L IMPOSIZIONE FISCALE DEI GIOCHI E DELLE SCOMMESSE ABUSIVI. Disciplina di riferimento e criticità de iure condito.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L IMPOSIZIONE FISCALE DEI GIOCHI E DELLE SCOMMESSE ABUSIVI. Disciplina di riferimento e criticità de iure condito."

Transcript

1 L IMPOSIZIONE FISCALE DEI GIOCHI E DELLE SCOMMESSE ABUSIVI. Disciplina di riferimento e criticità de iure condito. 1. La rilevanza del fenomeno. Cenni generali. È noto, come la crescita del fatturato derivante dalla raccolta dei giochi e delle scommesse pubbliche sia andato, via via, amplificandosi nel corso degli ultimi anni e come, di pari passo, sia analogamente cresciuto anche l interesse erariale nei riguardi di tale fenomeno 1. In tale contesto, si è pure appalesa la crescita, purtroppo parallela e complementare, di molteplici e variegati fenomeni illeciti destinati ad assumere, nonostante il ragguardevole impegno dimostrato dagli Enti competenti, sempre maggior rilevanza anche a causa dell irrefrenabile sviluppo conosciuto negli ultimi tempi dai sistemi informatici e telematici capaci di garantirne un ampia ed incontrollabile diffusione territoriale di qualsiasi conoscenza. Tralasciando ogni considerazione intorno all esatta qualificazione giuridica delle molteplici fattispecie illecite perpetrabili nel comparto in esame, quello che ci interessa nel presente lavoro è di sviluppare un utile approfondimento intorno a tutta la disciplina che regola la possibilità di tassare i proventi conseguiti attraverso la gestione, anche concomitante ad attività perfettamente regolari, della raccolta di giocate, e delle vincite così conseguite, svolta in contrasto con la disciplina di riferimento mettendo anche in evidenza taluni limiti che la normativa di settore evidenzia. Tali rischi, alimentati anche da un consistente allargamento della sfera dei soggetti chiamati a ad occuparsi dell azione di contrasto ai fenomeni illeciti perpetrati nel settore, ove non esattamente considerati, sono in grado, come vedremo, di inficiare l attività svolta dall Amministrazione finanziaria tesa al recupero di somme dovute a titolo di tributo per le attività in parola. 2. IL FISCO E LA RACCOLTA ILLECITA La tassazione dei proventi illeciti in generale. È superfluo ricordare che il principio della tassazione delle attività illecite è stato inserito nel nostro ordinamento ad opera dell art. 14, comma 4, della Legge 24 dicembre 1993, n. 537, che ha sancito il principio secondo cui, nelle categorie di reddito di cui all articolo 6, comma 1, del predetto TUIR, se in esse classificabili, devono intendersi ricompresi anche i proventi derivanti da atti, fatti ed attività qualificabili come illecito civile, penale o amministrativo, se non già sottoposti a sequestro o confisca penali. La portata di tale principio è stata poi ampliata a mezzo dell articolo 36, comma 34 bis, del D.L. 4 luglio 2006, n. 223 ( Bersani-Visco ), convertito con modificazioni, dalla Legge 4 agosto 2006, n. 248, che ha riformulato, in via ancora più estensiva, la sfera applicativa della previsione recata dall articolo 14, comma 4, della legge n. 537 citata stabilendo che, qualora i proventi illeciti non siano classificabili nelle categorie di cui all articolo 6, comma 1, sopra richiamato, i medesimi possano essere inquadrati, anche ai fini della loro determinazione, nella categoria dei redditi diversi di cui agli articoli 67 e seguenti del TUIR. La suddetta disposizione di legge assume rilevante interesse, come vedremo, anche con riguardo alla disamina in via di sviluppo nel presente lavoro L applicazione della disposizione sulla tassazione dei proventi illeciti anche alla materia dei giochi e delle scommesse. Da quanto appena evidenziato, appare chiaro come, anche i proventi derivanti dall attività di raccolta di giochi, scommesse, concorsi pronostici, ecc..., svolti in maniera del tutto illegale, o comunque in contrasto con le disposizioni che regolano la materia, possano sottostare a tale previsione normativa e, quindi, essere sottoposti a tassazione. La materia dei giochi e delle scommesse è, infatti, caratterizzata da un regime monopolistico-vincolistico che ordina riservandone l organizzazione e la gestione allo Stato per il tramite di soggetti in possesso di idonee

2 garanzie, affidatari delle concessioni di volta in volta rilasciate lo svolgimento delle attività di raccolta delle giocate prevedendo apposite misure punitive per tutte le fattispecie illecite. Appare evidente, quindi, come l esercizio di tali attività, svolto in difetto di autorizzazione/concessione amministrativa, o in difformità alle prescrizioni dettate dalla normativa di riferimento, configuri specifiche condotte vietate dall ordinamento e sanzionate con l applicazione di apposite pene che si differenziano, in natura ed entità, a seconda del disvalore sociale delle fattispecie illecite astrattamente configurabili. In estrema sintesi, la maggior parte delle ipotesi di raccolta illecita delle giocate riferite alle diverse fattispecie illegali (Bingo, Lotterie, Concorsi pronostici e scommesse) concretizzano specifici reati tutti sanzionabili a norma della Legge 13 dicembre 1989, n. 401, delle disposizioni sul gioco d azzardo di cui agli artt. 718 e s.s. del codice penale e da altre disposizioni di legge. Non mancano, poi, anche le ipotesi illecite punite a titolo amministrativo con l applicazione di apposite misure di carattere pecuniario come, ad esempio, le diverse condotte illecite previste e punite, in tema di New Slot, dall art. 110, del T.U.L.P.S., come pure, ad esempio, le fattispecie illecite di cui agli artt. 113 bis e 124 del R.D. n del 1938 per quanto riguarda le manifestazioni a premi e di sorte locali. Orbene, si può validamente sostenere, alla luce di quanto sopra rilevato, che anche i proventi derivanti da attività svolte in violazione delle norme che disciplinano il comparto in esame, rientrando nel contesto previsionale della norma in commento, possono essere sottoposti a tassazione se prodotti in concomitanza con gli ulteriori requisiti previsti dalla legge. Si fa riferimento, in particolare, alla necessità che gli stessi siano classificabili in una delle categorie di reddito di cui all art. 6 del T.U.I.R. (redditi fondiari, di capitale, di lavoro dipendente, autonomo, d impresa e diversi) 2. Vi è da rilevare, comunque, come il tema della classificabilità nelle categorie di reddito in esame, alla luce delle novità recate dal D.L. n. 223 citato, assuma minor rilievo considerato che, in ogni caso e come già rilevato, i proventi derivanti dallo svolgimento di attività di raccolta di giocate illecitamente effettuata, ove non risultino ascrivibili in una delle categorie reddituali di cui al richiamato art. 6 TUIR, potranno essere comunque considerati quali redditi diversi, ex art. 67 del TUIR. È, poi, indispensabile che detti proventi non siano stati sottoposti a sequestro o confisca penale. Sul punto è da evidenziare che sono da prendere in considerazione ai fini della valutazione circa l esclusione dal perimetro applicativo della disposizione in argomento sia le ipotesi di confisca penale di cui all art. 240 del c.p. (nonché le prodromiche ipotesi di sequestro contemplate negli artt. 253, 316 e 321 c.p.p.), sia le ipotesi di confisca amministrativa previste dall art. 20 della Legge 24 novembre 1989, n. 689, nonché nel caso in cui venga operato il sequestro cautelare funzionale alla predetta confisca contemplato dall art. 13 della medesima legge amministrativa L estensione del principio agli altri tributi (I.V.A.,..ma anche per il PREU e l Imposta Unica) In generale. In senso favorevole alla possibilità di estendere tout court il principio della tassazione diretta dei proventi illecitamente conseguiti, anche con riferimento ad altri ambiti impositivi, si è pronunciata innanzitutto la Suprema Corte con la Sentenza n del 12 marzo 2002, con la quale, nel decidere in merito alla possibilità di estendere, anche nei riguardi dell I.V.A. (quando, ovviamente, tale tributo risulti dovuto sulle corrispondenti attività lecite), la disposizione dell art. 14, quarto comma, della Legge 24 dicembre 1993, n. 537 (di per sé riferita alla sola disciplina delle imposte sui redditi), la Corte di Cassazione ha sancito che l affermazione di principio (ndr. sollevata dalla parte ricorrente) secondo la quale i proventi provenienti da attività illecita non sarebbero assoggettabili ad imposta è manifestamente errata in quanto contrasta con il preciso disposto dell art. 14, comma 4, della legge 24 dicembre 1993, n. 537, in base al quale i proventi derivanti da fatti, atti o attività qualificabili come illecito civile, penale o amministrativo, devono intendersi ricompresi nelle categorie di reddito di cui all'art. 6 del T.U.I.R. Continua, poi, il giudice di legittimità affermando che Anche se la norma è riferita alla disciplina delle imposte sul reddito è inequivocabilmente una norma di principio, in forza della quale non si può eccepire la esenzione tributaria per i proventi derivanti da attività illecite. Nel prosieguo, tale principio è stato confermato anche nelle sentenze della Suprema Corte n del 24 gennaio 2006 e n in data 17 novembre 2006.

3 Ciò premesso, tenuto comunque conto del generale regime di esenzione I.V.A. che governa il mondo dei giochi, è utile rilevare come nel comparto in esame, sulla scorta di tali principi, siano state recentemente introdotte specifiche norme che, tenendo conto del rilevato orientamento giurisprudenziale e in linea con le anzidette statuizioni normative, hanno previsto l applicazione, anche con riferimento ad attività svolte abusivamente, o in contrasto con la disciplina di riferimento, dei tributi speciali applicati, in via ordinaria, con riguardo alle sole attività lecitamente organizzate In relazione al PREU dovuto sugli apparecchi e congegni di cui all art. 110 TULPS. La legge Finanziaria per il 2007, come già evidenziato nel volume sopra richiamato, cui si rimanda per ogni utile approfondimento 4, ha apportato importanti modifiche alla disciplina del PREU allo scopo di consentire in linea con l orientamento legislativo e giurisprudenziale consolidatosi in materia l applicazione del tributo anche in relazione alla raccolta illecita o illegale di giocate con gli apparecchi e congegni di cui all art. 110 TULPS. In sostanza, sulla scorta delle predette disposizioni, il PREU in parola è dovuto anche per gli apparecchi e congegni: che, privi di regolare nulla osta per la messa in esercizio, eroghino vincite in denaro o risultino idonei al gioco d azzardo; il cui esercizio, sebbene posto in essere in presenza di regolari nulla osta di messa in esercizio, sia qualificabile come illecito civile, penale o amministrativo. Si tratta, in sostanza, di tutte quelle ipotesi in cui, a seguito dei controlli svolti, vengano comminate sanzioni amministrative e/o penali in relazione alla gestione irregolare delle macchine da gioco in parola e venga accertata (attraverso la ricostruzione, anche induttiva, delle giocate 5 ) la presenza di una maggiore base imponibile da sottoporre all applicazione del PREU In relazione all Imposta Unica sulla raccolta di scommesse. In relazione al regime impositivo previsto per le scommesse ed i concorsi pronostici, governato dall applicazione dell Imposta Unica di cui al D.Lgs 23 dicembre 1998, n. 504, è importante rilevare come pur in assenza di una specifica disposizione di legge che, similmente a quanto si è visto per il PREU, preveda l applicazione in ogni caso l interpretazione del principio sulla tassazione dei proventi illeciti sopra esaminato (cfr. sub ), ben potrebbe consentire all Amministrazione finanziaria competente (A.A.M.S.) di emettere atti di accertamento finalizzati all applicazione ed al recupero dell Imposta Unica anche in relazione alla raccolta illecita delle scommesse di cui si discute (il caso tipico è dato dalle agenzie c.d. C.T.D. che raccolgono abusivamente scommesse per conto di allibratori stranieri privi di concessione, in violazione dell art. 4 della Legge n. 401/1989 citata) L I.V.A. sulle attività illecite. Nel settore oggetto d esame nel presente lavoro è stato affermato, dalla giurisprudenza comunitaria e nazionale, il principio secondo cui gli Stati membri, possono facoltativamente istituire previa autorizzazione allo svolgimento un regime di esenzione IVA (cfr., per il nostro Paese, l art. 10, comma 1, nn. 6 e 7, del D.P.R. n. 633 del 1972), ma che nel rispetto del principio di neutralità di tale tributo, anche quando gli stessi si avvalgono di tale facoltà, tale regime fiscale non può essere limitato alle sole operazioni lecite (cfr. Sentenza 11 giugno Causa C-283/95 della Corte di Giustizia Europea) 6. La C.M. n. 176/E del 9 agosto 1999, ha in proposito chiarito che il principio della neutralità fiscale dal quale, secondo quanto sancito dalla Corte di Giustizia, discende che alle attività illecite si applica lo stesso trattamento I.V.A. previsto per le medesime attività esercitate legittimamente, abbia carattere generale e che quindi non vi sia spazio per una soluzione che differenzi l applicazione dell imposta sulla base della disciplina extrafiscale relativa alle modalità di esercizio dell attività o ai requisiti soggettivi di coloro che la svolgono. Con specifico riguardo alla materia degli apparecchi e congegni di cui all art. 110 del TULPS, si deve evidenziare che la C.M. n. 21/E in data 13 maggio 2005 ha fornito taluni chiarimenti in ordine alla portata delle disposizioni introdotte con la Finanziaria riguardanti l applicazione, anche alla raccolta delle giocate con tali congegni, del regime di esenzione già previsto dall art. 10, primo comma, n. 6), del D.P.R. n. 633/1972.

4 2.5. L indeducibilità dei costi e delle spese per reati attinenti ai giochi ed alle scommesse. Un altra importante disposizione anch essa di notevole importanza in relazione alle problematiche in via di disamina è stata inserita nel corpo dell art. 14 della Legge n. 537 in esame, dalla Legge Finanziaria per l anno L art. 2, comma 8, della Legge n. 289 del 2002, ha, infatti, introdotto, dopo il comma 4, il comma 4 bis, che testualmente recita: Nella determinazione dei redditi di cui all articolo 6, comma 1, del testo unico delle imposte sui redditi, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, non sono ammessi in deduzione i costi o le spese riconducili a fatti, atti o attività qualificabili come reato, fatto salvo l esercizio di diritti costituzionalmente riconosciuti. Con tale norma è stata, pertanto, sancita l indeducibilità fiscale dei costi e delle spese riconducibili a fatti, atti o attività qualificabili come reato ovvero, per quanto ci riguarda, in tutte le ipotesi di rilevanza penale di cui si è già discusso in precedenza CONCLUSIONI ED EVIDENZIAZIONE DI ALCUNE CRITICITA. Dal rapido excursus sopra sviluppato emergono talune criticità che necessitano di un più approfondito esame. In particolare, bisogna rilevare che notevoli problematiche applicative potrebbero sorgere ove l Amministrazione finanziaria contesti la debenza e richieda il versamento: a. dell I.V.A. in relazione alla indebita fruizione del regime di esenzione di cui all art. 10 del decreto IVA citato, ma anche per quanto di maggior interesse ed a cagione della estensione del suddetto principio operata dall articolo unico, comma 497, della Legge n. 311/2004 sugli apparecchi e congegni di cui all art. 110 del T.U.L.P.S., la cui non corretta gestione abbia comportato l applicazione di sanzioni amministrative e/o penali (es. apparecchi non collegati o sprovvisti dei necessari titoli autorizzatori) con il conseguente recupero di tributi ritenuti dovuti. Ciò, in quanto, sulla scorta delle richiamate statuizioni della Corte di Giustizia Europea, in tema di I.V.A., non è consentita alcuna distinzione di trattamento tra operazioni lecite e operazioni illecite, mentre può essere affermata soltanto la non imponibilità al tributo, come principio di carattere generale, per quelle operazioni che, essendo assolutamente vietate (come nel caso del traffico di stupefacenti), risultano del tutto estranee al tributo e non creano problemi di concorrenza tra settori economici leciti ed illeciti. Da quanto rilevato, peraltro, detta esenzione risulterebbe chiaramente riferibile (e questo è, ad evidenza, l aspetto più rilevante) anche a quegli apparecchi e congegni da gioco irregolari, ovvero a quelli che, pur conformi alle prescrizioni di idoneità fissate dal menzionato art. 110, comma 6, del TULPS, siano sprovvisti di titolo autorizzatorio o comunque non collegati alla rete telematica di proprietà dell AAMS; b. dell Imposta Unica sulle scommesse illecite, o comunque svolte in contrasto con la disciplina di riferimento (è il caso, come già ricordato, delle scommesse raccolte in Italia attraverso i CTD privi di concessione/autorizzazione a favore di bookmaker stranieri), sulla scorta dei principi sanciti dalla Corte di Cassazione tesi ad estendere, anche ad altri tributi, il principio della tassazione dei proventi illeciti di cui si è discusso. E ciò, in particolare, per il fatto che: - diversamente da quanto previsto in tema di PREU, per le scommesse abusive non è stata emanata, alcuna norma che abbia espressamente previsto l applicazione dell imposta Unica di cui al D.Lgs 23 dicembre 1998, n. 504, anche alla raccolta illecita delle giocate; - gli operatori privi di concessione/autorizzazione non possono essere ricompresi, ex lege, nella platea dei soggetti passivi dell imposta in discorso. Ai sensi, infatti, dell art. 1 del menzionato decreto, l imposta in argomento trova applicazione soltanto nei riguardi dei concorsi pronostici e delle scommesse lecitamente organizzati 9 ; c. del maggior PREU accertato a seguito dei controlli eseguiti. Come già rilevato, la legge Finanziaria per il 2007 ha introdotto 10 apposite previsioni finalizzate a consentire l applicazione del PREU anche alla raccolta illegale attuata con gli apparecchi in commento.

5 Sul punto va però rilevato che tale disciplina presenta delle peculiarità di notevole rilevanza che evidenziano dei punti deboli fortemente esposti in sede di contenzioso. Si fa riferimento al fatto che la competente AAMS, a seguito della trasmissione degli atti inerenti all esecuzione di un controllo, da parte delle Forze di Polizia, che abbia determinato l applicazione di sanzioni amministrative/penali, potrebbe procedere, dopo aver ricostruito la base imponibile degli apparecchi sottratta a tassazione, attraverso la lettura reale dei contatori, ovvero induttivamente, alla emissione dei relativi atti di accertamento, sia per il PREU dovuto a norma di legge, sia per gli altri tributi diretti e indiretti. L analisi di tale procedura palesa delle circostanze che sarebbero, da sole, sufficienti ad inficiare la validità degli atti di accertamento emanati quando: - all attività di tipo amministrativo e/o penale che abbia condotto alla constatazione degli illeciti regolamentari e, comunque, prima dell emanazione dell atto di accertamento non abbia fatto seguito una specifica attività di polizia tesa alla constatazione degli illeciti tributari connessi al mancato versamento di detti tributi; - non sia stato rispettato l iter accertativo contemplato dalla disciplina di riferimento in materia tributaria che impone (cfr. art. 36 del D.P.R. 600/1973) a tutti gli Organi incaricati istituzionalmente di svolgere attività di controllo, di comunicare alla Guardia di Finanza competente per territorio, tutti quei fatti e circostanze di cui vengano a conoscenza nel corso dell espletamento delle loro funzioni di controllo; - ove, in linea con quanto espresso in precedenza, non si sia tenuta in debita considerazione la circostanza che in tutte le ipotesi di illeciti finanziari, il potere di accertamento in applicazione degli artt. 30, 31, 32 e 34 della predetta Legge n. 4/1929, è demandato totalmente alla Guardia di Finanza, ed ai dipendenti della competente Amministrazione centrale, con esclusione della polizia giudiziaria ordinaria. E ciò, appare ancor più evidente ove si discuta, come per la maggior parte delle ipotesi di specie (PREU, ecc ), di illeciti finanziari non costituenti reato, in quanto a norma dell art. 34 della Legge citata, dette violazioni possono essere accertate solamente dagli ufficiali ed agenti della polizia tributaria e dagli altri Organi indicati nelle singole leggi. La complessità della materia, unitamente alla constata mancanza di un collaudato tessuto normativo impone un attenta analisi della disciplina di settore con lo scopo prioritario di verificare la coerenza delle disposizioni finora emanate in tema di giochi e scommesse con la normativa di carattere tributario di interesse specifico. L auspico è, concludendo, quello, da taluni già paventato, di operare una revisione in chiave di sistematicità ed organicità della frammenta disciplina di settore facendo poi confluire la moltitudine delle disposizioni emanate in uno specifico Testo Unico. Dott. Lorenzo Sacchetti Roma, 7 aprile Cfr., per maggiori dettagli, l opera redatta dallo stesso autore del presente lavoro, FISCO E CONTABILITÀ PER GIOCHI PUBBLICI E SCOMMESSE, Ed. ILSOLE24ORE, maggio In particolare, i proventi derivanti dall esercizio abusivo dell attività di giuoco o scommessa, punito a norma dell art. 4 della richiamata legge n. 401 del 1989, ovvero dalla illecita gestione di giochi di qualunque specie (compresi i videopoker), possono essere ricondotti alla categoria del reddito d impresa. Per quanto concerne, invece, le vincite realizzate tramite la partecipazione a tali manifestazioni/iniziative ludiche abusive, appaia plausibile ritenere che le stesse possano essere inquadrate nell ambito dei redditi diversi di cui all art. 67, comma 1, lett. b) del TUIR, in base al quale sono da considerarsi redditi di tale specie le vincite delle Lotterie, dei Concorsi a premio, dei giochi e delle scommesse organizzati per il pubblico e i premi derivanti da prove di abilità o dalla sorte. È il caso, ad esempio, della partecipazione a bische o tornei clandestini/non autorizzati o, ipotesi recentemente molto più diffusa, delle vincite conseguite attraverso la partecipazione ai giochi offerti dai numerosi siti internet illegali elencati nella apposita black list predisposta dalla competente Amministrazione dei Monopoli di Stato. Proprio in relazione a tale problematica la Corte di Cassazione, con la sentenza n del 6 marzo 2003, ha ribadito che gli arricchimenti derivanti dalla partecipazione ad un gioco d azzardo devono essere considerati quali proventi tassabili anche se derivano da un fatto penalmente rilevante e, in ragione del carattere retroattivo delle previsioni contenute nell art. 14 della legge n. 537/1993, anche se gli stessi risultano conseguiti prima dell entrata in vigore della stessa disposizione legislativa. La norma, infatti, secondo la dottrina dominante, non ha introdotto una nuova disposizione legislativa, ma si è limitata a fornire l interpretazione autentica delle previgenti disposizioni normative contenute nel D.P.R. n. 597 del 1973, prima e nel T.U.I.R., poi (vgs. Cassazione, sentenza n del 9 agosto 2000 e n del 13 dicembre 1996).

6 3 Così l autorevole parere di A. Marcheselli in LE ATTIVITÀ ILLECITE TRA FISCO E SANZIONE, ed. CEDAM, Cfr., per tutti i dettagli applicativi della fattispecie, pagg. 158 e ss. del volume citato in nota n Come noto, ai sensi del comma 3 dell art. 39 quater del D.L. n. 269/2003, l AAMS può procedere all accertamento della base imponibile e del prelievo, relativo agli apparecchi del comma 6 dell articolo 110, mediante la lettura dei dati relativi alle somme giocate memorizzati dagli stessi apparecchi e congegni. Nel caso in cui i predetti dati non siano memorizzati o leggibili, ovvero risultino memorizzati non correttamente o alterati, le somme giocate, sulla scorta della stessa diposizione di legge, devono essere determinate induttivamente sulla base dell importo forfetario giornaliero, definito con appositi decreti emanati da parte della stessa AAMS. 6 Tale assunto è stato confermato anche dalla Corte di Giustizia CEE con la sentenza 17 febbraio 2005, cause riunite C-453/02 e C-462/02 riferita proprio alla legislazione tedesca concernente le condizioni per fruire del beneficio in parola, in relazione all esercizio illecito di apparecchi per il gioco d azzardo. 7 Cfr., articolo unico, comma 497, della Legge n. 311/ In relazione alla complessa tematica, l Agenzia delle Entrate ha fornito importanti chiarimenti interpretativi con la circolare n. 42/E datata 26 settembre A parere della predetta Agenzia, l articolo 2, comma 8, della Legge n. 289 del 2002, che ha introdotto il comma 4-bis nell articolo 14 della legge n. 537 del 1993, ha una portata innovativa e non interpretativa e, pertanto, trova applicazione ai costi e alle spese sostenute a decorrere dal 1 gennaio Cfr., per tutti i dettagli applicativi della fattispecie, pagg. 97 e ss. del volume citato in nota n Il comma 84 della Legge 27 dicembre 2006, n. 296 (Finanziaria per il 2007), ha infatti inserito nel D.L. n. 269/2003, l art. 39-quater.

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO Regolamento per l applicazione delle sanzioni amministrative in materia di violazioni ai regolamenti e alle ordinanze comunali Legge 24 novembre 1981,

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella La sentenza n. 12581 del 2010 1 della Corte di cassazione è parte di un gruppo di recenti sentenze 2, le prime a intervenire

Dettagli

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito OdV Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito di Sebastiano Di Diego* Nell articolo viene descritto il variegato regime fiscale, ai fini IRES, delle associazioni

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante Abstract L energia elettrica derivante da fonti rinnovabili è esente da accisa

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI:

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: APPROFONDIMENTI In data 18 ottobre 2012, dopo un lungo iter parlamentare, il Senato ha approvato il maxi-emendamento al Disegno di Legge recante Disposizioni per la prevenzione

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

La dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti

La dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti 2 La dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti SOMMARIO 1. I soggetti attivi. Continuità normativa con la previgente fattispecie. 2. La condotta. 3.

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli

dei cosiddetti ambienti dedicati

dei cosiddetti ambienti dedicati In risposta ad una richiesta di Sapar e con una propria circolare del 7 settembre l Amministrazione ha chiarito i vari dubbi interpretativi sugli ambienti dedicati introdotti dal Decreto del 22 gennaio

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007)

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007) STUDIO MINTO Associazione Professionale Commercialisti Revisori Contabili Consulenza del Lavoro Mirano (VE) Telefono 041/5701020 CIRCOLARE INFORMATIVA n. 16 Giugno 2007 STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI

Dettagli

TARSU e TIA, tra tariffa e tributo: analogie e differenze tra i due modelli nella gestione della finanza comunale.

TARSU e TIA, tra tariffa e tributo: analogie e differenze tra i due modelli nella gestione della finanza comunale. TARSU e TIA, tra tariffa e tributo: analogie e differenze tra i due modelli nella gestione della finanza comunale. di Ernesto Aceto Il settore della finanza locale è nell ambito del diritto tributario,

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Credito annuale IVA 2014 al via la compensazione fino ad 5.000,00 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che dal 1 gennaio 2015, è possibile procedere

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 2/E R RrRrrr Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modifiche alla tassazione applicabile, ai fini dell imposta di registro, ipotecaria e catastale, agli atti di trasferimento o di costituzione

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI Nota a: Corte EDU, Grande Stevens e altri contro Italia - ric. 18640/10, 18647/10, 18663/10, 18668/10

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti.

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. CIRCOLARE N. 23/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. La legge di

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 17 giugno 2014 Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici ed alla loro riproduzione su diversi tipi di supporto -

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica»

Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica» S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2013 Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica» Gianluca Cristofori 31 maggio 2013 Sala Orlando - Corso

Dettagli

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni.

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Il DIRETTORE DELL AGENZIA DEL DEMANIO Vista la legge 7 agosto 1990, n.

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni CIRCOLARE N. 2/DF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE Roma, 11 maggio 2010 DIREZIONE FEDERALISMO FISCALE PROT. 10968/2010 Ai Comuni Alle Regioni Friuli-Venezia Giulia e Valle

Dettagli

Roma, 30 dicembre 2014. OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. Circolare n.

Roma, 30 dicembre 2014. OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. Circolare n. Circolare n. 31/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 dicembre 2014 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. PREMESSA... 5 CAPITOLO I:

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

La giurisprudenza sul raddoppio dei termini. di accertamento. di STEFANO LOCONTE E LUCIANNA GARGANO

La giurisprudenza sul raddoppio dei termini. di accertamento. di STEFANO LOCONTE E LUCIANNA GARGANO La giurisprudenza sul raddoppio dei termini di accertamento di STEFANO LOCONTE E LUCIANNA GARGANO Il legislatore ha previsto, con l integrazione operata dal dl n. 223 del 2006 alle norme di cui agli artt.

Dettagli

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott.

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott. COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca Giovanardi Dott.ssa Enrica Luppi Dott.ssa Stefania Menetti Dott. Pietro Marco Pignatti

Dettagli

Informativa per il professionista

Informativa per il professionista Informativa per il professionista Informativa n. 17 del 20 dicembre 2011 Termini di decadenza dal potere di accertamento e di riscossione degli atti impositivi INDICE 1 Premessa... 3 2 Avvisi di accertamento

Dettagli

VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati. Le garanzie costituzionali

VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati. Le garanzie costituzionali VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati I circoli privati rappresentano, da sempre, un problema nella gestione delle attività di controllo sul territorio

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE)

IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE) RIVISTA DI ISSN 1825-6678 DIRITTO ED ECONOMIA DELLO SPORT Vol. III, Fasc. 1, 2007 IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

IMMOBILI ABITATIVI - IMPRESA COSTRUTTRICE ENTRO 5 ANNI (Quadro A)

IMMOBILI ABITATIVI - IMPRESA COSTRUTTRICE ENTRO 5 ANNI (Quadro A) D.L. 22.06.2012 n. 83, in vigore dal 26.06.2012 IMMOBILI ABITATIVI - La disciplina delle cessioni di fabbricati abitativi Con riferimento al regime delle cessioni la novella sostituisce il n. 8-bis dell

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014

Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014 Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014 Dipartimento 52 - Dipartimento della Salute e delle Risorse Naturali Direzione Generale 4 - Direzione Generale Tutela salute e coor.to del Sistema

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito RISOLUZIONE N. 69/E Roma, 16 ottobre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica Art. 2, comma 5, d.l. 25 giugno 2008, n. 112 IVA - Aliquota agevolata - Opere di urbanizzazione primaria

Dettagli

MANUALE DELL OCSE SULLA SENSIBILIZZAZIONE ALLA CORRUZIONE AD USO DEI VERIFICATORI

MANUALE DELL OCSE SULLA SENSIBILIZZAZIONE ALLA CORRUZIONE AD USO DEI VERIFICATORI CENTRE FOR TAX POLICY AND ADMINISTRATION ORGANISATION FOR ECONOMIC CO-OPERATION AND DEVELOPMENT MANUALE DELL OCSE SULLA SENSIBILIZZAZIONE ALLA CORRUZIONE AD USO DEI VERIFICATORI OECD Bribery Awareness

Dettagli

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa di Sandro de Gotzen (in corso di pubblicazione in le Regioni,

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

IL DIRETTORE. VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni;

IL DIRETTORE. VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni; Prot. n. 4084 AGENZIA DELLE DOGANE E DEI MONOPOLI IL DIRETTORE VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni; VISTO l articolo 12, comma 1, lettera m), del decreto-legge

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Entrate Roma, 10/04/2015 Circolare n. 72 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

Disposizioni in materia di giurisdizione e controllo della Corte dei conti.

Disposizioni in materia di giurisdizione e controllo della Corte dei conti. L. 14 gennaio 1994, n. 20 (1). (commento di giurisprudenza) Disposizioni in materia di giurisdizione e controllo della Corte dei conti. (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 14 gennaio 1994, n. 10. 1. Azione

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi IL TRATTAMENTO FISCALE DEI COMPENSI AGLI AMMINISTRATORI 1 Inquadramento degli amministratori persone fisiche: a. rapporto di collaborazione b. amministratore e lavoro dipendente c. amministratore e lavoro

Dettagli