Ai Colli. Carta dei Servizi. Ospedale Privato Accreditato per malattie mentali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ai Colli. Carta dei Servizi. Ospedale Privato Accreditato per malattie mentali"

Transcript

1 Ospedale Privato Accreditato per malattie mentali Ai Colli Carta dei Servizi Direttore Sanitario e Primario: Dott. Paolo Baroncini Medico Chirurgo Specialista in Psichiatria e in Psicologia Medica Psicoterapeuta

2 COME CONTATTARCI Tramite posta all indirizzo: Ospedale Privato Accreditato Ai Colli Via San Mamolo Bologna Tramite Internet all indirizzo: Sito: Telefonicamente: Telefono: 051/ Fax: 051/ Quarta Edizione Novembre 2013

3 Gentile Signora/e, le malattie mentali rappresentano ancora oggi uno dei problemi più difficilmente affrontabili da parte della medicina. Quando questi disturbi compromettono sensibilmente le capacità di una persona di far fronte alle esigenze e alle attività della vita quotidiana si prospetta la necessità di un assistenza continua e personalizzata da parte di professionisti specializzati. Con cure e terapie adeguate una persona portatrice di malattia mentale può infatti tornare a riprendere le proprie attività regolarmente. Il nostro Ospedale Privato Accreditato mette a disposizione dei propri pazienti un equipe medico/assistenziale impegnata già da anni nel perseguire tale obiettivo e i risultati ottenuti ci confortano e ci motivano a proseguire su questa via. La Carta dei Servizi che Le proponiamo rappresenta un utile strumento di informazione relativamente alle nostre attività e alle modalità assistenziali utilizzate che, nell ottica del miglioramento continuo, ci auguriamo di perfezionare ulteriormente anche e soprattutto grazie ai Suoi suggerimenti. Il Direttore Sanitario Dott. Paolo Baroncini

4 Al fine di agevolare la lettura della presente Carta dei Servizi riportiamo qui una breve LEGENDA con gli acronimi più frequentemente utilizzati. CSM: Centro di Salute Mentale DSM: Dipartimento di Salute Mentale SERT: Servizio Tossicodipendenze SPOI: Servizio Psichiatrico Ospedaliero Intensivo SPDC: Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cura RTI: Residenza Sanitaria Psichiatrica a Trattamento Intensivo RTIS: Residenza Sanitaria Psichiatrica a Trattamento Intensivo Specialistico PS: Pronto Soccorso MMG: Medico di Medicina Generale PG: Procedura Generale MD: Moduli RGQ: Responsabile Gestione Qualità SQ: Sistema Qualità IO: Istruzione Operativa MA: Manuale per l Accreditamento MQ: Manuale Qualità CdS: Carta dei Servizi TSO: Trattamento Sanitario Obbligatorio ASO: Accertamento Sanitario Obbligatorio S: Standard di qualità garantito ( All interno della presente Carta dei Servizi verranno identificati con una (S) gli standard garantiti dall organizzazione).

5 INDICE Presentazione 3 Come Raggiungerci 4 Orari e numeri utili 5 Colibrì consorzio ospedaliero 6 Mission, vision e principi ispiratori 8 Qualità e miglioramento continuo 11 Collaborazioni e Progetti 14 Il percorso del paziente 16 I diritti e i doveri del paziente 22 La comunicazione 26 I servizi sanitari 28 Il personale e la formazione 28 I servizi generali 30 La struttura e la logistica 31 La sicurezza 32

6 Certificazione di qualità 2 Certificazione di Qialità

7 Presentazione L Ospedale Privato Accreditato Ai Colli nasce nel 1941, dedicatosi inizialmente alla cura delle malattie interne, dal 1946 si occupa della diagnosi e della cura delle patologie psichiatriche. La struttura, in quanto convenzionata con il Servizio Sanitario Nazionale, è accreditata ai sensi dell art. 6.c.6, L.n. 724/94 (DPG Regione Emilia Romagna 2011/2904 del 04/03/11 e determinazione n 6008 del 20/05/2001), per 50 posti letto ed è specializzata nel trattamento dei disturbi psichiatrici sia primari (depressione, psicosi, stati ansiosi, disturbi nevrotici, disturbi di personalità) che secondari ad abuso o dipendenza da sostanze (alcool, droghe, psicofarmaci). Recentemente attua una profonda ristrutturazione sia per adeguarsi alle normative autorizzative Regionali, sia per migliorare l aspetto ed il confort alberghiero. Dal 2008 è parte integrante del progetto Regionale di riorganizzazione della psichiatria, che prevede una maggior specializzazione dell attività nello spirito di una sempre più stretta e qualificante collaborazione con i Servizi di Igiene Mentale. L Ospedale Privato Accreditato Ai Colli aderisce all AIOP (Associazione Italiana Ospedalità Privata), seguendone le direttive e gli orientamenti alla qualità dei servizi e al welfare, ovvero benessere del cittadino. Dal dicembre 1994, l AIOP, che associa circa 500 Ospedali Privati in Italia con oltre operatori, collabora con il Tribunale per i Diritti del malato per garantire una maggiore corrispondenza tra qualità delle prestazioni offerte e diritti dei cittadini. Presentazione 3

8 Come raggiungerci L Ospedale Privato Accreditato Ai Colli si trova a circa due chilometri dal centro di Bologna in una zona dove regnano il verde e la tranquillità. In autobus è facilmente raggiungibile con la linea 29 che partendo dal centro della città effettua una fermata a cento metri dall Ospedale Privato Accreditato Ai Colli. In automobile è consigliabile raggiungere i viali di circonvallazione fino a Porta San Mamolo (dove sono posti i cartelli segnaletici di indicazione) per svoltare nell omonima via San Mamolo e percorrerla per circa 1,5 Km fino al numero 158 dove è situato l Ospedale Privato Accreditato Ai Colli. V i a F. B o l o g n e s e Via Ponente Via Malvasia Via Saffi V i a S a b o t i n o Vi acasarini Via Tanari Via Zanardi V i a D e C a r r a c c i Via Bovi Campeggi Parco 11 Settembre 2001 Viale Silvani Viale Pietramellara V i a A r i o s t o V i a N. d a l l A r c a V i a P. Tr i b a l d i STAZIONE BOLOGNA CENTRALE Via dell Indipendenza AUTOSTAZIONE XX SETTEMBRE Parco Montagnola V i a D. C r e t i Via della Liberazione Viale Masini Viale B. Pichat Via Zamboni Via Stallingrado Viale Viale della Repubblica Panzacchi Viale Aldo Moro Via San Donato V i a Via F. Garavaglia Via Libia Viale della Fiera M e z z a c o s t a Via F. Beroaldo V i a S a n M a m o l o V i a V i a Tosc a n Via Mondo M a r t u c c i lverde Via Va Via Valverde BOLOGNA l o V i a S a n M a m o V i a R i va b e l l a V i a R i v a b e l l a Osp Sant Mal H Viale G. Vicini Viale Filoppanti Viale Ercolani Viale Carducci Via del Pratello i Viale C. Pepoli H H Ospedale Sant Orsola Malpighi V i a H M a s s a r e n V i a P e l a g i o P e l a g i t i V i a S a r a g o z z a Giardino di Villa Cassarini Parco Pubblico Ghigi Universit Studi Bologna Ingegneria Parco Villa Aldini Viale Aldini S a n V i a l o M a m o Viale Panzacchi Parco di San Michele In Bosco H Istituto Ortopedico Rizzoli r b V i a d i Ba i a n o V i a Villa Gotti P u t t V i a C a s t i g l i o n e i Viale Gozzadini V i a d e i Giardini Margherita S a b b i o n i V i a S a n t a B a r b a r a Via Dante V i a S i e p e l u n g a V i a M u V i a M o l i n e l l i V i a A l b e r t i r r i V i a M a z z i n i V i a L. B a s s i Ve r a t t i V i a D a g n i n i V i a d e g l i O Ai Colli Via San Mamolo, 158 Giardini Bologna Lunetta Gamberini Tel. 051/ Fax 051/ r t i 4 Come raggiungerci H

9 Orari e numeri utili Gli orari di apertura al pubblico dell Ufficio Amministrativo sono: dal lunedì al venerdì dalle ore 8.30 alle ore e dalle ore alle ore 17.00, il sabato dalle 8.30 alle ore Telefono: 051/ , fax: 051/ , sito Internet: indirizzo di posta elettronica: Gli orari di visita sono: dalle alle 13.00, dalle alle Le visite sono ammesse negli orari sopra elencati purchè non ostacolino l attività medica e non arrechino disturbo al riposo degli altri pazienti. Il medico specialista può decidere di limitare o sospendere le visite nel caso in cui le condizioni cliniche di un paziente lo rendano necessario. Sono ammesse visite solo delle persone autorizzate dal medico I pasti sono serviti ai seguenti orari: La colazione alle ore 7.30, il pranzo alle ore e la cena alle ore 18.00; Orari terapia: Al mattino alle ore al pomeriggio alle ore ed alla sera alle ore e alle ore Come contattare i Medici Psichiatri: Si possono contattare i medici psichiatri dell Ospedale Privato Accreditato telefonando al numero 051/ dal lunedì al sabato dalle ore alle ore per avere informazioni o prendere un appuntamento per un colloquio personale. Orari e numeri utili 5

10 Colibrì consorzio ospedaliero L Ospedale Privato Accreditato Ai Colli aderisce al consorzio ospedaliero Colibrì. I consorziati sono strutture operanti nel settore della sanità e dei servizi sociali. Crediamo che poter attingere ad un bacino di informazioni e di esperienze più grande possa essere una garanzia per l utente che fruisce o intende fruire dei nostri servizi e possa avere come benefico effetto una spirale virtuosa di conoscenze, consentendo alle professionalità coinvolte di interagire e confrontarsi, e dunque migliorare. Per questo motivo le Strutture consorziate a Colibrì aderisco alle Associazioni di categoria (AIOP per gli Ospedali Privati e ANASTE - per le strutture dedicate alla terza età), gli ospedali sono accreditati dalla Regione Emilia Romagna mentre le strutture sociali sono convenzionate col Comune di Bologna e l Ausl di Bologna. Tutte hanno al proprio interno delle figure professionali Responsabili della Qualità; Villa Serena, Villa Ranuzzi, Villa Bellombra e Santa Viola sono tutte organizzazioni certificate UNI EN ISO 9001:2000 da un ente terzo (Cermet). L obiettivo del consorzio è quello di conciliare i benefici derivanti dalle Economie di scala, con la sincerità e spontaneità dei rapporti con ogni singolo utente e con la personalizzazione dell intervento clinico, assistenziale e riabilitativo. 6 Colibrì consorzio ospedaliero

11 SanitÀ Ospedale Privato Villa Bellombra Via Bellombra, Bologna Tel. 051/ Fax 051/ Ospedale Privato Santa Viola Via della Ferriera, Bologna Tel. 051/ Fax 051/ REG. N UNI EN ISO 9001:2000 REG. N UNI EN ISO 9001:2000 SOCIALE Casa Protetta e Residenza Sanitaria Assistenziale Villa Ranuzzi Via Casteldebole, Bologna Tel. 051/ Fax 051/ Casa Protetta e Residenza Sanitaria Assistenziale Villa Serena Via Toscana, Bologna Tel. 051/ Fax 051/ REG. N UNI EN ISO 9001:2000 REG. N UNI EN ISO 9001:2000 Colibrì consorzio ospedaliero 7

12 Mission, Vision e principi ispiratori La Mission La patologia psichica viene considerata da organismi nazionali e internazionali una emergenza sanitaria e sociale, che per essere fronteggiata necessita di un impegno congiunto di tutti gli attori pubblici e privati della sanità. La Ragion d essere dell Ospedale Privato Accreditato Ai Colli è offrire, in un contesto ospedaliero, valutazioni cliniche e trattamenti accurati ad ogni tipo di disturbo psichico in un ambiente consono. La competenza medica, il comfort ambientale e la qualità dell assistenza sono pertanto requisiti imprescindibili dell operare. La VISION Nelle scelte dell Ospedale Privato Accreditato è prioritario il concetto di centralità del paziente che viene perseguito da tutte le professionalità componenti l equipe con un progressivo processo di adattamento ai bisogni emergenti degli stessi e dei loro care giver. Altro principio ispiratore risiede nella costante attenzione alla ricerca e al mantenimento dell adesione del paziente sia ai trattamenti sia al rispetto delle regole. Tale principio è per l Ospedale Privato Accreditato un elemento fondamentale in quanto identifica il paziente quale collaborante e volontario, condizione indispensabile per il ricovero in clinica. Per la Politica dell Ospedale Privato Accreditato si ritiene un indirizzo strategico il promuovere la capacità di risposta verso i bisogni/ richieste del nostro committente, sia in termini di offerta e di volumi, di tipologia di utenza target verso la quale orientare i prodotti/servizi, 8 Mission, Vision e principi ispiratori

13 restando quindi aderenti e coerenti alla programmazione regionale. Gli stessi prodotti/servizi messi a disposizione dell utenza sono frutto di una negoziazione specifica con la Regione Emilia Romagna. Grande importanza riveste il raccordo e l integrazione, oltre ed in primo luogo con il nostro committente, con altre realtà sanitarie e non. Ragion d essere e prospettive strategiche comportano che l Ospedale Privato Accreditato Ai Colli focalizzi il proprio impegno sui seguenti aspetti: soddisfazione del cittadino/paziente; lavoro di squadra; approccio multidisciplinare; progetti terapeutici personalizzati; tutela dei diritti; tempestività di accesso alla struttura; tempestività di formulazione della diagnosi; attenzione agli aspetti alberghieri; impegno nel mantenimento degli standard dichiarati; efficacia ed appropriatezza tecnica; sicurezza per i pazienti, per i familiari e per gli operatori; continua crescita professionale degli operatori; attenzione alla comunicazione interna ed esterna; continuità terapeutica; integrazione con le strutture a valle e a monte. La NOSTRA POLITICA IN SINTESI È: CENTRALITÀ DEL PAZIENTE LAVORO DI SQUADRA FLESSIBILITÀ MIGLIORAMENTO CONTINUO COLLABORAZIONE ED INTEGRAZIONE NELLA RETE DEI SERVIZI. Mission, Vision e principi ispiratori 9

