PROGRAMMA DI RIPARTIZIONE Pagina 1 di 10

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGRAMMA DI RIPARTIZIONE Pagina 1 di 10"

Transcript

1 QUESTO DOCUMENTO E STATO RIVEDUTO E CORRETTO. LA PREGHIAMO DI LEGGERLO, ANCHE NEL CASO IN CUI ABBIA RICEVUTO IL PROGRAMMA PRECEDENTE PROGRAMMA DI RIPARTIZIONE Ad oggi, circa $ e azioni della Parmalat (collettivamente, il Fondo Lordo della Transazione ) sono stati raccolti dagli Avvocati degli Attori Principali nelle transazioni della causa Parmalat Securities Litigation, 04 Civ (LAK) (Distretto Sud di New York), per la distribuzione ai sensi del presente Programma di Ripartizione (il Programma ) agli investitori che hanno subito perdite derivanti dalla presunta frode e per il pagamento delle spese sostenute per questa causa. Queste transazioni, qualora approvate, pongono fine a tutte le azioni contro i seguenti convenuti in questa Causa: Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. ( BNL ); Credit Suisse Group, Credit Suisse, Credit Suisse International e Credit Suisse Securities (Europe) Limited (collettivamente chiamati Convenuti Credit Suisse ); e Parmalat S.p.A. e il Dott. Enrico Bondi in qualita di Commissario Straordinario delle societa Parmalat in Amministrazione Straordinaria in base alle leggi italiane ( Parmalat Riorganizzata ). I Convenuti Credit Suisse, BNL e Parmalat Riorganizzata sono chiamati collettivamente Convenuti che sono parte della Transazione. Tutti coloro che hanno comprato o acquisito i titoli della Parmalat Finanziaria S.p.A. nel periodo che va dal 5 gennaio 1999 al 18 dicembre 2003 compreso (il Periodo di Riferimento ) possono richiedere di diritto tali fondi e sono chiamati i Richiedenti a cui spetta il risarcimento (vedere la definizione dettagliata qui sotto). Ma i titoli venduti prima del 7 novembre 2002 non avranno diritto ad un riconoscimento delle perdite in base a questo Programma. Il Fondo Lordo della Transazione, aumentato degli interessi maturati e diminuito degli onorari e le spese della causa approvati dal tribunale, delle spese di notifica ed evasione delle richieste di risarcimento, e delle imposte (il Fondo Netto della Transazione ) verra distribuito ai Richiedenti a cui spetta il risarcimento che, in base a questo Programma, hanno diritto a ricevere una quota della ripartizione presentando, in base ai tempi previsti, Prove valide di Richiesta di Risarcimento ( Richiedenti Autorizzati ). Il Fondo Netto della Transazione e stato diviso in due parti: (1) Il Fondo Netto della Transazione BNL/Credit Suisse; e (2) il Fondo Netto della Transazione Parmalat Riorganizzata. Lo scopo di questo Programma e di stabilire un metodo equitativo di distribuzione del Fondo Netto della Transazione tra i Richiedenti Autorizzati. Per determinare l importo che un Richiedente Autorizzato puo recuperare in base al Programma di Ripartizione, gli Avvocati degli Attori Principali si sono consultati con il loro esperto di risarcimento danni ed altri, e il Programma di Ripartizione rispecchia, fra le altre cose, una valutazione dei danni che essi ritengono avrebbero potuto essere risarciti qualora gli Attori Principali avessero prevalso nel corso di un processo. Poiche il Fondo Netto della Transazione e inferiore alle perdite totali sostenute dagli Richiedenti a cui spetta il risarcimento, le formule descritte qui sotto per calcolare le Perdite Riconosciute e le Richieste di Risarcimento Riconosciute non intendono essere una stima dell importo che verra effettivamente corrisposto ai Richiedenti Autorizzati. Queste formule sono piuttosto la base su cui verra ripartito il Fondo Netto di Transazione tra i Richiedenti Autorizzati. L Incaricato delle Richieste di Risarcimento stabilira la quota proporzionale del Fondo Netto della Transazione per ogni Richiedente Autorizzato. 1 A. I Richiedenti a cui spetta il risarcimento Richiedenti a cui spetta il risarcimento significa tutte le persone (e i loro beneficiari) che abbiano comprato o acquisito titoli Parmalat in qualsiasi modo, tra cui, a titolo esemplificativo, in un offerta o una presunta collocazione privata; in un mercato secondario; o tramite l esercizio di opzioni, tra il 5 gennaio 1999 e il 18 dicembre 2003 compreso. Il termine Richiedenti a cui spetta il risarcimento esclude: (i) la Parmalat; (ii) I Convenuti della Transazione e tutti gli altri Convenuti; (iii) coloro che, durante il Periodo relativo all Azione di Gruppo, erano dirigenti e/o amministratori della vecchia Parmalat o della sua societa madre, delle sue 1 Ai sensi della Legge di Riforma delle Cause Riguardanti Titoli, il risarcimento danni degli attori e limitato nelle azioni di gruppo dal prezzo di compravendita medio del titolo nel periodo di 90 giorni successivo alla dichiarazione correttiva. Allo stesso modo, qualora l attore abbia venduto il titolo nello stesso periodo di 90 giorni, il suo risarcimento danni non puo essere superiore alla differenza tra il prezzo di vendita ed il prezzo medio di compravendita del titolo durante il periodo di 90 giorni. I3801 v.0.01 PROGRAMMA DI RIPARTIZIONE Pagina 1 di 10

2 controllate e/o affiliate o di uno dei Convenuti societari; (iv) un entita in cui uno dei Convenuti abbia o abbia avuto un partecipazione di maggioranza; (v) le societa d assicurazioni contro il rischio di responsabilita civile, e loro affiliate o controllate, dei Convenuti che sono parte della Transazione; (vi) tutte le banche, societa d assicurazioni ed altri istituti finanziari che hanno svolto operazioni finanziarie con la Parmalat durante il periodo relativo all Azione di Gruppo (elencati nell Allegato 1); (vii) parenti stretti di uno dei summenzionati; e (viii) i rappresentanti legali, gli eredi, i successori o gli aventi diritto di uno dei summenzionati. Il termine Richiedenti a cui spetta il risarcimento esclude anche le persone che, nei termini di tempo previsti e in modo valido, richiedono l esclusione dal Gruppo in base alle istruzioni contenute nella presente Notifica o nelle notifiche precedentemente spedite per posta al Gruppo. I Richiedenti a cui spetta il risarcimento sono divisi in due categorie: (1) Acquirenti/compratori statunitensi Acquirenti/compratori statunitensi significa persone o entita che abbiano acquisito o comprato Titoli della Parmalat, e laddove la residenza dei proprietari di tali Titoli della Parmalat sia negli Stati Uniti. (2) Acquirenti/compratori non statunitensi (stranieri) Acquirenti/compratori non statunitensi (stranieri) significa persone o entita che abbiano acquisito o comprato Titoli della Parmalat, e laddove la residenza dei proprietari di tali Titoli della Parmalat non sia negli Stati Uniti. B. Titoli con i requisiti necessari I Titoli ( Titoli con i Requisiti Necessari ) per cui un Richiedente Autorizzato puo aver diritto a ricevere una distribuzione del Fondo Netto della Transazione sono titoli che sono stati acquisiti nel Periodo di Riferimento e che sono stati emessi dalla Parmalat o da certe entita collegate alla Parmalat. Titoli con i Requisiti Necessari includono azioni ordinarie emesse dalla Parmalat e quegli effetti e/o obbligazioni emessi dalla Parmalat o da entita collegate alla Parmalat, come esposto specificamente nell Allegato 2. C. Calcolo di una Richiesta di Risarcimento Riconosciuta Il calcolo della Perdita Riconosciuta e in seguito della Richiesta di Risarcimento Riconosciuta dipendera da vari fattori, tra cui: il tipo di titolo della Parmalat comprato o acquisito; quando e stato comprato ogni Titolo con i Requisiti Necessari; quando il Titolo con i Requisiti Necessari e stato venduto o riscattato o diversamente ceduto; l importo pagato o il valore del prezzo finale dato per ogni singolo titolo; l importo ricevuto o il valore del prezzo finale ricevuto per ogni unita di tale titolo alla vendita; la categoria (Stati Uniti o non Stati Uniti) del Richiedente a cui spetta il risarcimento; e qualsiasi moltiplicatore esistente che debba applicarsi alla Perdita Riconosciuta. Il Risarcimento totale Riconosciuto di un Richiedente Autorizzato costituira la somma dei Risarcimenti Riconosciuti di tale Richiedente per ogni Titolo con i requisiti necessari derivante da ognuna delle due parti del Fondo Netto della Transazione. Le distribuzioni del Fondo Netto della Transazione saranno in forma di valuta, per quanto riguarda i Risarcimenti Riconosciuti di BNL/CSFB, e di azioni della Parmalat per quanto riguarda i Risarcimenti Riconosciuti della Parmalat., come esposto qui sotto. Per gli scopi di questo Programma di Ripartizione, i prospetti esposti nell Allegato 3 elencano l asserzione degli Attori Principali, in base al giudizio e all analisi del loro esperto di risarcimento danni, I3802 v.0.01 PROGRAMMA DI RIPARTIZIONE Pagina 2 di 10

3 della stima dell aumento artificioso per Titolo con i requisiti necessari per ogni giorno del Periodo relativo all Azione di Gruppo. In generale, il Risarcimento Riconosciuto verra calcolato in base alla stima dell aumento artificioso dovuto alla presunta frode nel prezzo del titolo al momento di ogni operazione con quel titolo. 1. Azioni ordinarie Per ogni singola azione ordinaria acquistata durante il Periodo di Validita, la Perdita Riconosciuta dell Azione e l importo in dollari dell aumento artificioso nel prezzo d acquisto pagato nella data d acquisto moltiplicato per il numero delle azioni comprate, meno l importo in dollari dell aumento artificioso nel prezzo di vendita ricevuto nella data di vendita, moltiplicato per il numero di azioni vendute. La stima della percentuale dell aumento artificioso nel prezzo di un azione ordinaria della Parmalat allo scopo di effettuare questo calcolo e riportata nell Allegato 3. a. Fondo Netto della Transazione BNL/CSFB Il Risarcimento Riconosciuto per le Azioni BNL/CSFB dei Richiedenti a cui spetta il risarcimento della categoria statunitense (come specificato qui sopra) verra calcolato moltiplicando la Perdita Riconosciuta sulle Azioni per un fattore pari a quattro (4). Il Risarcimento Riconosciuto per le Azioni BNL/CSFB della categoria non statunitense (come specificato qui sopra) sara uguale alla Perdita Riconosciuta. b. Fondo Netto della Transazione della Parmalat Riorganizzata Per tutti i Richiedenti a cui spetta il risarcimento, il Risarcimento Riconosciuto per le Azioni della Parmalat sara uguale alla Perdita Riconosciuta sulle Azioni. 2. Titoli a reddito fisso Per gli effetti Parmalat, e specifici titoli preferenziali, come esposto nell Allegato 2, la Perdita Riconosciuta del Reddito Fisso e nella differenza tra il prezzo di acquisto o di acquisizione moltiplicato per il numero delle azioni acquisite meno il prezzo di vendita, se la vendita e avvenuta entro e non oltre il 22 dicembre 2003, o il prezzo d acquisto meno la perdita presunta come percentuale del valore nominale, come esposto nell Allegato 3. Emissioni specifiche di titoli di credito o di equity venduti o offerti ad numero limitato di compratori senza un offerta pubblica sono indicati come titoli a reddito fisso con collocazione privata nell Allegato 2. a. Il Fondo Netto della Transazione BNL/CSFB Il Risarcimento del Reddito Fisso Riconosciuto BNL/CSFB dei Richiedenti della categoria statunitense (come specificato qui sopra) a cui spetta il risarcimento verra calcolato moltiplicando la Perdita Riconosciuta del Reddito Fisso per un fattore pari a tre (3). Il Risarcimento del Reddito Fisso Riconosciuto BNL/CSFB dei Richiedenti della categoria statunitense (come specificato qui sopra) a cui spetta il risarcimento per quei titoli a reddito fisso indicati come collocazioni private nell Allegato 2 sara uguale alla Perdita Riconosciuta di Reddito Fisso. Il Risarcimento del Reddito Fisso BNL/CSFB dei Richiedenti della categoria non statunitense (come specificato qui sopra) verra calcolato moltiplicando la Perdita Riconosciuta del Reddito Fisso per un fattore pari a tre quarti (0,75). Il Risarcimento del Reddito Fisso Riconosciuto BNL/CSFB dei Richiedenti della categoria non statunitense (come specificato qui sopra) per quei titoli a reddito fisso indicati come collocazioni private nell Allegato 2 sara calcolato moltiplicando la Perdita Riconosciuta di Reddito Fisso per un fattore pari a un quarto PROGRAMMA DI RIPARTIZIONE Pagina 3 di 10 I3803 v.0.01

4 (0,25). b. Il Fondo Netto della Transazione della Parmalat Riorganizzata Per tutti i Richiedenti a cui spetta il risarcimento, il Risarcimento del Reddito Fisso Riconosciuto della Parmalat per un titolo a reddito fisso non indicato come collocazione privata nell Allegato 2 verra calcolato moltiplicando la Perdita di Reddito Fisso Riconosciuta per un fattore pari a 0,75. Per tutti i Richiedenti a cui spetta il risarcimento, il Risarcimento del Reddito Fisso Riconosciuto della Parmalat per un titolo a reddito fisso indicato come collocazione privata nell Allegato 2 verra calcolato moltiplicando la Perdita di Reddito Fisso Riconosciuta per un fattore pari a 0,25. D. Direttive applicabili a tutte le Richieste di Risarcimento 1. La Transazione Netta verra distribuita solamente ai Richiedenti Autorizzati che abbiano una Richiesta di Risarcimento Riconosciuta in base ad un Perdita Netta (come calcolato in base a questo Programma) per quanto riguarda Titoli con i requisti necessari comprati o acquisiti dal Richiedente Autorizzato. 2. La data di acquisto o di vendita e la data del contratto o della compravendita e non la data della liquidazione. 3. Nell evadere le richieste di risarcimento, si applichera la regola FIFO (la prima azione venduta e la prima azione comprata) agli acquisti e alla vendita. 4. L acquisto di copertura di una vendita allo scoperto non e un acquisto con i requisiti necessari. 5. Le commissioni dei brokers, e le imposte devono essere escluse nei prezzi di acquisto e di vendita delle azioni ordinarie della Parmalat. 6. Laddove siano state acquistate o vendute azioni per aver esercitato un opzione, il premio deve essere integrato nel prezzo in modo corrispondente. 7. Guadagni e perdite su Titoli con i requisiti necessari verranno calcolati come due insiemi che verranno poi messi uno di fronte all altro. 8. Non si effettueranno pagamenti in contanti di risarcimento qualora l importo della distribuizone sia inferiore ai $ Il tribunale si riserva la giurisdizione per modificare, emendare o alterare il Programma di Ripartizione senza ulteriore notifica, o per ammettere, respingere o rettificare richieste da parte di Richiedenti Autorizzati, per garantire una distribuzione giusta ed equa. Il pagamento ai sensi del Programma di Ripartizione esposto qui sopra sara conclusivo per tutti i Richiedenti Autorizzati. Nessuno avra la possibilita di azioni contro gli Attori Principali, gli Avvocati degli Attori Principali, l Incaricato delle Richieste di Risarcimento, i Convenuti, o le persone designate degli Avvocati degli Attori Principali o dai Convenuti o dagli Avvocati dei Convenuti in base alla distribuzione fatta sostanzialmente secondo il Programma di Ripartizione, o ordini ulteriori del tribunale. Tutti i Richiedenti a cui spetta il risarcimento che non compilino e presentino una Prova valida e nei tempi stabiliti della Richiesta di Risarcimento e della Rinuncia ad Azioni, verranno esclusi dalla partecipazione alla distribuzione dal Fondo Netto della Transazione (salvo disposizioni contrarie del Tribunale). PROGRAMMA DI RIPARTIZIONE Pagina 4 di 10 I3804 v.0.01

5 ALLEGATO 1 Parti escluse dall Azione di Gruppo: Grant Thornton Bank of America Citigroup Standard & Poor s UBS Deutsche Bank Unicredit Banca Mobiliare Credit Suisse JP Morgan Banca Di Roma Morgan Stanley Banca Popolare Italiana Ifitalia (BNL) Deloitte & Touche Akros (Banca Popolare Milano) Merrill Lynch GKB Intesa San Paolo (Banca Caboto) Cariparma Monte Paschi Siena Parmafactor PROGRAMMA DI RIPARTIZIONE Pagina 5 di 10 I3805 v.0.01

6 ALLEGATO 2 Titoli Parmalat e termine che comprende i titoli elencati qui sotto, oltre a qualsiasi altro titolo emesso dalla Parmalat. ID. CUSIP NOME DELL EMITTENTE I3806 v.0.01 PROGRAMMA DI RIPARTIZIONE Pagina 6 di 10

7 ALLEGATO 2 (CONTINUA) ID. CUSIP ISIN NOME DELL EMITTENTE DESCRIZIONE DELL EMISSIONE I3807 v.0.01 PROGRAMMA DI RIPARTIZIONE Pagina 7 di 10

8 ALLEGATO 3 PERCENTUALE AUMENTO PERCENTUALE AUMENTO DATA INIZIALE DATA FINALE ARTIFICIOSO DATA INIZIALE DATA FINALE ARTIFICIOSO I3808 v.0.01 PROGRAMMA DI RIPARTIZIONE Pagina 8 di 10

9 A LLEGATO 3 (CONT INUA) Titoli della Parmalat collocati privatamente ID CUSIP NOME E MITT. DE SCRIZ. E MISSIONE TASSO CEDOLA DATA DI MATUR. VALUTA PROGRAMMA DI RIPARTIZIONE Pagina 9 di 10 I3809 v.0.01 PAESE EMI TT. DATA OFFER. IMP. OFF. PR E ZZO OFFERTA PR E ZZO VENDITA PR ESUNTO DOPO IL 22 DIC. 2003

10 ID CUSIP ISIN I38010 v.0.01 ALLEGATO 3 (CONTINUA) Titoli convertibili e a reddito fisso della Parmalat registrati pubblicamente TELEB. PR INCIP. NOME E MITT. DE SCRIZ. E MISSIONE TASSO CEDOLA DATA DI MATUR. VALUTA PAESE EMI TT. PROGRAMMA DI RIPARTIZIONE Pagina 10 di 10 DATA OFFER. IMP. OFF. PR E ZZO OFFERTA PR E ZZO VENDITA PR ESUNTO DOPO IL 22 DIC. 2003

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy 1. INTRODUZIONE Il presente documento definisce e formalizza le modalità ed i criteri adottati da Banca Popolare di Spoleto S.p.A. (di seguito, la Banca

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa)

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini

Dettagli

POLITICA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

POLITICA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI POLITICA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI INDICE 1. Premessa... 2 1.1 Scopo del documento... 2 1.2 Riferimenti normativi... 2 2. Ambito di applicazione e destinatari... 2 3. Fattori di Best Execution...

Dettagli

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le informazioni fornite nel presente documento hanno esclusivamente scopo informativo

Dettagli

ETFS Commodity Securities Limited

ETFS Commodity Securities Limited ETFS Commodity Securities Limited (Costituita e registrata in Jersey ai sensi della Companies (Jersey) Law 1991 (e successivi emendamenti) con numero di registrazione 90959. Sottoposta alla regolamentazione

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli

Informativa ai partecipanti dei fondi comuni di investimento BancoPosta

Informativa ai partecipanti dei fondi comuni di investimento BancoPosta Informativa ai partecipanti dei fondi comuni di investimento BancoPosta Il nuovo Regolamento Intermediari n. 16190/2007 emanato dalla Consob ed il Regolamento congiunto del 29 ottobre 2007 emanato da Banca

Dettagli

NUTRIAD ITALIA S.R.L. CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

NUTRIAD ITALIA S.R.L. CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA NUTRIAD ITALIA S.R.L. CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA INTERO CONTRATTO Le presenti Condizioni Generali di vendita ed i termini e le obbligazioni in esse contenute sono le uniche e sole obbligazioni vincolanti

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

A) Informazioni generali. 1. L Impresa di assicurazione

A) Informazioni generali. 1. L Impresa di assicurazione A) Informazioni generali 1. L Impresa di assicurazione Parte I del Prospetto d Offerta - Informazioni sull investimento e sulle coperture assicurative Parte I del Prospetto d Offerta Informazioni sull

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del prezzo... 4 1.2.2

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Regolamento emittenti TITOLO II CAPO II SEZIONE IV Art. 87 (Comunicazioni dei capigruppo Comunicazioni delle operazioni di compravendita

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

Definizione di investment banking e commercial banking e finalità delle presenti FAQ

Definizione di investment banking e commercial banking e finalità delle presenti FAQ Domande frequenti (Frequently Asked Questions - FAQ) su argomenti selezionati in materia di antiriciclaggio di denaro nel contesto dell'investment banking e del commercial banking Preambolo Il Gruppo Wolfsberg

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

BNY MELLON INVESTMENT MANAGEMENT

BNY MELLON INVESTMENT MANAGEMENT BNY MELLON INVESTMENT MANAGEMENT COMPETENZE SPECIALIZZATE E SOLIDITÀ DI UN GRANDE LEADER MONDIALE RISERVATO A INVESTITORI PROFESSIONALI 2 UN GRANDE GRUPPO AL VOSTRO SERVIZIO BNY Mellon Investment Management

Dettagli

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Luglio 2007 Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Indice Preambolo... 3 1. Campo

Dettagli

BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Condizioni Definitive alla Nota informativa dei Prestiti Obbligazionari denominati

BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Condizioni Definitive alla Nota informativa dei Prestiti Obbligazionari denominati BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 Iscritta all Albo delle Banche al n. 6175.4 Capogruppo del Gruppo CARIGE iscritto all albo dei

Dettagli

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: Scheda Sintetica; Nota Informativa; Condizioni di Assicurazione

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

INFORMAZIONI SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELL ISTITUTO CENTRALE DELLE BANCHE POPOLARI ITALIANE S.p.A.

INFORMAZIONI SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELL ISTITUTO CENTRALE DELLE BANCHE POPOLARI ITALIANE S.p.A. INFORMAZIONI SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELL ISTITUTO CENTRALE DELLE BANCHE POPOLARI ITALIANE S.p.A. EXECUTION POLICY Data decorrenza 09 dicembre 2013 Sede Sociale e Direzione

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE / TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ALLE CONDIZIONI PIU FAVOREVOLI PER IL CLIENTE EDIZIONE GENNAIO 2015

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE / TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ALLE CONDIZIONI PIU FAVOREVOLI PER IL CLIENTE EDIZIONE GENNAIO 2015 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE / TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ALLE CONDIZIONI PIU FAVOREVOLI PER IL CLIENTE EDIZIONE GENNAIO 2015 CODICE DOCUMENTO REG044/I/BIM (Allegato 1) SOCIETA BANCA INTERMOBILIARE

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA BORSA

INTRODUZIONE ALLA BORSA INTRODUZIONE ALLA BORSA Informazioni guida per gli insegnanti delle scuole superiori CHE COSA È LA BORSA? Una piazza, dove avviene la compravvendita di titoli. La determinazione delle quotazioni è di solito

Dettagli

Normativa FATCA. Clienti Persone Fisiche

Normativa FATCA. Clienti Persone Fisiche Copia per il cliente Normativa FATCA L acronimo FATCA (Foreign Account Tax Compliance Act) individua una normativa statunitense, volta a contrastare l evasione fiscale di contribuenti statunitensi all

Dettagli

Note e informazioni legali

Note e informazioni legali Note e informazioni legali Proprietà del sito; accettazione delle condizioni d uso I presenti termini e condizioni di utilizzo ( Condizioni d uso ) si applicano al sito web di Italiana Audion pubblicato

Dettagli

AVVISO ALLA CLIENTELA

AVVISO ALLA CLIENTELA AVVISO ALLA CLIENTELA Si informa la spettabile clientela che, a seguito dell emanazione del Decreto Legge del 6 dicembre 2011, n. 201 (cd. decreto Monti ) cambiano alcune disposizioni circa l utilizzo

Dettagli

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ Società del Gruppo ALLIANZ S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: SCHEDA SINTETICA

Dettagli

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015. CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015. CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014 STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014 COMUNICATO UFFICIALE N. 1097 del 10 maggio 2014 Indice

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE UFFICIO III

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE UFFICIO III DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE UFFICIO III BANDO PER LA RICHIESTA DI CONTRIBUTI E PREMI PER LA DIVULGAZIONE DEL LIBRO ITALIANO E PER LA TRADUZIONE DI OPERE LETTERARIE E SCIENTIFICHE,

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

DUAL RC professionale

DUAL RC professionale P.I. LINE - tailor made DUAL RC professionale Proposta di assicurazione per la Responsabilità Civile Professionale di Commercialisti, Tributaristi, Avvocati Consulenti del Lavoro, Società di Servizi (EDP)

Dettagli

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Articolo 1 Oggetto e Ambito di applicazione dell Accordo Le autorità

Dettagli

www.unicreditprivate.it 800.710.710

www.unicreditprivate.it 800.710.710 www.unicreditprivate.it 800.710.710 Portfolio Life TM è la nuova soluzione finanziario-assicurativa Unit Linked a vita intera, realizzata da CreditRas Vita S.p.A. in esclusiva per UniCredit Private Banking.

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott.

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott. COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca Giovanardi Dott.ssa Enrica Luppi Dott.ssa Stefania Menetti Dott. Pietro Marco Pignatti

Dettagli

"OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI

OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI "OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI Ai sensi dell art. 114, comma 7, D. Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 e dal Regolamento Emittenti adottato dalla Consob

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE BancoPostaFondi SGR BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE del Fondo Comune d Investimento Mobiliare Aperto Armonizzato denominato BancoPosta Obbligazionario

Dettagli

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa.

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa. Milano, 16 aprile 2012 CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA UFFICIO DEI REFERENTI PER LA FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO LE RECENTI NOVITA' NORMATIVE E IL LORO IMPATTO SUL MONDO DELLA GIUSTIZIA:

Dettagli

Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la "Società"):

Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la Società): 24 luglio 2014 Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la "Società"): ETFS WNA Global Nuclear Energy GO UCITS ETF (ISIN: IE00B3C94706)

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CAMPO DI APPLICAZIONE 1.1 Le presenti Condizioni Generali di Acquisto ("GPC") si applicano all acquisto di materiali, articoli, prodotti, componenti, software ed i relativi

Dettagli

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.4 1 La Markets

Dettagli

DICHIARAZIONE AI FINI DELLA DETERMINAZIONE DELL IMPOSTA SUL REDDITO DERIVANTE DALL ALIENAZIONE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI PER L ESERCIZIO

DICHIARAZIONE AI FINI DELLA DETERMINAZIONE DELL IMPOSTA SUL REDDITO DERIVANTE DALL ALIENAZIONE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI PER L ESERCIZIO REPUBBLICA DI SLOVENIA MINISTERO DELLE FINANZE AMMINISTRAZIONE DELLE IMPOSTE DELLA REPUBBLICA DI SLOVENIA ALLEGATO DICHIARAZIONE AI FINI DELLA DETERMINAZIONE DELL IMPOSTA SUL REDDITO DERIVANTE DALL ALIENAZIONE

Dettagli

INA ASSITALIA S.p.A. CRESCIAMO INSIEME. deve essere consegnato al Contraente prima della sottoscrizione della proposta di assicurazione.

INA ASSITALIA S.p.A. CRESCIAMO INSIEME. deve essere consegnato al Contraente prima della sottoscrizione della proposta di assicurazione. INA ASSITALIA S.p.A. Impresa autorizzata all esercizio delle Assicurazioni e della Riassicurazione nei rami Vita, Capitalizzazione e Danni con decreto del Ministero dell Industria del Commercio e dell

Dettagli

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF )

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF ) RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF ) (modello di amministrazione e controllo tradizionale) Emittente: SALINI

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank NOTA DI SINTESI relativa agli ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank di cui al Prospetto di Base ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES redatta

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI La Repubblica Italiana ed il Regno dell Arabia Saudita desiderando intensificare

Dettagli

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO RELATIVE ALL ACQUISTO DI DIRITTI DI UTILIZZAZIONE DELLE IMMAGINI DELL ARCHIVIO FOTOGRAFICO ON-LINE DEL SISTEMA MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE Premesso che La Sovrintendenza

Dettagli

Termini e condizioni generali di acquisto

Termini e condizioni generali di acquisto TERMINI E CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CONDIZIONI DEL CONTRATTO L ordine di acquisto o il contratto, insieme con questi Termini e Condizioni Generali ( TCG ) e gli eventuali documenti allegati e

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

Direttive della CAV PP D 02/2013

Direttive della CAV PP D 02/2013 italiano Commissione di alta vigilanza della previdenza professionale CAV PP Direttive della CAV PP D 02/2013 Indicazione delle spese di amministrazione del patrimonio Edizione del: 23.04.2013 Ultima modifica:

Dettagli

Pirelli & C. S.p.A. Assemblea del 10 maggio 2012. Risposte a domande formulate dall azionista Marco Bava

Pirelli & C. S.p.A. Assemblea del 10 maggio 2012. Risposte a domande formulate dall azionista Marco Bava Pirelli & C. S.p.A. Assemblea del 10 maggio 2012 Risposte a domande formulate dall azionista Marco Bava 1 1. QUALE È IL LIVELLO DI UTILIZZO DEL SISTRI?... 4 2. GLI AMMINISTRATORI SONO INDAGATI PER REATI

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti offerti sul nostro sito web www.prada.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata dalle seguenti Condizioni Generali di

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

L AVVOCATO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO

L AVVOCATO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO L AVVOCATO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO Firenze, 21 aprile, 12 e 26 maggio 2015 (15,00-18,30) Auditorium Adone Zoli dell Ordine degli Avvocati di Firenze c/o Nuovo Palazzo di Giustizia Viale

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio sull offerta.

La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio sull offerta. PARTE III DEL PROSPETTO COMPLETO ALTRE INFORMAZIONI SULL INVESTIMENTO La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio

Dettagli

3.00% p.a. Multi Reverse Convertible su ABB, Credit Suisse, Nestlé, Novartis, Roche Worst of style Strike basso

3.00% p.a. Multi Reverse Convertible su ABB, Credit Suisse, Nestlé, Novartis, Roche Worst of style Strike basso Termsheet del' 07.07.2015 Offerta al pubblico: CH Prodotti per l incremento dei rendimenti Tipo di prodotto secondo ASPS: 1220 Imposta preventiva 3.00% p.a. Multi Reverse Convertible su ABB, Credit Suisse,

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA Istituto Nazionale Previdenza Sociale ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA (articolo 23 del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600 e successive modifiche e integrazioni) In base all art. 7, D.L. n. 70/2011 non è più obbligatorio

Dettagli

SOLUZIONE UNIT Edizione 2011

SOLUZIONE UNIT Edizione 2011 YOUR Private Insurance SOLUZIONE UNIT Edizione 2011 Offerta pubblica di sottoscrizione di YOUR Private Insurance Soluzione Unit Edizione 2011 (Tariffa UB18), prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini SpA Sede Legale : Piazza Ferrari n. 15 47921 RIMINI ITALY Tel.: 0541-701111 Fax 0541-701337 Indirizzo Internet: www.bancacarim.it Capitale Sociale 246.145.545,00

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia/169/2015/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott.ssa Simonetta Rosa dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile.

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. Signori Azionisti, come illustrato nella Relazione sulla

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013

postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013 postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013 Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili Il presente Fascicolo Informativo contenente la Scheda Sintetica, la Nota Informativa,

Dettagli

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE Le rettifiche su acquisti (vendite) determinano componenti positivi (negativi) di reddito corrispondenti ad una riduzione dei costi di acquisto (ricavi di vendita) rilevati

Dettagli

D E X I A Q U A N T MODULO DI SOTTOSCRIZIONE

D E X I A Q U A N T MODULO DI SOTTOSCRIZIONE Il presente modulo è l unico valido ai fini della sottoscrizione in Italia delle classi di azioni dei comparti dell OICVM Dexia Quant, Società d investimento a capitale variabile di diritto Lussemburghese

Dettagli