le trasformazioni in corso come una novità assoluta, inventando per l'occasione categorie come "new economy", "economia senza peso", teorizzando aumenti di produttività elevatissimi (ma spesso calcolati con prezzi edonici) e perfino la "fine dei cicli economici". Il nuovo paradigma Un primo merito dell'articolo di Enzo Rullani, New/net/knowledge economy: le molte facce del postfordismo, è quello di richiamarci alle rivoluzioni tecnologiche del passato e in particolare ai paradigmi tecno-economici (si veda in particolare Freeman et al., 1982, Freeman e Soete, 1994) e di ancorare ad essi l'emergere di quella che è stata transitoriamente chiamata "new economy". Quel modello spiega che le tecnologie dell'informazione e comunicazione (TIC) affermatesi negli ultimi trent'anni rappresentano un vero e proprio "nuovo sistema tecnologico", alimentato da una serie di innovazioni radicali, capace di disegnare una traiettoria di lungo periodo del cambiamento tecnologico. La forte caduta dei costi e pervasività delle tecnologie dell'informazione e comunicazione portano alla loro rapida diffusione nel sistema economico, con pressoché tutti i settori che le adottano e le adattano, realizzando nuovi prodotti e nuovi processi. Il modello dei paradigmi tecno-economici segnala pure il lungo tempo necessario per questo processo, e la frequente presenza di mismatch, il mancato incontro tra l'affermarsi del paradigma tecno-economico emergente e l'evoluzione delle istituzioni e dei rapporti sociali. La crisi di quella che è stata la "new economy" può essere spiegata in modo soddisfacente proprio da questo modello. Se la causa diretta è stata la fine di un ciclo esasperato di speculazione finanziaria, che ha gonfiato oltremodo aspettative e valori di borsa, l'insostenibilità della "new economy" è legata alle sua base troppo ristretta nelle attività produttive, al mancato radicamento nell'insieme dell'economia, all'assenza di interazione con processi sociali più ampi. In altre parole, il nuovo paradigma ha bisogno di forme di organizzazione sociale che possano valorizzare e diffondere le nuove potenzialità tecnologiche, orientarle verso la realizzazione di nuovi prodotti e servizi capaci di soddisfare meglio bisogni reali, creare nuova occupazione e migliorare la qualità dello sviluppo. Naturalmente, la crisi della "new economy" non rappresenta un arresto delle trasformazioni in corso. E l'articolo di Rullani individua in modo adeguato i tre cerchi concentrici di diffusione degli effetti del nuovo paradigma: il cuore del cambiamento nelle attività che producono le nuove tecnologie dell'informazione e comunicazione, la 1

2 loro diffusione e applicazione attraverso l'"economia delle reti" e la generalizzazione nell'"economia della conoscenza". Tuttavia, utilizzare il termine "new economy" per il cuore tecnologico dei settori produttori di tecnologie dell'informazione e comunicazione appare improprio. Questo termine è stato associato ad una particolare combinazione di sviluppi nella tecnologia, nell'organizzazione delle imprese, e nella finanza (un aspetto chiave nell'ascesa e declino della "new economy"), nella logica di produzione e distribuzione. Le dinamiche di generazione di innovazioni radicali nei settori manufatturieri e dei servizi legati alle TIC hanno delle specificità ben più concrete della nebulosa della "new economy". Inoltre, la progressione tra "produzione di TIC-diffusione nelle reti-generalizzazione nella conoscenza" non è tanto una sequenza di cause-effetti successivi, ma una distinzione logica. Se questo è il percorso che segna l' espansione degli effetti del nuovo paradigma sull'insieme dell'economia, non vanno dimenticate anche le relazioni inverse. L'economia della conoscenza o meglio, dell'apprendimento (Lundvall, 1996) è una condizione necessaria per l'affermarsi del nuovo paradigma, non una sua conseguenza. E allo stesso modo lo è la presenza di reti complesse che sostituiscono le tradizionali forme di integrazione tra imprese. Ancora una volta, si tratta di processi che evolvono insieme: i legami tra questi aspetti sono un esempio del matching necessario per l'emergere del nuovo paradigma, cioè dello sviluppo parallelo di cambiamenti nelle tecnologie, nelle organizzazioni e nella base sociale di conoscenze che è necessaria per l'affermarsi del nuovo modello. Una verifica indiretta si può avere osservando che le economie in cui il nuovo paradigma è avanzato maggiormente - gli Stati Uniti, la Svezia - sono caratterizzate dalla compresenza di basi tecnologiche forti, da solide organizzazioni d'imprese con flessibili reti transnazionali e locali e da elevati processi di apprendimento e livelli d'istruzione. Le basi tecnologiche giapponesi o tedesche, o la flessiblità italiana, o gli stock di conoscenza di Francia o Regno Unito non sono state sufficienti da sole a far decollare il nuovo paradigma. I motori del cambiamento, secondo l'analisi di Rullani, risiedono nella riduzione dei costi offerta dalla produzione di TIC; nella flessibilità delle relazioni tra imprese e nelle economie di varietà offerte dall'economia delle reti, e dalla valorizzazione dei saperi resa possibile dall'economia della conoscenza. E' indubbio che questi tre processi siano al centro delle trasformazioni attuali, ma può essere utile articolarli maggiormente, allontanandoci da una visione unidirezionale. Quattro modelli di cambiamento La riduzione dei costi nelle TIC (e nei componenti di base, come i microprocessori) è accompagnata da una esplosione di nuove opportunità tecnologiche che possono essere utilizzate (o non utilizzate) in direzioni diverse. I modelli di cambiamento tecnologico che ne conseguono possono essere così schematizzati. 1. Un modello concentrato sulle competenze chiave nelle tecnologie dell'informazione e comunicazione. Siamo qui più vicini alle fonti scientifiche e ingegneristiche delle nuove tecnologie, con l'esigenza di grandi sforzi di ricerca e sviluppo per rinnovare di continuo le competenze esistenti. E' un modello, concentrato tutto dal lato 2

3 dell'"offerta", che riguarda soprattutto le grandi imprese protagoniste delle TIC e le reti di loro fornitori, presente in isole produttive ristrette di pochissimi paesi. I benefici che offre restano fortemente localizzati. 2. Un modello basato sulle innovazioni di prodotto. Quando le TIC si traducono in nuovi prodotti, con mercati in espansione, emerge un modello che mette al centro le potenzialità di mercato, integrando in qualche modo trasformazioni dell'offerta e della domanda. E' il modello che riguarda le imprese in cui le funzioni legate al mercato sono importanti, esteso in molti settori dell'industria e dei servizi, aperto a tutti i paesi e capace di portare maggiori vantaggi in termini di crescita e occupazione, e con la maggior potenzialità di generalizzazione e diffusione dei benefici del nuovo paradigma. 3. Un modello dominato dalle innovazioni di processo. La pervasività delle TIC consente di applicarle agevolmente a un vasto arco di attività produttive, razionalizzando i processi e ottenendo risparmi sui costi, a cominciare da quelli del lavoro. E' questo il canale più diretto che diffonde nell'economia la riduzione dei costi offerta dalle TIC, agendo attraverso la ristrutturazione dell'offerta e senza modificare la composizione della domanda. E' questo il modello che in molti paesi e settori, in Europa in particolare, sembra essersi affermato più rapidamente. In questo caso i benefici sono una maggior competitività dei settori di attività pre-esistenti, anche se al prezzo di registrare una "crescita senza occupazione" e con una limitata realizzazione dei benefici potenziali del nuovo paradigma. 4. Un modello fondato sull'apprendimento. Se guardiamo invece al ruolo chiave che svolgono nel nuovo paradigma le competenze del lavoro, i processi di apprendimento di persone e organizzazioni, la capacità di elaborare contenuti, emerge un modello di cambiamento in cui conoscenze e relazioni sono centrali. L'innalzamento generale del livello di competenze associato al cambiamento tecnologico - l'upskilling riscontrato da una vasta letteratura empirica - mostra il dinamismo di questo modello che tuttavia sembra caratterizzare soprattutto i servizi, e i fenomeni di integrazione tra alcune attività manifatturiere e alcuni servizi, in cui l'evoluzione dell'offerta e della domanda si intrecciano strettamente, dando risposte a nuovi bisogni e ridisegnando spesso i confini e la natura delle attività economiche. E' un modello che presenta ancora una diffusione limitata, ma che contiene le potenzialità maggiori di realizzazione dei benefici offerti dal nuovo paradigma. Questa articolazione dei modelli di cambiamento tecnologico può essere uno strumento concettuale utile a individuare le alternative possibili e i percorsi seguiti da imprese, settori ed economie nazionali nella loro transizione verso il nuovo paradigma tecnoeconomico. Ciascun modello privilegia attività innovative e investimenti di diversa natura - in modo schematico, rispettivamente: l'aumento del numero di scienziati e tecnologi; l'espansione della ricerca, sviluppo e progettazione di nuovi prodotti; l'acquisto di nuovi macchinari; l'innalzamento delle conoscenze e attività di formazione - anche se in ogni modello è necessaria la compresenza di attività innovative differenziate. Un approccio e indicatori di questo tipo possono inoltre permettere di monitorare (come negli esercizi di benchmarking ora così diffusi) l'evoluzione delle 3

