Integrazione e Consiglio degli Stranieri: l esperienza del Comune di Calenzano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Integrazione e Consiglio degli Stranieri: l esperienza del Comune di Calenzano"

Transcript

1 Consiglio degli stranieri Integrazione e Consiglio degli Stranieri: l esperienza del Comune di Calenzano Convegno Ne parliamo con: Leslie Mechi (CAT Cooperativa Sociale onlus) Il Progetto Mi impegno per il mio futuro La progettazione e l attuazione del progetto Livia Bruscaglioni (CAT Cooperativa Sociale onlus) Partecipazione politica dei cittadini stranieri Presentazione ricerca e analisi dei risultati Mariagrazia Biagiotti (referente per l intercultura e la legalità dell Istituto Comprensivo Statale di Calenzano) I genitori di origine straniera e la scuola Valutazione intervento in ambito scolastico Riflessioni e discussione con: Luca Raffini - Dottore di ricerca in sociologia e sociologia politica dell università di Firenze Sajmir Lopci - Presidente del Consiglio degli stranieri Monica Squilloni - Assessore alle politiche dell'integrazione e Solidarietà Internazionale Giuseppe Carovani - Consigliere Provinciale e Presidente della 5^ Commissione della Provincia di Firenze - Politiche comunitarie. Rapporti Internazionali, Cooperazione e Gemellaggi. Pace. Politiche per l immigrazione Moderatore: Stefano Pelagatti - Responsabile dello Sportello Immigrati LA CITTADINANZA E INVITATA A PARTECIPARE Sala Conferenze - Nuovo Palazzo Comunale - 4 piano Ingresso dalla galleria di piazza A. Gramsci Sabato 22 Marzo ore 9.30

2 Indice 1. Introduzione. Il quadro di riferimento delle forme 2 istituzionali di partecipazione degli stranieri 2. Disegno della ricerca 5 3. Risultati 3.1 Indagine qualitativa Il Consiglio degli stranieri a Calenzano: attività e 7 impatto Le funzioni del Consiglio degli Stranieri: le aree di 14 miglioramento 3.2 Indagine quantitativa. Il Consiglio degli stranieri nella percezione dei cittadini stranieri a Calenzano Conoscenza e partecipazione alle attività del consiglio Le opinioni rispetto alle funzioni del Consiglio Territorio e cittadinanza Inquadramento socio-anagrafico del campione Bibliografia Allegati - Questionario 30 - Traccia di intervista 32 - Report Interventi in ambito Scolastico 33 Ringraziamenti Si ringraziano per la partecipazione alla ricerca: Lara Burberi (Presidente Consiglio Comunale di Calenzano) Roberto Pieri (Presidente associazione Assieme) Pier Luigi Menchi (Responsabile dell' Area "Affari generali e istituzionali" - Vicesegretario del Comune di Calenzano) Sajmir Lopci (Presidente Consiglio degli stranieri) Xhevahir Luzi (Consigliere Consiglio degli stranieri) Shaban Preza (ex- Presidente Consiglio degli stranieri) Virgil Filip (ex Presidente Consiglio degli stranieri) Lula Shire Mohamed (ex- Consigliera Consiglio degli stranieri) Martha Lucia Molina Mendez (Vice-Presidente Consiglio degli stranieri) Per la collaborazione Cinzia Marranci (Ufficio organi istituzionali del Comune di Calenzano) Lo sportello del Cittadino (per la distribuzione del questionario) Supervisione scientifica e stesura report: Livia Bruscaglioni Coordinamento Progetto: Stefano Pelagatti Equipe di Ricerca; Michela Lombardi, Alberto Lugli Supervisione tecnica: Leslie Mechi Rapporto di ricerca Mi impegno per il mio futuro C.A.T. cooperativa sociale 1

3 1. Introduzione. Il quadro di riferimento delle forme istituzionali di partecipazione degli stranieri Il termine partecipazione è utilizzato nel linguaggio sociologico in due sensi (Gallino 2005), l uno forte, l altro debole. Nel senso forte si riferisce all intervento nei centri di governo di una collettività di cui si è parte: in questo caso partecipare alle decisioni implica una possibilità reale di determinare, su un piano di relativa eguaglianza tra i membri, agli obiettivi principali della vita della collettività. In questo senso è uno dei tratti caratteristici della democrazia come forma e metodo di governo di collettività di qualsiasi tipo e scala. Nel senso debole significa prender parte in misura più o meno intensa e regolare alle attività caratteristiche di una collettività, con possibilità diverse di intervenire efficacemente nelle decisioni. E in questo secondo senso che si parla di partecipazione politica, religiosa, scolastica. La partecipazione nel senso forte e la partecipazione nel senso debole si combinano e si correlano tra loro in gradi differenti e con diverse modalità. In Italia le esperienze di partecipazione degli stranieri possono essere divise in due grandi gruppi (Tizzi 2009): le forme partecipative che si sviluppano su iniziativa delle istituzioni locali (dimensione istituzionale) e le forme che riguardano l autoorganizzazione e l associazionismo degli stranieri (dimensione non istituzionale). Il Consiglio degli Stranieri di Calenzano rappresenta la prima esperienza pilota in Toscana di tipo istituzionale. Nel 2003, infatti, il Consiglio Comunale approva il Regolamento per l elezione del consiglio dei cittadini stranieri non comunitari o apolidi residenti nel comune di Calenzano (approvato con deliberazione n.37/cc del ), in un territorio come quello di Calenzano ricco di esperienze e servizi rivolti all accoglienza degli stranieri. La ricerca si pone l obiettivo di analizzare i processi di funzionamento del Consiglio degli Stranieri a distanza di dieci anni dall avvio di questa esperienza, pionieristica nel momento del suo avvio, evidenziando le eventuali aree di miglioramento in relazione all'impatto sui processi del Consiglio Comunale e sulla vita degli stranieri sul territorio. L indagine ha inoltre la finalità di rilevare la percezione degli stranieri rispetto al ruolo e all'impatto del Consiglio degli stranieri. Prima di esporre i risultati della ricerca introduciamo brevemente alcuni elementi - utili all inquadramento e alla lettura dei dati - del quadro di riferimento generale delle forme di partecipazione politica degli immigrati promosse dalle Istituzioni Pubbliche in Italia. In Italia l offerta di partecipazione politica diretta agli stranieri è caratterizzata da istituzioni di tipo consultivo, visto che, nonostante il dibattito da diversi anni in corso, la via del voto locale sotto il profilo giuridico non è stata resa ancora percorribile. Sono numerose le innovazioni introdotte a livello territoriale per avvicinare gli stranieri sprovvisti di cittadinanza alle istituzioni, grazie al loro coinvolgimento nella vita politica tramite organismi intermedi di carattere consultivo, attualmente presenti in molte Regioni ed Enti locali (Caponio 2006). Le Rapporto di ricerca Mi impegno per il mio futuro C.A.T. cooperativa sociale 2

4 Consulte e Consigli per gli stranieri rappresentano in forme diverse tentativi delle Amministrazioni Locali, soprattutto a livello comunale e in minor misura provinciale, di dar voce e visibilità ai cittadini stranieri in assenza del diritto di voto a livello locale. Queste pratiche partecipative promosse dagli Enti Locali, con l obiettivo a favorire l integrazione degli immigrati sul territorio, si sono sviluppate in diverse forme: le Consulte e i Consigli degli stranieri sono organismi di tipo collettivo in cui il presidente e/o il vice presidente partecipano in veste di consigliere aggiunto alle sedute del consiglio Comunali o provinciali. I possibili modelli sperimentati sono riconducibili a due schemi 1 : un modello elettivo: il Consiglio degli Stranieri un modello non elettivo: la Consulta degli Stranieri Nel modello non elettivo delle Consulte possono essere previste forme di adesione diverse rispetto al modello elettivo, quali il coinvolgimento di associazioni del territorio (che possono indicare propri rappresentanti). Sia nelle Consulte sia nei Consigli degli Stranieri al presidente o al vicepresidente è attribuito il ruolo di consigliere aggiunto con alcuni riconoscimenti espressamente previsti: il diritto di essere informato dell Ordine del giorno del Consiglio, il diritto alla partecipazione alle commissioni permanenti e il diritto di parola durante le sedute del Consiglio. La letteratura di riferimento sul tema ha mostrato come, dopo la fase iniziale di avvio e sperimentazione caratterizzata da un forte entusiasmo, le esperienze di partecipazione istituzionale degli stranieri in Italia abbiano in molti casi attraversato fasi alterne contraddistinte da un sovraccarico di aspettative e dall emergenza di alcuni elementi di criticità. Ad esempio nelle esperienze emiliano-romagnole, frequentemente analizzate in letteratura, è stata rilevata negli anni una diminuzione della percentuale dei votanti alle elezioni, costante anche nelle diverse esperienze sul territorio. Tra le possibili cause un minore investimento in pubblicizzazione rispetto alle prime elezioni e il calo della fiducia verso l organo consultivo (Pozzoli-Spaggiari, 2008). Le mappature effettuate sulle diverse esperienze a livello nazionale hanno evidenziato, infatti, come, da una parte, gli strumenti partecipativi possano favorire il rafforzamento nei cittadini italiani di una cultura dell accettazione di un influenza degli stranieri sui processi decisionali, ma dall altra possano comportare il rischio di uno scoraggiamento alla partecipazione, quando il coinvolgimento degli stranieri non venga accompagnato da effettive azioni di risoluzione delle emergenze sociali (Fiumicelli 2013). Anche in Toscana dagli anni Duemila nascono le prime pratiche di partecipazione politica degli stranieri promosse dagli enti locali. Nella Legge regionale del 2009, n. 29 Norme per l'accoglienza, l'integrazione partecipe e la tutela dei cittadini 1 Confronta Consigli, Consulte e forme di partecipazione e di rappresentanza dei cittadini Stranieri, bozza per la discussione, Convegno della Regione Toscana, La partecipazione politica degli stranieri: organismi di rappresentanza e partecipazione alla governance dell immigrazione e alla vita pubblica locale, 11 dicembre 2010 Istituto degli Innocenti, Firenze Rapporto di ricerca Mi impegno per il mio futuro C.A.T. cooperativa sociale 3

5 stranieri nella Regione Toscana è inserito un articolo specifico che si riferisce alle forme di partecipazione politica: la Regione promuove intese per la diffusione della presenza dei consigli e delle consulte degli stranieri presso gli enti locali e per la loro qualificazione anche attraverso lo sviluppo di modalità omogenee di funzionamento, nella prospettiva della crescita di nuove forme di rappresentanza e di partecipazione dei cittadini stranieri. L esperienza del Consiglio per gli Stranieri di Calenzano si inserisce tra le forme rappresentative di tipo collettivo, come organo consultivo del Consiglio Comunale e della Giunta. Il Consiglio per gli stranieri è eletto, secondo il suo regolamento, a suffragio universale con voto libero e segreto dai cittadini stranieri che provengono da Stati non appartenenti all Unione Europea o apolidi. Nel Comune di Calenzano nel 2013 a fronte di una popolazione residente di unità, gli stranieri sono (il 7,4%), di cui comunitari 387 (333 rumeni) ed extracomunitari 909. Tra gli extra-cumunitari le nazionalità prevalenti sono albanesi (308), cinesi (173), marocchini (114). Sono presenti inoltre filippini (33), peruviani (27) e ucraini (27). Nelle ultime elezioni del 2009 la percentuale dei votanti sugli aventi diritto è stata del 13% (66 su 438). Attualmente, considerando che dei 909 extracomunitari i minori sono 223, gli aventi diritto al voto sono 686 stranieri. Il Regolamento per l elezione del consiglio dei cittadini stranieri non comunitari o apolidi residenti nel comune di Calenzano (Approvato con deliberazione n.37/cc del e modificato con deliberazione n.43/cc del e con deliberazione n.26/cc del ) prevede che il Consiglio sia composto da 5 membri: il Presidente, il Vice Presidente e tre Consiglieri. I suoi compiti: - dare voce a chi non può esprimersi altrimenti instaurando un dialogo alla pari con le istituzioni e con il volontariato; - informare sulla realtà dell immigrazione, segnalando all Amministrazione le emergenze sociali presenti sul territorio; - favorire l espressione e lo scambio tra culture diverse; - favorire l integrazione e l interazione tra tutti i cittadini calenzanesi; - incentivare la tutela dei diritti sotto i diversi aspetti, dell istruzione, dei servizi, della salute, del mondo del lavoro, allo scopo di favorire il dialogo tra le diverse realtà e la prevenzione di tutte le - forme di razzismo e xenofobia; - prevenire o arginare la devianza sul fenomeno immigrazione; - dare sostegno ed incoraggiare l apertura di nuove associazioni di stranieri a Calenzano; - sostenere e promuovere iniziative, manifestazioni, incontri, dibattiti, convegni volti a favorire la comunanza culturale. 2 Fonte Comune di Calenzano, dati non ufficiali Rapporto di ricerca Mi impegno per il mio futuro C.A.T. cooperativa sociale 4

6 2. Disegno della ricerca Il disegno della ricerca è stato costruito tenendo conto di due macro-obiettivi dell indagine: - Analizzare i processi di funzionamento del Consiglio degli stranieri del Comune di Calenzano, evidenziando le eventuali aree di miglioramento in relazione all'impatto sui processi del Consiglio Comunale di Calenzano e sulla vita degli stranieri sul territorio di Calenzano. - Rilevare la percezione dei cittadini stranieri rispetto al ruolo e all'impatto del Consiglio degli stranieri. Il disegno della ricerca ha previsto un approccio integrato con l utilizzo di tecniche sia qualitative sia quantitative scelte in base agli obiettivi dell indagine. Macro-obiettivo 1: analizzare il funzionamento del Consiglio degli stranieri Tecniche per la costruzione della base empirica Lo strumento utilizzato per la rilevazione è stato l intervista semi-strutturata a testimoni qualificati con l obiettivo di ricostruire in profondità i processi costituitivi del funzionamento del Consiglio degli Stranieri, analizzando insieme agli intervistati, da diversi punti di vista, la storia e le trasformazioni del Consiglio a partire dalla sua costituzione. L intervista semi-strutturata ha previsto alcune aree tematiche prestabilite, considerate rilevanti da indagare, lasciando però aperta la possibilità di cogliere durante l interazione con gli intervistati eventuali dimensioni e sotto-temi emergenti. Si è costruita una traccia d intervista (vedi allegato 1) in grado di indagare in particolare: - Il processo di formazione delle liste elettorali e di presentazione delle candidature - le relazioni interne alla Consiglio, il modello di organizzazione, le relazioni esterne. - l'impatto sui processi decisionali interni al Consiglio Comunale - l'impatto sulla vita sul territorio - i successi e gli elementi di criticità - le possibili aree di miglioramento Tenendo conto di queste dimensioni di partenza, l approccio adottato nell analisi della base empirica è l ottica grounded3, che in primo luogo fa emergere dal campo (dalle parole dell intervistato) le categorie concettuali rilevanti senza che esse siano predeterminate in ipotesi di partenza. La traccia d intervista è stata costruita dopo lo svolgimento di un intervista di prova iniziale svolta con modalità meno strutturata. 3 Confronta Glaser Strauss (1967) The Discovery of Grounded Theory.S for qualitative research, Chicago: Aldine de Gruyter. Ed. it. a cura di Strati A. La scoperta della Grounded Theory, strategie di ricerca qualitativa, Roma: Armando, Rapporto di ricerca Mi impegno per il mio futuro C.A.T. cooperativa sociale 5

7 Nel riportare le categorie di analisi emerse come rilevanti nel report come scelta metodologica si è optato per la valorizzazione e l aggancio ai testi provenienti dalle trascrizioni delle interviste, cioè dalla parole degli intervistati. Le interviste sono state effettuate a: - il presidente in carica del Consiglio degli stranieri - la vice presidente in carica del Consiglio degli stranieri - due ex presidente del Consiglio degli stranieri - un consigliere in carica del Consiglio degli stranieri - una ex consigliera del Consiglio degli stranieri - un dirigente del Comune di Calenzano - il presidente del Consiglio Comunale - un operatore degli sportelli per immigrati - un referente di un'associazione attiva sul territorio Macro-obiettivo 2: rilevare la conoscenza e la soddisfazione dei cittadini stranieri rispetto alle attività del consiglio degli stranieri Tecniche per la costruzione della base empirica E stato somministrato un questionario strutturato a cittadini stranieri, con le seguenti dimensioni-aree di indagine: - fruizione dei servizi - partecipazione alla vita associativa sul territorio - conoscenza delle attività del Consiglio degli stranieri - soddisfazione rispetto alle attività del Consiglio - opinioni rispetto ai diritti di rappresentanza politica degli stranieri - dati socio-anagrafici Il questionario, prodotto in una fase iniziale in italiano, è stato sottoposto dai ricercatori in una giornata di prova. Il questionario rivisto dopo la fase di pre-test è stato poi tradotto in sei lingue scelte in base alle nazionalità prevalenti sul territorio: albanese, arabo, inglese, cinese, russo e spagnolo. I questionari così tradotti in lingua sono stati somministrati con modalità di auto-compilazione allo sportello del cittadino di Calenzano e all Ufficio Accoglienza della residenza Don Brogi a 74 stranieri. Rapporto di ricerca Mi impegno per il mio futuro C.A.T. cooperativa sociale 6

8 3. Risultati. 3.1 Indagine qualitativa Il Consiglio degli Stranieri a Calenzano: attività e impatto. Ci faceva piacere già partecipare, ci si sente uguali davanti ai problemi di Calenzano, che sono anche nostri, sono di tutti e se uno non la pensa così sbaglia. (consigliere Consiglio degli Stranieri) Riportiamo gli elementi più significativi emergenti dalle interviste semi-strutturate con i testimoni qualificati che esprimono le voci e i punti di vista sia degli stranieri che hanno partecipato in prima persona alle attività del consiglio (presidente ed ex presidenti, consiglieri ed ex consiglieri), sia dell Amministrazione Comunale, sia dell associazionismo del territorio. Come elemento preliminare trasversale emerso dalle interviste, è da evidenziare il valore positivo dell esperienza che ha rappresentato nella fase di avvio una spinta propulsiva importante per il processo di inclusione degli stranieri sul territorio. La fase iniziale dell esperienza è stata caratterizzata dall entusiasmo degli stranieri eletti e dall atteggiamento di ascolto dell Amministrazione Comunale. Diciamo che ci sono stati alti e bassi, all'inizio molto entusiasmo, in quanto rappresentava una novità per chi la viveva, come la comunità degli stranieri e quindi ci sono stati subito degli interventi sul territorio e un approccio positivo (ex consigliere). Io comunque partecipavo molto, sia ai consigli comunali che alle commissioni, e forse questa mia presenza forte rendeva evidente a tutti l esistenza degli stranieri (primo presidente). Allora c'era l'amministrazione del sindaco Carovani che era molto sensibile su alcuni temi e l'ascolto c'era, e Calenzano nel suo piccolo ha fatto tanto lavoro a favore del cittadino straniero che come ben si sa rimane sempre l'ultimo...e soprattutto per i problemi di lingua non possono esprimersi più di tanto. Noi quindi abbiamo fatto la richiesta di istituire dei corsi di italiano per stranieri, sempre in collaborazione con lo sportello (ex consigliere) Grazie all integrazione con le attività dello Sportello Immigrati, che ha costituito fin dall inizio una risorsa importante per le sue attività, il Consiglio degli Stranieri ha rappresentato uno strumento di raccolta dei bisogni degli stranieri sul territorio. Come organo consultivo, il Consiglio degli stranieri nella fase iniziale ha interpretato la sua funzione di strumento d informazione sulla realtà dell immigrazione, portando all attenzione all Amministrazione alcune delle emergenze sociali presenti sul territorio. La raccolta delle esigenze provenienti dalla popolazione straniera si è tradotta in alcuni casi in iniziative concrete di risposta Rapporto di ricerca Mi impegno per il mio futuro C.A.T. cooperativa sociale 7

9 (come l organizzazione di Corsi di Italiano). Voi raccoglievate dalle persone i bisogni? Sì, raccoglievamo informazioni... c'era lo sportello degli immigrati aperto a cui noi ci appoggiavamo. Andavamo là una volta la settimana, con un orario fisso di pomeriggio, per cui tutti quelli che volevano esporre questioni o fare domande lo potevano far presente direttamente a noi oppure tramite lo sportello. Comunque anche lo sportello era sempre presente e attivo (ex consigliere). Tra le iniziative portate avanti con successo e le collaborazioni proficue con il Comune sviluppate negli anni di attività del Consiglio, gli intervistati hanno segnalato: la partecipazione al gruppo di lavoro sulla progettazione del nuovo centro di accoglienza Dietro poggio le iniziative rivolte agli stranieri Residenza Don Marco Brogi. In quel periodo abbiamo fatto diverse riunioni con i progettisti e alcuni amministratori per apportare cambiamenti e dare suggerimenti per la vivibilità della struttura. E' stata una delle azioni più importanti realizzate (ex presidente). la discussione sui criteri di assegnazione dei bandi degli alloggi a affitto agevolato l organizzazione del corso di alfabetizzazione per bambini e per donne straniere presso la Casa del popolo, insieme a iniziative culturali. Tra le iniziative venute bene c'era il corso di italiano che andò molto bene, fu una cosa molto carina, quella è stata davvero una cosa riuscita (ex consigliere). La partecipazione congiunta insieme al Comune di Calenzano a iniziative a livello nazionale Nel passato durante l'evento del 1 marzo, giornata di solidarietà con i cittadini stranieri, noi e il Comune siamo andati direttamente a Firenze con il gonfalone, ci hanno poi dato una mano con la campagna l'italia sono anch'io, aderendo direttamente e aiutandoci nella raccolta delle firme. Queste sono iniziative a livello nazionale, ma essendo Calenzano un comune sensibile e grazie anche alla nostra spinta queste cose sono successe. E' una cosa positiva (ex presidente). Tra le attività attuali è da rilevare l organizzazione di eventi in collaborazione con l associazionismo locale che rappresentano momenti d incontro e scambio fra tutti i cittadini calenzanesi. Il rapporto con le associazioni è abbastanza positivo, ogni anno si organizzano noi due o tre eventi, poi altre associazioni ci invitano a partecipare ai loro eventi. Questi eventi vengono anche decisi in base al budget, senza di quello è difficile farle (presidente). Collaborazioni con le associazioni del territorio? Sì, qualcosa lo abbiamo fatto, con l'associazione Assieme si collabora, sono molto disponibili, quando Rapporto di ricerca Mi impegno per il mio futuro C.A.T. cooperativa sociale 8

10 organizzano un evento noi andiamo a dare una mano e allo stesso modo loro vengono quando noi facciamo delle iniziative. Un importante iniziativa è stata quando abbiamo inaugurato la residenza Dietro poggio, che è una cosa che volevamo e ci interessava direttamente. Poi abbiamo collaborato con l'associazione anziani per la festa all'interno dei palazzi di via De André (consigliere). Considerati questi aspetti trasversali l elemento positivo dell esperienza e il valore della spinta inclusiva iniziale - dalle interviste sono emersi elementi tali da poter delineare un quadro che si è complessificato nel tempo. Nel corso dei dieci anni l attività del Consiglio degli stranieri ha riscontrato alcuni vincoli e ostacoli che si sono frapposti fra le aspettative iniziali e l attività quotidiana del Consiglio; vincoli sono da analizzare nell ottica di individuare aree di miglioramento dell opera del Consiglio e del suo impatto sui processi del Consiglio Comunale e in generale sulla vita del territorio calenzanese. Poiché il consiglio degli stranieri è innanzi tutto una forma di partecipazione di tipo istituzionale andiamo ad analizzare in particolare due elementi che lo differenziano da altre possibili forme di partecipazione non istituzionale: - il suo carattere elettivo - la possibilità di influire sui processi del consiglio comunale attraverso il diritto di partecipazione e di parola. E vero infatti che il Consiglio degli Stranieri è pensato con una gamma diversificata di attività, ma, tra le sue funzioni, è quella più propriamente politica di intersezione con l attività del Consiglio Comunale, a distinguerlo, come forma partecipativa istituzionale, sia da forme non istituzionali (come le forme associative) sia da altre forme istituzionali ma non elettive (le consulte di nomina). La partecipazione al Consiglio Comunale Una prima area di miglioramento che emerge dalle interviste riguarda il tema della partecipazione del Presidente del Consiglio degli Stranieri e dei consiglieri alle attività del consiglio Comunale. Il regolamento prevede, infatti, che il Presidente possa partecipare alle sedute del Consiglio Comunale, mentre i Consiglieri possano partecipare ai lavori delle Commissioni. Il presidente del Consiglio degli stranieri ha diritto di intervenire e esprimere il punto di vista del Consiglio degli Stranieri sulle questioni all ordine del giorno. Oltre all'istituzione del Consiglio degli Stranieri, è stato modificato il regolamento comunale ed è stato garantito il diritto di parola. Una cosa è dire presenziare, ma questo lo può fare qualunque cittadino, invece gli è stato dato il diritto d'intervento, non di voto chiaramente, perché questo non lo prevede la normativa, sarebbe vietato, però di parola sì. Inoltre è stato esteso il diritto di partecipare attivamente anche ai vari consiglieri, sia nella vita amministrativa come nelle commissioni consiliari (dirigente Comune di Calenzano). Rapporto di ricerca Mi impegno per il mio futuro C.A.T. cooperativa sociale 9

11 Il presidente viene quindi nel Consiglio degli Stranieri perché serve una figura di riferimento unica, invece nelle commissioni che hanno una vita ufficiale, ma un andamento un po' più informale, è stata prevista la presenza dei consiglieri (presidente Consiglio comunale). Il diritto di partecipazione e di intervento sancito dal regolamento comunale si è scontrato sin alcuni casi nel tempo con vincoli che hanno limitato la possibilità di incidere sui processi del Consiglio Comunale; primo fra tutti la complessità del funzionamento e degli argomenti trattati nelle sedute del Consiglio Comunale e nelle Commissioni. I rapporti con il Consiglio Comunale? Erano abbastanza buoni anche se la burocrazia era il problema principale che ci trovavamo ad affrontare. Troppo complicato fare le cose e ci voleva sempre molto tempo. All interno degli uffici del Comune avevamo comunque contatti con persone che ci hanno sempre aiutato e si sono rese disponibili alle nostre esigenze (ex presidente). Hai mai partecipato ad una commissione? Si a suo tempo ho partecipato... sinceramente io sentivo... erano cose nuove per me, sai io faccio l'operaio, non sono né geometra né commercialista... per me erano tutte cose nuove... (consigliere). La semplice presenza inoltre dei Consiglieri alle attività delle commissioni e dell attività del consiglio Comunale è stata inoltre ostacolata da vincoli temporali dovuti il più delle volte all attività lavorativa: A suo parere come è stata la partecipazione del CS? A fasi alterne. Quali ostacoli ci sono stati? In un primo momento, dopo le elezioni, c'è la fase di entusiasmo dovuto al periodo di rodaggio. Dopo, visto che sono persone che ovviamente lavorano, gli orari non coincidono con quelli delle commissioni... queste si fanno verso le , però mentre i consiglieri comunali possono avere i permessi dal lavoro, per gli stranieri non è previsto e quindi qualche problema glielo crea (dirigente Consiglio comunale) Nel secondo mandato ci siamo un po persi, siamo partiti... e poi siamo rimasti in due, io e un ragazzo somalo, sai purtroppo ci vuole tempo... è una cosa impegnativa e volontaria, inoltre se devi lavorare e stare con la famiglia (ex presidente). Una possibile strategia per ovviare a questa criticità è suggerita da uno degli intervistati: prevedere una maggiore flessibilità delle forme di partecipazione alle attività del Consiglio Comunale, allargando la possibilità di partecipazione, prevista ad oggi solo per il presidente, anche dei consiglieri al Consiglio Comunale. La proposta è di poter mandare in Consiglio Comunale anche i consiglieri se non può andare il presidente, così da avere una maggiore continuità, in questo modo si poteva essere più elastici, visto che noi non abbiamo i permessi di lavoro. Poi anche quando si deve andare a chiedere delle cose non è che per forza deve essere sempre lui, magari basterebbero anche solo alcune firme dei consiglieri per approvare certe decisioni (presidente). Rapporto di ricerca Mi impegno per il mio futuro C.A.T. cooperativa sociale 10

12 La funzione consultiva del Consiglio degli Stranieri e l iter delle proposte Secondo il regolamento, Il Presidente e i membri del Consiglio per gli stranieri, non solo partecipano ai lavori del Consiglio Comunale e delle Commissioni Consiliari secondo le modalità previste dal Regolamento del Consiglio, ma il presidente del Consiglio degli Stranieri può richiedere al sindaco o al presidente del Consiglio Comunale di esaminare, con gli Assessori o con le Commissioni Consiliari, questioni di particolare rilievo per i cittadini stranieri. Dalle interviste sono emerse pratiche poco consolidate di presentazione di richieste o proposte d intervento su problematiche relative agli stranieri da parte del presidente e dei consiglieri. Ci sono stati nel tempo esempi positivi di presentazione d istanze e proposte, ma in alcuni casi l iter delle richieste si è incagliato in questioni procedurali che non hanno consentito una buona riuscita del processo comunicativo fra il Consiglio degli Stranieri e il Consiglio Comunale. Non si è consolidato nel tempo un iter efficace di presentazione delle istanze e delle proposte del Consiglio degli Stranieri, e le aspettative iniziali si sono scontrate con ostacoli tali da rendere l attività propositiva del Consiglio degli Stranieri ridotta nel tempo. Gli interventi in Consiglio Comunale sono sempre stati scarsi come numero, poi le esigenze non sono mai state portate in Consiglio Comunale, ho notato un calo di interventi rispetto al passato. Forse prima erano più sollecitati, c'era un sindaco che aveva fatto... ma ho notato che c'è una presenza minima (Presidente Consiglio Comunale). L iter da seguire sarebbe all interno delle Commissioni dove c è la fase di preparazione degli atti, in CC è troppo tardi. L aspettativa era che ogni consigliere si specializzasse in alcuni temi ma questo non è avvenuto (dirigente Consiglio Comunale). Le interviste con i membri del Consiglio degli stranieri hanno evidenziato alcuni casi di difficoltà nel presentare le proprie proposte: Qualche problemino a portare a voce degli stranieri c è stato, per esempio si voleva fare una proposta per dare la cittadinanza onoraria ai bambini nati in Italia, alla quale tanti comuni avevano aderito, come il Comune di Calenzano, ma poi ci hanno detto che dovevamo fare la proposta ai partiti e questi dovevano inserirlo sull'ordine del giorno. C'è stato un problema burocratico o altro? Non ho capito bene se per legge si poteva proporre o bisognava per forza passare dai partiti (presidente). Si è riscontrata inoltre una maggiore difficoltà da parte del Consiglio degli Stranieri a intervenire e a esprimere il proprio punto di vista su questioni generali della vita del territorio calenzanese, nell interpretare cioè la funzione consultiva del Consiglio in termini più ampi rispetto alle questioni specifiche sul tema dell immigrazione. Gli interventi più sentiti erano di carattere sociale, ovviamente legati alle neo povertà, il resto degli argomenti, dai regolamenti urbanistici in poi non hanno mai... quella che è la vera funzione del Consiglio Comunale, che è Rapporto di ricerca Mi impegno per il mio futuro C.A.T. cooperativa sociale 11

13 l'approvazione dei regolamenti generali, fare proposte e Ordini del giorno, ecco...sono intervenuti poco. Forse quest'organo nel Consiglio Comunale non ha avuto la possibilità di un inserimento grosso, forse perché sentiva che le cose su cui si discuteva erano lontano (dirigente Consiglio Comunale). Come evidenziato dal Documento Regionale Consigli Consulte e forme partecipazione e di rappresentanza dei cittadini stranieri. Bozza per la discussione presentato in occasione del Convegno Regionale del 2010 sovra citato, per incrementare le funzioni dei consiglieri e dei membri delle forme istituzionali di partecipazione degli stranieri potrebbe essere innovativo sviluppare una vera e propria formazione politica. Secondo il documento infatti, dall analisi del panorama attuale emerge con forza la mancanza di strumenti teorici e pratici che permettano ai Consiglieri di esercitare un attività efficace e che li mettano in grado di esprimersi su tutti i temi che riguardano la vita cittadina (dall ambiente al traffico, dalle misure di carattere sociale agli interventi culturali, all assetto urbanistico) nelle assemblee consigliari, nelle commissioni, nelle conferenze che programmano i lavori consiliari e negli altri organismi in cui si articola l attività istituzionale. Il tema degli interventi formativi di rafforzamento delle competenze la conoscenza dei meccanismi istituzionali, amministrativi e politici locali, del sistema dei servizi - dei consiglieri è emerso come esigenza anche dalla nostra indagine. La formazione sarebbe importante perché quando uno arriva ad un Consiglio Comunale già sa cosa c'è dietro ad un consiglio sulle problematiche degli stranieri, e questo è il momento giusto per far fare una buona figura ai cittadini stranieri. Però io non so come funziona dal punto di vista burocratico (consigliere). Se uno come me, che non ha studiato, avesse la possibilità di corsi. Vorresti dire che prima di questo incarico vorresti fare dei corsi, essere informato? Sì, questa dovrebbe essere la base... non posso fare il dottore se non so fare...oltre a non fare nulla fai anche dei danni, la gente ti ha messo lì (ex presidente). Essere anche noi un po' guidati, formati è la parole giusta, quindi formazione per le persone che entrano a far parte del Consiglio degli Stranieri, va bene noi dobbiamo dare informazioni alle persone quando devono fare un ricongiungimento familiare, dove si devono rivolgere per...un minimo almeno per aiutarli (vice-presidente). Secondo me quando si vogliono prendere l'incarico spiegargli che hanno la possibilità di fare varie cose, proporre un ordine del giorno. Certamente un'infarinatura su quelle che sono le funzioni del Consiglio Comunale...quello lo facciamo anche per i membri neoeletti, magari far vedere come funzionano il bilancio e l'urbanistica, che sono le due deliberazioni più importanti serve a far comprendere l'importanza del ruolo, che può far spostare soldi da un capitolo ad un altro (presidente Consiglio Comunale). A questo proposito è da segnalare, come risulterà anche dalle risposte al questionario, che gli intervistati non hanno fatto emergere la propensione a un coinvolgimento degli stranieri del territorio, se pur attivi nelle attività del consiglio Rapporto di ricerca Mi impegno per il mio futuro C.A.T. cooperativa sociale 12

14 degli stranieri, in attività di partecipazione che si esprimono nelle forme tradizionali dei partiti politici. In mancanza di un collegamento con la struttura dei partiti che prevedono al loro interno anche forme di percorsi formativi preliminari alle cariche politiche, il tema della preparazione e del potenziamento delle competenze politiche appare scoperto. La diffusione del voto fra gli stranieri, la rappresentanza e le candidature Uno degli elementi emersi dalle interviste con membri del Consiglio degli Stranieri riguarda la necessità di potenziare la funzione rappresentativa del Consiglio degli Stranieri rispetto all intera popolazione degli stranieri sul territorio. Come vedremo anche nel paragrafo successivo, la partecipazione al voto e la presentazione di candidature da parte degli stranieri rappresenta un aspetto che può essere ulteriormente sviluppato. A questo proposito emerge la necessità che le principali nazionalità presenti sul territorio siano adeguatamente rappresentate, compresa la nazionalità cinese, in crescita negli ultimi anni 4, e di difficile coinvolgimento partendo dall avvio dell esperienza del Consiglio degli Stranieri. Alla nostra domanda se le elezioni rappresentano tutte le nazionalità, gli intervistati hanno espresso le loro opinioni che segnalano una generale difficoltà di accesso alla funzione elettiva del Consiglio. Una cosa che non siamo riusciti a fare è stata proprio quella di riuscire a coinvolgere persone di nazionalità cinese, non sapevamo neppure chi erano, quanti erano sul territorio. Il Consiglio degli stranieri era comunque rappresentato da più nazionalità però i cinesi non siamo mai riusciti a contattarli. Tutte le altre nazionalità presenti a Calenzano venivano dalle iniziative del Consiglio degli stranieri, soprattutto rumeni, marocchini, albanesi che erano le nazionalità più rappresentate (ex presidente ). Sai magari tanti non lo sanno dove sono i posti per votare, non si riesce ad arrivare ad informare tutti gli stranieri e non c'è un legame stretto fra di noi (presidente). Non penso, sì e no, perché non c'è grande partecipazione da parte dei cittadini stranieri, un po perché manca il tempo... Eppure abbiamo cercato di informarli su tutti gli eventi che facciamo, sempre tramite lo Sportello... quando vanno a fare i documenti (ex presidente). Le proposte di miglioramento emerse riguardano: la possibilità di prevedere un punto di riferimento in termini di spazio ad hoc riconoscibile, un ufficio dove le persone possono rivolgersi per chiedere informazioni. il potenziamento di campagne informative ad hoc lo sviluppo d iniziative specifiche in collegamento con lo Sportello Immigrati il coinvolgimento dei gruppi nazionali meno rappresentati (cinesi) attraverso le attività dello Sportello Immigrati 4 I cittadini stranieri di nazionalità cinese sono passati da 117 unità nel 2011 a 173 nel 2013 (fonte Comune di Calenzano). Rapporto di ricerca Mi impegno per il mio futuro C.A.T. cooperativa sociale 13

15 Oltre al tema del voto e la funzione elettiva del consiglio, anche il tema delle candidature al consiglio degli stranieri merita una riflessione, non solo in termini di rappresentatività delle diverse nazionalità ma anche in un ottica di genere. All ultimo Consiglio degli stranieri mi sono ricandidato io, anche perché non ci sono tanti candidati, si ritorna lì, sono sempre meno le persone che si candidano è un segnale negativo. Purtroppo non so cosa succede nelle famiglie, ma lo so nella mia, e quando il tempo... io sono partito che ero da solo, poi mi sono sposato, ho una bambina... devi lavorare e il tempo manca e penso che questo sia una causa che riguarda tutti (ex presidente). A questo proposito le interviste hanno segnalato sia un interesse crescente da parte dell Amministrazione Comunale rispetto al coinvolgimento e alla promozione di iniziative rivolte a donne straniere, sia un passo in avanti rispetto alla rappresentanza di genere con l elezione per la prima volta dell elezione di un vicepresidente donna. Ero consigliere, è stata un'esperienza molto intensa e sono stata molto contenta che ci sia stata una figura femminile al suo interno (ex consigliera). Anche in questo caso è auspicabile il potenziamento delle possibilità di accesso alle attività del Consiglio da parte di donne e uomini, non sono nell espressione della funzione di elettore ma anche dell impegno in prima persona nelle attività del consiglio Comunale come consiglieri, presidente e vicepresidente Funzioni del Consiglio degli Stranieri e le aree di miglioramento Dalle interviste con i testimoni qualificati è emerso che il consiglio degli stranieri ha sviluppato nel territorio calenzanese nel tempo un importante funzione di integrazione fra i cittadini calenzanesi, attraverso la promozione di iniziative, manifestazioni e eventi di comunanza culturale (rispondendo così a uno dei compiti indicati dal suo regolamento); da potenziare e ulteriormente sviluppare è la funzione consultiva e propositiva propria di organismo elettivo di partecipazione politica. Di un organismo elettivo come il consiglio degli stranieri si possono distinguere, infatti analiticamente quattro funzioni principali: una funzione rappresentativa che si esprime attraverso la partecipazione al voto della popolazione straniera sul territorio. una funzione di promozione di integrazione e interazione rivolta a tutti i cittadini del Comune di Calenzano. una funzione consultiva rivolta all organo istituzionale del consiglio comunale, che si esplica nel portare all attenzione dell amministrazione emergenze e bisogni sociali non noti. una funzione propositiva rivolta all organo istituzionale del consiglio comunale, che si esplica nel prospettare elementi progettuali relativi alla risoluzione dei bisogni espressi. Rapporto di ricerca Mi impegno per il mio futuro C.A.T. cooperativa sociale 14

16 Le funzioni, interrelate fra di loro, contribuiscono a rendere il Consiglio degli stranieri uno strumento efficace di partecipazione degli stranieri sul territorio. Di seguito abbiamo evidenziato per ogni funzione gli elementi di miglioramento emersi dalle interviste svolte durante l indagine. Rapporto di ricerca Mi impegno per il mio futuro C.A.T. cooperativa sociale 15

17 Si riportano di seguito più nel dettaglio i vincoli emersi, le aree e le proposte di miglioramento: Vincoli Aree di miglioramento Proposte di miglioramento Complessità di funzionamento del Consiglio Comunale Orario Commissioni e sedute Consiglio Comunale Scarsa visibilità sul territorio Difficoltà di accesso al CS Minore rappresentatività di alcune componenti nazionali nel voto Minore rappresentatività della componente femminile nelle candidature Sviluppare le competenze preliminari dei membri del Consiglio Prevedere una maggiore flessibilità tra i membri del Consiglio nella partecipazione alle attività del CC Migliorare la visibilità sul territorio del CS Migliorare l accesso e il contatto dei cittadini stranieri con il CS Migliorare la rappresentanza delle diverse nazionalità Migliorare la rappresentanza di genere Sviluppo di percorsi formativi di preparazione per Presidente e Consiglieri Possibilità di alternanza della presenza in CC del Presidenze con altre figure del consiglio degli stranieri (Vice presidente-altri consiglieri) Sperimentare sistemi di incentivi con le aziende Spazio ad hoc per il CS Sperimentazione forme di campagne informative in occasione delle elezioni Iniziative ad hoc in collaborazione con lo sportello Immigrati Prevedere la possibilità nel regolamento di sistemi per incrementare la parità di genere alle candidature Rapporto di ricerca Mi impegno per il mio futuro C.A.T. cooperativa sociale 16

18 3.2 Indagine quantitativa. Il Consiglio degli Stranieri nella percezione dei cittadini stranieri a Calenzano. Risultati del questionario rivolto ai cittadini stranieri di Calenzano Riportiamo i principali risultati dell analisi delle risposte al questionario strutturato rivolto a cittadini stranieri, relative alle seguenti dimensioni-aree di indagine: - conoscenza e partecipazione alle attività del Consiglio degli stranieri - la soddisfazione rispetto alle attività del consiglio - le opinioni rispetto ai diritti di rappresentanza politica degli stranieri - la fruizione dei servizi e la partecipazione alla vita associativa sul territorio - dati socio-anagrafici Il Consiglio degli stranieri: conoscenza e partecipazione Riportiamo i principali risultati relativi alla parte centrale del questionario: la conoscenza e la partecipazione effettiva alle attività del Consiglio degli stranieri da parte dei cittadini stranieri sul territorio. Erano state inserite nel questionario una serie di domande progressive che indagassero dalla semplice conoscenza (hai mai sentito parlare?), alla partecipazione agli eventi di scambio culturale organizzati dal Consiglio (hai mai partecipato ad eventi?), all uso del Consiglio degli Stranieri come organismo in grado di raccogliere le esigenze dei cittadini (ti sei mai rivolto al Consiglio?), all espressione del proprio diritto di elettore (hai mai votato?). Come si vede dai grafici sottostanti mentre la semplice conoscenza del Consiglio degli Stranieri è molto diffusa nel nostro campione (il 66% dichiara infatti di averne sentito parlare), meno diffusa è l effettiva partecipazione alle attività del consiglio (34% per gli eventi) e l uso del Consiglio come strumento di raccolta delle esigenze degli stranieri (31%). In misura ancora minore (il 25%) è la partecipazione al voto. Si conferma, come evidenziato nell indagine qualitativa, l importanza della funzione aggregativa e di integrazione delle attività del consiglio che si esplica con l organizzazione di eventi, a cui circa un terzo del campione dichiara di aver partecipato. Si conferma inoltre la necessità di sviluppare attraverso strumenti ad hoc la funzione rappresentativa del consiglio come organo elettivo, attraverso l allargamento della fruizione del diritto di voto a una platea maggiore di cittadini stranieri. Rapporto di ricerca Mi impegno per il mio futuro C.A.T. cooperativa sociale 17

19 Grafico 1 Hai mai sentito parlare del C.S.? Si No 34% 66% Grafico 2 Hai mai partecipato all'elezione del C.S.? Si No 25% 75% Grafico 3 Rapporto di ricerca Mi impegno per il mio futuro C.A.T. cooperativa sociale 18

20 Hai mai partecipato ad eventi del C.S.? Si No 34% 66% Grafico 4 Ti sei mai rivolto/a al C.S.? Si più volte 6% Si, qualche volta 11% Si una volta 14% Mai 69% Grafico 5 Risposte per anni di permanenza e per genere Al fine di comprendere più in profondità le risposte del campione sui temi della conoscenza e della partecipazione alle attività del Consiglio abbiamo considerato alcune variabili socioanagrafiche (anni di residenza sul territorio e sesso) per vedere se emergevano differenze significative nelle risposte del campione. Se si considera il tempo di permanenza sul territorio, chi è residente a Calenzano da oltre 5 anni dichiara di conoscere e di partecipare alle attività in percentuale molto maggiore di chi invece vi risiede da un tempo minore. Questa differenza si esplica per la conoscenza del consiglio (il 77% contro il 58%), ma soprattutto per la partecipazione agli eventi: la maggioranza (56%) di coloro nel nostro campione che vivono a Calenzano da oltre 5 anni dichiara di aver partecipato agli eventi del Consiglio degli stranieri, contro soltanto il 18% di chi vive a Calenzano da un periodo di tempo minore. Questa differenza significativa segnala il consolidarsi della partecipazione nel tempo alle attività del consiglio e pone all attenzione il tema della promozione delle attività per i nuovi arrivi sul territorio. La stessa considerazione può essere fatta per la funzione di ascolto del Consiglio: una percentuale considerevole, quasi la metà dei componenti del campione (il Rapporto di ricerca Mi impegno per il mio futuro C.A.T. cooperativa sociale 19

21 40%) che vivono da oltre 5 anni a Calenzano dichiara di essersi rivolto al Consiglio, contro il 19% di coloro che abitano a Calenzano da meno di 5 anni (grafico 6) Queste differenze percentuali importanti si rilevano anche nelle risposte alla domanda sul voto: dichiara di aver votato il 40% del campione residente da oltre 5 anni contro l 11% di chi risiede da meno di 5 anni. Se si raffina ulteriormente l analisi considerando la parte del campione residente a Calenzano da oltre 10 anni (grafico 7), si rileva che le percentuali di risposte positive alle domande di conoscenza e partecipazione si alzano ancora: la quasi maggioranza (83%) conosce il Consiglio e due terzi (66%) ha partecipato agli eventi sul territorio. grafico 6 grafico 7 Tra donne e uomini non sono invece emerse differenze percentuali significative nelle risposte alle domande sulla conoscenza e la partecipazione alle attività del consiglio: - il 66% degli stranieri ha dichiarato di conoscere il Consiglio come i 66% delle donne straniere Rapporto di ricerca Mi impegno per il mio futuro C.A.T. cooperativa sociale 20

22 - il 74% degli stranieri ha dichiarato di aver partecipato ad eventi contro il 71% delle donne straniere - il 36% degli stranieri ha dichiarato di essersi rivolto al Consiglio degli Stranieri contro il 25% delle donne straniere - il 26% degli stranieri ha dichiarato di votato alle elezioni del Consiglio degli Stranieri contro il 25% delle donne straniere Queste differenze minime di percentuale segnalano che non c è fra gli intervistati una maggiore difficoltà nell accesso al Consiglio delle donne straniere rispetto agli uomini Le opinioni rispetto alle funzioni del Consiglio Per analizzare la percezione dei cittadini stranieri rispetto alle attività svolte dal Consiglio degli stranieri abbiamo chiesto loro di esprimere un giudizio sull utilità del consiglio come strumento di espressione della voce dei cittadini stranieri, in una scala da 1 a 5, in cui il 5 corrisponde al valore maggiormente positivo (molto utile) e l 1 al valore maggiormente negativo (per niente utile). Riportiamo i risultati delle risposte di coloro che avevano precedente dichiarato di avere almeno sentito parlare del Consiglio (scorporando cioè le risposte di chi ha mostrato una conoscenza nulla del Consiglio degli Stranieri). La media delle risposte (3,9) e la percentuale di chi ha risposto molto utile (62%) segnala una percezione positiva della funzione del Consiglio come organismo consultivo, in grado di portare all attenzione del Consiglio Comunale e del territorio le esigenze degli stranieri. La percentuale delle risposte molto utile si abbassa (39%), anche se rimane apprezzabile, quando ci si riferisce all impatto del Consiglio degli Stranieri sul territorio, all incidenza dell attività sulla vita quotidiana delle persone, segnalando una maggiore fiducia nelle attività del Consiglio quando esplica la sua funzione di emersione delle emergenze sociali e una minore fiducia nella sua funzione di risoluzione stesse. Avevamo inoltre inserito un ulteriore domanda relativa all influenza percepita delle istituzioni politiche tradizionali (il sindaco) sulla vita quotidiana delle persone (grafico10). In questo caso la percentuale delle risposte molto influente è stata la grande maggioranza (61%) Quanto è utile il C.S. per dare voce ai cittadini? 1 (per niente) (molto utile) 17% 2% 10% 62% 9% grafico 8 Rapporto di ricerca Mi impegno per il mio futuro C.A.T. cooperativa sociale 21

23 Quanto il C.S. influisce sulla vita quotidiana? 1 (per niente) (molto utile) 18% 39% 4% 18% 21% Grafico 9 Quanto il Sindaco influisce sulla vita quotidiana? 1 (per niente) (molto utile) 7% 7% 8% 61% 17% Grafico 10 Considerando anche per queste risposte gli anni di residenza a Calenzano si rileva che chi è residente da oltre 5 anni che aveva precedentemente dimostrato una conoscenza e una partecipazione alle attività del consiglio maggiore in percentuale rispetto a chi è residente da meno di 5 anni - esprime giudizi più positivi sulla funzioni del consiglio. Il 76% infatti di chi è residente da più di 5 anni a Calenzano esprime un giudizio positivo sull utilità del Consiglio degli Stranieri come strumento per dar voce ai cittadini (con valori 4 o 5), contro il 57% degli intervistati residenti da meno di 5 anni. Il diritto di voto Abbiamo infine inserito una domanda relativa al tema del riconoscimento del diritto di voto agli stranieri a livello locale e le risposte del campione confermano l attualità della questione, in un contesto nazionale in cui il fenomeno migratorio è caratterizzato dalla mancanza di diritti politici. Rapporto di ricerca Mi impegno per il mio futuro C.A.T. cooperativa sociale 22

24 Il 73% degli intervistati ritiene importante che un cittadino straniero possa diventare un elettore a tutti gli effetti nel proprio contesto territoriale avendo diritto di voto nel Comune dove vive. Soltanto una percentuale esigua non lo ritiene per niente importante (11%) Territorio e cittadinanza grafico 11 Per inquadrare la partecipazione politica degli stranieri sul territorio sono state inserite inoltre alcune domande relative alla partecipazione sul territorio all associazionismo, alle forme tradizionali di organizzazione politica e sindacale, all utilizzo dei servizi. La fruizione dei servizi sul territorio è da considerarsi buona: il 92% degli intervistati dichiara infatti di essersi rivolto ad almeno un servizio sul territorio (fra Sportello Immigrati; Biblioteca e Spazio Giovani), anche se la maggior parte degli intervistati dichiara (grafici 14 e 15) di non essere mai stato iscritto a un partito politico ( 90%) né al sindacato (70%). Buona è la frequenza delle associazioni: la metà del campione (il 51%) dichiara di frequentare almeno un associazione sul territorio. Grafico 12 Rapporto di ricerca Mi impegno per il mio futuro C.A.T. cooperativa sociale 23

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

Benvenuti a Sezze Rumeno

Benvenuti a Sezze Rumeno Facoltà di Scienze Politiche Sociologia Comunicazione Corso di Laurea Magistrale Scienze Sociali Applicate Sociologia e management della sicurezza Tesi di Laurea Anno accademico 2011/2012 Benvenuti a Sezze

Dettagli

" Uguali e diversi da me. Nuove forme di aggregazione giovanile per costruire una comunità interculturale"

 Uguali e diversi da me. Nuove forme di aggregazione giovanile per costruire una comunità interculturale Ente accreditato dalla Regione autonoma Friuli Venezia Giulia per la formazione professionale Servizio di promozione europea della Regione autonoma Friuli-Venezia Giulia Punto della Rete informativa per

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA 1 Gruppo di lavoro n.6 Famiglia ed Immigrazione

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA 1 Gruppo di lavoro n.6 Famiglia ed Immigrazione OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA 1 Gruppo di lavoro n.6 Famiglia ed Immigrazione Il gruppo di lavoro assegnatario del tema famiglia ed immigrazione si è riunito per due volte, in data 24 maggio ed

Dettagli

La dispersione scolastica in Liguria

La dispersione scolastica in Liguria La dispersione scolastica in Liguria Ricerca quali-quantitativa sulla dimensione del rischio e l esperienza della dispersione Presentazione dei risultati Genova 8 novembre 2012 1 Metodologie dell indagine

Dettagli

Il ruolo del coordinatore pedagogico nei servizi educativi per l infanzia: una ricerca in provincia di Modena

Il ruolo del coordinatore pedagogico nei servizi educativi per l infanzia: una ricerca in provincia di Modena CONVEGNO INTERNAZIONALE Vivere e crescere nella comunicazione Educazione Permanente nei differenti contesti ed età della vita Bressanone, 16-17 dicembre 2011 Il ruolo del coordinatore pedagogico nei servizi

Dettagli

Osservatorio sulle Differenze

Osservatorio sulle Differenze Comune di Bologna Assessorato scuola, formazione e Politiche delle differenze Osservatorio sulle Differenze Sintesi della ricerca: L integrazione scolastica delle seconde generazioni di stranieri nelle

Dettagli

Progetto MINISINDACI DEI PARCHI D ITALIA COLORIAMO IL NOSTRO FUTURO PROGETTO CCRR (CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE )

Progetto MINISINDACI DEI PARCHI D ITALIA COLORIAMO IL NOSTRO FUTURO PROGETTO CCRR (CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE ) Progetto MINISINDACI DEI PARCHI D ITALIA COLORIAMO IL NOSTRO FUTURO PROGETTO CCRR (CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE ) ANNO SCOLASTICO 2013/2014 RETE Progetto MINISINDACI DEI PARCHI D ITALIA

Dettagli

COMUNE DI CONSELICE Provincia di Ravenna REGOLAMENTO DELLE CONSULTE COMUNALI E DEI FORUM TEMATICI

COMUNE DI CONSELICE Provincia di Ravenna REGOLAMENTO DELLE CONSULTE COMUNALI E DEI FORUM TEMATICI COMUNE DI CONSELICE Provincia di Ravenna REGOLAMENTO DELLE CONSULTE COMUNALI E DEI FORUM TEMATICI Approvato con delibera di C.C. n. 30 del 27/4/2010 Modificato con delibera di C.C. n. 42 del 27/9/2011

Dettagli

GLI SPORTELLI D ASCOLTO NEGLI ISTITUTI SECONDARI E NEI CENTRI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE DELLE PROVINCE DI PARMA E FORLI -CESENA

GLI SPORTELLI D ASCOLTO NEGLI ISTITUTI SECONDARI E NEI CENTRI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE DELLE PROVINCE DI PARMA E FORLI -CESENA DIPARTIMENTO DI PSICOLOGIA GLI SPORTELLI D ASCOLTO NEGLI ISTITUTI SECONDARI E NEI CENTRI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE DELLE PROVINCE DI PARMA E FORLI -CESENA PRIMI RISULTATI DELL ANALISI QUALITATIVA a cura

Dettagli

LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI

LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI Giammatteo Secchi LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI LAVORO SOCIALE IN TASCA COLLANA DIRETTA DA M.L. RAINERI Gli operatori sociali in tutela minori si confrontano ogni giorno con situazioni

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

PUNTO LAVORO CIELI APERTI. Gennaio dicembre 2012

PUNTO LAVORO CIELI APERTI. Gennaio dicembre 2012 Associazione Cieli Aperti ONLUS - Via Lazzerini n 1-59100 Prato Sede operativa: Via Marengo n 51 Cod. Fiscale: 92062880486 - P. Iva: 01939060974 Telefono: 0574 607226 3280809395 - Fax: 0574 607226 E-mail:

Dettagli

Indagine sul grado di conoscenza dei nuovi cittadini italiani dei diritti di cittadinanza europea. Novembre 2013 Aprile 2014

Indagine sul grado di conoscenza dei nuovi cittadini italiani dei diritti di cittadinanza europea. Novembre 2013 Aprile 2014 Indagine sul grado di conoscenza dei nuovi cittadini italiani dei diritti di cittadinanza europea Novembre 2013 Aprile 2014 Indice Report e analisi dei dati... 3 La rilevazione presso gli Uffici Cittadinanza

Dettagli

FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI

FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI REGOLAMENTO Regolamento Forum dei Giovani Pag. 1 di 8 ART.1 Istituzione Il Consiglio Comunale della Città di Pollena Trocchia riconosciuto: l importanza

Dettagli

Telelavoro, un sistema flessibile per l organizzazione del lavoro

Telelavoro, un sistema flessibile per l organizzazione del lavoro BIELLA Associazione Provinciale Via Repubblica 56-13900 Biella Tel: 015 351121 - Fax: 015 351426 - C. F. 81067160028 Internet: www.biella.cna.it - email: mailbox@biella.cna.it Certificato n IT07/0030 Presentazione

Dettagli

Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani

Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani Autore: Alban Trungu Categoria : Mondo Migrante Data : 15 febbraio 2011 Intervista con Khalid Chaouki, responsabile immigrazione e seconde generazioni dei

Dettagli

REGOLAMENTO PER ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

REGOLAMENTO PER ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI REGOLAMENTO PER ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (modificato con delibera di C.C. n. 77 del 26.10.2015) 1 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 PRINCIPI L Amministrazione

Dettagli

L ISTITUTO DELL AFFIDAMENTO AL SERVIZIO SOCIALE. ESPERIENZE E RAPPRESENTAZIONI DEGLI ATTORI UNA RIFLESSIONE DALL ESPERIENZA TOSCANA

L ISTITUTO DELL AFFIDAMENTO AL SERVIZIO SOCIALE. ESPERIENZE E RAPPRESENTAZIONI DEGLI ATTORI UNA RIFLESSIONE DALL ESPERIENZA TOSCANA L ISTITUTO DELL AFFIDAMENTO AL SERVIZIO SOCIALE. ESPERIENZE E RAPPRESENTAZIONI DEGLI ATTORI UNA RIFLESSIONE DALL ESPERIENZA TOSCANA DONATA BIANCHI, SILVIA MAMMINI, ROSA DI GIOIA ...FINALITÀ verificare

Dettagli

DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.)

DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.) DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.) (Approvato con deliberazione consiliare n. 30 del 24.06.2010 e successiva modifica con deliberazione consiliare n. 50 del 25.09.2012) PREMESSA

Dettagli

Convegno Cristina Rossi 2012. Dono del sangue e seconde generazioni Quali prospettive

Convegno Cristina Rossi 2012. Dono del sangue e seconde generazioni Quali prospettive Convegno Cristina Rossi 2012 Dono del sangue e seconde generazioni Quali prospettive Paolo Guiddi Anna Granata http://www.youtube.com/watch?v=sqflj Wp2EMk&feature=relmfu Donare il sangue Forma di inclusione?

Dettagli

Regolamento Comunale. Istituzione Consiglio Comunale dei Ragazzi

Regolamento Comunale. Istituzione Consiglio Comunale dei Ragazzi Comune di Laterza Provincia di Taranto Regolamento comunale Istituzione Consiglio Comunale dei ragazzi Approvato con delibera di Consiglio Comunale n.27 del 5 Giugno 2007 1 REGOLAMENTO COMUNALE ISTITUZIONE

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PROGETTO CITTA SOSTENIBILI E AMICHE DEI BAMBINI E DEGLI ADOLESCENTI

PROTOCOLLO D INTESA PROGETTO CITTA SOSTENIBILI E AMICHE DEI BAMBINI E DEGLI ADOLESCENTI Inserire il Logo del Comune PROTOCOLLO D INTESA PROGETTO CITTA SOSTENIBILI E AMICHE DEI BAMBINI E DEGLI ADOLESCENTI Seconda annualità 2014/15 Premesso che i diritti dell Infanzia e dell Adolescenza sono

Dettagli

All'origine del fenomeno si trovano un insieme di fattori che riguardano:

All'origine del fenomeno si trovano un insieme di fattori che riguardano: Scheda di sintesi Rapporto di ricerca Il matrimonio forzato in Italia: conoscere, riflettere, proporre Come costruire una stima del numero delle donne e bambine vittime in Italia di matrimoni forzati e

Dettagli

Offerte lavoro psicologi: consigli per trovare lavoro in psicologia Pag. 1 di 5 Stefano Sirri, Psico-Pratika N 16

Offerte lavoro psicologi: consigli per trovare lavoro in psicologia Pag. 1 di 5 Stefano Sirri, Psico-Pratika N 16 Offerte lavoro psicologi: consigli per trovare lavoro in psicologia Pag. 1 di 5 OFFERTE LAVORO PSICOLOGI: Consigli per trovare lavoro in psicologia Trovare lavoro come psicologi non è sempre semplice.

Dettagli

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE Saluto tutti i presenti: iscritti, simpatizzanti rappresentanti dei partiti..

Dettagli

RELAZIONE INTRODUTTIVA ALLA INIZIATIVA CGIL FP INCA DEL 26 NOVEMBRE RENDIMENTI PENSIONI TFR TFS E FONDI COMPLEMENTARI PERSEO - SIRIO

RELAZIONE INTRODUTTIVA ALLA INIZIATIVA CGIL FP INCA DEL 26 NOVEMBRE RENDIMENTI PENSIONI TFR TFS E FONDI COMPLEMENTARI PERSEO - SIRIO RELAZIONE INTRODUTTIVA ALLA INIZIATIVA CGIL FP INCA DEL 26 NOVEMBRE RENDIMENTI PENSIONI TFR TFS E FONDI COMPLEMENTARI PERSEO - SIRIO Care compagne e cari compagni, sono molte le ragioni che ci hanno convinto

Dettagli

HOUSING SOCIALE, RIQUALIFICAZIONE URBANA E QUALITÀ DELL ABITARE

HOUSING SOCIALE, RIQUALIFICAZIONE URBANA E QUALITÀ DELL ABITARE HOUSING SOCIALE, RIQUALIFICAZIONE URBANA E QUALITÀ DELL ABITARE a cura degli architetti Roberta Prampolini Daniela Rimondi F/01_FASCICOLO 1_DESCRIZIONE DELLA RICERCA Indice 1. La ricerca 2. Gli obiettivi

Dettagli

Prefettura di Firenze Area V Diritti Civili, Cittadinanza, Immigrazione, Diritto d Asilo Consiglio Territoriale per l Immigrazione

Prefettura di Firenze Area V Diritti Civili, Cittadinanza, Immigrazione, Diritto d Asilo Consiglio Territoriale per l Immigrazione Relazione sull attività svolta nell anno 2003 L attività in sintesi Dal mese di aprile 2002 ad oggi, aprile 2004 si sono svolte sette sedute plenarie del durante le quali sono state esaminate numerose

Dettagli

PROGRAMMA N. 16: PER LE PARI OPPORTUNITA

PROGRAMMA N. 16: PER LE PARI OPPORTUNITA PROGRAMMA N. 16: PER LE PARI OPPORTUNITA 185 186 PROGETTO 16.1: CONTRASTO AL MALTRATTAMENTO ED ALLA VIOLENZA SULLE DONNE OBIETTIVI PER IL TRIENNIO 2014-2016 Titolo obiettivo 1: Sostenere la legge contro

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

Giuseppe Iosa. Documento programmatico per la candidatura alla segreteria del Circolo Moro-Berlinguer di Peschiera Borromeo

Giuseppe Iosa. Documento programmatico per la candidatura alla segreteria del Circolo Moro-Berlinguer di Peschiera Borromeo Giuseppe Iosa Documento programmatico per la candidatura alla segreteria del Circolo Moro-Berlinguer di Peschiera Borromeo Domenica, 19 aprile 2015 Premessa Il Partito Democratico di Peschiera Borromeo,

Dettagli

Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo in Toscana

Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo in Toscana L impegno per le famiglie adottive in Toscana. Lavorare insieme per favorire l inserimento e l accoglienza a scuola Firenze 23 gennaio 2014 Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo

Dettagli

Come iscriversi al M5S. Gruppi di Lavoro PROSPETTO ORGANIZZATIVO COMUNICAZIONE. Come funzionano le consultazioni via web

Come iscriversi al M5S. Gruppi di Lavoro PROSPETTO ORGANIZZATIVO COMUNICAZIONE. Come funzionano le consultazioni via web Come iscriversi al M5S Gruppi di Lavoro PROSPETTO ORGANIZZATIVO COMUNICAZIONE Come funzionano le consultazioni via web Come iscriversi al M5S Il MoVimento 5 Stelle è una non Associazione. Rappresenta una

Dettagli

Certifica il tuo Italiano. La lingua per conoscere e farsi conoscere

Certifica il tuo Italiano. La lingua per conoscere e farsi conoscere Ministero della Pubblica Istruzione Osservatorio nazionale per l integrazione degli alunni stranieri e per l educazione interculturale Certifica il tuo Italiano. La lingua per conoscere e farsi conoscere

Dettagli

L Assistente Sociale in Provincia di Cremona

L Assistente Sociale in Provincia di Cremona L Assistente Sociale in Provincia di Cremona Indagine sulla condizione professionale e lavorativa della Assistente Sociale nella Provincia di Cremona Questa indagine è nata dall impegno che ci siamo presi

Dettagli

Pensavamo fosse. invece..

Pensavamo fosse. invece.. Pensavamo fosse. invece.. La presentazione che segue racconta il percorso scolastico di uno studente straniero con una lunga serie di bocciature alle spalle. Istituto Comprensivo Darfo2 La storia O. è

Dettagli

STRATEGIE E METODI PER L INNOVAZIONE DIDATTICA E TERRITORIALE

STRATEGIE E METODI PER L INNOVAZIONE DIDATTICA E TERRITORIALE ISTITUTO SILONE San Ferdinando di Puglia STRATEGIE E METODI PER L INNOVAZIONE DIDATTICA E TERRITORIALE REPORT FINALE DI MONITORAGGIO E VALUTAZIONE Progetto di Ricerca finanziato da: REGIONE PUGLIA Assessorato

Dettagli

MOBILITÀ STUDENTESCA INTERNAZIONALE quarto anno all estero

MOBILITÀ STUDENTESCA INTERNAZIONALE quarto anno all estero MOBILITÀ STUDENTESCA INTERNAZIONALE quarto anno all estero PREMESSA La creazione di un ambiente sempre più favorevole allo scambio interculturale è uno degli obiettivi primari della scuola ed i programmi

Dettagli

TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE

TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE Tempo di lavoro previsto: 60 minuti Partecipanti: 6 8 divisi in isole, ossia gruppetti spontanei creati sul momento Materiale: carta e penna (presente

Dettagli

Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014

Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014 Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014 Adozioni nazionali e internazionali in Toscana: il quadro complessivo e i percorsi in atto per favorire l'inserimento scolastico dei bambini

Dettagli

Premessa Questionario DOCENTI - n. 90 partecipanti.

Premessa Questionario DOCENTI - n. 90 partecipanti. Premessa Tutti i questionari sono stati somministrati on line; a questa regola hanno fatto parziale eccezione solo quelli dei genitori per l ovvio motivo della difficoltà di averli a scuola, per cui in

Dettagli

Sintesi dei risultati della ricerca

Sintesi dei risultati della ricerca progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi Progetto A.I.M.S. - Accoglienza ed Integrazione dei Minori Stranieri Azione 3 Realizzazione indagine

Dettagli

Assessorato alle Politiche Sociali. Assessorato all Istruzione, Formazione e Lavoro

Assessorato alle Politiche Sociali. Assessorato all Istruzione, Formazione e Lavoro REGIONE TOSCANA Giunta Regionale Assessorato alle Politiche Sociali Assessorato all Istruzione, Formazione e Lavoro Progetto regionale Sistema integrato di servizi per le famiglie e gli assistenti familiari

Dettagli

Trascrizione dell intervento di Rino Campioni 17 maggio 2011

Trascrizione dell intervento di Rino Campioni 17 maggio 2011 Trascrizione dell intervento di Rino Campioni 17 maggio 2011 La relazione di Sergio Veneziani contiene tutta la struttura dell idea che noi abbiamo di Auser attraverso gli strumenti per qualificare e migliorare,

Dettagli

Lavoro, flessibilità e precarietà:valutazioni ed esperienze dei giovani

Lavoro, flessibilità e precarietà:valutazioni ed esperienze dei giovani 1 Lavoro, flessibilità e precarietà:valutazioni ed esperienze dei giovani La situazione dei giovani lavoratori italiani risulta a noi particolarmente svantaggiata. La società di oggi richiede ai giovani

Dettagli

Governance Gestione locale per la sostenibilità

Governance Gestione locale per la sostenibilità Capitolo 1/2 Governance Gestione locale per la sostenibilità Aalborg Commitment 1 Ci impegniamo a rafforzare i nostri processi decisionali tramite una migliore democrazia partecipatoria. Lavoreremo quindi

Dettagli

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione?

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? Nasce nel 1997 per volontà di cittadini stranieri e italiani, come associazione

Dettagli

LA PARTECIPAZIONE POLITICA IN ITALIA

LA PARTECIPAZIONE POLITICA IN ITALIA 29 ottobre 2014 Anno 2013 LA PARTECIPAZIONE POLITICA IN ITALIA Nel 2013, circa 5 milioni e 700 mila persone (pari al 10,8% della popolazione di 14 anni e più) hanno manifestato il proprio impegno politico

Dettagli

L ITALIA VISTA DA CHI LA ABITA SONDAGGIO DOXA

L ITALIA VISTA DA CHI LA ABITA SONDAGGIO DOXA L ITALIA VISTA DA CHI LA ABITA SONDAGGIO DOXA PRINCIPALI RISULTATI EMERSI Tra le tematiche sociali maggiormente sentite dagli adolescenti vi è prima di tutto il diritto alla vita (37%), sentito ancor di

Dettagli

SONDAGGIO SULLA VISIBILITÀ DEL CEIS SUL TERRITORIO

SONDAGGIO SULLA VISIBILITÀ DEL CEIS SUL TERRITORIO Centro di Solidarietà di Reggio Emilia SONDAGGIO SULLA VISIBILITÀ DEL CEIS SUL TERRITORIO AMA re CeIS Auto mutuo aiuto Centro di solidarietà di Reggio Emilia Onlus E Associazione Servire l Uomo Luglio

Dettagli

WORKSHOP 3 I PROCESSI DI PARTECIPAZIONE NELLA PROGRAMMAZIONE DI GRANDI OPERE

WORKSHOP 3 I PROCESSI DI PARTECIPAZIONE NELLA PROGRAMMAZIONE DI GRANDI OPERE WORKSHOP 3 I PROCESSI DI PARTECIPAZIONE NELLA PROGRAMMAZIONE DI GRANDI OPERE DOMANDE GUIDA A. QUALI LIMITI SONO STATI INCONTRATI ALL INTERNO DI PROCESSI PARTECIPATIVI RELATIVI A POLITICHE PUBBLICHE? COMUNI

Dettagli

PIANO PER UNO SVILUPPO RESPONSABILE Documento sulle linee programmatiche-strategiche 2013>2018 In votazione

PIANO PER UNO SVILUPPO RESPONSABILE Documento sulle linee programmatiche-strategiche 2013>2018 In votazione PIANO PER UNO SVILUPPO RESPONSABILE Documento sulle linee programmatiche-strategiche 2013>2018 In votazione INTRODUZIONE Pace e Sviluppo dopo 20 anni di attività come Cooperativa si trova ad essere tra

Dettagli

L'idea da cui è nata l iniziativa/progetto. Descrizione dell iniziativa/progetto:

L'idea da cui è nata l iniziativa/progetto. Descrizione dell iniziativa/progetto: Chi è dentro è dentro. Chi è fuori è fuori Indagine relativa agli effetti delle trasformazioni nella gestione dei servizi pubblici e del welfare locale sulle pari opportunità e sulle fasce deboli della

Dettagli

Cremona2030: una nuova governance locale per costruire territorio e sviluppo sociale

Cremona2030: una nuova governance locale per costruire territorio e sviluppo sociale dalla PROVINCIA al nuovo ENTE di AREA VASTA Cremona2030: una nuova governance locale per costruire territorio e sviluppo sociale a cura della federazione del PD di Cremona La legge 56/2014: limiti, rischi

Dettagli

Siamo in tanti, oggi, in questa sala e questo è un fatto positivo per il nostro partito e per gli appuntamenti che lo stanno attendendo.

Siamo in tanti, oggi, in questa sala e questo è un fatto positivo per il nostro partito e per gli appuntamenti che lo stanno attendendo. Sintesi del discorso di presentazione della mozione per la candidatura a segretario provinciale di Renato Veronesi, espressosi liberamente, senza l ausilio di una traccia scritta, durante i lavori della

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

STATUTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (Provincia di Varese) STATUTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 14 in data 16 aprile 2012 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 47

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI COMUNE DI CUTROFIANO Provincia di L E C C E REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 39 del 04-12-2014 1 PRINCIPI GENERALI Il presente Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FORUM COMUNALE DEI GIOVANI (Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 88 del 28/9/04)

REGOLAMENTO DEL FORUM COMUNALE DEI GIOVANI (Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 88 del 28/9/04) REGOLAMENTO DEL FORUM COMUNALE DEI GIOVANI (Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 88 del 28/9/04) Art. 1 Istituzione il Consiglio Comunale di San Giorgio a Cremano, riconosciuto: l importanza

Dettagli

VADEMECUM UFFICIO PACE

VADEMECUM UFFICIO PACE VADEMECUM UFFICIO PACE In questi ultimi anni, in molti comuni italiani, si è andata diffondendo la pratica dell istituzione di un ufficio pace. Ma che cosa sono questi uffici? E di cosa si occupano? Attraverso

Dettagli

I professionisti e il sistema bancario

I professionisti e il sistema bancario Campione 800 professionisti Rappresentatività del campione: Sono stati individuati quattro gruppi afferenti alle diverse aree professionali L'analisi tiene conto della diversa allocazione territoriale

Dettagli

CONSULTA DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE. Premessa della Dirigente

CONSULTA DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE. Premessa della Dirigente Allegato n. 1 C.I. del 29.04.2014 ISTITUTO COMPRENSIVO MONTEMARCIANO MARINA Via G. Marotti, 26 60018 MONTEMARCIANO (AN) ic.montemarciano@libero.it - www.icsmontemarciano.it Tel. 071 915239 - Fax 071 915050

Dettagli

LINEE PROGRAMMATICHE FUNZIONE STRUMENTALE N. 3 «INTERVENTI E SERVIZI PER GLI STUDENTI

LINEE PROGRAMMATICHE FUNZIONE STRUMENTALE N. 3 «INTERVENTI E SERVIZI PER GLI STUDENTI ISTITUTO STATALE d ISTRUZIONE SUPERIORE P. Branchina - Adrano ANNO SCOLASTICO 2014-2015 LINEE PROGRAMMATICHE FUNZIONE STRUMENTALE N. 3 «INTERVENTI E SERVIZI PER GLI STUDENTI orientamento in entrata e in

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi Vi avevo anticipato l anno scorso che il Difensore Civico s interessa dei

Dettagli

Proposta del Coordinamento Donne di Trento

Proposta del Coordinamento Donne di Trento Proposta del Coordinamento Donne di Trento Disposizioni per la promozione ed il sostegno di Centri per donne in situazioni di violenza Art. 1 Principi 1. La Provincia Autonoma di Trento coerentemente con

Dettagli

LA MEDIAZIONE LINGUISTICO CULTURALE A SCUOLA AFFIANCAMENTO PER ALUNNI STRANIERI NEO ARRIVATI

LA MEDIAZIONE LINGUISTICO CULTURALE A SCUOLA AFFIANCAMENTO PER ALUNNI STRANIERI NEO ARRIVATI Sistema di Gestione Qualità, rendicontazione indagini di soddisfazione 2011 Direzione Programmazione e Controllo Servizio Studi e Ricerche Sistemi Qualità Direzione Politiche Sociali Partecipative e dell

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DON PIERO POINTINGER ROVAGNATE (LC) PROGETTO AREA A FORTE PROCESSO IMMIGRATORIO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DON PIERO POINTINGER ROVAGNATE (LC) PROGETTO AREA A FORTE PROCESSO IMMIGRATORIO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DON PIERO POINTINGER ROVAGNATE (LC) PROGETTO AREA A FORTE PROCESSO IMMIGRATORIO Anno scolastico 2010/11 1 PROGETTO PER IL QUALE SI RICHIEDE IL FINANZIAMENTO PER L ANNO SCOLASTICO

Dettagli

Visite in comune. Comune di Olgiate Molgora. Progetto

Visite in comune. Comune di Olgiate Molgora. Progetto Comune di Olgiate Molgora Progetto Visite in comune Laboratori di consultazione e di progettazione rivolti a bambini e ragazzi per la realizzazione di percorsi di visita ai luoghi istituzionali della città

Dettagli

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Italia non solo per motivi di lavoro, ma per motivi

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DELLA CONSULTA DEGLI STRANIERI. Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 81 del 30-10-2012

REGOLAMENTO COMUNALE DELLA CONSULTA DEGLI STRANIERI. Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 81 del 30-10-2012 REGOLAMENTO COMUNALE DELLA CONSULTA DEGLI STRANIERI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 81 del 30-10-2012 Entrato in vigore il 2.11.2012 INDICE Art. 1 Istituzione Art. 2 Finalità Art.

Dettagli

Il futuro delle circoscrizioni e della partecipazione dei cittadini al processo decisionale: la parola ai cittadini!

Il futuro delle circoscrizioni e della partecipazione dei cittadini al processo decisionale: la parola ai cittadini! COMUNE DI PISA Il futuro delle circoscrizioni e della partecipazione dei cittadini al processo decisionale: la parola ai cittadini! A seguito dell approvazione della legge finanziaria del 2008 nel Comune

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

La voce dei donatori

La voce dei donatori La voce dei donatori Uno studio sul grado di soddisfazione e di efficienza percepita dai Donatori nei confronti dell organizzazione e delle attività dell Avis Comunale RE www.avis.re.it Gli obiettivi della

Dettagli

SINTESI 8 RAPPORTO SULL IMMIGRAZIONE STRANIERA IN VENETO

SINTESI 8 RAPPORTO SULL IMMIGRAZIONE STRANIERA IN VENETO SINTESI SINTESI 8 RAPPORTO SULL IMMIGRAZIONE STRANIERA IN VENETO Il Rapporto 2011 sull immigrazione straniera in Veneto propone: un ampio aggiornamento dell analisi del fenomeno in Veneto (nella prima

Dettagli

Le Vostre idee per migliorare il nostro paese

Le Vostre idee per migliorare il nostro paese I giovani e Cavour Le Vostre idee per migliorare il nostro paese Questionario Ai giovani dai 21 ai 30 anni rivolto ai giovani dai 21 ai 30 anni Carissimo/a giovane, quante volte, passeggiando per Cavour

Dettagli

Il servizio di Teleassistenza: rilevazione della soddisfazione degli utenti

Il servizio di Teleassistenza: rilevazione della soddisfazione degli utenti Provincia di Milano Direzione Centrale Cultura e Affari Sociali Settore Sostegno e Prevenzione delle Emergenze Sociali Ufficio Teleassistenza Il servizio di Teleassistenza: rilevazione della soddisfazione

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA Adottato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 74 del 29 Settembre 2006 Modificato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 66

Dettagli

Una esperienza di formazione e ricerca nel settore turistico: il progetto "Nuove professionalità per il mercato del lavoro Veneto".

Una esperienza di formazione e ricerca nel settore turistico: il progetto Nuove professionalità per il mercato del lavoro Veneto. Una esperienza di formazione e ricerca nel settore turistico: il progetto "Nuove professionalità per il mercato del lavoro Veneto". M. Fontana*, C. Felicioni** *Cultore della materia, Dip. di Psicologia

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

COMUNE DI TERLIZZI Provincia di Bari

COMUNE DI TERLIZZI Provincia di Bari REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ALBO E IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI ^^^^^^^^^^^^^^ INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI 1 - PRINCIPIO DI SUSSIDIARIETA 2 - REQUISITI FONDAMENTALI

Dettagli

CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO

CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO CLASSE QUARTA B G.Galilei VINCI INSEGNANTI: Melani Cinzia, Parri Donatella, Voli Monica, Anno Scolastico 2011-2012 COMPETENZE INTERESSATE: Raccogliere, organizzare

Dettagli

Prevenzione della recidiva e messa alla prova: le opinioni e l esperienza degli operatori dell Ufficio di Servizio Sociale per Minorenni di Bologna.

Prevenzione della recidiva e messa alla prova: le opinioni e l esperienza degli operatori dell Ufficio di Servizio Sociale per Minorenni di Bologna. Prevenzione della recidiva e messa alla prova: le opinioni e l esperienza degli operatori dell Ufficio di Servizio Sociale per Minorenni di Bologna. Di Gabriele Prati * e Sara Nascetti ** Riassunto: esistono

Dettagli

Società Cooperativa Sociale Mediazione Integrazione Onlus

Società Cooperativa Sociale Mediazione Integrazione Onlus PREVENZIIONE DEL DIISAGIIO SCOLASTIICO LA SCUOLA DELLE MAMME ENTE GESTORE ENTI LOCALI COINVOLTI LUOGO DI REALIZZAZIONE DESTINATARI Società Cooperativa Sociale Mediazione Integrazione Onlus Comune di Varese,

Dettagli

Allegato A Lettera e mail di presentazione della ricerca. Comune di Castelnuovo Rangone. Prot. n. 27961 Vignola, 8 novembre 2012

Allegato A Lettera e mail di presentazione della ricerca. Comune di Castelnuovo Rangone. Prot. n. 27961 Vignola, 8 novembre 2012 Allegato A Lettera e mail di presentazione della ricerca Comune di Castelnuovo Rangone Prot. n. 27961 Vignola, 8 novembre 2012 Al Dirigente / Responsabili dei servizi della struttura Welfare dell Unione

Dettagli

Investire nel valore e nell identità del Liceo Economico-Sociale. Presentazione dei risultati dell indagine realizzata presso i LES

Investire nel valore e nell identità del Liceo Economico-Sociale. Presentazione dei risultati dell indagine realizzata presso i LES Investire nel valore e nell identità del Liceo Economico-Sociale Presentazione dei risultati dell indagine realizzata presso i LES 2 la fondazione rosselli Origini e attività La Fondazione Rosselli è un

Dettagli

COMUNE DI LEVERANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO FORUM DEI GIOVANI. Art. 1 Istituzione

COMUNE DI LEVERANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO FORUM DEI GIOVANI. Art. 1 Istituzione COMUNE DI LEVERANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO FORUM DEI GIOVANI Art. 1 Istituzione Il Forum giovanile, previsto dall art. 15 bis dello Statuto comunale, è strumento di autorappresentanza e di partecipazione

Dettagli

Ricerca rivolta alle famiglie di bambini di età 0-36 mesi non iscritti ai servizi comunali, anno 2015 L INDAGINE IN SINTESI

Ricerca rivolta alle famiglie di bambini di età 0-36 mesi non iscritti ai servizi comunali, anno 2015 L INDAGINE IN SINTESI Ricerca rivolta alle famiglie di bambini di età 0-36 mesi non iscritti ai servizi comunali, anno 2015 ASPETTI METODOLOGICI L INDAGINE IN SINTESI Indagine a cura di: - Area Organizzazione e gestione servizi

Dettagli

Regolamento del Forum Comunale Giovani

Regolamento del Forum Comunale Giovani COMUNE DI CASTELVENERE Provincia di Benevento ------ Regolamento del Forum Comunale Giovani 1 INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9 - Art. 10 - Art. 11 -

Dettagli

Università degli Studi di Trento TEMI ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI ASSISTENTE SOCIALE SPECIALISTA

Università degli Studi di Trento TEMI ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI ASSISTENTE SOCIALE SPECIALISTA Università degli Studi di Trento TEMI ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI ASSISTENTE SOCIALE SPECIALISTA I SESSIONE 2004 Illustri la candidata un progetto di intervento sociale, focalizzandone

Dettagli

Si ricorda che: PROGETTO PUNTI DI RIFERIMENTO CENTRO DI ORIENTAMENTO E FORMAZIONE

Si ricorda che: PROGETTO PUNTI DI RIFERIMENTO CENTRO DI ORIENTAMENTO E FORMAZIONE (Allegato 1) Si ricorda che: - LA DOMANDA DI SERVIZIO CIVILE VA INVIATA A : ALLE SINGOLE SEDI DI ATTUAZIONE PROGETTO - LE DOMANDE VANNO INVIATE ENTRO IL 27 LUGLIO 2009 ENTRO LE ORE 14.00 (NON FA FEDE IL

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA COMUNALE PERMANENTE DELLE ASSOCIAZIONI E DEI CITTADINI PER LA PACE

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA COMUNALE PERMANENTE DELLE ASSOCIAZIONI E DEI CITTADINI PER LA PACE Comune di Casalecchio di Reno Provincia di Bologna REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA COMUNALE PERMANENTE DELLE ASSOCIAZIONI E DEI CITTADINI PER LA PACE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 2005

Dettagli

Carta d Identità del CNGEI

Carta d Identità del CNGEI Carta d Identità del CNGEI "Il nostro è un movimento libero, accanitamente, irriducibilmente libero da ingerenza politica, confessionale o di interesse e deve rimanere tale contro chiunque fosse di diverso

Dettagli

Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA

Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA MAROCCO E ITALIA: UN ANALISI DELLE PROBLEMATICHE INCONTRATE DAI GENITORI NEL CONTESTO DI MIGRAZIONE ITALIANO, Università degli studi di

Dettagli

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania È stata attivata una ricerca per misurare la conoscenza e la percezione dell efficacia del Programma attraverso

Dettagli

ANALISI DEL FABBISOGNO FORMATIVO LINGUISTICO DEI CITTADINI STRANIERI

ANALISI DEL FABBISOGNO FORMATIVO LINGUISTICO DEI CITTADINI STRANIERI ANALISI DEL FABBISOGNO FORMATIVO LINGUISTICO DEI CITTADINI STRANIERI A cura della dr.ssa Enrica Corti 1. Indagine biblio-emerografica Lo studio Ials2, organizzato dall'ocse per la rilevazione del livello

Dettagli

CONSULTA PROVINCIALE DEGLI STUDENTI : istruzioni per l uso

CONSULTA PROVINCIALE DEGLI STUDENTI : istruzioni per l uso CONSULTA PROVINCIALE DEGLI STUDENTI : istruzioni per l uso documento realizzato dal Gruppo di lavoro tematico Informazione/Formazione Rappresentanza Studentesca (CPS di Alessandria, Asti, Biella, Torino)

Dettagli

Quartiere San Donato

Quartiere San Donato Quartiere San Donato Oggetto: CONCLUSIONE DEL PROGETTO BOXTUTTI PERCORSI PARTECIPATI SULLA FRUIZIONE CONDIVISA DEGLI SPAZI URBANI NEL QUARTIERE SAN DONATO AREA RICOMPRESA TRA VIA PEZZANA E VIA ZAGO IL

Dettagli

Legge Regionale Marche 2 marzo 1998, n. 2

Legge Regionale Marche 2 marzo 1998, n. 2 Legge Regionale Marche 2 marzo 1998, n. 2 Interventi a sostegno dei diritti degli immigrati pubblicata su B.U.R. MARCHE n. 23 del 12 marzo 1998 Capo I Principi generali Art. 1 (Finalità) 1. La Regione,

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Comune di Firenze CARATTERISTICHE PROGETTO 2) Titolo del progetto: Bussola - Un sistema

Dettagli