MANUALE PER L ACCREDITAMENTO PROFESSIONALE. Organizzazione e qualità assistenziale dell Unità Operativa Complessa Centrale Operativa - 118

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MANUALE PER L ACCREDITAMENTO PROFESSIONALE. Organizzazione e qualità assistenziale dell Unità Operativa Complessa Centrale Operativa - 118"

Transcript

1 Organizzazione e qualità assistenziale dell Unità Operativa Complessa Centrale Operativa - 118

2 Pag n. 2 di n. INDICE Presentazione del Manuale Capitolo 1 Politica Capitolo 2 Pianificazione Capitolo 3 Comunicazione Capitolo 4 Struttura Capitolo 5 Attrezzature Capitolo 6 Formazione Capitolo 7 Sistema Informativo Capitolo 8 Procedure Capitolo 9 Verifica dei risultati Capitolo 10 Miglioramento

3 Pag n. 3 di n. PRESENTAZIONE Rev. Data Motivazione della revisione 0 16/02/2014 Prima istituzione Redazione Verifica Approvazione - Direttore UOC: parte specifica - Referente UOC - Referente QA: stesura Direttore UOC Direttore Medico del Presidio Ospedaliero

4 Pag n. 4 di n. INDICE Presentazione del Manuale Generalità Approvazione ed Emissione Revisione Descrizione dell organizzazione Legenda delle sigle che si utilizzeranno Allegati

5 Pag n. 5 di n. PRESENTAZIONE DEL MANUALE Generalità Il presente MANUALE per l Accreditamento Professionale dell U.O.C. Centrale Operativa-118 (CO118) dell Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico Consorziale G.XXIII di Bari è stato sviluppato in aderenza al modello di Accreditamento previsto dalla Regione Puglia e dalle linee guida della Società Italiana Sistemi 118. Il Manuale descrive il Sistema di Qualità implementato nella CO118. Il Manuale è composto di 11 sezioni: la Presentazione e 10 Capitoli; ogni capitolo è comprensivo in Allegato delle Procedure, delle Istruzioni operative e di tutta la Documentazione utilizzata per le registrazioni e per la descrizione delle attività, degli obiettivi e dell organizzazione specifici. Questo manuale, nasce con l intento di presentare tutte le attività erogate dall U.O.C. per espletare la propria mission e, pertanto, essere il riferimento dell emergenze territoriali e la sede di coordinamento tra i presidi ospedalieri, le strutture sanitarie ubicate sul territorio dell ASL e le medesime strutture regionali per la ricerca dei posti letto. Inoltre coordina, con le Istituzioni pubbliche (Prefettura, Vigili del fuoco, Forze dell ordine) i Piani di Emergenza Provinciali, generici e specifici.. Approvazione ed Emissione Le sezioni di questo Manuale sono state redatte e lette dal Direttore dell U.O.C, e presentate alla verifica del Direttore Medico del P.O. (DMPO). Hanno partecipato attivamente alla progettazione e stesura, oltre a tutto il personale in servizio presso la CO118, il Coordinatore infermieristico, il Referente per il Manuale dell U.O.C. (ReMAP) ed il Referente aziendale per la Qualità ed Accreditamento (ReAQ). Revisione Le sezioni del Manuale saranno aggiornate ad ogni variazione importante del contenuto tecnicoorganizzativo; il numero di revisione e la corrispondente data sono indicati in alto a destra della pagina e riportati nel modulo elenco dei documenti del MAP118. Le sezioni del Manuale sono aggiornate almeno ogni 4 anni. Gli Allegati sono rivisti ad ogni variazione: l aggiornamento (numero revisione e data) è riportato in alto a destra della pagina. Responsabile dell aggiornamento e revisione è il DIRETTORE ed il ReMAP.

6 Pag n. 6 di n. Descrizione dell Organizzazione Questo manuale, nasce con l intento di presentare tutte le attività svolte per far fronte alle richieste di urgenza-emergenza provenienti dal territorio e coordinare il successivo accompagnamento del cittadino ai presidi ospedalieri e le strutture sanitarie pertinente ubicate sul territorio delle due ASL sui cui mezzi di soccorso sovrintende con funzioni di direzione e coordinamento, la Centrale Operativa 118 Bari Soccorso. La Centrale partecipa, coordinando per gli aspetti sanitari, con le Istituzioni pubbliche (Prefettura, Vigili del fuoco, Forze dell ordine) i Piani di Emergenza Provinciali, generici e specifici.. La Centrale Operativa 118 serve un territorio di circa un milione e ottocentomila abitanti e 51 comuni e gestisce circa 195mila telefonate annue con circa 76 mila interventi. Caratteristiche strutturali: l U.O.C. CO118 è una struttura ubicata al primo piano del Padiglione ex Pronto Soccorso. È dotata di un area dedicata di circa 50 mq con 6 ( sei) postazioni informaticotelefoniche h 24 ed ha piani di emergenza riservati ma a disposizione del personale di turno. La struttura è costituita dai seguenti ambienti, oltre all area dedicata alle postazioni informaticotelefoniche: Direzione; Segreteria; Tecnico informatico Stanza Coordinatore infermieristico; Stanza Medici; Spogliatoio Donne Spogliatoio Uomini Sala relax/tisaneria Sala riunioni; Deposito;

7 Pag n. 7 di n. -Direttore; l U.O.C. è diretta dal Dott. Gaetano Dipietro, STAFF MEDICO Composto da: Sei Medici di Centrale con in aggiunta un settimo medico dipendente funzionalmente dal Pronto Soccorso PERSONALE INFERMIERISTICO E TECNICO-AMMINISTRATIVO Il personale infermieristico è coordinato dal Dott in Scienze infermieristiche Cesare Calamita e comprende n.30 Infermieri. Il Personale tecnico-amministrativo comprende un Tecnico informatico, un ausiliario e due amministrativi. La manutenzione dell hardware e software è assicurata dall dalla Ditta ISED SpA, che con Contratto regionale gestisce il settore informatico di tutte le cinque Centrali 118 di Puglia ( dopo le ore in reperibilità), che può agire in remoto o sul campo. Nelle ore di ufficio dei giorni feriali invece è sempre presente un tecnico informatico. Il numero di telefono per attivare la reperibilità è conosciuto dagli operatori, affisso in Centrale e salvato nella rubrica di ogni postazione informatica. Rappresentante della Direzione Aziendale La Direzione Sanitaria Aziendale ha individuato fra i medici del proprio organico un Referente per la C.O.118. La Direzione aziendale riconosce nel Direttore di struttura complessa il suo rappresentante al fine di istituire, applicare e mantenere il sistema qualità conformemente ai requisiti per l accreditamento professionale ed istituzionale. Egli deve: o assicurare l attuazione e l aggiornamento del Manuale; o diffondere la cultura della qualità all interno della U.O.C o riferire sulle prestazioni del sistema attraverso rapporti sui dati provenienti da misurazioni, controlli, questionari di soddisfazione, azioni correttive e preventive; o proporre azioni di miglioramento.

8 Pag n. 8 di n. Gli Allegati numeri 1, 2 e 3, rispettivamente, riportano l Organigramma dell U.O.C., i nominativi del personale infermieristico, tecnico ed amministrativo e la modalità di riconoscimento dei dipendenti in base alla divisa. Legenda delle Sigle che si utilizzeranno: MAP118 = Manuale per l Accreditamento professionale U.O.C. = Unità Operativa Complessa U.O.S. = Unità Operativa Semplice ReMAP = Referente per il Manuale dell U.O.C. ReAQ = Referente Aziendale Qualità DDS = Direttore Sanitario DG = Direttore Generale

9 Pag n. 9 di n. POLITICA Rev. Data Motivazione della revisione 0 16/02/2014 Prima istituzione Redazione Verifica Approvazione - Direttore Direttore UOC UOC: parte Direttore specifica Medico del - Referente P.O. MAP UOC - Referente Az. Q.A stesura

10 Pag n. 10 di n. INDICE DEL CAPITOLO Scopo e Campo di Applicazione Abbreviazioni Documenti di riferimento Descrizione La Mission Obiettivi generali Processi dell u.o.c. e loro interazione Impegno della Direzione dell U.O.C. L attenzione al cliente Politica per la qualità Documentazione, Registrazioni ed Archiviazioni Verifica

11 Pag n. 11 di n. Scopo e Campo di Applicazione Il capitolo descrive la Politica per l assistenza in qualità che l U.O.C. CO118 attua per il coordinamento delle urgenze-emergenze sul territorio e per la gestione delle maxiemergenze in collaborazione con gli altri Enti Istituzionali. Abbreviazioni ReMAP = Referente di reparto per il Manuale e Rappresentante della Direzione ReAQ = Referente aziendale per la qualità U.O.C = Unità Operativa Complessa U.O.S = Unità Operativa Semplice MAP = Manuale Accreditamento Professionale I.O. = Istruzione Operativa P.S. = Procedura Specifica P.A. = Procedura Aziendale P.G. = Procedura Gestionale Documenti di riferimento I documenti di riferimento comprendono l Atto aziendale, il Piano attuativo aziendale e la normativa regionale e statale specifica ed infine i documenti che fanno parte del presente Manuale che descrivono gli obiettivi e le attività. Gli obiettivi specifici sono riportati nel capitolo 2 Pianificazione. L allegato n. 4 riporta il documento della Politica della struttura L allegato n. 5 riporta il piano delle Attività dell U.O.C.; L allegato n. 8 riporta la Visione per processi ;. L allegato n. 9 riporta gli Obiettivi generali ; Il Modulo MOD n. 03 MAP Piano degli obiettivi e degli indicatori descrive gli obiettivi specifici, le responsabilità nell attuazione degli stessi e la modalità di misurazione e verifica. Il Modulo MOD n. 04 MAP Piano delle Attività riporta il processo primario Coordinamento Urgenze.- Emergenze territoriali indicando la procedura e le istruzioni operative di riferimento, le figure professionali responsabili dell esecuzione e l ambiente in cui si svolge l attività. Riporta infine i processi di supporto includendo le indicazioni aggiuntive sopra dettagliate. L I.O. n. 12 Soddisfazione utente

12 Pag n. 12 di n. Descrizione La Mission dell U.O.C. di CO118 si identifica nel fornire risposte adeguate alle richieste di urgenzaemergenza sanitarie provenienti dal territorio e coordinare il trasporto assistito del cittadino ai presidi ospedalieri più idonei e più vicini per la patologia riscontrata e/o alle strutture sanitarie pertinenti ubicate sul territorio dell ASL o alle medesime strutture regionali. La Centrale partecipa, per gli aspetti sanitari, con le Istituzioni pubbliche (Prefettura, Vigili del fuoco, Forze dell ordine) alla stesura ed aggiornamento dei Piani di Emergenza Provinciali, generici e specifici. L emergenza-urgenza sanitaria è la fase più vulnerabile della vita umana dove il fattore tempo, condizionato dalla professionalità degli operatori e dall intervento immediato sul territorio, modifica la prognosi quoad vitam e valetudinem del cittadino. Per questo motivo l assistenza in urgenza-emergenza ha, come suo obiettivo principale, non solo la sopravvivenza del cittadino, ma una sopravvivenza finalizzata al successivo trasferimento presso la più idonea struttura sanitaria di diagnosi e cura per il prosieguo del trattamento. L esempio più drammatico è l arresto cardio-respiratorio di qualunque natura esso sia che impegna l Operatore di Centrale a far effettuare le manovre di primo soccorso al cittadino presente per guadagnare tempo in attesa dell arrivo dell ambulanza del 118 ( I-P.A. o Istruzioni Pre Arrivo). L obiettivo generale dell U.O.C., pertanto, fa riferimento alla migliore assistenza al paziente critico (triage, istruzioni prearrivo salvavita, invio mezzo di soccorso nel più breve tempo possibile, coordinamento con gli altri Enti Istituzionali, se necessario, e con le strutture sanitarie per individuazione dell ospedale più idoneo e più vicino per la patologia in questione. Ulteriori obiettivi generali sono rappresentati da: sviluppo del Manuale per l accreditamento professionale entro giugno 2014; ulteriore sviluppo del Manuale per l accreditamento istituzionale, entro fine 2014 e divulgazione dello stesso a tutto il personale. L allegato n. 9 riporta gli Obiettivi generali dell U.O.C. Processi dell U.O.C. e loro interazione: le attività svolte dall U.O.C. per svolgere la mission aziendale sono state organizzate in processi principali per la realizzazione dell assistenza e processi di supporto alla realizzazione dell assistenza (dettagliati nell allegato n. 8). I Processi Principali sono organizzati a cascata in base alle fasi di: triage telefonico - accoglienza;

13 Pag n. 13 di n. gestione urgenza-emergenza: raccolta dati, istruzioni pre-arrivo ambulanza ed istruzioni salvavita al parente o cittadino presente, invio, all occorrenza, di altri Enti Istituzionali; gestione ambulanza: allerta ed invio del mezzo di soccorso, informazioni all equipaggio sul luogo evento e sul tipo di patologia; coordinamento struttura ricovero: individuazione della patologia prevalente da parte del medico dell ambulanza, individuazione dell ospedale più vicino e più idoneo per trattare la patologia tale patologia, comunicazione della struttura all equipaggio, allerta del pronto soccorso dell ospedale individuato. I Processi di Supporto, la cui attuazione è indipendente dal variare dell attività produttiva ed il cui output influisce in modo indiretto sul processo primario sono: gestione dei documenti e registrazioni; qualificazione fornitori: gestito a livello aziendale dall U.O.C. Provveditorato Economale; gestione manutenzione; formazione; verifiche ispettive; gestione degli eventi non conformi al protocollo, azioni correttive e preventive. L Azienda affida all esterno o a Società in House in forza di convenzioni alcuni processi tra cui i servizi alberghieri (pulizia, lavanderia, etc) e la manutenzione delle apparecchiature ed impianti. Le Ditte che effettuano le prestazioni sono vincitrici di apposite gare ed hanno stipulato appositi contratti depositati presso le UU.OO.CC. Provveditorato e Affari Generali e Burocratico Legali, nonché presso la Direzione Aziendale o presso l Assessorato alle Politiche della Salute. La manutenzione dell hardware e del software delle postazioni è gestito a livello regionale per tutte le centrali provinciali ed è fornita da ISED SpA; la conduzione giornaliera è affidata al tecnico informatico presente in centrale: in caso di assenza è sostituito dal tecnico della C.O di Fasano ( BR) su indicazione di ISED SpA. Il controllo e la verifica dei requisiti contrattuali, esempio per le pulizie, è svolto dal Coordinatore del personale sanitario o in sua assenza dall infermiere in servizio tramite schede dedicate o attestati di avvenuta svolgimento servizio: la descrizione della modalità operativa è riportata nelle specifiche II.OO.. L U.O.C. ha predisposto degli indicatori e standard per il monitoraggio degli obiettivi: gli allegati indicati nella sezione Documenti di riferimento specificano anche la tempistica ed il responsabile del monitoraggio.

14 Pag n. 14 di n. La modalità con cui i processi sono trasformati in attività lavorativa è descritta nelle Procedura aziendale, Procedure specifiche e Istruzioni operative (cfr. Modulo MOD n.4 Piano delle Attività). Per realizzare i propri prodotti l U.O.C. utilizza le risorse assegnate dalla Direzione aziendale. L Allegato n. 8 Visione per processi illustra i Processi principali e di supporto e le loro interazioni. Impegno della Direzione dell U.O.C.: la Direzione dell U.O.C. persegue il mantenimento ed il miglioramento delle prestazioni descritte nella Mission e nei processi principali attraverso: l impegno a far rispettare i requisiti cogenti applicabili; l analisi delle richieste degli utenti; la periodica valutazione del livello di soddisfazione degli utenti; l elaborazione e la comunicazione al personale della Politica per la Qualità dei relativi obiettivi generali e specifici per il miglioramento continuo; l impegno verso l'ottimizzazione della gestione delle risorse assegnate dalla Direzione aziendale; la formazione del personale interno ed esterno; la sensibilizzazione dei dipendenti verso le esigenze degli utenti; la verifica del buon andamento dei processi con l adozione di appositi indicatori e standard; l effettuazione del riesame periodico delle attività assistenziali, formalizzato nella Relazione semestrale. L attenzione al cliente: il cliente dell U.O.C. CO 118 è il cittadino-utente verso cui è diretta la prestazione sanitaria. Altre parti interessate sono in primo luogo i familiari del cittadino o le persone presenti sul luogo dell incidente, gli equipaggi delle ambulanze, gli Enti Istituzionali, i Pronto Soccorso ospedalieri e quindi il SSR Puglia e il SSN. L attenzione al cliente si attua attraverso un processo di costante verifica del soddisfacimento del cliente, basato sia sull analisi dei reclami e suggerimenti che sulla periodica misurazione del livello di soddisfazione del cliente tramite apposito questionario ed elaborazione dei dati: l I.O. n. 12 Soddisfazione Cliente esplicita la modalità esecutiva usata. I bisogni e le attese dei clienti si riferiscono alle seguenti dimensioni qualitative del servizio: imparzialità, uguaglianza e facilità di accesso ai servizi; accoglienza con chiarezza e completezza delle informazioni ai familiari o agli aventi diritto sui servizi e sulla loro fruizione; efficacia delle prestazioni; appropriatezza dei consumi senza tralasciare l efficacia della prestazione;

15 Pag n. 15 di n. regolarità, puntualità, tempestività, continuità del servizio; umanizzazione del servizio; informazione sanitaria ai familiari o agli aventi diritto, in particolare per la richiesta di consenso informato a trattamenti diagnostici e terapeutici in itinere garanzia e tutela della privacy, servizio reclami Tali aspetti saranno riportati nella Carta dei Servizi dell U.O.C. di CO118 e costituiscono gli impegni nei confronti degli utenti. La Carta dei Servizi dell U.O.C. conterrà anche gli indicatori e gli standard adottati per monitorare e verificare l attività assistenziale. La Carta dei Servizi dell U.O.C. è correlata anche del questionario di soddisfazione degli utenti per la verifica delle prestazioni. Politica per la qualità: la Direzione dell U.O.C. definisce e mantiene aggiornata la Politica la qualità. La Direzione nel definire la Politica: opera in accordo con le linee strategiche della Direzione Aziendale; opera in accordo con la MISSION affidata; esplicita l impegno al soddisfacimento dei requisiti ed al miglioramento continuo dell efficacia delle prestazioni erogate; la concepisce come il quadro di riferimento da cui far derivare e riesaminare gli obiettivi specifici; la condivide e la comunica con tutto il personale; prevede il riesame della Politica e degli obiettivi in occasione dei riesami da parte della Direzione. Il documento di Politica della Struttura è riportato nell allegato n. 4. Documentazione, Registrazioni ed Archiviazioni Le procedure e le istruzioni operative che descrivono la modalità di assistenza in uso, i moduli e gli allegati sopra riportati includono le responsabilità, la modalità di operare e le registrazioni che attestano l esecutività. Verifica La corrispondenza tra la modalità di operare in uso e la descrizione riportata nella documentazione specifica è effettuata da parte del ReMAP e/o del ReAQ nel corso delle verifiche interne sulla documentazione.

16 Pag n. 16 di n. Bari, 16/02 /2014 Oggetto: aggiornamento Manuale per l Accreditamento professionale (MAP): modello lettera conferimento incarico di Referente per il Manuale (ReMAP). Per le attività connesse all aggiornamento del Manuale in oggetto ai requisiti organizzativi ulteriori richiesti dell accreditamento istituzionale la S.V. è designata quale Referente per il Manuale (ReMAP). Ella dovrà: operare in autonomia, riferendo allo scrivente periodicamente sui traguardi raggiunti e sulle eventuali difficoltà operative riscontrate; effettuare le verifiche interne previste e coordinare la misurazione degli indicatori ed analisi dei dati; interfacciarsi con il Referente aziendale per l accreditamento e la qualità al fine di concordare la modalità di aggiornamento del manuale, la modalità di effettuazione degli audit interni e l elaborazione e l analisi dei dati sugli indicatori specifici; individuare gli aggiornamenti per il personale al fine di far conoscere il manuale e curare l applicazione delle procedure ed istruzioni operative individuate. Il Direttore Medico u.o.c. Centrale Operativa 118 Bari Visto per Accettazione:

17 PROCESSI DI SUPPORTO Gestione Documentazione e Registrazioni Qualificazione Fornitori Manutenzione Formazione Verifiche ispettive Gestione non conformità Azioni preventive e correttive CITTADINO: Bisogno sanitario in urgenza-emergenza CITTADINO: Risoluzione della urgenza-emergenza UOC. Centrale Operativa 118 Pag n. 17 di n. VISIONE PER PROCESSI VISIONE PER PROCESSI PROCESSI PRINCIPALI TRIAGE GESTIONE URGENZA-EMERGENZA GESTIONE AMBULANZE COORDINAMENTO STRUTTURA DI RICOVERO

18 Pag n. 18 di n. OBIETTIVI GENERALI: riferimento anno 2013 Obiettivo Tempistica Indicatore Standard Responsabilità Note Assistenza al cittadino con bisogno sanitario urgente Annuale Gli indicatori, gli standard, la modalità di rilevazione e le responsabilità sono indicati nel MOD. 03 Piano degli obiettivi specifici e nel MOD 04 Piano delle attività Sviluppo del Manuale per l accreditamento professionale Mantenimento ed aggiornamento dei requisiti ulteriori per l accreditamento istituzionale Entro il 30/06/2014 Annuale Manuale per Accreditamento professionale e sua divulgazione Manuale per Accreditamento professionale aggiornato ai requisiti per l accreditamento istituzionale 1. presenza Manuale 2. lista distribuzione 3. incontro formativo informativo 1. presenza Manuale 2. numero revisione 3. lista distribuzione 4. rispetto piano audit 5. verifica obiettivi Direttore u.o.c. ReMAP Direttore u.o.c. ReMAP Partecipano alla stesura del Manuale tutto il personale ed il ReAQ. Partecipano alla aggiornamento del Manuale tutto il personale ed il ReAQ.

19 Pag n. 19 di n. RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE SUL SERVIZIO EROGATO Rev. Data Motivazione della revisione 0 16/02/2014 Prima istituzione Redazione Verifica Approvazione - Direttore UOC: parte specifica - Referente MAP u.o.c. - Referente QA: stesura Direttore UOC Direttore Medico del P.O. Direttore Dipartimento DEA

20 Pag n. 20 di n. INDICE DEL CAPITOLO Scopo Campo di applicazione Documenti di riferimento Definizioni e abbreviazioni Responsabilità Modalità esecutive Registrazioni, moduli e archiviazione Verifica

21 Pag n. 21 di n. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Lo scopo dell I.O. è quello di indicare le modalità seguite nell UOC di Centrale operativa 118 di BARI - BAT sia per la rilevazione della soddisfazione del servizio erogato, utilizzando l apposito questionario, sia per l elaborazione statistica dei questionari ai fini della valutazione della qualità e del miglioramento. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO Allegato MAP118 All. n. 13 Questionario di soddisfazione della famiglia dell utente Allegato MAP118 All. n. 14 Elaborazione dati Questionario soddisfazione DEFINIZIONI ED ABBREVIAZIONI: DMPO: Direzione Medica del P.O. U.O.C.: Unità Operativa Complessa ReMAP: referente dell UOC per il Manuale MAP: Manuale per l Accreditamento Professionale. RESPONSABILITA Responsabile dell elaborazione dei dati è il ReMAP. Il personale dell ambulanza è responsabile della distribuzione del questionario ai congiunti del cittadino soccorso ed all occorrenza è incaricato di fornire le spiegazioni sulla compilazione e consegna del questionario. DESCRIZIONE I questionari saranno compilati previa intervista telefonica del Referente per il Manuale dell UOC e/o del tecnico informatico. Il numero minimo di questionari che saranno compilati nell arco dell anno non potranno essere inferiori a 50. Il ReMAP, semestralmente, effettuerà la valutazione dei questionari utilizzando l MAP118 All. n. 14, in tale operazione potrà all occorrenza essere coadiuvato dal Referente aziendale Qualità ed Accreditamento e dal Tecnico informatico.. I dati saranno elaborati con la metodologia indicata nel Capitolo 9 ed utilizzati per la valutazione degli obiettivi specifici, per la formulazione di azioni di miglioramento ed in corso di riesame. Responsabile dell archiviazione dei questionari dopo l elaborazione ed in attesa del riesame o della fine e verifica delle eventuali azioni di miglioramento è il ReMAP. I questionari saranno archiviati sino ad espletamento dello specifico riesame. REGISTRAZIONI, MODULI ed ARCHIVIAZIONE L All. n. 14 è utilizzato per l elaborazione semestrale dei questionari ed è utilizzato come dato di ingresso nel riesame. Il ReMAP è responsabile dell archiviazione dei questionari dopo l elaborazione ed in attesa del riesame o della fine e verifica delle eventuali azioni di miglioramento. VERIFICA Avviene durante gli audit interni.

22 Pag n. 22 di n. Questionario per raccogliere l opinione dei cittadini utenti sulla qualità del Servizio Gentile Signora, Egregio Signore, Stiamo svolgendo uno studio sulla qualità del nostro Servizio; Le sottoponiamo il presente questionario, per conoscere le Sue aspettative e modificare, se necessario, il nostro servizio per riuscire a soddisfare le sue esigenze. Le risposte rimarranno anonime e le saremo grati se vorrà arricchire con tutti i dettagli che ritiene necessari gli aspetti positivi e quelli negativi del Suo rapporto con noi. Grazie per la disponibilità e la cortese attenzione Il Direttore dell U.O.C. Centrale Operativa BARI-BAT. Data di compilazione del questionario: Dati della persona che risponde al questionario: Sesso: Maschio Femmina Età: inferiore a 25 anni Professione: Studente compresa tra 25 e 45 anni tra i 45 e i 60 anni, superiore a 60 anni Pensionato Casalinga.. /.. /.. Operaio Impiegato Libero profess. La mia valutazione sul Servizio Molto Soddisfatto MS Soddisfatto S Abbastanza Soddisfatto AS Poco Soddisfatto PS Per niente Soddisfatto NS 1. Per quanto riguarda la cortesia del personale, mi considero. 2. Per quanto riguarda la disponibilità del personale nel fornire informazioni, mi considero 3. Per quanto riguarda la rapidità di risposta, mi considero.. 4. Per quanto riguarda la chiarezza e completezza della informazioni, penso di essere 5. Per quanto riguarda la chiarezza e la semplicità di linguaggio, mi considero. 6. Per quanto riguarda la velocità nel servire gli utenti, mi considero.. 7. Per quanto riguarda la tempestività di arrivo dell ambulanza, sono.. La mia valutazione su questo questionario Si No Ritiene questo questionario adeguato a riassumere la sua opinione sul servizio Nel caso lei avesse valutato uno o più aspetti carenti sarebbe molto utile avere da lei maggiori dettagli su quanto non è stato soddisfacente; la preghiamo quindi di voler utilizzare lo spazio sottostante per la descrizione: M S S A S P S N S

23 Pag n. 23 di n.

24 Pag n. 24 di n. L'ACCREDITAMENTO (MAP) u.o.c. Centrale Operativa 118 All. n. 14 Rev. 0 Elaborazione Questionario Soddisfazione Questionario per raccogliere l opinione dei cittadini utenti sulla qualità del Servizio Periodo di Osservazione: dal: al: SI NO % SI % NO Numero Questionari Giudizio sul questionario : SESSO Variabile Maschio Valore riscontrato Variabile Femmine Valore riscontrato Variabile Valore riscontrato Variabile Valore riscontrato Variabile Valore riscontrato ETA' < 25 anni tra 25 e 45 tra 45 e 60 > 60 anni Cortesia del personale, mi considero: M olto Soddisfatto Soddisfatto Abbastanza Soddisfatto Poco Soddisfatto Per niente Soddisfatto Disponibilità del personale, mi considero: M olto Soddisfatto Soddisfatto Abbastanza Soddisfatto Poco Soddisfatto Per niente Soddisfatto Facilità accesso servizi sanitari M olto Soddisfatto Soddisfatto Abbastanza Soddisfatto Poco Soddisfatto Per niente Soddisfatto Chiarezza segnaletica interna M olto Soddisfatto Soddisfatto Abbastanza Soddisfatto Poco Soddisfatto Per niente Soddisfatto Completezza delle informazioni M olto Soddisfatto Soddisfatto Abbastanza Soddisfatto Poco Soddisfatto Per niente Soddisfatto Chiarezza e semplicità linguaggio M olto Soddisfatto Soddisfatto Abbastanza Soddisfatto Poco Soddisfatto Per niente Soddisfatto M olto Soddisfatto Chiarezza procedure e modulistica Velocità nel servire gli utenti M olto Soddisfatto Soddisfatto Soddisfatto Abbastanza Soddisfatto Abbastanza Soddisfatto Poco Soddisfatto Poco Soddisfatto Per niente Soddisfatto Per niente Soddisfatto

25 Pag n. 25 di n. CENTRALE OPERATIVA 118 BARI BAT Check - list del MAP anno riferimento 2014 MOD. n MAP 118 rev 0 del 16/05/14 pag n. 1 di 2 PIANO DEGLI OBIETTIVI E DEGLI INDICATORI Rilevazione annuale Rilevazione dal al Numero Descriz. Obiettivo Indicatore Standard Metodo misurazione Valore registrato anno Documento di riferimento 1 Tempo di soccorso sanitario area urbana codice rosso Tempo intercorso tra arrivo della entro 8-10 richiesta di soccorso (primo drin) minuti nel ed arrivo del mezzo sul luogo 75% dei casi dell'evento nel codice rosso in area urbana Software ISED regionale (in caso di tempi prolungati sul software cambia colore l'icona dell'ambulanza) Software ISED 2 Tempo di soccorso sanitario area urbana codice giallo Tempo intercorso tra arrivo della entro 10 richiesta di soccorso (primo drin) minuti nel ed arrivo del mezzo sul luogo 75% dei casi dell'evento nel codice giallo in area urbana Software ISED regionale (in caso di tempi prolungati sul software cambia colore l'icona dell'ambulanza) Software ISED 3 Tempo di soccorso sanitario codice rosso area extraurbana Tempo intercorso tra arrivo della Entro 20 richiesta di soccorso (primo drin) minuti nel ed arrivo del mezzo sul luogo 90% dei casi dell'evento nel codice rosso in area extra-urbana. Software ISED regionale (in caso di tempi prolungati sul software cambia colore l'icona dell'ambulanza) Software ISED 4 Tempo di soccorso sanitario area extraurbana codice giallo Tempo intercorso tra arrivo della Entro 20 richiesta di soccorso (primo drin) minuti nel ed arrivo del mezzo sul luogo 90% dei casi dell'evento nel codice giallo in area extra-urbana Software ISED regionale (in caso di tempi prolungati sul software cambia colore l'icona dell'ambulanza) Software ISED Tempo di soccorso sanitario: arrivo della Tempo intercorso tra arrivo della richiesta di soccorso (primo drin) entro 2-3 minuti nel Software ISED regionale (in caso di tempi prolungati sul

26 Pag n. 26 di n.

27 Pag n. 27 di n. PIANIFICAZIONE Rev. Data Motivazione della revisione 0 16/02/2014 Prima istituzione Redazione Verifica Approvazione - Direttore UOC: parte specifica - Referente MAP dell UOC - Referente QA: stesura Direttore uoc Direttore Medico del P.O.

28 Pag n. 28 di n. INDICE DI CAPITOLO Scopo e Campo di Applicazione Abbreviazioni Documenti di riferimento Descrizione La Pianificazione Responsabilità Organigramma Svolgimento del Servizio o Triage o Gestione emergenza-urgenza o Gestione ambulanza o Coordinamento struttura di ricovero Riesame Documentazione Registrazioni e d archiviazioni Verifica

AVAP FORMIGINE - CORPO VOLONTARI PRONTO SOCCRSO CARTA DEI SERVIZI Pag. 1 di 2

AVAP FORMIGINE - CORPO VOLONTARI PRONTO SOCCRSO CARTA DEI SERVIZI Pag. 1 di 2 AVAP FORMIGINE - CORPO VOLONTARI PRONTO SOCCRSO CARTA DEI SERVIZI Pag. 1 di 2 SOMMARIO Pag. 3 PRESENTAZIONE Pag. 4 Parte I: PRESENTAZIONE DELL'ASSOCIAZIONE Pag. 5 Parte II: LE NOSTRE ATTIVITÀ Pag. 7 Parte

Dettagli

Dipartimento di Emergenza Urgenza GUIDA AI SERVIZI

Dipartimento di Emergenza Urgenza GUIDA AI SERVIZI Dipartimento di Emergenza Urgenza ON-LINE www.usl3.toscana.it SISTEMA CARTA DEI SERVIZI Gentile Signore, Gentile Signora, Il Dipartimento di Emergenza Urgenza della USL3 di Pistoia considera la Guida ai

Dettagli

THIRD TELEMEDICINE WORKSHOP LA TELEMEDICINA NEL SISTEMA DELL EMERGENZA TERRITORIALE. Dottor Mario Costa

THIRD TELEMEDICINE WORKSHOP LA TELEMEDICINA NEL SISTEMA DELL EMERGENZA TERRITORIALE. Dottor Mario Costa THIRD TELEMEDICINE WORKSHOP LA TELEMEDICINA COME NUOVA RISORSA NELLE CURE PRIMARIE LA TELEMEDICINA NEL SISTEMA DELL EMERGENZA TERRITORIALE Dottor Mario Costa Presidente Società Italiana Sistema 118 Vice

Dettagli

REGIONE LAZIO. Accreditamento dei servizi domiciliari a favore delle persone con AIDS. Esperienza del Lazio. LA STORIA

REGIONE LAZIO. Accreditamento dei servizi domiciliari a favore delle persone con AIDS. Esperienza del Lazio. LA STORIA Accreditamento dei servizi domiciliari a favore delle persone con AIDS. Esperienza del Lazio. LA STORIA Con la deliberazione della Giunta regionale n. 7549 dell 8.9.1992 si definisce il primo piano per

Dettagli

Linee Guida. Organizzazione Area Pronto Soccorso. 4.3 Tipologie di consulenze e servizi diagnostico/terapeutici disponibili/presenti nell'azienda

Linee Guida. Organizzazione Area Pronto Soccorso. 4.3 Tipologie di consulenze e servizi diagnostico/terapeutici disponibili/presenti nell'azienda REV. 0 Pag. 1 / 8 INDICE 1. Scopo e Campo di applicazione 2. Funzionigramma e Responsabilità 3. Destinatari 4. Definizioni e Tipologie delle attività 4.1 Definizione ed obiettivi dell 4.2 Tipologie di

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA DELL EMERGENZA/URGENZA. Dott. Mirio Camuzzi

ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA DELL EMERGENZA/URGENZA. Dott. Mirio Camuzzi ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA DELL EMERGENZA/URGENZA Dott. Mirio Camuzzi L area relativa alla emergenza/urgenza rappresenta uno dei nodi più critici della programmazione sanitaria e si propone come una delle

Dettagli

REGOLAMENTO dei DIPARTIMENTI dell AZIENDA OSPEDALIERA della PROVINCIA di LODI

REGOLAMENTO dei DIPARTIMENTI dell AZIENDA OSPEDALIERA della PROVINCIA di LODI REGOLAMENTO dei DIPARTIMENTI dell AZIENDA OSPEDALIERA della PROVINCIA di LODI GENERALITA I Dipartimenti costituiscono una modalità di organizzazione di più strutture complesse e semplici di particolare

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 1. REQUISITI GENERALI...2

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 1. REQUISITI GENERALI...2 Pagina 1 di 10 INDICE 1. REQUISITI GENERALI...2 2. REQUISITI RELATIVI ALLA DOCUMENTAZIONE...4 2.1. QUALITÀ...4 2.2. TENUTA SOTTO CONTROLLO DEI DOCUMENTI...5 2.3. TENUTA SOTTO CONTROLLO DELLE REGISTRAZIONI...9

Dettagli

AZIENDA USL 1 DI MASSA E CARRARA

AZIENDA USL 1 DI MASSA E CARRARA REV 00 Del Pagina 1 di INDICE 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. AVVIO DELLE PROCEDURE DI EMERGENZA ALL INTERNO DELL ISTITUTO 4. ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO DI EMERGENZA TERRITORIALE 5. RICEZIONE AL PRONTO

Dettagli

Federazione Italiana di Medicina di Emergenza Urgenza e Catastrofi SIMEU. SIMEUP. CoMES. SMI. SNAMI-ES. SPES. CIMO-ASMD. ANAAO

Federazione Italiana di Medicina di Emergenza Urgenza e Catastrofi SIMEU. SIMEUP. CoMES. SMI. SNAMI-ES. SPES. CIMO-ASMD. ANAAO Federazione Italiana di Medicina di Emergenza Urgenza e Catastrofi SIMEU. SIMEUP. CoMES. SMI. SNAMI-ES. SPES. CIMO-ASMD. ANAAO MANIFESTO FIMEUC 2014-2016 SISTEMA EMERGENZA-URGENZA: ANALISI CRITICA E PROPOSTE

Dettagli

Il Sistema di Emergenza-Urgenza si pone come obiettivo principale quello di assicurare un'assistenza tempestiva ed efficace nelle emergenze-urgenze,

Il Sistema di Emergenza-Urgenza si pone come obiettivo principale quello di assicurare un'assistenza tempestiva ed efficace nelle emergenze-urgenze, CENTRALE OPERATIVA 118 Il Sistema di Emergenza-Urgenza si pone come obiettivo principale quello di assicurare un'assistenza tempestiva ed efficace nelle emergenze-urgenze, dal territorio sino alla definitiva

Dettagli

PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE

PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE AREA POLITICHE PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE DELLE PERSONE E DELLE PARI OPPORTUNITÀ PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE Codice CIFRA: AOS/DEL/2015/ OGGETTO: Rete dell Emergenza- Urgenza della

Dettagli

Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO INTERNO

Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO INTERNO Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO INTERNO Approvato dal CONSIGLIO DIRETTIVO nella seduta del 3 marzo 2009,

Dettagli

ACCREDITAMENTO ISTITUZIONALE I LIVELLO

ACCREDITAMENTO ISTITUZIONALE I LIVELLO DIPARTIMENTO SALUTE, SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE, SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA Ufficio Questioni Giuridico Amministrative Settori Sociosanitario e Sanitario, Politiche del Personale in Convenzione

Dettagli

FONDAZIONE. Bartolomea Spada Schilpario Valle di Scalve O.N.L.U.S. RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI

FONDAZIONE. Bartolomea Spada Schilpario Valle di Scalve O.N.L.U.S. RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI per servizio di ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA REVISIONI N. Descrizione Data 0 Redazione documento 20 giugno 2012 1 Pagina 6, modifica prima riga 15

Dettagli

Analisi dei dati del programma svolto. Progetto formativo

Analisi dei dati del programma svolto. Progetto formativo Pag. 1 /15 7. Realizzazione del prodotto Le descrizioni ed i requisisti contenuti nella presente sezione fanno riferimento ai processi di pianificazione, progettazione ed erogazione degli interventi formativi.

Dettagli

ISTITUTO GIANNINA GASLINI DEA - PRONTO SOCCORSO

ISTITUTO GIANNINA GASLINI DEA - PRONTO SOCCORSO ISTITUTO GIANNINA GASLINI DEA - PRONTO SOCCORSO DIRETTORE Prof. Pasquale Di Pietro Ospedale Accreditato Joint Commission International PREMESSA I dati nazionali e internazionali disponibili dimostrano

Dettagli

JOB DESCRIPTION Personale Infermieristico Centrale Operativa SUES 118 Messina

JOB DESCRIPTION Personale Infermieristico Centrale Operativa SUES 118 Messina SUES 118 C.O. Messina Regione Sicilia Azienda Ospedaliera Papardo - Piemonte Rev. 00 del 29/01/2013 JOB DESCRIPTION Personale Infermieristico Centrale Operativa SUES 118 Messina Redazione Coordinatore

Dettagli

Piano per l organizzazione regionale della risposta alle emergenze infettive

Piano per l organizzazione regionale della risposta alle emergenze infettive ALLEGATO 1 Direzione Sanità Assessorato alla Tutela della Salute e Sanità Piano per l organizzazione regionale della risposta alle emergenze infettive INDICE INTRODUZIONE...3 REQUISITI E STRUTTURA DEL

Dettagli

Manuale di gestione della Qualità

Manuale di gestione della Qualità SOMMARIO 4.1. Requisiti generali 4.2. Requisiti relativi alla documentazione 4.2.2. Manuale per la gestione della qualità 4.2.3. Tenuta sotto controllo dei documenti 4.2.4. Tenuta sotto controllo delle

Dettagli

DOCUMENTO ORGANIZZATIVO e dei PROCESSI del SERVIZIO INFERMIERISTICO CTO

DOCUMENTO ORGANIZZATIVO e dei PROCESSI del SERVIZIO INFERMIERISTICO CTO e dei PROCESSI del SERVIZIO Rev. 1 Pag. 1 di 6 1 Mission e Vision Il presente documento ha lo scopo di definire la struttura organizzativa, funzioni e responsabilità del Servizio Infermieristico del Presidio

Dettagli

Sistema di Gestione Sicurezza e Salute sul Lavoro. Manuale del Sistema

Sistema di Gestione Sicurezza e Salute sul Lavoro. Manuale del Sistema Acquedotto Langhe e Alpi Cuneesi SpA Sede legale in Cuneo, Corso Nizza 9 acquedotto.langhe@acquambiente.it www.acquambiente.it SGSL Manuale del SGSL M Rev 01 del 10/06/2013 Sistema di Gestione Sicurezza

Dettagli

CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA

CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA ALLEGATO II.1 INTRODUZIONE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA La presente Carta della Qualità dell offerta formativa ha la finalità di descrivere gli impegni che la Scuola di Formazione Snc assume

Dettagli

Sistema di gestione UNI EN ISO 9001. C.so Garibaldi, n. 56-00195 Roma (RM) Tel. 0612345678 - Fax. 061234567 DEMO PROCEDURE WINPLE

Sistema di gestione UNI EN ISO 9001. C.so Garibaldi, n. 56-00195 Roma (RM) Tel. 0612345678 - Fax. 061234567 DEMO PROCEDURE WINPLE Sistema di gestione UNI EN ISO 9001 MANUALE DI QUALITÀ INTRODUZIONE MAN-00 Organizzazione AZIENDA s.p.a. C.so Garibaldi, n. 56-00195 Roma (RM) Tel. 0612345678 - Fax. 061234567 Web : www.nomeazienda.it

Dettagli

GESTIONE COMUNICAZIONE E RELAZIONI CON IL PUBBLICO

GESTIONE COMUNICAZIONE E RELAZIONI CON IL PUBBLICO rev. 03 Data: 04-12-2012 pag. 1 11 SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE... 2 1.1. SCOPO DELLA PROCEDURA GESTIONALE... 2 1.2. OBIETTIVI E STANDARD DEL PROCESSO... 2 1.3. RESPONSABILITÀ E RISORSE COINVOLTE... 2 2.

Dettagli

SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA 118

SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA 118 SCHEDA SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA 118 SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA Questo sistema è detto Sistema di EMERGENZA URGENZA e fa capo al numero UNICO 118. Il 118 è un numero telefonico attivo 24 ore su

Dettagli

Il Sistema di Emergenza-Urgenza si pone come obiettivo principale quello di assicurare un'assistenza tempestiva ed efficace nelle emergenze-urgenze,

Il Sistema di Emergenza-Urgenza si pone come obiettivo principale quello di assicurare un'assistenza tempestiva ed efficace nelle emergenze-urgenze, 5.b Sistema dell Emergenza Territoriale Centrale Operativa 118 Modena Soccorso Il Sistema di Emergenza-Urgenza si pone come obiettivo principale quello di assicurare un'assistenza tempestiva ed efficace

Dettagli

TRASFERIMENTI INTEROSPEDALIERI

TRASFERIMENTI INTEROSPEDALIERI TRASFERIMENTI INTEROSPEDALIERI L attuale organizzazione del Sistema 1-1-8 della Regione Toscana ha evidenziato, fra l altro, una rilevante criticità in merito alla problematica riguardante i Trasporti

Dettagli

In breve gli OBIETTIVI GENERALI del progetto LA SOLIDARIETA' SI TINGE DI VIOLA sono:

In breve gli OBIETTIVI GENERALI del progetto LA SOLIDARIETA' SI TINGE DI VIOLA sono: CARATTERISTICHE PROGETTO Titolo del progetto: LA SOLIDARIETA' SI TINGE DI VIOLA 2014 Settore di intervento del progetto: a) Tutela dei diritti sociali e di cittadinanza delle persone, anche mediante la

Dettagli

USO DEL TELEFONO CELLULARE IN DOTAZIONE AI MEZZI DI SOCCORSO REDAZIONE, RESPONSABILE I.O., VERIFICA, APPROVAZIONE

USO DEL TELEFONO CELLULARE IN DOTAZIONE AI MEZZI DI SOCCORSO REDAZIONE, RESPONSABILE I.O., VERIFICA, APPROVAZIONE REDAZIONE, RESPONSABILE I.O., VERIFICA, APPROVAZIONE REDAZIONE Francesco Piemontese Coordinatore C.O. Teresa Di Bennardo Infermiera C.O. Bernardini Giulio Infermiere C.O. RESPONSABILE Piemontese Francesco

Dettagli

URGENZA-EMERGENZA. Clinical Competence

URGENZA-EMERGENZA. Clinical Competence PREMESSA L accreditamento delle nuove Strutture Sanitarie destinate all attività di: Pronto Soccorso, Osservazione Breve Intensiva, Terapia Semintensiva Terapia Intensiva e Rianimazione prevede il mantenimento

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

DALLERA BIGLIERI RECUPERI SRL

DALLERA BIGLIERI RECUPERI SRL Edizione nr. 02 Revisione nr. 01 Data: 26 / 08 / 2010 DALLERA BIGLIERI SRL MANUALE SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO PER LA QUALITÀ E L AMBIENTE DISTRIBUZIONE REDATTO IN CONFORMITÀ ALLE NORME UNI EN ISO 9001:2008

Dettagli

MANIFESTO FIMEUC 2014-16

MANIFESTO FIMEUC 2014-16 Federazione Italiana di Medicina di Emergenza-Urgenza e Catastrofi SIMEU. SIMEUP. CoMES. SMI. SNAMI-ES. SPES. CIMO-ASMD. ANAAO MANIFESTO FIMEUC 2014-16 SISTEMA EMERGENZA URGENZA: ANALISI CRITICITA E PROPOSTE

Dettagli

ALLEGATO GS1 LISTA DI CONTROLLO PER LA VALUTAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SICUREZZA

ALLEGATO GS1 LISTA DI CONTROLLO PER LA VALUTAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SICUREZZA Pag. 1 di 13 01 Emissione in allegato a procedura verifica GS 4 Maggio 2014 00 Prima emissione Luglio 2013 Revisione Motivo Data Nota: Lo sviluppo e l implementazione dell organizzazione e gestione della

Dettagli

Questionario per la rilevazionedel grado di soddisfazione degli utenti

Questionario per la rilevazionedel grado di soddisfazione degli utenti Questionario per la rilevazionedel grado di soddisfazione degli utenti Gentile Signora, gentile Signore, La nostra Azienda sta conducendo un indagine tra i pazienti ricoverati per valutare la qualità dei

Dettagli

REGOLAMENTO DEL POLICLINICO UNIVERSITARIO CAMPUS BIO-MEDICO

REGOLAMENTO DEL POLICLINICO UNIVERSITARIO CAMPUS BIO-MEDICO REGOLAMENTO DEL POLICLINICO UNIVERSITARIO CAMPUS BIO-MEDICO Roma, 20 gennaio 2011 Articolo 1: Caratteristiche Generali 1. Il Policlinico Universitario Campus Bio-Medico (di seguito Policlinico Universitario)

Dettagli

EMISSIONE PREPARATA VERIFICATA APPROVATA. Afd Moreno Saccon Coordinatore Infermieristico Direzione Medica. Copia in distribuzione controllata

EMISSIONE PREPARATA VERIFICATA APPROVATA. Afd Moreno Saccon Coordinatore Infermieristico Direzione Medica. Copia in distribuzione controllata Pag 1 di 6 TRASPORTO DEL PAZIENTE per l esecuzione di esami / visite specialistiche / trasferimenti / esami radiologici all interno. EMISSIONE PREPARATA VERIFICATA APPROVATA FUNZIONE Afd Paolo Scattolin

Dettagli

PO XX. Procedura Operativa Ospedaliera GESTIONE DELLE AGENDE DI PRENOTAZIONE RICOVERI. Documento:PO/XX. Pagina 1 di 11 17/01/2008

PO XX. Procedura Operativa Ospedaliera GESTIONE DELLE AGENDE DI PRENOTAZIONE RICOVERI. Documento:PO/XX. Pagina 1 di 11 17/01/2008 Documento: Pagina 1 di 11 PO XX Procedura Operativa Ospedaliera GESTIONE DELLE AGENDE DI PRENOTAZIONE RICOVERI EMESSA DA DATA REDATTA DA VERIFICATA DA REVISIONE PARAGRAFO n PAGINA n MOTIVO DIREZIONE PILI

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Dipartimento di Emergenza ed Accettazione come previsto

Dettagli

SUPPORTO AD AZIONI di MIGLIORAMENTO DEL SISTEMA di GESTIONE QUALITA di SERT, STRUTTURE ACCREDITATE DIPENDENZE O PSICHIATRIA ADULTI

SUPPORTO AD AZIONI di MIGLIORAMENTO DEL SISTEMA di GESTIONE QUALITA di SERT, STRUTTURE ACCREDITATE DIPENDENZE O PSICHIATRIA ADULTI SUPPORTO AD AZIONI di MIGLIORAMENTO DEL SISTEMA di GESTIONE QUALITA di SERT, STRUTTURE ACCREDITATE DIPENDENZE O PSICHIATRIA ADULTI Bologna marzo - aprile 2009 Dr. Giovanni Sessa La verifica dei risultati

Dettagli

Sommario Carta dei Servizi Umbra Salus srl 1. Mission... 2 2. Vision e obiettivi... 2 3. Presentazione della Struttura... 2

Sommario Carta dei Servizi Umbra Salus srl 1. Mission... 2 2. Vision e obiettivi... 2 3. Presentazione della Struttura... 2 Pag. 1 di 7 Sommario Umbra Salus srl 1. Mission... 2 2. Vision e obiettivi... 2 3. Presentazione della Struttura... 2 3.1 I servizi offerti... 2 3.2 Come arrivare a Umbra Salus srl... 3 3.3 Orari di apertura...

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

CHECK LIST ANALISI INIZIALE ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

CHECK LIST ANALISI INIZIALE ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO CHECK LIST ANALISI INIZIALE ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO QUESITO RISCONTRO* Documentazione di P N NA riscontro 1. ANALISI INIZIALE Il DVR /autocertificazione e gli allegati

Dettagli

54 15-2-2008 - GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA - PARTE I n. 8

54 15-2-2008 - GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA - PARTE I n. 8 54 15-2-2008 - GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA - PARTE I n. 8 Elementi misurabili di ACC.2 1) L organizzazione dispone di un piano scritto di risposta e spiegamento dei mezzi che comprende l

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. BS OHSAS 18001 (ed. 2007) 1/10 progetto Tecnico OHSAS 18001

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. BS OHSAS 18001 (ed. 2007) 1/10 progetto Tecnico OHSAS 18001 PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA BS OHSAS 18001 (ed. 2007) Rev. 0 del 13/01/09 1/10 progetto Tecnico OHSAS 18001 Premessa La norma OHSAS 18001 rappresenta uno

Dettagli

Accordo Integrativo Aziendale di Emergenza Sanitaria Territoriale

Accordo Integrativo Aziendale di Emergenza Sanitaria Territoriale Accordo Integrativo Aziendale di Emergenza Sanitaria Territoriale Area contrattuale: Tipo documento: Data: MEDICI DI EMERGENZA SANITARIA TERRITORIALE ACCORDO AZIENDALE Descrizione: Accordo Aziendale Medici

Dettagli

CARTA DEL SERVIZIO EDUCATIVO DOMICILIARE PER PERSONE DIVERSAMENTE ABILI. approvata con deliberazione della giunta comunale n.43 del 09/05/2013.

CARTA DEL SERVIZIO EDUCATIVO DOMICILIARE PER PERSONE DIVERSAMENTE ABILI. approvata con deliberazione della giunta comunale n.43 del 09/05/2013. C O M U N E D I B U S S E R O PROVINCIA DI MILANO PIAZZA DIRITTI DEI BAMBINI, 1 C.A.P. 20060 - TEL. 02/953331 - FAX. 02/9533337 Codice Fiscale e Partita IVA 03063770154 www.comune.bussero.mi.it e-mail:

Dettagli

Check Up del Pronto Soccorso

Check Up del Pronto Soccorso Check Up del Pronto Soccorso INDICE 1. Premessa... 3 2. Obiettivo... 4 3. Metodologia di intervento... 5 3.1 I principali contenuti del Check Up... 6 3.2 Joint Commission International... 10 4. Output

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI 2014

CARTA DEI SERVIZI 2014 CARTA DEI SERVIZI 2014 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA INDICE: PREMESSA 2 METODOLOGIA DI LAVORO 2 ARTICOLAZIONE DELLE RESPONSABILITA 3 IL PERCORSO DI CURA 3 COME OTTENERE LE CURE DOMICILIARI 3 I PRINCIPI

Dettagli

Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza. Ospedale Civile S. Bortolo

Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza. Ospedale Civile S. Bortolo VICENZA Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza Ospedale Civile S. Bortolo Dipartimento AREA MEDICA 1^ Direttore Dr. Giorgio Vescovo MEDICINA INTERNA PER INTENSITA DI CURE LA MEDICINA INTERNA OGGI. COMPLESSA..

Dettagli

Gestione del personale (Processo di Supporto)

Gestione del personale (Processo di Supporto) Istituto Tecnico Industriale Statale Galileo Galilei Gestione del personale (Processo di Supporto) Codice PQ 040 Modalità di distribuzione Copia non controllata Copia controllata numero consegnata a in

Dettagli

RISPOSTA TELEFONICA, LINGUAGGIO RADIO E RELATIVI PROTOCOLLI DI COMUNICAZIONE

RISPOSTA TELEFONICA, LINGUAGGIO RADIO E RELATIVI PROTOCOLLI DI COMUNICAZIONE RISPOSTA TELEFONICA, LINGUAGGIO RADIO E RELATIVI PROTOCOLLI DI COMUNICAZIONE RISPOSTA TELEFONICA, LINGUAGGIO RADIO E RELATIVI PROTOCOLLI DI COMUNICAZIONE Obiettivi Formativi: 1) Decodificare e formulare

Dettagli

AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66

AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66 AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66 UO RISK MANAGEMENT PROCEDURA PER LA CORRETTA IDENTIFICAZIONE DEL PAZIENTE NEI PRESIDI OSPEDALIERI DELLA

Dettagli

IL SERVIZIO TRASPORTO: ORGANIZZAZIONE E GESTIONE ; GESTIONE DELLA CHIAMATA; COMPILAZIONE DELLA MODULISTICA.

IL SERVIZIO TRASPORTO: ORGANIZZAZIONE E GESTIONE ; GESTIONE DELLA CHIAMATA; COMPILAZIONE DELLA MODULISTICA. IL SERVIZIO TRASPORTO: ORGANIZZAZIONE E GESTIONE ; GESTIONE DELLA CHIAMATA; COMPILAZIONE DELLA MODULISTICA. OBIETTIVI CONOSCERE: L ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO SANITARIO ED IL TRASPORTO INFERMI; RUOLO DELLA

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI LUCCA REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con Delibera del Commissario Straordinario ai sensi dell art. 42 e 141 del D.lgs 267/00 n 33 del 06/03/2007 TITOLO

Dettagli

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO Rev. 01 del 21.10.2014 1. Presentazione del libretto informativo Dal 1999 ci occupiamo di assistenza domiciliare ed il nostro intento è stato

Dettagli

Ospedale Niguarda Ca Granda Milano

Ospedale Niguarda Ca Granda Milano SPECIFICHE DEL SERVIZIO FORNITO CENTRO ANTI VELENI C. A. V. Ospedale Niguarda Ca Granda Milano DOC.VP01 SPECIFICHE DEL SERVIZIO Rev. 1del 10.12. 2004 Pag. 1 / 7 INDICE CENTRO ANTIVELENI (C.A) - MILANO

Dettagli

Manuale del Sistema di Gestione Integrato per la Qualità e l Ambiente INDICE

Manuale del Sistema di Gestione Integrato per la Qualità e l Ambiente INDICE Pag. 1 di 5 RESPONSABILITÀ DELLA DIREZIONE INDICE 1. Scopo... 2 2. Principi guida... 2 3. Politica per la qualità e l Ambiente... 2 4. Pianificazione... 2 5. Responsabilità, autorità e comunicazione...

Dettagli

Relazione d Audit/ Assessment

Relazione d Audit/ Assessment Associazione Svizzera per Sistemi di Qualità e di Management (SQS) B e r n s t r a s s e 1 0 3 C a s e l l a p o s t a l e 6 8 6 C H - 3 0 5 2 Z o l l i k o f e n T e l. + 4 1 3 1 9 1 0 3 5 3 5 F a x.

Dettagli

Carta del Servizio Residenza Sanitaria Assistenziale per disabili psico-fisici Villa Bellini

Carta del Servizio Residenza Sanitaria Assistenziale per disabili psico-fisici Villa Bellini Carta del Servizio Residenza Sanitaria Assistenziale per disabili psico-fisici Villa Bellini Residenza Sanitaria Assistenziale per disabili Via Flavia 60131 Ancona Tel. & fax. 071 2905118 e-mail: villabellini@strutture.cooss.it

Dettagli

Un esempio di manuale operativo: la gestione della norma ISO 14001 nel settore delle tipografie

Un esempio di manuale operativo: la gestione della norma ISO 14001 nel settore delle tipografie 2 Un esempio di manuale operativo: la gestione della norma ISO 14001 nel settore delle tipografie L esempio di manuale operativo che qui si propone analizza il caso dell azienda tipografica (attività di

Dettagli

Scheda di progetto P16-03.40

Scheda di progetto P16-03.40 Ricerca di soggetti disponibili a supportare attività aziendali mediante contratti di sponsorizzazione o liberalità Bando di riferimento: P16 deliberazione n. 1350 del 03/10/2013 Tipologia di riferimento:

Dettagli

Area Funzionale Chirurgica del P.O. di Pescia GUIDA AI SERVIZI

Area Funzionale Chirurgica del P.O. di Pescia GUIDA AI SERVIZI Area Funzionale Chirurgica del Presidio Ospedaliero S.S. Cosma e Damiano di Pescia ON-LINE www.usl3.toscana.it SISTEMA CARTA DEI SERVIZI Gentile Signore, Gentile Signora, l Area Funzionale Chirurgica dell

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL REGOLAMENTO DI STRUTTURA SOCIO-SANITARIA PER PERSONE ANZIANE NON AUTOSUFFICIENTI

LINEE GUIDA PER IL REGOLAMENTO DI STRUTTURA SOCIO-SANITARIA PER PERSONE ANZIANE NON AUTOSUFFICIENTI LINEE GUIDA PER IL REGOLAMENTO DI STRUTTURA SOCIO-SANITARIA PER PERSONE ANZIANE NON AUTOSUFFICIENTI Il Regolamento di struttura, redatto in coerenza con le linee guida di cui al presente provvedimento,

Dettagli

Allegato esplicativo del Progetto di qualificazione e riorganizzazione dell attività Ospedaliera e Territoriale della Montagna Pistoiese

Allegato esplicativo del Progetto di qualificazione e riorganizzazione dell attività Ospedaliera e Territoriale della Montagna Pistoiese Allegato esplicativo del Progetto di qualificazione e riorganizzazione dell attività Ospedaliera e Territoriale della Montagna Pistoiese Descrizione specifica delle attività e della collocazione del 1

Dettagli

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Allegato A) MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Attività di ospedalizzazione presso il domicilio Si definisce attività di ospedalizzazione

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE PER LA QUALITA'

MANUALE DI GESTIONE PER LA QUALITA' Edizione 2 MANUALE DELLA QUALITA Copertina rev. 2 Settembre 03 Pagina 1/1 PROVINCIA DI PADOVA SETTORE SISTEMI INFORMATIVI Piazza Antenore 3 35121 Padova MANUALE DI GESTIONE PER LA QUALITA' Copia controllata

Dettagli

MANUALE DELSISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE

MANUALE DELSISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE Osservatorio per il Settore Chimico Ministero dell Industria del Commercio e dell Artigianato MANUALE DELSISTEMA DI Responsabile: Aggiornamento: 2 di 49 NOME AZIENDA Manuale del sistema di Gestione Ambientale

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO TORTONA A FUNZIONIGRAMMA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SUI LUOGHI DI LAVORO (D.Lgs. 81/2008)

ISTITUTO COMPRENSIVO TORTONA A FUNZIONIGRAMMA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SUI LUOGHI DI LAVORO (D.Lgs. 81/2008) ISTITUTO COMPRENSIVO TORTONA A FUNZIONIGRAMMA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SUI LUOGHI DI LAVORO (D.Lgs. 81/2008) Ruoli Identità Funzioni Datore di lavoro (DdL) Dirigente scolastico Cfr. art.18

Dettagli

Accreditamento. Accreditamento delle strutture Soccorso e trasporto infermi

Accreditamento. Accreditamento delle strutture Soccorso e trasporto infermi Accreditamento Accreditamento delle strutture Soccorso e trasporto infermi Riferimenti legislativi Regione Emilia-Romagna Delibera Giunta n. 44 del 26.01.2009 Requisiti per l accreditamenti Determinazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Dipartimento di Chirurgia come previsto dall art. 8.3 dell Atto

Dettagli

Dr.Piergiorgio Trevisan

Dr.Piergiorgio Trevisan LE CURE PRIMARIE Le AFT: stato dell arte del progressivo inserimento dei MMG e dei MCA nella struttura distrettuale per un distretto casa dei Medici di Assistenza Primaria Dr.Piergiorgio Trevisan L Azienda

Dettagli

Centro di FisioKinesiterapia CARTA DEI SERVIZI. Aggiornato al 01.05.12

Centro di FisioKinesiterapia CARTA DEI SERVIZI. Aggiornato al 01.05.12 Centro di FisioKinesiterapia CARTA DEI SERVIZI Aggiornato al 01.05.12 Gentile Ospite, abbiamo il piacere di presentarle la nostra Carta dei Servizi. Questo strumento ci consente di migliorare la qualità

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati

Concorso Premiamo i risultati Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE dell Azienda Sanitaria Locale della provincia di Cremona - 1 - PREMESSA Il documento

Dettagli

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale PREMESSA Il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche

Dettagli

CAPITOLO 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE

CAPITOLO 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE CAPITOLO 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 1.1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE DEL MANUALE 1.2.1. GENERALITA SUL MANUALE 1.2. 2 GENERALI TA SULL ISTITUTO 1.2.3 LE ATTIVITA DIDATTICHE E I PROCESSI INTERNI Pagina

Dettagli

CARTA DELLA QUALITA DELL OFFERTA FORMATIVA

CARTA DELLA QUALITA DELL OFFERTA FORMATIVA CARTA DELLA QUALITA DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE Premessa 1. Livello strategico 1.1 Politica della qualità 2. Livello organizzativo 2.1 Servizi formativi offerti 3. Livello operativo - Fattori di qualità

Dettagli

Guida all'accesso ai servizi

Guida all'accesso ai servizi Residenza Sanitaria Assistenziale /Residenza Protetta G. Borea e Z. Massa Sanremo CARTA DEI SERVIZI Guida all'accesso ai servizi Periodo di riferimento 2012/2013 1 SOMMARIO INTRODUZIONE. 1.COS E LA RESIDENZA

Dettagli

Figure di Presidio Richieste dall All.II.2: Responsabile Unità Operativa Sede Principale del Sistema di gestione della Qualità Aziendale

Figure di Presidio Richieste dall All.II.2: Responsabile Unità Operativa Sede Principale del Sistema di gestione della Qualità Aziendale Allocazione delle Attività dei responsabili posti a presidio dei processi Aziendali e delle sedi operative di Roma e Cassino, secondo quanto richiesto dalla DGR 968/07 e dall All.II.2, all interno del

Dettagli

7 2005 7/20467 2002-2004 LA GIUNTA REGIONALE

7 2005 7/20467 2002-2004 LA GIUNTA REGIONALE D.g.r. 7 febbraio 2005 n. 7/20467 Progetto quadro per la sperimentazione di un modello organizzativo-gestionale per i Gruppi di Cure Primarie (GCP) in associazionismo evoluto ed integralo in attuazione

Dettagli

Ospedale San Paolo Via Genova 30, 17100 Savona Tel. 019/810158 Fax 019/814473 e-mail: 118.sv@asl2.liguria.it Sito: www.asl2.liguria.

Ospedale San Paolo Via Genova 30, 17100 Savona Tel. 019/810158 Fax 019/814473 e-mail: 118.sv@asl2.liguria.it Sito: www.asl2.liguria. Dipartimento di Emergenza Levante Direttore: Dott. Paolo Bellotti Direttore: Dott. Salvatore Esposito Savona marzo 2009 Tel. 019/810158 Fax 019/814473 e-mail: 118.sv@asl2.liguria.it Sito: www.asl2.liguria.it

Dettagli

Programma Interventi Innovativi

Programma Interventi Innovativi Ambulatorio Infermieristico della Fragilità Saranno disponibili, all interno della UCCP, degli infermieri della Fragilità che opereranno sul territorio (sono gli infermieri già impegnati ad affiancare

Dettagli

Breve guida alla conoscenza dei principi del Sistema Gestione Qualità e della norma UNI EN ISO 9001:2008

Breve guida alla conoscenza dei principi del Sistema Gestione Qualità e della norma UNI EN ISO 9001:2008 ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE+ J. NIZZOLA TREZZO SULL ADDA Breve guida alla conoscenza dei principi del Sistema Gestione Qualità e della norma UNI EN ISO 9001:2008 REDAZIONE VERIFICA APPROVAZIONE EMISSIONE

Dettagli

Legnago (VR) Concorso Aziendale Qualità 2008

Legnago (VR) Concorso Aziendale Qualità 2008 REGIONE VENETO Legnago (VR) Concorso Aziendale Qualità 2008 TITOLO DEL PROGETTO Elaborazione di un protocollo condiviso di gestione dei pazienti esterni con dolore toracico in regime di consulenza cardiologica

Dettagli

LA NORMA UNI EN ISO 9001: 2000 E LA CERTIFICAZIONE. C-La Norma UNI EN ISO 9001: 2000 e la certificazione 1

LA NORMA UNI EN ISO 9001: 2000 E LA CERTIFICAZIONE. C-La Norma UNI EN ISO 9001: 2000 e la certificazione 1 LA NORMA UNI EN ISO 9001: 2000 E LA CERTIFICAZIONE C-La Norma UNI EN ISO 9001: 2000 e la certificazione 1 LE NORME SERIE ISO 9000 Guidare e condurre con successo un'organizzazione richiede che questa sia

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 3 - PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO DELLA RETE PEDIATRICA REGIONALE Art. 20 - Art. 21 - Art. 22 - Art. 23 - Art. 24 - Art. 25 - Verso

Dettagli

FORMAPI S.r.l. CARTA DI QUALITA DELL OFFERTA FORMATIVA. Rev 0 del 21/10/2011 Firma

FORMAPI S.r.l. CARTA DI QUALITA DELL OFFERTA FORMATIVA. Rev 0 del 21/10/2011 Firma FORMAPI S.r.l. CARTA DI QUALITA DELL OFFERTA FORMATIVA Rev 0 del 21/10/2011 Firma PREMESSA FORMAPI S.r.l. è l Ente di formazione della Confimi Impresa Abruzzo (Confederazione dell Industria Manifatturiera

Dettagli

PROGRAMMA FORMATIVO 2015

PROGRAMMA FORMATIVO 2015 PROGRAMMA FORMATIVO 2015 SEGRETERIA ORGANIZZATIVA U.O. POLITICHE PER IL PERSONALE E FORMAZIONE COMUNICAZIONE - URP e-mail: ecm@ospedaliriunitipalermo.it urp@ospedaliriunitipalermo.it P.O. VILLA SOFIA Tel.

Dettagli

La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie

La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO Comando Provinciale di Lecco La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie Lecco, 16 Settembre 2015 La rete ospedaliera, nuovi modelli organizzativi

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Triennio 2015/2017 Ai sensi del D. Lgs. n. 33/2013 Rev. 0 del 19 marzo 2015 Regione Calabria INDICE DEI CONTENUTI PREMESSA 1. PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Distretto come previsto dall art. 8.3 dell Atto di indirizzo per l adozione dell

Dettagli

PROGRAMMA FORMATIVO 2016

PROGRAMMA FORMATIVO 2016 PROGRAMMA FORMATIVO 2016 SEGRETERIA ORGANIZZATIVA U.O. POLITICHE PER IL PERSONALE E FORMAZIONE COMUNICAZIONE - URP e-mail: ecm@ospedaliriunitipalermo.it urp@ospedaliriunitipalermo.it U.O. POLITICHE PER

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE, AVVIO E GESTIONE DELLE ATTIVITÀ RESE DA ARPA PIEMONTE A TITOLO ONEROSO INDICE

REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE, AVVIO E GESTIONE DELLE ATTIVITÀ RESE DA ARPA PIEMONTE A TITOLO ONEROSO INDICE REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE, AVVIO E GESTIONE DELLE ATTIVITÀ RESE DA ARPA PIEMONTE A TITOLO ONEROSO INDICE Art. 1 - Premessa...2 Titolo I - DISPOSIZIONI GENERALI...2 Art. 2 - Oggetto e ambito

Dettagli

Relazione d Audit/ Assessment

Relazione d Audit/ Assessment Associazione Svizzera per Sistemi di Qualità e di Management (SQS) S Q S I t a l i a n B r a n c h P i a z z a l e B i a n c a m a n o, 2 I T - 2 0 1 2 1 M i l a n o ( M I ) CODICE FISC.: 97571990155 PARTITA

Dettagli

STANDARD di QUALITA dei SERVIZI EROGATI

STANDARD di QUALITA dei SERVIZI EROGATI STANDARD di QUALITA dei SERVIZI EROGATI Il D.Lgs n. 33 del 14 marzo 2013, che disciplina il dettato in materia di pubblicità, trasparenza e diffusione delle informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni,

Dettagli

N. Revisione Data Descrizione della modifica

N. Revisione Data Descrizione della modifica 1.Introduzione... 2 2.Presentazione della società... 2 3.Struttura della carta dei servizi... 3 4.Principi fondamentali... 4 4.1.Principi generali di riferimento... 4 4.2.Diritti e doveri dell utente...

Dettagli

Carta dei Servizi. Medicina di Gruppo. Studio di Medicina Generale di Gruppo in Busto Arsizio

Carta dei Servizi. Medicina di Gruppo. Studio di Medicina Generale di Gruppo in Busto Arsizio Medicina di Gruppo Studio di Medicina Generale di Gruppo in Busto Arsizio Dott. C. Campiglia (referente) Dott. M. Budelli Dott. M. Corio Dott. G. Gorletta Dott. C. Grassi Dott. R. Stella Indice Presentazione

Dettagli