4 strategie private e delle politiche pubbliche di fronte alle tecnologie dell'informazione e comunicazione. Gli effetti di specializzazione e concentrazione L'analisi di Rullani sottolinea la sequenza che unisce la riduzione dei costi offerta dalle TIC, le "economie di scala legate al processo di standardizzazione" (p. 10), l'aumento dei processi di specializzazione e i benefici economici che ne dovrebbero derivare. Analizzando in parallelo la dinamica delle attività innovative, della produzione e dell'occupazione nei settori al centro della generazione delle nuove tecnologie, il quadro che emerge appare un po' più incerto. La tabella 1 mostra per i settori manifatturieri più legati alle TIC in cinque paesi europei le dinamiche recenti di alcune variabili chiave: - sforzo innovativo, misurato dalla spesa totale per innovazione (che comprende dall'r&s agli investimenti innovativi) per addetto nel 1996; - risultati innovativi in termini di quota del fatturato dovuto a nuovi prodotti nel 1996; - tassi di variazione tra il 1994 e il 1999 di valore aggiunto (in termini reali) e occupazione. Dalla teoria economica e da quella dell'innovazione ci aspettiamo una complessiva coerenza tra le dinamiche di queste variabili: i paesi e i settori che più si impegnano in spesa innovativa, dovrebbero avere migliori risultati in termini di nuovi prodotti introdotti sul mercato, veder crescere di più il proprio valore aggiunto e con questo l'occupazione. Alla radice di questo legame virtuoso ci potrebbe essere proprio la riduzione dei costi e i vantaggi di specializzazione di cui si è parlato. Non stupisce vedere che ciascun paese accentua la propria specializzazione e registra prestazioni migliori in genere nei settori in cui ha già un vantaggio comparato. Tuttavia, nei settori più legati alle tecnologie dell'informazione comunicazione, ci dovremmo aspettare una relazione particolarmente stretta tra queste dinamiche. Invece dai dati della Tabella 1 scopriamo andamenti fortemente irregolari: input e output innovativo procedono raramente insieme e crescita di valore aggiunto e occupazione hanno andamenti a volte imprevedibili, che richiedono spiegazioni più complesse. Innanzi tutto esistono forti specificità dei singoli settori, influenzati spesso dalle alterne fortune di poche grandi imprese multinazionali che dominano alcune industrie nazionali. Ad esempio, la forte crescita della Svezia nelle comunicazioni si spiega con l'impegno della Ericsson, e qui troviamo pure il più alto livello di spesa per l'innovazione per addetto in Europa. Il ristagno dell'italia nei primi due settori è legato al tramonto di imprese come Olivetti, Italtel etc., ma qui compaiono valori stranamente elevati della quota di nuovi prodotti sul fatturato. In Francia il grande sforzo per l'innovazione nelle comunicazioni (Alcatel) e nei trasporti aerei e ferroviari (Aérospatiale e produzione di treni TGV) fa crescere il valore aggiunto ma non l'occupazione, con risultati ancora peggiori negli strumenti di precisione. Il Regno Unito ristagna o perde produzione e occupazione quasi ovunque tranne che nelle comunicazioni, dove sembra non investire quasi in attività innovative. 4

5 Emerge insomma una frammentazione delle prestazioni innovative ed economiche in Europa, che mostra da un lato l'attesa crescita della specializzazione, ma dall'altro un'imprevista assenza di coerenza tra attività tecnologiche, produzione e occupazione. Un maggior impegno innovativo e un'accresciuta specializzazione settoriale, in altre parole, non portano necessariamente con sè, nell'incerto, instabile e competitivo mondo delle nuove tecnologie, minori costi, maggior produttività, più crescita e più occupazione. Il prevalere di uno dei quattro modelli di cambiamento sopra delineati potrebbe contribuire molto a illuminare le ragioni di esiti così divaricati tra dinamiche innovative e prestazioni economiche e occupazionali. Un'ultima conseguenza di queste considerazioni è che maggior attenzione dovrebbe essere riservata al cambiamento strutturale delle economie, oggi caratterizzato ovunque da una rapida crescita dei servizi e da un relativo declino dell'industria manifatturiera, ma anche da una rapida evoluzione della composizione della domanda (due aspetti trascurati nell'articolo di Rullani). Buona parte della nuova domanda, dei bisogni emergenti e quindi della nuova produzione e dei nuovi posti di lavoro si trovano oggi nei servizi (alcuni "esternalizzati" dalle imprese industriali, altri strettamente connessi ad esse). Lo sviluppo di nuovi settori e nuove attività avviene in genere fuori dalle "reti" costruite intorno all'attività economica pre-esistente, è un occasione di cambiamento radicale non solo nelle tecnologie usate e nei bisogni soddisfatti, ma anche nelle organizzazioni che producono i nuovi beni e nelle relazioni che si stabiliscono intorno ad esse. Ogni nuovo paradigma ha portato con sè cambiamenti strutturali di grande rilievo, ha ridisegnato il volto delle economie, ha prodotto nuove imprese protagoniste della produzione, ha cambiato la gerarchia tra le economie nazionali. E la transizione attuale non è da meno. Asimmetrie e distribuzione L'esperienza storica ha mostrato che il nuovo paradigma si afferma, realizzando i suoi benerfici potenziali, quando si sviluppa una coerenza generale tra tecnologie, attività economiche, istituzioni e processi sociali. La scala a cui questo è avvenuto in passato è sempre stata quella delle economie nazionali. Oggi, la difficoltà di raggiungere questa coerenza è aggravata dalla natura globale di molti di questi processi. Mentre il "fordismo" si è affermato in contesti largamente nazionali con forti istituzioni legati agli stati che ne hanno accompagnato la crescita, il "capitalismo della conoscenza" si sviluppa a scala globale, con imprese multinazionali che sono la regola e non più l'eccezione nel modo di produrre. Qusto accentua le asimmetrie nelle competenze, nei rapporti di mercato e sociali, nella distribuzione di costi e benefici, e proprio le asimmetrie che accompagnano l'affermarsi delle tecnologie dell'informazione e comunicazione meriterebero di essere indagate più attentamente in quanto finiscono per essere i punti forti su cui si disegna il nuovo profilo dell'economia e della società. Ci sono le asimmetrie tra un'offerta che produce tecnologie e beni e una domanda che spesso non emerge, lasciando bisogni insoddisfatti. Ci sono le asimmetrie nella produzione, tra grandi e piccole imprese, tra reti globali e reti locali, che spostano potere contrattuale e quote di mercato con effetti di grande rilievo sulle strutture produttive. Ci sono le asimmetrie nella distribuzione tra i profitti realizzati da imprese 5

6 che operano a scala globale, che cambiano produzioni e mercati, e i redditi di lavoratori "fermi" nelle loro competenze, strutture sociali e luoghi di residenza. Ci sono le asimmetrie nel potere di prendere decisioni su produzione e distribuzione. Un problema chiave qui appare la capacità del nuovo modello di compensare gli effetti più gravi di queste crescenti asimmetrie, trovando meccanismi che generalizzino i benefici offerti dalle tecnologie dell'informazione e comunicazione. Una delle caratteristiche più estreme della meteora della "new economy" è stata proprio la sua ristrettissima "base sociale", il gruppo di protagonisti, utenti e beneficiari delle attività realizzate. Una ben più ampia diffusione di questi benefici è necessaria per costruire un consenso intorno a un nuovo modello che possa offrire opportunità di lavoro, di reddito, di sicurezza a gruppi sociali estesi e possa trasferire risorse anche alla società nel suo insieme. Non sono sufficienti qui i prezzi decrescenti dei nuovi beni. C'è un problema di distribuzione classico, tra salari, profitti e rendite (finanziarie in questo caso). C'è un problema di ridefinire il ruolo tecnico e sociale del lavoro nella produzione basata sulla conoscenza. E sono poi necessarie innovazioni sociali e istituzionali che sappiano redistribuire socialmente i benefici del cambiamento, com'è stato il welfare state ai tempi dell'affermarsi del "fordismo". Bibliografia Accademia Nazionale dei Lincei (2001), Tecnologia e società. Tecnologia, produttività, sviluppo. Atti del convegno dell'11-12 dicembre 2000, Roma, Accademia Nazionale dei Lincei. Freeman C., Clark J., Soete L. (1982), Unemployment and technical innovation, Pinter, Londra Freeman C., Soete L. (1994), Lavoro per tutti o disoccupazione di massa?, Etas, Milano. Lundvall, B.A. (1996), L'economia dell'apprendimento, Economia e Politica Industriale. OECD (2001), The new economy: beyond the hype. Parigi, OECD. Pianta M. (1996), L'innovazione nell'industria italiana e gli effetti economici e occupazionali, 'Economia e politica industriale, n.89. Pini P. (1992), Cambiamento tecnologico e occupazione. Recenti modelli di disoccupazione tecnologica, Il Mulino, Bologna. Rullani, E. (2002) New/net/knowledge economy: le molte facce del postfordismo, in questo volume. 6

7 Vivarelli, M. e Pianta, M. (a cura di) (2000) The employment impact of innovation. Evidence and policy. Routledge, Londra. 7

8 Note: 1. Perdeterminare i sttori innovativi da quelli non innovativi ho usato: QSE, QSI, QFW. In tutti i casi i setori scelti risultano i più innovativi. Alcune eccezioni: uk 19 e 20 non sono innovativi uk 8 non ha dati no 8 non ha dati no 20 non è innovativo Riporto comunque questi settori nella tabella per permettere i confronti. 2. Per standardizzare divido Vam per 10, Vom per 10 e QSE per 100 in tutti i paesi. Con questi valori puoi fare i grafici Con questo foglio vedi le differenze cross section e cross countries dei soli settori innovativi. Ma non mi sembrano facilmente leggibili i grafici. Fammi sapere su questo punto. 4. Settori settori bart settori ISIC3 settori irae Food products, Beverages and Tobacco Textiles Wearing apparel and Fur (excl. Footwear) Leather; luggage, saddlery, footwear Wood; prod. of wood, cork, straw, plaiting mat Paper and paper products Publishing, printing, repro. of record. media Coke, refines petroleum prod,, nuclear fuel Chemical and chemical products Rubber and plastic products Other non-metallic mineral products Basic metals Fabricated metal prod. (excl. mach. and eq.) Machinery and equipment nec Office, accounting and computing machinery Electrical machinery & apparatus nec Radio, TV & communication equip. & app Medic.,prec.,optic.instr.,watches &clocks Motor vehicles,trailers & semi-trailers Other transport equipment Furniture; manufacturing nec; Recycling 10 Coke, refines petroleum prod,, nuclear fuel Chemical and chemical products Office, accounting and computing machinery Radio, TV & communication equip. & app. Medic.,prec.,optic.instr.,watches &clocks Motor vehicles,trailers & semi-trailers Other transport equipment

9 Dati originali 1. Perdete settori VAM VOM QSE QFW In tutti i cascoke, refines petroleum prod,, nuclear fuel IT9 Chemical and chemical products IT15 Office, accounting and computing machinery IT17 Radio, TV & communication equip. & app IT18 Medic.,prec.,optic.instr.,watches &clocks IT19 Motor vehicles,trailers & semi-trailers IT20 Other transport equipment FR8 Coke, refines petroleum prod,, nuclear fuel FR9 Chemical and chemical products FR15 Office, accounting and computing machinery FR17 Radio, TV & communication equip. & app FR18 Medic.,prec.,optic.instr.,watches &clocks FR19 Motor vehicles,trailers & semi-trailers FR20 Other transport equipment UK8 Coke, refines petroleum prod,, nuclear fuel * * * * UK9 Chemical and chemical products UK15 Office, accounting and computing machinery UK17 Radio, TV & communication equip. & app UK18 Medic.,prec.,optic.instr.,watches &clocks UK19 Motor vehicles,trailers & semi-trailers UK20 Other transport equipment SE8 Coke, refines petroleum prod,, nuclear fuel SE9 Chemical and chemical products SE15 Office, accounting and computing machinery SE17 Radio, TV & communication equip. & app SE18 Medic.,prec.,optic.instr.,watches &clocks SE19 Motor vehicles,trailers & semi-trailers SE20 Other transport equipment NO8 Coke, refines petroleum prod,, nuclear fuel * * * * NO9 Chemical and chemical products NO15 Office, accounting and computing machinery NO17 Radio, TV & communication equip. & app NO18 Medic.,prec.,optic.instr.,watches &clocks NO19 Motor vehicles,trailers & semi-trailers NO20 Other transport equipment

10 paesi settori paesi VAM VOM QSE QFW 1. PerdeterCoke, refines petroleum prod,, nuclear fuel IT In tutti i caschemical and chemical products IT IT15 Office, accounting and computing machinery IT IT17 Radio, TV & communication equip. & app. IT IT18 Medic.,prec.,optic.instr.,watches &clocks IT IT19 Motor vehicles,trailers & semi-trailers IT IT20 Other transport equipment IT FR8 Coke, refines petroleum prod,, nuclear fuel FR FR9 Chemical and chemical products FR FR15 Office, accounting and computing machinery FR FR17 Radio, TV & communication equip. & app. FR FR18 Medic.,prec.,optic.instr.,watches &clocks FR FR19 Motor vehicles,trailers & semi-trailers FR FR20 Other transport equipment FR UK8 Coke, refines petroleum prod,, nuclear fuel UK8 * * * UK9 Chemical and chemical products UK UK15 Office, accounting and computing machinery UK UK17 Radio, TV & communication equip. & app. UK UK18 Medic.,prec.,optic.instr.,watches &clocks UK UK19 Motor vehicles,trailers & semi-trailers UK UK20 Other transport equipment UK SE8 Coke, refines petroleum prod,, nuclear fuel SE SE9 Chemical and chemical products SE SE15 Office, accounting and computing machinery SE SE17 Radio, TV & communication equip. & app. SE SE18 Medic.,prec.,optic.instr.,watches &clocks SE SE19 Motor vehicles,trailers & semi-trailers SE SE20 Other transport equipment SE NO8 Coke, refines petroleum prod,, nuclear fuel NO8 * * * * NO9 Chemical and chemical products NO NO15 Office, accounting and computing machinery NO NO17 Radio, TV & communication equip. & app. NO NO18 Medic.,prec.,optic.instr.,watches &clocks NO NO19 Motor vehicles,trailers & semi-trailers NO NO20 Other transport equipment NO

11 Tabella 1. La dinamica dei settori dell'informazione e comunicazione in Europa 1. Perdeterminare i sttori innovativi da quelli non innovativi ho usato: QSE, QSI, QFW. In tutti i casi i setori scelti risultano i più innovativi. Alcune eccezioni: Settori Paesi Valore aggiunto Occupazione Spesa totale Quota di fatturato per l'innovazione dovuta a nuovi prodotti Tassi medi annui di variaz , migl. $ per addetto 1996 Macchine Italia % per ufficio Francia % Regno Unito % Svezia % Norvegia % Attrezz. per Italia % comunicaz., Francia % radio e tv Regno Unito % Svezia % Norvegia % Strumenti Italia % di precisione Francia % Regno Unito % Svezia % Norvegia % Altri mezzi Italia % di trasporto Francia % (ferr., aeron.) Regno Unito % Svezia % Norvegia % Fonte: elaborazioni su dati OECD, STAN 2001 e Eurostat, CIS 2.

12 ITALY 1. Perdeterminare i sttori innovativi da quelli non innovativi ho usato: QSE, QSI, QFW. une eccezioni: TURN RTOT rtotppp emp ,287,537 2,667, , ,161, , , ,839, , , ,624, , , ,151, , , ,494, , , ,341, , , ,263, , , ,291,912 3,160, , ,259, , , ,772, , , ,510, , , ,003,319 1,727, , ,223,118 3,230, , ,898, , , ,931,923 1,092, , ,368,230 2,050, , ,654, , , ,055,562 2,538, , ,153,853 1,896, , ,365, , ,647 france Isic Rev. 3 turn96 emp96 RTOT$ RTOT , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , UK SIC_CODE TURN_96 EMP_96 PPP EXPTOTAL

13 NO NACE TURN EMP RTOT$ RTOT 15,16 94,623, , ,125, ,251, , , ,178, , , , , ,575, , , ,280, , , ,404, , , , , ,449, , ,150, ,755, , , ,822, , , ,627, , , ,243, , , ,856, , , ,591, , ,163, , , ,747, , , ,602, , , ,081, , , ,616, , , ,650, , , SE NACE TURN EMP PPP RTOT

A tutti gli Organismi di Certificazione accreditati/accreditandi per la Verifica e Convalida delle dichiarazioni ambientali di prodotto (EPD)

A tutti gli Organismi di Certificazione accreditati/accreditandi per la Verifica e Convalida delle dichiarazioni ambientali di prodotto (EPD) A tutti gli Organismi di Certificazione accreditati/accreditandi per la Verifica e Convalida delle dichiarazioni ambientali di prodotto (EPD) Ns. rif.: DC2015UTZ029 Milano, 26/05/2015 Oggetto: Dipartimento

Dettagli

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export Roberto Monducci Istituto nazionale di statistica Direttore del Dipartimento per i conti nazionali e le statistiche

Dettagli

L innovazione tramite le ICT: promesse, fatti e sfide per il futuro

L innovazione tramite le ICT: promesse, fatti e sfide per il futuro L innovazione tramite le ICT: promesse, fatti e sfide per il futuro Emilio Paolucci, Paolo Neirotti Politecnico di Torino Unione Industriale Torino, 19 marzo 2008 Agenda Quali sono i benefici degli investimenti

Dettagli

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema Aspen Institute Italia Studio curato da: Servizio Studi e Ricerche, Intesa Sanpaolo ISTAT IMT Alti Studi, Lucca Fondazione Edison LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE Prima

Dettagli

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA E REGIONALE Economia Urbana 2 TEORIA DELLO SVILUPPO LOCALE Economia Urbana

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2016

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2016 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2016 Il fatturato dell industria italiana rimarrà su ritmi di crescita ancora superiori al 2% nell anno in corso per poi entrare in

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

PIL e tasso di crescita.

PIL e tasso di crescita. PIL e tasso di crescita. 1.1 Il lungo periodo PIL è una sigla molto usata per indicare il livello di attività di un sistema economico. Il Prodotto Interno Lordo, misura l insieme dei beni e servizi finali,

Dettagli

SDD ING-IND/35. Ingegneria economico-gestionale

SDD ING-IND/35. Ingegneria economico-gestionale Ingegneria economico-gestionale Il gruppo di ricerca Marco Mutinelli Renato Redondi Francesca Sgobbi Mariasole Bannò Valentina Morandi I temi di ricerca Internazionalizzazione Competenze e cambiamento

Dettagli

CORSO DI POLITICA ECONOMICA PER L INNOVAZIONE FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA

CORSO DI POLITICA ECONOMICA PER L INNOVAZIONE FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA PROF.SSA MARIA ALESSANDRA ROSSI ALESSANDRA.ROSSI@UNISI.IT Innovazione e lavoro UN TEMA (DI)BATTUTO DA TEMPO SCHEMA DELLA LEZIONE Effetti dell innovazione

Dettagli

LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE. Manifesto per l energia del futuro

LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE. Manifesto per l energia del futuro LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE Manifesto per l energia del futuro È in discussione in Parlamento il disegno di legge sulla concorrenza, che contiene misure che permetteranno il completamento del

Dettagli

Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino.

Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino. Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino. Specializzazione produttiva o SP., competitività internazionale e crescita economica o SP.,

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ

INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ Se confrontata con i principali paesi europei, l Italia si colloca nella fascia bassa, per quanto riguarda la presenza di imprese estere sul proprio territorio.

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA INDUSTRIALE, LA COMPETITIVITA E LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE DIV. VII PMI, Startup innovative e reti di impresa Indagine sulle PMI eccellenti

Dettagli

Capitolo 24. Risultati economici delle imprese

Capitolo 24. Risultati economici delle imprese Capitolo 24 Risultati economici delle imprese 24. Risultati economici delle imprese Per saperne di più... Eurostat. http://europa. eu.int/comm/eurostat. Imf. World economic outlook. Washington: 2012.

Dettagli

Apertura internazionale, ricerca e innovazione nell economia italiana

Apertura internazionale, ricerca e innovazione nell economia italiana Apertura internazionale, ricerca e innovazione nell economia italiana Lelio Iapadre (Università dell Aquila e UNU-CRIS, Bruges) Corso per i poli regionali di innovazione ITA, Roma, 3 febbraio 2015 Sommario

Dettagli

STORIA DEL PENSIERO ECONOMICO SULLA CRESCITA E SULLO SVILUPPO

STORIA DEL PENSIERO ECONOMICO SULLA CRESCITA E SULLO SVILUPPO STORIA DEL PENSIERO ECONOMICO SULLA CRESCITA E SULLO SVILUPPO 1. Teoria Classica Scuola economica neoclassica si sviluppa in Gran Bretagna nel 18 e 19 secolo. Smith, Ricardo, Malthus, Mill, Marx. Periodo

Dettagli

Carta, Editoria, Stampa e Trasformazione: i dati della filiera

Carta, Editoria, Stampa e Trasformazione: i dati della filiera Carta, Editoria, Stampa e Trasformazione: i dati della filiera Alessandro Nova Università itàl. Bocconi Roma, 15 febbraio 2012 Filiera della carta 2012 Alessandro Nova 1 La filiera della carta, editoria,

Dettagli

VALUTAZIONI. Paesi europei e cercare di capire le cause della variabilità di questa commodity in Europa. In questo articolo

VALUTAZIONI. Paesi europei e cercare di capire le cause della variabilità di questa commodity in Europa. In questo articolo Spazio a perto VALUTAZIONI Il costo dell energia elettrica per le imprese italiane: un analisi comparata a livello europeo I costi sostenuti dalle imprese italiane per l energia elettrica sono considerati

Dettagli

PRINCIPIO DI AGGLOMERAZIONE

PRINCIPIO DI AGGLOMERAZIONE PRINCIPIO DI AGGLOMERAZIONE 1.1. PRINCIPIO DI AGGLOMERAZIONE A - Il principio di agglomerazione è genetico / fondativo della città Perché? la concentrazione spaziale come scelta di comodità/efficienza

Dettagli

Economia e impresa digitale Lelio Iapadre (Università dell Aquila e UNU-CRIS, Bruges) Intervento al convegno dell Intergruppo sull innovazione «L

Economia e impresa digitale Lelio Iapadre (Università dell Aquila e UNU-CRIS, Bruges) Intervento al convegno dell Intergruppo sull innovazione «L Economia e impresa digitale Lelio Iapadre (Università dell Aquila e UNU-CRIS, Bruges) Intervento al convegno dell Intergruppo sull innovazione «L Italia digitale: dall Abruzzo tre progetti innovativi tra

Dettagli

6 marzo 2015. Andamento del valore aggiunto totale e dei servizi (Numero indice I trim. 2008 = 100, valori concatenati)

6 marzo 2015. Andamento del valore aggiunto totale e dei servizi (Numero indice I trim. 2008 = 100, valori concatenati) Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

ASSESSORATO ALLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE, RICERCA E INNOVAZIONE DIREZIONE ATTIVITÀ PRODUTTIVE

ASSESSORATO ALLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE, RICERCA E INNOVAZIONE DIREZIONE ATTIVITÀ PRODUTTIVE ASSESSORATO ALLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE, RICERCA E INNOVAZIONE DIREZIONE ATTIVITÀ PRODUTTIVE AGGIORNAMENTO BANCA DATI SULL ARTIGIANATO ANNO 2013 Luglio 2014 ASSESSORATO ALLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE (INDUSTRIA,

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 3 La domanda di lavoro - 1 L ipotesi che le imprese aggiustano istantaneamente la loro occupazione quando cambia la situazione economica è un ipotesi FORTE. In realtà

Dettagli

LA GESTIONE STRATEGICA

LA GESTIONE STRATEGICA LA GESTIONE STRATEGICA DALLA TEORIA ALLA REALTA A cura di: Massimo Giammattei ARGOMENTI Un caso specifico. HONDA L evoluzione della teoria; Alcuni diversi approcci alla gestione strategica; Le critiche

Dettagli

Nel seguito, viene presentato il punto di vista di UCIMU-SISTEMI PER PRODURRE sul tema new business model Articolazione dell intervento

Nel seguito, viene presentato il punto di vista di UCIMU-SISTEMI PER PRODURRE sul tema new business model Articolazione dell intervento MODELLI DI BUSINESS E MACCHINE UTENSILI UCIMU-SISTEMI PER PRODURRE 1 Razionale Nel seguito, viene presentato il punto di vista di UCIMU-SISTEMI PER PRODURRE sul tema new business model Articolazione dell

Dettagli

L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche?

L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche? L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche? Sintesi dei risultati Premessa L internazionalizzazione del sistema produttivo italiano costituisce uno degli obiettivi

Dettagli

Capitolo III. Problemi dello sviluppo italiano e necessità di una nuova manovra culturale e educativa. Priorità e strategie

Capitolo III. Problemi dello sviluppo italiano e necessità di una nuova manovra culturale e educativa. Priorità e strategie Capitolo III Problemi dello sviluppo italiano e necessità di una nuova manovra culturale e educativa. Priorità e strategie FATTORI DELLA CRISI ITALIANA 1) Debito pubblico Debito pubblico rapportato al

Dettagli

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula.

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. E possibile approfondire il tema consultando il sito La

Dettagli

Sfide e prospettive nella risposta ai nuovi bisogni sociali: lavoro, sviluppo e secondo welfare

Sfide e prospettive nella risposta ai nuovi bisogni sociali: lavoro, sviluppo e secondo welfare Sfide e prospettive nella risposta ai nuovi bisogni sociali: lavoro, sviluppo e secondo welfare Franca Maino Dipartimento di Studi del Lavoro e del Welfare Università degli Studi di Milano Laboratorio

Dettagli

CAPITOLO XI La gestione della produzione industriale

CAPITOLO XI La gestione della produzione industriale CAPITOLO XI La gestione della produzione industriale Tratteremo argomenti quali la organizzazione delle multinazionali e delle loro reti globali di produzione, con un enfasi sulle JV e sul ruolo della

Dettagli

DELLA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO

DELLA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO 26 marzo. 2013 MONITORAGGIO DELLA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO (legge n. 92/2012) Prime evidenze empiriche sulle forme contrattuali 1. INTRODUZIONE Il Ministero del Lavoro ha affidato all Isfol il compito

Dettagli

Sinergie e risultati nel settore del farmaco. Massimo Boriero Gruppo Biotecnologie Farmindustria

Sinergie e risultati nel settore del farmaco. Massimo Boriero Gruppo Biotecnologie Farmindustria Sinergie e risultati nel settore del farmaco Massimo Boriero Gruppo Biotecnologie Farmindustria Roma, 22 maggio 2007 Dalle Biotecnologie per la Salute nuove possibilità di cura settore Science-based le

Dettagli

Communiqué de presse Pressemitteilung Comunicato Stampa

Communiqué de presse Pressemitteilung Comunicato Stampa Office fédéral de la statistique Bundesamt für Statistik Ufficio federale di statistica Uffizi federal da statistica Service d information Informationsdienst Servizio informazioni Servetsch d infurmaziun

Dettagli

ILO: aumenta l insicurezza nel mercato del lavoro globale

ILO: aumenta l insicurezza nel mercato del lavoro globale Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO) - World Employment and Social Outlook 2015. The Changing Nature of Jobs ILO: aumenta l insicurezza nel mercato del lavoro globale La prima edizione del nuovo

Dettagli

AlmaLaurea: i laureati in Ingegneria alla prova del lavoro

AlmaLaurea: i laureati in Ingegneria alla prova del lavoro AlmaLaurea: i laureati in Ingegneria alla prova del lavoro Ingegneria è tradizionalmente considerata una laurea forte, un percorso di studi severo che apre al mondo del lavoro, forma professionisti in

Dettagli

RICICLO ECO EFFICIENTE

RICICLO ECO EFFICIENTE RICICLO ECO EFFICIENTE L industria italiana del riciclo tra globalizzazione e sfide della crisi Duccio Bianchi Istituto di ricerche Ambiente Italia I temi del rapporto L industria del riciclo e la green

Dettagli

Effetti sulla distribuzione del reddito

Effetti sulla distribuzione del reddito Sanna-Randaccio Lezione 17 Frammentazione della produzione a livello internazionale e commercio di beni intermedi Cosa è la frammentazione della produzione (offshore outsourcing) Cosa indicano i dati Perché

Dettagli

OECD Science, Technology and Industry: Scoreboard 2005. Scienza, Tecnonologia e Industria: Quadro di valutazione OCSE 2005. Sommario Esecutivo

OECD Science, Technology and Industry: Scoreboard 2005. Scienza, Tecnonologia e Industria: Quadro di valutazione OCSE 2005. Sommario Esecutivo OECD Science, Technology and Industry: Scoreboard 2005 Summary in Italian Scienza, Tecnonologia e Industria: Quadro di valutazione OCSE 2005 Riassunto in italiano Sommario Esecutivo Prosegue la tendenza

Dettagli

Economia e dinamica industriale (9 CFU) Economia industriale (6 CFU)

Economia e dinamica industriale (9 CFU) Economia industriale (6 CFU) Economia e dinamica industriale (9 CFU) Economia industriale (6 CFU) Lezione 1 del 28/2/2011 Davide Castellani Università di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Economia, Finanza e Statistica davide.castellani@unipg.it

Dettagli

Green Building and Open Innovation

Green Building and Open Innovation Green Building and Open Innovation Milano, 29 novembre 2011 Start-Up Initiative Gianluca Salvatori Progetto Manifattura La grande sproporzione Come si può sostenere ancora? Nuove regole di gioco Perché

Dettagli

Le aree di Innovazione per la crescita

Le aree di Innovazione per la crescita Le aree di Innovazione per la crescita I Sistemi nazionali di Innovazione vengono caratterizzati dal grado di specializzazione tecnologica dei diversi settori produttivi: la capacità di sviluppare innovazione

Dettagli

Recessione e perdita di competitività dell Italia

Recessione e perdita di competitività dell Italia Recessione e perdita di competitività dell Italia Alberto Majocchi Facoltà di Economia Università di Pavia L Italia in recessione Il governatore Visco ha certificato previsioni negative per il 2012 ( -

Dettagli

CHI VINCE E CHI PERDE: L INDUSTRIA ITALIANA OLTRE LA CRISI

CHI VINCE E CHI PERDE: L INDUSTRIA ITALIANA OLTRE LA CRISI CHI VINCE E CHI PERDE: L INDUSTRIA ITALIANA OLTRE LA CRISI Incontro organizzato da MIP Politecnico di Milano Roberto Monducci Istat - Direttore del Dipartimento per i conti nazionali e le statistiche economiche

Dettagli

Sistema paese e sicurezza economica. Maurizio Franzini Sapienza, Università di Roma

Sistema paese e sicurezza economica. Maurizio Franzini Sapienza, Università di Roma Sistema paese e sicurezza economica Maurizio Franzini Sapienza, Università di Roma I nostri temi Invece di un sistema-paese, un paese diviso e gravato da varie forme di insicurezza economica In che senso

Dettagli

Produzione. MANIFATTURA e MERCATI. Le PMI dopo sette anni di crisi

Produzione. MANIFATTURA e MERCATI. Le PMI dopo sette anni di crisi Produzione MANIFATTURA e MERCATI Le PMI dopo sette anni di crisi Produzione MANIFATTURA e MERCATI Le PMI dopo sette anni di crisi Realizzata da CNA Produzione In collaborazione con Centro Studi CNA MANIFATTURA

Dettagli

Debito pubblico, perché no?

Debito pubblico, perché no? Debito pubblico, perché no? Debito pubblico, perché no? Paolo Palazzi Come un aumento generalizzato della spesa pubblica finanziata da un aumento del debito pubblico può farci uscire dall'intreccio letale

Dettagli

ECONOMIA POLITICA. R.H. Frank, B.S. Bernanke, M. McDowell e R. Thom, Principi di Economia, McGraw-Hill, Milano, Terza Edizione, 2010

ECONOMIA POLITICA. R.H. Frank, B.S. Bernanke, M. McDowell e R. Thom, Principi di Economia, McGraw-Hill, Milano, Terza Edizione, 2010 ECONOMIA POLITICA TESTO R.H. Frank, B.S. Bernanke, M. McDowell e R. Thom, Principi di Economia, McGraw-Hill, Milano, Terza Edizione, 2010 (capp. 2,3,4,5,6,7,8,9,12,13,14,16,17,20,23) introduzione alla

Dettagli

Education at a Glance 2010: OECD Indicators. Uno sguardo sull istruzione: indicatori OCSE. Summary in Italian. Sintesi in italiano

Education at a Glance 2010: OECD Indicators. Uno sguardo sull istruzione: indicatori OCSE. Summary in Italian. Sintesi in italiano Education at a Glance 2010: OECD Indicators Summary in Italian Uno sguardo sull istruzione: indicatori OCSE Sintesi in italiano Nell area OCSE, i governi stanno cercando di rendere più efficace il sistema

Dettagli

L ECONOMIA REGGIANA alle soglie del 2015

L ECONOMIA REGGIANA alle soglie del 2015 Osservatorio economico, coesione sociale, legalità L ECONOMIA REGGIANA alle soglie del 2015 i principali indicatori A cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio di Il contesto internazionale Stime

Dettagli

TENDENZE EVOLUTIVE NELLA DISCIPLINA DI MARKETING E RICERCA DI NUOVI PARADIGMI

TENDENZE EVOLUTIVE NELLA DISCIPLINA DI MARKETING E RICERCA DI NUOVI PARADIGMI TENDENZE EVOLUTIVE NELLA DISCIPLINA DI MARKETING E RICERCA DI NUOVI PARADIGMI LO SVILUPPO DELLA DISCIPLINA DI MARKETING 1. Le origini 1920-1940 2. Lo sviluppo 1950-1965 3. La maturità 1965-1980 4. Il riorientamento

Dettagli

Giuseppe Capuano. Economista Direzione Generale PMI e Enti Cooperativi Dirigente Div. VIII PMI e Artigianato

Giuseppe Capuano. Economista Direzione Generale PMI e Enti Cooperativi Dirigente Div. VIII PMI e Artigianato Giuseppe Capuano Economista Direzione Generale PMI e Enti Cooperativi Dirigente Div. VIII PMI e Artigianato Bari, 13 febbraio 2014 1 Struttura delle imprese industriali e dei servizi (anno 2011) Dimensioni

Dettagli

ECONOMIA AZIENDALE Corso di laurea in scienze e tecniche del turismo culturale

ECONOMIA AZIENDALE Corso di laurea in scienze e tecniche del turismo culturale ECONOMIA AZIENDALE Corso di laurea in scienze e tecniche del turismo culturale Dott. Gabriele Zambon Lez. 1 L attività economica e l economia aziendale Il campo dell economia aziendale L'economia èuna

Dettagli

LA SPESA PER REDDITI DA LAVORO DIPENDENTE: CONFRONTO TRA GERMANIA, FRANCIA, ITALIA, REGNO UNITO E SPAGNA.

LA SPESA PER REDDITI DA LAVORO DIPENDENTE: CONFRONTO TRA GERMANIA, FRANCIA, ITALIA, REGNO UNITO E SPAGNA. LA SPESA PER REDDITI DA LAVORO DIPENDENTE: CONFRONTO TRA GERMANIA, FRANCIA, ITALIA, REGNO UNITO E SPAGNA. La spesa per redditi da lavoro dipendente rappresenta la remunerazione complessiva erogata ai propri

Dettagli

Eppure le tecnologie aprono spazi inediti

Eppure le tecnologie aprono spazi inediti Eppure le tecnologie aprono spazi inediti di Luciano Pero* La questione della rappresentanza e dell'intermediazione vista dall'interno della fabbrica. Il rinnovamento dei cicli produttivi ha trasformato

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania La flessione dell economia tedesca si è drasticamente rafforzata nel primo trimestre 2009 durante il quale il PIL ha subito un calo del 3,5% rispetto all

Dettagli

Schema. 1. Qualche dato su commercio e crescita mondiale. 2. Perché la globalizzazione può essere buona

Schema. 1. Qualche dato su commercio e crescita mondiale. 2. Perché la globalizzazione può essere buona Schema 1. Qualche dato su commercio e crescita mondiale. 2. Perché la globalizzazione può essere buona 3. Perché la globalizzazione può essere cattiva 4. Quali politiche per renderla migliore? 1 1. Commercio

Dettagli

Contrastare il declino europeo: quale ruolo per le riforme del mercato dei prodotti?

Contrastare il declino europeo: quale ruolo per le riforme del mercato dei prodotti? Contrastare il declino europeo: quale ruolo per le riforme del mercato dei prodotti? Di Riccardo Faini, Jonathan Haskel, Giorgio Barba Navaretti, Carlo Scarpa, and Christian Wey Sintesi del rapporto Nel

Dettagli

Università di Bologna Dipartimento di Sociologia e Diritto

Università di Bologna Dipartimento di Sociologia e Diritto Convegno Giovani e mercato del lavoro: instabilità, transizioni, partecipazione, politiche Università di Bologna Dipartimento di Sociologia e Diritto Bologna, 1 febbraio 2013 Con il patrocinio di CALL

Dettagli

La diffusione settoriale dell innovazione. Titolo corso: Economia dell innovazione 1. Davide Arduini

La diffusione settoriale dell innovazione. Titolo corso: Economia dell innovazione 1. Davide Arduini La diffusione settoriale dell innovazione Titolo corso: Economia dell innovazione 1 Davide Arduini Facoltà di Economia - Università degli Studi di Urbino Lezione n.5 Linea espositiva 1. Introduzione alla

Dettagli

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES Pier Francesco Asso ECONOMIA SICILIANA Si illustrano alcuni risultati del IV rapporto di ricerca della Fondazione RES dedicato

Dettagli

COME SI È EVOLUTA LA FLESSIBILITÀ CON LA CRISI

COME SI È EVOLUTA LA FLESSIBILITÀ CON LA CRISI COME SI È EVOLUTA LA FLESSIBILITÀ CON LA CRISI Il perdurare della crisi economica ha inciso sulla quantità di lavoro domandata dalle imprese e sulla qualità della composizione dell occupazione, entrambe

Dettagli

I modelli tradizionali del commercio internazionale

I modelli tradizionali del commercio internazionale I modelli tradizionali del commercio internazionale Il commercio internazionale segue i VC (Ricardo e neoclassico) Risultati I VC sono determinati dalle dotazioni fattoriali (HO) L integrazione commerciale

Dettagli

Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Corso di Laurea in Scienze Economiche A.A. 2008-2009 LEZIONE 3

Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Corso di Laurea in Scienze Economiche A.A. 2008-2009 LEZIONE 3 Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Economia Internazionale Corso di Laurea in Scienze Economiche A.A. 2008-2009 MATERIALE DIDATTICO da integrare al libro di testo: Hill C.W.L. International

Dettagli

La crisi e le prospettive della manifattura in Italia Fulvio Coltorti, Direttore emerito dell Area Studi Mediobanca

La crisi e le prospettive della manifattura in Italia Fulvio Coltorti, Direttore emerito dell Area Studi Mediobanca La crisi e le prospettive della manifattura in Italia Fulvio Coltorti, Direttore emerito dell Area Studi Mediobanca 4 aprile 2014 i 100 anni Maserati Da dove veniamo? Declino & trasformazione 1974 1975

Dettagli

QEF_ Internazionalizzazione delle imprese italiane. Executive summary

QEF_ Internazionalizzazione delle imprese italiane. Executive summary QEF_ Internazionalizzazione delle imprese italiane Executive summary Il lavoro analizza alcuni temi legati all internazionalizzazione del sistema produttivo italiano facendo leva sulle ricerche condotte

Dettagli

Internazionalizzazione delle imprese italiane

Internazionalizzazione delle imprese italiane Internazionalizzazione delle imprese italiane Le caratteristiche strutturali delle imprese internazionalizzate e le reazioni alla crisi commento SERGIO DE NARDIS --- Banca d Italia 27 febbraio 2014 Quadro

Dettagli

LA FINANZIARIZZAZIONE

LA FINANZIARIZZAZIONE http://www.sinedi.com ARTICOLO 70 SETTEMBRE/ OTTOBRE 2014 LA FINANZIARIZZAZIONE INFLUENZA DEL SETTORE FINANZIARIO SULLE IMPRESE Negli ultimi anni il settore finanziario ha ricoperto un ruolo sempre più

Dettagli

GESTIONE AZIENDALE/GESTIONE DELL INNOVAZIONE E DEI PROGETTI

GESTIONE AZIENDALE/GESTIONE DELL INNOVAZIONE E DEI PROGETTI GESTIONE AZIENDALE/GESTIONE DELL INNOVAZIONE E DEI PROGETTI a.a. 2009-10 Prof. Corrado lo Storto DIEG, Dipartimento di Ingegneria Economico-gestionale Facoltà di Ingegneria, Università di Napoli Federico

Dettagli

ESIGENZE INFORMATIVE E STATISTICHE PER IL GOVERNO DEI SISTEMI LOCALI

ESIGENZE INFORMATIVE E STATISTICHE PER IL GOVERNO DEI SISTEMI LOCALI Impresa, sviluppo, territorio Il ruolo della statistica locale Modena, 4-5 giugno 2008 ESIGENZE INFORMATIVE E STATISTICHE PER IL GOVERNO DEI SISTEMI LOCALI Carlo Filippucci Dipartimento di Scienze Statistiche-Università

Dettagli

La sostenibilità economica dei grandi eventi e i rischi di speculazione immobiliare Roberto Camagni Politecnico di Milano

La sostenibilità economica dei grandi eventi e i rischi di speculazione immobiliare Roberto Camagni Politecnico di Milano Grandi eventi e legacy: Rischi e opportunità per la competizione urbana nel mercato mondiale prima e dopo la crisi globale Politecnico di Milano, 18-20 novembre 2010 La sostenibilità economica dei grandi

Dettagli

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche Osservatorio24 def 27-02-2008 12:49 Pagina 7 Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO 2.1 La produzione industriale e i prezzi alla produzione Nel 2007 la produzione industriale

Dettagli

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy INTRODUZIONE Un economia sempre più internazionalizzata: l export è il principale volano per la crescita dell economia italiana,

Dettagli

L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari

L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari EURO 6 L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari Giovanni Berneschi Dopo anni di attesa e di preparazione, a partire dal 1 gennaio 2002 l Euro ha preso il posto di dodici monete nazionali

Dettagli

L innovazione nelle imprese di servizi

L innovazione nelle imprese di servizi Corso di Economia e Gestione delle Imprese di Servizi 2 A.A. 2009/2010 L innovazione nelle imprese di servizi Alessandro Pagano novembre 2009 Concetto di innovazione L innovazione consiste in nuove combinazioni

Dettagli

IL SETTORE DEI BENI STRUMENTALI NEL 2014

IL SETTORE DEI BENI STRUMENTALI NEL 2014 FEDERAZIONE NAZIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DEI PRODUTTORI DI BENI STRUMENTALI E LORO ACCESSORI DESTINATI ALLO SVOLGIMENTO DI PROCESSI MANIFATTURIERI DELL INDUSTRIA E DELL ARTIGIANATO IL SETTORE DEI BENI

