FONDO PENSIONE DEL GRUPPO UBI BANCA DELLA BANCA POPOLARE DI BERGAMO E DELLE ALTRE SOCIETA CONTROLLATE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FONDO PENSIONE DEL GRUPPO UBI BANCA DELLA BANCA POPOLARE DI BERGAMO E DELLE ALTRE SOCIETA CONTROLLATE"

Transcript

1 FONDO PENSIONE DEL GRUPPO UBI BANCA DELLA BANCA POPOLARE DI BERGAMO E DELLE ALTRE SOCIETA CONTROLLATE Iscritto all Albo dei Fondi Pensione al n Bilancio al 31 Dicembre 2013 Signori Soci, prima di esaminare il bilancio relativo all esercizio chiuso al 31 Dicembre 2013, Vi informiamo che nel corso del 2013 è stata data attuazione all accordo stipulato tra le Parti negoziali in data 23 Aprile in occasione della fusione di Centrobanca in Ubi che, conseguentemente all integrazione datoriale, auspicava anche una razionalizzazione tra i Fondi Pensione presenti nelle due Società. Al termine dell iter di approvazione, è stato pertanto sottoscritto lo scorso 17 Dicembre 2013 l atto di fusione per incorporazione del Fondo Centrobanca nel Fondo del Gruppo Ubi, con effetto dal 1^ Gennaio A seguito della suddetta operazione nr. 274 Soci del Fondo ex Centrobanca sono confluiti nel nostro Fondo. A seguito degli effetti giuridici e civilistici della fusione, il Fondo incorporante, avendo assunto tutti i diritti, le attività e gli oneri del Fondo incorporato e subentrando negli obblighi previsti dalla Legge, provvede a sottoporre all approvazione della prossima Assemblea dei Soci del Fondo Pensione Ubi i due rendiconti, redatti come previsto dalla normativa in vigore. Si riporta in calce al presente fascicolo un prospetto di bilancio aggregato pro-forma, per dare evidenza di quali sarebbero state le risultanze nel caso in cui l operazione di fusione avesse avuto effetto già dal 1^ Gennaio

2 Com è tradizione, è opportuno soffermarsi su alcuni punti di rilievo. Per quanto riguarda l andamento dell investimento mediante polizza di Ramo I^, osserviamo che il Tasso di Rendimento Unico netto risulta pari: - al 3,80% per i versamenti effettuati sino al 31/12/2012, derivante dalla media ponderata dei rendimenti certificati dalle gestioni Speciali delle tre Compagnie che sino a tale data hanno operato in coassicurazione: 38% Aviva Assicurazioni, 38% Allianz, 24% Generali - al 3,70% per i versamenti effettuati nell anno 2013, derivante dalla sola gestione separata Armonium a seguito del recesso che Allianz e Generali hanno esercitato con motivazioni di sopravvenuta onerosità per le Compagnie stesse, delle condizioni economiche in corso. Dal 1^ Gennaio 2014 la Convenzione è stata rinnovata con Aviva Assicurazioni Vita (gestione Armonium) e Generali (gestione Gesav) in coassicurazione ciascuna per il 50% e prevede condizioni sostanzialmente in linea con quelle precedenti oltre che vantaggiose nei confronti del mercato: - una durata di sette anni - il mantenimento della tavola demografica IPS55 per la conversione in rendita del capitale maturato - il mantenimento della garanzia di rendimento minimo, ridotta al 2% in luogo del precedente 2,5% per i nuovi contributi versati per tutto il periodo di vigenza della convenzione, fermo restando il riconoscimento del miglior rendimento eventualmente ottenuto dalle Gestioni Interne Separate, - l applicazione dello 0,50% in luogo dello 0,30%, quale minimo trattenuto dalle compagnie di assicurazione sul rendimento ottenuto dalle rispettive Gestioni Interne Separate - la conferma delle commissioni di ingresso nella misura dell 1,90% sui contributi mensili e la loro riduzione allo 0,50%, con il massimo di 50 euro, sulle somme trasferite da altro Fondo Pensione o riallocate da altra linea di gestione. Riguardo alle rivalutazioni passate, nel 2012 il tasso di rendimento unico è stato del 3,62%, nel 2011 del 3,88% e nel 2010 del 3,82%. Il risultato conseguito si può quindi ritenere soddisfacente. In tema di polizze di Ramo I, desideriamo informarvi che è sempre attivo un sistema di controllo delle singole posizioni degli Associati, volto a verificare la congruità delle rendite iniziali e delle successive rivalutazioni. Per ciò che concerne il rendimento della gestione mediante Convenzione assicurativa di Ramo VI, operata attraverso il ricorso a quattro linee di investimento (gestione multicomparto) - che costituisce dal 2002 l alternativa offerta ai Soci all investimento mediante Polizza di Ramo I anche il 2013 si è rivelato un anno molto positivo sotto il profilo dei risultati ottenuti. 2

3 Il forte trend positivo ha interessato tutte le linee e i valori delle quote che, alla data del 31/12/2013 rispetto al 31/12/2012 passano, per la linea monetaria da 12,894 a 12,991 (+0,75% rispetto al 2012), per la linea bilanciata obbligazionaria da 13,695 a 14,443 (+5,46% rispetto al 2012), per la linea bilanciata da 12,00 a 13,182 (+9,85% rispetto al 2012) e per la linea bilanciata azionaria da 10,874 a 12,268 (+12,82% rispetto al 2012). Nel corso del 2013 gli asset finanziari ritenuti più rischiosi, come le azioni e le emissioni sovrane dei paesi cosiddetti periferici, hanno generalmente evidenziato un trend rialzista, registrando a fine anno delle variazioni positive rispetto alla chiusura del Le incertezze che si sono manifestate riguardo all evoluzione del quadro congiunturale mondiale, le preoccupazioni circa le prospettive di alcuni paesi dell area Euro e le difficoltà incontrate nella gestione del limite del debito debt ceiling da parte delle autorità statunitensi sono state controbilanciate dalle azioni di coloro che decidono la politica policy makers in ambito fiscale e monetaria. I momenti di maggiore stress sui mercati, con un inasprimento delle condizioni finanziarie, si sono registrati proprio nelle fasi in cui si rafforzavano le aspettative per la fine dell allentamento quantitativo da parte della FED. Nella parte finale dell anno, parallelamente al mantenimento di politiche monetarie molto espansive nelle principali aree economiche, la ricerca di rendimento da parte degli investitori ha supportato la domanda di attività con un profilo di rischio più elevato. Ubi Pramerica sgr, cui è delegata la gestione delle linee di Ramo VI, relativamente alla gestione della componente obbligazionaria dei portafogli, in considerazione del livello dei tassi, ha mantenuto una prudenziale esposizione al rischio di duration in particolare nel primo semestre, riducendo il sottopeso verso la fine del Per quanto riguarda i titoli italiani, la duration è stata concentrata sulle scadenze brevi e sulla parte medio-lunga. Relativamente alla gestione della componente azionaria, la politica adottata da Ubi Pramerica sgr è stata caratterizzata dal mantenimento di un portafoglio titoli molto limitato, con un basso turnover, e dalla selezione di quelle società che si riteneva avessero oltre a caratteristiche qualitative eccellenti (settore di appartenenza, posizione di mercato, capacità e qualità del management) anche valutazioni particolarmente attraenti. Dal punto di vista settoriale il processo di selezione dei titoli ha generato un sottopeso dei settori bancario, servizi di pubblica utilità, materie prime e industriali e un sovrappeso di telecomunicazioni, beni di consumo non ciclici e tecnologia, con peso neutrale per il settore petrolifero. Ricordiamo che tutte queste informazioni sono dettagliatamente descritte nella nota informativa aggiornata al 31/12/2013, disponibile nel sito web del nostro Fondo. Ricordiamo altresì che occorre sempre tener presente che il Fondo Pensione è un piano di accumulo a lungo termine, il cui risultato va valutato nel medio/lungo periodo in considerazione dell impostazione scelta dall Assicurato. 3

4 Alla data del 31/12/2013 si è avuto un incremento del numero di Soci che hanno optato per il sistema di investimento mediante Convenzione assicurativa di Ramo VI, scegliendo in tal modo di ripartire su più linee la propria posizione: il numero delle adesioni è salito a (erano 992 al 31/12/2012) ed in particolare le adesioni alla linea bilanciata azionaria sono n. 533, alla linea bilanciata n. 264, alla linea bilanciata obbligazionaria n. 226 e alla linea monetaria n. 84. Il nostro Ente conta alla data del 31 dicembre 2013 n Soci, di cui in servizio e dunque in fase di contribuzione attiva, sia da parte delle Banche che del Dipendente. Per quanto riguarda i Pensionati che beneficiano delle rendite ex Accordo 21 marzo 1989, ai quali in forza dell Accordo del 17 ottobre 2000 è stata riconosciuta la facoltà di ritirare - a titolo di capitalizzazione del loro Fondo Pensione l intera riserva matematica accantonata presso il Fondo, si evidenzia che ad oggi solo 47 persone (erano 51 al 31/12/2012) continuano a preferire la rendita, che riscuotono tuttora, ed i cui oneri Ubi Banca resta in ogni caso obbligata ad integrare nel caso in cui una delle periodiche valutazioni attuariali di adeguatezza ne segnali la necessità. Passiamo quindi ad analizzare i rendiconti dei due Fondi formati, per quanto riguarda il Fondo Ubi da sei rendiconti: uno per la gestione previdenziale tipica di Ramo I, quattro per quella di Ramo VI, uno per la gestione previdenziale relativa ai beneficiari dell accordo del 21/03/89, come previsto dall organo di vigilanza COVIP e per quanto riguarda il Fondo ex Centrobanca da due rendiconti: uno per la strategia A (linea Garantita) e uno per la strategia B (linea Bilanciata) Bergamo, 9 Maggio 2014 FONDO PENSIONE DEL GRUPPO UBI BANCA DELLA BANCA POPOLARE DI BERGAMO E DELLE ALTRE SOCIETA CONTROLLATE Il Presidente Mario Zeni 4

5 BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2013 Stato Patrimoniale Conto Economico Nota integrativa 5

6 A. Caratteristiche strutturali del Fondo NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO CHIUSO AL 31/12/2013 Informazioni generali Il Fondo Pensione del Gruppo Ubi Banca, della Banca Popolare di Bergamo e delle altre Società controllate (di seguito il Fondo), iscritto all Albo dei Fondi Pensione al nr. 1175, è un Fondo a contribuzione definita costituito in data Il Fondo è disciplinato dall Accordo sottoscritto in data e successive integrazioni e modificazioni e beneficia delle prerogative dei cosiddetti vecchi fondi esistenti alla data del Il Fondo, che ha sede in Bergamo Piazza Vittorio Veneto, n. 8 presso la sede di Unione di Banche Italiane, ha operato nel corso dell anno 2013 attraverso il service amministrativo Accenture Managed Services (di seguito AMS), un gestore assicurativo di Ramo VI (Aviva Assicurazioni Vita Spa) e un gestore assicurativo per il Ramo I (Aviva Assicurazioni Vita Spa), sotto la vigilanza del Consiglio di Amministrazione; ai partners sopra citati si è aggiunta da 1^ Gennaio 2013 la Banca Depositaria (RBC) e dal 1^ Giugno 2013 l Advisor (Bruni e Marino). Al service amministrativo sono state affidate tutte le attività di tipo contabile e amministrativo per garantire la corretta tenuta dei dati relativi a ciascuno dei iscritti. La gestione si fonda sull utilizzo di una polizza assicurativa di Ramo I e su una gestione multicomparto operata attraverso una convenzione assicurativa di Ramo VI mediante il ricorso a quattro linee di investimento: 1) linea monetaria; 2) linea bilanciata obbligazionaria; 3) linea bilanciata; 4) linea bilanciata azionaria. Di queste ultime si rimanda il dettaglio alle singole note integrative, parte integrante del presente documento. Nella gestione di Ramo VI il gestore finanziario si occupa dell impiego del patrimonio del Fondo secondo le linee illustrate nella convenzione assicurativa di Ramo VI sottoscritta dal Fondo. Il Fondo mantiene la titolarità di tutto il patrimonio non espressamente coperto da garanzia (linea monetaria). B. Criteri di valutazione Il bilancio è stato predisposto in base alle disposizioni previste dalla Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione, pubblicate sul supplemento N. 162 alla Gazzetta Ufficiale del 14/07/1998 e sulle successive integrazioni pubblicate sulla Gazzetta Ufficiale del 09/02/2002 n. 34. Ad integrazione, ove necessario e ove applicabili, sono stati utilizzati i principi contabili predisposti dall Organismo Italiano di Contabilità. Per la redazione del bilancio sono stati applicati i seguenti criteri di valutazione: Cassa e depositi bancari Sono iscritti al valore nominale. Titoli emessi dallo Stato o da Organismi Internazionali e Titoli di debito quotati Valutati al valore di mercato del giorno di valorizzazione della quota. Per gli strumenti finanziari quotati a corso secco il valore viene espresso comprensivo del dietimo di interessi. Per i Titoli di Stato italiani viene utilizzato il prezzo ufficiale dell MTS, per i Titoli di Stato esteri, per quelli emessi da Organismi Internazionali e per i Titoli di debito quotati viene utilizzato il prezzo last del mercato principale. Titoli di capitale quotati Per i titoli di capitale quotati italiani viene utilizzato il prezzo ufficiale di borsa, mentre per i titoli di capitale quotati esteri viene utilizzato il prezzo last del mercato principale. Non ci si è avvalsi della facoltà consentita dalla Legge n. 2 del 28/01/2009 art. 15 comma 13 e successive integrazioni, relativa al riallineamento e alla rivalutazione volontaria di valori contabili. Non sono presenti nel portafoglio del Fondo strumenti finanziari non quotati. 6

7 Cambi Le attività e le passività denominate in valuta sono valutate al tasso di cambio ufficiale della BCE alla data di chiusura dell esercizio. Crediti e debiti I crediti sono iscritti in bilancio al valore nominale in quanto ritenuto coincidente con quello di realizzo, così come i debiti. Ratei e risconti Sono calcolati secondo il principio della competenza economica e temporale, in applicazione del principio di correlazione dei costi e dei ricavi in ragione di esercizio. Contributi previdenziali I versamenti degli associati sono rilevati secondo il principio di competenza. Oneri e proventi Sono stati rilevati nel rispetto del principio di competenza. I proventi possono essere costituiti da: interessi attivi, utili su valutazione titoli e altri strumenti finanziari, utili realizzati su vendite titoli ed altri strumenti finanziari. Gli oneri possono essere costituiti da: perdite su valutazione titoli e altri strumenti finanziari, perdite realizzate su vendite titoli ed altri strumenti finanziari, perdite giornaliere. Imposte La gestione Previdenziale del Fondo pensione è soggetta all imposta sostitutiva dell 11% sul risultato netto maturato in ciascun periodo di imposta. C. Criteri adottati per il riparto dei costi comuni Il bilancio del Fondo è formato da sei rendiconti: gestione previdenziale relativa ai beneficiari dell accordo 21 marzo 1989, gestione previdenziale tipica di Ramo I, gestione multicomparto di Ramo VI - linea monetaria, linea bilanciata obbligazionaria, linea bilanciata e linea bilanciata azionaria. I costi comuni relativi alla gestione amministrativa, al Collegio dei revisori, al Responsabile, ai consulenti ed ai contributi Covip, sono stati attribuiti alla gestione previdenziale di Ramo I e vengono integralmente ripianati dalle Banche del Gruppo Ubi Banca secondo le previsioni dell art. 10 dello Statuto. D. Criteri adottati per la determinazione del prospetto della composizione e del valore del patrimonio dei singoli comparti relativamente alla gestione previdenziale di Ramo VI Gli oneri e i proventi indicati nel prospetto riportato nella parte 3 delle disposizioni COVIP in materia di bilancio, sono stati valorizzati come descritto nel paragrafo B che precede. Il contenuto di ciascuna delle voci che vanno a determinare il valore della quota così come da schema indicato dalla Commissione di Vigilanza - è riportato nella tabella che segue. 7

8 Investimenti diretti Investimenti in gestione Attività della gestione amministrativa Proventi maturati e non riscossi Passività della gestione previdenziale Passività della gestione finanziaria Oneri maturati e non liquidati Fattispecie non presente Investimenti e depositi bancari affidati ai Gestori Finanziari e depositi bancari per l incasso dei contributi e il pagamento di prestazioni. Titoli da regolare conto vendita. Banca, cassa, anticipi a fornitori, risconti e ratei non finanziari. Ratei attivi finanziari e interessi valorizzati e non ancora accreditati. Debiti verso associati per posizioni valorizzate e non ancora liquidate. Titoli da regolare conto acquisto. Assenti. In corso d anno, gli oneri che gravano sui comparti sono rappresentati dalle commissioni di gestione e di passaggio tra linee di investimento, e sono stati quantificati come segue: Commissioni di gestione: vengono determinate in proporzione al patrimonio gestito da ciascun gestore. Si rimanda alla nota integrativa del comparto per il dettaglio. Commissioni di banca depositaria: sono determinate nella misura dello 0,025% del patrimonio, su base annua, alla data di calcolo della quota. Si rimanda alla nota integrativa del comparto per il dettaglio. E. Iscritti e beneficiari Sono associati al Fondo : a) i Dipendenti della UBI Banca già Associati al Fondo come Dipendenti della Banche Popolari Unite Scpa e della Banca Popolare di Bergamo Spa e già Dipendenti della Banca Popolare di Bergamo - Credito Varesino Scrl, in servizio alla data del 30 Giugno 2003; b) i Dipendenti della UBI Banca già Associati al Fondo come Dipendenti della Banche Popolari Unite Scpa e della Banca Popolare di Bergamo Spa, assunti ex novo successivamente al 30 giugno 2003; c) i Dipendenti della UBI Banca e della Banca Popolare di Bergamo assunti a partire dal 1 aprile 2007; d) i Dipendenti della UBI Banca, già Dipendenti della Banca Popolare di Bergamo Credito Varesino Scrl, ovvero della BPU Banca S.c.p.a. in servizio alla data del 31 marzo 2007, eventualmente non Associati al Fondo, che aderiscano volontariamente al Fondo secondo le modalità richieste dalla Legge; e) i dipendenti che accedono al Fondo di solidarietà per il sostegno del reddito, dell occupazione e della riqualificazione del personale del credito, di cui al DM 28 Aprile 2000 n. 158, nei limiti ed alle condizioni di cui agli accordi sindacali attuativi del medesimo e comunque fintanto ché restino beneficiari delle relative prestazioni straordinarie; f) gli iscritti per i quali siano venuti meno i requisiti di partecipazione e quelli per i quali siano maturati i requisiti di accesso alle prestazioni pensionistiche, i quali abbiano deciso la permanenza al Fondo; g) i pensionati beneficiari delle prestazioni previdenziali del Fondo, erogate sia in forma di rendita che di capitale; h) gli ex Dipendenti della Banca Popolare di Bergamo - Credito Varesino passati direttamente alle dipendenze di altra Società dell ex Gruppo Banca Popolare di Bergamo - C.V., già iscritti al Fondo alla data del 30 Giugno 2003, fintantoché restino alle dipendenze di Società del Gruppo Unione di Banche Italiane; i) gli iscritti che sono passati direttamente alle dipendenze di altra Società dell ex Gruppo Bancario Banche Popolari Unite, fintantoché restino alle dipendenze di Società del Gruppo Unione di Banche Italiane; l) gli iscritti che passano direttamente alle dipendenze di altra Società del Gruppo Unione di Banche Italiane, fintantoché restino alle dipendenze di Società del Gruppo Unione di Banche Italiane; m) i Dipendenti di Banche, Società ed Enti appartenenti al Gruppo Ubi a seguito di apposito accordo collettivo; n) i soggetti già beneficiari di prestazioni previdenziali erogate da forme pensionistiche complementari collettive istituite e/o operanti nell ambito del Gruppo Unione di Banche Italiane, a seguito di appositi accordi, anche collettivi, o deliberazioni degli organi competenti. 8

9 Gli iscritti al 31/12/2013 sono di cui 2014 iscritti non attivi e 168 percettori di rendite. Gli iscritti attivi sono 5.626, di cui iscritti alla gestione previdenziale di Ramo I e iscritti alla gestione previdenziale di Ramo VI. 614 aderenti versano su entrambi i Rami. Iscritti e beneficiari Aderenti al 31/12/2013 Aderenti al 31/12/2012 Iscritti attivi al 31 dicembre Iscritti non attivi al 31 dicembre Pensionati diretti percettori di rendite erogate dalla compagnia di assicurazione al 31 dicembre Pensionati diretti percettori di rendite erogate dal fondo ex accordo 21/03/89 al 31 dicembre Pensionati indiretti percettori di rendite erogate dal fondo ex accordo 21/03/89 al 31 dicembre Totale Nel corso del 2013 sono state erogate n 51 prestazioni in forma di capitale e n 273 anticipazioni, mentre nel corso del 2012 erano rispettivamente 137 prestazioni e 377 anticipazioni. La ripartizione degli aderenti attivi tra le linee di investimento di Ramo VI è la seguente: Comparto Aderenti al 31/12/2013 Aderenti al 31/12/2012 Linea Bilanciata Azionaria Linea Bilanciata Linea Bilanciata Obbligazionaria Linea Monetaria Totale 1.107* 992* * Presenza di iscritti aventi doppio comparto. F. Compensi ai revisori Nel corso del periodo amministrativo 2013 gli emolumenti per il Collegio dei Revisori sono stati i seguenti: Emolumenti a Revisori G. Ulteriori informazioni Si rammenta che l analisi dei comparti è rimandata ai singoli rendiconti e note integrative delle linee di investimento, che costituiscono parte integrante del presente documento. Tutte le tabelle sono espresse all unità di Euro. Ai sensi dell articolo 6, comma 14, del D.Lgs 5 dicembre 2005/252 e successive modifiche e integrazioni, si attesta che nella gestione delle risorse non sono stati presi in considerazione aspetti sociali, etici ed ambientali. 9

10 GESTIONE PREVIDENZIALE TIPICA RAMO I 10

11 STATO PATRIMONIALE ATTIVITA' Fase di accumulo 31/12/ /12/ Investimenti diretti Investimenti in gestione Garanzie di risultato acquisite sulle posizioni individuali 40 Attivita' della gestione amministrativa Crediti di imposta - - TOTALE ATTIVITA' FASE DI ACCUMULO PASSIVITA' Fase di accumulo 10 Passivita' della gestione previdenziale Passività della gestione finanziaria Garanzie di risultato riconosciute sulle posizioni individuali Passivita' della gestione amministrativa Debiti di imposta TOTALE PASSIVITA' FASE DI ACCUMULO ATTIVO NETTO DESTINATO ALLE PRESTAZIONI CONTO ECONOMICO DELL ESERCIZIO Fase di accumulo Saldo della gestione previdenziale Risultato della gestione finanziaria diretta Risultato della gestione finanziaria indiretta Oneri di gestione Margine della gestione finanziaria (20) + (30) + (40) Saldo della gestione amministrativa - - VARIAZIONE DELL'ATTIVO NETTO DESTINATO ALLE PRESTAZIONI ANTE 70 IMPOSTA SOSTITUTIVA(10)+(50)+(60) Imposta sostitutiva VARIAZIONE DELL'ATTIVO NETTO DESTINATO ALLE PRESTAZIONI (70)+(80)

12 STATO PATRIMONIALE 31/12/ /12/2012 ATTIVITA' Parziali Totale Parziali Totale Fase di accumulo 10 Investimenti diretti - - a) Azioni o quote di soc. immobiliari - - b) Quote di f.comuni di inv. immob. Chiusi - - c) Quote di fondi comuni di inv. mobil. Chiusi Investimenti in gestione a) Depositi bancari b) Crediti per operazioni di PCT - - c) Titoli emessi da Stato o organismi intern.li - - d) Titoli di debito quotati - - e) Titoli di capitale quotati - - f) Titoli di debito non quotati - - g) Titoli di capitale non quotati - - h) Quote di organismi di inv. collettivo - - i) Opzioni acquistate - - l) Ratei e risconti attivi m) Garanzia di risultato rilasciate al Fondo pensione - - n) Altre attività della gestione finanziaria - - o) Investimenti in prodotti assicurativi p) Altre attività della gestione assicurativa Garanzie di risultato acquisite sulle posizioni individuali - 40 Attività della gestione amministrativa a) Cassa e depositi bancari - - b) Immobilizzazioni immateriali - - c) Immobilizzazioni materiali - - d) Altre attività della gestione amministrativa e) Ratei e risconti attivi non finanziari Crediti di imposta - - a) Imposta sostitutiva DL 252/ TOTALE ATTIVITA' FASE DI ACCUMULO PASSIVITA' Fase di accumulo 10 Passività della gestione previdenziale a) Debiti della gestione previdenziale b) Altre passività della gestione previdenziale Passività della gestione finanziaria - - a) Debiti per operazioni di PCT - - b) Opzioni emesse - - c) Ratei e risconti passivi - - d) Altre passività della gestione finanziaria Garanzie di risultato riconosciute sulle posizioni individuali - 40 Passività della gestione amministrativa a) TFR - - b) Altre passività della gestione amministrativa Debiti di imposta a) Imposta sostitutiva DL 252/ TOTALE PASSIVITA' FASE DI ACCUMULO ATTIVO NETTO DESTINATO ALLE PRESTAZIONI

13 CONTO ECONOMICO Fase di accumulo Parziali Totale Parziali Totale 10 Saldo della gestione previdenziale a) Contributi per le prestazioni b) Anticipazioni c) Trasferimenti e riscatti d) Trasformazioni in rendita e) Erogazioni in forma di capitale f) Premi per prestazioni accessorie Risultato della gestione finanziaria diretta - - a) Dividendi - - b) Utili e perdite da realizzo - - c) Plusvalenza/Minusvalenze Risultato della gestione finanziaria indiretta a) Dividendi e interessi - - b) Profitti e perdite da operazioni finanziarie - - c) Commissioni e provvigioni su prestito titoli - - d) Proventi e oneri per operazioni di PCT - - Differenziale su garanzie di risultato rilasciato al Fondo e) pensione - - f) Rivalutazione posizioni individuali Oneri di gestione - - a) Società di gestione - - b) Banca Depositaria Margine della gestione finanziaria (20) + (30) + (40) Saldo della gestione amministrativa - - Contributi destinati alla copertura di oneri a) amministrativi b) Oneri per servizi amministrativi acquistati da terzi c) Spese generali ed amministrative d) Spese per il personale - - e) Ammortamenti - - f) Storno oneri amministrativi alla fase di erogazione - - g) Oneri e proventi diversi VARIAZIONE DELL'ATTIVO NETTO DESTINATO ALLE PRESTAZIONI ANTE IMPOSTA SOSTITUTIVA(10)+(50)+(60) Imposta sostitutiva a) Imposta sostitutiva VARIAZIONE DELL'ATTIVO NETTO DESTINATO ALLE PRESTAZIONI (70)+(80)

14 Analisi delle voci dello Stato Patrimoniale La politica di investimento della gestione previdenziale tipica di Ramo I è a carico della Compagnia assicuratrice Aviva Assicurazioni Vita Spa e non consente variabili opzionali al fine di personalizzare l investimento. La contribuzione relativa al TFR conferito tacitamente è destinata al Ramo I ed è conferita al Gestore assicurativo Aviva Assicurazioni Vita Spa. ATTIVITA 10. Investimenti diretti Il Fondo non effettua direttamente l investimento delle proprie risorse. 20. Investimenti in gestione Al 31/12/2013 gli investimenti in gestione sono pari a Euro Di seguito il dettaglio: a) Depositi bancari a) Depositi bancari 31/12/13 31/12/12 Banca C/C conto contributi Banca C/C conto prestazioni Totale l) Ratei e risconti attivi Al 31/12/2013 la voce è pari a Euro ed è composta dagli interessi attivi di conto corrente di competenza del 4 trimestre 2013 maturati e non ancora liquidati alla data del 31/12/2013. Di seguito il dettaglio: l) Ratei e risconti attivi 31/12/13 31/12/12 Ratei attivi Totale o) Investimenti in prodotti assicurativi Al 31/12/2013 la voce è pari a Euro e rappresenta il credito per le posizioni degli aderenti aperte presso il gestore assicurativo Aviva Assicurazioni Vita Spa (coincidente con l impegno complessivo del Fondo verso gli associati), costituito dai contributi previdenziali versati, incrementati della rivalutazione maturata sulle riserve al 31 dicembre o) Investimenti in prodotti assicurativi 31/12/13 31/12/12 Crediti verso Compagnia Assicurazione Totale

15 Quadratura premi 31/12/13 31/12/12 Premi versati Di cui: Premi per contributi versati Premi per trasferimenti in ingresso da altri Fondi Premi per Switch in ingresso da altre linee Premi lordi versati ad Aviva Assicurazioni Vita Spa Evoluzione della gestione previdenziale assicurativa 31/12/13 31/12/12 a) Patrimonio iniziale b) Conferimenti contributi pensionistici investiti in polizza c) Riserve liquidate in corso d anno ( valore lordo liquidato ) d) Rendimento su posizioni liquidate in corso anno e) Trasformazioni in rendita f) Rivalutazione riserva matematica g) Imposta sostitutiva 11% su rendimento Totale patrimonio finale ( a+b+c+d+e+f+g) p) Altre attività della gestione Assicurativa Al 31/12/2013 la voce è pari a Euro ed è così composta: p) Altre attività della gestione assicurativa 31/12/13 31/12/12 Crediti verso Compagnia per imposta sostitutiva 11% su posizioni attive Crediti per rimborsi oneri di funzionamento da incassare Crediti diversi Utilizzi Polizza Infortuni Utilizzi Polizza Vita caso Morte Totale Al 31/12/2013 le voci: b) Crediti per operazioni di PCT c) Titoli emessi da Stati o organismi internazionali d) Titoli di debito quotati e) Titoli di capitale quotati f) Titoli di debito non quotati g) Titoli di capitale non quotati h) Quote di organismi di investimento collettivo i) Opzioni acquistate m) Garanzia di risultato rilasciate al Fondo pensione n) Altre attività della gestione finanziaria sono pari a zero. 30. Garanzie di risultato acquisite sulle posizioni individuali Le garanzie di risultato acquisite sulle posizioni individuali, previste dall art.6, comma 4-ter, del decreto 124/93, stabiliscono che, al verificarsi delle condizioni stabilite dal regolamento ( esercizio del diritto alla prestazione pensionistica, trasferimento della posizione individuale, ecc..) e nel caso in cui il valore della posizione individuale sia inferiore a quello garantito, il gestore deve versare al Fondo, a favore del singolo iscritto, un importo pari alla 15

16 differenza tra i due valori. La voce è pari a zero in quanto la gestione Assicurativa si fonda sull utilizzo di polizze assicurative di Ramo I che riconoscono un rendimento annuo minimo. 40. Attività della Gestione Amministrativa Al 31/12/2013 le attività della gestione amministrativa sono pari a Euro Di seguito il dettaglio: a) Cassa e depositi bancari Al 31/12/2013 la voce è pari a zero. b) Immobilizzazioni immateriali Al 31/12/2013 non sono presenti immobilizzazioni immateriali. c) Immobilizzazioni materiali Al 31/12/2013 non sono presenti immobilizzazioni materiali. d) Altre attività della gestione amministrativa Al 31/12/2013 la voce è pari a Euro ed è così composta: d) Altre attività della gestione amministrativa 31/12/13 31/12/12 Crediti verso gestione previdenziale Crediti per interessi attivi destinati alla copertura degli oneri di funzionamento Crediti per rimborso oneri di funzionamento dell esercizio Risconti attivi non finanziari Totale La voce Crediti verso gestione previdenziale rappresenta l ammontare delle disponibilità di conto corrente relative alla copertura degli oneri amministrativi accantonate sul conto corrente contributi del Fondo al 31/12/ Crediti d imposta Al 31/12/2013 la voce è pari a zero. PASSIVITA 16

17 10. Passività della Gestione Previdenziale Al 31/12/2013 le Passività della gestione previdenziale sono pari ad Euro Di seguito il dettaglio: a) Debiti della gestione previdenziale Al 31/12/2013 la voce è pari a Euro ed è così composta: a) Debiti della gestione previdenziale 31/12/13 31/12/12 Debiti verso Erario Di cui: - per ritenute per ritenute per ritenute per ritenute per ritenute Debiti verso aderenti per prestazioni da liquidare Debiti verso Compagnia per contributi incassati da conferire Debiti per contributi incassati da trasferire al Ramo VI Debiti verso Ramo VI Debiti verso aderenti per rendite da liquidare 4 trimestre esercizio Totale b) Altre passività della gestione previdenziale Al 31/12/2013 le altre passività della gestione previdenziale sono pari a Euro e sono così composte: b) Altre passività della gestione previdenziale 31/12/13 31/12/12 Utilizzi Polizza Infortuni Utilizzi Polizza Vita caso Morte Debiti verso gestione amministrativa Debiti per imposta sostitutiva 11% su interessi attivi di conto corrente Debiti per oneri bancari da ricevere Totale Passività della Gestione Finanziaria Al 31/12/2013 le passività della gestione finanziaria sono pari a zero. Le voci: a) Debiti per operazioni PCT b) Opzioni emesse c) Ratei e risconti passivi d) Altre passività della gestione finanziaria sono pari a zero. 17

18 30. Garanzie di risultato riconosciute sulle posizioni individuali Le garanzie di risultato riconosciute sulle posizioni individuali, previste dall art.6, comma 4-ter, del decreto 124/93, stabiliscono che, al verificarsi delle condizioni stabilite dal regolamento ( esercizio del diritto alla prestazione pensionistica, trasferimento della posizione individuale, ecc..) e nel caso in cui il valore della posizione individuale sia inferiore a quello garantito, il gestore deve versare al Fondo, a favore del singolo iscritto, un importo pari alla differenza tra i due valori. La voce è pari a zero in quanto la gestione Assicurativa si fonda sull utilizzo di polizze assicurative di Ramo I che riconoscono un rendimento annuo minimo. 40. Passività della Gestione Amministrativa Al 31/12/2013 le passività della gestione amministrativa sono pari a Euro Di seguito il dettaglio: a) TFR Al 31/12/2013 la voce è pari a zero. b) Altre passività della gestione amministrativa Al 31/12/2013 la voce è pari a Euro ed è così composta: b) Altre passività della gestione amministrativa 31/12/13 31/12/12 Fondo comune previdenziale Debiti verso Fornitori Debiti verso Organi sociali Debiti verso Professionisti Risconti passivi non finanziari Debiti verso Erario per ritenute Irpef Debiti verso Inps Totale Debiti di imposta a) Debiti di imposta D.Lgs 252/2005 Il debito per imposta sostitutiva del periodo è pari a Euro ed è così composto: a) Debiti di imposta 31/12/13 31/12/12 Debiti per imposta sostitutiva su posizioni attive Debiti per imposta sostitutiva su posizioni liquidate Totale Attivo netto destinato alle prestazioni La voce ottenuta per differenza fra il totale delle Attività pari a Euro e il totale delle Passività pari a Euro è pari a Euro e rappresenta l ammontare rivalutato al dei contributi previdenziali versati dai Soci Aderenti e già investiti in premi assicurativi al lordo dell imposta sostitutiva 11% Dlgs 252/05 sulla rivalutazione dell anno Analisi delle voci del Conto Economico 18

19 10. Saldo della gestione previdenziale Il saldo della gestione previdenziale è pari a Euro ed è ottenuto dalla somma algebrica delle seguenti voci: a) Contributi per le prestazioni La voce, pari a Euro , comprende i contributi incassati nel corso del 2013 ed è così composta: a) Contributi per le prestazioni Contributi abbinati: Di cui: Quota a carico aderente Quota a carico azienda TFR Contributi da Trasferimento in ingresso Contributi da Switch in ingresso Utilizzi Polizza Infortuni Utilizzi Polizza caso morte Totale b) Anticipazioni La voce comprende il montante dei contributi liquidati agli aderenti in seguito a richiesta di anticipazione. Nel 2013 sono state liquidate anticipazioni per un totale pari a Euro b) Anticipazioni Anticipazioni Totale c) Trasferimenti e riscatti La voce comprende il montante dei contributi liquidati agli aderenti in seguito a richiesta di riscatto, di trasferimento ad altro Fondo ovvero di passaggio ad altro comparto. Nel 2013 sono stati liquidati riscatti e trasferimenti per un totale pari a Euro c) Trasferimenti e riscatti Riscatti ad aderenti Trasferimenti in uscita Swicth in uscita verso altri comparti Totale d) Trasformazioni in rendita La voce, pari a Euro , comprende il montante dei contributi liquidati agli aderenti in seguito a richiesta di erogazione rendite. d) Trasformazioni in rendita Trasformazioni in rendita Totale e) Erogazione in forma di capitale La voce, pari a Euro , comprende il montante dei contributi liquidati agli aderenti in seguito a richiesta di prestazioni pensionistiche. 19

20 e) Erogazioni in forma di capitale Erogazioni in forma di capitale Totale Al fine di una migliore rappresentazione in bilancio, a partire dal 2013, le prestazioni pensionistiche sono state riclassificate nella voce specifica Erogazioni in forma di capitale a differenza degli anni precedenti in cui erano incluse nella voce Trasferimenti e riscatti. Per garantire il principio della comparabilità, la stessa riclassificazione è stata eseguita anche per l anno f) Premi per prestazioni accessorie La voce comprende i contributi non accreditati alle posizioni individuali ma destinati al pagamento di premi per prestazioni accessorie ed è pari a Euro f) Premi per prestazioni accessorie Polizza Infortuni Polizza caso morte Totale Risultato della gestione finanziaria diretta La voce è pari a zero. 30. Risultato della gestione finanziaria indiretta La voce è pari a Euro ed è così composta: f) Rivalutazione posizioni Individuali La voce è pari a Euro quale conseguenza dei principi di rivalutazione enunciati in premessa. Le voci: a) Dividendi e interessi b) Profitti e perdite da operazioni finanziarie c) Commissioni e provvigioni su prestito titoli d) Proventi e oneri per operazioni di pronti contro termine e) Differenziale su garanzie di restituzione del capitale sono pari a zero. 40. Oneri di Gestione La voce è pari a zero in quanto ripianati integralmente dalle Banche del Gruppo Ubi Banca, secondo le previsioni dell art. 10 dello Statuto. 50. Margine della Gestione Finanziaria Il margine della gestione finanziaria è pari a Euro Saldo della Gestione Amministrativa Il saldo della gestione amministrativa è pari a zero. Lo stesso è dato dalla somma algebrica delle seguenti voci: 20

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. *** Nota informativa per i potenziali aderenti

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Stima della pensione complementare (Progetto Esemplificativo Standardizzato)

Stima della pensione complementare (Progetto Esemplificativo Standardizzato) (Progetto Esemplificativo Standardizzato) Il presente progetto esemplificativo contiene una stima della pensione complementare predisposta per consentirti una valutazione sintetica e prospettica del programma

Dettagli

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ Società del Gruppo ALLIANZ S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: SCHEDA SINTETICA

Dettagli

postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013

postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013 postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013 Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili Il presente Fascicolo Informativo contenente la Scheda Sintetica, la Nota Informativa,

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

Esempio basato sullo Schema di Comunicazione periodica. Iris

Esempio basato sullo Schema di Comunicazione periodica. Iris Uno Assicurazioni S.p.A. (Gruppo Lungavita) Iris PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. **** Comunicazione periodica agli iscritti

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: Scheda Sintetica; Nota Informativa; Condizioni di Assicurazione

Dettagli

postaprevidenza valore

postaprevidenza valore postaprevidenza valore Fondo Pensione Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo (PIP) Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. 5003 Nota Informativa per i potenziali Aderenti (depositata

Dettagli

Eurovita Forza 15 Coupon Contratto di assicurazione mista a prestazioni rivalutabili a premio unico con erogazione di cedole annuali

Eurovita Forza 15 Coupon Contratto di assicurazione mista a prestazioni rivalutabili a premio unico con erogazione di cedole annuali ED. LUGLIO 2013 Eurovita Forza 15 Coupon Contratto di assicurazione mista a prestazioni rivalutabili a premio unico con erogazione di cedole annuali Il presente Fascicolo Informativo, contenente la Scheda

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

VALORE 2.0. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili e a premio annuo indicizzato

VALORE 2.0. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili e a premio annuo indicizzato VALORE 2.0 Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili e a premio annuo indicizzato Il presente Fascicolo informativo, contenente: Scheda sintetica Nota informativa Condizioni di

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Contratto di assicurazione mista a premio unico con rivalutazione del capitale e cedola annua (Tariffa 21CM)

Contratto di assicurazione mista a premio unico con rivalutazione del capitale e cedola annua (Tariffa 21CM) Certezza Più Contratto di assicurazione mista a premio unico con rivalutazione del capitale e cedola annua (Tariffa 21CM) Il presente Fascicolo Informativo, contenente la Scheda Sintetica, la Nota Informativa,

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE BancoPostaFondi SGR BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE del Fondo Comune d Investimento Mobiliare Aperto Armonizzato denominato BancoPosta Obbligazionario

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman.

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman. La nuova PENSIONE MODULARE per gli Avvocati Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman Edizione 2012 1 LA NUOVA PENSIONE MODULARE PER

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

POPOLARE VITA S.p.A.

POPOLARE VITA S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA IN FORMA MISTA, A PREMIO UNICO CON RIVALUTAZIONE ANNUALE DEL CAPITALE (TARIFFA N. 560) Orizzonte Sicuro Il presente Fascicolo Informativo, contenente: la Scheda Sintetica;

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

NEW SECURITY ed. 12/12 PRIVATE EDITION

NEW SECURITY ed. 12/12 PRIVATE EDITION Linea Investimento NEW SECURITY ed. 12/12 PRIVATE EDITION Contratto di Assicurazione caso morte a vita intera a premio unico Il presente Fascicolo Informativo contenente: Scheda Sintetica, Nota Informativa,

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

INDICE NOTA DI SINTESI...

INDICE NOTA DI SINTESI... INDICE NOTA DI SINTESI................................................................................ Caratteristiche del fondo................................................................................................

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione Il monitoraggio della gestione finanziaria nei fondi pensione Prof. Università di Cagliari micocci@unica.it Roma, 4 maggio 2004 1 Caratteristiche tecnico - attuariali dei fondi pensione Sistema finanziario

Dettagli

COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione

COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Indagine conoscitiva sulla gestione del risparmio da parte dei Fondi pensione e Casse professionali, con riferimento agli investimenti mobiliari e immobiliari,

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

Allianz S.p.A. Divisione Allianz Subalpina Società appartenente al gruppo Allianz SE A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI GLOBAL FUTURO PIU

Allianz S.p.A. Divisione Allianz Subalpina Società appartenente al gruppo Allianz SE A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI GLOBAL FUTURO PIU Allianz S.p.A. Divisione Allianz Subalpina Società appartenente al gruppo Allianz SE CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI GLOBAL FUTURO PIU IL PRESENTE FASCICOLO

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO Edizione n. 26 del 03.07.2015 A. TASSO CREDITORE ANNUO NOMINALE GIACENZE FRUTTIFERE CONTO CORRENTE FREEDOM PIU... 1 B. TASSO

Dettagli

BNP Paribas CARDIF VITA Compagnia di Assicurazione e Riassicurazione S.p.A. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili

BNP Paribas CARDIF VITA Compagnia di Assicurazione e Riassicurazione S.p.A. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili BNP Paribas CARDIF VITA Compagnia di Assicurazione e Riassicurazione S.p.A. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili Mod. T915 Ed. 07/2014 BNL Risparmio Prodotto EVPH Il presente

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

Multiflex - Versione Unico Contratto di assicurazione sulla vita multiramo a premio unico

Multiflex - Versione Unico Contratto di assicurazione sulla vita multiramo a premio unico Chiara Vita T Multiflex - Versione Unico Contratto di assicurazione sulla vita multiramo a premio unico Il presente Fascicolo informativo, contenente: Scheda sintetica Nota informativa Condizioni contrattuali

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio.

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio. IL BILANCIO DELLE IMPRESE Le imprese sono aziende che hanno come fine il profitto. Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio INDICI DI BILANCIO 1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio Perché sia possibile un calcolo automatico degli indici di bilancio (ratios) è necessario che le informazioni siano memorizzate seguendo i

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti.

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. LINEA INVESTIMENTO GUIDA AI PRODOTTI Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti!

Dettagli

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed Appunti di Economia Capitolo 8 Analisi di bilancio Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed indipendenza

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

L Offerta di cui al presente Prospetto è stata depositata in CONSOB in data 31 gennaio 2008 ed è valida dal 1 febbraio 2008.

L Offerta di cui al presente Prospetto è stata depositata in CONSOB in data 31 gennaio 2008 ed è valida dal 1 febbraio 2008. Offerta pubblica di sottoscrizione di CAPITALE SICURO prodotto finanziario di capitalizzazione (Codice Prodotto CF900) Il presente Prospetto Informativo completo si compone delle seguenti parti: Parte

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

Fondo Nazionale Pensione a favore dei lavoratori del settore dell igiene ambientale e dei settori affini

Fondo Nazionale Pensione a favore dei lavoratori del settore dell igiene ambientale e dei settori affini Fondo Nazionale Pensione a favore dei lavoratori del settore dell igiene ambientale e dei settori affini LE REGOLE DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE DOMANDE PIU IMPORTANTI SUL FUNZIONAMENTO DI PREVIAMBIENTE

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 «Trattamento di fine rapporto e istituzione dei fondi pensione dei pubblici dipendenti». (Gazzetta Ufficiale n. 111 del 15 maggio 2000

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

INA ASSITALIA S.p.A. CRESCIAMO INSIEME. deve essere consegnato al Contraente prima della sottoscrizione della proposta di assicurazione.

INA ASSITALIA S.p.A. CRESCIAMO INSIEME. deve essere consegnato al Contraente prima della sottoscrizione della proposta di assicurazione. INA ASSITALIA S.p.A. Impresa autorizzata all esercizio delle Assicurazioni e della Riassicurazione nei rami Vita, Capitalizzazione e Danni con decreto del Ministero dell Industria del Commercio e dell

Dettagli

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni.

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni. GLOSSARIO ACCUMULAZIONE DEI PROVENTI Ammontare dei dividendi che sono stati accumulati a favore dei possessori dei titoli ma che non sono stati ancora distribuiti. ARBITRAGGIO Operazione finanziaria consistente

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

Corso di Matematica finanziaria

Corso di Matematica finanziaria Corso di Matematica finanziaria modulo "Fondamenti della valutazione finanziaria" Eserciziario di Matematica finanziaria Università degli studi Roma Tre 2 Esercizi dal corso di Matematica finanziaria,

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

DOCUMENTO SULL EROGAZIONE DELLE RENDITE

DOCUMENTO SULL EROGAZIONE DELLE RENDITE DOCUMENTO SULL EROGAZIONE DELLE RENDITE Il presente documento costituisce parte integrante della nota informativa della forma pensionistica individuale denominata Piano Individuale Pensionistico di tipo

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

PIÙ VALORE PRIVATE EDITION

PIÙ VALORE PRIVATE EDITION Linea Investimento Garantito PIÙ VALORE PRIVATE EDITION Assicurazione in caso di morte a vita intera a premio unico Il presente Fascicolo Informativo contenente: Scheda Sintetica, Nota Informativa, Condizioni

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli