BILANCIO OPERATIVO PER L ANNO 2013 E LINEE PROGRAMMATICHE PER IL CORRENTE ANNO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BILANCIO OPERATIVO PER L ANNO 2013 E LINEE PROGRAMMATICHE PER IL CORRENTE ANNO"

Transcript

1 Guardia di Finanza COMANDO PROVINCIALE MANTOVA Corso Giuseppe Garibaldi 44, Mantova - Tel./Fax 0376/ BILANCIO OPERATIVO PER L ANNO 2013 E LINEE PROGRAMMATICHE PER IL CORRENTE ANNO LOTTA ALL EVASIONE FISCALE: DENUNCIATI 83 RESPONSABILI DI REATI E FRODI FISCALI E INDIVIDUATI 39 EVASORI TOTALI/PARATOTALI. SCOPERTI RICAVI NON DICHIARATI E COSTI NON DEDUCIBILI PER E IVA EVASA PER ESEGUITE PROCEDURE DI SEQUESTRO PER EQUIVALENTE IN MATERIA TRIBUTARIA PER INDIVIDUATI 138 LAVORATORI IN NERO/IRREGOLARI. MERCATO DEI BENI E SERVIZI: SEQUESTRATO UN SITO INTERNET E CIRCA PRODOTTI CONTRAFFATTI E/O NON SICURI CON LA DENUNCIA A PIEDE LIBERO DI 40 SOGGETTI. LOTTA AL TRAFFICO DI SOSTANZE STUPEFACENTI: SEQUESTRATI 10,5 Kg DI COCAINA ED ALTRE SOSTANZE PSICOTROPE. 1. Il contesto esterno e la missione Istituzionale La complessità dell attuale scenario economico-sociale è di particolare complessità a causa della perdurante congiuntura economica internazionale. In questo contesto, si rivela in tutta la sua pericolosità l evasione fiscale, che costituisce una forma di concorrenza sleale tra imprese ed un sistema distorsivo mediante il quale cittadini disonesti provocano un danno ad altri cittadini, causando per tutti una pressione fiscale più elevata. In questa prospettiva gioca un ruolo fondamentale l esercizio di spending review, che potrà ridurre non solo la spesa aggregata ma favorire anche una maggiore qualità della spesa pubblica in settori chiave. L opera del Corpo a tutela della legalità rappresenta, in tal senso, un presidio insostituibile contro evasione e elusione fiscale, lavoro sommerso, contrabbando, frodi ai fondi pubblici nazionali ed europei, spreco di denaro pubblico, criminalità organizzata, traffico di stupefacenti, immigrazione clandestina, danni ambientali, riciclaggio, abusivismo finanziario, truffe ai danni dei risparmiatori e contraffazione dei prodotti. Una battaglia continua che richiede una costante professionalità e strumenti e tecniche di indagine sempre più raffinati e tecnologicamente all avanguardia. 3. Le linee programmatiche per l anno 2014 In linea con quanto descritto, l Atto di Indirizzo per l Esercizio Economico 2014, firmato dal Ministro dell Economia e delle Finanze il 24 settembre 2013, pone le basi per garantire il consolidamento del risanamento finanziario del Paese, prevedendo, tra l altro, di: rafforzare ulteriormente la lotta all'evasione e all'elusione fiscale, con misure di contrasto ai paradisi fiscali e agli arbitraggi fiscali internazionali; potenziare il contrasto agli illeciti che provocano il nocumento alla spesa pubblica nazionale e comunitaria;

2 3. Consuntivo dell anno 2013 Vengono di seguito riportati, i risultati in termini di rendimento portati a termine: A. TUTELA DELLE ENTRATE E CONTRASTO ALL ECONOMIA SOMMERSA L attività di contrasto all evasione ed all elusione fiscale ha consentito di rilevare un sommerso d azienda pari a di imposte dirette ed di IVA. Le verifiche svolte sono state n. 168, mentre i controlli portati a termine sono stati n Scoperti 33 evasori totali (completamente sconosciuti al fisco) e 6 paratotali (evasori per un ammontare superiore al 50% del dichiarato). Denunciati n. 83 soggetti responsabili di reati fiscali principalmente per aver utilizzato o emesso fatture false e per aver omesso la presentazione delle dichiarazioni fiscali. In materia di scontrini e ricevute fiscali, sono stati effettuati circa n controlli con una percentuale di violazioni riscontrate pari al 45 % sul totale dei controlli. In materia di lavoro nero ed irregolare, sono stati individuati n. 117 lavoratori in nero e n. 21 irregolari. Verbalizzati n. 56 datori di lavoro per utilizzo di manodopera in nero o irregolare. Il lavoro svolto dalle Fiamme Gialle, trova riscontro in termini di concretezza, con: l adesione contestuale dei contribuenti, per circa 1/3, ai rilievi mossi nei verbali di constatazione; i sequestri per equivalente, nei confronti dei responsabili di frodi fiscali, di beni per un valore di circa Euro; la proposta di chiusura provvisoria, a seguito della ripetuta mancata emissione di documento fiscale, avanzata alla locale Agenzia delle Entrate, di n. 9 esercizi di cui n. 3 eseguite. Questi i servizi di rilievo svolti in tale ambito: Il Nucleo di Polizia Tributaria, nel mese di maggio ha terminato un importante indagine che ha portato alla scoperta di emissioni e l annotazioni di fatture false per un importo complessivo di circa 200 milioni di euro, nonché un crack finanziario che ha portato al fallimento di alcune società per oltre 100 milioni di euro. La frode perpetrata da un soggetto, risultato rivestire la carica di amministratore in tutte le società coinvolte nell indagine, consisteva nel sistema della doppia fatturazione, ovvero da una parte contabilizzava costi inesistenti evadendo il fisco, dall altra ne distraeva i fondi portandole al dissesto finanziario. Il meccanismo era il seguente: una società semplice emetteva due fatture di cui una genuina annotata nella propria contabilità ed una falsa di un importo più elevato che venivano registrate da n. 3 società di capitali clienti riconducibili all indagato; le tre società in presenza di acquisiti inesistenti emettevano a loro volta delle false fatture nei confronti di terzi soggetti ignari dell esistenza di tale documentazione. In questo modo si creava, nelle scritture contabili delle S.r.l, un debito fittizio nei confronti della società semplice ed un credito altrettanto fittizio nei confronti dei terzi soggetti non a conoscenza delle fatture emesse;

3 per saldare il falso credito venivano quindi emesse delle ricevute bancarie presentate per lo sconto in banca. La liquidità che si generava, in parte veniva trattenuta dall indagato ed in parte riutilizzata per le necessità aziendali. L amministratore delle società coinvolte è stato deferito all A.G. per emissione e utilizzo di fatture false e per ricorso abusivo al credito. A seguito dei rilievi mossi, l A.G. ha emesso un decreto di sequestro preventivo di quote societarie e beni immobili per un valore di 6 milioni di euro costituiti da capannoni industriali ed unità di civile abitazione in Guastalla (RE), nonché la multiproprietà di due appartamenti collocati in zone turistiche. La Compagnia di Mantova, nel mese di settembre ha terminato indagini di P.G. nei confronti di soci e legali rappresentanti di 3 società mantovane, tutte riconducibili al medesimo socio, hanno posto in essere operazioni commerciali di dubbia veridicità (nell ambito della commercializzazione di bancali) con i relativi fornitori. In sostanza, attraverso le fatture ricevute dai predetti fornitori, le imprese avrebbero cartolarmente attestato la provenienza di elevate quantità di bancali, per un valore di diversi milioni di euro, effettivamente detenute presso i loro magazzini per la commercializzazione e che, invece, di fatto sarebbero stati acquistati in nero da soggetti che, normalmente, ne hanno a loro volta acquisito il possesso illecitamente. Lo sviluppo delle indagini ha portato all esecuzione di perquisizioni sia in Lombardia che delle regioni limitrofe, nel corso delle quali sono stati sottoposti a sequestro oltre pallets recanti marchi Eur/Epal. Denunciati n. 6 soggetti, per le ipotesi di reato di cui agli artt. 2 e 8 del D.Lgs. 74/2000, per emissione di F.O.I. per circa ed utilizzo per circa A seguto di quanto emerso, l A.G. mantovana ha emesso decreto di sequestro preventivo dei conti correnti degli indagati che ha consentito di recuperare un importo totale di circa euro. La Tenenza di Castiglione delle Stiviere, nel mese di ottobre al termine di complesse indagini di polizia tributaria, ha scoperto un ingente evasione fiscale commessa da un impresa avente sede nell alto mantovano ed operante nel settore del trasporto su strada conto terzi. In particolare, è stata accertata la creazione di una società bulgara, solo apparentemente slegata all impresa verificata, ma di fatto gestita e diretta (conduzione strategica) negli stessi uffici italiani dal titolare di quest ultima, in violazione della normativa sulla cd. esterovestizione. L attività ispettiva condotta per gli anni dal 2009 al 2012 ha permesso di scoprire di ricavi non dichiarati, di costi non inerenti, circa 3,5 milioni di IVA relativa e di IVA indebitamente detratta, denunciando all Autorità Giudiziaria il rappresentante legale della società, per i conseguenti reati previsti dalla normativa tributaria. La Tenenza di Suzzara, nel mese di maggio, ha ultimato una articolata attività di indagine, che ha messo in luce un ingente evasione fiscale nel settore del commercio di prodotti informatici, attraverso il sistema delle società cartiere, sia in provincia di Mantova che in altre del nord est, prive cioè di qualsivoglia struttura, interposte tra reali venditori esteri e reali acquirenti nota come Frode Carosello. Le indagini, dirette dalla Procura della Repubblica di Mantova, si sono sviluppate mediante l esame della copiosa documentazione acquisita, anche grazie all interessamento dei collaterali organi di polizia esteri, attivati dal Ministero dell Interno/Unità Nazionale Europol, e il ricorso ad accertamenti presso istituti finanziari.

4 E stato così possibile ricostruire gli ingenti flussi di capitali intercorsi tra gli indagati, grazie ai quali è stato accertato che le risorse finanziarie per le importazioni provenivano in realtà dalle società committenti, cd. broker, mentre i passaggi intermedi, tutti effettuati mediante false fatturazioni, avevano tra l altro lo scopo di allungare i passaggi cartolari subìti dalle merci per ostacolare l eventuale lavoro investigativo. L attività si è conclusa con l accertamento di un giro di fatture false, in emissione e utilizzo, per oltre 250 milioni di euro, con un Imposta sul Valore aggiunto dovuta all Erario per circa 40 milioni di Euro, la scoperta di tre evasori totali e il deferimento all Autorità Giudiziaria di 12 soggetti, amministratori di diritto o di fatto delle imprese coinvolte, per i reati di cui agli articoli 2, 5, 8, 10 e 10/ter del D.Lgs n. 74/2000, quali omessa/infedele dichiarazione annuale, emissione di fatture per operazioni inesistenti, distruzione/occultamento di documentazione contabile e omessi versamenti di imposta sul valore aggiunto. Su delega del G.I.P. di del Tribunale di Mantova è stato inoltre effettuato, nei confronti degli indagati, il sequestro preventivo di immobili, autovetture e conti bancari ad essi riconducibili per 1,5 milioni di euro complessivi. B. SPESA PUBBLICA LOCALE, NAZIONALE E COMUNITARIA La consueta collaborazione con i Comuni virgiliani, in materia di concessione di contributi alle famiglie bisognose denominato Fondo Sostegno Affitto, ha portato alla segnalazione ai predetti Enti Locali di n. 60 soggetti risultati indebitamente fruitori in quanto il reddito reale è risultato superiore a quanto dichiarato nella domanda del beneficio. Gli importi indebitamente percepiti ammontano ad un totale di circa euro. Il protocollo di Intesa siglato con l ASL e l Ospedale Carlo Poma ha altresì, permesso di segnalare n. 16 cittadini, tutti di nazionalità italiana, che hanno indebitamente beneficiato dell esenzione al ticket sanitario. Sono stati effettuati, inoltre, 3 controlli nell ambito dei contributi pubblici erogati per l avvio di nuove imprese. L attività ha consentito di rilevare che i soggetti hanno indebitamente percepito un importo totale di circa, in quanto non hanno mantenuto per il termine prescritto (almeno cinque anni dalla percezione del finanziamento) in attività l azienda presentando in merito all ente erogatore false dichiarazioni. I tre soggetti sono stati denunciati all Autorità Giudiziaria. ll Nucleo di Polizia Tributaria ha portato a termine, tra gli altri, il seguente servizio: - nell ambito delle attività di contrasto alle frodi in materia sanitaria ha intrapreso una attività di Polizia Giudiziaria nei confronti di un medico ortopedico di 60 anni in servizio presso l Azienda Ospedaliera Carlo Poma autorizzato ad esercitare l attività libero professionale intramuraria (ALPI), in uno studio privato. Gli accertamenti svolti con contestuale richiesta di decreto di perquisizione locale portavano al ritrovamento di ,00 euro in contanti, posti all interno di una cassettiera ubicata nello studio. E emerso, tra l altro, che il professionista si è appropriato indebitamente di circa Euro, quale incentivo per i medici dipendenti in rapporto di esclusività, erogati dal Presidio ospedaliero. Sono state inoltre, sottoposte a sequestro, nr. 30 confezioni del farmaco Depo-medrolo Lidocaina - 40mg riportanti la dicitura confezione ospedaliera. Oltre al sequestro di quanto rinvenuto, il medico veniva denunciato alla locale Procura in ordine ai reati di Truffa e Peculato.

5 C. MERCATO DEI CAPITALI Nell ambito della Polizia Valutaria, sono proseguiti i controlli nei confronti di quei soggetti che hanno effettuato trasferimento di denaro in contanti superiori al limite consentito per Legge (1.000 Euro), le c.d. segnalazioni per operazioni sospette segnalate al Corpo da parte della Banca d Italia. L attività di cui sopra ha portato alla verbalizzazione di 46 soggetti, ai quali è stato contestato il trasferimento di denaro contante senza avvalersi degli intermediari abilitati, per un totale di circa Euro. Le sanzioni comminate possono arrivare sino al 40 % di tali indebite transazioni. Sviluppate inoltre segnalazioni riguardo sia l ingresso che l uscita dal territorio nazionale di denaro superiore al consentito con la segnalazione di 5 soggetti per un importo totale pari a circa Euro. D. MERCATO DEI BENI E SERVIZI CONTRAFFAZIONE E SICUREZZA DEI PRODOTTI L attività svolta da Reparti, sia di iniziativa che attraverso specifiche segnalazioni di enti, Aziende e privati, anche nel corso del 2013 ha prodotto notevoli risultati sia a tutela del mercato che del consumatore. Le vittime di truffe, sempre più on-line, molto spesso lusingate da prezzi decisamente bassi, incappano nel reale rischio di acquistare non solo prodotti contraffatti ma privi dei previsti standard di sicurezza, tali da renderli nocivi e pericolosi per l incolumità anche dei più piccoli, annoverandosi tra questi, non solo apparecchiature elettroniche ma anche giocattoli e prodotti alimentari. Sono stati, in particolare svolti n. 58 specifici servizi che hanno portato alla denuncia di n. 40 soggetti ed al sequestro di circa n prodotti in particolare abbigliamento (circa n capi ed accessori), apparecchi elettronici (circa n. 6000) e giocattoli (n. 860). Questi i servizi che hanno avuto maggior risalto: Il Nucleo di Polizia Tributaria, nel mese di ottobre ha eseguito il sequestro preventivo di un sito internet, dedito alla vendita di merce contraffatta. Le indagini si sono concentrate sulla commercializzazione on-line, attraverso un sito internet con dominio registrato in Gran Bretagna - a nome di un cittadino cinese, per la vendita di merce contraffatta costituita da capi di vestiario, calzature, borse, orologi ed accessori delle più prestigiose case di moda internazionali, oltre a e moltissimi altri articoli, per un totale di oltre modelli, offerti su 517 pagine internet; navigando all interno del sito, infatti, sono state osservate evidenti anomalie, confermate dall esiguo prezzo di vendita rispetto a quello di mercato. Le indagini hanno confermato la completa falsità di tutta la merce, tra l altro, per rendere più attendibile l offerta, venivano indicati nel sito quali referenti per la privacy e per la parte commerciale due cittadini italiani che invece sono risultati estranei al meccanismo fraudolento. La Procura della Repubblica disponeva il sequestro preventivo del sito e ne ordinava il relativo oscuramento.

6 La Compagnia di Mantova, nel mese di novembre, ha sequestrato circa mezza tonnellata di cibi ed alimenti non a norma, già confezionati ed esposti per la vendita, tra cui numerose quantità di pesce. L attività, svolta con l ausilio del personale medico del Servizio veterinario dell'asl di Mantova, è stata svolta nei confronti di un dettagliante cinese operante in città e ha permesso ai finanzieri di ritirare e porre sotto sequestro oltre 800 prodotti alimentari. In taluni casi, carne e pesce erano detenuti all interno di buste di plastica bianche anonime o erano addirittura sfusi, senza la minima indicazione in ordine a provenienza, ingredienti, data di confezionamento e di scadenza. Il legale rappresentante dell'impresa è stato sanzionato per violazione della normativa in materia di conservazione degli alimenti destinati al consumo umano. GIOCHI E SCOMMESSE Nel mese di novembre, i finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria - unitamente ai funzionari dell Amministrazione dei Monopoli di Stato - hanno scoperto un CED Centro di elaborazione/trasmissione dati che operava come una vera e propria agenzia di gioco e scommesse su eventi sportivi nazionali e stranieri, senza la prescritta autorizzazione del Agenzia delle Dogane e dei Monopoli di Stato. Sono stati quindi sottoposti a sequestro le tre apparecchiature e due postazioni telematiche tutte prive di autorizzazione e non conformi alle disposizioni del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza - ed è stata comminata al responsabile la sanzione amministrativa di euro ,00. Il titolare è stato deferito alla Procura della Repubblica di Mantova per raccolta abusiva di scommesse. E. SERVIZI EXTRATRIBUTARI TRAFFICO ILLECITO DI ANIMALI Tra i vari servizi svolti risalta il servizio svolto dalla Compagnia che ha portato al sequestro di n. 63 cuccioli di cane. L attività si è svolta nell ambito di un servizio a tutela a tutela del traffico illecito di animali a seguito di un esposto presentato dall E.I.T.A.L. (Ente Italiano Tutela Animali e Lupo), unitamente ad un rappresentante del predetto ente. La perquisizione nell abitazione di un soggetto dedito all allevamento di animali, portava al rinvenimento dei cuccioli, prevalentemente chihuahua, la cui provenienza è tuttora al vaglio dei militari. Individuati, inoltre nr. 10 box, nr. 1 sala ricoveri, nr. 2 sale parto, attesa la presenza, tra i cuccioli, di alcune fattrici. Il titolare dell allevamento è stato denunciato alla locale Procura della Repubblica per violazioni della convenzione europea per la protezione degli animali da compagnia nonché per il reato di maltrattamento di animali. TRAFFICO DI SOSTANZE STUPEFACENTI Sono stati effettuati numerosi servizi volti alla repressione del traffico di sostanze stupefacenti in ambito provinciale. Tali attività hanno permesso di trarre in arresto 8 persone per spaccio di sostanze stupefacenti, denunciarne 6 e segnalarne 8 alla locale Prefettura per uso personale. Sequestrati circa 10,5 chilogrammi di cocaina, 30 grammi di hashish, 11 piante di Marijuana, circa 400 grammi di sostanze da taglio, 5 autovetture e circa euro in contanti.

7 L operazione più rilevante è stata a Suzzara, dove il Nucleo di Polizia Tributaria, grazie ad una serie di appostamenti ed alla conseguente perquisizione domiciliare, rinveniva circa 10 Kg. di cocaina suddivisa in panetti pronti alla consegna a spacciatori locali e delle province limitrofe consentendo l arresto del Il grossista della droga, cittadino albanese residente a Suzzara. POLIZIA AMBIENTALE E FLUVIALE Nel 2013, i militari del ramo mare presenti alla sede, hanno effettuato e conseguito i seguenti risultati di servizio: Pattugliamento di circa Km di argini di fiume ed altro, effettuati ai fini di polizia economica, demaniale, fluviale ed ambientale; controllato nr. 22 unità navali; elevato nr. 29 verbali per violazioni di Polizia marittima ed ittica; sequestrato nr. 5 unità navali per violazione del Codice della Navigazione; sequestrato nr. 2 strutture galleggianti per violazione del Codice della Navigazione; elevati nr. 44 verbali in materia di Polizia ambientale e demaniale; sanzionati nr. 38 soggetti in materia di polizia ambientale e demaniale di cui 7 denunciati a piede libero; In particolare è rilevato un notevole caso di abusivismo ambientale ed edilizio in località Bagnolo S.V. (MN), all interno del sito protetto regionale del Parco del Mincio che portava alla segnalazione all A.G. nr. 4 responsabili. Accertato un altro caso di abusivismo ambientale in località Rivalta Sul Mincio (MN), all interno del sito protetto regionale del Parco del Mincio. Segnalato all A.G. nr. 1 responsabile. F. SERVIZIO DI PUBBLICA UTILITA 117 L attività di concorso in materia di Controllo Coordinato del Territorio viene espletata dalla Compagnia e dalle Tenenze, attraverso l esecuzione dei servizi su strada. In tal modo, con l impiego quotidiano di pattuglie automontate, in uniforme, che gravitano nell ambito sulle principali vie di comunicazioni dell intera provincia, si rende visibile e tangibile la quotidiana presenza Istituzionale, anche in rapporto al servizio di Pubblica Utilità 117. Al numero di pubblica utilità 117 sono pervenute 203 segnalazioni di cui 13 con l immediato intervento di una pattuglia.

8 CONSUNTIVO RISULTATI CONSEGUITI NELL ANNO ATTIVITA DI VERIFICA E CONTROLLO FISCALE a) verifiche + controlli n. 546 Importi evasi : nel settore delle imposte sui redditi ,00 nel comparto IVA ,00 b) Attività nel settore dell economia sommersa evasori totali scoperti n. 33 c) Contrasto al sommerso da lavoro nero ed irregolare Lavoratori in nero n. 117 Lavoratori irregolari n. 21 Datori di lavoro verbalizzati n CONTROLLI SUL CORRETTO RILASCIO DI DOCUMENTO FISCALE Controlli eseguiti n Violazioni rilevate n Percentuale violazioni rilevate 45,40 % 3. REATI FISCALI soggetti denunciati a piede libero n FRODI INCENTIVI A CARICO DEL BILANCIO NAZIONALE E/O LOCALE a) soggetti verbalizzati n. 85 denunciati a piede libero n. 5 b) indebite percezioni ,00 5. MERCATO DEI CAPITALI soggetti verbalizzati n STUPEFACENTI a) violazioni riscontrate n. 15 b) soggetti verbalizzati n. 20 in stato di arresto n. 8 denunciati a piede libero n. 6 c) sequestri Stupefacenti sostanze psicotrope kg. 10,5 Automezzi n. 5 Valuta 4.000,00 7. CODICE PENALE E LEGGI DI P.S. b) soggetti denunciati a piede libero n CRIMINALITA ORGANIZZATA a) violazioni riscontrate n. 1 b) sequestri ,00 9. LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE, SICUREZZA E PRODOTTI TUTELA DEL MADE IN ITALY Contraffazione Sicurezza marchi prodotti b) persone denunciate n c) prodotti sequestrati n TUTELA AMBIENTALE E DEMANIALE soggetti verbalizzati n. 38 di cui denunciati a piede libero n POLIZIA MARITTIMA a) Pattugliamento di argini e fiumi Km b) soggetti sanzionati n. 29 c) natanti sottoposti a sequestro n. 7

Guardia di Finanza COMANDO PROVINCIALE PIACENZA. Comunicato stampa Piacenza, 15 marzo 2016

Guardia di Finanza COMANDO PROVINCIALE PIACENZA. Comunicato stampa Piacenza, 15 marzo 2016 Comunicato stampa Piacenza, 15 marzo 2016 GUARDIA DI FINANZA DI PIACENZA BILANCIO OPERATIVO ANNUALE ANNO 2015 Nel 2015 è proseguita l attività delle Fiamme Gialle piacentine indirizzata al raggiungimento

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DELL 8 FEBBRAIO 2012

COMUNICATO STAMPA DELL 8 FEBBRAIO 2012 Guardia di Finanza COMANDO PROVINCIALE RAVENNA - Ufficio Comando - Sezione Operazioni e Programmazione - - Via Alberoni n. 33-48121 Ravenna tel. e Fax (0544) 37122 - COMUNICATO STAMPA DELL 8 FEBBRAIO 2012

Dettagli

Guardia di Finanza COMANDO INTERREGIONALE DELL ITALIA NORD-ORIENTALE Cannaregio, 2176 Venezia Tel. 041/719666 Fax 041/2202415

Guardia di Finanza COMANDO INTERREGIONALE DELL ITALIA NORD-ORIENTALE Cannaregio, 2176 Venezia Tel. 041/719666 Fax 041/2202415 Guardia di Finanza COMANDO INTERREGIONALE DELL ITALIA NORD-ORIENTALE Cannaregio, 2176 Venezia Tel. 041/719666 Fax 041/2202415 CONSUNTIVO DELL ATTIVITA OPERATIVA DEI REPARTI DEL TRIVENETO (periodo 1 gennaio

Dettagli

Guardia di Finanza Comando Regionale Lombardia

Guardia di Finanza Comando Regionale Lombardia Guardia di Finanza Comando Regionale Lombardia Ufficio Operazioni Sezione Stampa e Relazioni Esterne Milano, 5 febbraio 2014 LA GUARDIA DI FINANZA IN LOMBARDIA BILANCIO 2013 Nel 2013 la Guardia di Finanza

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL BILANCIO OPERATIVO ANNUALE 2014 DELLA GUARDIA DI FINANZA DI CROTONE.

PRESENTAZIONE DEL BILANCIO OPERATIVO ANNUALE 2014 DELLA GUARDIA DI FINANZA DI CROTONE. COMUNICATO STAMPA Crotone, 14 aprile 2015 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO OPERATIVO ANNUALE 2014 DELLA GUARDIA DI FINANZA DI CROTONE. 1. Contrasto alle frodi fiscali e all economia sommersa. Il contrasto alle

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DELL 8 FEBBRAIO 2013 CONSUNTIVO DELL ATTIVITÀ SVOLTA NEL 2012

COMUNICATO STAMPA DELL 8 FEBBRAIO 2013 CONSUNTIVO DELL ATTIVITÀ SVOLTA NEL 2012 Guardia di Finanza COMANDO PROVINCIALE RAVENNA - Ufficio Comando - Sezione Operazioni e Programmazione - - Via Alberoni n. 33-48121 Ravenna tel. e Fax (0544) 37122 - COMUNICATO STAMPA DELL 8 FEBBRAIO 2013

Dettagli

Intervento del Capo del III Reparto - Operazioni del Comando Generale della Guardia di Finanza Generale di Brigata Stefano Screpanti

Intervento del Capo del III Reparto - Operazioni del Comando Generale della Guardia di Finanza Generale di Brigata Stefano Screpanti Intervento del Capo del III Reparto - Operazioni del Comando Generale della Guardia di Finanza Generale di Brigata Stefano Screpanti 15 aprile 2015 LE FRODI ALL IVA LA LOTTA ALLE FRODI ALL IVA ESIGENZE

Dettagli

DAI CONFINI ALLA GLOBALIZZAZIONE: LA GUARDIA DI FINANZA A TUTELA DELLA SICUREZZA ECONOMICO FINANZIARIA.

DAI CONFINI ALLA GLOBALIZZAZIONE: LA GUARDIA DI FINANZA A TUTELA DELLA SICUREZZA ECONOMICO FINANZIARIA. CENTRO ALTI STUDI PER LA DIFESA Istituto Superiore di Stato Maggiore Interforze 31 Corso di Cooperazione Civile Militare (COCIM) DAI CONFINI ALLA GLOBALIZZAZIONE: LA GUARDIA DI FINANZA A TUTELA DELLA SICUREZZA

Dettagli

Guardia di Finanza Comando Provinciale Avellino LA GUARDIA DI FINANZA DI AVELLINO HA RICORDATO IL 241 ANNIVERSARIO DI FONDAZIONE DEL CORPO

Guardia di Finanza Comando Provinciale Avellino LA GUARDIA DI FINANZA DI AVELLINO HA RICORDATO IL 241 ANNIVERSARIO DI FONDAZIONE DEL CORPO Guardia di Finanza Comando Provinciale Avellino COMUNICATO STAMPA Avellino, 23 giugno 2015 LA GUARDIA DI FINANZA DI AVELLINO HA RICORDATO IL 241 ANNIVERSARIO DI FONDAZIONE DEL CORPO Il Comando Provinciale

Dettagli

COMUNICATO STAMPA ROMA, 29 GENNAIO 2014

COMUNICATO STAMPA ROMA, 29 GENNAIO 2014 COMUNICATO STAMPA ROMA, 29 GENNAIO 2014 GUARDIA DI FINANZA: TUTELA DEI MERCATI FINANZIARI, CONTRASTO AL RICICLAGGIO, AGGRESSIONE AI PATRIMONI DELLA CRIMINALITA ORGANIZZATA, LOTTA AL CONTRABBANDO ED AL

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA NUCLEO DI POLIZIA TRIBUTARIA MILANO TUTELA DEGLI INTERESSI FINANZIARI DELL U.E. ANALISI DEI CASI PIÙ FREQUENTI DI FRODE

GUARDIA DI FINANZA NUCLEO DI POLIZIA TRIBUTARIA MILANO TUTELA DEGLI INTERESSI FINANZIARI DELL U.E. ANALISI DEI CASI PIÙ FREQUENTI DI FRODE GUARDIA DI FINANZA NUCLEO DI POLIZIA TRIBUTARIA MILANO TUTELA DEGLI INTERESSI FINANZIARI DELL U.E. ANALISI DEI CASI PIÙ FREQUENTI DI FRODE Milano, 08 maggio 2012 1 ARTICOLAZIONE DELL INTERVENTO RUOLO DELLA

Dettagli

COMUNICATO STAMPA ROMA, 30 GENNAIO 2012

COMUNICATO STAMPA ROMA, 30 GENNAIO 2012 COMUNICATO STAMPA ROMA, 30 GENNAIO 2012 NON SOLO CONTRASTO ALL EVASIONE FISCALE E AGLI SPRECHI DI DENARO PUBBLICO. LA GUARDIA DI FINANZA È ANCHE LOTTA ALLE MAFIE, AL RICICLAGGIO DI DENARO SPORCO, ALL USURA,

Dettagli

Guardia di Finanza Nucleo di Polizia Tributaria Milano GICO. Procura della Repubblica di Milano

Guardia di Finanza Nucleo di Polizia Tributaria Milano GICO. Procura della Repubblica di Milano Guardia di Finanza Nucleo di Polizia Tributaria Milano GICO Procura della Repubblica di Milano REATI TRIBUTARI: concorso di reati e concorso di persone strumenti di tutela Dal punto di vista investigativo

Dettagli

STUPEFACENTI SEGNALAZIONE AL PREFETTO AI SENSI DELL ART 75 DPR 309/90 PERQUISIZIONE PERSONALE E LOCALE AI SENSI DELL ART.103 DPR 309/90.

STUPEFACENTI SEGNALAZIONE AL PREFETTO AI SENSI DELL ART 75 DPR 309/90 PERQUISIZIONE PERSONALE E LOCALE AI SENSI DELL ART.103 DPR 309/90. STUPEFACENTI SEGNALAZIONE AL PREFETTO AI SENSI DELL ART 75 DPR 309/90 PERQUISIZIONE PERSONALE E LOCALE AI SENSI DELL ART.103 DPR 309/90 Caso pratico Individuo trovato in possesso di un piccolo quantitativo

Dettagli

RAIUTILE INFORMAZIONE

RAIUTILE INFORMAZIONE RAIUTILE INFORMAZIONE - Martedì 3 ottobre 2006 - NAPOLI: Scoperto un falso dentista. I capillari controlli economico-finanziari, effettuati sul territorio dai finanzieri del Comando Provinciale di Napoli,

Dettagli

Indice XIII. Introduzione

Indice XIII. Introduzione Indice Introduzione XIII 1 L evasionefiscaleel usodellostrumentopenalepercontrastarla 1 1.1 Il fenomeno dell evasione 2 1.1.1 Le frodi fiscali 6 1.1.2 Alcuni dati sull evasione 11 1.2 Il ricorso allo strumento

Dettagli

CASA E FISCO. Aggiunti con Emendamento Fleres

CASA E FISCO. Aggiunti con Emendamento Fleres CASA E FISCO VADEMECUM SCUDO FISCALE 2009 Lo scudo fiscale prevede la possibilità di regolarizzare le attività finanziarie o patrimoniali detenute all estero in violazione della normativa relativa al monitoraggio

Dettagli

2. Tutela Uscite Lotta agli sprechi nella spesa pubblica

2. Tutela Uscite Lotta agli sprechi nella spesa pubblica Guardia di Finanza Comando Regionale Abruzzo RENDICONTAZIONE DELL ATTIVITÀ OPERATIVA COMANDO REGIONALE ABRUZZO - ANNO 2012 2. Tutela Uscite Lotta agli sprechi nella spesa pubblica Accanto alla lotta all'evasione

Dettagli

Guardia di Finanza COMANDO PROVINCIALE COSENZA

Guardia di Finanza COMANDO PROVINCIALE COSENZA Guardia di Finanza COMANDO PROVINCIALE COSENZA Ancor più significativo, a questo proposito, appare l azione di contrasto all economia sommersa, il cui dato finale (128 milioni di Euro, pari al 58% della

Dettagli

Procedimento penale n. 647/08 r.g.n.r.; n 2494/08 R.G.GIP. (Rito ordinario) Numeri di registro: n. 647/08 r.g.n.r.; n 2494/08 R.G.

Procedimento penale n. 647/08 r.g.n.r.; n 2494/08 R.G.GIP. (Rito ordinario) Numeri di registro: n. 647/08 r.g.n.r.; n 2494/08 R.G. Procedimento penale n. 647/08 r.g.n.r.; n 2494/08 R.G.GIP (Rito ordinario) 1. Dati identificativi del procedimento penale: Numeri di registro: n. 647/08 r.g.n.r.; n 2494/08 R.G.GIP Imputati: Z.S., nato

Dettagli

ALL. 2 Fatti di bancarotta fraudolenta patrimoniale (art. 216, comma 1, n. 1) Fatti di bancarotta fraudolenta documentale (art. 216, comma 1, n.

ALL. 2 Fatti di bancarotta fraudolenta patrimoniale (art. 216, comma 1, n. 1) Fatti di bancarotta fraudolenta documentale (art. 216, comma 1, n. ALL. 2 Fatti di bancarotta fraudolenta patrimoniale (art. 216, comma 1, n. 1): L art. 216, primo comma, n. 1, L. Fall. sanziona l imprenditore, dichiarato fallito, che prima della dichiarazione di fallimento

Dettagli

IL PROGRAMMA 2016. MODULO I - I PRINCIPI GENERALI DEL DIRITTO PENALE DELL IMPRESA 1 22 gennaio 2016-15.00-19.00

IL PROGRAMMA 2016. MODULO I - I PRINCIPI GENERALI DEL DIRITTO PENALE DELL IMPRESA 1 22 gennaio 2016-15.00-19.00 IL PROGRAMMA 2016 MODULO I - I PRINCIPI GENERALI DEL DIRITTO PENALE DELL IMPRESA 1 22 gennaio 2016-15.00-19.00 Il diritto penale dell impresa nell evoluzione legislativa e giurisprudenziale: le norme e

Dettagli

si riferisce a soggetti diversi da quelli effettivi, determina il realizzarsi di un' ipotesi di

si riferisce a soggetti diversi da quelli effettivi, determina il realizzarsi di un' ipotesi di LE OPERAZIONI SOGGETTIVAMENTE INESISTENTI L'intestazione fittizia della fattura o del documento, tale da far apparire che l'operazione si riferisce a soggetti diversi da quelli effettivi, determina il

Dettagli

Ten.Col. Pasquale Arena Comando Provinciale G. di F. Roma I Gruppo - C.te I Nucleo Operativo

Ten.Col. Pasquale Arena Comando Provinciale G. di F. Roma I Gruppo - C.te I Nucleo Operativo Ten.Col. Pasquale Arena Comando Provinciale G. di F. Roma I Gruppo - C.te I Nucleo Operativo 2011 2012 fonte: AAMS Raccolta Vincite Spesa giocatori 2 Entrate «nette» Totale 79,9 61,3 18,5 8,8 scommesse

Dettagli

Informativa n. 38. La manovra di Ferragosto ( DL 13.8.2011 n. 138 convertito nella L. 14.9.2011 n. 148) - Novità in materia di reati tributari INDICE

Informativa n. 38. La manovra di Ferragosto ( DL 13.8.2011 n. 138 convertito nella L. 14.9.2011 n. 148) - Novità in materia di reati tributari INDICE Informativa n. 38 del 21 settembre 2011 La manovra di Ferragosto ( DL 13.8.2011 n. 138 convertito nella L. 14.9.2011 n. 148) - Novità in materia di reati tributari INDICE 1 Premessa... 2 2 Operatività

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE GUARDIA DI FINANZA PISTOIA GUARDIA DI FINANZA DI PISTOIA: IL BILANCIO OPERATIVO DEL 2013.

COMANDO PROVINCIALE GUARDIA DI FINANZA PISTOIA GUARDIA DI FINANZA DI PISTOIA: IL BILANCIO OPERATIVO DEL 2013. COMANDO PROVINCIALE GUARDIA DI FINANZA PISTOIA COMUNICATO STAMPA Pistoia, 24 febbraio 2014 GUARDIA DI FINANZA DI PISTOIA: IL BILANCIO OPERATIVO DEL 2013. Il Comandante Provinciale della Guardia di Finanza

Dettagli

ALLEGATO C AREE DI ATTIVITA A RISCHIO REATO, REATI ASSOCIABILI E PRESIDI ORGANIZZATIVI

ALLEGATO C AREE DI ATTIVITA A RISCHIO REATO, REATI ASSOCIABILI E PRESIDI ORGANIZZATIVI Realizzazione di programmi di formazione e di servizi a favore del personale finanziati con contributi pubblici Area di attività a rischio diretto con riferimento ai Corruzione pubblica 1 Truffa in danno

Dettagli

INDICE CAPITOLO PRIMO RIFLESSIONI SUL CONCETTO DI FRODE NEL DIRITTO PENALE DELL ECONOMIA

INDICE CAPITOLO PRIMO RIFLESSIONI SUL CONCETTO DI FRODE NEL DIRITTO PENALE DELL ECONOMIA INDICE Premessa... pag. 11 CAPITOLO PRIMO RIFLESSIONI SUL CONCETTO DI FRODE NEL DIRITTO PENALE DELL ECONOMIA 1.1 Le frodi fiscali. Evoluzione storica della fattispecie... pag. 13 1.2 Il concetto di frode.

Dettagli

17. Criminalità: i reati economici e finanziari

17. Criminalità: i reati economici e finanziari 17. Criminalità: i reati economici e finanziari Nel triennio 2001-2003 si registra complessivamente, nel territorio provinciale, una riduzione dei reati fiscali non depenalizzati (quei delitti in maniera

Dettagli

Circolare N.50 del 04 Aprile 2012

Circolare N.50 del 04 Aprile 2012 Circolare N.50 del 04 Aprile 2012 Deroga al limite all utilizzo del denaro contante per gli acquisti effettuati da turisti stranieri. Disponibile la comunicazione di adesione alla disciplina Deroga al

Dettagli

A cura del Ten.Col. t.st Oriol De Luca Comandante del Gruppo Tutela Spesa Pubblica Nucleo di Polizia Tributaria Palermo

A cura del Ten.Col. t.st Oriol De Luca Comandante del Gruppo Tutela Spesa Pubblica Nucleo di Polizia Tributaria Palermo QUESTA SESSIONE DI FORMAZIONE È STATA CO-FINANZIATA DALLA COMMISSIONE EUROPEA (OLAF) NELL AMBITO DEL PROGRAMMA HERCULE II 2007 2013: UN PROGRAMMA DI AZIONE COMUNITARIA PER PROMUOVERE ATTIVITÀ NEL CAMPO

Dettagli

TABELLA PRIMA PROCURA REGIONALE DELLE MARCHE

TABELLA PRIMA PROCURA REGIONALE DELLE MARCHE TABELLA PRIMA PROCURA REGIONALE DELLE MARCHE 1.1 TIPOLOGIE DELLE DENUNCE 1.1.1 Organi giurisdizionali 7 1.1.2 Organi amministrativi 385 1.1.3 Organi di controllo 3 1.1.4 Organi di informazione 121 1.1.5

Dettagli

pag. ABBREVIAZIONI... SINTESI ESPOSITIVA DELLA MATERIA TRATTATA... 1 GIURISPRUDENZA E DOTTRINA... 15 CAPITOLO PRIMO

pag. ABBREVIAZIONI... SINTESI ESPOSITIVA DELLA MATERIA TRATTATA... 1 GIURISPRUDENZA E DOTTRINA... 15 CAPITOLO PRIMO pag. ABBREVIAZIONI... XIX SINTESI ESPOSITIVA DELLA MATERIA TRATTATA... 1 GIURISPRUDENZA E DOTTRINA......................... 15 CAPITOLO PRIMO I DELITTI IN MATERIA DI DICHIARAZIONE: ELEMENTI COMUNI 1. I

Dettagli

(Artt. 5-quinquies e 5-septies D.L. 167/1990) Avv. Mario Garavoglia

(Artt. 5-quinquies e 5-septies D.L. 167/1990) Avv. Mario Garavoglia (Artt. 5-quinquies e 5-septies D.L. 167/1990) Avv. Mario Garavoglia VOLUNTARY DISCLOSURE (Legge n. 186 del 15 dicembre 2014) Procedura straordinaria di collaborazione volontaria tesa a consentire ai contribuenti

Dettagli

La revisione degli aspetti penali ai sensi dell articolo 8 Legge delega 23/2014

La revisione degli aspetti penali ai sensi dell articolo 8 Legge delega 23/2014 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La riforma delle sanzioni tributarie La revisione degli aspetti penali ai sensi dell articolo 8 Legge delega 23/2014 di Sanvito Corrado Milano, Corso Europa,

Dettagli

L attività della Guardia di Finanza di Palermo nel contrasto alla criminalità organizzata, alla corruzione ed al riciclaggio.

L attività della Guardia di Finanza di Palermo nel contrasto alla criminalità organizzata, alla corruzione ed al riciclaggio. L attività della Guardia di Finanza di Palermo nel contrasto alla criminalità organizzata, alla corruzione ed al riciclaggio. Gen. B. Stefano Screpanti Nel porgere un sentito saluto agli illustri Deputati

Dettagli

ALCUNE TIPOLOGIE DI CRIMINI DEI COLLETTI BIANCHI

ALCUNE TIPOLOGIE DI CRIMINI DEI COLLETTI BIANCHI ALCUNE TIPOLOGIE DI CRIMINI DEI COLLETTI BIANCHI REATI TRIBUTARI SICUREZZA SUL LAVORO REATI SOCIETARI CRIMINI DEI COLLETTI BIANCHI REATI AMBIENTALI REATI FALLIMENTARI MARKET ABUSE RILEVANZA PENALE DELL

Dettagli

Nucleo Speciale Tutela Proprietà Intellettuale

Nucleo Speciale Tutela Proprietà Intellettuale Guardia di Finanza Nucleo Speciale Tutela Proprietà Intellettuale sicurezza prodotti e contraffazione dei giocattoli Torino, 9 novembre 2015 Tenente Colonnello Pietro Romano AGENDA premessa Il S.I.A.C.

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Premessa... I CARATTERI DELLA FRODE FISCALE NELL IM- PIANTO NORMATIVO DEL D. LGS. 74/2000 PARTE PRIMA

INDICE SOMMARIO. Premessa... I CARATTERI DELLA FRODE FISCALE NELL IM- PIANTO NORMATIVO DEL D. LGS. 74/2000 PARTE PRIMA INDICE SOMMARIO Premessa... XIII PARTE PRIMA I CARATTERI DELLA FRODE FISCALE NELL IM- PIANTO NORMATIVO DEL D. LGS. 74/2000 CAPITOLO 1 IL CONCETTO DI FRODE AL FISCO 1. Premessa... 3 2. Concetto e finalità

Dettagli

LE SANZIONI PER L INOSSERVANZA DELLE NORME ANTIRICICLAGGIO

LE SANZIONI PER L INOSSERVANZA DELLE NORME ANTIRICICLAGGIO LE SANZIONI PER L INOSSERVANZA DELLE NORME ANTIRICICLAGGIO Relatore Magg. GdF dott. Armando Tadini - Ufficiale Addetto Centro Operativo DIA Milano - SANZIONI amministrative penali CAPO II DEL DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

Comunicazione all Agenzia delle Entrate dell indirizzo PEC entro il 31.10.2014 - Esclusioni

Comunicazione all Agenzia delle Entrate dell indirizzo PEC entro il 31.10.2014 - Esclusioni STUDIO BROELTDDDDDDDDDDDDDDD STUDIO BORLETTO Dott. Alfio Via Santa Maria 23 10060 SCALENGHE (TO) Comunicazione all Agenzia delle Entrate dell indirizzo PEC entro il 31.10.2014 - Esclusioni 1 PREMESSA L

Dettagli

Sanzioni penal-tributarie: riforma operativa dal 22 ottobre della Dott.ssa Roberta De Pirro

Sanzioni penal-tributarie: riforma operativa dal 22 ottobre della Dott.ssa Roberta De Pirro Sanzioni penal-tributarie: riforma operativa dal 22 ottobre della Dott.ssa Roberta De Pirro Le modifiche al sistema delle sanzioni penali tributarie hanno decorrenza immediata: infatti, la riforma della

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA COMANDO PROVINCIALE VICENZA NUCLEO POLIZIA TRIBUTARIA DI VICENZA SEZIONE MOBILE. Operazione. Money from the Sky

GUARDIA DI FINANZA COMANDO PROVINCIALE VICENZA NUCLEO POLIZIA TRIBUTARIA DI VICENZA SEZIONE MOBILE. Operazione. Money from the Sky GUARDIA DI FINANZA COMANDO PROVINCIALE VICENZA NUCLEO POLIZIA TRIBUTARIA DI VICENZA SEZIONE MOBILE Operazione Money from the Sky COMANDO PROVINCIALE VICENZA - OPERAZIONE «MONEY FROM THE SKY» 2 L OPERAZIONE

Dettagli

Generated by Foxit PDF Creator Foxit Software http://www.foxitsoftware.com For evaluation only. COMUNE DI SENIGALLIA POLIZIA MUNICIPALE

Generated by Foxit PDF Creator Foxit Software http://www.foxitsoftware.com For evaluation only. COMUNE DI SENIGALLIA POLIZIA MUNICIPALE COMUNE DI SENIGALLIA POLIZIA MUNICIPALE RESOCONTO DELL ATTIVITA OPERATIVA SVOLTA NELL ANNO 2010 RESOCONTO ATTIVITA SVOLTA IN MATERIA DI POLIZIA STRADALE ATTIVITA DI ACCERTAMENTO DELLE VIOLAZIONI TOTALE

Dettagli

Periodico informativo n. 133/2014. Al via controlli sull utilizzo dei crediti IVA

Periodico informativo n. 133/2014. Al via controlli sull utilizzo dei crediti IVA Periodico informativo n. 133/2014 Al via controlli sull utilizzo dei crediti IVA Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza del fatto che l Agenzia

Dettagli

PROGETTO LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE NEL COMUNE DI COFINANZIATO DAL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO A SEGUITO DI CONVENZIONE CON L ANCI NAZIONALE

PROGETTO LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE NEL COMUNE DI COFINANZIATO DAL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO A SEGUITO DI CONVENZIONE CON L ANCI NAZIONALE PROGETTO LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE NEL COMUNE DI LIVORNO COFINANZIATO DAL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO A SEGUITO DI CONVENZIONE CON L ANCI NAZIONALE PROGETTO LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE NEL COMUNE

Dettagli

pag. SINTESI ESPOSITIVA DELLA MATERIA TRATTATA... 1

pag. SINTESI ESPOSITIVA DELLA MATERIA TRATTATA... 1 pag. SINTESI ESPOSITIVA DELLA MATERIA TRATTATA... 1 TESTI LEGISLATIVI... 11 1. Legge 25 giugno 1999, n. 205 (Delega al Governo per la depenalizzazione dei reati minori e modifiche al sistema penale e tributario):

Dettagli

ASPETTI PARTICOLARI: LE LIMITAZIONI ALL USO DEI CONTANTI E DEI TITOLI AL PORTATORE

ASPETTI PARTICOLARI: LE LIMITAZIONI ALL USO DEI CONTANTI E DEI TITOLI AL PORTATORE ASPETTI PARTICOLARI: LE LIMITAZIONI ALL USO DEI CONTANTI E DEI TITOLI AL PORTATORE L art. 49 del DLGS n. 231/07 vieta il trasferimento di denaro contante, libretti e/o titoli al portatore fra soggetti

Dettagli

COMUNE DI SENIGALLIA POLIZIA MUNICIPALE RESOCONTO DELL ATTIVITA OPERATIVA SVOLTA NELL ANNO 2011

COMUNE DI SENIGALLIA POLIZIA MUNICIPALE RESOCONTO DELL ATTIVITA OPERATIVA SVOLTA NELL ANNO 2011 COMUNE DI SENIGALLIA POLIZIA MUNICIPALE RESOCONTO DELL ATTIVITA OPERATIVA SVOLTA NELL ANNO 2011 RESOCONTO ATTIVITA SVOLTA IN MATERIA DI POLIZIA STRADALE ATTIVITA DI ACCERTAMENTO DELLE VIOLAZIONI TOTALE

Dettagli

S T U D I O L E G A L E A S S O C I A T O T O S E L L O & P A R T N E R S

S T U D I O L E G A L E A S S O C I A T O T O S E L L O & P A R T N E R S S T U D I O L E G A L E A S S O C I A T O T O S E L L O & P A R T N E R S 35131 PADOVA - Piazzale Stazione n. 6 - tel. 049.8759866-049.654879 - fax 049.8753348 C.F./P.IVA 04351050283 avvocati@studiolegaletosello.it

Dettagli

STUDIO BELCASTRO. Dott. Claudio Belcastro. claudio.belcastro@studiobelcastro.it web www.studiobelcastro.it

STUDIO BELCASTRO. Dott. Claudio Belcastro. claudio.belcastro@studiobelcastro.it web www.studiobelcastro.it Dott. Claudio Belcastro Dott. Emanuela Candido Rag. Maria Teresa Cimarosa Dott. Franco Chiudino Rag. Sandra Macrì Rag. Caterina Piccolo Dott. Sergio Policheni Rag. Santina Sansotta Dott. Francesco Strangio

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA. Nucleo Polizia Tributaria Roma G.I.C.O. PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI NAPOLI DIREZIONE DISTRETTUALE ANTIMAFIA

GUARDIA DI FINANZA. Nucleo Polizia Tributaria Roma G.I.C.O. PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI NAPOLI DIREZIONE DISTRETTUALE ANTIMAFIA PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI NAPOLI DIREZIONE DISTRETTUALE ANTIMAFIA MODUS OPERANDI LE CONDOTTE ILLECITE Imprenditori diretta espressione del clan dei casalesi; Costituzione di società

Dettagli

L attività istruttoria. Università Carlo Cattaneo - Liuc anno accademico 2014/2015 corso di diritto tributario prof. Giuseppe.

L attività istruttoria. Università Carlo Cattaneo - Liuc anno accademico 2014/2015 corso di diritto tributario prof. Giuseppe. L attività istruttoria Università Carlo Cattaneo - Liuc anno accademico 2014/2015 corso di diritto tributario prof. Giuseppe. Zizzo 1 oggetto della lezione l attività istruttoria la liquidazione delle

Dettagli

Comando Regionale Campania della Guardia di Finanza

Comando Regionale Campania della Guardia di Finanza I risultati conseguiti nei primi 5 mesi del 2014 (I) Indice 1. Premessa pag. 1 2. Il consolidamento ed il rafforzamento della lotta all evasione e all elusione fiscale pag. 1 3. L intensificazione del

Dettagli

POLIGNANO A MARE IL 18 APRILE 1960

POLIGNANO A MARE IL 18 APRILE 1960 INFORMAZIONI PERSONALI Nome e cognome Luogo e data di nascita Data assunzione in AQP S.p.a. o società del gruppo FRANCESCO ARDITO POLIGNANO A MARE IL 18 APRILE 1960 2 APRILE 2005 PROFILO PROFESSIONALE

Dettagli

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ai sensi del D.Lgs. 231/2001 GESTIONE DELLE RISORSE FINANZIARIE

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ai sensi del D.Lgs. 231/2001 GESTIONE DELLE RISORSE FINANZIARIE FONDAZIONE dott. PIETRO FOJANINI di Studi Superiori Via Valeriana, 32 23100 SONDRIO Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ai sensi del D.Lgs. 231/2001 PROTOCOLLO PT 04 GESTIONE DELLE RISORSE

Dettagli

Al Fondo SPES Napoli Via Giacinto Gigante, 7-80136 Napoli Tel. 081/5492018 mail: info@fondospes.it

Al Fondo SPES Napoli Via Giacinto Gigante, 7-80136 Napoli Tel. 081/5492018 mail: info@fondospes.it Modulo di richiesta di finanziamento Al Fondo SPES Napoli Via Giacinto Gigante, 7-80136 Napoli Tel. 081/5492018 mail: info@fondospes.it OGGETTO: Programma di microcredito con il sostegno del FONDO SPES

Dettagli

I principali reati tributari (normativa in vigore dal 17/9/2011)

I principali reati tributari (normativa in vigore dal 17/9/2011) I principali reati tributari (normativa in vigore dal 17/9/2011) by Redazione - Tuesday, February 03, 2015 http://www.ascheri.net/2015/02/03/principali-reati-tributari-normativa-vigore-dal-1792011/ Attenzione

Dettagli

Semplificazione fiscale La nuova disciplina dei rimborsi tributari

Semplificazione fiscale La nuova disciplina dei rimborsi tributari Semplificazione fiscale La nuova disciplina dei rimborsi tributari Artt. 13, 14 e 15, d.lgs. 21 novembre 2014, n. 175 Semplificazione fiscale e dichiarazione dei redditi precompilata di Leda Rita Corrado

Dettagli

A cura del Cap. Luigi Mario PAONE Bari, 9 febbraio 2011

A cura del Cap. Luigi Mario PAONE Bari, 9 febbraio 2011 A cura del Cap. Luigi Mario PAONE Bari, 9 febbraio 2011 Operazione GOLDEN OIL Operazione GOLDEN OIL L aiuto al consumo dell olio d oliva, concesso come incentivo a quegli operatori che commercializzavano

Dettagli

Guardia di Finanza PREMESSO CHE

Guardia di Finanza PREMESSO CHE Guardia di Finanza PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO AI RAPPORTI DI COLLABORAZIONE TRA L ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO E LA GUARDIA DI FINANZA l Istituto Nazionale per

Dettagli

CERVIA CITTA SICURA. Periodo gennaio settembre 2014 SERVIZIO CENTRALE OPERATIVA - VERBALI

CERVIA CITTA SICURA. Periodo gennaio settembre 2014 SERVIZIO CENTRALE OPERATIVA - VERBALI CERVIA CITTA SICURA Periodo gennaio settembre 2014 SERVIZIO CENTRALE OPERATIVA - VERBALI controlli effettuati per segnalazioni ricevute 3227 veicoli fermati e sottoposti a controllo 1686 posti di controllo

Dettagli

agevolare e accelerare lo scambio di informazioni e fornire assistenza nelle indagini.

agevolare e accelerare lo scambio di informazioni e fornire assistenza nelle indagini. DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELL ACCORDO DI COOPERAZIONE TRA LA COMUNITÀ EUROPEA E I SUOI STATI MEMBRI DA UN LATO, E LA CONFEDERAZIONE SVIZZERA, DALL ALTRO, PER LOTTARE CONTRO LA FRODE

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA COMANDO PROVINCIALE BARI COMANDO PROVINCIALE GUARDIA DI FINANZA BARI

GUARDIA DI FINANZA COMANDO PROVINCIALE BARI COMANDO PROVINCIALE GUARDIA DI FINANZA BARI GUARDIA DI FINANZA COMANDO PROVINCIALE BARI COMUNICATO STAMPA Bari, 22 giugno 2015 LA GUARDIA DI FINANZA PUGLIESE CELEBRA IL 241 ANNIVERSARIO DI FONDAZIONE DEL CORPO COMANDO PROVINCIALE GUARDIA DI FINANZA

Dettagli

MODULO 1 IL RUOLO DEL CAF

MODULO 1 IL RUOLO DEL CAF MODULO 1 IL RUOLO DEL CAF Lezione 8 Il Condono Fiscale Contenuto Il Condono Fiscale... 3 Procedura di Pagamento... 3 Principali Condoni Fiscali Degli Ultimi Anni... 3 Assistenza Fiscale... 3 Caratteristiche...

Dettagli

SANZIONI (tabelle di sintesi)

SANZIONI (tabelle di sintesi) (tabelle di sintesi) DELL OBBLIGO DI DICHIARAZIONE ANNUALE IVA ART. 5 - DLGS 471/1997 Dichiarazione omessa: con IVA dovuta senza IVA dovuta (IVA a credito o saldo a zero) Dichiarazione infedele con incidenza

Dettagli

DISPOSIZIONI ATTUATIVE

DISPOSIZIONI ATTUATIVE ALLEGATO 1 LEGGE 313/2004 DISCIPLINA DELL APICOLTURA Interventi per l ammodernamento delle sale di smielatura e dei locali per la lavorazione di prodotti apistici DISPOSIZIONI ATTUATIVE FINALITA In applicazione

Dettagli

MISURE PER LA PREVENZIONE DEI FENOMENI DI CORRUZIONE

MISURE PER LA PREVENZIONE DEI FENOMENI DI CORRUZIONE Allegato A al piano triennale di prevenzione della corruzione 2015-2017 Tutti i report/ registri/pubblicazioni contenuti nelle schede di cui al presente allegato andranno creati ed allocati a cura del

Dettagli

Sommario. I. Il reato di riciclaggio e le misure antiriciclaggio pag. 9

Sommario. I. Il reato di riciclaggio e le misure antiriciclaggio pag. 9 I. Il reato di riciclaggio e le misure antiriciclaggio pag. 9 1. Le norme antiriciclaggio previste dal decreto legislativo n. 231 del 21 novembre 2007: applicabilità al nuovo reato di autoriciclaggio pag.

Dettagli

Circolare AAMS 14 Luglio 2003

Circolare AAMS 14 Luglio 2003 Circolare AAMS 14 Luglio 2003 D.M. 15 febbraio 2001, n.156. D. D. 30 maggio 2002 concernenti la raccolta telefonica e telematica delle giocate relative a scommesse. Chiarimenti della relativa disciplina.

Dettagli

IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE

IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Regolamento di disciplina dei requisiti di professionalità, onorabilità, indipendenza e patrimoniali per l iscrizione all albo delle persone fisiche consulenti finanziari. IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE

Dettagli

STUDIO NEGRI E ASSOCIATI

STUDIO NEGRI E ASSOCIATI EMERSIONE CAPITALI ESTERI, ULTIMA OCCASIONE PER REGOLARIZZARE LE PROPRIE POSIZIONI ESTERE La disciplina cosiddetta della Voluntary disclosure (Emersione e rientro di capitali dall'estero) è stata approvata

Dettagli

AT-392/8.1 AT-392/8.2

AT-392/8.1 AT-392/8.2 AT-392/8.1 AT-392/8.2 AT-392/8.3 AT-392/8.4 AT-392/8.5 AT-392/8.6 AT-392/8.7 AT-392/8.8 AT-392/8.9 ECONOMATO - N schede economali aperte Viene rilevato il numero complessivo di schede economali aperte

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE APPROVATA, IN UN TESTO UNIFICATO, DAL SENATO DELLA REPUBBLICA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE APPROVATA, IN UN TESTO UNIFICATO, DAL SENATO DELLA REPUBBLICA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2699 PROPOSTA DI LEGGE APPROVATA, IN UN TESTO UNIFICATO, DAL SENATO DELLA REPUBBLICA il 16 settembre 2009 (v. stampati Senato nn. 414-507)

Dettagli

Concorso L evasione fiscale in Italia

Concorso L evasione fiscale in Italia Concorso L evasione fiscale in Italia Materiale realizzato dall Agenzia delle Entrate, a cura di: Daniela Berlese, Maria Macchia, Edoardo Mizzon, Luciano Morlino, Luca Ostellino, Roberta Quarto, Marco

Dettagli

APPENDICE 1. Reati commessi nei rapporti con la pubblica amministrazione (artt. 24 e 25 del Decreto);

APPENDICE 1. Reati commessi nei rapporti con la pubblica amministrazione (artt. 24 e 25 del Decreto); APPENDICE 1 REATI ED ILLECITI (Generale)* I II Reati commessi nei rapporti con la pubblica amministrazione (artt. 24 e 25 del Decreto); Reati informatici e trattamento illecito di dati (art. 24 bis del

Dettagli

UNA RETE DI PROFESSIONISTI PER DARE AD OGNI PROBLEMA LA GIUSTA SOLUZIONE IN UN MONDO CHE CAMBIA MISSION

UNA RETE DI PROFESSIONISTI PER DARE AD OGNI PROBLEMA LA GIUSTA SOLUZIONE IN UN MONDO CHE CAMBIA MISSION PROFILO E MISSION UNA RETE DI PROFESSIONISTI PER DARE AD OGNI PROBLEMA LA GIUSTA SOLUZIONE IN UN MONDO CHE CAMBIA M.C.& Partners consulenze integrate aziendali - srl è una società di consulenza e servizi

Dettagli

MISURE PER LA PREVENZIONE DEI FENOMENI DI CORRUZIONE. MISURE DI PREVENZIONE SPECIFICO DA PREVENIRE Anno 2015 Anno 2016 Anno 2017

MISURE PER LA PREVENZIONE DEI FENOMENI DI CORRUZIONE. MISURE DI PREVENZIONE SPECIFICO DA PREVENIRE Anno 2015 Anno 2016 Anno 2017 Allegato B alla deliberazione di Giunta comunale n. 010 del 28.01.2015 Tutti i report/ registri/pubblicazioni contenuti nelle schede di cui al presente allegato andranno creati ed allocati a cura del Responsabile

Dettagli

Definizioni. Verbale di controllo ispettivo. Modalità e termini per la gestione delle non conformità

Definizioni. Verbale di controllo ispettivo. Modalità e termini per la gestione delle non conformità Decreto Dipartimentale 26 settembre 2014 n. 18096 (pubblicazione sul sito internet del MiPAAF).- Individuazione dei tempi e delle modalità di gestione dei provvedimenti adottati dagli Organismi di controllo

Dettagli

SCHEDA 1 MISURE PER LA PREVENZIONE DEI FENOMENI DI CORRUZIONE

SCHEDA 1 MISURE PER LA PREVENZIONE DEI FENOMENI DI CORRUZIONE Tutti i report/ registri/pubblicazioni contenuti nelle schede di cui al presente allegato andranno creati ed allocati a cura del Responsabile del servizio competente in apposta banca dati dell Ente. SCHEDA

Dettagli

CIRCOLARE N.18/E. OGGETTO: Misura e ravvedibilità delle sanzioni applicate in sede di controllo automatizzato delle dichiarazioni

CIRCOLARE N.18/E. OGGETTO: Misura e ravvedibilità delle sanzioni applicate in sede di controllo automatizzato delle dichiarazioni CIRCOLARE N.18/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Settore Gestione Tributi Ufficio Gestione Dichiarazioni Roma, 10 maggio 2011 aprile 2011 OGGETTO: Misura e ravvedibilità delle sanzioni applicate

Dettagli

COMUNICAZIONE DI ADESIONE ALLA DISCIPLINA DI DEROGA ALLE LIMITAZIONI DI TRASFERIMENTO DEL DENARO CONTANTE

COMUNICAZIONE DI ADESIONE ALLA DISCIPLINA DI DEROGA ALLE LIMITAZIONI DI TRASFERIMENTO DEL DENARO CONTANTE COMUNICAZIONE DI ADESIONE ALLA DISCIPLINA DI DEROGA ALLE LIMITAZIONI DI TRASFERIMENTO DEL DENARO CONTANTE Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del decreto legislativo n.

Dettagli

La Manovra 2010 modifica il decreto antiriciclaggio

La Manovra 2010 modifica il decreto antiriciclaggio La modifica il decreto antiriciclaggio di Nicola Forte (*) LA NOVITA` La ha diminuito nuovamente a 5.000 euro la soglia massima per le transazioni in contanti, per l emissione di assegni liberi e per il

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO. avv.pierluigioliva@hotmail.it

ANTIRICICLAGGIO. avv.pierluigioliva@hotmail.it ANTIRICICLAGGIO avv.pierluigioliva@hotmail.it Il quadro normativo!! Direttive CEE!! D. lgs. 21.11.2007 n.231!! D. lgs. 25.9.2009 n.152!! Il fine è quello di prevenire l utilizzo del sistema finanziario

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE 2008 (sommario)

RAPPORTO ANNUALE 2008 (sommario) RAPPORTO ANNUALE 2008 (sommario) 2 L INPS a garanzia del Sistema di Welfare Il Rapporto annuale dell INPS descrive il ruolo e le attività dell Istituto, offrendo un immagine dettagliata della società italiana

Dettagli

PROVINCIA DI LIVORNO

PROVINCIA DI LIVORNO PROVINCIA DI LIVORNO SEGNALAZIONE A SEGUITO DI CONTROLLO PRESSO UNA SOCIETA CHE EFFETTUAVA BONIFICA DI UN SITO INQUINATO OGGETTO DELLA VERIFICA CONTROLLO F.I.R. RELATIVI AL TRASPORTO DI EMULSIONI CONTENENTI

Dettagli

LA CONTRAFFAZIONE IN CIFRE. La lotta alla Contraffazione in Italia nel quadriennio 2008 2011

LA CONTRAFFAZIONE IN CIFRE. La lotta alla Contraffazione in Italia nel quadriennio 2008 2011 DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LA LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UIBM PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PR LA LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE

Dettagli

Fare Agriturismo: quando la qualità si confronta con le norme. Lavoro e previdenza in agriturismo. Il ruolo dell INPS.

Fare Agriturismo: quando la qualità si confronta con le norme. Lavoro e previdenza in agriturismo. Il ruolo dell INPS. Direzione Regionale del Veneto Area prevenzione e contrasto economia sommersa e lavoro irregolare Fare Agriturismo: quando la qualità si confronta con le norme. Lavoro e previdenza in agriturismo. Il ruolo

Dettagli

CORSO ANTIRICICLAGGIO 2013

CORSO ANTIRICICLAGGIO 2013 CORSO ANTIRICICLAGGIO 2013 Normativa, adempimenti, sanzioni, verifiche, flusso operativo procedura Antonello Valentini TeamUfficio S.r.l. 1 Cos è l Antiriciclaggio? Con Antiriciclaggio si intende l azione

Dettagli

Alcuni rilievi emersi in sede di controllo. Antonio Cologno 27 gennaio 2015

Alcuni rilievi emersi in sede di controllo. Antonio Cologno 27 gennaio 2015 Alcuni rilievi emersi in sede di controllo Antonio Cologno 27 gennaio 2015 1 Principali rilievi/criticità esclusiva o prevalente attività comm.le tracciabilità pagamenti mancanza attività istituzionale

Dettagli

Indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Arezzo, che ha permesso di disvelare un articolato sodalizio criminale finalizzato all

Indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Arezzo, che ha permesso di disvelare un articolato sodalizio criminale finalizzato all Indagine Fort Knox Roma, 08 aprile 2014 Indagine Fort Knox Indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Arezzo, che ha permesso di disvelare un articolato sodalizio criminale finalizzato all

Dettagli

Il monitoraggio fiscale

Il monitoraggio fiscale Forum Banche e P.A. 2015 Il monitoraggio fiscale Roma, 23 novembre 2015 1 L art. 9 della legge 6 agosto 2013, n. 97 («legge europea 2013») ha profondamente modificato il sistema del cd. monitoraggio fiscale

Dettagli

Circolare n. 111 del 13 Ottobre 2006

Circolare n. 111 del 13 Ottobre 2006 [ Direzione Centrale Vigilanza sulle Entrate ed Economia Sommersa Circolare n. 111 del 13 Ottobre 2006 OGGETTO: Art. 36 bis - Legge n. 248/06 SOMMARIO: Interventi in materia di entrate e di contrasto al

Dettagli

Torino, 27 novembre 2015 Riciclaggio, autoriciclaggio e responsabilità 231

Torino, 27 novembre 2015 Riciclaggio, autoriciclaggio e responsabilità 231 Torino, 27 novembre 2015 Riciclaggio, autoriciclaggio e responsabilità 231 Avv. Gian Piero Chieppa Foro di Torino Dott.ssa Lucia Starola Dottore Commercialista in Torino FATTI di riciclaggio e responsabilità

Dettagli

LAVORO INCENDI QUALITA' LEGGE DI CONVERSIONE DEL DECRETO BERSANI (LEGGE N. 248

LAVORO INCENDI QUALITA' LEGGE DI CONVERSIONE DEL DECRETO BERSANI (LEGGE N. 248 LEGGE DI CONVERSIONE DEL DECRETO BERSANI (LEGGE N. 248 DEL 4 AGOSTO 2006) Art. 36 bis ( pacchetto-sicurezza ) (Misure urgenti per il contrasto del lavoro nero e per la promozione della sicurezza nei luoghi

Dettagli

CONTROLLI FISCALI SUGLI ENTI NON COMMERCIALI

CONTROLLI FISCALI SUGLI ENTI NON COMMERCIALI Direzione Regionale della Lombardia VIII CONVEGNO ANNUALE CODIS CONTROLLI FISCALI SUGLI ENTI NON COMMERCIALI Vincenzo Gentile 9 Novembre 2011 - Teatro Angelicum Milano Risultati Maggior imposta accertata

Dettagli

Comunicato stampa. Roma, 29 maggio 2012. Ufficio stampa tel. 0659055085

Comunicato stampa. Roma, 29 maggio 2012. Ufficio stampa tel. 0659055085 Ufficio Stampa Comunicato stampa Roma, 29 maggio 2012 Il Rapporto annuale dell Inps viene presentato, nella Sala della Lupa della Camera dei Deputati, per la quarta volta. Questa edizione restituisce l

Dettagli

a cura del Dott. Stefano Setti

a cura del Dott. Stefano Setti TRATTAMENTO FISCALE AI FINI IVA DEGLI ENTI NON-COMMERCIALI a cura del Dott. Stefano Setti Ai sensi dell art. 4, quarto comma, del DPR n. 633/72 per gli enti non commerciali si considerano effettuate nell

Dettagli

SCRITTI ESAME AVVOCATO 2014 di Roberto GAROFOLI

SCRITTI ESAME AVVOCATO 2014 di Roberto GAROFOLI SCRITTI ESAME AVVOCATO 2014 di Roberto GAROFOLI 50 PARERI PENALE SU CASI ESAMINATI DALLA CASSAZIONE NEGLI ULTIMI ANNI con la collaborazione di Giovanna MANCA Mariangela CALÒ SOMMARIO Premessa V PARTE GENERALE

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE

SCHEMA DI CONVENZIONE Allegato 3 Schema di convenzione SCHEMA DI CONVENZIONE ai sensi dell art 9.1 dell Avviso per l individuazione di soggetti interessati ad erogare interventi di di formazione di base e trasversale di cui

Dettagli