GRUPPO VALEO CODICE ETICO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GRUPPO VALEO CODICE ETICO"

Transcript

1 GRUPPO VALEO CODICE ETICO 1

2 Indice I OGGETTO DEL CODICE ETICO II RISPETTO DEI DIRITTI FONDAMENTALI 1. Lavoro dei minori 2. Occupazione dei disabili 3. Discriminazione 4. Molestie sessuali e psicologiche 5. Salute e sicurezza nel lavoro III SUPPORTO DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE 1. Ambiente 2. Risorse umane a) Libertà di espressione e dialogo sociale b) Sviluppo del potenziale di ogni dipendente 3. Contributi al Progresso Sociale a) Partecipazione di Valeo ai programmi di formazione professionale b) Ricollocazione professionale c) Coinvolgimento della Ricerca e Sviluppo per promuovere l'automobile come elemento della società IV ETICA DEGLI AFFARI Corretto utilizzo dei fondi, dei Servizi o dei beni del Gruppo Valeo a) Principio b) Finanziamento della vita politica c) Versamenti illeciti alle autorità statali o amministrative o ai loro dipendenti d) Regolarità dei conti, libri e registri 4. Relazioni con i Clienti e i Fornitori Regali e intrattenimenti a) (i) Accettazione di regali (ii) Offerta di regali b) Selezione dei fornitori di beni e servizi c) Consulenti e altri fornitori di servizi d) Investimento presso i fornitori e) Acquisto di beni o servizi dai fornitori per uso personale 2

3 5. Rispetto del diritto della concorrenza 1. Rispetto dei diritti di proprieta' industriale V ETICA PROFESSIONALE 1. Riservatezza a) Riservatezza dei dati personali dei dipendenti b) Riservatezza dei documenti e dei dati del Gruppo Valeo (i) Principio (ii) Insider Trading Compravendita di azioni del Gruppo Valeo 2. Tutela dei Beni del Gruppo Valeo 3. Lealta' 4. Conflitto d intérêssi 5. Alcool, Droghe e Fumo VI CONFORMITA' AL PRESENTE CODICE 3

4 I OGGETTO DEL CODICE ETICO E sempre stata politica di Valeo e delle sue consociate (qui di seguito il "Gruppo Valeo" o Valeo ) condurre e sviluppare le attività nel rispetto: delle leggi e dei regolamenti applicabili nei paesi in cui vengono esercitate queste attività, siano esse di portata nazionale o internazionale; delle prescrizioni specifiche definite dal Gruppo Valeo ai sensi del presente Codice Etico e di altri regolamenti e procedure interni. Obiettivo del presente Codice è anche quello di garantire lo sviluppo di Valeo nel rispetto delle regole di diritto e degli standard etici nazionali e internazionali. Il presente Codice non si sostituisce ai principi e alle regole stabiliti da altri regolamenti e procedure interni in vigore nell'ambito del Gruppo Valeo, in particolare, e non esclusivamente, le sue Procedure Giuridiche, le sue Procedure Marketing, le metodologie commerciali il Manuale Amministrativo e Finanziario ( MAF ) o il Codice di Buona Condotta relativo alle operazioni su titoli e al rispetto della normativa francese sull insider trading. Tutti i direttori, i responsabili ed i dipendenti tutti del Gruppo Valeo hanno l'obbligo di conformarsi al presente Codice Etico e non possono concludere accordi, contratti ed atti in violazione del presente Codice Etico o delle altre normative applicabili. II RISPETTO DEI DIRITTI FONDAMENTALI Aderendo al Patto Mondiale dell'onu, il Gruppo Valeo si impegna a rispettare e a promuovere i diritti fondamentali definiti dalla Dichiarazione Universale dei Diritti dell'uomo, la dignità e il valore intrinseco della persona umana, la vita privata dei dipendenti e l'uguaglianza dei diritti degli uomini e delle donne. Il Gruppo Valeo attribuisce particolare importanza al rispetto dei seguenti principi definiti nel Patto Mondiale dell'onu (Global Compact), relativo ai Diritti dell'uomo alle norme del lavoro e all'ambiente: 1. LAVORO DEI MINORI Il Gruppo Valeo si conforma alle legislazioni e ai regolamenti nazionali relativi al lavoro dei minori e, in ogni caso: si astiene rigorosamente dal far lavorare minori di età inferiore ai 16 anni. si conforma alle disposizioni stabilite dalla Convenzione n 138 dell OIT relative al lavoro dei minori di età compresa fra i 15 e i 18 anni. 4

5 Il Gruppo Valeo controlla che i suoi fornitori o partner rispettino lo stesso obbligo. 2. OCCUPAZIONE DEI DISABILI Il Gruppo Valeo si conforma alle legislazioni e ai regolamenti nazionali relativi al lavoro delle persone disabili e si impegna a partecipare alle azioni volte a favorire il loro impiego. 3. DISCRIMINAZIONE Il Gruppo Valeo si conforma alle leggi nazionali applicabili in materia di discriminazione. In particolare, nessun candidato può essere escluso da una selezione per assunzione o da una opportunità di di tirocinio o di formazione aziendale e nessun dipendente può essere sanzionato, licenziato o sottoposto a misure discriminatorie, dirette o indirette, specialmente in materia di retribuzione, formazione, programmi di ricollocazione e riqualificazioneprofessionale, opportunità di carriera, trasferimento o rinnovo di contratto che sia fondata, per esempio, sull'origine, l'ascendenza, il patrimonio, le convinzioni filosofiche, il sesso, l'orientamento sessuale, l'età, la situazione familiare, le caratteristiche genetiche, l'appartenenza o meno, vera o presunta, ad un'etnia, una nazione o una razza, le opinioni politiche, le attività sindacali, le convinzioni religiose, l'apparenza fisica, la difficoltà di salute o l'handicap fisico, attuali o potenziali, lo stato di gravidanza o per il cognome di famiglia. Nessun dipendente può essere sanzionato, licenziato o sottoposto a misure discriminatorie per aver reso testimonianza, in buona fede, di atti quali quelli sopralencati o per averli riferiti. 4. MOLESTIE SESSUALI E PSICOLOGICHE I dipendenti hanno il diritto di lavorare in un ambiente positivo, libero da qualsiasi molestia qualificata come illecita in base ai regolamenti e agli usi in vigore nel paese in cui il Gruppo Valeo esercita la sua attività. Il Gruppo Valeo vieta, in particolare, qualsiasi comportamento illecito che costituisca una molestia sessuale o psicologica, anche in assenza di un legame di subordinazione gerarchica. Più specificamente, un comportamento è considerato come molestia sessuale o come persecuzione psicologica illegale e vietata quando: l accettazione di questo comportamento viene presentata, in modo implicito o esplicito, come una condizione per l'assunzione di una persona, una decisione che influisce sull'impiego di questa persona è motivata dall'accettazione o dal rifiuto di detto comportamento, ovvero 5

6 questo comportamento ha come obiettivo o effetto di interferire sostanzialmente sul lavoro dell'individuo, o creare un clima intimidatorio, ostile o offensivo. I reclami per molestia saranno trattati con la massima riservatezza. Chiunque ritenga di essere stato molestato deve immediatamente denunciare il suddetto comportamento, sia ai suoi superiori, sia direttamente al Gruppo (al Vice Presidente delle Risorse Umane del Gruppo o all Ufficio Legale del Gruppo o al Presidente). Si provvederà immediatamente ad avviare una procedura d'indagine ed intervento circa il comportamento oggetto del reclamo per violazione di queste disposizioni. Qualora detto reclamo risulti essere fondato, saranno intraprese azioni disciplinari e contromisure adeguate rispetto ai responsabili degli atti contestati 5. SALUTE E SICUREZZA NEL LAVORO Ogni posto di lavoro deve essere conforme alle esigenze di rispetto della salute, della sicurezza e dell'ergonomia, in particolare i posti di lavoro relativi alle attività di ricerca, sviluppo, progettazione e fabbricazione dei prodotti. Questo requisito viene preso in considerazione sin dalla concezione dei processi produttivi, durante la fase di definizione dei processi stessi. 6

7 III SUPPORTO DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE 1. AMBIENTE Il rispetto dell'ambiente e il miglioramento costante della sua protezione sono una priorità di Valeo. Tramite la messa in opera di un sistema di management ambientale (EMS) conforme alla norma ISO 14001, Valeo punta verso l'eccellenza nella protezione dell'ambiente, la riduzione del consumo di materie prime e di energia, l'ottimizzazione delle risorse naturali e la riduzione delle emissioni e dei rifiuti al momento della progettazione, della fabbricazione, della distribuzione, dell'uso e del riciclaggio dei suoi prodotti. In particolare, è assolutamente vietato fabbricare o vendere prodotti che rappresentano un rischio inaccettabile per la salute delle persone e dell'ambiente, specialmente prodotti contenenti amianto. Le procedure di messa in opera e di controllo del rispetto delle regole di protezione dell'ambiente sono dettagliate nelle Procedure Giuridiche del Gruppo. 2. RISORSE UMANE a) Libertà di espressione e dialogo sociale Valeo si impegna a sviluppare una relazione di fiducia a tutti i livelli dell'azienda invitando i suoi dipendenti ad esprimersi liberamente per migliorare l ambiente di lavoro. Valeo si impegna con forza a sviluppare un dialogo sociale responsabile con i dipendenti. su questa base, Valeo tiene informati in tempo utile i suoi dipendenti o i loro rappresentanti delle sue attività e, comunque, nel rispetto delle leggi e dei regolamenti applicabili in materia di informazione e di consultazione dei dipendenti. b) Sviluppo del potenziale di ogni dipendente Valeo favorisce il coinvolgimento del personale con i seguenti mezzi: Specifici programmi di formazione e acquisizione di competenze diverse, responsabilizzazione e autonomia, contributo al miglioramento continuo a tutti i livelli, prospettive di evoluzione e di carriera ed equa retribuzione. Questi principi associano lo sviluppo di Valeo al benessere di tutti i dipendenti, a prescindere dalla loro localizzazione geografica e dal quadro giuridico locale. 7

8 3. CONTRIBUTI AL PROGRESSO SOCIALE a) Partecipazione di Valeo ai programmi di formazione professionale Il Gruppo Valeo si impegna a partecipare attivamente ai programmi di formazione professionale favorendo l'accesso all'azienda ad apprendisti e tirocinanti. b) Ricollocazione professionale Quando la necessità di ottimizzare la propria organizzazione industriale costringe Valeo a chiudere alcuni siti, Valeo presta una grande attenzione alla riduzione e alla gestione dell'impatto sociale di queste ristrutturazioni. Valeo punta su un approccio preventivo nella gestione delle posizioni e delle capacità dei dipendenti, e mette in campo tutte le soluzioni al servizio del reimpiego del personale: trasferimento nell'ambito del Gruppo, ricollocazioni esterne individuali e collettive, ricerca di acquirenti dei siti, reindustrializzazione dei bacini di impiego e sostegno allo sviluppo economico locale. c) Coinvolgimento della Ricerca e Sviluppo per promuovere l'automobile come elemento della società I prodotti Valeo sono sviluppati per contribuire ad integrare l'automobile nella società e nel suo ambiente, con i seguenti mezzi: facilitare gli spostamenti, particolarmente tramite la riduzione permanente dei costi dei veicoli, rendere la guida più facile e conmfortevole migliorare la sicurezza del conducente, dei passeggeri e dei pedoni, ridurre l inquinamento da rumore e vibrazioni ridurre il consumo energetico dei veicoli, limitare le emissioni nocive dei veicoli. 8

9 IV ETICA DEGLI AFFARI 1. CORRETTO UTILIZZO DEI FONDI, DEI SERVIZI O DEI BENI DEL GRUPPO VALEO a) Principio L utilizzo di fondi, di servizi o di beni Valeo nell'ambito di una attività illecita o illegittima è rigorosamente vietato. Nessun individuo o entità legale si implicherà a ottenere un trattamento di favore o qualsiasi altro vantaggio particolare per conto di Valeo corrispondendo pagamenti illeciti o omaggi o qualsiasi altra forma di vantaggio, in denaro contante o in natura. Analogamente, nessuna somma di denaro o altro vantaggio può essere ricevuto da un'entità legale o un individuo (nazionale o straniero) in violazione delle leggi o dei regolamenti. b) Finanziamento della vita politica Valeo non versa alcun fondo né fornisce alcun servizio ai partiti politici, ai titolari o ai candidati ad un mandato pubblico anche qualora detti contributi risultino leciti in virtù delle leggi del paese in cui tali versamenti potrebbero essere effettuati. c) Versamenti illeciti alle autorità statali o amministrative o ai loro dipendenti Nessun versamento può essere effettuato con lo scopo di ottenere l'intervento favorevole di un'autorità amministrativa o governativa. Servizi, regali o intrattenimenti di lusso offerti agli impiegati o ai rappresentati di queste autorità sono vietati in quanto possono essere interpretati come tentativi di influenzare le decisioni governative e amministrative su materie di interesse per Valeo. d) Regolarità dei conti, libri e registri Le attività, le passività, le spese e le altre transazioni realizzate dalle entità del Gruppo Valeo devono essere registrate nei libri e nei conti di dette entità che devono essere tenuti regolarmente e in conformità ai principi, alle regole e alle leggi applicabili. Nessun fondo segreto o attività non registrata del Gruppo Valeo e delle sue entità può essere creato o mantenuto per qualsivoglia ragione. I documenti relativi alle transazioni commerciali o finanziarie devono rifletterle fedelmente. Nessun pagamento può essere approvato o effettuato quando sia motivato nell intento e nella consapevolezza, di un utilizzo, in toto o in parte, con uno scopo diverso da quello descritto dei documenti a supporto di tale pagamento. Nessuna scrittura falsa o artificiosa può essere riportata nei libri e registri del Gruppo Valeo e delle sue entità, per qualsivoglia ragione. 9

10 2. Relazioni con i Clienti e i Fornitori a) Regali e intrattenimenti (i) Accettazione di regali È vietato accettare qualsiasi regalo o omaggio da clienti o fornitori, che abbia un valore più che simbolico, qualunque sia la forma (specialmente somme di denaro, beni materiali, servizi, intrattenimenti, viaggi). Se sono stati già ricevuti, questi regali o omaggi devono essere restituiti al loro offerente. Se il rifiuto del regalo o la sua restituzione può essere ritenuto scortese, il beneficiario ha l'obbligo di informare il Vice Presidente Gruppo delle Risorse Umane ed il Servizio legale dell entità da cui dipende, che decideranno quale decisione prendere relativamente al suddetto regalo nel rispetto del presente Codice; il beneficiario chiederà inoltre al fornitore o al cliente di astenersi, in futuro, dall'offrigli questi omaggi. (ii) Offerta di regali È vietato versare qualsiasi omaggio in contanti, in natura od altro ( tangenti" e/o "bustarelle"), direttamente o indirettamente, a qualsiasi rappresentante di un cliente o un fornitore per ottenere un contratto od altro vantaggio commerciale o finanziario. In ogni caso, i regali o favori di un valore più che simbolico, fatti a clienti o fornitori attuali o potenziali, sono rigorosamente vietati. b) Selezione dei fornitori di beni e servizi La selezione di un fornitore di beni o servizi per il Gruppo Valeo deve essere fondata sulla qualità, la necessità, la prestazione e il costo. In sede di trattative con i fornitori, la responsabilità di ogni dipendente e rappresentante Valeo è di privilegiare gli interessi di Valeo nel rispetto dei limite di legge, di cogliere le migliori opportunità e di ottenere le migliori condizioni, senza favoritismo alcuno fondato su relazioni di amicizia o su caratteri discriminatori vietati dal presente Codice. c) Consulenti e altri fornitori di servizi Gli accordi fra Valeo e i suoi agenti, rappresentanti e consulenti o qualsiasi altro fornitore di servizi devono enunciare chiaramente le effettive prestazioni da fornire, la base della compenso o il prezzo e tutti gli altri termini e condizioni della fornitura in questione. Tuti i pagamenti saranno determinati e versati in considerazione delle prestazioni effettive. Agenti, rappresentanti e consulenti non devono poter agire in nome e per conto Valeo, salvo diversa autorizzazione espressa per iscritto da legali rappresentanti Valeo muniti di adeguati poteri. 10

11 d) Investimento presso i fornitori Nessun dipendente o rappresentante Valeo può investire direttamente o indirettamente nel capitale di un fornitore che abbia relazioni con il Gruppo Valeo, nella sua società madre o nelle sue filiali, né può prestargli del denaro, ad eccezione dell'acquisizione di valori mobiliari ammessi alle negoziazioni in un mercato regolamentato, nel rispetto della normativa applicabile e del Codice di Buona Condotta. e) Acquisto di beni o servizi dai fornitori per uso personale I dipendenti ed i rappresentanti Valeo non possono far valere la loro appartenenza al Gruppo Valeo per beneficiare, per i propri acquisti personali presso un fornitore di Valeo,degli stessi vantaggi di quelli concessi da questo fornitore al Gruppo Valeo. 3. Rispetto del diritto della concorrenza Il Gruppo Valeo intende conformarsi rigorosamente alle regole e alle leggi del diritto della concorrenza applicabili nell'unione Europea e in ogni Stato in cui il Gruppo Valeo esercita la sua attività, tenendo presente che questi diritti vietano, in particolare, le intese formali o informali, gli accordi, i progetti, i patti o i comportamenti coordinati fra concorrenti circa i loro prezzi, i loro territori, le loro quote di mercato o i loro clienti. I dipendenti ed i rappresentanti Valeo si astengono, di conseguenza, dal concludere detti accordi o intese con concorrenti del Gruppo Valeo. Inoltre, l'appartenza ad associazioni professionali che riuniscono dei concorrenti richiede l'approvazione del Direttore del Business Group e del Presidente di Valeo. 4. Rispetto dei diritti di proprieta' industriale Il Gruppo formalmente proibisce la deliberata lesione dei diritti di proprietà industriale di terzi qualunque sia in motivo invocato (rischio di perdita di quote, opportunità di sviluppare affari, ottenimento di un ordine, ecc.). 11

12 V ETICA PROFESSIONALE 1. RISERVATEZZA a) Riservatezza dei dati personali dei dipendenti Le informazioni relative alla vita privata dei dipendenti, i dati relativi alle valutazioni di performance, all'avanzamento e alle retribuzioni devono essere mantenuti riservati. L accesso a questo tipo di informazioni è riservato alle persone debitamente autorizzate e nel rispetto delle legge in vigore nel paese in cui Valeo opera. Di conseguenza, ogni dipendente deve tutelare la riservatezza dei propri dati. Gli è vietato cercare dati riguardanti altri dipendenti a meno che questo accesso non sia autorizzato nell'ambito della sua missione. Fatte salve le persone autorizzate, i dipendenti possono accedere soltanto alle informazioni che li riguardano. b) Riservatezza dei documenti e dei dati del Gruppo Valeo (i) Principio Nessun dipendente, durante il rapporto di lavoro nell'ambito del Gruppo Valeo o dopo averlo lasciato, può utilizzare o rivelare a qualsiasi altra persona informazioni confidenziali relative al Gruppo Valeo, qualunque sia l'origine di tali informazioni o il metodo con il quale le ha ottenute. Ogni violazione di questa regola può essere oggetto di un procedimento giudiziario in virtù delle disposizioni applicabili in diritto del lavoro, diritto civile o diritto penale. Hanno carattere confidenziale, in particolare, le informazioni riguardanti l'esistenza, i termini e le condizioni dei progetti e degli accordi commerciali del Gruppo Valeo, i dati finanziari del Gruppo Valeo e tutti gli altri dati sensibili, come i dati relativi al fatturato delle unità produttive, ai diritti di proprietà intellettuale, alle tecnologie, al software o all'hardware utilizzati nel normale esercizio delle attività. È vietato divulgare queste diverse informazioni senza la preventiva approvazione del Direttore del Business Group o, eventualmente, del Direttore della sede competente. Le persone il cui contratto di lavoro giunge a scadenza o che non sono più legate al Gruppo Valeo da un contratto di lavoro sono tenute a tutelare la riservatezza di tutte queste informazioni. 12

13 (ii) Insider Trading Compravendita di azioni del Gruppo Valeo Le regolamentazioni di borsa pongono un grave rischio di responsabilità su qualsiasi dipendente (e non soltanto dei dirigenti) che, avendo accesso ad informazioni interne "sensibili" (cosiddette "privilegiate") riguardanti il Gruppo Valeo (o qualsiasi altra entità, compresi i concorrenti, fornitori, clienti o persone con i quali il Gruppo Valeo intrattiene relazioni d'affari) e ignote al pubblico, compra o venda, direttamente o per persona interposta, per conto proprio o altrui, strumenti finanziari emessi da Valeo (o strumenti finanziari derivati ad essi correlati) o ne raccomandi l'acquisto o la vendita a terzi (particolarmente, amici e familiari) o comunichi queste informazioni a fini o per attività diversi da quelli per i quali sono detenute. Oltre al rischio della messa in gioco della responsabilità civile e, in alcuni casi, della responsabilità penale o amministrativa di chi si rende colpevole di insider trading, il Gruppo Valeo si preoccupa dell'impatto pubblicitario negativo che simili attività di insider trading potrebbero avere sul Gruppo e i suoi azionisti. Molti dipendenti hanno accesso ad informazioni confidenziali del Gruppo Valeo. Questo non significa, comunque, che i dipendenti non possono mai comprare o vendere azioni del Gruppo Valeo. Il rischio giuridico esiste solo nel caso in cui l'informazione sia "sensibile" per un investitore o uno speculatore "ragionevole", ossia se si tratta di un'informazione che un investitore potrebbe ragionevolmente considerare come un elemento significativo che influisce sulla sua decisione di acquistare, vendere o detenere strumenti finanziari di Valeo. In linea generale, un'informazione privilegiata è un'informazione che non è stata resa pubblica e che, qualora sia resa pubblica, potrebbe avere un'incidenza sul corso dello strumento finanziario dell'emittente al quale si riferisce. Se una determinata informazione ha o meno un carattere privilegiato, questo è poi lasciato al buon giudizio di ognuno. Nel caso di Valeo, al di fuori di situazioni particolari o insolite, l'esempio più corrente di "informazione sensibile" o "privilegiata" è quello delle informazioni su fatturati e i risultati quando essi non sono stati ancora rilasciati pubblicamente. Le situazioni non ricorrenti che possono costituire informazioni "privilegiate" sono, per esempio, le operazioni di investimento, acquisizione o disinvestimento, gli arresti di unità produttive importanti, la conclusione o la rescissione di nuovi contratti significativi, il lancio o il ritiro di prodotti, i cambiamenti significativi di azionariato o di alta direzione, le operazioni che incidono sul capitale o i dividendi. La politica di prudenza consiste nel procedere ad acquisti o cessioni soltanto nel momento in cui un'informazione sia già stata portata ufficialmente a conoscenza del pubblico. La suddetta regola non riguarda l'acquisto di azioni nell'ambito dell'esercizio di stock option di sottoscrizione o di acquisto di azioni (poiché il prezzo delle opzioni di sottoscrizione o di acquisto di azioni è prefissato e determinato dal Consiglio di Amministrazione della società Valeo), ma si applica a qualsiasi vendita di azioni acquisite nell'ambito di un piano di stock optioni di sottoscrizione 13

14 o di acquisto di azioni. Inoltre, essa si applica a qualsiasi prodotto o strumento finanziario relativo alle azioni Valeo (per esempio, quote del Fondo Comune d'investimento o prodotti derivati). Infine, le regole sopraindicate si applicano anche ai titoli di società che hanno relazioni con il Gruppo Valeo (concorrenti, fornitori, clienti o persone con le quali il Gruppo Valeo intrattiene relazioni d'affari). 2. TUTELA DEI BENI DEL GRUPPO VALEO Gli impiegati e dirigenti del Gruppo Valeo sono responsabili del corretto impiego delle attività e delle risorse del Gruppo, ivi comprese quelle relative alla proprietà intellettuale, alle tecnologie, al materiale e ai supporti informatici, ai software, ai beni immobili, alle attrezzature, ai macchinari e agli utensili, ai componenti, materie prime e alle liquidità (le "Attività") del Gruppo. A questo fine, i dipendenti ed i rappresentanti del Gruppo Valeo devono, in particolare: utilizzare le Attività conformemente alle regole e alle procedure in vigore nell'ambito del Gruppo Valeo; prendere ogni misura volta a prevenire un uso non autorizzato delle Attività da parte di terzi (compresi i propri familiari); utilizzare le Attività esclusivamente all'interno degli spazi autorizzati a questo fine e, se al proprio domicilio, esclusivamente per finalità professionali; mantenere segreti tutte le password e tutti i codici per impedire qualsiasi accesso non autorizzato ai dati informatici del Gruppo Valeo; astenersi dal riprodurre software sviluppato nell'ambito del Gruppo Valeo, nonché procedure, codici, manuali, presentazioni, materiali formativi o altri programmi, a meno di avere ottenuto l'autorizzazione del Presidente o una delega espressa di un membro della direzione; più generalmente, utilizzare nuove tecnologie dell'informazione e della comunicazione del Gruppo Valeo conformemente alle regole fissate dalla documento Charter del buon uso delle nuove tecnologie dell'informazione e della comunicazione; e lasciando il Gruppo Valeo per qualsivoglia ragione (pensione, scadenza del contratto o qualunque altra causa),si dovrà restituire al servizio delle Risorse Umane competente qualsiasi documento contenente informazioni 14

15 confidenziali quali quelle indicate più sopra (Titolo V) senza conservarne una copia e qualsiasi Attività in possesso. 3. LEALTA' Gli impiegati e dirigenti del Gruppo Valeo devono eseguire i propri compiti e mandati lealmente. Pertanto, un incarico di dirigente o di responsabile nell'ambito del Gruppo Valeo rappresenta un impegno a tempo pieno. Di conseguenza, nessun dirigente o membro della direzione può svolgere una seconda attività professionale o possedere o gestire un'azienda che richieda un investimento attivo del proprio tempo al di fuori di quello che è espressamente previsto nel contratto di lavoro. La presente regola non ha l'obiettivo di vietare la partecipazione temporanea e al di fuori degli orari di lavoro in una ditta (non concorrente del Gruppo) posseduta o gestita dal congiunto o un altro membro della famiglia. Allo stesso modo, non si potrà intraprendere nessuna attività nella misura in cui essa potrebbe generare un conflitto di interessi fra il dipendente e il Gruppo Valeo. 4. CONFLITTO D INTÉRÊSSI Si ha un conflitto d'interessi quando un dipendente o un parente diretto è suscettibile di trarre personalmente profitto da una transazione riguardante un'entità del Gruppo Valeo e, analogamente, quando un dipendente tenta di scegliere o far scegliere per una determinata transazione un'entità nella quale egli stesso o un parente diretto ha un interesse finanzario. In caso di dubbio, il dipendente deve rivolgersi ai propri superiori per determinare se le/la transazione/i progettata/i crea un conflitto di interessi o meno. 5. ALCOOL, DROGHE E FUMO Il Gruppo Valeo vieta la distribuzione, la vendita, l'acquisto, la cessione, il possesso o il consumo delle droghe illegali sui luoghi di lavoro. Gli stessi divieti si applicano all alcool a meno che il suo consumo non sia stato espressamente autorizzato dal regolamento interno. È vietato fumare nei luoghi di lavoro ad eccezione degli spazi appositamente previsti e conformemente alle normative di legge vigenti nel paese in cui Valeo opera. 15

16 VI CONFORMITA' AL PRESENTE CODICE 1. Ogni dipendente e rappresentante del Gruppo Valeo si impegnerà a leggere, comprendere e rispettare il presente Codice Etico e, ove necessario, richiamarne le regole e i principi nell'ambito del proprio luogo di lavoro. La direzione del Gruppo e le direzioni ogni Business Group baderanno più particolarmente alla diffusione e al rispetto del presente Codice da parte dei dipendenti del Gruppo Valeo. 2. Eccezioni: qualsiasi eccezione ai principi esposti nel presente Codice Etico e alle regole che ne derivano deve essere preventivamente autorizzata per iscritto del Presidente di Valeo salva altra disposizione espressamente prevista nel presente Codice. 3. Violazioni: qualsiasi dipendente del Gruppo Valeo che si interroghi sulla conformità dei propri atti al presente Codice è fortemente incoraggiato a parlarne con il suo superiore diretto, il Vice Presidente delle Risorse Umane o la Direzione Giuridica del Gruppo onde ottenere più ampie informazioni sulle condizioni e il campo di applicazione del Codice Etico. 4. Certificazione: i dirigenti ed alcuni altri dipendenti del Gruppo Valeo designati dal Direttore Generale o dal Direttore delle Operations sono tenuti, al momento della valutazione annuale, a certificare che si conformano alle regole del Codice Etico. 5. Interpretazione: tutte le domande relative all'interpretazione, alla portata e all'applicazione del Codice Etico saranno trasmesse al Direttore Generale o al Direttore delle Operations che consulterà il Servizio Giuridico per identificare la risposta. 6. Sanzioni: ogni violazione del presente Codice può essere sanzionata da Valeo. Queste sanzioni possono includere, tra l'altro, un avvertimento al dipendente o il suo licenziamento, in funzione della gravità della violazione e della legge nazionale applicabile nonché dei contratti collettivi nazionali in vigore. 16

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale 2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale a. Direttiva 2011/98/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 dicembre 2011, relativa a una procedura unica di domanda

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Codice Etico Rev. 03 Versione del 21/01/2013 Approvato della Giunta Esecutiva del 18/02/2013 Ratificato del Consiglio Direttivo entro il

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION

POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION I. SCOPO POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION La corruzione è proibita dalle leggi di quasi tutte le giurisdizioni al mondo. Danaher Corporation ( Danaher ) si impegna a rispettare le leggi

Dettagli

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro (adottate dall Ente in data 10/06/2014) La Provincia di Cuneo intende promuovere un ambiente di lavoro scevro da qualsiasi tipologia di discriminazione.

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

Consorzio per le AUTOSTRADE SICILIANE

Consorzio per le AUTOSTRADE SICILIANE Consorzio per le AUTOSTRADE SICILIANE CODICE ETICO E COMPORTAMENTALE PREMESSA Il Consorzio Autostrade Siciliane (CAS), costruisce e gestisce le tratte autostradali nell'ambito regionale siciliano, svolgendo

Dettagli

«Ogni società, grande o piccola che sia, ha bisogno di una serie di standard di guida che ne regolino i comportamenti interni ed esterni.

«Ogni società, grande o piccola che sia, ha bisogno di una serie di standard di guida che ne regolino i comportamenti interni ed esterni. «Ogni società, grande o piccola che sia, ha bisogno di una serie di standard di guida che ne regolino i comportamenti interni ed esterni.» Code of Conduct Comunicazione del CEO «Ogni società, grande o

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

Dichiarazione dei diritti dell uomo

Dichiarazione dei diritti dell uomo Dichiarazione dei diritti dell uomo Politica dei diritti sul posto di lavoro Per noi è importante il rapporto che abbiamo con i nostri dipendenti. Il successo della nostra azienda dipende da ogni singolo

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

:-) Fare la cosa giusta! Inizia con il leggere la cosa giusta. Philips General Business Principles, La tua guida per agire con integrità

:-) Fare la cosa giusta! Inizia con il leggere la cosa giusta. Philips General Business Principles, La tua guida per agire con integrità General Business Principles Fare la cosa giusta! Inizia con il leggere la cosa giusta :-) Philips General Business Principles, La tua guida per agire con integrità pww.gbp.philips.com June 2014 Abbiamo

Dettagli

Approvato dal CdA del 27.06.12

Approvato dal CdA del 27.06.12 CODICE ETICO Approvato dal CdA del 27.06.12 1 1. INTRODUZIONE...4 1.1 La Missione di BIC Lazio SpA...4 1.2 Principi generali...4 1.3 Struttura e adeguamento del Codice Etico...5 2. DESTINATARI DEL CODICE...5

Dettagli

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI Adottata dal Consiglio d'europa a Strasburgo il 25 gennaio 1996 Preambolo Gli Stati membri del Consiglio d'europa e gli altri Stati, firmatari

Dettagli

CODICE ETICO. Valori. Visione etica dell impresa-valore aggiunto. Orientamento al cliente. Sviluppo delle persone. Qualità.

CODICE ETICO. Valori. Visione etica dell impresa-valore aggiunto. Orientamento al cliente. Sviluppo delle persone. Qualità. CODICE ETICO Premessa Il presente Codice Etico (di seguito, anche il Codice ) definisce un modello comportamentale i cui principi ispirano ogni attività posta in essere da e nei confronti di Starhotels

Dettagli

REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE

REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE OVS S.P.A. Approvato dal Consiglio di Amministrazione di OVS S.p.A. in data 23 luglio 2014, in vigore dal 2 marzo 2015 1 1. PREMESSA

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

Se avete domande in merito al Codice IDEX di condotta ed etica aziendale o se avete episodi da segnalare, seguite le procedure indicate nel Codice.

Se avete domande in merito al Codice IDEX di condotta ed etica aziendale o se avete episodi da segnalare, seguite le procedure indicate nel Codice. A tutti i dipendenti, dirigenti e direttori IDEX: Al fine di soddisfare e superare le esigenze dei nostri clienti, fornitori, dipendenti e azionisti sono essenziali criteri di comportamento elevati e coerenti,

Dettagli

Note legali. Termini e condizioni di utilizzo. Modifiche dei Termini e Condizioni di Utilizzo. Accettazione dei Termini e Condizioni

Note legali. Termini e condizioni di utilizzo. Modifiche dei Termini e Condizioni di Utilizzo. Accettazione dei Termini e Condizioni Note legali Termini e condizioni di utilizzo Accettazione dei Termini e Condizioni L'accettazione puntuale dei termini, delle condizioni e delle avvertenze contenute in questo sito Web e negli altri siti

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Art. 1 (Disposizioni di carattere generale)

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Art. 1 (Disposizioni di carattere generale) CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Art. 1 (Disposizioni di carattere generale) 1. I princìpi e i contenuti del presente codice costituiscono specificazioni esemplificative

Dettagli

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A.

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A. GENERALITA ALPHAITALIA Spa ha deciso di adottare, integrare nel proprio sistema di gestione (insieme agli aspetti dell assicurazione qualità, della gestione ambientale e della sicurezza sul luogo di lavoro)

Dettagli

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Regolamento emittenti TITOLO II CAPO II SEZIONE IV Art. 87 (Comunicazioni dei capigruppo Comunicazioni delle operazioni di compravendita

Dettagli

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini Sommario Cos è il divario di retribuzione tra donne e uomini? Perché persiste il divario di retribuzione tra donne e uomini? Quali azioni ha intrapreso

Dettagli

Linee guida di condotta aziendale

Linee guida di condotta aziendale Linee guida di condotta aziendale INTEGRITÀ RISPETTO FIDUCIA RICERCA DELL ECCELLENZA CLIENTI DIPENDENTI PARTNER COMMERCIALI FORNITORI AZIONISTI COMMUNITÀ AMBIENTE SOMMARIO Linee guida di condotta aziendale

Dettagli

Note e informazioni legali

Note e informazioni legali Note e informazioni legali Proprietà del sito; accettazione delle condizioni d uso I presenti termini e condizioni di utilizzo ( Condizioni d uso ) si applicano al sito web di Italiana Audion pubblicato

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Premessa L accesso agli atti ed ai documenti amministrativi, introdotto nel nostro ordinamento dalla Legge 7 agosto 1990, n. 241, costituisce

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

Codice Etico e di Condotta Aziendale. Noi. ci impegnamo

Codice Etico e di Condotta Aziendale. Noi. ci impegnamo Codice Etico e di Condotta Aziendale Noi ci impegnamo La Missione di Bombardier La nostra missione è essere leader mondiali nella produzione di aerei e treni. Ci impegniamo a fornire ai nostri clienti

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Responsabile Settore Affari del Personale-Anticorruzione-Trasparenza CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO Il

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

Accordo d Uso (settembre 2014)

Accordo d Uso (settembre 2014) Accordo d Uso (settembre 2014) Il seguente Accordo d uso, di seguito Accordo, disciplina l utilizzo del Servizio on line 4GUEST, di seguito Servizio, che prevede, la creazione di Viaggi, Itinerari, Percorsi,

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CAMPO DI APPLICAZIONE 1.1 Le presenti Condizioni Generali di Acquisto ("GPC") si applicano all acquisto di materiali, articoli, prodotti, componenti, software ed i relativi

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale»

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» La proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso

Dettagli

8 ottobre 2013 LA PONTIFICIA COMMISSIONE PER LO STATO DELLA CITTA DEL VATICANO

8 ottobre 2013 LA PONTIFICIA COMMISSIONE PER LO STATO DELLA CITTA DEL VATICANO N. XVIII LEGGE DI CONFERMA DEL DECRETO N. XI DEL PRESIDENTE DEL GOVERNATORATO, RECANTE NORME IN MATERIA DI TRASPARENZA, VIGILANZA ED INFORMAZIONE FINANZIARIA, DELL 8 AGOSTO 2013 8 ottobre 2013 LA PONTIFICIA

Dettagli

Comune di Narni ---------------- PART. IVA 00178930558

Comune di Narni ---------------- PART. IVA 00178930558 All. 6 CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DEL COMUNE DI NARNI Art. 1 Oggetto 1. Il presente codice di comportamento integra e specifica le previsioni di cui al D.P.R. 16.4.2013, n. 62 Regolamento recante

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE

RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE 25.2.2005 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 52/51 RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE del 15 febbraio 2005 sul ruolo degli amministratori senza incarichi esecutivi o dei membri del consiglio di sorveglianza

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

SER 1 S.p.A. CODICE ETICO ex D. Lgs. 231/2001

SER 1 S.p.A. CODICE ETICO ex D. Lgs. 231/2001 SER 1 S.p.A. CODICE ETICO ex D. Lgs. 231/2001 PREMESSA... 4 DISPOSIZIONI GENERALI... 5 Articolo 1... 5 Ambito di applicazione e Destinatari... 5 Articolo 2... 5 Comunicazione... 5 Articolo 3... 6 Responsabilità...

Dettagli

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA L art. 4 della L.P. 4/2014, nel regolamentare (ai commi 2, 3 e 4) la procedura per l esercizio dell accesso civico, ne definisce

Dettagli

Misure restrittive dell'ue

Misure restrittive dell'ue SCHEDA INFORMATIVA Bruxelles, 29 aprile 2014 Misure restrittive dell'ue Le sanzioni sono uno degli strumenti dell'ue per promuovere gli obiettivi della politica estera e di sicurezza comune (PESC): pace,

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI PUBBLICI (DPR 62/2013)

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI PUBBLICI (DPR 62/2013) CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI PUBBLICI (DPR 62/2013) Art.1 - Disposizioni di carattere generale 1. Il presente codice di comportamento, di seguito denominato "Codice", definisce, ai fini dell'articolo

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Il Governo della Repubblica Italiana ed il Governo del Regno del Marocco (qui

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

di seguito verrà utilizzato il termine ENTE per Certification International UK (Ltd) e SEDE LOCALE per Divulgazione e Accreditamento DeA S.r.l.

di seguito verrà utilizzato il termine ENTE per Certification International UK (Ltd) e SEDE LOCALE per Divulgazione e Accreditamento DeA S.r.l. Certification International (UK) Limited [CI UK] è un Organismo di Certificazione accreditato UKAS che fornisce i propri servizi di certificazione attraverso una rete di uffici di rappresentanza in tutto

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

LE DISCRIMINAZIONI SUI LUOGHI di LAVORO

LE DISCRIMINAZIONI SUI LUOGHI di LAVORO 1 LE DISCRIMINAZIONI SUI LUOGHI di LAVORO Il tema discriminazioni e della promozione delle pari opportunità nei luoghi di lavoro è un argomento di grande attualità perché investe profili di carattere tecnico-

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali

Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali Etica: valore e concretezza L Etica non è valore astratto ma un modo concreto per proteggere l integrità dei mercati finanziari e rafforzare

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI La Repubblica Italiana ed il Regno dell Arabia Saudita desiderando intensificare

Dettagli

Convenzione delle Nazioni Unite sull eliminazione di tutte le forme di discriminazione contro le donne (CEDAW)

Convenzione delle Nazioni Unite sull eliminazione di tutte le forme di discriminazione contro le donne (CEDAW) Convenzione delle Nazioni Unite sull eliminazione di tutte le forme di discriminazione contro le donne (CEDAW) Adottata dall Assemblea generale delle NU il 18.12.1979, in vigore internazionale dal 3.9.1981.

Dettagli

Termini di servizio di Comunicherete

Termini di servizio di Comunicherete Termini di servizio di Comunicherete I Servizi sono forniti da 10Q Srls con sede in Roma, Viale Marx n. 198 ed Ancitel Spa, con sede in Roma, Via Arco di Travertino n. 11. L utilizzo o l accesso ai Servizi

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

di un Accusa di discriminazione Ai sensi della Legge sui diritti umani dell'illinois Che cosa prevede la legge

di un Accusa di discriminazione Ai sensi della Legge sui diritti umani dell'illinois Che cosa prevede la legge Stato dell Illinois Dipartimento dei diritti umani di un Accusa di discriminazione Ai sensi della Legge sui diritti umani dell'illinois Che cosa prevede la legge ITALIAN Come presentare un Accusa di discriminazione

Dettagli

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000 Testo originale 0.360.454.1 Accordo tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica italiana relativo alla cooperazione tra le autorità di polizia e doganali Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall

Dettagli

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni)

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni) REGOLAMENTO SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI emanato con decreto direttoriale n.220 dell'8 giugno 2000 pubblicato all'albo Ufficiale della Scuola

Dettagli

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani 2011 Censite 535,595 2021Stimate 909,000 Età 80+ 2.7% della popolazione nel 2011 14% dal 2006 2041-1397,000 7.3% della popolazione nel 2041 La maggior

Dettagli

------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO

------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO ------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO Gli Stati firmatari della presente convenzione, coscienti della

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA

OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA Le presenti Linee Guida si applicano ad ogni amministratore, direttore, dipendente a tempo pieno o parziale, docente, esterno

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET Il presente Accordo è posto in essere tra: Maiora Labs S.r.l. ( Maiora ), in persona del legale rappresentante

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE 1 aprile 2014 1 PREMESSA Il Consorzio camerale per il credito e la finanza, in accordo con Unioncamere Lombardia, intende individuare professionalità da

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

1. non intraprendere trattative di affari con operatori senza prima aver raccolto informazioni sull esistenza e l affidabilita della controparte;

1. non intraprendere trattative di affari con operatori senza prima aver raccolto informazioni sull esistenza e l affidabilita della controparte; CAUTELE NELLE TRATTATIVE CON OPERATORI CINESI La Cina rappresenta in genere un partner commerciale ottimo ed affidabile come dimostrato dagli straordinari dati di interscambio di questo Paese con il resto

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI Gli Stati firmatari della presente Convenzione, Profondamente convinti che l'interesse del minore sia

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE

LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE L ordinamento giuridico internazionale Diritto internazionale generale e diritto internazionale particolare L adattamento del diritto interno

Dettagli

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE Approvato con deliberazione del Direttore Generale n. 500 del 9.6.2011 INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Albo Pretorio on line Art. 3 Modalità di pubblicazione e accesso Art.

Dettagli

La Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità

La Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità La Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità Questa pubblicazione è stata realizzata con il contributo della Commissione europea, in occasione del 2007 - Anno europeo delle

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG

NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG Premessa TELEPASS S.p.A. Società per Azioni, soggetta all attività di direzione e coordinamento di Autostrade per l Italia S.p.A., con sede legale in Roma,

Dettagli

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE DATI E INFORMAZIONI DI INTERESSE AMBIENTALE E TERRITORIALE Terza sessione: IL CONTESTO NORMATIVO, L ORGANIZZAZIONE, GLI STRUMENTI LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

Regolamento tecnico interno

Regolamento tecnico interno Regolamento tecnico interno CAPO I Strumenti informatici e ambito legale Articolo 1. (Strumenti) 1. Ai sensi dell articolo 2, comma 5 e dell articolo 6, comma 1, l associazione si dota di una piattaforma

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET Testo elaborato dalla Commissione per i diritti e i doveri in Internet costituita presso la Camera dei deputati (Bozza) PREAMBOLO Internet ha contribuito in maniera

Dettagli