Dettagli

Capitolo 14. Crescita economica e innalzamento del tenore di vita

Capitolo 14. Crescita economica e innalzamento del tenore di vita Capitolo 14 Crescita economica e innalzamento del tenore di vita La crescita economica è l'incremento della produzione di beni e servizi di un sistema economico nel lungo periodo Il raggiungimento di un

Dettagli

Sistemi Informativi e Commercio Elettronico

Sistemi Informativi e Commercio Elettronico Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria Applicazioni Internet B Paolo Salvaneschi A2_2 V1.4 Sistemi Informativi e Commercio Elettronico Commercio elettronico Il contenuto del documento è liberamente

Dettagli

MODERAZIONE SALARIALE E COSTO DEL LAVORO IN ITALIA ED IN EUROPA

MODERAZIONE SALARIALE E COSTO DEL LAVORO IN ITALIA ED IN EUROPA MODERAZIONE SALARIALE E COSTO DEL LAVORO IN ITALIA ED IN EUROPA di Gabriele OLINI Studi e Ricerche CISL Secondo le fonti statistiche e le analisi disponibili a livello comunitario, l'italia presenta uno

Dettagli

Avviso Comune. Efficienza energetica, opportunità di crescita per il Paese

Avviso Comune. Efficienza energetica, opportunità di crescita per il Paese CONFINDUSTRIA Avviso Comune CGIL CISL UIL Efficienza energetica, opportunità di crescita per il Paese Il contesto Con l accordo europeo 20-20-20 l Italia dovrà raggiungere importanti ed onerosi obiettivi

Dettagli

Imprese chimiche tra crisi e rinnovamento

Imprese chimiche tra crisi e rinnovamento Imprese chimiche tra crisi e rinnovamento Analisi sui cambiamenti realizzati dalle imprese di chimica fine e specialità per affrontare la crisi Centro Studi Federchimica Giugno 2011 Con un questionario

Dettagli

LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 2009

LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 2009 LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 9 "Non importa quante volte cadi. Quello che conta è la velocità con cui ti rimetti

Dettagli

Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato

Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato 1 Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato quindi un milione di copie, pari a poco meno del 20% del

Dettagli

Il lavoro si muove in Europa!

Il lavoro si muove in Europa! Il lavoro si muove in Europa! http://europa.eu.int/eures Eures Adviser Regione Basilicata Angela Palese LA RETE EURES: OBIETTIVI Informare, consigliare e aiutare i candidati alla mobilità europea Rendere

Dettagli

conferenza annuale Della ces sui cae

conferenza annuale Della ces sui cae Settembre 2014 Infopoint e' un progetto CES che fornisce supporto tecnico alle parti sociali per la costruzione di progetti sotto la linea di finanziamento 04030303, con il sostegno finanziario della Commissione

Dettagli

L ACCESSO AL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

L ACCESSO AL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE 28 dicembre 2011 Anno 2010 L ACCESSO AL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE La quota di piccole e medie imprese (attive nei settori dell industria e dei servizi di mercato) che hanno cercato finanziamenti

Dettagli

L UNIONE EUROPEA E LA RESPONSABILITA SOCIALE DELLE IMPRESE. di Michele Colucci

L UNIONE EUROPEA E LA RESPONSABILITA SOCIALE DELLE IMPRESE. di Michele Colucci L UNIONE EUROPEA E LA RESPONSABILITA SOCIALE DELLE IMPRESE di Michele Colucci Sommario: Introduzione. - 1. La definizione comunitaria della RSI. - 2. La Dimensione interna della RSI. - 2.1. Gestione delle

Dettagli

Osservatorio Economia e Lavoro in Emilia-Romagna. Marco Sassatelli

Osservatorio Economia e Lavoro in Emilia-Romagna. Marco Sassatelli Osservatorio Economia e Lavoro in Emilia-Romagna Marco Sassatelli Il quadro - Produzione industriale ed export - 60 Produzione Fatturato Ordini 40 20 0-20 2003 - I 2003 - II 2003 - III 2003 - IV 2004 -

Dettagli

Lezione Investimenti Diretti Esteri (IDE) e Imprese Multinazionali. Effetti del IDE sul paese d origine

Lezione Investimenti Diretti Esteri (IDE) e Imprese Multinazionali. Effetti del IDE sul paese d origine Lezione Investimenti Diretti Esteri (IDE) e Imprese Multinazionali Effetti del IDE sul paese d origine Effetti del IDE sul paese ospitante: il ruolo della capacità di assorbimento delle imprese locali

Dettagli

Indagine sulle micro, piccole e medie imprese: sintesi dei principali risultati

Indagine sulle micro, piccole e medie imprese: sintesi dei principali risultati Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la Politica Industriale, la Competitività e le Piccole e Medie Imprese ex Div. VIII PMI e artigianato Indagine sulle micro, piccole e medie imprese:

Dettagli

Situazione economica internazionale... 2. Situazione economica Lazio... 4 PIL... 4. Regional Competitiveness Index... 6. Mercato del Lavoro...

Situazione economica internazionale... 2. Situazione economica Lazio... 4 PIL... 4. Regional Competitiveness Index... 6. Mercato del Lavoro... Indice Situazione economica internazionale... 2 Situazione economica Lazio... 4 PIL... 4 Regional Competitiveness Index... 6 Mercato del Lavoro... 7 Cassa Integrazione Guadagni... 10 Il credito alle imprese...

Dettagli

Industria: I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012

Industria: I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012 34indicatori Industria: stabile la produzione I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012 E. S. Produzione sugli stessi livelli dello scorso anno, debole la domanda interna, ma rimane

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento ANALISI DEL MERCATO COMPETITIVO ANALISI DEL MERCATO COMPETITIVO CONOSCENZE L AREA STRATEGICA D AFFARI (ASA) IN RAPPORTO ALLE STRATEGIE AZIENDALI Nella definizione del comportamento

Dettagli

3.2 La propensione a investire e innovare nella manifattura italiana

3.2 La propensione a investire e innovare nella manifattura italiana CENTRO STUDI CONFINDUSTRIA Scenari industriali n. 6, Novembre 2015 3.2 La propensione a investire e innovare nella manifattura italiana È sempre alta la propensione all investimento La dinamica degli investimenti

Dettagli

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Botteghe artigiane. Partic. da Ambrogio Lorenzetti, Effetti del buon governo nella città Palazzo Pubblico,

Dettagli

USCIRE DALLA CRISI. Sintesi per la Stampa

USCIRE DALLA CRISI. Sintesi per la Stampa USCIRE DALLA CRISI Sintesi per la Stampa Roma 9 maggio 2013 LA CONTABILITÁ DELLA CRISI La perdita di prodotto La recessione che stiamo vivendo è diventata più profonda e lunga di quelle del secolo scorso,

Dettagli

9524/16 cip/tar/s 1 DG G 3 C

9524/16 cip/tar/s 1 DG G 3 C Consiglio dell'unione europea Bruxelles, 26 maggio 2016 (OR. en) 9524/16 RISULTATI DEI LAVORI Origine: Destinatario: Segretariato generale del Consiglio delegazioni IND 111 RECH 207 TELECOM 99 MI 389 COMPET

Dettagli

Alcuni spunti di interesse. sul fenomeno infortunistico 2004. Aggiornamento al 15.03.2005

Alcuni spunti di interesse. sul fenomeno infortunistico 2004. Aggiornamento al 15.03.2005 Alcuni spunti di interesse sul fenomeno infortunistico 2004 Aggiornamento al 15.03.2005 Roma, 28 aprile 2005 A) Infortuni sul lavoro: le tendenze in atto Circa 940.000 infortuni denunciati nel 2004: i

Dettagli