RISCHI E PREVENZIONE NELLA MANIPOLAZIONE DEI FARMACI ANTIBLASTICI. Corso di formazione per infermieri Progetto formativo aziendale

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RISCHI E PREVENZIONE NELLA MANIPOLAZIONE DEI FARMACI ANTIBLASTICI. Corso di formazione per infermieri Progetto formativo aziendale"

Transcript

1 RISCHI E PREVENZIONE NELLA MANIPOLAZIONE DEI FARMACI ANTIBLASTICI Corso di formazione per infermieri Progetto formativo aziendale Cagliari, P.O. Binaghi 24-25; 25; maggio 2010

2 QUALITA E SICUREZZA NELL ALLESTIMENTO DELLE TERAPIE ANTIBLASTICHE: la centralizzazione delle attivita D.ssa Gigliola Pusceddu

3 La centralizzazione della gestione dei farmaci antiblastici oltre che un obbligo di legge diventa una strategia efficace per garantire la QUALITÀ e la SICUREZZA della terapia dei pazienti

4 LE LINEE GUIDA MINISTERIALI G.U. N 236 DEL 7/10/1999 PREVEDONO IL CONTROLLO DI TUTTE LE FASI DELLA GESTIONE DEL FARMACO MANIPOLAZIONE SOMMINISTRAZIONE SMALTIMENTO U F A UNITA ANTIBLASTICI FARMACI

5 OBIETTIVI Gestione del Rischio clinico e riduzione del rischio di errore Sicurezza per i lavoratori professionalmente esposti Ottimizzazione dell uso delle risorse e risparmio grazie alla riduzione degli sprechi Governo clinico: creazione di un team multidisciplinare

6 LOCALE PREPOSTO ALL ALLESTIMENTO DEI FARMACI ANTIBLASTICI Un locale con funzione di zona filtro Un locale adibito alla preparazione dei farmaci

7 NELLA ZONA FILTRO SONO CONTENUTI: Un frigorifero per la conservazione dei medicinali a temperatura controllata Un lavabo Un armadio contenente i DPI NEL LOCALE ADIBITO ALLA PREPARAZIONE DEI FARMACI ANTIBLASTICI SONO CONTENUTI: Una cappa a flusso laminare verticale con tubo di scarico collegato direttamente all ambiente ambiente esterno Sedia regolabile e girevole, priva di poggia braccia, per la persona incaricata alla diluizione dei farmaci in cappa Un carrello da porre a fianco dell operatore che allestisce i farmaci per avere a portata di mano il materiale d uso d immediato Un piano di lavoro per appoggiare i vassoi con i farmaci da preparare parare un armadio per lo stoccaggio dei farmaci

8 ATTIVITA Richiesta di allestimento fatta su apposito modulo prestampato contenente tutti i dati necessari per un corretto allestimenti della d terapia Conferma Richiesta di allestimento Elaborazione dati (il farmacista controlla la prescrizione:dosaggi, stabilità chimico-fisica fisica-fotosensibilità,, immette i dati nel sistema informatico) Stampa e consegna del foglio di lavoro ed etichette personalizzate zate al personale infermieristico addetto alla preparazione

9 TECNICHE E MODALITA DI LAVORO Predisposizione di rigorose procedure per: Norme generali di comportamento Dispositivi di protezione da indossare Allestimento:operazioni preliminari Modalità operative di allestimento Registrazione lotti e materie prime utilizzate Confezionamento e consegna del preparato finito al personale di reparto Smaltimento rifiuti Procedure di decontaminazione e pulizia della cappa Procedura di pulizia degli ambienti Procedura per il trattamento di contaminazione accidentale del personale Kit di emergenza in caso di spandimento accidentale dei farmaci antiblastici

10 Le procedure e le istruzioni operative devono essere scritte e condivise Il rispetto delle procedure è fondamentale per assicurare al paziente qualità e sicurezza del prodotto farmaceutico finito, indipendentemente dalla variabilità degli operatori in turno Il rispetto delle procedure consente inoltre di tutelare al meglio la sicurezza e la salute degli operatori coinvolti

11 NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO Nell area controllata è vietato: IL PERSONALE ADDETTO ALL ATTIVITÀ DI ALLESTIMENTO PRIMA DI INIZIARE L ATTIVITÀ DEVE: togliere gioielli e orologi raccogliere i capelli se lunghi mangiare bere fumare masticare chewing-gum gum utilizzare cosmetici indossare i dispositivi di protezione prima di accedere nell area di allestimento eseguire un lavaggio chirurgico delle mani e braccia ed indossare: guanti senza polvere per le operazioni preliminari e di supporto guanti specifici per la manipolazione dei citotossici quando opera in cappa

12 UNA CORRETTA TECNICA DI MANIPOLAZIONE DEI CHEMIOTERAPICI ANTIBLASTICI È INDISPENSABILE PER EVITARE LA CONTAMINAZIONE AMBIENTALE UNA CORRETTA TECNICA ASETTICA È INDISPENSABILE PER EVITARE LA CONTAMINAZIONE PER CONTATTO DEGLI AGHI, PARTI DI SIRINGHE, TAPPI ECC E QUINDI DEL PRODOTTO FINALE

13 ALLESTIMENTO: OPERAZIONI PRELIMINARI 1. Indossare i DPI nella zona filtro 2. Preparare il piano di lavoro Accendere la cappa circa 30 minuti prima dell inizio dell attività in cappa Disinfettare il piano di lavoro e le pareti della cappa con garza sterile imbevuta di alcool al 70% Verificare la presenza in cappa del contenitore rigido per taglienti Disinfettare con alcool al 70% la spruzzetta contenente il disinfettante e introdurla in cappa Predisporre in cappa garze sterili per le operazioni di disinfezione e per la decontaminazione finale del prodotti 3. Predisporre i farmaci e le soluzioni necessarie per l allestimento l delle terapie Disinfettare con garze imbevute di alcool al 70% i piani d appoggio predisporre nei vassoi l occorrente per le singole preparazioni 4. Disinfettare tutti i flaconi e le fiale con alcool 70% prima di essere introdotti in cappa per ridurre al minimo la carica batterica superficiale

14 MODALITÀ OPERATIVE DI ALLESTIMENTO AGHI Materiale da utilizzare: monouso raccordabili ad una siringa luer-lock lock grosso calibro solo per soluzioni dense SIRINGHE monouso con attacco luer-lock lock per evitare sconnessioni dell ago con sistema di bloccaggio dello stantuffo a fine corsa di materiale chimicamente inerte di volume adeguato al volume del farmaco da prelevare per evitare errori di prelievo o di lettura non devono essere riempite per più dei due terzi del loro volume GARZE sterili non devono rilasciare fili o pelucchi TAPPI attacco luer-lock lock

15 FIALE MODALITÀ OPERATIVE DI ALLESTIMENTO Manovre di diluizione verificare che non sia rimasto del liquido nella parte superiore della fiala avvolgere il collo della fiala con una garza sterile non esercitare una pressione eccessiva che potrebbe determinare la rottura dell intera fiala eseguire il movimento di apertura della fiala nella direzione opposta all operatore con movimento effettuato verso il fondo della cappa FLACONCINI inserire l ago proteggendo testa e collo del flacone con garza sterile verificare l assenza di frustoli dopo la perforazione con l ago scambiare continuamente tra flacone e siringa uguali volumi di aria con uguali volumi di liquido per bilanciare le pressioni introdurre lentamente il diluente ed agitare il flaconcino mantenere una garza sterile tra la mano dell operatore e flaconcino quando si estrae l ago prima di eliminare l aria tirare indietro lo stantuffo per richiamare il liquido dell ago NELLA FASE DI RICOSTITUZIONE DI UN PREPARATO IN POLVERE LIOFILIZZATA ZATA PRESTARE MOLTA ATTENZIONE AL VOLUME DEL DILUENTE: VOLUMI ERRATI DANNO CONCENTRAZIONI ERRATE, DA CUI CONSEGUONO DOSAGGI FINALI ERRATI.

16 PROCEDURE INERENTI LA REGISTRAZIONE DEI LOTTI DELLE MATERIE PRIME L operatore di supporto fornirà all operatore addetto all allestimento il farmaco e il flacone di soluzione infusionale destinato a contenere la preparazione farmaceutica finita L operatore in cappa avrà cura di dettare all operatore di supporto: lotto e numero di flaconi utilizzati delle specialità medicinali e dei diluenti utilizzati L operatore di supporto avrà cura di registrare sul foglio di lavoro quanto dettato dall addetto all allestimento in cappa

17 DECONTAMINAZIONE FINALE DEL PRODOTTO Ciascuna preparazione allestita deve essere accuratamente decontaminata con garza imbevuta di alcool 70 prima di essere consegnata all operatore di supporto che provvederà all etichettatura

18 CONFEZIONAMENTO E CONSEGNA DEL PREPARATO FINITO AL PERSONALE DI REPARTO Confezionamento e trasporto Tutti i farmaci antiblastici preparati presso l l UFA giungono ai reparti identificabili da una apposita etichetta recante: 1. nome e cognome del paziente al quale la preparazione è destinata 2. reparto di appartenenza 3. qualità e dosaggio del farmaco 4. qualità e volume del diluente 5. volume totale della preparazione 6. velocità di infusione 7. data di somministrazione 8. firma del farmacista 9. avvertenze particolari

19 Tutte le preparazioni di ogni singolo paziente sono poste in apposito sacchetto di polietilene chiuso mediante termosaldatura per evitare la fuoriuscita di farmaco in caso di rottura accidentale I sacchetti contenenti le preparazioni devono essere trasportati dall UFA al reparto in contenitori appositi ben chiusi Il trasporto di contenitori deve essere effettuato a cura di personale appositamente istruito

20 SMALTIMENTO MATERIALE USATO PER LA MANIPOLAZIONE Aghi taglienti ed eventuali rimanenze di farmaco da eliminare devono essere riposti negli appositi contenitori rigidi per taglienti e quindi nell alipack Siringhe, flaconcini, guanti usati per la manipolazione devono essere chiusi prima in un sacchetto di polietilene e poi smaltiti nell alipack Tutti i dispositivi di protezione personale (camici, cuffie, mascherine e calzari devono essere riposti nell alipack Gli occhiali di protezione devono essere accuratamente lavati con sapone di marsiglia per poterli riutilizzare successivamente

21 PROCEDURA DI DECONTAMINAZIONE DELLA CAPPA TERMINATE LE OPERAZIONI DI ALLESTIMENTO SI DEVE PROCEDERE ALLA PULIZIA DELLA CAPPA CON ALCOOL Prima di iniziare l operazione di decontaminazione, l operatore deve indossare tutti i mezzi di protezione personale e deve operare con la cappa in funzione 2. Procedere alla rimozione di tutto il materiale presente in cappa, eliminando i rifiuti(contenitore per taglienti sigillato con apposito coperchio, sacchetto contenente garze, guanti etc) dentro l apposito contenitore rigido per rifiuti tossico-nocivi 3. Sollevare il vetro frontale di protezione e pulire accuratamente tutte le superfici interne della cappa con garze imbevute di alcool 70, rinnovando le garze ad ogni superficie. Procedere sempre dalle zone a minor contaminazione verso quelle a maggior contaminazione 4. Pulire con alcool a 70 il piano di lavoro e passare poi alla vasca di raccolta sottostante con movimento sempre dalla periferia verso il centro 5. Ripassare la superficie superiore del piano di lavoro e rimontare

22 TERMINATE LE OPERAZIONI ELENCATE MANTENERE LA CAPPA IN FUNZIONE PER ALTRI 30 MINUTI PRIMA DI PROCEDERE AL SUO SPEGNIMENTO 6. Pulire le superfici anteriore e posteriore del pannello di chiusura con alcool a 70 e chiudere con questo l apertura frontale della cappa e accendere la lampada germicida 7. Tutti i dispositivi di protezione monouso utilizzati per le operazioni di pulizia della cappa devono essere eliminati nel contenitore per rifiuti tossico nocivi

23 PROCEDURA PER IL TRATTAMENTO DI CONTAMINAZIONE ACCIDENTALE DEL PERSONALE Contaminazione di cute e mucose 1. Lavare accuratamente con acqua e sapone la parte interessata 2. Richiedere l intervento del medico Contaminazione degli occhi 1. Procedere ad abbondante lavaggio con acqua corrente o soluzione fisiologica per almeno 15 minuti 2. Consultare immediatamente l oculistal Contaminazione dei dispositivi di protezione 1. Procedere immediatamente alla sostituzione del dispositivo di protezione 2. Smaltire il dispositivo contaminato come rifiuto tossico

24 inoculazione(puntura accidentale con aghi contaminati) 1. Favorire il sanguinamento per agevolare l eliminazione del farmaco inoculato 2. Lavare abbondantemente con acqua corrente e sapone 3. Disinfettare N.B. OGNI CONTAMINAZIONE ACCIDENTALE DEVE ESSERE SEGNALATA: AL MEDICO COMPETENTE AL RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ALLA DIREZIONE SANITARIA

25 SPANDIMENTO ACCIDENTALE DEI FARMACI ANTIBLASTICI KIT DI EMERGENZA Il kit deve essere presente nelle aree di immagazzinamento allestimento somministrazione Contenuto del kit: dispositivi di protezione individuale da indossare soluzione di ipoclorito di sodio al 10% quale neutralizzante contenitore rigido per taglienti per la raccolta di frammenti di d vetro panni assorbenti paletta monouso scopetta monouso

26 IN CASO DI SPANDIMENTO ACCIDENTALE DI FARMACI CITOTOSSICI..DOPO.DOPO AVER INDOSSATO TUTTI I DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE PRESENTI NEL KIT.. iniziare la decontaminazione delle aree meno contaminate verso quelle piu contaminate raccogliere tutti i frammenti di vetro con la paletta e versarli i nel contenitore rigido utilizzare panni assorbenti per assorbire i liquidi versati inumidire i panni assorbenti per raccogliere le polveri versate eliminare nel contenitore dedicati i DPI utilizzati e il materiale usato per le operazione di decontaminazione lavare piu volte l area l contaminata con soluzioni di ipoclorito al 10% e risciacquare re OGNI INCIDENTE DOVRA ESSERE REGISTRATO SU APPOSITO REGISTRO E SEGNALATO AL MEDICO COMPETENTE AL RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ALLA DIREZIONE SANITARIA

27 Grazie per l attenzione D.ssa Gigliola Pusceddu

Modalità operative per il personale in attività. presso l Unità di manipolazione antiblastici. dell Azienda Ospedaliera OIRM - S.

Modalità operative per il personale in attività. presso l Unità di manipolazione antiblastici. dell Azienda Ospedaliera OIRM - S. Modalità operative per il personale in attività presso l Unità di manipolazione antiblastici dell Azienda Ospedaliera OIRM - S.Anna, in relazione alla tossicità dei farmaci manipolati e alla sterilità

Dettagli

INTERVENTO E BONIFICA A SEGUITO DI SPANDIMENTI ACCIDENTALI DI PRODOTTI O PREPARATI CHIMICI E FARMACI ANTIBLASTICI

INTERVENTO E BONIFICA A SEGUITO DI SPANDIMENTI ACCIDENTALI DI PRODOTTI O PREPARATI CHIMICI E FARMACI ANTIBLASTICI REGIONE LAZIO AZIENDA SANITARIA LOCALE VITERBO U. O. C. SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE PROCEDURA DI SICUREZZA INTERVENTO E BONIFICA A SEGUITO DI SPANDIMENTI ACCIDENTALI DI PRODOTTI O PREPARATI CHIMICI

Dettagli

PROCEDURA PCL PCL 00. DATA REDAZIONE FIRMA Nome e Cognome. DATA VERIFICA FIRMA Nome e Cognome. DATA APPROVAZIONE FIRMA Nome e Cognome

PROCEDURA PCL PCL 00. DATA REDAZIONE FIRMA Nome e Cognome. DATA VERIFICA FIRMA Nome e Cognome. DATA APPROVAZIONE FIRMA Nome e Cognome Pagina 1 di 18 Documento Codice documento PCL 00 DATA REDAZIONE FIRMA Nome e Cognome DATA VERIFICA FIRMA Nome e Cognome DATA APPROVAZIONE FIRMA Nome e Cognome Pagina 2 di 18 1. Generalità... 3 1.1 Scopo

Dettagli

PREPARAZIONE TERAPIE CON FARMACI ANTIBLASTICI

PREPARAZIONE TERAPIE CON FARMACI ANTIBLASTICI PREPARAZIONE TERAPIE CON FARMACI ANTIBLASTICI GIUSEPPE CINGARI CAPO SALA U. O. DI EMATOLOGIA AZIENDA OSPEDALIERA PAPARDO MESSINA LOCALI ATTUALI REQUISITI STRUTTURALI Cappa aspirante a flusso laminare

Dettagli

UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA "A. GEMELLI" - ROMA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA. Protocollo n...

UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA A. GEMELLI - ROMA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA. Protocollo n... UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA "A. GEMELLI" - ROMA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA Protocollo n... Preparazione della Terapia Endovenosa OBIETTIVI Garantire un

Dettagli

RISCHI E PREVENZIONE NELLA MANIPOLAZIONE DEI FARMACI ANTIBLASTICI

RISCHI E PREVENZIONE NELLA MANIPOLAZIONE DEI FARMACI ANTIBLASTICI Progetto Formativo Aziendale RISCHI E PREVENZIONE NELLA MANIPOLAZIONE DEI FARMACI ANTIBLASTICI LA DECONTAMINAZIONE DEGLI AMBIENTI CRITICI E LA GESTIONE DEI MATERIALI CONTAMINATI IN REPARTO: PROTOCOLLI

Dettagli

Misure di emergenza:( Art. 277-D. Lgs. 81/08 e s.m.i.)

Misure di emergenza:( Art. 277-D. Lgs. 81/08 e s.m.i.) Misure di emergenza:( Art. 277-D. Lgs. 81/08 e s.m.i.) 1) Se si verificano incidenti che possono provocare la dispersione di un agente biologico appartenente ai gruppi 2, 3 o 4, i lavoratori debbono abbandonare

Dettagli

PROCEDURA OPERATIVA PER L UTILIZZO DI FARMACI CHEMIOTERAPICI ANTIBLASTICI

PROCEDURA OPERATIVA PER L UTILIZZO DI FARMACI CHEMIOTERAPICI ANTIBLASTICI PROCEDURA OPERATIVA PER L UTILIZZO DI FARMACI CHEMIOTERAPICI ANTIBLASTICI 1. INTRODUZIONE Il rischio relativo alla esposizione ai Farmaci Chemioterapici Antiblastici è riferibile sia agli operatori sia

Dettagli

SCTA 00 PROCEDURA SCTA. DATA REDAZIONE FIRMA Nome e Cognome. DATA VERIFICA FIRMA Nome e Cognome. DATA APPROVAZIONE FIRMA Nome e Cognome

SCTA 00 PROCEDURA SCTA. DATA REDAZIONE FIRMA Nome e Cognome. DATA VERIFICA FIRMA Nome e Cognome. DATA APPROVAZIONE FIRMA Nome e Cognome Pagina 1 di 9 Documento Codice documento SCTA 00 DATA REDAZIONE FIRMA Nome e Cognome DATA VERIFICA FIRMA Nome e Cognome DATA APPROVAZIONE FIRMA Nome e Cognome Pagina 2 di 9 1. Generalità... 3 1.1 Scopo

Dettagli

DATA REDAZIONE FIRMA Nome e Cognome. DATA VERIFICA FIRMA Nome e Cognome. DATA APPROVAZIONE FIRMA Nome e Cognome

DATA REDAZIONE FIRMA Nome e Cognome. DATA VERIFICA FIRMA Nome e Cognome. DATA APPROVAZIONE FIRMA Nome e Cognome Pagina 1 di 11 Documento Codice documento TFA01 DATA REDAZIONE FIRMA Nome e Cognome DATA VERIFICA FIRMA Nome e Cognome DATA APPROVAZIONE FIRMA Nome e Cognome Pagina 2 di 11 1. Generalità... 3 1.1 Scopo

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE GESTIONE PRIMA DELLA MANIPOLAZIONE DEI FARMACI ANTIBLASTICI GESTIONE DURANTE LA MANIPOLAZIONE DEI FARMACI ANTIBLASTICI

CORSO DI FORMAZIONE GESTIONE PRIMA DELLA MANIPOLAZIONE DEI FARMACI ANTIBLASTICI GESTIONE DURANTE LA MANIPOLAZIONE DEI FARMACI ANTIBLASTICI CORSO DI FORMAZIONE FASI DI GESTIONE E PULIZIA DELLA CAPPA A FLUSSO LAMINARE GESTIONE PRIMA DELLA MANIPOLAZIONE DEI FARMACI ANTIBLASTICI GESTIONE DURANTE LA MANIPOLAZIONE DEI FARMACI ANTIBLASTICI PULIZIA

Dettagli

La manipolazione dei farmaci citostatici

La manipolazione dei farmaci citostatici 1 La manipolazione dei farmaci citostatici L'aumento dei tumori nella popolazione implica per il personale sanitario un aumento delle operazioni di preparazione e somministrazione dei farmaci antiblastici,

Dettagli

la normativa di riferimento, la protezione ambientale e le attrezzature

la normativa di riferimento, la protezione ambientale e le attrezzature Rischi e prevenzione nella manipolazione dei farmaci antiblastici Cagliari Maggio 2010 la normativa di riferimento, la protezione ambientale e le attrezzature D.ssa Gisella Carrucciu Servizio di Farmacia

Dettagli

adozione di tutte le misure necessarie per impedire o ridurre la possibilità di contatto con il pericolo

adozione di tutte le misure necessarie per impedire o ridurre la possibilità di contatto con il pericolo PREVENZIONE PROTEZIONE individuazione ed eliminazione dei pericoli alla fonte adozione di tutte le misure necessarie per impedire o ridurre la possibilità di contatto con il pericolo 2 NORME GENERALI DI

Dettagli

LA SICUREZZA IN LABORATORIO. di F. Luca

LA SICUREZZA IN LABORATORIO. di F. Luca LA SICUREZZA IN LABORATORIO di F. Luca IN LABORATORIO NORME DI COMPORTAMENTO X. NON correre. NON ingombrare con gli zaini lo spazio intorno ai banconi di lavoro o in prossimità delle uscite X. NON mangiare

Dettagli

L INFERMIERE DI EMATOLOGIA E LA SICUREZZA DELL OPERATORE NELLA GESTIONE DELLA TERAPIA ANTIBLASTICA. Infermiera Sonia Zannoni Montanari

L INFERMIERE DI EMATOLOGIA E LA SICUREZZA DELL OPERATORE NELLA GESTIONE DELLA TERAPIA ANTIBLASTICA. Infermiera Sonia Zannoni Montanari L INFERMIERE DI EMATOLOGIA E LA SICUREZZA DELL OPERATORE NELLA GESTIONE DELLA TERAPIA ANTIBLASTICA Infermiera Sonia Zannoni Montanari Reggio Emilia 17 novembre 2007 FASI DI CONTAMINAZIONE AI CHEMIOTERAPICI

Dettagli

Protocollo Pulizia Ambientale Gruppo Operatorio

Protocollo Pulizia Ambientale Gruppo Operatorio Gruppo Operativo per la Lotta alle Infezioni Ospedaliere Protocollo Pulizia Ambientale Gruppo Operatorio Data 1^ stesura: 02:07.98 Edizione: 1 PROTOCOLLO PULIZIA AMBIENTALE GRUPPO OPERATORIO AUTORI: Gruppo

Dettagli

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE 1 DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE L informazione e la formazione all uso corretto dei mezzi di protezione individuale (DPI) assumono un ruolo fondamentale nella prevenzione delle patologie e degli

Dettagli

Lo Stoccaggio dei Prodotti Fitosanitari

Lo Stoccaggio dei Prodotti Fitosanitari Lo Stoccaggio dei Prodotti Fitosanitari Dal 01/01/15, come previsto dal Piano di Azione Nazionale sull uso sostenibile dei prodotti fitosanitari, diventeranno obbligatorie le norme relative al Deposito

Dettagli

U.O.A. PREVENZIONE RISCHIO INFETTIVO SCHEDA DI VALUTAZIONE DELL APPLICAZIONE DELLE PRINCIPALI MISURE PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE

U.O.A. PREVENZIONE RISCHIO INFETTIVO SCHEDA DI VALUTAZIONE DELL APPLICAZIONE DELLE PRINCIPALI MISURE PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE U.O. DATA Rilevatori Sono presenti i seguenti DPI: PRECAUZIONI STANDARD ED ISOLAMENTI GENERALI SPECIFICI in rapporto alla prevalenza del rischio infettivo Mascherine chirurgiche triplo/quadruplo strato

Dettagli

STUDIO DENTISTICO DOTT. GIUSEPPE ARENA Via S.Maria della Croce Di Gregorio (trav.priv. 5) C./mare del Golfo (TP) Tel. 0924 33466

STUDIO DENTISTICO DOTT. GIUSEPPE ARENA Via S.Maria della Croce Di Gregorio (trav.priv. 5) C./mare del Golfo (TP) Tel. 0924 33466 OGGETTO: REQUISITI ORGANIZZATIVI GENERALI STUDIO DENTISTICO MODALITA DI PULIZIA, LAVAGGIO, DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE DI TUTTI GLI STRUMENTI ED ACCESSORI OGNI PAZIENTE E DA CONSIDERARE POTENZIALMENTE

Dettagli

Azienda sanitaria Provinciale Enna PROCESSO DI GESTIONE DELLA TERAPIA ANTITUMORALE IN UFA ONCOLOGIA - EMATOLOGIA SMALTIMENTO. Nome/Funzione Data Firma

Azienda sanitaria Provinciale Enna PROCESSO DI GESTIONE DELLA TERAPIA ANTITUMORALE IN UFA ONCOLOGIA - EMATOLOGIA SMALTIMENTO. Nome/Funzione Data Firma Pagina 1 di 6 SMALTIMENTO Nome/Funzione Data Firma Redazione Verifica Approvazione Adozione Dott.ssa Giuseppa Cinzia Di Martino Responsabile UFA Dott.ssa Maria Teresa Perricone Direttore U.O.C. Farmacia

Dettagli

GESTIONE RIFIUTI REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE STATO DELLE REVISIONI

GESTIONE RIFIUTI REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE STATO DELLE REVISIONI REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE Redazione Verifica Approvazione Autorizzazione Emissione Rosselli Federico Responsabile Qualità UdR Rosselli Federico Responsabile Qualità UdR

Dettagli

ISTITUTO ATERNO-MANTHONE'

ISTITUTO ATERNO-MANTHONE' ISTITUTO ATERNO-MANTHONE' INTRODUZIONE Il termine sicurezza nella comune accezione indica una caratteristica di ciò che non presenta pericoli o ne è ben difeso. Sicurezza è una caratteristica anche delle

Dettagli

Procedura di campionamento per clienti esterni

Procedura di campionamento per clienti esterni Procedura di campionamento per clienti esterni Rev Data emissione Motivo/Modifica 00 30/04/2013 Prima emissione 01 28/02/2014 Aggiunti riferimenti normativi sul campionamento, come da oss. ACCREDIA del

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

SICUREZZA CHI SA COSA STA FACENDO VIVE BENE E A LUNGO E NON PROVOCA DANNO AL VICINO

SICUREZZA CHI SA COSA STA FACENDO VIVE BENE E A LUNGO E NON PROVOCA DANNO AL VICINO SICUREZZA CHI SA COSA STA FACENDO VIVE BENE E A LUNGO E NON PROVOCA DANNO AL VICINO SICUREZZA DPI DISPOSITIVI PROTEZIONE INDIVIDUALE CAMICE GUANTI OCCHIALI PROTETTIVI VANNO INDOSSATI SEMPRE IN LABORATORIO

Dettagli

Attuare interventi adeguati ed uniformi per la disinfezione del fibroscopio flessibile e degli accessori

Attuare interventi adeguati ed uniformi per la disinfezione del fibroscopio flessibile e degli accessori Obiettivo Risultato Attuare interventi adeguati ed uniformi per la disinfezione del fibroscopio flessibile e degli accessori Eseguire una alta disinfezione del fibroscopio indicatori N totale fibroncoscopie.

Dettagli

PROCEDURE DI SICUREZZA DA ADOTTARE ALL INTERNO DELLE SALE SETTORIE

PROCEDURE DI SICUREZZA DA ADOTTARE ALL INTERNO DELLE SALE SETTORIE UFFICI AMMINISTRATIVI SERVIZIO PREVENZIONE PROTEZIONE Lungarno Pacinotti, 44 56100 Pisa Tel. 050/2212140 Fax 050/2212663 E-mail spp@adm.unipi.it PROCEDURE DI SICUREZZA DA ADOTTARE ALL INTERNO DELLE SALE

Dettagli

Codice Ambientale. Scopo e campo di applicazione. Definizioni

Codice Ambientale. Scopo e campo di applicazione. Definizioni Codice Ambientale Scopo e campo di applicazione Il presente documento, regola le norme che il personale della Società Nava deve rispettare nell esecuzione dei servizi di pulizia in merito alle modalità

Dettagli

PROCEDURA STE STE 00. DATA REDAZIONE FIRMA Nome e Cognome. DATA VERIFICA FIRMA Nome e Cognome. DATA APPROVAZIONE FIRMA Nome e Cognome

PROCEDURA STE STE 00. DATA REDAZIONE FIRMA Nome e Cognome. DATA VERIFICA FIRMA Nome e Cognome. DATA APPROVAZIONE FIRMA Nome e Cognome Pagina 1 di 15 Documento Codice documento STE 00 DATA REDAZIONE FIRMA Nome e Cognome DATA VERIFICA FIRMA Nome e Cognome DATA APPROVAZIONE FIRMA Nome e Cognome Pagina 2 di 15 1. Generalità... 3 1.1 Scopo

Dettagli

DOCUMENTAZIONE DEL PERCORSO DELLE PREPARAZIONI GALENICHE IN FARMACIA OSPEDALIERA DALL ARRIVO DELLE MATERIE PRIME ALLA SPEDIZIONE DEL PRODOTTO FINITO

DOCUMENTAZIONE DEL PERCORSO DELLE PREPARAZIONI GALENICHE IN FARMACIA OSPEDALIERA DALL ARRIVO DELLE MATERIE PRIME ALLA SPEDIZIONE DEL PRODOTTO FINITO SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN FARMACIA OSPEDALIERA Ciclo V ANNO ACCADEMICO 2000/2001 CORSO Tecnologia, Socioeconomica e Legislazione DOCUMENTAZIONE DEL PERCORSO DELLE PREPARAZIONI GALENICHE IN FARMACIA

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

PRODUTTORE AUTOMATICO DI GHIACCIO A CUBETTI

PRODUTTORE AUTOMATICO DI GHIACCIO A CUBETTI PRODUTTORE AUTOMATICO DI GHIACCIO A CUBETTI MANUALE DI PULIZIA E SANITIZZAZIONE RISERVATO AL MANUTENTORE AUTORIZZATO 24847 ed. 10-2007 È vietata la riproduzione, anche solo parziale, del presente manuale.

Dettagli

MIRADOR Ditta: SCAM S.r.l. Strada Bellaria, 164 41010 - S.MARIA MUGNANO - MODENA (Tel. 059/586511 - Fax 059/460133)

MIRADOR Ditta: SCAM S.r.l. Strada Bellaria, 164 41010 - S.MARIA MUGNANO - MODENA (Tel. 059/586511 - Fax 059/460133) S C A M S.r.l. Pag. 1 di 5 SCHEDA DI SICUREZZA 1. Denominazione della sostanza/preparato e della Ditta (Registr. n. 11624 del 11/03/2003) MIRADOR Ditta: SCAM S.r.l. Strada Bellaria, 164 41010 - S.MARIA

Dettagli

PROCEDURA N. 16 PROCEDURA DI SICUREZZA PER PREPARAZIONE, SOMMINISTRAZIONE, SMALTIMENTO IN SICUREZZA DI FARMACI ANTIBLASTICI

PROCEDURA N. 16 PROCEDURA DI SICUREZZA PER PREPARAZIONE, SOMMINISTRAZIONE, SMALTIMENTO IN SICUREZZA DI FARMACI ANTIBLASTICI SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SERVIZIO DEL MEDICO COMPETENTE U.O.C. FARMACIA PROCEDURA N. 16 PROCEDURA DI SICUREZZA PER PREPARAZIONE, SOMMINISTRAZIONE, SMALTIMENTO IN SICUREZZA DI FARMACI ANTIBLASTICI

Dettagli

SIERI PER CAPELLI (BASI SILICONICHE)

SIERI PER CAPELLI (BASI SILICONICHE) SIERI PER CAPELLI (BASI SILICONICHE) IDENTIFICAZIONE DEI PRODOTTI E DELLA SOCIETA Nome Commerciale Cod. 15933 TRI ACTION HEAT PROTECTIUM SERUM STYLE PERFETTO Descrizione del prodotto Fluido idratante protettivo

Dettagli

Scheda informativa prodotto cosmetico ad uso professionale LEG AME CREMA MANI 1. IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA

Scheda informativa prodotto cosmetico ad uso professionale LEG AME CREMA MANI 1. IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA Scheda informativa prodotto cosmetico ad uso professionale LEG AME CREMA MANI Data di compilazione: 26 febbraio 2013 1. IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA INFORMAZIONI GENERALI : Nome Commerciale

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 04 ATTIVITÀ DI RICERCA CHE UTILIZZA ANIMALI DA LABORATORIO

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 04 ATTIVITÀ DI RICERCA CHE UTILIZZA ANIMALI DA LABORATORIO ATTIVITÀ DI RICERCA CHE UTILIZZA ANIMALI DA LABORATORIO Revisione 01 - Maggio 2013 A cura di: Servizio Prevenzione, Protezione, Ambiente e Sicurezza 1 ATTIVITÀ DI RICERCA CHE UTILIZZA ANIMALI DA LABORATORIO

Dettagli

IGIENE AMBIENTALE DECONTAMINAZIONE IN CASO DI SPANDIMENTO ACCIDENTALE DI LIQUIDI BIOLOGICI

IGIENE AMBIENTALE DECONTAMINAZIONE IN CASO DI SPANDIMENTO ACCIDENTALE DI LIQUIDI BIOLOGICI S.C. Prevenzione Rischio Infettivo IGIENE AMBIENTALE DECONTAMINAZIONE IN CASO DI SPANDIMENTO ACCIDENTALE DI LIQUIDI BIOLOGICI BIONIL GRANULI Sodio Dicloro-isocianurato Panno assorbente monouso Guanti monouso

Dettagli

Pulizia e disinfezione endoscopi flessibili

Pulizia e disinfezione endoscopi flessibili Pulizia e disinfezione endoscopi flessibili Carlotta Annunziata ENDOSCOPI Specifiche apparecchiature che permettono di esplorare visivamente l interno di alcuni organi e cavità del corpo allo scopo di

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA

ISTRUZIONE OPERATIVA LT 0 Pag. : 1 di 6 Redatta da: Giancarlo Paganico Verificata da: Giancarlo Paganico Approvato da: DUO COPIA N... N. REV. PAGG. PRINCIPALI MODIFICHE DATA 1 2 3 4 5 Pag. : 2 di 6 INDICE 1. PREMESSA 3 2.

Dettagli

La Centralizzazione degli allestimenti antiblastici Catania 15 febbraio 2014. Dott. Giovanni Vega Responsabile Farmacia P.O.

La Centralizzazione degli allestimenti antiblastici Catania 15 febbraio 2014. Dott. Giovanni Vega Responsabile Farmacia P.O. La Centralizzazione degli allestimenti antiblastici Catania 15 febbraio 2014 Dott. Giovanni Vega Responsabile Farmacia P.O. Taormina La Centralizzazione degli allestimenti antiblastici I momenti di ogni

Dettagli

* RISCHIO CHIMICO alcune definizioni

* RISCHIO CHIMICO alcune definizioni * * RISCHIO CHIMICO alcune definizioni Ai sensi dell art. 222 del D.Lgs. 81/08 e smi si intendono per agenti chimici: tutti gli elementi o composti chimici, sia da soli sia nei loro miscugli, allo stato

Dettagli

SORVEGLIANZA SANITARIA

SORVEGLIANZA SANITARIA COMPLESSO INTEGRATO COLUMBUS SORVEGLIANZA SANITARIA CAPOSALA Liberata Del Proposto RISCHIO CHIMICO DEFINIZIONE Per Rischio Chimico si intende la probabilità che una sostanza o un preparato sia esso solido,

Dettagli

Dip. Lab. T.C.B.1 CODICE PROCEDURA SANITARIA PROVINCIALE PALERMO. Data 26 settembre 2011 Pagina 1 di 7

Dip. Lab. T.C.B.1 CODICE PROCEDURA SANITARIA PROVINCIALE PALERMO. Data 26 settembre 2011 Pagina 1 di 7 Data 26 settembre 2011 Pagina 1 di 7 Redatta da: Ufficio Qualità Laboratori Struttura proponente. DIPARTIMENTO DIAGNOSTICA DI LABORATORIO Dr.ssa Ada Palma Firma Dott.ssa Teresa Barone Firma 1 Data 26 settembre

Dettagli

Indicazioni per la manipolazione e lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari e trattamento dei relativi imballaggi e delle rimanenze

Indicazioni per la manipolazione e lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari e trattamento dei relativi imballaggi e delle rimanenze ALLEGATO VI Indicazioni per la manipolazione e lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari e trattamento dei relativi imballaggi e delle rimanenze VI.1 - Stoccaggio dei prodotti fitosanitari Fatte salve le

Dettagli

Informazione e Formazione. Regolamento sull uso e conservazione dei

Informazione e Formazione. Regolamento sull uso e conservazione dei Regolamento sull uso e conservazione dei prodotti di pulizia Il presente Regolamento si prefigge di fornire utili indicazioni ai collaboratori scolastici: sulla prevenzione contro il rischio chimico derivante

Dettagli

PROTOCOLLO GESTIONE FARMACI CHEMIOTERAPICI

PROTOCOLLO GESTIONE FARMACI CHEMIOTERAPICI U.O. ONCOLOGIA Data stesura luglio 03 PROTOCOLLO GESTIONE FARMACI CHEMIOTERAPICI 1 PROTOCOLLO GESTIONE FARMACI CHEMIOTERAPICI Schede 7 Data stesura luglio 03 SOMMARIO scheda 1 INDICAZIONI GENERALI scheda

Dettagli

Allegato 5 - Procedure per la pulizia per tipologia di rischio

Allegato 5 - Procedure per la pulizia per tipologia di rischio Allegato 5 - Procedure per la pulizia per tipologia di rischio Il presente documento descrive le procedure per la pulizia e sanificazione ambientale dell Azienda Ospedaliera. Le imprese concorrenti potranno

Dettagli

SORVEGLIANZA SANITARIA

SORVEGLIANZA SANITARIA COMPLESSO INTEGRATO COLUMBUS SORVEGLIANZA SANITARIA CAPOSALA Liberata Del Proposto D.P.I. (DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE) DPI cosa sono? DEFINIZIONE: per dispositivo di protezione individuale,

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 "MEDIO FRIULI" PROCEDURE OPERATIVE FARMACI ANTIBLASTICI

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI PROCEDURE OPERATIVE FARMACI ANTIBLASTICI s.o.c. Prevenzione, Protezione e Gestione Ambientale Aziendale Via Pozzuolo, 330 -- 33100 Udine ~ 0432-806113 - ~ 0432-806112 email:prpr@mediofriuli.it PROCEDURE OPERATIVE FARMACI ANTIBLASTICI P12/0PER

Dettagli

MODALITA DI PRELIEVO DEI CAMPIONI DI ALIMENTI SOMMARIO

MODALITA DI PRELIEVO DEI CAMPIONI DI ALIMENTI SOMMARIO Pag. 1/7 SOMMARIO 1. SCOPO E CAMPO D APPLICAZIONE...2 2. RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI...2 3. PRELIEVO PER ANALISI MICROBIOLOGICHE...3 3.1 MATERIALI PER IL PRELIEVO...3 3.2 MODALITA OPERATIVE...3 4. PRELIEVO

Dettagli

PER LA GESTIONE INFORMATIVO

PER LA GESTIONE INFORMATIVO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Direttore Dott. L. Zucchi UNITA DI TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA (UTSIR) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LA GESTIONE A DOMICILIO DELLA TRACHEOSTOMIA

Dettagli

Guida all utilizzo dell autoiniettore. one.click è un dispositivo medico CE 0086. Leggere attentamente le avvertenze e le istruzioni per l uso.

Guida all utilizzo dell autoiniettore. one.click è un dispositivo medico CE 0086. Leggere attentamente le avvertenze e le istruzioni per l uso. Guida all utilizzo dell autoiniettore one.click è un dispositivo medico CE 0086. Leggere attentamente le avvertenze e le istruzioni per l uso. Introduzione a one.click Questa è una guida sintetica all

Dettagli

TATUAGGIO E PIERCING REQUISITI DEI LOCALI GESTIONE DELLE ATTREZZATURE GESTIONE DEI RIFIUTI

TATUAGGIO E PIERCING REQUISITI DEI LOCALI GESTIONE DELLE ATTREZZATURE GESTIONE DEI RIFIUTI TATUAGGIO E PIERCING REQUISITI DEI LOCALI GESTIONE DELLE ATTREZZATURE GESTIONE DEI RIFIUTI A. Cosa dice la Legge? Articolo della DGR 464/2007 E opportuno che gli ambienti destinati a 1. sala d attesa 2.

Dettagli

RACCOLTA DEL SANGUE E DEL TESSUTO CORDONALE ISTRUZIONI PER OPERATORI SANITARI

RACCOLTA DEL SANGUE E DEL TESSUTO CORDONALE ISTRUZIONI PER OPERATORI SANITARI RACCOLTA DEL SANGUE E DEL TESSUTO CORDONALE ISTRUZIONI PER OPERATORI SANITARI Informazioni importanti per Medici ed Ostetriche per la raccolta del sangue cordonale Questa è una procedura molto semplice,

Dettagli

Stoccaggio, conservazione, trasporto di campioni biologici

Stoccaggio, conservazione, trasporto di campioni biologici Stoccaggio, conservazione, trasporto di campioni biologici Paola Tomao ISPESL-Paola Tomao 1 Manipolazione sicura Integrità dei contenitori per i campioni biologici (provette, capsule petri, contenitori

Dettagli

Stoccaggio, conservazione, trasporto di campioni biologici

Stoccaggio, conservazione, trasporto di campioni biologici Manipolazione sicura Stoccaggio, conservazione, trasporto di campioni biologici Paola Tomao ISPESL-Paola Tomao 1 Integrità dei contenitori per i campioni biologici (provette, capsule petri, contenitori

Dettagli

PRECAUZIONI DA ADOTTARE NELLA GESTIONE DEI CASI DI INFLUENZA DA VIRUS A (H1N1)v

PRECAUZIONI DA ADOTTARE NELLA GESTIONE DEI CASI DI INFLUENZA DA VIRUS A (H1N1)v PRECAUZIONI DA ADOTTARE NELLA GESTIONE DEI CASI DI INFLUENZA DA VIRUS A (H1N1)v Cesena, 12 settembre 2009 Direzione Infermieristica e Tecnica Paola Ceccarelli PRECAUZIONI DA ADOTTARE Popolazione: misure

Dettagli

Scheda informativa prodotto cosmetico ad uso professionale OSSIDANTI PER TINTURE, RIFLESSANTI E DECOLORANTI

Scheda informativa prodotto cosmetico ad uso professionale OSSIDANTI PER TINTURE, RIFLESSANTI E DECOLORANTI Allegato 3 Scheda informativa prodotto cosmetico ad uso professionale OSSIDANTI PER TINTURE, RIFLESSANTI E DECOLORANTI INFORMAZIONI GENERALI Nome commerciale: Descrizione prodotto: : soluzioni di acqua

Dettagli

dei Chemioterapici Antiblastici nell Azienda USL 3 di Pistoia.

dei Chemioterapici Antiblastici nell Azienda USL 3 di Pistoia. Pagina 1 di 31 Procedura aziendale per la gestione e la manipolazione dei Chemioterapici Antiblastici nell Azienda USL 3 di Pistoia. Copia in distribuzione controllata Copia in distribuzione non controllata

Dettagli

KIT TOGLI AMIANTO COME SI USA?

KIT TOGLI AMIANTO COME SI USA? CANNE FUMARIE CUCCE PER ANIMALI LASTRE E SFRIDI CISTERNETTE KIT TOGLI AMIANTO COME SI USA? Manuale d istruzioni per il trattamento e la rimozione di materiale contenente amianto, da parte del privato cittadino.

Dettagli

PROTOCOLLO PULIZIA AMBIENTALE GRUPPO OPERATORIO ASL 7

PROTOCOLLO PULIZIA AMBIENTALE GRUPPO OPERATORIO ASL 7 PROTOCOLLO PULIZIA AMBIENTALE GRUPPO OPERATORIO 1 Criteri generali Per quanto sia stato ampiamente dimostrato che le superfici ambientali sono, di per sé, difficilmente responsabili della trasmissione

Dettagli

Protocollo per la pulizia, il lavaggio e la disinfezione degli strumenti e degli accessori endoscopici

Protocollo per la pulizia, il lavaggio e la disinfezione degli strumenti e degli accessori endoscopici REGIONE CALABRIA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE VIBO VALENTIA Endoscopia Digestiva Diagnostica e Chirurgica Dr. A.Chirico Dr. V.Grasso Dr. L.Purita Protocollo per la pulizia, il lavaggio e la disinfezione

Dettagli

SCHEDA TECNICA N 12 GLUTARALDEIDE

SCHEDA TECNICA N 12 GLUTARALDEIDE SCHEDA TECNICA N 12 GLUTARALDEIDE SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE AZIENDALE V I A A L B E R T O N I, 1 5-4 0 1 3 8 B O L O G N A 0 5 1. 6 3. 6 1. 1 3 7 - FA X 0 5 1. 6 3. 6 1. 1 4 5 E-mail: spp@aosp.bo.it

Dettagli

U NIVERSITÀ DEGLI S TUDI DI S IENA CUPreL

U NIVERSITÀ DEGLI S TUDI DI S IENA CUPreL U NIVERSITÀ DEGLI S TUDI DI S IENA CUPreL Centro Universitario per lo Studio e lo Sviluppo dei Sistemi di Prevenzione e Protezione dei Lavoratori Presidente: Prof. Giuseppe Battista PROTOCOLLO DI SICUREZZA

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ATTENZIONE: MANIPOLARE CON PRUDENZA

SCHEDA DI SICUREZZA ATTENZIONE: MANIPOLARE CON PRUDENZA Pag. 1 di 5... SCHEDA DI SICUREZZA 1. Denominazione della sostanza/preparato e della Ditta (Registr. n. 10113 del 27/07/1999) Ditta: 2. Composizione - Informazioni sui componenti Carattere chimico Contiene

Dettagli

GESTIONE PORT VENOSO

GESTIONE PORT VENOSO GESTIONE PORT VENOSO Il port è un catetere venoso centrale appartenente alla famiglia dei dispositivi totalmente impiantabili composto da una capsula impiantata sottocute e da un catetere introdotto in

Dettagli

CECK-LIST VALUTAZIONE IDONEITA DEPOSITI DI MATERIALI/ATTREZZATURE PER LE PULIZIE

CECK-LIST VALUTAZIONE IDONEITA DEPOSITI DI MATERIALI/ATTREZZATURE PER LE PULIZIE TITOLO: CECK-LIST VALUTAZIONE IDONEITA DEPOSITI DI MATERIALI/ATTREZZATURE PER LE PULIZIE Indice dei contenuti 1. Verbale di verifica periodica/straordinaria con check list Documenti richiamati Identificazione

Dettagli

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 NORME IGIENICO - SANITARIE I prodotti fitosanitari sono sostanze pericolose:

Dettagli

PROTOCOLLO EMOCOLTURE NEL NEONATO

PROTOCOLLO EMOCOLTURE NEL NEONATO E.O. OSPEDALI GALLIERA - GENOVA PROTOCOLLO EMOCOLTURE NEL NEONATO PREPARATO VERIFICATO APPROVATO ARCHIVIATO D. Ibba, S. Longo, A. Formisano, M. Monti Cenderello N Crisalli M.P. Fabbri P. Mazzella M. Sansone

Dettagli

PEARL VIA F.LLI CERVI 75 50010 CAMPI B.ZIO (FI)

PEARL VIA F.LLI CERVI 75 50010 CAMPI B.ZIO (FI) 50010 CAMPI B.ZIO (FI) SCHEDA DI SICUREZZA White Pearl 10.01.2006 1. Identificazione del prodotto e Ragione Sociale Indicazione del prodotto: Nome commerciale: Codice Commerciale: Tipo di prodotto ed impiego:

Dettagli

Norme di comportamento per lo studente che compie un esperienza di tirocinio

Norme di comportamento per lo studente che compie un esperienza di tirocinio Norme di comportamento per lo studente che compie un esperienza di tirocinio 1. In quanto assimilato a lavoratore dipendente lo studente è tenuto al segreto professionale,, pertanto non può rivelare informazioni

Dettagli

Ricondizionamento degli strumenti: Disinfezione di alto livello e Sterilizzazione

Ricondizionamento degli strumenti: Disinfezione di alto livello e Sterilizzazione Ricondizionamento degli strumenti: Disinfezione di alto livello e Sterilizzazione Rassegna di Patologia dell Apparato Respiratorio 2003, 18 (5) 376-390 Le Linee Guida rappresentano gli standard minimi

Dettagli

SORVEGLIANZA SANITARIA

SORVEGLIANZA SANITARIA COMPLESSO INTEGRATO COLUMBUS SORVEGLIANZA SANITARIA CAPOSALA Liberata Del Proposto RISCHIO BIOLOGICO DEFINIZIONE: Il rischio biologico è la possibilità di contrarre una malattia infettiva nel corso delle

Dettagli

LAVORARE IN SICUREZZA..

LAVORARE IN SICUREZZA.. LAVORARE IN SICUREZZA.. Non è un concetto assoluto. è la modalità per gestire il rischio: > conoscendolo > prevenendolo > intervenendo prontamente, quando capita l incidente E NECESSARIO AVERE UN METODO,

Dettagli

Studio Odontoiatrico Dott.Guido Gandini Via Zuretti,47/ B 20125 Milano Tel. 02 6686436 Milano,01/09/2010

Studio Odontoiatrico Dott.Guido Gandini Via Zuretti,47/ B 20125 Milano Tel. 02 6686436 Milano,01/09/2010 Studio Odontoiatrico Dott.Guido Gandini Via Zuretti,47/ B 20125 Milano Tel. 02 6686436 Milano,01/09/2010 OGGETTO: REQUISITI ORGANIZZATIVI GENERALI : OGPRO07/d MODALITA DI PULIZIA, LAVAGGIO, DISINFEZIONE

Dettagli

PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA GESTIONE DEI FARMACI E PRESIDI

PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA GESTIONE DEI FARMACI E PRESIDI PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA GESTIONE DEI FARMACI E PRESIDI Elaborato con il contributo di: - U.O. Prof. Assistenza - Coordinatrice U.O. Rianimazione Giardi Silvana - Coordinatrice UFSM Sforzi Chiara -

Dettagli

Askoll test S C H E D E D AT I D I S I C U R E Z Z A. Askoll. L acquario facile

Askoll test S C H E D E D AT I D I S I C U R E Z Z A. Askoll. L acquario facile Askoll test S C H E D E D AT I D I S I C U R E Z Z A Askoll L acquario facile Test ph acqua dolce Askoll test ph acqua dolce 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA / PREPARATO E DELLA SOCIETÀ 1.1 Identificazione

Dettagli

Allegato a paragrafo 3

Allegato a paragrafo 3 COMMISSIONE REGIONALE PER LA SICUREZZA DEL PAZIENTE NELL AMBITO DELLE STRUTTURE OPERATORIE (D.A. n. 6289 del 23 Settembre 2005) Allegato a paragrafo 3 I sopralluoghi presso le strutture sanitarie 3.2 Gli

Dettagli

Scienze laboratorio: I RISCHI

Scienze laboratorio: I RISCHI Queste note pratiche presentano i rischi che si incontrano durante le esercitazioni di laboratorio e i comportamenti corretti da tenere. Seguire queste indicazioni servirà non solo a ridurre il rischio

Dettagli

ALLEGATO N 2 Procedure di igienizzazione

ALLEGATO N 2 Procedure di igienizzazione REGIONE CALABRIA Azienda Ospedaliera Bianchi Melacrino Morelli ALLEGATO N 2 Procedure di igienizzazione Servizio pulizie - ALLEGATO N 2 Pagina 1 di 6 PULIZIA GIORNALIERA AREE AD ALTO RISCHIO 1 Servizi

Dettagli

5. SCHEDA DI INSERIMENTO OPERATORE SOCIO SANITARIO - FARMACIA

5. SCHEDA DI INSERIMENTO OPERATORE SOCIO SANITARIO - FARMACIA 5. SCHEDA DI INSERIMENTO OPERATORE SOCIO SANITARIO - FARMACIA SEDE: LEGNAGO BOVOLONE ZEVIO NOGARA UNITÀ OPERATIVA/SERVIZIO: DIRETTORE: COORDINATORE INFERMIERISTICO: COGNOME QUALIFICA: INFERMIERE NOME DATA

Dettagli

ALLEGATO 5) PIANO DI SANIFICAZIONE

ALLEGATO 5) PIANO DI SANIFICAZIONE ALLEGATO 5) PIANO DI SANIFICAZIONE 1 Norme Generali Prodotti di Sanificazione RISPETTARE E AGGIORNARE IL PIANO DI SANIFICAZIONE IN MODO PERIODICO E OGNI VOLTA CHE INTERVENGONO DEI CAMBIAMENTI (indicare

Dettagli

PROCEDURA DI SICUREZZA LA PREVENZIONE NELL USO DI DETERGENTI, DISINFETTANTI E STERILIZZANTI

PROCEDURA DI SICUREZZA LA PREVENZIONE NELL USO DI DETERGENTI, DISINFETTANTI E STERILIZZANTI Pag. 1 di 7 SOMMARIO: 1. Oggetto e scopo 2. Campo di applicazione 3. Responsabilità 4. Definizioni e abbreviazioni 5. Documenti di Riferimento 6. Moduli e documenti di registrazione 7. Modalità operative

Dettagli

MANIPOLAZIONE DEL TONER

MANIPOLAZIONE DEL TONER Pagina 1 di 6 SOMMARIO Generalità... 2 Principali condizioni di rischio connesse all operazione di sostituzione del toner... 2 Scopo... 2 Riferimenti normativi... 2 Responsabilità ed aggiornamento... 2

Dettagli

Ottimizzazione in sicurezza della gestione del flusso de farmaci, produzioni galeniche e dispositivi medici Pisa, 26/09/2015

Ottimizzazione in sicurezza della gestione del flusso de farmaci, produzioni galeniche e dispositivi medici Pisa, 26/09/2015 Ottimizzazione in sicurezza della gestione del flusso de farmaci, produzioni galeniche e dispositivi medici Pisa, 26/09/2015 Requisiti strutturali e impiantistici di un laboratorio di preparazione farmaci

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione Struttura Complessa di Igiene e Sanità Pubblica. Tecnico della Prevenzione Arnaldi Roberta

Dipartimento di Prevenzione Struttura Complessa di Igiene e Sanità Pubblica. Tecnico della Prevenzione Arnaldi Roberta Dipartimento di Prevenzione Struttura Complessa di Igiene e Sanità Pubblica Tecnico della Prevenzione Arnaldi Roberta Tatuaggi, piercing e trucco permanente Quali sono i riferimenti normativi riguardanti

Dettagli

SCHEDA DATI DI SICUREZZA

SCHEDA DATI DI SICUREZZA 1- INDIVIDUAZIONE DEL PRODOTTO MARCHIO POLICAR PRODUTTORE/FORNITORE MAFO S.R.L. INDIRIZZO Via A. Laterizio, 73-80035 NOLA (NA) TEL./FAX 081/8037226 E-mail: info@mafo.it PER INFORMAZIONI RIVOLGERSI A 081/8037226

Dettagli

ROLE PLAYING: SIMULAZIONE DI SITUAZIONI DI RESPONSABILITA DEL DIRIGENTE IN VARI AMBITI DELLA SICUREZZA SUL LAVORO IN SANITA.

ROLE PLAYING: SIMULAZIONE DI SITUAZIONI DI RESPONSABILITA DEL DIRIGENTE IN VARI AMBITI DELLA SICUREZZA SUL LAVORO IN SANITA. ROLE PLAYING: SIMULAZIONE DI SITUAZIONI DI RESPONSABILITA DEL DIRIGENTE IN VARI AMBITI DELLA SICUREZZA SUL LAVORO IN SANITA. Salute e sicurezza negli ambienti di lavoro in sanità: norme, interpretazione

Dettagli

Operazioni di igiene e manutenzione

Operazioni di igiene e manutenzione OPERAZIONI DI IGIENE Operazioni di igiene dei visi del manichino Laerdal Si consiglia di fornire un singolo viso del manichino a ciascuno studente per eliminare la necessità di decontaminazione tra uno

Dettagli

Misure di emergenza. Paola Tomao STRUMENTI ..STRUMENTI

Misure di emergenza. Paola Tomao STRUMENTI ..STRUMENTI D.Lgs 81/08 Titolo I Misure di emergenza Paola Tomao Sezione I MISURE DI TUTELA E OBBLIGHI Art. 18 Obblighi del datore di lavoro e del dirigente t) adottare le misure necessarie ai fini della prevenzione

Dettagli

MANUALE D USO BA 1004/03 (Foglio 1 di 3) AI SENSI DEL 20 DEL REGOLAMENTO TEDESCO SULLE SOSTANZE PERICOLOSE (TRGS 555)

MANUALE D USO BA 1004/03 (Foglio 1 di 3) AI SENSI DEL 20 DEL REGOLAMENTO TEDESCO SULLE SOSTANZE PERICOLOSE (TRGS 555) Esafluoruro di zolfo MANUALE D USO BA 1004/03 (Foglio 1 di 3) AI SENSI DEL 20 DEL REGOLAMENTO TEDESCO SULLE SOSTANZE PERICOLOSE (TRGS 555) Il presente manuale può essere utilizzato dal gestore del quadro

Dettagli

U.O. SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DIRETTORE

U.O. SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DIRETTORE RISCHIO BIOLOGICO Gestione Aziendale di caso di influenza da virus A/H1N1 percorso di biosicurezza PIACENZA 4 16 Settembre 2009 U.O. SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE D.Lgs 81/08 Titolo X DIRETTORE

Dettagli

Protocollo per la pulizia e disinfezione delle Cullette termiche. Dott.ssa Dalia Palmieri ASL Pescara

Protocollo per la pulizia e disinfezione delle Cullette termiche. Dott.ssa Dalia Palmieri ASL Pescara Protocollo per la pulizia e disinfezione delle Cullette termiche Dott.ssa Dalia Palmieri ASL Pescara Le Cullette termiche rappresentano l ambiente entro il quale il neonato a rischio trascorre un periodo

Dettagli

Procedure di disinfezione e sterilizzazione

Procedure di disinfezione e sterilizzazione Procedure di disinfezione e sterilizzazione Opuscolo informativo per il paziente Gentili pazienti, lo scopo di questo opuscolo è quello di informarvi sulle rigorose procedure di disinfezione e sterilizzazione

Dettagli

SCHEDA DATI DI SICUREZZA Edizione riveduta no : 6. Responsab. della distribuzione

SCHEDA DATI DI SICUREZZA Edizione riveduta no : 6. Responsab. della distribuzione Pagina : 1 êc { C : Corrosivo 8 : Sostanza corrosiva. Pericolo M» Produttore Responsab. della distribuzione Avenue Albert Einstein, 15 Avenue Albert Einstein, 15 1348 Louvain-la-Neuve Belgium 1348 Louvain-la-Neuve

Dettagli

Az. Osp. Complesso Ospedaliero S. Giovanni-Addolorata 2

Az. Osp. Complesso Ospedaliero S. Giovanni-Addolorata 2 Az. Osp. Complesso Ospedaliero S. Giovanni-Addolorata 2 INDICE Introduzione; Oggetto; Scopo del protocollo; Operatori coinvolti; Campo di applicazione; Responsabilità; Definizione. pag. Protocolli applicativi:

Dettagli

Descrizione dell attività universitaria svolta nei locali

Descrizione dell attività universitaria svolta nei locali Pag 1 Misure specifiche di prevenzione, protezione ed emergenze contro i rischi da interferenza, da adottare nei laboratori dove si effettuano sperimentazioni con primati non umani Descrizione dell attività

Dettagli