L IVA nella Comunità Europea APPLICAZIONE NEGLI STATI MEMBRI, INFORMAZIONI AD USO DELLE AMMINISTRAZIONI, DEGLI OPERATORI,

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L IVA nella Comunità Europea APPLICAZIONE NEGLI STATI MEMBRI, INFORMAZIONI AD USO DELLE AMMINISTRAZIONI, DEGLI OPERATORI,"

Transcript

1 L IVA nella Comunità Europea APPLICAZIONE NEGLI STATI MEMBRI, INFORMAZIONI AD USO DELLE AMMINISTRAZIONI, DEGLI OPERATORI, DELLE RETI D INFORMAZIONE, ECC. Nota Nel presente documento sono riportate varie informazioni di base sull'applicazione delle disposizioni in materia di IVA negli Stati membri. Le informazioni sono state raccolte presso le rispettive amministrazioni fiscali. La diffusione di queste informazioni ha come solo obiettivo la messa a disposizione di uno strumento di lavoro. Il presente documento non riflette necessariamente il punto di vista della Commissione delle Comunità europee e non costituisce approvazione delle norme in questione.

2 LUSSEMBURGO IDENTIFICAZIONE IVA 1. A QUALE UFFICIO PUÒ RIVOLGERSI UN OPERATORE STRANIERO PER OTTENERE INFORMAZIONI SUL VOSTRO SISTEMA IVA? (INDIRIZZO, TELEFONO, FAX, ) Gli operatori stranieri possono ottenere informazioni sul sistema IVA dal seguente ufficio: Bureau d imposition X de l Administration de l Enregistrement et des Domaines 7, Rue Plébiscite Boîte postale 31 L LUXEMBOURG-VILLE Tel. (+352) Fax (++ 352) QUAL È L'INDIRIZZO DEL SITO INTERNET DELL'AMMINISTRAZIONE FISCALE NAZIONALE? CHE TIPO DI INFORMAZIONI IN MATERIA DI IVA SONO DISPONIBILI SUL SITO (INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE, LEGISLAZIONE, PUNTI DI CONTATTO, MODELLI, ECC.)? IN QUALI LINGUE? Il sito Internet è il seguente: Tale sito: (1) consente agli operatori lussemburghesi che effettuano operazioni intracomunitarie di verificare la validità dei numeri di identificazione IVA dei loro clienti residenti negli altri Stati membri della Comunità europea; (2) contiene tutti i modelli IVA. Le lingue sono francese e tedesco. 3. DOVE SI POSSONO TROVARE LA LEGISLAZIONE E LE DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE RELATIVE ALL'IVA? IN QUALI LINGUE SONO DISPONIBILI? La legislazione e i regolamenti IVA sono pubblicati, in francese, in: MEMORIAL Gazzetta ufficiale del Granducato di Lussemburgo 2

3 pubblicata dal Service Central de Législation, 43 boulevard F.-D. Roosevelt, L-2450 Luxembourg e stampata da Victor Buck, s. r.l. di Leudelange. I testi pubblicati dal 1996 in poi sono disponibili su Il testo coordinato della legge IVA del 12 febbraio 1979 modificata e dei relativi regolamenti di attuazione in lingua francese può essere richiesto, con il titolo Code Fiscal Vol 6, al seguente indirizzo: ÉDITIONS DE L IMPRIMERIE ST-PAUL, Luxembourg 2, rue Christophe Plantin L 2988 Luxembourg Tel.: Il codice contiene anche una traduzione non ufficiale in tedesco del testo coordinato. ISCRIZIONE IVA DEGLI OPERATORI STRANIERI 4. IN QUALI CASI È OBBLIGATORIA L ISCRIZIONE IVA? Gli operatori stranieri che effettuano operazioni soggette ad IVA il cui luogo di imposizione si considera situato nel territorio del Granducato e per le quali essi sono debitori dell'imposta devono iscriversi ai fini dell'iva nel paese. Le operazioni in questione sono le seguenti: le cessioni di beni, compresi i beni che sono installati o montati dal fornitore o da terzi per suo conto, con o senza collaudo, e le prestazioni di servizi effettuate a titolo oneroso; gli acquisti intracomunitari di beni effettuati a titolo oneroso; le importazioni di beni; le vendite a distanza qualora il luogo di destinazione si trovi nel paese (superamento del limite di euro o opzione del fornitore per il pagamento dell'iva nel paese). Non sono tenuti ad iscriversi ai fini dell'iva nel paese i seguenti soggetti: gli operatori stranieri che effettuano operazioni rientranti nel campo d'applicazione dell'iva il cui luogo di imposizione si considera situato nel territorio del Granducato e per le quali essi sono in linea di principio debitori dell'imposta, ma che sono esenti e non danno diritto alla detrazione; gli operatori stranieri che effettuano operazioni soggette ad IVA il cui luogo di imposizione si considera situato nel territorio del Granducato e per le quali essi non sono debitori dell'imposta; gli operatori stranieri che non hanno una stabile organizzazione nel paese ed esercitano la loro attività esclusivamente fuori del Granducato. 3

4 5. IN QUALI CASI GLI OPERATORI NON SONO TENUTI AD ISCRIVERSI AI FINI DELL'IVA IN QUANTO IL DESTINATARIO DEI BENI O SERVIZI È DEBITORE DELL'IMPOSTA? È POSSIBILE IN TALI CASI L'ISCRIZIONE VOLONTARIA DEGLI OPERATORI STRANIERI? L'operatore straniero che effettua operazioni soggette ad IVA il cui luogo di imposizione si considera situato nel territorio del Granducato e per le quali egli non è il debitore dell'imposta non è tenuto ad iscriversi ai fini dell'iva. Le operazioni in questione sono le seguenti: le prestazioni di servizi sotto elencate effettuate da un soggetto passivo residente all'estero, a condizione che (a) il destinatario sia identificato ai fini dell'iva nel Granducato: trasporti intracomunitari di beni; attività accessorie a trasporti intracomunitari di beni effettuate in un altro Stato membro; prestazioni rese da intermediari in nome e per conto terzi in relazione a prestazioni di servizi diverse da quelle elencate alla lettera (b); stime di beni mobili materiali effettuate in un altro Stato membro purché una volta effettuata la stima i beni lascino tale Stato membro; lavori relativi a beni mobili materiali effettuati in un altro Stato membro purché una volta effettuati i lavori i beni lascino tale Stato membro; (b) il destinatario sia soggetto ad IVA nel Granducato: cessioni e concessioni di diritti d'autore, brevetti, diritti di licenza, marchi di fabbrica e di commercio e diritti similari; prestazioni pubblicitarie; servizi resi da avvocati, consulenti, contabili, ingegneri, uffici studi e servizi similari; elaborazione dati e fornitura di informazioni; prestazioni bancarie, prestazioni finanziarie, operazioni di assicurazione e di riassicurazione escluso l'affitto di cassette di sicurezza; messa a disposizione di personale; affitto di beni mobili materiali esclusi i mezzi di trasporto; servizi di telecomunicazione; obbligo di non esercitare, interamente o in parte, un'attività professionale o un diritto di cui al presente comma; prestazioni rese da intermediari in nome e per conto terzi in relazione alle prestazioni di servizi contemplate alla presente lettera (b). 4

5 acquisti intracomunitari effettuati a norma dell'articolo 28 ter, parte A, paragrafo 1), nel territorio del Granducato qualora siano soddisfatte le condizioni di cui all'articolo 28 quater, parte E, paragrafo 3) (operazioni triangolari). Nelle situazioni sopra indicate gli operatori stranieri non possono chiedere l'iscrizione IVA nel Lussemburgo. 6. A QUALE UFFICIO DEVONO RIVOLGERSI GLI OPERATORI PER L'ISCRIZIONE IVA? (SI PREGA DI INDICARE DENOMINAZIONE, INDIRIZZO, TELEFONO, FAX E ) Per l'iscrizione IVA nel paese gli operatori stranieri devono rivolgersi all'ufficio indicato al punto SI PREGA DI DESCRIVERE DETTAGLIATAMENTE (INDICANDO ANCHE I DOCUMENTI DA PRESENTARE) LA PROCEDURA PER L'ATTRIBUZIONE DI UN NUMERO DI IDENTIFICAZIONE IVA AGLI OPERATORI STRANIERI Ogni persona fisica o giuridica che richieda un numero d'identificazione IVA deve, prima di essere inserita nell'elenco delle persone identificate ai fini dell'iva, essere iscritta all'anagrafe nazionale delle persone fisiche e giuridiche. A tal fine occorre compilare debitamente, usando secondo il caso il modello per le persone fisiche o giuridiche disponibile sul sito Internet dell'amministrazione sopra indicato, una dichiarazione iniziale e inviarla all'ufficio indicato al punto 1. Le persone fisiche devono allegare alla dichiarazione iniziale una fotocopia del passaporto, le persone giuridiche una copia dell'atto costitutivo della società. Ad esse verrà quindi notificato il codice IVA che dovranno indicare in tutti i rapporti con l'amministrazione. Inoltre verrà loro attribuito un numero d'identificazione IVA da usare per tutte le operazioni intracomunitarie. Prima di iniziare qualsiasi attività nel Granducato di Lussemburgo, gli operatori devono ottenere le seguenti autorizzazioni: autorizzazione di stabilimento: Ministère des Classes Moyennes, du Tourisme et du Logement 6, Avenue Emile Reuter B.P. 535 L-2420 LUXEMBOURG Centralino: Telefono Info: , , , Fax: iscrizione nel registro delle imprese: se il luogo di esercizio dell'attività si trova nel distretto giudiziario di Lussemburgo: 5

6 Palais de Justice Greffe du Tribunal d Arrondissement Rue du Palais de Justice L 1841 Luxembourg Tel et se il luogo di esercizio dell'attività si trova nel distretto giudiziario di Diekirch: Palais de Justice Place Guillaume L 9237 Diekirch Tel SOGLIE 8. QUALE SOGLIA VIENE APPLICATA PER LE VENDITE A DISTANZA INTRACOMUNITARIE A NORMA DELL ARTICOLO 28 TER, PARTE B, PARAGRAFO 2, DELLA DIRETTIVA 77/388/CEE? La soglia è fissata a euro. 9. QUALE SOGLIA VIENE APPLICATA PER GLI ACQUISTI EFFETTUATI DA ENTI NON SOGGETTI PASSIVI O DA ALTRI SOGGETTI A NORMA DELL ARTICOLO 28 BIS, PARAGRAFO 1, LETTERA A), SECONDO COMMA, DELLA DIRETTIVA 77/388/CEE? La soglia è fissata a euro. NOMINA DEL RAPPRESENTANTE FISCALE DA PARTE DEGLI OPERATORI STRANIERI EXTRACOMUNITARI 10. IN QUALI CASI DEVE ESSERE NOMINATO UN RAPPRESENTANTE FISCALE? La nomina del rappresentante fiscale nel Lussemburgo è stata soppressa con effetto dal 1 gennaio Pertanto, i soggetti passivi non residenti nel Lussemburgo che effettuano operazioni soggette ad IVA il cui luogo di imposizione si considera situato nel territorio del Granducato e per le quali sono debitori dell'imposta sono tenuti ad iscriversi ai fini dell'iva. 11. QUALI SONO LE CONDIZIONI PER LA NOMINA DI UN RAPPRESENTANTE FISCALE? V. punto QUALI SONO I DIRITTI E GLI OBBLIGHI DEL RAPPRESENTANTE FISCALE? V. punto 10. 6

7 13. QUALI PROVVEDIMENTI SONO APPLICABILI IN CASO DI MANCATA NOMINA DI UN RAPPRESENTANTE FISCALE NEL VOSTRO TERRITORIO DA PARTE DI UN OPERATORE RESIDENTE IN UN ALTRO PAESE? V. punto È RICHIESTA UNA GARANZIA BANCARIA? I soggetti passivi residenti fuori della Comunità possono essere invitati dall'amministrazione a fornire una garanzia o una lettera di garanzia emessa da un istituto bancario abilitato per coprire il pagamento dell'imposta e di eventuali ammende imposte in relazione alle operazioni imponibili effettuate o da effettuarsi da parte dei soggetti passivi. La garanzia o lettera di garanzia deve essere fornita entro un mese dal ricevimento della richiesta dell'amministrazione. NOMINA DEL RAPPRESENTANTE FISCALE DA PARTE DEGLI OPERATORI STRANIERI RESIDENTI NELL'UE 15. È POSSIBILE LA NOMINA DI UN RAPPRESENTANTE FISCALE O DI UN AGENTE? La nomina del rappresentante fiscale nel Lussemburgo è stata soppressa con effetto dal 1 gennaio Pertanto, i soggetti passivi non residenti nel Lussemburgo che effettuano operazioni soggette ad IVA il cui luogo di imposizione si considera situato nel territorio del Granducato e per le quali essi sono debitori dell'imposta sono tenuti ad iscriversi ai fini dell'iva. 16. QUALI SONO LE CONDIZIONI PER LA NOMINA DI UN RAPPRESENTANTE FISCALE O AGENTE? V. punto QUALI SONO I DIRITTI E GLI OBBLIGHI DEL RAPPRESENTANTE FISCALE O AGENTE? V. punto VI SONO CASI IN CUI È RICHIESTA UNA GARANZIA BANCARIA? No. FATTURAZIONE 19. QUALI SONO LE NORME PER L EMISSIONE DI UNA FATTURA? Il soggetto passivo che effettua in maniera indipendente e in via abituale operazioni che rientrano in una qualsiasi attività economica, a prescindere dai fini o dai risultati di tale attività e dal luogo di esercizio deve emettere una fattura o un documento equivalente: 7

8 per le cessioni di beni e le prestazioni di servizi effettuate nei confronti di un altro soggetto passivo o di un ente non soggetto passivo; per le cessioni di beni che rientrano nel regime particolare delle vendite a distanza; per le cessioni di beni effettuate secondo il regime del margine; per le cessioni di beni spediti o trasportati dal soggetto passivo stesso o da un terzo che agisce per suo conto, oppure dall'acquirente o da un terzo che agisce per suo conto, fuori dal Lussemburgo ma all'interno della Comunità, effettuate nei confronti di un altro soggetto passivo che agisca nel quadro della sua impresa o di un ente non soggetto passivo in un altro Stato membro; per le cessioni di mezzi di trasporto nuovi spediti o trasportati a destinazione dell'acquirente dal soggetto passivo stesso o da un terzo che agisce per suo conto, oppure dall'acquirente o da un terzo che agisce per suo conto, fuori dal Lussemburgo ma all'interno della Comunità, effettuate nei confronti di: (a) (b) (c) (d) (e) un soggetto passivo che effettua solo cessioni di beni o prestazioni di servizi esenti che non danno diritto a detrazione; un soggetto passivo che rientra nel regime di esonero per le piccole imprese; un soggetto passivo che rientra nel regime forfettario per l'agricoltura e la silvicoltura; enti non soggetti passivi nell'esercizio di impresa oppure enti non soggetti passivi che effettuino operazioni non rientranti nel campo d'applicazione dell'iva; ogni altra persona che non sia soggetto passivo; per i trasferimenti effettuati da un soggetto passivo o da un terzo per suo conto, fuori dal Lussemburgo ma all'interno della Comunità, ai fini della sua impresa (scorte e beni d'investimento); per gli acconti che gli sono versati da un altro soggetto passivo o da un ente non soggetto passivo prima che venga effettuata la cessione dei beni o la prestazione dei servizi. La fattura o il documento equivalente devono essere emessi al più tardi il quindicesimo giorno del mese che segue quello nel corso del quale è stata effettuata la cessione di beni o la prestazione di servizi e, in caso di versamento di un acconto per una cessione di beni o una prestazione di servizi non ancora effettuate, al più tardi alla data di incasso di tale acconto. La fattura o il documento equivalente devono riportare: (a) (b) ladatadiemissione; il nome e l indirizzo dell'operatore cui sono forniti i beni o servizi; 8

9 (c) (d) (e) (f) (g) (h) (i) la data della cessione o prestazione o, all occorrenza, il periodo coperto dall operazione oggetto della fattura; il quantitativo e la denominazione corrente dei beni ceduti o la natura e l entità dei servizi prestati e gli elementi necessari per la determinazione dell aliquota applicabile; il prezzo, al netto dell imposta, e gli altri elementi necessari per il calcolo della base imponibile; il prezzo, al netto dell imposta, e gli altri elementi necessari per il calcolo della base imponibile per ciascuna aliquota, nel caso in cui le operazioni cui si riferisce la fattura siano soggette a diverse aliquote IVA; l aliquota applicabile e l importo dell imposta dovuta; l aliquota applicabile e l importo dell imposta dovuta relativamente a ciascuna aliquota nel caso in cui le operazioni cui si riferisce la fattura siano soggette a diverse aliquote IVA; se del caso, il motivo dell'assenza di IVA per l'operazione fatturata. Nella fattura si devono inoltre indicare per le prestazioni di trasporto, le attività accessorie al trasporto e i servizi resi da intermediari che agiscono per conto terzi in relazione alla prestazione di servizi di trasporto intracomunitario di beni: il numero di identificazione IVA con il quale il prestatore è identificato in Lussemburgo, nonché il numero di identificazione del cliente con il quale è stato reso il servizio; per il trasferimento, da parte di un soggetto passivo, di beni della sua impresa in un altro Stato membro (scorte, beni d'investimento): il numero di identificazione IVA con il quale egli è identificato in Lussemburgo e il numero con il quale è identificato nell'altro Stato membro; per le cessioni di mezzi di trasporto nuovi: (a) gli elementi necessari all identificazione del mezzo, in particolare il tipo, il numero di immatricolazione, la marca, il modello, il numero del telaio e l anno di fabbricazione; (b) la data della prima immissione in servizio, e: per le imbarcazioni: lunghezza e totale delle ore di navigazione; per gli aeromobili: peso al decollo e totale delle ore di volo; per i veicoli terrestri: cilindrata o potenza del motore e totale dei chilometri percorsi; per una cessione di beni successiva a un acquisto intracomunitario di beni che un soggetto passivo, non residente né identificato ai fini dell'iva all'interno del paese, ma identificato in un altro Stato membro, effettua in Lussemburgo nei confronti di un altro soggetto passivo o di un ente non soggetto passivo identificato ai fini dell'iva, 9

10 destinatario della cessione successiva e designato come debitore dell'imposta, la fattura deve fare esplicito riferimento all'articolo 18, paragrafo 4, secondo trattino, e deve riportare sia il numero d'identificazione IVA con cui il soggetto passivo ha effettuato tale acquisto intracomunitario e la successiva cessione dei beni, sia il numero con cui il destinatario di tale cessione di beni è identificato ai fini dell'iva; la fattura o documento equivalente che il soggetto passivo residente all'estero deve emettere per cessioni di beni e prestazioni di servizi per le quali l'imposta è dovuta dal destinatario del bene o servizio, deve indicare unicamente il prezzo al netto dell'imposta di ciascuna operazione imponibile. Le fatture emesse da soggetti passivi rivenditori di beni d occasione, oggetti d arte, da collezione o d antiquariato per le cessioni di tali beni devono indicare: (1) per le cessioni che rientrano nel regime del margine, alle quali, però, il rivenditore ha applicato il regime ordinario di imposizione: (a) (b) (c) (d) data di emissione e numero della fattura; nome e indirizzo del soggetto passivo rivenditore e dell acquirente; data della cessione dei beni; quantitativo e denominazione corrente dei beni ceduti, con indicazione separata dei beni con prezzo unitario d acquisto superiore a 250 euro o dei beni che costituiscono mezzi di trasporto. Per ciascun mezzo di trasporto, la fattura o il documento equivalente devono inoltre indicare: gli elementi necessari all identificazione del mezzo, in particolare il tipo, il numero di immatricolazione, la marca, il modello, il numero del telaio e l anno di fabbricazione; la data della prima immissione in servizio, e: per le imbarcazioni: lunghezza e totale delle ore di navigazione; per gli aeromobili: peso al decollo e totale delle ore di volo; per i veicoli terrestri: cilindrata o potenza del motore e totale dei chilometri percorsi; (e) il prezzo, al netto dell imposta, e gli altri elementi necessari per il calcolo della base imponibile; il prezzo, al netto dell imposta, e gli altri elementi necessari per il calcolo della base imponibile per ciascuna aliquota, nel caso in cui le operazioni cui si riferisce la fattura siano soggette a diverse aliquote IVA; (f) l aliquota applicabile e l importo dell imposta dovuta; l aliquota applicabile e l importo dell imposta dovuta relativamente a ciascuna aliquota nel caso in cui le operazioni cui si riferisce la fattura siano soggette a diverse aliquote IVA; (g) se del caso, il motivo dell'assenza di IVA per l'operazione fatturata; 10

11 (2) per le cessioni cui si applica il regime del margine: (a) (b) (c) luogo e data di emissione della fattura; nome e indirizzo del soggetto passivo-rivenditore e dell acquirente; data della cessione dei beni; (d) quantitativo, denominazione corrente dei beni ceduti e prezzo, comprensivo dell IVA sull'utile, con indicazione separata dei beni con prezzo unitario d acquisto superiore a 250 euro o dei beni che costituiscono mezzi di trasporto. Per ciascun mezzo di trasporto, la fattura o il documento equivalente devono inoltre indicare: gli elementi necessari all identificazione del mezzo, in particolare il tipo, il numero di immatricolazione, la marca, il modello, il numero del telaio e l anno di fabbricazione; la data della prima immissione in servizio, e: per le imbarcazioni: lunghezza e totale delle ore di navigazione; per gli aeromobili: peso al decollo e totale delle ore di volo; per i veicoli terrestri: cilindrata o potenza del motore e totale dei chilometri percorsi; (a) (b) la dicitura Regime speciale del margine ; se del caso, il motivo dell'assenza di IVA per l'operazione fatturata. La legislazione IVA non prevede particolari obblighi per quanto concerne l'impiego delle lingue nella redazione delle fatture. Tuttavia, nel Lussemburgo le lingue ufficiali amministrative sono il francese, il tedesco e il lussemburghese. In base alle disposizioni concernenti la tenuta della contabilità ai fini dell'iva, i soggetti passivi devono compilare le scritture contabili in modo che gli elementi necessari per il calcolo dell'imposta da pagare siano chiaramente accessibili e facilmente controllabili. Dato che è una parte essenziale della contabilità, la fattura deve essere redatta in una lingua comprensibile dall'amministrazione. Nell'ambito della Comunità quest'obbligo risulta soddisfatto se la fattura è redatta in una delle due lingue ufficiali della Comunità europea, ossia in francese o in tedesco. 20. ESISTONO ESENZIONI DALL OBBLIGO DI EMETTERE UNA FATTURA? IN CASO AFFERMATIVO, A QUALI CATEGORIE DI OPERATORI SI APPLICANO? Nel caso di cessioni e prestazioni effettuate nei confronti di altri soggetti passivi per le quali l'importo totale delle fatture non sia superiore a 50 euro devono essere fornite almeno le seguenti indicazioni: (a) (b) nome e indirizzo del cedente o prestatore; quantitativo e denominazione corrente dei beni ceduti o natura ed entità dei servizi resi; 11

12 (c) (d) prezzo IVA inclusa; aliquota IVA. Secondo la legislazione IVA lussemburghese l'emissione della fattura non è obbligatoria per le vendite effettuate nei confronti di persone che non sono soggetti passivi. DICHIARAZIONI PERIODICHE IVA 21. IN QUALI CASI UN OPERATORE È TENUTO A PRESENTARE UNA DICHIARAZIONE IVA? Il soggetto passivo che effettua in maniera indipendente e in via abituale operazioni che rientrano in una qualsiasi attività economica, a prescindere dai fini e dai risultati di tale attività e dal luogo di esercizio è tenuto: adichiarareeapagareperiodicamentel'impostaesigibile; a presentare per ciascun periodo fiscale, che consiste nell'anno civile, una dichiarazione annuale; a tenere una contabilità adeguata. 22. QUAL È LA PERIODICITÀ DELLA PRESENTAZIONE DELLE DICHIARAZIONI IVA EDEI PAGAMENTI CORRISPONDENTI? In generale il soggetto passivo deve presentare una dichiarazione all'amministrazione fiscale entro il quindicesimo giorno di ciascun mese, secondo le modalità e nella forma stabilite dall'amministrazione. La dichiarazione deve contenere tutte le informazioni necessarie per il calcolo dell'iva e delle eventuali detrazioni e per il controllo da parte dell'amministrazione, compresi in particolare l'importo totale delle operazioni in questione, l'importo totale delle operazioni esenti o non soggette ad IVA e l'importo totale delle operazioni relative alle detrazioni da effettuare. L'importo dell'iva esigibile nel mese precedente deve essere pagato allo Stato entro lo stesso termine. In base ai criteri di cui al punto 23, alcuni soggetti passivi o gruppi di soggetti passivi sono autorizzati a dichiarare e pagare con cadenza rispettivamente trimestrale e annuale l'iva divenuta esigibile in un trimestre o un anno. I soggetti passivi tenuti a presentare dichiarazioni mensili o trimestrali devono anche presentare, anteriormente al 1 maggio di ogni anno, una dichiarazione annuale relativa all'iva esigibile nell'anno civile precedente e pagare entro lo stesso termine il saldo dell'imposta eventualmente dovuto in base a tale dichiarazione ricapitolativa. 23. ESISTONO REGIMI SPECIALI DI DICHIARAZIONE PER LE PICCOLE IMPRESE E/O TALUNE CATEGORIE DI ATTIVITÀ? IN CASO AFFERMATIVO, INDICARE QUALI. (1) Il soggetto passivo il cui volume d'affari annuo, al netto dell'imposta, realizzato nell'anno civile precedente il periodo di dichiarazione sia stato superiore a euro ma non superiore a euro è autorizzato a presentare, entro il 12

13 quindicesimo giorno di ciascun trimestre civile, una dichiarazione relativa all'iva divenuta esigibile nel trimestre civile precedente e a pagare tale imposta entro lo stesso termine. (2) Il soggetto passivo il cui volume d'affari annuo, al netto dell'imposta, realizzato nell'anno civile precedente il periodo di dichiarazione, non abbia superato euro è autorizzato a presentare, anteriormente al 1 marzo di ciascun anno, una dichiarazione annuale relativa all'iva divenuta esigibile nell'anno civile precedenteeapagaretaleimpostaentrolostessotermine. (3) I soggetti passivi che sono tenuti a presentare dichiarazioni mensili o trimestrali devono anche presentare, anteriormente al 1 maggio di ciascun anno, una dichiarazione annuale relativa all'iva divenuta esigibile nell'anno civile precedente e pagare entro lo stesso termine il saldo dell'imposta eventualmente dovuto in base a tale dichiarazione ricapitolativa. (4) I soggetti passivi che cessano l'attività nel corso di un anno civile devono presentare, entro due mesi dalla cessazione dell'attività, una dichiarazione sostitutiva della dichiarazione annuale per l'anno civile in questione e pagare entro lo stesso termine l'iva non versata di cui siano eventualmente debitori in base alla dichiarazione presentata. 24. ESISTONO METODI SEMPLIFICATI DI CALCOLO DEL DEBITO FISCALE? IN CASO AFFERMATIVO, SU QUALI CRITERI SI BASANO, A CHI SI APPLICANO E IN CHE COSA CONSISTE LA SEMPLIFICAZIONE? No. ELENCHI RIEPILOGATIVI 25. QUAL È LA PERIODICITÀ DELLA PRESENTAZIONE DEGLI ELENCHI RIEPILOGATIVI? Entro il quindicesimo giorno di ciascun trimestre civile, il soggetto passivo deve presentare l'elenco riepilogativo degli acquirenti identificati ai fini dell'iva in un altro Stato membro nei confronti dei quali egli ha effettuato cessioni di beni spediti o trasportati da lui o da un terzo che agisce per suo conto, oppure dall'acquirente o da un terzo che agisce per suo conto, fuori dal Lussemburgo ma all'interno della Comunità, per le quali l'imposta è divenuta esigibile nel corso del trimestre civile precedente. A determinate condizioni, questo elenco può essere presentato solo annualmente. 26. SONO RICHIESTE INFORMAZIONI SUPPLEMENTARI OLTRE A QUELLE PREVISTE DALL'ARTICOLO 22, PARAGRAFO 6, DELLA DIRETTIVA 77/388/CEE? No. 13

14 27. SI APPLICANO PROCEDURE SEMPLIFICATE PER GLI ELENCHI RIEPILOGATIVI CONFORMEMENTE ALL'ARTICOLO 22, PARAGRAFO 12, DELLA DIRETTIVA 77/388/CEE? IN CASO AFFERMATIVO, QUALI SONO LE SOGLIE FISSATE? Il soggetto passivo il cui volume d'affari annuo al netto dell'iva sia superiore a euro ma non superiore a euro è autorizzato a presentare l'elenco riepilogativo entro il quindicesimo giorno di ciascun anno civile se l'importo totale annuo, al netto dell'iva, delle cessioni di beni spediti o trasportati da lui o da un terzo che agisce per suo conto, oppure dall'acquirente o da un terzo che agisce per suo conto, fuori dal Lussemburgo ma all'interno della Comunità non supera euro e non comprende cessioni intracomunitarie di mezzi di trasporto nuovi. Tuttavia, il soggetto passivo che ha cessato l'attività deve presentare l'elenco entro il quindicesimo giorno del trimestre civile che segue quello nel corso del quale ha avuto luogo la cessazione. Il soggetto passivo il cui volume d'affari annuo, al netto dell'iva, non superi euro è autorizzato a presentare entro il quindicesimo giorno di ciascun anno civile un elenco riepilogativo semplificato se l'importo totale annuo al netto dell'iva delle cessioni di beni spediti o trasportati da lui o da un terzo che agisce per suo conto, o dall'acquirente o da un terzo che agisce per suo conto, fuori dal Lussemburgo ma all'interno della Comunità non supera euro e non comprenda cessioni intracomunitarie di mezzi di trasporto nuovi. Tuttavia, il soggetto passivo che ha cessato l'attività economica deve presentare l'elenco prima del quindicesimo giorno del trimestre civile che segue quello nel corso del quale ha avuto luogo la cessazione. FATTURAZIONE ELETTRONICA E DICHIARAZIONI ELETTRONICHE 28. È CONSENTITA LA FATTURAZIONE ELETTRONICA? IN CASO AFFERMATIVO, SECONDO QUALI CONDIZIONI E PROCEDURE? La fatturazione elettronica non è consentita. 29. È POSSIBILE PRESENTARE LE DICHIARAZIONI IVA PER VIA ELETTRONICA? IN CASO AFFERMATIVO, IN CHE MODO E CON QUALE TECNOLOGIA? AQUALE UFFICIO OCCORRE RIVOLGERSI PER LA RELATIVA AUTORIZZAZIONE? La presentazione delle dichiarazioni IVA on-line (Internet) sarà possibile entro breve. Tale possibilità riguarderà in una prima fase le dichiarazioni IVA periodiche e in una seconda fase anche le dichiarazioni annuali. 30. È POSSIBILE PRESENTARE GLI ELENCHI RIEPILOGATIVI PER VIA ELETTRONICA? IN CASO AFFERMATIVO, IN CHE MODO E CON QUALE TECNOLOGIA? AQUALE UFFICIO OCCORRE RIVOLGERSI PER LA RELATIVA AUTORIZZAZIONE? È già possibile presentare gli elenchi riepilogativi su dischetto. Entro breve ne sarà possibile la presentazione on-line (Internet). OBBLIGHI AMMINISTRATIVI 14

15 31. ESISTONO REGIMI FORFETTARI? IN CASO AFFERMATIVO, A QUALI SOGGETTI E IN CHE MODO SI APPLICANO? Esiste un regime forfettario per i soggetti passivi che effettuano cessioni di beni o prestazioni di servizi nel quadro della propria azienda agricola o silvicola. Per le cessioni di beni e le prestazioni di servizi effettuate da un'azienda agricola o silvicola, l'imposta è fissata forfettariamente: (1) all'8% della base imponibile: per i beni che provengono normalmente da un'azienda agricola e che sono stati prodotti dal soggetto passivo, compresi i beni che hanno subito una trasformazione primaria con i mezzi normalmente utilizzati in un'azienda agricola; per i servizi che contribuiscono normalmente alla realizzazione o alla commercializzazione della produzione agricola o silvicola e che sono forniti dal soggetto passivo con i mezzi normalmente utilizzati in un'azienda agricola o silvicola; per i beni utilizzati dal soggetto passivo ai fini della sua azienda agricola o forestale, compresi i beni d'investimento; (2) al 4% della base imponibile per i beni che provengono normalmente da un'azienda silvicola e che sono stati prodotti dal soggetto passivo, compresi i beni che hanno subito una trasformazione primaria con i mezzi normalmente utilizzati in un'azienda silvicola, ad eccezione dei prodotti di segheria. Tuttavia, le aziende agricole o silvicole possono optare per il regime IVA ordinario. Di norma, l'opzione - che si esercita presentando una dichiarazione scritta - è irrevocabile. Una volta che un'azienda ha esercitato tale opzione, tutte le attività economiche da essa effettuate sono soggette al regime ordinario. 32. SI APPLICANO ALTRE MISURE SEMPLIFICATIVE OLTRE A QUELLE GIÀ INDICATE? IN CASO AFFERMATIVO, INDICARE QUALI. No. 33. IN QUALI LINGUE SONO DISPONIBILI O TRADOTTI I MODELLI (DICHIARAZIONI PERIODICHE IVA E ELENCHI RIEPILOGATIVI)? I modelli IVA sono disponibili in francese e tedesco. DIRITTO ALLA DETRAZIONE 34. PER QUALI CATEGORIE DI BENI E SERVIZI L'IMPOSTA NON È DETRAIBILE? L'IVA su beni e servizi utilizzati per effettuare cessioni e prestazioni esenti o non soggette ad IVA non è detraibile. I beni e servizi utilizzati da un soggetto passivo per effettuare acquisti intracomunitari di beni o importazioni di beni sono soggetti al regime 15

16 di detrazione applicabile alle cessioni di beni e alle importazioni di servizi per le quali i beni acquistati o importati sono utilizzati. L'articolo 44 della legge IVA, basato sugli articoli 13 e 16 della sesta direttiva IVA, definisce le esenzioni applicabili nel Lussemburgo, che in genere sono concesse per motivi di carattere sociale, sanitario, culturale o connessi all'educazione. Articolo 44 (1) Sono esenti dall'imposta sul valore aggiunto, entro i limiti e alle condizioni che devono essere stabiliti con regolamento del Granducato, le seguenti operazioni: (a) (b) le prestazioni di servizi e le cessioni di beni ad esse accessorie, ad eccezione delle telecomunicazioni e delle cessioni di beni accessori alle telecomunicazioni, effettuate dalle poste e telecomunicazioni; le seguenti prestazioni di servizi e cessioni di beni: la concessione e la negoziazione di crediti nonché la gestione di crediti da parte dei concedenti, le operazioni di sconto e di risconto; l'assuzione di impegni, di fideiussioni e di altre garanzie, la negoziazione di tali operazioni e la gestione di garanzie di crediti da parte dei concedenti; le operazioni, compresa la negoziazione, relative ai crediti, ad eccezione del recupero di crediti; le operazioni, compresa la negoziazione, relative ad assegni e altri effetti commerciali; le operazioni, compresa la negoziazione, relative a depositi e conti correnti; le operazioni, compresa la negoziazione, relative a pagamenti e giroconti; le operazioni, compresa la negoziazione, relative a valute estere, biglietti e monete aventi corso legale, eccettuati i biglietti e le monete da collezione; sono considerati da collezione le monete d'oro, d'argento o di altro metallo e i biglietti che non sono normalmente utilizzati come mezzo di pagamento legale o che presentano un interesse numismatico; le operazioni, compresa la negoziazione, eccettuate la custodia e la gestione, relative ad azioni, a quote sociali, a obbligazioni o altri titoli, esclusi i documenti rappresentativi di merci; i servizi relativi alle emissioni. Tuttavia l'iva a monte è detraibile se le suddette cessioni e prestazioni sono direttamente relative a beni da esportare verso un paese extracomunitario o se il destinatario delle stesse è residente o domiciliato in un paese extracomunitario. (c) la gestione di fondi comuni di investimento di cui alla legge del 30 marzo 1988 relativa ai fondi comuni di investimento e la gestione di fondi pensione di cui alla legge che istituisce fondi pensione sotto forma di 16

17 SEPCAV (Société d épargne-pension à capital variabile) e ASSEP (Association d épargne-pension); (d) (e) (f) le cessioni, al valore facciale, di francobolli validi per l'affrancatura in Lussemburgo, di bolli fiscali e di altri simili valori; le cessioni di beni immobili e le cessioni di diritti reali immmobiliari. L'esenzione non si applica alle cessioni risultanti da un contratto di vendita di immobili da costruire, se si riferiscono a immobili non ancora esistenti al momento della conclusione del contratto, né alle cessioni risultanti da un contratto d'appalto; l'affitto e la locazione di beni immobili. L'esenzione non si applica alle seguenti operazioni: le prestazioni di alloggio nei luoghi che un soggetto passivo riserva all'alloggio temporaneo di persone; la locazione di campi di vacanza o di terreni attrezzati per il campeggio; la locazione di aree non situate sulla pubblica via adibite a parcheggio; la locazione di utensili, macchine e qualsiasi tipo di attrezzatura; la locazione di casseforti; (g) (h) le cessioni di beni e le prestazioni di servizi, compresa la fornitura di acqua, energia elettrica, gas, calore, freddo e simili, effettuate ai fini della gestione, manutenzione e riparazione della proprietà comune da parte delle amministrazioni condominiali ai sensi della legge del 16 maggio 1975 relativa alla comproprietà degli edifici, nei confronti dei condomini o dei loro inquilini; le operazioni di assicurazione e di riassicurazione, comprese le prestazioni di servizi relative a dette operazioni, effettuate dai mediatori e dagli intermediari di assicurazione. L'esenzione non si applica ai servizi prestati da periti relativi alla valutazione dei risarcimenti assicurativi; Tuttavia l'iva a monte è detraibile se le suddette operazioni sono direttamente relative a beni da esportare verso un paese extracomunitario o se il destinatario delle stesse è residente o domiciliato in un paese extracomunitario. (i) (j) l'esercizio delle scommesse relative ad attività sportive e l'esercizio del gioco di cui agli articoli 4 e 5 della legge del 20 aprile 1977 che disciplina il gioco e le scommesse relative ad attività sportive, quando sono soggetti a imposte e diritti speciali applicati dallo Stato e sono stati autorizzati dalle competenti autorità pubbliche. L'esenzione non si applica ai servizi resi dagli intermediari che intervengono in tali operazioni; le cessioni e prestazioni effettuate da organizzatori di tombole e lotterie autorizzate quando il ricavato sia destinato a fini di interesse collettivo o generale; 17

18 (k) le prestazioni e cessioni e seguenti: le prestazioni sanitarie rese nell'esercizio delle professioni medica e dentistica; i servizi resi dagli odontotecnici nell'esercizio della loro professione; la fornitura di protesi dentarie effettuata da dentisti e odontotecnici nell'esercizio della loro professione; le prestazioni sanitarie rese nell'esercizio delle professioni paramediche se effettuate su prescrizione medica o pagate da organismi previdenziali. L'esenzione non si applica alla sauna e ai trattamenti di bellezza; (l) le operazioni seguenti: le cessioni e prestazioni strettamente connesse all'ospedalizzazione di malati o feriti e alle cure mediche prestate alla persona, effettuate da organismi di diritto pubblico, da istituti ospedalieri, centri medici e diagnostici e altri istituti analoghi del settore privato, il cui carattere sociale sia riconosciuto dalle competenti autorità pubbliche; le analisi cliniche effettuate da laboratori biochimici; le prestazioni di trasporto di malati o feriti con veicoli specificamente destinati a tale scopo; (m) (n) cessioni di organi, sangue e latte umani; le prestazioni e cessioni strettamente connesse con la previdenza sociale, l'assistenza sociale o la salute pubblica effettuate da organismi di diritto pubblico, mutue, istituzioni pubbliche, case di cura, case di riposo, unità di gerontologia o geriatria, organizzazioni caritative o altre analoghe istituzioni del settore privato, il cui carattere sociale sia riconosciuto dalle competenti autorità pubbliche; (o) le prestazioni e cessioni strettamente connesse con la protezione dell'infanzia e della gioventù, effettuate da organismi di diritto pubblico, orfanotrofi, case di cura, centri per l'infanzia o la gioventù compresi ostelli per la gioventù e altre analoghe organizzazioni del settore privato, il cui carattere sociale sia riconosciuto dalle competenti autorità pubbliche; (p) le operazioni seguenti: le prestazioni e cessioni strettamente connesse con l'educazione dell'infanzia o della gioventù, con l'insegnamento scolastico o universitario e con la formazione o la riqualificazione professionale, effettuate da istituzioni del settore privato autorizzate e controllate dalle competenti autorità pubbliche o istituite in base a una legge; prestazioni di alloggio e somministrazioni di vitto da parte di collegi e mense scolastiche o universitarie; 18

19 le lezioni impartite da insegnanti a titolo personale e relative all'insegnamento scolastico o universitario; (q) (r) la messa a disposizione, da parte di istituzioni religiose o filosofiche, di personale per le attività di cui alle lettere (l), (n), (o) e (p) o per fini di assistenza spirituale; le operazioni seguenti: le prestazioni di servizi e le cessioni di beni ad esse strettamente connesse effettuate da enti statali o comunali o da altri organismi di diritto pubblico nella gestione di teatri, orchestre, cori, musei, biblioteche, archivi, giardini botanici o zoologici; le prestazioni di servizi e le cessioni di beni ad esse strettamente connesse effettuate dagli organizzatori di rappresentazioni teatrali, coreografiche e cinematografiche, concerti, conferenze, corsi e altri eventi di interesse generale a carattere scientifico, culturale, educativo o sociale se i proventi sono essenzialmente destinati a coprire le spese relative all'organizzazione degli eventi. L'esenzione non si applica alle cessioni di beni e alle prestazioni di servizi effettuate da altri soggetti passivi nei confronti delle organizzazioni e degli organizzatori suddetti per le attività suindicate e, in particolare, alle prestazioni di servizi effettuate da gruppi teatrali o coreografici, orchestre o cori, registi, attori, ballerini, direttori d'orchestra, musicisti, cantanti o altri artisti e da conferenzieri o professori; (s) (t) (u) (v) le prestazioni di servizi strettamente connesse con la pratica dello sport o l'educazione fisica effettuate da organizzazioni non lucrative alle persone che esercitano lo sport o l'educazione fisica e le prestazioni di servizi effettuate in occasione di eventi sportivi dagli organizzatori degli stessi; le prestazioni di servizi e le cessioni di beni ad esse strettamente connesse effettuate nei confronti dei propri membri, nel loro interesse comune e dietro pagamento di quote fissate in conformità dello statuto, da organismi non lucrativi che si prefiggono obiettivi di natura politica, sindacale, religiosa, patriottica, filosofica, filantropica o civica, o se la loro attività comporta la gestione di un ufficio collettivo; le cessioni di beni e le prestazioni di servizi effettuate nel quadro di manifestazioni occasionali per la raccolta di fondi da organizzazioni non lucrative con finalità di interesse collettivo o pubblico che non sono considerate soggetti passivi in base alla loro attività principale o da organismi le cui operazioni sono esenti in conformità alle lettere (l), (n), (o), (p), (r), (s) e (t); le prestazioni di servizi effettuate nell'esercizio di un'attività onoraria da membri di organismi pubblici, associazioni professionali, consigli di amministrazione, comitati di gestioni o analoghi organismi retribuite con gettoni di presenza; 19

20 (w) (x) le cessioni di beni destinati esclusivamente ad un'attività esente a norma del presente articolo ove tali beni non siano stati oggetto di un diritto a detrazione a norma dell'articolo 49 e le cessioni di beni il cui acquisto o la cui destinazione siano stati esclusi dal diritto alla detrazione conformemente all'articolo 54; le prestazioni di servizi effettuate da associazioni autonome di persone che esercitano un'attività esente o per la quale non sono considerate soggetti passivi al fine di rendere ai loro membri i servizi direttamente necessari all'esercizio di tale attività, quando tali associazioni si limitano ad esigere dai loro membri il rimborso della parte delle spese comuni loro spettante, a condizione che questa esenzione non possa provocare distorsioni di concorrenza. Non è inoltre detraibile l'imposta sul valore aggiunto relativa a spese di carattere non strettamente professionale quali le spese suntuarie, di divertimento o di rappresentanza. 35. PER QUALI CATEGORIE DI BENI E SERVIZI L'IMPOSTA È PARZIALMENTE DETRAIBILE? INDICARE LA PERCENTUALE. La legislazione nazionale non contempla un diritto alla detrazione parziale fissato ab initio ad una determinata percentuale. 20

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Fattura elettronica: esenzioni

Fattura elettronica: esenzioni Fattura elettronica: esenzioni Con l entrata in vigore del sistema della fatturazione elettronica, istituita dall articolo 1, commi da 209 a 213 della legge 24 dicembre 2007, n. 244 e regolamentata dal

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME ABSTRACT ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME Con l inizio del periodo d imposta pare opportuno soffermarsi sulla disciplina degli elenchi INTRASTAT, esaminando le novità in arrivo e ripercorrendo

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

Avviso di aggiudicazione di appalti Settori speciali. Sezione I: Ente aggiudicatore. I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto

Avviso di aggiudicazione di appalti Settori speciali. Sezione I: Ente aggiudicatore. I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto 1/ 14 ENOTICES_alessiamag 14/11/2011- ID:2011-157556 Formulario standard 6 - IT Unione europea Pubblicazione del Supplemento alla Gazzetta ufficiale dell'unione europea 2, rue Mercier, L-2985 Luxembourg

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica Prot. n. 18978/RU IL DIRETTORE DELL AGENZIA di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica VISTA la direttiva 2006/112/CE del Consiglio, del 28

Dettagli

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012)

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) Condividere la conoscenza è un modo per raggiungere l immortalità (Tensin

Dettagli

COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA

COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA Periodico quindicinale FE n. 02 7 marzo 2012 COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA ABSTRACT Il crescente utilizzo del web ha contribuito alla diffusione dell e-commerce quale mezzo alternativo

Dettagli

Città di Biella Rendiconto 2013

Città di Biella Rendiconto 2013 erogati a domanda individuale I servizi a domanda individuale raggruppano quelle attività gestite dal comune che non sono intraprese per obbligo istituzionale, che vengono utilizzate a richiesta dell'utente

Dettagli

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE INTRODUZIONE Uno degli obiettivi che il nuovo consiglio federale si è posto all atto del proprio insediamento

Dettagli

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti Premessa - Dallo scorso 1 Gennaio è entrato in vigore il particolare meccanismo c.d. split payment, il quale prevede per le cessione di

Dettagli

= Circolare n. 9/2013

= Circolare n. 9/2013 = Scadenze + 27 dicembre + Invio degli elenchi INTRA- STAT mensili versamento acconto IVA mediante Mod. F24 + 30 dicembre + Stampa dei libri contabili dell'anno 2012 (libro giornale, registri IVA, libro

Dettagli

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale MODELLO 730/204 redditi 203 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale Mod. N. Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONFORME AL PROVVEDIMENTO AGENZIA

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale www.bsp.lu Dicembre 2013 1 Con la Legge 22 marzo 2004, il Lussemburgo si è dotato, di uno strumento legislativo completo che ha

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare Vademecum operativo Marzo 2014 SOMMARIO PREMESSA... 3 1 Abitazioni... 4 1.1 Cessioni... 4 1.1.1 Esercizio dell opzione

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli Le migliori condizioni per il suo patrimonio 2-3 Sommario 01 Il nostro modello dei prezzi 4 02 La nostra gestione patrimoniale 5 03 La

Dettagli

GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE

GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE Tutti i prodotti che compri da Apple, anche quelli non a marchio Apple, sono coperti dalla garanzia legale di due anni del venditore prevista dal Codice del Consumo (Decreto

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

(Testo rilevante ai fini del SEE)

(Testo rilevante ai fini del SEE) 25.6.2015 L 159/27 REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) 2015/983 DELLA COMMISSIONE del 24 giugno 2015 sulla procedura di rilascio della tessera professionale europea e sull'applicazione del meccanismo di allerta

Dettagli

CIRCOLARE N.12/E OGGETTO: Roma, 1 marzo 2007. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N.12/E OGGETTO: Roma, 1 marzo 2007. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N.12/E OGGETTO: Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 1 marzo 2007 OGGETTO: Decreto legge n. 223 del 4 luglio 2006 e successive modifiche Revisione del regime fiscale delle cessioni

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

14.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 335/3

14.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 335/3 14.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 335/3 REGOLAMENTO (UE) N. 1332/2013 DEL CONSIGLIO del 13 dicembre 2013 che modifica il regolamento (UE) n. 36/2012 concernente misure restrittive in

Dettagli

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA Studio Tecnico Geometri SAPINO Giuseppe e PEDERZANI Fabio Via Pollano, 26 12033 MORETTA (CN) - tel. 0172.94169 fax 172.917563 mail: gsapino@geosaped.com fpederzani@geosaped.com P.E.C.: giuseppe.sapino@geopec.it

Dettagli

------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO

------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO ------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO Gli Stati firmatari della presente convenzione, coscienti della

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

Capitolo I - Campo di applicazione della Convenzione

Capitolo I - Campo di applicazione della Convenzione CONVENZIONE TRA LA REPUBBLICA D'ITALIA ED IL REGNO DI THAILANDIA PER EVITARE LE DOPPIE IMPOSIZIONI E PREVENIRE LE EVASIONI FISCALI IN MATERIA DI IMPOSTE SUL REDDITO 1. Il Governo della Repubblica d'italia

Dettagli

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale Tra le parti (per le persone fisiche, riportare: nome e cognome; luogo e data di nascita; domicilio e codice fiscale. Per le persone

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI

LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI Articolo 1 Son fissati, conformemente alle disposizioni del secondo alinea dell art. 45 della Costituzione, gli obiettivi fondamentali dell azione delo Stato, per i prossimi

Dettagli

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto la Legge finanziaria del 2008 ha profondamente modificato

Dettagli

IMMOBILI ABITATIVI - IMPRESA COSTRUTTRICE ENTRO 5 ANNI (Quadro A)

IMMOBILI ABITATIVI - IMPRESA COSTRUTTRICE ENTRO 5 ANNI (Quadro A) D.L. 22.06.2012 n. 83, in vigore dal 26.06.2012 IMMOBILI ABITATIVI - La disciplina delle cessioni di fabbricati abitativi Con riferimento al regime delle cessioni la novella sostituisce il n. 8-bis dell

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Riscatto degli anni di laurea

Riscatto degli anni di laurea Riscatto degli anni di laurea Riscatto degli anni di laurea scuola Chi è giovane e fresco di laurea, di regola, non vede l ora di mettersi a lavorare e, certamente, per prima cosa non pensa alla pensione.

Dettagli

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco

Dettagli

Le attività Comunali e L IVA

Le attività Comunali e L IVA Convegno: IL COMUNE QUALE SOGGETTO ATTIVO E PASSIVO D'IMPOSTA Le attività Comunali e L IVA MILANO, 12 ottobre 2010 dott. Giuseppe Munafò IL QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO Premessa Per poter meglio comprendere

Dettagli

SERVIZIO "FATT-PA NAMIRIAL" LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL PACCHETTO FULL OUTSOURCING

SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL PACCHETTO FULL OUTSOURCING SERVIZIO "FATT-PA NAMIRIAL" LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL PACCHETTO FULL OUTSOURCING Versione 1.0 del 23 giugno 2014 Sommario 1. Introduzione... 2 2. Contenuto della Fattura PA... 2 3. Dati obbligatori

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

Fringe benefits e rimborsi spese ai lavoratori: trattamento fiscale

Fringe benefits e rimborsi spese ai lavoratori: trattamento fiscale Fringe benefits e rimborsi spese ai lavoratori: trattamento fiscale Mauro Porcelli 1 I fringe benefits sono emolumenti aggiuntivi della retribuzione costituiscono vantaggi accessori servono a motivare

Dettagli

I certificati anagrafici

I certificati anagrafici I certificati anagrafici I certificati anagrafici sono rilasciati dal Comune di residenza e attestano le risultanze delle iscrizioni nell'anagrafe della popolazione residente (APR) e degli italiani residenti

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 02 FASCICOLO 2 Quadro RH Quadro RL Quadro RM Quadro RT Quadro RR Redditi di partecipazione in

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015 CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 13 aprile 2015 OGGETTO: Operazioni effettuate nei confronti di pubbliche amministrazioni: cd. scissione dei pagamenti. Articolo 1, commi 629, lettere

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti offerti sul nostro sito web www.prada.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata dalle seguenti Condizioni Generali di

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 Sommario 1. Inquadramento normativo generale 2. Trasferimenti di fabbricati 3. terreni edificabili 4. terreni agricoli 5. Successioni

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 «Trattamento di fine rapporto e istituzione dei fondi pensione dei pubblici dipendenti». (Gazzetta Ufficiale n. 111 del 15 maggio 2000

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Legge 15 dicembre 1990, n. 386, come modificata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507. Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Art. 1. Emissione di assegno senza autorizzazione

Dettagli

Quesiti su reverse charge e split payment

Quesiti su reverse charge e split payment Confederazione Nazionale dell Artigianato e della Piccola e Media Impresa POLITICHE FISCALI E SOCIETARIE DIREZIONE POLITICHE FISCALI Quesiti su reverse charge e split payment REVERSE CHARGE Applicazione

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI In base alla Deliberazione del Direttore Generale n. 312 del 18 ottobre 2012 si è provveduto all istituzione e disciplina dell Albo dei Fornitori dell

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

Preambolo LA CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO DELLA REPUBBLICA HANNO APPROVATO; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Preambolo LA CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO DELLA REPUBBLICA HANNO APPROVATO; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE: LEGGE 12 MARZO 1968, n. 442 (GU n. 103 del 22/04/1968) ISTITUZIONE DI UNA UNIVERSITÀ STATALE IN CALABRIA. (PUBBLICATA NELLA GAZZETTA UFFICIALE N.103 DEL 22 APRILE 1968) URN: urn:nir:stato:legge:1968-03-12;442

Dettagli

Guida pratica agli adempimenti

Guida pratica agli adempimenti Guida pratica agli adempimenti amministrativi delle aziende Rag. Tatiana Augelli INDICE - Iva e liquidazioni Le aliquote IVA; la detraibilità; le modalità di liquidazione ed i termini; - Termini di registrazione

Dettagli

AVVISO PER LA MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER IL COFINANZIAMENTO A PROGETTI STRATEGICI DI R&S IN MATERIA DI ICT, E MECCANICA AVANZATA

AVVISO PER LA MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER IL COFINANZIAMENTO A PROGETTI STRATEGICI DI R&S IN MATERIA DI ICT, E MECCANICA AVANZATA PAR FAS 2007-2013 Azione 1.2.1 (ex linea 1.1 P.I.R. 1.1.B) PROMOZIONE DELLA RICERCA INDUSTRIALE, DEL TRASFERIMENTO TECNOLOGICO, DELLO SVILUPPO PRECOMPETITIVO; VALORIZZAZIONE DELLA RICERCA E INNOVAZIONE

Dettagli

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI 5 2008 l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI INDICE 1. IL REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE 2 La definizione 2 I redditi assimilati al lavoro dipendente

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

MODULO DI CANDIDATURA

MODULO DI CANDIDATURA MODULO DI CANDIDATURA Gentile Signora/Egregio Signore, troverà in allegato la candidatura di [nome del fornitore di servizi] in risposta all invito a manifestare interesse relativo ai fornitori di dati

Dettagli

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Il regolamento (CE) n. 181/2011 (in appresso il regolamento ) entra in vigore il 1 marzo 2013. Esso prevede una serie minima di diritti dei

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 marzo 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Centro di assistenza fiscale per gli artigiani e le piccole imprese Fornitura di beni significativi nell

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti

Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti Suite Contabile Fiscale 08 novembre 2013 Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti 1) Domanda: Come posso verificare i codici fiscali errati delle anagrafiche

Dettagli

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 Installazione GEST-L 4 Versione per Mac - Download da www.system-i.it 4 Versione per Mac - Download da Mac App Store 4 Versione per Windows 4 Prima apertura del programma

Dettagli

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione)

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione) Legge 8 agosto 1995, n. 335. Riforma del sistema pensionistico obbligatorio e complementare... OMISSIS Art. 2. (Armonizzazione).. OMISSIS 26. A decorrere dal 1 gennaio 1996, sono tenuti all'iscrizione

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli