UBI PRAMERICA Società di Gestione del Risparmio S.p.A.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UBI PRAMERICA Società di Gestione del Risparmio S.p.A."

Transcript

1 UBI PRAMERICA Società di Gestione del Risparmio S.p.A. Bilancio 2012.

2

3 Bilancio al 31 dicembre 2012 UBI PRAMERICA Società di Gestione del risparmio S.p.A. Sede Legale in Bergamo P.zza Vittorio Veneto, 8 Sede Amministrativa in Milano Via Monte di Pietà, 5 Capitale Sociale Interamente versato Partita Iva Codice Fiscale e numero di iscrizione R.I. di Bergamo Iscritta all Albo delle SGR cod. 106 Gruppo UBI Banca Albo Gruppo n Soggetta all attività di direzione e coordinamento di UBI Banca

4

5 Indice Composizione degli organi sociali pag. 6 Relazione del Consiglio di Amministrazione sulla gestione dell esercizio 2010 pag. 7 Schemi del Bilancio dell impresa Stato Patrimoniale pag. 26 Conto Economico pag. 28 Prospetto della Redditività Complessiva pag. 29 Prospetto delle Variazioni del Patrimonio Netto pag. 30 Rendiconto finanziario pag. 32 Nota Integrativa Parte A Politiche contabili pag. 36 Parte B Informazioni sullo Stato Patrimoniale pag. 61 Parte C Informazioni sul Conto Economico pag. 86 Parte D Altre informazioni pag. 98 Allegati al Bilancio pag. 113 Prospetto corrispettivi Società di Revisione Relazione della Società di Revisione Relazione del Collegio Sindacale Deliberazione dell Assemblea Bilancio

6 UBI Pramerica UBI Pramerica: cariche sociali Consiglio di Amministrazione Dott. Giorgio Frigeri Dott. Andrea Pennacchia Dott.ssa Suzanne Rohe Dott. Diego Paolo Cavrioli Dott. Glenwyn P. Baptist Prof. Piero Mella Prof. Sergio Paci Sig. Marco Pedussia Dott. Christopher David Sciglitano Presidente Consigliere Consigliere Consigliere Consigliere Consigliere Consigliere Consigliere Consigliere Collegio Sindacale Dott. Giuseppe Deiure Dott. Fulvio Albini Dott. Giovanni Napodano Dott.ssa Patrizia Ferrari Presidente Sindaco effettivo Sindaco effettivo Sindaco supplente Direzione Generale Dott. Andrea Pennacchia Dott. Emilio Franco Dott.ssa Suzanne Rohe Direttore Generale Vice Direttore Generale Vice Direttore Generale Società di revisione Deloitte & Touche S.p.A 6 Bilancio 2012

7 RELAZIONE SULLA GESTIONE Bilancio

8 UBI Pramerica Relazione del Consiglio di Amministrazione sulla gestione dell esercizio 2012 Scenario macroeconomico Dopo un moderato rafforzamento nel corso del primo trimestre del 2012, favorito da un temporaneo allentamento delle tensioni sui mercati finanziari internazionali, a partire dal secondo trimestre dell anno il ciclo economico internazionale è tornato a indebolirsi. Il peggioramento del quadro macroeconomico è stato particolarmente accentuato per la zona Euro, in seguito all impatto negativo sulla fiducia delle famiglie e delle imprese derivante dal riacutizzarsi dei timori sull evoluzione della crisi del debito sovrano, a causa della difficile situazione di alcuni paesi della periferia, come la Spagna e la Grecia. A questo si sono aggiunti gli effetti restrittivi sulla crescita derivanti dai programmi di austerità fiscale. Inoltre, sebbene l attività economica abbia continuato a mostrare dinamiche fortemente eterogenee, l aggravarsi della recessione dei paesi periferici e semi-periferici ha iniziato a contagiare anche le economie core, che hanno fornito segnali di rallentamento. Allo stesso tempo, anche i dati resi noti per gli Stati Uniti hanno sorpreso in negativo, a causa principalmente delle difficoltà evidenziate dal mercato del lavoro a stabilizzarsi su una traiettoria di solida creazione di occupazione, e hanno innescato una revisione al ribasso delle stime sulla crescita da parte degli analisti. A partire dal secondo trimestre l attività produttiva è tornata a indebolirsi anche in Giappone, dopo il rimbalzo dei primi mesi dell anno, in seguito al graduale esaurirsi degli impulsi derivanti dalle spese per la ricostruzione dopo il terremoto dello scorso anno. L indebolimento della domanda nei paesi avanzati, unitamente agli effetti ritardati delle politiche restrittive attuate lo scorso anno, hanno contribuito a un estensione della fase di rallentamento anche ai paesi emergenti. Nel corso dei mesi estivi la decelerazione della crescita globale si è ulteriormente accentuata e il quadro economico complessivo è rimasto fragile anche negli ultimi mesi dell anno, sebbene caratterizzato da andamenti diversificati e da segnali di rafforzamento in alcune Economie Emergenti e negli Stati Uniti. In tale contesto un impatto positivo è venuto dal significativo allentamento delle tensioni sui mercati finanziari grazie ai progressi nella gestione della crisi del debito europeo. L annuncio del programma OMT (Outright Monetary Transactions, volto all acquisto di titoli di debito sovrano dei paesi in difficoltà) da parte della Banca Centrale Europea nel corso dell estate e l avvio di un processo per la definizione di un meccanismo unico di vigilanza bancaria hanno favorito una riduzione delle pressioni sui mercati finanziari, contribuendo a frenare il deterioramento del quadro di fiducia delle imprese e dei consumatori. Tuttavia, le condizioni dell area Euro sono rimaste difficili e l attività economica ha continuato a perdere vigore nell ultimo trimestre del I paesi della periferia e semiperiferia sono entrati in una recessione profonda, da mettere in relazione agli effetti delle manovre di consolidamento dei bilanci, al restringimento delle condizioni creditizie e alla crisi di fiducia di imprese e consumatori. Il peggioramento della fase congiunturale ha contagiato anche l economia tedesca che ha fornito segni di rallentamento via via più evidenti. I dati disponibili hanno suggerito che negli ultimi mesi dell anno l attività economica sia diminuita ulteriormente anche nel Regno Unito e in Giappone, sebbene in modo meno marcato rispetto al terzo trimestre. Al contempo, negli Stati Uniti la ripresa è proseguita a ritmi modesti, frenata dal rallentamento del ciclo delle scorte e dall incertezza legata alle trattative per il rinnovo di una serie di incentivi fiscali in scadenza a fine anno, il cosiddetto Fiscal Cliff, che ha avuto un impatto negativo sulla fiducia di imprese e consumatori. Indicazioni positive sono venute, invece, dal mercato immobiliare e da quello creditizio, che hanno fornito solidi segnali di ripresa, mentre il mercato del lavoro ha segnato solo un moderato miglioramento. Infine le economie 8 Bilancio 2012

9 emergenti hanno fornito qualche segnale di recupero. In Cina e in Brasile la crescita ha segnato una moderata accelerazione, riflettendo l effetto delle politiche espansive attuate nel corso del 2012, mentre in India è apparsa in fase di stabilizzazione. La debolezza della fase ciclica nel corso del 2012 ha favorito un generale contenimento delle pressioni inflazionistiche sia nelle economie avanzate che in quelle emergenti. Il rallentamento dell inflazione, in un contesto caratterizzato dalla presenza di significativi rischi al ribasso per la tenuta della ripresa internazionale, ha spinto le principali Banche Centrali, sia dei paesi avanzati che emergenti, ad allentare ulteriormente l orientamento delle politiche monetarie. All interno di questo scenario la BCE ha ridotto il tasso sulle operazioni di rifinanziamento principali allo 0,75% e ha annunciato una serie di nuove operazioni di rifinanziamento per il sistema bancario, fino alla metà di gennaio del 2013, a tasso fisso e piena allocazione delle richieste, ampliando ulteriormente il novero dei titoli ammissibili come garanzia. Inoltre la BCE ha annunciato un nuovo programma di acquisto di titoli di debito sovrano dei paesi in difficoltà, Outright Monetary Transactions, volto a riattivare il meccanismo di trasmissione della politica monetaria ormai non più correttamente funzionante e sostenere così l economia. Per quanto riguarda il programma OMT la BCE non ha fissato limiti ex ante, di entità o di durata, e ha specificato che gli acquisti saranno subordinati a una stretta condizionalità: alla richiesta di accesso al programma da parte dei paesi interessati, all accettazione di condizioni specifiche e al mantenimento degli impegni assunti nel tempo. La Federal Reserve ha mantenuto i tassi ufficiali sui minimi (nell intervallo 0-0,25%) e nella riunione di giugno ha deciso di estendere di 267 miliardi di Dollari la cosiddetta Operation Twist, l operazione che prevede la vendita di titoli di stato a breve scadenza e l acquisto di un ammontare analogo di titoli a scadenza medio/lunga. A questo annuncio è seguito, in settembre, quello di un nuovo programma di acquisto di titoli legati ai mutui per 40 miliardi di Dollari al mese, che non è stato vincolato a un orizzonte temporale predefinito né a un ammontare determinato. Infine in dicembre la FED ha comunicato che da gennaio l Operation Twist, giunto al termine, sarebbe stato sostituito da un programma di acquisto di obbligazioni del Tesoro a lungo termine per 45 miliardi di dollari al mese. Inoltre, la Banca Centrale americana, per la prima volta, ha reso espliciti i parametri che regolano le decisioni di politica monetaria, dichiarando che i tassi di riferimento saranno mantenuti invariati finché il tasso di disoccupazione rimarrà sopra il 6,5% e le stime sull inflazione a uno o due anni rimarranno al di sotto del 2,5%. Nel corso dell anno anche la Banca del Giappone e la Banca d Inghilterra hanno deliberato un ampliamento dei programmi di acquisto di attività finanziarie, mantenendo i tassi di riferimento sui minimi. Infine, le banche centrali dei principali paesi emergenti, in risposta al deterioramento del quadro congiunturale e a fronte dell attenuazione delle pressioni inflazionistiche, hanno proseguito il graduale allentamento delle condizioni monetarie. La Banca Centrale Cinese, dopo avere ridotto l aliquota di riserva obbligatoria per le banche in due occasioni, ha tagliato per due volte il tasso ufficiale di riferimento sui prestiti di 56 punti base, portandolo al 6%. In Brasile la Banca Centrale, manifestando forti preoccupazioni circa il rallentamento dell economia, ha ripetutamente ridotto i tassi ufficiali per un totale di 3,75%; infine, anche la Banca Centrale Indiana ha ridotto i tassi, dello 0.5% all 8%. Andamento dei mercati 1 Nel corso 2012 i mercati finanziari hanno evidenziato una significativa volatilità, risentendo in maniera preponderante delle tensioni derivanti dalla crisi dei debiti sovrani, dei timori sull evoluzione del quadro di crescita globale e dell incertezza in merito alla politica di bilancio degli USA. Dopo un primo semestre caratterizzato dall emergere di nuove 1 Tutte le variazioni percentuali degli indici sono espresse in valuta locale Relazione sulla gestione 9

10 UBI Pramerica preoccupazioni circa le prospettive di alcuni paesi dell area Euro e dei timori per l entità del rallentamento dell economia globale, nel corso della seconda parte dell anno le tensioni sui mercati finanziari si sono parzialmente stemperate. In questa fase, il miglioramento del clima di fiducia è avvenuto molto probabilmente grazie alla pubblicazione di notizie migliori dal fronte macroeconomico e, soprattutto, all annuncio di nuove modalità di intervento da parte delle principali Banche Centrali, unito ad alcune decisioni politiche ed istituzionali in ambito europeo. Al termine dell anno gli asset ritenuti maggiormente rischiosi, come le azioni e le emissioni sovrane dei paesi cosiddetti periferici, registravano variazioni positive rispetto alla chiusura del Mercati Azionari Nella prima parte dell anno i principali mercati hanno beneficiato di una maggiore propensione al rischio da parte degli investitori, favorita dall allentamento delle tensioni derivanti dalla crisi dei debiti sovrani, reso possibile, soprattutto, dalle misure straordinarie di sostegno alla liquidità adottate dalla BCE (Long Term Refinancing Operation) che hanno ridotto in maniera significativa il rischio percepito di una grave crisi bancaria. Il clima di fiducia ha risentito positivamente anche del miglioramento delle prospettive economiche globali, con notizie abbastanza confortanti dagli USA e dal Giappone e segnali di tenuta dell espansione nelle principali economie emergenti. La tendenza al rialzo dei listini azionari si è interrotta dalla metà di marzo in un contesto caratterizzato da percezioni di rischio crescenti. L umore degli investitori è mutato allorché è divenuto sempre più evidente che i soli interventi di politica monetaria non sarebbero bastati a risolvere in maniera definitiva i problemi economici dell area Euro. Le incertezze degli operatori sono aumentate in seguito alla crisi bancaria spagnola e al drammatico stallo politico in Grecia, che ha intensificato i timori per un eventuale uscita del paese dall area Euro con i suoi potenziali effetti a livello sistemico. Inoltre, una serie di dati macroeconomici peggiori del previsto ha destato ulteriori dubbi sulla tenuta della ripresa a livello mondiale. In questo contesto i listini azionari hanno evidenziato pesanti ribassi, concentrati prevalentemente sul comparto bancario. Nel corso dell estate gli operatori hanno mostrato una maggiore propensione al rischio e i listini sono rimbalzati, iniziando un trend rialzista che è durato, a fasi alterne, fino alla fine dell anno. Il mutamento del clima di fiducia, molto probabilmente, è da ricondurre al maggiore interventismo delle Banche Centrali per rilanciare la crescita e per ridurre drasticamente i rischi sistemici legati alla crisi dell area Euro. La FED, infatti, ha lanciato una nuova fase di Quantitative Easing attraverso l acquisto mensile di 40 mld di MBS, ai quali si sono successivamente aggiunti acquisti per 45 mld di Treasury, senza limiti temporali; la BCE, invece, ha delineato l OMT (Outright Monetary Transactions), il programma che prevede l acquisto potenzialmente illimitato di titoli di stato con durata tra uno e tre anni, a condizione che i governi beneficiari si impegnino preventivamente a seguire un programma di aggiustamento economico. Inoltre, nella parte finale dell anno si è registrato un consolidamento dei segnali congiunturali positivi per la Cina e, in misura minore, per gli USA. Per quanto concerne i singoli mercati, nel primo trimestre dell anno le borse statunitensi hanno evidenziato un trend rialzista molto marcato; in questo periodo lo Standard & Poors 500 (l indice composto dalle 500 società a maggiore capitalizzazione del mercato USA) ha guadagnato circa il 12%, mettendo a segno il maggiore incremento trimestrale degli ultimi dieci anni. Nel secondo trimestre lo scenario è mutato in maniera significativa e i listini hanno evidenziato un andamento negativo, risentendo molto probabilmente delle tensioni derivanti dalla crisi dell area Euro e della pubblicazione di alcuni dati macro più negativi del previsto, soprattutto, sul mercato del lavoro. Nel secondo semestre il mercato statunitense ha generalmente mostrato un impostazione rialzista, anche se nell ultima parte dell anno, malgrado il crescente ottimismo per l attività economica, la propensione al rischio degli operatori è stata frenata dalla protratta incertezza circa la soluzione del problema del Fiscal Cliff. A fine anno lo Standard & Poors 500 segnava una variazione positiva del 13,41% con i 10 Bilancio 2012

11 migliori settori rappresentati dai finanziari, dai consumi ciclici, dai farmaceutici e dai tecnologici; unico settore in perdita quello delle utilities. L andamento dei mercati europei è stato strettamente connesso con le tensioni nei mercati del debito sovrano e con la problematica definizione di una soluzione strutturale ed organica alla crisi. Nella prima parte dell anno l escalation delle tensioni relative al debito sovrano ha pesato in maniera significativa sulle banche e ha inciso maggiormente sui corsi azionari dei paesi più coinvolti in questa crisi, che hanno adottato politiche di risanamento molto profonde con ricadute recessive sull evoluzione del quadro congiunturale. Il successivo miglioramento del clima di fiducia sui mercati europei ha riflesso, oltre al nuovo approccio adottato dalla BCE, le iniziative tese alla risoluzione della crisi dei debiti sovrani tra cui quelle per il rafforzamento della stabilità finanziaria tramite una nuova unione bancaria, i progressi nella ristrutturazione del settore bancario spagnolo e l accordo sul programma di salvataggio finanziario della Grecia. L indice Euro Stoxx ha chiuso il periodo di riferimento con un guadagno del 15,40%; a livello di singoli paesi, ottime performance per i paesi core, con il DAX tedesco che ha messo a segno un incremento del 29,19%, mentre fra i maggiori paesi periferici, il FTSEMIB ha ampiamente recuperato le forti perdite del primo semestre, chiudendo l anno con un +7,79%. Dopo un primo semestre di ripresa, l economia giapponese ha evidenziato una marcata decelerazione causata principalmente dal progressivo esaurimento dell effetto positivo derivante dalla ricostituzione delle scorte nel settore automobilistico e dalle nuove misure di stimolo fiscale. Nonostante questo scenario, nella seconda parte dell anno il listino nipponico ha mantenuto un impostazione rialzista ed ha chiuso l anno con un guadagno del 22,89%, risentendo molto probabilmente delle attese per una politica fiscale e monetaria molto più espansiva rispetto al passato. Relativamente alle aree emergenti, nella prima parte dell anno il deterioramento del quadro macroeconomico della Cina e di alcuni paesi dell America Latina, come il Brasile, si è riverberato sui principali listini della regione che hanno evidenziato un andamento molto volatile. Successivamente, in un contesto maggiormente tranquillizzante per la tenuta del quadro di crescita dell area, soprattutto, considerando il graduale venir meno di uno scenario di hard landing per la Cina, i listini hanno evidenziato un impostazione analoga a quella espressa dai listini dei paesi maggiormente sviluppati. L indice MSCI Emerging Markets espresso in dollari ha chiuso il 2012 con un guadagno del 15,24%. Mercati Obbligazionari Durante l anno l andamento dei mercati obbligazionari ha rispecchiato le perduranti tensioni derivanti dalla crisi dei debiti sovrani e il mutamento delle prospettive sull evoluzione del quadro congiunturale a livello mondiale. Nel corso del primo trimestre dell anno i rendimenti dei titoli di stato dei paesi periferici, soprattutto dell Italia, sono calati in maniera considerevole rispetto ai livelli toccati nella parte finale del Questa discesa dovrebbe essere riconducibile agli ingenti acquisti effettuati dalle banche italiane e spagnole in seguito alle operazioni di rifinanziamento effettuate dalla BCE (LTRO), ma anche all attenuarsi dei timori degli investitori circa l evoluzione della crisi dei debiti sovrani. La discesa dei rendimenti è stata particolarmente significativa in Italia, dove il tasso a due anni è passato dal 5,10% ad un minimo dell 1,74% e quello decennale dal 7,15% al 4,80%. Dalla metà di marzo l ottimismo degli operatori ha cominciato a deteriorarsi sulla scia dei rinnovati timori per la situazione dell area Euro e per l incapacità dei policy makers di concordare soluzioni efficaci e condivise. L aumento dell avversione al rischio, unito all esaurirsi degli effetti delle operazioni di rifinanziamento della BCE, ha penalizzato nuovamente i titoli dei paesi ritenuti maggiormente a rischio, con un significativo allargamento degli spread rispetto ai titoli tedeschi. Gli spread si sono allargati ulteriormente dalla metà di maggio, quando sono aumentati i timori circa la situazione del sistema bancario spagnolo e la possibile uscita della Grecia dall area Euro con i suoi potenziali effetti a livello sistemico. Questa tendenza sui mercati obbligazionari è continuata fino a luglio, quando il tasso a due Relazione sulla gestione 11

12 UBI Pramerica anni italiano ha superato ancora la soglia del 5% e quello spagnolo ha raggiunto massimi storici al 6,64%. In questo scenario la fuga verso asset più sicuri ha continuato a sostenere le emissioni ritenute maggiormente affidabili che hanno raggiunto minimi storici; sulla curva tedesca il tasso a due anni e quello a dieci anni hanno toccato rispettivamente il -0,09% e l 1,16%, mentre sulla curva statunitense le stesse scadenze hanno visto ridursi i rendimenti fino allo 0,20% e all 1,38%. La situazione ha cominciato a mutare dopo la fine di luglio, quando i vertici della BCE hanno chiaramente espresso la volontà di attuare tutte le misure previste dal mandato dell istituto per preservare l Unione Monetaria ed hanno tratteggiato un nuovo piano di acquisto di titoli di stato, che è stato perfezionato nel corso del Consiglio Direttivo del 6 settembre. Il programma OMT (Outright Monetary Transactions) prevede che la BCE acquisti titoli di stato dell area Euro con vita residua di 1-3 anni e accetti di avere lo stesso rango degli altri creditori, a condizione che i governi beneficiari si impegnino preventivamente a seguire un programma di aggiustamento macroeconomico. Queste decisioni hanno contribuito a stemperare le tensioni derivanti dalla crisi dei debiti sovrani ed hanno ridotto in maniera considerevole il rischio di una fine disordinata dell Unione Monetaria. In questo nuovo scenario i premi per il rischio sovrano dei paesi periferici e semiperiferici hanno evidenziato una riduzione significativa che è durata, seppure in modo parzialmente difforme fra i vari paesi, fino al termine dell anno. Il miglioramento del clima di fiducia degli operatori è stato sostenuto anche dai progressi delle politiche nazionali di consolidamento di bilancio, dalle nuove misure di sostegno finanziario alla Grecia e, seppure fra numerose difficoltà, dal primo accordo sull istituzione di un meccanismo unico di vigilanza bancaria, volto ad impedire il circolo vizioso fra debito sovrano e condizioni del sistema bancario. Nonostante questi elementi positivi, però, i rendimenti delle obbligazioni emesse dai paesi finanziariamente più solidi non hanno registrato movimenti significativi di rialzo ed hanno oscillato attorno a valori storicamente molto bassi, evidenziando ancora la presenza di numerosi elementi di incertezza. Per quanto concerne le variazioni dei tassi, sul mercato statunitense il tasso a due anni ha chiuso sullo stesso livello di fine 2011, allo 0,24%, mentre il decennale ha subito un leggero calo dall 1,87 all 1,75%. La ricerca di sicurezza da parte degli operatori ha premiato ancora la curva tedesca che ha evidenziato un calo dei rendimenti sulla maggior parte delle scadenze; il tasso a due anni, infatti, ha chiuso l anno in territorio negativo, -0,02%, mentre il decennale ha subito un calo ancora più marcato passando dall 1,81% all 1,31%. Sul mercato italiano si è registrata una significativa volatilità; ad una prima fase di discesa dei tassi dai livelli particolarmente elevati toccati nell ultima parte del 2011, è seguita una fase di risalita che si è interrotta solo nel corso dell estate a favore di un movimento di ridimensionamento dei rendimenti durato in maniera alterna fino alla fine dell anno. Il bilancio annuale per il mercato italiano è, comunque, ampiamente positivo perché il tasso a due anni si è ridotto dal 5,04% all 1,95% e quello decennale è diminuito dal 7,02% al 4,48%. Sul mercato spagnolo i tassi sono saliti, soprattutto, nel corso dell estate e nei mesi successivi si sono gradualmente ridotti, soprattutto, sulla parte a breve della curva; a fine anno il tasso a due anni era al 2,78% dal 3,16 di fine 2011 e il decennale, invece, al 5,23% dal 5,04%. Per quanto concerne il mercato inglese, la discesa dei rendimenti ha interessato maggiormente la parte più a lunga della curva, con il decennale che è sceso dall 1,97 all 1,82% mentre il due anni è rimasto stabile intorno al livello dello 0,31%. In leggero calo anche i tassi giapponesi, con il decennale che ha chiuso l anno allo 0,79% dallo 0,98% e il due anni allo 0,09% dal precedente 0,13%. Nel corso dell anno, con i rendimenti sovrani dei paesi core ai minimi storici, gli operatori si sono rivolti in misura crescente ad attività diverse dai titoli di stato, alla ricerca di investimenti ragionevolmente sicuri in grado di offrire una remunerazione maggiore. Le obbligazioni societarie sono state interessate da una riduzione degli spread nel momento in cui la propensione al rischio è aumentata ed hanno beneficiato di cospicui afflussi di capitale. In questo scenario, nei paesi avanzati i rendimenti delle obbligazioni societarie sia investment grade sia ad alto rendimento sono scesi ed hanno toccato minimi storici. Questa tendenza ha interessato anche i mercati emergenti, dove sia le obbligazioni societarie che quelle 12 Bilancio 2012

13 emesse da soggetti sovrani hanno evidenziato un ridimensionamento dei rendimenti. Mercati Valutari e Commodities I movimenti del tasso di cambio dell Euro sono rimasti in larga misura connessi al mutare della percezione degli operatori circa le prospettive economiche e di bilancio dei paesi dell area dell euro in relazione a quelle delle altre principali economie, oltre che all evoluzione dei differenziali di rendimento attesi tra l area e le altre economie avanzate. Dopo un miglioramento del clima di fiducia del mercato finanziario nel mese di marzo, a partire da aprile l Euro ha continuato a deprezzarsi, molto probabilmente come conseguenza dei persistenti timori riguardo alle prospettive di bilancio di alcuni paesi dell area. Questo movimento si è interrotto a fine luglio ed ha lasciato spazio ad un rafforzamento della valuta comune, che ha molto probabilmente riflesso il rapido attenuarsi dell incertezza sulla solidità dell Unione Monetaria e l intonazione più espansiva della politica monetaria negli USA e in Giappone. A fine anno l Euro guadagnava l 1,87% rispetto al Dollaro,chiudendo il periodo di riferimento all 1,31 dopo aver toccato anche un minimo di 1,20 durante l estate. Il movimento dell Euro nei confronti dello Yen è stato abbastanza simile, anche se l apprezzamento nella seconda parte dell anno è stato molto più marcato, portando la valuta comune a 114,45 con un recupero del 14,85% rispetto ai livelli di fine Nel primo trimestre dell anno i corsi del greggio di qualità Brent sono saliti, sostenuti molto probabilmente dall intensificarsi delle tensioni geopolitiche in Medio Oriente e dall accumulo di scorte effettuato dai maggiori paesi emergenti, ed hanno superato il livello di 125 Dollari al barile. Dalla fine di marzo le quotazioni hanno iniziato a scendere ed hanno mantenuto un trend ribassista fino al mese di giugno sullo sfondo delle incertezze circa le prospettive di crescita dell economia mondiale, raggiungendo un minimo a 89 Dollari al barile. Successivamente i corsi petroliferi hanno invertito questa tendenza ribassista ed hanno ripreso a salire, mantenendosi fino al termine dell anno all interno di un range compreso fra 106 e 116 Dollari al barile. Ciò è avvenuto all interno di uno scenario nel quale si sono manifestate spinte al ribasso provenienti dalla debolezza del quadro congiunturale mondiale, controbilanciate dagli effetti delle rinnovate tensioni geopolitiche in Medio Oriente. Al termine del periodo di riferimento il greggio di qualità Brent quotava a 111 Dollari al barile, con una incremento del 2,87% rispetto ai valori di fine Andamento molto altalenante anche per l oro che ha chiuso l anno a 1675 Dollari l oncia, in recupero del 6,9% rispetto a fine Quadro di riferimento dell industria del risparmio gestito Organismi di Investimento Collettivo del Risparmio (O.I.C.R.) Il dato del patrimonio rappresentativo di Fondi comuni e Sicav, di diritto italiano ed estero, a fine Dicembre 2012, relativo al Sistema Italia, ha raggiunto i 486,7 miliardi di euro. Per UBI Pramerica SGR S.p.A. (di seguito UBI Pramerica SGR) il patrimonio, inclusi i valori dei prodotti relativi alla Sicav Lussemburghese UBI Sicav è di quasi 17,7 miliardi di euro. Relazione sulla gestione 13

14 UBI Pramerica PATRIMONIO GESTITO VALORI DI MERCATO BASATI SU REPORT ASSOGESTIONI Consuntivo anno 2012 comp% Consuntivo anno 2011 comp% var var % AZIONARI ,4% ,1% ,1% BILANCIATI ,3% ,8% ,6% OBBLIGAZIONARI ,0% ,3% ,7% FONDI DI LIQUIDITA' ,0% ,6% (14.704) -30,1% FLESSIBILI ,8% ,5% ,4% FONDI HEDGE ,5% ,3% (2.223) -23,4% NON CLASSIFICATI % ,3% (524) -9,8% TOTALE ,0% ,0% ,1% PATRIMONIO GESTITO GRUPPO UBI BANCA Consuntivo anno 2012 comp% Consuntivo anno 2011 comp% var var % AZIONARI ,9% ,3% (86) -3,7% BILANCIATI ,2% ,8% (23) -1,8% OBBLIGAZIONARI ,0% ,9% ,5% FONDI DI LIQUIDITA' ,5% ,9% (568) -20,4% FLESSIBILI 615 3,5% 612 3,7% 4 0,6% FONDI HEDGE 0 0,0% 68 0,4% (68) NON CLASSIFICATI 0 0,0% 0 0,0% 0 TOTALE * ,0% ,0% ,2% Dati relativi alle masse gestite da UBI Pramerica SGR Organismi di Investimento Collettivo del Risparmio (O.I.C.R.) Per quanto riguarda i dati patrimoniali al 31 dicembre 2012 la massa dei fondi comuni e delle Sicav promossi da UBI Pramerica e dalla controllata UBI Management Company SA si attesta a quasi 17,7 miliardi di euro, con un incremento di circa 1,2 miliardi di euro rispetto agli analoghi aggregati al termine del Gestioni Patrimoniali individuali destinate a clientela di tipologia retail e private A fine Dicembre 2012 il patrimonio investito in gestioni patrimoniali individuali della società, sia in titoli che in fondi, direttamente gestite dalla SGR, si è attestato a circa 6,9 miliardi di 14 Bilancio 2012

15 euro. Da inizio anno si è rilevato un saldo positivo di 79 milioni di euro rispetto al patrimonio di fine I rapporti in gestione in essere a fine esercizio erano circa Eventi gestionali dell esercizio 2012 Di seguito vengono descritti i principali eventi gestionali che hanno caratterizzato l esercizio Anche l anno 2012 è stato segnato da difficoltà di carattere economico e finanziario che hanno inevitabilmente prodotto i loro effetti sull industria del risparmio gestito e di riflesso sulla Società. In particolare per quanto riguarda la dinamica delle sottoscrizioni/rimborsi netti relativi a clientela retail e private (escludendo quindi la clientela istituzionale) di fondi comuni e gestioni patrimoniali individuali si è registrata una sostanziale compensazione dei flussi di sottoscrizione rispetto ai flussi di riscatto (46 milioni di euro di deflussi netti). Tale dinamica, seppur non ancora soddisfacente, rappresenta comunque una significativa inversione di tendenza rispetto al trend fatto registrare negli anni immediatamente precedenti, in particolare il 2011, nel quale di era dovuto registrare un deflusso netto di circa 3,9 miliardi di euro, relativamente ai mercati retail e private. L anno appena trascorso si è invece caratterizzato per un significativo apprezzamento degli asset in gestione per effetto delle positive dinamiche di mercato. L effetto complessivo finale è stato pari a circa 2,2 miliardi di euro (pari a circa il 9,1% del totale degli attivi in gestione ad inizio 2012), tale da compensare più che ampiamente la riduzione di valore degli asset fatto registrare nel Per quanto riguarda i nuovi prodotti è da segnalare che è continuata l attività della società come distributore principale per l Italia dei comparti della UBI Sicav. Nel corso dell anno 2012 sono stati infatti offerti al pubblico sei nuovi comparti della UBI Sicav, con il meccanismo del collocamento a finestra, per un ammontare di raccolta complessiva pari a circa 2,9 miliardi di euro. In particolare l offerta commerciale dell anno è stata così articolata: Due comparti della categoria Cedola Certa ; in particolare UBI Sicav Cedola Certa e UBI Sicav Cedola Certa che hanno originato sottoscrizioni complessive per circa 1,7 miliardi di euro. E da sottolineare che il solo comparto Cedola Certa ha raccolto 924 milioni di euro, nel periodo febbraio-marzo 2012, rappresentando uno dei migliori lanci commerciali a livello europeo di tutto il 2012; Un comparto denominato UBI Sicav Protezione & Crescita 2017, che permette, tramite specifiche tecniche di gestione, di coniugare in un unico strumento esigenze diverse e complementari tra loro quali la protezione del capitale investito e la crescita dello stesso; tale comparto ha fatto registrare una raccolta positiva pari a 135 milioni di euro. Un comparto denominato UBI Sicav Cedola Mercati Emergenti che ha come politica di investimento l impiego di una parte considerevole degli attivi in valute e titoli a reddito fisso denominati in valute locali di mercati emergenti. Tale lancio commerciale ha raccolto sottoscrizioni pari a circa 575 milioni di euro. Un comparto denominato UBI Sicav Focus Italia, che ha come obiettivo fornire ai propri investitori un rendimento stabile e costante su un orizzonte temporale di medio termine operando prevalentemente in strumenti finanziari emessi in euro e da enti italiani. Tale prodotto ha fatto registrare una raccolta di 280 milioni di euro. Un comparto denominato UBI Sicav Global Dynamic Allocation il cui periodo di collocamento si è aperto nel mese di dicembre 2012 e chiuso il successivo mese di gennaio Alla data di chiusura del bilancio al 31/12/2012 il comparto era stato sottoscritto per un ammontare pari a circa 157 milioni di euro, mentre al termine della Relazione sulla gestione 15

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 20 novembre 2014 S.A.F.

Dettagli

FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO DI DIRITTO ITALIANO CATEGORIA:

FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO DI DIRITTO ITALIANO CATEGORIA: Società di Gestione del Risparmio S.p.A. Largo della Fontanella di Borghese, 19-00186 Roma Iscritta al n. 99 dell Albo delle SGR tenuto dalla Banca d Italia AGORA INCOME FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE

Dettagli

Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio

Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio Art. 1 - Aspetti generali Al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti del Contraente in base alle Condizioni di Polizza, la Compagnia

Dettagli

KAIROS PARTNERS SGR S.p.A.

KAIROS PARTNERS SGR S.p.A. KAIROS PARTNERS SGR S.p.A. Relazione Semestrale al 30.06.2015 FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO Kairos Income Kairos Partners SGR S.p.A. Sede Legale: Via San Prospero 2, 20121 Milano Tel 02.777181

Dettagli

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds Relazione Semestrale al 30.06.2014 Fondo ADVAM Partners SGR S.p.A. Sede Legale: Via Turati 9, 20121 Milano Tel 02.620808 Telefax 02.874984 Capitale Sociale Euro 2.200.000 i.v. Codice Fiscale, Partita IVA

Dettagli

Relazione Semestrale al 25 giugno 2013

Relazione Semestrale al 25 giugno 2013 Relazione Semestrale al 25 giugno 2013 Fondo comune di investimento mobiliare aperto di diritto italiano armonizzato alla Direttiva 2009/65/CE INDICE Considerazioni Generali - Commento Macroeconomico...

Dettagli

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds Relazione Semestrale al 30.06.2013 Fondo ADVAM Partners SGR S.p.A. Sede Legale: Via Turati 9, 20121 Milano Tel 02.620808 Telefax 02.874984 Capitale Sociale Euro 1.903.000 i.v. Codice Fiscale, Partita IVA

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Strategia d investimento obbligazionaria Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Disclaimer: tutte le informazioni e le opinioni contenute in questo documento rivestono

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

8a+ Investimenti Sgr. Latemar

8a+ Investimenti Sgr. Latemar 8a+ Investimenti Sgr Fondo Comune d Investimento Mobiliare Aperto Latemar RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2007 Sede Legale: Varese, Piazza Monte Grappa 4 Tel 0332-251411 Telefax 0332-251400 Capitale

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 1. QUADRO MACROECONOMICO INTERNAZIONALE Negli ultimi mesi del 2011 si è verificato un peggioramento delle prospettive di crescita nelle principali economie

Dettagli

Le imprese in questo nuovo scenario.

Le imprese in questo nuovo scenario. Banche credito tassi - imprese: un nuovo scenario Le imprese in questo nuovo scenario. 1 Mercoledì 26 ottobre 2011, ore 16.00 Palazzo Bonin - Corso Palladio 13 Vicenza Aspetti fondamentali del nuovo scenario:

Dettagli

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Ottobre 2020 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Ottobre 2020 A chi si rivolge info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che persegue l'obiettivo di ottimizzare il rendimento del Fondo in un orizzonte temporale

Dettagli

GRUPPO BANCO DESIO RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA

GRUPPO BANCO DESIO RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA GRUPPO BANCO DESIO RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA AL 31 MARZO 2006 1 INDICE Prospetti contabili pag. 03 Note di commento ed osservazioni degli Amministratori pag. 04 Nota informativa pag. 04 La struttura

Dettagli

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon Valore Cedola x 5-11/2014 A chi si rivolge

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon Valore Cedola x 5-11/2014 A chi si rivolge info Prodotto è un Comparto del fondo comune di diritto lussemburghese Investment Solutions by Epsilon, promosso da Eurizon Capital S.A. e gestito da Epsilon SGR. Il Comparto mira ad ottenere un rendimento

Dettagli

UBI PRAMERICA Società di Gestione del Risparmio S.p.A.

UBI PRAMERICA Società di Gestione del Risparmio S.p.A. UBI PRAMERICA Società di Gestione del Risparmio S.p.A. Bilancio 2011. Bilancio al 31 dicembre 2011 UBI PRAMERICA Società di Gestione del risparmio S.p.A. Sede Legale in Bergamo P.zza Vittorio Veneto,

Dettagli

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI Silvano Carletti * Nei suoi primi cinque appuntamenti (l ultimo a fine settembre 2015) il Targeted Longer-Term Refinancing Operations (TLTRO)

Dettagli

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon Valore Cedola Globale - 09/2015 A chi si rivolge

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon Valore Cedola Globale - 09/2015 A chi si rivolge info Prodotto è un Comparto del fondo comune di diritto lussemburghese Investment Solutions by Epsilon, istituito da Eurizon Capital S.A. e gestito da Epsilon SGR. Il Comparto mira ad ottenere un rendimento

Dettagli

MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA

MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA RELAZIONE SEMESTRALE AL 29/06/2007 80 MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA NOTA ILLUSTRATIVA SULLA RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO AL 29 GIUGNO 2007 Signori Partecipanti,

Dettagli

Relazione Semestrale al 30.06.2012. Fondo Federico Re

Relazione Semestrale al 30.06.2012. Fondo Federico Re Relazione Semestrale al 30.06.2012 Fondo Federico Re Gesti-Re SGR S.p.A. Sede Legale: Via Turati 9, 20121 Milano Tel 02.620808 Telefax 02.874984 Capitale Sociale Euro 1.500.000 i.v. Codice Fiscale, Partita

Dettagli

GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013

GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013 GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013 - Risultato economico netto consolidato dei primi sei mesi 2013 pari a -232 milioni di euro (perdita per l esercizio

Dettagli

AGORA VALORE PROTETTO

AGORA VALORE PROTETTO Società di Gestione del Risparmio S.p.A. Largo della Fontanella di Borghese, 19-00186 Roma Iscritta al n. 99 dell Albo delle SGR tenuto dalla Banca d Italia AGORA VALORE PROTETTO FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 2 LUGLIO 2015 Il momento del commercio mondiale segna un miglioramento ad aprile 2015, ma i volumi delle importazioni e delle esportazioni sembrano muoversi in direzioni

Dettagli

MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO

MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO RELAZIONE SEMESTRALE AL 29/06/2007 98 MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO NOTA ILLUSTRATIVA SULLA RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO AL 29 GIUGNO 2007 Signori Partecipanti, il semestre

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE I dati utilizzati per le elaborazioni sono aggiornati al 31/03/201 Pagina 1 Questa

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 1 GIUGNO 2015 Il primo trimestre del 2015 ha portato con sé alcuni cambiamenti nelle dinamiche di crescita delle maggiori economie: alla moderata ripresa nell Area euro

Dettagli

ZURICH CONTRIBUTION RENDICONTO 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE

ZURICH CONTRIBUTION RENDICONTO 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE ZURICH CONTRIBUTION RENDICONTO 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE Il Fondo Pensione aperto Zurich Contribution è stato, come noto, istituito dal Consiglio di Amministrazione di Minerva Vita S.p.A. (oggi Zurich

Dettagli

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon Equity Coupon 02/2014 A chi si rivolge

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon Equity Coupon 02/2014 A chi si rivolge info Prodotto è il nuovo Comparto del fondo comune di diritto lussemburghese Investment Solutions by Epsilon, promosso da Eurizon Capital S.A. e gestito da Epsilon SGR. Il Comparto mira ad ottenere un

Dettagli

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Aprile 2021 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Aprile 2021 A chi si rivolge info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che persegue l'obiettivo di ottimizzare il rendimento del Fondo in un orizzonte temporale

Dettagli

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon Multiasset Cedola Globale - 12/2015 classe R e RD A chi si rivolge

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon Multiasset Cedola Globale - 12/2015 classe R e RD A chi si rivolge classe R e RD info Prodotto è un nuovo Comparto del fondo comune di diritto lussemburghese Investment Solutions by Epsilon, istituito da Eurizon Capital S.A. e gestito da Epsilon SGR. Il Comparto mira

Dettagli

COMUNICATO STAMPA Risultati preliminari di bilancio consolidati al 31 dicembre 2015

COMUNICATO STAMPA Risultati preliminari di bilancio consolidati al 31 dicembre 2015 Società per Azioni con Sede Legale in Cagliari Viale Bonaria, 33 Codice fiscale e n di iscrizione al Registro delle Imprese di Cagliari 01564560900 Partita IVA 01577330903 Iscrizione all Albo delle Banche

Dettagli

Note sulla gestione del fondo.

Note sulla gestione del fondo. FONDO PENSIONE DIPENDENTI GIOCHI AMERICANI Sede in Saint Vincent Via Italo Mus - presso Casino de la Vallée Codice fiscale n. 90006620075 RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI IN ACCOMPAGNAMENTO AL BILANCIO DELL'ESERCIZIO

Dettagli

Gli effetti dell aumento della curva dei tassi nel mercato del fixed income

Gli effetti dell aumento della curva dei tassi nel mercato del fixed income S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La congiuntura economica Gli effetti dell aumento della curva dei tassi nel mercato del fixed income Angelo Drusiani Banca Albertini Syz & C. SpA - Milano

Dettagli

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva la relazione al 30 giugno 2009 SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 1. IL QUADRO MACROECONOMICO I primi dati delle indagini congiunturali indicano una ripresa della crescita economica mondiale ancora modesta e disomogenea

Dettagli

Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012

Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012 CASSA DI PREVIDENZA - FONDO PENSIONE PER I DIPENDENTI DELLA RAI E DELLE ALTRE SOCIETÀ DEL GRUPPO RAI - CRAIPI Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012 SETTEMBRE 2012 Studio Olivieri

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Presentazione del Rapporto L economia del Molise Francesco Zollino Servizio di Congiuntura e politica monetaria Banca d Italia Università degli Sudi del Molise, Campobasso 18 giugno 215 Il contesto internazionale

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE I dati utilizzati per le elaborazioni sono aggiornati al 30/04/201 Pagina 1 Questa

Dettagli

FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO DI DIRITTO ITALIANO CATEGORIA:

FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO DI DIRITTO ITALIANO CATEGORIA: Società di Gestione del Risparmio S.p.A. Largo della Fontanella di Borghese, 19-00186 Roma Iscritta al n. 99 dell Albo delle SGR tenuto dalla Banca d Italia AGORA INCOME FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE

Dettagli

L anno appena trascorso è stato caratterizzato da alcuni eventi rilevanti:

L anno appena trascorso è stato caratterizzato da alcuni eventi rilevanti: MARKET OUTLOOK 2016 Cosa ci lascia in eredità il 2015 L anno appena trascorso è stato caratterizzato da alcuni eventi rilevanti: - La fine della politica dei tassi zero in USA - L avvio del QE in Europa

Dettagli

2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto)

2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto) 2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto) 2.1. Dati significativi di gestione Nelle pagine che seguono sono rappresentate le principali grandezze economico-patrimoniali, ottenute dalla

Dettagli

I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013:

I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013: I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013: Nei primi sei mesi dell anno, la gestione economica del Gruppo ha generato un risultato della gestione operativa in

Dettagli

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%)

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013 Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) Commissioni nette 41,1 mln di euro (-5,6%1*) Margine di intermediazione

Dettagli

Politica Monetaria, Politica Fiscale e prospettive per la crescita in Italia. Marco Lossani (Università Cattolica di Milano)

Politica Monetaria, Politica Fiscale e prospettive per la crescita in Italia. Marco Lossani (Università Cattolica di Milano) Politica Monetaria, Politica Fiscale e prospettive per la crescita in Italia Marco Lossani (Università Cattolica di Milano) Scenario internazionale Economia globale sconta ancora l eredità della crisi

Dettagli

TAXBENEFIT NEW Piano Individuale Pensionistico di tipo Assicurativo - Fondo Pensione

TAXBENEFIT NEW Piano Individuale Pensionistico di tipo Assicurativo - Fondo Pensione 1/16 TAXBENEFIT NEW Piano Individuale Pensionistico di tipo Assicurativo - Fondo Pensione SEZIONE III - INFORMAZIONI SULL AAMENTO DELLA GESTIONE valida dal 26 aprile 2010 Dati aggiornati al 31 dicembre

Dettagli

3. Il mercato internazionale dei titoli di debito

3. Il mercato internazionale dei titoli di debito Gregory D. Sutton (+41 61) 280 8421 greg.sutton@bis.org 3. Il mercato internazionale dei titoli di debito La decelerazione dell economia mondiale sembra aver frenato la domanda di nuovi finanziamenti internazionali,

Dettagli

Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013

Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013 VALORI % Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013 Abbiamo alle spalle ancora un anno difficile per le famiglie La propensione al risparmio delle famiglie italiane ha evidenziato un ulteriore

Dettagli

Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Gennaio marzo 2015

Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Gennaio marzo 2015 Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Gennaio marzo 2015 Euro/dollaro Le dinamiche divergenti delle politiche monetarie di FED e BCE hanno portato nei primi

Dettagli

UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE

UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE Offerta pubblica di quote dei Fondi comuni di investimento mobiliare di diritto italiano armonizzati e non armonizzati

Dettagli

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon A chi si rivolge

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon A chi si rivolge info Prodotto è un Comparto del fondo comune di diritto lussemburghese Investment Solutions by Epsilon, promosso da Eurizon Capital SA e gestito da Epsilon SGR. Il Comparto mira ad ottenere un rendimento

Dettagli

I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi

I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi No. No. 6 7 - - Dicembre Febbraio 2013 2014 No. 7 - Febbraio 2014 N. 67 Dicembre Febbraio 2014 2013 2 Il presente documento sintetizza la visione

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI BAPfondi Gold Art. 1 Aspetti generali Denominazione dei Fondi La Compagnia ha istituito e gestisce, secondo le modalità di cui al presente Regolamento, un portafoglio di strumenti

Dettagli

Sistema PRIMA. Regolamento di gestione Regolamento di gestione degli OICVM italiani gestiti da Anima SGR S.p.A. appartenenti al Sistema PRIMA

Sistema PRIMA. Regolamento di gestione Regolamento di gestione degli OICVM italiani gestiti da Anima SGR S.p.A. appartenenti al Sistema PRIMA Sistema PRIMA Regolamento di gestione Regolamento di gestione degli OICVM italiani gestiti da Anima SGR S.p.A. appartenenti al Sistema PRIMA Fondi Linea Mercati OICVM: Anima Fix Euro Anima Fix Obbligazionario

Dettagli

GLI ANDAMENTI TERRITORIALI 35 Macroarea Nord 35 Macroarea Centro 36 Macroarea Sud1 40 Macroarea Sud2 43

GLI ANDAMENTI TERRITORIALI 35 Macroarea Nord 35 Macroarea Centro 36 Macroarea Sud1 40 Macroarea Sud2 43 RAPPORTO BANCHE SOMMARIO E CONCLUSIONI 3 LA CONGIUNTURA BANCARIA IN EUROPA 7 L attivo bancario 8 Gli impieghi 8 I crediti deteriorati 14 I titoli in portafoglio 17 Le azioni e partecipazioni 19 Le passività

Dettagli

comunicato stampa IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 DICEMBRE 2014

comunicato stampa IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 DICEMBRE 2014 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 DICEMBRE 2014 PRINCIPALI RISULTATI CONSOLIDATI DELL ESERCIZIO 2014 (VS ESERCIZIO 2013)*: RICAVI NETTI: 426,1 MILIONI DI

Dettagli

info Prodotto Eurizon Cedola Attiva Più Luglio 2019 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Cedola Attiva Più Luglio 2019 A chi si rivolge Eurizon Cedola Attiva Più Luglio 2019 info Prodotto Eurizon Cedola Attiva Più Luglio 2019 è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che mira ad ottimizzare il rendimento del

Dettagli

MEDIOLANUM RISPARMIO REDDITO

MEDIOLANUM RISPARMIO REDDITO MEDIOLANUM RISPARMIO REDDITO RELAZIONE SEMESTRALE AL 29/06/2007 86 MEDIOLANUM RISPARMIO REDDITO NOTA ILLUSTRATIVA SULLA RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO AL 29 GIUGNO 2007 Signori Partecipanti, il 29 giugno

Dettagli

RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2015 ASSET DYNAMIC. Fondo Comune di Investimento Aperto destinato alla Generalità del Pubblico

RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2015 ASSET DYNAMIC. Fondo Comune di Investimento Aperto destinato alla Generalità del Pubblico RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2015 ASSET DYNAMIC Fondo Comune di Investimento Aperto destinato alla Generalità del Pubblico ASSET SG S.p.A. A SOCIO UNICO Via Tre Settembre, 210 47891 Dogana R.S.M.

Dettagli

Schroder ISF EURO Short Term Bond

Schroder ISF EURO Short Term Bond Pagina 1 Indice Review su mercato e fondo pag. 2 Il mercato Il fondo Cosa ci aspettiamo dal mercato e dal fondo pag. 3 Uno sguardo al mercato Le scelte strategiche I risultati di pag. 4 Descrizione del

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO PROGETTO SMART

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO PROGETTO SMART REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO PROGETTO SMART 1 Denominazione CNP UniCredit Vita al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti degli Aderenti, in base a quanto stabilito dal Regolamento e dalle

Dettagli

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro)

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro) Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema

Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema Sulla base delle informazioni disponibili al 20 novembre 2004, gli esperti dell Eurosistema hanno elaborato le proiezioni

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI SECONDO TRIMESTRE 2012

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI SECONDO TRIMESTRE 2012 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI SECONDO TRIMESTRE 2012 1. EVOLUZIONE DELLA CRISI ECONOMICA INTERNAZIONALE Nel secondo trimestre del 2012 le incertezze sull evoluzione della crisi greca e le difficoltà del

Dettagli

MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA

MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30/06/2006 76 MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA NOTA ILLUSTRATIVA SULLA RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO AL 30 GIUGNO 2006 Signori Partecipanti,

Dettagli

Piano Economico Finanziario 2008. Consiglio Generale: seduta del 26 Ottobre 2007

Piano Economico Finanziario 2008. Consiglio Generale: seduta del 26 Ottobre 2007 Piano Economico Finanziario 2008 e previsioni anni 2009 e 2010 Consiglio Generale: seduta del 26 Ottobre 2007 Indice Scenario & Previsioni PIANO ANNUALE 2008 1Fonti di finanziamento 2Impieghi 3Ricavi 4Costi

Dettagli

Offerta al pubblico di LIFE INCOME 360 prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL14UI) Regolamento dei Fondi interni

Offerta al pubblico di LIFE INCOME 360 prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL14UI) Regolamento dei Fondi interni Offerta al pubblico di LIFE INCOME 360 prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL14UI) Regolamento dei Fondi interni REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS INCOME 360 1

Dettagli

I N V E S T I E T I C O

I N V E S T I E T I C O I N V E S T I E T I C O FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO IMMOBILIARE DI TIPO CHIUSO RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2010 AEDES BPM Real Estate SGR S.p.A. Sede legale: Bastioni di Porta Nuova,

Dettagli

Alternative Spot. HEDGE INVEST (SUISSE) SA Via Balestra 27, 6900 Lugano (Svizzera) T +41 91 912 57 10

Alternative Spot. HEDGE INVEST (SUISSE) SA Via Balestra 27, 6900 Lugano (Svizzera) T +41 91 912 57 10 Alternative Spot Dic 2013 L outlook di Hedge Invest per il 2014 Scenario macroeconomico: la visione per il 2014 EUROZONA Prevediamo ancora pressioni al ribasso sulla crescita a breve termine, a causa di

Dettagli

Convocata l Assemblea dei Soci per venerdì 25 e sabato 26 aprile, rispettivamente in prima e seconda convocazione.

Convocata l Assemblea dei Soci per venerdì 25 e sabato 26 aprile, rispettivamente in prima e seconda convocazione. Veneto Banca rafforza il patrimonio promuovendo un operazione di aumento di capitale in opzione ai soci fino ad un massimo di 500 milioni di euro e la conversione del prestito obbligazionario convertibile

Dettagli

KAIROS PARTNERS SGR S.p.A.

KAIROS PARTNERS SGR S.p.A. KAIROS PARTNERS SGR S.p.A. Relazione Semestrale al 30.06.2014 FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO Kairos Income Kairos Partners SGR S.p.A. Sede Legale: Via Bigli 21, 20121 Milano Tel 02.777181

Dettagli

PRIMO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

PRIMO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Unione di Banche Italiane S.c.p.A. Sede Sociale e Direzione Generale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto, 8 Sedi operative: Brescia e Bergamo Codice Fiscale, Partita IVA ed Iscrizione al Registro delle Imprese

Dettagli

info Prodotto Eurizon GP Unica Facile A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon GP Unica Facile A chi si rivolge Eurizon Eurizon è il Servizio di Gestione di Portafogli di Eurizon Capital SGR dove l investitore può scegliere tra due Componenti differenziate su tre dimensioni: classi di attività finanziarie (azioni,

Dettagli

Approvati i risultati dei primi nove mesi del 2015

Approvati i risultati dei primi nove mesi del 2015 Comunicato Stampa Approvati i risultati dei primi nove mesi del 2015 Utile netto consolidato a 7,6 milioni di Euro (+52,3% a/a) Ricavi consolidati a 44,8 milioni di Euro (+2,1% a/a) Risultato della gestione

Dettagli

GRUPPO BANCO DESIO. al 30 settembre 2006 RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA

GRUPPO BANCO DESIO. al 30 settembre 2006 RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA GRUPPO BANCO DESIO RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 SETTEMBRE 2006 1 INDICE Prospetti contabili pag. 03 Note di commento ed osservazioni degli Amministratori pag. 04 Nota informativa pag. 04 La

Dettagli

Sistema Anima. Regolamento di gestione Regolamento di gestione semplificato degli OICVM italiani gestiti da Anima SGR S.p.A.

Sistema Anima. Regolamento di gestione Regolamento di gestione semplificato degli OICVM italiani gestiti da Anima SGR S.p.A. Sistema Anima Regolamento di gestione Regolamento di gestione semplificato degli OICVM italiani gestiti da Anima SGR S.p.A. Linea Mercati Anima Liquidità Euro Anima Riserva Dollaro Anima Riserva Globale

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 7 luglio A cura dell

Dettagli

Focus Market Strategy

Focus Market Strategy Valute emergenti: rand, lira e real 30 luglio 2015 Atteso un recupero verso fine anno Contesto di mercato Il comparto delle valute emergenti è tornato nuovamente sotto pressione negli ultimi mesi complice

Dettagli

I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo

I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo No. 5 - Settembre 2013 2 I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo Con il mercato obbligazionario

Dettagli

Documento di Programmazione Annuale Esercizio 2010

Documento di Programmazione Annuale Esercizio 2010 Documento di Programmazione Annuale Esercizio 2010 1 Documento di Programmazione Annuale Anno 2010 Premessa Il documento programmatico previsionale per l esercizio 2010 è redatto secondo le previsioni

Dettagli

Rapporto sulla Stabilità Finanziaria. Fabio Panetta Vice Direttore Generale - Banca d Italia. Università Bocconi, 12 Novembre 2015

Rapporto sulla Stabilità Finanziaria. Fabio Panetta Vice Direttore Generale - Banca d Italia. Università Bocconi, 12 Novembre 2015 Rapporto sulla Stabilità Finanziaria Fabio Panetta Vice Direttore Generale - Banca d Italia Università Bocconi, 12 Novembre 2015 Indice o I rischi macroeconomici o I rischi settoriali: famiglie e imprese

Dettagli

SISTEMA SYMPHONIA REGOLAMENTO UNICO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI ARMONIZZATI APPARTENENTI AL GESTITI DA SYMPHONIA SGR

SISTEMA SYMPHONIA REGOLAMENTO UNICO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI ARMONIZZATI APPARTENENTI AL GESTITI DA SYMPHONIA SGR REGOLAMENTO UNICO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI ARMONIZZATI APPARTENENTI AL SISTEMA SYMPHONIA GESTITI DA SYMPHONIA SGR validità 1 gennio 2012 TESTO A FRONTE PER CONFRONTO VARIAZIONI REGOLAMENTARI

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE Elaborazione del 3// Pagina 1 Questa nota ha finalità puramente informative e riflette

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 6 giugno A cura dell

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS E AZIONARIO EUROPA

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS E AZIONARIO EUROPA REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO Il presente Regolamento è composto dall'allegato al Regolamento del Fondo interno e dai seguenti articoli specifici per il Fondo interno. 1 - PROFILI DI RISCHIO DEL FONDO

Dettagli

info Prodotto Eurizon Soluzione Cedola Maggio 2020 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Soluzione Cedola Maggio 2020 A chi si rivolge Eurizon Soluzione Cedola Maggio 2020 info Prodotto Eurizon Soluzione Cedola Maggio 2020 è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che mira ad ottimizzare il rendimento del

Dettagli

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI COMUNICATO STAMPA ESAMINATI DAL CONSIGLIO I RISULTATI CONSOLIDATI DEL PRIMO TRIMESTRE GRUPPO ITALMOBILIARE: RICAVI: 1.386,4 MILIONI DI EURO (1.452,5 MILIONI NEL PRIMO TRIMESTRE

Dettagli

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO IL BILANCIO CONSOLIDATO E IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE AL 31 DICEMBRE 2007 DATI DI BILANCIO

Dettagli

info Prodotto Eurizon Soluzione Cedola Più Ottobre 2020 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Soluzione Cedola Più Ottobre 2020 A chi si rivolge Eurizon Soluzione Cedola Più Ottobre 2020 info Prodotto Eurizon Soluzione Cedola Più Ottobre 2020 è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che mira ad ottimizzare il rendimento

Dettagli

Sistema Anima. Regolamento di gestione Regolamento di gestione semplificato dei Fondi comuni di investimento mobiliare gestiti da ANIMA SGR S.p.A.

Sistema Anima. Regolamento di gestione Regolamento di gestione semplificato dei Fondi comuni di investimento mobiliare gestiti da ANIMA SGR S.p.A. Sistema Anima Regolamento di gestione Regolamento di gestione semplificato dei Fondi comuni di investimento mobiliare gestiti da ANIMA SGR S.p.A. Linea Mercati Anima Liquidità Euro Anima Riserva Dollaro

Dettagli

SCENARIO 2008 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 1 SEMESTRE

SCENARIO 2008 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 1 SEMESTRE SCENARIO 2008 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 1 SEMESTRE Hanno contribuito alla realizzazione della pubblicazione: Andrea Conti - Responsabile Strategia Eurizon Capital SGR; Luca Mezzomo - Responsabile

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione,

Dettagli

Regolamento del fondo interno A.G. Global Equity Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= däçä~ä=bèìáíó=

Regolamento del fondo interno A.G. Global Equity Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= däçä~ä=bèìáíó= = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= däçä~ä=bèìáíó= A) Obiettivi e descrizione del fondo La gestione ha come obiettivo la crescita del capitale investito in un orizzonte temporale lungo ed è caratterizzata

Dettagli

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007)

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007) CREDITO BERGAMASCO: il Consiglio di Amministrazione approva la relazione finanziaria semestrale. Crescono i ricavi. Continua espansione dei prestiti a piccole e medie imprese e della raccolta diretta complessiva.

Dettagli

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008.

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008. Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008. Utile netto consolidato a 75,3 milioni di euro: risente dell andamento negativo

Dettagli