MANUALE PER L ACCREDITAMENTO PROFESSIONALE. Organizzazione e qualità assistenziale dell Unità Operativa Complessa Centrale Operativa - 118

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MANUALE PER L ACCREDITAMENTO PROFESSIONALE. Organizzazione e qualità assistenziale dell Unità Operativa Complessa Centrale Operativa - 118"

Transcript

1 Organizzazione e qualità assistenziale dell Unità Operativa Complessa Centrale Operativa - 118

2 Pag n. 2 di n. INDICE Presentazione del Manuale Capitolo 1 Politica Capitolo 2 Pianificazione Capitolo 3 Comunicazione Capitolo 4 Struttura Capitolo 5 Attrezzature Capitolo 6 Formazione Capitolo 7 Sistema Informativo Capitolo 8 Procedure Capitolo 9 Verifica dei risultati Capitolo 10 Miglioramento

3 Pag n. 3 di n. PRESENTAZIONE Rev. Data Motivazione della revisione 0 16/02/2014 Prima istituzione Redazione Verifica Approvazione - Direttore UOC: parte specifica - Referente UOC - Referente QA: stesura Direttore UOC Direttore Medico del Presidio Ospedaliero

4 Pag n. 4 di n. INDICE Presentazione del Manuale Generalità Approvazione ed Emissione Revisione Descrizione dell organizzazione Legenda delle sigle che si utilizzeranno Allegati

5 Pag n. 5 di n. PRESENTAZIONE DEL MANUALE Generalità Il presente MANUALE per l Accreditamento Professionale dell U.O.C. Centrale Operativa-118 (CO118) dell Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico Consorziale G.XXIII di Bari è stato sviluppato in aderenza al modello di Accreditamento previsto dalla Regione Puglia e dalle linee guida della Società Italiana Sistemi 118. Il Manuale descrive il Sistema di Qualità implementato nella CO118. Il Manuale è composto di 11 sezioni: la Presentazione e 10 Capitoli; ogni capitolo è comprensivo in Allegato delle Procedure, delle Istruzioni operative e di tutta la Documentazione utilizzata per le registrazioni e per la descrizione delle attività, degli obiettivi e dell organizzazione specifici. Questo manuale, nasce con l intento di presentare tutte le attività erogate dall U.O.C. per espletare la propria mission e, pertanto, essere il riferimento dell emergenze territoriali e la sede di coordinamento tra i presidi ospedalieri, le strutture sanitarie ubicate sul territorio dell ASL e le medesime strutture regionali per la ricerca dei posti letto. Inoltre coordina, con le Istituzioni pubbliche (Prefettura, Vigili del fuoco, Forze dell ordine) i Piani di Emergenza Provinciali, generici e specifici.. Approvazione ed Emissione Le sezioni di questo Manuale sono state redatte e lette dal Direttore dell U.O.C, e presentate alla verifica del Direttore Medico del P.O. (DMPO). Hanno partecipato attivamente alla progettazione e stesura, oltre a tutto il personale in servizio presso la CO118, il Coordinatore infermieristico, il Referente per il Manuale dell U.O.C. (ReMAP) ed il Referente aziendale per la Qualità ed Accreditamento (ReAQ). Revisione Le sezioni del Manuale saranno aggiornate ad ogni variazione importante del contenuto tecnicoorganizzativo; il numero di revisione e la corrispondente data sono indicati in alto a destra della pagina e riportati nel modulo elenco dei documenti del MAP118. Le sezioni del Manuale sono aggiornate almeno ogni 4 anni. Gli Allegati sono rivisti ad ogni variazione: l aggiornamento (numero revisione e data) è riportato in alto a destra della pagina. Responsabile dell aggiornamento e revisione è il DIRETTORE ed il ReMAP.

6 Pag n. 6 di n. Descrizione dell Organizzazione Questo manuale, nasce con l intento di presentare tutte le attività svolte per far fronte alle richieste di urgenza-emergenza provenienti dal territorio e coordinare il successivo accompagnamento del cittadino ai presidi ospedalieri e le strutture sanitarie pertinente ubicate sul territorio delle due ASL sui cui mezzi di soccorso sovrintende con funzioni di direzione e coordinamento, la Centrale Operativa 118 Bari Soccorso. La Centrale partecipa, coordinando per gli aspetti sanitari, con le Istituzioni pubbliche (Prefettura, Vigili del fuoco, Forze dell ordine) i Piani di Emergenza Provinciali, generici e specifici.. La Centrale Operativa 118 serve un territorio di circa un milione e ottocentomila abitanti e 51 comuni e gestisce circa 195mila telefonate annue con circa 76 mila interventi. Caratteristiche strutturali: l U.O.C. CO118 è una struttura ubicata al primo piano del Padiglione ex Pronto Soccorso. È dotata di un area dedicata di circa 50 mq con 6 ( sei) postazioni informaticotelefoniche h 24 ed ha piani di emergenza riservati ma a disposizione del personale di turno. La struttura è costituita dai seguenti ambienti, oltre all area dedicata alle postazioni informaticotelefoniche: Direzione; Segreteria; Tecnico informatico Stanza Coordinatore infermieristico; Stanza Medici; Spogliatoio Donne Spogliatoio Uomini Sala relax/tisaneria Sala riunioni; Deposito;

7 Pag n. 7 di n. -Direttore; l U.O.C. è diretta dal Dott. Gaetano Dipietro, STAFF MEDICO Composto da: Sei Medici di Centrale con in aggiunta un settimo medico dipendente funzionalmente dal Pronto Soccorso PERSONALE INFERMIERISTICO E TECNICO-AMMINISTRATIVO Il personale infermieristico è coordinato dal Dott in Scienze infermieristiche Cesare Calamita e comprende n.30 Infermieri. Il Personale tecnico-amministrativo comprende un Tecnico informatico, un ausiliario e due amministrativi. La manutenzione dell hardware e software è assicurata dall dalla Ditta ISED SpA, che con Contratto regionale gestisce il settore informatico di tutte le cinque Centrali 118 di Puglia ( dopo le ore in reperibilità), che può agire in remoto o sul campo. Nelle ore di ufficio dei giorni feriali invece è sempre presente un tecnico informatico. Il numero di telefono per attivare la reperibilità è conosciuto dagli operatori, affisso in Centrale e salvato nella rubrica di ogni postazione informatica. Rappresentante della Direzione Aziendale La Direzione Sanitaria Aziendale ha individuato fra i medici del proprio organico un Referente per la C.O.118. La Direzione aziendale riconosce nel Direttore di struttura complessa il suo rappresentante al fine di istituire, applicare e mantenere il sistema qualità conformemente ai requisiti per l accreditamento professionale ed istituzionale. Egli deve: o assicurare l attuazione e l aggiornamento del Manuale; o diffondere la cultura della qualità all interno della U.O.C o riferire sulle prestazioni del sistema attraverso rapporti sui dati provenienti da misurazioni, controlli, questionari di soddisfazione, azioni correttive e preventive; o proporre azioni di miglioramento.

8 Pag n. 8 di n. Gli Allegati numeri 1, 2 e 3, rispettivamente, riportano l Organigramma dell U.O.C., i nominativi del personale infermieristico, tecnico ed amministrativo e la modalità di riconoscimento dei dipendenti in base alla divisa. Legenda delle Sigle che si utilizzeranno: MAP118 = Manuale per l Accreditamento professionale U.O.C. = Unità Operativa Complessa U.O.S. = Unità Operativa Semplice ReMAP = Referente per il Manuale dell U.O.C. ReAQ = Referente Aziendale Qualità DDS = Direttore Sanitario DG = Direttore Generale

9 Pag n. 9 di n. POLITICA Rev. Data Motivazione della revisione 0 16/02/2014 Prima istituzione Redazione Verifica Approvazione - Direttore Direttore UOC UOC: parte Direttore specifica Medico del - Referente P.O. MAP UOC - Referente Az. Q.A stesura

10 Pag n. 10 di n. INDICE DEL CAPITOLO Scopo e Campo di Applicazione Abbreviazioni Documenti di riferimento Descrizione La Mission Obiettivi generali Processi dell u.o.c. e loro interazione Impegno della Direzione dell U.O.C. L attenzione al cliente Politica per la qualità Documentazione, Registrazioni ed Archiviazioni Verifica

11 Pag n. 11 di n. Scopo e Campo di Applicazione Il capitolo descrive la Politica per l assistenza in qualità che l U.O.C. CO118 attua per il coordinamento delle urgenze-emergenze sul territorio e per la gestione delle maxiemergenze in collaborazione con gli altri Enti Istituzionali. Abbreviazioni ReMAP = Referente di reparto per il Manuale e Rappresentante della Direzione ReAQ = Referente aziendale per la qualità U.O.C = Unità Operativa Complessa U.O.S = Unità Operativa Semplice MAP = Manuale Accreditamento Professionale I.O. = Istruzione Operativa P.S. = Procedura Specifica P.A. = Procedura Aziendale P.G. = Procedura Gestionale Documenti di riferimento I documenti di riferimento comprendono l Atto aziendale, il Piano attuativo aziendale e la normativa regionale e statale specifica ed infine i documenti che fanno parte del presente Manuale che descrivono gli obiettivi e le attività. Gli obiettivi specifici sono riportati nel capitolo 2 Pianificazione. L allegato n. 4 riporta il documento della Politica della struttura L allegato n. 5 riporta il piano delle Attività dell U.O.C.; L allegato n. 8 riporta la Visione per processi ;. L allegato n. 9 riporta gli Obiettivi generali ; Il Modulo MOD n. 03 MAP Piano degli obiettivi e degli indicatori descrive gli obiettivi specifici, le responsabilità nell attuazione degli stessi e la modalità di misurazione e verifica. Il Modulo MOD n. 04 MAP Piano delle Attività riporta il processo primario Coordinamento Urgenze.- Emergenze territoriali indicando la procedura e le istruzioni operative di riferimento, le figure professionali responsabili dell esecuzione e l ambiente in cui si svolge l attività. Riporta infine i processi di supporto includendo le indicazioni aggiuntive sopra dettagliate. L I.O. n. 12 Soddisfazione utente

12 Pag n. 12 di n. Descrizione La Mission dell U.O.C. di CO118 si identifica nel fornire risposte adeguate alle richieste di urgenzaemergenza sanitarie provenienti dal territorio e coordinare il trasporto assistito del cittadino ai presidi ospedalieri più idonei e più vicini per la patologia riscontrata e/o alle strutture sanitarie pertinenti ubicate sul territorio dell ASL o alle medesime strutture regionali. La Centrale partecipa, per gli aspetti sanitari, con le Istituzioni pubbliche (Prefettura, Vigili del fuoco, Forze dell ordine) alla stesura ed aggiornamento dei Piani di Emergenza Provinciali, generici e specifici. L emergenza-urgenza sanitaria è la fase più vulnerabile della vita umana dove il fattore tempo, condizionato dalla professionalità degli operatori e dall intervento immediato sul territorio, modifica la prognosi quoad vitam e valetudinem del cittadino. Per questo motivo l assistenza in urgenza-emergenza ha, come suo obiettivo principale, non solo la sopravvivenza del cittadino, ma una sopravvivenza finalizzata al successivo trasferimento presso la più idonea struttura sanitaria di diagnosi e cura per il prosieguo del trattamento. L esempio più drammatico è l arresto cardio-respiratorio di qualunque natura esso sia che impegna l Operatore di Centrale a far effettuare le manovre di primo soccorso al cittadino presente per guadagnare tempo in attesa dell arrivo dell ambulanza del 118 ( I-P.A. o Istruzioni Pre Arrivo). L obiettivo generale dell U.O.C., pertanto, fa riferimento alla migliore assistenza al paziente critico (triage, istruzioni prearrivo salvavita, invio mezzo di soccorso nel più breve tempo possibile, coordinamento con gli altri Enti Istituzionali, se necessario, e con le strutture sanitarie per individuazione dell ospedale più idoneo e più vicino per la patologia in questione. Ulteriori obiettivi generali sono rappresentati da: sviluppo del Manuale per l accreditamento professionale entro giugno 2014; ulteriore sviluppo del Manuale per l accreditamento istituzionale, entro fine 2014 e divulgazione dello stesso a tutto il personale. L allegato n. 9 riporta gli Obiettivi generali dell U.O.C. Processi dell U.O.C. e loro interazione: le attività svolte dall U.O.C. per svolgere la mission aziendale sono state organizzate in processi principali per la realizzazione dell assistenza e processi di supporto alla realizzazione dell assistenza (dettagliati nell allegato n. 8). I Processi Principali sono organizzati a cascata in base alle fasi di: triage telefonico - accoglienza;

13 Pag n. 13 di n. gestione urgenza-emergenza: raccolta dati, istruzioni pre-arrivo ambulanza ed istruzioni salvavita al parente o cittadino presente, invio, all occorrenza, di altri Enti Istituzionali; gestione ambulanza: allerta ed invio del mezzo di soccorso, informazioni all equipaggio sul luogo evento e sul tipo di patologia; coordinamento struttura ricovero: individuazione della patologia prevalente da parte del medico dell ambulanza, individuazione dell ospedale più vicino e più idoneo per trattare la patologia tale patologia, comunicazione della struttura all equipaggio, allerta del pronto soccorso dell ospedale individuato. I Processi di Supporto, la cui attuazione è indipendente dal variare dell attività produttiva ed il cui output influisce in modo indiretto sul processo primario sono: gestione dei documenti e registrazioni; qualificazione fornitori: gestito a livello aziendale dall U.O.C. Provveditorato Economale; gestione manutenzione; formazione; verifiche ispettive; gestione degli eventi non conformi al protocollo, azioni correttive e preventive. L Azienda affida all esterno o a Società in House in forza di convenzioni alcuni processi tra cui i servizi alberghieri (pulizia, lavanderia, etc) e la manutenzione delle apparecchiature ed impianti. Le Ditte che effettuano le prestazioni sono vincitrici di apposite gare ed hanno stipulato appositi contratti depositati presso le UU.OO.CC. Provveditorato e Affari Generali e Burocratico Legali, nonché presso la Direzione Aziendale o presso l Assessorato alle Politiche della Salute. La manutenzione dell hardware e del software delle postazioni è gestito a livello regionale per tutte le centrali provinciali ed è fornita da ISED SpA; la conduzione giornaliera è affidata al tecnico informatico presente in centrale: in caso di assenza è sostituito dal tecnico della C.O di Fasano ( BR) su indicazione di ISED SpA. Il controllo e la verifica dei requisiti contrattuali, esempio per le pulizie, è svolto dal Coordinatore del personale sanitario o in sua assenza dall infermiere in servizio tramite schede dedicate o attestati di avvenuta svolgimento servizio: la descrizione della modalità operativa è riportata nelle specifiche II.OO.. L U.O.C. ha predisposto degli indicatori e standard per il monitoraggio degli obiettivi: gli allegati indicati nella sezione Documenti di riferimento specificano anche la tempistica ed il responsabile del monitoraggio.

14 Pag n. 14 di n. La modalità con cui i processi sono trasformati in attività lavorativa è descritta nelle Procedura aziendale, Procedure specifiche e Istruzioni operative (cfr. Modulo MOD n.4 Piano delle Attività). Per realizzare i propri prodotti l U.O.C. utilizza le risorse assegnate dalla Direzione aziendale. L Allegato n. 8 Visione per processi illustra i Processi principali e di supporto e le loro interazioni. Impegno della Direzione dell U.O.C.: la Direzione dell U.O.C. persegue il mantenimento ed il miglioramento delle prestazioni descritte nella Mission e nei processi principali attraverso: l impegno a far rispettare i requisiti cogenti applicabili; l analisi delle richieste degli utenti; la periodica valutazione del livello di soddisfazione degli utenti; l elaborazione e la comunicazione al personale della Politica per la Qualità dei relativi obiettivi generali e specifici per il miglioramento continuo; l impegno verso l'ottimizzazione della gestione delle risorse assegnate dalla Direzione aziendale; la formazione del personale interno ed esterno; la sensibilizzazione dei dipendenti verso le esigenze degli utenti; la verifica del buon andamento dei processi con l adozione di appositi indicatori e standard; l effettuazione del riesame periodico delle attività assistenziali, formalizzato nella Relazione semestrale. L attenzione al cliente: il cliente dell U.O.C. CO 118 è il cittadino-utente verso cui è diretta la prestazione sanitaria. Altre parti interessate sono in primo luogo i familiari del cittadino o le persone presenti sul luogo dell incidente, gli equipaggi delle ambulanze, gli Enti Istituzionali, i Pronto Soccorso ospedalieri e quindi il SSR Puglia e il SSN. L attenzione al cliente si attua attraverso un processo di costante verifica del soddisfacimento del cliente, basato sia sull analisi dei reclami e suggerimenti che sulla periodica misurazione del livello di soddisfazione del cliente tramite apposito questionario ed elaborazione dei dati: l I.O. n. 12 Soddisfazione Cliente esplicita la modalità esecutiva usata. I bisogni e le attese dei clienti si riferiscono alle seguenti dimensioni qualitative del servizio: imparzialità, uguaglianza e facilità di accesso ai servizi; accoglienza con chiarezza e completezza delle informazioni ai familiari o agli aventi diritto sui servizi e sulla loro fruizione; efficacia delle prestazioni; appropriatezza dei consumi senza tralasciare l efficacia della prestazione;

15 Pag n. 15 di n. regolarità, puntualità, tempestività, continuità del servizio; umanizzazione del servizio; informazione sanitaria ai familiari o agli aventi diritto, in particolare per la richiesta di consenso informato a trattamenti diagnostici e terapeutici in itinere garanzia e tutela della privacy, servizio reclami Tali aspetti saranno riportati nella Carta dei Servizi dell U.O.C. di CO118 e costituiscono gli impegni nei confronti degli utenti. La Carta dei Servizi dell U.O.C. conterrà anche gli indicatori e gli standard adottati per monitorare e verificare l attività assistenziale. La Carta dei Servizi dell U.O.C. è correlata anche del questionario di soddisfazione degli utenti per la verifica delle prestazioni. Politica per la qualità: la Direzione dell U.O.C. definisce e mantiene aggiornata la Politica la qualità. La Direzione nel definire la Politica: opera in accordo con le linee strategiche della Direzione Aziendale; opera in accordo con la MISSION affidata; esplicita l impegno al soddisfacimento dei requisiti ed al miglioramento continuo dell efficacia delle prestazioni erogate; la concepisce come il quadro di riferimento da cui far derivare e riesaminare gli obiettivi specifici; la condivide e la comunica con tutto il personale; prevede il riesame della Politica e degli obiettivi in occasione dei riesami da parte della Direzione. Il documento di Politica della Struttura è riportato nell allegato n. 4. Documentazione, Registrazioni ed Archiviazioni Le procedure e le istruzioni operative che descrivono la modalità di assistenza in uso, i moduli e gli allegati sopra riportati includono le responsabilità, la modalità di operare e le registrazioni che attestano l esecutività. Verifica La corrispondenza tra la modalità di operare in uso e la descrizione riportata nella documentazione specifica è effettuata da parte del ReMAP e/o del ReAQ nel corso delle verifiche interne sulla documentazione.

16 Pag n. 16 di n. Bari, 16/02 /2014 Oggetto: aggiornamento Manuale per l Accreditamento professionale (MAP): modello lettera conferimento incarico di Referente per il Manuale (ReMAP). Per le attività connesse all aggiornamento del Manuale in oggetto ai requisiti organizzativi ulteriori richiesti dell accreditamento istituzionale la S.V. è designata quale Referente per il Manuale (ReMAP). Ella dovrà: operare in autonomia, riferendo allo scrivente periodicamente sui traguardi raggiunti e sulle eventuali difficoltà operative riscontrate; effettuare le verifiche interne previste e coordinare la misurazione degli indicatori ed analisi dei dati; interfacciarsi con il Referente aziendale per l accreditamento e la qualità al fine di concordare la modalità di aggiornamento del manuale, la modalità di effettuazione degli audit interni e l elaborazione e l analisi dei dati sugli indicatori specifici; individuare gli aggiornamenti per il personale al fine di far conoscere il manuale e curare l applicazione delle procedure ed istruzioni operative individuate. Il Direttore Medico u.o.c. Centrale Operativa 118 Bari Visto per Accettazione:

17 PROCESSI DI SUPPORTO Gestione Documentazione e Registrazioni Qualificazione Fornitori Manutenzione Formazione Verifiche ispettive Gestione non conformità Azioni preventive e correttive CITTADINO: Bisogno sanitario in urgenza-emergenza CITTADINO: Risoluzione della urgenza-emergenza UOC. Centrale Operativa 118 Pag n. 17 di n. VISIONE PER PROCESSI VISIONE PER PROCESSI PROCESSI PRINCIPALI TRIAGE GESTIONE URGENZA-EMERGENZA GESTIONE AMBULANZE COORDINAMENTO STRUTTURA DI RICOVERO

18 Pag n. 18 di n. OBIETTIVI GENERALI: riferimento anno 2013 Obiettivo Tempistica Indicatore Standard Responsabilità Note Assistenza al cittadino con bisogno sanitario urgente Annuale Gli indicatori, gli standard, la modalità di rilevazione e le responsabilità sono indicati nel MOD. 03 Piano degli obiettivi specifici e nel MOD 04 Piano delle attività Sviluppo del Manuale per l accreditamento professionale Mantenimento ed aggiornamento dei requisiti ulteriori per l accreditamento istituzionale Entro il 30/06/2014 Annuale Manuale per Accreditamento professionale e sua divulgazione Manuale per Accreditamento professionale aggiornato ai requisiti per l accreditamento istituzionale 1. presenza Manuale 2. lista distribuzione 3. incontro formativo informativo 1. presenza Manuale 2. numero revisione 3. lista distribuzione 4. rispetto piano audit 5. verifica obiettivi Direttore u.o.c. ReMAP Direttore u.o.c. ReMAP Partecipano alla stesura del Manuale tutto il personale ed il ReAQ. Partecipano alla aggiornamento del Manuale tutto il personale ed il ReAQ.

19 Pag n. 19 di n. RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE SUL SERVIZIO EROGATO Rev. Data Motivazione della revisione 0 16/02/2014 Prima istituzione Redazione Verifica Approvazione - Direttore UOC: parte specifica - Referente MAP u.o.c. - Referente QA: stesura Direttore UOC Direttore Medico del P.O. Direttore Dipartimento DEA

20 Pag n. 20 di n. INDICE DEL CAPITOLO Scopo Campo di applicazione Documenti di riferimento Definizioni e abbreviazioni Responsabilità Modalità esecutive Registrazioni, moduli e archiviazione Verifica

21 Pag n. 21 di n. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Lo scopo dell I.O. è quello di indicare le modalità seguite nell UOC di Centrale operativa 118 di BARI - BAT sia per la rilevazione della soddisfazione del servizio erogato, utilizzando l apposito questionario, sia per l elaborazione statistica dei questionari ai fini della valutazione della qualità e del miglioramento. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO Allegato MAP118 All. n. 13 Questionario di soddisfazione della famiglia dell utente Allegato MAP118 All. n. 14 Elaborazione dati Questionario soddisfazione DEFINIZIONI ED ABBREVIAZIONI: DMPO: Direzione Medica del P.O. U.O.C.: Unità Operativa Complessa ReMAP: referente dell UOC per il Manuale MAP: Manuale per l Accreditamento Professionale. RESPONSABILITA Responsabile dell elaborazione dei dati è il ReMAP. Il personale dell ambulanza è responsabile della distribuzione del questionario ai congiunti del cittadino soccorso ed all occorrenza è incaricato di fornire le spiegazioni sulla compilazione e consegna del questionario. DESCRIZIONE I questionari saranno compilati previa intervista telefonica del Referente per il Manuale dell UOC e/o del tecnico informatico. Il numero minimo di questionari che saranno compilati nell arco dell anno non potranno essere inferiori a 50. Il ReMAP, semestralmente, effettuerà la valutazione dei questionari utilizzando l MAP118 All. n. 14, in tale operazione potrà all occorrenza essere coadiuvato dal Referente aziendale Qualità ed Accreditamento e dal Tecnico informatico.. I dati saranno elaborati con la metodologia indicata nel Capitolo 9 ed utilizzati per la valutazione degli obiettivi specifici, per la formulazione di azioni di miglioramento ed in corso di riesame. Responsabile dell archiviazione dei questionari dopo l elaborazione ed in attesa del riesame o della fine e verifica delle eventuali azioni di miglioramento è il ReMAP. I questionari saranno archiviati sino ad espletamento dello specifico riesame. REGISTRAZIONI, MODULI ed ARCHIVIAZIONE L All. n. 14 è utilizzato per l elaborazione semestrale dei questionari ed è utilizzato come dato di ingresso nel riesame. Il ReMAP è responsabile dell archiviazione dei questionari dopo l elaborazione ed in attesa del riesame o della fine e verifica delle eventuali azioni di miglioramento. VERIFICA Avviene durante gli audit interni.

22 Pag n. 22 di n. Questionario per raccogliere l opinione dei cittadini utenti sulla qualità del Servizio Gentile Signora, Egregio Signore, Stiamo svolgendo uno studio sulla qualità del nostro Servizio; Le sottoponiamo il presente questionario, per conoscere le Sue aspettative e modificare, se necessario, il nostro servizio per riuscire a soddisfare le sue esigenze. Le risposte rimarranno anonime e le saremo grati se vorrà arricchire con tutti i dettagli che ritiene necessari gli aspetti positivi e quelli negativi del Suo rapporto con noi. Grazie per la disponibilità e la cortese attenzione Il Direttore dell U.O.C. Centrale Operativa BARI-BAT. Data di compilazione del questionario: Dati della persona che risponde al questionario: Sesso: Maschio Femmina Età: inferiore a 25 anni Professione: Studente compresa tra 25 e 45 anni tra i 45 e i 60 anni, superiore a 60 anni Pensionato Casalinga.. /.. /.. Operaio Impiegato Libero profess. La mia valutazione sul Servizio Molto Soddisfatto MS Soddisfatto S Abbastanza Soddisfatto AS Poco Soddisfatto PS Per niente Soddisfatto NS 1. Per quanto riguarda la cortesia del personale, mi considero. 2. Per quanto riguarda la disponibilità del personale nel fornire informazioni, mi considero 3. Per quanto riguarda la rapidità di risposta, mi considero.. 4. Per quanto riguarda la chiarezza e completezza della informazioni, penso di essere 5. Per quanto riguarda la chiarezza e la semplicità di linguaggio, mi considero. 6. Per quanto riguarda la velocità nel servire gli utenti, mi considero.. 7. Per quanto riguarda la tempestività di arrivo dell ambulanza, sono.. La mia valutazione su questo questionario Si No Ritiene questo questionario adeguato a riassumere la sua opinione sul servizio Nel caso lei avesse valutato uno o più aspetti carenti sarebbe molto utile avere da lei maggiori dettagli su quanto non è stato soddisfacente; la preghiamo quindi di voler utilizzare lo spazio sottostante per la descrizione: M S S A S P S N S

23 Pag n. 23 di n.

24 Pag n. 24 di n. L'ACCREDITAMENTO (MAP) u.o.c. Centrale Operativa 118 All. n. 14 Rev. 0 Elaborazione Questionario Soddisfazione Questionario per raccogliere l opinione dei cittadini utenti sulla qualità del Servizio Periodo di Osservazione: dal: al: SI NO % SI % NO Numero Questionari Giudizio sul questionario : SESSO Variabile Maschio Valore riscontrato Variabile Femmine Valore riscontrato Variabile Valore riscontrato Variabile Valore riscontrato Variabile Valore riscontrato ETA' < 25 anni tra 25 e 45 tra 45 e 60 > 60 anni Cortesia del personale, mi considero: M olto Soddisfatto Soddisfatto Abbastanza Soddisfatto Poco Soddisfatto Per niente Soddisfatto Disponibilità del personale, mi considero: M olto Soddisfatto Soddisfatto Abbastanza Soddisfatto Poco Soddisfatto Per niente Soddisfatto Facilità accesso servizi sanitari M olto Soddisfatto Soddisfatto Abbastanza Soddisfatto Poco Soddisfatto Per niente Soddisfatto Chiarezza segnaletica interna M olto Soddisfatto Soddisfatto Abbastanza Soddisfatto Poco Soddisfatto Per niente Soddisfatto Completezza delle informazioni M olto Soddisfatto Soddisfatto Abbastanza Soddisfatto Poco Soddisfatto Per niente Soddisfatto Chiarezza e semplicità linguaggio M olto Soddisfatto Soddisfatto Abbastanza Soddisfatto Poco Soddisfatto Per niente Soddisfatto M olto Soddisfatto Chiarezza procedure e modulistica Velocità nel servire gli utenti M olto Soddisfatto Soddisfatto Soddisfatto Abbastanza Soddisfatto Abbastanza Soddisfatto Poco Soddisfatto Poco Soddisfatto Per niente Soddisfatto Per niente Soddisfatto

25 Pag n. 25 di n. CENTRALE OPERATIVA 118 BARI BAT Check - list del MAP anno riferimento 2014 MOD. n MAP 118 rev 0 del 16/05/14 pag n. 1 di 2 PIANO DEGLI OBIETTIVI E DEGLI INDICATORI Rilevazione annuale Rilevazione dal al Numero Descriz. Obiettivo Indicatore Standard Metodo misurazione Valore registrato anno Documento di riferimento 1 Tempo di soccorso sanitario area urbana codice rosso Tempo intercorso tra arrivo della entro 8-10 richiesta di soccorso (primo drin) minuti nel ed arrivo del mezzo sul luogo 75% dei casi dell'evento nel codice rosso in area urbana Software ISED regionale (in caso di tempi prolungati sul software cambia colore l'icona dell'ambulanza) Software ISED 2 Tempo di soccorso sanitario area urbana codice giallo Tempo intercorso tra arrivo della entro 10 richiesta di soccorso (primo drin) minuti nel ed arrivo del mezzo sul luogo 75% dei casi dell'evento nel codice giallo in area urbana Software ISED regionale (in caso di tempi prolungati sul software cambia colore l'icona dell'ambulanza) Software ISED 3 Tempo di soccorso sanitario codice rosso area extraurbana Tempo intercorso tra arrivo della Entro 20 richiesta di soccorso (primo drin) minuti nel ed arrivo del mezzo sul luogo 90% dei casi dell'evento nel codice rosso in area extra-urbana. Software ISED regionale (in caso di tempi prolungati sul software cambia colore l'icona dell'ambulanza) Software ISED 4 Tempo di soccorso sanitario area extraurbana codice giallo Tempo intercorso tra arrivo della Entro 20 richiesta di soccorso (primo drin) minuti nel ed arrivo del mezzo sul luogo 90% dei casi dell'evento nel codice giallo in area extra-urbana Software ISED regionale (in caso di tempi prolungati sul software cambia colore l'icona dell'ambulanza) Software ISED Tempo di soccorso sanitario: arrivo della Tempo intercorso tra arrivo della richiesta di soccorso (primo drin) entro 2-3 minuti nel Software ISED regionale (in caso di tempi prolungati sul

26 Pag n. 26 di n.

27 Pag n. 27 di n. PIANIFICAZIONE Rev. Data Motivazione della revisione 0 16/02/2014 Prima istituzione Redazione Verifica Approvazione - Direttore UOC: parte specifica - Referente MAP dell UOC - Referente QA: stesura Direttore uoc Direttore Medico del P.O.

28 Pag n. 28 di n. INDICE DI CAPITOLO Scopo e Campo di Applicazione Abbreviazioni Documenti di riferimento Descrizione La Pianificazione Responsabilità Organigramma Svolgimento del Servizio o Triage o Gestione emergenza-urgenza o Gestione ambulanza o Coordinamento struttura di ricovero Riesame Documentazione Registrazioni e d archiviazioni Verifica

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013 STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA Aggiornamento dicembre 2013 1 ASPETTI DI SISTEMA 2 PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Guida alle prestazioni ambulatoriali

Guida alle prestazioni ambulatoriali Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a P r e s i d i o O s p e d a l i e r o P AP AR D O Guida alle prestazioni ambulatoriali Gentile Signore/a, l Azienda,

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Pronto Soccorso e Sistema 118

Pronto Soccorso e Sistema 118 PROGETTO PRONTO SOCCORSO E SISTEMA 118 Ministero della Salute Progetto Mattoni SSN Pronto Soccorso e Sistema 118 Ricognizione della normativa, delle esperienze, delle sperimentazioni, relativamente a emergenza

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

Ministero, della Salute

Ministero, della Salute Ministero, della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III MORTE O GRAVE DANNO CONSEGUENTI

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

STUDIO PROFESSIONALE DI FISIOTERAPIA

STUDIO PROFESSIONALE DI FISIOTERAPIA Studio professionale di fisioterapia: Gli Studi Professionali di Fisioterapia sono strutture dove possono essere erogate prestazioni terapeutiche riconducibili al profilo professionale del fisioterapista

Dettagli

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE La sottoscritta Nannini Emanuela nata ad Arezzo il 20.08.1965, consapevole della decadenza dai benefici di cui all art. 75 del DPR 445/2000 e dalle norme penali

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

Carta di servizi per il Protocollo Informatico

Carta di servizi per il Protocollo Informatico Carta di servizi per il Protocollo Informatico Codice progetto: Descrizione: PI-RM3 Implementazione del Protocollo informatico nell'ateneo Roma Tre Indice ARTICOLO 1 - SCOPO DEL CARTA DI SERVIZI...2 ARTICOLO

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Agenzia Sanitaria Regione Emilia-Romagna Sussidi per l autovalutazione e l accreditamento 4 (revisione settembre 2001) LO STANDARD DI PRODOTTO

Agenzia Sanitaria Regione Emilia-Romagna Sussidi per l autovalutazione e l accreditamento 4 (revisione settembre 2001) LO STANDARD DI PRODOTTO LO DI PRODOTTO Le ragioni e lo scopo Il percorso dell accreditamento intende fornire garanzia della qualità dei prodotti che le aziende sanitarie, attraverso elementi di tipo strutturale ed organizzativo,

Dettagli

Indice Indice... 1 Oggetto... 1 Referenti regionali del progetto... 1 Scopo... 2 Il progetto Rete CUP regionale... 2 Premessa... 2 La situazione regionale... 2 Azienda Ospedaliera di Cosenza... 2 ASP di

Dettagli

Migl g i l or o am a e m n e t n o co c n o t n inu n o

Migl g i l or o am a e m n e t n o co c n o t n inu n o Gli Indicatori di Processo Come orientare un azienda al miglioramento continuo Formazione 18 Novembre 2008 UN CIRCOLO VIRTUOSO Miglioramento continuo del sistema di gestione per la qualità Clienti Gestione

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

Carta Servizi. Poliambulatorio Sani.Med. 98 S.r.l. Medicina dello sport Medicina del lavoro 4 revisione- Gennaio 2015.

Carta Servizi. Poliambulatorio Sani.Med. 98 S.r.l. Medicina dello sport Medicina del lavoro 4 revisione- Gennaio 2015. Sani.Med. S.r.l. Via Palombarese km. 19,0 Marcosimone di Guidonia 00010 Roma Carta Servizi Prestazioni di: Fisioterapia Cardiologia Dermatologia Ginecologia Endocrinologia Oculistica Neurologia Reumatologia

Dettagli

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL)

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Guida operativa Ottobre 2003 1 SOMMARIO Presentazione pag. 4 Premessa (da Linee Guida UNI-INAIL) pag. 5 A. Finalità (da

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita 27/07/1957 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO II Fascia AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

Organigramma e funzionigramma Formazione MOD.For0312 Pag. I dì 6. DIREZIONE GENERALE Direttore: dott. Francesco Pintus

Organigramma e funzionigramma Formazione MOD.For0312 Pag. I dì 6. DIREZIONE GENERALE Direttore: dott. Francesco Pintus -ijp ASLLanusei Formazione MOD.For0312 Pag. I dì 6 Organigramma DIREZIONE GENERALE Direttore: dott. Francesco Pintus DIREZIONE SANITARIA Direttore: dott. Maria Valentina Marras DIREZIONE AMMINISTRATIVA

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA 1 SCOPO Lo scopo del presente documento è di descrivere le mansioni e le responsabilità connesse alla gestione delle attività da parte di PHISIOVIT SRL 2 DESCRIZIONE DEL DOCUMENTO PHISIOVIT SRL, per favorire

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA PREMESSA Le attività dell Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Ravenna sono regolate dal DLCPS 233/1946, dal DPR 221/1950 e dalla legge 409/1985

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Anno 2014. Anno 2014 Individuati nel sub obiettivo. Anno 2015. Individuati nel sub obiettivo. Anno 2014 Numero operatori della Struttura partecipanti

Anno 2014. Anno 2014 Individuati nel sub obiettivo. Anno 2015. Individuati nel sub obiettivo. Anno 2014 Numero operatori della Struttura partecipanti A.S.L. TO4 Piano della performance ed obiettivi - S.C. Affari Generali Direttore: Dott.ssa Carla CIAMPORCERO FOR Sviluppare le attività di formazione su appropriatez prescrittiva farmaci e prestazioni

Dettagli

3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA

3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA Regione Siciliana Azienda Ospedaliera 17 3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA 3.3 18 Le attività da svolgere per soddisfare i requisiti relativi alla politica, obiettivi ed attività consistono nella definizione:

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

Breve manuale sulle cautele da adottare nel trattamento di dati personali.

Breve manuale sulle cautele da adottare nel trattamento di dati personali. ALLEGATO D Breve manuale sulle cautele da adottare nel trattamento di dati personali. Alle persone che entrano in contatto con medici e strutture sanitarie per cure, prestazioni mediche, acquisto di medicine,

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose.

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose. RESIDENZA LE ROSE DATI ANAGRAFICI STRUTTURA SCHEDA SERVIZIO Residenza LE ROSE DENOMINAZIONE Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD INDIRIZZO CAP CITTÀ PROVINCIA 0429 644544 TELEFONO info@residenzalerose.net

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale.

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale. Progetto di audit clinico. Migliorare la gestione del paziente con BPCO in. Razionale. Numerose esperienze hanno dimostrato che la gestione del paziente con BPCO è subottimale. La diagnosi spesso non è

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III RAZIONALE Scopo di queste Raccomandazioni

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Linee guida per la classificazione e conduzione degli studi osservazionali sui farmaci IL DIRETTORE GENERALE VISTO il Decreto del Ministero della Salute

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

ALLEGATO D. Roma lì, / / Equitalia S.p.A. il Titolare

ALLEGATO D. Roma lì, / / Equitalia S.p.A. il Titolare 1 Premessa e quadro normativo Il Contratto sottoscritto da Equitalia S.p.A. e ha ad oggetto l affidamento dei servizi di implementazione e manutenzione del nuovo Sistema Informativo Corporate - Sistema

Dettagli

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A.

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. Marra PROGETTO OBIETTIVO MATERNO INFANTILE ( POMI) DM 24 APRILE 2000 TRE

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola.

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014 protocollo elettronico n. CRI/CC/0084024/2014 Oggetto: Ebola. Ai DRAE, loro sedi Ai Presidenti, loro sedi Ai Comitati Regionali, loro sedi All Ispettorato

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

A.R.C.E.A. Agenzia della Regione Calabria per. le Erogazioni in Agricoltura

A.R.C.E.A. Agenzia della Regione Calabria per. le Erogazioni in Agricoltura A.R.C.E.A. Agenzia della Regione Calabria per le Erogazioni in Agricoltura Regolamento per l istituzione di un elenco di operatori economici di fiducia ai sensi dell art. 125, comma 12 del D.lgs. n. 163

Dettagli