Romania. Aspetti normativi e legislativi. SVILUPPO LAZIO SPA Servizio Internazionalizzazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Romania. Aspetti normativi e legislativi. SVILUPPO LAZIO SPA Servizio Internazionalizzazione e-mail: internazionalizzazione@agenziasviluppolazio."

Transcript

1 Romania Aspetti normativi e legislativi SVILUPPO LAZIO SPA Servizio Internazionalizzazione

2 Progetto grafico: ATON Immagine e Comunicazione - Roma Stampa: Telligraf - Roma

3 Romania 3 1. NORMATIVA TRIBUTARIA Imposta sul profitto e sui dividendi Imposta sui redditi delle microimprese Imposta sul reddito delle rappresentanze straniere Imposta sul reddito delle persone fisiche Imposta sul valore aggiunto (IVA) Imposta sul consumo Imposte e tasse locali Disposizioni del Codice Fiscale corroborate con le Convenzioni per evitare le doppie imposizioni Convenzione tra l Italia e la Romania per evitare la doppia imposizione fiscale 2. NORMATIVA DEL LAVORO Elenco delle imposte e dei contributi dovuti in Romania per il lavoro salariato Stipendi medi lordi Permesso di lavoro per cittadini stranieri 3. COSTITUZIONE DI UNA SOCIETÀ COMMERCIALE Società in nome collettivo Società in accomandita semplice Società a responsabilità limitata Disposizioni comuni Società per azioni Società in accomandita per azioni Disposizioni generali valide per ogni tipo di società Scioglimento della società Fusione di società Tenuta della contabilità e dei libri contabili Problematiche legate agli investimenti in Romania 4. COSTITUZIONE DI UNA SOCIETÀ A PARTECIPAZIONE STRANIERA SOLUZIONE DELLE CONTROVERSIE Regolamentazioni vigenti Conciliazione facoltativa 6. MONOPOLI PUBBLICI E LEGGI SULLA CONCORRENZA Concorrenza (antitrust)

4 4 Romania 7. REGOLAMENTAZIONE DELLE IMPORTAZIONI Sdoganamento e documenti di importazione Classificazione doganale delle merci Dazi doganali e imposte addizionali alle importazioni Trattamenti preferenziali Porti e zone franche Localizzazione delle 6 zone franche sul territorio romeno Importazioni temporanee e campionarie Restrizioni alle importazioni Countertrade 8. REQUISITI TECNICI E STANDARDIZZAZIONE, LEGISLAZIONE PER IMBALLAGGIO ED ETICHETTATURA SISTEMA DISTRIBUTIVO Ipermercati Cash & Carry Catene di supermercati e hard discount Mall 10. PUBBLICITÀ E PROMOZIONE CONTRATTI DI AGENZIA, RAPPREZENTANZA E FRANCHISING RESTRIZIONI ED INCENTIVI AGLI INVESTIMENTI ESTERI Investimenti esteri diretti Zone Franche Incentivi agli investimenti nelle zone franche romene doganali fiscali commerciali Zone sfavorite o sottosviluppate Parchi industriali Autorità competenti 13. IL SISTEMA BANCARIO E FINANZIARIO Sistema bancario Caratteristiche del settore bancario e finanziario e presenza italiana Costituzione di nuove banche Carte Bancarie 14. SISTEMI DI PAGAMENTO CON L ESTERO

5 Romania 5 1. Normativa tributaria Il 1 gennaio 2004 è entrata in vigore la nuova normativa riguardante il regime di tassazione in Romania (Legge N.571/2003 Codice fiscale). La legge ha subito all inizio del corrente anno modifiche riguardanti, principalmente, le aliquote di tassazione delle persone fisiche e giuridiche. Il regime fiscale vigente nel Paese comprende: - imposta sul profitto; - imposta sui redditi; - imposta sui redditi delle microimprese; - imposta sui redditi ottenuti in Romania dai non residenti; - imposta sulle rappresentanze; - imposta sul valore aggiunto; - accise; - imposte e tasse locali. IMPOSTA SUL PROFITTO E SUI DIVIDENDI La nuova aliquota dell imposta sul profitto è fissata al 16% (rispetto al 25% in precedenza) e viene ribadito il termine del 25 del mese successivo per il pagamento di tale imposta, che ha scadenza trimestrale. L imposta sui dividendi viene regolamentata con vari titoli del Codice Fiscale, e l aliquota è stata stabilita al 10%. L imposta è prevista essere pagata entro il 25 (incluso) del mese successivo a quello in cui viene pagato il dividendo. Nel caso in cui i dividendi distribuiti non sono stati pagati entro la fine dell anno in cui sono state approvate le situazioni finanzia-

6 6 Romania rie annuali, l imposta sui dividendi viene pagata entro 31 dicembre del rispettivo anno. I non residenti che presentano alle autorità locali un certificato di residenza fiscale possono beneficiare delle disposizioni della Convenzione tra l Italia e la Romania per evitare le doppie imposizioni in materia di imposte sul reddito e sul patrimonio. In base al Codice fiscale non sono soggetti all imposizione i dividendi ricevuti da una persona giuridica romena che detiene, su un periodo continuo di 2 anni, almeno il 25% dei titoli di partecipazioni in una persona giuridica straniera, appartenente ad uno degli stati membri UE. La disposizione sarà vigente a partire dalla data dell adesione della Romania all Unione Europea. IMPOSTA SUI REDDITI DELLE MICROIMPRESE Nel senso del Codice fiscale (Titolo IV), la microimpresa viene definita come una persona giuridica romena che adempie in modo cumulativo, al 31 dicembre dell anno fiscale precedente, alle seguenti condizioni: a) ha come oggetto di attività la produzione di beni materiali, prestazione di servizi e/o commercio; b) ha da 1 a 9 dipendenti; c) ha registrati redditi che non superano l equivalente in lei di euro; d) il capitale sociale della persona giuridica è detenuto da persone diverse dallo stato, dalle autorità locali e dalle istituzioni pubbliche. L aliquota d imposta sui redditi delle microimprese è di 3%. Non possono scegliere il sistema d imposizione specifico delle microimprese le persone giuridiche romene che: - svolgono attività nel settore bancario; - svolgono attività nei settori di assicurazione e riassicurazione del mercato di capitali, ad eccezione delle persone giuridiche che svolgono l attività di intermediazione in questi settori; - svolgono attività nei settori giochi d azzardo, scommesse sportive, casinò; - il capitale sociale è detenuto da un azionista o socio persona giuridica con oltre 250 dipendenti. L imposta viene calcolata/ritenuta nel momento del pagamento del reddito e viene versata allo Stato entro il giorno 25 del mese successivo a quello del pagamento. Per i non residenti, l imposta viene calcolata, ritenuta e versata, in lei, al corso di cambio del mercato valutario, comunicato dalla Banca Nazionale della Romania nel giorno della ritenuta dell imposta in questione. IMPOSTA SUL REDDITO DELLE RAPPRESENTANZE STRANIERE Tale imposta viene pagata in base al Codice fiscale (Legge n.571/2003) che prevede al Capitolo II del Titolo V un imposta per un anno fiscale in equivalente moneta locale (leu) dell importo di euro (stabilito al corso di cambio del mercato valutario, comunicato dalla Banca Nazionale della Romania, per il giorno in cui viene effettuato il pagamento dell imposta allo Stato).

7 Romania 7 Nel caso di una persona giuridica straniera che, nel corso di un anno fiscale, costituisce o scioglie una rappresentanza in Romania, l imposta dovuta all anno viene calcolata proporzionalmente al numero di mesi di funzionamento della rappresentanza durante l anno fiscale considerato. L imposta sulla rappresentanza viene pagata in due tranche uguali, rispettivamente entro 20 giugno e 20 dicembre. IMPOSTA SUL REDDITO DELLE PERSONE FISICHE In base al Codice fiscale sono considerati contribuenti sottoposti alla tassa sul reddito: a) le persone fisiche residenti romene con domicilio in Romania, per i redditi ottenuti in Romania e all estero; b) le persone fisiche residenti, altre di quelle previste alla lett. a), per i redditi ottenuti in Romania che vengono imposte su ogni fonte delle categorie di reddito previsti dalla legge (redditi dalle attività indipendenti, dagli stipendi,dalla cessione dell utilizzo dei beni, dagli investimenti, dalle pensioni; dalle attività agricole, dai premi giochi d azzardo, da altri fonti); c) le persone fisiche non residenti che svolgono attività indipendente tramite una sede permanente in Romania, per il reddito netto attribuibile alla sede permanente; d) le persone fisiche non residenti che svolgono attività dipendente in Romania, per il reddito stipendiale netto risultato dall attività dipendente; e) le persone fisiche non residenti per altri redditi. Le persone fisiche che adempiono alle condizioni di residenza previste dalla legge il centro degli interessi vitali è in Romania oppure presente in Romania per un periodo o più periodi che superano globalmente 183 giorni, in ogni periodo di 12 mesi, consecutivi, che termina nell anno di calendario in questione saranno sottoposte all imposizione sui redditi provenienti da qualsiasi fonte interna od estera, per 3 anni consecutivi, a partire dal quarto anno fiscale. Le categorie dei redditi sottoposti all imposta sul reddito sono le seguenti: - redditi da attività indipendenti (definite dalla legge) - redditi da stipendi; - redditi dalla cessione dell utilizzo dei beni; - redditi da investimenti; - redditi da pensioni; - redditi da attività agricole; - redditi da premi e giochi d azzardo; - redditi da altre fonti. L aliquota di imposta sui redditi provenienti da: - attività indipendenti; - stipendi; - cessione dell utilizzo dei beni; - pensioni;

8 8 Romania - attività agricole; - premi; - altre fonti è del 16%, applicabile sul reddito imponibile corrispondente ad ogni fonte di ogni categoria in parte. Sono previste aliquote diverse per i redditi provenienti dagli investimenti o da giochi d azzardo. Il periodo imponibile viene considerato l anno fiscale che corrisponde all anno civile. Sono previste alcune deduzioni per le persone fisiche che hanno un reddito mensile lordo fino a 10 milioni di lei, come segue: - per i contribuenti che non hanno persone a carico lei; - per i contribuenti che hanno 1 persona a carico lei; - per i contribuenti che hanno 2 persone a carico lei; - per i contribuenti che hanno 3 persone a carico lei; - per i contribuenti che hanno 4 o più persone a carico lei. Per i contribuenti che realizzano redditi lordi mensili provenienti da stipendi da lei a lei, le deduzioni personali sono degressive rispetto a quelle sopra menzionate e vengono stabilite con ordine del ministro delle finanze pubbliche. Per i contribuenti che realizzano redditi lordi mensili provenienti da stipendi di oltre lei, non viene concessa la deduzione personale. I soggetti che pagano stipendi e redditi assimilati agli stipendi hanno l obbligo di calcolare e ritenere l imposta afferente ai redditi di ogni mese alla data dell effettuazione del pagamento di tali redditi, nonché versarla allo stato entro il giorno 25 del mese successivo a quello per cui vengono pagati i redditi in questione. Il reddito imponibile mensile proveniente dalle pensioni viene stabilito attraverso la detrazione dal reddito proveniente dalle pensioni di un importo mensile non imponibile di 9 milioni di lei. IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO (IVA) Il Codice fiscale sancisce la regola generale del livello standard del 19% applicato a tutte le operazioni economiche con consegne e pagamenti realizzati sul territorio romeno nonché alle importazioni. La normativa indica anche i servizi ed i prodotti esenti dal pagamento dell IVA, in importazione, in esportazione e sul territorio nazionale. La normativa stessa introduce un aliquota del 9% per alcune categorie di prodotti o servizi: - ingresso ai musei, castelli, case memoriali, monumenti storici, di architettura ed archeologici, giardini zoologici e botanici, fiere, mostre; - fornitura di libri per scuola, libri, giornali e riviste, ad eccezione di quelli destinati alla pubblicità; - fornitura di protesi di qualsiasi tipo ed accessori, ad eccezione delle protesi dentali;

9 Romania 9 - fornitura di prodotti ortopedici; - medicine di uso umano e veterinario; - il soggiorno nel settore alberghiero e nei settori con funzioni simili, incluso l affitto dei terreni allestiti per camping. Il regime speciale prevede che le persone imponibili che hanno un giro d affari annuale, dichiarato o realizzato, inferiore a 2 miliardi di lei, sono esenti dall IVA, ma possono anche optare per l applicazione del regime normale di imposizione. Le persone registrate come soggetti paganti IVA devono elaborare e registrare presso l autorità fiscale competente, per ogni periodo fiscale, entro il 25 del mese successivo, la situazione riepilogativa dell IVA, secondo il modello stabilito dal Ministero romeno delle Finanze. IMPOSTA SUL CONSUMO Èregolata dal Codice fiscale capitolo riguardante il regime delle accise. Si applica ai beni provenienti da produzione interna o d importazione, come segue: - birra; - vini; - bevande fermentati, altri rispetto ai vini e birra; - prodotti intermediari; - alcool etilico; - prodotti del tabacco; - oli minerali. Altri prodotti sottoposti alle accise sono: gioielli, automobili, profumi, cristalli, apparecchiatura elettronica. La normativa introduce il concetto di deposito fiscale e stabilisce i livelli delle accise per i prodotti sopra menzionati. IMPOSTE E TASSE LOCALI In base all art. 248 del Codice fiscale le imposte e tasse locali sono: - imposta sugli immobili; - imposta sul terreno; - tassa sui mezzi di trasporto; - tassa per rilascio dei certificati, degli avvisi e delle autorizzazioni; - tassa per utilizzo mezzi di pubblicità; - imposta su spettacoli; - tassa alberghiera; - tasse speciali. DISPOSIZIONI DEL CODICE FISCALE CORROBORATE CON LE CONVENZIONI PER EVITARE LE DOPPIE IMPOSIZIONI Al senso dell art.116, se un contribuente è residente di un paese con cui la Romania ha siglato una convenzione per evitare la doppia imposizione sui redditi e capitale, l aliquota d imposta applicata sul reddito imponibile ottenuto dal contribuente in

10 10 Romania Romania, non può superare l aliquota d imposta, prevista nella convenzione, che viene applicata al reddito. Nella situazione in cui le aliquote della legislazione interna sono più favorevoli di quelle previste nelle convenzioni, vengono applicate le prime menzionate. Per l applicazione della convenzione per evitare le doppie imposizioni il soggetto non residente ha l obbligo di presentare al soggetto pagante di reddito il certificato di residenza fiscale. Il modello del certificato di residenza fiscale per i residenti romeni, nonché il termine di registrazione dei documenti di residenza fiscale da parte di non residenti, rilasciati dal paese di residenza, vengono stabiliti con le norme. CONVENZIONE TRA L ITALIA E LA ROMANIA PER EVITARE LA DOPPIA IMPOSIZIONE FISCALE La Convenzione tra l Italia e la Romania per evitare le doppie imposizioni in materia di imposte sul reddito e sul patrimonio e per prevenire le evasioni fiscali, è stata firmata il 14 gennaio 1977, ratificata dall Italia con Legge n. 680, ed è entrata in vigore il 6 febbraio 1979.

11 Romania Normativa del lavoro Il 1 marzo 2003 è entrato in vigore il nuovo Codice del Lavoro Legge n.53/24 gennaio Sono soggetti all applicazione della normativa i cittadini romeni beneficiari di contratti individuali di lavoro, che prestano il servizio in Romania oppure all estero a favore di un datore romeno, i cittadini stranieri od apolidi con contratto individuale di lavoro, che prestano lavoro per un datore romeno, sul territorio della Romania. Il Codice del Lavoro regolamenta 6 tipi di contratto di lavoro: - a durata indeterminata; - a durata determinata; - tramite agente di lavoro temporaneo; - a tempo parziale; - a domicilio; - di apprendistato presso il luogo di lavoro. L assunzione di personale viene effettuata dopo una verifica preliminare delle attitudini professionali e personali del candidato. L assunzione dei lavoratori presso gli istituti e le autorità pubbliche ed altri uffici pubblici avviene solo per concorso o esame. Per la verifica delle attitudini del lavoratore, alla conclusione del contratto individuale di lavoro si può stabilire con un periodo di prova non superiore ai 30 giorni calendaristici per funzioni esecutive e non superiore ai 90 per cariche dirigenziali. Ai sensi dell art.55 del Codice del Lavoro, la risoluzione del contratto individuale di lavoro può avvenire di diritto, a seguito dell accordo delle parti o per volontà unilaterale di una delle parti.

12 12 Romania La Sezione 2 del Codice del Lavoro da ampio spazio al licenziamento, precisando i tipi di licenziamento, le cause, diritti ed obblighi del datore di lavoro. Il datore di lavoro deve concedere al dipendente un preavviso di 15 gg. durante i quali il dipendente deve continuare la normale attività. ELENCO DELLE IMPOSTE E DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN ROMANIA PER IL LAVORO SALARIATO a) Imposte e contributi trattenuti dallo stipendio del dipendente: - Imposta sul reddito da stipendi: 16% applicato al reddito netto imponibile; - Contributo individuale per le assicurazioni sociali di stato: 9,5% applicato allo stipendio lordo; - Contributo individuale al fondo delle assicurazioni sociali per la salute: 6,5% applicato allo stipendio lordo; - Contributo individuale al fondo per la disoccupazione: 1% applicato allo stipendio lordo. b) Ritenute sui salari a carico dell azienda: - Contributo del datore di lavoro alle assicurazioni sociali di stato (CAS): 22% applicato al fondo totale di stipendi (ad eccezione del caso in cui il fondo supera il valore risultato dal numero medio salariati x 5 salari medi sull economia); - Contributo del datore di lavoro al fondo di assicurazioni sociali per la salute: 7% applicato al fondo totale di stipendi; - Contributo del datore di lavoro al fondo per la disoccupazione: 3% applicato al fondo totale di stipendi; - Fondo rischi ed infortuni: 0,5%-4% applicato al fondo totale di stipendi; - Commissione Ispettorato territoriale del Lavoro (0,75% applicato al fondo totale di stipendi). Lo Stato, tramite il contratto di lavoro a livello nazionale, stabilisce soltanto l entità dello stipendio minimo lordo (per lavoro non qualificato, primo impiego), il numero minimo di giorni di ferie ed altre condizioni minimali (aspettativa per ragioni di salute, per parto, etc.). La negoziazione collettiva è obbligatoria per le imprese con più di 21 dipendenti. Nel caso in cui non esista un contratto collettivo di lavoro sottoscritto a livello di datore di lavoro, gruppo di datori di lavoro o campo d attività, si applica il contratto collettivo di lavoro a livello nazionale. Laddove non esistano accordi collettivi, si possono concludere contratti. STIPENDI MEDI LORDI Il mercato romeno non è unitario dal punto di vista dei costi, i livelli stipendiali e onorari variano in base a degli elementi non sempre quantificabili e tante volte partono dal livello minimo stabilito dal Governo romeno. Di conseguenza, un limite minimo può essere considerato lo stipendio minimo lordo. Dal 1 gennaio 2005, in base alla Decisione n.2346/2004, lo stipendio di base minimo lordo obbligatorio garantito (primo impiego, nessuna qualifica) è pari a

13 Romania lei al mese (80 euro circa), per un orario completo di lavoro di 171,333 ore in media/mese, rappresentando ,40 lei/ora (0,47 euro/ora). Lo stipendio medio lordo utilizzato per la fondamentazione del budget delle assicurazioni sociali di stato per l anno 2005, stabilito con la Legge n.512/2004, è pari a lei (238 euro circa) 1. PERMESSO DI LAVORO PER CITTADINI STRANIERI Quadro legale: - Legge n.203/1999 con ulteriori modifiche (OG. 32/2003) corroborata con L Ordinanza Governativa d Urgenza n.194/2002 sul regime degli stranieri in Romania e Legge 130/2004)); - l Ordinanza governativa d Urgenza n.130/2005 per la modifica e il completamento della Legge n.203/1999. L ultimo atto normativo, in vigore dall 8 ottobre 2005, introduce nuove categorie di lavoratori stranieri e completa alcune disposizioni già esistenti, come segue: - lavoratore stagionale: il cittadino straniero assunto con contratto individuale di lavoro a tempo determinato; la durata del contratto non può superare 6 mesi in un intervallo di 12 mesi; - lavoratore distaccato: il cittadino straniero qualificato, assunto da una persona giuridica straniera, il quale può svolgere l attività per un periodo massimo di 1 anno in un arco di tempo di 5 anni, nelle seguenti situazioni: svolge l attività per un periodo di massimo 1 anno, presso una persona giuridica romena, in base ad un contratto commerciale di prestazione servizi concluso tra la persona giuridica romena e il datore di lavoro straniero del lavoratore distaccato; svolge l attività, seguito la decisione di cambiamento temporaneo del posto di lavoro da parte di una compagnia straniera con sede in un territorio facente parte del WTO, presso una sua rappresentanza, succursale o filiale ubicata in Romania; svolge l attività presso una società commerciale, persona giuridica romena, di cui socio/azionista è la società straniera, con lo stesso oggetto d attività, se non è in rapporti di lavoro con un altra persona giuridica romena; - personale altamente qualificato: professori universitari, ricercatori e personale scientifico che svolge in Romania un attività accademica o di ricerca presso università, istituzioni e autorità della P.A. La nuova normativa classifica i permessi di lavoro in 7 categorie: 1) Tipo A (lavoratori permanenti). Da il diritto al titolare di essere assunto con un contratto di lavoro individuale per un periodo di lavoro superiore ai 12 mesi, con possibilità di prolungamento di altri 12 mesi. Questa tipologia è destinata alle persone giuridiche romene e alle rappresentanze o filiali romene di aziende con sede all estero. 1 Corso di cambio utilizzato: 1 euro = lei.

14 14 Romania 2) Tipo B (lavoratore distaccato). Per un periodo massimo di 12 mesi, da il diritto al titolare di svolgere attività in seguito a trasferimenti di lavoratori tra azienda, persona giuridica straniera e una persona giuridica romena. 3) Tipo C (lavoratori stagionali) - contratto di lavoro nel territorio romeno per un periodo massimo di 6 mesi in un intervallo di 12 mesi, il quale non può essere prolungato per contratti di lavoro di altra natura. 4) Tipo D (lavoratori stagisti). Periodo massimo di 12 mesi, con possibilità di prolungamento per l ottenimento delle qualifiche professionali per le quali lo stage viene organizzato. 5) Tipo E (sportivi). Per gli atleti professionisti è possibile svolgere attività lavorativa in Romania, purché sia a fini sportivi per un periodo di 12 mesi, eventualmente rinnovabile. 6) Tipo F (nominale). Viene rilasciato per attività stagionali agli stranieri che svolgono attività in base al permesso C e hanno rispettato le scadenze dei contratti anteriori secondo le normative in vigore in Romania. 7) Tipo G (lavoratori transnazionali). Permesso di contratto di lavoro individuale per un periodo di 12 mesi, con possibilità di prolungamento per le situazioni contemplate dalla legge. Sono previste anche alcune categorie che non hanno bisogno di permessi di lavoro. Tra loro i seguenti: a) gli stranieri che svolgono attività scientifica, didattica o di altra natura con carattere temporaneo in istituti di categoria accreditati in Romania, in base ad un accordo bilaterale, personale altamente qualificato; in base a ordinanze del Ministero dell Istruzione e Ricerca, stranieri i quali svolgono attività artistiche in istituti di cultura in Romania, a seguito di ordinanza del Ministero della Cultura. b) gli stranieri nominanti ai vertici di una filiale o rappresentanza di una compagnia straniera in Romania, in conformità con gli atti previsti dalla legislazione romena in questa materia. Per l emissione o la proroga del permesso di lavoro, il cittadino straniero paga una tariffa stabilita con norme metodologiche del Governo e aggiornata annualmente. Per le spese connesse al rilascio e alla proroga dell avviso e del permesso di lavoro, l Ufficio per la Migrazione della Manodopera incasserà dal titolare una commissione del 2% sulle somme previste con la legge.

15 Romania Costituzione di una società commerciale La Legge N. 31/1990 sulle società commerciali, ulteriormente modificata e completata con una serie di atti normativi, regola i seguenti tipi di società commerciali che possono essere costituite in Romania: - Società in nome collettivo (gli obblighi sociali sono garantiti con il patrimonio sociale e con la responsabilità illimitata e solidale di tutti i soci): Societate in Nume Colectiv (s.n.c.); - Società in accomandita semplice (gli obblighi sociali sono garantiti con il patrimonio sociale e con la responsabilità illimitata e solidale dei soci accomandatari; gli accomandanti rispondono soltanto nella misura del loro conferimento): Societate in Comandita Simpla (Scs); - Società in accomandita per azioni (il capitale è diviso in azioni e gli obblighi sociali sono garantiti con il patrimonio sociale e con la responsabilità illimitata e solidale dei soci accomandatari; gli accomandanti sono obbligati soltanto al pagamento delle proprie quote azionarie): Societate in Comandita Pe Actiuni (ScA); - Società per azioni (gli obblighi sociali sono garantiti con il patrimonio sociale; gli azionisti sono obbligati soltanto al pagamento delle loro azioni): Societate Pe Actiuni (S.A.); - Società a responsabilità limitata (gli obblighi sociali sono garantiti con il patrimonio sociale; i soci sono obbligati soltanto al pagamento delle quote sociali): Societate cu Raspundere Limitata (S.r.l.).

16 16 Romania SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO La società in nome collettivo viene costituita con un contratto di società concluso per atto pubblico, registrato presso il tribunale distrettuale. La società acquista lo status di persona giuridica dal giorno della registrazione presso il Registro del Commercio, previa pubblicazione sulla locale Gazzetta Ufficiale. Se la società crea una succursale o una filiale fuori dal distretto dove ha la sua sede, gli amministratori sono obbligati a richiedere la registrazione di quest ultima nel Registro del Commercio del distretto dove opererà. Il diritto di rappresentare la società appartiene ad ogni amministratore. Se il contratto di società dispone che gli amministratori operino congiuntamente, la decisione deve essere presa all unanimità; in caso di divergenza tra gli amministratori, la decisione è rimessa ai soci che rappresentano la maggioranza assoluta del capitale sociale. I soci che rappresentano la maggioranza assoluta del capitale sociale possono nominare uno o più amministratori che li rappresentano, fissandone i poteri, la durata dell incarico e la loro eventuale remunerazione, nonché decidere sulla revoca degli stessi o la limitazione dei poteri loro conferiti, tranne il caso in cui gli amministratori siano stati nominati con il contratto di società. Se un amministratore prende l iniziativa su un operazione che supera i limiti delle operazioni normali del commercio che esercita la società, deve mettere a conoscenza gli altri amministratori prima di concluderla, pena la sanzione di dover sopportare le perdite che risultassero da questa. Il socio che, in una determinata operazione rappresentasse interessi personali o di terzi contrari a quelli della società, non può partecipare alle deliberazioni o decisioni riguardanti l operazione stessa. Se trasgredisce a questo divieto è responsabile per i danni causati alla società se, senza il suo voto, non fosse stato possibile ottenere la maggioranza richiesta. I soci non possono prendere parte, come soci con responsabilità illimitata, all attività di società concorrenti o che hanno lo stesso oggetto, né possono concludere operazioni per proprio conto o per conto di terzi nello stesso genere di commercio oppure in uno simile, senza il consenso degli altri soci. I soci sono obbligati illimitatamente e solidalmente per le operazioni concluse a nome della società da coloro che la rappresentano. Le sentenze giudiziarie ottenute nei confronti della società sono opponibili verso ogni socio. Per l approvazione della situazione finanziaria annuale e per le decisioni riguardanti l introduzione dell azione a responsabilità degli amministratori è necessario il voto dei soci rappresentanti la maggioranza del capitale sociale. SOCIETÀ IN ACCOMANDITA SEMPLICE Alle società in accomandita semplice si applicano le disposizioni riguardanti le società in nome collettivo, per quanto riguarda le disposizioni relative alla costituzione ed alla registrazione della società presso il Registro del Commercio, previa

17 Romania 17 pubblicazione sulla locale Gazzetta Ufficiale. La società in accomandita semplice è formata da uno o più soci accomandatari, i quali gestiscono la società, e da uno o più soci accomandanti, i quali si limitano a conferire il capitale, soldi o beni in natura alla società, senza prendere parte attiva al management della stessa. L amministrazione della società in accomandita semplice viene affidata ad uno o più accomandatari. L accomandante può concludere operazioni per conto della società soltanto in virtù di una procura speciale per determinate operazioni, concessa dai rappresentanti della società e registrata presso il Registro del Commercio. SOCIETÀ A RESPONSABILITÀ LIMITATA Le decisioni vengono prese dall Assemblea dei Soci. Ogni quota sociale dà diritto ad un voto. Gli amministratori devono convocare l Assemblea Generale dei soci almeno una volta all anno. La società è amministrata da uno o più amministratori, soci o non soci. Lo Statuto può prevedere l elezione di uno o più sindaci da parte dell Assemblea dei Soci. La società a responsabilità limitata non può emettere obbligazioni. La situazione finanziaria viene elaborata secondo le norme previste per le società per azioni. La società deve tenere il registro dei soci. Il numero dei soci deve essere compreso fra 1 e 50, e le quote sociali possono essere trasmesse tra soci. Il capitale minimo obbligatorio é di 2 milioni di lei, ovvero 50 euro circa. La società a responsabilità limitata viene costituita con un atto costitutivo o con contratto di società e statuto, a firma privata. Se i soci sono più di 15, la nomina dei sindaci è obbligatoria. I beni in natura debbono essere conferiti al momento della costituzione della società. Le quote sociali non possono essere rappresentate da titoli negoziabili. Se oltre alle quote ogni socio assume obbligazioni verso la società anche per prestazioni periodiche in natura, il contratto di società determinerà il contenuto, la durata e le modalità delle prestazioni, il compenso dovuto e le sanzioni contro i soci che non adempiono agli obblighi assunti. Nel caso di contributi in natura essi non possono rappresentare più del 60% del capitale sociale. Nel caso in cui una società a responsabilità limitata abbia un solo socio, esso ha i diritti e gli obblighi dell assemblea generale. Se il socio unico è anche amministratore si assume anche gli obblighi previsti dalla legge per tale carica. Una persona fisica, o una persona giuridica, può essere socio unico solo in una società a responsabilità limitata. DISPOSIZIONI COMUNI I beni conferiti come contributo nella società diventano proprietà di quest ultima. Per l intera esistenza della società, i creditori di un socio possono esercitare i propri diritti soltanto sulla parte degli utili dovuti al socio dopo la chiusura del bilancio, ed

18 18 Romania a seguito dello scioglimento della società sulla parte ad esso dovuta dopo la liquidazione. La quota degli utili che viene versata ad ogni socio (dividendo) è proporzionale alla sua partecipazione al capitale sociale. Gli amministratori possono effettuare tutte le operazioni richieste per portare a compimento l oggetto della società. Gli obblighi e le responsabilità degli amministratori sono regolamentati dalle disposizioni riguardanti il loro mandato e da quelle della Legge N.31/1990 con ulteriori modifiche. Ogni atto, lettera o pubblicazione, redatto dalla società deve indicare: ragione sociale, il codice unico di registrazione, forma giuridica, capitale sociale e sede della società. SOCIETÀ PER AZIONI Il capitale minimo obbligatorio è di 25 milioni di lei, ovvero Euro 650 circa. Il numero degli azionisti non può essere inferiore a 5. Se la società viene costituita attraverso sottoscrizione pubblica, i fondatori redigono un prospetto di emissione, che deve essere depositato, in forma autentica, presso il Registro del Commercio del distretto dove verrà stabilita la sede della società. Entro quindici giorni dalla data della chiusura della sottoscrizione viene convocata l assemblea costitutiva. La società può essere costituita soltanto se l intero capitale viene sottoscritto ed ogni accettante ha versato in contanti la metà del valore delle azioni sottoscritte. Le azioni che rappresentano contributi in natura dovranno essere coperte integralmente. L assemblea costitutiva è legale con la presenza della metà più uno del numero degli accettanti e delibera con il voto della maggioranza semplice dei presenti. Nelle società per azioni il capitale sociale è rappresentato da azioni emesse dalla società, che possono essere nominali o al portatore. Le azioni non possono essere emesse per una somma inferiore al valore nominale. Ogni azione dà diritto ad un voto nelle assemblee della società. Le azioni sono indivisibili. Le assemblee generali possono essere ordinarie e straordinarie. L assemblea ordinaria si riunisce almeno una volta all anno, non più tardi di 4 mesi dopo la conclusione dell esercizio finanziario. Per la validità delle delibere dell assemblea ordinaria è necessaria la presenza degli azionisti che rappresentano almeno la metà del capitale sociale e le decisioni vengono prese dagli azionisti che detengono la maggioranza assoluta del capitale sociale rappresentato nell assemblea. L assemblea straordinaria si riunisce ogniqualvolta sia necessario prendere una decisione urgente su argomenti di primaria importanza. L assemblea generale viene convocata dagli amministratori qualora sia necessario, in conformità con le disposizioni dello statuto. Gli azionisti possono essere rappresentati solo da altri azionisti in base ad una procura speciale. Le decisioni prese dal-

19 Romania 19 l assemblea generale nei limiti della legge, del contratto di società oppure dello statuto, sono obbligatorie anche per gli azionisti che non hanno partecipato all assemblea o hanno espresso voto contrario. La società per azioni è amministrata da uno o più amministratori, temporanei e revocabili. Quando esistono più amministratori, essi costituiscono un Consiglio di Amministrazione. La nomina e la sostituzione degli amministratori vengono fatte esclusivamente dall Assemblea Generale. I primi amministratori possono essere nominati tramite il contratto di associazione, però il termine del loro mandato non può superare i 4 anni. Ogni amministratore deve depositare una garanzia che non può essere inferiore al valore di 10 azioni o al doppio della remunerazione mensile. Le decisioni del Consiglio di Amministrazione sono valide con la presenza di almeno la metà degli amministratori. Le decisioni vengono prese a maggioranza assoluta dei membri presenti. Il Consiglio di Amministrazione può delegare parte dei suoi poteri ad un Comitato di Direzione composto da membri eletti fra gli amministratori. Il Presidente del Consiglio di Amministrazione può essere anche Direttore Generale o Direttore, veste nella quale presiede anche il Comitato di Direzione. Il Comitato di Direzione e tutti gli amministratori sono responsabili verso la società per gli atti compiuti dai direttori o dal personale assunto, quando il danno non si sarebbe verificato se essi avessero esercitato il controllo previsto. Il Consiglio di Amministrazione si riunisce ogni qualvolta sia necessario, comunque almeno una volta al mese. La gestione della società può essere affidata ad uno o più Direttori Esecutivi, funzionari della società. I Direttori Esecutivi non possono essere membri del Consiglio di Amministrazione della società. La società per azioni ha tre sindaci, eletti inizialmente dall Assemblea Costitutiva per un periodo di tre anni, che possono essere rieletti. Almeno uno di loro deve essere contabile o ragioniere autorizzato. L Assemblea Generale potrà approvare le situazioni finanziarie annuali solo se queste vengono accompagnate dal rapporto dei sindaci o, secondo i casi, degli auditor finanziari. La società per azioni può emettere obbligazioni al portatore oppure nominali, per una somma che non superi i tre quarti del capitale versato ed esistente secondo l ultimo bilancio approvato. Oltre la documentazione contabile indicata per legge, le società per azioni devono tenere registri (degli azionisti, delle riunioni e delibere delle Assemblee Generali e del Consiglio di Amministrazione nonché del Comitato di Direzione, delle delibere e constatazioni dei sindaci, delle obbligazioni). Le situazioni finanziarie annuali delle società commerciali vengono elaborate secondo le disposizioni legislative. Dagli utili della società verrà prelevato ogni anno almeno il 5% per il fondo di riserva, fino a che esso raggiunga almeno un quinto del capitale sociale.

20 20 Romania SOCIETÀ IN ACCOMANDITA PER AZIONI Alla società in accomandita per azioni si applicano le disposizioni riguardanti le società per azioni, con le seguenti eccezioni: - l amministrazione della società è affidata ad uno o più soci accomandatari; - gli amministratori possono essere revocati dall Assemblea Generale degli azionisti con voto maggioritario stabilito per le Assemblee Straordinarie; - i nuovi amministratori eletti con la stessa maggioranza diventano soci accomandatari; - i soci accomandatari che sono amministratori non possono partecipare alle delibere delle assemblee generali per l elezione dei sindaci, anche se possiedono azioni della società. DISPOSIZIONI GENERALI VALIDE PER OGNI TIPO DI SOCIETÀ L atto costitutivo può essere modificato dai soci, nel rispetto delle disposizioni della Legge N.31/1990, integrata con le disposizioni delle Ordinanze Governative di Urgenza N. 32/1997 e 195/1997, e mediante le condizioni di forma e di pubblicità previste. La riduzione e l aumento del capitale sociale possono essere effettuati solo dopo i due mesi successivi alla data di pubblicazione della relativa decisione sulla Gazzetta Ufficiale locale. SCIOGLIMENTO DELLA SOCIETÀ Ogni socio ha il diritto di chiedere lo scioglimento della società in base alle norme contenute nella Legge N.31/1990, integrata con le disposizioni contenute nelle Ordinanze Governative di Urgenza N.32/1997 e 195/1997. Dal momento dello scioglimento gli amministratori non possono più intraprendere nuove operazioni. Fino al subentro dei liquidatori, gli amministratori continuano il loro mandato. Tutti gli atti compiuti dalla società devono indicare che essa è in liquidazione. I liquidatori hanno la stessa responsabilità degli amministratori. Essi hanno il dovere, prima di iniziare a svolgere l incarico, di redigere con gli amministratori della società l inventario e il bilancio da cui risulti la situazione esatta dell attivo e del passivo della società. Detta documentazione deve essere firmata. I liquidatori svolgono il loro mandato sotto il controllo dei sindaci. Entro 15 giorni dalla fine della liquidazione i liquidatori richiedono la cancellazione della Società dal Registro del Commercio. Nelle società per azioni ed in accomandita per azioni è l Assemblea Generale che decide la liquidazione e nomina i liquidatori. Se la liquidazione eccede la durata dell esercizio finanziario, i liquidatori debbono redigere il bilancio annuale. Nelle società in nome collettivo, in accomandita semplice oppure a responsabilità limitata i liquidatori vengono nominati da tutti i soci. Conclusa la liquidazione, i liquidatori redigono la situazione finanziaria, indicando le quote di utili da distribuire fra soci.

Forme di attività economiche 2009-09-23 13:54:32

Forme di attività economiche 2009-09-23 13:54:32 Forme di attività economiche 2009-09-23 13:54:32 2 Oggi nella realtà economica polacca funzionano le seguenti forme di attività economica: Oggi nella realtà economica polacca funzionano le seguenti forme

Dettagli

Legislazione societaria: tipi di società

Legislazione societaria: tipi di società Legislazione societaria: tipi di società La creazione di un'impresa in Bosnia-Erzegovina è disciplinata da: Legge sulle imprese della FBiH Legge sulle imprese della RS Legge sull acquisizione di società

Dettagli

Overview Vantaggi del paese Romania:

Overview Vantaggi del paese Romania: Overview Vantaggi del paese Romania: Mercato e posizione geografica Risorse umane e del territorio Politici ed economici (membro NATO ed UE; fondi strutturali, fiscalità, costo del lavoro, ecc.) Rapporti

Dettagli

Forma giuridica dell impresa. Impresa individuale. Ditta individuale. Società. L avvio di un attività domande frequenti. Dott.

Forma giuridica dell impresa. Impresa individuale. Ditta individuale. Società. L avvio di un attività domande frequenti. Dott. La scelta della forma giuridica e la governance Dott. Paolo Bolzonella L avvio di un attività domande frequenti Come si fa ad avviare un impresa? Quale tipo di impresa scegliere? Quali requisiti occorrono?

Dettagli

Autoimprenditorialità

Autoimprenditorialità Autoimprenditorialità Aspetti giuridici e burocratici dell impresa Febbraio 2012 La figura giuridica dell imprenditore L art. 2082 del Codice Civile definisce imprenditore chi esercita professionalmente

Dettagli

Come costituire una società in Croazia

Come costituire una società in Croazia Come costituire una società in Croazia di Clizia Cacciamani (*) In un mondo economico ed imprenditoriale sempre più teso verso la globalizzazione e verso mercati esteri lontani, sarebbe illogico non affrontare

Dettagli

COSTITUZIONE DEL CONSORZIO DI GARANZIA FIDI REGGIO EMILIA COFIRE CON SEDE IN REGGIO EMILIA. PATTI CONSORTILI ARTICOLO 1 Denominazione e sede

COSTITUZIONE DEL CONSORZIO DI GARANZIA FIDI REGGIO EMILIA COFIRE CON SEDE IN REGGIO EMILIA. PATTI CONSORTILI ARTICOLO 1 Denominazione e sede COSTITUZIONE DEL CONSORZIO DI GARANZIA FIDI REGGIO EMILIA COFIRE CON SEDE IN REGGIO EMILIA PATTI CONSORTILI ARTICOLO 1 Denominazione e sede E costituito un Consorzio di garanzia collettiva fra le imprese

Dettagli

Fare Affari in Russia

Fare Affari in Russia Federazione Russa Fare Affari in Russia Lavorare in Russia Agenzia ICE Mosca Settembre 2014 6 LAVORARE IN RUSSIA 6.1 Persone giuridiche nella Federazione Russa La normativa Russa offre alle aziende estere

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ASCOLTA E VIVI

STATUTO FONDAZIONE ASCOLTA E VIVI STATUTO FONDAZIONE ASCOLTA E VIVI Art. 1 DENOMINAZIONE 1. E costituita la fondazione denominata Fondazione Ascolta e Vivi, in seguito chiamata per brevità fondazione, con sede legale a Milano via Foppa

Dettagli

Articolo 7. (Patrimonio dello Stato S.p.a.) Articolo 8. (Società per il finanziamento delle infrastrutture)

Articolo 7. (Patrimonio dello Stato S.p.a.) Articolo 8. (Società per il finanziamento delle infrastrutture) SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 1425 DISEGNO DI LEGGE presentato dal Presidente del Consiglio dei ministri (BERLUSCONI) e dal Ministro dell economia e delle finanze (TREMONTI) di concerto col

Dettagli

SOCIETA PER AZIONI VILLA D ESTE. SEDE SOCIALE IN CERNOBBIO - COMO Via Regina, 40 STATUTO

SOCIETA PER AZIONI VILLA D ESTE. SEDE SOCIALE IN CERNOBBIO - COMO Via Regina, 40 STATUTO SOCIETA PER AZIONI VILLA D ESTE SEDE SOCIALE IN CERNOBBIO - COMO Via Regina, 40 STATUTO (Testo approvato dall Assemblea Straordinaria degli Azionisti del 28 giugno 2004) STATUTO DENOMINAZIONE - OGGETTO

Dettagli

COPIA CONFORME ISTITUTO NAZIONALE DI FISICA NUCLEARE CONSIGLIO DIRETTIVO DELIBERAZIONE N. 13508

COPIA CONFORME ISTITUTO NAZIONALE DI FISICA NUCLEARE CONSIGLIO DIRETTIVO DELIBERAZIONE N. 13508 ISTITUTO NAZIONALE DI FISICA NUCLEARE CONSIGLIO DIRETTIVO DELIBERAZIONE N. 13508 Il Consiglio Direttivo dell Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, riunito in Roma il giorno 23 gennaio 2015, alla presenza

Dettagli

MAGGIO 2010 STATUTI PAX, SOCIETÀ SVIZZERA DI ASSICURAZIONE SULLA VITA SA

MAGGIO 2010 STATUTI PAX, SOCIETÀ SVIZZERA DI ASSICURAZIONE SULLA VITA SA MAGGIO 2010 STATUTI PAX, SOCIETÀ SVIZZERA DI ASSICURAZIONE SULLA VITA SA STATUTI PAX, SOCIETÀ SVIZZERA DI ASSICURAZIONE SULLA VITA SA Indice I. Ragione sociale, forma giuridica, scopo e sede... 3 II. Capitale

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE GROUPAMA FP ACTIONS EMERGENTES TITOLO 1 ATTIVO E QUOTE

REGOLAMENTO DEL FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE GROUPAMA FP ACTIONS EMERGENTES TITOLO 1 ATTIVO E QUOTE REGOLAMENTO DEL FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE GROUPAMA FP ACTIONS EMERGENTES ********************* TITOLO 1 ATTIVO E QUOTE Articolo 1 QUOTE DI COMPROPRIETA I diritti dei comproprietari sono espressi

Dettagli

Newsletter, gennaio 2012

Newsletter, gennaio 2012 Newsletter, gennaio 2012 Contenuti: 1. Diritto societario 2. Diritto bancario 3. Diritto civile 4. Diritto tributario 5. Diritto della previdenza sociale 1. Diritto societario Legge federale del 18 luglio

Dettagli

Quale tipo di società scegliere per il proprio business

Quale tipo di società scegliere per il proprio business Quale tipo di società scegliere per il proprio business È possibile scegliere la forma giuridica più conveniente all interno di queste quattro categorie: 1) Impresa individuale 2) Società di persone 3)

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Prot.2013/151663 Modalità di attuazione delle disposizioni relative al monitoraggio fiscale contenute nell articolo 4 del decreto legge 28 giugno 1990, n. 167, convertito, con modificazioni, dalla legge

Dettagli

LE START UP INNOVATIVE

LE START UP INNOVATIVE LE START UP INNOVATIVE Nell ambito delle attività tese a favorire la crescita sostenibile, lo sviluppo tecnologico e l occupazione giovanile e nell ottica di sviluppare una nuova cultura imprenditoriale,

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SCIENTIFICA DENOMINATA SOCIETA ITALIANA DI SANITA PUBBLICA VETERINARIA

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SCIENTIFICA DENOMINATA SOCIETA ITALIANA DI SANITA PUBBLICA VETERINARIA STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SCIENTIFICA DENOMINATA SOCIETA ITALIANA DI SANITA PUBBLICA VETERINARIA Costituzione e denominazione dell Associazione art. 1 E costituita una Associazione scientifico-culturale

Dettagli

Federsanità Servizi TITOLO I DENOMINAZIONE E SOCI - SEDE OGGETTO DURATA

Federsanità Servizi TITOLO I DENOMINAZIONE E SOCI - SEDE OGGETTO DURATA Federsanità Servizi STATUTO STATUTO TITOLO I DENOMINAZIONE E SOCI - SEDE OGGETTO DURATA Art. 1) Denominazione e Soci 1.1 In base all art. 20 dello statuto della Confederazione Federsanità-ANCI nazionale

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y RUSSIA RUSSIA: PROCEDURA DI COSTITUZIONE DELLE SOCIETÀ, LE SRL di Avv. Francesco Misuraca Definizione delle forme societarie L'attività imprenditoriale in Russia può essere condotta sotto diverse forme

Dettagli

Statuto BSI SA BANCHIERI SVIZZERI DAL 1873. Indice. I. Ragione sociale, sede e scopo della società 1. II. Capitale azionario, azioni 1

Statuto BSI SA BANCHIERI SVIZZERI DAL 1873. Indice. I. Ragione sociale, sede e scopo della società 1. II. Capitale azionario, azioni 1 BANCHIERI SVIZZERI DAL 1873 Statuto BSI SA 19 aprile 2012 Indice I. Ragione sociale, sede e scopo della società 1 II. Capitale azionario, azioni 1 III. Organi della società 2 IV. Conti annuali, riserve

Dettagli

UNICO 2000: il D.P.C.M. che proroga i versamenti ed i termini di presentazione

UNICO 2000: il D.P.C.M. che proroga i versamenti ed i termini di presentazione Pag. 2322 n. 17/2000 29/04/2000 : il D.P.C.M. che proroga i versamenti ed i termini di presentazione Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri - (DPC) del 20 aprile 2000, pubblicato in Gazzetta

Dettagli

ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE «CENTRO ANTIMOBBING RODOLFO DEGOLI» STATUTO DELL ASSOCIAZIONE

ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE «CENTRO ANTIMOBBING RODOLFO DEGOLI» STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE «CENTRO ANTIMOBBING RODOLFO DEGOLI» STATUTO DELL ASSOCIAZIONE Art. 1 Denominazione, sede, durata E costituita, ai sensi degli artt. 36 e seguenti del codice civile, l

Dettagli

Codice Fiscale, Partita I.v.a. e iscrizione al Registro delle Imprese di Padova n. 04689260281 Rea di Padova n. 410310

Codice Fiscale, Partita I.v.a. e iscrizione al Registro delle Imprese di Padova n. 04689260281 Rea di Padova n. 410310 CHI È SALVA SOCIETÀ DI MUTUO SOCCORSO Le mutue sono state istituite e sono regolamentate dalla Legge 3818 del 15 aprile 1886 recentemente rivista dall art 23 della Legge 17 Dicembre 2012, n.221, Conversione

Dettagli

FONDO EUROPEO PER GLI INVESTIMENTI

FONDO EUROPEO PER GLI INVESTIMENTI C 95/22 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea 21.3.2015 FONDO EUROPEO PER GLI INVESTIMENTI STATUTO DEL FONDO EUROPEO PER GLI INVESTIMENTI adottato il 14 giugno 1994 e modificato dall assemblea generale

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Modello proposto da ANCE per l'intervento coordinato in Algeria

Modello proposto da ANCE per l'intervento coordinato in Algeria Modello proposto da ANCE per l'intervento coordinato in Algeria Nella riunione svoltasi a Roma presso l'ance sono state illustrate alle imprese partecipanti alcune linee guida per chi fosse interessato

Dettagli

Il sistema fiscale austriaco

Il sistema fiscale austriaco Il sistema fiscale austriaco 1. Introduzione 2. Imposte sul reddito delle società 3. Imposte sul reddito delle persone 4. Imposte sul reddito dei non residenti 5. Altre imposte di rilievo 6. Calcolo della

Dettagli

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO MUSEO DELLA CULTURA CONTADINA DI CASORE DEL MONTE- MARLIANA - PT

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO MUSEO DELLA CULTURA CONTADINA DI CASORE DEL MONTE- MARLIANA - PT STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO MUSEO DELLA CULTURA CONTADINA DI CASORE DEL MONTE- MARLIANA - PT Art. 1- L Associazione di volontariato Museo della Cultura Contadina più avanti chiamata per

Dettagli

Tutto quello che c è da sapere sulle società cooperative

Tutto quello che c è da sapere sulle società cooperative Tutto quello che c è da sapere sulle società cooperative lo scopo mutualistico cioè non perseguono (o non dovrebbero perseguire) il lucro o profitto come tutte le altre società/imprese, ma hanno l obiettivo

Dettagli

STATUTO Art. 1 - Costituzione e denominazione. Art. 2 - Sede legale. Art. 3 - Oggetto. Art. 4 - Entrate. Art. 5 - Patrimonio.

STATUTO Art. 1 - Costituzione e denominazione. Art. 2 - Sede legale. Art. 3 - Oggetto. Art. 4 - Entrate. Art. 5 - Patrimonio. STATUTO Art. 1 - Costituzione e denominazione. A norma degli articoli 4 e ss. del Codice Civile è costituita la Fondazione denominata Fondazione Studi Oreste Bertucci Art. 2 - Sede legale. La Fondazione

Dettagli

STATUTO TIPO ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO. Art. 1 (Costituzione)

STATUTO TIPO ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO. Art. 1 (Costituzione) Il presente schema di Statuto viene proposto, a mero titolo indicativo, non potendo, né volendo, limitare la libertà delle Organizzazioni di darsi autonomamente le norme disciplinanti il proprio ordinamento.

Dettagli

LA STRUTTURA GIURIDICA DELL IMPRESA

LA STRUTTURA GIURIDICA DELL IMPRESA LA STRUTTURA GIURIDICA DELL IMPRESA Le scelte economiche relative alla possibilità d intraprendere un attività in proprio sono profondamente connesse con le scelte di carattere giuridico. Di solito la

Dettagli

Fondazione Vodafone Italia

Fondazione Vodafone Italia TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Articolo I Denominazione, sede e durata É costituita una Fondazione sotto la denominazione Fondazione Vodafone Italia La Fondazione ha sede legale a Milano, Via Lorenteggio,

Dettagli

1. RISCHIO PAESE 1.1 Situazione politica 1.1.1 Politica interna 1.1.2 Relazioni internazionali 1.1.3 Contesto geopolitico e geoeconomico 1.2 Situazione economico-finanziaria 1.3 Profilo commerciale 1.4

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE NON RICONOSCIUTA AMICI DELL ONCOLOGIA Organizzazione non lucrativa di utilità sociale (ONLUS) DISPOSIZIONI GENERALI

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE NON RICONOSCIUTA AMICI DELL ONCOLOGIA Organizzazione non lucrativa di utilità sociale (ONLUS) DISPOSIZIONI GENERALI STATUTO DELL ASSOCIAZIONE NON RICONOSCIUTA AMICI DELL ONCOLOGIA Organizzazione non lucrativa di utilità sociale (ONLUS) DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Denominazione È costituita l Associazione senza scopo

Dettagli

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO. Donatori di sangue liceo A.Vallisneri

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO. Donatori di sangue liceo A.Vallisneri STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO Donatori di sangue liceo A.Vallisneri ART. 1- l Associazione di volontariato donatori di sangue liceo A.Vallisneri più avanti chiamata per brevità associazione,

Dettagli

ASSOCIAZIONE ISTRUTTORI FORESTALI - AIFOR

ASSOCIAZIONE ISTRUTTORI FORESTALI - AIFOR ASSOCIAZIONE ISTRUTTORI FORESTALI - AIFOR TITOLO I - Disposizioni generali Art. 1) - Costituzione E costituita una Associazione denominata Associazione Istruttori Forestali, in sigla AIFOR. L Associazione

Dettagli

ART. 1 - DENOMINAZIONE E SEDE

ART. 1 - DENOMINAZIONE E SEDE STATUTO ANDISU ART. 1 - DENOMINAZIONE E SEDE E costituita l Associazione Nazionale degli Organismi per il Diritto allo Studio Universitario (A.N.DI.S.U.). Di essa possono far parte tutti gli organismi

Dettagli

STATUTO DENOMINAZIONE SEDE SCOPO

STATUTO DENOMINAZIONE SEDE SCOPO Art. 1 STATUTO DENOMINAZIONE SEDE SCOPO E' costituita l'associazione culturale (o anche ) di seguito denominata Associazione. La

Dettagli

CONVENZIONE. premesso che

CONVENZIONE. premesso che Schema di convenzione- tipo per contratti di finanziamento CONVENZIONE L Università degli Studi di Roma La Sapienza (codice fiscale 80209930587) di seguito Amministrazione, nella persona di., nato il...

Dettagli

IMPOSTA SUI REDDITI SOCIETARI

IMPOSTA SUI REDDITI SOCIETARI IMPOSTA SUI REDDITI SOCIETARI Con questa imposta viene tassato l utile contabile dopo la sua trasformazione ai fini fiscali. La percentuale fiscale per l Esercizio 2014 è pari al 10%. Riporto della perdita

Dettagli

NEWSLETTER N 1/13 DECRETO SVILUPPO BIS : LE START-UP INNOVATIVE

NEWSLETTER N 1/13 DECRETO SVILUPPO BIS : LE START-UP INNOVATIVE NEWSLETTER N 1/13 DECRETO SVILUPPO BIS : LE START-UP INNOVATIVE Riferimenti: - Dl. 179/2012 Decreto Sviluppo Bis e relativa legge di conversione 221/2012 Con la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale n.

Dettagli

7 Informazioni riguardanti gli strumenti finanziari oggetto dell Offerta Globale

7 Informazioni riguardanti gli strumenti finanziari oggetto dell Offerta Globale 7 Informazioni riguardanti gli strumenti finanziari oggetto dell Offerta Globale 7.1 Descrizione delle Azioni I titoli oggetto dell Offerta Globale sono n. 1.750.000 azioni ordinarie ASM, da nominali Euro

Dettagli

Statuto TEXCLUBTEC. Art. 1. E costituita in Milano l Associazione denominata TEXCLUBTEC. Art. 2

Statuto TEXCLUBTEC. Art. 1. E costituita in Milano l Associazione denominata TEXCLUBTEC. Art. 2 Statuto TEXCLUBTEC Art. 1 E costituita in Milano l Associazione denominata TEXCLUBTEC Art. 2 L Associazione ha sede in Milano, in Viale Sarca n. 223. è dotata di adeguata struttura tecnica e amministrativa

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE ITALIANA PAZIENTI ANTICOAGULATI A.I.P.A. ****** Art.1 Ragione Sociale e Sede Premesso che è costituita in Parma, con sede in

STATUTO ASSOCIAZIONE ITALIANA PAZIENTI ANTICOAGULATI A.I.P.A. ****** Art.1 Ragione Sociale e Sede Premesso che è costituita in Parma, con sede in STATUTO ASSOCIAZIONE ITALIANA PAZIENTI ANTICOAGULATI A.I.P.A. ****** Art.1 Ragione Sociale e Sede Premesso che è costituita in Parma, con sede in Parma Via Gramsci,14 presso il Centro per le Malattie dell

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI D IPARTIMENTO PER GLI AFFARI REGIONALI, LE AUTONOMIE E LO SPORT

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI D IPARTIMENTO PER GLI AFFARI REGIONALI, LE AUTONOMIE E LO SPORT Ritenuto che risulta dimostrato l interesse pubblico concreto ed attuale alla revoca del provvedimento in esame; Decreta: Art. 1. Il decreto dirigenziale n. 3/CC/2013 regione Calabria del 30 gennaio 2013

Dettagli

c ntr t o r ll l a l ta t d al l G o G ve v rn r o I t I a t li l ano

c ntr t o r ll l a l ta t d al l G o G ve v rn r o I t I a t li l ano Strumenti agevolati a supporto dello sviluppo industriale italiano in Tunisia Stefano ZOLETTO Studio Progetti d Impresa S.r.l. 1 SIMEST- L.100/90 E la finanziaria di sviluppo e promozione delle imprese

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA E DI CASSA DEL COMITATO NAZIONALE ITALIANO PERMANENTE PER IL MICROCREDITO TRA

SCHEMA DI CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA E DI CASSA DEL COMITATO NAZIONALE ITALIANO PERMANENTE PER IL MICROCREDITO TRA SCHEMA DI CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA E DI CASSA DEL COMITATO NAZIONALE ITALIANO PERMANENTE PER IL MICROCREDITO TRA Il Comitato Nazionale Italiano Permanente per il Microcredito

Dettagli

- CAMERA DI COMMERCIO ITALO-SVEDESE ASSOSVEZIA -

- CAMERA DI COMMERCIO ITALO-SVEDESE ASSOSVEZIA - Denominazione - Sede - Scopo 1. E costituita una Associazione denominata - CAMERA DI COMMERCIO ITALO-SVEDESE ASSOSVEZIA - 2. L Associazione ha sede in Milano, Via Agnello 6/1. Il cambiamento di indirizzo

Dettagli

TITOLO I DENOMINAZIONE OGGETTO SEDE DURATA

TITOLO I DENOMINAZIONE OGGETTO SEDE DURATA TITOLO I DENOMINAZIONE OGGETTO SEDE DURATA Articolo 1 1.1 E costituita, con il vincolo della appartenenza della maggioranza del capitale ad enti pubblici una società consortile per azioni denominata: CONSORZIO

Dettagli

Allegato n. 1. Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza

Allegato n. 1. Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza Allegato n. 1 Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza Paragrafo. 1 Definizioni Nel presente Documento, l espressione: a) «Autoimpiego» indica lo

Dettagli

Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura delle Marche STATUTO. (Anno 2011)

Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura delle Marche STATUTO. (Anno 2011) Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura delle Marche STATUTO (Anno 2011) INDICE: Art. 1 Costituzione, natura e sede Art. 2 Competenze e funzioni Art. 3 Rapporti

Dettagli

CONVENZIONE. per la disciplina delle operazioni di delegazione di pagamento di cui al D.P.R. 180/1950 Il giorno del mese di dell anno 2015 in Firenze

CONVENZIONE. per la disciplina delle operazioni di delegazione di pagamento di cui al D.P.R. 180/1950 Il giorno del mese di dell anno 2015 in Firenze CONVENZIONE per la disciplina delle operazioni di delegazione di pagamento di cui al D.P.R. 180/1950 Il giorno del mese di dell anno 2015 in Firenze TRA - L Azienda Regionale per il Diritto allo Studio

Dettagli

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI Circolare numero 17 del 28/09/2011 Oggetto: Manovra bis di ferragosto (D.L 138/2011). Conversione in legge del decreto. Il 17 settembre u.s. è entrata in vigore la legge di conversione del D.L. 138/2011

Dettagli

IL DDL CONCORRENZA: LE SOCIETA DI CAPITALI

IL DDL CONCORRENZA: LE SOCIETA DI CAPITALI IL DDL CONCORRENZA: LE SOCIETA DI CAPITALI LA TASSAZIONE DEI REDDITI D IMPRESA ALLA LUCE DELLA DELEGA FISCALE Dott.ssa Giovanna Castelli 1 Il Disegno di legge sulla concorrenza licenziato dal Consiglio

Dettagli

Convenzione/Capitolato per il Servizio di Cassa del GAL Ternano

Convenzione/Capitolato per il Servizio di Cassa del GAL Ternano Convenzione/Capitolato per il Servizio di Cassa del GAL Ternano Il GAL Ternano in esecuzione della deliberazione adottata dal Consiglio di Amministrazione n. 12/2014 all ordine del giorno in data 29/01/2014

Dettagli

STATUTO DELL ORGANIZZAZIONE NON LUCRATIVA DI UTILITA SOCIALE (ONLUS) HUMAN WAVE ITALIA AVENTE LA FORMA GIURIDICA DI ASSOCIAZIONE

STATUTO DELL ORGANIZZAZIONE NON LUCRATIVA DI UTILITA SOCIALE (ONLUS) HUMAN WAVE ITALIA AVENTE LA FORMA GIURIDICA DI ASSOCIAZIONE Atto esente dall'imposta di bollo ex art. 27bis tabella all. B DPR 642/1972 STATUTO DELL ORGANIZZAZIONE NON LUCRATIVA DI UTILITA SOCIALE (ONLUS) HUMAN WAVE ITALIA AVENTE LA FORMA GIURIDICA DI ASSOCIAZIONE

Dettagli

STATUTO. DENOMINAZIONE-SEDE-DURATA ART. 1 E costituita un associazione religiosa denominata ASSOCIAZIONE OPERA SALESIANA DEL SACRO CUORE

STATUTO. DENOMINAZIONE-SEDE-DURATA ART. 1 E costituita un associazione religiosa denominata ASSOCIAZIONE OPERA SALESIANA DEL SACRO CUORE STATUTO DENOMINAZIONE-SEDE-DURATA ART. 1 E costituita un associazione religiosa denominata ASSOCIAZIONE OPERA SALESIANA DEL SACRO CUORE ART.2 L Associazione ha sede legale in Bologna, via G. Matteotti

Dettagli

STATUTO DEL FONDO FONDITALIA. Articolo 1 Denominazione Soci

STATUTO DEL FONDO FONDITALIA. Articolo 1 Denominazione Soci STATUTO DEL FONDO FONDITALIA Articolo 1 Denominazione Soci A seguito dell accordo interconfederale del 30 giugno 2008 sottoscritto tra le sottoindicate Confederazioni Nazionali: - FEDERTERZIARIO - CLAAI

Dettagli

ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE. Principali disposizioni fiscali e tributarie

ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE. Principali disposizioni fiscali e tributarie ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE Principali disposizioni fiscali e tributarie OBBLIGHI FISCALI L Associazione è soggetta a specifiche norme fiscali, anche se svolge soltanto l attività

Dettagli

COMUNE DI PONTOGLIO. Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI PONTOGLIO. Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI PONTOGLIO Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Indice Art. 1 Servizio di Economato Art. 2 Economo Comunale Art. 3 Funzioni del Servizio di Economato Art. 4 Indennità

Dettagli

Paolo Maria Farina. Dottore Commercialista, Revisore Contabile NOTA INFORMATIVA

Paolo Maria Farina. Dottore Commercialista, Revisore Contabile NOTA INFORMATIVA Paolo Maria Farina Dottore Commercialista, Revisore Contabile NOTA INFORMATIVA GLI INCENTIVI FISCALI PER LE START-UP INNOVATIVE. Con la pubblicazione del decreto interministeriale, è finalmente operativo

Dettagli

Circolare N. 48 del 31 Marzo 2015

Circolare N. 48 del 31 Marzo 2015 Circolare N. 48 del 31 Marzo 2015 Torna il regime dei minimi per tutto il 2015 (Art. 10 comma 12 undecies DL n. 192 del 31.12.2014, convertito con legge n. 11 del 27.02.2015) Gentile cliente, con la presente

Dettagli

MICROIMPRESA DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II

MICROIMPRESA DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II MICROIMPRESA DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II SOGGETTI BENEFICARI Questa agevolazione è rivolta a persone che intendono avviare un attività imprenditoriale di piccola dimensione in forma di società

Dettagli

Schema convenzione tipo per contratti di assicurazione

Schema convenzione tipo per contratti di assicurazione Schema convenzione tipo per contratti di assicurazione CONVENZIONE L Università degli Studi di Roma La Sapienza (codice fiscale 80209930587) di seguito Amministrazione, nella persona di., nato il... a.,

Dettagli

STATUTO SOCIALE TITOLO I COSTITUZIONE - SCOPO - SEDE DURATA

STATUTO SOCIALE TITOLO I COSTITUZIONE - SCOPO - SEDE DURATA STATUTO SOCIALE TITOLO I COSTITUZIONE - SCOPO - SEDE DURATA Art. 1 - E' costituita in Napoli un'associazione denominata "A.I.R.F.A. - Associazione Italiana per la Ricerca sull'anemia di Fanconi (in seguito

Dettagli

1 La nuova revisione legale di Giorgio Gentili

1 La nuova revisione legale di Giorgio Gentili di Giorgio Gentili 1.1 Novità introdotte dal d.lgs. n. 39/2010 Il d.lgs. 27 gennaio 2010, n. 39, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 23 marzo 2010, n. 68, recepisce la direttiva n. 2006/43/Ce, relativa

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y MAROCCO DISCIPLINA DEGLI INVESTIMENTI ESTERI IN MAROCCO di Avv. Francesco Misuraca Investimenti esteri in Marocco Il Governo del Marocco incoraggia attivamente gli investimenti esteri e sta ponendo in

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE...

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE... STATUTO DELL ASSOCIAZIONE... ARTICOLO N 1 - Costituzione dell ASSOCIAZIONE. A norma dell art. 18 della Costituzione Italiana e degli articoli 36-37-38 del Codice Civile, del D/Lgs 460/97, della Legge 383/2000

Dettagli

... STATUTO CONSORZIO G.A.L.A.

... STATUTO CONSORZIO G.A.L.A. .......................... STATUTO CONSORZIO G.A.L.A. AGGIORNATO CON DELIBERA DELL ASSEMBLEA DEI CONSORZIATI TRIESTE, 11 DICEMBRE 2012 AGGIORNATO CON DELIBERA DELL ASSEMBLEA DEI CONSORZIATI ROMA, 21 FEBBRAIO

Dettagli

Prof. Dr. Milic Simic Facoltà di Economia di Sarajevo IV. FORME GIURIDICHE DELLE SOCIETÀ. 1. Fonti legislative

Prof. Dr. Milic Simic Facoltà di Economia di Sarajevo IV. FORME GIURIDICHE DELLE SOCIETÀ. 1. Fonti legislative Prof. Dr. Milic Simic Facoltà di Economia di Sarajevo IV. FORME GIURIDICHE DELLE SOCIETÀ 1. Fonti legislative Le persone fisiche o giuridiche, nazionali e/o estere, che intendono avviare un attività commerciale

Dettagli

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE Simple Function Point Association

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE Simple Function Point Association STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE Simple Function Point Association Art. 1 Denominazione E costituita l Associazione denominata Simple Function Point Association, che potrà anche essere individuata con la denominazione

Dettagli

SCELTA DEL REGIME FISCALE

SCELTA DEL REGIME FISCALE SCELTA DEL REGIME FISCALE a cura di Tommaso Valleri Disclaimer La presente guida ha un valore puramente indicativo. Non sostituisce in alcun modo la consulenza di un commercialista o di analogo professionista.

Dettagli

FONDO DI QUIESCENZA COSTITUITO CON DELIBERAZIONE N. 84 DEL 12 DICEMBRE 2014 DELLA GIUNTA DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI RAGUSA

FONDO DI QUIESCENZA COSTITUITO CON DELIBERAZIONE N. 84 DEL 12 DICEMBRE 2014 DELLA GIUNTA DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI RAGUSA Allegato alla Deliberazione della Giunta Camerale n. 72 del 21 luglio 2015 FONDO DI QUIESCENZA COSTITUITO CON DELIBERAZIONE N. 84 DEL 12 DICEMBRE 2014 DELLA GIUNTA DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI RAGUSA STATUTO

Dettagli

TITOLO I COSTITUZIONE - SCOPO - DURATA

TITOLO I COSTITUZIONE - SCOPO - DURATA STATUTO Allegato all Atto costitutivo dell Associazione denominata Cantalupo Volontari Protezione Civile Mandela redatto in data undici di febbraio anno duemilasei. Art. 1 TITOLO I COSTITUZIONE - SCOPO

Dettagli

studio ciraci - gaviraghi e associati Start-Up Innovative Più facile ottenere il bollino blu Riassumiamo la disciplina

studio ciraci - gaviraghi e associati Start-Up Innovative Più facile ottenere il bollino blu Riassumiamo la disciplina studio ciraci - gaviraghi e associati consulenza del lavoro, aziendale e tributaria rag. antonietta ciraci dott. antonello gaviraghi fabrizia pontara consulente del lavoro consulente del lavoro consulente

Dettagli

Fondazione Deutsche Bank Italia

Fondazione Deutsche Bank Italia Fondazione Deutsche Bank Italia STATUTO Articolo 1 Costituzione Denominazione Sede È costituita una fondazione denominata Fondazione Deutsche Bank Italia, con durata illimitata, avente sede in Milano,

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE NORME DI ATTUAZIONE ART. 8 DELLO STATUTO DELLA REGIONE SARDEGNA - LEGGE COSTITUZIONALE 26 FEBBRAIO 1948, N.

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE NORME DI ATTUAZIONE ART. 8 DELLO STATUTO DELLA REGIONE SARDEGNA - LEGGE COSTITUZIONALE 26 FEBBRAIO 1948, N. Allegato alla Delib.G.R. n. 63/2 del 15.12.2015 SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE NORME DI ATTUAZIONE ART. 8 DELLO STATUTO DELLA REGIONE SARDEGNA - LEGGE COSTITUZIONALE 26 FEBBRAIO 1948, N. 3 Articolo

Dettagli

OGGETTO: Circolare 14.2015 Seregno, 29 Agosto 2015

OGGETTO: Circolare 14.2015 Seregno, 29 Agosto 2015 OGGETTO: Circolare 14.2015 Seregno, 29 Agosto 2015 START-UP INNOVATIVE Le start-up innovative sono imprese innovative ad alto valore tecnologico introdotte con il decreto legge 18 Ottobre 2012 n 179, aventi

Dettagli

Comune di Livorno TITOLO I GENERALITA

Comune di Livorno TITOLO I GENERALITA Comune di Livorno ALLEGATO N.3 SOCIETÀ DI TRASFORMAZIONE URBANA PORTA A MARE S.P.A. SCHEMA DI STATUTO APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 127/17.07.2003. TITOLO I GENERALITA ARTICOLO

Dettagli

STATUTO. Testo approvato dall Assemblea Straordinaria del 4 giugno 1999

STATUTO. Testo approvato dall Assemblea Straordinaria del 4 giugno 1999 STATUTO Testo approvato dall Assemblea Straordinaria del 4 giugno 1999 Atto registrato dal Notaio Cavandoli in Mantova in data 11.06.1999 con il n.2209 Art.1 È costituito in Mantova il COLLEGIO COSTRUTTORI

Dettagli

Capitolo III IMPOSTE IPOTECARIA E CATASTALE

Capitolo III IMPOSTE IPOTECARIA E CATASTALE 1. IMPOSTA IPOTECARIA IMPOSTE IPOTECARIA E CATASTALE Vi sono soggette le formalità di trascrizione, iscrizione, rinnovazione ed annotazione eseguite nei pubblici registri immobiliari. Per quanto riguarda

Dettagli

Il modello dell impresa del futuro I nuovi strumenti finanziari 1 2 N O V E M B R E 2 0 1 0

Il modello dell impresa del futuro I nuovi strumenti finanziari 1 2 N O V E M B R E 2 0 1 0 Il modello dell impresa del futuro I nuovi strumenti 1 2 N O V E M B R E 2 0 1 0 Indice Necessità di cambiamento nella gestione delle imprese Pag. 3 Gli strumenti e i titoli di debito Le fonti normative

Dettagli

Estratto dal D. L. 04/12/97 n. 460

Estratto dal D. L. 04/12/97 n. 460 Estratto dal D. L. 04/12/97 n. 460 1. RIFORMA DELLA DISCIPLINA TRIBUTARIA DEGLI ENTI NON COMMERCIALI E ISTITUZIONE DELLE ONLUS modifica la disciplina degli enti non commerciali in materia di imposte sul

Dettagli

D.P.R. 314 del 28 luglio 2000 Regolamento L. 215/92 Artt. 21 e 22

D.P.R. 314 del 28 luglio 2000 Regolamento L. 215/92 Artt. 21 e 22 Legge 215/92 IV bando Programma regionale Liguria D.P.R. 314 del 28 luglio 2000 Regolamento L. 215/92 Artt. 21 e 22 Presentazione La Regione Liguria ha realizzato, in collaborazione con l IPI- Dipartimento

Dettagli

Come già comunicato, lʹassemblea straordinaria del CUIA ha approvato il nuovo Statuto del Consorzio cui è

Come già comunicato, lʹassemblea straordinaria del CUIA ha approvato il nuovo Statuto del Consorzio cui è Febbraio 2009 C o n s o r z i o I n t e r u n i v e r s i t a r i o I t a l i a n o p e r l A r g e n t i n a CUIA N EWS Come già comunicato, lʹassemblea straordinaria del CUIA ha approvato il nuovo Statuto

Dettagli

STATUTO. A.I.S.M.M.E. Onlus Associazione Italiana Studio Malattie Metaboliche Ereditarie

STATUTO. A.I.S.M.M.E. Onlus Associazione Italiana Studio Malattie Metaboliche Ereditarie STATUTO A.I.S.M.M.E. Onlus Associazione Italiana Studio Malattie Metaboliche Ereditarie ART. 1 La denominazione, la sede e la durata dell associazione 1. L Associazione di Volontariato A.I.S.M.M.E. Onlus

Dettagli

APPUNTI DI SECONDA di FABIANA BOLOGNINI

APPUNTI DI SECONDA di FABIANA BOLOGNINI APPUNTI DI SECONDA di FABIANA BOLOGNINI Economia aziendale è una disciplina che studia l azienda; è un insieme di persone e di beni con un organizzazione e uno scopo: SODDISFARE I BISOGNI. Le aziende si

Dettagli

Articolo 7 (Modifiche alla disciplina delle Imposte sul Valore delle Attività Finanziarie all Estero (IVAFE) - Caso EU Pilot 5095/13/TAXU)

Articolo 7 (Modifiche alla disciplina delle Imposte sul Valore delle Attività Finanziarie all Estero (IVAFE) - Caso EU Pilot 5095/13/TAXU) Articolo 7 (Modifiche alla disciplina delle Imposte sul Valore delle Attività Finanziarie all Estero (IVAFE) - Caso EU Pilot 5095/13/TAXU) L articolo 7, apportando modifiche all articolo 19 del D.L. n.

Dettagli

Associazione Città dei Mestieri di Milano e della Lombardia STATUTO

Associazione Città dei Mestieri di Milano e della Lombardia STATUTO Art. 1 Denominazione, sede e durata È costituita un Associazione denominata Città dei Mestieri di Milano e della Lombardia con sede in Milano. Essa può costituire uffici esterni con le modalità che verranno

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE La Poderosa

STATUTO ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE La Poderosa STATUTO ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE La Poderosa Art. 1 (Denominazione - sede - durata) 1) E costituita, nel rispetto del Codice Civile, ai sensi della Legge 383/2000 e della normativa in materia,

Dettagli

Per le piccole e medie imprese nasce un nuovo regime agevolato PMI innovative

Per le piccole e medie imprese nasce un nuovo regime agevolato PMI innovative Ai gentili clienti Loro sedi Per le piccole e medie imprese nasce un nuovo regime agevolato PMI innovative Con il DL n. 3 del 24.01.2015 il legislatore ha introdotto nel nostro ordinamento un nuovo regime

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE LEND TRENTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE LEND TRENTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE LEND TRENTO Art 1 Denominazione e sede dell associazione 1. È costituita l Associazione culturale e professionale degli operatori delle istituzioni scolastiche e formative lend

Dettagli

0.975.266.3 Accordo tra la Confederazione Svizzera e il Governo della Romania concernente la promozione e la protezione reciproche degli investimenti

0.975.266.3 Accordo tra la Confederazione Svizzera e il Governo della Romania concernente la promozione e la protezione reciproche degli investimenti Traduzione 1 0.975.266.3 Accordo tra la Confederazione Svizzera e il Governo della Romania concernente la promozione e la protezione reciproche degli investimenti Concluso il 25 ottobre 1993 Entrato in

Dettagli

Redditi di capitale. Capitolo 7 7.1 NOZIONE DI SOCIETÀ 7.2 LA TASSAZIONE DEI RISPARMI DELLE FAMIGLIE 7.3 ALTRI REDDITI DI CAPITALE

Redditi di capitale. Capitolo 7 7.1 NOZIONE DI SOCIETÀ 7.2 LA TASSAZIONE DEI RISPARMI DELLE FAMIGLIE 7.3 ALTRI REDDITI DI CAPITALE Redditi di capitale Capitolo 7 7.1 NOZIONE DI SOCIETÀ 7.2 LA TASSAZIONE DEI RISPARMI DELLE FAMIGLIE 7.3 ALTRI REDDITI DI CAPITALE 7.4 IL POSSESSO DI PARTECIPAZIONI DI SOCIETÀ 7.5 LA TASSAZIONE DEI DIVIDENDI

Dettagli

STATUTO del Consorzio Interuniversitario per l Università Telematica della Sardegna

STATUTO del Consorzio Interuniversitario per l Università Telematica della Sardegna Università degli Studi di Cagliari Università degli Studi di Sassari STATUTO del Consorzio Interuniversitario per l Università Telematica della Sardegna ARTICOLO 1 DENOMINAZIONE OGGETTO SEDE 1. Il Consorzio

Dettagli

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO AMICI DI LOLA

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO AMICI DI LOLA STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO AMICI DI LOLA ART. 1- l Associazione di volontariato AMICI DI LOLA più avanti chiamata per brevità associazione, con sede in _Cava dei Tirreni Via O. di Giordano

Dettagli

Associazione Un Teatro a Rose

Associazione Un Teatro a Rose STATUTO DEL COORDINAMENTO TEATRALE MUSICALE CULTURALE Associazione Un Teatro a Rose ART. 1 DICHIARAZIONE COSTITUTIVA E costituito in data 31 Ottobre 2014 un coordinamento no profit, denominato Associazione

Dettagli