DIRITTO A OTTENERE COPIA DELLA DOCUMENTAZIONE BANCARIA: LEGITTIMAZIONE DEL CONIUGE E ALTRE QUESTIONI APPLICATIVE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DIRITTO A OTTENERE COPIA DELLA DOCUMENTAZIONE BANCARIA: LEGITTIMAZIONE DEL CONIUGE E ALTRE QUESTIONI APPLICATIVE"

Transcript

1 DIRITTO PROCESSUALE CIVILE DIRITTO A OTTENERE COPIA DELLA DOCUMENTAZIONE BANCARIA: LEGITTIMAZIONE DEL CONIUGE E ALTRE QUESTIONI APPLICATIVE COMMENTO A TRIBUNALE DI VERONA GIUDICE UNICO CIVILE SEN- TENZA 4 FEBBRAIO 2011 N. 240 G.U. RIZZUTO SOMMARIO: 1. Il caso: sintesi delle principali questioni problematiche 2. Ordine di esibizione e richiesta di copia dei documenti bancari: infungibilità dei due istituti 3. La ratio del diritto a ottenere copia della documentazione bancaria: i limiti dell interpretazione e- stensiva e dell estensione analogica 4. Titolarità dei rapporti bancari e comunione legale fra coniugi 5. Osservazioni conclusive 1. Il caso: sintesi delle principali questioni problematiche Tizio e Caia, coniugi in comunione dei beni, sono genitori di tre figli legittimi, tra cui Sempronia. Alla morte di Tizio, Sempronia cita in giudizio la madre e i fratelli per ottenere la divisione dei beni ereditari e, in tale contesto, formula istanza affinché Caia esibisca documentazione dei propri rapporti bancari. Quest ultima si rifiuta, adducendo di essere unica intestataria di un conto corrente acceso presso la banca Alfa, su cui suole depositare le proprie entrate personali e al quale il de cuius Tizio è sempre rimasto del tutto estraneo. Di fronte a tale rifiuto, Sempronia cita in separato giudizio la banca Alfa per ottenere, ai sensi dell art. 119 comma 4 T.u.b., copia della documentazione relativa al conto corrente intestato a Caia. La banca Alfa si costituisce eccependo il difetto di legittimazione attiva in capo a Sempronia. Nel corso del giudizio, Sempronia propone nei confronti della banca Alfa istanza d ingiunzione ai sensi dell art. 186-ter c.p.c., ritenendo che la documentazione bancaria costituisca cosa mobile determinata, al cui rilascio la convenuta sarebbe tenuta in forza di un rapporto obbligatorio instaurato ex lege. Il Tribunale di Verona rigetta l istanza per due ordini di motivi: in primo luogo, la considera inconciliabile con il sistema dei principi che regolano l istruzione probatoria nel processo; in secondo luogo, ritiene che Sempronia difetti di legittimazione attiva ex art. 119 T.u.b. La prima ragione pone immediatamente una questione degna d interesse: se la richiesta di copia dei documenti bancari, aventi intrinseco rilievo probatorio, sia fungi- 1

2 PARTE PRIMA bile rispetto all ordine di esibizione dei documenti stessi ai sensi dell art. 210 c.p.c. Con la sentenza in commento, il Tribunale di Verona torna sulla seconda ragione addotta nell ordinanza di rigetto dell istanza d ingiunzione, per giungerne a un radicale capovolgimento. Il fulcro della decisione sta nell accoglimento di un interpretazione estensiva del concetto di cliente ai fini dell art. 119 T.u.b. Con il dichiarato intento di evitare ingiustificati vuoti di tutela, si afferma che qualora il rapporto bancario, formalmente instaurato da una parte, sia riconducibile anche ad altro soggetto, il diritto sostanziale alla consegna deve riconoscersi anche a detto soggetto in un accezione ampia del concetto di cliente. Si pone, dunque, una seconda questione da approfondire: quali siano i limiti di un interpretazione e- stensiva della norma e se sia eventualmente possibile un estensione analogica della sua portata per il soddisfacimento di interessi omogenei a quelli da essa tutelati. Il Tribunale di Verona passa, infine, ad esaminare la posizione di Sempronia, per verificare se essa possa effettivamente ricomprendersi in una pur ampia accezione del concetto di cliente. A questo proposito, rileva il fatto che l attrice agisca non iure proprio bensì iure hereditatis, essendo succeduta pro quota nella posizione del padre Tizio, coniuge di Caia in comunione dei beni. Sempronia può considerarsi cliente, ai fini dell art. 119 T.u.b., nella misura in cui tale qualifica spettasse anteriormente al de cuius. Nel caso di specie, trattandosi di un conto corrente di corrispondenza, la qualifica di cliente si risolve nel diritto di credito alla restituzione delle somme di danaro depositate sul conto. L accoglimento della domanda presuppone, quindi, l esame di un ultima delicata questione: se e quando il diritto di credito alla restituzione delle somme depositate in conto corrente bancario entri a far parte della comunione legale. Il Tribunale scaligero ritiene che ciò si verifichi contestualmente allo scioglimento della comunione, provocata nel caso di specie dalla morte di uno dei coniugi; ma si rende qui necessario un ulteriore approfondimento della questione, alla luce di un vivace dibattito dottrinale e dei più recenti sviluppi giurisprudenziali Ordine di esibizione e richiesta di copia dei documenti bancari: infungibilità dei due istituti Anziché richiedere, nel contesto del giudizio di divisione, un ordine di esibizione ex art. 210 c.p.c. nei confronti della banca Alfa, Sempronia ha 1 Per scelta redazionale, in questa sede i riferimenti a giurisprudenza e dottrina si riducono all essenziale. Per un quadro complessivo, si rimanda alla nota pubblicata nella prima parte di questa Rivista. 2

3 DIRITTO PROCESSUALE CIVILE preferito azionare in un distinto contesto processuale il diritto a ottenere copia dei documenti bancari conferitole dall art. 119 comma 4 T.u.b. Il Tribunale di Verona ha, in un primo momento, rigettato l istanza d ingiunzione per la consegna dei documenti, ritenendola incompatibile con i principi che regolano l istruzione probatoria, in quanto volta a surrogare l ordine di esibizione da emettersi con ordinanza nel contraddittorio fra le parti interessate. Ci si chiede, pertanto, se i due istituti siano tra loro fungibili e in quale misura. L ordine di esibizione che l art. 210 c.p.c. consente d impartire anche a un terzo estraneo al giudizio fa sorgere in capo alla parte che lo abbia richiesto una posizione soggettiva avente natura essenzialmente processuale, che nel processo trova il suo momento genetico e funzionale. Emerge, pertanto, la sua funzione strumentale rispetto al diritto alla prova della parte che lo invoca. Ciò significa che, malgrado l ampia discrezionalità circa la sua ammissione, l ordine di esibizione può essere impartito soltanto se (e nei limiti in cui) il documento che ne è oggetto sia o appaia idoneo a fornire prova dei fatti posti a fondamento di una domanda o di un eccezione ritualmente sollevata nel processo 2. Di qui una serie di limiti all ammissibilità di questo mezzo istruttorio, affermati da costante giurisprudenza. Innanzitutto, l ordine di esibizione non può essere concesso a fini meramente esplorativi, allorquando neppure la parte istante deduca elementi sulla effettiva esistenza del documento e sul suo contenuto per verificarne la rilevanza in giudizio e ciò in quanto potrebbe determinarsi una protrazione della fase istruttoria priva di qualsiasi utilità, anche per la stessa parte istante, a danno del principio di ragionevole durata del processo 3. Per la stessa ragione, l ordine di esibizione può avere ad oggetto soltanto atti specificamente individuati od individuabili, dei quali sia noto o almeno assertivamente indicato un preciso contenuto, influente per la decisione della causa 4. Inoltre, l ordine di esibizione si configura come strumento istruttorio residuale, utilizzabile soltanto quando la prova del fatto non sia acquisibile aliunde 5 : deve dunque dichiararsi inammissibile l istanza proposta da chi, di propria iniziativa, a- 2 Cass., sez. I civ., 9 agosto 1996, n. 7318, in Giust. civ. mass., 1996, Cass., sez. IV civ., 20 dicembre 2007, n , in Dir. e pratica lav., 2008, Nello stesso senso Cass., sez. III civ., 18 settembre 2009, n , in sezione Giurisprudenza Civile ; Cass., sez. IV civ., 23 febbraio 2010, n. 4375, ivi; Cass., sez. VI civ., 16 novembre 2010, n , ivi. 4 Cass., sez. I civ., 11 luglio 2003, n , in Arch. civ., 2004, 683. Nello stesso senso Cass., sez. I civ., 13 giugno 1991, n. 6707, in Giust. civ. mass., Cass., sez. III civ., 6 ottobre 2005, n , in Guida dir., 2005, 47, 48; Cass., sez. IV civ., 23 febbraio 2010, n. 4375, in sezione Giurisprudenza Civile, Cass., sez. VI civ., 16 novembre 2010, n , ivi. 3

4 PARTE PRIMA vrebbe potuto acquisire anche in sede stragiudiziale la documentazione richiesta, al fine di produrne copia in giudizio 6. Al contrario del diritto all esibizione di documenti, avente natura essenzialmente processuale e strumentale all espletamento dell onus probandi, il diritto a ottenere copia della documentazione bancaria previsto dall art. 119 comma 4 T.u.b. si configura come diritto sostanziale, la cui tutela è riconosciuta come situazione giuridica finale e non strumentale, onde per il suo riconoscimento non assume alcun rilievo l utilizzazione che il cliente intende fare della documentazione 7. Di conseguenza, non è necessario che il richiedente indichi specificamente gli estremi del rapporto a cui si riferisce la documentazione richiesta in copia, essendo sufficiente che l interessato fornisca alla banca gli elementi minimi indispensabili per consentirle l individuazione dei documenti richiesti, quali, ad esempio, i dati concernenti il soggetto titolare del rapporto, il tipo di rapporto a cui è correlata la richiesta e il periodo di tempo entro il quale le operazioni da documentare si sono svolte 8. In definitiva, gli istituti dell ordine di esibizione e della richiesta di copia dei documenti bancari, pur potendo occasionalmente avere il medesimo oggetto, tendono a scopi diversi e sottostanno a regole e limiti in larga misura inconciliabili. Deve peraltro ritenersi che, in talune ipotesi, il carattere residuale dell istanza di esibizione imponga il previo esperimento in sede stragiudiziale della richiesta di copia della documentazione bancaria ex art. 119 T.u.b. 9. Questa considerazione vale, in particolare, allorquando l istanza provenga da chi abbia avuto la concreta possibilità di richiedere copia della documentazione bancaria prima dell instaurazione del giudizio, al fine di predisporsi la prova dei fatti fondanti le proprie domande, ma per propria negligenza abbia omesso di attivarsi; non vale, invece, per chi sia costretto a richiedere un provvedimento d urgenza, così come per il cliente che sia 6 Nn sempre, peraltro, la giurisprudenza di merito si attiene a questa massima. In senso conforme, Trib. di Verona, 11 luglio 2003, in Giur. it., 2004, 1020; Trib. di Pescara, 4 ottobre 2007, in sezione Giurisprudenza ; Trib. di Roma, 3 giugno 2009, inedita. In senso contrario, invece, Corte d App. di Milano, 17 ottobre 2006, in sezione Giurisprudenza ; Trib. di Latina, 21 giugno 2007, ivi. 7 Cass., sez. I civ., 19 ottobre 1999, n , in Fallimento, 2000, 1328 e ss., con nota di STAUNOVO POLACCO. Nello stesso senso Cass., sez. I civ., 27 settembre 2001, n , in Foro it., 2001, I, 3541; Cass., sez. I civ., 13 luglio 2007, n , ivi, 2008, 31 e ss., con nota di CANTELE. 8 Cass., sez. I civ., 12 maggio 2006, n , in Nuova giur. civ., 2007, 437 e ss., con nota di BERTOLINI. Nello stesso senso Trib. di Brescia, 15 dicembre 2006, in sezione Giurisprudenza ; Trib. di Milano, 17 ottobre 2006, ivi; Cass., sez. I civ., 13 luglio 2007, n , cit. 9 Trib. di Barcellona P.G., 13 ottobre 2006, in sezione Giurisprudenza. 4

5 DIRITTO PROCESSUALE CIVILE convenuto in giudizio da parte della banca o che, comunque, agisca in qualità di convenuto sostanziale mediante opposizione a decreto ingiuntivo 10. Resta salva, ovviamente, la possibilità di azionare direttamente in giudizio il diritto a ottenere copia della documentazione bancaria. Difatti, per quanto l art. 119 comma 4 T.u.b. si limiti a stabilire tale diritto sul piano sostanziale, ogni diversa interpretazione si scontrerebbe con il principio ubi ius ibi remedium, al quale è improntato il nostro ordinamento (art. 24 comma 1 Cost.). La condanna alla consegna potrà intervenire a seguito di un procedimento ordinario di cognizione, ma deve ritenersi ammissibile anche una domanda proposta con il rito sommario di cui agli artt. 702-bis e ss. c.p.c. Nell uno come nell altro caso, la domanda dovrebbe essere preceduta da formale richiesta stragiudiziale, rimasta priva di riscontro per almeno un trimestre; diversamente, la parte attrice potrebbe andare incontro a una condanna alle spese di lite. La giurisprudenza di merito è orientata nel senso di ritenere che il diritto di cui all art. 119 comma 4 T.u.b. possa essere azionato anche mediante procedimento monitorio per ingiunzione di consegna, sul presupposto che la documentazione bancaria si configuri come cosa mobile determinata 11. Allo stesso modo, dovrebbe ritenersi ammissibile l istanza d ingiunzione ex art. 186-ter c.p.c., proposta da Sempronia nel caso di specie, ma rigettata dal Tribunale di Verona. In dottrina, tuttavia, si è sollevata l obiezione che la documentazione bancaria si forma soltanto all esito di una complessa attività ricognitiva, che richiede una prestazione anche di facere da parte della banca, incompatibile con la struttura del procedimento monitorio 12. Sennonché, l obbligazione di facere pare assumere in questo ambito un ruolo meramente ancillare e non caratterizzante rispetto alla prestazione di consegna, quindi trascurabile ai fini di cui all art. 633 c.p.c La ratio del diritto a ottenere copia della documentazione bancaria: i limiti dell interpretazione estensiva e dell estensione analogica Come già si è evidenziato, il diritto a ottenere copia della documentazione bancaria ha natura sostanziale e riceve tutela autonoma, non assumendo rilievo la finalità per la quale i soggetti legittimati intendano concre- 10 SERRAO D AQUINO, Questioni attuali in materia di anatocismo bancario, commissione di massimo scoperto ed usura, in Giur. merito, 2011, 1172 e ss. 11 Trib. di Milano, 21 giugno 1996, in Foro it., 1996, I, 3200; Trib. di Ferrara, 4 giugno 2007, in sezione Giurisprudenza ; Trib. di Pisa, 13 novembre 2007, ivi; Trib. di Varese, 2 novembre 2009, ivi. 12 VALITUTTI, Il procedimento di ingiunzione: le problematiche più controverse, in Giur. merito, 2010, 2032 e ss. 13 SERRAO D AQUINO, Questioni attuali, cit. 5

6 PARTE PRIMA tamente esercitarlo. Per la corretta individuazione dei soggetti legittimati, peraltro, si rende necessario il ricorso a un interpretazione anche teleologica dell art. 119 comma 4 T.u.b, che postula la determinazione della ratio legis su cui la norma si fonda. La giurisprudenza tende ritenere che l art. 119 comma 4 T.u.b. si limiti a codificare e disciplinare imponendo, in particolare, un termine di decadenza a carico del cliente e un termine per l adempimento a carico della banca un principio già immanente nel sistema, ricavabile dalla norme generali in tema di buona fede nell esecuzione (art c.c.) ed integrazione degli obblighi contrattuali (art c.c.). Il fondamento di tutela va dunque rintracciato nei generali doveri di correttezza e buona fede contrattuali, che impongono all istituto di credito di fornire ogni utile informazione e di rilasciare copia dei documenti in suo possesso al correntista. Il senso ultimo della norma si rinviene, pertanto, nell esistenza di un rapporto contrattuale tra la banca e il cliente, per ciò stesso legittimato a pretendere l esecuzione di prestazioni ulteriori, necessarie alla salvaguardia della propria utilità contrattuale, nei limiti di un apprezzabile sacrificio della controparte 14. La ratio legis così determinata non contrasta con l estensione del novero dei soggetti legittimati, operata dall art. 24 comma 2 D.lgs 4 agosto 1999, n Il testo originario della norma si limitava a codificare il diritto del cliente : con la novella, esso è stato esteso a colui che gli succede a qualunque titolo e colui che subentra nell amministrazione dei suoi beni. L ampiezza della formula legislativa fa ritenere legittimato tanto il cessionario del contratto bancario, quanto l erede a titolo universale. La loro legittimazione, peraltro, già in precedenza doveva ritenersi un dato acquisito in forza delle norme sulla cessione del contratto (art e ss. c.c.) e, rispettivamente, sulla successione mortis causa 15. Allo stesso modo, il subentro nell amministrazione dei beni del cliente può ritenersi verificato sia in caso di sua interdizione, a vantaggio del tutore; sia in caso di suo fallimento, a vantaggio del curatore fallimentare. Pure la legittimazione dei soggetti ora indicati, peraltro, doveva già essere riconosciuta prima della novella in forza delle norme sulla tutela (artt. 424 comma 1 e 357 c.c.) e, rispettivamente, sulla curatela fallimentare (art. 31 L. fall.) Sulla buona fede in senso oggettivo nella teoria dei contratti Cfr. MONTEL, Buona fede, in N.D.I., II, 1958, 598 e ss.; ROMANO, Buona fede (diritto privato), in Enc. dir., V, 1959, 677 e ss.; BIANCA, Diritto civile, III, Il contratto, Milano, 2000, 499 e ss. 15 Cass., sez. I civ., 12 maggio 2006, n , cit. 16 Sulla legittimazione del curatore fallimentare Cfr., prima della novella, Trib. di Milano, 2 maggio 1996, in Foro it., 1996, I, 3200; Trib. di Milano, 22 gennaio 1997, in Resp. civ. e prev., 1998, 1190 e ss., con nota di BIGLIA; Trib. di Torre Annunziata, 21 luglio 1999, in Dir. fall., 2001, 308; Cass., sez. I civ., 19 ottobre 1999, n , cit. 6

7 DIRITTO PROCESSUALE CIVILE Le stesse norme ora richiamate segnano, al tempo stesso, i limiti di un interpretazione estensiva dell art. 119 comma 4 T.u.b. Poiché la cessione del contratto si perfeziona soltanto con il consenso del contraente ceduto, il cessionario di un contratto bancario non avrà diritto a ottenere copia della documentazione sino alla manifestazione di consenso da parte della banca. Può però prospettarsi un estensione analogica a favore del cessionario del solo credito alla restituzione del tantundem, una volta che il negozio sia stato notificato alla banca. Particolare è l ipotesi dei libretti di risparmio pagabili al portatore, la cui titolarità si cede con il possesso degli stessi (art c.c.) 17 : un interpretazione estensiva del concetto di cliente consente di ritenere tale non solo il possessore del libretto di deposito, legittimato al compimento delle operazioni riguardanti il titolo, ma anche, se diverso dal possessore del libretto, il soggetto titolare del rapporto, che può comunque avere interesse ad acquisire la documentazione inerente alle operazioni relative allo svolgimento del rapporto medesimo 18. L oblato non può considerarsi successore del cliente sino all atto di accettazione dell eredità (art. 459 c.c.). Nondimeno, egli gode di poteri conservativi, di vigilanza e di amministrazione temporanea dell asse ereditario (art. 460 c.c.): su questa base, può prospettarsi un interpretazione estensiva del concetto di cliente (rectius di amministratore dei suoi beni ), che e- stenda all oblato la legittimazione a ottenere copia della documentazione bancaria. Per la medesima ragione, tale diritto può essere attribuito anche al curatore dell eredità giacente, in quanto tenuto a procedere all inventario dell eredità e ad amministrarla per la durata del suo ufficio (art. 529 c.c.). Poiché la richiesta di copia della documentazione bancaria va considerata atto di ordinaria amministrazione, il minore emancipato e l inabilitato possono compierlo in piena autonomia, senza il concorso del curatore (artt. 424 e 394 c.c.). Quest ultimo, pertanto, difetta di autonoma legittimazione attiva. Discorso a parte va fatto per l amministrazione di sostegno, perché il decreto di nomina potrebbe eventualmente ricomprendere tale atto fra quelli che l amministratore ha il potere di compiere in nome e per conto del beneficiario o che quest ultimo può compiere soltanto con la sua assistenza (art. 405 comma 5, nn. 3 e 4, c.c.). 17 L ipotesi deve considerarsi ormai residuale, dopo che l art. 49 comma 13 D.lgs. 21 novembre 2007, n. 231, come modificato dall art. 20 comma 2, lettera a, D.l. 31 maggio 2010, n. 78 (convertito in L. 30 luglio 2010, n. 122), ha stabilito che I libretti di deposito bancari o postali al portatore con saldo pari o superiore a 5.000,00 esistenti alla data di entrata in vigore del presente decreto, sono estinti dal portatore ovvero il loro saldo deve essere ridotto a una somma non eccedente il predetto importo entro il 30 giugno Cass., sez. I civ., 12 maggio 2006, n , in Obbl. e Contr., 2006, 580 e ss., con nota di RUBINO. 7

8 PARTE PRIMA Mentre il fallito perde l amministrazione del proprio patrimonio, il debitore ammesso a concordato preventivo la conserva, benché sotto la vigilanza del commissario giudiziale (art. 167 L. fall.). Tale vigilanza si esplica non solo sugli atti di straordinaria amministrazione che necessitano di autorizzazione del giudice delegato ma anche su quelli di ordinaria amministrazione. Poiché la posizione di chi amministra i beni per conto del cliente presenta una ratio accostabile a quella di chi esercita vigilanza sugli atti da questi posti in essere, il diritto a ottenere copia della documentazione bancaria può essere esteso in via analogica anche a favore del commissario giudiziale. Non altrettanto può dirsi per i singoli creditori del cliente, i quali non intrattengono alcun rapporto con la banca 19. Per quanto concerne, poi, la posizione di chi abbia prestato fideiussione a garanzia di crediti bancari, la Corte di Cassazione ha sostenuto che non si applicano in modo automatico al rapporto fra banca e garante le disposizioni del D.lgs. 1 settembre 1993, n. 358, dettate per i contratti relativi alle operazioni ed ai servizi stipulati con il cliente 20. Tuttavia, il rapporto contrattuale intercorrente tra la banca e il fideiussore potrebbe indurre a riconoscergli in via analogica quantomeno il diritto a ottenere copia della documentazione bancaria, inerente non solo al rapporto garantito ma anche agli altri rapporti accesi dal cliente. A mente dell art c.c., infatti, il fideiussore è liberato se, per fatto del creditore, non abbia potuto avvedersi per tempo dell aggravarsi delle condizioni economiche in cui versava il debitore garantito 21. Nelle ipotesi di cointestazione del conto corrente, i soggetti cointestatari vanno tutti qualificati come clienti, in forza della presunzione di titolarità solidale dei crediti verso la banca (art. 1854) 22. L intestazione a una formazione sociale priva di personalità giuridica (es. condominio o associazione non riconosciuta) non può invece paragonarsi alla cointestazione a favore di tutti i suoi partecipanti (condomini o associati): in questo caso, la qualifica di cliente spetta soltanto a chi abbia la disponibilità del conto, in base agli accordi contrattuali intercorsi con la banca. Per evitare le rigidità di una cointestazione, una strada alternativa sovente utilizzata è la delega ad operare sul conto corrente, nei limiti stabiliti all atto del conferimento. In que- 19 GIANFELICI, Il segreto bancario. Norme civili, penali e fiscali, Milano, 1996, 270 e ss. 20 Cass., sez. I civ., 9 novembre 2007, n , in Giust. civ. mass., 2007, TIDONA, Il diritto del fideiussore di pretendere dalla banca la documentazione relativa ad un rapporto del garantito diverso da quello per il quale ha prestato garanzia, in Magistra, Banca e Finanza, Si tratta, peraltro, di una presunzione semplice che può essere superata con ogni mezzo di prova. 8

9 DIRITTO PROCESSUALE CIVILE sto caso, il diritto a richiedere copia della documentazione bancaria deve ritenersi a fortiori incluso in ogni delega che conferisca più ampi poteri. Il coniuge non cointestatario in separazione dei beni non può muovere alcuna pretesa sulle somme depositate presso la banca e, dunque, non ha alcun diritto a ricevere informazioni ai sensi dell art. 119 T.u.b. 23. Più complessa è la questione in caso di comunione dei beni, essendo controverso se e quando il diritto di credito alla restituzione delle somme depositate entri a far parte della comunione. 4. Titolarità dei rapporti bancari e comunione legale fra coniugi Caia era unica intestataria di un conto corrente di corrispondenza acceso presso la banca Alfa, su cui soleva depositare le proprie entrate personali. A tale rapporto bancario era sempre rimasto del tutto estraneo il marito Tizio, benché il regime patrimoniale della famiglia fosse quello della comunione legale. Ci si chiede se ed eventualmente quando la disponibilità delle somme così depositate da Caia sul proprio conto sia caduta in comunione dei beni. Ai fini delle problematiche connesse alla comunione legale fra coniugi, rilevano essenzialmente i contratti bancari passivi, intendendosi per tali quelli con cui la banca raccoglie capitali ricevendo credito dai propri clienti 24. Il principale contratto passivo è il deposito bancario, con cui la banca riceve dal cliente una somma di denaro e si obbliga a restituire il tantundem (art c.c.). Quando si convenga che il cliente può disporre ad nutum delle somme depositate, il deposito si dice regolato in conto corrente (art c.c.). Altra cosa è il conto corrente di corrispondenza, contratto atipico in forza del quale la banca si obbliga a riscuotere somme da e per conto del correntista, nonché ad eseguire incarichi di pagamento da questi impartiti, utilizzando quale provvista per le movimentazioni a debito le somme depositate sul conto o messe a disposizione dalla banca stessa tramite operazioni attive. Il conto corrente di corrispondenza è tradizionalmente configurato come contratto innominato o atipico a contenuto misto soggetto alla disciplina propria dei contratti di delegazione, di mandato, di deposito o di altri contratti tipici identificabili con riferimento alle diverse operazioni di banca assunte nell ambito del rapporto di conto corrente 25. Ai fini 23 GIANFELICI, Il segreto bancario, cit., 272 ss. 24 Le operazioni bancarie fondamentali si dividono in passive, per mezzo delle quali la banca raccoglie capitali ricevendo credito dai propri clienti; e attive, per mezzo delle quali la banca impegna la propria disponibilità di capitali attraverso la concessione di credito. 25 Cass., sez. civ., 6 dicembre 1974, n. 4043, in Dir. fall., 1975, 521. Nello stesso senso Corte d App. di Milano, 23 maggio 1986, ivi, 1987, 431 e ss. con nota di TARZIA; Trib. Napoli, 10 settembre 1996, in Banca, borsa, tit. cred., 1998,

10 PARTE PRIMA del presente approfondimento, il conto corrente di corrispondenza rileva limitatamente alle movimentazioni a credito, sullo schema del contratto di deposito bancario. I contratti passivi e le movimentazioni a credito del conto corrente di corrispondenza generano in capo al cliente rapporti obbligatori caratterizzati dal diritto di credito nei confronti della banca, avente ad oggetto la restituzione del tantundem. Si tratta di verificare se tale diritto di credito sia o meno ricompreso tra gli acquisti che, in forza dell art. 177 comma 1, lettera a, c.c., cadono immediatamente in comunione legale pur se effettuati formalmente da uno solo dei coniugi. La giurisprudenza è tradizionalmente orientata a considerare acquisti esclusivamente gli atti implicanti l effettivo trasferimento della proprietà della res o la costituzione di diritti reali sulla medesima, non quindi i diritti di credito sorti dal contratto concluso da uno dei coniugi, i quali per la loro stessa natura relativa e personale, pur se strumentali rispetto all acquisizione di una res, non sono suscettibili di cadere in comunione 26. Nello stesso senso è schierata la dottrina più risalente, secondo cui la natura relativa e personale dei diritti di credito osterebbe a un loro trasferimento ex lege in capo all altro coniuge; per di più, si reputa inopportuno far gravare sulla controparte contrattuale l onere di accertare volta per volta lo status familiare del contraente. Va inoltre citata un influente circolare dell Associazione Bancaria Italiana, emanata subito dopo la riforma del diritto di famiglia, la quale esplicitamente escludeva che i diritti nascenti da rapporti bancari potessero cadere in comunione legale, non trattandosi di cosa corporale. La concezione tradizionale è stata oggetto di critica da parte di altra dottrina che, sdrammatizzando gli inconvenienti segnalati dai fautori della tesi restrittiva, ha messo in luce lo scopo ultimo del regime di comunione legale: la distribuzione fra i coniugi di una certa parte della ricchezza prodotta nel corso della convivenza matrimoniale e, di riflesso, un incentivo alla collaborazione dei coniugi per la migliore soddisfazione dei bisogni della famiglia 27. Se così è, in una società nella quale la ricchezza è sempre meno materiale e sempre più mobiliare, non ha senso escludere dalla nozione di acquisti entità economicamente assai rilevanti, soltanto in considerazione della loro natura obbligatoria piuttosto che reale. Tanto più che la tradizionale distinzione tra diritti reali e diritti di credito viene oggi messa in discussione anche sul piano dogmatico da parte di pregevoli Autori. 26 Cass., sez. II civ., 11 settembre 1991, n. 9513, in Dir. giur., 1992, F. SANTOSUOSSO, Beni ed attività economica della famiglia, in Commentario del codice civile redatto a cura di magistrati e docenti, I, 2, Torino, 1983,

11 DIRITTO PROCESSUALE CIVILE Con un attesa sentenza che, dopo un iniziale tentennamento, ha ricevuto conferma in successive pronunce la Suprema Corte ha finalmente aderito alla lettura ermeneutica propugnata dalla dottrina d avanguardia. La comunione legale fra i coniugi, come regolata dagli artt. 177 e ss. c.c., costituisce un istituto che prevede uno schema normativo non finalizzato, come quello della comunione ordinaria regolata dagli artt e ss. c.c., alla tutela della proprietà individuale, ma alla tutela della famiglia attraverso particolari forme di protezione della posizione dei coniugi nel suo ambito, con speciale riferimento al regime degli acquisti, in relazione al quale la ratio della disciplina, che è quella di attribuirli in comunione ad entrambi i coniugi, trascende il carattere del bene della vita che venga acquisito e la natura reale o personale del diritto che ne forma oggetto; ne consegue che anche i crediti sono suscettibili di entrare nella comunione, ove non ricorra una delle eccezioni alla regola generale dell art. 177 c.c. poste dall art. 179 c.c. 28. Quest apertura giurisprudenziale non è, peraltro, sufficiente a fondare l inclusione in comunione legale di tutti i diritti di credito acquistati dai coniugi. Se la ragione del revirement si fonda sull esigenza di pari partecipazione dei coniugi agli incrementi patrimoniali della famiglia, a prescindere dalla loro natura reale ovvero obbligatoria, devono per coerenza restare esclusi i meri diritti di credito che non abbiano una componente patrimoniale suscettibile di acquisire un valore di scambio 29. Con tale precisazione, la giurisprudenza di legittimità accoglie puntuali osservazioni della dottrina: affinché possano cadere in comunione gli acquisti operati singolarmente dai coniugi attraverso i rispettivi beni personali ad esempio i proventi dell attività separata, che restano nella disponibilità individuale sino allo scioglimento della comunione (art. 177 comma 1, lettera c, c.c.) non basta il rilievo giuridico dell operazione che traduce il diritto di proprietà in diritto di credito alla restituzione del tantundem, ma è necessario che essa assuma autonomo significato pure sul piano economico-patrimoniale, essendo qualificabile come forma d investimento. Sul piano economico-patrimoniale, si considera investimento l impegno di risorse volto all acquisto di beni, servizi o crediti suscettibili di fornire nel tempo utilità economiche ulteriori rispetto alle risorse impiegate. Le utilità in questione devono avere rilievo autonomo e non meramente accessorio al recupero delle risorse impiegate, come nel caso della corresponsione d interessi compensativi. Natura investitoria è stata, ad esempio, ricono- TI. 28 Cass., sez. I civ., 9 ottobre 2007, n , in Notariato, 2008, 148, con nota di SCOT- 29 Cass., sez. I civ., 15 gennaio 2009, n. 799, in Fam. dir., 2009, 571 e ss., con nota di RIMINI. 11

12 PARTE PRIMA sciuta all acquisto di azioni di s.p.a., quote di s.r.l., quote di partecipazione a società di persone, titoli di stato, titoli obbligazionari privati e quote di fondi comuni d investimento (a prescindere dalla qualificazione reale ovvero obbligatoria dei diritti incorporati in ciascuno di tali strumenti). Il deposito bancario, invece, non può qualificarsi come forma d investimento per il semplice fatto di essere remunerato con il riconoscimento di un tasso d interesse, perché si tratta di un utilità meramente accessoria rispetto alla finalità di conservazione del capitale depositato. Deve quindi condividersi, sotto questo profilo, il mantenimento dell impostazione tradizionalmente adottata dalle sezioni civili della Corte di Cassazione, secondo cui la titolarità esclusiva di una somma di danaro in capo a uno dei coniugi non muta in conseguenza della mera circostanza che il denaro sia stato accantonato sotto forma di deposito bancario, giacché il diritto di credito relativo al capitale non può considerarsi modificazione del capitale stesso, né è d altro canto configurabile come un acquisto nel senso indicato dall art. 177 comma 1, lettera a, c.c. cioè come un operazione finalizzata a determinare un mutamento effettivo nell assetto patrimoniale del depositante 30. Quest impostazione è stata confermata anche dalla pronuncia che ha per la prima volta aperto la comunione legale agli acquisti di diritti di credito, opportunamente distinguendo il credito incorporato nei titoli obbligazionari da quello di restituzione del tantundem a seguito di deposito bancario in conto corrente, il cui saldo non rientra nella comunione dei beni ex art. 177 comma 1, lettera a, c.c. proprio perché non rappresenta una forma d investimento dello stesso 31. Gli acquisti di diritti di credito non classificabili come forme d investimento, pur non cadendo in comunione immediata, possono nondimeno essere ricompresi nella comunione de residuo ai sensi degli artt. 177 comma 1, lettere b e c, e 178 c.c. Per quanto concerne i contratti bancari passivi e le movimentazioni a credito del conto corrente di corrispondenza, il diritto alla restituzione del tantundem cade pertanto in comunione de residuo limitatamente agli interessi corrispettivi dovuti dalla banca e alle somme oggetto di deposito di cui si provi la percezione a titolo di proventi dell attività separata del coniuge intestatario. Non può ignorarsi la difficoltà dell onere probatorio in ordine a quali, tra le somme dovute in restituzione da parte della banca, possiedano tali caratteristiche; ma è chiaro che il diritto a ottenere copia della documentazione bancaria prescinde da quest onere ed è anzi strumentale al suo espletamento. 30 Cass., sez. I civ., 20 gennaio 2006, n. 1197, in Giur. it., 2007, 601 e ss., con nota di PUGLIESE. 31 Cass., sez. I civ., 9 ottobre 2007, n , cit. 12

13 DIRITTO PROCESSUALE CIVILE Sulla base di quanto esposto, deve quindi concludersi nel senso che un interpretazione estensiva del concetto di cliente di cui all art. 119 comma 4 T.u.b. impone di riconoscere il diritto ivi codificato anche al coniuge non intestatario del rapporto bancario passivo, ma ciò soltanto a seguito dello scioglimento della comunione legale. Nessun diritto, invece, spetta al coniuge prima dell effettivo scioglimento, perché fino a tale momento l estensione legale della titolarità delle entità residuali è oggetto di una semplice aspettativa di fatto non tutelabile giuridicamente. Tra le ipotesi di scioglimento (art. 191 c.c.) va menzionata, in particolare, la morte di uno dei coniugi: qualora il rapporto bancario sia intestato al coniuge defunto, ne risulterà una decurtazione dell asse ereditario in favore del coniuge superstite, il cui acquisto avverrà iure proprio e non già iure hereditatis; nell ipotesi inversa, i rapporti bancari caduti in comunione de residuo andranno a beneficio degli eredi del coniuge defunto. Nel primo caso, il diritto a ottenere copia della documentazione bancaria andrà riconosciuto al coniuge superstite, in virtù di un interpretazione estensiva del concetto di cliente. Nel secondo caso coincidente con quello esaminato dal Tribunale di Verona nella pronuncia in commento tale diritto andrà invece riconosciuto agli eredi del coniuge defunto, in virtù di un interpretazione estensiva dell espressione colui che gli succede a qualunque titolo. 5. Osservazioni conclusive La sentenza in commento prende le mosse lungo binari tracciati da solida giurisprudenza, secondo la quale ricade nella comunione de residuo il saldo di conto corrente bancario intestato a uno solo dei coniugi in regime di comunione legale dei beni, nel quale siano confluiti i proventi della sua attività separata. Scioltasi la comunione per effetto della morte del coniuge non intestatario, pertanto, i successori di quest ultimo possono vantare diritti ereditari sulla quota parte del saldo così costituito, per quanto essi non abbiano alcun rapporto parentale o di altro tipo con il coniuge titolare del conto. Su questo ragionamento di base s innesta il tratto innovativo della pronuncia: la disciplina sulla trasparenza bancaria non ammette vuoti di tutela e, pur in mancanza di un intestazione formale del rapporto, il diritto a ottenere copia della documentazione ad esso inerente va esteso anche a favore dei successori a titolo universale del coniuge defunto. Se si negasse loro questa legittimazione, infatti, ne uscirebbero vanificati i loro diritti ereditari, poiché solo l esame della documentazione bancaria permette di verificare quali, tra le somme dovute al cliente da parte della banca, vengano a costituire l entità residuale della comunione. 13

14 PARTE PRIMA Il senso della pronuncia in commento è, dunque, che l art. 119 T.u.b. va per quanto possibile interpretato estensivamente, nella parte in cui individua i soggetti legittimati a richiedere copia della documentazione bancaria. È un insegnamento condivisibile, consonante con il progressivo consolidamento della trasparenza nelle operazioni e nei servizi bancari come principio cardine del sistema. Laddove specifiche esigenze di tutela lo richiedano, anzi, le norme in tema di trasparenza potranno e dovranno essere applicate analogicamente anche a favore di soggetti diversi dal cliente, in deroga al concorrente e ormai recessivo principio del segreto bancario. A titolo di esempio, il diritto a ottenere copia della documentazione bancaria va esteso al commissario giudiziale nel concordato preventivo e a chi abbia prestato fideiussioni per il cliente. Il fondamento e limite di ogni estensione analogica rimane, comunque, l identità di ratio rispetto alla norma di cui all art. 119 T.u.b.: ovunque sussista un rapporto obbligatorio tra la banca e soggetti terzi, su cui possa a vario titolo incidere l andamento del conto corrente intestato al cliente, a questi soggetti deve essere riconosciuto il diritto a ottenere copia della documentazione relativa al conto, con o senza il consenso del cliente. Luca Andretto Avvocato del Foro di Verona 14

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO CORSO BASE SULLE PROCEDURE GIUDIZIARIE DELL AUTUNNO 2006 LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO AVV. ALESSANDRO CAINELLI INDICE PREMESSA p. 3 I. LA NULLITÀ DELLA RELAZIONE p. 4 1. Cause di nullità formale

Dettagli

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali SOMMARIO: 1. - La fattispecie concreta 2. Le azioni di responsabilità contro gli amministratori: caratteri essenziali 3.

Dettagli

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo?

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? 252 Parte Sesta 8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? Riferimenti normativi: artt. 499-500 e segg. c.p.c. Definizione: identificare le categorie di creditori legittimati

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2)

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) Istanza di fallimento e procedimento di concordato preventivo in bianco Dott. Francesco Pedoja Presidente del Tribunale di Pordenone Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) 1- La L. n.134/2012

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

Per i beni mobili l'autorizzazione non è necessaria trascorsi cinque anni dalla dichiarazione di accettare con beneficio d'inventario.

Per i beni mobili l'autorizzazione non è necessaria trascorsi cinque anni dalla dichiarazione di accettare con beneficio d'inventario. art. 493 Codice Civile L'erede decade (1) dal beneficio d'inventario [490, 494, 505, 509, 564 c.c.], se aliena o sottopone a pegno [2748 c.c.] o ipoteca [2808 c.c.] beni ereditari, o transige [1965 c.c.]

Dettagli

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario:

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario: Capitolo Secondo Le situazioni giuridiche soggettive del diritto amministrativo Sommario: 1. Definizione di situazione giuridica soggettiva. - 2. Il diritto soggettivo. - 3. Gli interessi legittimi. -

Dettagli

Copertura delle perdite

Copertura delle perdite Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 107 09.04.2014 Copertura delle perdite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Le assemblee delle società di capitali che, nelle

Dettagli

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A.

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. 1. La responsabilità patrimoniale della P.A. ed i suoi limiti Anche lo Stato e gli Enti Pubblici sono soggetti al principio della responsabilità patrimoniale

Dettagli

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott.

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott. COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca Giovanardi Dott.ssa Enrica Luppi Dott.ssa Stefania Menetti Dott. Pietro Marco Pignatti

Dettagli

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro N. 1 ANNO 2008 Diritto dei Lavori RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro di Antonio Belsito* 1 Sommario: 1. Introduzione 2. Il procedimento cautelare dinanzi al

Dettagli

www.lascalaw.com www.iusletter.com

www.lascalaw.com www.iusletter.com LaScala studio legale in association with Field Fisher Waterhouse Focus on LA CANCELLAZIONE DELLE SOCIETÀ DI CAPITALI DAL REGISTRO DELLE IMPRESE: EFFETTI E CONSEGUENZE Luglio 2013 www.lascalaw.com www.iusletter.com

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI NAPOLI composto dai signori: (NA) QUADRI (NA) CARRIERO (NA) MAIMERI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (NA) PICARDI Membro designato da Associazione

Dettagli

LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE. Prof. Mariacarla Giorgetti. Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici

LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE. Prof. Mariacarla Giorgetti. Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE Prof. Mariacarla Giorgetti Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici fondamentali, strettamente collegate: il principio della

Dettagli

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

Pegno, usufrutto e sequestro parziali su partecipazione di s.r.l.

Pegno, usufrutto e sequestro parziali su partecipazione di s.r.l. Studio n. 836-2014/I Pegno, usufrutto e sequestro parziali su partecipazione di s.r.l. Approvato dall Area Scientifica Studi d Impresa il 10 ottobre 2014 Approvato dal CNN nella seduta del 9 gennaio 2015

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

Diritto Processuale Civile. L Appello

Diritto Processuale Civile. L Appello Diritto Processuale Civile L Appello L'appello nell'ordinamento civile è un mezzo di impugnazione ordinario, disciplinato dagli Artt. 339 e ss c.p.c,, e costituisce il più ampio mezzo di impugnazione,

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

Capitolo 4 GIUDIZIO DI OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO

Capitolo 4 GIUDIZIO DI OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO Capitolo 4 GIUDIZIO DI OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO (M G E ) Il procedimento di ingiunzione, funzionalmente diretto ad ottenere nel più breve tempo possibile un titolo esecutivo per l avvio della procedura

Dettagli

Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese.

Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese. Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese. È a tutti noto che ormai da alcuni anni sono in aumento, anche in materia di diritto di famiglia,

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Sent. Cron. Rep. Oggetto: prelazione agraria Sentenza ex art. 281 sexies REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Il Tribunale di Matera, in persona del Giudice Unico Raffaele VIGLIONE, ha emesso la

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Articolo 1 Oggetto e Ambito di applicazione dell Accordo Le autorità

Dettagli

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Il preliminare espletamento del procedimento di mediazione, disciplinato dal

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l.

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Il bilancio delle società di capitali La sua impugnazione Firenze 15 giugno 2010 La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Francesco D Angelo (Università di Firenze)

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

LA CONSULENZA TECNICA D UFFICIO: ISTRUZIONI PER L USO. I PRINCIPALI PROFILI PROBLEMATICI

LA CONSULENZA TECNICA D UFFICIO: ISTRUZIONI PER L USO. I PRINCIPALI PROFILI PROBLEMATICI LA CONSULENZA TECNICA D UFFICIO: ISTRUZIONI PER L USO. I PRINCIPALI PROFILI PROBLEMATICI Gianluigi Morlini Giudice del Tribunale di Reggio Emilia * * * * * Ivrea, 14 marzo 2014 * * * * * Sommario: 1. La

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante Abstract L energia elettrica derivante da fonti rinnovabili è esente da accisa

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario Di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. Ambito di applicazione. 3. Principi fondamentali. 3.1.

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss.

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. Rappresentanza PREMESSA Con il termine rappresentanza si indica il potere di un soggetto (il rappresentante)

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione 13 Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione SOMMARIO 1. Limiti interni delle attribuzioni del giudice ordinario. 2. Proponibilità delle azioni possessorie nei confronti della

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Tizio, residente in, ed elettivamente domiciliato in, presso lo studio dell avv., che lo rappresenta e difende per mandato in atti

Tizio, residente in, ed elettivamente domiciliato in, presso lo studio dell avv., che lo rappresenta e difende per mandato in atti 74 Quesito n. 9 n., rappresentati, assistiti e difesi dall avv., c.f., presso il cui studio in, elettivamente domiciliano per mandato in calce al presente atto, il quale, ai sensi e per gli effetti dell

Dettagli

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto 412 Successivamente, il CCNL del terziario, stipulato il 3 novembre 1994, accorpava il CCNL dei viaggiatori e piazzisti prevedendo espressamente l applicabilità della disciplina del part-time anche agli

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo 1. Premessa La contestazione di un fatto nuovo 1 costituisce

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto La questione inerente il rinnovo dei contratti pubblici è una questione piuttosto complessa e, in parte, anche controversa, soprattutto all esito dell

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia Normativa sulla Trasparenza Bancaria Foglio informativo sulle operazioni e servizi offerti alla clientela 5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Valconca

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE I LEZIONE II LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale ------------------------------------------------------

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile,

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, e della cioccolata, in una cornice resa particolarmente suggestiva dal sole che illuminava la bella valle circostante,

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli