Il candidato risolva uno dei due problemi e 4 degli 8 quesiti scelti nel questionario.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il candidato risolva uno dei due problemi e 4 degli 8 quesiti scelti nel questionario."

Transcript

1 LICEO SCIENTIFICO SCUOLE ITALIANE ALL ESTERO (AMERICHE) SESSIONE ORDINARIA Il candidato isolva uno dei due poblemi e degli 8 quesiti scelti nel questionaio.

2 N. De Rosa, La pova di matematica pe il liceo PROBLEMA E data la semiciconfeenza Γ di cento C e diameto AB=. Sia t la semietta tangente a Γ in B e giacente nello stesso semipiano di Γ ispetto ad AB.. Da un punto D di t, distinto da B, si conduca l alta tangente a Γ e si indichi con E il punto di tangenza. Dal cento C si conduca una semietta paallela a DE che tagli t in F. Si povi che il tiangolo FDC è isoscele..posto DB e DF si povi che. Si detemini l intevallo in cui può vaiae e, in coispondenza, quello in cui vaia.. Si tacci il gafico Φ della f, senza tene conto dei limiti posti dal poblema geometico, e si indichi con s il suo asintoto obliquo.. Si calcoli il volume del solido geneato dalla otazione attono all asse della egione di piano delimitata da Φ, da s e dalle ette e. Punto Si considei la figua seguente. RISOLUZIONE I tiangoli DEC e DCB sono conguenti in quanto hanno tutti e te lati uguali; infatti il lato DC è in comune, CE CB in quanto aggi e DE DB in quanto tangenti alla semiciconfeenza condotte dal punto esteno D. Di conseguenza DC è bisettice dell angolo EDB ˆ e petanto EDC ˆ CDˆ F. Poichè DE ed FC sono paallele tagliate dalla tasvesale DC, si ha EDC ˆ DCˆ F in quanto angoli alteni inteni; avendo, quindi, gli angoli alla base uguali, il tiangolo FDC è isoscele su base DC.

3 Liceo sci. scuole italiane all esteo (Ameiche) ses. od. Punto.Il tiangolo FBC è ettangolo in B ed ha i cateti FB e BC che misuano ispettivamente FB, BC ; di conseguenza pe il teoema di Pitagoa FC Poichè il tiangolo FDC è isoscele si ha FC DF petanto imponendo l uguaglianza si ha: Poichè, è possibile elevae al quadato ambo i membi, ottenendo: Individuiamo oa la limitazione geometica imposta dal poblema. La pima posizione limite la si ha quando F coincide con B, petanto quando, mente la seconda posizione limite la si ha quando sia F che D tendono all infinito, cioè,. Di conseguenza il ange di valoi di e sono,,,. Punto Studiamo la funzione Dominio:,, non tenendo conto dei limiti geometici. ; Intesezioni asse ascisse: non ve ne sono in quanto il numeatoe è sempe positivo nel dominio; Intesezioni asse odinate: non ve ne sono in quanto non appatiene al dominio; Simmetie: la funzione è dispai in quanto ; Positività: visto che il numeatoe è sempe positivo nel dominio, la funzione è positiva laddove e quindi pe ed è negativa pe ; Asintoti veticali: Positività: f - Quado dei segni

4 N. De Rosa, La pova di matematica pe il liceo lim, lim petanto la etta è asintoto veticale desto e sinisto; Asintoti oizzontali: non ve ne sono in quanto, come si deduce applicando il teoema di De L Hopital, si ha lim lim ; altenativamente senza applicae il teoema di De L Hopital, poichè il numeatoe è un odine di infinito supeioe al denominatoe alloa pe la funzione divege; Asintoti obliqui: essendo q lim f lim lim pesenta un asintoto obliquo desto e sinisto di equazione f m lim lim si deduce applicando che la funzione s : ; Cescenza e decescenza: la deivata pima è f ' che è positiva se petanto la funzione è stettamente cescente in,, e stettamente decescente in,, e di conseguenza pesenta un, m, ; massimo elativo in M e un minimo elativo in e Concavità e convessità: la deivata seconda è f '' positiva se basso in, e non pesenta flessi. - Deivata pima: f ' - Quado dei segni che è,, veso il petanto la funzione volge concavità veso l alto in Il gafico è di seguito mostato: Deivata seconda: f '' - Quado dei segni

5 Liceo sci. scuole italiane all esteo (Ameiche) ses. od. 5 Punto In geneale, il solido geneato dalla otazione attono all asse di una egione piana può essee visto come somma di tanti gusci cilindici, cioè cilindi cavi di aggio inteno, aggio esteno f. Consideiamo il volume finito V di un guscio ed altezza come volume infinitesimo dv, quindi tattiamo espesso nella foma: come infinitesimo d ; esso può essee dv d f d f d f Poiché d è un infinitesimo di odine supeioe a d, alloa il temine d f tascuabile ispetto a d f, petanto dv d f d f è Il volume del solido dovuto alla otazione intono all asse delle odinate, pensato come somma di tanti volumetti dv elativi all intevallo di ascisse a, b, è petanto pai a b a b a V dv f d. Nel caso in esame, basta notae che la funzione f f è

6 6 N. De Rosa, La pova di matematica pe il liceo petanto, applicando la fomula si ha: V d d Altenativamente, consideiamo la figua sottostante in cui viene appesentato il solido di cui calcolae il volume. Calcoliamo il volume V dovuto alla otazione del tiangolo ettangolo AEC intono all asse delle odinate. Esso è pai al volume del tonco di cono ABDC avente pe basi i cechi di aggi IC e MA e altezza pe base il cechio di aggio MA e altezza IM cui va sottatto il volume del cilindo ABFE avente IM : V IM IC MA IC MA IM MA 7 6

7 Liceo sci. scuole italiane all esteo (Ameiche) ses. od. 7 Il volume V geneato dalla otazione intono all asse delle odinate del tiangolo mistilineo ECG può essee calcolata come diffeenza ta il volume del cilindo HDCG avente aggio di base IG ed altezza IL cui va sottatto il volume geneato dall aco di cuva EC. Calcoliamo l equazione del amo di cuva EC. E necessaio invetie la funzione, si ha: Pe, il amo di cuva EC è appesentato dalla funzione, petanto il volume geneato dall aco di cuva EC nell intevallo 5, è pai a: d d V EC Di conseguenza V e, petanto, il volume ichiesto è pai a V V V come già pecedentemente tovato.

8 8 N. De Rosa, La pova di matematica pe il liceo PROBLEMA Sia R la egione del pimo quadante degli assi catesiani delimitata da e da. Si detemini la etta k che dimezza l aea di R.. Si disegni la egione piana simmetica di R ispetto alla etta equazioni delle cuve che la delimitano.. Si calcoli il volume del solido geneato dalla otazione di R attono alla etta, e si scivano le. R è la base di un solido W le cui sezioni con piani otogonali all asse sono tutte quadati. Si calcoli il volume di W. Punto RISOLUZIONE Identifichiamo i punti di intesezioni ta il amo di paabola del pimo quadante di equazione e la etta. Bisogna isolvee il sistema ovveo l equazione Essendo pe la definizione della funzione, è possibile elevae al quadato ambo i membi ottenendo: 6 da cui 6 6 I punti di intesezione sono quindi O,, A6, L aea della egione R è pai a A R d 8 8 La etta k inteseca la egione R nei punti B e C come di seguito affiguato se e soltanto se k. I casi limite sono k in cui i due punti di intesezione collassano in O, e k in cui i due punti di intesezione collassano in A 6,. Calcoliamo le coodinate di B. Bisogna isolvee il sistema k

9 Liceo sci. scuole italiane all esteo (Ameiche) ses. od. 9 ovveo l equazione k Essendo pe la definizione della funzione, è possibile elevae al quadato ambo i membi ottenendo: k da cui B k, k Calcoliamo le coodinate di C. Bisogna isolvee il sistema k ovveo l equazione k da cui k da cui C k, k Definite: S l aea del tiangolo di base odinate e dalla etta k S l aea della egione di piano R delimitata da etta k l aea della egione R è pai a L aea S è pai a k e altezza k fomato ta la etta S R S S k, l asse delle, dall asse delle odinate e dalla k k S k d k k k Altenativamente tale aea poteva essee calcolata consideando la funzione invesa L aea S è pai a Imponendo S k d S k k k k k : si ha S R S S R S

10 N. De Rosa, La pova di matematica pe il liceo k 6 k ovveo l equazione isolvente k 6k 6 Notiamo subito che l equazione k 6k 6 ha come soluzione k come si evince pe sostituzione dietta. Di conseguenza applicando la egola di Ruffini si ha: k 6k 6 k k k 8 petanto l equazione k 6k 6 equivale a k k k 8 e pesenta te soluzioni eali: k k k L unica soluzione che ispetta la condizione k è k. Quindi la etta che dimezza l aea della egione R è. Di seguito la geometia del poblema con le egioni sopa definite. Punto La simmetica di ispetto a si icava mediante la tasfomazione X e petanto ha equazione 8 Y X Y 8 X e itonando alla Y 8 simbologia delle coodinate, si icava che la simmetica ispetto alla etta è 8. Di seguito vengono appesentate nello stesso ifeimento catesiano la funzione f e la simmetica g 8 ispetto a.

11 Liceo sci. scuole italiane all esteo (Ameiche) ses. od. Punto Pe calcolae il volume del solido ottenuto dalla otazione di R attono alla etta di equazione, icodando l invaianza del volume ispetto a tasfomazioni geometiche, è oppotuno consideae la seguente tasfomazione: X. In questo Y modo la etta veà a coincidee nel sistema di ifeimento OXY con l asse delle ascisse mente il amo di paabola avà equazione Y X e la etta avà equazione Y X..

12 N. De Rosa, La pova di matematica pe il liceo Il volume ichiesto saà quindi pai al volume del cono con aggio di base ed altezza h 6 cui va sottatto il volume geneato dalla otazione di Y X attono all asse delle. Si ha quindi: V 6 h R X Altenativamente il volume può essee anche calcolato come segue: 6 56 X X 6 8 X 6 6X X dx dx 6

13 Liceo sci. scuole italiane all esteo (Ameiche) ses. od. V 6 X R X 6 6 X 6 X 8 X 6 X 6 X 8 X 6 X X dx X dx X dx Un alto modo pe calcolae il volume del solido di otazione ottenuto uotando la egione R attono alla etta di equazione, deiva dall applicazione del Pincipio di Cavaliei, cioè immaginiamo il solido di otazione come insieme delle sue sezioni con piani pependicolai all'asse ; tali sezioni sono coone cicolai di aggio inteno costante, pai a volume ichiesto è pai a R, e aggio esteno pai a int R est. Petanto il Punto V R Rest Rint d d. Pima di pocedee al calcolo del volume, calcoliamo le funzioni invese di con 6. Si ha: con con e Le sezioni del solido W con piani otogonali all asse geneano quadati di lato petanto il volume ichiesto è pai a L con

14 N. De Rosa, La pova di matematica pe il liceo d d d L V

15 Liceo sci. scuole italiane all esteo (Ameiche) ses. od. 5 QUESTIONARIO Quesito Un tapezio è inscitto in un semicechio di aggio con una base coincidente con il diameto del cechio. Si tovi l aea massima del tapezio. Il tapezio inscitto in una semiciconfeenza con una base conincidente con il diameto è un tapezio isoscele. Consideiamo la figua seguente. Poniamo HC con. La base minoe del tapezio isoscele è AB mente pe il teoema di Euclide l altezza è pai a BH DH HC conseguenza l aea del tapezio è pai a S AB DC BH. Di Poichè la limitazione geometica impone, deduciamo che il fattoe è sempe positivo e petanto è possibile potalo sotto il segno di adice. In questo modo l aea diventa S Poichè la funzione adice è stettamente cescente, la sua massimizzazione equivale alla massimizzazione del adicando, petanto pe tovae l aea massima pocedeemo mediante deivazione della funzione La deivata pima è pai a g' g S

16 6 N. De Rosa, La pova di matematica pe il liceo Il fattoe è sempe positivo in quanto pe ipotesi, petanto il segno della deivata pima si iduce al segno del fattoe : g ' in quanto il fattoe è sempe positivo consideando la limitazione ; di conseguenza la deivata pima è positiva in, e negativa in,, ovveo la funzione aea è stettamente cescente in, e stettamente decescente in, petanto pesenta un massimo elativo pe cui coisponde l aea massima S. Si noti come l aea massima si ottiene in coispondenza di una base minoe di misua pai al aggio. Deivata pima: g' - Quado dei segni Quesito In un libo si legge: La definizione classica di misua di un angolo pe mezzo della lunghezza di un aco di cechio è essenzialmente coetta. Si spieghi, eventualmente con qualche esempio, il significato di tale affemazione. Il appoto ta la lunghezza di un aco di ciconfeenza L e l angolo al cento è pai al aggio: L L R R Ad esempio l intea ciconfeenza ha un angolo al cento pai a petanto ha lunghezza L R ; analogamente una semiciconfeenza ha lunghezza L R e un quato di ciconfeenza L R. Quindi in geneale, data una ciconfeenza, e due suoi achi L, L cui coispondono ispettivamente due angoli al cento, il appoto ta le lunghezze degli achi è pai al appoto ta gli angoli: L L

17 Liceo sci. scuole italiane all esteo (Ameiche) ses. od. 7 In sostanza, quindi, è coetto misuae un angolo mediante la lunghezza dell aco visto che la popozionalità, ta lunghezza dell aco e misua dell angolo, è dietta e la costante di popozionalità è il aggio. Nella ealtà si tovano moltissimi casi in cui la gandezza di una misua viene espessa mediante un alta gandezza: ad esempio pe misuae distanze elevatissime si pala di anni-luce, oppue si espime lo spazio pecoso a velocità costante in funzione del tempo impiegato. Quesito Tommaso ha costuito un modello di tetaedo egolae e vuole coloae le facce, ognuna con un coloe diveso. In quanti modi può falo se ha a disposizione 9 coloi? E se invece si fosse tattato di un cubo? Il numeo di disposizioni nel caso del tetaedo è 9 9! !5! Nel caso del cubo a 6 facce il numeo di disposizioni è 9 9! !6! Quesito Si povi che l equazione 6, un unica soluzione. ammette nell intevallo La funzione f 6 assume agli estemi dell intevallo, valoi discodi, in quanto f, f petanto cetamente esisteà uno zeo all inteno dell intevallo,. Dobbiamo veificae che questo zeo nell intevallo, sia unico. La deivata pima della funzione è f ' che isulta essee positiva pe e negativa pe. Di conseguenza la funzione f 6 è stettamente decescente pe e stettamente cescente pe. La stetta cescenza pe assicua che lo zeo nell intevallo, è anche unico. possiamo calcolalo attaveso vai metodi numeici, utilizzeemo il metodo delle tangenti o di Newton-Raphson mediante la fomula icosiva: f n n n 6n n 8n 6n n n n f ' n n n n n n n con punto di patenza. Si ha la seguente tabella che mosta i passi dell algoitmo:

18 8 N. De Rosa, La pova di matematica pe il liceo n n n n n n,,6 -,6,5,57,5,7,98,7,6,7,6,6, 5,6,6, da cui deduciamo che, 6. Quesito 5 Il volume di una sfea è pai ai / del cilindo ad essa cicoscitto. E questo uno dei isultati più noti che si attibuisce ad Achimede tant è che una sfea e un cilindo fuono scolpiti sulla sua tomba. Si itovi tale isultato mediante l applicazione del calcolo integale. Una sfea può essee vista come il solido di otazione deivante dalla otazione intono all asse delle ascisse della semiciconfeenza di equazione mente il volume del cilindo cicoscitto alla sfea può essee visto come il solido ottenuto dalla otazione intono all asse delle ascisse della etta. Di seguito una illustazione della geometia del poblema. Il volume della sfea è pai a

19 Liceo sci. scuole italiane all esteo (Ameiche) ses. od. 9 d d V S mente il volume del cilindo è pai a d d V C Petanto V V C S Quesito 6 Un cono otondo ha altezza h = 7 dm e aggio = dm. Si vuole diminuie la pima di quanto si aumenta il secondo in modo che il volume del cono aumenti del 5 %. Si dica se la questione ammette soluzioni e, in caso affemativo, si dica quali sono. Consideiamo la figua seguente. Il volume del cono otondo ha altezza h = 7 dm e aggio = dm è pai a h V

20 N. De Rosa, La pova di matematica pe il liceo Supponiamo che l altezza diminuisca di una quantità pai a, di conseguenza il aggio aumenteà di con <<7. Di conseguenza il nuovo volume saà 7 V Se il volume del nuovo cono deve aumentae del 5% alloa deve essee pai a 5 V V,5V,5V,5 Imponendo l uguaglianza si ha: 7 7 Sviluppando i calcoli si ha: La funzione f 8 può avee al massimo soluzioni eali o una eale e due complesse coniugate. Calcoliamone alcuni valoi, si ha: f 8,5, f 7 f 8, f f 5, f 6 da cui pe il teoema degli zei deduciamo che le te adici dell equazione tutte eali e appatengono ispettivamente agli intevalli f sono Dovendo consideae la estizione geometica 7, deduciamo che le soluzioni del quesito sono due,, 5,6 e possono essee deteminate in maniea icosiva attaveso il metodo delle tangenti o di Newton-Raphson mediante la fomula: f n n n n 8 n n 8 n n n f ' n n n n n In paticolae consideando, con punto di patenza tabella che mosta i passi dell algoitmo:, 7,,, 5,6 8 si ha la seguente n n n n n n,,7,7,7,7,7,7,,7,7, da cui deduciamo che, 7. Applicando lo stesso metodo pe 5,6 con punto di patenza 6 si ha:

21 Liceo sci. scuole italiane all esteo (Ameiche) ses. od. n n n n n n 6, 5,5-5,5 5,5,5 5,5 5,,75 5, 5,, 5, 5,, da cui deduciamo che 5,. Quesito 7 Data la funzione definita da: a b se f b c se Si detemini la tena odinata a, b, c in modo che siano soddisfatte le seguenti condizioni: f è continua f lim f a b se La funzione f è data dall unione di due funzioni, una paabola e una etta, b c se continue e deivabili nei ispettivi intevalli di definizione, e,. Affinchè veificae che Si ha: f sia continua in R è necessaio contollae che lo sia in ; dobbiamo quindi lim lim f f lim f lim f lim a b a b lim b c b c petanto imponendone l uguaglianza si icava La seconda condizione La teza condizione lim f Sostituendo le condizioni c a. f compota la condizione b c. compota a b b a c a e b a in b c si icava

22 N. De Rosa, La pova di matematica pe il liceo petanto la funzione è a b c 8 f se 8 se Di seguito un gafico della funzione se f. 8 se Quesito 8 Si veifichi l identità: tan5 sin cos Ricodando la seguente fomula di addizione e sottazione pe la funzione tangente tan tan tan,,,, k, k Z tan tan si ha tan5 tan tan k tan5,, k Z tan5 tan tan Poichè

23 Liceo sci. scuole italiane all esteo (Ameiche) ses. od. sin tan cos cos sin tan sin cos sin cos cos sin cos sin cos sin cos sin cos l identità isulta petanto veificata. sin sin cos sin cos sin cos cos sin cos sin

SIMULAZIONE - 22 APRILE 2015 - QUESITI

SIMULAZIONE - 22 APRILE 2015 - QUESITI www.matefilia.it Assegnata la funzione y = f(x) = e x 8 SIMULAZIONE - APRILE 5 - QUESITI ) veificae che è invetibile; ) stabilie se la funzione invesa f è deivabile in ogni punto del suo dominio di definizione,

Dettagli

REALTÀ E MODELLI SCHEDA DI LAVORO

REALTÀ E MODELLI SCHEDA DI LAVORO REALTÀ E MODELLI SCHEDA DI LAVORO 1 La siepe Sul eto di una villetta deve essee ealizzato un piccolo giadino ettangolae di m, ipaato da una siepe posta lungo il bodo Dato che un lato del giadino è occupato

Dettagli

REALTÀ E MODELLI SCHEDA DI LAVORO

REALTÀ E MODELLI SCHEDA DI LAVORO REALTÀ E MDELLI SCHEDA DI LAVR La clessida ad acqua Ipotizziamo che la clessida ad acqua mostata in figua sia fomata da due coni pefetti sovapposti La clessida impiega,5 minuti pe svuotasi e supponiamo

Dettagli

C8. Teoremi di Euclide e di Pitagora

C8. Teoremi di Euclide e di Pitagora 8. Teoemi di uclide e di Pitagoa 8.1 igue equiscomponibili ue poligoni sono equiscomponibili se è possibile suddivideli nello stesso numeo di poligoni a due a due conguenti. Il ettangolo e il tiangolo

Dettagli

Disequazioni. 21.1 Intervalli sulla retta reale

Disequazioni. 21.1 Intervalli sulla retta reale Disequazioni 1 11 Intevalli sulla etta eale Definizione 11 Dati due numei eali a e b, con a < b, si chiamano intevalli, i seguenti sottoinsiemi di R: a, b) = {x R/a < x < b} intevallo limitato apeto, a

Dettagli

Energia potenziale e dinamica del punto materiale

Energia potenziale e dinamica del punto materiale Enegia potenziale e dinamica del punto mateiale Definizione geneale di enegia potenziale (facoltativo) In modo geneale, la definizione di enegia potenziale può esee pesentata come segue. Sia un punto di

Dettagli

Magnetostatica: forze magnetiche e campo magnetico

Magnetostatica: forze magnetiche e campo magnetico Magnetostatica: foze magnetiche e campo magnetico Lezione 6 Campo di induzione magnetica () (nomenclatua stoica ; in ealtà si dovebbe chiamae, e spesso lo è, campo magnetico) è un campo di foze vettoiale

Dettagli

Magnetostatica: forze magnetiche e campo magnetico

Magnetostatica: forze magnetiche e campo magnetico Magnetostatica: foze magnetiche e campo magnetico Lezione 6 Campo di induzione magnetica B() (nomenclatua stoica ; in ealtà si dovebbe chiamae, e spesso lo è, campo magnetico) è un campo di foze vettoiale

Dettagli

CAPITOLO 11 La domanda aggregata II: applicare il modello IS-LM

CAPITOLO 11 La domanda aggregata II: applicare il modello IS-LM CPITOLO 11 La domanda aggegata II: applicae il modello - Domande di ipasso 1. La cuva di domanda aggegata appesenta la elazione invesa ta il livello dei pezzi e il livello del eddito nazionale. Nel capitolo

Dettagli

La seconda prova scritta dell esame di stato 2007 Indirizzo: GEOMETRI Tema di TOPOGRAFIA

La seconda prova scritta dell esame di stato 2007 Indirizzo: GEOMETRI Tema di TOPOGRAFIA La seconda pova scitta dell esame di stato 007 Indiizzo: OMTRI Tema di TOPORI Claudio Pigato Membo del Comitato Scientiico SIT Società Italiana di otogammetia e Topogaia Istituto Tecnico Statale pe eometi

Dettagli

IL MOMENTO ANGOLARE E IL MOMENTO D INERZIA

IL MOMENTO ANGOLARE E IL MOMENTO D INERZIA . L'IMPULS 0 DI MT IL MMENT NGLRE E IL MMENT D INERZI Il momento angolae nalizziamo alcuni moti di otazione. Se gli attiti sono tascuabili, una uota di bicicletta messa in otazione può continuae a giae

Dettagli

12 L energia e la quantità di moto - 12. L impulso

12 L energia e la quantità di moto - 12. L impulso L enegia e la quantità di moto -. L impulso Il momento angolae e il momento d inezia Il momento angolae nalizziamo alcuni moti di otazione. Se gli attiti sono tascuabili, una uota di bicicletta messa in

Dettagli

CAPITOLO 10 La domanda aggregata I: il modello IS-LM

CAPITOLO 10 La domanda aggregata I: il modello IS-LM CAPITOLO 10 La domanda aggegata I: il modello IS-LM Domande di ipasso 1. La coce keynesiana ci dice che la politica fiscale ha un effetto moltiplicato sul eddito. Infatti, secondo la funzione di consumo,

Dettagli

Investimento. 1 Scelte individuali. Micoreconomia classica

Investimento. 1 Scelte individuali. Micoreconomia classica Investimento L investimento è l aumento della dotazione di capitale fisico dell impesa. Viene effettuato pe aumentae la capacità poduttiva. ECONOMIA MONETARIA E FINANZIARIA (5) L investimento In queste

Dettagli

durante lo spostamento infinitesimo dr la quantità data dal prodotto scalare F dr

durante lo spostamento infinitesimo dr la quantità data dal prodotto scalare F dr 4. Lavoo ed enegia Definizione di lavoo di una foza Si considea un copo di massa m in moto lungo una ceta taiettoia. Si definisce lavoo infinitesimo fatto dalla foza F duante lo spostamento infinitesimo

Dettagli

IL VOLUME DEI SOLIDI Conoscenze

IL VOLUME DEI SOLIDI Conoscenze IL VOLUME DEI SOLIDI Conoscenze 1. Completa. a. Il peso di un copo dipende dal volume e dalla sostanza di cui è costituito b. Ogni sostanza ha il suo peso specifico, che è il peso dell unità di volume

Dettagli

EX 1 Una cassa di massa m=15kg è ferma su una superficie orizzontale scabra. Il coefficiente di attrito statico è µ s

EX 1 Una cassa di massa m=15kg è ferma su una superficie orizzontale scabra. Il coefficiente di attrito statico è µ s STATICA EX Una cassa di massa m=5kg è fema su una supeficie oizzontale scaba. Il coefficiente di attito statico è µ s = 3. Supponendo che sulla cassa agisca una foza F fomante un angolo di 30 ispetto al

Dettagli

V. SEPARAZIONE DELLE VARIABILI

V. SEPARAZIONE DELLE VARIABILI V SEPARAZIONE DEE VARIABII 1 Tasfomazioni Otogonali Sia u = u 1, u 2, u 3 una tasfomazione delle vaiabili in R 3, dove x = x 1, x 2, x 3 sono le coodinate catesiane, u j = u j x 1, x 2, x 3 j = 1, 2, 3

Dettagli

Corso di Elettrotecnica 1 - Cod. 9200 N Diploma Universitario Teledidattico in Ingegneria Informatica ed Automatica Polo Tecnologico di Alessandria

Corso di Elettrotecnica 1 - Cod. 9200 N Diploma Universitario Teledidattico in Ingegneria Informatica ed Automatica Polo Tecnologico di Alessandria Schede di lettotecnica Coso di lettotecnica - Cod. 900 N Diploma Univesitaio Teledidattico in Ingegneia Infomatica ed utomatica Polo Tecnologico di lessandia cua di Luca FRRRIS Scheda N Sistemi tifase:

Dettagli

IL VOLUME DEI SOLIDI Conoscenze

IL VOLUME DEI SOLIDI Conoscenze IL VOLUME DEI SOLIDI Conoscenze 1. Completa. a. Il peso di un copo dipende dal...e dalla...di cui è costituito b. Ogni sostanza ha il suo peso specifico, che è... di quella sostanza c. Il peso specifico

Dettagli

GEOMETRIA ELEMENTARE. h = 2 2 S. h =

GEOMETRIA ELEMENTARE. h = 2 2 S. h = QUESITI 1 GEOMETRI ELEMENTRE 1. (Da Veteinaia 015) Le diagonali (ossia le linee che uniscono i vetici opposti) di un ombo misuano ispettivamente 4 cm e 8 cm. Qual è il peimeto del ombo in cm? a) 8 3 b)

Dettagli

Unità Didattica N 27 Circonferenza e cerchio

Unità Didattica N 27 Circonferenza e cerchio 56 La ciconfeenza ed il cechio Ciconfeenza e cechio 01) Definizioni e popietà 02) Popietà delle code 03) Ciconfeenza passante pe te punti 04) Code e loo distanza dal cento 05) Angoli, achi e code 06) Mutua

Dettagli

Grandezze cinematiche angolari (1)

Grandezze cinematiche angolari (1) Uniesità degli Studi di Toino D.E.I.A.F.A. MOTO CIRCOLARE UNIFORME FISICA CdL Tecnologie Agoalimentai Uniesità degli Studi di Toino D.E.I.A.F.A. Genealità () Moto di un punto mateiale lungo una ciconfeenza

Dettagli

Esame di stato di istruzione secondaria superiore Indirizzi: Scientifico e Scientifico opzione scienze applicate Tema di matematica

Esame di stato di istruzione secondaria superiore Indirizzi: Scientifico e Scientifico opzione scienze applicate Tema di matematica wwwmatematicamenteit Nicola De osa matuità Esame di stato di istuzione secondaia supeioe Indiizzi: Scientifico e Scientifico opzione scienze applicate Tema di matematica Il candidato isolva uno dei due

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2009

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2009 ESME DI STT DI LICE SCIENTIFIC CRS DI RDINMENT 009 Il candidato isolva uno dei due poblemi e 5 dei 0 quesiti in cui si aticola il questionaio. PRLEM È assegnato il settoe cicolae di aggio e ampiezza (

Dettagli

Lunghezza della circonferenza e area del cerchio

Lunghezza della circonferenza e area del cerchio Come possiamo deteminae la lunghezza di una ciconfeenza di aggio? Poviamo a consideae i poligoni egolai inscitti e cicoscitti alla ciconfeenza: è chiao che la lunghezza della ciconfeenza è maggioe del

Dettagli

Corso di ordinamento Sessione straordinaria - a.s. 2009-2010 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE STRAORDINARIA

Corso di ordinamento Sessione straordinaria - a.s. 2009-2010 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE STRAORDINARIA Sessione straordinaria - a.s. 9- ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE STRAORDINARIA Tema di: MATEMATICA a.s. 9- Svolgimento a cura di Nicola De Rosa Il candidato risolva uno

Dettagli

GEOMETRIA 3D MODELLO PINHOLE

GEOMETRIA 3D MODELLO PINHOLE http://imagelab.ing.unimo.it Dispense del coso di Elaboazione di Immagini e Audio Digitali GEOMETRIA 3D MODELLO PINHOLE Pof. Robeto Vezzani Calibazione della telecamea: a cosa seve? Obiettivo: pote calcolae

Dettagli

FORZA AGENTE SU UN TRATTO DI FILO RETTILINEO. Dispositivo sperimentale

FORZA AGENTE SU UN TRATTO DI FILO RETTILINEO. Dispositivo sperimentale FORZA AGENTE SU UN TRATTO DI FILO RETTILINEO 0 Dispositivo speimentale Consideiamo pe semplicità un campo magnetico unifome, le linee di foza sono paallele ed equidistanti. Si osseva una foza di oigine

Dettagli

32. Significato geometrico della derivata. 32. Significato geometrico della derivata.

32. Significato geometrico della derivata. 32. Significato geometrico della derivata. 32. Significato geometico della deivata. Deivata Definizione deivata di una funzione in un punto (30) Definizione deivata di una funzione (30) Significato della deivata Deivata in un punto (32) Deivata

Dettagli

Nicola De Rosa, Liceo scientifico di ordinamento sessione suppletiva 2011, matematicamente.it

Nicola De Rosa, Liceo scientifico di ordinamento sessione suppletiva 2011, matematicamente.it Nicola De Rosa, Liceo scientifico di ordinamento sessione suppletiva, matematicamente.it PROBLEMA Data una semicirconferenza di diametro AB =, si prenda su di essa un punto P e sia M la proiezione di P

Dettagli

FI.CO. 2. ...sempre più fico! ( Fisica Comprensibile per geologi) Programma di Fisica 2 - (v 5.0-2002) A.J. 2000 Adriano Nardi

FI.CO. 2. ...sempre più fico! ( Fisica Comprensibile per geologi) Programma di Fisica 2 - (v 5.0-2002) A.J. 2000 Adriano Nardi FI.CO. 2 ( Fisica Compensibile pe geologi) Pogamma di Fisica 2 - (v 5.0-2002)...sempe più fico! A.J. 2000 Adiano Nadi La fisica dovebbe essee una scienza esatta. Questo papio non può gaantie la totale

Dettagli

TEST PER RECUPERO OFA 25 marzo 2010

TEST PER RECUPERO OFA 25 marzo 2010 TEST PER RECUPERO OFA mazo 010 A 1. Quale ta i seguenti numei, moltiplicato pe, dà come podotto un numeo azionale? A) 0 B) 1+ C) + D) 1 6 E).. Un esagono egolae è inscitto in una ciconfeenza di aggio.

Dettagli

Fisica Generale - Modulo Fisica II Esercitazione 3 Ingegneria Gestionale-Informatica POTENZIALE ELETTRICO ED ENERGIA POTENZIALE

Fisica Generale - Modulo Fisica II Esercitazione 3 Ingegneria Gestionale-Informatica POTENZIALE ELETTRICO ED ENERGIA POTENZIALE PTNZIL LTTRIC D NRGI PTNZIL Ba. Una caica elettica q mc si tova nell oigine di un asse mente una caica negativa q 4 mc si tova nel punto di ascissa m. Sia Q il punto dell asse dove il campo elettico si

Dettagli

GRANDEZZE MAGNETICHE Prof. Chirizzi Marco www.elettrone.altervista.org marco.chirizzi@libero.it

GRANDEZZE MAGNETICHE Prof. Chirizzi Marco www.elettrone.altervista.org marco.chirizzi@libero.it Soenoide GRANDEZZE MAGNETICHE Pof. Chiizzi Maco www.eettone.atevista.og maco.chiizzi@ibeo.it PREMESSA La pesente dispensa ha come obiettivo queo di gaantie agi aievi de coso di Fisica de biennio, ad indiizzo

Dettagli

CAPITOLO 3 Il reddito nazionale: da dove viene e dove va

CAPITOLO 3 Il reddito nazionale: da dove viene e dove va CAPITOLO Il eddito nazionale: da dove viene e dove va Domande di ipasso. I fattoi di poduzione e la tecnologia di poduzione deteminano il livello della poduzione aggegata di un sistema economico. I fattoi

Dettagli

Geometria analitica in sintesi

Geometria analitica in sintesi punti distanza ta due punti coodinate del punto medio coodinate del baicento ta due punti di un tiangolo di vetici etta e foma implicita foma esplicita foma segmentaia equazione della etta m è il coefficiente

Dettagli

FAST FOURIER TRASFORM-FFT

FAST FOURIER TRASFORM-FFT A p p e n d i c e B FAST FOURIER TRASFORM-FFT La tasfomata disceta di Fouie svolge un uolo molto impotante nello studio, nell analisi e nell implementazione di algoitmi dei segnali in tempo disceto. Come

Dettagli

CORRENTI ELETTRICHE E CAMPI MAGNETICI STAZIONARI

CORRENTI ELETTRICHE E CAMPI MAGNETICI STAZIONARI CORRENT ELETTRCHE E CAMP MAGNETC STAZONAR Foze magnetiche su una coente elettica; Coppia magnetica su una coente in un cicuito chiuso; Azioni meccaniche su dipoli magnetici; Applicazione (Galvanometo);

Dettagli

Approfondimento 7.5 - Altri tipi di coefficienti di correlazione

Approfondimento 7.5 - Altri tipi di coefficienti di correlazione Appofondimento 7.5 - Alti tipi di coefficienti di coelazione Il coefficiente di coelazione tetacoico e policoico Nel 900 Peason si pose anche il poblema di come misuae la coelazione fa caatteistiche non

Dettagli

5.1 Determinazione delle distanze dei corpi del Sistema Solare

5.1 Determinazione delle distanze dei corpi del Sistema Solare 5.1 Deteminazione delle distanze dei copi del istema olae 5.1.1 Distanza ea-pianeti aallassi equatoiali Questo è il metodo più peciso ma anche quello più delicato da eseguie. Esso si basa sul fatto che

Dettagli

Corrente elettrica. Definizione. dq i = dt. Unità di misura. 1Coulomb 1 Ampere = 1secondo. Verso della corrente

Corrente elettrica. Definizione. dq i = dt. Unità di misura. 1Coulomb 1 Ampere = 1secondo. Verso della corrente Nome file j:\scuola\cosi\coso fisica\elettomagnetismo\coente continua\coenti elettiche.doc Ceato il 05/1/003 3.07.00 Dimensione file: 48640 byte Elaboato il 15/01/004 alle oe.37.13, salvato il 10/01/04

Dettagli

Nicola De Rosa maturità 2015

Nicola De Rosa maturità 2015 www.matematicamente.it Nicola De Rosa matuità 5 Esame di stato di istuzione secondaia supeioe Indiizzi: LI SCIENTIFICO LI - SCIENTIFICO - OPZIONE SCIENZE APPLICATE Tema di matematica (Testo valevole anche

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2009

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2009 PRV RDINMENT 009 ESME DI STT DI LICE SCIENTIFIC CRS DI RDINMENT 009 Il candidato isolva uno dei due poblemi e 5 dei 0 quesiti in cui si aticola il questionaio. PRLEM È assegnato il settoe cicolae di aggio

Dettagli

Sistemi inerziali Forza centripeta e forze apparenti Forza gravitazionale. 03/11/2011 G. Pagnoni 1

Sistemi inerziali Forza centripeta e forze apparenti Forza gravitazionale. 03/11/2011 G. Pagnoni 1 Sistemi ineziali Foza centipeta e foze appaenti Foza gavitazionale 03/11/011 G. Pagnoni 1 Sistemi ineziali Sistema di ifeimento ineziale: un sistema in cui è valida la pima legge di Newton (I legge della

Dettagli

5. CAMBIO. 5.1. descrizione

5. CAMBIO. 5.1. descrizione ambio powe - shift 5. AMBIO 5.. descizione Tattasi di cambio meccanico a te velocità avanti e te velocità indieto, ealizzate mediante cinque iduttoi epicicloidali vaiamente collegati ta loo. Tutte le cinque

Dettagli

Potenziale elettrico per una carica puntiforme isolata

Potenziale elettrico per una carica puntiforme isolata Potenziale elettico pe una caica puntifome isolata Consideiamo una caica puntifome positiva. Il campo elettico geneato da uesta caica è: Diffeenza di potenziale elettico ta il punto ed il punto B: B ds

Dettagli

Polo Universitario della Spezia G. Marconi

Polo Universitario della Spezia G. Marconi Nicolò Beveini Appunti di Fisica pe il Coso di lauea in Infomatica Applicata Polo Univesitaio della Spezia G. Maconi Nicolò Beveini Appunti di fisica Indice 1. La misua delle gandezze fisiche... 4 1.1

Dettagli

Una non parabola: la catenaria con qualche cenno al calcolo della sua equazione franco ghione

Una non parabola: la catenaria con qualche cenno al calcolo della sua equazione franco ghione Quadeni di laboatoio 009 Una non paabola: la catenaia con qualche cenno al calcolo della sua equazione fanco ghione x y(x) = c ec + e " x c = c cosh( x c ) Una non paabola: la catenaia con qualche cenno

Dettagli

3. La velocità v di un satellite in un orbita circolare di raggio r intorno alla Terra è v = e,

3. La velocità v di un satellite in un orbita circolare di raggio r intorno alla Terra è v = e, Capitolo 10 La gavitazione Domande 1. La massa di un oggetto è una misua quantitativa della sua inezia ed è una popietà intinseca dell oggetto, indipendentemente dal luogo in cui esso si tova. Il peso

Dettagli

int Schiusa Schiusa r r Φ = r r S o 1 Anno scolastico

int Schiusa Schiusa r r Φ = r r S o 1 Anno scolastico Anno scolastico 4 + ε ε int dt E d C dt d E C Q E S o S Schiusa Schiusa gandezza definizione fomula Foza di Loentz Foza agente su una caica q in moto con velocità v in una egione in cui è pesente un campo

Dettagli

4 Polarizzazione elettrica nel dominio del tempo

4 Polarizzazione elettrica nel dominio del tempo 4 Polaizzazione elettica nel dominio del tempo Intoduzione Atomi, molecole e ioni sono talmente piccoli che da un punto di vista macoscopico una piccola egione di un solido contiene un numeo molto elevato

Dettagli

La magnetostatica. Le conoscenze sul magnetismo fino al 1820.

La magnetostatica. Le conoscenze sul magnetismo fino al 1820. Le conoscenze sul magnetismo fino al 1820. La magnetostatica Le nozioni appese acquisite nel coso dei secoli sui fenomeni magnetici fuono schematizzate elativamente tadi ispetto alle pime ossevazioni,

Dettagli

Operatori divergenza e rotore in coordinate cilindriche

Operatori divergenza e rotore in coordinate cilindriche Opeatoi divegena e otoe Univesità di Roma To Vegata Pof. Ing. Paolo Sammaco Opeatoi divegena e otoe in coodinate cilindiche Dott. Ing. Macello Di Risio 1 Sistema di ifeimento Si assume il sistema di ifeimento

Dettagli

Dinamica. Se un corpo non interagisce con altri corpi la sua velocità non cambia.

Dinamica. Se un corpo non interagisce con altri corpi la sua velocità non cambia. Poblema fondamentale: deteminae il moto note le cause (foze) pe oa copi «puntifomi» Dinamica Se un copo non inteagisce con alti copi la sua velocità non cambia. Se inizialmente femo imane in quiete, se

Dettagli

Successioni e Progressioni

Successioni e Progressioni Successioi e Pogessioi Ua successioe è ua sequeza odiata di umei appateeti ad u isieme assegato: ad esempio, si possoo avee successioi di umei itei, azioali, eali, complessi Il pimo elemeto della sequeza

Dettagli

Cariche in campo magnetico: Forza magnetica

Cariche in campo magnetico: Forza magnetica Lezione 18 Campo magnetico I Stoicamente, i geci sapevano che avvicinando un pezzo di magnetite a della limatua di feo questa lo attaeva. La magnetite ea il pimo esempio noto di magnete pemanente. Come

Dettagli

ELEMENTI DI GEOMETRIA SOLIDA

ELEMENTI DI GEOMETRIA SOLIDA POF. IN CEESO.S. EINSEIN EEMENI DI GEOMEI SOID Postulati: ) pe punti dello spazio, non allineati, passa uno e un solo piano; ) una etta passante pe due punti di un piano giace inteamente in quel piano;

Dettagli

Il moto circolare uniforme

Il moto circolare uniforme Il moto cicolae unifome Il moto cicolae unifome: peiodo e fequenza Un copo che i muoe lungo una taiettoia cicolae con elocità calae cotante ipaa pe la poizione iniziale a intealli fii di tempo. Definiamo

Dettagli

I principi della Dinamica. L azione di una forza è descritta dalle leggi di Newton, possono fare Lavoro e trasferire Energia

I principi della Dinamica. L azione di una forza è descritta dalle leggi di Newton, possono fare Lavoro e trasferire Energia I pincipi della Dinamica Un oggetto si mette in movimento quando viene spinto o tiato o meglio quando è soggetto ad una foza 1. Le foze sono gandezze fisiche vettoiali che influiscono su un copo in modo

Dettagli

Politecnico di Milano. Dipartimento di Fisica. G. Valentini. Meccanica

Politecnico di Milano. Dipartimento di Fisica. G. Valentini. Meccanica Politecnico di Milano Dipatimento di Fisica G. Valentini Meccanica I INDICE LA FISICA ED IL METODO SPERIMENTALE. INTRODUZIONE. IL METODO SPERIMENTALE GRANDEZZE FISICHE ED INDICI DI STATO 4. DEFINIZIONE

Dettagli

LEZIONE 10. d(a, B) = AB = AB = (x A x B ) 2 + (y A y B ) 2 + (z A z B ) 2.

LEZIONE 10. d(a, B) = AB = AB = (x A x B ) 2 + (y A y B ) 2 + (z A z B ) 2. LEZIONE 10 10.1. Distanze. Definizione 10.1.1. In S n sia fissata un unità di misua u. Se A, B S n, definiamo distanza fa A e B, e sciviamo d(a, B), la lunghezza del segmento AB ispetto ad u. Abbiamo già

Dettagli

Materiale didattico. Organizzazione del modulo IL CALCOLO FINANZIARIARIO. Programma Struttura logica

Materiale didattico. Organizzazione del modulo IL CALCOLO FINANZIARIARIO. Programma Struttura logica IL CALCOLO FINANZIARIARIO You do not eally undestand something unless you can explain it to you gandmothe (A.Einstein) Calcolo finanziaio Intoduzione Economia dell impesa foestale: Bilancio Pianificazione

Dettagli

La carica elettrica. F.Soramel Fisica Generale II - A. A. 2 0 0 4 / 0 5 1

La carica elettrica. F.Soramel Fisica Generale II - A. A. 2 0 0 4 / 0 5 1 La caica elettica 8 H.C. Oested connessione ta eletticità e magnetismo M. Faday speimentale puo, non scive fomule 85 J.C. Maxwell fomalia le idee di Faaday I geci avevano ossevato che l amba (elekton)

Dettagli

Lo schema seguente spiega come passare da una equazione all altra e al grafico della circonferenza. Svolgere i calcoli.

Lo schema seguente spiega come passare da una equazione all altra e al grafico della circonferenza. Svolgere i calcoli. D4. Ciconfeenza D4.1 Definizione di ciconfeenza come luogo di punti Definizione: una ciconfeenza è fomata dai punti equidistanti da un punto detto cento. La distanza (costante) è detta aggio. Ci sono due

Dettagli

Il teorema di Gauss e sue applicazioni

Il teorema di Gauss e sue applicazioni Il teoema di Gauss e sue applicazioi Cocetto di flusso Cosideiamo u campo uifome ed ua supeficie piaa pepedicolae alle liee di campo. Defiiamo flusso del campo attaveso la supeficie la uatità : = (misuata

Dettagli

Gravitazione Universale

Gravitazione Universale Gavitazione Univesale Liceo Ginnasio Statale S.M. Legnani Anno Scolastico 2007/08 Classe 3B IndiizzoClassico Pof.Robeto Squellati 1 Le leggi di Kepleo Ossevando la posizione di Mate ispetto alle alte stelle,

Dettagli

4 IL CAMPO MAGNETICO STATICO

4 IL CAMPO MAGNETICO STATICO 4 IL CAMPO MAGNETICO STATICO Analogamente al caso dei fenomeni elettici anche i fenomeni magnetici eano noti sin dagli antichi geci i quali denominaono il mineale poveniente dalla egione di in Macedonia

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione suppletiva

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione suppletiva ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 00 Sessione suppletiva Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 0 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA Se il polinomio

Dettagli

III. INTRODUZIONE ALL'ASTRODINAMICA

III. INTRODUZIONE ALL'ASTRODINAMICA III. INTRODUZIONE ALL'ASTRODINAMICA III.1. Obite kepleiane III.1.1. Equazioni del moto La Tabella III.1.1 elenca e definisce i paameti fondamentali dell'obita ellittica schematizzata in Figua III.1.1.

Dettagli

Legge di Coulomb e campo elettrostatico

Legge di Coulomb e campo elettrostatico A. hiodoni esecizi di Fisica II Legge di oulomb e campo elettostatico Esecizio Te caiche positive uguali sono fisse nei vetici di un tiangolo euilateo di lato l. alcolae (a) la foza elettica agente su

Dettagli

ESERCIZIO n.2. y B. rispetto alle rette r e t indicate in Figura. GA#2 1

ESERCIZIO n.2. y B. rispetto alle rette r e t indicate in Figura. GA#2 1 ESERCZO n. Data la sezione a T ipotata in Figua, deteminae: a) gli assi pincipali centali di inezia; ) l ellisse pincipale centale di inezia; c) il nocciolo centale di inezia; d) i momenti di inezia e

Dettagli

Appunti su argomenti monografici per il corso di FM1 Prof. Pierluigi Contucci. Gravità e Teorema di Gauss

Appunti su argomenti monografici per il corso di FM1 Prof. Pierluigi Contucci. Gravità e Teorema di Gauss 1 Appunti su agomenti monogafici pe il coso di FM1 Pof. Pieluigi Contucci Gavità e Teoema di Gauss Vogliamo dimostae, a patie dalla legge di gavitazione univesale che il campo gavitazionale geneato da

Dettagli

Soluzione del tema d esame di matematica, A.S. 2005/2006

Soluzione del tema d esame di matematica, A.S. 2005/2006 Soluzione del tema d esame di matematica, A.S. 2005/2006 Niccolò Desenzani Sun-ra J.N. Mosconi 22 giugno 2006 Problema. Indicando con A e B i lati del rettangolo, il perimetro è 2A + 2B = λ mentre l area

Dettagli

Geometria analitica in sintesi

Geometria analitica in sintesi geometia analitica Geometia analitica in sintesi punti istanza ta ue punti punto meio baicento ta ue punti i un tiangolo i vetici aea i un tiangolo i vetici C B A etta e foma implicita foma esplicita foma

Dettagli

Campo elettrostatico nei conduttori

Campo elettrostatico nei conduttori Campo elettostatico nei conduttoi Consideeemo conduttoi metallici (no gas, semiconduttoi, ecc): elettoni di conduzione libei di muovesi Applichiamo un campo elettostatico: movimento di caiche tansiente

Dettagli

Massimi e minimi con le linee di livello

Massimi e minimi con le linee di livello Massimi e minimi con le linee di livello Pe affontae questo agomento è necessaio sape appesentae i fasci di cuve ed in paticolae: Fasci di paabole. Pe affontae questo agomento si consiglia di ivedee l

Dettagli

6 INDUZIONE ELETTROMAGNETICA

6 INDUZIONE ELETTROMAGNETICA 6 INDUZIONE ELETTOMAGNETIA Patendo dall ipotesi di simmetia dei fenomeni natuali pe cui se una coente esecita un influenza su di una calamita così una calamita deve pote modificae lo stato di una coente

Dettagli

SIMULAZIONE DELLA PROVA D ESAME DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I.

SIMULAZIONE DELLA PROVA D ESAME DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. SIMULAZINE DELLA PRVA D ESAME DI LICE SCIENTIFIC CRS SPERIMENTALE P.N.I. Risolvi uno dei due poblemi e 5 dei quesiti del questionaio. PRBLEMA In un piano è data la ciconfeenza di cento e aggio A ; conduci

Dettagli

Il criterio media varianza. Ordinamenti totali e parziali

Il criterio media varianza. Ordinamenti totali e parziali Il citeio media vaianza Il citeio media vaianza è un alto esemio di odinamento aziale ta lotteie definito da a M b se la lotteia b domina la lotteia a se ha media sueioe e vaianza infeioe a b eσ a σ b

Dettagli

ESERCIZIO n.1. rispetto alle rette r e t indicate in Figura. h t. d b GA#1 1

ESERCIZIO n.1. rispetto alle rette r e t indicate in Figura. h t. d b GA#1 1 Esecizi svolti di geometia delle aee Aliandi U., Fusci P., Pisano A., Sofi A. ESERCZO n.1 Data la sezione ettangolae ipotata in Figua, deteminae: a) gli assi pincipali centali di inezia; ) l ellisse pincipale

Dettagli

GONIOMETRIA. MISURA DEGLI ANGOLI La misura di un angolo si può esprimere in diversi modi, a seconda dell unità di misura che si sceglie.

GONIOMETRIA. MISURA DEGLI ANGOLI La misura di un angolo si può esprimere in diversi modi, a seconda dell unità di misura che si sceglie. of. Luigi Cai Anno scolastico 4-5 GONIOMETRIA MISURA DEGLI ANGOLI La misua di un angolo si può espimee in divesi modi, a seconda dell unità di misua che si sceglie. Sistema sessagesimale Si assume come

Dettagli

Elementi della teoria della diffusione

Elementi della teoria della diffusione Elementi della teoia della diffusione Pe ottenee infomazioni sulla stuttua della mateia, dai nuclei ai solidi, si studia la diffusione scatteing) di paticelle: elettoni, paticelle alfa, potoni, neutoni,

Dettagli

Classificazione delle linee di trasmissione

Classificazione delle linee di trasmissione Classificazione delle linee di tasmissione Linee TEM (Tansvese Electic Magnetic) Coassiale Bifilae (doppino) Stipline Linee quasi_tem Micostip Linee a due conduttoi con mezzo non unifome Linee non-tem

Dettagli

ELEMENTI DI GEOMETRIA DELLO SPAZIO

ELEMENTI DI GEOMETRIA DELLO SPAZIO ELEMENTI DI GEOMETRIA DELLO SPAZIO ASSIOMI Lo spazio euclideo è un insieme infinito di elementi (i punti), contiene sottoinsiemi popi ed infiniti (i piani). In ogni piano valgono gli assiomi del piano

Dettagli

1 Definizioni e proprietà

1 Definizioni e proprietà Definizioni e popietà Retta e ciconfeenza ngoli al cento ed angoli alla ciconfeenza Equazione della ciconfeenza nel piano catesiano 5 Posizioni elative ed asse adicale di due ciconffeenze Definizioni e

Dettagli

( ) ( ) ( ) ( ) Esercizi 2 Legge di Gauss

( ) ( ) ( ) ( ) Esercizi 2 Legge di Gauss Esecizi Legge di Gauss. Un involuco sfeico isolante ha aggi inteno ed esteno a e b, ed e caicato con densita unifome ρ. Disegnae il diagamma di E in funzione di La geometia e mostata nella figua: Usiamo

Dettagli

Campo magnetico: fatti sperimentali

Campo magnetico: fatti sperimentali Campo magnetico: fatti speimentali Le popietà qualitative dei magneti e la pesenza di un campo magnetico teeste eano conosciute da tempo, ma le pime misue quantitative e le teoie e gli espeimenti pe deteminane

Dettagli

3. Sia g(x) = 4. Si calcoli l area del triangolo mistilineo ROS, ove l arco RS appartiene al grafico di f(x) o, indifferentemente, di g(x).

3. Sia g(x) = 4. Si calcoli l area del triangolo mistilineo ROS, ove l arco RS appartiene al grafico di f(x) o, indifferentemente, di g(x). Esame liceo Scientifico : ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMI Problema. Sia ABCD un quadrato di lato, P un punto di AB e γ la circonferenza

Dettagli

PROBLEMI SULLE FIGURE CIRCOSCRITTE A UN CERCHIO O A UNA SFERA. di Ezio Fornero

PROBLEMI SULLE FIGURE CIRCOSCRITTE A UN CERCHIO O A UNA SFERA. di Ezio Fornero PROBLEMI SULLE FIGURE CIRCOSCRITTE A UN CERCHIO O A UNA SFERA di Ezio Foneo Indice dei poblemi Tiangolo ettangolo cicoscitto a un cechio di aggio assegnato Deteminae le misue dei cateti del tiangolo sapendo

Dettagli

FISICA-TECNICA Trasmissione del calore II parte

FISICA-TECNICA Trasmissione del calore II parte FISICA-TECNICA Tasmissione del caloe II pate Katia Gallucci Geometie cilindiche Vediamo oa quando abbiamo paeti cilindiche: e i L Q ka Q e Q i kπl( Te Ti ) Q e i d dt d kπl kπldt e d Q kπl i kπl( T e Te

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

ONDE ELETTROMAGNETICHE

ONDE ELETTROMAGNETICHE ONDE ELETTROMAGNETICHE Teoia delle onde EM e popagazione (B. Peite) mecoledì 8 febbaio 1 Coso di Compatibilità Elettomagnetica 1 Indice degli agomenti Fenomeni ondulatoi La matematica dell onda La legge

Dettagli

b) Il luogo degli estremanti in forma cartesiana è:

b) Il luogo degli estremanti in forma cartesiana è: Soluzione della simulazione di prova del 9/5/ PROBLEMA È data la funzione di equazione: k f( ). a) Determinare i valori di k per cui la funzione ammette punti di massimo e minimo relativi. b) Scrivere

Dettagli

CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi proposti. 1. Determinare lim M(sinx) (M(t) denota la mantissa di t)

CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi proposti. 1. Determinare lim M(sinx) (M(t) denota la mantissa di t) CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi proposti 1. Determinare lim M(sin) (M(t) denota la mantissa di t) kπ/ al variare di k in Z. Ove tale limite non esista, discutere l esistenza dei limiti laterali. Identificare

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.GALILEI CATANIA A.S. 2006/2007 SIMULAZIONE DI II PROVA - A

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.GALILEI CATANIA A.S. 2006/2007 SIMULAZIONE DI II PROVA - A LICEO SCIENTIFICO STATALE G.GALILEI CATANIA A.S. 6/7 SIMULAZIONE DI II PROVA - A Tempo a disposizione: cinque ore E consentito l uso della calcolatrice non programmabile. Non è consentito uscire dall aula

Dettagli

La spesa per assistenza

La spesa per assistenza Obiettivo della lezione La spesa pe assistenza Studiae le motivazioni teoiche che cecano di spiegae gli inteventi di edistibuzione vei e popi (ad es. contasto della povetà) mediante stumenti monetai nell

Dettagli

Valore finanziario del tempo

Valore finanziario del tempo Finanza Aziendale Analisi e valutazioni pe le decisioni aziendali Valoe finanziaio del tempo Capitolo 3 Indice degli agomenti. Concetto di valoe finanziaio del tempo 2. Attualizzazione di flussi futui

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

di Enzo Zanghì pag 1 applichiamo il teorema di Pitagora e otteniamo:

di Enzo Zanghì pag 1 applichiamo il teorema di Pitagora e otteniamo: m@th_cone di Enzo Zanghì pag Distanza di due punti Pe deteminae la distanza ta i punti ( ; ) ( ; ) applichiamo il teoema di Pitagoa e otteniamo: = ( ) + ( ) Punto medio di un segmento M O M + Osseviamo

Dettagli