MANUALE PER L ACCREDITAMENTO PROFESSIONALE. Organizzazione e qualità assistenziale dell Unità Operativa Complessa Centrale Operativa - 118

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MANUALE PER L ACCREDITAMENTO PROFESSIONALE. Organizzazione e qualità assistenziale dell Unità Operativa Complessa Centrale Operativa - 118"

Transcript

1 Organizzazione e qualità assistenziale dell Unità Operativa Complessa Centrale Operativa - 118

2 Pag n. 2 di n. INDICE Presentazione del Manuale Capitolo 1 Politica Capitolo 2 Pianificazione Capitolo 3 Comunicazione Capitolo 4 Struttura Capitolo 5 Attrezzature Capitolo 6 Formazione Capitolo 7 Sistema Informativo Capitolo 8 Procedure Capitolo 9 Verifica dei risultati Capitolo 10 Miglioramento

3 Pag n. 3 di n. PRESENTAZIONE Rev. Data Motivazione della revisione 0 16/02/2014 Prima istituzione Redazione Verifica Approvazione - Direttore UOC: parte specifica - Referente UOC - Referente QA: stesura Direttore UOC Direttore Medico del Presidio Ospedaliero

4 Pag n. 4 di n. INDICE Presentazione del Manuale Generalità Approvazione ed Emissione Revisione Descrizione dell organizzazione Legenda delle sigle che si utilizzeranno Allegati

5 Pag n. 5 di n. PRESENTAZIONE DEL MANUALE Generalità Il presente MANUALE per l Accreditamento Professionale dell U.O.C. Centrale Operativa-118 (CO118) dell Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico Consorziale G.XXIII di Bari è stato sviluppato in aderenza al modello di Accreditamento previsto dalla Regione Puglia e dalle linee guida della Società Italiana Sistemi 118. Il Manuale descrive il Sistema di Qualità implementato nella CO118. Il Manuale è composto di 11 sezioni: la Presentazione e 10 Capitoli; ogni capitolo è comprensivo in Allegato delle Procedure, delle Istruzioni operative e di tutta la Documentazione utilizzata per le registrazioni e per la descrizione delle attività, degli obiettivi e dell organizzazione specifici. Questo manuale, nasce con l intento di presentare tutte le attività erogate dall U.O.C. per espletare la propria mission e, pertanto, essere il riferimento dell emergenze territoriali e la sede di coordinamento tra i presidi ospedalieri, le strutture sanitarie ubicate sul territorio dell ASL e le medesime strutture regionali per la ricerca dei posti letto. Inoltre coordina, con le Istituzioni pubbliche (Prefettura, Vigili del fuoco, Forze dell ordine) i Piani di Emergenza Provinciali, generici e specifici.. Approvazione ed Emissione Le sezioni di questo Manuale sono state redatte e lette dal Direttore dell U.O.C, e presentate alla verifica del Direttore Medico del P.O. (DMPO). Hanno partecipato attivamente alla progettazione e stesura, oltre a tutto il personale in servizio presso la CO118, il Coordinatore infermieristico, il Referente per il Manuale dell U.O.C. (ReMAP) ed il Referente aziendale per la Qualità ed Accreditamento (ReAQ). Revisione Le sezioni del Manuale saranno aggiornate ad ogni variazione importante del contenuto tecnicoorganizzativo; il numero di revisione e la corrispondente data sono indicati in alto a destra della pagina e riportati nel modulo elenco dei documenti del MAP118. Le sezioni del Manuale sono aggiornate almeno ogni 4 anni. Gli Allegati sono rivisti ad ogni variazione: l aggiornamento (numero revisione e data) è riportato in alto a destra della pagina. Responsabile dell aggiornamento e revisione è il DIRETTORE ed il ReMAP.

6 Pag n. 6 di n. Descrizione dell Organizzazione Questo manuale, nasce con l intento di presentare tutte le attività svolte per far fronte alle richieste di urgenza-emergenza provenienti dal territorio e coordinare il successivo accompagnamento del cittadino ai presidi ospedalieri e le strutture sanitarie pertinente ubicate sul territorio delle due ASL sui cui mezzi di soccorso sovrintende con funzioni di direzione e coordinamento, la Centrale Operativa 118 Bari Soccorso. La Centrale partecipa, coordinando per gli aspetti sanitari, con le Istituzioni pubbliche (Prefettura, Vigili del fuoco, Forze dell ordine) i Piani di Emergenza Provinciali, generici e specifici.. La Centrale Operativa 118 serve un territorio di circa un milione e ottocentomila abitanti e 51 comuni e gestisce circa 195mila telefonate annue con circa 76 mila interventi. Caratteristiche strutturali: l U.O.C. CO118 è una struttura ubicata al primo piano del Padiglione ex Pronto Soccorso. È dotata di un area dedicata di circa 50 mq con 6 ( sei) postazioni informaticotelefoniche h 24 ed ha piani di emergenza riservati ma a disposizione del personale di turno. La struttura è costituita dai seguenti ambienti, oltre all area dedicata alle postazioni informaticotelefoniche: Direzione; Segreteria; Tecnico informatico Stanza Coordinatore infermieristico; Stanza Medici; Spogliatoio Donne Spogliatoio Uomini Sala relax/tisaneria Sala riunioni; Deposito;

7 Pag n. 7 di n. -Direttore; l U.O.C. è diretta dal Dott. Gaetano Dipietro, STAFF MEDICO Composto da: Sei Medici di Centrale con in aggiunta un settimo medico dipendente funzionalmente dal Pronto Soccorso PERSONALE INFERMIERISTICO E TECNICO-AMMINISTRATIVO Il personale infermieristico è coordinato dal Dott in Scienze infermieristiche Cesare Calamita e comprende n.30 Infermieri. Il Personale tecnico-amministrativo comprende un Tecnico informatico, un ausiliario e due amministrativi. La manutenzione dell hardware e software è assicurata dall dalla Ditta ISED SpA, che con Contratto regionale gestisce il settore informatico di tutte le cinque Centrali 118 di Puglia ( dopo le ore in reperibilità), che può agire in remoto o sul campo. Nelle ore di ufficio dei giorni feriali invece è sempre presente un tecnico informatico. Il numero di telefono per attivare la reperibilità è conosciuto dagli operatori, affisso in Centrale e salvato nella rubrica di ogni postazione informatica. Rappresentante della Direzione Aziendale La Direzione Sanitaria Aziendale ha individuato fra i medici del proprio organico un Referente per la C.O.118. La Direzione aziendale riconosce nel Direttore di struttura complessa il suo rappresentante al fine di istituire, applicare e mantenere il sistema qualità conformemente ai requisiti per l accreditamento professionale ed istituzionale. Egli deve: o assicurare l attuazione e l aggiornamento del Manuale; o diffondere la cultura della qualità all interno della U.O.C o riferire sulle prestazioni del sistema attraverso rapporti sui dati provenienti da misurazioni, controlli, questionari di soddisfazione, azioni correttive e preventive; o proporre azioni di miglioramento.

8 Pag n. 8 di n. Gli Allegati numeri 1, 2 e 3, rispettivamente, riportano l Organigramma dell U.O.C., i nominativi del personale infermieristico, tecnico ed amministrativo e la modalità di riconoscimento dei dipendenti in base alla divisa. Legenda delle Sigle che si utilizzeranno: MAP118 = Manuale per l Accreditamento professionale U.O.C. = Unità Operativa Complessa U.O.S. = Unità Operativa Semplice ReMAP = Referente per il Manuale dell U.O.C. ReAQ = Referente Aziendale Qualità DDS = Direttore Sanitario DG = Direttore Generale

9 Pag n. 9 di n. POLITICA Rev. Data Motivazione della revisione 0 16/02/2014 Prima istituzione Redazione Verifica Approvazione - Direttore Direttore UOC UOC: parte Direttore specifica Medico del - Referente P.O. MAP UOC - Referente Az. Q.A stesura

10 Pag n. 10 di n. INDICE DEL CAPITOLO Scopo e Campo di Applicazione Abbreviazioni Documenti di riferimento Descrizione La Mission Obiettivi generali Processi dell u.o.c. e loro interazione Impegno della Direzione dell U.O.C. L attenzione al cliente Politica per la qualità Documentazione, Registrazioni ed Archiviazioni Verifica

11 Pag n. 11 di n. Scopo e Campo di Applicazione Il capitolo descrive la Politica per l assistenza in qualità che l U.O.C. CO118 attua per il coordinamento delle urgenze-emergenze sul territorio e per la gestione delle maxiemergenze in collaborazione con gli altri Enti Istituzionali. Abbreviazioni ReMAP = Referente di reparto per il Manuale e Rappresentante della Direzione ReAQ = Referente aziendale per la qualità U.O.C = Unità Operativa Complessa U.O.S = Unità Operativa Semplice MAP = Manuale Accreditamento Professionale I.O. = Istruzione Operativa P.S. = Procedura Specifica P.A. = Procedura Aziendale P.G. = Procedura Gestionale Documenti di riferimento I documenti di riferimento comprendono l Atto aziendale, il Piano attuativo aziendale e la normativa regionale e statale specifica ed infine i documenti che fanno parte del presente Manuale che descrivono gli obiettivi e le attività. Gli obiettivi specifici sono riportati nel capitolo 2 Pianificazione. L allegato n. 4 riporta il documento della Politica della struttura L allegato n. 5 riporta il piano delle Attività dell U.O.C.; L allegato n. 8 riporta la Visione per processi ;. L allegato n. 9 riporta gli Obiettivi generali ; Il Modulo MOD n. 03 MAP Piano degli obiettivi e degli indicatori descrive gli obiettivi specifici, le responsabilità nell attuazione degli stessi e la modalità di misurazione e verifica. Il Modulo MOD n. 04 MAP Piano delle Attività riporta il processo primario Coordinamento Urgenze.- Emergenze territoriali indicando la procedura e le istruzioni operative di riferimento, le figure professionali responsabili dell esecuzione e l ambiente in cui si svolge l attività. Riporta infine i processi di supporto includendo le indicazioni aggiuntive sopra dettagliate. L I.O. n. 12 Soddisfazione utente

12 Pag n. 12 di n. Descrizione La Mission dell U.O.C. di CO118 si identifica nel fornire risposte adeguate alle richieste di urgenzaemergenza sanitarie provenienti dal territorio e coordinare il trasporto assistito del cittadino ai presidi ospedalieri più idonei e più vicini per la patologia riscontrata e/o alle strutture sanitarie pertinenti ubicate sul territorio dell ASL o alle medesime strutture regionali. La Centrale partecipa, per gli aspetti sanitari, con le Istituzioni pubbliche (Prefettura, Vigili del fuoco, Forze dell ordine) alla stesura ed aggiornamento dei Piani di Emergenza Provinciali, generici e specifici. L emergenza-urgenza sanitaria è la fase più vulnerabile della vita umana dove il fattore tempo, condizionato dalla professionalità degli operatori e dall intervento immediato sul territorio, modifica la prognosi quoad vitam e valetudinem del cittadino. Per questo motivo l assistenza in urgenza-emergenza ha, come suo obiettivo principale, non solo la sopravvivenza del cittadino, ma una sopravvivenza finalizzata al successivo trasferimento presso la più idonea struttura sanitaria di diagnosi e cura per il prosieguo del trattamento. L esempio più drammatico è l arresto cardio-respiratorio di qualunque natura esso sia che impegna l Operatore di Centrale a far effettuare le manovre di primo soccorso al cittadino presente per guadagnare tempo in attesa dell arrivo dell ambulanza del 118 ( I-P.A. o Istruzioni Pre Arrivo). L obiettivo generale dell U.O.C., pertanto, fa riferimento alla migliore assistenza al paziente critico (triage, istruzioni prearrivo salvavita, invio mezzo di soccorso nel più breve tempo possibile, coordinamento con gli altri Enti Istituzionali, se necessario, e con le strutture sanitarie per individuazione dell ospedale più idoneo e più vicino per la patologia in questione. Ulteriori obiettivi generali sono rappresentati da: sviluppo del Manuale per l accreditamento professionale entro giugno 2014; ulteriore sviluppo del Manuale per l accreditamento istituzionale, entro fine 2014 e divulgazione dello stesso a tutto il personale. L allegato n. 9 riporta gli Obiettivi generali dell U.O.C. Processi dell U.O.C. e loro interazione: le attività svolte dall U.O.C. per svolgere la mission aziendale sono state organizzate in processi principali per la realizzazione dell assistenza e processi di supporto alla realizzazione dell assistenza (dettagliati nell allegato n. 8). I Processi Principali sono organizzati a cascata in base alle fasi di: triage telefonico - accoglienza;

13 Pag n. 13 di n. gestione urgenza-emergenza: raccolta dati, istruzioni pre-arrivo ambulanza ed istruzioni salvavita al parente o cittadino presente, invio, all occorrenza, di altri Enti Istituzionali; gestione ambulanza: allerta ed invio del mezzo di soccorso, informazioni all equipaggio sul luogo evento e sul tipo di patologia; coordinamento struttura ricovero: individuazione della patologia prevalente da parte del medico dell ambulanza, individuazione dell ospedale più vicino e più idoneo per trattare la patologia tale patologia, comunicazione della struttura all equipaggio, allerta del pronto soccorso dell ospedale individuato. I Processi di Supporto, la cui attuazione è indipendente dal variare dell attività produttiva ed il cui output influisce in modo indiretto sul processo primario sono: gestione dei documenti e registrazioni; qualificazione fornitori: gestito a livello aziendale dall U.O.C. Provveditorato Economale; gestione manutenzione; formazione; verifiche ispettive; gestione degli eventi non conformi al protocollo, azioni correttive e preventive. L Azienda affida all esterno o a Società in House in forza di convenzioni alcuni processi tra cui i servizi alberghieri (pulizia, lavanderia, etc) e la manutenzione delle apparecchiature ed impianti. Le Ditte che effettuano le prestazioni sono vincitrici di apposite gare ed hanno stipulato appositi contratti depositati presso le UU.OO.CC. Provveditorato e Affari Generali e Burocratico Legali, nonché presso la Direzione Aziendale o presso l Assessorato alle Politiche della Salute. La manutenzione dell hardware e del software delle postazioni è gestito a livello regionale per tutte le centrali provinciali ed è fornita da ISED SpA; la conduzione giornaliera è affidata al tecnico informatico presente in centrale: in caso di assenza è sostituito dal tecnico della C.O di Fasano ( BR) su indicazione di ISED SpA. Il controllo e la verifica dei requisiti contrattuali, esempio per le pulizie, è svolto dal Coordinatore del personale sanitario o in sua assenza dall infermiere in servizio tramite schede dedicate o attestati di avvenuta svolgimento servizio: la descrizione della modalità operativa è riportata nelle specifiche II.OO.. L U.O.C. ha predisposto degli indicatori e standard per il monitoraggio degli obiettivi: gli allegati indicati nella sezione Documenti di riferimento specificano anche la tempistica ed il responsabile del monitoraggio.

14 Pag n. 14 di n. La modalità con cui i processi sono trasformati in attività lavorativa è descritta nelle Procedura aziendale, Procedure specifiche e Istruzioni operative (cfr. Modulo MOD n.4 Piano delle Attività). Per realizzare i propri prodotti l U.O.C. utilizza le risorse assegnate dalla Direzione aziendale. L Allegato n. 8 Visione per processi illustra i Processi principali e di supporto e le loro interazioni. Impegno della Direzione dell U.O.C.: la Direzione dell U.O.C. persegue il mantenimento ed il miglioramento delle prestazioni descritte nella Mission e nei processi principali attraverso: l impegno a far rispettare i requisiti cogenti applicabili; l analisi delle richieste degli utenti; la periodica valutazione del livello di soddisfazione degli utenti; l elaborazione e la comunicazione al personale della Politica per la Qualità dei relativi obiettivi generali e specifici per il miglioramento continuo; l impegno verso l'ottimizzazione della gestione delle risorse assegnate dalla Direzione aziendale; la formazione del personale interno ed esterno; la sensibilizzazione dei dipendenti verso le esigenze degli utenti; la verifica del buon andamento dei processi con l adozione di appositi indicatori e standard; l effettuazione del riesame periodico delle attività assistenziali, formalizzato nella Relazione semestrale. L attenzione al cliente: il cliente dell U.O.C. CO 118 è il cittadino-utente verso cui è diretta la prestazione sanitaria. Altre parti interessate sono in primo luogo i familiari del cittadino o le persone presenti sul luogo dell incidente, gli equipaggi delle ambulanze, gli Enti Istituzionali, i Pronto Soccorso ospedalieri e quindi il SSR Puglia e il SSN. L attenzione al cliente si attua attraverso un processo di costante verifica del soddisfacimento del cliente, basato sia sull analisi dei reclami e suggerimenti che sulla periodica misurazione del livello di soddisfazione del cliente tramite apposito questionario ed elaborazione dei dati: l I.O. n. 12 Soddisfazione Cliente esplicita la modalità esecutiva usata. I bisogni e le attese dei clienti si riferiscono alle seguenti dimensioni qualitative del servizio: imparzialità, uguaglianza e facilità di accesso ai servizi; accoglienza con chiarezza e completezza delle informazioni ai familiari o agli aventi diritto sui servizi e sulla loro fruizione; efficacia delle prestazioni; appropriatezza dei consumi senza tralasciare l efficacia della prestazione;

15 Pag n. 15 di n. regolarità, puntualità, tempestività, continuità del servizio; umanizzazione del servizio; informazione sanitaria ai familiari o agli aventi diritto, in particolare per la richiesta di consenso informato a trattamenti diagnostici e terapeutici in itinere garanzia e tutela della privacy, servizio reclami Tali aspetti saranno riportati nella Carta dei Servizi dell U.O.C. di CO118 e costituiscono gli impegni nei confronti degli utenti. La Carta dei Servizi dell U.O.C. conterrà anche gli indicatori e gli standard adottati per monitorare e verificare l attività assistenziale. La Carta dei Servizi dell U.O.C. è correlata anche del questionario di soddisfazione degli utenti per la verifica delle prestazioni. Politica per la qualità: la Direzione dell U.O.C. definisce e mantiene aggiornata la Politica la qualità. La Direzione nel definire la Politica: opera in accordo con le linee strategiche della Direzione Aziendale; opera in accordo con la MISSION affidata; esplicita l impegno al soddisfacimento dei requisiti ed al miglioramento continuo dell efficacia delle prestazioni erogate; la concepisce come il quadro di riferimento da cui far derivare e riesaminare gli obiettivi specifici; la condivide e la comunica con tutto il personale; prevede il riesame della Politica e degli obiettivi in occasione dei riesami da parte della Direzione. Il documento di Politica della Struttura è riportato nell allegato n. 4. Documentazione, Registrazioni ed Archiviazioni Le procedure e le istruzioni operative che descrivono la modalità di assistenza in uso, i moduli e gli allegati sopra riportati includono le responsabilità, la modalità di operare e le registrazioni che attestano l esecutività. Verifica La corrispondenza tra la modalità di operare in uso e la descrizione riportata nella documentazione specifica è effettuata da parte del ReMAP e/o del ReAQ nel corso delle verifiche interne sulla documentazione.

16 Pag n. 16 di n. Bari, 16/02 /2014 Oggetto: aggiornamento Manuale per l Accreditamento professionale (MAP): modello lettera conferimento incarico di Referente per il Manuale (ReMAP). Per le attività connesse all aggiornamento del Manuale in oggetto ai requisiti organizzativi ulteriori richiesti dell accreditamento istituzionale la S.V. è designata quale Referente per il Manuale (ReMAP). Ella dovrà: operare in autonomia, riferendo allo scrivente periodicamente sui traguardi raggiunti e sulle eventuali difficoltà operative riscontrate; effettuare le verifiche interne previste e coordinare la misurazione degli indicatori ed analisi dei dati; interfacciarsi con il Referente aziendale per l accreditamento e la qualità al fine di concordare la modalità di aggiornamento del manuale, la modalità di effettuazione degli audit interni e l elaborazione e l analisi dei dati sugli indicatori specifici; individuare gli aggiornamenti per il personale al fine di far conoscere il manuale e curare l applicazione delle procedure ed istruzioni operative individuate. Il Direttore Medico u.o.c. Centrale Operativa 118 Bari Visto per Accettazione:

17 PROCESSI DI SUPPORTO Gestione Documentazione e Registrazioni Qualificazione Fornitori Manutenzione Formazione Verifiche ispettive Gestione non conformità Azioni preventive e correttive CITTADINO: Bisogno sanitario in urgenza-emergenza CITTADINO: Risoluzione della urgenza-emergenza UOC. Centrale Operativa 118 Pag n. 17 di n. VISIONE PER PROCESSI VISIONE PER PROCESSI PROCESSI PRINCIPALI TRIAGE GESTIONE URGENZA-EMERGENZA GESTIONE AMBULANZE COORDINAMENTO STRUTTURA DI RICOVERO

18 Pag n. 18 di n. OBIETTIVI GENERALI: riferimento anno 2013 Obiettivo Tempistica Indicatore Standard Responsabilità Note Assistenza al cittadino con bisogno sanitario urgente Annuale Gli indicatori, gli standard, la modalità di rilevazione e le responsabilità sono indicati nel MOD. 03 Piano degli obiettivi specifici e nel MOD 04 Piano delle attività Sviluppo del Manuale per l accreditamento professionale Mantenimento ed aggiornamento dei requisiti ulteriori per l accreditamento istituzionale Entro il 30/06/2014 Annuale Manuale per Accreditamento professionale e sua divulgazione Manuale per Accreditamento professionale aggiornato ai requisiti per l accreditamento istituzionale 1. presenza Manuale 2. lista distribuzione 3. incontro formativo informativo 1. presenza Manuale 2. numero revisione 3. lista distribuzione 4. rispetto piano audit 5. verifica obiettivi Direttore u.o.c. ReMAP Direttore u.o.c. ReMAP Partecipano alla stesura del Manuale tutto il personale ed il ReAQ. Partecipano alla aggiornamento del Manuale tutto il personale ed il ReAQ.

19 Pag n. 19 di n. RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE SUL SERVIZIO EROGATO Rev. Data Motivazione della revisione 0 16/02/2014 Prima istituzione Redazione Verifica Approvazione - Direttore UOC: parte specifica - Referente MAP u.o.c. - Referente QA: stesura Direttore UOC Direttore Medico del P.O. Direttore Dipartimento DEA

20 Pag n. 20 di n. INDICE DEL CAPITOLO Scopo Campo di applicazione Documenti di riferimento Definizioni e abbreviazioni Responsabilità Modalità esecutive Registrazioni, moduli e archiviazione Verifica

21 Pag n. 21 di n. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Lo scopo dell I.O. è quello di indicare le modalità seguite nell UOC di Centrale operativa 118 di BARI - BAT sia per la rilevazione della soddisfazione del servizio erogato, utilizzando l apposito questionario, sia per l elaborazione statistica dei questionari ai fini della valutazione della qualità e del miglioramento. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO Allegato MAP118 All. n. 13 Questionario di soddisfazione della famiglia dell utente Allegato MAP118 All. n. 14 Elaborazione dati Questionario soddisfazione DEFINIZIONI ED ABBREVIAZIONI: DMPO: Direzione Medica del P.O. U.O.C.: Unità Operativa Complessa ReMAP: referente dell UOC per il Manuale MAP: Manuale per l Accreditamento Professionale. RESPONSABILITA Responsabile dell elaborazione dei dati è il ReMAP. Il personale dell ambulanza è responsabile della distribuzione del questionario ai congiunti del cittadino soccorso ed all occorrenza è incaricato di fornire le spiegazioni sulla compilazione e consegna del questionario. DESCRIZIONE I questionari saranno compilati previa intervista telefonica del Referente per il Manuale dell UOC e/o del tecnico informatico. Il numero minimo di questionari che saranno compilati nell arco dell anno non potranno essere inferiori a 50. Il ReMAP, semestralmente, effettuerà la valutazione dei questionari utilizzando l MAP118 All. n. 14, in tale operazione potrà all occorrenza essere coadiuvato dal Referente aziendale Qualità ed Accreditamento e dal Tecnico informatico.. I dati saranno elaborati con la metodologia indicata nel Capitolo 9 ed utilizzati per la valutazione degli obiettivi specifici, per la formulazione di azioni di miglioramento ed in corso di riesame. Responsabile dell archiviazione dei questionari dopo l elaborazione ed in attesa del riesame o della fine e verifica delle eventuali azioni di miglioramento è il ReMAP. I questionari saranno archiviati sino ad espletamento dello specifico riesame. REGISTRAZIONI, MODULI ed ARCHIVIAZIONE L All. n. 14 è utilizzato per l elaborazione semestrale dei questionari ed è utilizzato come dato di ingresso nel riesame. Il ReMAP è responsabile dell archiviazione dei questionari dopo l elaborazione ed in attesa del riesame o della fine e verifica delle eventuali azioni di miglioramento. VERIFICA Avviene durante gli audit interni.

22 Pag n. 22 di n. Questionario per raccogliere l opinione dei cittadini utenti sulla qualità del Servizio Gentile Signora, Egregio Signore, Stiamo svolgendo uno studio sulla qualità del nostro Servizio; Le sottoponiamo il presente questionario, per conoscere le Sue aspettative e modificare, se necessario, il nostro servizio per riuscire a soddisfare le sue esigenze. Le risposte rimarranno anonime e le saremo grati se vorrà arricchire con tutti i dettagli che ritiene necessari gli aspetti positivi e quelli negativi del Suo rapporto con noi. Grazie per la disponibilità e la cortese attenzione Il Direttore dell U.O.C. Centrale Operativa BARI-BAT. Data di compilazione del questionario: Dati della persona che risponde al questionario: Sesso: Maschio Femmina Età: inferiore a 25 anni Professione: Studente compresa tra 25 e 45 anni tra i 45 e i 60 anni, superiore a 60 anni Pensionato Casalinga.. /.. /.. Operaio Impiegato Libero profess. La mia valutazione sul Servizio Molto Soddisfatto MS Soddisfatto S Abbastanza Soddisfatto AS Poco Soddisfatto PS Per niente Soddisfatto NS 1. Per quanto riguarda la cortesia del personale, mi considero. 2. Per quanto riguarda la disponibilità del personale nel fornire informazioni, mi considero 3. Per quanto riguarda la rapidità di risposta, mi considero.. 4. Per quanto riguarda la chiarezza e completezza della informazioni, penso di essere 5. Per quanto riguarda la chiarezza e la semplicità di linguaggio, mi considero. 6. Per quanto riguarda la velocità nel servire gli utenti, mi considero.. 7. Per quanto riguarda la tempestività di arrivo dell ambulanza, sono.. La mia valutazione su questo questionario Si No Ritiene questo questionario adeguato a riassumere la sua opinione sul servizio Nel caso lei avesse valutato uno o più aspetti carenti sarebbe molto utile avere da lei maggiori dettagli su quanto non è stato soddisfacente; la preghiamo quindi di voler utilizzare lo spazio sottostante per la descrizione: M S S A S P S N S

23 Pag n. 23 di n.

24 Pag n. 24 di n. L'ACCREDITAMENTO (MAP) u.o.c. Centrale Operativa 118 All. n. 14 Rev. 0 Elaborazione Questionario Soddisfazione Questionario per raccogliere l opinione dei cittadini utenti sulla qualità del Servizio Periodo di Osservazione: dal: al: SI NO % SI % NO Numero Questionari Giudizio sul questionario : SESSO Variabile Maschio Valore riscontrato Variabile Femmine Valore riscontrato Variabile Valore riscontrato Variabile Valore riscontrato Variabile Valore riscontrato ETA' < 25 anni tra 25 e 45 tra 45 e 60 > 60 anni Cortesia del personale, mi considero: M olto Soddisfatto Soddisfatto Abbastanza Soddisfatto Poco Soddisfatto Per niente Soddisfatto Disponibilità del personale, mi considero: M olto Soddisfatto Soddisfatto Abbastanza Soddisfatto Poco Soddisfatto Per niente Soddisfatto Facilità accesso servizi sanitari M olto Soddisfatto Soddisfatto Abbastanza Soddisfatto Poco Soddisfatto Per niente Soddisfatto Chiarezza segnaletica interna M olto Soddisfatto Soddisfatto Abbastanza Soddisfatto Poco Soddisfatto Per niente Soddisfatto Completezza delle informazioni M olto Soddisfatto Soddisfatto Abbastanza Soddisfatto Poco Soddisfatto Per niente Soddisfatto Chiarezza e semplicità linguaggio M olto Soddisfatto Soddisfatto Abbastanza Soddisfatto Poco Soddisfatto Per niente Soddisfatto M olto Soddisfatto Chiarezza procedure e modulistica Velocità nel servire gli utenti M olto Soddisfatto Soddisfatto Soddisfatto Abbastanza Soddisfatto Abbastanza Soddisfatto Poco Soddisfatto Poco Soddisfatto Per niente Soddisfatto Per niente Soddisfatto

25 Pag n. 25 di n. CENTRALE OPERATIVA 118 BARI BAT Check - list del MAP anno riferimento 2014 MOD. n MAP 118 rev 0 del 16/05/14 pag n. 1 di 2 PIANO DEGLI OBIETTIVI E DEGLI INDICATORI Rilevazione annuale Rilevazione dal al Numero Descriz. Obiettivo Indicatore Standard Metodo misurazione Valore registrato anno Documento di riferimento 1 Tempo di soccorso sanitario area urbana codice rosso Tempo intercorso tra arrivo della entro 8-10 richiesta di soccorso (primo drin) minuti nel ed arrivo del mezzo sul luogo 75% dei casi dell'evento nel codice rosso in area urbana Software ISED regionale (in caso di tempi prolungati sul software cambia colore l'icona dell'ambulanza) Software ISED 2 Tempo di soccorso sanitario area urbana codice giallo Tempo intercorso tra arrivo della entro 10 richiesta di soccorso (primo drin) minuti nel ed arrivo del mezzo sul luogo 75% dei casi dell'evento nel codice giallo in area urbana Software ISED regionale (in caso di tempi prolungati sul software cambia colore l'icona dell'ambulanza) Software ISED 3 Tempo di soccorso sanitario codice rosso area extraurbana Tempo intercorso tra arrivo della Entro 20 richiesta di soccorso (primo drin) minuti nel ed arrivo del mezzo sul luogo 90% dei casi dell'evento nel codice rosso in area extra-urbana. Software ISED regionale (in caso di tempi prolungati sul software cambia colore l'icona dell'ambulanza) Software ISED 4 Tempo di soccorso sanitario area extraurbana codice giallo Tempo intercorso tra arrivo della Entro 20 richiesta di soccorso (primo drin) minuti nel ed arrivo del mezzo sul luogo 90% dei casi dell'evento nel codice giallo in area extra-urbana Software ISED regionale (in caso di tempi prolungati sul software cambia colore l'icona dell'ambulanza) Software ISED Tempo di soccorso sanitario: arrivo della Tempo intercorso tra arrivo della richiesta di soccorso (primo drin) entro 2-3 minuti nel Software ISED regionale (in caso di tempi prolungati sul

26 Pag n. 26 di n.

27 Pag n. 27 di n. PIANIFICAZIONE Rev. Data Motivazione della revisione 0 16/02/2014 Prima istituzione Redazione Verifica Approvazione - Direttore UOC: parte specifica - Referente MAP dell UOC - Referente QA: stesura Direttore uoc Direttore Medico del P.O.

28 Pag n. 28 di n. INDICE DI CAPITOLO Scopo e Campo di Applicazione Abbreviazioni Documenti di riferimento Descrizione La Pianificazione Responsabilità Organigramma Svolgimento del Servizio o Triage o Gestione emergenza-urgenza o Gestione ambulanza o Coordinamento struttura di ricovero Riesame Documentazione Registrazioni e d archiviazioni Verifica

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 1. REQUISITI GENERALI...2

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 1. REQUISITI GENERALI...2 Pagina 1 di 10 INDICE 1. REQUISITI GENERALI...2 2. REQUISITI RELATIVI ALLA DOCUMENTAZIONE...4 2.1. QUALITÀ...4 2.2. TENUTA SOTTO CONTROLLO DEI DOCUMENTI...5 2.3. TENUTA SOTTO CONTROLLO DELLE REGISTRAZIONI...9

Dettagli

REGOLAMENTO dei DIPARTIMENTI dell AZIENDA OSPEDALIERA della PROVINCIA di LODI

REGOLAMENTO dei DIPARTIMENTI dell AZIENDA OSPEDALIERA della PROVINCIA di LODI REGOLAMENTO dei DIPARTIMENTI dell AZIENDA OSPEDALIERA della PROVINCIA di LODI GENERALITA I Dipartimenti costituiscono una modalità di organizzazione di più strutture complesse e semplici di particolare

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) Revisione Approvazione n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA QUALITA Il nostro progetto

Dettagli

AVAP FORMIGINE - CORPO VOLONTARI PRONTO SOCCRSO CARTA DEI SERVIZI Pag. 1 di 2

AVAP FORMIGINE - CORPO VOLONTARI PRONTO SOCCRSO CARTA DEI SERVIZI Pag. 1 di 2 AVAP FORMIGINE - CORPO VOLONTARI PRONTO SOCCRSO CARTA DEI SERVIZI Pag. 1 di 2 SOMMARIO Pag. 3 PRESENTAZIONE Pag. 4 Parte I: PRESENTAZIONE DELL'ASSOCIAZIONE Pag. 5 Parte II: LE NOSTRE ATTIVITÀ Pag. 7 Parte

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA DELL EMERGENZA/URGENZA. Dott. Mirio Camuzzi

ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA DELL EMERGENZA/URGENZA. Dott. Mirio Camuzzi ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA DELL EMERGENZA/URGENZA Dott. Mirio Camuzzi L area relativa alla emergenza/urgenza rappresenta uno dei nodi più critici della programmazione sanitaria e si propone come una delle

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

EMISSIONE PREPARATA VERIFICATA APPROVATA. Afd Moreno Saccon Coordinatore Infermieristico Direzione Medica. Copia in distribuzione controllata

EMISSIONE PREPARATA VERIFICATA APPROVATA. Afd Moreno Saccon Coordinatore Infermieristico Direzione Medica. Copia in distribuzione controllata Pag 1 di 6 TRASPORTO DEL PAZIENTE per l esecuzione di esami / visite specialistiche / trasferimenti / esami radiologici all interno. EMISSIONE PREPARATA VERIFICATA APPROVATA FUNZIONE Afd Paolo Scattolin

Dettagli

FONDAZIONE. Bartolomea Spada Schilpario Valle di Scalve O.N.L.U.S. RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI

FONDAZIONE. Bartolomea Spada Schilpario Valle di Scalve O.N.L.U.S. RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI per servizio di ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA REVISIONI N. Descrizione Data 0 Redazione documento 20 giugno 2012 1 Pagina 6, modifica prima riga 15

Dettagli

Piano per l organizzazione regionale della risposta alle emergenze infettive

Piano per l organizzazione regionale della risposta alle emergenze infettive ALLEGATO 1 Direzione Sanità Assessorato alla Tutela della Salute e Sanità Piano per l organizzazione regionale della risposta alle emergenze infettive INDICE INTRODUZIONE...3 REQUISITI E STRUTTURA DEL

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Dipartimento di Emergenza ed Accettazione come previsto

Dettagli

AZIENDA USL 1 DI MASSA E CARRARA

AZIENDA USL 1 DI MASSA E CARRARA REV 00 Del Pagina 1 di INDICE 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. AVVIO DELLE PROCEDURE DI EMERGENZA ALL INTERNO DELL ISTITUTO 4. ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO DI EMERGENZA TERRITORIALE 5. RICEZIONE AL PRONTO

Dettagli

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale PREMESSA Il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche

Dettagli

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica 1 di 7 INDICE 1 Pianificazione della realizzazione del prodotto... 2 2 Processi relativi al cliente... 2 2.1 Analisi dei bisogni, determinazione dei requisiti

Dettagli

CHECK LIST ANALISI INIZIALE ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

CHECK LIST ANALISI INIZIALE ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO CHECK LIST ANALISI INIZIALE ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO QUESITO RISCONTRO* Documentazione di P N NA riscontro 1. ANALISI INIZIALE Il DVR /autocertificazione e gli allegati

Dettagli

GESTIONE COMUNICAZIONE E RELAZIONI CON IL PUBBLICO

GESTIONE COMUNICAZIONE E RELAZIONI CON IL PUBBLICO rev. 03 Data: 04-12-2012 pag. 1 11 SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE... 2 1.1. SCOPO DELLA PROCEDURA GESTIONALE... 2 1.2. OBIETTIVI E STANDARD DEL PROCESSO... 2 1.3. RESPONSABILITÀ E RISORSE COINVOLTE... 2 2.

Dettagli

Gestire le NC, le Azioni Correttive e Preventive, il Miglioramento

Gestire le NC, le Azioni Correttive e Preventive, il Miglioramento Scopo Responsabile Fornitore del Processo Input Cliente del Processo Output Indicatori Riferimenti Normativi Processi Correlati Sistemi Informatici Definire le modalità e le responsabilità per la gestione

Dettagli

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO L autovalutazione è una valutazione che fornisce un giudizio sull efficacia e sull efficienza dell Azienda e sul grado di

Dettagli

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA Pagina 1 di 5 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Scopo della presente sezione del MQ è definire le modalità e i criteri adottati dalla No Problem Parking spa per pianificare ed attuare i processi di misurazione

Dettagli

Dipartimento di Emergenza Urgenza GUIDA AI SERVIZI

Dipartimento di Emergenza Urgenza GUIDA AI SERVIZI Dipartimento di Emergenza Urgenza ON-LINE www.usl3.toscana.it SISTEMA CARTA DEI SERVIZI Gentile Signore, Gentile Signora, Il Dipartimento di Emergenza Urgenza della USL3 di Pistoia considera la Guida ai

Dettagli

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA 1 di 8 1 PRESCRIZIONI PER LA GESTIONE DI SERVIZI DI PROGETTAZIONE SULLA BASE DI DOCUMENTI DI 2 Parte Titolo 3 PARTE I I.1 PREMESSA I.2 SCOPI I.3 PRESCRIZIONI RELATIVE ALL'ORGANIZZAZIONE AZIENDALE DELLA

Dettagli

LICEO ETTORE MAJORANA - ROMA SEZIONE 4 - SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA

LICEO ETTORE MAJORANA - ROMA SEZIONE 4 - SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 4.1 Requisiti generali LICEO ETTORE MAJORANA - ROMA Il LS Majorana ha stabilito, tiene aggiornato, attua e documenta il proprio Sistema di gestione della qualità (SGQ) in accordo con in requisiti della

Dettagli

ISTITUTO GIANNINA GASLINI DEA - PRONTO SOCCORSO

ISTITUTO GIANNINA GASLINI DEA - PRONTO SOCCORSO ISTITUTO GIANNINA GASLINI DEA - PRONTO SOCCORSO DIRETTORE Prof. Pasquale Di Pietro Ospedale Accreditato Joint Commission International PREMESSA I dati nazionali e internazionali disponibili dimostrano

Dettagli

GESTIONE NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE

GESTIONE NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE rev. 0 Data: 01-03-2006 pag. 1 10 SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE... 2 1.1. SCOPO DELLA PROCEDURA GESTIONALE... 2 1.2. OBIETTIVI E STANDARD DEL PROCESSO... 2 1.3. RESPONSABILITÀ E RISORSE COINVOLTE... 2 2.

Dettagli

Sommario Carta dei Servizi Umbra Salus srl 1. Mission... 2 2. Vision e obiettivi... 2 3. Presentazione della Struttura... 2

Sommario Carta dei Servizi Umbra Salus srl 1. Mission... 2 2. Vision e obiettivi... 2 3. Presentazione della Struttura... 2 Pag. 1 di 7 Sommario Umbra Salus srl 1. Mission... 2 2. Vision e obiettivi... 2 3. Presentazione della Struttura... 2 3.1 I servizi offerti... 2 3.2 Come arrivare a Umbra Salus srl... 3 3.3 Orari di apertura...

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 3 - PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO DELLA RETE PEDIATRICA REGIONALE Art. 20 - Art. 21 - Art. 22 - Art. 23 - Art. 24 - Art. 25 - Verso

Dettagli

Accreditamento. Accreditamento delle strutture Soccorso e trasporto infermi

Accreditamento. Accreditamento delle strutture Soccorso e trasporto infermi Accreditamento Accreditamento delle strutture Soccorso e trasporto infermi Riferimenti legislativi Regione Emilia-Romagna Delibera Giunta n. 44 del 26.01.2009 Requisiti per l accreditamenti Determinazione

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO. Audit

SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO. Audit Rev. 00 del 11.11.08 1. DISTRIBUZIONE A tutti i membri dell organizzazione ING. TOMMASO 2. SCOPO Gestione degli audit interni ambientali e di salute e sicurezza sul lavoro 3. APPLICABILITÀ La presente

Dettagli

AGGIORNAMENTI Ed. Data Descrizione Verifica INDICE

AGGIORNAMENTI Ed. Data Descrizione Verifica INDICE Pag.: 1/7 REDAZIONE A CURA DI Francesca Valvo RSGQ DOCUMENTO APPROVATO DA Gabriella Ianni Direzione SEA Abruzzo Emissione AGGIORNAMENTI Ed. Data Descrizione Verifica 01 2011-10-10 Prima Emissione RSGQ

Dettagli

PROCEDURA PR03 - Documentazione e Registrazioni del SGQ

PROCEDURA PR03 - Documentazione e Registrazioni del SGQ AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 - SC MEDICINA LEGALE TO1 - OBITORIO CIVICO PROCEDURA PR03 - Documentazione e Registrazioni del SGQ Edizione 2 Approvata dal Direttore della SC Medicina Legale Emessa dal Referente

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Dipartimento di Chirurgia come previsto dall art. 8.3 dell Atto

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO TORTONA A FUNZIONIGRAMMA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SUI LUOGHI DI LAVORO (D.Lgs. 81/2008)

ISTITUTO COMPRENSIVO TORTONA A FUNZIONIGRAMMA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SUI LUOGHI DI LAVORO (D.Lgs. 81/2008) ISTITUTO COMPRENSIVO TORTONA A FUNZIONIGRAMMA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SUI LUOGHI DI LAVORO (D.Lgs. 81/2008) Ruoli Identità Funzioni Datore di lavoro (DdL) Dirigente scolastico Cfr. art.18

Dettagli

CARTA DI QUALITA' DELL'OFFERTA FORMATIVA

CARTA DI QUALITA' DELL'OFFERTA FORMATIVA CARTA DI QUALITA' DELL'OFFERTA FORMATIVA Destinazione DOCUMENTAZIONE ACCREDITAMENTO ISTITUTO SITO WEB ISTITUTO 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 POLITICA DELLA QUALITA La scelta di dotarsi di un sistema di gestione

Dettagli

Sez. 02 Rev. 01. Pag. 1 di 9. Approvazione D.G. Revisione Data Causale Redazione e verifica RGQ. Data 12.12.2008. 01 12.12.2008 Seconda emissione

Sez. 02 Rev. 01. Pag. 1 di 9. Approvazione D.G. Revisione Data Causale Redazione e verifica RGQ. Data 12.12.2008. 01 12.12.2008 Seconda emissione Pag. 1 di 9 SISTEMA DI GESTIONE QUALITA del LABORATORIO VOLANTE S.R.L. 01 12.12.2008 Seconda emissione 00 28/08/02 Prima emissione Revisione Data Causale Redazione e verifica RGQ Approvazione D.G. Pagina

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12 INDICE RESPONSABILITÀ DELLA DIREZIONE Impegno della Direzione Attenzione focalizzata al cliente Politica della Qualità Obiettivi della Qualità Soddisfazione del cliente

Dettagli

AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66

AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66 AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66 UO RISK MANAGEMENT PROCEDURA PER LA CORRETTA IDENTIFICAZIONE DEL PAZIENTE NEI PRESIDI OSPEDALIERI DELLA

Dettagli

Manuale del Sistema di Gestione Integrato per la Qualità e l Ambiente INDICE

Manuale del Sistema di Gestione Integrato per la Qualità e l Ambiente INDICE Pag. 1 di 5 RESPONSABILITÀ DELLA DIREZIONE INDICE 1. Scopo... 2 2. Principi guida... 2 3. Politica per la qualità e l Ambiente... 2 4. Pianificazione... 2 5. Responsabilità, autorità e comunicazione...

Dettagli

PROCEDURA GESTIONALE 07 Gestione degli Infortuni, Non Conformità, Incidenti e Comportamenti Pericolosi

PROCEDURA GESTIONALE 07 Gestione degli Infortuni, Non Conformità, Incidenti e Comportamenti Pericolosi PROCEDURA GESTIONALE 07 Gestione degli Infortuni, Non Conformità, Incidenti e Comportamenti Pericolosi DIPARTIMENTO: Direzione Sanitaria UNITA OPERATIVA: Servizio Prevenzione Protezione Preparato da: Operatori

Dettagli

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO Rev. 01 del 21.10.2014 1. Presentazione del libretto informativo Dal 1999 ci occupiamo di assistenza domiciliare ed il nostro intento è stato

Dettagli

THIRD TELEMEDICINE WORKSHOP LA TELEMEDICINA NEL SISTEMA DELL EMERGENZA TERRITORIALE. Dottor Mario Costa

THIRD TELEMEDICINE WORKSHOP LA TELEMEDICINA NEL SISTEMA DELL EMERGENZA TERRITORIALE. Dottor Mario Costa THIRD TELEMEDICINE WORKSHOP LA TELEMEDICINA COME NUOVA RISORSA NELLE CURE PRIMARIE LA TELEMEDICINA NEL SISTEMA DELL EMERGENZA TERRITORIALE Dottor Mario Costa Presidente Società Italiana Sistema 118 Vice

Dettagli

ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO

ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO COMUNE DI 1. FUNZIONALITA DEL SISTEMA DI ALLERTAMENTO LOCALE REPERIBILITA H 24. Il Piano deve contenere le informazioni necessarie e le modalità con cui la struttura

Dettagli

Manuale Gestione Qualità

Manuale Gestione Qualità 6.0 GENERALITÀ La presente sezione, in base alla mappatura dei processi definita nella sezione 2 del Manuale Gestione Qualità, descrive il "monitoraggio, misurazione ed analisi" ed il "miglioramento" che

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

Procedura per la tenuta sotto controllo delle registrazioni PA.AQ.02. Copia in distribuzione controllata. Copia in distribuzione non controllata

Procedura per la tenuta sotto controllo delle registrazioni PA.AQ.02. Copia in distribuzione controllata. Copia in distribuzione non controllata Pag.: 1 di 7 Copia in distribuzione controllata Copia in distribuzione non controllata Referente del documento: Referente Sistema Qualità (Dott. I. Cerretini) Indice delle revisioni Codice Documento Revisione

Dettagli

In breve gli OBIETTIVI GENERALI del progetto LA SOLIDARIETA' SI TINGE DI VIOLA sono:

In breve gli OBIETTIVI GENERALI del progetto LA SOLIDARIETA' SI TINGE DI VIOLA sono: CARATTERISTICHE PROGETTO Titolo del progetto: LA SOLIDARIETA' SI TINGE DI VIOLA 2014 Settore di intervento del progetto: a) Tutela dei diritti sociali e di cittadinanza delle persone, anche mediante la

Dettagli

TRASFERIMENTI INTEROSPEDALIERI

TRASFERIMENTI INTEROSPEDALIERI TRASFERIMENTI INTEROSPEDALIERI L attuale organizzazione del Sistema 1-1-8 della Regione Toscana ha evidenziato, fra l altro, una rilevante criticità in merito alla problematica riguardante i Trasporti

Dettagli

Provincia di Caserta

Provincia di Caserta 1 Provincia di Caserta REGOLAMENTO INTERNO DI FUNZIONAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento ha come oggetto l organizzazione

Dettagli

1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2 RIFERIMENTI... 2 3 SIGLE E DEFINIZIONI... 2 4 RESPONSABILITA...3 5 PROCEDURA...3

1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2 RIFERIMENTI... 2 3 SIGLE E DEFINIZIONI... 2 4 RESPONSABILITA...3 5 PROCEDURA...3 del 13 11 2012 Pagina 1 di 6 INDICE 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2 RIFERIMENTI... 2 3 SIGLE E DEFINIZIONI... 2 4 RESPONSABILITA...3 5 PROCEDURA...3 5.1 Programmazione delle attività...3 5.2 Documentazione...

Dettagli

GESTIONE RISORSE UMANE

GESTIONE RISORSE UMANE rev. 01 Data: 26-07-2007 pag. 1 7 SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE... 2 1.1. SCOPO DELLA PROCEDURA GESTIONALE... 2 1.2. OBIETTIVI E STANDARD DEL PROCESSO... 2 1.3. RESPONSABILITÀ E RISORSE COINVOLTE... 2 2.

Dettagli

ALLEGATO A REGOLAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE

ALLEGATO A REGOLAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE ALLEGATO A REGOLAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con Delibera di Consiglio n. 29 del 19 maggio 2011 INDICE REGOLAMENTO...1 Art. 1 Oggetto...1 Art. 2

Dettagli

A.G.C. 20 - Assistenza Sanitaria - Deliberazione n. 424 del 25 marzo 2010 Istituzione del Trauma Center Pediatrico presso l'ao Santobono - Pausilipon

A.G.C. 20 - Assistenza Sanitaria - Deliberazione n. 424 del 25 marzo 2010 Istituzione del Trauma Center Pediatrico presso l'ao Santobono - Pausilipon A.G.C. 20 - Assistenza Sanitaria - Deliberazione n. 424 del 25 marzo 2010 Istituzione del Trauma Center Pediatrico presso l'ao Santobono - Pausilipon PREMESSO che: - Le esperienze condotte principalmente

Dettagli

Manuale della qualità

Manuale della qualità Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Manuale della qualità 1 INTRODUZIONE 3 4 SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ 4 4.1 Requisiti generali 4 4.2 Requisiti

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA (Art. 13 D.P.R. 162/99) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3. NORME TECNICHE 4. GENERALITÀ 5. PERSONALE IMPIEGATO

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA Capitolo 4

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA Capitolo 4 1. REQUISITI GENERALI L Azienda DSU Toscana si è dotata di un Sistema di gestione per la qualità disegnato in accordo con la normativa UNI EN ISO 9001:2008. Tutto il personale del DSU Toscana è impegnato

Dettagli

LA NORMA UNI EN ISO 9001:2000 E IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA

LA NORMA UNI EN ISO 9001:2000 E IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA LA NORMA UNI EN ISO 9001:2000 E IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA Esercitazione del 11.11.2005 Dott.ssa Michela Ferri LA NORMA UNI EN ISO 9001:2000 E IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 4. SISTEMA

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ Ediz. MQ 00 Pag. 1 di 8 REVISIONI N REV. DATA APPROV DESCRIZIONE RIFERIMENTO PARAGRAFO RIFERIMENTO PAGINA 00 10-01-06 1A EMISSIONE TUTTI TUTTE 01 25-09-09 ADEGUAMENTO ALLA NORMA UN EN ISO 9001:2008 TUTTI

Dettagli

Monitoraggio dei consumi di farmaci e dispositivi medici delle Aziende sanitarie regionali.rinnovo della convenzione con IMS Health.

Monitoraggio dei consumi di farmaci e dispositivi medici delle Aziende sanitarie regionali.rinnovo della convenzione con IMS Health. REGIONE PIEMONTE BU37 17/09/2015 Codice A14000 D.D. 14 luglio 2015, n. 465 Monitoraggio dei consumi di farmaci e dispositivi medici delle Aziende sanitarie regionali.rinnovo della convenzione con IMS Health.

Dettagli

MODALITÀ ORGANIZZATIVE E PIANIFICAZIONE DELLE VERIFICHE SUGLI IMPIANTI

MODALITÀ ORGANIZZATIVE E PIANIFICAZIONE DELLE VERIFICHE SUGLI IMPIANTI Pagina:1 di 6 MODALITÀ ORGANIZZATIVE E PIANIFICAZIONE DELLE VERIFICHE SUGLI IMPIANTI INDICE 1. INTRODUZIONE...1 2. ATTIVITÀ PRELIMINARI ALL INIZIO DELLE VERIFICHE...2 3. PIANO OPERATIVO DELLE ATTIVITÀ...2

Dettagli

3. APPLICABILITÀ La presente procedura si applica nell organizzazione dell attività di Alac SpA.

3. APPLICABILITÀ La presente procedura si applica nell organizzazione dell attività di Alac SpA. Acquedotto Langhe e Alpi Cuneesi SpA Sede legale in Cuneo, Corso Nizza 9 acquedotto.langhe@acquambiente.it www.acquambiente.it SGSL Audit P11 Rev 00 del 16/09/09 1. DISTRIBUZIONE Direzione RSPP 2. SCOPO

Dettagli

Manuale della qualità

Manuale della qualità Sistema di gestione per la qualità Pag. 1 di 10 SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ 1. REQUISITI GENERALI L ISTITUTO SUPERIORE L. LOTTO di Trescore Balneario si è dotato di un Sistema di gestione per la

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA

PROTOCOLLO DI INTESA PROTOCOLLO DI INTESA per l attuazione della Medicina Penitenziaria ex Decreto Lgs. 22.6.1999, n. 230 tra - Regione Puglia, - Provveditorato Regionale dell Amministrazione Penitenziaria per la Puglia, -

Dettagli

IL SERVIZIO TRASPORTO: ORGANIZZAZIONE E GESTIONE ; GESTIONE DELLA CHIAMATA; COMPILAZIONE DELLA MODULISTICA.

IL SERVIZIO TRASPORTO: ORGANIZZAZIONE E GESTIONE ; GESTIONE DELLA CHIAMATA; COMPILAZIONE DELLA MODULISTICA. IL SERVIZIO TRASPORTO: ORGANIZZAZIONE E GESTIONE ; GESTIONE DELLA CHIAMATA; COMPILAZIONE DELLA MODULISTICA. OBIETTIVI CONOSCERE: L ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO SANITARIO ED IL TRASPORTO INFERMI; RUOLO DELLA

Dettagli

Facoltà di Lettere Filosofia Segreterie Studenti

Facoltà di Lettere Filosofia Segreterie Studenti REV. N.2 del 26 02 2010 Carta dei Servizi - Facoltà di Lettere Filosofia Segreterie Studenti NUMERO VERDE DELL ATENEO 800904084 PREMESSA Nel dibattito in corso sulle modalità con le quali l Università

Dettagli

Manuale Sicurezza Duemilauno Agenzia Sociale

Manuale Sicurezza Duemilauno Agenzia Sociale Sorveglianza e misurazioni del SG S&SL Indice: 1.0 Scopo e Generalità 2.0 Identificazione delle aree/attività soggette al monitoraggio 3.0 Pianificazione ed esecuzione dei monitoraggi e delle misurazioni

Dettagli

CARTA SERIVIZI Siena, 07/01/2014

CARTA SERIVIZI Siena, 07/01/2014 A.G.I. Medica srl Poliambulatorio A.G.I. Medica Viale Toselli 94 Siena CARTA SERIVIZI Siena, 07/01/2014 Pagina 1 di 6 Chi siamo Il POLIAMBULATORIO A.G.I. Medica, gestito dalla società A.G.I. Medica srl,

Dettagli

Procedura di gestione delle verifiche ispettive interne < PQ 03 >

Procedura di gestione delle verifiche ispettive interne < PQ 03 > I I S Ettore Majorana Via A. De Gasperi, 6-20811 Cesano Maderno (MB) PQ03 Rev 2 del 23/03/04 Pag 1/5 Procedura di gestione delle verifiche ispettive interne < PQ 03 > EMESSA DA: VERIFICATA DA: APPROVATA

Dettagli

Sistema di gestione per la qualità

Sistema di gestione per la qualità Revisione 04 Pag. 1 di 10 INDICE 1 OBIETTIVO... 2 2 CAMPO DI APPLICAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ... 2 3 PRINCIPI E STRUTTURA DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ E PER L ACCREDITAMENTO...

Dettagli

Manuale Gestione Qualità

Manuale Gestione Qualità 2.0 REQUISITI GENERALI E DESCRIZIONE DEI PROSSI Groupservice ha stabilito, attuato e documentato un Sistema Gestione Qualità mantenendone l'aggiornamento e verificandone costantemente l'efficacia, nell'ottica

Dettagli

DELLA DOCUMENTAZIONE CARTACEA AZIENDALE CAPITOLATO TECNICO

DELLA DOCUMENTAZIONE CARTACEA AZIENDALE CAPITOLATO TECNICO ALL. C AFFIDAMENTO AI SENSI DELL ART. 125 COMMI 10 E 11 DEL D.LGS. 163/2006 E S.M.I. DEL SERVIZIO DI CATALOGAZIONE, ARCHIVIAZIONE, GESTIONE E CONSULTAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE CARTACEA AZIENDALE CIG:

Dettagli

PROCEDURA FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE

PROCEDURA FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE N 05 Pag. 1 di 10 PROCEDURA FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE LISTA DELLE REVISIONI REV DATA REDATTO VERIFICATO APPROVATO 02 15.05.09 03 01.10.09 1 N 05 Pag. 2 di 10 Indice della Procedura P.to

Dettagli

Determinazione dei requisiti relativi al servizio Lo Studio Legale Scuderi - Motta, per ciascun cliente si premura di determinare:

Determinazione dei requisiti relativi al servizio Lo Studio Legale Scuderi - Motta, per ciascun cliente si premura di determinare: ORIENTAMENTO AL CLIENTE PROCESSI RELATIVI AL CLIENTE Il nostro Studio Legale si impegna ad evadere ogni richiesta formulata dalla propria clientela entro i termini di legge, ovvero come concordati contrattualmente

Dettagli

A.O. MELLINO MELLINI CHIARI (BS) GESTIONE DELLE RISORSE 1. MESSA A DISPOSIZIONE DELLE RISORSE...2 2. RISORSE UMANE...2 3. INFRASTRUTTURE...

A.O. MELLINO MELLINI CHIARI (BS) GESTIONE DELLE RISORSE 1. MESSA A DISPOSIZIONE DELLE RISORSE...2 2. RISORSE UMANE...2 3. INFRASTRUTTURE... Pagina 1 di 6 INDICE 1. MESSA A DISPOSIZIONE DELLE RISORSE...2 2. RISORSE UMANE...2 2.1. GENERALITÀ... 2 2.2. COMPETENZA, CONSAPEVOLEZZA E ADDESTRAMENTO... 2 3. INFRASTRUTTURE...3 4. AMBIENTE DI LAVORO...6

Dettagli

Questionario per la rilevazionedel grado di soddisfazione degli utenti

Questionario per la rilevazionedel grado di soddisfazione degli utenti Questionario per la rilevazionedel grado di soddisfazione degli utenti Gentile Signora, gentile Signore, La nostra Azienda sta conducendo un indagine tra i pazienti ricoverati per valutare la qualità dei

Dettagli

CONVENZIONE DI SERVIZIO DELLA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI RELATIVI AI SERVIZI DI tra

CONVENZIONE DI SERVIZIO DELLA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI RELATIVI AI SERVIZI DI tra COMUNE DI CUNEO SETTORE ELABORAZIONE DATI ED ATTIVITA PRODUTTIVE Via Roma 28, 12100 CUNEO CONVENZIONE DI SERVIZIO DELLA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI RELATIVI AI SERVIZI DI tra Il Comune di Cuneo,

Dettagli

Guida ai Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro

Guida ai Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Alberto Alberto ANDREANI ANDREANI Via Mameli, 72 int. 201/C Via Mameli, 72 int. 201/C 61100 PESARO Tel. 0721.403718 61100 PESARO Tel. 0721.403718 e.mail andreani@pesaro.com e.mail andreani@pesaro.com Guida

Dettagli

JOB DESCRIPTION Personale Infermieristico Centrale Operativa SUES 118 Messina

JOB DESCRIPTION Personale Infermieristico Centrale Operativa SUES 118 Messina SUES 118 C.O. Messina Regione Sicilia Azienda Ospedaliera Papardo - Piemonte Rev. 00 del 29/01/2013 JOB DESCRIPTION Personale Infermieristico Centrale Operativa SUES 118 Messina Redazione Coordinatore

Dettagli

Le procedure gestionali del SGQ di UTFUS TF GQL

Le procedure gestionali del SGQ di UTFUS TF GQL Le procedure gestionali del SGQ di UTFUS TF GQL Sommario Procedure gestionali obbligatorie secondo ISO 9001:2008; Gestione Documenti; Audit Interni; Non Conformità; Azioni di miglioramento (azioni correttive

Dettagli

6. Gestione delle risorse

6. Gestione delle risorse Manuale Qualità Ed.1 Rev.1 del 02/05/13 Red. RSG App.DS Sistema Gestione Qualità per la Formazione Marittima ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE R. Del Rosso - G. Da Verrazzano Via Panoramica, 81-58019

Dettagli

PROCEDURA AZIENDALE. Gestione delle Non Conformità

PROCEDURA AZIENDALE. Gestione delle Non Conformità Pag. 1 Data di applicazione 07/04/2008 Redazione Verifica Data Funzione Nome Data Funzione Nome 21/03/08 Dirigente QA Dirigente QA Dott.ssa A.M. Priori Dott.ssa M. Medri 31/03/08 Direttore QA Dott. E.

Dettagli

PROVINCIA DI MATERA. Regolamento per il funzionamento. dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Matera

PROVINCIA DI MATERA. Regolamento per il funzionamento. dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Matera PROVINCIA DI MATERA Regolamento per il funzionamento dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Matera SOMMARIO Art. 1 Principi generali Art. 2 Finalità e funzioni dell Ufficio Relazioni

Dettagli

PROCEDURA GESTIONALE DIREZIONE PG SG.12 MONITORAGGIO DELLA SODDISFAZIONE DEI CLIENTI

PROCEDURA GESTIONALE DIREZIONE PG SG.12 MONITORAGGIO DELLA SODDISFAZIONE DEI CLIENTI PROCEDURA GESTIONALE DIREZIONE PG SG.12 MONITORAGGIO DELLA SODDISFAZIONE DEI CLIENTI REV. n. DATA Motivo revisione Responsabile REDAZIONE Settore CID Responsabile VERIFICA Settore SG Responsabile APPROVAZIONE

Dettagli

GESTIONE CARTA DEI SERVIZI

GESTIONE CARTA DEI SERVIZI PAGINA 1 DI 7 GESTIONE CARTA DEI SERVIZI 1 SCOPO... 2 2 CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 3 RIFERIMENTI... 2 4 RESPONSABILITA... 3 5 DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI... 3 6 MODALITÀ DI GESTIONE... 3 6.1 NUCLEO PERMANENTE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO (Direttiva 2006/42/CE Allegato IX punto 16 e 17) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3. NORME TECNICHE 4. GENERALITÀ 5.

Dettagli

Guida ai Servizi Revisione 4 del 14/04/2015 Pagina 1 di 10

Guida ai Servizi Revisione 4 del 14/04/2015 Pagina 1 di 10 LABORATORIO SANITA PUBBLICA Via Bufardeci 22- SIRACUSA Guida ai Servizi Revisione 4 del 14/04/2015 Pagina 1 di 10 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 1.1 PRESTAZIONI EROGATE... 4 2. MODALITÀ DI ACCESSO... 5 2.1

Dettagli

INDICE. Istituto Tecnico F. Viganò PROCEDURA PR 01. Rev. 2 Data 20 Maggio 2009. Pagina 1 di 9 TENUTA SOTTO CONTROLLO DEI DOCUMENTI

INDICE. Istituto Tecnico F. Viganò PROCEDURA PR 01. Rev. 2 Data 20 Maggio 2009. Pagina 1 di 9 TENUTA SOTTO CONTROLLO DEI DOCUMENTI INDICE 1 di 9 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. TERMINOLOGIA E ABBREVIAZIONI 4. RESPONSABILITÀ 5. MODALITÀ OPERATIVE 5.1. Redazione e identificazione 5.2. Controllo e verifica 5.3. Approvazione 5.4.

Dettagli

IMPRESA GENERALE GLOBAL SERVICE. Carta dei Servizi

IMPRESA GENERALE GLOBAL SERVICE. Carta dei Servizi Carta dei Servizi Introduzione: La presente Carta dei Servizi si rivolge agli utenti che accedono alla Dorigo Servizi Srl, ma anche a chiunque altro sia interessato a conoscerne le attività e le modalità

Dettagli

ALLEGATO TECNICO PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE CERTIFICATI

ALLEGATO TECNICO PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE CERTIFICATI Allegato 4 ALLEGATO TECNICO PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE CERTIFICATI Il presente Allegato tecnico, rivolto a tutti gli Enti di formazione già certificati secondo la norma internazionale

Dettagli

Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive

Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive Comitato SGQ Comitato Ambiente Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive Mercoledì, 23 febbraio 2005 - Palazzo FAST (Aula Morandi) Piazzale Morandi, 2 - Milano E' una

Dettagli

documento di specifiche tecniche pubblicate sul sito Internet del Ministero all indirizzo www.nsis.salute.gov.it. ;

documento di specifiche tecniche pubblicate sul sito Internet del Ministero all indirizzo www.nsis.salute.gov.it. ; documento di specifiche tecniche pubblicate sul sito Internet del Ministero all indirizzo www.nsis.salute.gov.it. ; g) al paragrafo 3.1. Alimentazione del Sistema informativo, la tabella 2: alimentazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA Deliberato dalla Giunta Comunale con atto n. 177 del 11.05.2001 Modificato ed integrato

Dettagli

DIREZIONE AMMINISTRATIVA AZIENDALE SOMMARIO

DIREZIONE AMMINISTRATIVA AZIENDALE SOMMARIO Pagina 1 di 10 DIREZIONE AMMINISTRATIVA AZIENDALE SOMMARIO Sommario...1 1.Scopo/Obiettivo... 2 1.1.Scopo...2 1.2.Obiettivo...2 2.Campo di applicazione...2 3.Modifiche alle revisioni precedenti...2 4.Definizioni...

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

USO DEL TELEFONO CELLULARE IN DOTAZIONE AI MEZZI DI SOCCORSO REDAZIONE, RESPONSABILE I.O., VERIFICA, APPROVAZIONE

USO DEL TELEFONO CELLULARE IN DOTAZIONE AI MEZZI DI SOCCORSO REDAZIONE, RESPONSABILE I.O., VERIFICA, APPROVAZIONE REDAZIONE, RESPONSABILE I.O., VERIFICA, APPROVAZIONE REDAZIONE Francesco Piemontese Coordinatore C.O. Teresa Di Bennardo Infermiera C.O. Bernardini Giulio Infermiere C.O. RESPONSABILE Piemontese Francesco

Dettagli

PROCEDURA DI SISTEMA GESTIONE E ORGANIZZAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE

PROCEDURA DI SISTEMA GESTIONE E ORGANIZZAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE Pagina 1 di 7 INDICE 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. RESPONSABILITA 4. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ 5. INDICATORI DI PROCESSO 6. RIFERIMENTI 7. ARCHIVIAZIONI 8. TERMINOLOGIA ED ABBREVIAZIONI 9. ALLEGATI

Dettagli

DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013

DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013 DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013 Definizione degli indirizzi in materia di certificazione di qualità delle imprese che effettuano trasporti di merci pericolose, di derrate deperibili,

Dettagli

PROCEDURA AZIENDALE. PA SQ - 32 Rev. 0 del 02/04/2013. Certificato N 9122 AOLS. Data applicazione Redazione Verifica Approvazione

PROCEDURA AZIENDALE. PA SQ - 32 Rev. 0 del 02/04/2013. Certificato N 9122 AOLS. Data applicazione Redazione Verifica Approvazione PA SQ - 32 Rev. 0 del 02/04/2013 Certificato N 9122 AOLS Data applicazione Redazione Verifica Approvazione 02/04/2013 Dr.ssa G. Saporetti Sig.ra Pallone Dr.ssa G. Saporetti Dr.ssa L. Di Palo Dr. M. Agnello

Dettagli

Sommario. Premessa... 3. 1. Obiettivi... 4. 2. Soggetti coinvolti... 6. 3. Erogazione del servizio informativo... 7

Sommario. Premessa... 3. 1. Obiettivi... 4. 2. Soggetti coinvolti... 6. 3. Erogazione del servizio informativo... 7 Carta dei Servizi Sommario Premessa... 3 1. Obiettivi... 4 2. Soggetti coinvolti... 6 3. Erogazione del servizio informativo... 7 4. Descrizione operativa del servizio... 9 5. Compiti e responsabilità

Dettagli

UNI EN ISO 9001:2008 Sistemi di Gestione per la Qualità: requisiti e guida per l uso

UNI EN ISO 9001:2008 Sistemi di Gestione per la Qualità: requisiti e guida per l uso SORVEGLIANZA E CERTIFICAZIONI UNI EN ISO 9001:2008 Sistemi di Gestione per la Qualità: requisiti e guida per l uso Pagina 1 di 10 INTRODUZIONE La Norma UNI EN ISO 9001:2008 fa parte delle norme Internazionali

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità

Programma triennale per la trasparenza e l integrità Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale G. Falcone e P. Borsellino Via G. Giolitti, 11 20022 Castano Primo (MI) Tel. 0331 880344 fax 0331 877311 C.M. MIIC837002

Dettagli

STRUTTURA AZIENDALE PROVVEDITORATO ECONOMATO IL DIRIGENTE RESPONSABILE: DR. DAVIDE A. DAMANTI CAPITOLATO TECNICO

STRUTTURA AZIENDALE PROVVEDITORATO ECONOMATO IL DIRIGENTE RESPONSABILE: DR. DAVIDE A. DAMANTI CAPITOLATO TECNICO CAPITOLATO TECNICO PROCEDURA DI COTTIMO FIDUCIARIO AI SENSI DELL ART. 125 DEL D. LGS. 163/2006 E S.M.I. PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA E MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA HARDWARE E

Dettagli

INDICE PR 13 COMUNICAZIONE E GESTIONE DELLE INFORMAZIONI 1 SCOPO 2 CAMPO DI APPLICAZIONE 3 TERMINOLOGIA E ABBREVIAZIONI 4 RESPONSABILITÀ

INDICE PR 13 COMUNICAZIONE E GESTIONE DELLE INFORMAZIONI 1 SCOPO 2 CAMPO DI APPLICAZIONE 3 TERMINOLOGIA E ABBREVIAZIONI 4 RESPONSABILITÀ PAG 1 /7 INDICE 1 SCOPO 2 CAMPO DI APPLICAZIONE 3 TERMINOLOGIA E ABBREVIAZIONI 4 RESPONSABILITÀ 5 MODALITÀ ESECUTIVE 5.1 Comunicazione verso l'esterno 5.1.1 Utenti dei corsi 5.1.2 Potenziali utenti 5.2

Dettagli