14 I PRINCIPI ISPIRATORI fondamentali cui l organizzazione si riferisce sono quelli richiamati dal DPCM del : 1. Eguaglianza: non viene compiuta nessuna distinzione nell erogazione del servizio. Nessuna discriminazione viene fatta per motivi riguardanti sesso, razza, lingua, religione ed opinioni politiche. 2. Imparzialità: ispiriamo i nostri comportamenti, nei confronti degli utenti, a criteri di obiettività, giustizia ed imparzialità. 3. Continuità: l erogazione del servizio, nell ambito delle modalità stabilite dalla normativa regolatrice di settore, è continua, regolare e senza interruzioni. L Ospedale Privato Accreditato Ai Colli adotta tutte le misure necessarie per arrecare agli utenti il minor disagio possibile. 4. Diritto di scelta: l utente ha sempre diritto di scegliere tra le strutture che erogano il servizio. Il diritto di scelta riguarda inoltre le scelte assistenziali operate nei suoi confronti. 5. Partecipazione: la partecipazione dell utente (tutore, amministratore di sostegno, delegato) alla prestazione del servizio è sempre garantita, sia per tutelare il diritto alla corretta erogazione del servizio, sia per favorire la collaborazione dei soggetti nei confronti dell organizzazione. 6. Efficienza ed efficacia: il servizio è erogato in modo da garantire l efficienza e l efficacia. Vengono adottate tutte le misure idonee al raggiungimento di tali obiettivi. 10 Mission, Vision e principi ispiratori

15 Organismo accreditato da ACCREDIA Body accredited by ACCREDIA Qualità e miglioramento continuo Siamo convinti che per offrire un servizio di qualità occorra focalizzare l attenzione verso il Cliente. Per questa ragione l Ospedale Privato Accreditato Ai Colli ha deciso di intraprendere il percorso della Certificazione di Qualità sottoponendosi volontariamente alla Normativa Internazionale UNI EN ISO 9001:2000 Sistemi di gestione della Qualità. Periodicamente l intero Ospedale viene sottoposto a verifiche da un ente esterno, il Cermet, che ne certifica la corrispondenza alla norma sopra citata. L Ospedale Privato Accreditato Ai Colli ha ottenuto la Certificazione di Qualità: Certificato N 7244-A. UNI EN ISO 9001:2008 REG. N L Ospedale Privato Accreditato Ai Colli identifica il proprio Cliente come colui che è direttamente o indirettamente destinatario del prodotto o servizio che eroga. A partire da questa definizione, sono state individuate diverse tipologie di clienti che entrano in contatto con la nostra struttura in diversi momenti dell erogazione dei nostri prodotti/servizi: il paziente che affida se stesso alla nostra struttura e che può necessitare di livelli di assistenza diversa a seconda del livello di autonomia personale e della tipologia del quadro clinico che presenta; i familiari o altri referenti che sono presenti al momento dell ingresso in struttura e durante il ricovero e verso i quali è indispensabile garantire una adeguata risposta ai loro bisogni di informazione; il gruppo degli invianti e cioè: CSM, SERT, SPDC, SPOI, MMG,...; il committente (Azienda AUSL) che si fa carico, attraverso convenzioni apposite, degli oneri economici relativi ai ricoveri; Qualità e miglioramento continuo 11

16 le Istituzioni (Regioni, Comuni, Aziende USL), in quanto destinatari del debito informativo; i clienti interni, e cioè gli operatori che contribuiscono quotidianamente alla realizzazione delle attività; la società come portatrice di interessi diffusi. Per ciascuna delle suddette categorie l Ospedale Privato Accreditato Ai Colli ha svolto un accurata riflessione ed un approfondita indagine volta ad identificarne i principali bisogni per riuscire a rispondere in maniera efficace ed efficiente a tutte le esigenze. CLIENTE bisogno PAZIENTE Assistenza sanitaria Assistenza psichiatrica Supporto amministrativo Sicurezza Confort Informazioni Personalizzazione Rispetto dei diritti Partecipazione FAMILIARI O REFERENTI INVIANTI COMMITTENTI ISTITUZIONI CLIENTI INTERNI SOCIETÀ Informazioni Supporto psicologico Supporto amministrativo Facilità di accesso Flessibilità Definizione del percorso post dimissione Informazioni Efficienza Flessibilità Integrazione Disponibilità di posti letto Economicità Controllo Integrazione Flessibilità Garanzie Controllo Accesso Trasparenza Informazioni Sicurezza Informazioni Coinvolgimento Crescita professionale Garanzia dei diritti Supporto psicologico (burn out) Supporto amministrativo Trasparenza Rispetto dell ambiente Considerazione del disagio psichico crescente Efficienza Congruità e appropriatezza delle prestazioni Contribuzione fiscale Sicurezza Posti di lavoro Integrazione multietnica Informazione 12 Qualità e miglioramento continuo

