SCUOLA MEDIA STATALE G. PEROTTI PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SCUOLA MEDIA STATALE G. PEROTTI PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA"

Transcript

1 SCUOLA MEDIA STATALE G. PEROTTI via Tofane Torino PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA a.s

2 INDICE o PREMESSA La scuola le finalità il contesto educativo linee guida o OBIETTIVI Ambiti della progettazione obiettivi educativi obiettivi didattici o ORGANIZZAZIONE DELLE Tempo scuola orario lezioni calendario organigramma - ATTIVITA' PRIMARIE sicurezza o ATTIVITA' OPZIONALI E PROGETTI o FORMAZIONE o VALUTAZIONE Attività opzionali Progetti Orientamento Viaggi di istruzione o ALLEGATI PSP statuto degli studenti e regolamento - carta dei servizi - codice deontologico I contenuti di tutte le discipline sono inseriti nelle programmazioni dei Consigli di Classe 2

3 PREMESSA 1. LA SCUOLA. La scuola media "G. " ha una sede in Via Tofane 22 ed una succursale in via Marsigli 25, 554 alunni (di cui 456 in sede e 96 in succursale), 55 docenti, 4 assistenti amministrativi, 10 collaboratori, 1 dirigente amministrativo, un dirigente scolastico. 2. FINALITA. Compito della scuola è quello di educare istruendo la persona: un essere unico e irripetibile. Questo avviene introducendo alla realtà, consegnando il patrimonio del passato, la nostra cultura, le tradizionali discipline scolastiche e i metodi che le contraddistinguono, preparando al futuro. Famiglia e scuola sono certamente alleate in questo compito e la reale collaborazione con i genitori è per noi un punto di partenza irrinunciabile. Sono essi infatti gli adulti autorevoli che per primi accompagnano il ragazzo nella sua ricerca di senso e il rischio educativo che vogliamo correre insieme consiste nel proporre, in dialogo con i ragazzi e le famiglie, le nostre ipotesi, favorire esperienze positive, aiutare la crescita della libertà di diventar davvero grandi, responsabili, aperti, curiosi, felici: come orizzonte il mondo. In particolare la scuola secondaria di primo grado affronta il difficile compito di sostenere il percorso di formazione dei preadolescenti, snodo delicatissimo del cammino di maturazione. Sono gli anni in cui la personalità, il volto in crescita di ogni ragazzo, emerge tumultuosamente dal bambino di pochi anni prima. Occorre elevare il livello di istruzione e di educazione con la proposta sistematica dell articolato insieme dei saperi, dei loro metodi e linguaggi, ma occorre anche offrire un sistema organico e coerente di rapporti e occasioni per lo sviluppo della personalità in tutte le direzioni (civili, etiche, religiose, sociali, intellettive, affettive, operative, creative...). Contiamo così che sia il loro io a voler crescere in nostra compagnia, a voler scommettere sulla positività di quanto proponiamo così come noi scommettiamo su di loro, impegnando volentieri le risorse umane ed economiche di cui disponiamo. Ci attendiamo, al termine del cammino delle medie, oltre alla crescita delle conoscenze, l inizio della personalizzazione delle motivazioni, della capacità di autonomia, del metodo di studio, vere competenze passaporto per ogni impegno futuro. Possiamo forse sintetizzare così i nostri obiettivi: qualità della formazione, nella varietà dei percorsi, per la crescita delle persone. 3

4 3. IL CONTESTO EDUCATIVO. Da un analisi della situazione fondata sulle osservazioni dei docenti e sulla domanda espressa dai genitori, si evidenzia un quadro dell utenza che ha le seguenti caratteristiche: un livello socio-culturale medio con punte estreme significative, un alta percentuale di alunni con entrambi i genitori che lavorano, una forte richiesta di preparazione di buon livello per la scuola superiore, ma anche nove alunni in situazione di handicap, un piccolo numero di situazioni problematiche, di disagio sociale e culturale di abbandono affettivo, di disordine di valori e un buon numero di difficoltà di comunicazione linguistica (stranieri). In questo quadro la scuola predispone un offerta formativa che, rispettando nell organizzazione la domanda espressa, interpreta i bisogni reali di tutta l utenza e, attraverso la proposta di attività di laboratorio opzionali per tutti e di interventi individualizzati per chi ne ha bisogno, persegue obiettivi coerenti con l esigenza di offrire a ciascun alunno opportunità di crescita adeguate alle sue necessità. L'orario di lezione si svolge su cinque giorni settimanali col sabato libero per tutte le classi. Le unità di lavoro - lezioni di 55 minuti - sono 32 per le classi prime, seconde e terze e prevedono, oltre l orario mattutino, un rientro obbligatorio. Gli allievi di tutte le classi potranno frequentare i laboratori previsti per tre pomeriggi settimanali a completamento del percorso formativo, a scelta della famiglia. A tutti gli allievi è assicurato il servizio mensa nei giorni di rientro. 4. LINEE GUIDA DELLA NOSTRA PROPOSTA FORMATIVA Elevare il livello di istruzione e di educazione Promuovere la formazione dei preadolescenti Sviluppare la personalità Far maturare un senso civico e sociale Favorire il soggetto debole Educare alla multiculturalità Valorizzare le eccellenze 4

5 OBIETTIVI 5

6 OBIETTIVI GENERALI DEL PROCESSO FORMATIVO Obiettivi educativi Acquisire una maggior fiducia in sé e nelle proprie capacità. Educare alla conoscenza e al rispetto della propria e delle altrui culture. Favorire un progetto di vita. Acquisire valori propri della convivenza civile. Favorire l integrazione tra i diversi ambiti di esperienza. Sviluppare un maggior rispetto delle regole della comunità scolastica. Acquisire maggiore capacità di autocontrollo e consolidare il senso di responsabilità nei confronti dei doveri scolastici. Obiettivi didattici trasversali Stimolare la capacità di osservazione e di organizzazione. Incrementare la capacità di osservazione sistematica. Sviluppare l orientamento spaziale temporale. Favorire la comprensione della definizione dei compiti e delle consegne. Migliorare il possesso delle abilità di base: capacità di attenzione e concentrazione; saper ascoltare e comprendere; saper esporre con chiarezza contenuti ed idee personali; saper leggere e comprendere; saper produrre testi formalmente corretti, rispettando l ordine logico. Sviluppare le capacità di deduzione e di memorizzazione. Verificare e correggere. Classificare. Quantificare. Sviluppare la capacità di analisi. Sviluppare la capacità di sintesi. Acquisire gradualmente un metodo di studio e di lavoro efficace ed autonomo. Sviluppare le capacità critiche. Formulare e verificare ipotesi. Comunicare i risultati con chiarezza. Comprendere e utilizzare i linguaggi specifici delle varie discipline. Acquisire conoscenze e competenze tecniche disciplinari avvalendosi degli strumenti specifici. 6

7 ORGANIZZAZIONE ANNO SCOLASTICO ORARIO 10/09/2007 Classi prime Classi seconde Classi terze Ingresso Uscita TEMPO SCUOLA ANNO SCOLASTICO MESE DI SETTEMBRE DAL 11/09/07 AL 30/09/07 Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Classi prime Classi seconde Classi terze

8 TEMPO SCUOLA ANNO SCOLASTICO SEDE Classi prime Lunedì Mensa (dal 1/10/07 al 31/5/08) Lunedì (dal 2/6/08 al 7/6/08) Martedì Mensa Att. Opzionali (dal 2/10/07 al 31/5/08) Mercoledì Mensa Att. Opzionali (dal 2/10/07 al 31/5/08) Giovedì Mensa Att. Opzionali (dal 2/10/07 al 31/5/08) Venerdì Classi seconde H - I Lunedì Mensa Att. Opzionali (dal 1/10/07 al 31/5/08)) Martedì Mensa (dal 1/10/07 al 31/5/08) Martedì (dal 2/6/08 al 7/6/08) Mercoledì Mensa Att. Opzionali (dal 2/10/07 al 31/5/08) Giovedì Mensa Att. Opzionali (dal 2/10/07 al 31/5/08) Venerdì Classi seconde Lunedì Mensa Att. Opzionali (dal 1/10/07 al 31/5/08) Martedì Mensa (dal 1/10/07 al 31/5/08) Martedì (dal 2/6/08 al 7/6/08) Mercoledì Mensa Att. Opzionali (dal 2/10/07 al 31/5/08) Giovedì Mensa Att. Opzionali (dal 2/10/07 al 31/5/08) Venerdì Classi terze Lunedì Mensa Att. Opzionali (dal 1/10/07 al 31/5/08) Martedì Mensa Att. Opzionali (dal 1/10/07 al 31/5/08) Mercoledì Mensa (dal 1/10/07 al 31/5/08) Mercoledì (dal 2/6/08 al 7/6/08) Giovedì Mensa Att. Opzionali (dal 1/10/07 al 31/5/08 Venerdì

9 TEMPO SCUOLA ANNO SCOLASTICO SUCCURSALE Classi prime seconde terze Lunedì Mensa (dal 1/10/07 al 31/5/08) Lunedì (dal 2/6/08 al 7/6/08) Martedì Mensa Att. Opzionali (dal 2/10/07 al 31/5/08) Mercoledì Mensa Att. Opzionali (dal 2/10/07 al 31/5/08) Giovedì Mensa Att. Opzionali (dal 2/10/07 al 31/5/08) Venerdì

10 STRUTTURA DELLE ATTIVITA OPZIONALI SEDE Struttura Attività opzionali classi prime SUCCURSALE Struttura Attività opzionali classi prime 1 quadrimestre 2 quadrimestre 1 quadrimestre 2 quadrimestre Martedì Teatro 1 Martedì Teatro Mercoledì Teatro 2 Mercoledì Att. Artistica Att.Musicale Mercoledì Att.Musicale Att. Artistica Giovedì Att.sportiva Giovedì Sport 1 gruppo Sport 2 gruppo Struttura Attività opzionali classi seconde Struttura Attività opzionali classi seconde 1 quadrimestre 2 quadrimestre 1 quadrimestre 2 quadrimestre Martedì Teatro Lunedì Att. Artistica Att.Musicale Mercoledì Att. Artistica Att.Musicale Mercoledì Giornalino Inglese Giovedì Att.sportiva Giovedì Teatro Struttura Attività opzionali classi terze Struttura Attività opzionali classi terze 1 quadrimestre 2 quadrimestre 1 quadrimestre 2 quadrimestre Martedì Teatro Lunedì Latino Mercoledì Att. Artistica Att.Musicale Martedì Att. Artistica Att.Musicale Giovedì Latino Giovedì Inglese Giornalino Giovedì Att.sportiva 10

11 L orario è strutturato con un monte ore annuale (L.53/2003) e suddiviso in due periodi: quello iniziale per tre settimane (che non prevede rientri), e quello ordinario, per tutto il resto dell anno scolastico con un rientro curriculare (ad eccezione dell ultima settimana di scuola con 30 u.d. senza rientri). ORARIO SETTIMANALE Classi prime terze Disciplina 3 settimane 30 settimane Religione 1 u.d. 1 u.d. Storia 2 u.d. 2 u.d. Geografia 2 u.d. Italiano 5 u.d. 6 u.d. Matematica 3 u.d. 5 u.d. Scienze 2 u.d. 2 u.d. Tecnologia 2 u.d. 2 u.d. Italiano/Informatica 1 u.d. Inglese 2 u.d. 3 u.d. Francese 2 u.d. 2 u.d. Arte immagine 2 u.d. 2 u.d. Musica 2 u.d. 2 u.d. Scienze motorie 2 u.d. 2 u.d. TOTALE 25 u.d. 32 u.d. ORARIO SETTIMANALE Classi seconde Disciplina 3 settimane 30 settimane Religione 1 u.d. 1 u.d. Storia 2 u.d. 2 u.d. Geografia 2 u.d. Italiano 5 u.d. 7u.d. Matematica 3 u.d. 4 u.d. Scienze 2 u.d. 2 u.d. Tecnologia 2 u.d. 2 u.d. Informatica/Italiano 1 u.d. Inglese 2 u.d. 3 u.d. Francese 2 u.d. 2 u.d. Arte immagine 2 u.d. 2 u.d. Musica 2 u.d. 2 u.d. Scienze motorie 2 u.d. 2 u.d. TOTALE 25 u.d. 32 u.d. Durante le ore di compresenza italiano-informatica delle classi prime, seconde e terze gli allievi saranno suddivisi in due gruppi e svolgeranno il programma di informatica previsto (vedi PSP) con l insegnante di tecnologia e informatica e un attività di recupero o di potenziamento con l insegnante di lettere. La suddivisione e la scansione dell alternanza dei gruppi verrà decisa dai singoli consigli di classe 11

12 ORARIO LEZIONI u.d (55 ) 2 u.d (45 ) 1 intervallo (10 ) 3 u.d (55 ) 4 u.d (50 ) 2 intervallo (5 ) 5 u.d (55) 6 u.d (55 ) [mensa] 7 u.d (55 ) [mensa] 8 u.d (55 ) 9 u.d (55 ) L assistenza agli intervalli del mattino è affidata agli insegnanti dell ora che precede. 12

13 CALENDARIO SCOLASTICO Settembre I Ottobre Novembre Dicembre Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno T I T Inizio Lezioni - 10 settembre 2007 Termine Lezioni -7 giugno 2008 Sabato e Domenica Vacanze e Festività Sospensione attività didattica giorni di scuola

14 ORGANIGRAMMA DS DSGA dott. Bruno Stuardi Amalia Pricone Assistenti amministrativi n 4 Collaboratori scolastici n 10 Responsabile biblioteca Coadiuvatrice segreteria n 1 docente F.R. prof. Ombretta Palma Vicario prof.ssa Daniela Fedeli Collaboratore Staff di direzione prof.ssa Liliana Campia Responsabile di plesso prof.ssa Carla Giuliani Area POF prof.ssa Liliana Idone Area Tecnologica prof. Canio Di Cairano, Magnetto Luisa F.S. Area Intercultura prof.ssa Maria Perosino Area continuità prof.ssa Anna Climaco Area orientamento prof. Barbara Grandoni, Grazia Francone, Gallo Cinzia Area disagio prof.ssa Carla Giuliani Area reti e enti esterni prof.ssa Marilina Pichierri Area grandi eventi, uscite e gite prof.ssa Giuseppina Sileci Continuità prof. Climaco, Fedeli, Carozzo, Costanzo, Sileci, Cericola, Scionti Pof prof. Idone, Scionti, Grandoni Qualità prof. Idone, Beretta, Bardaro, Tisi, Mesiti Commissioni Formazione classi prof. Campia, Di Cairano, Grosso, Magnetto, Tisi Elettorale prof. Grandilli, Mesiti, Arfinengo Mensa prof. Fedeli, Giuliani Uscite prof. Sileci, Grosso, Grandilli Stranieri prof. Perosino, Arfinengo, Forzisi, Gallo, Elia Orario prof. Idone, Grandoni Consiglieri per la formazione prof.: Idone, Francone SICUREZZA prof. Gabellini, Pedrini, Magone Referenti SALUTE prof.ssa Pareto PRIVACY prof.ssa Fiori DSA prof.ssa Grosso Lettere n. 17 Tecnica n. 4 prime Sede n 6 Matematica n. 8 Musica n. 3 seconde Sede n 7 Docenti Francese n. 4 Ed Fisica n. 3 Classi terze Sede n 6 Inglese n. 4 Religione n. 2 prime Succursale n 1 Artistica n. 3 Sostegno n. 7 seconde Succursale n 2 Comitato di valutazioneprof. Arfinengo, Pichierri terze Succursale n 2 14

15 Sicurezza La scuola è composta da due sedi, in entrambe sono state effettuate ristrutturazioni per renderle funzionali e soprattutto sicure in ottemperanza alle norme di sicurezza e utilizzabili dagli alunni diversamente abili. La scuola ha provveduto ad adeguarsi agli obblighi imposti dalle leggi 626/94 e 265/99: 1. Esiste depositato in istituto il piano di sicurezza ai sensi dell articolo 4 DLgs 626/94 e successive modifiche e integrazioni 2. Esiste il piano di emergenza 3. Vengono fatte due prove annuali di evacuazione dall Istituto 4. Ogni anno si provvede all informazione di tutte le componenti scolastiche mediante la distribuzione di informazioni inerenti la sicurezza 5. Sono previsti momenti di formazione per gli allievi, finalizzati alla sicurezza, anche attraverso supporti informatici (Eclissi totale, CD) 6. E stato attuato il servizio di prevenzione secondo l organigramma di seguito riportato Datore di lavoro Dott.Bruno Stuardi Consulente esterno Arch. Paschetta Addetti al servizio prevenzioe e protezione Francesco Gabellini Giovanni Pedrini Carla Magone SEDE Responsabili sicurezza Giovanni Pedrini Picciocchi- Gabellini Rappresentante dei lavoratori Picciocchi Luigi Succursale Responsabili sicurezza Carla Magone Chinnici Andrea SEDE Primo soccorso Francesco Gabellini Picciocchi Luigi SUCCURSALE Primo soccorso Carla Magone Chinnici Andrea 15

16 ATTIVITA' E PROGETTI ATTIVITA OPZIONALI Per le classi prime, seconde e terze, in accordo con la legge 53/2003, sono previste a completamento del curricolo individuale degli allievi delle attività opzionali che le famiglie hanno scelto all atto dell iscrizione (future classi prime) o al termine di ogni anno scolastico per l anno seguente (classi prime in corso e classi seconde). Tale scelta ha valore annuale e non può essere variata se non per gravi e comprovati motivi. ATTIVITA TEATRALE (due ore settimanali per 30settimane per gruppi di prima e gruppi di seconda in sede) (due ore settimanali per 30settimane per gruppi di prima, seconda e terza in succursale) L attività teatrale: migliora l autocontrollo e l affiatamento con il gruppo insegna a comunicare con spontaneità permette di acquisire disinvoltura nell espressione e fiducia in sè potenzia la memorizzazione ATTIVITA ARTISTICO/ESPRESSIVA (due ore settimanali per 15 settimane per gruppi di prima e gruppi di seconda e terza in sede) (due ore settimanali per 15 settimane per gruppi di prima, seconda e terza in succursale) Promuove la conoscenza di tecniche operative finalizzate alla creazione di un prodotto Stimola la creatività e la manualità Sviluppa la progettualità ATTIVITA MUSICALE (due ore settimanali per 15 settimane per gruppi di prima e gruppi di seconda e terza in sede) (due ore settimanali per 15 settimane per gruppi di prima, seconda e terza in succursale) I progetti dell attività musicale promuovono: la formazione di un gruppo corale l acquisizione della tecnica di uno strumento musicale (es. tastiera) l utilizzo della musica come mezzo di espressione 16

17 ATTIVITA SPORTIVA (due ore settimanali per 15 settimane per gruppi di prima in sede) (due ore settimanali per 30 settimane per gruppi di prima,seconda,terza in succursale) I progetti dell attività sportiva: promuovono l integrazione di gruppo potenziano la coordinazione sviluppano la percezione del ritmo e dell espressività corporea insegnano l importanza del rispetto delle regole GIORNALINO (due ore settimanali per 15 settimane per gruppi di seconda e gruppi di terza in sede) Con questa attività si intende Sviluppare il piacere della scrittura Migliorare le proprie capacità comunicative Approfondire le problematiche adolescenziali INGLESE (due ore settimanali per 15 settimane per gruppi di seconda e gruppi di terza in sede) Con questa attività si intende Migliorare la comprensione di testi scritti Sviluppare la produzione di messaggi scritti e orali LATINO (due ore settimanali per 30 settimane per gruppi di terza) Con questa attività si intende Fornire gli strumenti per lo studio degli elementi essenziali della lingua latina Approfondire la conoscenza della lingua italiana attraverso il confronto con la lingua d origine sia nell etimologia che nella struttura PROGETTI SPECIFICI Progetto stranieri - Italiano per principianti Responsabile progetto Prof.ssa Maria Perosino Nella nostra scuola da parecchio tempo si iscrivono e frequentano allievi stranieri. Tale situazione, ormai comune alla maggior parte delle scuole di Torino, indipendentemente dall ordine e dal grado, indica che la nostra società va assumendo sempre più un carattere interculturale. Negli ultimi tempi la Scuola Media accoglie studenti stranieri anche di recente immigrazione, con inesistenti o modeste competenze linguistiche. Questa nuova realtà culturale crea nuovi stimoli per affrontare con sollecitudine e competenza le problematiche relative, offrendo soluzioni adeguate al fine di garantire il diritto allo studio ed il successo scolastico a tutta l utenza. Nei confronti degli alunni stranieri la scuola ha il compito di: 1. accogliere i nuovi alunni che arrivano durante l anno scolastico; 17

18 2. verificare la loro conoscenza della lingua italiana; 3. favorire un buon livello di accoglienza nella scuola, inserendoli nella classe più adeguata; 4. organizzare e attivare uno o più corsi di italiano per l apprendimento e l uso corretto. della lingua italiana, come L2. NUMERO COMPLESSIVO DEGLI STUDENTI STRANIERI SEDE SUCCURSALE TOTALE PRIME SECONDE TERZE TOTALE PERCENTUALE DEGLI STUDENTI STRANIERI SEDE SUCCURSALE TOTALE PRIME 6,42 % 23,08 % 9,20 % SECONDE 9,30 % 18,91 % 11 % TERZE 8,96 % 44,44 % 16,02 % TOTALE 8,32 % 30,20 % 12,11 % ETNIE PRESENTI NELLA SCUOLA SEDE SUCCURSALE TOTALE Albania Argentina 1 1 Bolivia 1 1 Bosnia Brasile Cina 1 1 Ecuador 1 1 Federazione Russa Filippine 1 1 Marocco Moldavia 2 2 Spagna 1 1 Perù Romania Totale In base all analisi della situazione di partenza, delle richieste rilevate e delle risorse disponibili nella scuola, sarà attivato il Corso di italiano L2 per ALUNNI STRANIERI, su due livelli 1. Alfabetizzazione di base; 2. Recupero e potenziamento delle abilità acquisite per gli studenti segnalati dai Consigli di classe, condotto da insegnanti interni della scuola. 18

19 La presenza di alunni di etnie diverse, spesso con difficoltà di apprendimento e di socializzazione, dovute alla insufficiente o del tutto inesistente conoscenza della lingua italiana, richiede che la scuola attivi interventi mirati per favorirne l integrazione e l inserimento. Nello specifico il progetto si propone quindi di facilitare: l inserimento la socializzazione l apprendimento linguistico l acquisizione di maggior autonomia nella comunicazione, attraverso la conoscenza della lingua italiana. L attivazione del corso si propone di sostenere gli allievi stranieri per favorire il loro positivo inserimento nella classe e la loro partecipazione alle attività disciplinari in modo adeguato. Il corso sarà strutturato su due livelli, pertanto i docenti opereranno su gruppi differenti con obiettivi organizzati in: 1. Livello: programmazione rivolta ad alunni principianti assoluti in italiano con competenze linguistiche da strutturare completamente; 2. Livello: programmazione rivolta ad alunni principianti in italiano con competenze linguistiche da consolidare/potenziare anche in direzione disciplinare. Il corso di italiano promuoverà l apprendimento di competenze, la socializzazione tra pari, la comunicazione, il senso di appartenenza. Tra i bisogni più sentiti dagli studenti stranieri c è quello di poter comunicare e di poter utilizzare adeguatamente la lingua della quotidianità, pertanto l approccio sarà prevalentemente di tipo comunicativo, considerando anche l importanza della lingua come mezzo di integrazione e comunicazione. Si prevedono inoltre altri interventi a sostegno di tale attività: un certo numero di ore svolte da mediatori culturali con competenze specifiche, oltre che in italiano, anche nelle lingue di provenienza per permettere l acquisizione degli elementi base della lingua italiana per lo svolgimento proficuo del corso; ore di compresenza all interno delle classi con la presenza di allievi stranieri, in orario curricolare, svolte da più insegnanti come completamento del proprio orario scolastico annuale; svolgimento di laboratori in alcune classi con studenti stranieri sulle tematiche dell integrazione e della multiculturalità. Il progetto si propone di raggiungere le seguenti finalità: Favorire l integrazione attraverso l apprendimento della lingua italiana della quotidianità nel contesto scolastico ed extrascolastico. Integrazione intesa come reciproca accettazione ad un livello accettabile tra allievi stranieri e italiani. Promuovere il successo formativo e intervenire preventivamente sul possibile insuccesso. Porre il rispetto e la conoscenza delle reciproche culture tra le priorità della programmazione didattica della scuola. Formare nuove professionalità tra gli insegnanti della scuola. 19

20 Progetto di Educazione sanitaria Tale progetto prevede: per le classi prime: informazione per la prevenzione alla pediculosi realizzata dai docenti dei vari Consigli di classe. Prevenzione AIDS: tuttele classi terze parteciperanno ad una conferenza informativa della dott.ssa Riva del Regina Margherita e alla successiva stesura di un questionario per verificare la comprensione del problema e una successiva conferenza per chiarire i dubbi. Progetto Educazione al benessere. Per la prevenzione del disagio nella relazione con l altro. Educazione affettiva e sessuale in tutte le classi terze (4 ore per classe) realizzato da una strutturata compresenza lettere-scienze. Progetto Salute Junior La salute cresce con te Campagna di educazione alla salute promossa dall associazione onlus e con il patrocinio della Regione Piemonte, Federazione Italiana medici pediatri e Farmacia Amica. Prevede una giornata di conferenze sulla salute tenute da medici ( pediatra,medico sportivo,endocrinologo,psicologo) presso la sede dell Unione industriale. Al progetto parteciperanno due classi terze. Progetto Mangiando si impara :per una corretta alimentazione e per la prevenzione delle patologie legate all alimentazione ( progetto cofinanziato dal Ministero delle attività produttive e dalla Regione Piemonte) progetto sulla prevenzione alle dipendenze prevede l intervento di esperti del COSPES,centro specializzato nella formazione e nella prevenzione, sulle classi terze ed interventi con docenti e famiglie.. Conferenze divulgative sulla donazione degli organi e sulla distrofia muscolare tenute dalla dott.ssa Mirone dell AIDO ADMO. Progetto Continuità Continuità elementari-medie Sono previsti: Incontri di presentazione della scuola e di verifica del POF; Organizzazione di sabati di apertura e di open-day, rivolti ai genitori delle classi quinte; Attività-ponte delle classi quinte della scuola elementare Toscanini e della scuola elementare Baricco con alcune classi della sede e della succursale. Il tema dell attività è unico ed ha per titolo: Frammenti diversi per un insieme. Si lavorerà sul concetto di collage, cioè di frammenti, pezzi diversi per formare un insieme e prevede la realizzazione di lavori con tecniche e materiali diversi, attività ludiche, laboratoriali e multimediali. Nella mattinata di visita alla scuola media gli alunni delle scuole elementari confronteranno i loro lavori con quelli realizzati dagli alunni della scuola media. La sede accoglierà gli alunni della Toscanini, mentre la succursale accoglierà gli alunni della scuola elementare Baricco-Fattori. Laboratori pomeridiani di francese, rivolti agli alunni delle classi quinte della Toscanini e della Baricco-Fattori in orario extrascolastico, tenuti dai docenti di lingua francese della scuola media G.. Laboratorio di Arte e Immagine Una matita per amica, rivolto agli alunni della scuola elementare Baricco-Fattori, tenuto in orario scolastico. I lavori realizzati saranno esposti in succursale e sono collegati con l attività-ponte prevista. 20

21 Progetto sull agio (Rete di scuole e circoscrizione 3). La scuola partecipa al tavolo interistituzionale formato da scuole del quartiere ed Enti Pubblici (Circoscrizione 3, ASL 2, Tribunale dei Minori. Questura di Torino, Servizi Sociali) per promuovere una serie di attività che sviluppino negli adulti l attenzione all ascolto e all accoglienza per diminuire le situazioni di disagio e per conoscere e condividere i momenti difficili della crescita. Quest anno viene proposto un intervento formativo di educazione socio-affettiva finalizzato al miglioramento e al rafforzamento di life skills per attivare fattori protettivi in relazione ai rischi di bullismo nell ambito della prevenzione primaria. E previsto un intervento su un gruppo classe per il potenziamento delle abilità sociali, la promozione della cooperazione e della solidarietà, la consulenza e la mediazione del conflitto tra pari. Il costrutto teorico del progetto si rifà a Rogers Gordon Ma slow. Nell ambito dell educazione alla legalità si prevede la partecipazione di una classe alla simulazione di un processo presso il tribunale. Progetti Sportivi Progetto A scuola per Sport. E un progetto della Città di Torino che propone il potenziamento delle conoscenze in alcune attività sportive. Per l anno scolastico saranno. - classi prime tamburello - classi seconde orienteering - classi terze hit ball Per le classi seconde è prevista una gara finale che si svolgerà verso la fine dell anno scolastico presso il Parco Ruffini. Progetto Sala di lettura Nella scuola, in sede, è in funzione una sala di lettura, aperta per gli allievi ogni giorno dalle 8 alle 11 gestita da un docente fuori ruolo che si occupa anche della ricatalogazione dei libri e dei video. In collaborazione con gli insegnanti di classe viene guidata facilitata la scelte dei ragazzi per migliorare l approccio al mondo della lettura. Progetto Orchestra Un gruppo di ragazzi delle classi seconde e terze selezionati da una prova attitudinale costituiranno un consort di flauti che attraverso lo studio di vari repertori si preparano alle prove di orchestra e ad un attività concertistica che prevede un concerto di fine anno, una performance del consort di flauti e una performance in collaborazione con una scuola ad indirizzo musicale. Questa attività si raccorda con l attività dei laboratori curriculari per quanto riguarda la parte corale e con la sperimentazione musicale delle associazioni Officina Musikè e Movimenti sonori che operano nelle nostre due sedi proponendo alle famiglie attività musicali a pagamento in orario extra scolastico. 21

22 Progetto Pristem Bocconi In collaborazione con l Università Bocconi di Milano Molti allievi in questi ultimi anni hanno preso parte sia ai giochi d autunno (competizione tutta interna alla scuola) che ai giochi internazionali. I quiz, preparati e corretti dal centro Pristem/Bocconi, sono calibrati per fasce di età e tendono ad avvicinare i ragazzi alla matematica con lo spirito del gioco, ma al gioco è mescolato uno sforzo notevole. (M. Gardner) Progetto Logiocando In collaborazione con l I.S. Elio Vittorini di Grugliasco e con la collaborazione dell associazione Subalpina MATHESIS di Torino Obiettivo dell iniziative è quello di far cimentare gli studenti delle classi terze delle scuole medie inferiori della provincia di Torino su semplici problemi di natura logicoorganizzativa con l intento di stimolare in loro una maggiore attenzione allo sviluppo delle capacità necessarie alla loro soluzione. Consiste in una fase eliminatoria, una fase provinciale e una premiazione che prevede una medaglia d oro al primo classificato, una medaglia d argento al secondo classificato e medaglie di bronzo dal terzo al decimo classificato. Progetto Trinity College Exame La Scuola diventa centro degli esami del Trinity College di Londra, organizzazione ufficialmente riconosciuta a livello nazionale e europeo. Gli studenti, nel mese di maggio, che avranno superato l esame orale riceveranno un certificato attestante il loro grado di conoscenza della lingua inglese. Progetto di laboratorio di educazione ambientale di Pracatinat (Comune di Torino). Le classi seconde trascorreranno una settimana a Pracatinat, nel mese di novembre, per seguire il progetto didattico del laboratorio ambientale. Progetto Sportello d ascolto (Rete di scuole e circoscrizione 3). Al fine di favorire la crescita positiva degli alunni e la prevenzione al disagio giovanile è attivo lo Sportello di ascolto psicologico gestito dalla dott.sa Nadia Narcisi a cui possono accedere per consulenze famiglie ragazzi e insegnanti. Lo sportello è in funzione un giorno la settimana: in succursale e in sede. I genitori possono fissare gli appuntamenti telefonando a scuola e chiedendo delle Prof. Pareto per la Sede e Giuliani per la Succursale. Progetto Integrazione alunni in situazioni di handicap Il Progetto prevede la collaborazione fra le scuole che vi partecipano per sviluppare la cultura dell integrazione sul territorio, per costituire un centro di consulenza e formazione su temi specifici dell integrazione, per ottimizzare la gestione delle risorse l acquisto di nuovi strumenti e tecnologie, per mettere a disposizione risorse umane e professionali. 22

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015.

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015. CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014 Ai Docenti Agli Studenti Al Personale A.T.A. Alle Famiglie Al D.S.G.A. Oggetto: Piano delle attività a.s. 2014-2015 Si trasmette, in allegato, il piano delle attività

Dettagli

Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento delle attività connesse alla realizzazione del POF - Anno Scolastico 2011/2012.

Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento delle attività connesse alla realizzazione del POF - Anno Scolastico 2011/2012. Circolare interna n. 25 Ai docenti Al DSGA Alla segreteria alunni Alla segreteria docenti E, p.c. ai collaboratori scolastici Ve Mestre, 15 settembre 2011 Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO UGO FOSCOLO VESCOVATO SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA' A.S. 2013/14

ISTITUTO COMPRENSIVO UGO FOSCOLO VESCOVATO SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA' A.S. 2013/14 STTUTO COMPRENSVO UGO FOSCOLO SCUOLA SECONDARA D 1 GRADO PANO ANNUALE DELLE ATTVTA' A.S. 2013/14 PROT. N. 5991 /A-19 Vescovato, 19/09/2013 Data Giorno Sedi scolastiche Classi Orario Durata ATTVTA' COLLEGO

Dettagli

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri La documentazione Dall ICF alla DF al PDF al PEI La Diagnosi Funzionale (DF) 1. Utilizzo degli items di ICF nella definizione

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

FUNZIONE STRUMENTALE AREA 3

FUNZIONE STRUMENTALE AREA 3 PIANO DI LAVORO FUNZIONE STRUMENTALE AREA 3 Sostegno agli alunni, accoglienza, obbligo scolastico e obbligo formativo Proff. Francesco Paolo Calvaruso e Rosmery Inzerra A.S. 2013/14 Premessa generale Alle

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave CARTA DEI SERVIZI Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave Provincia Reg. le di Catania 1 1. Premessa La presente Carta dei Servizi rappresenta

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Cà Dotta Le Vie del Fumo

Cà Dotta Le Vie del Fumo Cà Dotta Le Vie del Fumo Laboratorio di didattica multimediale per la Promozione della Salute Esperienze Sensazioni Conoscenze - Emozioni L ULSS n 4 Alto Vicentino, in collaborazione con la Regione Veneto

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario Prot. Novara, 20 luglio 20 OGGETTO: CALENDARIO DEGLI IMPEGNI DI SETTEMBRE 20 Date Impegni Orario 1 settembre Collegio Docenti :00 2 settembre Prove studenti con giudizio sospeso (vedi elenco) 8:30 3 settembre

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA A CURA DELLA DOTT.SSA MARIANGELA BRUNO (LOGOPEDISTA E FORMATRICE AID) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 1 INDICE 1. ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO...

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO EDUCAZIONE STRADALE GEMELLAGGIO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA NUOTO XX CONCORSO LETTERARIO «POESIA A MEOLO» EDUCAZIONE ALLA SALUTE PARLAWIKI LINGUA LATINA CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 3 SAN BERNARDINO BORGO TRENTO Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di Primo Grado Centro Territoriale Permanente Via G. Camozzini, 5 37126 Verona (VR) Tel.

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado Sede Centrale: Scuola Media Statale "San Francesco d'assisi" Via Jonghi, 3-28877 ORNAVASSO (VB) - cod. fiscale 84009240031

Dettagli

Presentazione Progetto Sport di Classe

Presentazione Progetto Sport di Classe Presentazione Progetto Sport di Classe a sostegno dell attività motoria e sportiva nella scuola 1 GOVERNANCE dello sport a scuola MIUR - CONI - Promuove il riconoscimento in ambito scolastico del valore

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Aiutare i propri figli a orientarsi dopo la scuola superiore attraverso il coaching

Aiutare i propri figli a orientarsi dopo la scuola superiore attraverso il coaching Aiutare i propri figli a orientarsi dopo la scuola superiore attraverso il coaching Premessa Aiutare i figli a orientarsi alla fine del quinquennio della scuola superiore, o sostenerli nella scelta di

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale UFFICIO III - Politiche formative e rete scolastica U.O. 2: Fondi Strutturali dell

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli