Varsavia (1,6 mln di abitanti)

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Varsavia (1,6 mln di abitanti)"

Transcript

1 TERRITORIO POPOLAZIONE E DENSITA CAPITALE LINGUA MONETA E TASSO DI CAMBIO FORMA ISTITUZIONALE ASSETTO TERRITORIALE kmq / 123,5 ab/kmq Varsavia (1,6 mln di abitanti) Polacco Zloty (PLN) PLN/EUR (gen ) 4,763 REPUBBLICA PARLAMENTARE 16 Voivodati (Regioni) 308 distretti e 65 cittàdistretto 1

2 Quadro economico generale del Paese La Polonia è un Paese in crescita con una economia vitale e ricca di opportunità, grandi risorse naturali, una popolazione giovane e istruita e un sistema giuridico che persegue con successo l evoluzione verso un impianto economico moderno, in linea con i partner dell Unione Europea. Nel primo decennio dal passaggio dall economia di Stato a quella di mercato il ritmo di sviluppo è stato il più alto dell area, con un livello medio annuo di crescita del PIL del 4.6% e un tasso di incremento della produzione industriale del 4.2%: dati significativi anche a livello globale, se si considera che la media mondiale di questi indici per il periodo considerato, calcolata dalla Banca Mondiale, era rispettivamente del 2.7% e del 1.5%. Negli ultimi tre anni la crescita economica ha conosciuto una flessione: nel 2001, contro previsioni ottimistiche di crescita del PIL al 4.5%, si è giunti a fine anno con un valore su base annuale pari a l 1%. Già nel 2002 però una limitata ripresa ha permesso una crescita del 1.3%. Per quanto riguarda il 2003 le stime sono all interno di una fascia che va dal 2.7% al 3.6%. La Commissione Europea prevede un incremento della crescita del PIL fino ad arrivare al 4.2 nel 2004 e al 4.8 nel Rimane però da risolvere il problema dell alto debito pubblico, all inizio del 2004 già vicino alla soglia del 6%. La produzione polacca è, in alcuni settori, di grande rilievo. La Polonia è tra i primi dieci produttori al mondo di rame raffinato, zolfo, carbon fossile e lignite, ma anche di segale, patate, barbabietole da zucchero, suini e latte. La capacità produttiva del Paese non si limita però ai settori minerario e agro-alimentare, basti pensare all importanza delle produzioni di cemento e acciaio grezzo come di televisori e autoveicoli, dove a livello globale la Polonia si situa fra i primi venti. E così evidente come la struttura produttiva polacca sia composita e variegata. A livello internazionale l attenzione per la Polonia è altissima: sul territorio sono presenti molti gruppi multinazionali (come France Telecom, Fiat e Daewoo) e il livello degli investimenti esteri diretti (IDE o FDI) è il più alto dell area centro-orientale europea. L Italia, dopo la Germania, è il principale partner commerciale del Paese. A conferma della solidità dell economia polacca le aspettative degli analisti internazionali sono ottime. Altri due punti di forza del sistema-polonia sono: a) un inflazione modesta, stimata sotto il 2% nel 2003, il cui valore va ascritto ad una funzionale politica monetaria restrittiva, visto il valore del 10.1% del b) un serio impegno del Governo nel varare misure per dare sostegno all economia, all occupazione e allo sviluppo delle imprese. E il caso dei progetti per il quadriennio denominati Imprenditoria prima di tutto, Il tuo primo lavoro e Infrastrutture: la chiave dello sviluppo ; importanti sono anche la riduzione delle aliquote di tassazione delle persone giuridiche e lo snellimento del finora complicato apparato burocratico. Non si può dimenticare infine che il 1 maggio 2004 la Polonia entrerà ufficialmente nell Unione europea e dei 10 nuovi membri sarà il più rilevante come popolazione e superficie, entrando direttamente a far parte del cosiddetto Club dei grandi Paesi. L ingresso nell Unione è stato l obiettivo principale delle riforme e costituisce tuttora l elemento fondamentale del processo di rivoluzione, modernizzazione e apertura dell economia polacca. SETTORI E CARATTERISTICHE GENERALI Agricoltura I terreni coltivati in Polonia costituiscono il 59% del territorio, ma il settore agricolo contribuisce al PIL solo per il 2.9%. Questo dato testimonia una diminuzione dell importanza relativa dell agricoltura nel Paese, confermata da un livello di disoccupazione dei lavoratori agricoli del 2

3 28%. Attualmente il 72.1% dei terreni è gestito dalla proprietà privata e la struttura del settore è fondata prevalentemente sulla piccola proprietà individuale. Esistono due tipi di aziende agricole: piccole aziende di proprietà individuale (1.8 mln) e aziende agricole di proprietà di persone giuridiche (circa 6 mila). Le poche aziende di grandi dimensioni sono orientate verso una produzione di tipo estensivo (quali cereali o colza) e godono di un livello superiore di specializzazione e meccanizzazione rispetto alle piccole aziende che lavorano in maniera tradizionale. La differenza tra le imprese agricole polacche e quelle dell UE sta soprattutto nel gap di produttività. Tale discrepanza rende impossibile l introduzione della Politica Agricola Comune già nel I tempi necessari per la modernizzazione del settore sembrano molto lunghi, benché sia l UE che la Banca Mondiale abbiano stanziato fondi a questo fine, in aggiunta ai fondi del Governo polacco, facenti capo dall Agenzia per il Mercato Agricolo (ARR) e destinati alla stabilizzazione dei prezzi. Industria Come molti dei Paesi in transizione dal sistema centralizzato sovietico, l economia polacca ha ereditato un industria pesante, poco efficiente, con dimensioni inadatte. Il sistema è però in una fase avanzata di ristrutturazione e innovazione. Di grande peso il settore automobilistico, con stabilimenti di grandi case come FIAT, Daewoo e Volkswagen. L andamento globale del settore ha risentito della breve crisi verificatasi all inizio del decennio, passando da un valore della produzione di +7.2% nel 2000 ad uno del -0.2% nel 2001 per poi riprendersi e raggiungere livelli di crescita intorno all 8% nel E importante sottolineare come la produzione industriale vari, in maniera significativa, a seconda delle regioni. I voivodati più industrializzati sono: Malopolskie, Slaskie, Opolskie e Wielkoposkie, tutti situati nel sud-ovest del Paese. In questo periodo di preadesione all UE, i lavori pubblici costituiscono una buona opportunità di sviluppo, ma una delle occasioni più interessanti per le imprese polacche è al momento rappresentata dalla partecipazione al programma di ricostruzione in Irak. Le tendenze più recenti del flusso degli investimenti esteri nell industria tendono ad andare oltre le grandi città, per espandersi verso le zone rurali e i piccoli centri. Servizi Il mercato dei servizi ha completato la transizione verso il settore privato ed è quasi interamente aperto alle imprese dei Paesi UE, ad eccezione del settore audio-visivo e delle lotterie, dove gli imprenditori stranieri non possono detenere pacchetti di maggioranza. Problematici sono solo quei casi in cui lo Stato, partecipando ai processi di privatizzazione, gode di privilegi simili al golden share. Il numero di agenzie di servizi e consulenza aziendale e quello dei liberi professionisti è in continuo aumento. Benché i maggiori operatori stranieri, dalla ristorazione all abbigliamento, siano già presenti, essendo il mercato in continua espansione, sono ancora disponibili ampi spazi. Risorse naturali Uno dei principali punti di forza della Polonia è proprio la ricchezza del sottosuolo. Il Paese è il maggior produttore europeo, e sesto al mondo, di rame, la cui estrazione è controllata dalla grande holding statale KGHM, in fase di privatizzazione. Anche zolfo, zinco, salgemma, argento e piombo vengono estratti in grandi quantità. L industria del carbone invece, pur con ampia disponibilità di materia prima, risulta in una fase di ristrutturazione, viste le inefficienze dovute al regime cronicamente sussidiato degli ultimi decenni. Il settore energetico si basa fondamentalmente sul carbone, mentre le risorse di petrolio e gas, allo stato attuale, sono limitate. Sono però in corso alcuni programmi di ricerca che potrebbero aumentare l indipendenza energetica del Paese. A livello ambientale, la Polonia si evidenzia per la consistente riduzione delle emissioni nocive nell aria, ma rimane uno dei più grandi produttori di rifiuti industriali e urbani e deve ancora risolvere il problema dello smaltimento delle acque. Dalla necessità di adeguarsi agli standard 3

4 europei in materia, nascono notevoli possibilità di investimento: già nel 2001 il dicastero della protezione ambientale prevedeva un investimento di 34 mld USD. Programmi internazionali come l ECOFUND prevedono inoltre la possibilità per Paesi terzi di mutare il credito nei confronti della Polonia in finanziamenti alla salvaguardia ambientale. Recentemente, anche il Ministero delle Attività Produttive italiano ha intrapreso alcune iniziative per la promozione di investimenti in loco, rivolte ad aziende italiane dell ecobusiness. Infrastrutture Prima di analizzare la realtà del trasporto polacco va anticipato che nel suo piano di sviluppo la Polonia mira a diventare il polo centrale del trasporto regionale nell Europa centro-orientale e a questo fine sono dirette le azioni di modernizzazione del sistema. A livello di rete stradale, pur essendo ben collegate le principali città, grazie ad autostrade a due corsie, solo l 1% delle strade è in grado di soddisfare gli standard europei, generando grossi problemi per il trasporto di merci su gomma e la congestione delle reti viarie, visto il rapido aumento delle vendite di automobili. Attualmente è previsto un progetto di adeguamento della rete viaria polacca, finanziato da UE, Banca Europea degli Investimenti, Banca Europea Ricostruzione e Sviluppo e Banca Mondiale, che dovrebbe portare alla costruzione di km di strade entro il Da segnalare a questo fine, che un terzo dei fondi UE sarà proprio destinato alle infrastrutture, per realizzare le grandi direttrici est-ovest (Varsavia Berlino) e nord-sud (Danzica- Repubblica Ceca) a partire dal I trasporti ferroviari, forniti dalla compagnia di Stato PKP, si presentano disomogenei a livello territoriale, poiché se eccellenti servizi di intercity collegano le vicine capitali europee e le stesse metropoli polacche, come Varsavia, Katowice e Cracovia, il resto della rete è mal gestito e, dalla caduta del comunismo, pochissimi sono stati gli investimenti. E stata di recente approvata la ristrutturazione della PKP, trasformata in S.p.A. e suddivisa in quattro sussidiarie. L UE, tramite il programma PHARE, sta contribuendo all ammodernamento della rete, ma è da rilevare come ancora manchi l apertura del settore ferroviario alla competizione internazionale. Interessante è anche il progetto della direttrice est-ovest, che colleghi Berlino e Mosca passando attraverso la Polonia. I porti più importanti sono quelli di Gdansk (Danzica) e Szczecin, seguiti da Szczecin-Swinoujscie e Gdynia, sul Mar Baltico. Da ricordare, inoltre, è il sistema fluviale navigabile di ben km. I trasporti aerei conoscono, in questo periodo, un momento di espansione per l aumento del 20% annuale dei passeggeri. La compagnia aerea nazionale LOT è stata privatizzata e il 38% delle azioni è ora di proprietà della SwissAir. Va però ricordata l inadeguata capacità d accoglienza degli aeroporti polacchi, situazione evidente a Varsavia, dove l aeroporto Okecie si sta pericolosamente avvicinando alla sua capacità di accoglienza massima, con 4.5 mln di passeggeri all anno. Entro il quinquennio la città dovrà dotarsi di un nuovo aeroporto. Grande distribuzione Lo sviluppo della grande distribuzione in Polonia è strettamente legato alla presenza di gruppi stranieri. Attualmente la maggior parte delle grandi catene sono già presenti: è il caso di Carrefour, Auchan, Metro e Ikea. I gruppi più attivi nello sviluppo di reti di supermercati sono la norvegese RETAIN e l inglese TESCO. Le strategie dei vari gruppi sono molto diverse: le francesi e le tedesche puntano ad investimenti di tipo green field, con uno start-up dell intera azienda, mentre altre società tendono ad entrare nel capitale di gruppi preesistenti. La famiglia media polacca spende una quota (35%) del reddito maggiore in alimentari rispetto a quella media dei Paesi UE (15-18%). Attualmente si stanno diffondendo gli ipermercati, mentre i discounts hanno già un grande successo. Esistono buone possibilità nei contratti di franchising che le aziende italiane potrebbero sfruttare. 4

5 Telecomunicazioni e IT L evoluzione delle telecomunicazioni, negli ultimi dieci anni, è stata impressionante. La rete sta crescendo al ritmo costante del 14% circa su base annuale, ma, se le comunicazioni internazionali e nelle grandi città raggiungono standard elevati, lo stesso discorso non vale per le aree rurali, dotate di linee telefoniche modeste. Il mercato è dominato dalla Telekomunikacja Polska S.A. (TPSA), ex monopolista, ora privatizzata, cui parte del capitale è in mano a France Telecom, primo e più importante operatore dell Europa occidentale giunto in Polonia. Altri importanti operatori di telefonia fissa sono Netia, Nom e Energis. Le mancanze della telefonia fissa sono state in parte supplite dalla telefonia mobile, presente sul mercato con tre operatori: Era, Plus e Idea. Per il 2004 si prevedono 34.7 apparecchi fissi e 43.9 mobili ogni 100 abitanti, mentre la buona diffusione di Internet, anche se limitata principalmente ai centri urbani, porterà il 29.1% dei polacchi ad avere accesso al web. Proprio allo sviluppo della rete informatica è legata la crescita del settore IT, cresciuto del 7% nel L informatizzazione risulta tra le priorità del Governo e la produzione e vendita di hardware e software è aumentata molto velocemente. Il maggiore finanziatore della ricerca e sviluppo rimane lo Stato, con il 58.5% degli investimenti totali del settore, rispetto al 30.6% dei privati. Gli analisti di PriceWaterhouseCoopers osservano, inoltre, un aumento del 30% della richiesta di servizi di IT in outsourcing, come l elaborazione dati e il leasing di server e softwares. Pur con ampi spazi di intervento gli investimenti esteri in questo mercato, rispetto a quelli in Ungheria o nella Repubblica Ceca, sono ancora limitati. Quadro generale dell economia polacca: indicatori generali Variazione annuale a- 3.6 d PIL reale in % Inflazione in % b Tasso di a disoccupazione a: Stime ICE; d: Stima Ufficio nazionale di statistica polacco. b: Stima Fondo Monetario Internazionale Stima Economist Intelligence Unit (EIU). Exp. Beni a Prezzi correnti Imp. Beni a Prezzi correnti Saldo Bilancia Commerciale c c: dati relativi al primo semestre 2003 (ICE) Fonte: Elaborazione su dati ICE, Mondimpresa, FMI, Unido, EIU. Rischio Paese La Polonia può essere considerata uno Stato stabile a livello economico e politico, come conferma, a metà del 2003, il rating del credito S&P/Moody s di BBB+/A2, considerando una scala da A a C, con varie sottocategorie, che in ordine crescente verso C esprime il rischio di inadempienza. La SACE conferma la stabilità inserendo il Paese nella categoria di rischio 2 su 7 e nella classe A, 5

6 ossia nella fascia di Paesi che generalmente offrono di per sé garanzie di solvibilità ritenute accettabili, indipendentemente dalla natura delle controparti (pubblica, sovrana, corporate o bancaria). Gli analisti della Dun & Bradstreet forniscono una valutazione globale di rischio DB3b, rating che sta ad indicare una situazione di rischio esiguo. Previsioni e tendenze future dell economia La ripresa dell economia del 2003, già cominciata l anno precedente, sembra essere l inizio di un nuovo periodo di crescita, con un aumento della domanda interna e degli investimenti. Anche gli investitori internazionali sono sicuri del miglioramento della situazione ed infatti, pur con la diminuzione degli indici di crescita nel 2002, non hanno smobilitato i propri impianti, al contrario, hanno aumentato gli investimenti. La crescita, nel periodo sembra però più svincolata dal commercio estero (legato all economia del principale partner: la Germania) e dovuta a cause interne. I tre programmi del governo per il periodo , precedentemente esposti, danno dunque i primi frutti, grazie anche alla semplificazione annunciata di 40 leggi sull imprenditoria. Nel secondo semestre 2003, inoltre, sono state varate altre iniziative a sostegno delle imprese e dell occupazione con le quali rimuovere le vischiosità burocratiche, prevedendo, tra le altre, procedure più snelle per la costituzione e registrazione delle società, esecuzioni di ingiunzione più rapide, concessioni di prestiti ipotecari più semplici e diffusi. Interessante per la costituzione di nuove imprese è, ad esempio, la riduzione da gg. a 20 gg. nella procedura per ottenere il REGON statistical number e il NIP tax number (parificabili a P. IVA e C.F.). Sul fronte della tassazione dal 2004 l aliquota societaria passa dal 24% al 22%, mentre per le piccole imprese scende al 19%. Tali tagli si basano su previsioni di crescita nel 2004 del 5% e su prevedibili entrate aggiuntive dovute alle privatizzazioni, quasi doppie rispetto al Entro il 2006 la Polonia dovrà liberalizzare il trasporto ferroviario e aprirlo agli investitori stranieri; per le tratte internazionali è però stato concesso dall UE un periodo di transizione fino al Infine è da rimarcare il grande e difficile traguardo che l attuale Governo polacco si è posto: il progetto di riportare il deficit al 3% entro il 2006, per poter entrare nell area euro già nel Previsioni degli indicatori economici principali (variazioni percentuali annue) a PIL a prezzi costanti Disoccupazione Inflazione 2 b 2.7 Deficit pubblico (% PIL) c Import Export Costo orario del lavoro a: Elaborazione su previsioni Commissione Europea; b: Dato EIU. c: previsione Bank Austria Adesione all Unione Europea Dal 1 maggio 2004 la Polonia entra a far parte dell Unione europea insieme ad altri nove Stati. L istituzione incaricata di monitorare e controllare gli adeguamenti alle norme europee è l Ufficio del Comitato dell Integrazione Europea (UKIE). Grazie alla firma dell Accordo di associazione, all inizio degli anni Novanta, questo Paese ha potuto maturare delle politiche di sviluppo coerenti con l obiettivo di entrare nei parametri fissati dall UE. A partire dal 1999, e per le autovetture dal 1 gennaio 2002, sono stati aboliti la maggior parte dei dazi doganali ed è entrata in vigore l area di libero scambio per i prodotti industriali. I dazi sui prodotti agricoli sono invece stati materia di negoziazioni più intense. In ogni caso, tutti i capitoli sono stati chiusi dai negoziatori a dicembre

7 L importanza della Polonia nel processo di allargamento è confermata dagli stanziamenti dell UE, che ammontano a ben 12.5 mld di euro nel triennio , pari al 45% del totale destinato ai 10 nuovi Membri. Per il settennio i soli programmi ISPA e SEPARD mettono a disposizione 3.7 mld di euro a fondo perduto per investimenti, formazione, creazione e applicazione degli standard produttivi europei. Nella versione completa della Guida sono inoltre reperibili informazioni riguardo a: - scambi con l estero - interscambio con l Italia - settori più promettenti - regolamentazione delle importazioni e delle esportazioni 7

8 La legislazione polacca riconosce la possibilità ad investitori stranieri di impegnarsi in ogni settore: agli investimenti stranieri si applicano infatti le norme previste per quelli polacchi, secondo un principio di parità. L unica attività che non può essere esercitata se non da aziende locali è quella del gioco e scommesse. Inoltre, la partecipazione del capitale straniero è limitata al 33% nel settore radio televisivo e al 49% in quello delle telecomunicazioni. Dal 1 gennaio 2001, secondo la legge sull attività economica (Prawo dzialalnosci gospodarczeju G.U. n. 101 del 1999, sez. 1178) i cittadini stranieri che hanno ricevuto il permesso di soggiorno, possono svolgere attività commerciale al pari dei cittadini polacchi. Tra Polonia e Italia, inoltre, esiste una Convenzione bilaterale sulla tutela e la promozione degli investimenti, entrata in vigore senza riserve fin dal Secondo il trattato, a tutti gli investitori in Polonia deve essere garantito eguale trattamento. Il loro diritto di gestire gli affari, di guadagnare profitti e di determinare l utilizzo dei propri fondi non può essere violato. Alcune attività sono sottoposte alla concessione di una autorizzazione da parte di differenti autorità, ma si tratta di un elenco molto ridotto, riguardante settori sensibili dello Stato, materiali pericolosi e alcuni beni e servizi a cui viene concessa una certa protezione. Tra Italia e Polonia il rapporto si è rafforzato anche a livello regionale: per quanto riguarda la provenienza dei capitali, le Regioni maggiormente presenti sono Lombardia e Piemonte. E da evidenziare però, anche come modello da imitare, l accordo, firmato nel 2000, tra la Toscana e il Voivodato di Malopolska, che in considerazione delle affinità tra le due regioni, riguardanti una solida tradizione universitaria e di ricerca e un economia fondata sulle PMI, hanno istituito una collaborazione operativa tra le due realtà. Sono allo studio possibilità di joint venture fra PMI delle due regioni e corsi di formazione rivolti agli imprenditori. I Paesi CEI (Central and Eastern Europe) sono riusciti, in poco più di un decennio, ad attirare una forte quantità di investitori internazionali. All interno di un area così vitale è significativo che la Polonia primeggi per quantità di investimenti esteri diretti (Foreign Direct Investment - FDI), che nella prima metà del 2003 hanno superato, come livello totale raccolto in tredici anni, i 68.3 miliardi di dollari, di cui miliardi in investimenti superiori al milione di dollari e i restanti 3.84 mln USD in investimenti di meno di 1 mln USD. Stock di FDI alla fine del 2002, in USD mln. Fonte: PAIZ 8

9 FDI CEI in percentuale rispetto ai vari Stati, 2002, Fonte: PAIZ Secondo i dati dell Agenzia governativa per gli investimenti esteri (PAIZ), il flusso degli investimenti stranieri, pur ragguardevole, ha subito un leggero rallentamento nel 2003; infatti, il valore totale nel primo semestre del 2003 ammonta a 2.53 miliardi di dollari, 702 milioni di dollari in meno rispetto allo stesso periodo del La maggior parte degli investitori provengono dai Paesi dell Unione europea e generano il 74% degli investimenti. Va però detto che un numero crescente di società dislocate negli Stati Uniti e in Asia (soprattutto in Giappone e Sud Corea) investe tramite le sussidiarie europee, localizzate perlopiù nei Paesi Bassi. La piccola diminuzione degli FDI, a livello contabile, dipende in parte dal fatto che alcune società polacche sono subentrate nel capitale di aziende di proprietà straniera negli ultimi tempi a Flusso degli investimenti esteri in Polonia dal 1993 al (a: 1 sem.) Fonte: PAIZ Nel primo semestre del 2003, la maggioranza dei capitali è stata di provenienza olandese, con un valore in USD di 1.26 mld, corrispondente al 50% del valore totale degli investimenti. Le compagnie tedesche costituiscono il secondo gruppo più importante di investitori stranieri, con mln, ossia il 15% dei FDI nei primi sei mesi del Infine l Austria, al terzo posto, con mln USD investiti, l 11% del totale. Interessante è anche il flusso di investimenti da Paesi geograficamente distanti, come le Filippine, con 40 mln USD e il Sud Africa, con 32.2 mln USD. Osservando i FDI come uno stock, le società francesi rimangono leaders, visto che il loro capitale costituisce circa il 20% degli FDI totali. Nel ranking degli investimenti troviamo ancora al secondo posto le compagnie olandesi, con il 14%, seguite dalle imprese di Stati Uniti d America con il 14%, Germania con il 12% e Italia con il 6%. 9

10 A metà del 2003 si contano in Polonia 993 imprese straniere di 36 differenti Paesi, inclusi nella lista PAIZ dei maggiori investitori. Come evidenziato dal grafico sotto riportato, negli ultimi dieci anni il numero delle aziende a partecipazione estera è aumentato costantemente. Il gruppo di investitori stranieri che conta più aziende è quello tedesco, con 227 aziende, seguito dagli statunitensi, con 124 imprese, dagli olandesi, presenti in 106 realtà ed infine da aziende francesi e italiane, con, rispettivamente, 92 e 65 unità a Numero di imprese a capitale estero in Polonia.(a: 1 sem.)fonte: PAIZ Alcuni gruppi multinazionali o con sede all estero hanno stabilito rappresentanze o creato nuove entità aziendali in Polonia: tra queste spiccano, con rilevanza economica descrescente, France Telecom (Francia), Daewoo (Sud Corea), HVB (Germania), Citigroup (USA), OAO Gazprom (Russia), Vivendi Universal (France) United Pan Europe Communication (Paesi Bassi) e molte altre società, tra cui le italiane FIAT e Unicredito Italiano Spa, rispettivamente al secondo e ottavo posto nella graduatoria degli investitori esteri, con mld USD investiti dalla FIAT e mld USD investiti da Unicredito (dati 1 sem. 2003, Fonte: PAIZ). L entità (in termini monetari) dei maggiori investimenti nel primo semestre del 2003 evidenzia la positività delle grandi aziende rispetto alle possibilità di crescita della Polonia. FIAT GM Powertrain, società con sede nei Paesi Bassi, ha infatti effettuato un investimento di mln USD nella produzione di motori diesel, così come la multinazionale GE Capital Real Estate ha investito mln USD nel settore immobiliare, settore di forte attrazione, visti i notevoli investimenti della Deusche Bank e dell austriaca Europolis Invest. Questi dati non possono che confermare le previsioni ottimistiche degli analisti. Da sottolineare però che gli esperti della McKinsey, nota società internazionale di consulenza, sostengono che il sistema Polonia necessita di 10 mld di euro di FDI all anno per sviluppare un processo di crescita veloce. Buone opportunità sono intraviste dai consulenti soprattutto nei servizi, con l accento sulla contabilità, il management delle risorse umane e il sistema bancario. Dall analisi della struttura settoriale degli investimenti diretti esteri si rileva la tendenza degli investitori a prediligere i cosiddetti settori tradizionali, mentre di scarsa entità sono gli investimenti nei settori tecnologici. E però prevedibile nel breve termine un dinamico incremento degli investimenti in questo campo, dovuto a due fattori importanti: il costo del lavoro in aumento, il che rende questo paese relativamente meno interessante per investimenti nei settori tradizionali e la costante crescita delle spese per la Ricerca e lo Sviluppo, il che crea un clima favorevole per lo sviluppo degli investimenti in alte tecnologie. Per il momento, l interesse degli investitori si focalizza tuttora su aziende con un affermata presenza sul mercato. Il settore manifatturiero è quello dove si concentrano la maggior parte degli investimenti, seguito dai servizi bancari e finanziari, inevitabilmente, visto che gli stranieri detengono il 70% delle attività in questo settore. Al terzo posto, infine, troviamo la vendita al dettaglio e all ingrosso. 10

11 Nella versione completa della Guida sono inoltre reperibili informazioni riguardo a: - incentivi agli investimenti - restrizioni agli investimenti - trasferibilità all estero di profitti e capitali - costi industriali - Zone Economiche Speciali LEGISLAZIONE SOCIETARIA Seguendo il principio di reciprocità, soggetti stranieri possono investire ed esercitare un attività economica in Polonia negli stessi termini in cui ciò è possibile per persone giuridiche o fisiche aventi sede o residenza permanente nel Paese, a meno che non sia previsto diversamente da espliciti trattati internazionali. I cittadini stranieri che abbiano un permesso di residenza permanente in Polonia hanno gli stessi diritti, nell attività imprenditoriale, dei cittadini polacchi. Solo alcune attività (precedentemente esposte nel paragrafo dedicato agli investimenti) prevedono la concessione di una licenza o dei limiti per i soggetti stranieri. Già dell Accordo di Associazione all Unione Europea sottoscritto dalla Polonia nel 1994 è possibile per gli imprenditori italiani operare secondo il principio di reciprocità e quindi attraverso tutte le tipologie di impresa. Piccole e medie imprese La normativa del 1999, insieme al Codice Civile e al Codice delle Società commerciali e delle Imprese, regola l attività economica in Polonia. Secondo le disposizioni un impresa è considerata piccola se: - il numero medio annuale degli impiegati è inferiore a 50 - i ricavi totali non superano i 7 mln di euro in PLN equivalenti Un impresa è considerata media se: - il numero medio annuale degli impiegati è compreso tra 50 e i ricavi totali non superano i 40 mln di euro in PLN equivalenti. Il Governo e gli enti locali, pur osservando i principi di equità e concorrenza offrono alle Piccole e Medie Imprese alcuni incentivi e facilitazioni, promuovendone la collaborazione con le imprese estere, supportando enti finanziatori e facilitando l accesso alle informazioni e la formazione del personale. Tipologie di conduzione dell attività economica Per un soggetto straniero è possibile esercitare un attività economica in Polonia nelle seguenti forme: Società a Responsabilità Limitata (spolka z ograniczona odpowiedzialnoscia: Sp. z o.o.) Società per Azioni (spolka akcyjna: S.A.) Impresa individuale Società in Nome Collettivo (spolka jawna) Società in Accomandita Semplice (spolka komandytowa) Società professionale Società in accomandita per azioni (spolka komandytowa-akcyjna) Uffici di rappresentanza (przedstawicielstwa) Sedi distaccate e filiali di società straniere (oddzialy) 11

12 Nella versione completa della Guida sono inoltre reperibili informazioni riguardo a: - principali tipologie di impresa - normativa tributaria - legislazione e mercato del lavoro - requisiti tecnici, certificazioni, imballaggio e standardizzazione - legge sull uso obbligatorio della lingua polacca Il Banking Act e l'act della Banca Nazionale Polacca, ambedue del 1997, definiscono l assetto giuridico del settore. Questi due atti normativi, che hanno riformato l intero sistema creditizio in Polonia, nonché la struttura e le competenze della banca centrale, sono pienamente compatibili con la legislazione dell Unione Europea. Le norme bancarie, fondamento giuridico della riforma strutturale della finanza pubblica in corso dal 1990, hanno avvicinato il settore bancario polacco agli standard mondiali favorendone l integrazione con i mercati finanziari internazionali. L Ente indipendente che svolge le tradizionali funzioni di Banca Centrale è la Banca Nazionale Polacca (Narodowy Bank Polski- NBP). La sicurezza che il settore bancario polacco è in grado di assicurare deriva anche dalla notevole presenza di capitale straniero. Il capitale estero investito nel settore creditizio polacco al 30 settembre 2001 (ultimi dati disponibili) era equivalente a 225,2 mln di PLN. Gli investimenti più importanti nel settore bancario sono quelli realizzati da istituti tedeschi (1.263,3 mln di PLN), americani (1.058,8 mln di PLN) e olandesi (693,1 mln di PLN). L impegno degli istituti francesi, irlandesi e austriaci è superiore a 400 milioni di PLN e quello degli istituti belgi e portoghesi è pari a circa 200 milioni di PLN. Alla fine del terzo trimestre del 2001 in Polonia erano presenti 45 banche controllate da società estere tra cui 17 società per azioni con il 100% del capitale estero (di cui 3 rilevate dai fondatori polacchi), 20 banche controllate (di cui 3 società costituite con la partecipazione straniera, 8 banche privatizzate con la partecipazione straniera e 9 banche rilevate da investitori stranieri per apporto di capitale), 2 sedi di banche straniere nonché altre 9 banche controllate in modo indiretto (Dati Fonti ICE e UNIDO). Le più importanti banche polacche e i loro investitori strategici sono: Powszechna Kasa Oszczednosci Bank Polski S.A. (PKO BP) statale, Bank Pekao S.A. UniCredito Italiano, Bank Handlowy w Warszawie S.A. Citibank Powszechny Bank Kredytowy S.A. (PBK) - Bank Austria Creditanstalt, Bank Gospodarki Zywnosciowej SA (BGZ) statale, Bank Przemyslowo Handlowy S.A. (BPH) HypoVereinsBank, Bank Slaski S.A. ING Group NV (Olanda), Kredyt Bank S.A. - KBC Bank N.V. (Belgio), Bank Rozwoju Eksportu S.A. (BRE) Commerzbank, BIG Bank Gdanski S.A. - Banco Comercial Portugues. Nella versione completa della Guida sono inoltre reperibili informazioni riguardo a: - sistema bancario e finanziamenti internazionali All interno della Guida completa, in versione cartacea, sono inoltre disponibili informazioni e dati riguardanti strumenti di cooperazione nazionale ed internazionale, fiere e promozione, indirizzi e siti web utili. Dati aggiornati a Febbraio

INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI

INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI Mercoledì 18 marzo 2015, ore 17.00 Camera di Commercio, Sala Arancio, Via Tonale 28/30 - Lecco Materiale a cura di: Direzione Studi e Ricerche,

Dettagli

Fare Affari in Russia

Fare Affari in Russia Federazione Russa Fare Affari in Russia Investimenti Esteri Agenzia ICE Mosca Settembre 2014 3 INVESTIMENTI ESTERI La Russia ha ricevuto negli ultimi anni ingenti investimenti esteri. Nel 2013 gli investimenti

Dettagli

Il mercato internazionale dei prodotti biologici

Il mercato internazionale dei prodotti biologici Marzo 2014 Il mercato internazionale dei prodotti biologici In sintesi Il presente Report sintetizza i principali dati internazionali diffusi di recente in occasione della Fiera Biofach di Norimberga.

Dettagli

S t ud io M a rt el li Ulissi & Partners

S t ud io M a rt el li Ulissi & Partners Studio Martelli Ulissi & Partners Il Kazakhstan conseguita l indipendenza dall'unione Sovietica e terminato il periodo di transizione con la ristrutturazione organizzativa, economica e legislativa ha dato

Dettagli

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO OTTOBRE 2010 a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi e dell Ufficio Lavori all Estero e Relazioni Internazionali

Dettagli

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO Nel corso dell ultimo anno, il sistema economico ceco ha dimostrato, nonostante il rallentamento economico globale ed europeo, di poter

Dettagli

Un Paese su cui scommettere

Un Paese su cui scommettere Un Paese su cui scommettere La Polonia è un Paese in cui investire è una garanzia; da anni ormai attrae l interesse di un numero crescente di imprese (Europee e non), che operano nei settori più svariati,

Dettagli

Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS

Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS Quadro di riferimento Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS Tendenze primo semestre 2012 L economia svizzera è una delle più ricche e solide dell Occidente, fortemente orientata ai servizi ed

Dettagli

AUDIZIONE. MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi. X Commissione del Senato - X Commissione della Camera. Roma, 27 marzo 2014

AUDIZIONE. MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi. X Commissione del Senato - X Commissione della Camera. Roma, 27 marzo 2014 AUDIZIONE MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi X Commissione del Senato - X Commissione della Camera Roma, 27 marzo 2014 CICLO ECONOMICO IN MIGLIORAMENTO 2 CICLO ECONOMICO IN MIGLIORAMENTO

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni Febbraio 2016 market monitor Analisi del settore edile: performance e previsioni Esonero di responsabilità I contenuti del presente documento sono forniti ad esclusivo scopo informativo. Ogni informazione

Dettagli

Banca e Finanza in Europa

Banca e Finanza in Europa Università degli Studi di Parma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 2. EUROPA: PROFILI ISTITUZIONALI Le tappe Le istituzioni La Banca centrale europea 2 2. Europa: profili istituzionali 3 2. Europa: profili

Dettagli

Istituto nazionale per il Commercio Estero. Nota Congiunturale URUGUAY

Istituto nazionale per il Commercio Estero. Nota Congiunturale URUGUAY Istituto nazionale per il Commercio Estero Nota Congiunturale URUGUAY Maggio 2011 L'economia uruguaiana, nel 2010, ha registrato una significativa crescita del PIL dell 8,5% rispetto al 2009 e, nel primo

Dettagli

Nuove opportunità d investimento in Polonia compreso il sistema di incentivi

Nuove opportunità d investimento in Polonia compreso il sistema di incentivi AGENZIA POLACCA PER GLI INVESTIMENTI ESTERI E L INFORMAZIONE Nuove opportunità d investimento in Polonia compreso il sistema di incentivi Iwona Chojnowska Haponik Direttore Dipartimento investimenti esteri

Dettagli

Costa Rica Congiuntura Economica

Costa Rica Congiuntura Economica Costa Rica Congiuntura Economica Il PIL del Costa Rica è cresciuto del 3.8% durante il 2011, dato inferiore alla crescita del 4.2% registrato tra il 2009 ed il 2010. Per quanto riguarda il 2012 si prevede

Dettagli

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia Paolo Sestito Servizio struttura Economica, Banca d Italia Modena, 4 giugno 215 Il contesto internazionale e l area dell euro 2 Nei paesi emergenti,

Dettagli

L economia australiana brilla sulle altre

L economia australiana brilla sulle altre L economia australiana brilla sulle altre 28 marzo 2011 Le stime sulla crescita per molti paesi sviluppati hanno subito una flessione a causa della tragedia che continua a investire il Gippone, uno dei

Dettagli

MISSIONE IN ROMANIA SETTORE LOGISTICA

MISSIONE IN ROMANIA SETTORE LOGISTICA MISSIONE IN ROMANIA SETTORE LOGISTICA OPPORTUNITÀ: Dato che il settore logistico in senso stretto (considerando cioè gli operatori di piattaforme o snodi di traffici merci dove vengono compiute operazioni

Dettagli

SIRIA IL MERCATO DEL TESSILE E DELL'ABBIGLIAMENTO

SIRIA IL MERCATO DEL TESSILE E DELL'ABBIGLIAMENTO SIRIA IL MERCATO DEL TESSILE E DELL'ABBIGLIAMENTO Maggio 2011 Premessa L importazione in Siria è in espansione, ma e ancora contenuta a causa dei dazi doganali elevati e le importazioni di prodotti tessili

Dettagli

IL PROGETTO BIELORUSSIA

IL PROGETTO BIELORUSSIA IL PROGETTO BIELORUSSIA PRESENTAZIONE Lanza & Thompson nasce dall esperienza maturata da alcuni professionisti in società internazionali specializzate in assistenza alle imprese per servizi globali (fiscali,

Dettagli

CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale

CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale Realizzato dall EURES Ricerche Economiche e Sociali in collaborazione con il Consiglio Regionale dell Economia

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis Filiale di Campobasso, Banca d Italia Campobasso, 18 giugno 2015 L economia italiana La prolungata flessione del PIL si è attenuata Andamento

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE VANNUCCI, BERSANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE VANNUCCI, BERSANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2113 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI VANNUCCI, BERSANI Agevolazioni per l arredo della prima casa di abitazione e dell ufficio,

Dettagli

Capitolo 2. Commercio. uno sguardo. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) [a.a.

Capitolo 2. Commercio. uno sguardo. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) [a.a. Capitolo 2 Commercio internazionale: uno sguardo d insieme [a.a. 2012/13 ] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) Struttura della Presentazione Il commercio

Dettagli

1. Orientamento alle esportazioni. 2. Esperienza turistica. 3. Impegno verso l ambiente. 4. Comunicazioni di livello mondiale. 5.

1. Orientamento alle esportazioni. 2. Esperienza turistica. 3. Impegno verso l ambiente. 4. Comunicazioni di livello mondiale. 5. 1. Orientamento alle esportazioni Oggi il Cile detiene il primato mondiale per quanto riguarda la rete di trattati di libero scambio commerciale: oltre venti accordi sottoscritti con sessanta paesi, e

Dettagli

Capitolo 21. Risparmio e formazione di capitale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke

Capitolo 21. Risparmio e formazione di capitale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke Capitolo 21 Risparmio e formazione di capitale In questa lezione Risparmio individuale: risparmio e ricchezza moventi del risparmio (tasso di interesse, ciclo di vita, precauzionale, profili consumo) Risparmio

Dettagli

Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu

Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu Milano, 14 aprile 2011 La crisi finanziaria e i suoi riflessi sull economia reale La crisi internazionale Riflessi sull economia Italiana 2008

Dettagli

Operare con l estero: opportunità di business negli Emirati Arabi Uniti. Torino, 14 ottobre 2005 Centro Congressi Torino Incontra Sala Giolitti

Operare con l estero: opportunità di business negli Emirati Arabi Uniti. Torino, 14 ottobre 2005 Centro Congressi Torino Incontra Sala Giolitti Operare con l estero: opportunità di business negli Emirati Arabi Uniti Torino, 14 ottobre 2005 Centro Congressi Torino Incontra Sala Giolitti Opportunita di Business negli Emirati Arabi Uniti Visione

Dettagli

SULLE CONDIZIONI E SUI MODI PER ATTRARRE GLI INVESTIMENTI DIRETTI. ("Gazzetta Ufficiale della Repubblica Serbia nr. 56/2006 e 50/2007 e 70/2008 )

SULLE CONDIZIONI E SUI MODI PER ATTRARRE GLI INVESTIMENTI DIRETTI. (Gazzetta Ufficiale della Repubblica Serbia nr. 56/2006 e 50/2007 e 70/2008 ) DECRETO SULLE CONDIZIONI E SUI MODI PER ATTRARRE GLI INVESTIMENTI DIRETTI ("Gazzetta Ufficiale della Repubblica Serbia nr. 56/2006 e 50/2007 e 70/2008 ) Contenuto del decreto Art. 1 Con il presente decreto

Dettagli

Il mercato spagnolo del riciclaggio

Il mercato spagnolo del riciclaggio Nota settoriale Il mercato spagnolo del riciclaggio Agenzia ICE Ufficio di Madrid Data di realizzazione: aprile 2013 Agenzia ICE ufficio di Madrid Il settore del riciclaggio 1 CENNI SUL MERCATO SPAGNOLO

Dettagli

I MERCATI DEI BENI E I MERCATI FINANZIARI IN ECONOMIA APERTA

I MERCATI DEI BENI E I MERCATI FINANZIARI IN ECONOMIA APERTA I MERCATI DEI BENI E I MERCATI FINANZIARI IN ECONOMIA APERTA 1 I MERCATI DEI BENI IN ECONOMIA APERTA Il concetto di Economia aperta si applica ai mercati dei beni: l opportunità per i consumatori e le

Dettagli

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014 Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Discorso del Vice Ministro allo Sviluppo Economico, Carlo CALENDA Signor Presidente della Repubblica, Autorità

Dettagli

BIELORUSSIA 81/100 70/100 81/100 53/100 81/100 71/100. Contesto Politico. Esproprio e violazioni contrattuali. Mancato pagamento controparte sovrana

BIELORUSSIA 81/100 70/100 81/100 53/100 81/100 71/100. Contesto Politico. Esproprio e violazioni contrattuali. Mancato pagamento controparte sovrana BIELORUSSIA Capitale Minsk Popolazione (milioni) 9,34 81/100 70/100 81/100 PIL nominale (miliardi USD PPP) 150,42 Mancato pagamento controparte sovrana Esproprio e violazioni contrattuali Mancato pagamento

Dettagli

POLONIA GUIDA AGLI INVESTIMENTI E AGLI STRUMENTI FINANZIARI DI SOSTEGNO ALLE IMPRESE

POLONIA GUIDA AGLI INVESTIMENTI E AGLI STRUMENTI FINANZIARI DI SOSTEGNO ALLE IMPRESE CAMERA DI COMMERCIO E INDUSTRIA ITALO-POLACCA WLOSKO-POLSKA IZBA HANDLOWO- PRZEMYSLOWA ISCRITTA ALL ALBO DELLE CAMERA DI COMMERCIO ITALO-ESTERE ED ESTERE IN ITALIA POS. N. 8 UNIONCAMERE ROMA MEMBRO UNIONESTERE

Dettagli

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI Aggiornamento del 29 maggio 2015 I CONTENUTI IL SISTEMA ECONOMICO LA FINANZA PUBBLICA LA SANITA IL SISTEMA ECONOMICO LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI IL PIL PIL: DINAMICA E PREVISIONI NEI PRINCIPALI PAESI UE

Dettagli

Il territorio, l economia, le imprese

Il territorio, l economia, le imprese Il territorio, l economia, le imprese Il territorio e la popolazione La Puglia è suddivisa dal punto di vista amministrativo in cinque province e 258 comuni, distribuiti su un territorio di oltre 300.000

Dettagli

Il comportamento economico delle famiglie straniere

Il comportamento economico delle famiglie straniere STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Il comportamento economico delle straniere Redditi, consumi, risparmi e povertà delle straniere in Italia nel 2010 Elaborazioni su dati Banca d Italia Perché

Dettagli

Introduzione 10 INTRODUZIONE

Introduzione 10 INTRODUZIONE Introduzione Il Rapporto 2002 sull Economia romana consente di trarre qualche considerazione positiva sull andamento del sistema produttivo e del tessuto sociale dell area romana. Come si vedrà, da questa

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

CAPITOLO 5 PP. 229-281

CAPITOLO 5 PP. 229-281 CAPITOLO 5 PP. 229-281 Il Secondo dopoguerra L Italia esce sconfitta dalla 2ª G.M. ma profondamente rinnovata: Passa da una strategia di sviluppo c.d. ISI, ISI = Industrializzazione Sostitutiva di Importazioni;

Dettagli

5. 5. I NDIVI V DUAR A E L E OPP P O P RTU T NITA T A : ST S R T UMENTI T P E P R L A N A AL A ISI S DEI M ERCA C T A I T Fabio Cassia

5. 5. I NDIVI V DUAR A E L E OPP P O P RTU T NITA T A : ST S R T UMENTI T P E P R L A N A AL A ISI S DEI M ERCA C T A I T Fabio Cassia 5. INDIVIDUARE LE OPPORTUNITA : STRUMENTI PER L ANALISI DEI MERCATI Fabio Cassia Introduzione Analisi dei mercati per: 1) individuare opportunità di mercato Da circa 150 mercati emergenti A una o più opportunità

Dettagli

Private Banking e Fondi Immobiliari

Private Banking e Fondi Immobiliari 0 Private Banking e Fondi Immobiliari Il mercato dei fondi immobiliari Il mercato dei fondi immobiliari nel mondo e in Europa Nel 2005 il portafoglio dei gestori professionali ha superato gli 800 mld di

Dettagli

Immigrazione e lavoro

Immigrazione e lavoro Immigrazione e lavoro I flussi migratori regolari e irregolari influenzano notevolmente il mercato del lavoro di una nazione. Gli immigrati costituiscono di certo una grande risorsa per l economia di un

Dettagli

Il commercio internazionale. I vantaggi del libero scambio

Il commercio internazionale. I vantaggi del libero scambio Il commercio I vantaggi del libero scambio Gli argomenti pro e contro il libero scambio Elementi di storia delle relazioni commerciali dagli anni trenta ad oggi I diversi tipi di accordi commerciali Vi

Dettagli

Le risposte del rapporto SINTESI

Le risposte del rapporto SINTESI SINTESI Il rapporto Crescita digitale. Come Internet crea lavoro, come potrebbe crearne di più, curato da Marco Simoni e Sergio de Ferra (London School of Economics) per Italia Futura, in collaborazione

Dettagli

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo»

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Torino, 28-30 Novembre 2011 Luca Pignatelli Demografia (2010-2011) Popolazione

Dettagli

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A L economia del Veneto Venezia, 17 giugno 2014 Le imprese L'eredità della crisi Indice del PIL (2007=100) Nel Nord Est la riduzione cumulata del PIL è di 8 punti percentuali.

Dettagli

CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO

CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO Costruzioni: all illusione del 2011 fa seguito un nuovo calo produttivo nel 2012 Verona 21 giugno 2012 - Dopo tre anni di profondo declino,

Dettagli

Dati generali e indici di rischio

Dati generali e indici di rischio ANGOLA Dati generali e indici di rischio Capitale Luanda Popolazione (milioni) 20,82 61/100 80/100 70/100 PIL nominale (miliardi USD PPP) 131,79 controparte sovrana Esproprio e violazioni contrattuali

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

Il mercato dell olio di oliva in Russia Analisi delle opportunità commerciali per le imprese italiane

Il mercato dell olio di oliva in Russia Analisi delle opportunità commerciali per le imprese italiane Il mercato dell olio di oliva in Russia Analisi delle opportunità commerciali per le imprese italiane Roberto Cassanelli - Responsabile Commerciale Corporate Nord Est Verona, 8 aprile 2013 INDICE IL QUADRO

Dettagli

Zsigmond Járai Ministro delle Finanze dell Ungheria, Budapest

Zsigmond Járai Ministro delle Finanze dell Ungheria, Budapest 16 Jarai 24-05-2000 9:46 Pagina 135 135 Zsigmond Járai Ministro delle Finanze dell Ungheria, Budapest L integrazione con l Unione Europea, la rapida crescita economica, un migliore equilibrio finanziario

Dettagli

VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1

VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1 VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1 Secondo i dati forniti dall Eurostat, il valore della produzione dell industria agricola nell Unione Europea a 27 Stati Membri nel 2008 ammontava a circa 377 miliardi

Dettagli

Tabella 1 - Immatricolazioni Autocarri Pesanti (>16 t) EST Europeo - Fonte ACEA

Tabella 1 - Immatricolazioni Autocarri Pesanti (>16 t) EST Europeo - Fonte ACEA Crollo del Mercato Autocarri e del Trasporto Merci su strada in Italia, quali le cause? Rapporto 2015 Cabotaggio, concorrenza sleale, dimensioni delle Aziende di trasporto, scarsa produttività, costi del

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere gli uomini e le donne poveri che vivono nelle aree rurali in condizione di raggiungere

Dettagli

L agro-alimentare italiano e la sfida dell internazionalizzazione

L agro-alimentare italiano e la sfida dell internazionalizzazione Dies Academicus 2014-2015 in occasione del trentennale della sede di Cremona e della SMEA Lectio L agro-alimentare italiano e la sfida dell internazionalizzazione Prof. SMEA, Alta scuola in economia agro-alimentare

Dettagli

PROSPETTIVE DELLE TECNOLOGIE ENERGETICHE MONDIALI 2050 (WETO-H2) MESSAGGI FONDAMENTALI

PROSPETTIVE DELLE TECNOLOGIE ENERGETICHE MONDIALI 2050 (WETO-H2) MESSAGGI FONDAMENTALI PROSPETTIVE DELLE TECNOLOGIE ENERGETICHE MONDIALI 2050 (WETO-H2) MESSAGGI FONDAMENTALI Lo studio WETO-H2 ha elaborato una proiezione di riferimento del sistema energetico mondiale e due scenari di variazione,

Dettagli

L economia italiana: tra rischi di declino e opportunitàdi crescita

L economia italiana: tra rischi di declino e opportunitàdi crescita L economia italiana: tra rischi di declino e opportunitàdi crescita Facoltàdi Economia, Università degli studi di Trento 19 novembre 2009 Anagni, Istituto Tecnico Commerciale G. Marconi IL MONDO E CAMBIATO

Dettagli

COLOMBIA INVESTIMENTI DIRETTI ESTERI MARZO 2014 ICE BOGOTA

COLOMBIA INVESTIMENTI DIRETTI ESTERI MARZO 2014 ICE BOGOTA COLOMBIA INVESTIMENTI DIRETTI ESTERI MARZO 2014 INVESTIMENTI DIRETTI ESTERI Per la normativa colombiana è considerato investimento estero ogni investimento di capitale effettuato nel Paese (anche in una

Dettagli

La congiuntura. italiana. Confronto delle previsioni

La congiuntura. italiana. Confronto delle previsioni La congiuntura italiana N. 3 FEBBRAIO 2014 Il Pil torna positivo nel quarto trimestre ma il dato è sotto le attese. La crescita si prospetta debole, penalizzata della mancanza di credito e per ora sostenuta

Dettagli

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva la relazione al 30 giugno 2009 SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

Dettagli

Fiscal News N. 101. Start up: pubblicate le linee guida per l accesso al fondo PMI. La circolare di aggiornamento professionale 02.04.2014.

Fiscal News N. 101. Start up: pubblicate le linee guida per l accesso al fondo PMI. La circolare di aggiornamento professionale 02.04.2014. Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 101 02.04.2014 Start up: pubblicate le linee guida per l accesso al fondo PMI Categoria: Imprese Sottocategoria: Varie E stata pubblicata dal

Dettagli

L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 2014 E PRIMO TRIMESTRE 2015

L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 2014 E PRIMO TRIMESTRE 2015 L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 201 E PRIMO TRIMESTRE 201 1 FOCUS CONSUNTIVO 201 Il 201 si è chiuso con un bilancio complessivamente soddisfacente: il quadro di sintesi riferito agli indicatori

Dettagli

VARIABILI MACROECONOMICHE Graf. 2.1 La provincia di Modena è notoriamente caratterizzata da una buona economia. Ciò è confermato anche dall andamento del reddito procapite elaborato dall Istituto Tagliacarne

Dettagli

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO Intervento Roberto Albonetti direttore Attività Produttive Regione Lombardia Il mondo delle imprese ha subito negli ultimi anni un accelerazione impressionante:

Dettagli

Annuario Istat-Ice 2008

Annuario Istat-Ice 2008 Le informazioni statistiche sul Commercio estero e sulle Attività Internazionali delle imprese Luigi Biggeri 1 Struttura della presentazione 1. L Annuario e lo sviluppo delle informazioni statistiche sul

Dettagli

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N N O 2 0 0 8 R A P P O R TO A N N U A L E 2 0 0 8 1. L andamento del mercato

Dettagli

TOYOTA. Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS

TOYOTA. Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS TOYOTA Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS 1 1. ANALISI DEL SETTORE 2. TOYOTA 3. LANCIO AYGO 4. CONCLUSIONI 2 INDUSTRIA Più IMPORTANTE PER FATTURATO La rilevanza del settore si

Dettagli

L internazionalizzazione del sistema economico milanese

L internazionalizzazione del sistema economico milanese L internazionalizzazione del sistema economico milanese Il grado di apertura di un sistema economico locale verso l estero rappresenta uno degli indicatori più convincenti per dimostrare la sua solidità

Dettagli

Merchant Banking NSW. 26 Giugno 2014. Strettamente riservato e confidenziale

Merchant Banking NSW. 26 Giugno 2014. Strettamente riservato e confidenziale Merchant Banking NSW Strettamente riservato e confidenziale 26 Giugno 2014 Tab 1 - Il mercato del capitale di rischio Elevata liquidità disponibile a livello globale e continua ricerca di alternative investment

Dettagli

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO A cura dell Ufficio Studi Confcommercio LE DINAMICHE ECONOMICHE DEL VENETO Negli ultimi anni l economia del Veneto è risultata tra le più

Dettagli

L ECONOMIA REGGIANA alle soglie del 2015

L ECONOMIA REGGIANA alle soglie del 2015 Osservatorio economico, coesione sociale, legalità L ECONOMIA REGGIANA alle soglie del 2015 i principali indicatori A cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio di Il contesto internazionale Stime

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Autorità per l energia elettrica e il gas COMUNICATO Per caro petrolio, elettricità + 3,8 % e gas + 3,4% nel 1 trimestre 2008 Scatta ulteriore riduzione tariffe trasporto e distribuzione- In arrivo le

Dettagli

L'INFLAZIONE IL CREDITO. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali)

L'INFLAZIONE IL CREDITO. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali) NUMERO 98 GIUGNO 21 ATTIVITA' ECONOMICA E OCCUPAZIONE GLI SCAMBI CON L'ESTERO E LA COMPETITIVITA' L'INFLAZIONE IL CREDITO LA FINANZA PUBBLICA LE PREVISIONI MACROECONOMICHE 1 7 8 11 12 Dipartimento di economia

Dettagli

Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino.

Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino. Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino. Specializzazione produttiva o SP., competitività internazionale e crescita economica o SP.,

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione speciale dei prezzi

SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione speciale dei prezzi SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione speciale dei prezzi Indagine conoscitiva sulle determinanti della dinamica del sistema dei prezzi e delle tariffe, sull'attività dei pubblici poteri e sulle ricadute

Dettagli

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005 7 ottobre 2005 La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005 L Istat presenta i principali risultati delle rilevazioni sulla Ricerca e Sviluppo intra-muros 1 (R&S) in Italia, riferiti alle imprese,

Dettagli

FONDI EUROPEI 2007-2013

FONDI EUROPEI 2007-2013 FONDI EUROPEI 2007-2013 OPPORTUNITA PER LE IMPRESE ITALIANE IN POLONIA Torino, 20 ottobre 2008 La Polonia nella UE La Polonia è Paese Membro dell UE dal 1 maggio 2004 e negli anni 2007-2013 diventerà il

Dettagli

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI Ottobre 2012 1 L ATLANTE DEL MADE IN ITALY Le rotte dell export italiano prima e durante la crisi La crisi dell economia

Dettagli

LE IMPRESE CHE FANNO GRANDE L EUROPA

LE IMPRESE CHE FANNO GRANDE L EUROPA LE IMPRESE CHE FANNO GRANDE L EUROPA NUMERI IN PILLOLE Roma - 08 maggio 2014 Sommario Il valore delle imprese che creano valore 3 Le piccole e medie imprese, esploratrici del mondo 8 Il dualismo del credito

Dettagli

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE (febbraio 2015) Il ciclo internazionale, l area euro ed i riflessi sul mercato interno Il ciclo economico internazionale presenta segnali favorevoli che si accompagnano

Dettagli

altre economie avanzate: composizione geografica e settoriale del debito sovrano a confronto

altre economie avanzate: composizione geografica e settoriale del debito sovrano a confronto altre economie avanzate: composizione geografica e settoriale del debito sovrano a confronto In corrispondenza della crisi finanziaria, confluita nella tumultuosa stagione dei debiti sovrani, la composizione

Dettagli

ISA. svolge attività di supporto al Mipaaf nei procedimenti di erogazione delle agevolazioni relative ai contratti di filiera (L. 289/2002).

ISA. svolge attività di supporto al Mipaaf nei procedimenti di erogazione delle agevolazioni relative ai contratti di filiera (L. 289/2002). Commissione Agricoltura Senato - Roma, 25 Luglio 2013 Presentazione ISA è una società di intermediazione finanziaria, partecipata al 100% dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali (Mipaaf),

Dettagli

Indagine sui fabbisogni formativi in materia di Internazionalizzazione

Indagine sui fabbisogni formativi in materia di Internazionalizzazione Indagine sui fabbisogni formativi in materia di Internazionalizzazione Roma, 13 ottobre 2015 Focus internazionalizzazione Nei primi mesi del 2015 si rafforzano i primi segnali positivi per l economia italiana,

Dettagli

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche Osservatorio24 def 27-02-2008 12:49 Pagina 7 Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO 2.1 La produzione industriale e i prezzi alla produzione Nel 2007 la produzione industriale

Dettagli

Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti 1-1 Dipartimento di Scienze Politiche Università di Bari Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti Modulo 1 Introduzione Hill, capitolo 1 molto integrato C.W.L. Hill, International

Dettagli

Laboratorio UniMondo - Simone Zocca

Laboratorio UniMondo - Simone Zocca Laboratorio UniMondo - Simone Zocca Classe 1 A Liceo Nazione: Romania La Romania è un paese dell est europeo, confinante con Bulgaria, Ucraina, Ungheria e Moldavia, ma anche con il Mar Nero. La sua capitale

Dettagli

Gli incentivi non mettono in moto l automobile

Gli incentivi non mettono in moto l automobile 115 idee per il libero mercato Gli incentivi non mettono in moto l automobile di Andrea Giuricin Il rallentamento economico e la crisi finanziaria hanno avuto un forte impatto su uno dei settori più importanti

Dettagli

Il quadro odierno: l anno doloroso

Il quadro odierno: l anno doloroso Il quadro odierno: l anno doloroso 2 E ritiene che negli ultimi 12 mesi la situazione economica della sua azienda sia: 2 18 48 25 7 migliorata di molto migliorata rimasta la stessa peggiorata peggiorata

Dettagli

IL COMMERCIO CON L ESTERO DI APPARECCHI ELETTRICI

IL COMMERCIO CON L ESTERO DI APPARECCHI ELETTRICI ŀ IL COMMERCIO CON L ESTERO DI APPARECCHI ELETTRICI Il settore degli Apparecchi elettrici rappresenta una voce importante dell interscambio commerciale locale, soprattutto se si pensa che da tempo 1 genera

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni

Dettagli

Università di Macerata. L internazionalizzazione delle PMI: problemi e prospettive

Università di Macerata. L internazionalizzazione delle PMI: problemi e prospettive Università di Macerata Facoltà di Giurisprudenza Dipartimento di Studi Giuridici ed Economici L internazionalizzazione delle PMI: problemi e prospettive Francesca Spigarelli spigarelli@unimc.it Tecnologia,

Dettagli

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI Direzione Affari Economici e Centro Studi COSTRUZIONI: ANCORA IN CALO I LIVELLI PRODUTTIVI MA EMERGONO ALCUNI SEGNALI POSITIVI NEL MERCATO RESIDENZIALE, NEI MUTUI ALLE FAMIGLIE E NEI BANDI DI GARA I dati

Dettagli

- Incontro tra il Ministro Corrado Passera e le Associazioni dei Giovani Imprenditori - PROPOSTA Associazione Giovani Imprenditori Agricoli

- Incontro tra il Ministro Corrado Passera e le Associazioni dei Giovani Imprenditori - PROPOSTA Associazione Giovani Imprenditori Agricoli - Incontro tra il Ministro Corrado Passera e le Associazioni dei Giovani Imprenditori - PROPOSTA Associazione Giovani Imprenditori Agricoli Roma 04 Dicembre 2012 1 Signor Ministro Passera, a nome mio e

Dettagli

Lo sviluppo dei prodotti finanziari in Italia Carlo Maria Magni Gruppo di Lavoro Finanza

Lo sviluppo dei prodotti finanziari in Italia Carlo Maria Magni Gruppo di Lavoro Finanza Il solare fotovoltaico: la nascita di una nuova industria per il Mediterraneo Installare il sole: strumenti finanziari e assicurativi Lo sviluppo dei prodotti finanziari in Italia Carlo Maria Magni Zeroemission

Dettagli

Questionario sui fabbisogni. di servizi per l internazionalizzazione delle aziende

Questionario sui fabbisogni. di servizi per l internazionalizzazione delle aziende Via Valentini, 14-59100 Prato tel. 0574 4551 - fax 0574 604595 www.ui.prato.it e-mail: uip@ui.prato.it Questionario sui fabbisogni di servizi per l internazionalizzazione delle aziende L IMPRESA E I MERCATI

Dettagli

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro 2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro Nel 2004 (dopo 3 anni di crescita stagnante dovuta principalmente agli effetti degli attacchi terroristici dell 11 settembre e all

Dettagli

Gruppo SACE - Country Risk Map

Gruppo SACE - Country Risk Map KAZAKISTAN Capitale Astana Popolazione (milioni) 17,23 41/100 71/100 83/100 PIL nominale (miliardi USD PPP) 243,56 Mancato pagamento controparte sovrana Esproprio e violazioni contrattuali Mancato pagamento

Dettagli