17 Al fine di riuscire a garantire un servizio conforme ai requisiti di legge, ai bisogni dei nostri clienti ed in grado di migliorare continuamente l Ospedale Privato Accreditato Ai Colli ha implementato un Sistema Organizzativo conforme ai requisiti in materia di Autorizzazione ed Accreditamento delle strutture sanitarie della Regione Emilia Romagna e alla normativa UNI EN ISO 9001:2000. Gli strumenti utilizzati da tale Sistema per garantire la tenuta sotto controllo dello stesso ed il suo miglioramento continuo sono molteplici:» La gestione delle Non Conformità e del Rischio grazie anche alla costruzione di un sistema di Incident Reporting per la prevenzione ed il controllo degli eventi critici (Risk Management).» La verifica della soddisfazione dei pazienti e del cliente interno.» La gestione dei Reclami.» La creazione del Comitato Infezioni Ospedaliere.» La gestione delle Azioni Correttive e Preventive.» La gestione di Progetti di Miglioramento.» La verifica degli Indicatori in relazione agli standard.» Le Verifiche Ispettive Interne ed Esterne.» Il Riesame della Direzione. Tutto il personale ha partecipato attivamente alla costruzione del Sistema e, condividendone le finalità, è impegnato nel cercare di offrire un servizio attento alle esigenze dei pazienti. Qualità e miglioramento continuo 13

18 Collaborazioni e progetti L Ospedale Privato Accreditato Ai Colli dal 1997 ha una convenzione con l Università degli Studi di Bologna per l organizzazione di un percorso didattico volto al completamento del processo formativo universitario dei laureati in Psicologia ( tirocinii professionalizzanti). La presenza di laureati in Psicologia all interno dell Ospedale pone la didattica e, inevitabilmente, la ricerca quale elemento di rilievo qualitativo, sostenuto in maniera costante dai diretti responsabili interni del tirocinio stesso. Sempre nell ottica del miglioramento continuo e con l obiettivo di introdurre sempre nuovi elementi di stimolo, sono attualmente in atto anche convenzioni per lo svolgimento di tirocinii con numerose Scuole di Psicoterapia legalmente riconosciute dal M.I.U.R. (Ministero Università e Ricerca) Collabora periodicamente inoltre attraverso Progetti di Ricerca con il Dipartimento di Psicologia dell Università degli Studi di Bologna e con l Istituto di Psichiatria Ottonello dell Università degli Studi di Bologna. É inoltre attivo all'interno dell'ospedale Privato un " gruppo di auto mutuo aiuto" per alcolisti condotto dagli Alcolisti Anonimi. 14 Collaborazioni e progetti

19 Il percorso del paziente I CANALI INFORMATIVI DISPONIBILI SONO: telefonico al numero 051/ ; di persona presso l ufficio amministrativo; tramite il sito web la presente carta dei servizi. TIPOLOGIE DI RICOVERO: I ricoveri avvengono tutti in forma volontaria ed ogni paziente può in qualunque momento decidere di interrompere il proprio ricovero, salvo ovviamente che non sussistano elementi per un T.S.O. o che il paziente sia interdetto. Non sono ammessi ricoveri nelle seguenti situazioni: 1. paziente minorenne; 2. donna in stato di gravidanza; 3. non autosufficienza; 4. malattie infettive e/o parassitarie che richiedano isolamento sanitario; 5. patologie mediche non psichiatriche che necessitano di interventi specialistici complessi e/o continuativi in fase di acuzie; 6. patologie psichiatriche gravi tali da necessitare il ricovero in SPDC o SPOI; 7. non appropriatezza clinica della richiesta di ricovero; 8. incompatibilità relazionale e/o comportamentale; 9. non accettazione del Consenso informato al Trattamento MD93; 10. prescrizioni giuridiche limitative della libertà personale (da valutare caso per caso). Il percorso del paziente 15

20 I ricoveri avvengono secondo le seguenti due modalità:» In convenzione con il Servizio Sanitario Nazionale;» Privatamente. I posti letto per un totale di 50 sono suddivisi in 3 reparti protetti in cui vengono ricoverati pazienti affetti da patologia psichiatrica primaria e/o secondaria ad abuso/dipendenza da sostanza. Il ricovero in convenzione può essere prenotato da: per i residenti nella regione Emilia Romagna:» SERT (direttamente)» CSM, SPOI, SPDC (tramite cabina di regia DSM AUSL BO)» MMG e specialisti privati del territorio AUSL BO (tramite cabina di regia DSM AUSL BO) Per i residenti fuori regione Emilia Romagna:» Medico specialista del servizio pubblico (CSM, SERT, SPOI, SPDC).» Medico di medicina generale. Il ricovero privato (previa visita privata di valutazione a cura del Primario) può essere prenotato da :» Medico di medicina generale.» Medico specialista privato curante il Paziente.» Paziente o familiari. L amministrazione è a disposizione per qualsiasi chiarimento dal lunedì al venerdì dalle ore 8.30 alle ore e dalle alle e il Sabato dalle ore alle La lista di attesa viene gestita secondo criteri concordati con il Committente per quanto riguarda il ricovero in convenzione mentre quella per i ricoveri privati segue un criterio temporale. 16 Il percorso del paziente

