MENO E' MEGLIO Azioni di una comunità capace di ridurre i rifiuti attraverso ecodesign e creatività. Relazione Conclusiva

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MENO E' MEGLIO Azioni di una comunità capace di ridurre i rifiuti attraverso ecodesign e creatività. Relazione Conclusiva"

Transcript

1 MENO E' MEGLIO Azioni di una comunità capace di ridurre i rifiuti attraverso ecodesign e creatività. Relazione Conclusiva Il tema dei rifiuti, soprattutto con riferimento alla raccolta differenziata, in questi ultimi anni si è sviluppato grazie ad un lavoro lungo e articolato a livello di tutto il sistema sociale, producendo grandi risultati concreti. Con questo progetto abbiamo voluto puntare l'accento anche sul tema della riduzione dei rifiuti e su tutti gli aspetti connessi alla ridefinizione creativa dei processi di produzione (eco-design) e consumo (sobrietà). Il progetto si è sviluppato principalmente con 2 fasi territoriali, più che temporali. Una prima fase che ha coinvolto Rimini e i Comuni del territorio provinciale nord ha sviluppato un focus sugli Enti Pubblici del territorio per promuovere e diffondere la cultura del riuso e la riduzione dei rifiuti e un secondo focus sulle scuole dell'obbligo per la realizzazione di laboratori in classe per sviluppare, in chiave teatrale, creatività volta ad allungare la vita ai prodotti e favorire lo sviluppo del compostaggio domestico e scolastico. Una seconda fase che ha coinvolto Riccione e i Comuni del territorio provinciale sud ha sviluppato un focus sulle famiglie del territorio per promuovere e diffondere stili di vita attenti alla cultura del riuso e alla cura degli oggetti e un focus sui turisti costieri per lo sviluppo di scelte di acquisto e comportamentali che possano favorire la riduzione a monte dei rifiuti e il conseguente minor impatto sull'ecosistema marino. Una terza fase è stata invece trasversale e, attraverso la tematica dello smaltimento dell'amianto e della comunicazione ambientale, si è posta al servizio delle prime due, conferendo unitarietà al progetto. FASE SUD Le prime attività messe in campo sono state quelle della zona sud durante l'estate I partner che hanno collaborato per la stesura di una azione estesa sul territorio e adeguata al raggiungimento di diversi target sono stati: CEA Comune di Riccione, Fondazione Cetacea, ReeDo Hub, Guardie Ecologiche Volontarie. AZIONI PRESSO L'ARBORETO CICCHETTI L'Arboreto Cicchetti ha ospitato tre appuntamenti, per offrire ai cittadini occasioni di approfondimento del tema legato alla riduzione dei rifiuti e al corretto smaltimento dell amianto. Il Comune di Riccione, ed in particolare l'ufficio ambiente, ha coordinato l'iniziativa alla quale hanno 1

2 collaborato: Fondazione Cetacea, ReeDo Hub, Ausl Rimini, Guardie Ecologiche Volontarie e la cooperativa Il Millepiedi. Le attività si sono svolte il 2, il 9 e il 16 settembre. Il 2 e il 9 settembre, ReeDo Hub ha proposto un laboratorio di sartoria del ri-uso. Il 14 settembre, le GEV in collaborazione con l AUSL di Rimini hanno organizzato un incontro di sensibilizzazione per i cittadini sul tema dell amianto. Nel corso di questi appuntamenti, il progetto prevedeva la proposta di attività di animazione per bambini in modo che le famiglie interessate potessero seguire le attività. I laboratori e le attività di animazione sono state gestite dalla coop. Il Millepiedi e dalla Fondazione Cetacea. La cooperativa Il Millepiedi ha proposto un laboratorio sensoriale per la fascia 0-6 anni. I bambini, attraverso l utilizzo dei cinque sensi, potevano conoscere in maniera diversa dal solito il nostro pianeta attraverso la scoperta di materiali come il legno, le foglie, la sabbia, la ghiaia, la terra ecc. Fondazione Cetacea ha proposto attività per la fascia 6-12 con la creazione di animali marini utilizzando esclusivamente materiali di recupero. I laboratori sono stati molto graditi dai bambini partecipanti che sono stati circa nel corso dei tre appuntamenti. WORKSHOP ORGANIZZATI DA ReeDo Hub - start-up nata dall'università di Bologna, Polo di Rimini, ZoneModa. WORKSHOP 15 LUGLIO Inventa un nuovo supereroe con materiali di riuso - ReeDo for Kids - Cosplay ecosostenibile Reedo Couture è un format di sartoria artistica di ri-uso che parte da un impostazione ecosostenibile ideato da ReeDo Hub. ReeDo Couture lavora sia su capi vecchi sia su rimanenze di tessuti. La versione speciale dedicata ai giovani amanti di anime e manga si è riproposta di insegnare ai partecipanti come diventare un eroe dei cartoni animati indossando indumenti o oggettistica creati autonomamente con materiali di scarto, stimolando creatività e ingegno. Il workshop è stato strutturato in 3 step: - La creazione di una carta d identità di un supereroe/eroina inventato dal bambino; - Lo schizzo del personaggio; - La realizzazione con materiali di scarto degli indumenti e degli accessori del supereroe, poi applicati su una sagoma di cartone. Alla fine di ogni lavoro il bambino veniva fotografato col suo supereroe ulteriore ricordo dell esperienza oltre al risultato effettivo che tutti hanno portato via con se. 2

3 WORKSHOP PER COMUNE DI RICCIONE (2-9 SETTEMBRE): Crea una sciarpa/collo/collana materiali di riuso e t-shirt: da t-shirt nasce cosa La versione creata per target diversi (infatti hanno partecipato bambini, ragazzi, adulti e anziani) propone di creare delle sciarpe con delle vecchie t-shirt, tagliandole e creando tanti tubolari di maglina, poi adornare la collana autonomamente con materiali di scarto, e accessoriato vario stimolando creatività e ingegno. Il percorso di progettazione creativa vuole educare al riutilizzo dello spreco attraverso i linguaggi della moda. Il workshop è stato strutturato in 3 step: - La spiegazione della trasformazione di t-shirt in sciarpa/collo/collana; - La scelta dei materiali; - La realizzazione effettiva della propria sciarpa, che diventa di proprietà del partecipante. 3

4 INCONTRO DIVULGATIVO SULLA PROBLEMATICA AMIANTO (AZIONE 3 AMIANTO) Il 16 settembre, le GEV in collaborazione con l AUSL di Rimini hanno organizzato un incontro di sensibilizzazione per i cittadini sul tema dell amianto. Tale incontro è stato poi ripetuto anche a Rimini il 15/02/2013. Forti delle precedenti esperienze, l'associazione, avvalendosi della collaborazione di professionisti esperti, aveva già tenuto degli incontri presso le sedi dei Quartieri messi a disposizione dal Comune di Rimini. Considerato che il progetto MENO è MEGLIO ha come scopo principale la riduzione dei rifiuti, le GEV di Rimini si sono prestate nel fornire informazioni sui danni causati dall'amianto con l organizzazione di incontri pubblici finalizzati ad accrescere la sensibilizzazione verso i danni che procura l amianto, la conoscenza delle procedure per il suo smaltimento e l individuazione di soluzioni che 4

5 facilitino lo smaltimento. Sia per Riccione che per Rimini a presenziare le riunioni sono intervenuti due esperti nel trattamento dell amianto, un funzionario del Dipartimento di Sanità Pubblica dell ASL di Rimini ed un medico specialista in Pneumologia e Oncologia, che hanno relazionato al pubblico presente sul pericolo ed i danni che procura l amianto e le procedure per il suo smaltimento, proiettando anche numerose slides. A Rimini è anche intervenuto l'assessore all'ambiente con lo specifico compito di illustrare le facilitazioni e contributi che le amministrazioni pubbliche mettono a disposizione dei cittadini per avviare una pratica di bonifica amianto in tutta sicurezza. CEA DEL COMUNE DI RICCIONE Da progetto, era stata prevista per il CEA di Riccione, uno specifico focus sulle famiglie per promuovere e diffondere stili di vita attenti alla cultura del riuso e alla cura degli oggetti. Il CEA aveva quindi programmato una specifica azione di sensibilizzazione e informazione riguardo l'uso dei pannolini lavabili e/o compostabili, preventivando di acquistare un certo numero di kit da donare alle famiglie con nuove nascite. Purtroppo questa azione non si è resa possibile per la prematura messa in liquidazione della ditta che si era contattata per la fornitura della merce. L'azione è stata quindi sostituita dalla realizzazione di una pubblicazione inerente le azioni di riduzione dei rifiuti negli enti pubblici. L'incarico per la redazione, l'impostazione grafica e la stampa di tale pubblicazione è stato affidato alla coop. Anima Mundi. Tale opuscolo è stato pubblicato sui siti internet dei partner ed inviato agli enti pubblici del territorio. FONDAZIONE CETACEA Le attività di progetto coordinate da Fondazione Cetacea si sono svolte regolarmente durante il periodo estivo giugno-settembre 2012 e consistevano in incontri pratici di riciclo creativo settimanali, svolti presso il centro Adria, che hanno coinvolto soprattutto famiglie con bambini. Si sono svolte 30 laboratori specifici. Inoltre sono state create delle opere (un pesce sulla spiaggia e un fondale marino) con materiale di riciclo visibili al pubblico che frequentava il centro ( presenze) come esempio di riutilizzo creativo dei rifiuti. Le attività sono state molto apprezzate dai partecipanti, così come le opere in esposizione che hanno dato molti spunti per riprodurre gli oggetti realizzati anche a casa propria o a scuola utilizzando i materiali più diversi. Gli oggetti rimanevano ai partecipanti ma alcuni contribuivano ad arricchire il fondale marino. 5

6 FASE NORD Le attività programmate per la zona nord sono iniziate con l'avvio dell'anno scolastico e hanno interessato gli enti pubblici della provincia di Rimini e le scuole. FOCUS SUGLI ENTI PUBBLICI PER PROMUOVERE E DIFFONDERE LA CULTURA DEL RIUSO E LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI Il CEDA del Comune di Rimini, supportato dalla coop. anima Mundi, ha portato avanti l'azione verso gli Enti pubblici convinto delle positive ripercussioni che tale azione può innescare in un ambito dove la razionalizzazione dei propri organismi interni risulta sempre difficile e occupa un posto di secondo piano. Combattere lo spreco e le perdite di efficienza di un sistema di uso e riuso del materiale deve essere una priorità economica, ecologica e sociale per la politica, le istituzioni, le amministrazioni locali, le imprese. Si è lavorato per far passare il messaggio che una vera e propria Wasting Review si dovrebbe accoppiare alla più nota Spendig Review. Punto di partenza è stata la ricognizione su scala nazionale delle buone pratiche adottate dagli enti pubblici e dei principali strumenti messi a disposizione. Tale ricerca ha visto il suo culmine con la redazione di una pubblicazione che illustra il percorso intrapreso e offre le necessarie conoscenze per la realizzazione di buone pratiche e per l'individuazione di obiettivi e strategie. Sono stati presentati i progetti: Last minute Market, Acquisti Verdi, la Carta per una rete di enti territoriali a spreco zero, car sharing aziendale, Trashware. Gli enti contattati tramite lettera dell'assessore all'ambiente, dott.sa Sara Visentin, sono stati 44 (a titolo esemplificativo possiamo citare: Provincia RN, HERA Rimini, Capitaneria di Porto, SGR Servizi, AUSL Rimini, ACI Rimini, Agenzia del Territorio, Centro per l'impiego, PRA, Rimini Fiera, Start Romagna). Con questo primo contatto si è presentato il progetto e le sue finalità e si è chiesto loro di individuare e condividere informazioni e/o materiale circa le azioni o i percorsi intrapresi nella direzione di una riduzione dei rifiuti prodotti. La risposta non è stata elevata ma si sono comunque innescati dei rapporti 6

7 diretti con alcuni enti che si sono dimostrati interessati all'argomento, come ad esempio l'sgr Servizi. Si è quindi svolto un incontro il 15 febbraio 2013 con i seguenti obiettivi: - la presentazione da parte di ogni Ente partecipante della propria esperienza per condividerla evidenziando i punti di forza e criticità, in modo da svolgere un' analisi condivisa; - fornire informazioni, stimoli, notizie su quelle che sono a livello regionale e nazionale gli esempi delle migliori pratiche innovative realizzate; - facilitare l'avviamento di progetti comuni volti alla realizzazione di azioni di sistema che portino all'adozione di azioni per la riduzione dei rifiuti; - valorizzare il lavoro svolto e l'impegno profuso nella direzione di un cambiamento per una gestione più efficiente dei rifiuti all'interno degli Enti. L'incontro è stato di grande stimolo ed è servito ad individuare alcune azioni base da mettere in atto: verifica delle procedure di acquisto e avvio di una procedura per gli acquisti verdi verifica della dotazione dei bidoni per la raccolta differenziata (sopratutto per quel che riguarda la carta) e successivo adeguamento installazione di distributori di acqua potabile adesione al Last Minute Market per gli scarti alimentari della mensa Tali percorsi saranno avviati all'interno degli Enti che ne hanno manifestato l'interesse sfruttando il supporto tecnico di HERA e del Comune di Rimini. LABORATORIO DIDATTICO: MENO E' MEGLIO: DILLO A TUTTI! Il CDA WWF di Rimini, per tramite della cooperativa il Millepiedi, ha curato i laboratori didattici rivolti alle scuole sul tema del recupero creativo. Meno è meglio: dillo a tutti! rappresenta l iniziativa didattica ideata per la realizzazione di uno spot pubblicitario. Lo scopo di tale laboratorio è quello di sottolineare che prolungare la vita degli oggetti è possibile, divertente ed è un sistema efficace per ridurre la produzione dei rifiuti. Ai docenti è stato chiesta la loro collaborazione per promuovere la buona prassi della merenda a imballaggio zero : un attività di sensibilizzazione che, stimolata dai laboratori e dagli incontri con i docenti, incentiva le famiglie a fornire ai bambini merende senza imballaggio, fatte in casa e trasportate a scuola dentro contenitori riutilizzabili. I principali contenuti dell'attività laboratoriale sono stati: Conoscenza dei materiali di scarto e della loro corretta gestione con la raccolta differenziata. Approfondimento del tema riduzione dei rifiuti con riferimenti ai prodotti acquistati abitualmente, ponendo l accento sull enorme quantità di imballaggi che ogni giorno gettiamo via. Riflessione sull importanza che ha prolungare la vita dei prodotti che utilizziamo per ridurre la produzione dei rifiuti Le scuole coinvolte sono state: 7

8 primaria Madre Teresa di Calcutta (Rimini zona San Giuliano Mare): classi 4 A, B e C (per un totale di 68 bambini) primaria Santa Cristina (Rimini zona Santa Cristina): classe 4 A con la partecipazione straordinaria della classe 3 A (per un totale di 27 bambini Tutte le attività si sono svolte tra il 16 ottobre e il 23 novembre Il primo passo per la realizzazione di questa attività è stato un incontro preliminare con le insegnanti per definire i dettagli del programma in modo da armonizzarlo il più possibile con le attività scolastiche già in corso e con la programmazione didattica, per rendere l azione il più efficace possibile. Le classi partecipanti hanno potuto svolgere l attività suddivisa in 3 incontri di due ore, con il seguente programma di attività e temi: 1 incontro - il problema rifiuti, le soluzioni possibili, il riutilizzo e la riduzione dei rifiuti, lancio della realizzazione dello spot e brain storming di classe per trovare messaggio e soggetto per lo spot stesso. Lancio della campagna Merenda a imballaggio zero. 2 incontro - definizione e realizzazione degli attori dello spot: messo in scena dagli alunni utilizzando materiale di recupero per la costruzione di un teatrino e di alcune marionette. 3 incontro - realizzazione dello spot (filmato e montato dall operatrice) ad opera dei bambini che hanno agito come scenografi, tecnici e attori dietro le quinte (essendo loro voce e movimento dei personaggi effettivamente andati in scena). Impostazione della campagna pubblicitaria/di sensibilizzazione interna alla scuola con l utilizzo dello spot come strumento di diffusione del messaggio scelto. Al termine delle attività in classe alle insegnanti è stato chiesto di compilare una scheda di gradimento e valutazione del laboratorio dal punto di vista dei contenuti proposti e dell efficacia degli strumenti scelti per trasmetterli ai bambini. In generale le maestre hanno manifestato di aver gradito l equilibrio tra parte teorica e la parte prettamente laboratoriale, e hanno notato un buon interesse da parte dei bambini nei confronti dell attività proposta, spendendosi con entusiasmo nella realizzazione degli spot. Si allegano i video dei 4 spot prodotti con le classi partecipanti. LABORATORIO DIDATTICO SUL COMPOSTAGGIO L Osservatorio Naturalistico Valmarecchia (ONV) ha focalizzato le sue attività sulle tematiche del compostaggio: un modo per dimostrare come la natura opera per la riduzione dei propri rifiuti. Gli utenti finali delle attività proposte dall ONV sono stati gli alunni e le alunne della Scuola Primaria e di riflesso le loro famiglie. I bambini e le bambine sono infatti degli ottimi moltiplicatori di informazioni e il veicolo ideale per coinvolgere in modo attivo le famiglie. Le scuole coinvolte sono state: primaria di Pietracuta (classi 3 e 4 ) primaria di San Leo capoluogo primaria di Santarcangelo San Bartolo (classe 3 ) primaria di Santarcangelo Pascucci (classi 3 B, 5 E, 5 B) 8

9 In ogni classe sono stati svolti 2 incontri da due ore ciascuno. Prima di iniziare l incontro è stata fatta una verifica di pre apprendimento con l utilizzo di una scheda per capire l atteggiamento degli alunni nei confronti dei rifiuti organici. (vedi Allegato1- verifica di apprendimento). Durante le prime due ore i bambini sono stati informati delle varie tipologie di rifiuti (plastica, carta, vetro, alluminio, medicinali, pile, ingombranti con particolare attenzione alla frazione umida), di ognuno di questi è stata analizzata la metodologia di smaltimento e i contenitori per la raccolta differenziata. Per facilitare la memorizzazione di questi argomenti è stato proposto un gioco di riconoscimento dei rifiuti con lo scopo di distinguere i due grandi gruppi di rifiuti: gli organici e gli inorganici. Ad ogni ragazzo è stata consegnata una tesserina rappresentante un rifiuto con lo scopo di individuare i rifiuti organici tra tutti gli altri rifiuti e di posizionarli alla lavagna nel gruppo giusto chiedendo la motivazione della scelta. Successivamente è stato chiesto ai bambini di identificare da dove provengono i rifiuti organici, invitandoli ad osservare le tesserine. Una volta chiarito quali sono i rifiuti organici è stato proposto alla classe di scoprirne le caratteristiche. E emerso subito che a differenza degli altri rifiuti: - possono marcire, subire la putrefazione e decomporsi in tempi brevi - sono derivati direttamente da esseri viventi, animali o vegetali - contengono un alta percentuale di acqua, questo i bambini lo hanno intuito dal fatto che derivano da organismi viventi e sono anche chiamati rifiuti umidi - sono biodegradabili cioè vengono distrutti grazie all azione di alcuni esseri viventi (organismi decompositori) che scompongono la sostanza in sali minerali e acqua - si possono conferire anche nei giardini e negli orti e in questo modo la terra si arricchisce di sostanze utili alla crescita delle piante Una volta chiarito il concetto di rifiuto organico si è cercato di capire a cosa servono e come possono essere utilmente impiegati; dopo un acceso confronto all interno della classe si è stabilito che esistono diverse destinazioni per questo tipo di rifiuto che portano a trasformare l organico in nuove risorse. 9

10 Schematicamente si è giunti alla conclusione che: DESTINAZIONI RISORSE Contenitore per raccolta differenziata Compost Compostiera domestica Compost Orto o buca nel terreno Concime Cibo per animali domestici(es. galline dei nonni) Nutrimento Stufa o camino Combustibile L incontro poi si è evoluto in una fase più pratica per fare comprendere bene ai bambini l importanza degli organismi decompositori che, attaccando i resti degli altri organismi, ricavano il loro nutrimento e trasformano le sostanze complesse in più semplici che liberate nel terreno servono come nutrimento per le piante. A tal fine è stato costruito un muffario: la classe è stata divisa in 4 gruppi; ogni gruppo ha riempito un contenitore in alluminio di terriccio e vi ha posizionato sopra pezzi di formaggio, pane e bucce di agrumi poi il tutto è stato bagnato e coperto con pellicola trasparente. ( vedi Allegato 2muffario in classe) Infine è stato consegnato un sondaggio-questionario da compilare con le famiglie sulle abitudini di raccolta dei rifiuti organici. (vedi Allegato 3-sondaggio). Nel secondo incontro dopo aver ripreso rapidamente i concetti del primo incontro e aver ritirato la scheda sondaggio, si è focalizzata l attenzione sui rifiuti organici, sul compostaggio e sull evoluzione del compost. Per prima cosa si è aperto il muffario, (si è scoperto che le muffe sono dei particolari tipi di funghi), e si sono analizzate le varie muffe al microscopio, i bambini sono riusciti a vedere l intreccio di ife che si sviluppano sul nutrimento organico e si è spiegata la loro importanza nella produzione di vini, di formaggi e di alcuni antibiotici come ad esempio la penicillina. Poi si è passati all osservazione di organismi decompositori visibili ad occhio nudo: i lombrichi. E stata consegnata una scheda che ha aiutato i bambini a costruire un lombricaio. Per costruirlo si è presa una 10

11 bottiglia di plastica, si è tagliata circa a metà e si è riempita di terra, ghiaia, sabbia, foglie e di lombrichi; questi ultimi sono degli infaticabili rimescolatori di terreno, si muovono nel terreno creando delle gallerie che permettono al suolo di essere sempre ben areato e sminuzzano e digeriscono sostanze complesse. (Vedi Allegato 4 -L allevamento dei lombrichi) Infine con l aiuto di un cartellone si sono analizzati i vari tipi di compostiere: a rete metallica, in legno, vari sistemi di cumulo, in plastica e il loro utilizzo; i bambini hanno imparato a: - dosare la giusta proporzione di rifiuti alimentari e di scarti di giardinaggio per ottenere un compost ottimale, - coprire sempre la compostiera perché l acqua ne rovina il contenuto - mescolare di tanto in tanto il contenuto della compostiera per evitare cattivi odori - capire quando il compost è maturo stringendolo in un pugno 11

12 Una volta scoperti tutti i segreti del compost si è passati alla costruzione di una semplice compostiera in rete metallica (vedi Allegato 5-prepariamo il compost). Dall esito del questionario-sondaggio è emerso che la maggior parte delle famiglie fa la raccolta differenziata ma non dell organico perché i contenitori marroni adibiti a tale raccolta sono scarsi e sono pochi coloro che vivono in case indipendenti con giardino e con la possibilità di avere una compostiera. A fine incontro è stato fatto compilare un questionario di gradimento agli insegnanti dal quale è emerso che questo percorso è stato affrontato con entusiasmo al fine di fare abituare i bimbi al rispetto della natura. I materiali e il linguaggio dell operatore sono stati adeguati ed esaurienti e i momenti che hanno maggiormente coinvolto i bambini sono stati la costruzione del muffario, l osservazione delle muffe al microscopio e la costruzione della compostiera. Il giudizio complessivo è risultato ottimo. Un momento di incontro pubblico è stato svolto presso l Osservatorio Naturalistico Valmarecchia il 21 aprile 2013 con una attività per grandi e piccoli su compost, compostiere e loro utilità. PROMOZIONE E DIVULGAZIONE DEI RISULTATI Il piano di comunicazione ha previsto prima di tutto la realizzazione del logo di progetto e dell'immagine coordinata per le comunicazioni inerenti le attività. Successivamente si è costruito un piano di uscite di articoli e news attraverso gli strumenti di comunicazione a disposizione dei partner, individuati tramite un censimento inviato a tutti. Sono stati pubblicati articoli sulle testate giornalistiche nel territorio riminese in occasione dell'avvio del progetto, dell'avvio del concorso, della partenza delle attività, della partecipazione ad Ecomondo, dell'evento finale del 15 febbraio. Sono stati inviati numerosi post e twit sui social network dei partner e pubblicate news sui rispettivi siti web, nonché di altri soggetti con i quali si è collaborato (Museo Comunale di Rimini e Centro per le Famiglie). I risultati e i materiali finali del progetto sono stati pubblicati sul sito internet CONCORSO All interno del progetto si è organizzato il concorso di idee dal titolo Dai un taglio ai rifiuti, ideato e progettato dalla Cooperativa Atlantide. Il concorso (allegato - locandina concorso) è stato divulgato via mail a tutte le scuole e gli enti pubblici della provincia di Rimini tramite i contatti e i siti internet dei partner aderenti al progetto. Sono arrivate diverse adesioni da parte delle scuole e sono state accuratamente analizzate le varie idee pervenute. Al termine della valutazione si è decretata vincitrice del concorso di idee Dai un taglio ai rifiuti la scuola primaria di Pietracuta (San Leo) (classi 3 A e 3 B). La premiazione con la consegna del premio è avvenuta presso la scuola in data 14 febbraio 2013 con la presenza di tutti i bambini e i docenti, Sara Visintin, assessore all ambiente del Comune di Rimini; rappresentanza del Comune di San Leo; Chiara Tiozzi e 12

13 Serafini Susy dell Osservatorio Naturalistico Valmarecchia. Durante questa giornata di festa i bambini delle classi vincitrici hanno illustrato il loro lavoro consistente in un power point e un cartellone sul lavoro fatto in classe,tanti disegni che ogni bimbo ha ideato a proprio piacimento, c è chi ha preferito disegnare il muffario, chi il lombricaio, chi le compostiere e chi la raccolta differenziata per rendere il mondo migliore e infine hanno creato anche un mini plastico molto esplicativo e simpatico con tutti i contenitori di smaltimento dei rifiuti organici e inorganici. da sinistra: Susy Serafini (ONV), rappresentante del Comune di San Leo, Chiara Tiozzi (ONV), le insegnanti con la targa premio, Sara Visentin (Assessore del Comune di Rimini) 13

14 PARTECIPAZIONE AD ECOMONDO Il progetto è stato ospitato presso lo stand del Comune di Rimini con l'allestimento di uno spazio dedicato e l'illustrazione del progetto tramite poster preparati ad hoc dal personale del CEDA. E' stata anche l'occasione per illustrare il progetto e le attività previste alle numerose scuole interessate al sempre apprezzato laboratorio sul riciclaggio creativo. Anche numerosi cittadini si sono dimostrati curiosi verso le proposte laboratoriali ed informative previste. da sinistra: Cristiana Curreli (ReeDo Hub) insieme a Alessandra Gariup (Anima Mundi) EVENTO CONCLUSIVO 15 FEBBRAIO 2013 E' stato organizzato un grande evento conclusivo che ha visto la realizzazione di diverse iniziative, realizzate anche grazie alla concomitante iniziativa di M'illumino di Meno, fatta ricadere all'interno del progetto Meno è Meglio. In allegato il volantino dell'iniziativa (Volantino 15 febbraio) Questa formula ha consentito una maggiore visibilità del progetto e delle azioni previste garantendo una grande affluenza di cittadini interessati. 14

15 Si sono programmate tre giornate finali rientranti nell iniziativa nazionale M'Illumino di Meno, lanciata dalla trasmissione radiofonica Caterpillar di Radio 2. Si è scelta la cornice di M Illumino di Meno per sottolineare la stretta interrelazione tra il risparmio energetico, il risparmio di risorse e la riduzione dei rifiuti. Le iniziative sono state anche decantate dalla trasmissione radiofonica ricevendo i complimenti della redazione! Il 14 Febbraio si è iniziato con la premiazione della scuola vincitrice del concorso "Dai un taglio ai rifiuti" e la celebrazione di San Valentino a lume di candela in tutti i ristoranti del centro. Venerdì 15 si è svolto il workshop con gli Enti Locali per esaminare le buone pratiche di riduzione dei rifiuti al loro interno ed un pomeriggio pieno di laboratori per grandi e piccini a lume di candela o di torcia. Infine il 16 Febbraio si è organizzata la serata sotto le stelle in centro con gli astrofili del Circolo Dopolavoro Ferroviario possibile grazie allo spegnimento delle luci pubbliche. Per la diffusione dei risultati raggiunti dal progetto si è deciso di utilizzare come canale di diffusione la locale emittente radio-televisiva Icaro TV. In particolare è stata realizzata un intervista all Assessore all Ambiente del Comune di Rimini, Sara Visintin, poi andata in onda (5 passaggi dal 20 al 24 febbraio) all interno della trasmissione Tempo Reale dell emittente sopra indicata. CURA DEI CONTATTI L organizzazione del progetto è stato possibile grazie ad un intenso lavoro di coordinamento delle disponibilità messe in campo dai promotori: Comune di Rimini, Provincia di Rimini, Comune di Riccione, cooperativa Anima Mundi, Cooperativa Il millepiedi, Cooperativa Atlantide, Osservatorio Naturalistico Valmarecchia, Fondazione Cetacea, Redoo Hub e Guardie Ecologiche Volontarie i quali hanno utilizzato le proprie reti di contatti per pubblicizzare il progetto ed il concorso ad esso correlato. La gestione delle diverse fasi è stata curata dai partner del progetto, i quali, per ognuna di esse, hanno attivato personale adeguato. 15

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

"IMPARIAMO A RICICLARE"

IMPARIAMO A RICICLARE COLLEGIO ARCIVESCOVILE Castelli PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE "IMPARIAMO A RICICLARE" (progetto di durata annuale) Anno scolastico 2008/2009 Classi terze e quarte - Scuola primaria FINALITA' Il Progetto

Dettagli

Concorso La scuola più riciclona

Concorso La scuola più riciclona Il futuro è nella nostra natura Concorso La scuola più riciclona Nell'ambito del Piano dell'offerta Formativa Territoriale (POFT) 2014/2015, il Comune di Bitonto indice il concorso La scuola più riciclona

Dettagli

FATTI FURBO... DIFFERENZIA

FATTI FURBO... DIFFERENZIA Per i comuni del Consorzio Canavesano Ambiente Guida alla raccolta differenziata... FATTI FURBO... DIFFERENZIA anche fatti tu furbo...!!!... e al rispetto dell ambiente DIFFERENZIA ANCHE TU!!! Bastano

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento Che cos è il compost Il compost è il terriccio (humus) che si forma dai rifiuti organici (erba, foglie, avanzi di frutta e verdura, ecc) grazie all azione del sole, dell aria e dei microrganismi presenti

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

COMPOSTAGGIO DOMESTICO

COMPOSTAGGIO DOMESTICO PROGETTO DI INCENTIVAZIONE AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO DA ATTUARSI NEI COMUNI DI ABETONE, CUTIGLIANO, MARLIANA, PESCIA, PITEGLIO SAMBUCA PISTOISE, SAN MARCELLO PISTOIESE A cura di: APRILE 2008 PREMESSA Il

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI 3 EDIZIONE dati 2012 CHI L I HA Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI NASCONDE UN IDENTITÀ PLASTICA FREQUENTAVA VETRI ROTTI si spacciava per una lattina

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO ATTUAZIONE DEL PROGETTO REBIR Risparmio Energetico, Bioedilizia, Riuso Data 29.01.2009

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012 ATTIVITA 2012 L ORMA Educazione e Promozione Sociale Presentazione servizi e attività Anno 2012 L Orma è una realtà che opera da più di 10 anni nel settore dell Educazione e della Promozione Sociale. Tutte

Dettagli

Progetto La salute vien mangiando. 4 B Crolle

Progetto La salute vien mangiando. 4 B Crolle Progetto La salute vien mangiando 4 B Crolle Obiettivi, finalità Conoscere i cibi e le sostanze nutrienti che rispondono ai bisogni del nostro organismo. Valorizzare l'importanza di una corretta e sana

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta!

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Scuola dell Infanzia Istituto di Cultura e di Lingue Marcelline Progettazione Didattica Annuale a.s. 2014-2015 Dimensione valoriale L idea fondante del progetto

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

LA RACCOLTA DEI RIFIUTI NEL COMUNE DI TRENTO: DAI CASSONETTI STRADALI, AL PORTA A PORTA, ALLA TARIFFA TARI

LA RACCOLTA DEI RIFIUTI NEL COMUNE DI TRENTO: DAI CASSONETTI STRADALI, AL PORTA A PORTA, ALLA TARIFFA TARI via Belenzani, 18 I 38122 Trento tel. 0461 884935 I fax 0461 884940 servizio_ambiente@comune.trento.it Orario di apertura al pubblico: da lun. a ven. 8. 30-12 LA RACCOLTA DEI RIFIUTI NEL COMUNE DI TRENTO:

Dettagli

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM INDICE Premessa Adotta una Scuola per l EXPO 2015: obiettivi Tipologie di scuole La procedura di selezione delle scuole Le modalità per adottare la

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO ndice 1 Fai come fa la Natura 2 Cosa ci metti per fare la terra? 3 Come funziona il Compostaggio 4 Le cose

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro

Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro Comune di Padova Assessorato all Ambiente AcegasAps Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro Le 3 Zone di raccolta nel Quartiere 1 Centro Tipo di Rifiuto Cosa conferire Cosa non conferire

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

La sostenibilità vien sperimentando Aperte le iscrizioni ai laboratori di AmbienteFestival 2010

La sostenibilità vien sperimentando Aperte le iscrizioni ai laboratori di AmbienteFestival 2010 Comunicato stampa La sostenibilità vien sperimentando Aperte le iscrizioni ai laboratori di AmbienteFestival 2010 Sono già aperte le iscrizioni ai laboratori per bambini, adulti e famiglie di Ambiente

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

PROGETTO ALIMENTAZIONE IL BUONGIORNO SI VEDE DAL MATTINO

PROGETTO ALIMENTAZIONE IL BUONGIORNO SI VEDE DAL MATTINO PROGETTO ALIMENTAZIONE IL BUONGIORNO SI VEDE DAL MATTINO PERCORSO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ALLA SCOPERTA DEL CIBO E DELLE ABITUDINI ALIMENTARI, IN PARTICOLARE SULLA COLAZIONE DEI BAMBINI IN ETA' SCOLARE

Dettagli

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto!

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! Umido Plastica e Lattine Carta e Cartone Secco non riciclabile Vetro (bianco e colorato) Farmaci scaduti Pile Legno Umido I rifiuti umidi vanno conferiti

Dettagli

EXPORTIAMO BUON VIVERE 2015

EXPORTIAMO BUON VIVERE 2015 Comune di Forlì PRESENTANO EXPORTIAMO BUON VIVERE 2015 NOTTE VERDE e dell'innovazione RESPONSABILE e SETTIMANA DEL BUON VIVERE a cura di Centro per l Innovazione e lo Sviluppo Economico AZIENDA SPECIALE

Dettagli

La salute vien mangiando

La salute vien mangiando La salute vien mangiando Progetto di Arricchimento dell Offerta Formativa Curricolo Verticale di Scienze Classi II A II B Scuola Primaria L. Illuminati a. s. 2013/2014 Insegnanti Leopardi Anna F., Moffa

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Senato della Repubblica. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Senato della Repubblica. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Vorrei una legge che... Anno scolastico 2014-2015 1. Oggetto e finalità Il Senato della Repubblica,

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta ndustriali S.r.l. UTENZE DOMESTICHE

a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta ndustriali S.r.l. UTENZE DOMESTICHE ervizi. a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta UTENZE DOMESTICHE presentazione Carissimi cittadina /cittadino, torno da te, per raccontarti la nostra esperienza

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

REGOLAMENTO CONCORSO UN MONDO TUTTO MIO

REGOLAMENTO CONCORSO UN MONDO TUTTO MIO REGOLAMENTO CONCORSO UN MONDO TUTTO MIO TEMA Il concorso Un mondo tutto mio è dedicato all ambiente in cui vivono i bambini, come è e come lo vorrebbero. L idea è far descrivere agli alunni il posto ideale

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari + CON Il bando AMNU e STET promuovono un bando rivolto alle scuole di ogni ordine e grado del territorio dell Alta Valsugana e Bersntol. Il bando sollecita l attivazione di progetti finalizzati al risparmio

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 REGIONE ABRUZZO Servizio Politica Energetica, Qualità dell aria, SINA Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 anno scolastico 2014-2015 1. PREMESSA La Regione Abruzzo - insieme al MIUR (Ministero della Pubblica

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Scheda Progetto: UN PIEDIBUS TARGATO RAVENNA

Scheda Progetto: UN PIEDIBUS TARGATO RAVENNA COMUNE DI RAVENNA Scheda Progetto: UN PIEDIBUS TARGATO RAVENNA Anno scolastico 2007/2008 PREMESSA Il Piedibus è il modo più sano, sicuro, divertente ed ecologico per andare e tornare da scuola. E un autobus

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Comune di Udine L ECO-UFFICIO Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Efficienza energetica: di necessità virtù L efficienza energetica non è semplice risparmio: è riduzione del consumo di

Dettagli

Negli UFFICI. 28 settembre 2010

Negli UFFICI. 28 settembre 2010 Negli UFFICI Come si fa 28 settembre 2010 Dai suggerimenti ai benefici Alcuni sono di facile attuazione, altri sono complessi o/e onerosi economicamente. Ovviamente non è necessario adottarli tutti e subito

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier Sommelier, nella prestigiosa realtà della Sommellerie di Roma e del Lazio, significa Professionismo nel vino. Chiediamo agli appassionati di essere professionisti del buon bere in maniera concreta, nella

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

più compost, meno rifiuti Vantaggi per te, vantaggi per l ambiente

più compost, meno rifiuti Vantaggi per te, vantaggi per l ambiente guida al compostaggio più compost, meno rifiuti Vantaggi per te, vantaggi per l ambiente Ho in testa una gran bella idea: Brescia più bella, più sana, più pulita. Un obiettivo possibile, adottando semplicemente

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!!

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! SEDANO CAVOLO FINOCCHIO INTERPRETAZIONE GRAFICA DAL VERO CAROTA ZUCCHINA POMODORO E IL SASSO?...NON SI MANGIA MA SI USA PER GIOCARE

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

SCUOLE SECONDARIE DI SECONDO GRADO

SCUOLE SECONDARIE DI SECONDO GRADO SCUOLE SECONDARIE DI SECONDO GRADO Giorni : GIOVEDI e VENERDI' Durata dell incontro : 9.30 12.30. 9.30-10.40 PARLIAMO DI GEOFISICA Il pianeta Terra e i fenomeni naturali: terremoti, vulcani, tsunami, magnetismo

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare

DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare Creating Your Future Impostazione e Linee Guida Obiettivi Questo documento illustra l approccio

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

PROGRAMMA DI PREVENZIONE E RIDUZIONE DELLA PRODUZIONE DEI RIFIUTI E PRIME MISURE PER LA PREPARAZIONE AL RIUTILIZZO

PROGRAMMA DI PREVENZIONE E RIDUZIONE DELLA PRODUZIONE DEI RIFIUTI E PRIME MISURE PER LA PREPARAZIONE AL RIUTILIZZO REGIONE UMBRIA PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI: PROGRAMMA DI PREVENZIONE E RIDUZIONE DELLA PRODUZIONE DEI RIFIUTI E PRIME MISURE PER LA PREPARAZIONE AL RIUTILIZZO 1 INDICE 1. Introduzione: importanza

Dettagli