Mediazione Relazione DidatticaTerritorio Esperienze e proposte sull integrazione degli alunni stranieri

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Mediazione Relazione DidatticaTerritorio Esperienze e proposte sull integrazione degli alunni stranieri"

Transcript

1 Libro Frank:Layout :50 Pagina 1 COMUNE DI PIACENZA OGNUNO SORRIDE NELLA STESSA LINGUA PER UNA SCUOLA INTERCULTURALE Mediazione Relazione DidatticaTerritorio Esperienze e proposte sull integrazione degli alunni stranieri Casa Editrice Vicolo del Pavone

2 Libro Frank:Layout :50 Pagina 2 Ognuno sorride nella stessa lingua Per una scuola interculturale Maggio 2010 Casa Editrice Vicolo del Pavone Via G. Bruno, Piacenza Tel Fax

3 Libro Frank:Layout :50 Pagina 3 INDICE PRESENTAZIONE pag. 5 (di Giovanni Castagnetti) INTRODUZIONE «7 (di Giuseppe Castrillo) IL PROGETTO «9 (di Gian Carlo Sacchi CDE) PARTE PRIMA IL PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA «13 (a cura di Ughetta Percivalli) PATTO DI CORRESPONSABILITà EDUCATIVA «27 AZIONE DEI MEDIATORI NELLA SCUOLA «32 (a cura di Beatriz Paifer, Entela Maksuti, Hanene Madfai) PARTE SECONDA AREA LINGUISTICA «36 (a cura di Elena Lucchini, Ida Massucco, Beatriz Paifer, Entela Maksuti, Hanene Madfai) AREA MATEMATICO SCIENTIFICO TECNOLOGICA «56 (a cura di Ughetta Percivalli) AREA STORICO GEOGRAFICA SOCIALE «59 (a cura di Elena Lucchini e Silvia Rancati) AREA ESPRESSIVA «70 (a cura di Barbara Beltrani) PERCORSI PER ALUNNI STRANIERI «76 DIVERSAMENTE ABILI (a cura di Barbara Beltrani) 3

4 Libro Frank:Layout :50 Pagina 4 PARTE TERZA LO SVILUPPO DELLA PERSONA E LA RELAZIONE «79 EDUCATIVA (a cura di Cassius Verucchi) COME INTERVENIRE NELLA REALTÀ SOCIALE «82 (a cura di Maria Grazia Veneziani) INTERVENTO DI MEDIAZIONE INTERCULTURALE «88 (a cura di Hanene Madfai) TUTELA GIURIDICA DEI MINORI STRANIERI «92 (a cura di Laura Sacchi) PARTE QUARTA LAVORARE PER/IN UNA SCUOLA MULTICULTURALE «101 (a cura di Giuseppe Castrillo) 4

5 Libro Frank:Layout :50 Pagina 5 PRESENTAZIONE (di Giovanni Castagnetti, Assessore al futuro: infanzia, adolescenza, scuola, formazione e politiche giovanili del Comune di Piacenza) Tante persone provenienti da paesi lontani hanno fatto migliaia di km per arrivare fino qui, ma in realtà credo che tanta strada sia stata fatta anche da tutti gli altri. Tutti cioè abbiamo dovuto distoglierci dalle nostre più comuni consuetudini per guardare ad altri modi di vita ad altri valori sociali ad altri cibi e colori, nuove esperienze che per forza di cose ci hanno portato a guardare oltre i confini della quotidianità. Nella nostra città per fortuna non ci siamo irrigiditi su posizioni unilaterali e preconcette nei confronti dell immigrazione: pur nella consapevolezza delle reali difficoltà logistiche e culturali, ci siamo per lo più lasciati trasportare dal desiderio di scommettere e dalla curiosità di misurarsi su di un terreno sconosciuto ma promettente. L aspetto che meglio conosco di questo grande movimento, che sembra contrarre in poco spazio un cambiamento che forse ci aspettavamo più diluito nel tempo, è quello che riguarda i bambini e le bambine nei servizi per l infanzia e nella scuola, presenze che, come sappiamo, raggiungono nella nostra realtà percentuali tra le più alte in Italia. In qualità di assessore sono testimone della volontà degli Enti, già a partire dalle precedenti amministrazioni, di far valere quel diritto allo studio e alla formazione di cui anche i minori stranieri, indipendentemente dalla provenienza o dalla loro condizione, sono portatori. Le scuole e le Istituzioni pubbliche, prima con spirito di solidale accoglienza, ma successivamente anche con desiderio di adeguamento ad una realtà in rapida trasformazione, hanno impiegato risorse ed energie per comprendere la nuova realtà e rendere la convivenza civile, con i rappresentanti di altre cittadinanze, la più serena possibile. In particolare nelle sedi scolastiche gli interventi dei mediatori interculturali e degli insegnanti di lingua italiana, hanno dato un notevole sostegno al processo di integrazione messo in atto con grande disponibilità e professionalità dalle scuole. Insieme agli insegnanti e ai dirigenti scolastici abbiamo ragionato per anni sulle decisioni da prendere e sulle modalità di integrazione da adottare. Tutto il lavoro fatto fino ad ora non solo è servito a dare risposte a situazioni di emer- 5

6 Libro Frank:Layout :50 Pagina 6 genza, ma ha costituito un terreno di sperimentazione che ci ha portato ancora una volta lontano da una prassi consolidata nei servizi pubblici, mossi il più delle volte dalla logica del fare per e ci ha invece introdotto alle metodologie ben più incerte del fare con gli alunni stranieri, che significa peraltro entrare in una relazione privilegiata anche con gli adulti e le loro famiglie. La presenza massiccia di minori di origine straniera (le iscrizioni agli asili nido ci dicono che su 140 bambini stranieri solo 1 non è nato in Italia) ci obbliga a rivedere il significato stesso dei processi di integrazione, che di fronte alla consistenza numerica perdono il loro valore di adeguamento di pochi alla maggioranza e assumono invece una prospettiva più ampia di cambiamento a tutto campo, senza distinzioni di ruoli. Il percorso di documentazione, che qui viene presentato, poggia su questa consapevolezza e introduce il tema fondamentale della trasformazione dal di dentro della prassi didattica, non una didattica per gli stranieri, ma una didattica innovativa e necessaria, buona per tutti. I risultati che qui vengono documentati restituiscono una riflessione organica sul come si costruisce una scuola interculturale, ma vincente è soprattutto la metodologia di lavoro che non presuppone un contenuto a priori da assimilare, ma valorizza l esperienza diretta dei professionisti della scuola ed elabora ipotesi disponibili alla verifica. Per questa ragione è stato di fondamentale importanza che la sede operativa e il coordinamento dell attività facessero capo al CDE in qualità di laboratorio di ricerca educativa e professionale. Mentre la scelta del plesso A. Frank è stata dettata dal desiderio di dare continuità al lavoro degli anni passati, dalla consistente e costante presenza di alunni stranieri negli anni, nonché da una disponibilità particolare da parte del dirigente e dei docenti. Centrale nella proposta è il ruolo del mediatore, figura di snodo nella scuola interculturale, attraverso il quale si rende possibile la comprensione dei contesti di provenienza degli alunni stranieri ma anche la realizzazione di progetti innovativi per tutta la classe. Per questa ragione l orientamento per il futuro è che il mediatore abbandoni progressivamente il profilo di operatore di supporto alla classe nella situazione di emergenza, per assumere quello più specifico di figura di sistema, collocata dentro al percorso formativo della scuola. Il gruppo si è impegnato con grande pazienza e creatività, dimostrando ancora una volta che il confronto e la condivisione possono produrre risposte originali ed efficaci anche nelle situazioni più complesse. Mi auguro che il lavoro possa continuare e generare altri gruppi, altre idee e nuove piste di ricerca da indagare. 6

7 Libro Frank:Layout :50 Pagina 7 INTRODUZIONE (di Giuseppe Castrillo, dirigente scolastico) il linguaggio è stato senza dubbio istituito non perché gli uomini si ingannino reciprocamente, ma perché ciascuno porti a conoscenza i propri pensieri 1 : sono parole di sant Agostino, riferite al dolo che si annida in una menzogna, ma anche al valore intrinseco della lingua come veicolo di verità e di rappresentazione del sé. Per noi possono diventare la sostanza di un progetto educativo di convivenza: usare il linguaggio per dirsi, per raccontarsi, per conoscersi, per costruire insieme la dimensione del vivere, per apprendere insieme. Il senso della scuola è proprio questo: portare a conoscenza dell altro il proprio pensiero e conoscere il pensiero degli altri attraverso la mediazione linguistica. E di ciò vivono gli insegnanti della grande famiglia piacentina della Faustini-Frank-Nicolini, una famiglia in cui la diversità linguistica e culturale è pane quotidiano, ma anche nodo di una sfida problematica e possibile: il confronto multiculturale come premessa di un integrazione che, senza lusinghe fuorvianti, rispetti e promuova le alterità. Dopo aver vissuto per un anno a contatto con etnie diverse, ben 38; dopo aver lavorato con le mediatrici di lingua araba, ispano-americana, macedone resto ancora dell idea che questa scuola sa di mondo, di universalità, di mescolanza, ma soprattutto sa di vita. Confrontare le lingue, infatti, significa anzitutto mettersi in un circuito infinito in cui esprimersi non diventa soltanto un semplice asserire, quanto chiedere: parlare, compiere un atto linguistico è come mettere piede in una terra reale, attraversare il concreto magma dei fatti. Il progetto, che si conclude con questa pubblicazione, non si è svolto, infatti, in una terra di nessuno, in una situazione asettica, o di vuoto assoluto, non è stato portato a termine in camice bianco, ma si è costruito in continuo intridersi di vissuti e di pratiche linguistiche, di esperienze umane e di riflessioni sui sistemi scolastici dei paesi di provenienza di alcuni dei nostri alunni. Ho avuto modo di dire in una lettera aperta, parlando della Frank, la forza di un nome la forza di una scuola. Con questa anafora ribadivo che lo slancio a comprender l altro da sé, nasce dall aver interiorizzato, nella propria pra- 1 Agostino di Ippona, Manuale sulla fede, speranza e carità in Opere di sant Agostino, IV.2, La vera religione, Città nuova,roma 1995, p

8 Libro Frank:Layout :50 Pagina 8 tica didattica, il valore del rispetto per l altro, l amore per la vita dell altro, la comprensione dell altro, proprio la comprensione linguistica. In questi mesi di lavoro con il CDE, con l Ufficio delle politiche giovanili del Comune di Piacenza, con le mediatrici culturali e lo psicologo si è inteso lasciare una traccia di contenuti, di significati, di procedure e di materiali per costruire integrazione e solidarietà, in prima istanza, e per annodare e riannodare relazioni attraverso lo scambio linguistico. Si è voluto produrre documentazioni scambiabili ed utilizzabili anche in altre realtà scolastiche. La sfida sulla quale occorre riflettere è quella della politica di multilinguismo in un Europa delle lingue, come sostiene Amin Maalouf. Ciò che si deve auspicare e ciò per cui bisogna lavorare è una politica di multilinguismo positiva può migliorare le opportunità di vita dei cittadini: può aumentare l occupabilità, facilitare l accesso a servizi e diritti e accrescere la solidarietà, grazie ad un maggior dialogo interculturale e a una migliore coesione sociale 2. Siamo tutti convinti che la diversità linguistica e culturale sia un valore, che il poliglottismo sia una risorsa per il lavoro e la formazione, che adottare una lingua può essere un occasione in più di progresso, perché in controluce alla lingua c è l adozione di una cultura. 2 Cfr. Annali della Pubblica Istruzione, 4-5, 2008, p

9 Libro Frank:Layout :50 Pagina 9 IL PROGETTO (di Gian Carlo Sacchi CDE) Nella relazione annuale (2008) la Banca d Italia ha sintetizzato in modo significativo quelli che potremmo definire gli indicatori sulla popolazione immigrata, che possono essere utilizzati per una riflessione pedagogica ed organizzativa da parte del nostro sistema formativo. L intensificarsi dei flussi in ingresso e il più lungo orizzonte temporale di permanenza sul territorio di persone provenienti da altri Paesi hanno determinato un forte aumento del numero di minorenni, per effetto sia dei ricongiungimenti familiari sia del maggiore tasso di fecondità delle donne straniere. I giovani che costituiranno il futuro tessuto sociale e entreranno nel nostro sistema formativo dunque saranno perlopiù nati in Italia in famiglie con almeno un genitore immigrato. Tale componente contribuirà in misura consistente a definire il livello e la qualità del capitale umano che sarà disponibile in Italia. Se non accompagnata da meccanismi efficaci di integrazione, questa rapida espansione aumenterà il divario nella dotazione del predetto capitale umano del nostro paese nel confronto internazionale. Si tratta perciò di comprendere l integrazione tra gli elementi che un sistema formativo deve considerare nella progettazione e realizzazione del cambiamento e della propria continua autoregolazione, come cifra dello sviluppo personale, di nuove relazioni sociali e di partecipazione alla vita civile ed economica. Le conseguenze del predetto divario sono talvolta aggravate, più negli alunni stranieri che in quelli italiani, da elevati tassi di abbandono scolastico e solo una quota minima di questi divari è riconducibile alle differenti caratteristiche familiari o al più ampio contesto sociale di riferimento. Sulla base dell ultima indagine PISA condotta tra i quindicenni, gli stranieri registrano un significativo ritardo nelle competenze acquisite, e con riferimento ai soli apprendimenti di matematica, il divario si dimezzerebbe considerando il ritardo nelle competenze di comprensione dei testi. Gli abbandoni scolastici sarebbero riconducibili ad una più debole relazione tra le caratteristiche dei genitori e gli esiti dei figli anziché quelle dei primi rispetto ai genitori italiani. Questi indicatori mettono in evidenza la necessità di operare, contemporaneamente, sulla colmatura di certe soglie e sulla valorizzazione delle differenze. 9

10 Libro Frank:Layout :50 Pagina 10 Un progetto formativo è per le persone, il loro divenire, le relazioni che instaurano tra di loro e con i contesti nei quali vivono, che oggi non sono solo quelli della società che li accoglie, ma della globalizzazione, di cui fa parte anche il paese di provenienza, il quale può aiutare anche la nostra realtà locale a far parte della globalità. Una scuola che è inserita nella propria realtà, ma che opera in una prospettiva interculturale, facendo leva sulla mediazione, la relazione, la didattica e l organizzazione. Sono questi gli aspetti con i quali si è cercato di analizzare l esperienza della scuola media Frank mediante un percorso di documentazione e di riflessione sostenuto dal Comune di Piacenza e coordinato dal CDE. La presenza di nuovi soggetti in un gruppo, quale può essere l istituto scolastico, la classe o altra organizzazione, determina il costituirsi, come si è detto, di nuove relazioni, e questo a scuola va visto sotto la triplice dimensione: sociale, evolutiva e di apprendimento. Realizzare percorsi formativi in un contesto fortemente interculturale significa: - conoscenza dei soggetti e delle culture di provenienza - riprogettazione di curricoli inter culturali - sostegno alla persona ed alle relazioni In questa scuola media si è operato per anni in tale direzione da parte di numerosi docenti, si tratta ora di mettere in atto un percorso di riflessione sul lavoro fin qui compiuto al fine di renderne l attività più condivisa e sistematica, migliorarne l intervento e di elaborare modalità di lavoro trasferibili. Una particolare attenzione sarà dedicata alla funzione dei mediatori interculturali, non più utilizzati come operatori di sostegno alla domanda formativa da parte degli stranieri, ma come figure di sistema sul versante dell offerta, in modo da costituire un elemento di comprensione, in diretta, del cambiamento, nel fornire una risposta in continua evoluzione. AZIONI E stato costituito un gruppo di lavoro con le seguenti caratteristiche: - docenti che svolgono il ruolo di funzioni strumentali con compiti attinenti l integrazione di soggetti stranieri e rappresentanti le aree disciplinari, linguistica, matematico scientifica tecnologica, espressiva, 10

11 Libro Frank:Layout :50 Pagina 11 - esperto operante nella scuola per l insegnamento della lingua italiana agli stranieri, - esperti sul versante psico-sociale e giuridico, - mediatori interculturali, - cde, per il coordinamento metodologico e di documentazione. Il lavoro è partito dall esperienza della scuola stessa, raccogliendo materiale e riflettendo sulle strategie adottate, ha cercato di mettere a punto una documentazione che aiuti a sistematizzare l esperienza e a programmare interventi che migliorino l efficacia, ma anche a indicare elementi di trasferibilità per il sistema formativo territoriale. Le aree di lavoro saranno: - il protocollo di accoglienza e il patto di corresponsabilità scuola famiglia, scuola territorio, ecc.; - l apprendimento, sia per quanto riguarda le competenze generali e trasversali, sia gli assi culturali e le competenze specifiche, sia l orientamento; - il sostegno alla persona: un attenzione al minore da un punto di vista giuridico, alla relazione, alla continuità evolutiva, ai rapporti con le famiglie e con il territorio - l apprendimento interlinguistico. I mediatori hanno preso parte a tutta l attività, dedicandosi anche al sostegno alle lingue e culture di provenienza attraverso interventi specifici per gruppi di alunni, e, insieme ai docenti ed altri operatori, ai rapporti con le famiglie, per accompagnare il percorso formativo dei figli nonché organizzare eventuali attività per gli adulti. 11

12 Libro Frank:Layout :50 Pagina 12

13 Libro Frank:Layout :50 Pagina 13 PARTE PRIMA In questa parte vengono presi in esame i documenti che definiscono le condizioni normative ed organizzative per consentire l ordinato e produttivo lavoro scolastico. Su questi presupposti si fonda la trasparenza, la comunicazione, l autoregolazione e si sollecita la partecipazione e la corresponsabilità educativa. IL PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA (a cura di Ughetta Percivalli) La maggior parte dei minori stranieri entra nella scuola poco tempo dopo l arrivo dal paese d origine. L inserimento scolastico avviene quindi in un momento delicato, a causa di fratture affettive ancora molto recenti, fratture che sono anche più dolorose quando si verificano in un età già di per sé così complessa come quella dell adolescenza. Per questo l ingresso in una nuova scuola si carica ancor più di ansie, paure, attese, aspettative, fattori che sono sempre presenti, anche se non sempre evidenti e che non devono mai essere trascurati. Nello stesso tempo non è facile neppure per la comunità scolastica accogliere un nuovo membro e dare ai suoi bisogni risposte adeguate e inserite in un contesto che soddisfi le esigenze di tutti. L accoglienza di un nuovo alunno è pertanto un momento cruciale, che segna profondamente la sua storia scolastica e personale e rappresenta l inizio del percorso di integrazione nel paese di immigrazione. Il presente protocollo nasce dalla consapevolezza di questa significatività dell accoglienza e dalla convinzione che la formalizzazione delle procedure e degli interventi sia uno strumento indispensabile all attuazione pratica delle tappe del percorso. Si pone quindi come obiettivo la traduzione in modalità organizzative dei principi e delle linee guida indicate dalla normativa in materia d inserimento degli alunni stranieri, al fine di rendere l ingresso di un nuovo allievo il più possibile semplice e sereno per tutti: per l allievo e la sua famiglia e per l intera comunità scolastica. 13

14 Libro Frank:Layout :50 Pagina 14 In particolare, il protocollo esplicita le procedure di inserimento e l organizzazione della scuola, definisce ruoli e compiti degli operatori scolastici - dirigente, docenti, personale ATA - e scandisce tempi e modi di prassi condivise relative alle varie fasi dell accoglienza sui piani amministrativo, comunicativo/relazionale, educativo/didattico, sociale: - iscrizione - prima conoscenza dell alunno e dei suoi genitori/tutori - assegnazione alla classe - tempi e modi di inserimento nella classe - percorsi di facilitazione per l apprendimento di Italiano L2 - rapporti e collaborazioni con il territorio Il protocollo costituisce inoltre una testimonianza della reale assunzione di responsabilità della scuola nei confronti del fenomeno migratorio e dei problemi ad esso connessi, problemi particolarmente sentiti in un Istituto che si caratterizza per una presenza di allievi non italiani molto significativa. 14

15 Libro Frank:Layout :50 Pagina 15 TAPPE DEL PERCORSO 1 a tappa: ISCRIZIONE PERSONALE COINVOLTO Operatore amministrativo (O.A.) AZIONI STRUMENTI OSSERVAZIONI In Segreteria il genitore trova un O. A. addetto al disbrigo delle pratiche relative. L O. A.: 1) Illustra il POF d Istituto, fornendo in particolare informazioni relative a: - sedi scolastiche - tempo scuola - calendario scolastico - servizi offerti (mensa, doposcuola,...) - alternativa I.R.C. - sistema scolastico ) Consegna i moduli d iscrizione e aiuta il genitore nella compilazione. 3) Informa il genitore relativamente alla documentazione necessaria. 4) Aiuta nella compilazione delle autocertificazioni sostitutive 5) Nel caso in cui il D. S. accetti la domanda d iscrizione, fissa per la famiglia un colloquio con la F. S. nei giorni immediatamente successivi. L O. A. valuta l oppor-tunità di richiedere l intervento di un Mediatore linguistico-culturale. L Ufficio di Segreteria è provvisto di una ricca modulistica tradotta in varie lingue. E il primo impatto della famiglia con la nuova scuola. E importante che l O. A. sia in grado di comunicare non solo informazioni chiare, ma anche disponibilità e fiducia. Il Servizio di Mediazione linguistico - culturale è fornito gratuitamente e relativamente alla maggior parte delle aree linguistiche dal Comune di Piacenza, settore Formazione. Sul territorio sono presenti altre Agenzie che offrono questo servizio a carattere volontario o a pagamento. Altra modulistica è reperibile nel sito del Centro Come 15

16 Libro Frank:Layout :50 Pagina 16 TAPPE DEL PERCORSO 1 a tappa: ISCRIZIONE PERSONALE COINVOLTO Dirigente scolastico (D.S.) AZIONI STRUMENTI OSSERVAZIONI 1) Esamina la domanda e la docum e n t a z i o n e raccolta in Segreteria (anche con particolare attenzione ad eventuali situazioni di disabilità) 2) Tiene conto della legislazione vigente. 3) Accetta la domanda d iscrizione all Istituto. 4) Convoca la F. S. e le affida il compito di incontrare l allievo e la famiglia per una più ampia valutazione della situazione di partenza (nel caso si ravisino problemi di disabilità, convoca anche la F.S. per l handicap, che nelle fasi successive affiancherà la F.S. per l inserimento degli allievi stranieri predisponendo gli interventi previsti dalla normativa vigente) D.P.R. 394/99 C. M.n.87/2000 Linee Guida MIUR, marzo 2006 C.M. n. 93/2006 C.M. 110/2007 La via italiana per la scuola interculturale e l integrazione degli alunni s t r a n i e r i, MIUR, ottobre 2007 CM n.2/2010 Se lo ritiene opportuno o in caso di precisa richiesta della famiglia, il D. S. può incontrare i genitori prima della formalizzazione della domanda di iscrizione 16

17 Libro Frank:Layout :50 Pagina 17 Docente con funzione strumentale per l integrazione degli alunni stranieri (F. S.) 1) Esamina la documentazione raccolta in Segreteria. 2) Incontra la famiglia e l allievo per: - fornire alla famiglia ulteriori chiarimenti sul Sistema Scolastico italiano e sul funzionamento dell I-stituto, con particolare attenzione ai servizi specifici per gli allievi stranieri (corsi di Italiano L2, libri di testo, piano di studio personalizzato ) - compiere osservazioni relative al processo d integrazione della famiglia e alla situazione emotiva dell allievo Eventuale presenza del med i a t o r e ling./cult. Questo colloquio costituisce il primo approccio dell allievo e dei genitori con il corpo docente della scuola. E importante che il docente F. S. sia consapevole del ruolo fondamentale che sta assumendo e che metta in atto strategie relazionali rassicuranti e capaci di motivare il più possibile l allievo. 17

18 Libro Frank:Layout :50 Pagina 18 TAPPE DEL PERCORSO 1 a tappa: ISCRIZIONE PERSONALE COINVOLTO Docente con funzione strumentale per l integrazione degli alunni stranieri (F. S.) AZIONI STRUMENTI OSSERVAZIONI - acquisire dati sulla storia personale dell allievo - acquisire dati sulla storia scolastica (iter didattico, difficoltà, successi, attitudini, ) Questionari/trac cia per la rilevazione dei dati sulla storia personale e scolastica (reperibili in versione bilingue nei siti dedicati) - rilevare la situazione Materiali per la linguistica v a l u t a z i o n e dell allievo (lingua della padronanza madre, competenza lingui- nella lingua italiana, stic lingue strasticn i e r e eventualmente studiate nel Paese di provenienza) - rilevare abilità di base, logiche e mnemoniche 3) Consegna all allievo il Pronto Soccorso Linguistico 4) Compila la scheda riassuntiva della situazione d ingresso dell allievo e riferisce al D.S. sull incontro Materiale strutturato per la rilevazione delle abilità scolastiche Griglia per la compilazione della scheda reperibili anche nei siti dedicati reperibili anche nei siti dedicati - con mediatore in L1 - attraverso supporti extralinguistici La scheda viene inserita nel fascicolo personale dell allievo 18

19 Libro Frank:Layout :50 Pagina 19 TAPPE DEL PERCORSO 2 a tappa: ASSEGNAZIONE ALLA CLASSE E ALLA SEZIONE PERSONALE COINVOLTO Dirigente scolastico (D. S.) AZIONI STRUMENTI OSSERVAZIONI 1) Esamina tutta la documentazione e le informazioni relative alla situazione d ingresso dell allievo 2) Esamina la situazione delle classi (formate o in via di formazione) 3) Tiene conto della legislazione vigente e dei criteri indicati dal C.I. 4) Valuta le risorse disponibili e le richieste/bisogni della famiglia 5) Assegna l allievo alla classe e alla sezione ritenute più adatte e stabilisce la data effettiva d ingresso (non oltre i 7 giorni successivi, ma tale da garantire il corretto passaggio di informazioni al consiglio di classe) Privilegia, a norma di legge, l inserimento dell allievo nella classe corrispondente all età anagrafica. Se effettua l inserimento in classe che non corrisponde all età dell alunno è spinto dalle seguenti motivazioni: - il diverso ordinamento degli studi nel Paese di provenienza - il periodo dell a.s. in cui avviene l iscrizione - il numero delle assenze accumulate presso la scuola di provenienza - il curriculum scolastico personale 19

20 Libro Frank:Layout :50 Pagina 20 6) Comunica alla Segreteria e alla F.S. la classe e la sezione d iscrizione e la data effettiva d ingresso nella classe Operatore Comunica alla famiglia la classe e la Amministrativo (O. A.) sezione d iscrizione e la data effettiva d ingresso nella classe e completa le pratiche relative all iscrizione Al caso richiede l intervento del Mediatore sia per la comunicazione sia per l ac-compagnamento dell alunno e dei genitori al momento dell ingresso nella classe 20

21 Libro Frank:Layout :50 Pagina 21 TAPPE DEL PERCORSO 3 a tappa: INSERIMENTO NELLA CLASSE 1 a fase (accoglienza) PERSONALE COINVOLTO Docente con funzione Stru-mentale per l integrazione degli alunni stranieri (F. S.) Coordinatore del Consiglio di Classe (Co.C.Cl.) AZIONI STRUMENTI OSSERVAZIONI 1) Comunica al Co.C.Cl. l ingresso del nuovo alunno, gli illustra la documentazione del fascicolo personale e gli consegna copia della scheda riassuntiva della situazione d ingresso. 2) Resta a disposizione dei colleghi del C. Cl. per chiarimenti di tipo didattico, organizzativo, normativo. 1) Comunica ai colleghi del C.Cl. l ingresso del nuovo alunno e fornisce loro le prime informazioni sulla sua situazione d ingresso 2) Accoglie l alunno e i genitori al momento dell ingresso Pronto corso stico 3) A ff i a n c a l alunno ad un compagno adatto alla funzione di tutor 4) Eventualmente concorda con il Mediatore tempi e modi dell accompa-gnamento 5) Tiene monitorata la fase dell a c c o g l i e n z a (deroga per l inserimento in prima alfabetizzazione) Scheda riassuntiva della situazione d ingresso. Eventuale presenza del Mediatore, Soc- Lingui- Griglia per il monitoraggio 21

22 Libro Frank:Layout :50 Pagina 22 TAPPE DEL PERCORSO 3 a tappa: INSERIMENTO NELLA CLASSE 1 a fase (accoglienza) PERSONALE COINVOLTO Docenti del C. di Classe AZIONI STRUMENTI OSSERVAZIONI 1) Dedicano tempo ad attività di benvenuto e conoscenza 2) Individuano strategie comunicative facilitatici 3) Osservano l alunno rilevando in modo sistematico: - l atteggiamento relazionale e il comportamento linguistico con i pari e con gli adulti - i bisogni personali affettivi e specifici dell apprendimento - i prerequisiti disciplinari posseduti (indipendentemente dalla conoscenza della lingua italiana) Eventuale presenza del Mediatore Pronto Soccorso Linguistico, materiali per l accoglienza e l integrazione degli allievi stranieri Registro personale del docente Reperibili presso il sito del Centro Come o altri siti dedicati 22

23 Libro Frank:Layout :50 Pagina 23 TAPPE DEL PERCORSO 3 a tappa: INSERIMENTO NELLA CLASSE 2 a fase PERSONALE COINVOLTO Consiglio di Classe (C.Cl.) AZIONI STRUMENTI OSSERVAZIONI 1) Elabora un contratto Linee Guida formativo MIUR, marzo che tenga conto 2006 della storia scolastica personale dell allievo La via italiana e delle per la scuola in- osservazioni all ingresso terculturale e e durante la l integrazione fase di accoglienza, degli alunni stabilendo in particolare: s t r a n i e r i, MIUR, ottobre il percorso d apprendimento di Italiano L2, secondo il livello di conoscenza in quest ambito posseduto dall allievo - gli obiettivi educativi e didattici* - le strategie per facilitare l apprendimento, compreso l adattamento dei programmi d insegnamento - i criteri di valutazione intermedia e quadrimestrale - i criteri di verifica del contratto formativo 2) Indica i testi scolastici e i sussidi didattici adeguati alla situazione dell alunno, tenendo conto della normativa vigente e delle indicazioni del C.D Altri materiali per la stesura del contratto formativo. sono reperibili nei siti dedicati *Nel caso in cui l alunno necessiti di interventi apprendimento di Italiano L2 a livello 0/1 il C.Cl. assume quest apprendimento come obiettivo didattico principale del primo periodo 23

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013-2013 Sommario PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE... 1 Bisogni educativi speciali... 2 Sezione 1. Definizioni condivise... 3 I B.E.S. non sono una categoria...

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s.

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s. n..reg.iscriz. n..matr. MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Classico e Linguistico Statale ARISTOFANE 00139 ROMA - VIA MONTE RESEGONE, 3 068181809 - FAX

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

RILEVAZIONE COMPETENZE LINGUISTICHE ITALIANO L2 ALUNNI STRANIERI I.C. Leonardo da Vinci

RILEVAZIONE COMPETENZE LINGUISTICHE ITALIANO L2 ALUNNI STRANIERI I.C. Leonardo da Vinci RILEVAZIONE COMPETENZE LINGUISTICHE ITALIANO L2 ALUNNI STRANIERI I.C. Leonardo da Vinci di Sorbolo-Mezzani a.s. 2013-2014 PREMESSA Essere alfabetizzati nella nostra lingua costituisce un buon indicatore,

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale UFFICIO III - Politiche formative e rete scolastica U.O. 2: Fondi Strutturali dell

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus ABC L alfabeto della solidarietà per educare alla pace e allo sviluppo nella nuova Europa Unita ONG-ED/2003/065-352/IT RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI: QUALE CONVIVENZA PER LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 A cura di Maria Michela Settineri IL

Dettagli

DOMANDA DI ISCRIZIONE A.S. 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA

DOMANDA DI ISCRIZIONE A.S. 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO CRESPELLANO Via IV Novembre, 23 Valsamoggia (BO) 40056 Località - Crespellano Tel. 051/6722325 051/960592 Fax. 051/964154 - C.F. 91235100376 E-mail: boic862002@istruzione.it - iccrespellano@virgilio.it

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado Sede Centrale: Scuola Media Statale "San Francesco d'assisi" Via Jonghi, 3-28877 ORNAVASSO (VB) - cod. fiscale 84009240031

Dettagli

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime -

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Progetto Continuità" Scuola dell Infanzia - Scuola Primaria 2010-11 11 Anno Scolastico 2010 Funzioni Strumentali A. Rubino Scuola Infanzia P. Stramonio Scuola

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089 ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 04345204 0434520089 PROT. n. 199/B19 Pordenone, 15 gennaio 2014 Ai Sigg. Genitori Oggetto:

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli