di Enrica Senini Estero >> Commercio internazionale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "di Enrica Senini Estero >> Commercio internazionale www.intesasanpaoloimprese.com"

Transcript

1 LE OPPORTUNITÀ DI INGRESSO NEL MERCATO INDIANO E LA DISCIPLINA DEGLI INVESTIMENTI STRANIERI IN INDIA di Enrica Senini Estero >> Commercio internazionale

2 Sommario Introduzione...3 Le opportunità offerte dal mercato indiano agli investitori stranieri...4 Le possibili forme giuridiche di insediamento dell'imprenditore straniero in India...6 Le zone economiche speciali (Special economic zones - Sezs)...9 Export Oriented Units, Electronic Hardware Technology Parks, Software Technology Parks...12 Glossario...14 Pagina 2 di 14

3 Introduzione Secondo uno studio condotto da Goldman Sachs nel 2003, l economia indiana avrà un tasso di crescita medio annuo del 5% fino al 2050, divenendo entro tale data la terza economia a livello mondiale, dopo Cina e Stati Uniti; questo fa sì che l India sia già oggi la seconda meta di investimento preferita dalle imprese straniere (dopo la Cina) e la prima meta preferita per i servizi di offshoring e outsourcing. Nella Press note n. 6 dell 11 maggio 2006, il Ministro del Commercio e dell Industria indiano Kamal Nath ha reso noto che, negli anni , il volume di capitali stranieri investiti è stato pari a 5 miliardi e 135 milioni di dollari, il più alto mai registrato nel paese, corrispondente al 60% in più rispetto all anno precedente. Tali investimenti, nel solo mese di marzo 2006, sono ammontati a 831 milioni di dollari, pari al 200% in più rispetto a quelli rilevati nel marzo Il quadro sopra rappresentato è frutto della politica di liberalizzazione adottata dal Governo indiano a partire dal 1991, che ha portato al graduale abbassamento dei dazi doganali alle importazioni e all attuale possibilità, per le imprese straniere, di fare ingresso nel paese attraverso investimenti consentiti in quasi tutti i settori merceologici, con percentuali che a seconda dei casi possono anche raggiungere il 100%. L Italia, oggi, occupa il sesto posto nella graduatoria europea degli investitori in India, e l undicesimo a livello mondiale. Le esportazioni italiane verso l India hanno registrato negli ultimi anni una crescita del 30% circa rispetto al 1999, raggiungendo l importo di quasi 2 miliardi di euro nel 2006, e concentrandosi prevalentemente nell export di motori, generatori e trasformatori elettrici, macchine per energia meccanica, macchine per impieghi generali e speciali, prodotti chimici e farmaceutici, materiali da costruzione. Le importazioni dall India hanno superato, nel 2006, i 2,5 miliardi di euro e hanno riguardato principalmente i settori dell abbigliamento in tessuto ( migliaia di euro), della siderurgia ( migliaia di euro), le calzature ( migliaia di euro), i prodotti chimici di base ( migliaia di euro), gli autoveicoli ( migliaia di euro) e le pietre preziose ( migliaia di euro). Sebbene tali dati siano già piuttosto incoraggianti, gli scambi fra Italia ed India sono destinati ad aumentare ulteriormente, data la crescita della domanda indiana di beni di consumo durevoli, marchi di qualità e beni di lusso, che certamente posiziona l Italia fra i paesi maggiormente interessati ad investire in India. Un importante novità, sul punto, è stata recentemente introdotta dal Governo indiano con la Press note n. 3 del 10 febbraio 2006, che ha permesso l investimento straniero fino al 51% per l apertura di punti vendita retail monomarca, a condizione che il prodotto sia venduto a livello internazionale con lo stesso marchio e che tale marchio venga apposto in fase di produzione. Questa opportunità ha già permesso a molti marchi celebri italiani di essere presenti nei numerosi shopping malls situati all interno dei grandi alberghi di Delhi, Mumbai e Bangalore, e nei centri commerciali già operativi, o in corso di costruzione, nelle principali città indiane. Alla luce di tali premesse, verranno ora analizzate le forme e le modalità operative attraverso le quali il Governo indiano permette l insediamento dell impresa straniera in India, e la speciale disciplina istitutiva e disciplinante le cosiddette Zone economiche speciali (Sezs), ed analoghe forme di insediamento (Export Oriented Units - Eous, Electronic Hardware Technology Parks -Ehtps, Software Technology Parks - Stps), che godono di particolari benefici e/o esenzioni fiscali. Pagina 3 di 14

4 LE OPPORTUNITÀ OFFERTE DAL MERCATO INDIANO AGLI INVESTITORI STRANIERI Fra tutti i paesi emergenti, l India dispone di uno dei sistemi più liberali e trasparenti di ingresso di capitali stranieri e di investimenti. Un impresa straniera che voglia fare ingresso nel mercato indiano, o più semplicemente instaurare relazioni commerciali di import-export con realtà imprenditoriali indiane, deve fare riferimento alle politiche sugli investimenti stranieri (Foreign Direct Investment - Fdi policies), aggiornate periodicamente dal Ministero dell Industria e rese note attraverso le Press note (note stampa) del segretario per l assistenza industriale, facente capo al Dipartimento per la politica e la promozione industriale (Dipp). Tali note stampa indicano i settori merceologici nei quali è permesso l ingresso di capitali stranieri, nonché le percentuali di partecipazione straniera consentito in caso di jointventure con società indiane già esistenti, o in caso di costituzione di una nuova società a partecipazione mista. Vi sono alcuni settori economici nei quali il Governo indiano, ancora oggi, non permette un investimento diretto straniero (Fdi), con nessuna percentuale di partecipazione, nemmeno minoritaria. Tali settori sono: l energia atomica; le lotterie e scommesse; gli affari immobiliari; il trasporto ferroviario; l agricoltura (esclusi la floricoltura, orticoltura ed alcuni settori della coltivazione, fra i quali quella del tè). In tutti gli altri settori non rientranti in quelli più sopra specificati, l investimento straniero è permesso attraverso 2 distinte procedure: a) per via automatica (c.d. automatic route). Ad eccezione di specifici settori di attività, per i quali il Governo indiano richiede una preventiva autorizzazione governativa o della Reserve Bank of India (v. infra al punto b)), il Foreign Direct Investment è permesso fino al 100% in tutti i settori (in percentuale variabile da settore a settore), compreso quello dei servizi, sulla base di un elenco periodicamente aggiornato dal Ministero dell Economia e dell Industria. Nella Tavola 1 vengono indicati, a titolo esemplificativo, i settori più comuni permessi per via automatica, unitamente alla percentuale massima di partecipazione straniera attualmente ammessa dalla legislazione indiana. Se l investimento viene effettuato in un attività consentita per via diretta, è necessario comunicare alla Reserve Bank of India entro 30 giorni dall operazione, il nome e l indirizzo dell investitore straniero, la data di ricevimento del denaro proveniente dall estero, ed il suo equivalente in rupie, il nome e l indirizzo della banca estera attraverso la quale sono stati inviati i fondi al partner commerciale indiano. Se l operazione posta in essere prevede l ingresso dell impresa straniera nella compagine sociale di una società indiana già esistente, è altresì necessario trasmettere all ufficio regionale della Reserve Bank of India del luogo in cui avrà sede la società, entro 30 giorni dall emissione delle azioni in favore del socio straniero, un certificato emesso dal partner commerciale indiano, attestante l avvenuto rispetto dei requisiti di cui al Company Act del 1956, gli estremi dell approvazione governativa (se necessaria) e un attestazione di un auditor indicante le modalità attraverso le quali è stato determinato il prezzo delle partecipazioni acquistate dalla società straniera. Pagina 4 di 14

5 Non è in ogni caso possibile fare ricorso alla via automatica (e, in questo caso, è necessario richiedere l autorizzazione governativa di cui infra al punto b) : nelle attività per le quali è richiesta una licenza industriale ai sensi dell Industries (Develpoment and Regulation) Act del 1951 (1) ; nelle attività per le quali l investitore straniero ha già stipulato un accordo di joint venture o un accordo di licenza con un altro imprenditore indiano; nell acquisizione di azioni in società indiane che svolgono servizi finanziari, o sottoposte alle Substantial Acquisition of Shares and Takeovers Regulations del b) Preventiva autorizzazione governativa (prior Goi approval, o non-automatic route). Tutte le attività che non rientrano nei settori in cui è consentito l investimento per via automatica, né nei settori nei quali l investimento straniero è vietato, richiedono una preventiva autorizzazione governativa, concessa dall Ente per la Promozione degli Investimenti (Foreign Investment Promotion Board Fipb) o, in caso di avvio di un attività di commercio al dettaglio (retail) per prodotti monomarca, dal segretariato per l Assistenza Industriale (Sia) presso il Dipartimento per la Politica e la Promozione Industriale (Dipp). Una volta ottenuta l autorizzazione governativa, non è più necessario alcun ulteriore adempimento, salva la comunicazione all ufficio regionale della Reserve Bank of India del ricevimento dei fondi dall investitore straniero. Nella Tavola 2 vengono indicati, a titolo esemplificativo, i settori più comuni permessi previa autorizzazione governativa, con le relative percentuali massime di partecipazione straniera. Tavola 1 Settori permessi per via automatica Settore Percentuale Fdi automatico Commercio cash and carry 100% n. 4/06 Press note di riferimento Export 100% n. 4/06 Commercio non all ingrosso 51% n. 4/06 Produzione apparecchi per telecomunicazioni 100% n. 2/00 Elettricità (produzione, trasmissione e vendita) 100% nn. 2/98; 7/00; 4/06 Assicurazioni 26% Consulenza finanziaria e relativa agli investimenti 100% nn. 2/00; 6/00; 2/01 Edilizia 100% nn. 2/05; 2/06 Floricoltura, orticoltura, piscicoltura, allevamento 100% n. 4/06 Banche 74% n. 2/04 Attività all interno delle Zone Economiche Speciali 100% nn. 9/00; 2/06; 4/06 (1) Si tratta dei settori della distillazione e fermentazione di bevande alcoliche, della produzione di sigari e sigarette di tabacco o surrogati del tabacco, tutti i tipi di apparecchiature elettroniche aerospaziali e di difesa, esplosivi per uso industriale, compresi micce esplosive, fusibili di sicurezza, polvere da sparo, nitrocellulosa e fiammiferi, sostanze chimiche pericolose, acido cianidrico e suoi derivati, fosgene e suoi derivati, isocianati e di-isocianati di idrocarburi, non altrimenti specificati (es. metilisocianato). Pagina 5 di 14

6 Tavola 2 Settori permessi previa autorizzazione Settore Percentuale consentita Press note di riferimento Vendita retail di prodotti monomarca 51% n. 4/06 Editoria: n. 1/04 - riviste specializzate 100% - giornali 26% Tè e piantagioni di tè 100% n. 6/02 Investimenti nel settore delle infrastrutture 49% nn. 2/00; 5/05 e dei servizi (tranne che nelle telecomunicazioni) Corriere distribuzione pacchi 100% n. 4/01 Produzione di sigari e sigarette 100% n. 4/06 Trasmissione di canali televisivi che non 100% n. 1/06 trasmettono notizie Trasmissione di canali televisivi che trasmettono notizie 26% n. 1/06 Telecomunicazioni 74% (di cui 49% per via automatica, e la restante percentuale previa autorizzazione governativa) nn. 5/05; 1/07 LE POSSIBILI FORME GIURIDICHE DI INSEDIAMENTO DELL IMPRENDITORE STRANIERO IN INDIA L impresa straniera ha varie possibilità di instaurare relazioni commerciali con aziende indiane, o di insediarsi sul territorio indiano. La prima opzione è costituita dall ingresso in forma di persona giuridica, che può avvenire: 1. attraverso la partecipazione in una società indiana già esistente, o la costituzione di una nuova società a partecipazione mista (joint venture societaria); 2. attraverso la costituzione in India di una sede secondaria interamente posseduta (wholly owned subsidiary - Wos). Nel caso 1), l imprenditore straniero acquista un pacchetto azionario di una società indiana già esistente (con conseguente modifica dello statuto sociale), ovvero individua un partner indiano con il quale costituire ex novo una società di diritto indiano a partecipazione mista. Nella prassi, il perfezionamento di una joint venture societaria è preceduto dalla stesura di un Memorandum of Understanding, una sorta di lettera di intenti in cui le parti individuano i contenuti essenziali della futura Jv e stabiliscono l ammontare dell investimento, l oggetto dell attività che verrà svolta dalla società, la governance, eventuali patti di non concorrenza e/o riservatezza. Successivamente, in caso di costituzione di nuova società, i futuri soci devono ottenere dal Registrar of Companies (Roc) il benestare per l utilizzo della denominazione sociale prescelta: a tal fine, le parti devono sottoporre all ufficio almeno 4 possibili denominazioni e devono indicare l attività che la costituenda società andrà a svolgere. Il Roc verifica l eventuale esistenza di denominazioni anteriori identiche e, in caso negativo, approva la denominazione Pagina 6 di 14

7 prescelta, che costituirà definitivamente il nome della società. Si dovrà, poi, procedere alla redazione del memorandum of understanding (atto costitutivo) e degli articles of association (norme attuative della società, generalmente disciplinanti la governance ed il management), che devono essere redatti in lingua inglese, asseverati presso il tribunale del luogo in cui la società sarà iscritta nel Registro delle imprese, e legalizzati dalle autorità indiane competenti. Sia che l impresa straniera acquisisca un pacchetto azionario di una società indiana già esistente, sia nel caso in cui i partner costituiscano ex novo una società a partecipazione mista, la quota di partecipazione straniera è ammessa nei limiti in cui è consentito l investimento straniero ai sensi delle Fdi policie illustrate nel precedente paragrafo, e l entità giuridica così risultante viene considerata a tutti gli effetti una società di diritto indiano, soggetta all applicazione delle norme del Company s Act del 1956 e alla tassazione propria delle società residenti. Il capitale sociale minimo richiesto per la costituzione di una Private limited company (la forma societaria maggiormente utilizzata, assimilabile alla nostra società di capitali non quotata) è pari a rupie (all incirca pari a 1.800,00 euro), ed è sempre necessaria la presenza di 2 soci, non esistendo nel sistema giuridico indiano la possibilità di costituire una società unipersonale. Nel caso 2), la società straniera costituisce in India una società controllata al 100%, che viene considerata agli effetti legali e fiscali una società di diritto indiano ai sensi del Company s Act del A seconda del tipo di attività svolta, la costituzione della succursale indiana può avvenire attraverso la procedura automatica, ovvero previa autorizzazione governativa: la prima ipotesi si verifica quando la società straniera opera in un settore merceologico per il quale le Fdi policie consentono l ingresso di capitali stranieri per via automatica al 100% (2), mentre sarà necessario al contrario richiedere l autorizzazione al Fipb per tutte le attività nelle quali è consentito l investimento straniero al 100% che non rientrano nell ambito applicativo della procedura automatica (3). La seconda opzione è costituita dall apertura di uffici o filiali privi di personalità giuridica, soggetti comunque all obbligo di iscrizione presso il registro delle imprese (Registrar of Companies Roc) entro 30 giorni dall inizio dell attività (4). Si tratta, in particolare, di: a. ufficio di rappresentanza liaison office In India, l ufficio di rappresentanza non può svolgere alcuna attività commerciale diretta (2) Ciò è consentito nei seguenti settori: costruzioni di aeroporti (nuovi progetti), depositi e impianti di produzione del caffé e della gomma, miniere di carbone e lignite per il consumo passivo di progetti energetici, ferro e acciaio, produzione di cemento, progetti di costruzione edile, comprese le abitazioni private, i siti commerciali, gli alberghi, scuole, città satellite, la floricoltura, orticultura, piscicoltura, coltivazione di vegetali e funghi, attività mineraria di estrazione di pietre preziose, oro, argento e minerali, raffinazione in caso di società private, imprese finanziarie e sevizi di consulenza agli investimenti, petrolio e gas naturale, elettricità, produzione di apparecchiature per telecomunicazioni, commercio all ingrosso cash and carry, esportazione, e tutte le attività commerciali insediate in una Zona economica speciale. (3) Si tratta delle seguenti attività: progetti già esistenti di aeroporti, trasmissione di canali televisivi che non trattano notizie e attualità, attività soggette al rilascio di licenza industriale, servizio di corriere e distribuzione pacchi, pubblicazione di riviste scientifiche e giornali specializzati, settore del tè e delle piantagioni del tè, servizi internet Isp senza portali, fornitori di infrastrutture di fibre scure, posta elettronica e voice mail, commercio di prodotti riservati alla piccola impresa. (4) La disciplina di tali entità è contenuta nella notificazione Fema (Federal Exchange Managment Act) n. 22/00-RB del 3 marzo 2000, consultabile in Pagina 7 di 14

8 o indiretta e, quindi, non può produrre reddito nel paese. Essa può solamente svolgere ricerche di mercato, promuovere l attività di import/export fra paese straniero ed India ed agevolare i contatti commerciali e finanziari fra società madre straniera e filiale/joint-venture indiana. L ufficio di rappresentanza può operare grazie alle rimesse in valuta estera provenienti dalla casa madre straniera, che vengono accreditate su uno speciale conto corrente (QA22C) abilitato soltanto a ricevere flussi monetari dall estero. L autorizzazione ad aprire un ufficio di rappresentanza è concessa dalla Reserve Bank of India in un tempo che varia dalle 2 alle 5 settimane, per un periodo (prorogabile) di 3 anni. b. ufficio progetto project office Le aziende straniere che intendano eseguire un determinato progetto in India, e abbiano sottoscritto, al riguardo, un contratto con un impresa locale, possono aprire un ufficio progetto, finanziato con rimesse provenienti dall estero. L ufficio progetto non può intraprendere alcuna attività estranea al progetto stesso e, una volta esaurita la sua esecuzione, deve necessariamente cessare la propria attività e rimpatriare l intera plusvalenza conseguita, al netto delle detrazioni fiscali. Anche l apertura di un ufficio progetto è condizionata all autorizzazione della Reserve Bank of India accordata, a seconda dei casi, in circa 3 5 settimane. c. filiale branch office Secondo le linee guida offerte dalla Reserve Bank of India, le imprese straniere che svolgono attività manifatturiera e di commercio estero, o le compagnie aeree o di navigazione straniere, possono costituire in India una filiale per importare/esportare beni, offrire servizi di consulenza ed effettuare ricerche di mercato, promuovere collaborazioni tecnico-finanziarie fra società indiane e società madre del gruppo estera, rappresentare in India la società madre straniera e fungere da ufficio vendite e acquisti in India, rendere servizi di assistenza tecnica dei prodotti forniti dalla casa madre straniera. La filiale non può svolgere direttamente attività manifatturiera, ma può concludere accordi di sub-fornitura con imprese manifatturiere indiane e svolgere attività commerciale. Analogamente all ufficio di rappresentanza ed al project office, la filiale viene legalmente ritenuta un estensione della casa madre straniera, non come entità separata entità di diritto indiano, e conseguentemente il reddito da essa prodotto viene considerato quale reddito della casa madre; pertanto, i proventi ricavati dall attività posta in essere dalla filiale sono soggetti alla tassazione del 41,82% (applicabile alle imprese straniere), in luogo di quella del 36,6%, applicabile alle imprese residenti (aliquote 2006). Poiché l Italia e l India hanno firmato un trattato sulla doppia imposizione (trattato 19 febbraio 1993, ratificato con legge n. 319/95, in vigore dal 23 novembre 1995), le tasse pagate in India sul reddito ivi prodotto dal branch office possono essere dedotte dalle tasse complessive pagate dalla casa madre in Italia. Anche la costituzione di un branch office è soggetta all autorizzazione della Reserve Bank of India, generalmente concessa nell arco temporale di 2/4 settimane. Se la filiale viene costituita all interno di una Zona economica speciale, per svolgere un attività per la quale le Fdi policie consentono l investimento straniero al 100%, non è necessaria alcuna autorizzazione. La terza opzione è costituita dalla stipula di joint-venture contrattuali, in particolare accordi di trasferimento di tecnologia e know-how ed accordi di licenza di marchi o brevetti. Gli accordi di collaborazione tecnologica fra un impresa straniera ed un impresa indiana sono permessi attraverso 2 distinte modalità: Pagina 8 di 14

9 a. per via automatica (mediante semplice comunicazione alla Reserve Bank of India), qualora le parti abbiano stabilito il pagamento di una somma unica quale corrispettivo del trasferimento della tecnologia (lump sum) non eccedente i 2 milioni di dollari Usa, ovvero una royalty fino ad un massimo del 5% sulle vendite domestiche e dell 8% per le vendite all estero, senza alcun limite di durata; b. previa autorizzazione governativa (concessa dal Project Approval Board - Pab), nei casi in cui: l impresa straniera abbia già precedentemente siglato con un azienda indiana un accordo di collaborazione tecnologica o finanziaria nel medesimo settore merceologico; in caso di attività per la quale sia richiesta una licenza industriale; nel caso in cui il pagamento delle royalty sia stato concordato in misura superiore agli importi ed alle percentuali indicate al punto a. Gli accordi di licenza di un marchio che non contengono contestualmente alcun trasferimento di tecnologia sono sottoposti ad approvazione automatica se prevedono il pagamento di una royalty fino all 1% per le vendite domestiche e fino al 2% per le vendite all estero. LE ZONE ECONOMICHE APECIALI (SPECIAL ECONOMIC ZONES SEZS) Seguendo in parte il successo del modello cinese, al fine di incentivare ulteriormente lo sviluppo economico e, in particolare, le esportazioni, l ordinamento indiano ha recentemente consentito l istituzione, in determinate aree del paese, di Zone economiche speciali - Sezs, che vengono considerate a tutti gli effetti zone franche e godono, quindi, di notevoli benefici fiscali e doganali. Lo Special economic zones act del 28 novembre 2005 (entrato in vigore il 10 febbraio 2006), le Special economic zones rules approvate il 10 febbraio 2006, la successiva implementazione n. F. 5 gennaio Sez del 3 agosto 2006 del Ministero del Commercio e dell Industria (sezione Sez), e la recente modifica operata dalla notificazione S.o. 393 (E) del 17 marzo 2007 individuano 3 diversi tipi di Zone economiche speciali, ed offrono alle imprese (sia indiane che straniere) 2 distinte opzioni: costituire ex novo una Zona economica speciale, divenendone, quindi Developer (sviluppatore) (Rules 3 16 dello Sez Act 2005); insediare un unità (unit) in una Zona economica speciale già esistente. Per l imprenditore straniero, in entrambi i casi, secondo quanto reso noto dalle note stampa nn. 9/00, 2/06 e 4/06, gli investimenti diretti (Fdi) sono ammessi, all interno delle Sez, fino al 100%, ad esclusione dei seguenti settori: armi e munizioni, sostanze atomiche, esplosivi, narcotici e sostanze psicotrope, distillazione di bevande alcoliche, sigarette, sigari e derivati del tabacco. Costituzione di una nuova Zona economica speciale Qualora un azienda (o più imprese), o un Governo locale, intenda istituire una nuova Sez, dopo avere identificato l area di interesse, deve presentare una domanda all ufficio ad hoc istituito presso il Governo centrale (Board of Approval Boa), che può rigettare o autorizzare il progetto proposto, accordando, in quest ultimo caso la Letter of Approval Loa, valida per il periodo di 3 anni, e necessaria per iniziare l urbanizzazione dell area individuata come Zona economica speciale. Pagina 9 di 14

10 A seguito della concessione dell autorizzazione, e una volta che il Developer ha specificato le esatte caratteristiche e le dimensioni dell area, il Governo centrale deve ufficialmente notificare la costituzione della Sez, e procedere contestualmente alla classificazione della zona come: Sez multisettoriale, o multiprodotto (Multi Product Sez), all interno della quale è consentita la produzione di merci appartenenti a 2 o più settori merceologici, o l offerta di 2 o più diversi tipi di servizi; Sez settoriale, o monoprodotto (Sector Specific Sez); Free Trade and Warehousing Zone (Ftwz), ossia una zona destinata esclusivamente al commercio e all immagazzinamento delle merci (5). La qualificazione della Sez secondo una delle tipologie sopra illustrate non identifica soltanto il tipo di attività/produzione che può essere svolta al suo interno, ma determina altresì l estensione minima dell area, nonché la percentuale di terreno che deve essere adibita a produzione (processing area) e la percentuale riservata alle abitazioni, scuole, ospedali, hotel e ristoranti (6). Successivamente alla notifica ufficiale dell esistenza della Sez, il Governo centrale deve nominare un Commissario allo sviluppo (Development Commissioner), che ha il compito di promuovere l export dalla Sez, di assistere gli imprenditori nell insediamento di un unità all interno della Sez, di monitorare l attività del Developer e di riferire al Governo centrale. Inoltre, entro 6 mesi dalla data di costituzione della Sez, il Governo centrale deve altresì nominare un Comitato di approvazione (Approval Committee), che ha il compito di approvare le importazioni dei beni o dei servizi effettuate dal Developer per lo sviluppo dell area, di monitorare l utilizzo dei beni, dei servizi, o il commercio e l immagazzinamento delle merci, e di esaminare le proposte di insediamento di unità all interno della Sez che vengono inoltrate al Commissario di sviluppo, gestire gli investimenti stranieri diretti e gli accordi di collaborazione con soggetti stranieri. Il Developer, in quanto promotore dell iniziativa, nonché sostenitore di tutti i costi di sviluppo ed urbanizzazione primaria, gode di particolari benefici, che consistono, anzitutto, nella possibilità di importare tutti i beni/materiali necessari allo sviluppo, all urbanizzazione ed alla manutenzione della Sez, senza pagare alcun dazio doganale, o altra tassa (v. Notification n. 58/03-Ce del 22 luglio 2003), di poter allocare liberamente i lotti da destinare ad unità produttive (nel rispetto delle percentuali stabilite dalla legge in funzione del tipo di attività svolta all interno della Sez), o a zone residenziali, a propria discrezione e di fornire alle unità produttive i servizi primari, quali l acqua, l elettricità, ecc. (5) La disciplina normativa delle Ftwz, precedentemente contenuta nel Foreign Trade Policy 1 settembre 2004, è stata ora assorbita dalla integralmente dal Sez Act e dalle Sez Rules. (6) La sezione 5 delle Sez Rules 2006 prescrive, infatti, delle dimensioni minime che deve possedere l area destinata a diventare Zona economica speciale: se si tratta di multi-product Sez (ossia di zona all interno della quale verranno prodotti beni o servizi appartenenti a 2 o più settori merceologici diversi), l area deve avere un estensione di un minimo di ettari, di cui almeno il 25% destinato alla produzione (processing zone), ed il restante 75% allo sviluppo residenziale o commerciale (se si tratta, però, di Sezs costituite all interno di un porto od aeroporto l estensione può essere pari ad almeno 100 ettari); se si tratta di Sez monosettoriale (sector specific Sez), l area deve essere pari ad almeno 100 ettari; nei settori in cui l India è fortemente competitiva, è consentita la costituzione di Sez monosettoriali di dimensioni inferiori: metri quadrati per lo sviluppo di biotecnologie ed energie alternative, metri quadrati per il commercio di gioielli e pietre preziose, metri quadrati per lo sviluppo di software e hardware; se si tratta di free trade and warehousing zones, l area deve avere un estensione pari a 40 ettari, di cui non più del 20% può essere adibito a zona produttiva. Pagina 10 di 14

11 Inoltre, ai sensi delle sezioni 80-IA e 80-IAB dell Income Tax Act (come modificato dal Finance Act del 2002), il Developer beneficia dell esenzione fiscale dalla tassa sul reddito per il periodo di 10 anni consecutivi nell arco di un periodo di 15 anni, dell esenzione dal pagamento di dazi doganali sui beni o servizi importati ed esportati, dell esenzione dall accise, dell esenzione dalla tassa sui servizi (laddove applicabile) e dell esenzione dell imposta sui dividendi (v. sezione 115-O (6) dell Income Tax Act). Il Governo centrale può decidere motu proprio di costituire una Sez, notificandone direttamente l istituzione e la classificazione, senza seguire alcuna ulteriore procedura. Attualmente, sono operative sul territorio indiano 19 Sez (7), ed altre 63 sono già state approvate dal Governo, e si trovano in fase di costituzione. Insediamento di una unit in una Zona economica speciale già esistente Un impresa (indiana o straniera) può decidere di insediarsi all interno di una Sez già costituita ed operativa in un determinato settore, o in più settori merceologici, o in una Ftwz. A tal fine, è necessario ottenere un autorizzazione (Letter of Permit Lop) rilasciata dal Comitato di approvazione (Approval Committee) presente all interno di ogni Sez, valida per un periodo di 5 anni, rinnovabile - su richiesta dell impresa interessata - per ulteriori periodi di 5 anni. La Lop contiene l indicazione dell attività che l unità richiedente potrà svolgere all interno della Sez, e costituisce altresì licenza per svolgere tutte le attività d impresa, compresa la fornitura delle materie prime. I vantaggi per l impresa, derivanti dall insediamento all interno di una Sez, sono i seguenti: nessun limite all esportazione dei prodotti o dei servizi; nessuna licenza richiesta per l importazione; esenzione dall obbligo di possedere licenze industriali nei settori riservati alle piccolemedie imprese; esenzione del 100% dalla tassa sul reddito per i primi 5 anni ed al 50% per i 2 anni successivi; esenzione dal pagamento delle imposte indirette, dall imposta sul consumo e sulla vendita e dalla tassa di servizio; esenzione dalle imposte sull importazione dei beni necessari allo sviluppo, la gestione e la manutenzione dell unità posta all interno della Sez; possibilità di mantenere il 100% delle entrate in valuta estera su un conto corrente in valuta estera; facoltà di rimpatriare i profitti; esenzione al versamento dei contributi previdenziali dei lavoratori per un periodo di 5 anni; agevolazioni nella tenuta della documentazione doganale relativa all import/export. Per contro, per mantenere l attività all interno della Sez, l unità deve presentare ogni anno un Net Foreign Exchange (guadagno netto in valuta straniera) positivo, deve sottostare al monitoraggio (con esito positivo) del sovrintendente alle dogane e del Development Commissioner, nonché fornire trimestralmente a quest ultimo i dettagli riguardanti le importazioni e le esportazioni. (7) Si tratta delle Zone economiche speciali insediate prima dell entrata in vigore dello Sez Act del 2005: Seepz Sez (Mumbai - Maharashtra), Kandla Sez (Kachchh - Gujarat), Cochin Sez (Cochin Kerala), Madras Sez (Chennai Tamil Nadu), Visakhapatnam Sez (Visakhapatnam Andhra Pradesh), Falta Sez (Kolkata West Bengal), Noida Export Processing Zone (Gautam Budh Nagar Uttar Pradesh), Surat Sez (Sachin Surat), Manikanchan Sez (Kolkata West Bengal), Indore Sez (Indore), Jaipur Sez (Jaipur Rajasthan), Mahindra I (Information technology), Mahindra II (Accessori moda) e Mahindra III (componenti auto) Sezs (Chennai Tamil Nadu), Salt Lake Electronic City (Kolkata West Bengal), Moradabad Sez (Kanpur- Uttar Pradesh), Jodhpur Sez (Jaipur Rajasthan), Surat Apparel Sez (Gandhinagar Gujarat) e M/s Nokia India Pvt. Ltd (Sriperumbudur Tamil Nadu). Pagina 11 di 14

12 L unità può decidere in qualsiasi momento di lasciare il territorio della Sez (de-bond), previa approvazione del Development Commissioner ed il pagamento dei dazi sulle materie prime e le merci presenti in magazzino. Si precisa che la maggior parte degli Stati indiani (8) ha emanato una propria legislazione locale in materia di Sez, prevedendo particolari incentivi e requisiti a seconda della zona prescelta, ed alla quale, pertanto, occorre fare riferimento a completamento della normativa generale sopra illustrata. EXPORT ORIENTED UNITS, ELECTRONIC HARDWARE TECHNOLOGY PARKS, SOFTWARE TECHNOLOGY PARKS Oltre alla possibilità di costituire ex novo una Sez, o di insediare un unità produttiva all interno di una Sez già esistente, l ordinamento indiano prevede altri incentivi a favore delle imprese che intendono esportare integralmente la propria produzione, od istituire parchi industriali e tecnologici per lo sviluppo dell hardware, del software e delle biotecnologie. E consentita, in primo luogo, la costituzione di una Export Oriented Unit (Eou), figura introdotta dal Governo centrale indiano già dai primi anni 80 per incentivare le esportazioni, e la cui disciplina è attualmente contenuta nel capitolo 6 dell Exim Policy , e nell Handbook of Prodecures, Volume I-(Hop), così come modificato il 28 gennaio Si tratta di un modello abbastanza simile, quanto al funzionamento ed ai benefici fiscali concessi, a quello delle Zone economiche speciali, che prevede la possibilità di insediare un unità che esporta il 100% dei propri prodotti in un qualsiasi territorio dell India dichiarato dal Customs Act come warehousing zone (attualmente vi sono più di 300 aree contraddistinte da tale qualificazione), ovvero all interno di una Sez o in un parco tecnologico per lo sviluppo del software o dell hardware. Nel primo caso, l Eou è un entità, per così dire, isolata, che dipende dal Development Commissioner competente per territorio (9), e che, dopo l ottenimento della lettera di approvazione, deve autonomamente dotarsi delle necessarie infrastrutture e dell autorizzazione all esenzione dal pagamento dei dazi e delle tasse all esportazione. Nel secondo caso, l Eou sorge all interno di una zona già protetta e dotata di infrastrutture, e non deve avviare alcuna procedura per l ottenimento dell esenzione dai dazi e dalle imposte, visto che questa sussiste già di per sé all interno della Sez o del Ehtp/Stp. La costituzione di una Eou da parte di un imprenditore straniero è soggetta alla Fdi policy ed è quindi consentita in via automatica, o previa autorizzazione governativa, a seconda del settore merceologico e nelle percentuali di partecipazione riferite alla singola attività. L Industrial Park Scheme del 1 aprile 2002 ha, infine, introdotto la possibilità per gli investitori stranieri di costituire un parco tecnologico per lo sviluppo delle biotecnologie, del software e dell hardware, utilizzando integralmente capitali esteri. Le unità produttive inserite nel parco tecnologico beneficiano di particolari (8) Andhra Pradesh, Chandigarh, Gujarat, Jharkhand, Karnataka, Kerala, Madya Pradesh, Maharashtra, Orissa, Rajasthan, Tamil Nadu, Uttar Pradesh, West Bengal. (9) Ci sono 7 Development Commissioner, ciascuno competente per il proprio territorio, che sovraindendono le Eous e concedono le necessarie autorizzazioni ed esenzioni fiscali: a Mumbai, a Gandhidham, a Chennai, a Cochin, a Vizag, a Noida e a Calcutta. Pagina 12 di 14

13 vantaggi fiscali, fra i quali l esenzione totale dall imposta sul reddito secondo le regole di cui alla sezione 80 dell Income Tax Act, nonché di benefici fiscali per le importazioni. Anche la costituzione di un parco tecnologico deve sottostare alla disciplina degli investimenti stranieri diretti (Fdi) e, pertanto, a seconda del settore di attività, è consentita per via automatica, previa autorizzazione governativa. Attualmente risultano costituiti, ed operativi, i parchi tecnologici Mahindra Industrial Park Ltd, Cidco Mumbay, Maharashtra IT Park, Technopark Kerala, Infopark Kochi, L.& T. Infocity, Tidel Park e Ticel Bio Park Ltd. Pagina 13 di 14

14 GLOSSARIO Outsourcing Con questo termine viene indicata la situazione in cui un impresa esternalizza alcune fasi del processo produttivo, cioè ne affida l esecuzione ad altre imprese. E una parola di origine inglese che letteralmente significa approvvigionamento esterno. Joint Venture Attraverso una joint venture, due o più imprese stabiliscono di collaborare, pur rimanendo entità giuridiche distinte, per raggiungere un obiettivo come, ad esempio, la realizzazione di un progetto industriale o commerciale. Una joint venture è essenzialmente un accordo di collaborazione, secondo cui le realtà coinvolte prevedono di utilizzare sinergicamente le risorse di cui dispongono e, allo stesso tempo, di suddividere equamente i rischi legati all investimento.. Documento reperibile, assieme ad altre monografie, nella sezione Dossier del sito Documento pubblicato su licenza di WKI - Ipsoa Editore Fonte: Commercio Internazionale Quindicinale di diritto e pratica degli scambi con l estero, Ipsoa Editore Copyright: WKI - Ipsoa Editore Pagina 14 di 14

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y QATAR DISCIPLINA IMPORT EXPORT IN QATAR di Avv. Francesco Misuraca Regole dell import-export in Qatar Licenza d importazione, iscrizione nel Registro Importatori, altre regole La legge doganale del Qatar,

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Il Governo della Repubblica Italiana ed il Governo del Regno del Marocco (qui

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI

LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI Articolo 1 Son fissati, conformemente alle disposizioni del secondo alinea dell art. 45 della Costituzione, gli obiettivi fondamentali dell azione delo Stato, per i prossimi

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan

Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan Gian Angelo Bellati Segretario Generale Unioncamere Veneto Inaugurazione Consolato Onorario della Repubblica del Kazakhstan 29 gennaio 2013 Venezia www.unioncamereveneto.it

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza.

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza. Condizioni di utilizzo aggiuntive di Acrobat.com Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza. SERVIZI ONLINE ADOBE RESI DISPONIBILI SU

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI La Repubblica Italiana ed il Regno dell Arabia Saudita desiderando intensificare

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Lezione 8 Le strategie dell internazionalizzazione: gli investimenti diretti esteri Che cosa comporta realizzare un IDE? Costituisce di norma la

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

(Atti legislativi) DIRETTIVE

(Atti legislativi) DIRETTIVE 28.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 94/1 I (Atti legislativi) DIRETTIVE DIRETTIVA 2014/23/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 26 febbraio 2014 sull aggiudicazione dei contratti

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo G ennaio 2015 L ACE L articolo 1 del decreto Salva Italia (D.L. n. 201 del 6 dicembre 2011, convertito con modificazioni nella L. n. 214 del 2011) ha

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION

POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION I. SCOPO POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION La corruzione è proibita dalle leggi di quasi tutte le giurisdizioni al mondo. Danaher Corporation ( Danaher ) si impegna a rispettare le leggi

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

Il REGIME FISCALE DEGLI STATI UNITI

Il REGIME FISCALE DEGLI STATI UNITI Il REGIME FISCALE DEGLI STATI UNITI Introduzione L imposta sul reddito delle persone fisiche Residenza Fiscale Aliquote 2004 L imposta sul reddito delle persone giuridiche (corporate tax) Aliquote 2004

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

www.unicreditprivate.it 800.710.710

www.unicreditprivate.it 800.710.710 www.unicreditprivate.it 800.710.710 Portfolio Life TM è la nuova soluzione finanziario-assicurativa Unit Linked a vita intera, realizzata da CreditRas Vita S.p.A. in esclusiva per UniCredit Private Banking.

Dettagli

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA I DESTINATION CENTER I Destination Center COS è UN DESTINATION CENTER? SHOPPING SPORT DIVERTIMENTO Un Destination Center e una combinazione di aree tematiche,

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI rev.0 -data:pagina 1 di 10 TTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: 01 COM 1- Esercizio di vicinato: (Sup di vendita fino a 250 mq.) apertura, trasferimento di sede, ampliamento della superficie, subentro, cessazione,

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina. Data evasione. Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098

ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina. Data evasione. Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098 Vs. richiesta su ZHEJIANG YUEJIN IMPORT CO LTD - Cina Recte ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina Cliente ALFA SPA Data evasione Redattore E.L./FC Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098 Zhejiang Yuejin

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico COMUNICATO Energia: da aprile ancora in calo la bolletta elettricità, -1,1%, e forte riduzione per il gas -4,0% sull anno risparmi per 75 euro

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

Note e informazioni legali

Note e informazioni legali Note e informazioni legali Proprietà del sito; accettazione delle condizioni d uso I presenti termini e condizioni di utilizzo ( Condizioni d uso ) si applicano al sito web di Italiana Audion pubblicato

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2 5.2.4 DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI Bellinzona, gennaio 2009 CIRCOLARE N. 4/2008 Abroga la circolare n. 4/2007 del gennaio 2008 DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2 2. Scuole

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

FOCUS ON Iran, alla rincorsa del tempo perduto

FOCUS ON Iran, alla rincorsa del tempo perduto FOCUS ON Iran, alla rincorsa del tempo perduto A cura dell Ufficio Studi Economici EXECUTIVE SUMMARY Il raggiungimento di un accordo sul nucleare iraniano potrebbe aprire interessanti opportunità per le

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito OdV Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito di Sebastiano Di Diego* Nell articolo viene descritto il variegato regime fiscale, ai fini IRES, delle associazioni

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4 I SUSSIDI ALLE ESPORTAZIONI NELL AGRICOLTURA E NEI SETTORI AD ALTA TECNOLOGIA 10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole

Dettagli

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Articolo 1 Oggetto e Ambito di applicazione dell Accordo Le autorità

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella La sentenza n. 12581 del 2010 1 della Corte di cassazione è parte di un gruppo di recenti sentenze 2, le prime a intervenire

Dettagli

Gestione Servizi Doganali

Gestione Servizi Doganali Gestione Servizi Doganali GESTIONE SERVIZI DOGANALI Background La gestione delle attività dogali di import/export o transito richiede da sempre figure specializzate all interno delle aziende in grado di

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli