UNA CARTOGRAFIA PER LA RAPPRESENTAZIONE DEI BENI CULTURALI : IL CASO DELLA TUNISIA. Siti storici e archeologici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNA CARTOGRAFIA PER LA RAPPRESENTAZIONE DEI BENI CULTURALI : IL CASO DELLA TUNISIA. Siti storici e archeologici"

Transcript

1 UNA CARTOGRAFIA PER LA RAPPRESENTAZIONE DEI BENI CULTURALI : IL CASO DELLA TUNISIA Agosto 1998 Siti storici e archeologici La presente comunicazione prende le mosse dal progetto Gestion du patrimoine culturale de la Tunisie per la costituzione di un primo nucleo di dati informatizzati sul patrimonio storico ed archeologico a partire dalla ricognizione dei monumenti vincolati in tutto il paese. Gli standard catalografici utilizzati sono quelli stabiliti dal Consiglio d Europa. I lavori sono iniziati a settembre del 1997 : ad un anno di distanza i dati sono in fase di in organizzazione per l archiviazione e la realizzazione di una banca dati informatica supportata da un sistema informativo geografico. Sono stati visitati e schedati 300 siti per un totale di ca monumenti con la realizzazione di ca foto e immagini di fonti archivistiche (foto storiche, mappe, cartografia, foto aeree, testi fondamentali, ecc.) per un totale di 100 CD rom. Al Ministero della Cultura tunisino sarà consegnata una biblioteca cartacea composta da trecento dossier, uno per ogni sito, e una banca dati elettronica (schede, foto e carte) di facile uso per la gestione dell inventario del patrimonio storico-archeologico PRODOTTI UTILIZZATI E FORMATO DEI DATI. Le attività di caricamento dati sia di tipo grafico che alfanumerico vengono effettuate con i seguenti strumenti informatici: Access viene utilizzato per caricare tutti i dati alfanumerici, relativi alle schede di rilievo, sotto forma di tabelle strutturate secondo uno schema predefinito. Autocad viene utilizzato per produrre qualsiasi banca dati di tipo geometrico. ArcView viene utilizzato per creare le banche dati del sistema informativo territoriale (S.I.T.) dei beni storici ed artistici. Gli strumenti software utilizzati consentono di generare file strutturati, e disponibili, già come file di acquisizione, in formati standard di mercato che sono: MDB per Access, DXF e DWG per Autocad, ShapeFile per ArcView. TIF e TFW per le cartografie acquisite sotto forma di immagini raster. JPG e TIF per le immagini fotografiche. ACQUISIZIONE DATI. L acquisizione dei dati si suddivide in: - creazione di tabelle strutturate, secondo un tracciato concordato, che classificano in modo logico tutti gli elementi che fanno parte del rilievo; - creazione di una cartografie raster a copertura del territorio nazionale tunisino e di una cartografia vettoriale con indicati tutti i temi facenti parte del S.I.T. integrato; - acquisizione delle immagini fotografiche abilitando chiavi di riconoscimento. CREAZIONE DELLE TABELLE Le tabelle alfanumeriche sono il frutto di una attività di data entry direttamente collegata alle schede descrittive realizzate durante l attività di rilievo dei beni sul territorio. Questa attività viene realizzata in access e produce un archivio di data base in formato MDB. L archivio prodotto è

2 strutturato un modo tale da garantire qualsiasi tipo di relazione logica indicata nel progetto, e in particolare consente il legame dei vari data base con i relativi oggetti cartografati. CREAZIONE DELLA CARTOGRAFIA. Il rilevo e la corretta collocazione degli oggetti che sono bene culturale impongono la suddivisione degli elementi cartografici in due categorie che sono: - cartografia raster, - cartografia vettoriale CARTOGRAFIA RASTER. È composta, per il momento, da 12 carte restituite ad una scala 1: ed acquisite a toni di grigio con un dettaglio di 800 dpi memorizzati successivamente a 150 dpi. La cartografia raster, come è noto, non consente di gestire nessun tipo interrogazione logica, è comunque parte grafica del sistema informativo ed è inquadrata nel sistema di riferimento cartografico U.T.M. (Mercatore). CARTOGRAFIA VETTORIALE DI TIPO AMMINISTRATIVO. La cartografia vettoriale di tipo amministrativo si integra sovrapponendosi a quella raster, con la quale va a formare il piano cartografico del territorio. La cartografia vettoriale, a differenza di quella raster, è parte attiva del S.I.T., di conseguenza ogni tema generato ha disponibile una tabella strutturata per campi, all interno della quale ogni oggetto viene descritto in modo dettagliato. La cartografia vettoriale che costituisce il nostro S.I.T. si suddivide in: - Cartografia Amministrativa. - Cartografia dei beni culturali. CARTOGRAFIA AMMINISTRATIVA. La cartografia amministrativa viene rappresentata da elementi sia di tipo areale che di tipo puntuale dove: - gli elementi areali individuano i confini dei limiti amministrativi di Stato e di Governorat; - gli elementi puntuali individuano i testi che descrivono i toponimi presenti in cartografia; ciò consente di agevolare qualsiasi tipo di ricerca cartografia, basando lo spostamento e la relativa individuazione della località ad interrogazioni logiche eseguite tramite query. L acquisizione numerica avviene in formato DWG (AutoCAD), utilizzando tutti le funzioni che il prodotto fornisce, collocando tutti gli elementi geometrici che lo compongono nei livelli CONFINESTATO, CONFINEGOVERNORAT e TOPONIMO. CARTOGRAFIA DEI BENI CULTURALI. La cartografia amministrativa viene rappresentata da elementi sia di tipo areale che puntuale dove: 1. gli elementi areali individuano i confini delle zone di interesse storico ed artistico (nello specifico sono i siti, i complessi e i monumenti storici e archeologici); 2. gli elementi puntuali individuano e collocano i monumenti che sono stati catalogati. LIMITE DI SITO. È una rappresentazione fittizia del perimetro che racchiude tutti i complessi e monumenti che sono contenuti all interno di un sito. Non essendo disponibile il reale perimetro viene rappresentata in modo convenzionale da una finestra rettangolare che comprende tutti gli elementi contenuti nel sito. L acquisizione numerica avviene in formato DWG e consiste nel disegnare il poligono e il relativo testo, nel livello SITO. Il testo contenuto all interno del poligono è il

3 codice identificativo del sito. Nel S.I.T. viene creato uno shapefile, contenente un numero di aree pari al numero di siti rilevati, che viene chiamato SITO. Ogni area che identifica un sito ha, all interno del S.I.T., associato il relativo codice identificativo che consente di relazionare l oggetto grafico con le relative schede alfanumeriche definite in fase di rilievo. LIMITE DI COMPLESSO. Si trova sempre all interno di un sito ed è materializzato dal suo perimetro; tale area racchiude tutti i monumenti che hanno caratteristiche simili, o comunque riconducibili ad un unica entità logica. Non essendo disponibile il reale perimetro il complesso viene rappresentata in modo convenzionale da una finestra rettangolare che comprende tutti gli elementi contenuti nel complesso. L acquisizione numerica avviene in formato DWG e consiste nel disegnare il poligono e il relativo testo, nel livello COMPLESSO. Nel S.I.T. viene creato uno shapefile, contenente un numero di aree pari al numero di complessi rilevati, che viene chiamato COMPLESSO. Ogni area che identifica un complesso ha, all interno del S.I.T., associato il relativo codice identificativo che consente di relazionare l oggetto grafico con le relative schede alfanumeriche definite in fase di rilievo. INDIVIDUAZIONE DEL MONUMENTO. È una rappresentazione del monumento in base alla sua collocazione nel sito. L acquisizione numerica avviene in formato DWG e consiste nel disegnare un simbolo, con associato un attributo descrittivo, nel livello MONUMENTO. Nel S.I.T. viene creato uno shapefile, contenente un numero di simboli pari al numero di monumenti rilevati, che viene chiamato MONUMENTO. Ogni punto che identifica un monumento ha associato il relativo codice identificativo come attributo: ciò consente di relazionare l oggetto grafico con le relative schede alfanumeriche definite in fase di rilievo. 1 DATA BASE PRODOTTI E RELATIVE RELAZIONI Le schede site, ensemble e monument sono quelle primarie ed individuano in modo univoco gli oggetti rilevati e riportati in cartografia; Ognuno di questi oggetti può avere ulteriori informazioni di tipo descrittivo e sono riportate in altre tabelle (sotto-schede) collegate a quella principale attraverso relazioni di tipo logico. La sotto scheda Documentation indica, per ogni tipo di tabella primaria, i documenti che sono ad essa associati; nello specifico: archivi, bibliografie, disegni e foto (fiches). Tutte le tabelle che fanno parte del data base alfanumerico hanno, nel caso sia stato possibile eseguire delle normalizzazioni, condizionato il riempimento dell informazione a una serie di vocaboli predefiniti (dizionari). CREAZIONE DEGLI ARCHIVI Il sistema informativo territoriale viene creato avvalendosi di tutti i file: grafici e tabelle, generati durante l attività di caricamento dati. La possibilità di avvalersi di una cartografia perfettamente georeferenziata ed in coordinate assolute consente di ottenere una base di lavoro riqualificata in scala 1:1 al netto degli errori consentiti dalla precisione della carta di acquisizione Questa situazione ci consente di operare in modo assolutamente libero sapendo che, qualsiasi tipo di operazione venga eseguita su questa cartografia, si avvale di distanze e misure che tendono a valori assoluti e reali. TEMATISMI Il sistema informativo parte dal presupposto che qualsiasi oggetto grafico venga inserito all interno del relativo tematismo cartografico, automaticamente generi una scheda informativa di tipo alfanumerico entro la quale vengono indicate tutte le caratteristiche descrittive dell oggetto

4 grafico. La creazione di un tematismo grafico con associate informazioni tabellari di tipo descrittivo vengono chiamati TEMI. Ogni tabella collegata ad un tema può essere relazionata ad un infinito numero di altri data base attraverso una serie di collegamenti di tipo relazionale. Ad ogni oggetto grafico possono essere inoltre associati un alto numero di fotografie digitali, di disegni CAD, di filmati digitali e di testi disponibili sotto forma di file. La costruzione della banca dati grafica ed alfanumerica parte dal presupposto che qualsiasi informazione, indipendentemente dalla sua provenienza e dal suo utilizzo, non deve mai essere duplicata. Per questo motivo è necessario attivare tutti i motori di analisi e di ricerca al fine di garantire il riconoscimento delle relazioni esistenti tra i vari temi che costituiscono il S.I.T. Il sistema informativo è composto da una serie di tematismi, dove ognuno di essi ha associate le sole informazioni che lo identificano e lo rappresentano; qualsiasi altro tipo di relazione tra temi di origine diversa viene gestita nei seguenti modi: - di tipo logico, - di tipo geometrico. RELAZIONE DI TIPO LOGICO. Consiste nel collegare, attraverso una serie di relazione, il data base alfanumerico agli oggetti cartografici con altri di diversa provenienza. RELAZIONE DI TIPO GEOMETRICO. Consiste nell eseguire ricerche territoriali di tipo spaziale in base alle congruenze geometriche per sovrapposizione e vicinanza. Questo metodo di operare consente di agevolare qualsiasi tipo di operazione volta alla manutenzione dei dati e inoltre garantisce una assoluta congruenza dei dati che costituiscono il S.I.T. dei beni culturali vista la totale assenza di duplicazione delle informazioni. DOCUMENTI ASSOCIATI. Ad ogni oggetto, contenuto all interno dei temi che fanno parte del S.I.T dei beni culturali, possono essere associati altri tipi di documenti: archivi, bibliografie, fotografie e testi. 2 PRODOTTO APPLICATIVO Il prodotto applicativo che si intende sviluppare ha come obiettivo iniziale quello di gestire tutti i dati: grafici, alfanumerici e fotografici che sono il frutto delle attività di campagna e della successiva migrazione degli stessi nel sistema informativo. Questo primo passo, ci consente di creare un sistema informativo dei beni culturali collegato con la realtà cartografica; ciò serve sia a completare una attività che deve essere consegnata in tempi rapidi e serve inoltre a cominciare la valutazione delle possibili problematiche che riguardano la realizzazione di una applicazione, più complessa e completa, che deve essere in grado di gestire, nella sua globalità,tutto il progetto beni culturali. CONSULTAZIONE DEI DATI L aspetto più qualificante di un sistema informativo è dato dalla possibilità che, un operatore non particolarmente esperto ha, di eseguire operazioni di consultazione sui dati che compongono i vari archivi. Ciò avviene in modo bidirezionale, ed ha come punti di partenza indifferentemente i data base o le cartografie. Il risultato dell interrogazione, in entrambi i casi, visualizza sia i record dei data base che i relativi oggetti grafici, garantendo l ereditarietà delle informazioni tra i vari temi in funzione di ricerche di tipo spaziale.

5 CONSULTAZIONE GRAFICA. Perché un sistema informativo si possa definire corretto ed efficiente deve poter eseguire operazioni di consultazione sia semplici che complesse; a questo scopo ci si avvale di una cartografia che, deve essere obbligatoriamente di tipo vettoriale, e strutturata secondo un criterio logico. Sono stati infatti individuati tutti gli oggetti che devono comporre il sistema informativo; essi sono stati raggruppati per temi, ognuno dei quali rappresenta una singola e logica categoria di elementi. I vari temi, che compongono la banca dati grafica, hanno una sequenza logica di tipo gerarchico dove un oggetto ne contiene altri di categoria inferiore. Questo tipo di struttura consente di gestire relazioni integrate tra i vari temi cartografici attivando il riconoscendo delle varie congruenze geometriche garantendo l ereditarietà delle informazioni tra i vari temi, in funzione di ricerche di tipo spaziale. La consultazione di tipo grafico avviene per puntamento sul video di uno o più elementi grafici. Come risultato si ottiene la possibilità di eseguire la consultazione di tutte le schede alfanumeriche a cui fanno riferimento gli oggetti grafici selezionati. I puntamenti grafici avvengono nei seguenti modi: - per puntamento di un singolo oggetto alla volta, - per individuazione di tutti gli oggetti selezionati presenti all interno di una finestra eseguita per puntamento. CONSULTAZIONE ALFANUMERICA. La consultazione alfanumerica consente, attraverso l utilizzo di ricerche (query), di eseguire, su singoli data base, operazioni di filtro finalizzate all individuazione degli elementi che rispondono alle caratteristiche che sono state oggetto della interrogazione. Una applicazione può attivare questo processo di filtro nei seguenti modi: - eseguendo query su percorsi di ricerca totalmente guidati. - eseguendo query su percorsi di ricerca parzialmente liberi. Queste due soluzioni possono essere realizzate entrambe all interno della stessa procedura, dando quindi vita ad un processo di interrogazione misto dove, le consultazioni, a seconda della scelta effettuata dall operatore, vengono svolte sia in modo libero che guidato. Qualsiasi tipo d interrogazione, eseguita all interno del S.I.T. determina, un risultato che viene consolidato sia dal punto di vista alfanumerico che grafico, evidenziando con un colore convenzionale gli elementi che sono stati individuati. PERCORSI GUIDATI. Una applicazione che attiva le sue ricerche secondo percorsi predefiniti, si avvale di una banca dati grafica e alfanumerica con archivi generati con caratteristiche standardizzate. Ciò consente, in fase di programmazione, l attivazione di motori di ricerca predefiniti dove le interrogazioni sono il frutto di scelte obbligate sia in termini di elementi grafici che di caratteristiche descrittive sulle quali vengono eseguite operazioni di filtro in base alle ricerche effettuate. Tali funzioni consentono, anche ad utenti non particolarmente esperti, di eseguire operazioni di ricerca in modo rapido e sicuro. Questo metodo, totalmente garantista, nel caso sia fornito come soluzione unica, presenta parecchie controindicazioni in quanto tutto il lavoro di catalogazione dovrebbe partire dal presupposto che è totalmente normalizzato. Già allo stato attuale delle cose, i lavori fin qui eseguiti fanno vedere un panorama sufficientemente vario delle problematiche riguardanti i beni culturali e di conseguenza si può tranquillamente dichiarare che, una corretta schedulazione non può rientrare in un discorso di una totale normalizzazione degli ambienti informativi. INTERROGAZIONI PARZIALMENTE LIBERE. Questa soluzione parte dal presupposto che esiste un analisi delle strutture dei dati nella quale sono stati individuati i temi e le tabelle alfanumeriche che costituiscono il sistema informativo di base dell applicazione. Ne consegue che la procedura continua ad avere una serie di percorsi di

6 interrogazione che sono condizionati a ricerche di tipo guidato ma, al tempo stesso, è in grado di eseguire ricerche di tipo libero attivando in modo intelligente il linguaggio SQL. Strutturare un motore di ricerca parzialmente libero, ci consente di effettuare il collegamento di tabelle, che non rispondono a nessun requisito di standard, con quelle di sistema che invece rispondono ai requisiti di normalizzazione del sistema. È quindi necessario creare un prodotto applicativo strutturato per moduli, con motori di ricerca sia guidati che parzialmente liberi consentendoci di soddisfare un ampio ventaglio di esigenze che, è ragionevole pensare, coprono i diversi gradi di dettaglio dei rilievi che vengono normalmente eseguiti. GESTIONE DEI DOCUMENTI ASSOCIATI. Per ogni elemento rilevato, durante l attività di schedatura, sono state realizzate delle fotografie che consentono una corretta e reale visione degli oggetti censiti. Tali fotografie sono state scattate da diversi punti di vista e tendono a descrivere gli elementi evidenziando le caratteristiche e le particolarità più importanti. Non è stato al momento ipotizzata nessuna procedura che consenta l associazione automatica o semiautomatica delle fotografie con i relativi record del data base. Per ogni foto viene compilata una scheda alfanumerica, strutturata in campi, con indicate le principali caratteristiche; l associazione tra la foto e la relativa scheda viene eseguita, dall operatore, in modo interattivo a seguito delle informazioni indicate dal rilevatore e dal fotografo. Tutti gli oggetti contenuti all interno di temi di interesse storico ed artistico che fanno parte del sistema informativo sono stati fotografati in modo ripetuto; sono infatti disponibili una serie di foto che documentano un singolo oggetto dove ognuna ha la caratteristica di avere un diverso punto di ripresa. La procedura di consultazione deve quindi essere in grado di individuare tutte le foto che sono collegate ai singoli oggetti individuati per selezione, proponendo come visione il provino di tutte quelle individuate e solo successivamente l operatore potrà indicare le immagini da consultare in modo più dettagliato. 3 CARATTERISTICHE DELL APPLICAZIONE Mantenendo inalterati i formati e le strutture dati sopra citati si rende indispensabile, come prima operazione, l interfacciamento di ArcView con access; ciò consente di rendere immediatamente disponibile la banca dati alfanumerica al Sistema Informativo Territoriale (S.I.T.) mantenendo inalterate le relazioni che garantiscono la visibilità incrociata dei dati. Il data base di access è infatti composto da una serie di tabelle alfanumeriche suddiviso in tre parti (Site, Ensemble e Monumet). Tali tabelle sono strutturate in modo tale da garantire una serie di relazioni logiche finalizzate a garantire l ereditarietà delle informazioni comuni. La cartografia è composta da: - una serie di temi raster, che compongono la base cartografica; - una serie di temi vettoriali che individuano gli elementi che possono essere interrogati e caratterizzati. Ogni oggetto cartografico ha associata una chiave di riconoscimento che ne consente l individuazione e il relativo collegamento con la struttura tabella a cui fa riferimento. La relazione tra la tabella ed i relativi oggetti grafici viene eseguita tramite operazioni di collegamento che di volta in volta devono garantire la visibilità delle varie rappresentazioni schedografiche. È necessario, inoltre, attivare fattori di visualizzazione minimi e massimi per ognuno dei temi cartografici che fanno parte del S.I.T. al fine di garantirne sempre la corretta visibilità. Il prodotto applicativo deve consentire le seguenti operazioni: - interrogare il data base del tema selezionato ed ottenerne come risultato grafico la caratterizzazione degli elementi individuati.

7 - selezionare a video uno o più oggetti grafici ed avere come risultato l individuazione delle relative schede presenti all interno delle tabelle alfanumeriche. - cartografici facenti parte della cartografia, - eseguire query libere sulle varie schede del data base alfanumerico, Individuare uno o più oggetti cartografici, che fanno parte dello stesso tema consente, attraverso il puntamenti di una serie di bottoni personalizzati, l attivazione delle seguenti consultazioni: - cartografica, che deve essere visualizzata all interno della sua area video in modo ottimale, inserendovi tutti gli elementi che sono stati individuati in fase di selezione, - allegati intesi, come fotografie eseguite durante il rilievo, - didascalie, - schede alfanumeriche, - fonti documentarie, intese come immagine raster di qualsiasi documento storico ritrovato durante il rilievo.

Dati geografici. Lezione 2. Modelli di dati. Umberto Vesco. Corso di Elementi di ecologia applicata alla pianificazione faunistica.

Dati geografici. Lezione 2. Modelli di dati. Umberto Vesco. Corso di Elementi di ecologia applicata alla pianificazione faunistica. Dati geografici Lezione 2 Modelli di dati Umberto Vesco Corso di Elementi di ecologia applicata alla pianificazione faunistica 3 Maggio 2006 Parte I Dati geografici Definizione di dato geografico sono

Dettagli

Relazione introduttiva Febbraio 2006

Relazione introduttiva Febbraio 2006 Amministrazione Provincia di Rieti Febbraio 2006 1 Progetto Sistema Informativo Territoriale Amministrazione Provincia di Rieti Premessa L aumento della qualità e quantità dei servizi che ha caratterizzato

Dettagli

Organizzazione delle informazioni: Database

Organizzazione delle informazioni: Database Organizzazione delle informazioni: Database Laboratorio Informatico di base A.A. 2013/2014 Dipartimento di Scienze Aziendali e Giuridiche Università della Calabria Dott. Pierluigi Muoio (pierluigi.muoio@unical.it)

Dettagli

Sistemi Informativi Geografici

Sistemi Informativi Geografici Sistemi Informativi Geografici Introduzione ai dati geografici Alberto Belussi Anno accademico 2007-08 08 Sistemi Informativi Territoriali (SIT) o Geografici I Sistemi Informativi Territoriali (SIT) gestiscono

Dettagli

Basi di Dati Spaziali

Basi di Dati Spaziali degli Studi Basi di Dati Spaziali Introduzione ai Geographical Information Systems (GIS) Alessandra Chiarandini - Lezione 2 Le componenti dell Informazione Territoriale Introduzione ai GIS A. Chiarandini

Dettagli

Ufficio Regionale per il Catalogo

Ufficio Regionale per il Catalogo Ufficio Regionale per il Catalogo Argomenti I compiti degli Uffici Regionali Il Progetto di Catalogazione La Ricognizione sul terreno La documentazione fotografica Project de gestion du patrimoine culturel

Dettagli

ISTAT bt.viewer: Basi Territoriali MANUALE UTENTE. Servizio INT Sistema Informativo Geografico

ISTAT bt.viewer: Basi Territoriali MANUALE UTENTE. Servizio INT Sistema Informativo Geografico ISTAT bt.viewer: Basi Territoriali MANUALE UTENTE Servizio INT Sistema Informativo Geografico INDICE Utilizzare il bt.viewer Navigare nella mappa Confrontare foto aeree Tematismi Tematismi: applicare la

Dettagli

Il catalogo delle foto aeree della Regione Abruzzo

Il catalogo delle foto aeree della Regione Abruzzo Il catalogo delle foto aeree della Regione Abruzzo Lucia D Alessandro, Antonella Di Emidio, Paolo Genovelli Regione Abruzzo Struttura Speciale di Supporto Sistema Informativo Regionale, Via L. da Vinci,

Dettagli

Il progetto è stato realizzato da: Dott. Flavio Bonsignore Responsabile del progetto Prof. Ing. Gabriele Bitelli DISTART dell Università di Bologna

Il progetto è stato realizzato da: Dott. Flavio Bonsignore Responsabile del progetto Prof. Ing. Gabriele Bitelli DISTART dell Università di Bologna Il progetto è stato realizzato da: Dott. Flavio Bonsignore Responsabile del progetto Prof. Ing. Gabriele Bitelli DISTART dell Università di Bologna Ing. Marco Gatti Facoltà di Ingegneria dell Università

Dettagli

Ufficio Centrale per il Catalogo

Ufficio Centrale per il Catalogo Ufficio Centrale per il Catalogo Argomenti La metodologia generale La formazione degli operatori Il posizionamento Il rilievo fotografico L implementazione del SIT Project de gestion du patrimoine culturel

Dettagli

Osservatorio economico regionale dell artigianato. Mini guida all uso della strumentazione informatica disponibile on-line

Osservatorio economico regionale dell artigianato. Mini guida all uso della strumentazione informatica disponibile on-line Osservatorio economico regionale dell artigianato Mini guida all uso della strumentazione informatica disponibile on-line Il contesto e gli strumenti Al fine di promuove attività analitiche, mediante il

Dettagli

Il Trattamento della Toponomastica della Cartografia Digitale. Claudio Rocchini Istituto Geografico Militare ad2prod@geomil.esercito.difesa.

Il Trattamento della Toponomastica della Cartografia Digitale. Claudio Rocchini Istituto Geografico Militare ad2prod@geomil.esercito.difesa. Il Trattamento della Toponomastica della Cartografia Digitale Claudio Rocchini Istituto Geografico Militare ad2prod@geomil.esercito.difesa.it Introduzione I toponimi condividono, con i confini, la caratteristica

Dettagli

CORSO GIS BASE PROFESSIONE ARCHITETTO

CORSO GIS BASE PROFESSIONE ARCHITETTO CORSO GIS BASE La Fondazione Centro Studi e Ricerche Professione Architetto organizza un Corso di GIS livello base, della durata di 36 ore. G.I.S. (Geographic Information System) è un sistema informativo

Dettagli

Elementi di cartografia: La lettura del territorio. Robbio, 9 Febbraio 2013 Tiziano Cattaneo Legambiente Lombardia

Elementi di cartografia: La lettura del territorio. Robbio, 9 Febbraio 2013 Tiziano Cattaneo Legambiente Lombardia Elementi di cartografia: La lettura del territorio Robbio, 9 Febbraio 2013 Tiziano Cattaneo Legambiente Lombardia Cenni storici Tavoletta di Nippur, 1500 A.C. Cenni storici Carta di Anassimandro, 550 A.C.

Dettagli

ORDINE REGIONALE GEOLOGI SARDEGNA PROGRAMMA

ORDINE REGIONALE GEOLOGI SARDEGNA PROGRAMMA ORDINE REGIONALE GEOLOGI SARDEGNA PROGRAMMA CORSO E-LEARNING dal titolo GEOGIS Il GIS per i Geologi A.) CORSO E-LEARNING dal titolo GEOGIS Il GIS per i Geologi Il Corso GEOGIS, utilizza la piattaforma

Dettagli

Sistemi Informativi Territoriali. Vari tipi di immagini

Sistemi Informativi Territoriali. Vari tipi di immagini Paolo Mogorovich Sistemi Informativi Territoriali Appunti dalle lezioni Vari tipi di immagini Cod.303 - Vers.E41 1 Introduzione 2 Immagine fisica 3 Immagine classificata 4 Immagine cartografica 5 Immagine

Dettagli

Prima Lezione: Costruire una mappa

Prima Lezione: Costruire una mappa Prima Lezione: Costruire una mappa I tipi di informazione geografica disponibili Navigazione nella mappa Coordinate e scala Vista panoramica Introduzione ai GIS GIS significa Sistema Informativo Geografico

Dettagli

Sistema Web-Gis per la segnalazione dei fenomeni di dissesto idrogeologico

Sistema Web-Gis per la segnalazione dei fenomeni di dissesto idrogeologico Sistema Web-Gis per la segnalazione dei fenomeni di dissesto idrogeologico Il progetto si pone l obiettivo di rilanciare la manutenzione diffusa del territorio montano attraverso l analisi delle basi informatiche

Dettagli

Paolo Dilda Dipartimento di Architettura e Pianificazione Laboratorio Analisi Dati e Cartografia

Paolo Dilda Dipartimento di Architettura e Pianificazione Laboratorio Analisi Dati e Cartografia Informazioni geografiche per il governo del territorio. L uso di software open source per la gestione della cartografia comunale: l esperienza dei comuni della Provincia di Lecco Dipartimento di Architettura

Dettagli

23 ore 10,00 11, 00 Webcast online Creazione e modifica di entità geografiche

23 ore 10,00 11, 00 Webcast online Creazione e modifica di entità geografiche OGGETTO: Proposta di iniziative per APC (Art. 4 del Regolamento APC) Sida Informatica & Blumatica Autodesk Authorized Value Added Reseller, Società Leader nel campo dei Sistemi Informativi Territoriali,

Dettagli

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. Use of the GIS Software. Syllabus

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. Use of the GIS Software. Syllabus EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE Use of the GIS Software Syllabus Scopo Questo documento presenta il syllabus di ECDL GIS Modulo 3 Uso di un software GIS. Il syllabus descrive, attraverso i risultati

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER I RILEVAMENTI TERRITORIALI INFORMATIZZATI

TECNICO SUPERIORE PER I RILEVAMENTI TERRITORIALI INFORMATIZZATI ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE EDILIZIA TECNICO SUPERIORE PER I RILEVAMENTI TERRITORIALI INFORMATIZZATI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER I

Dettagli

Introduzione ad ArcView

Introduzione ad ArcView Introduzione ad ArcView A. Albertella F. Migliaccio Politecnico di Milano - Campus Leonardo Piazza Leonardo da Vinci 32, Milano alberta@geo.polimi.it federica@geo.polimi.it 18-21 febbraio 2002 Introduzione

Dettagli

Come si assegnano le coordinate?

Come si assegnano le coordinate? Come si assegnano le coordinate? Ma come vengono assegnate le coordinate ad una mappa?. Mappa di nuova produzione definisco all inizio il sistema di coordinate. Mappa già esistente ma non riferita ad sistema

Dettagli

Sistema Informativo Geografico:

Sistema Informativo Geografico: Sistemi Informativi Geografici Sistema Informativo Geografico: È un sistema informativo che tratta informazioni spaziali georeferenziate, ne consente la gestione e l'analisi. Informazioni spaziali: dati

Dettagli

L UTILIZZO DEI GIS PER IL MONITORAGGIO AMBIENTALE Bacino idrografico del fiume Basento (Basilicata)

L UTILIZZO DEI GIS PER IL MONITORAGGIO AMBIENTALE Bacino idrografico del fiume Basento (Basilicata) L UTILIZZO DEI GIS PER IL MONITORAGGIO AMBIENTALE Bacino idrografico del fiume Basento (Basilicata) PREMESSA Il SIstema di MOnitoraggio Ambientale (SIMOA) del bacino idrografico del fiume Basento (attività

Dettagli

Il GIS come strumento di valorizzazione turistica

Il GIS come strumento di valorizzazione turistica Il GIS come strumento di valorizzazione turistica Premessa I Sistemi Informativi Territoriali (GIS) nel corso degli ultimi anni sono entrati a far parte della realtà della gestione del territorio rivoluzionando

Dettagli

CAPITOLO 6 IL SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE DELL AUTORITÀ DI BACINO DELLA BASILICATA

CAPITOLO 6 IL SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE DELL AUTORITÀ DI BACINO DELLA BASILICATA CAPITOLO 6 IL SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE DELL AUTORITÀ DI BACINO DELLA BASILICATA 189 IL SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE DELL AUTORITÀ DI BACINO DELLA BASILICATA 6.1 Premessa Il Sistema Informativo

Dettagli

OT-online. online: Soluzione Web per la Georeferenziazione dei Soggetti Ambientali PROVINCIA DI VERCELLI. Oriana Benazzi

OT-online. online: Soluzione Web per la Georeferenziazione dei Soggetti Ambientali PROVINCIA DI VERCELLI. Oriana Benazzi OT-online online: Soluzione Web per la Georeferenziazione dei Soggetti Ambientali Oriana Benazzi Settore Tutela Ambientale COS E OT-online Soluzione software per la consultazione e la georeferenziazione

Dettagli

Basi di Dati Spaziali

Basi di Dati Spaziali degli Studi Basi di Dati Spaziali Introduzione ai Geographical Information Systems (GIS) Alessandra Chiarandini - Lezione 4 Cartografia Italiana Introduzione ai GIS A. Chiarandini 22 La Cartografia IGM

Dettagli

2 - Stesura della Proposta di Aggiornamento partendo da un rilievo misto GPS.

2 - Stesura della Proposta di Aggiornamento partendo da un rilievo misto GPS. 2 - Stesura della Proposta di Aggiornamento partendo da un rilievo misto GPS. In questo esempio vengono illustrati tutti i passaggi per importare un rilievo misto tacheometrico e GPS in PFCAD CATASTO e

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DEI DATI GEOGRAFICI CON IL SOFTWARE QUANTUM GIS

MANUALE DI GESTIONE DEI DATI GEOGRAFICI CON IL SOFTWARE QUANTUM GIS MANUALE DI GESTIONE DEI DATI GEOGRAFICI CON IL SOFTWARE QUANTUM GIS Compilato: Andrea De Felici Rivisto: Approvato: Versione: 1.0 Distribuito: 01/08/2013 1 INDICE 1. INTRODUZIONE..3 2. PRIMI PASSI.....4

Dettagli

Relazione sull attività svolta per il settore di documentazione nell ambito del progetto Is.I.A.O. nel Kurdistan Iracheno Novembre Dicembre 2007.

Relazione sull attività svolta per il settore di documentazione nell ambito del progetto Is.I.A.O. nel Kurdistan Iracheno Novembre Dicembre 2007. Relazione sull attività svolta per il settore di documentazione nell ambito del progetto Is.I.A.O. nel Kurdistan Iracheno Novembre Dicembre 2007. La convenzione stipulata tra la Soprintendenza per i Beni

Dettagli

Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci

Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio A.A. 2012-2013 Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Architettura e funzionalità di una piattaforma GIS. Parte seconda:

Dettagli

Introduzione a Quantum GIS (QGIS) - passaggio dal software ArcView 3.x a software GIS OpenSource

Introduzione a Quantum GIS (QGIS) - passaggio dal software ArcView 3.x a software GIS OpenSource Introduzione a Quantum GIS (QGIS) - passaggio dal software ArcView 3.x a software GIS OpenSource Esercitazioni Forestello Luca - Niccoli Tommaso - Sistema Informativo Ambientale AT01 http://webgis.arpa.piemonte.it

Dettagli

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Evoluzione del CST

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Evoluzione del CST CST Area di Taranto Assemblea dei Sindaci 19.09.2008 Evoluzione del CST 1. Introduzione Il prossimo 30 settembre 2008 termina il progetto di esercizio sperimentale dei servizi e, quindi, il Centro Servizi

Dettagli

Cultura Tecnologica di Progetto

Cultura Tecnologica di Progetto Cultura Tecnologica di Progetto Politecnico di Milano Facoltà di Disegno Industriale - DATABASE - A.A. 2003-2004 2004 DataBase DB e DataBase Management System DBMS - I database sono archivi che costituiscono

Dettagli

Dal disegno alla topologia

Dal disegno alla topologia Dal disegno alla topologia Claudio Rocchini Istituto Geografico Militare Introduzione La maggior parte dei dati cartografici prodotti è ancora in forma di cartografia numerica e non basi di dati. La produzione

Dettagli

DocManager. Prodotto software di Content Management per la gestione di manuali tecnici in ottemperanza alle norme unificate in materia

DocManager. Prodotto software di Content Management per la gestione di manuali tecnici in ottemperanza alle norme unificate in materia Prodotto software di Content Management per la gestione di manuali tecnici in ottemperanza alle norme unificate in materia Indice... 2 Prodotto software di Content Management per la gestione di manualistica

Dettagli

Sistemi informativi e Governo Integrato del territorio. DB topografico multiscala Arch. Chiara Dell Orto

Sistemi informativi e Governo Integrato del territorio. DB topografico multiscala Arch. Chiara Dell Orto Sistemi informativi e Governo Integrato del territorio DB topografico multiscala a Arch. Chiara Dell Orto Sistema Informativo Territoriale Definizione del S.i.t Il Db topografico multiscala Procedure di

Dettagli

La base di dati (database)

La base di dati (database) La base di dati (database) La costruzione, analisi e interrogazione delle basi di dati Il Database e la sua organizzazione Un DATABASE è una raccolta strutturata di dati Database relazionali Organizzazione

Dettagli

pfcad CATASTO pfcad Compatibile con PREGEO 10.60 La scheda descrive i principali comandi e funzioni TOPOGRAFICHE

pfcad CATASTO pfcad Compatibile con PREGEO 10.60 La scheda descrive i principali comandi e funzioni TOPOGRAFICHE pfcad CATASTO Il software pfcad CATASTO permette la gestione professionale di Elaborati Grafici per la produzione, l aggiornamento e la presentazione della Cartografia presso le Agenzie del Territorio.

Dettagli

GUIDA AL MODELLO GIS DEL CISA

GUIDA AL MODELLO GIS DEL CISA GUIDA AL MODELLO GIS DEL CISA Il presente rapporto è contenuto in formato elettronico nel Cd-rom allegato, insieme ai tematismi elaborati per la ricerca, che rappresentano la distribuzione spaziale dei

Dettagli

PROGETTO DI RIORDINO DELL ARCHIVIO CORRENTE E DI MIGLIORAMENTO DELLA GESTIONE INFORMATICA DEI FLUSSI DOCUMENTALI.

PROGETTO DI RIORDINO DELL ARCHIVIO CORRENTE E DI MIGLIORAMENTO DELLA GESTIONE INFORMATICA DEI FLUSSI DOCUMENTALI. Comune di Lavagna Provincia di Genova Unità Autonoma Ufficio Relazioni con il Pubblico Servizi Demografici PROGETTO DI RIORDINO DELL ARCHIVIO CORRENTE E DI MIGLIORAMENTO DELLA GESTIONE INFORMATICA DEI

Dettagli

Gestione del Territorio

Gestione del Territorio Il Sistema Informativo Territoriale Halley (SITH) Consultazione immediata delle informazioni collegate ai residenti, ai tributi pagati (Tares, Imu, ecc.), alle pratiche edilizie rilasciate e alle attività

Dettagli

PROGRAMMAZIONE MODULARE DI INFORMATICA CLASSE QUINTA - INDIRIZZO MERCURIO SEZIONE TECNICO

PROGRAMMAZIONE MODULARE DI INFORMATICA CLASSE QUINTA - INDIRIZZO MERCURIO SEZIONE TECNICO PROGRAMMAZIONE MODULARE DI INFORMATICA CLASSE QUINTA - INDIRIZZO MERCURIO SEZIONE TECNICO Modulo 1: IL LINGUAGGIO HTML Formato degli oggetti utilizzati nel Web Elementi del linguaggio HTML: tag, e attributi

Dettagli

BUSINESS FILE OGNI DOCUMENTO AL SUO POSTO

BUSINESS FILE OGNI DOCUMENTO AL SUO POSTO BUSINESS FILE OGNI DOCUMENTO AL SUO POSTO Un'azienda moderna necessita di strumenti informatici efficienti ed efficaci, in grado di fornire architetture informative sempre più complete che consentano da

Dettagli

Realizzazione e controllo di qualità in corso d'opera del Database Topografico della Provincia di Milano. Ing. Daniele Passoni

Realizzazione e controllo di qualità in corso d'opera del Database Topografico della Provincia di Milano. Ing. Daniele Passoni Realizzazione e controllo di qualità in corso d'opera del Database Topografico della Provincia di Milano Prof.Livio Pinto Ing. Daniele Passoni Milano, 28.1.2010 INTRODUZIONE (1/2) Un DataBase Topografico

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI TERRITORIALI E GOVERNO INTEGRATO DEL TERRITORIO: INTRODUZIONE ALLE BASI DATI GEOGRAFICHE

SISTEMI INFORMATIVI TERRITORIALI E GOVERNO INTEGRATO DEL TERRITORIO: INTRODUZIONE ALLE BASI DATI GEOGRAFICHE SISTEMI INFORMATIVI TERRITORIALI E GOVERNO INTEGRATO DEL TERRITORIO: INTRODUZIONE ALLE BASI DATI GEOGRAFICHE Rev. 0 03/06/2014 Arch. Chiara Dell Orto IL SIT NON È UNA TRADIZIONALE CARTOGRAFIA DISPONIBILITÀ

Dettagli

Città di Desenzano del Garda CARTOGRAFIA ON LINE MANUALE D USO

Città di Desenzano del Garda CARTOGRAFIA ON LINE MANUALE D USO Città di Desenzano del Garda CARTOGRAFIA ON LINE MANUALE D USO Introduzione Dall indirizzo internet http://cartoglobo.imteam.it/desenzano/ si accede liberamente ad un servizio di consultazione on line

Dettagli

Geoemdia. Indice dei Concetti di Base. Claudio Rocchini rockini@tele2.it 2007-2008. Istituto Geografico Militare

Geoemdia. Indice dei Concetti di Base. Claudio Rocchini rockini@tele2.it 2007-2008. Istituto Geografico Militare dei Concetti di Base rockini@tele2.it Istituto Geografico Militare 2007-2008 Sommario Elenchiamo, a mo di glossario, i concetti principali di Geomedia. Questi concetti sono spesso riferiti in inglese e

Dettagli

1. LE FASI DELLA GESTIONE DEI DOCUMENTI

1. LE FASI DELLA GESTIONE DEI DOCUMENTI Testo estratto da STEANO PIGLIAPOCO, La gestione informatica dei documenti: aspetti archivistici e organizzativi, in OMENICO PIAZZA (a cura di), Il protocollo informatico per la pubblica amministrazione,

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI GEOGRAFICI E PIANIFICAZIONE TERRITORIALE

SISTEMI INFORMATIVI GEOGRAFICI E PIANIFICAZIONE TERRITORIALE PRESENTA: SISTEMI INFORMATIVI GEOGRAFICI E PIANIFICAZIONE TERRITORIALE II EDIZIONE ANNO 2012 Con il patrocinio di Presso la sala conferenze Hotel Dragonara, Via Pietro Nenni 280, 66020 San Giovanni Teatino

Dettagli

Software AutoCAD Map 3D - Lezione 1 Caricare, visualizzare e consultare dati vettoriali

Software AutoCAD Map 3D - Lezione 1 Caricare, visualizzare e consultare dati vettoriali Software AutoCAD Map 3D - Lezione 1 Caricare, visualizzare e consultare dati vettoriali 0) Premessa Come abbiamo accennato nella Lezione 0, AutoCAD Map 3D nasce sulla base del noto software AutoCAD, per

Dettagli

TEORIA sulle BASI DI DATI

TEORIA sulle BASI DI DATI TEORIA sulle BASI DI DATI A cura del Prof. Enea Ferri Cos è un DATA BASE E un insieme di archivi legati tra loro da relazioni. Vengono memorizzati su memorie di massa come un unico insieme, e possono essere

Dettagli

Comune di Empoli. Settore III Politiche Territoriale. Servizio Urbanistica

Comune di Empoli. Settore III Politiche Territoriale. Servizio Urbanistica Comune di Empoli Settore III Politiche Territoriale Servizio Urbanistica VARIANTE PARZIALE DI MINIMA ENTITÀ AL VIGENTE REGOLAMENTO URBANISTICO RU PER L INFORMATIZZAZIONE DELLA STESSO CON TECNOLOGIA GIS,

Dettagli

Verifiche di qualità del Data Base Topografico. Daniele Passoni

Verifiche di qualità del Data Base Topografico. Daniele Passoni Verifiche di qualità del Data Base Topografico Prof. Livio Pinto Ing. Daniele Passoni Monza, 8.3.2010 INTRODUZIONE (1/2) Un DataBase Topografico (DBT) è un archivio integrato contenente dati cartografici

Dettagli

www.epsilon-italia.ititalia.it

www.epsilon-italia.ititalia.it Provincia di Cosenza Settore Programmazione e Gestione Territoriale SIPITEC2 - Sistema Informativo Territoriale per la Gestione del P.T.C.P. www.epsilon-italia.ititalia.it MACRO ARGOMENTI Che cos è un

Dettagli

WebGis Comune di Novara

WebGis Comune di Novara 1 / 12 Progetto GeoCivit@s 2 / 12 Premesse Con il presente documento si descrive sinteticamente la nuova applicazione personalizzata per la pubblicazione dei dati geografici. Tale documento contiene una

Dettagli

Gli autori: Gabriele Congiu e Giovanni Perego...XI. Obiettivi del libro...xi. Struttura del libro...xii. Convenzioni di stile...

Gli autori: Gabriele Congiu e Giovanni Perego...XI. Obiettivi del libro...xi. Struttura del libro...xii. Convenzioni di stile... - Sommario - SOMMARIO PRIMA PARTE - INTRODUZIONE Introduzione...IX Gli autori: Gabriele Congiu e Giovanni Perego...XI Obiettivi del libro...xi Struttura del libro...xii Convenzioni di stile...xii Breve

Dettagli

Le strumentazioni laser scanning oriented per i processi di censimento anagrafico dei patrimoni

Le strumentazioni laser scanning oriented per i processi di censimento anagrafico dei patrimoni CONVEGNO FACILITY MANAGEMENT: LA GESTIONE INTEGRATA DEI PATRIMONI PUBBLICI GENOVA FACOLTA DI ARCHITETTURA 06.07.2010 Le strumentazioni laser scanning oriented per i processi di censimento anagrafico dei

Dettagli

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA GEOGRAFIA - TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE si orienta nello spazio conosciuto colloca elementi dell ambiente conosciuto secondo criteri spaziali si orienta nello spazio

Dettagli

DATABASE RELAZIONALI

DATABASE RELAZIONALI 1 di 54 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II DIPARTIMENTO DI DISCIPLINE STORICHE ETTORE LEPORE DATABASE RELAZIONALI Dott. Simone Sammartino Istituto per l Ambiente l Marino Costiero I.A.M.C. C.N.R.

Dettagli

Sistema di Gestione DBTR Manuale Utente

Sistema di Gestione DBTR Manuale Utente Sistema di Gestione DBTR Manuale Utente Progetto DB Topografico Versione 1.5 Data 29/05/2014 Sistema Gestione - manuale utente_1_5.doc 1 / 40 Indice generale 1. DESCRIZIONE DEL DOCUMENTO... 3 1.1 OBIETTIVI

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI GEOGRAFICI E PIANIFICAZIONE TERRITORIALE

SISTEMI INFORMATIVI GEOGRAFICI E PIANIFICAZIONE TERRITORIALE PRESENTA: SISTEMI INFORMATIVI GEOGRAFICI E PIANIFICAZIONE TERRITORIALE Con il patrocinio di PROGRAMMA DEL CORSO (50 ORE) LEZIONE 1 Sabato 19 novembre 2011 Ore 8:30-10:30 - presentazione del corso - Introduzione

Dettagli

Base Dati Introduzione

Base Dati Introduzione Università di Cassino Facoltà di Ingegneria Modulo di Alfabetizzazione Informatica Base Dati Introduzione Si ringrazia l ing. Francesco Colace dell Università di Salerno Gli archivi costituiscono una memoria

Dettagli

Fornitura di data base topografici dei centri urbani e aree abitate della Sardegna, alla scala 1:2.000 e 1:1.000

Fornitura di data base topografici dei centri urbani e aree abitate della Sardegna, alla scala 1:2.000 e 1:1.000 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA DIREZIONE GENERALE DELLA PIANIFICAZIONE URBANISTICA TERRITORIALE E DELLA VIGILANZA EDILIZIA SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO

Dettagli

INFORMATICA. Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE.

INFORMATICA. Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE. INFORMATICA Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE. APPLICAZIONI WEB L architettura di riferimento è quella ampiamente diffusa ed

Dettagli

INFORMATICA PER LE APPLICAZIONI ECONOMICHE PROF.SSA BICE CAVALLO

INFORMATICA PER LE APPLICAZIONI ECONOMICHE PROF.SSA BICE CAVALLO Basi di dati: Microsoft Access INFORMATICA PER LE APPLICAZIONI ECONOMICHE PROF.SSA BICE CAVALLO Database e DBMS Il termine database (banca dati, base di dati) indica un archivio, strutturato in modo tale

Dettagli

Il nuovo Sistema Informativo Territoriale del Comune di Castelfiorentino

Il nuovo Sistema Informativo Territoriale del Comune di Castelfiorentino Il nuovo Sistema Informativo Territoriale del Comune di Castelfiorentino Il Sistema Informativo Territoriale (SIT) del Comune di Castelfiorentino è il punto d'accesso per i servizi e alle informazioni

Dettagli

I Database con ACCESS. Prof. Michele SIMONE

I Database con ACCESS. Prof. Michele SIMONE I Database con ACCESS Archivi tradizionali Database Definizione di ARCHIVIO Un archivio è un insieme organizzato di informazioni tra cui esiste un nesso logico, cioè una raccolta di dati correlati tra

Dettagli

Mappe catastali originali di Impianto Raster. Presentazione e introduzione al loro corretto utilizzo

Mappe catastali originali di Impianto Raster. Presentazione e introduzione al loro corretto utilizzo Mappe catastali originali di Impianto Raster Presentazione e introduzione al loro corretto utilizzo Hotel Express by HOLIDAY INN Via Savigliano, 116 - Località Casello di Marene Cherasco, 09/06/2010 Geom.

Dettagli

GESTIONE della BASE di DATI

GESTIONE della BASE di DATI GESTIONE della SE di DTI I dati sono una componente fondamentale di un GIS Devono essere valutati con attenzione gli strumenti usati per: creare l archivio dei dati manipolare le informazioni contenute

Dettagli

disponibili nel pacchetto software.

disponibili nel pacchetto software. Modulo syllabus 4 00 000 00 0 000 000 0 Modulo syllabus 4 DATABASE 00 000 00 0 000 000 0 Richiede che il candidato dimostri di possedere la conoscenza relativa ad alcuni concetti fondamentali sui database

Dettagli

MArine Coastal Information SysTEm

MArine Coastal Information SysTEm GUIDA ALL UTILIZZO DELL INTERFACCIA CARTOGRAFICA Il MArine Coastal Information SysTEm è un sistema informativo integrato che permette di gestire dati ambientali interdisciplinari (fisici, chimici e biologici)

Dettagli

Indicatori di occorrenza Indica la presenza facoltativa (0-1) dell'elemento

Indicatori di occorrenza Indica la presenza facoltativa (0-1) dell'elemento Nelle righe che seguono si cercherà di dar conto delle scelte operate nella definizione del modello attraverso una descrizione puntuale delle unità informative (elementi della DTD) in cui è stata segmentata

Dettagli

Territoriali. prof. ing. Nicola Crocetto

Territoriali. prof. ing. Nicola Crocetto Seconda Università degli Studi di Napoli Facoltà di Ingegneria Corso di Telerilevamento e Sistemi Informativi Territoriali prof. ing. Nicola Crocetto dott. ing. Giuseppe Domenico Santagata GIS Un GIS (Geographic

Dettagli

Politecnico di Milano, Diap, Laboratorio Analisi Dati e Cartografia

Politecnico di Milano, Diap, Laboratorio Analisi Dati e Cartografia Politecnico di Milano, Diap, Informazioni geografiche per il governo del territorio. L uso di software open source per la gestione della cartografia comunale: l esperienza dei comuni della Provincia di

Dettagli

I principali formati digitali di codifica dell informazione geografica

I principali formati digitali di codifica dell informazione geografica I principali formati digitali di codifica dell informazione geografica I formati digitali di registrazione dell informazione geografica L informazione geografica digitale può essere archiviata secondo

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO PAG. 1 J O B T I M E W F. Variazioni mensili al cartellino presenze. Versione 6.1. JOBTIME Work Flow

SCHEDA PRODOTTO PAG. 1 J O B T I M E W F. Variazioni mensili al cartellino presenze. Versione 6.1. JOBTIME Work Flow SCHEDA PRODOTTO PAG. 1 J O B T I M E W F Variazioni mensili al cartellino presenze Versione 6.1 SCHEDA PRODOTTO PAG. 2 INTRODUZIONE Il mercato degli applicativi informatici si sta consolidando sempre più

Dettagli

Sistema Informativo Territoriale Edilizio

Sistema Informativo Territoriale Edilizio Sistema Informativo Territoriale Edilizio SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA Sistema Integrato Territoriale Edilizio Sportello unico per l edilizia - Ufficio tecnico La problematica riguardante la normativa

Dettagli

NOME PROGETTO. DWH Map Creator DOCUMENTO EMESSO DA: DATA Fabio Calcopietro 14/11/2007 NOME HW SW MANAGER/

NOME PROGETTO. DWH Map Creator DOCUMENTO EMESSO DA: DATA Fabio Calcopietro 14/11/2007 NOME HW SW MANAGER/ ALLEGATO TECNICO NOME PROGETTO DWH Map Creator DOCUMENTO EMESSO DA: HW SW MANAGER/ NOME DATA Fabio Calcopietro 14/11/2007 Codice documento 00.0000.000.OFF.00 Pagina 1 di 7 MW.OFF.SRV rev 00 del 02/05/2007

Dettagli

ArcSewer per ArcGIS ARCSEWER LA GESTIONE DI RETI FOGNARIE IN AMBIENTE ARCGIS

ArcSewer per ArcGIS ARCSEWER LA GESTIONE DI RETI FOGNARIE IN AMBIENTE ARCGIS ARCSEWER LA GESTIONE DI RETI FOGNARIE IN AMBIENTE ARCGIS I sistemi GIS sono ormai strumenti indispensabili per gestire correttamente una rete fognaria. A tal fine ogni componente del sistema deve essere

Dettagli

HOME. Servizio Download Dati Geografici. Interfaccia utente

HOME. Servizio Download Dati Geografici. Interfaccia utente HOME Servizio Download Dati Geografici Il servizio download offre all'utente la possibilità di scaricare il dato sia in formato raster sia in formato vettoriale. Per ogni livello informativo che si desidera

Dettagli

Macro Fase 1 - Personale adibito ad attività di consulenza, tutoraggio, ricerca ecc.

Macro Fase 1 - Personale adibito ad attività di consulenza, tutoraggio, ricerca ecc. Macro Fase 1 - Personale adibito ad attività di consulenza, tutoraggio, ricerca ecc. Risultati attesi 1 / Deliverables 2 Fase 1 - Infrastrutture di base La fase 1 prevede lo svolgimento delle seguenti

Dettagli

Descrizione delle funzioni COSA È COME SI CONSULTA

Descrizione delle funzioni COSA È COME SI CONSULTA Descrizione delle funzioni Trasparenza e Servizi nella Pubblica Amministrazione IL PORTALE CARTOGRAFICO COMUNALE IN INTERNET Un servizio di per i Comuni COSA È È un portale ideato per consentire a tutti

Dettagli

GLOSSARIO/DEFINIZIONI

GLOSSARIO/DEFINIZIONI ALLEGATO 1 GLOSSARIO/DEFINIZIONI 11 Indice 1 2 INTRODUZIONE... DEFINIZIONI... 12 1 INTRODUZIONE Di seguito si riporta il glossario dei termini contenuti nelle regole tecniche di cui all articolo 71 del

Dettagli

A.G.C. 06 RICERCA SCIENTIFICA, STATISTICA, SISTEMI INFORMATIVI ED INFORMATICA. Azione 2

A.G.C. 06 RICERCA SCIENTIFICA, STATISTICA, SISTEMI INFORMATIVI ED INFORMATICA. Azione 2 Azione 2 REALIZZAZIONE DI SERVIZI DI CONSULTAZIONE ON LINE DELLE COPERTURE AEROFOTOGRAMMETRICHE REGIONALI e VIDEOCONSULTAZIONE IN STEREOSCOPIA CAPITOLATO TECNICO 1 PREMESSE La Regione Campania nell ambito

Dettagli

SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE REGIONALE

SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE REGIONALE ASSESSORATO ENTI LOCALI FINANZE ED URBANISTICA Direzione generale della pianificazione territoriale urbanistica e della vigilanza edilizia S E T T O R E SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE REGIONALE

Dettagli

GEOGRAFIA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

GEOGRAFIA SECONDARIA DI PRIMO GRADO GEOGRAFIA PRIMARIA GEOGRAFIA L ALUNNO SI ORIENTA NELLO SPAZIO CIRCOSTANTE E SULLE CARTE GEOGRAFICHE, UTILIZZANDO RIFERIMENTI TOPOLOGICI E PUNTI CARDINALI. UTILIZZA IL LINGUAGGIO DELLA GEO-GRAFICITÀ PER

Dettagli

Manuale Utente Vincoli In Rete

Manuale Utente Vincoli In Rete Ministero per i Beni e le Attività Culturali Istituto Superiore per la Conservazione ed il Restauro Manuale Utente Vincoli In Rete Sommario 1 Scopo... 3 2 Introduzione... 3 3 Funzionalità Utente... 3 3.1

Dettagli

Via Sant Efisio, 73 09124 - Cagliari. www.sjmtech3d.com info@sjmtech3d.com 392.09.32.197 347.72.58.984

Via Sant Efisio, 73 09124 - Cagliari. www.sjmtech3d.com info@sjmtech3d.com 392.09.32.197 347.72.58.984 Via Sant Efisio, 73 09124 - Cagliari www.sjmtech3d.com info@sjmtech3d.com 392.09.32.197 347.72.58.984 STRUMENTI PER LA VISUALIZZAZIONE E LA PIANIFICAZIONE DEGLI INTERVENTI DI RECUPERO E GESTIONE DEI CENTRI

Dettagli

Progetto Biblioteche Ecclesiastiche. Lo strumento

Progetto Biblioteche Ecclesiastiche. Lo strumento Progetto Biblioteche Ecclesiastiche Lo strumento CEI-Bib È un applicativo pensato per gestire sia le pratiche di catalogazione in colloquio diretto con l Indice2 di SBN, che l erogazione di servizi, come

Dettagli

DocManager. Prodotto software di Content Management per la gestione di manuali tecnici in ottemperanza alle norme unificate in materia

DocManager. Prodotto software di Content Management per la gestione di manuali tecnici in ottemperanza alle norme unificate in materia Prodotto software di Content Management per la gestione di manuali tecnici in ottemperanza alle norme unificate in materia Indice... 2 Prodotto software di Content Management per la gestione di manualistica

Dettagli

ARCHITETTURA. Rubrica Infografica

ARCHITETTURA. Rubrica Infografica RICOSTRUZIONE/Empler 26-07-2007 13:06 Pagina 47 PROGETTARE ARCHITETTURA Tommaso Empler* Rubrica Infografica Ricostruzione infografica di una situazione ambientale urbana Dopo aver illustrato le procedure

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Patrimonio artistico e culturale (D)- cura e conservazione biblioteche (01)

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Patrimonio artistico e culturale (D)- cura e conservazione biblioteche (01) TITOLO DEL PROGETTO: Storiche biblioteche crescono ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETT e Area di Intervento: Patrimonio artistico e culturale (D)- cura e conservazione biblioteche (01) OBIETTIVI DEL

Dettagli

tratta dati dotati di una forma geometrica, per cui ha senso parlare di forma e posizione

tratta dati dotati di una forma geometrica, per cui ha senso parlare di forma e posizione Sistemi informativi e GIS Sistema Informativo: insieme di strumenti per raccogliere, immagazzinare, elaborare, ricercare e presentare informazioni relative ad un determinato ambito applicativo (contabilità,

Dettagli

Tracciamento di fabbricati

Tracciamento di fabbricati Standard di qualità ai fini della qualificazione professionale della categoria dei geometri Specifica T10 Geomatica e attività catastali Tracciamento di fabbricati Sommario Il presente documento specifica

Dettagli

Macchine per l elaborazione dell informazion e. Sistemi di Elaborazione delle Informazioni. Informatica II

Macchine per l elaborazione dell informazion e. Sistemi di Elaborazione delle Informazioni. Informatica II Macchine per l elaborazione dell informazion e Sistemi di Elaborazione delle Informazioni Informatica II Ing. Mauro Iacono Seconda Università degli Studi di Napoli Facoltà di Studi Politici e per l Alta

Dettagli

VETTOR DAL BITMAP AL VETTORIALE. Paolo Mantini TEORIA E PRATICA DELLA CONVERSIONE DELLE IMMAGINI DA RASTER A VETTORIALI

VETTOR DAL BITMAP AL VETTORIALE. Paolo Mantini TEORIA E PRATICA DELLA CONVERSIONE DELLE IMMAGINI DA RASTER A VETTORIALI Paolo Mantini VETTOR DAL BITMAP AL VETTORIALE TEORIA E PRATICA DELLA CONVERSIONE DELLE IMMAGINI DA RASTER A VETTORIALI Introduzione Ritengo utile cominciare questo CD-Book definendo cosa significa vettorizzare

Dettagli