Roberto Gilodi IL DIRITTO D'AUTORE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Roberto Gilodi IL DIRITTO D'AUTORE"

Transcript

1 Roberto Gilodi IL DIRITTO D'AUTORE Cominciamo col dire che il diritto d'autore è un insieme di norme giuridiche che riconoscono, tutelano e disciplinano le "opere dell'ingegno umano" intendendo con esse, nel campo che ci interessa, ossia in campo editoriale, quelle produzioni linguistiche scritte destinate alla pubblicazione mediante un supporto cartaceo, elettronico o di altra natura o destinate ad uno sfruttamento secondario attraverso lo sviluppo dei loro contenuti attraverso altri mezzi, cito come esempio il cinema, la radio o la televisione. LA GESTIONE EDITORIALE DEL DIRITTO D'AUTORE Per capire le finalità e le modalità di funzionamento del diritto d'autore è necessario premettere alcune considerazioni generali su che cosa sia quella particolare impresa che si chiama casa editrice. La prima considerazione fondamentale è la seguente: una casa editrice è un'impresa la cui finalità primaria consiste nella diffusione di opere dell'ingegno come recita la definizione sopra menzionata del diritto d'autore. La sua collocazione è dunque intermedia tra la produzione intellettuale dell'autore e la fruizione di essa da parte del pubblico. Questo trasferimento o diffusione dell'opera dall'autore al pubblico richiede alcune fasi intermedie che sono sia di natura funzionale sia di natura giuridica. Le fasi di natura funzionale consistono in un processo articolato di lavorazione che comincia dal lavoro sul testo in certi casi addirittura prima che il testo esista, quando è l'editore a suggerire all'autore l'idea del libro e si concludono con la distribuzione del libro nei punti di vendita. La fase che ho definito di natura giuridica consiste in una pattuizione tra autore e editore, il cui oggetto è l'acquisizione da parte dell'editore del diritto a diffondere e commercializzare l'opera scritta dall'autore. Questa pattuizione assume la veste di un contratto d'edizione in cui sono stabilite le modalità dello sfruttamento del diritto da parte dell'editore, la durata di tale sfruttamento, l'entità del compenso economico e le modalità della sua corresponsione, i tempi della pubblicazione, le forme di promozione, l'eventuale facoltà di subcedere a terzi il diritto acquisito e le modalità di tale subcessione. La fase che ho chiamato "funzionale", ossia il ciclo di lavorazione del libro, e la fase "giuridica" sono intimamente connesse e la prima può mettersi in moto solo se la seconda è stata completata. Appare già del tutto chiaro da queste prime considerazioni che il patrimonio di una casa editrice consiste fondamentalmente nei diritti che possiede. Da qui deriva che una delle operazioni più delicate e importanti dell'attività editoriale è data dalla gestione e dalla valorizzazione dei diritti GESTIONE DEI DIRITTI La prima fase della gestione del diritto è data dalla stipula del contratto con l'autore. Il fine primario del contratto, la sua fondamentale ragion d'essere, è data dalla pubblicazione del libro e dalla sua disponibilità sul mercato. L'editore cioè si impegna a pubblicare il libro ma anche a garantirne la disponibilità all'acquisto; diversamente viene meno una delle condizioni che fondano la validità giuridica del contratto e ne determinano la rescissione automatica. Su questo secondo aspetto si riflette molto poco e anche all'interno delle case editrici non sempre si ha chiara coscienza di questo problema. La comune esperienza dei clienti di libreria ci dice che molto spesso alla nostra richiesta di un libro ci viene risposto che il libro "non è disponibile". Ebbene, questa non disponibilità ha come contraltare la non validità del contratto stipulato tra autore e editore. Dunque una corretta gestione dei diritti di una casa editrice richiede anzitutto due forme di controllo: 1. Il controllo della validità dei termini temporali del contratto. Secondo la legge vigente nell Unione europea e in molti altri paesi la durata della validità di un contratto può essere non 1

2 superiore ai 20 anni. Di norma molti contratti hanno una validità inferiore rispetto a questi termini di legge. 2. Il controllo della disponibilità del libro nel circuito di vendita. A questo proposito è bene precisare che la disponibilità del titolo non è data dalla sua presenza fisica in libreria ma dalla sua rifornibilità al punto vendita o in generale al lettore che ne faccia richiesta. Perciò sono importanti le scorte di magazzino e un contratto d edizione che non preveda una giacenza minima del titolo in magazzino è automaticamente un contratto non valido. 3. La corresponsione nei termini stabiliti dal contratto dei diritti d'autore. Come vengono pagati gli autori? Le modalità di pagamento degli autori sono essenzialmente due: a) mediante il versamento di una cifra forfettaria (flat fee) all'atto della stipula del contratto. La modalità classica è metà alla firma e metà alla consegna del manoscritto. b) mediante una percentuale (royalty) sui proventi derivanti dalle vendite. COME FUNZIONA UN UFFICIO DIRITTI (SEGRETERIA EDITORIALE)? L'ufficio diritti di una casa editrice è un punto di snodo nevralgico che si raccorda con tutti gli altri settori della casa editrice. E ciò è dovuto alla natura stessa del contratto d'autore che, come abbiamo visto, prevede obblighi precisi da parte dell'editore in relazione a molti aspetti della lavorazione e diffusione del libro. Come garante della validità del contratto la segreteria editoriale deve controllare che le singole obbligazioni sottoscritte dall'editore siano rispettate Pertanto essa è in relazione con i seguenti uffici: a) Con la redazione, ossia con il settore in cui si lavorano i manoscritti consegnati dagli autori. La redazione informa la segreteria editoriale dell'avvenuta consegna del manoscritto e della sua corrispondenza alle attese dell'editore. Se ad esempio vi fosse un dubbio circa la liceità giuridica di certe formulazioni contenute nel libro la redazione informa la segreteria che deve provvedere ad effettuare i dovuti controlli di natura legale. Nel caso di opere tradotte spesso i contratti prevedono la facoltà dell'autore a rivedere la traduzione dell'opera. In tale caso la segreteria ha il dovere di informare la redazione di questo obbligo contrattuale e la redazione deve consegnare il testo redazionato alla segreteria affinché questa lo sottoponga all'autore per la sua approvazione. b) Con l'ufficio iconografico, quello che sceglie le illustrazioni di copertina e provvede alla realizzazione della medesima o che sceglie gli inserti iconografici previsti in alcuni libri. Vi sono infatti disposizioni contrattuali, soprattutto nei contratti di edizione di libri stranieri tradotti, che obbligano l'editore a sottoporre la copertina all'editore originario o direttamente all'autore. c) Con l'ufficio stampa e con l'ufficio marketing per informarli degli eventuali obblighi riguardanti la promozione del libro. d) Con la direzione commerciale che deve recepire le modalità di commercializzazione previste dal contratto e soprattutto per monitorare la ristampa delle opere in esaurimento. e) Con l'amministrazione autori, che è l'ufficio preposto ai pagamenti dei diritti d'autore. Con questo ufficio i rapporti sono strettissimi e continui. La segreteria editoriale, dopo la restituzione del contratto firmato dall'autore, deve trasmettere all'amministrazione i dati contrattuali che riguardano il pagamento dei diritti: cioè la scala di royalties prevista dal contratto, i tempi dei pagamenti, la durata del contratto ecc. COMPRAVENDITA DEI DIRITTI Il diritto d'autore, in quanto incorpora un diritto di sfruttamento economico, è un bene economico assoggettabile alle leggi di mercato ossia alla legge della domanda e dell'offerta. I diritti quindi si comprano e si vendono. Da chi si comprano e a chi si vendono? L acquisto dei diritti 2

3 I diritti si comprano o direttamente dagli autori, ed è ciò che accade quasi sempre per gli autori italiani. In certi casi l'acquisto è mediato da una figura professionale incaricata dall autore di compiere questa intermediazione: l'agente letterario. Oppure si comprano da editori o da agenti letterari stranieri. È ciò che accade per quasi tutti i libri tradotti. L'editore originale ha facoltà di cedere i diritti di traduzione del libro, facoltà prevista dal suo contratto con l'autore. In certi casi tuttavia può accadere che il diritto di un titolo sia acquistato da un editore italiano ed è ciò che accade quando un editore grande che ha una collana di volumi tascabili acquista da un editore piccolo che non ha una collana di questo tipo. Ciò consente un secondo sfruttamento del titolo e una sua nuova diffusione presso una fascia di pubblico che la prima edizione non aveva incontrato. L'acquisto all'estero di un diritto di traduzione può dare luogo ad una contesa tra più editori dello stesso paese interessati a quel titolo. In tal caso la negoziazione può avvenire o attraverso un'asta o attraverso una best offer da inviare entro un termine temporale stabilito dal cedente. Nel criterio della best offer entrano talora in gioco fattori non strettamente monetari ma anche ad esempio la qualità del traduttore a cui l'editore intende affidare la traduzione oppure la qualità e le dimensioni della promozione, la qualità e il prezzo dell'edizione, il numero di copie che si intendono tirare,ecc. Voglio osservare per inciso che il mercato editoriale internazionale prevede due tipologie fondamentali di edizione: - un'edizione di formato maggiore, con copertina rigida o in brossura con alette in una fascia di prezzo compresa grossomodo tra 12 e 22 Euro, - un'edizione di formato minore, chiamata tascabile (poket, paperback) non rilegata, con copertina incollata e non cucita con carta di qualità meno pregiata in una fascia di prezzo tra 5 e 9 Euro. Nella negoziazione dei diritti l'obbiettivo principale dell'editore acquirente dove essere quello di acquisire il maggior numero di possibilità di sfruttamento per potere valorizzare adeguatamente l'opera sui diversi circuiti di commercializzazione. Ciò significa acquisire i cosiddetti diritti secondari La cessione dei diritti I diritti si vendono se se ne ha la facoltà ossia se il contratto stipulato con l'autore (o l'editore straniero ) prevede la possibilità da parte dell'editore acquirente di stipulare accordi con terzi per realizzare ulteriori sfruttamenti rispetto a quelli della pubblicazione da parte dell'editore. Tali diritti di sfruttamento ulteriore si chiamano "diritti secondari". I diritti secondari I principali diritti secondari sono: a) I diritti di traduzione. Sono i diritti che consentono all editore di negoziare con gli editori stranieri le traduzioni e le edizioni nei rispettivi paesi b) Il diritto di prepubblicazione (first serial). È il diritto che dà all'editore facoltà di stipulare un accordo con un giornale (settimanale o quotidiano), affinché l'opera sia pubblicata in quella sede a puntate nella sua interezza o parti di essa. Tale pubblicazione serializzata deve avvenire prima della pubblicazione in formato libro da parte dell'editore. c) Il diritto di postpubblicazione. Si tratta del diritto a pubblicare l'opera su quotidiani o riviste dopo l'uscita in libreria. d) I diritti book-club. È la facoltà riconosciuta all'editore di vendere i diritti del libro alle organizzazioni di vendita per corrispondenza che si chiamano appunto book club. e) I diritti antologici. Si tratta delle cessioni di parti del libro in genere agli editori scolastici. f) I diritti mass-market. Sono quelli che consentono di cedere il diritto del libro a coloro che intendono effettuare vendite a basso prezzo nel circuito commerciale delle edicole. Un tipico esempio di tale sfruttamento sono le cessioni ai giornali per gli abbinamenti libro+giornale che si sono visti sul mercato italiano soprattutto a partire dal

4 f) I diritti di sfruttamento radiofonico che consistono in genere nella lettura di brani del libro. g) I diritti di sfruttamento cinematografico e televisivo. Questi diritti, in genere esclusi nei contratti relativi a opere straniere, perché sono sfruttati direttamente dagli editori originari, sono invece spesso acquisiti nel caso di opere italiane. Essi meritano una considerazione particolare perché sono quelli passibili di maggiori sviluppi in un mondo sempre più proiettato verso l'evoluzione dei media visivi. GLI SFRUTTAMENTI CINEMATOGRAFICI E TELEVISIVI Questo è un tema di grande interesse che non trova a tutt'oggi risposte adeguate da parte degli editori europei (in America questi diritti sono gestiti in larga parte dagli agenti) Sfruttare questi diritti significa pensare al libro, anziché nella sua identità letteraria, dal punto di vista della traducibilità dei suoi contenuti in altri media. Detto altrimenti: pensare al libro non dal punto divista della lettura ma da quello delle sue potenzialità multimediali. E alla casa editrice come un content provider per le produzioni cinematografiche e televisive. Considerazioni generali Le case editrici tradizionali, in particolare quelle la cui identità è legata alla costruzione di un progetto culturale, sono state e continueranno a essere luoghi in cui si sviluppano creatività, idee, interpretazioni della storia, della società, del passato, del presente, previsioni sul futuro, sistemazioni dei saperi, ricerche di nuovi saperi e incroci nuovi di saperi tradizionali. Questo flusso di energie progettuali continuerà a trovare la sua realizzazione primaria nei libri. I libri, secondo una partizione anglosassone un po' rozza ma efficace, si dividono in fiction e non-fiction. Nella prima categoria rientrano le opere di narrativa, quindi i romanzi e i racconti; nella seconda le scritture a carattere saggistico nel senso più lato del termine, ivi incluse ad esempio le cronache, le testimonianze, le biografie o autobiografie. Questi due tipi di scritture continueranno ad essere la forma primaria di espressione. Ora, accanto all'universo delle scritture, esiste ed esisterà sempre più in futuro un universo delle immagini che vive in stretta relazione con il primo, dal quale trae le propie occasioni creative e spesso la sua stessa ragione d'esistenza. Non esiste film, documentario televisivo o cinematografico, sceneggiato televisivo, documento di cronaca o programma culturale in senso lato che non sia preceduto da una fase di elaborazione scritta. Fatta questa rapida e fin troppo ovvia premessa, sarebbe lecito attendersi un'interazione molto stretta tra chi gestisce istituzionalmente il mondo delle scritture e chi quello delle immagini, ossia tra case editrici librarie e le produzioni cinematografiche e televisive. A tutt oggi in Europa questi due mondi non comunicano abitualmente e quando si incontrano il contatto è quasi sempre casuale ed episodico, destinato a non lasciare tracce durature. Eppure, parlando con chi fa cinema o televisione la lamentela più ricorrente è quella sulla scarsità di scritture, sulla mancanza di progettualità letteraria a fronte di una domanda crescente di fiction di qualità e di informazione culturale mirata. Da qui nasce l incremento della domanda di intelligenze creative 'dedicatè ossia fornitrici di specifici contenuti destinati all elaborazione cinematografica o televisiva. In particolare in ambito televisivo, quanto più ci sarà un offerta di contenuti differenziata, penso ad esmpio alle televisioni tematiche, tanto più aumenterà la richiesta di contenuti da sviluppare nella direzione voluta. Oggi possiamo dire che alla potenza del mezzo televisivo fa da contrasto la fragilità delle risorse progettuali. Nel mondo del libro,la situazione è di segno opposto: la relativa povertà tradizionale del mezzo, la sua scarsa penetrazione contrasta con la sua funzione di organizzazione e amministrazione di una quantità 'sproporzionata' di intelligenza e creatività. La conclusione obbligata a cui perviene questo ragionamento è che forse varrebbe la pena di studiare dei modi di interazione più stabili fra questi due mondi. Cinema e televisione potrebbero trovare nell'editoria le idee di cui sono alla ricerca e l'editoria potrebbe ottimizzare le idee e le progettualità di cui dispone in misura incomparabilmente superiore. Le intelligenze autoriali troverebbero in questo modo uno sbocco qualitativamente diverso e quantitativamente superiore. 4

5 È probabile che una casa editrice che sapesse gestire in questo modo differenziato le sue risorse autoriali avrebbe un grado di appeal di gran lunga superiore di una dedicata alla sola realizzazione libraria. Penso in primo luogo alla preferenza che nuovi autori potrebbero accordare a chi è in grado di offrire sbocchi multipli alla loro creatività. La veicolazione di un'idea editoriale scritta in direzione plurimediale offrirebbe l'occasione di una diffusione anzitutto quantitativamente maggiore. Ma non solo: la stessa forma tradizionale del libro stampato potrebbe benificiare di una domanda aggiuntiva indotta dalla veicolazione plurimediale. Se poi la realizzazione, ad esempio cinematografica o televisiva, di un prodotto editoriale incontrasse, come in taluni casi accade, una diffusione internazionale anche il libro godrebbe di un effetto di ritorno positivo a tutto vantaggio di quella circolazione internazionale dell'autorialità italiana, oggi notoriamente impedita dalla rigidità dell'assetto attuale e dalla lentezza dei tradizionali processi di ricezione. 1. La "traduzione" plurimediale La funzione operativa che tradizionalmente una casa editrice si assume e in cui riconosce la sua identità è quella di assistere e accompagnare l'idea dalla sua gestazione alla sua realizzazione in forma di libro. L'interazione con l'autore, a qualsiasi stadio di sviluppo dell'idea essa si attivi, è sempre ed esclusivamente funzionale alla realizzazione in scrittura nella forma compiuta e tendenzialmente definitiva del libro stampato. Gli eventuali sviluppi in direzioni mediali differenti rispetto al libro stampato avvengono per lo più casualmente e su iniziativa di un soggetto interessato allo sviluppo dell'idea contenuta nel libro. La definizione tecnico-giuridica di 'diritti secondari' con cui si designano questi sfruttamenti ulteriori indica chiaramente il rango subalterno che questo tipo di realizzazioni hanno. Ora, ci sono idee che sono potenzialmente passibili di sviluppi in direzioni mediali differenti, per le quali il libro costituisce una tappa, sicuramente fondamentale e primaria ma non esclusiva, di un processo di rappresentazione e di comunicazione. Una svolta interessante e auspicabile del lavoro editoriale potrebbe essere allora quella di attivare una valutazione della "traducibilità" del libro già nella fase della sua realizzazione. È altrettanto evidente che l'editore di carta stampata non può impovvisarsi come realizzatore cinematografico. Spetta ovviamente ad altri farlo. Ciò che l'editore può e deve fare è possedere il know how progettuale della realizzazione plurimediale (filmica, televisiva), deve cioè avere un'idea di come l'idea del libro potrebbe essere "tradotta" e proporre all'addetto ai lavori il progetto di questa traduzione possibile Da qui può e deve derivare un modo diverso di relazionarsi con l'autore in cui la traducibilità dell'opera entra, perlomeno in via di ipotesi, nell'analisi del progetto editoriale. 2. La traducibilità Per realizzare una traduzione è necessario che l'opera sia traducibile. Il giudizio sulla traducibilità plurimediale dell'opera implica sensibilità e conoscenze che non sono patrimonio corrente delle case editrici. Una soluzione possibile, probabilmente la più ovvia, sarebbe dunque quella di delegare all'esterno questa funzione. Credo tuttavia che nell'ottica di un ripensamento radicale delle specificità del lavoro editoriale potrebbe essere una scommessa interessante quella di collocare questa intelligenza all'interno della compagine editoriale. Ciò comporta necessariamente la messa in conto di un acquisto formativo ad hoc che consenta alla redazione di una casa editrice di acquisire le necessarie conoscenze relative alle nuove ideazioni e destinazioni del prodotto libro. 3. Il traduttore Una volta decisa la traducibilità di un'opera entra in gioco una nuova competenza anch'essa non disponibile oggi in una casa editrice: quella del traduttore. Anche in questo caso vale la considerazione fatta precedentemente: una casa editrice seriamente interessata alla valorizzazione del suo patrimonio di risorse autoriali dovrà porsi il problema di questa nuova figura professionale. Dovrà integrarla nel suo processo lavorativo e valorizzarla nel quadro di un ripensamento radicale della propria identità operativa. Una casa editrice che non pensa solo 5

6 alla produzione di idee ma anche alla loro diffusione sulla base delle loro potenzialità multimediali dovrà riconoscere il ruolo strategico di questa professionalità. 4. La traduzione Premesso che la traduzione-realizazione completa non è compito della casa editrice, qual è la sua parte in questa realizzazione? La sua parte è, nel caso delle scritture finzionali classiche, la stesura di una presceneggiatura: la descrizione del libro in funzione della sua eventuale realizzazione filmica. Nel caso delle scritture non finzionali si tratterà di stendere il canovaccio grezzo di una realizzazione in forma di documentario o di inchiesta televisiva. Queste "schede di traduzione", o abstracts devono essere rese accessibili in modo sistematico a tutti i potenziali fruitori nazionali e internazionali. È del tutto evidente che il primo requisito per realizzare una corretta ed efficace traduzione è la conoscenza, oltre che della specificità dell'idea, delle esigenze di colui che professionalmente si dedica alla realizzazione dell'idea. Il traduttore è l'interfaccia tra la casa editrice e il mondo delle produzioni cinematografiche e televisive, dovrà sapere dialogare a monte con la redazione e a valle con registi e produttori. Dovrà sapere come si realizza una sceneggiatura e che tipo di problemi deve risolvere. Dovrà disporre cioè di una conoscenza strutturale dei media visivi e dovrà disporre di dati derivanti da un monitoraggio continuo della fisionomia in costante evoluzione e delle relative esigenze dei suoi interlocutori. 5. La comunicazione Per uscire dal problema della comunicazione occasionale che caratterizza l'attuale rapporto tra il mondo dell'editoria e quello delle produzioni cinematografiche e televisive è indispensabile progettare una diffusione sistematica e la più ampia possibile dei prodotti che l'editoria intende mettere a disposizione per le realizzazioni multimediali. Uno dei modi per raggiungere questo obbiettivo è l'ingresso in rete mediante l'allestimento di un sito specificatamente dedicato a questo tipo di utente finale. 6

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE UFFICIO III

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE UFFICIO III DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE UFFICIO III BANDO PER LA RICHIESTA DI CONTRIBUTI E PREMI PER LA DIVULGAZIONE DEL LIBRO ITALIANO E PER LA TRADUZIONE DI OPERE LETTERARIE E SCIENTIFICHE,

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

GUIDA AL DEPOSITO E ALLA REGISTRAZIONE DELLE OPERE NEL REGISTRO PUBBLICO GENERALE DELLE OPERE PROTETTE (R.P.G.)

GUIDA AL DEPOSITO E ALLA REGISTRAZIONE DELLE OPERE NEL REGISTRO PUBBLICO GENERALE DELLE OPERE PROTETTE (R.P.G.) GUIDA AL DEPOSITO E ALLA REGISTRAZIONE DELLE OPERE NEL REGISTRO PUBBLICO GENERALE DELLE OPERE PROTETTE (R.P.G.) (A cura di Barbara Limonta e Giulia Scacco) INDICE Introduzione pag. 3 Efficacia della registrazione

Dettagli

18, 21 febbraio, 5, 11, 18 marzo 2008

18, 21 febbraio, 5, 11, 18 marzo 2008 18, 21 febbraio, 5, 11, 18 marzo 2008 Informazioni generali Legge 22 aprile 1941, n. 633 più volte modificata modifiche disorganiche farraginosa in corso di revisione integrale (presentata bozza il 18.12.2007)

Dettagli

Come si fa un giornale

Come si fa un giornale Come si fa un giornale COME SI FA UN GIORNALE dall idea alla distribuzione Un giornale è una struttura complessa composta da un gruppo di persone che lavorano insieme che chiameremo LA REDAZIONE Al vertice

Dettagli

CEATL. Conseil Européen des Associations de Traducteurs Littéraires www.ceatl.eu. Redditi comparati dei traduttori letterari in Europa

CEATL. Conseil Européen des Associations de Traducteurs Littéraires www.ceatl.eu. Redditi comparati dei traduttori letterari in Europa CEATL Conseil Européen des Associations de Traducteurs Littéraires www.ceatl.eu Redditi comparati dei traduttori letterari in Europa Holger Fock, Martin de Haan, Alena Lhotová, CEATL, Bruxelles 2007/2008

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

Il diritto d autore e la sua tutela

Il diritto d autore e la sua tutela Università degli Studi del Piemonte Orientale Amedeo Avogadro Il diritto d autore e la sua tutela Indice di sezione Obiettivi Pag. 30 1. Il diritto d autore: aspetti generali Pag. 30 1.1 La normativa 1.2

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 REGOLAMENTO DEL PREMIO LETTERARIO LA GIARA PER I NUOVI TALENTI DELLA NARRATIVA ITALIANA 1) Il Premio fa capo alla Direzione Commerciale Rai, nel cui ambito

Dettagli

Legge tedesca sul diritto d'autore e sui diritti connessi

Legge tedesca sul diritto d'autore e sui diritti connessi Legenda * il testo nero è il diritto d'autore non modificato, come era valido già prima della legge derogatoria. * Il testo barrato è il testo non più in vigore a partire dalla legge derogatoria. Il testo

Dettagli

LEGGE 22 APRILE 1941, N. 633. PROTEZIONE DEL DIRITTO D'AUTORE E DI ALTRI DIRITTI CONNESSI AL SUO ESERCIZIO.

LEGGE 22 APRILE 1941, N. 633. PROTEZIONE DEL DIRITTO D'AUTORE E DI ALTRI DIRITTI CONNESSI AL SUO ESERCIZIO. LEGGE 22 APRILE 1941, N. 633. PROTEZIONE DEL DIRITTO D'AUTORE E DI ALTRI DIRITTI CONNESSI AL SUO ESERCIZIO. Testo consolidato al 28 gennaio 2008, non ufficiale TITOLO I Disposizioni sul diritto d'autore

Dettagli

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale)

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale) Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale) Premesso che A) IL CONTESTO POLITICO - CULTURALE 1. Col Quarto Programma d azione (1996-2000) la politica europea

Dettagli

Art. 11 Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) Art. 12 Definizione dei contenuti del S.I.A. (scoping)

Art. 11 Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) Art. 12 Definizione dei contenuti del S.I.A. (scoping) LEGGE REGIONALE 18 maggio 1999, n. 9 DISCIPLINA DELLA PROCEDURA DI VALUTAZIONE DELL'IMPATTO AMBIENTALE Testo coordinato con le modifiche apportate da: L.R. 16 novembre 2000 n. 35 Titolo III PROCEDURA DI

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

L import-export dei diritti d autore per libri, in Italia. Indagine condotta dall Istituto DOXA per l Istituto Commercio Estero (I.C.E.

L import-export dei diritti d autore per libri, in Italia. Indagine condotta dall Istituto DOXA per l Istituto Commercio Estero (I.C.E. L import-export dei diritti d autore per libri, in Italia. Indagine condotta dall Istituto DOXA per l Istituto Commercio Estero (I.C.E.) Milano, 25 marzo 2004 p. 1 L import-export dei diritti d autore

Dettagli

LEGGE 22 APRILE 1941, N. 633. PROTEZIONE DEL DIRITTO D'AUTORE E DI ALTRI DIRITTI CONNESSI AL SUO ESERCIZIO.

LEGGE 22 APRILE 1941, N. 633. PROTEZIONE DEL DIRITTO D'AUTORE E DI ALTRI DIRITTI CONNESSI AL SUO ESERCIZIO. LEGGE 22 APRILE 1941, N. 633. PROTEZIONE DEL DIRITTO D'AUTORE E DI ALTRI DIRITTI CONNESSI AL SUO ESERCIZIO. Testo consolidato al 10 novembre 2014, non ufficiale TITOLO I Disposizioni sul diritto d'autore

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 13/E Roma, 20 gennaio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Gestore dei Servizi Elettrici, SPA Dpr 26 ottobre

Dettagli

Fondo per lo sviluppo della produzione audiovisiva Preambolo

Fondo per lo sviluppo della produzione audiovisiva Preambolo Fondo per lo sviluppo della produzione audiovisiva Preambolo La Regione autonoma Valle d Aosta promuove e sostiene nel rispetto della normativa europea il settore cinematografico, audiovisivo e multimediale,

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE Deliberazione Giunta Regionale 14 novembre 2014 n. 10/2637 Determinazioni in ordine a: "Promozione e coordinamento dell'utilizzo del patrimonio mobiliare dismesso dalle strutture sanitarie e sociosanitarie

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Torti - Ghisla RSSPSM no. 4-1

Torti - Ghisla RSSPSM no. 4-1 Progettazione didattica e individualizzazione Idee e proposte operative di Luca Torti e Gianni Ghisla Rivista del Servizio di sostegno pedagogico della Scuola Media, no. 4, marzo 1989, pag. 26-32 1. Premesse

Dettagli

REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE

REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE OVS S.P.A. Approvato dal Consiglio di Amministrazione di OVS S.p.A. in data 23 luglio 2014, in vigore dal 2 marzo 2015 1 1. PREMESSA

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica

Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Indice 1 Definizioni 2 Premesse 3 Commissione di Ateneo per l Accesso aperto 4 Gruppo di lavoro 5

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

MICHELE BERTANI La disciplina del contratto di edizione nell'ordinamento italiano

MICHELE BERTANI La disciplina del contratto di edizione nell'ordinamento italiano MICHELE BERTANI La disciplina del contratto di edizione nell'ordinamento italiano Sommario: 1. Le fonti della disciplina. 2. La definizione normativa e gli elementi essenziali del tipo contrattuale. 3.

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG

NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG Premessa TELEPASS S.p.A. Società per Azioni, soggetta all attività di direzione e coordinamento di Autostrade per l Italia S.p.A., con sede legale in Roma,

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013 Consultazione Pubblica per l istituzione dell Anagrafe Nazionale Nominativa dei Professori e dei Ricercatori e delle Pubblicazioni Scientifiche (ANPRePS) Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

PHILIPPE PONCIN INSTITUT NATIONAL DE L AUDIOVISUEL

PHILIPPE PONCIN INSTITUT NATIONAL DE L AUDIOVISUEL CONSERVAZI ONE ED ACCESSI BI LI TÀ I N NTERNETDICOLLEZI ONIAUDI OVI SI VE I PHILIPPE PONCIN INSTITUT NATIONAL DE L AUDIOVISUEL 1. IL RUOLO DELLE BIBLIOTECHE AUDIOVISIVE Il fine principale è la conservazione

Dettagli

Come è fatto un giornale?

Come è fatto un giornale? Come è fatto un giornale? 1. Com'è fatto un giornale? 2. Per iniziare o la testata è il titolo del giornale. o le manchette (manichette) sono dei box pubblicitari che le stanno al lato 3. La prima pagina

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO 1 ' UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE, ORGANIZZAZIONE E BILANCIO Ufficio X ex DGPOB Ufficio relazioni con il pubblico e Centro di documentazione REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO SOMMARIO CAPO

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI SI AVVERTE CHE PER LA CORRETTA COMPILAZIONE DEL MOD.COM1, È NECESSARIA UNA PRELIMINARE ATTENTA LETTURA

Dettagli

NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA

NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA La Tesi va suddivisa in capitoli numerati e titolati, i capitoli possono (ma non necessariamente) prevedere al loro interno paragrafi numerati e titolati

Dettagli

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti)

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) Uno degli incubi più ricorrenti per le aziende certificate l applicazione del requisito relativo alla progettazione in occasione dell uscita

Dettagli

Legge 20-11-1982, n. 890 Notificazioni di atti a mezzo posta e di comunicazioni a mezzo posta connesse con la notificazione di atti giudiziari.

Legge 20-11-1982, n. 890 Notificazioni di atti a mezzo posta e di comunicazioni a mezzo posta connesse con la notificazione di atti giudiziari. Legge 20-11-1982, n. 890 Notificazioni di atti a mezzo posta e di comunicazioni a mezzo posta connesse con la notificazione di atti giudiziari. Preambolo La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

Ordinanza del DFI concernente il Premio del cinema svizzero

Ordinanza del DFI concernente il Premio del cinema svizzero Ordinanza del DFI concernente il Premio del cinema svizzero 443.116 del 30 settembre 2004 (Stato 1 ottobre 2014) Il Dipartimento federale dell interno (DFI), visti gli articoli 8 e 26 capoverso 2 della

Dettagli

La legislazione italiana ed europea sul diritto d'autore. Avv. Pierluigi Perri Cirsfid - Università di Bologna

La legislazione italiana ed europea sul diritto d'autore. Avv. Pierluigi Perri Cirsfid - Università di Bologna La legislazione italiana ed europea sul diritto d'autore Avv. Pierluigi Perri Cirsfid - Università di Bologna Un pò di storia - Il diritto naturale d'autore nasce nei primi anni del 1700 in Inghilterra;

Dettagli

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda ANDREA FONTANA Storyselling Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda Impostazione grafica di Matteo Bologna Design, NY Fotocomposizione e redazione: Studio Norma,

Dettagli

Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e dei Direttori Aggiunti delle Scuole europee

Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e dei Direttori Aggiunti delle Scuole europee Scuole Europee Ufficio del Segretario generale Segretariato Generale Rif. : 2009-D-422-it-5 Orig. : FR Versione: IT Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

Regolamento per il registro delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T.)

Regolamento per il registro delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T.) Regolamento per il registro delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T.) Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 29 del 09.06.2014 I 20099 Sesto San Giovanni (MI), Piazza della Resistenza,

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali.

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali. Come utilizziamo i suoi dati è un prodotto di ULTRONEO SRL INFORMAZIONI GENERALI Ultroneo S.r.l. rispetta il Suo diritto alla privacy nel mondo di internet quando Lei utilizza i nostri siti web e comunica

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma)

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Il valore imponibile a fronte di bollette doganali è oggetto di numerose liti fiscali a causa della poca chiarezza

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Art. 1 (Disposizioni di carattere generale)

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Art. 1 (Disposizioni di carattere generale) CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Art. 1 (Disposizioni di carattere generale) 1. I princìpi e i contenuti del presente codice costituiscono specificazioni esemplificative

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA COMMUNE DE GRESSAN REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA Approvazione deliberazione del Consiglio comunale n. 10 del 13/01/2012 del Consiglio comunale n. del Art.

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO Informazioni Societarie Fondazione Prada Largo Isarco 2 20139 Milano, Italia P.IVA e codice fiscale 08963760965 telefono +39.02.56662611 fax +39.02.56662601 email: amministrazione@fondazioneprada.org TERMINI

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

ACCREDITAMENTO EVENTI

ACCREDITAMENTO EVENTI E.C.M. Educazione Continua in Medicina ACCREDITAMENTO EVENTI Manuale utente Versione 1.5 Maggio 2015 E.C.M. Manuale utente per Indice 2 Indice Revisioni 4 1. Introduzione 5 2. Accesso al sistema 6 2.1

Dettagli

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA COMMISSIONE TASSAZIONE NOTULE FASI O "LIVELLI DI ELABORAZIONE E REDAZIONE DEL PROGETTO ESECUTIVO NEI LAVORI PRIVATI PREMESSA L'accertamento

Dettagli

CABINA ELETTRICA D/1-3.A

CABINA ELETTRICA D/1-3.A (Procedura completa) Nuova costruzione cabina elettrica D/1 con ditta da intestare. Essendo in partita speciale andranno compilati i Modelli 2N parte I e II. Per l'attribuzione della rendita sarà il tecnico

Dettagli

ISTRUZIONI MOD.COM6BIS

ISTRUZIONI MOD.COM6BIS ISTRUZIONI MOD.COM6BIS COMMERCIO ELETTRONICO 2 AVVERTENZE GENERALI SI AVVERTE CHE PER LA CORRETTA COMPILAZIONE DEL MOD.COM6BIS, È NECESSARIA UNA PRELIMINARE ATTENTA LETTURA DELLA CIRCOLARE, ALLA QUALE

Dettagli

ESTIMO GENERALE. 1) Che cos è l estimo?

ESTIMO GENERALE. 1) Che cos è l estimo? ESTIMO GENERALE 1) Che cos è l estimo? L estimo è una disciplina che ha la finalità di fornire gli strumenti metodologici per la valutazione di beni economici, privati o pubblici. Stimare infatti significa

Dettagli

Norme finalizzate alla promozione di forme flessibili e semplificate di telelavoro

Norme finalizzate alla promozione di forme flessibili e semplificate di telelavoro Lo smart working è una modalità di lavoro innovativa basata su un forte elemento di flessibilità, in modo particolare di orari e di sede. Il futuro dell organizzazione del lavoro passa necessariamente

Dettagli

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici 1. Introduzione Vengono oggi pubblicate sul sito dell ANVUR e 3 tabelle relative alle procedure dell abilitazione scientifica nazionale

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

Obiettivi formativi qualificanti della classe: L-20 Scienze della comunicazione

Obiettivi formativi qualificanti della classe: L-20 Scienze della comunicazione Università Classe Nome del corso Nome inglese Lingua in cui si tiene il corso Codice interno all'ateneo del corso 61 Il corso é Libera Università di lingue e comunicazione IULM-MI L-20 - Scienze della

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Sicurezza La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Con l'emanazione del D.Lgs. n. 81/2008 sono stati definiti gli obblighi inerenti alla sicurezza sul lavoro in caso di affidamento di lavori

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli