La Manutenzione delle opere in legno

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Manutenzione delle opere in legno"

Transcript

1 N UOVE A RCHITETTURE s.r.l. La Manutenzione delle opere in legno Strutture in legno lamellare Da Esperti nella Progettazione ed esecuzione delle opere in legno possiamo affermare che le strutture in legno lamellare non hanno bisogno di manutenzione. Questa è una affermazione vera e vale per le strutture non esposte agli agenti atmosferici e non direttamente esposte al sole. Nella pratica occorre ricordare che nella progettazione delle strutture in legno dobbiamo immaginare un omino che cammina sotto la pioggia, quindi bisogna dotarlo di stivali ed ombrello. Nelle foto seguenti ci sono due esempi tipici della cattiva prassi realizzativa nel settore delle costruzioni in legno. Se da un lato nell ultimo decennio il settore delle costruzioni in legno nel centro-sud Italia ha conosciuto una fase di forte crescita, dall altro tale area geografica non può vantare una grande presenza di imprese ed artigiani di comprovata professionalità. foto.1 foto.3 foto.2 Sono proprio questi errori tipici e frequenti che poi pregiudicano la durata e la capacità strutturale delle costruzioni in legno. Nella foto n. 1 ed in dettaglio nella foto n. 2 è riportata

2 una trave a sbalzo di una copertura ad appena due anni dalla realizzazione; tale trave è particolarmente esposta alle intemperie, per cui nel giro di una decina di anni essa non conserverà più le sue prestazioni. In foto n.3 è riportato l errore più grave, ossia il posizionamento di un pilastro in legno direttamente sul plinto di fondazione. La direzione delle fibre del legno diventa favorevole all assorbimento dell umidità e quindi allo sviluppo di funghi e carie meglio conosciuto come marciume del legno. Occorre pertanto, in questi casi, affidarsi a ditte specializzate ed intervenire con urgenza per eliminare tali criticità, che se oggi facilmente risolvibili, potrebbero nel prossimo futuro cagionare la rovina dell intera struttura. Ma è un attività che non si improvvisa: quando è il risultato che conta, occorre rivolgersi ad un vero specialista. I servizi sviluppati da Nuove Architetture srl in 10 anni di esperienza su oltre 300 cantieri consentono di elevare la qualità del progetto di conservazione e ridurre l'intervento all indispensabile, minimizzando gli imprevisti in corso d'opera ed economizzando tempi e costi. Le strutture lignee possono presentare situazioni di degrado assai diverse ma accomunate da una causa precisa: carenze di progettazione o di manutenzione. Viceversa non mancano in ogni parte d Italia gli esempi di strutture ottimamente conservate, a testimonianza che la durabilità del materiale è elevata purché sia evitato il ristagno di umidità. Le caratteristiche costruttive (tipologia, modalità delle unioni...), la specie legnosa, le dimensioni e la qualità meccanica degli elementi, le condizioni ambientali, le vicissitudini storiche, fanno si che ogni struttura sia comunque diversa dall altra come stato di conservazione. Al degrado biotico (funghi ed insetti) può sommarsi un degrado meccanico (dissesti, sconnessioni, fratture), con effetti cumulati a volte critici per la sicurezza. Wangen a. Aar, CH (Ponte in legno ancora in servizio) Diagnosticare in modo affidabile ed oggettivo le condizioni della struttura sulla quale ci si appresta ad intervenire costituisce una esigenza imprescindibile per garantire la qualità del progetto e la sua rispondenza ai requisiti della committenza. Per questi motivi Nuove Architetture srl ha messo a punto uno specifico procedimento di indagine che integra le conoscenze tecnico-scientifiche di base, gli accorgimenti derivanti dalla pratica di cantiere e le soluzioni tecnologiche più idonee per questo materiale. Con una restituzione grafica intuitiva e completa.

3 Strutture in legno massiccio Nella maggior parte degli edifici storici sono presenti strutture lignee portanti. In passato esse sono state a volte sostituite, anche a fronte di un degrado limitato e localizzato, sulla base di valutazioni tecnico/economiche grossolane. Il recupero correttamente progettato ed eseguito, soddisfa le diverse esigenze tecniche e di conservazione, senza far lievitare il costo dell intervento. Sulle strutture esistenti in genere il degrado è localizzato agli appoggi. In tali casi l intervento è localizzato ed avviene tramite ricostruzioni o rinforzi con protesi. Ultimamente è facile imbattersi in interventi di ripristino di elementi strutturali in legno che seppur egregiamente eseguiti non sono risultati efficaci a causa della cattiva scelta dei materiali di ricostruzione. Ad esempio se in un intervento di ricostruzione di testate degradate si deve procedere alla posa di barre in acciaio non si dovranno usare le malte in commercio per interventi di ripristino locale di cemento armato; il legno è un materiale che subisce forti rigonfiamenti per cui la malta si staccherà dall elemento strutturale su cui era stata posata. foto n.5 foto n. 6 foto n.7 foto n.8

4 Sulle strutture in opera è molto frequente l osservazione di attacchi biotici (da insetti e/o funghi) sul legno. La valutazione del degrado dovuto a insetti è effettuata mediante l osservazione diretta e mediante stereomicroscopio dei segni lasciati sul manufatto. Questo permette di identificare l agente del degrado per l eradicazione dell attacco nel caso sia ancora attivo e i trattamenti di prevenzione per preservare il manufatto dopo il risanamento. Deve essere stato accertato lo stato dell attacco (pregresso o ancora attivo); in secondo luogo è effettuata l identificazione della specie mediante analisi dei fori di sfarfallamento e delle gallerie (forma, diametro), del rosume e di altri reperti trovati (larve, insetti adulti). La valutazione del degrado dovuto a funghi è sempre associato alle studio delle condizioni ambientali in cui si trova il manufatto. Anche in questo caso l identificazione del degrado (tipo di carie fungina) permette di trovare la soluzione più adeguata al risanamento del manufatto stesso. Analisi ispettiva su struttura esistente

5 Degrado del legno Il legno è un Materiale degradabile Meccanismi di degrado Le cause e i meccanismi del degrado "Gli insetti" Principio - non si nutrono di legno - uova deposte nel legno - la larva "scava" nel legno - l'adulto lascia il legno Risultato - restano i fori... "I funghi"(i micro-organismi) Principio - spore ovunque - condizioni favorevoli - sviluppo del fungo - distruzione del legno Risultato -marciume" del legno Gli insetti Condizioni necessarie - presenza: sempre possibile - temperatura temp. ambiente sufficiente meglio se caldo - umidità meglio se secco Preferiscono... - il clima molto secco - la non presenza dell'uomo - il legno dell'alburno Non apprezzano... - la presenza umana (lavorazione) - le colle usate in produzione - le vernici e simili I funghi Condizioni necessarie - presenza di spore: sempre - temperatura > 5 meglio se > 18 - umidità u > ~20 % nessun pericolo per u < ~20% Da sapere - u > 20%: ciclo vitale inizia in caso di presenza di acqua: degrado contatto con l'acqua necessario!!!! - u < 20%: ciclo vitale si arresta in caso di essiccazione: degrado arrestato - inizio del degrado non sempre riconoscibile quando visibile: danno importante - degrado da funghi: colorazione +/- visibile blu: innocuo per la funzione strutturale rosso/bianco/marrone: struttura degradata

6 INDAGINI DIAGNOSTICHE Vi consigliamo di contattare i ns. uffici per ulteriori notizie tecniche ed eventualmente per concordare un sopralluogo. La Nostra azienda effettua: Diagnosi Verifiche Strutturali Progettazione Degli Interventi Esecuzione Degli Interventi Ricostruzione di testate degradate Consolidamento delle unioni Incremento della capacità portante di solai Trattamenti preservanti

Servizi di diagnosi e classificazione su elementi e strutture di legno Servizi di ricerca per l industria del legno

Servizi di diagnosi e classificazione su elementi e strutture di legno Servizi di ricerca per l industria del legno ISPEZIONE DI STRUTTURE LIGNEE ANTICHE - SOLAI Sacrestia del Duomo di Siena Il fabbricato è ubicato a fianco del Duomo. Qui la struttura è coperta e parzialmente nascosta da un rivestimento dipinto. Alle

Dettagli

Protezione del legno. Protezione del legno. Durabilità delle costruzioni di legno. Constatazione. Durabilità delle costruzioni di legno.

Protezione del legno. Protezione del legno. Durabilità delle costruzioni di legno. Constatazione. Durabilità delle costruzioni di legno. Durabilità delle costruzioni di legno Constatazione Wangen a. Aar, CH - 1549-1559 I ponti stradali... - molto esposti - molto sensibili al degrado - durabilità discutibile Alcuni ponti stradali di legno

Dettagli

DURABILITA DEGLI EDIFICI A STRUTTURA PORTANTE IN LEGNO

DURABILITA DEGLI EDIFICI A STRUTTURA PORTANTE IN LEGNO Ing. Agostino Presutti IDS Ingegneria delle Soluzioni DURABILITA DEGLI EDIFICI A STRUTTURA PORTANTE IN LEGNO Roma 26 giugno 2014 DURABILITA LA DURABILITA DEGLI EDIFICI A STRUTURA PORTANTE IN LEGNO L uso

Dettagli

CORSO DI CARATTERI COSTRUTTIVI DELL EDILIZIA STORICA

CORSO DI CARATTERI COSTRUTTIVI DELL EDILIZIA STORICA CORSO DI CARATTERI COSTRUTTIVI DELL EDILIZIA STORICA AA 2008-2009 Arch. Elisa Adorni Legno LEGNO: materiale con caratteristiche molto variabili a seconda delle specie arboree Fattori climatici e morfologia

Dettagli

Ispezione e diagnosi delle strutture lignee in opera

Ispezione e diagnosi delle strutture lignee in opera Convegno: Il tempo della cura Ricerca e innovazione per il recupero e la conservazione dell opera d arte Ispezione e diagnosi delle strutture lignee in opera 28 maggio 2010 - Museo di Mineralogia Università

Dettagli

MESSA IN SICUREZZA DI SOLAI

MESSA IN SICUREZZA DI SOLAI MESSA IN SICUREZZA DI SOLAI IL PROBLEMA DELLO SFONDELLAMENTO DEI SOLAI Con il termine sfondellame nto dei solai si indica la rottura e il distacco delle cartelle d intradosso delle pignatte (chiamate fondelle)

Dettagli

RESTAURO: CRITERI E TIPOLOGIE DI INTERVENTO. Benedetto Pizzo

RESTAURO: CRITERI E TIPOLOGIE DI INTERVENTO. Benedetto Pizzo RESTAURO: CRITERI E TIPOLOGIE DI INTERVENTO Benedetto Pizzo INTERVENTI STRUTTURALI Gli interventi strutturali su legno possono essere schematicamente divisi in: Interventi sugli elementi strutturali Vengono

Dettagli

Tipologie significative per le strutture in legno naturale e legno lamellare

Tipologie significative per le strutture in legno naturale e legno lamellare ASPETTI AMBIENTALI DEL LEGNO Fornitura e deposito in cantiere I blocchi di legno massiccio, ma anche quelli in legno lamellare vengono trasportati con normali autocarri, dato il loro peso contenuto, e

Dettagli

Il legno elemento creativo per eccellenza. Per noi, rappresenta ogni giorno l espressione massima per realizzare progetti naturali.

Il legno elemento creativo per eccellenza. Per noi, rappresenta ogni giorno l espressione massima per realizzare progetti naturali. FANOLEGNO Il legno elemento creativo per eccellenza. Per noi, rappresenta ogni giorno l espressione massima per realizzare progetti naturali. FANOLEGNO Tetti La nostra struttura ha acquisito, nel corso

Dettagli

tecnologia viadotti 0 120022012 A N N I

tecnologia viadotti 0 120022012 A N N I tecnologia viadotti 0 12002 201 2 A N N I te.via. te.via. nasce nel 2002, ha sede a Vermezzo (MI) in via Ravello 12, su un area complessiva di 3.000 mq. te.via. è un azienda specializzata nel ripristino,

Dettagli

CRITERI PROGETTUALI PER IL CONSOLIDAMENTO -Le strutture in legno-

CRITERI PROGETTUALI PER IL CONSOLIDAMENTO -Le strutture in legno- CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011 CRITERI PROGETTUALI PER IL CONSOLIDAMENTO -Le strutture in legno- CONSOLIDAMENTO DEL LEGNO BIODEGRADATO Prima che il legno affetto da degrado

Dettagli

Intonaci civili e industriali Premicelati e tradizionali Intonaci di Risanamento Consolidamento murature Intonaci REI Termo - intonaci Bio - intonaci

Intonaci civili e industriali Premicelati e tradizionali Intonaci di Risanamento Consolidamento murature Intonaci REI Termo - intonaci Bio - intonaci e c i v r e s l i d nere rdo Ze a c c i R di Intonaci civili e industriali Premicelati e tradizionali Intonaci di Risanamento Consolidamento murature Intonaci REI Termo - intonaci Bio - intonaci Rasature

Dettagli

SOTTOPROGRAMMACONTROLLI

SOTTOPROGRAMMACONTROLLI COMUNEDILANCI ANO CH- PI ANODIMANUTENZI ONEDELL OPERAE DELLESUEP ARTI PROGRAMMADIMANUTENZI ONE SOTTOPROGRAMMACONTROLLI SOTTOPROGRAMMA I NTERVENTI SOTTOPROGRAMMA PRESTAZI ONI ALLEGATO 1 4 TAVOLA 0 0 LANCI

Dettagli

STRUTTURE IN LEGNO LAMELLARE

STRUTTURE IN LEGNO LAMELLARE STRUTTURE IN LEGNO LAMELLARE TECNOLOGIA e CALCOLO MORETTI INTERHOLZ s.r.l. dott. ing. Alberto AGOSTINI Direttore Tecnico Produzione (NTC 2008) IL MATERIALE MATERIA PRIMA: Abete rosso, Larice, Pino, Abete

Dettagli

Ancoraggi autoperforanti Micropali e tiranti

Ancoraggi autoperforanti Micropali e tiranti w w w. s o i l n a i l i n g. i t Consolidamento frane e terreni Soil Nailing / Pareti Chiodate Bonifiche montane Ancoraggi autoperforanti Micropali e tiranti INTERVENTI di controllo e miglioramento statico

Dettagli

TERMO INDAGINI SAGL. Ricerca dispersione termica e perdite energetiche dell edificio

TERMO INDAGINI SAGL. Ricerca dispersione termica e perdite energetiche dell edificio TERMO INDAGINI SAGL La società Termo Indagini Sagl è in grado di acquisire immagini termiche all infrarosso con l ausilio di apposite apparecchiature all avanguardia. Le immagini ottenute forniscono importanti

Dettagli

-.11 RISTRUTTURAZIONE EDIFICIO DI CIVILE ABITAZIONE NEL CENTRO STORICO DI VOCOGNO

-.11 RISTRUTTURAZIONE EDIFICIO DI CIVILE ABITAZIONE NEL CENTRO STORICO DI VOCOGNO -.11 RISTRUTTURAZIONE EDIFICIO DI CIVILE ABITAZIONE NEL CENTRO STORICO DI VOCOGNO Comune di (Borgata/Frazione) CRAVEGGIA VOCOGNO Classificazione dell intervento RISTRUTTURAZIONE Opere interne ed esterne

Dettagli

Esempi di applicazione

Esempi di applicazione 1 I compositi firosi vengono impiegati ogni qualvolta vi sia da assorire uno sforzo di trazione pura o di trazione prodotta dalla flessione o dal taglio. Il rinforzo a flessione viene realizzato mediante

Dettagli

Istruzioni d uso, manutenzione e cura di finestre e porte in legno

Istruzioni d uso, manutenzione e cura di finestre e porte in legno Gentili Signore e Signori, ci complimentiamo con Voi per le Vostre nuove finestre e/o porte e Vi ringraziamo per la fiducia che ci avete accordato. Per rendere durevole la Vostra soddisfazione nel nuovo

Dettagli

La Sistral risponde alle esigenze delle amministrazioni e delle imprese sulla manutenzione delle infrastrutture.

La Sistral risponde alle esigenze delle amministrazioni e delle imprese sulla manutenzione delle infrastrutture. La Sistral risponde alle esigenze delle amministrazioni e delle imprese sulla manutenzione delle infrastrutture. In particolare vengono progettati e realizzati interventi di ingegneria strutturale quali:

Dettagli

Allegati alle NTA. A - Allegati sulla qualità architettonica

Allegati alle NTA. A - Allegati sulla qualità architettonica Allegati alle NTA A - Allegati sulla qualità architettonica AGGIORNAMENTI: Variante n. 232 approvata con atto di C.C. n. 10 del 24.03.2015 A3 - Disciplinare tecnico per la conservazione e il recupero

Dettagli

P.R.G. COMUNE DI PEIO Censimento del patrimonio edilizio montano esistente e edifici storici sparsi Approvazione Finale nov. 2011

P.R.G. COMUNE DI PEIO Censimento del patrimonio edilizio montano esistente e edifici storici sparsi Approvazione Finale nov. 2011 A ELEMENTI ARCHITETTONICI E FUNZIONALI PIU RICORRENTI Nel patrimonio edilizio tradizionale e nei manufatti storici sparsi non riconducibili dal punto di vista tipologico e formale agli edifici tradizionali

Dettagli

FORNITURA E POSA IN OPERA DI PROTEZIONI PASSIVE AL FUOCO

FORNITURA E POSA IN OPERA DI PROTEZIONI PASSIVE AL FUOCO FORNITURA E POSA IN OPERA DI PROTEZIONI PASSIVE AL FUOCO Soluzioni passive al fuoco 2 Soluzioni passive al fuoco srl opera da anni con professionalità e competenza nell ambito della protezione passiva

Dettagli

APQ-MEDITERRANEO Linea 2.1Marocco Sviluppo dei saperi artigianali tradizionali ed integrazione dei sistemi produttivi in Marocco ed in Italia

APQ-MEDITERRANEO Linea 2.1Marocco Sviluppo dei saperi artigianali tradizionali ed integrazione dei sistemi produttivi in Marocco ed in Italia Scheda 1 APQ-MEDITERRANEO Linea 2.1Marocco Sviluppo dei saperi artigianali tradizionali ed integrazione dei sistemi produttivi in Marocco ed in Italia Iniziativa realizzata nell'ambito del P.I. 2.1 Marocco

Dettagli

MAS APPALTI s.r.l. PRESENTAZIONE AZIENDALE

MAS APPALTI s.r.l. PRESENTAZIONE AZIENDALE PRESENTAZIONE AZIENDALE 00173 Roma, Via S. Oberto, 69 Tel 06.7212419 fax 06.99938446 email: masappaltisrl@gmail.com CF/P.IVA 11362571009 PRESENTAZIONE AZIENDALE CHI SIAMO MAS APPALTI s.r.l. è un impresa

Dettagli

Comune di Dicomano Provincia di Firenze SERVIZIO LAVORI PUBBLICI, URBANISTICA ED AMBIENTE

Comune di Dicomano Provincia di Firenze SERVIZIO LAVORI PUBBLICI, URBANISTICA ED AMBIENTE SERVIZIO LAVORI PUBBLICI, URBANISTICA ED AMBIENTE Piazza Della Repubblica, n. 3 50062 Dicomano (FI) Tel. 055.83.85.41 Fax. 055.83.85.423 Prot.7572 Dicomano, lì 07/08/2015 Al SINDACO ALLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

EUROCERT. Via dell Artigianato, n 13 40057 Granarolo dell Emilia (BO) Tel. 051 6056810 - Fax 051 6056380 info@eurocert.it

EUROCERT. Via dell Artigianato, n 13 40057 Granarolo dell Emilia (BO) Tel. 051 6056810 - Fax 051 6056380 info@eurocert.it è vicina a te è un Organismo di Certifi cazione leader nel settore della Per garantire alla propria clientela elevati standard qualitativi, Ad oggi il Gruppo è in grado di offrire Servizi Integrati che

Dettagli

C9. COLLAUDO STATICO C9.1 PRESCRIZIONI GENERALI

C9. COLLAUDO STATICO C9.1 PRESCRIZIONI GENERALI C9. COLLAUDO STATICO C9.1 PRESCRIZIONI GENERALI Il Cap.9 delle NTC detta disposizioni minime per l esecuzione del collaudo statico, atto a verificare il comportamento e le prestazioni delle parti di opera

Dettagli

Servizi di bonifica e risanamento dopo un danno in casa o in azienda

Servizi di bonifica e risanamento dopo un danno in casa o in azienda Servizi di bonifica e risanamento dopo un danno in casa o in azienda per propone soluzioni intelligenti e innovative per gestire, limitare ed eliminare i danni materiali a strutture e contenuti, in casa

Dettagli

Stazione Passeggeri Porto di Pozzallo (Rg) Piano manutenzione dell opera 2

Stazione Passeggeri Porto di Pozzallo (Rg) Piano manutenzione dell opera 2 Committente : Provincia Regionale di Ragusa Località : Porto di Pozzallo (RG) Opera : Realizzazione della stazione passeggeri nel porto di Pozzallo PIANO DI MANUTENZIONE PREMESSA: Il piano di manutenzione

Dettagli

Indice generale. Ing. Davide Pompei mail: pompei.ingegneria@gmail.com pec: davide.pompei@ingte.it tel: 320.7733383 1. STRUTTURE PRESENTI...

Indice generale. Ing. Davide Pompei mail: pompei.ingegneria@gmail.com pec: davide.pompei@ingte.it tel: 320.7733383 1. STRUTTURE PRESENTI... Indice generale 1. STRUTTURE PRESENTI... 2 2. PAVIMENTO INDUSTRIALE... 3 PIANO DI MANUTENZIONE 1. Strutture presenti Strutture presenti Fondazioni Plinti di fondazione con bicchiere in opera senza bicchiere

Dettagli

RICERCA, CERTIFICAZIONI E VERIFICHE UNITA OPERATIVA TERRITORIALE BERGAMO

RICERCA, CERTIFICAZIONI E VERIFICHE UNITA OPERATIVA TERRITORIALE BERGAMO RICERCA, CERTIFICAZIONI E VERIFICHE UNITA OPERATIVA TERRITORIALE BERGAMO Ing. Angelo Romanelli, Direttore Dipartimento RCV Bergamo Data 12 settembre 2014 INTRODUZIONE IL COMMITTENTE Soggetto individuato

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA PREMESSA Nell ambito dell incarico ricevuto dall Amministrazione Comunale con Determinazione del Responsabile n.976 del 23/08/2005, è stato redatto il progetto esecutivo

Dettagli

PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA E DELLE SUE PARTI a corredo del progetto esecutivo, è redatto in conformità all'art. 38 del D.P.R.207/2010.

PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA E DELLE SUE PARTI a corredo del progetto esecutivo, è redatto in conformità all'art. 38 del D.P.R.207/2010. PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA E DELLE SUE PARTI a corredo del progetto esecutivo, è redatto in conformità all'art. 38 del D.P.R.207/2010. 1. GENERALITÀ 1.1 FINALITA DEL PIANO Il presente documento dovrà

Dettagli

PIANO DI MANUTENZIONE DELLE OPERE

PIANO DI MANUTENZIONE DELLE OPERE COMUNE DI AMEGLIA OGGETTO: REALIZZAZIONE DI NUOVI LOCULI NEL CIMITERO DI AMEGLIA E MONTEMARCELLO-RISTRUTTURAZIONE DI CAPPELLA MORTUARIA PIANO DI MANUTENZIONE DELLE OPERE (ART. 40 D.P.R.: N 554/99) AMEGLIA,

Dettagli

SICUREZZA E PRESTAZIONI ATTESE...

SICUREZZA E PRESTAZIONI ATTESE... INDICE GENERALE PREMESSA... 1 OGGETTO... 2 SICUREZZA E PRESTAZIONI ATTESE... 2.1 PRINCIPI FONDAMENTALI... 2.2 STATI LIMITE... 2.2.1 Stati Limite Ultimi (SLU)... 2.2.2 Stati Limite di Esercizio (SLE)...

Dettagli

manuale di utilizzo e manutenzione

manuale di utilizzo e manutenzione Dispositivo classe A2 su tetti inclinati manuale di utilizzo e manutenzione CONFORME ALLA NORMA UNI EN 795-2005 CLASSE A2 Dispositivo classe A2 su tetti inclinati Indice 1. NOTE GENERALI DI SICUREZZA pag.

Dettagli

Di seguito alleghiamo foto dei principali interventi realizzati negli ultimi anni.

Di seguito alleghiamo foto dei principali interventi realizzati negli ultimi anni. Profilo Aziendale Engeco S.r.l. con sede operativa a Erba (CO) in via Lecco n. 3/E e sede legale in Milano in via Medici n. 6, nasce nel 1999 dalla fusione di due Società: Tecnoline s.r.l e Tecnobrianza

Dettagli

GUIDA ALLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI

GUIDA ALLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI NORME CEI 0-10 GUIDA ALLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI La guida contiene le indicazioni relative alla manutenzione degli impianti elettrici di bassa tensione allo scopo di favorire il mantenimento

Dettagli

Consolidamento e manutenzione dei solai in laterocemento zona bagni al piano terra e primo, mediante inserimento di nuovi profilati metallici

Consolidamento e manutenzione dei solai in laterocemento zona bagni al piano terra e primo, mediante inserimento di nuovi profilati metallici CAPITOLO I 1.1 - DESCRIZIONE SINTETICA DELL OPERA Il progetto riguarda i lavori di adeguamento/miglioramento sismico controllato della scuola primaria Colombo nell'ambito del piano per la messa in sicurezza

Dettagli

Prodotti per l Edilizia e il Restauro - Tecnologie per l Ambiente e le Infrastrutture

Prodotti per l Edilizia e il Restauro - Tecnologie per l Ambiente e le Infrastrutture S.r.l. Prodotti per l Edilizia e il Restauro - Tecnologie per l Ambiente e le Infrastrutture DESCRIZIONE L uso dei rinforzi FRP SYTEM per il consolidamento di strutture in c.a., murature, legno e acciaio

Dettagli

Palazzo Scaligero è uno dei simboli di Verona.

Palazzo Scaligero è uno dei simboli di Verona. PONTEGGI IL MULTIDIREZIONALE LAYHER TRA I PROTAGONISTI DEL RESTAURO DELLA COPERTURA DI UNO DEI PALAZZI SIMBOLO DI VERONA. COSÌ MENTRE SI LAVORA IN QUOTA, LA FACCIATA RIMANE LIBERA Palazzo Scaligero è uno

Dettagli

Il risparmio nelle fondazioni e nel tempo di realizzazione.

Il risparmio nelle fondazioni e nel tempo di realizzazione. L acciaio sta assumendo sempre più un ruolo di primo piano nel settore delle costruzioni sia civili che industriali. La durata, la resistenza alla corrosione, le caratteristiche meccaniche, di resistenza

Dettagli

Palificazioni e Consolidamenti

Palificazioni e Consolidamenti Palificazioni e Consolidamenti PALI TRIVELLATI Pali trivellati a secco, incamiciati e con utilizzo di fanghi bentonitici/polimeri. PALI C.F.A. Pali ad elica continua C.F.A. PALI VIBROINFISSI Pali vibroinfissi,

Dettagli

I lavori sono stati affidati alla ditta Moranda Geom. Alfredo di Corteno Golgi (BS), con contratto d appalto del 14 marzo 2014.

I lavori sono stati affidati alla ditta Moranda Geom. Alfredo di Corteno Golgi (BS), con contratto d appalto del 14 marzo 2014. Il progetto di Risanamento e restauro conservativo dell ex sede della Società Operaia di Mutuo soccorso a Breno (BS) in Via Prudenzini è nato dalla necessità di recuperare un immobile di ampie dimensioni

Dettagli

Edifici in c.a. esistenti Metodi di adeguamento tradizionali

Edifici in c.a. esistenti Metodi di adeguamento tradizionali Corso di Riabilitazione Strutturale POTENZA, a.a. 2011 2012 Edifici in c.a. esistenti Metodi di adeguamento tradizionali Dott. Marco VONA DiSGG, Università di Basilicata marco.vona@unibas.it http://www.unibas.it/utenti/vona/

Dettagli

BLOCCO YTONG CLIMAGOLD: TUTTI I VANTAGGI DEL TOP DI GAMMA

BLOCCO YTONG CLIMAGOLD: TUTTI I VANTAGGI DEL TOP DI GAMMA FOCUS PRODOTTI Giugno 2014 BLOCCO YTONG CLIMAGOLD: TUTTI I VANTAGGI DEL TOP DI GAMMA Ytong Climagold è il blocco in calcestruzzo cellulare per realizzare pareti di tamponamento esterno che semplifica tutte

Dettagli

MANUTENZIONE E CURA DEI SERRAMENTI: Consigli per il trattamento conservativo delle finestre Albertini

MANUTENZIONE E CURA DEI SERRAMENTI: Consigli per il trattamento conservativo delle finestre Albertini MANUTENZIONE E CURA DEI SERRAMENTI: Consigli per il trattamento conservativo delle finestre Albertini Le vostre finestre e portefinestre in legno Albertini sono state verniciate con: Una mano di impregnante

Dettagli

Azienda USL n. 12 di Viareggio Dipartimento di Prevenzione U.F. Prevenzione Igiene e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro

Azienda USL n. 12 di Viareggio Dipartimento di Prevenzione U.F. Prevenzione Igiene e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Azienda USL n. 12 di Viareggio Dipartimento di Prevenzione U.F. Prevenzione Igiene e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro A dieci anni dall entrata in vigore del D.Lgs 494/96, (Attuazione della direttiva 92/57/CEE

Dettagli

GLI INDICATORI AMBIENTALI

GLI INDICATORI AMBIENTALI GLI INDICATORI AMBIENTALI L identificazione e l utilizzo di adeguati indicatori ambientali si dimostra indispensabile per misurare e tenere sotto controllo il miglioramento delle prestazioni ambientali

Dettagli

NUOVA TIPOLOGIA ANTISISMICA DI EDIFICI INDUSTRIALI

NUOVA TIPOLOGIA ANTISISMICA DI EDIFICI INDUSTRIALI ARCHITETTONICO NUOVA TIPOLOGIA ANTISISMICA DI EDIFICI INDUSTRIALI STRUTTURALE Pagina 1 di 9 Sommario SOLUZIONE TIPO :... 3 VANTAGGI RISPETTO AL SISTEMA USUALE DI CAPANNONI PREFABBRICATI :... 6 SCELTA TIPOLOGIA

Dettagli

Normative sismiche italiane

Normative sismiche italiane pag. 98 Normative sismiche italiane 1783 norme dopo il terremoto della Calabria: muratura intelaiata, limitazione di altezza. Edifici esistenti: riduzione di altezza 1908 norme sismiche locali dopo il

Dettagli

1 INTRODUZIONE... 2 2 GLI EDIFICI... 2 3 LE STRUTTURE ATTUALI E GLI ACERTAMENTI EFFETTUATI... 2 4 GLI INTERVENTI PREVISTI IN PROGETTO...

1 INTRODUZIONE... 2 2 GLI EDIFICI... 2 3 LE STRUTTURE ATTUALI E GLI ACERTAMENTI EFFETTUATI... 2 4 GLI INTERVENTI PREVISTI IN PROGETTO... SOMMARIO 1 INTRODUZIONE... 2 2 GLI EDIFICI... 2 3 LE STRUTTURE ATTUALI E GLI ACERTAMENTI EFFETTUATI... 2 4 GLI INTERVENTI PREVISTI IN PROGETTO... 3 5 I CRITERI DEL PROGETTO STRUTTURALE... 4 6 LE FASI REALIZZATIVE...

Dettagli

progettazione di edifici con strutture portanti in legno 21 ottobre 2011 durabilità 1 arch. m.sc. andrea zanchetta

progettazione di edifici con strutture portanti in legno 21 ottobre 2011 durabilità 1 arch. m.sc. andrea zanchetta durabilità 1 Il legno è un materiale durabile? Sala del maggior consiglio, Palazzo Ducale Venezia XVI secolo principi generali Il legno è un materiale durabile? Analisi capriate di copertura Palazzo Ducale

Dettagli

3.5.20 Strutture orizzontali

3.5.20 Strutture orizzontali 3.5.20 Strutture orizzontali Le strutture orizzontali, destinate alla divisione dei piani possono essere piane o ad arco: costituite cioè da solai o da volte. Fra tutte le strutture esse sono le più delicate

Dettagli

1 PREMESSA... 2 2 BARRIERE PARAMASSI... 3 3 CONSOLIDATORI MONOANCORAGGIO... 4 4 GABBIONI... 6 5 MURI A SECCO... 7

1 PREMESSA... 2 2 BARRIERE PARAMASSI... 3 3 CONSOLIDATORI MONOANCORAGGIO... 4 4 GABBIONI... 6 5 MURI A SECCO... 7 1 PREMESSA... 2 2 BARRIERE PARAMASSI... 3 2.1 PRESTAZIONI... 3 2.2 CONTROLLI... 3 2.3 INTERVENTI DI MANUTENZIONE... 4 3 CONSOLIDATORI MONOANCORAGGIO... 4 3.1 PRESTAZIONI... 4 3.2 CONTROLLI... 4 3.3 INTERVENTI

Dettagli

Progettare la manutenzione (a cura di Paolo Stefanini)

Progettare la manutenzione (a cura di Paolo Stefanini) Progettare la manutenzione (a cura di Paolo Stefanini) Progettare la manutenzione significa determinare il miglior sistema di gestione delle fasi che compongono tale processo, vale a dire trovare il giusto

Dettagli

Monitoring, Testing & Structural engineering

Monitoring, Testing & Structural engineering Monitoring, Testing & Structural engineering Indagini strutturali e prove diagnostiche Monitoraggio dinamico di edifici e infrastrutture Verifica di vulnerabilità sismica di edifici esistenti Analisi e

Dettagli

COMUNE DI ARICCIA PROVINCIA DI ROMA ORDINANZE

COMUNE DI ARICCIA PROVINCIA DI ROMA ORDINANZE COMUNE DI ARICCIA PROVINCIA DI ROMA ORDINANZE Ordinanza n 134 del 05/09/2012 OGGETTO: ORDINANZA A TUTELA DELLA PUBBLICA E PRIVATA INCOLUMITA' PER LA VERIFICA STRUTTURALE DEL MURO DI SOSTEGNO SUL LATO DI

Dettagli

RESTAURO COPERTURE. DIMENSIONI INTERVENTO (superficie complessiva 343 mq)

RESTAURO COPERTURE. DIMENSIONI INTERVENTO (superficie complessiva 343 mq) RESTAURO COPERTURE DIMENSIONI INTERVENTO (superficie complessiva 343 mq) copertura corpo in elevato copertura abside sinistra copertura abside centrale copertura abside destra copertura muro recinto 210

Dettagli

CANTIERE ZINCOL ITALIA SPA San Felice sul Panaro (MO) RELAZIONE DESCRITTIVA DEL CANTIERE. Pellizzari s.r.l.

CANTIERE ZINCOL ITALIA SPA San Felice sul Panaro (MO) RELAZIONE DESCRITTIVA DEL CANTIERE. Pellizzari s.r.l. pag. 1/11 RELAZIONE DESCRITTIVA DEL CANTIERE Pellizzari s.r.l. INTERVENTI DI RIPRISTINO DEGLI IMMOBILI E DEI BENI STRUMENTALI, A SEGUITO DEGLI EVENTI SISMICI DEL 20 E 29 MAGGIO 2012 Committente: ZINCOL

Dettagli

Lezione n. 9 Costruzioni in legno : interventi di conservazione

Lezione n. 9 Costruzioni in legno : interventi di conservazione Università IUAV di Venezia Clasa Corso di Restauro A.A. 2012-2013 prof. Paolo Faccio coll. arch. Paola Scaramuzza Lezione n. 9 Costruzioni in legno : interventi di conservazione Bibliografia : AA.VV, Il

Dettagli

PIANO DI MANUTENZIONE DELLA PARTE STRUTTURALE DELL OPERA (Ai sensi del D.M. 14.01.2008, art. 10.1)

PIANO DI MANUTENZIONE DELLA PARTE STRUTTURALE DELL OPERA (Ai sensi del D.M. 14.01.2008, art. 10.1) PIANO DI MANUTENZIONE DELLA PARTE STRUTTURALE (Ai sensi del D.M. 14.01.2008, art. 10.1) 1 - Premessa Il presente Piano di manutenzione della parte strutturale dell opera è relativo dell intervento di ristrutturazione

Dettagli

Corsi di Laurea in Ingegneria Edile ed Edile-Architettura. Costruzioni in Zona Sismica. Parte 7.

Corsi di Laurea in Ingegneria Edile ed Edile-Architettura. Costruzioni in Zona Sismica. Parte 7. Università di Pisa DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA STRUTTURALE Corsi di Laurea in Ingegneria Edile ed Edile-Architettura Costruzioni in Zona Sismica. Parte 7. Danneggiamento e riparazione di elementi strutturali

Dettagli

Manutenzione di macchine e impianti Lista di controllo

Manutenzione di macchine e impianti Lista di controllo Manutenzione di macchine e impianti Lista di controllo Nella vostra azienda si garantisce la sicurezza durante gli interventi di manutenzione? Le persone più a rischio sono i manutentori e gli operatori

Dettagli

PRESENTAZIONE AZIENDALE

PRESENTAZIONE AZIENDALE EDIL R.E.M. COSTRUZIONI S.R.L. Località Borgo San Martino 62 12042 Bra (CN) - Tel.0172 478289 - Fax 0172 478128 P.Iva e Cod.Fiscale : 03188050045 - R.E.A. nr. 270189 E-MAIL : info@edilremcostruzioni.it

Dettagli

CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011. Il legno. Ing. Emanuele Zamperini

CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011. Il legno. Ing. Emanuele Zamperini CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011 Il legno IL LEGNO COME MATERIALE STRUTTURALE (1) PREMESSA: Il legno è un materiale: - di origine biologica; - disponibile in natura in elementi

Dettagli

INDAGINI DIAGNOSTICHE

INDAGINI DIAGNOSTICHE INDAGINI DIAGNOSTICHE ESEMPIO DI SCHEDE OPERATIVE 1. Report di sopralluogo 2. Minute: rilievo armature prove sclerometriche prelievo carote prelievo barre di armature indagini soniche diagnostica manufatti

Dettagli

APPLICAZIONE DELLE BUONE PRASSI: PROGETTI DI FATTIBILITÀ

APPLICAZIONE DELLE BUONE PRASSI: PROGETTI DI FATTIBILITÀ APPLICAZIONE DELLE BUONE PRASSI: PROGETTI DI FATTIBILITÀ Il caso di Cogul...189 Step 1: rilievo critico...190 a - identificazione e collocazione con gli estratti cartografici...190 b - rilievo fotografico...190

Dettagli

26 GIUGNO 2012 AULA MAGNA DELLA SCUOLA EDILE CPIPE - VIA BASILICATA, 10/12 LOCALITÀ CAMIN PADOVA

26 GIUGNO 2012 AULA MAGNA DELLA SCUOLA EDILE CPIPE - VIA BASILICATA, 10/12 LOCALITÀ CAMIN PADOVA 26 GIUGNO 2012 AULA MAGNA DELLA SCUOLA EDILE CPIPE - VIA BASILICATA, 10/12 LOCALITÀ CAMIN PADOVA 26 GIUGNO 2012 Intervento ing. Donato Chiffi Progettazione costruttiva dei dispositivi di ancoraggio e verifica

Dettagli

SCHEDA TECNICA WPC Descrizione Temperatura: 25 Interasse:300mm Dimensioni(cm) Codice prodotto Flessione (MPa) Moduli di flessione Deviazione(mm(MPa) WPC decking 15x2.5 BGP 01 22,61 14,83 889,5 Magatelli

Dettagli

Tradizione ed innovazione. La classificazione del legname massiccio strutturale.

Tradizione ed innovazione. La classificazione del legname massiccio strutturale. Convegno SICUREZZA E COMFORT NELLE ABITAZIONI CON STRUTTURE DI LEGNO Verona, 16 Giugno 2001 Tradizione ed innovazione. La classificazione del legname massiccio strutturale. Prof. Ing. Luca UZIELLI Prof.

Dettagli

EDIFICI IN C.A. SOLAI sbalzi

EDIFICI IN C.A. SOLAI sbalzi EDIFICI IN C.A. SOLAI sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi EDIFICIO IN ACCIAIO Sbalzi EDIFICIO IN ACCIAIO E LEGNO Sbalzi EDIFICIO IN ACCIAIO Sbalzi PONTI under construction Sbalzi

Dettagli

TECNICHE DI CONSOLIDAMENTO

TECNICHE DI CONSOLIDAMENTO il futuro è un passato consolidato. Il passato è già stato scritto ed è una certezza, non deve rimanere solo una foto sbiadita o un ricordo... ma uno strumento per scrivere il nostro futuro. TECNICHE DI

Dettagli

Il consolidamento delle murature a faccia vista

Il consolidamento delle murature a faccia vista Il consolidamento delle murature a faccia vista Arch. Gianluigi Palmieri Presidente EDIL-CAM Introduzione Le murature con i paramenti esterni non protetti da intonaci rappresentano un importante percentuale

Dettagli

DISEGNO dell ARCHITETTURA II

DISEGNO dell ARCHITETTURA II 1 DISEGNO dell ARCHITETTURA II Il disegno delle strutture portanti. Le diapositive costituiscono unicamente una base per lo sviluppo della lezione e, come tali, non sostituiscono in alcun modo i testi

Dettagli

Dinolin design. Sistemi per la protezione e decorazione del legno

Dinolin design. Sistemi per la protezione e decorazione del legno Dinolin design Sistemi per la protezione e decorazione del legno Dinolin D e s i g n Sistemi per la protezione e decorazione del legno Fondi sistema Dinolin Dinolin Holzschutzgrund H-10 Fondo impregnante

Dettagli

QUESTIONARIO Per l Assicurazione DECENNALE POSTUMA di immobili di nuova realizzazione

QUESTIONARIO Per l Assicurazione DECENNALE POSTUMA di immobili di nuova realizzazione QUESTIONARIO Per l Assicurazione DECENNALE POSTUMA di immobili di nuova realizzazione La società si impegna a fare uso riservato di queste notizie ed informazioni. E importante rispondere a tutte le domande

Dettagli

VERIFICA DI VULNERABILITA SISMICA DEGLI EDIFICI

VERIFICA DI VULNERABILITA SISMICA DEGLI EDIFICI VERIFICA DI VULNERABILITA SISMICA DEGLI EDIFICI Verifica di vulnerabilità sismica Pagina 2 di 8 INDICE Premessa...3 Classificazione sismica...3 Vulnerabilità sismica...5 Indagini...5 Calcolo...6 Verifica

Dettagli

Manuale ANCORAGGIO STRUTTURALE PALO INCLINATO Ø80 ZINCATO/INOX ART. 68050/68051

Manuale ANCORAGGIO STRUTTURALE PALO INCLINATO Ø80 ZINCATO/INOX ART. 68050/68051 Manuale ANCORAGGIO STRUTTURALE PALO INCLINATO Ø80 ZINCATO/INOX ART. 68050/68051 2 EDIZIONE GIUGNO 2012 Indice SOMMARIO ELEMENTO DI ANCORAGGIO STRUTTURALE Descrizione del prodotto Modalità d uso e limite

Dettagli

REGOLE DI BUONA PRASSI PER IL COORDINATORE DELLA SICUREZZA

REGOLE DI BUONA PRASSI PER IL COORDINATORE DELLA SICUREZZA REGOLE DI BUONA PRASSI PER IL COORDINATORE DELLA SICUREZZA IN RIFERIMENTO DELLA DIRETTIVA CANTIERI D.L.vo 494/96 e D.L.vo 528/99; DPR 222/03; D.L.vo 276/03 Le regole di seguito indicate rappresentano un

Dettagli

Comune di FIAMIGNANO Provincia di RIETI PIANO DI MANUTENZIONE MANUALE D'USO. (Articolo 38 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207)

Comune di FIAMIGNANO Provincia di RIETI PIANO DI MANUTENZIONE MANUALE D'USO. (Articolo 38 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207) Comune di FIAMIGNANO Provincia di RIETI PIANO DI MANUTENZIONE MANUALE D'USO (Articolo 38 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207) OGGETTO: POS FESR Lazio 2007-2013 Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione

Dettagli

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA Settore Assetto e Tutela del Territorio Oggetto: Attidium: l area archeologica diviene luogo di fruibilità turistica Importo dell opera 133.000,00 Importo del cofinanziamento

Dettagli

APQ-MEDITERRANEO Linea 2.1Marocco Sviluppo dei saperi artigianali tradizionali ed integrazione dei sistemi produttivi in Marocco ed in Italia

APQ-MEDITERRANEO Linea 2.1Marocco Sviluppo dei saperi artigianali tradizionali ed integrazione dei sistemi produttivi in Marocco ed in Italia Scheda 1 APQ-MEDITERRANEO Linea 2.1Marocco Sviluppo dei saperi artigianali tradizionali ed integrazione dei sistemi produttivi in Marocco ed in Italia Iniziativa realizzata nell'ambito del P.I. 2.1 Marocco

Dettagli

La Leadership. Salvatore Savarese

La Leadership. Salvatore Savarese La Leadership Salvatore Savarese 1 Introduzione Lavorare all interno di organizzazioni induce un evoluzione professionale ed umana in più direzioni: aumentano le competenze tecniche specifiche, si sviluppano

Dettagli

Libretto verifiche e controlli per

Libretto verifiche e controlli per Libretto verifiche e controlli per Gru a torre n fabbrica matricola ISPESL Eseguendo le verifiche e i controlli è necessario osservare quanto segue: - le norme di legge italiane e comunitarie, - le norme

Dettagli

LA SICUREZZA DI UNA MURATURA DALLE PRESTAZIONI ECCELLENTI ANCHE IN ZONA SISMICA

LA SICUREZZA DI UNA MURATURA DALLE PRESTAZIONI ECCELLENTI ANCHE IN ZONA SISMICA LA SICUREZZA DI UNA MURATURA DALLE PRESTAZIONI ECCELLENTI ANCHE IN ZONA SISMICA In un mercato dell edilizia che in generale pone sempre più l accento su soluzioni che siano ecocompatibili e performanti

Dettagli

Guida per un corretto utilizzo di SUPERCAP

Guida per un corretto utilizzo di SUPERCAP Guida per un corretto utilizzo di SUPERCAP 1-2 - 3 - TAPPI VINO PREMESSA Data la variabilità delle tipologie dei vini, dei processi di produzione e di imbottigliamento, il tappo SUPERCAP deve essere utilizzato

Dettagli

INDICE 1. INTRODUZIONE... 2 2. PARATIA DI PALI TRIVELLATI IN C.A... 2 3. MURO IN C.A... 3 4. REGIMAZIONE ACQUE METEORICHE... 3

INDICE 1. INTRODUZIONE... 2 2. PARATIA DI PALI TRIVELLATI IN C.A... 2 3. MURO IN C.A... 3 4. REGIMAZIONE ACQUE METEORICHE... 3 INDICE 1. INTRODUZIONE... 2 2. PARATIA DI PALI TRIVELLATI IN C.A.... 2 3. MURO IN C.A.... 3 4. REGIMAZIONE ACQUE METEORICHE... 3 1. INTRODUZIONE Il piano di manutenzione dell opera è il documento complementare

Dettagli

In caso di catastrofe AiTecc è con voi!

In caso di catastrofe AiTecc è con voi! In caso di catastrofe AiTecc è con voi! In questo documento teniamo a mettere in evidenza i fattori di maggior importanza per una prevenzione ottimale. 1. Prevenzione Prevenire una situazione catastrofica

Dettagli

COMUNE DI SAN SPERATE PROVINCIA DI CAGLIARI

COMUNE DI SAN SPERATE PROVINCIA DI CAGLIARI COMUNE DI SAN SPERATE PROVINCIA DI CAGLIARI PROGETTO ESECUTIVO MESSA IN SICUREZZA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI, COMPLESSO SCOLASTICO VIA PIXINORTU ANGOLO VIA GARAU ALLEGATO 1 RELAZIONE

Dettagli

LE SOLUZIONI PAULIN UNI EN 1504 IL RISANAMENTO DEL CEMENTO ARMATO. Un intervento efficace e di lunga durata

LE SOLUZIONI PAULIN UNI EN 1504 IL RISANAMENTO DEL CEMENTO ARMATO. Un intervento efficace e di lunga durata LE SOLUZIONI PAULIN 1. Preparazione del supporto mediante completa asportazione e demolizione con l ausilio di mezzi meccanici o manuali di tutte le parti in calcestruzzo degradate o invia di distacco

Dettagli

(denominata Libero Consorzio Comunale ai sensi della L.R. n 08/2014) II DIPARTIMENTO TECNICO 2 SERVIZIO Patrimonio Edilizia e Manutenzione

(denominata Libero Consorzio Comunale ai sensi della L.R. n 08/2014) II DIPARTIMENTO TECNICO 2 SERVIZIO Patrimonio Edilizia e Manutenzione II DIPARTIMENTO TECNICO 2 SERVIZIO OGGETTO: Interventi urgenti di messa in sicurezza ed eliminazione carenze igienico-sanitarie presso il Cine Teatro Metropol di Caltagirone, sito in Viale P.pe Umberto.

Dettagli

MANUALE DI MANUTENZIONE

MANUALE DI MANUTENZIONE Comune di Frascati Roma PIANO DI MANUTENZIONE MANUALE DI MANUTENZIONE (Articolo 40 D.P.R. 554/99) OGGETTO: Miglioramento sismico di edificio in muratura COMMITTENTE: Data, IL TECNICO Pagina 1 Manuale di

Dettagli

Piano di Manutenzione delle Parte Strutturale dell Opera

Piano di Manutenzione delle Parte Strutturale dell Opera Piano di Manutenzione delle Parte Strutturale dell Opera (Ai sensi del D.M. 14.01.2008, art. 10.1) 1. Premessa Il presente Piano di manutenzione è relativo alle opere strutturali da eseguire per il ripristino

Dettagli

IL LEGNO COME SISTEMA COSTRUTTIVO

IL LEGNO COME SISTEMA COSTRUTTIVO IL LEGNO COME SISTEMA COSTRUTTIVO 1980 1985 2010 L INIZIO 20 ottobre 1978, è la data che segna l inizio dell attività svolta da Essepi come ditta artigiana per la fabbricazione di finestre in legno. È

Dettagli

PROVINCIA DI RAVENNA SETTORE LAVORI PUBBLICI

PROVINCIA DI RAVENNA SETTORE LAVORI PUBBLICI PROVINCIA DI RAVENNA SETTORE LAVORI PUBBLICI U.O. PROGETTAZIONE STRADE ED ESPROPRI INTERVENTI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA DELLE OPERE D'ARTE POSTE AL SERVIZIO DELLA RETE STRADALE PROVINCIALE FINALIZZATI

Dettagli

SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI IL PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA P.O.S.

SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI IL PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA P.O.S. SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI IL PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA P.O.S. La versione aggiornata del Testo Unico: Rev. 13^ - Maggio 2013 TITOLO IV - CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI CAPO I - MISURE PER LA SALUTE

Dettagli

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790 SCHEDARIEPILOGATIVAINTERVENTO OPCMn.3779e3790 A)Caratteristicheedificio Esitodiagibilità: B-C (OPCM 3779) E (OPCM 3790) Superficielordacomplessivacoperta( 1 ) mqnum.dipiani Num.UnitàImmobiliaritotali B)Contributorichiestoaisensidi

Dettagli

COPERTURE IN LEGNO. Ogni materiale non è altro che ciò che noi lo rendiamo. Mies van der Rohe

COPERTURE IN LEGNO. Ogni materiale non è altro che ciò che noi lo rendiamo. Mies van der Rohe Ogni materiale non è altro che ciò che noi lo rendiamo. Mies van der Rohe Il legno è il più antico materiale da costruzione utilizzato dall uomo. Infonde un atmosfera calda e piacevole agli ambienti, è

Dettagli