21 ACCETTAZIONE / ACCOGLIENZA: L accettazione avviene tutti i giorni dalle ore 9.30 alle ore e dalle alle ed il sabato dalle ore alle Al momento del ricovero è necessario consegnare i seguenti documenti ( in corso di validità):» La richiesta del ricovero del medico inviante (impegnativa su apposito modulo del Servizio Sanitario Nazionale).» La tessera sanitaria.» La carta d identità o un documento di riconoscimento valido.» Il codice fiscale.» Eventuale documentazione clinica precedente. Per rendere il ricovero definitivo è necessario accettare e sottoscrivere il Contratto Terapeutico che viene consegnato all ingresso. Il Contratto Terapeutico prevede prescrizioni, in particolare per i ricoveri in regime di RTS. Sono previsti Programmi Terapeutici Personalizzati. Al momento del ricovero non è consentito lasciare in deposito o utilizzare farmaci personali, salvo particolari tipologie quali i farmaci antiretrovirali, di cui il degente deve averne dotazione personale per tutta la durata del ricovero. Il percorso del paziente 17

22 RICOVERO / PROGRAMMA TERAPEUTICO: Il Programma Terapeutico si caratterizza per i seguenti interventi principali (seguendo Linee Guida di provata efficacia clinica ed internazionalmente riconosciute): 1. Valutazione diagnostica medica e tossicologica. 2. Valutazione diagnostica specialistica psichiatrica e psicologica. 3. Trattamento dei disturbi psichici sia primari che secondari, comprendente sia terapie farmacologiche che interventi psicologici e psicoterapeutici (sia individuali che di gruppo). 4. Trattamento di eventuali patologie mediche acute subentranti nel corso del ricovero o già presenti al momento del ricovero e che non richiedano ricovero o interventi specialistici particolarmente complessi. 5. Disintossicazione da sostanze (alcool, droghe, psicofarmaci). Il ricovero in Ospedale Privato prevede in particolare:» apertura cartella clinica;» sottoscrizione Consenso Informato e Contratto Terapeutico;» eventuale controllo effetti personali;» eventuale profilassi igienico-sanitaria;» visita medica generale e psichiatrica;» raccolta anamnestica;» eventuale valutazione quadro tossicologico;» approfondimento diagnostico;» esami ematochimici e strumentali di routine e/o opportuni;» valutazione concordata obiettivi terapeutici;» approntamento terapia;» eventuale disintossicazione da sostanze, assestamento o disassuefazione dal sostitutivo oppioide;» remissione della sintomatologia psichica acuta;» eventuali colloqui psicologici di sostegno; 18 Il percorso del paziente

23 » informazioni ai famigliari (salvo contraria disposizione scritta da parte del degente);» definizione progetto post-dimissione;» raccordo con Servizio inviante e programmazione condivisa;» stesura da parte del Medico di reparto di relazione conclusiva (di dimissione) per il Servizio o per il Medico inviante. La visita medica nella stanza di degenza si svolge nei giorni di lunedì, mercoledì e venerdì dalle ore alle ore Al momento dell ingresso ad ogni paziente viene affidato un medico referente. La colazione viene servita in camera alle ore 7.30, il pranzo alle ore e la cena alle ore La pulizia delle camere viene eseguita dalle ore 8.00 alle I cancelli del giardini vengono chiusi alle ore I Medici Psichiatri dell Ospedale Privato Accreditato Ai Colli sono disponibili telefonicamente allo 051/ dal lunedì al sabato dalle ore alle ore per avere informazioni o prendere un appuntamento per un colloquio personale. Ad ogni Paziente al momento dell ingresso viene consegnata la chiave del proprio armadietto personale. Invitiamo i nostri degenti a non trattenere oggetti di valore e denaro in misura superiore al necessario in quanto l Ospedale Privato Accreditato non risponderà del deterioramento, distruzione o sottrazione del denaro o degli oggetti di valore. Eventuali oggetti di valore potranno essere lasciati in custodia all'amministrazione dell'ospedale compilando apposito modulo ( La Direzione si riserva comunque di non accettare oggetti di particolare valore, pena la non ammissibilità al ricovero). I pazienti possono ricevere telefonate al numero del centralino dell Ospedale Privato Accreditato Ai Colli (051/ ) dalle Il percorso del paziente 19

24 ore alle ore Le modalità con cui vengono gestiti i permessi di uscita sono descritte all interno del Contratto Terapeutico, ricordiamo comunque che di norma non sono consentite uscite per i pazienti e che per tutti i degenti è necessario concordare con il medico la possibilità di allontanarsi dall Ospedale Privato Accreditato. Questo Ospedale, nel rispetto della Legge 23 dicembre 1978, n. 833 e della Legge Regionale 10 aprile 1989, n.12, garantisce l assistenza spirituale a favore di degenti che lo desiderino, secondo specifiche modalità concordate fra la Direzione Sanitaria ed Organismi religiosi Territoriali. DIMISSIONE Le dimissioni avvengono di norma dal lunedì al venerdì entro le ore Non si effettuano dimissioni nei giorni festivi. L Ospedale Privato Accreditato può provvedere alle immediate dimissioni di un degente qualora:» siano mutate le condizioni cliniche tanto da predisporre il trasferimento presso altra struttura;» Il Paziente non rispetti quanto contenuto nel Contratto Terapeutico che viene fatto firmare al momento dell ingresso. Il giorno della dimissione viene consegnata al paziente la relativa documentazione sanitaria indirizzata per conoscenza anche al medico curante e/o inviante del degente. Al termine del ricovero è necessario regolare in amministrazione il pagamento di eventuali fatture di degenza. È possibile richiedere presso l ufficio amministrativo copia della cartella clinica. Il duplicato può essere ritirato entro 30 giorni dalla data della richiesta presso l ufficio amministrativo dal Paziente o dagli aventi diritto in possesso di regolare delega firmata. Su richiesta, la copia della cartella clinica può essere anche spedita a domicilio. 20 Il percorso del paziente

25 I diritti e i doveri del paziente In attesa di suggerimenti migliorativi da parte dei nostri Clienti vi ricordiamo quali sono le garanzie e le regole attualmente in vigore nell Ospedale Privato Accreditato Ai Colli. Le garanzie - Vengono garantiti tutti i Principi elencati nel DPCM 19 maggio 1995 precedentemente esplicitati: eguaglianza, imparzialità, continuità, diritto di scelta, partecipazione, efficienza ed efficacia; - L Ospedale Privato Accreditato Ai Colli garantisce il rispetto della Privacy dei pazienti ai sensi del D. Lgs n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali. I dati anagrafici e sanitari sensibili dei pazienti sono custoditi riservatamente dall Ospedale; - Il paziente ha il diritto di conoscere l identità e la qualifica professionale del personale che lo assiste, a tale scopo tutti i nostri operatori hanno un cartellino di riconoscimento; - In occasione di referendum, elezioni politiche e amministrative ai degenti dell Ospedale Privato Accreditato Ai Colli viene garantito il diritto di voto nel luogo di ricovero purché in possesso del certificato elettorale e di un documento di riconoscimento valido; - Viene garantita un informazione adeguata e comprensibile sulla diagnosi, sul Progetto Terapeutico Personalizzato, sulle caratteristiche della struttura sanitaria e sulla sua organizzazione interna; - Viene garantito il diritto di presentare un reclamo a seguito di disservizio; - È inoltre garantito il diritto di esprimere il proprio parere sul soggiorno presso l Ospedale Privato Accreditato attraverso la compilazione di un questionario conoscitivo; I diritti e i doveri del paziente 21

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 La Sol Levante nasce nel 1998 per dare una risposta alle esigenze delle persone, di ogni fascia d età, affette da disagio psichico e con problematiche in

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose.

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose. RESIDENZA LE ROSE DATI ANAGRAFICI STRUTTURA SCHEDA SERVIZIO Residenza LE ROSE DENOMINAZIONE Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD INDIRIZZO CAP CITTÀ PROVINCIA 0429 644544 TELEFONO info@residenzalerose.net

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Guida alle prestazioni ambulatoriali

Guida alle prestazioni ambulatoriali Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a P r e s i d i o O s p e d a l i e r o P AP AR D O Guida alle prestazioni ambulatoriali Gentile Signore/a, l Azienda,

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile INFORMAZIONI PERSONALI Nome Attilio Vercelloni Data di nascita 28/01/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio dirigente medico ASL DI VERCELLI Staff - S.C. Neuropsichiatria

Dettagli

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola.

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014 protocollo elettronico n. CRI/CC/0084024/2014 Oggetto: Ebola. Ai DRAE, loro sedi Ai Presidenti, loro sedi Ai Comitati Regionali, loro sedi All Ispettorato

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

Carta Servizi. Poliambulatorio Sani.Med. 98 S.r.l. Medicina dello sport Medicina del lavoro 4 revisione- Gennaio 2015.

Carta Servizi. Poliambulatorio Sani.Med. 98 S.r.l. Medicina dello sport Medicina del lavoro 4 revisione- Gennaio 2015. Sani.Med. S.r.l. Via Palombarese km. 19,0 Marcosimone di Guidonia 00010 Roma Carta Servizi Prestazioni di: Fisioterapia Cardiologia Dermatologia Ginecologia Endocrinologia Oculistica Neurologia Reumatologia

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività:

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività: Insieme si può Arcigay Pistoia La Fenice dopo le varie attività svolte sul territorio pistoiese e zone limitrofe, ha valutato l opportunità di realizzare un progetto con la collaborazione di personale

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili U.O. AFFARI GENERALI E SEGRETERIA

Dettagli

CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014

CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014 Università Politecnica delle Marche Corso di Laurea in Infermieristica Ancona CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014 U.O. : BLOCCO OPERATORIO I.N.R.C.A. Studente Guida di Tirocinio:

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza Legge 22 maggio 1978, n. 194 Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza (Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale Gazzetta Ufficiale del 22 maggio 1978, n. 140)

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE N.B. Qualora ritenga importante integrare il questionario con commenti particolari o chiarimenti che ritiene importanti può farlo scrivendo quanto ritiene opportuno nello

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave CARTA DEI SERVIZI Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave Provincia Reg. le di Catania 1 1. Premessa La presente Carta dei Servizi rappresenta

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI DEGLI UTENTI DELL AZIENDA USL DI PIACENZA - 2003/2006 I Comitati Consultivi Misti degli Utenti dell Azienda USL di Piacenza dal gennaio 2003 al

Dettagli

STUDIO PROFESSIONALE DI FISIOTERAPIA

STUDIO PROFESSIONALE DI FISIOTERAPIA Studio professionale di fisioterapia: Gli Studi Professionali di Fisioterapia sono strutture dove possono essere erogate prestazioni terapeutiche riconducibili al profilo professionale del fisioterapista

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

1. Come si svolgono gli accertamenti a Firenze e a chi vengono fatti? 2. Qual è l iter di accertamento

1. Come si svolgono gli accertamenti a Firenze e a chi vengono fatti? 2. Qual è l iter di accertamento Continuiamo con la nostra serie di interviste ad operatori che si occupano dell'applicazione delle attuali leggi sui consumi di sostanze Oggi incontriamo il dr. Francesco Ruffa - Medico Chirurgo, referente

Dettagli

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale»

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» La proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

Settori. Personale qualificato. Chi siamo

Settori. Personale qualificato. Chi siamo Settori Pubblico Pulizia di edifici di Pubbliche amministrazioni seguendo le richieste indicate nei capitolati d oneri, controllate inoltre delle specifiche norme UNI EN ISO 9001 e SA8000. Privato personalizzati

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO

UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO PREMESSA Nelle finalità del progetto riabilitativo complessivo dell

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura L ECC la sua sperimentazione in Italia Evert-Jan Hoogerwerf (AIAS Bologna onlus) Referente dell ECC per Italia Membro del CD dell ECC Creare una base comune per il lavoro di cura Piano di lavoro 1. Comprensione

Dettagli

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE La sottoscritta Nannini Emanuela nata ad Arezzo il 20.08.1965, consapevole della decadenza dai benefici di cui all art. 75 del DPR 445/2000 e dalle norme penali

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Regolamento interno Residenze Sanitarie Assistenziali. (Allegato alla Carta dei Servizi)

Regolamento interno Residenze Sanitarie Assistenziali. (Allegato alla Carta dei Servizi) Regolamento interno Residenze Sanitarie Assistenziali (Allegato alla Carta dei Servizi) REGOLAMENTO INTERNO RSA ************* TITOLO 1 OGGETTO, FINALITA, CARATTERISTICHE Art. 1 OGGETTO Il presente regolamento

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO Dipartimento Economia e Promozione della Città Settore Attività Produttive e Commercio U.O. Somministrazione, manifestazioni, artigianato e ricettive 40129 Bologna Piazza Liber Paradisus, 10, Torre A -

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA nell autotrasporto: le condizioni psicofisiche

SALUTE E SICUREZZA nell autotrasporto: le condizioni psicofisiche SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Bologna Dipartimento di Sanità Pubblica SALUTE E SICUREZZA nell autotrasporto: le condizioni psicofisiche Giorgio Ghedini Medico

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

Agenzia Sanitaria Regione Emilia-Romagna Sussidi per l autovalutazione e l accreditamento 4 (revisione settembre 2001) LO STANDARD DI PRODOTTO

Agenzia Sanitaria Regione Emilia-Romagna Sussidi per l autovalutazione e l accreditamento 4 (revisione settembre 2001) LO STANDARD DI PRODOTTO LO DI PRODOTTO Le ragioni e lo scopo Il percorso dell accreditamento intende fornire garanzia della qualità dei prodotti che le aziende sanitarie, attraverso elementi di tipo strutturale ed organizzativo,

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza:

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza: Sicurezza all IUE In tema di sicurezza l Istituto, che gode dell autonomia prevista dalla Convenzione che lo istituisce e dall Accordo di Sede con l Italia, si ispira ai principi fondamentali della normativa

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Che cos è il Centro diurno regionale Ai Gelsi? Il nuovo Centro diurno socio-assistenziale con sede a Riva San Vitale si inserisce nel

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 244 IN DATA 28 OTTOBRE 1997. MODIFICATO CON DELIBERAZIONI

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

D.P.R. 10-11-1999 Approvazione del Progetto-Obiettivo "Tutela della Salute Mentale" 1998-2000

D.P.R. 10-11-1999 Approvazione del Progetto-Obiettivo Tutela della Salute Mentale 1998-2000 D.P.R. 10-11-1999 Approvazione del Progetto-Obiettivo "Tutela della Salute Mentale" 1998-2000 IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visto l'articolo 1 del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive

Dettagli

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Informazione per pazienti La PET/CT con Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Dott. Annibale Versari - Direttore INDICE Cos è e come funziona la

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

www.policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it

www.policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it Progetto grafico Avenida Stampa Artestampa srl Diffusione 50.000 copie Dicembre 2003 www.policlinico.mo.it

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

Partner unico, vantaggi infiniti.

Partner unico, vantaggi infiniti. Partner unico, vantaggi infiniti. Affidabilità, la nostra missione. Un unico interlocutore per molteplici servizi: è questa la forza di Tre Sinergie, azienda che opera nel settore del global service e

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli