MENO E' MEGLIO Azioni di una comunità capace di ridurre i rifiuti attraverso ecodesign e creatività. Relazione Conclusiva

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MENO E' MEGLIO Azioni di una comunità capace di ridurre i rifiuti attraverso ecodesign e creatività. Relazione Conclusiva"

Transcript

1 MENO E' MEGLIO Azioni di una comunità capace di ridurre i rifiuti attraverso ecodesign e creatività. Relazione Conclusiva Il tema dei rifiuti, soprattutto con riferimento alla raccolta differenziata, in questi ultimi anni si è sviluppato grazie ad un lavoro lungo e articolato a livello di tutto il sistema sociale, producendo grandi risultati concreti. Con questo progetto abbiamo voluto puntare l'accento anche sul tema della riduzione dei rifiuti e su tutti gli aspetti connessi alla ridefinizione creativa dei processi di produzione (eco-design) e consumo (sobrietà). Il progetto si è sviluppato principalmente con 2 fasi territoriali, più che temporali. Una prima fase che ha coinvolto Rimini e i Comuni del territorio provinciale nord ha sviluppato un focus sugli Enti Pubblici del territorio per promuovere e diffondere la cultura del riuso e la riduzione dei rifiuti e un secondo focus sulle scuole dell'obbligo per la realizzazione di laboratori in classe per sviluppare, in chiave teatrale, creatività volta ad allungare la vita ai prodotti e favorire lo sviluppo del compostaggio domestico e scolastico. Una seconda fase che ha coinvolto Riccione e i Comuni del territorio provinciale sud ha sviluppato un focus sulle famiglie del territorio per promuovere e diffondere stili di vita attenti alla cultura del riuso e alla cura degli oggetti e un focus sui turisti costieri per lo sviluppo di scelte di acquisto e comportamentali che possano favorire la riduzione a monte dei rifiuti e il conseguente minor impatto sull'ecosistema marino. Una terza fase è stata invece trasversale e, attraverso la tematica dello smaltimento dell'amianto e della comunicazione ambientale, si è posta al servizio delle prime due, conferendo unitarietà al progetto. FASE SUD Le prime attività messe in campo sono state quelle della zona sud durante l'estate I partner che hanno collaborato per la stesura di una azione estesa sul territorio e adeguata al raggiungimento di diversi target sono stati: CEA Comune di Riccione, Fondazione Cetacea, ReeDo Hub, Guardie Ecologiche Volontarie. AZIONI PRESSO L'ARBORETO CICCHETTI L'Arboreto Cicchetti ha ospitato tre appuntamenti, per offrire ai cittadini occasioni di approfondimento del tema legato alla riduzione dei rifiuti e al corretto smaltimento dell amianto. Il Comune di Riccione, ed in particolare l'ufficio ambiente, ha coordinato l'iniziativa alla quale hanno 1

2 collaborato: Fondazione Cetacea, ReeDo Hub, Ausl Rimini, Guardie Ecologiche Volontarie e la cooperativa Il Millepiedi. Le attività si sono svolte il 2, il 9 e il 16 settembre. Il 2 e il 9 settembre, ReeDo Hub ha proposto un laboratorio di sartoria del ri-uso. Il 14 settembre, le GEV in collaborazione con l AUSL di Rimini hanno organizzato un incontro di sensibilizzazione per i cittadini sul tema dell amianto. Nel corso di questi appuntamenti, il progetto prevedeva la proposta di attività di animazione per bambini in modo che le famiglie interessate potessero seguire le attività. I laboratori e le attività di animazione sono state gestite dalla coop. Il Millepiedi e dalla Fondazione Cetacea. La cooperativa Il Millepiedi ha proposto un laboratorio sensoriale per la fascia 0-6 anni. I bambini, attraverso l utilizzo dei cinque sensi, potevano conoscere in maniera diversa dal solito il nostro pianeta attraverso la scoperta di materiali come il legno, le foglie, la sabbia, la ghiaia, la terra ecc. Fondazione Cetacea ha proposto attività per la fascia 6-12 con la creazione di animali marini utilizzando esclusivamente materiali di recupero. I laboratori sono stati molto graditi dai bambini partecipanti che sono stati circa nel corso dei tre appuntamenti. WORKSHOP ORGANIZZATI DA ReeDo Hub - start-up nata dall'università di Bologna, Polo di Rimini, ZoneModa. WORKSHOP 15 LUGLIO Inventa un nuovo supereroe con materiali di riuso - ReeDo for Kids - Cosplay ecosostenibile Reedo Couture è un format di sartoria artistica di ri-uso che parte da un impostazione ecosostenibile ideato da ReeDo Hub. ReeDo Couture lavora sia su capi vecchi sia su rimanenze di tessuti. La versione speciale dedicata ai giovani amanti di anime e manga si è riproposta di insegnare ai partecipanti come diventare un eroe dei cartoni animati indossando indumenti o oggettistica creati autonomamente con materiali di scarto, stimolando creatività e ingegno. Il workshop è stato strutturato in 3 step: - La creazione di una carta d identità di un supereroe/eroina inventato dal bambino; - Lo schizzo del personaggio; - La realizzazione con materiali di scarto degli indumenti e degli accessori del supereroe, poi applicati su una sagoma di cartone. Alla fine di ogni lavoro il bambino veniva fotografato col suo supereroe ulteriore ricordo dell esperienza oltre al risultato effettivo che tutti hanno portato via con se. 2

3 WORKSHOP PER COMUNE DI RICCIONE (2-9 SETTEMBRE): Crea una sciarpa/collo/collana materiali di riuso e t-shirt: da t-shirt nasce cosa La versione creata per target diversi (infatti hanno partecipato bambini, ragazzi, adulti e anziani) propone di creare delle sciarpe con delle vecchie t-shirt, tagliandole e creando tanti tubolari di maglina, poi adornare la collana autonomamente con materiali di scarto, e accessoriato vario stimolando creatività e ingegno. Il percorso di progettazione creativa vuole educare al riutilizzo dello spreco attraverso i linguaggi della moda. Il workshop è stato strutturato in 3 step: - La spiegazione della trasformazione di t-shirt in sciarpa/collo/collana; - La scelta dei materiali; - La realizzazione effettiva della propria sciarpa, che diventa di proprietà del partecipante. 3

4 INCONTRO DIVULGATIVO SULLA PROBLEMATICA AMIANTO (AZIONE 3 AMIANTO) Il 16 settembre, le GEV in collaborazione con l AUSL di Rimini hanno organizzato un incontro di sensibilizzazione per i cittadini sul tema dell amianto. Tale incontro è stato poi ripetuto anche a Rimini il 15/02/2013. Forti delle precedenti esperienze, l'associazione, avvalendosi della collaborazione di professionisti esperti, aveva già tenuto degli incontri presso le sedi dei Quartieri messi a disposizione dal Comune di Rimini. Considerato che il progetto MENO è MEGLIO ha come scopo principale la riduzione dei rifiuti, le GEV di Rimini si sono prestate nel fornire informazioni sui danni causati dall'amianto con l organizzazione di incontri pubblici finalizzati ad accrescere la sensibilizzazione verso i danni che procura l amianto, la conoscenza delle procedure per il suo smaltimento e l individuazione di soluzioni che 4

5 facilitino lo smaltimento. Sia per Riccione che per Rimini a presenziare le riunioni sono intervenuti due esperti nel trattamento dell amianto, un funzionario del Dipartimento di Sanità Pubblica dell ASL di Rimini ed un medico specialista in Pneumologia e Oncologia, che hanno relazionato al pubblico presente sul pericolo ed i danni che procura l amianto e le procedure per il suo smaltimento, proiettando anche numerose slides. A Rimini è anche intervenuto l'assessore all'ambiente con lo specifico compito di illustrare le facilitazioni e contributi che le amministrazioni pubbliche mettono a disposizione dei cittadini per avviare una pratica di bonifica amianto in tutta sicurezza. CEA DEL COMUNE DI RICCIONE Da progetto, era stata prevista per il CEA di Riccione, uno specifico focus sulle famiglie per promuovere e diffondere stili di vita attenti alla cultura del riuso e alla cura degli oggetti. Il CEA aveva quindi programmato una specifica azione di sensibilizzazione e informazione riguardo l'uso dei pannolini lavabili e/o compostabili, preventivando di acquistare un certo numero di kit da donare alle famiglie con nuove nascite. Purtroppo questa azione non si è resa possibile per la prematura messa in liquidazione della ditta che si era contattata per la fornitura della merce. L'azione è stata quindi sostituita dalla realizzazione di una pubblicazione inerente le azioni di riduzione dei rifiuti negli enti pubblici. L'incarico per la redazione, l'impostazione grafica e la stampa di tale pubblicazione è stato affidato alla coop. Anima Mundi. Tale opuscolo è stato pubblicato sui siti internet dei partner ed inviato agli enti pubblici del territorio. FONDAZIONE CETACEA Le attività di progetto coordinate da Fondazione Cetacea si sono svolte regolarmente durante il periodo estivo giugno-settembre 2012 e consistevano in incontri pratici di riciclo creativo settimanali, svolti presso il centro Adria, che hanno coinvolto soprattutto famiglie con bambini. Si sono svolte 30 laboratori specifici. Inoltre sono state create delle opere (un pesce sulla spiaggia e un fondale marino) con materiale di riciclo visibili al pubblico che frequentava il centro ( presenze) come esempio di riutilizzo creativo dei rifiuti. Le attività sono state molto apprezzate dai partecipanti, così come le opere in esposizione che hanno dato molti spunti per riprodurre gli oggetti realizzati anche a casa propria o a scuola utilizzando i materiali più diversi. Gli oggetti rimanevano ai partecipanti ma alcuni contribuivano ad arricchire il fondale marino. 5

6 FASE NORD Le attività programmate per la zona nord sono iniziate con l'avvio dell'anno scolastico e hanno interessato gli enti pubblici della provincia di Rimini e le scuole. FOCUS SUGLI ENTI PUBBLICI PER PROMUOVERE E DIFFONDERE LA CULTURA DEL RIUSO E LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI Il CEDA del Comune di Rimini, supportato dalla coop. anima Mundi, ha portato avanti l'azione verso gli Enti pubblici convinto delle positive ripercussioni che tale azione può innescare in un ambito dove la razionalizzazione dei propri organismi interni risulta sempre difficile e occupa un posto di secondo piano. Combattere lo spreco e le perdite di efficienza di un sistema di uso e riuso del materiale deve essere una priorità economica, ecologica e sociale per la politica, le istituzioni, le amministrazioni locali, le imprese. Si è lavorato per far passare il messaggio che una vera e propria Wasting Review si dovrebbe accoppiare alla più nota Spendig Review. Punto di partenza è stata la ricognizione su scala nazionale delle buone pratiche adottate dagli enti pubblici e dei principali strumenti messi a disposizione. Tale ricerca ha visto il suo culmine con la redazione di una pubblicazione che illustra il percorso intrapreso e offre le necessarie conoscenze per la realizzazione di buone pratiche e per l'individuazione di obiettivi e strategie. Sono stati presentati i progetti: Last minute Market, Acquisti Verdi, la Carta per una rete di enti territoriali a spreco zero, car sharing aziendale, Trashware. Gli enti contattati tramite lettera dell'assessore all'ambiente, dott.sa Sara Visentin, sono stati 44 (a titolo esemplificativo possiamo citare: Provincia RN, HERA Rimini, Capitaneria di Porto, SGR Servizi, AUSL Rimini, ACI Rimini, Agenzia del Territorio, Centro per l'impiego, PRA, Rimini Fiera, Start Romagna). Con questo primo contatto si è presentato il progetto e le sue finalità e si è chiesto loro di individuare e condividere informazioni e/o materiale circa le azioni o i percorsi intrapresi nella direzione di una riduzione dei rifiuti prodotti. La risposta non è stata elevata ma si sono comunque innescati dei rapporti 6

7 diretti con alcuni enti che si sono dimostrati interessati all'argomento, come ad esempio l'sgr Servizi. Si è quindi svolto un incontro il 15 febbraio 2013 con i seguenti obiettivi: - la presentazione da parte di ogni Ente partecipante della propria esperienza per condividerla evidenziando i punti di forza e criticità, in modo da svolgere un' analisi condivisa; - fornire informazioni, stimoli, notizie su quelle che sono a livello regionale e nazionale gli esempi delle migliori pratiche innovative realizzate; - facilitare l'avviamento di progetti comuni volti alla realizzazione di azioni di sistema che portino all'adozione di azioni per la riduzione dei rifiuti; - valorizzare il lavoro svolto e l'impegno profuso nella direzione di un cambiamento per una gestione più efficiente dei rifiuti all'interno degli Enti. L'incontro è stato di grande stimolo ed è servito ad individuare alcune azioni base da mettere in atto: verifica delle procedure di acquisto e avvio di una procedura per gli acquisti verdi verifica della dotazione dei bidoni per la raccolta differenziata (sopratutto per quel che riguarda la carta) e successivo adeguamento installazione di distributori di acqua potabile adesione al Last Minute Market per gli scarti alimentari della mensa Tali percorsi saranno avviati all'interno degli Enti che ne hanno manifestato l'interesse sfruttando il supporto tecnico di HERA e del Comune di Rimini. LABORATORIO DIDATTICO: MENO E' MEGLIO: DILLO A TUTTI! Il CDA WWF di Rimini, per tramite della cooperativa il Millepiedi, ha curato i laboratori didattici rivolti alle scuole sul tema del recupero creativo. Meno è meglio: dillo a tutti! rappresenta l iniziativa didattica ideata per la realizzazione di uno spot pubblicitario. Lo scopo di tale laboratorio è quello di sottolineare che prolungare la vita degli oggetti è possibile, divertente ed è un sistema efficace per ridurre la produzione dei rifiuti. Ai docenti è stato chiesta la loro collaborazione per promuovere la buona prassi della merenda a imballaggio zero : un attività di sensibilizzazione che, stimolata dai laboratori e dagli incontri con i docenti, incentiva le famiglie a fornire ai bambini merende senza imballaggio, fatte in casa e trasportate a scuola dentro contenitori riutilizzabili. I principali contenuti dell'attività laboratoriale sono stati: Conoscenza dei materiali di scarto e della loro corretta gestione con la raccolta differenziata. Approfondimento del tema riduzione dei rifiuti con riferimenti ai prodotti acquistati abitualmente, ponendo l accento sull enorme quantità di imballaggi che ogni giorno gettiamo via. Riflessione sull importanza che ha prolungare la vita dei prodotti che utilizziamo per ridurre la produzione dei rifiuti Le scuole coinvolte sono state: 7

8 primaria Madre Teresa di Calcutta (Rimini zona San Giuliano Mare): classi 4 A, B e C (per un totale di 68 bambini) primaria Santa Cristina (Rimini zona Santa Cristina): classe 4 A con la partecipazione straordinaria della classe 3 A (per un totale di 27 bambini Tutte le attività si sono svolte tra il 16 ottobre e il 23 novembre Il primo passo per la realizzazione di questa attività è stato un incontro preliminare con le insegnanti per definire i dettagli del programma in modo da armonizzarlo il più possibile con le attività scolastiche già in corso e con la programmazione didattica, per rendere l azione il più efficace possibile. Le classi partecipanti hanno potuto svolgere l attività suddivisa in 3 incontri di due ore, con il seguente programma di attività e temi: 1 incontro - il problema rifiuti, le soluzioni possibili, il riutilizzo e la riduzione dei rifiuti, lancio della realizzazione dello spot e brain storming di classe per trovare messaggio e soggetto per lo spot stesso. Lancio della campagna Merenda a imballaggio zero. 2 incontro - definizione e realizzazione degli attori dello spot: messo in scena dagli alunni utilizzando materiale di recupero per la costruzione di un teatrino e di alcune marionette. 3 incontro - realizzazione dello spot (filmato e montato dall operatrice) ad opera dei bambini che hanno agito come scenografi, tecnici e attori dietro le quinte (essendo loro voce e movimento dei personaggi effettivamente andati in scena). Impostazione della campagna pubblicitaria/di sensibilizzazione interna alla scuola con l utilizzo dello spot come strumento di diffusione del messaggio scelto. Al termine delle attività in classe alle insegnanti è stato chiesto di compilare una scheda di gradimento e valutazione del laboratorio dal punto di vista dei contenuti proposti e dell efficacia degli strumenti scelti per trasmetterli ai bambini. In generale le maestre hanno manifestato di aver gradito l equilibrio tra parte teorica e la parte prettamente laboratoriale, e hanno notato un buon interesse da parte dei bambini nei confronti dell attività proposta, spendendosi con entusiasmo nella realizzazione degli spot. Si allegano i video dei 4 spot prodotti con le classi partecipanti. LABORATORIO DIDATTICO SUL COMPOSTAGGIO L Osservatorio Naturalistico Valmarecchia (ONV) ha focalizzato le sue attività sulle tematiche del compostaggio: un modo per dimostrare come la natura opera per la riduzione dei propri rifiuti. Gli utenti finali delle attività proposte dall ONV sono stati gli alunni e le alunne della Scuola Primaria e di riflesso le loro famiglie. I bambini e le bambine sono infatti degli ottimi moltiplicatori di informazioni e il veicolo ideale per coinvolgere in modo attivo le famiglie. Le scuole coinvolte sono state: primaria di Pietracuta (classi 3 e 4 ) primaria di San Leo capoluogo primaria di Santarcangelo San Bartolo (classe 3 ) primaria di Santarcangelo Pascucci (classi 3 B, 5 E, 5 B) 8

9 In ogni classe sono stati svolti 2 incontri da due ore ciascuno. Prima di iniziare l incontro è stata fatta una verifica di pre apprendimento con l utilizzo di una scheda per capire l atteggiamento degli alunni nei confronti dei rifiuti organici. (vedi Allegato1- verifica di apprendimento). Durante le prime due ore i bambini sono stati informati delle varie tipologie di rifiuti (plastica, carta, vetro, alluminio, medicinali, pile, ingombranti con particolare attenzione alla frazione umida), di ognuno di questi è stata analizzata la metodologia di smaltimento e i contenitori per la raccolta differenziata. Per facilitare la memorizzazione di questi argomenti è stato proposto un gioco di riconoscimento dei rifiuti con lo scopo di distinguere i due grandi gruppi di rifiuti: gli organici e gli inorganici. Ad ogni ragazzo è stata consegnata una tesserina rappresentante un rifiuto con lo scopo di individuare i rifiuti organici tra tutti gli altri rifiuti e di posizionarli alla lavagna nel gruppo giusto chiedendo la motivazione della scelta. Successivamente è stato chiesto ai bambini di identificare da dove provengono i rifiuti organici, invitandoli ad osservare le tesserine. Una volta chiarito quali sono i rifiuti organici è stato proposto alla classe di scoprirne le caratteristiche. E emerso subito che a differenza degli altri rifiuti: - possono marcire, subire la putrefazione e decomporsi in tempi brevi - sono derivati direttamente da esseri viventi, animali o vegetali - contengono un alta percentuale di acqua, questo i bambini lo hanno intuito dal fatto che derivano da organismi viventi e sono anche chiamati rifiuti umidi - sono biodegradabili cioè vengono distrutti grazie all azione di alcuni esseri viventi (organismi decompositori) che scompongono la sostanza in sali minerali e acqua - si possono conferire anche nei giardini e negli orti e in questo modo la terra si arricchisce di sostanze utili alla crescita delle piante Una volta chiarito il concetto di rifiuto organico si è cercato di capire a cosa servono e come possono essere utilmente impiegati; dopo un acceso confronto all interno della classe si è stabilito che esistono diverse destinazioni per questo tipo di rifiuto che portano a trasformare l organico in nuove risorse. 9

10 Schematicamente si è giunti alla conclusione che: DESTINAZIONI RISORSE Contenitore per raccolta differenziata Compost Compostiera domestica Compost Orto o buca nel terreno Concime Cibo per animali domestici(es. galline dei nonni) Nutrimento Stufa o camino Combustibile L incontro poi si è evoluto in una fase più pratica per fare comprendere bene ai bambini l importanza degli organismi decompositori che, attaccando i resti degli altri organismi, ricavano il loro nutrimento e trasformano le sostanze complesse in più semplici che liberate nel terreno servono come nutrimento per le piante. A tal fine è stato costruito un muffario: la classe è stata divisa in 4 gruppi; ogni gruppo ha riempito un contenitore in alluminio di terriccio e vi ha posizionato sopra pezzi di formaggio, pane e bucce di agrumi poi il tutto è stato bagnato e coperto con pellicola trasparente. ( vedi Allegato 2muffario in classe) Infine è stato consegnato un sondaggio-questionario da compilare con le famiglie sulle abitudini di raccolta dei rifiuti organici. (vedi Allegato 3-sondaggio). Nel secondo incontro dopo aver ripreso rapidamente i concetti del primo incontro e aver ritirato la scheda sondaggio, si è focalizzata l attenzione sui rifiuti organici, sul compostaggio e sull evoluzione del compost. Per prima cosa si è aperto il muffario, (si è scoperto che le muffe sono dei particolari tipi di funghi), e si sono analizzate le varie muffe al microscopio, i bambini sono riusciti a vedere l intreccio di ife che si sviluppano sul nutrimento organico e si è spiegata la loro importanza nella produzione di vini, di formaggi e di alcuni antibiotici come ad esempio la penicillina. Poi si è passati all osservazione di organismi decompositori visibili ad occhio nudo: i lombrichi. E stata consegnata una scheda che ha aiutato i bambini a costruire un lombricaio. Per costruirlo si è presa una 10

11 bottiglia di plastica, si è tagliata circa a metà e si è riempita di terra, ghiaia, sabbia, foglie e di lombrichi; questi ultimi sono degli infaticabili rimescolatori di terreno, si muovono nel terreno creando delle gallerie che permettono al suolo di essere sempre ben areato e sminuzzano e digeriscono sostanze complesse. (Vedi Allegato 4 -L allevamento dei lombrichi) Infine con l aiuto di un cartellone si sono analizzati i vari tipi di compostiere: a rete metallica, in legno, vari sistemi di cumulo, in plastica e il loro utilizzo; i bambini hanno imparato a: - dosare la giusta proporzione di rifiuti alimentari e di scarti di giardinaggio per ottenere un compost ottimale, - coprire sempre la compostiera perché l acqua ne rovina il contenuto - mescolare di tanto in tanto il contenuto della compostiera per evitare cattivi odori - capire quando il compost è maturo stringendolo in un pugno 11

12 Una volta scoperti tutti i segreti del compost si è passati alla costruzione di una semplice compostiera in rete metallica (vedi Allegato 5-prepariamo il compost). Dall esito del questionario-sondaggio è emerso che la maggior parte delle famiglie fa la raccolta differenziata ma non dell organico perché i contenitori marroni adibiti a tale raccolta sono scarsi e sono pochi coloro che vivono in case indipendenti con giardino e con la possibilità di avere una compostiera. A fine incontro è stato fatto compilare un questionario di gradimento agli insegnanti dal quale è emerso che questo percorso è stato affrontato con entusiasmo al fine di fare abituare i bimbi al rispetto della natura. I materiali e il linguaggio dell operatore sono stati adeguati ed esaurienti e i momenti che hanno maggiormente coinvolto i bambini sono stati la costruzione del muffario, l osservazione delle muffe al microscopio e la costruzione della compostiera. Il giudizio complessivo è risultato ottimo. Un momento di incontro pubblico è stato svolto presso l Osservatorio Naturalistico Valmarecchia il 21 aprile 2013 con una attività per grandi e piccoli su compost, compostiere e loro utilità. PROMOZIONE E DIVULGAZIONE DEI RISULTATI Il piano di comunicazione ha previsto prima di tutto la realizzazione del logo di progetto e dell'immagine coordinata per le comunicazioni inerenti le attività. Successivamente si è costruito un piano di uscite di articoli e news attraverso gli strumenti di comunicazione a disposizione dei partner, individuati tramite un censimento inviato a tutti. Sono stati pubblicati articoli sulle testate giornalistiche nel territorio riminese in occasione dell'avvio del progetto, dell'avvio del concorso, della partenza delle attività, della partecipazione ad Ecomondo, dell'evento finale del 15 febbraio. Sono stati inviati numerosi post e twit sui social network dei partner e pubblicate news sui rispettivi siti web, nonché di altri soggetti con i quali si è collaborato (Museo Comunale di Rimini e Centro per le Famiglie). I risultati e i materiali finali del progetto sono stati pubblicati sul sito internet CONCORSO All interno del progetto si è organizzato il concorso di idee dal titolo Dai un taglio ai rifiuti, ideato e progettato dalla Cooperativa Atlantide. Il concorso (allegato - locandina concorso) è stato divulgato via mail a tutte le scuole e gli enti pubblici della provincia di Rimini tramite i contatti e i siti internet dei partner aderenti al progetto. Sono arrivate diverse adesioni da parte delle scuole e sono state accuratamente analizzate le varie idee pervenute. Al termine della valutazione si è decretata vincitrice del concorso di idee Dai un taglio ai rifiuti la scuola primaria di Pietracuta (San Leo) (classi 3 A e 3 B). La premiazione con la consegna del premio è avvenuta presso la scuola in data 14 febbraio 2013 con la presenza di tutti i bambini e i docenti, Sara Visintin, assessore all ambiente del Comune di Rimini; rappresentanza del Comune di San Leo; Chiara Tiozzi e 12

13 Serafini Susy dell Osservatorio Naturalistico Valmarecchia. Durante questa giornata di festa i bambini delle classi vincitrici hanno illustrato il loro lavoro consistente in un power point e un cartellone sul lavoro fatto in classe,tanti disegni che ogni bimbo ha ideato a proprio piacimento, c è chi ha preferito disegnare il muffario, chi il lombricaio, chi le compostiere e chi la raccolta differenziata per rendere il mondo migliore e infine hanno creato anche un mini plastico molto esplicativo e simpatico con tutti i contenitori di smaltimento dei rifiuti organici e inorganici. da sinistra: Susy Serafini (ONV), rappresentante del Comune di San Leo, Chiara Tiozzi (ONV), le insegnanti con la targa premio, Sara Visentin (Assessore del Comune di Rimini) 13

14 PARTECIPAZIONE AD ECOMONDO Il progetto è stato ospitato presso lo stand del Comune di Rimini con l'allestimento di uno spazio dedicato e l'illustrazione del progetto tramite poster preparati ad hoc dal personale del CEDA. E' stata anche l'occasione per illustrare il progetto e le attività previste alle numerose scuole interessate al sempre apprezzato laboratorio sul riciclaggio creativo. Anche numerosi cittadini si sono dimostrati curiosi verso le proposte laboratoriali ed informative previste. da sinistra: Cristiana Curreli (ReeDo Hub) insieme a Alessandra Gariup (Anima Mundi) EVENTO CONCLUSIVO 15 FEBBRAIO 2013 E' stato organizzato un grande evento conclusivo che ha visto la realizzazione di diverse iniziative, realizzate anche grazie alla concomitante iniziativa di M'illumino di Meno, fatta ricadere all'interno del progetto Meno è Meglio. In allegato il volantino dell'iniziativa (Volantino 15 febbraio) Questa formula ha consentito una maggiore visibilità del progetto e delle azioni previste garantendo una grande affluenza di cittadini interessati. 14

15 Si sono programmate tre giornate finali rientranti nell iniziativa nazionale M'Illumino di Meno, lanciata dalla trasmissione radiofonica Caterpillar di Radio 2. Si è scelta la cornice di M Illumino di Meno per sottolineare la stretta interrelazione tra il risparmio energetico, il risparmio di risorse e la riduzione dei rifiuti. Le iniziative sono state anche decantate dalla trasmissione radiofonica ricevendo i complimenti della redazione! Il 14 Febbraio si è iniziato con la premiazione della scuola vincitrice del concorso "Dai un taglio ai rifiuti" e la celebrazione di San Valentino a lume di candela in tutti i ristoranti del centro. Venerdì 15 si è svolto il workshop con gli Enti Locali per esaminare le buone pratiche di riduzione dei rifiuti al loro interno ed un pomeriggio pieno di laboratori per grandi e piccini a lume di candela o di torcia. Infine il 16 Febbraio si è organizzata la serata sotto le stelle in centro con gli astrofili del Circolo Dopolavoro Ferroviario possibile grazie allo spegnimento delle luci pubbliche. Per la diffusione dei risultati raggiunti dal progetto si è deciso di utilizzare come canale di diffusione la locale emittente radio-televisiva Icaro TV. In particolare è stata realizzata un intervista all Assessore all Ambiente del Comune di Rimini, Sara Visintin, poi andata in onda (5 passaggi dal 20 al 24 febbraio) all interno della trasmissione Tempo Reale dell emittente sopra indicata. CURA DEI CONTATTI L organizzazione del progetto è stato possibile grazie ad un intenso lavoro di coordinamento delle disponibilità messe in campo dai promotori: Comune di Rimini, Provincia di Rimini, Comune di Riccione, cooperativa Anima Mundi, Cooperativa Il millepiedi, Cooperativa Atlantide, Osservatorio Naturalistico Valmarecchia, Fondazione Cetacea, Redoo Hub e Guardie Ecologiche Volontarie i quali hanno utilizzato le proprie reti di contatti per pubblicizzare il progetto ed il concorso ad esso correlato. La gestione delle diverse fasi è stata curata dai partner del progetto, i quali, per ognuna di esse, hanno attivato personale adeguato. 15

Il compostaggio all arrembaggio

Il compostaggio all arrembaggio Il compostaggio all arrembaggio Progetto di educazione ambientale per la scuola paritaria dell infanzia e primaria l isolachenonc era PREMESSA Il progetto ha al centro la prevenzione dei rifiuti urbani

Dettagli

PROGETTO ATTIVITÀ EDUCATIVE ISTITUTI SCOLASTICI ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DI FONNI OLIENA - ORGOSOLO

PROGETTO ATTIVITÀ EDUCATIVE ISTITUTI SCOLASTICI ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DI FONNI OLIENA - ORGOSOLO PROGETTO ATTIVITÀ EDUCATIVE ISTITUTI SCOLASTICI ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DI FONNI OLIENA - ORGOSOLO È ormai noto che la base per orientare le future generazioni verso lo sviluppo sostenibile è l educazione

Dettagli

COMPOSTIAMOCI BENE. Progetto di educazione ambientale per la scuola primaria

COMPOSTIAMOCI BENE. Progetto di educazione ambientale per la scuola primaria COMPOSTIAMOCI BENE Progetto di educazione ambientale per la scuola primaria Il progetto è promosso dai comuni di Isola del Piano, Montefelcino e Serrungarina all'interno della campagna Compostiamoci bene

Dettagli

"Educhiamo(ci) alla sostenibilità" Laboratori di educazione al consumo consapevole, al riuso, al riciclo

Educhiamo(ci) alla sostenibilità Laboratori di educazione al consumo consapevole, al riuso, al riciclo "Educhiamo(ci) alla sostenibilità" Laboratori di educazione al consumo consapevole, al riuso, al riciclo Nell anno scolastico 2011-12 appena concluso, gli studenti di numerose scuole di Roma e del Lazio

Dettagli

UN ORTO DI CLASSE Curare la terra, nutrire la vita.

UN ORTO DI CLASSE Curare la terra, nutrire la vita. UN ORTO DI CLASSE Curare la terra, nutrire la vita. Progetto rivolto alle classi della scuola primaria e secondaria di primo grado dell Emilia Romagna a.s. 2014-2015 Novità 2014/15 KIT PER ORTO DEL CONTADINO

Dettagli

Scuola Secondaria di Primo Grado P. Cafaro -Andria. PROGETTO di EDUCAZIONE AMBIENTALE

Scuola Secondaria di Primo Grado P. Cafaro -Andria. PROGETTO di EDUCAZIONE AMBIENTALE Scuola Secondaria di Primo Grado P. Cafaro -Andria Anno Scolastico 2009 / 2010 PROGETTO di EDUCAZIONE AMBIENTALE Referente del progetto Prof. ssa Arcangela Quacquarelli PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO PER LA SCUOLA PRIMARIA MANGIO LOCALE E PENSO UNIVERSALE A.S.

PROGETTO EDUCATIVO PER LA SCUOLA PRIMARIA MANGIO LOCALE E PENSO UNIVERSALE A.S. PROGETTO EDUCATIVO PER LA SCUOLA PRIMARIA MANGIO LOCALE E PENSO UNIVERSALE A.S. 2014/2015 La scuola bergamasca si prepara all Expo 2015 (esposizione universale) imparando a conoscere i prodotti a Chilometro

Dettagli

Progetto: LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. «No Waste» Gestione integrata dei rifiuti Azione 4 - Comune di Trento

Progetto: LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. «No Waste» Gestione integrata dei rifiuti Azione 4 - Comune di Trento Progetto: LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA «No Waste» Gestione integrata dei rifiuti Azione 4 - Comune di Trento Gestione integrata dei rifiuti nel Comune di Trento Introduzione nuove modalità di raccolta: sistema

Dettagli

Concorso di educazione e comunicazione ambientale sulla riduzione e sulla raccolta differenziata, un gesto che salva l ambiente.

Concorso di educazione e comunicazione ambientale sulla riduzione e sulla raccolta differenziata, un gesto che salva l ambiente. Concorso di educazione e comunicazione ambientale sulla riduzione e sulla raccolta differenziata, un gesto che salva l ambiente. PREMESSA A seguito del progetto di educazione ambientale promosso da Aprica

Dettagli

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1 Azione 3 Attività 3.1 Organizzazione delle attività di mappatura GENERALITÀ Denominazione della buona pratica: Sconsigli per gli acquisiti Promotore/i: Provincia/Ato Provincia di Ferrara Soggetti partner:

Dettagli

Scheda attività Progetto Ambiente PRATICHE E MODELLI PER UNO SVILUPPO SOSTENIBILE. Rifiuti: le cinque erre. Acqua: in viaggio sul Seveso

Scheda attività Progetto Ambiente PRATICHE E MODELLI PER UNO SVILUPPO SOSTENIBILE. Rifiuti: le cinque erre. Acqua: in viaggio sul Seveso Scheda attività Progetto Ambiente PRATICHE E MODELLI PER UNO SVILUPPO SOSTENIBILE Rifiuti: le cinque erre Acqua: in viaggio sul Seveso Energia in gioco INFORMAZIONI GENERALI PROGETTO Tipo di scuola - Scuola

Dettagli

a cura di Alessandra Gariup meno É MegLio: piccola guida alla riduzione dei rifiuti negli Enti Pubblici

a cura di Alessandra Gariup meno É MegLio: piccola guida alla riduzione dei rifiuti negli Enti Pubblici meno É MegLio piccola guida alla riduzione dei rifiuti negli Enti Pubblici 1 a cura di Alessandra Gariup meno É MegLio: piccola guida alla riduzione dei rifiuti negli Enti Pubblici meno É MegLio piccola

Dettagli

ECO-CONCORSO QUESTIONE DI STILE Relazione conclusiva

ECO-CONCORSO QUESTIONE DI STILE Relazione conclusiva ECO-CONCORSO QUESTIONE DI STILE Relazione conclusiva La campagna, la mostra, la festa, l eco questionario Lo scorso marzo Comune AcegasAps e Legambiente hanno lanciato una nuova campagna di sensibilizzazione

Dettagli

PIANO STRATEGICO PER LA RIDUZIONE DELLA PRODUZIONE DEI RIFIUTI INDIFFERENZIATI E PER L INCREMENTO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA

PIANO STRATEGICO PER LA RIDUZIONE DELLA PRODUZIONE DEI RIFIUTI INDIFFERENZIATI E PER L INCREMENTO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA PIANO STRATEGICO PER LA RIDUZIONE DELLA PRODUZIONE DEI RIFIUTI INDIFFERENZIATI E PER L INCREMENTO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA 1. Introduzione Nel corso degli ultimi decenni, l aumento generalizzato della

Dettagli

Progetto promosso dall Assessorato alle Politiche Educative in collaborazione con la Cooperativa Labirinto

Progetto promosso dall Assessorato alle Politiche Educative in collaborazione con la Cooperativa Labirinto educazione ambientale e sviluppo sostenibile Progetto promosso dall Assessorato alle Politiche Educative in collaborazione con la Cooperativa Labirinto Riù, la ludoteca del riuso, propone alle scuole percorsi

Dettagli

1. opuscoli informativi di carattere scientifico e divulgativo; 2. azioni di coinvolgimento diretto dei cittadini.

1. opuscoli informativi di carattere scientifico e divulgativo; 2. azioni di coinvolgimento diretto dei cittadini. SCHEDA PROGETTO - A 5 Assessorato della Difesa dell Ambiente Servizio Sviluppo Sostenibile, Autorità Ambientale e Politiche Comunitarie MISURA RIFERIMENTO: Misura 1.6 Energia (Riferimento:Complemento di

Dettagli

È un iniziativa di EDIZIONE 2015/16. In collaborazione con ALIMOS IL PROGETTO

È un iniziativa di EDIZIONE 2015/16. In collaborazione con ALIMOS IL PROGETTO È un iniziativa di EDIZIONE 2015/16 In collaborazione con ALIMOS IL PROGETTO Obiettivi TreValli e Latte Cigno promuovono un progetto di educazione alimentare dedicato alle scuole primarie delle regioni

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E NATURALISTICA PER LE SCUOLE

PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E NATURALISTICA PER LE SCUOLE PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E NATURALISTICA PER LE SCUOLE Progetto realizzato con PARCO REGIONALE dei COLLI EUGANEI PROVINCIA DI PADOVA Assessorato all Ambiente Il Bacino Padova 4 si presenta Con

Dettagli

SCHEDA PROGETTO - A 3. Assessorato della Difesa dell Ambiente. Servizio Sviluppo Sostenibile, Autorità Ambientale e Politiche Comunitarie

SCHEDA PROGETTO - A 3. Assessorato della Difesa dell Ambiente. Servizio Sviluppo Sostenibile, Autorità Ambientale e Politiche Comunitarie SCHEDA PROGETTO - A 3 Assessorato della Difesa dell Ambiente Servizio Sviluppo Sostenibile, Autorità Ambientale e Politiche Comunitarie MISURA RIFERIMENTO: Misura 1.4 Gestione integrata dei rifiuti, bonifica

Dettagli

In collaborazione con ALIMOS IL PROGETTO

In collaborazione con ALIMOS IL PROGETTO In collaborazione con ALIMOS IL PROGETTO Obiettivi TreValli intende promuovere un progetto di educazione alimentare dedicato alle scuole primarie della Regione Marche, in collaborazione con Alimos, società

Dettagli

Provincia Regionale di Messina Assessorato Ambiente Laboratorio Territoriale Nodo IN.F.E.A ECO RECYCLING POINT S.R.L. BRUNO S.P.A

Provincia Regionale di Messina Assessorato Ambiente Laboratorio Territoriale Nodo IN.F.E.A ECO RECYCLING POINT S.R.L. BRUNO S.P.A Provincia Regionale di Messina Assessorato Ambiente Laboratorio Territoriale Nodo IN.F.E.A ECO RECYCLING POINT S.R.L. BRUNO S.P.A BANDISCONO per l anno scolastico 2014-2015 1 Premessa Oggi, diventa indispensabile

Dettagli

COMUNE DI CREAZZO (VI) Incontri pubblico COMPOSTAGGIO DOMESTICO

COMUNE DI CREAZZO (VI) Incontri pubblico COMPOSTAGGIO DOMESTICO COMUNE DI CREAZZO (VI) Incontri pubblico COMPOSTAGGIO DOMESTICO SCOPO DEGLI INCONTRI Fornire informazioni sulle modalità operative per la realizzazione del compostaggio domestico Fornire indicazioni sulle

Dettagli

PANCIA MIA FATTI CAPANNA. CIBI DI CASA MIA E SOVRANITA' ALIMENTARE

PANCIA MIA FATTI CAPANNA. CIBI DI CASA MIA E SOVRANITA' ALIMENTARE PANCIA MIA FATTI CAPANNA. CIBI DI CASA MIA E SOVRANITA' ALIMENTARE Scuola e docenti responsabili o ente autore della progettazione Nome Scuola o Ente Scuola Primaria sede distaccata Indirizzo e telefono

Dettagli

Ecoacquisti Trentino. Accordo fra la Provincia autonoma di Trento e la Distribuzione Organizzata per la riduzione dei rifiuti

Ecoacquisti Trentino. Accordo fra la Provincia autonoma di Trento e la Distribuzione Organizzata per la riduzione dei rifiuti Ecoacquisti Trentino Accordo fra la Provincia autonoma di Trento e la Distribuzione Organizzata per la riduzione dei rifiuti Sommario 1. Premesse 2. l Accordo Ecoacquisti 2003 3. l Accordo Ecoacquisti

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

Attività didattiche. Compost e compostiera

Attività didattiche. Compost e compostiera Attività didattiche Compost e compostiera w w w. f o n d a z i o n e s l o w f o o d. i t Premessa Qui di seguito trovi due esempi di attività didattiche, usa la tua creatività per adattarle alla tua realtà

Dettagli

Progetto di Educazione allo Sviluppo Sostenibile e Sensibilizzazione alla Raccolta Differenziata Anno 2014/2015

Progetto di Educazione allo Sviluppo Sostenibile e Sensibilizzazione alla Raccolta Differenziata Anno 2014/2015 C I T T A' D I G A L A T I N A Provincia di Lecce ********** DIREZIONE TERRITORIO ED AMBIENTE SERVIZIO AMBIENTE TURISMO E MARKETING TERRITORIALE Progetto di Educazione allo Sviluppo Sostenibile e Sensibilizzazione

Dettagli

Istituto comprensivo VITTORINO DA FELTRE 14 aprile 2015

Istituto comprensivo VITTORINO DA FELTRE 14 aprile 2015 Diffusione del video Non siamo irrecuperabili Istituto comprensivo VITTORINO DA FELTRE 14 aprile 2015 Direzione Ambiente Governo e Tutela del territorio Ciclo Integrato dei Rifiuti e Servizio Idrico Integrato

Dettagli

Anagrafica del progetto

Anagrafica del progetto Anagrafica del progetto Titolo del progetto Località di intervento Destinatari Emozione Ambiente Messina Alunni delle scuole primarie e secondarie di primo grado Soggetti proponenti Cooperativa Sociale

Dettagli

A SCUOLA CON GUSTO. Progetto di educazione alimentare, sensoriale e del gusto

A SCUOLA CON GUSTO. Progetto di educazione alimentare, sensoriale e del gusto A SCUOLA CON GUSTO Progetto di educazione alimentare, sensoriale e del gusto Il progetto A SCUOLA CON GUSTO Il progetto A SCUOLA CON GUSTO, giunto oggi alla quarta edizione, mira ad avvicinare adulti e

Dettagli

Referenti: scuole secondarie di I o II grado di Brescia e dei comuni limitrofi, per le quali si richiede l iscrizione al FAI-Scuola.

Referenti: scuole secondarie di I o II grado di Brescia e dei comuni limitrofi, per le quali si richiede l iscrizione al FAI-Scuola. Delegazione di Brescia PROGETTO DELLA DELEGAZIONE FAI DI BRESCIA PER LE SCUOLE Anno Scolastico 2005/06 Brescia da visitare, da vivere, da amare Progetto a supporto

Dettagli

L ACQUARIO DI BOLSENA, offre ad adulti e ragazzi una grande quantità di attività:

L ACQUARIO DI BOLSENA, offre ad adulti e ragazzi una grande quantità di attività: L ACQUARIO DI BOLSENA, offre ad adulti e ragazzi una grande quantità di attività: visite guidate, laboratori didattici, filmati, conferenze, convegni, mostre, eventi artistici, ma anche: soggiorni per

Dettagli

Coordinamento dei Comitati per la Difesa del Territorio. MI RIFIUTO alternative per non buttare via la salute

Coordinamento dei Comitati per la Difesa del Territorio. MI RIFIUTO alternative per non buttare via la salute Coordinamento dei Comitati per la Difesa del Territorio Coordinamento dei Comitati per la Difesa del Territorio Dopo un attività di DISCUSSIONE e CONFRONTO il Coordinamento ha prodotto (estate 2005) il:

Dettagli

Differenzio. Riciclo Trasformo. Riutilizzo. Istituto Comprensivo Scuola dell Infanzia G.Rodari. Progetto di educazione ambientale

Differenzio. Riciclo Trasformo. Riutilizzo. Istituto Comprensivo Scuola dell Infanzia G.Rodari. Progetto di educazione ambientale Istituto Comprensivo Scuola dell Infanzia G.Rodari Progetto di educazione ambientale Sez. omogenea 5 anni C Differenzio Riciclo Trasformo Riutilizzo Insegnanti: AnnaContu, Giuseppina Florio 1 Anno scolastico

Dettagli

Progetto InBottigliAmo - Relazione conclusiva

Progetto InBottigliAmo - Relazione conclusiva Progetto InBottigliAmo - Relazione conclusiva Premessa: in Educazione Ambientale i processi rielaborativi e progettuali devono portare i ragazzi coinvolti dalla fase del recepire informazioni a quella

Dettagli

STRUMENTI ED AZIONI PER EDUCARE ALLA RIDUZIONE DEI RIFIUTI ATTRAVERSO LA RACCOLTA DIFFERENZIA- TAED IL CONSUMO CONSAPEVOLE.

STRUMENTI ED AZIONI PER EDUCARE ALLA RIDUZIONE DEI RIFIUTI ATTRAVERSO LA RACCOLTA DIFFERENZIA- TAED IL CONSUMO CONSAPEVOLE. STRUMENTI ED AZIONI PER EDUCARE ALLA RIDUZIONE DEI RIFIUTI ATTRAVERSO LA RACCOLTA DIFFERENZIA- TAED IL CONSUMO CONSAPEVOLE. IL PROGETTO ERREDÌ è un progetto pluriennale che si fonda sul riconoscimento

Dettagli

Comune di. Canegrate

Comune di. Canegrate Comune di Canegrate UMIDO ORGANICO Nei sacchetti in Mater-Bi dentro l apposito cestino aerato. Per la raccolta il sacchetto va spostato nel MASTELLO MARRONE da mettere fuori casa. Grandi quantità di verde

Dettagli

LA STORIA DEI RIFIUTI

LA STORIA DEI RIFIUTI I RIFIUTI LA STORIA DEI RIFIUTI Che cos è un rifiuto? Un rifiuto è qualsiasi oggetto o sostanza di cui ci disfiamo: residui, scarti, oggetti rotti o inutilizzabili, prodotti dalle attività domestiche o

Dettagli

SCHEDA PROGETTO ALLEGATO A

SCHEDA PROGETTO ALLEGATO A SCHEDA PROGETTO ALLEGATO A DENOMINAZIONE PROGETTO Educazione al Consumo Consapevole progetto per la realizzazione di un programma di educazione al consumo consapevole per le scuole di istruzione primaria

Dettagli

I prodotti della nostra terra non fanno il giro della Terra

I prodotti della nostra terra non fanno il giro della Terra I prodotti della nostra terra non fanno il giro della Terra Progetto rivolto alle classi della scuola primaria dell Emilia Romagna per l anno scolastico 2010-2011 COLDIRETTI Coldiretti, con un milione

Dettagli

T.E.R.R.A. TRADIZIONI ECCELLENZE RACCHIUSE E RADICATE NELL ALIMENTAZIONE

T.E.R.R.A. TRADIZIONI ECCELLENZE RACCHIUSE E RADICATE NELL ALIMENTAZIONE COMUNE DI BRUINO Provincia di Torino CAP 10090 Piazza Municipio, n. 3 - Tel. 011 9094411 - Fax 011 9084541 www.comune.bruino.to.it - e-mail ambiente.ecologia@comune.bruino.to.it Settore Urbanistica, Lavori

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI ANNO SCOLASTICO:2006/2007. SCUOLA PRIMARIA: G. Giusti Piano di Conca. ALUNNI COINVOLTI: classe 2^A e 2^B

OBIETTIVI FORMATIVI ANNO SCOLASTICO:2006/2007. SCUOLA PRIMARIA: G. Giusti Piano di Conca. ALUNNI COINVOLTI: classe 2^A e 2^B ANNO SCOLASTICO:2006/2007 SCUOLA PRIMARIA: G. Giusti Piano di Conca ALUNNI COINVOLTI: classe 2^A e 2^B INSEGNANTI: Bergamini Patrizia, Manfredini Maria Grazia Acquisire una maggiore sensibilità verso l

Dettagli

TITOLO DEL PROGETTO SOGGETTO PROMOTORE DELL INIZIATIVA. Piatto sano, mi ci ficco. Associazione Genitore Amico.

TITOLO DEL PROGETTO SOGGETTO PROMOTORE DELL INIZIATIVA. Piatto sano, mi ci ficco. Associazione Genitore Amico. ASSOCIAZIONE GENITORE AMICO ISTITUTO COMPRENSIVO DI TRIVERO COMUNE DI TRIVERO COMUNE DI SOPRANA TITOLO DEL PROGETTO Piatto sano, mi ci ficco. SOGGETTO PROMOTORE DELL INIZIATIVA Associazione Genitore Amico.

Dettagli

Vi chiediamo di scrivere di seguito alle indicazioni le vostre risposte rispettando il limite orientativo di 20 righe per punto.

Vi chiediamo di scrivere di seguito alle indicazioni le vostre risposte rispettando il limite orientativo di 20 righe per punto. Questa scheda si inserisce nelle attività di valutazione che il LaREA intende sviluppare nell ambito del Bando 2005/2006. La scheda vuole essere uno strumento che ci permetta di fare una valutazione in

Dettagli

SOMMARIO. .a questo ed altro risponde lo. 1. LA NOZIONE DI RIFIUTO E LA SUA CLASSIFICAZIONE IN BASE AL D.LGS. n 22/97. 2. LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI.

SOMMARIO. .a questo ed altro risponde lo. 1. LA NOZIONE DI RIFIUTO E LA SUA CLASSIFICAZIONE IN BASE AL D.LGS. n 22/97. 2. LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI. Alberto Casarotti Orari Martedì dalle ore 9,00 alle ore 13,00 Giovedì dalle ore 9,00 alle ore 16,00 Su appuntamento in orari diversi da quelli indicati sopra tel. 0532 299540 fax 0532 299525 rispondiamo

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA DESCRITTIVA

SCHEDA INFORMATIVA DESCRITTIVA SCHEDA INFORMATIVA DESCRITTIVA IL PROGRAMMA ECOSCHOOLS Il programma Eco-Schools, promosso dalla FEE, Foundation for Environmental Education, si applica all'ambiente di vita della comunità della scuola

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA SUL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI da trasmettere via fax al n 011/57.57.425 o via e-mail a: ccr@consiglioregionale.piemonte.

SCHEDA INFORMATIVA SUL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI da trasmettere via fax al n 011/57.57.425 o via e-mail a: ccr@consiglioregionale.piemonte. SCHEDA INFORMATIVA SUL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI da trasmettere via fax al n 011/57.57.425 o via e-mail a: ccr@consiglioregionale.piemonte.it COMUNE DI Prov. Borgomanero ( No) Modalità di costituzione

Dettagli

Corecom Progetti di educazione ai media. Interventi realizzati

Corecom Progetti di educazione ai media. Interventi realizzati Corecom Progetti di educazione ai media Anno scolastico Progetto Interventi realizzati Soggetti coinvolti Indagine sulle abitudini di fruizione televisiva da parte di bambini/e di età compresa tra i 24

Dettagli

Discarica comprensoriale di MONCLASSICO telefono: 0463.973151 Orario: dal lunedì al venerdì: 8.00 12.30 / 13.00 15.30

Discarica comprensoriale di MONCLASSICO telefono: 0463.973151 Orario: dal lunedì al venerdì: 8.00 12.30 / 13.00 15.30 Discarica comprensoriale di MONCLASSICO telefono: 0463.973151 Orario: dal lunedì al venerdì: 8.00 12.30 / 13.00 15.30 DATI SIGNIFICATIVI DELLA RACCOLTA RSU NEGLI ANNI Aggiornati al mese di febbraio 2010

Dettagli

Non perdiamoci un bicchiere d acqua. La nuova energia: il biodiesel. laboratorio didattico. laboratorio didattico

Non perdiamoci un bicchiere d acqua. La nuova energia: il biodiesel. laboratorio didattico. laboratorio didattico laboratorio didattico Non perdiamoci un bicchiere d acqua Il ciclo dei laboratori legati all acqua, dopo aver affrontato argomenti di carattere prettamente scientifico, continua in questo anno scolastico

Dettagli

6 ISTITUTO COMPRENSIVO PADOVA Anno scolastico 2013-2014 PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE

6 ISTITUTO COMPRENSIVO PADOVA Anno scolastico 2013-2014 PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE 6 ISTITUTO COMPRENSIVO PADOVA Scuola Primaria Elsa Morante Anno scolastico 2013-2014 PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE Classi coinvolte: 1-2 - 3-4 - 5 Docente che coordina il progetto: Galesso Daniela-

Dettagli

Campagne di comunicazione

Campagne di comunicazione Campagne di comunicazione Di seguito i principali progetti di comunicazione curati da Atlantide, suddivisi per provincia di riferimento e per cliente. Provincia di Ravenna AREA Azienda Ravennate Energia

Dettagli

Comune di Gorgonzola

Comune di Gorgonzola Categoria 2 45 Scheda del progetto Comune di Gorgonzola Andrea Della Vedova Via Italia, 62 20064 Gorgonzola (MI) 02 951268315 andrea.dellavedova@comune.gorgonzola.mi.it www.comune.gorgonzola.mi.it Ecologia

Dettagli

LA GRANDE MACCHINA DEL MONDO. Le iniziative didattiche 2011-2012 del Gruppo Hera

LA GRANDE MACCHINA DEL MONDO. Le iniziative didattiche 2011-2012 del Gruppo Hera LA GRANDE MACCHINA DEL MONDO Le iniziative didattiche 2011-2012 del Gruppo Hera Le iniziative didattiche Hera 2011-12 Da anni il Gruppo Hera promuove progetti di educazione ambientale nelle scuole delle

Dettagli

PROPOSTE EDUCATIVE PER LE SCUOLE. Primarie e Secondarie di 1. a.s.2015.2016

PROPOSTE EDUCATIVE PER LE SCUOLE. Primarie e Secondarie di 1. a.s.2015.2016 PROPOSTE EDUCATIVE PER LE SCUOLE Primarie e Secondarie di 1 a.s.2015.2016 La Casa delle Culture propone, attraverso la cooperativa, per l anno scolastico 2015/2016, un offerta di percorsi di animazione

Dettagli

IL COMPOSTAGGIO: IMITIAMO LA FORESTA. (scuola primaria)

IL COMPOSTAGGIO: IMITIAMO LA FORESTA. (scuola primaria) IL COMPOSTAGGIO: IMITIAMO LA FORESTA (scuola primaria) INFEA - MATERIALE DIDATTICO Laboratorio Il compostaggio: imitiamo la foresta (scuola primaria) Il compostaggio domestico Il compostaggio domestico

Dettagli

CONCORSO A PREMI PER I MIGLIORI PROGETTI DI RIDUZIONE DEI RIFIUTI E DI RACCOLTA DIFFERENZIATA VENERDI 22 GIUGNO 2012

CONCORSO A PREMI PER I MIGLIORI PROGETTI DI RIDUZIONE DEI RIFIUTI E DI RACCOLTA DIFFERENZIATA VENERDI 22 GIUGNO 2012 CONCORSO A PREMI PER I MIGLIORI PROGETTI DI RIDUZIONE DEI RIFIUTI E DI RACCOLTA DIFFERENZIATA VENERDI 22 GIUGNO 2012 La gerarchia europea per la gestione dei rifiuti: 1. prevenzione 2. preparazione per

Dettagli

Dopo aver letto la storia siamo tutti curiosi di conoscere meglio l argomento. Discutiamo in classe. Dalla discussione emerge che:

Dopo aver letto la storia siamo tutti curiosi di conoscere meglio l argomento. Discutiamo in classe. Dalla discussione emerge che: COSA SONO I RIFIUTI? Dopo aver letto la storia siamo tutti curiosi di conoscere meglio l argomento. Discutiamo in classe. Dalla discussione emerge che: I rifiuti sono le cose che buttiamo perché non ci

Dettagli

1. Diffusione informazioni tramite internet

1. Diffusione informazioni tramite internet Le seguenti azioni sono da intendersi come integrative rispetto alle azioni messe in atto direttamente da parte del vostro Comune con il supporto tecnico dei Professionisti Advisor. La diffusione presso

Dettagli

Quartiere Valle di Vado

Quartiere Valle di Vado carta, cartone e cartoncino: raccolta porta a porta il venerdì vetro e scatolame: campane verdi stradali plastica: raccolta porta a porta il giovedì abiti usati: contenitori stradali o presso la piattaforma

Dettagli

A TAVOLA SENZA SPRECHI

A TAVOLA SENZA SPRECHI CITTÀ DI CARAVAGGIO PROVINCIA DI BERGAMO Ufficio Tecnico: Area Ecologia A TAVOLA SENZA SPRECHI Strategie di prevenzione dei rifiuti nelle mense scolastiche PREMESSA A seguito dell interesse suscitato dal

Dettagli

PRESENTANO IL PROGETTO. SinErgica-Mente alla Ri-scossa. Ancora in cammino sulla via del risparmio energetico con CEA capofila CDA WWF Rimini

PRESENTANO IL PROGETTO. SinErgica-Mente alla Ri-scossa. Ancora in cammino sulla via del risparmio energetico con CEA capofila CDA WWF Rimini I CENTRI DI EDUCAZIONE AMBIENTALE DELLA PROVINCIA DI RIMINI: CDA WWF RIMINI, COMUNE DI RIMINI, OSSERVATORIO NATURALISTICO VALMARECCHIA, L ARBORETO DI MONDAINO, CDA COMUNE DI RICCIONE, FONDAZIONE CETACEA

Dettagli

Al riciclaggio percorso di educazione ambientale

Al riciclaggio percorso di educazione ambientale Al riciclaggio percorso di educazione ambientale Scuola dell Infanzia S. Vito sezione V - scoiattoli a. s. 2014-2015 Il progetto Al Riciclaggio si è articolato in 4 fasi: 1. Introduzione della tematica

Dettagli

EDUCAZIONE AMBIENTALE

EDUCAZIONE AMBIENTALE EDUCAZIONE AMBIENTALE DESTINATARI 1. tutte le classi della scuola dell infanzia 2. tutte le classi della scuola primaria 3. tutte le classi della scuola secondaria di primo grado 1. Scuola dell Infanzia

Dettagli

S.O.S. PRONTO SOCCORSO PER L AMBIENTE

S.O.S. PRONTO SOCCORSO PER L AMBIENTE Scuola Primaria L. da Vinci 2 Circolo-Pordenone S.O.S. PRONTO SOCCORSO PER L AMBIENTE CL 5^ PREMESSA Noi, bambini della classe quinta della Scuola Leonardo da Vinci, abbiamo voluto ancora una volta affermare

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DEL PREMIO La Sardegna verso la green economy

AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DEL PREMIO La Sardegna verso la green economy ASSESSORATO DELLA DIFESA DELL AMBIENTE Direzione Generale dell Ambiente Servizio della Sostenibilità Ambientale, Valutazione Impatti e Sistemi Informativi (SAVI) AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DEL

Dettagli

Ricicliamo! Aiutiamo i rifiuti a non sentirsi degli scarti!!

Ricicliamo! Aiutiamo i rifiuti a non sentirsi degli scarti!! Obiettivi del laboratorio Il percorso Il percorso in breve Ricicliamo! Aiutiamo i rifiuti a non sentirsi degli scarti!! laboratorio sul tema dei rifiuti far comprendere ai bambini l importanza del recupero

Dettagli

Altri materiali biodegradabili: segatura, trucioli di legno non trattato, tovagliolini di carta bianchi

Altri materiali biodegradabili: segatura, trucioli di legno non trattato, tovagliolini di carta bianchi 1. Cos è Il compostaggio è il risultato di un nuovo modo di trattare i rifiuti organici e vegetali. È semplice: noi tutti produciamo una certa quantità di rifiuti ogni giorno. Parte dei rifiuti prodotti

Dettagli

Il Responsabile del Procedimento è individuato per gli Uffici Provinciali nel funzionario Agata Fortunato.

Il Responsabile del Procedimento è individuato per gli Uffici Provinciali nel funzionario Agata Fortunato. ALLEGATO A BANDO DI CONCORSO A PREMI A FAVORE DELLE SCUOLE PUBBLICHE D INFANZIA, PRIMARIE, SECONDARIE DI PRIMO E SECONDO GRADO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI DI RIDUZIONE E/O RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI

Dettagli

Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani.

Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani. Stabilimenti balneari Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani. lo sapevate che: Per fare una tonnellata di carta ci vogliono 15 alberi, mentre per fare una tonnellata di carta riciclata neanche

Dettagli

MODULO DIDATTICO. Ufficio Agenda 21 del Comune di Udine Anno 2009. La scuola sostenibile PUBBLICAZIONE DI FINE PROGETTO

MODULO DIDATTICO. Ufficio Agenda 21 del Comune di Udine Anno 2009. La scuola sostenibile PUBBLICAZIONE DI FINE PROGETTO MODULO DIDATTICO Ufficio Agenda 21 del Comune di Udine Anno 2009 La scuola sostenibile PUBBLICAZIONE DI FINE PROGETTO Agenda 21 e la scuola Il coinvolgimento delle scuole nei processi di Agenda 21 costituisce

Dettagli

Sceneggiare un unità di lavoro

Sceneggiare un unità di lavoro Sceneggiare un unità di lavoro EDUCAZIONE ALIMENTARE Sai cosa mangi? Scuola-Istituto Titolo dell'unità Docenti partecipanti al Corso CENTRO SALESIANO DON BOSCO Treviglio L ALIMENTAZIONE E I PRINCIPI NUTRITIVI.

Dettagli

La Natura insegna. XX edizione. Bando per il concorso. Riservato alle classi. Etra. la XX edizione del concorso intitolato LA NATURA INSEGNA

La Natura insegna. XX edizione. Bando per il concorso. Riservato alle classi. Etra. la XX edizione del concorso intitolato LA NATURA INSEGNA con il patrocinio di ANNO SCOLASTICO 2015-2016 Futuro sostenibile Provincia di Padova Bando per il concorso Provincia di Vicenza La Natura insegna XX edizione Riservato alle classi che aderiscono al progetto

Dettagli

Attività didattica I.C. Cogoleto. Classi Primarie e Secondarie Primo Grado

Attività didattica I.C. Cogoleto. Classi Primarie e Secondarie Primo Grado Attività didattica I.C. Cogoleto Classi Primarie e Secondarie Primo Grado Anno Scolastico 2013 - Fondazione Muvita si propone, di concerto con il Comune di Cogoleto e l Istituto Comprensivo di Cogoleto,

Dettagli

LABORATORIO DISCRITTURA scrivere unprogetto

LABORATORIO DISCRITTURA scrivere unprogetto a.a. 2010 2011 LABORATORIO DISCRITTURA scrivere unprogetto di Sandra Renzi Mi trovavo, un giorno, nello studio di un artista, un pittore per la precisione. Mi incuriosì, ad un tratto la tela bianca di

Dettagli

IL PROBLEMA DEI RIFIUTI

IL PROBLEMA DEI RIFIUTI IMPARIAMO A RIFIUTARE Miglioriamo i insieme i la raccolta differenziata a scuola IL PROBLEMA DEI RIFIUTI SONO TANTI siamo in tanti e ognuno ne produce tantiti NON SONO BIODEGRADABILI gran parte di quello

Dettagli

Relazione al bilancio di previsione. Antonella Ferrari Assessore alla Cultura, Tempo libero Pubblica Istruzione, Servizi informativi Comunicazione

Relazione al bilancio di previsione. Antonella Ferrari Assessore alla Cultura, Tempo libero Pubblica Istruzione, Servizi informativi Comunicazione Relazione al bilancio di previsione Antonella Ferrari Assessore alla Cultura, Tempo libero Pubblica Istruzione, Servizi informativi Comunicazione Anno 2013 Pubblica Istruzione Dimensionamento Scolastico

Dettagli

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO STRATEGIA DI COMUNICAZIONE 2014-2020 La Strategia di comunicazione e gli obblighi di pubblicità 2 L attività

Dettagli

Parco Regionale dei Sassi di Roccamalatina anno scolastico 2010-2011

Parco Regionale dei Sassi di Roccamalatina anno scolastico 2010-2011 Parco Regionale dei Sassi di Roccamalatina anno scolastico 2010-2011 Centro di Educazione alla Sostenibilità Sassi di Roccamalatina Via Pieve di Trebbio 1287-41052 Guiglia, loc. Pieve di Trebbio Tel. 059

Dettagli

IN-COSCIENZA CIVILE. SCUOLA: Liceo Alessandro Volta - Federico Fellini di Riccione (Rimini)

IN-COSCIENZA CIVILE. SCUOLA: Liceo Alessandro Volta - Federico Fellini di Riccione (Rimini) IN-COSCIENZA CIVILE SCUOLA: Liceo Alessandro Volta - Federico Fellini di Riccione (Rimini) ARCHIVIO: Archivio del Premio Ilaria Alpi - Biblioteca comunale di Riccione ALTRI PARTNER: Associazione Ilaria

Dettagli

LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI A CASTELLARANO.

LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI A CASTELLARANO. LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI A CASTELLARANO. Iniziative attive sul territorio del Comune di Castellarano volte alla riduzione e riutilizzo dei rifiuti per incentivare nuovi stili di vita sostenibili a impatto

Dettagli

Istituto comprensivo F. De Sanctis Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Cervinara Avellino Anno scolastico 2012-2013

Istituto comprensivo F. De Sanctis Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Cervinara Avellino Anno scolastico 2012-2013 Istituto comprensivo F. De Sanctis Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Cervinara Avellino Anno scolastico 2012-2013 I libri si rispettano usandoli, non lasciandoli stare. Umberto

Dettagli

RICICLANDO. sez. I - PINGUINI. Progetto di educazione ambientale

RICICLANDO. sez. I - PINGUINI. Progetto di educazione ambientale RICICLANDO sez. I - PINGUINI Progetto di educazione ambientale 2014-2015 Piano delle attività Il progetto si è sviluppato da gennaio a giugno e si è articolato in 4 fasi principali: FASE 1 All'inizio del

Dettagli

"IMPARIAMO A RICICLARE"

IMPARIAMO A RICICLARE COLLEGIO ARCIVESCOVILE Castelli PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE "IMPARIAMO A RICICLARE" (progetto di durata annuale) Anno scolastico 2008/2009 Classi terze e quarte - Scuola primaria FINALITA' Il Progetto

Dettagli

Giornata sul commercio equo

Giornata sul commercio equo Giornata sul commercio equo Premessa l 29 settembre 2011 ha avuto luogo la giornata di informazione sul commercio e consumo equo. Nell'ambito di questa iniziativa i ragazzi hanno potuto seguire un film

Dettagli

La campagna di comunicazione a sostegno dei progetti di raccolta differenziata 2006

La campagna di comunicazione a sostegno dei progetti di raccolta differenziata 2006 La campagna di comunicazione a sostegno dei progetti di raccolta differenziata 2006 Il logo e lo slogan della campagna Obiettivi della campagna: promuovere la raccolta differenziata ed ottenere il corretto

Dettagli

Le iniziative didattiche 2013-2014 del Gruppo Hera

Le iniziative didattiche 2013-2014 del Gruppo Hera Le iniziative didattiche 2013-2014 del Gruppo Hera Le iniziative didattiche Hera 2013-14 Da anni il Gruppo Hera promuove progetti di educazione ambientale nelle scuole delle province in cui opera. Negli

Dettagli

DALLA TESTA AI PIEDI

DALLA TESTA AI PIEDI PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO ANNUALE SCUOLA DELL INFANZIA A. MAGNANI BALIGNANO DALLA TESTA AI PIEDI ALLA SCOPERTA DEL NOSTRO CORPO Anno scolastico 2013-14 MOTIVAZIONI Il corpo è il principale strumento

Dettagli

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA L alunno esplora i fenomeni con un approccio scientifico: con l aiuto dell insegnante, dei compagni, in modo autonomo, osserva e descrive

Dettagli

PROGETTO : Ti riciclo

PROGETTO : Ti riciclo Torino gennaio 2013 L Associazione Triciclo propone laboratori di educazione ambientale, articolati in 4 incontri di 2 ore ciascuno da realizzarsi nel periodo da novembre 2012 a maggio 2013.I seguenti

Dettagli

SCHEDA DIDATTICA. Sulla base di ciò che hai osservato poco fa, rispondi a queste facili domande facendo una crocetta sulla risposta corretta:

SCHEDA DIDATTICA. Sulla base di ciò che hai osservato poco fa, rispondi a queste facili domande facendo una crocetta sulla risposta corretta: SCHEDA DIDATTICA NOME: COGNOME: CLASSE: Sulla base di ciò che hai osservato poco fa, rispondi a queste facili domande facendo una crocetta sulla risposta corretta: 1) Secondo te è più pesante una bottiglia

Dettagli

FRUTTA NELLE SCUOLE REGIONE DEL VENETO. Veronica Bertoldo tel. 041/2795628 mail: veronica.bertoldo@regione.veneto.it

FRUTTA NELLE SCUOLE REGIONE DEL VENETO. Veronica Bertoldo tel. 041/2795628 mail: veronica.bertoldo@regione.veneto.it FRUTTA NELLE SCUOLE REGIONE DEL VENETO Veronica Bertoldo tel. 041/2795628 mail: veronica.bertoldo@regione.veneto.it PROGRAMMA COMUNITARIO CON COFINANZIAMENTO NAZIONALE Progetto di educazione alimentare

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Scuola dell Infanzia - Primaria - Secondaria 1 Grado C. F. 80006670626 C. M. BNIC804009 Viale Europa, 13 Tel / Fax

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Scuola dell Infanzia - Primaria - Secondaria 1 Grado C. F. 80006670626 C. M. BNIC804009 Viale Europa, 13 Tel / Fax ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Scuola dell Infanzia - Primaria - Secondaria 1 Grado C. F. 80006670626 C. M. BNIC804009 Viale Europa, 13 Tel / Fax 0824.851030 e-mail icpontelandolfo@tiscali.it sito web www.icspontelandolfo.it

Dettagli

PROGETTO CONTINUITA SCUOLA PRIMARIA SEC. DI 1 GRADO A.S. 2011/2012 STUDIAMO INSIEME L AMBIENTE

PROGETTO CONTINUITA SCUOLA PRIMARIA SEC. DI 1 GRADO A.S. 2011/2012 STUDIAMO INSIEME L AMBIENTE PROGETTO CONTINUITA SCUOLA PRIMARIA SEC. DI 1 GRADO A.S. 2011/2012 Il progetto continuità Scuola Primaria Scuola Secondaria di I grado, coinvolgerà otto classi di V^ della Scuola Primaria e cinque classi

Dettagli

L Ufficio Raccolta Differenziata è già attivo presso il Parco degli Ulivi in Via delle Mimose, 52.

L Ufficio Raccolta Differenziata è già attivo presso il Parco degli Ulivi in Via delle Mimose, 52. NUOVO SERVIZIO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA Dal 19 maggio 2014 spariranno progressivamente tutti i cassonetti stradali presenti nel territorio comunale e partirà un nuovo ed efficiente sistema di raccolta

Dettagli

L Associazione Scuola per Scuola uguale Solidarietà indice la 8^ edizione mostra - concorso 2015. Colora il Pianeta. Cibo e acqua per tutti

L Associazione Scuola per Scuola uguale Solidarietà indice la 8^ edizione mostra - concorso 2015. Colora il Pianeta. Cibo e acqua per tutti SCUOLA PER SCUOLA UGUALE SOLIDARIETÀ Associazione di promozione sociale sulla pace, solidarietà e diritti umani Sede sociale c/o Casa delle Associazioni, Via Canova, 45 20024 Garbagnate Milanese Codice

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Laboratori didattici. Proposte didattiche ed educative del Giardino Botanico Alpino Rezia di Bormio SO

ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Laboratori didattici. Proposte didattiche ed educative del Giardino Botanico Alpino Rezia di Bormio SO Proposte didattiche ed educative del di Bormio SO Il costituisce un punto di riferimento per la riproduzione di specie rare, una fonte di divulgazione scientifica, un richiamo per gli appassionati della

Dettagli

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO LA STRATEGIA DI COMUNICAZIONE 2014-2020 LA STRATEGIA DI COMUNICAZIONE E GLI OBBLIGHI DI PUBBLICITÀ La Strategia

Dettagli

Progetto sperimentale per un sistema integrato domiciliare di raccolta dei rifiuti urbani

Progetto sperimentale per un sistema integrato domiciliare di raccolta dei rifiuti urbani Comune di Giuliano Teatino Progetto sperimentale per un sistema integrato domiciliare di raccolta dei rifiuti urbani 100% compostaggio domestico ANALISI DELLE CRITICITÀ E PROPOSTE RISOLUTIVE PER LE UTENZE

Dettagli

Concorso La scuola più riciclona

Concorso La scuola più riciclona Il futuro è nella nostra natura Concorso La scuola più riciclona Nell'ambito del Piano dell'offerta Formativa Territoriale (POFT) 2014/2015, il Comune di Bitonto indice il concorso La scuola più riciclona

Dettagli