Le parole di cui ci nutriamo. L italiano fra tradizione e modernità

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le parole di cui ci nutriamo. L italiano fra tradizione e modernità"

Transcript

1 Le parole di cui ci nutriamo. L italiano fra tradizione e modernità

2 ESPERIENZE Sono le persone, le loro idee e i loro progetti, che ogni giorno, nella scuola e nella società, danno significato e valore all apprendimento. Conoscere come lavorano, quali sono le passioni e le ragioni che orientano il loro agire è la via per trovare nuovi stimoli e nuove direzioni. RIFLESSIONI Apprendimento è cambiamento. E perché il cambiamento possa assumere senso e significati positivi è necessario che coinvolga e contamini i saperi, che trovi equilibrio fra tradizione e innovazione, che metta al centro i temi della cittadinanza e dell etica. RICERCHE Il lavoro dell editore è azione quotidiana. Questo vuol dire anche sperimentare, indagare, collaborare con enti e istituzioni, in Italia e nel mondo. Condividere i risultati delle nostre ricerche è un modo per essere in sintonia e in dialogo con chi opera nel campo dell apprendimento.

3 MAGAZINE > SAPERI > FORMAZIONE > AGGIORNAMENTO > COMPETENZE > CITTADINANZA > INTERCULTURALITÀ > IDENTITÀ > COLLABORAZIONE > DIALOGO > RICERCA > PROGETTAZIONE > VALUTAZIONE > INNOVAZIONE > TECNOLOGIE > LINGUAGGI Imparare è qualcosa che va di pari passo con la mancanza di paura. Marco Paolini is magazine è uno strumento di dialogo, servizio, condivisione. Due numeri l anno, in edizione cartacea e in versione digitale, scaricabili su computer, tablet e smartphone. NEWSLETTER is espresso è un appuntamento mensile di informazione e di intervento: attualità, approfondimenti, resoconti delle ricerche e delle attività in corso. SITO WEB is.pearson.it è l indirizzo web dove trovare tutti i materiali del progetto is, le espansioni multimediali e gli approfondimenti.

4 editoriale Nell intervista che apre questo numero, la presidente della Camera Laura Boldrini racconta il suo percorso formativo e professionale, insistendo sul ruolo che vi ha giocato il carattere multiculturale e multilinguistico della sua esperienza presso l ONU. Più oltre, un fisico e un filosofo, Giorgio Parisi e Mauro Ceruti, ci spiegano che cosa sia la complessità e come essa abbia bisogno di un linguaggio che la possa descrivere e concettualizzare. Mentre è chiaro che l educazione economica e finanziaria, nella quale è ormai impossibile non riconoscere una competenza-chiave di cittadinanza, si traduce innanzitutto nella padronanza di un lessico che è tecnico ma al tempo stesso, nell èra dello spread, parte del linguaggio quotidiano. Dunque: il linguaggio e la parola come strumenti di comprensione del mondo e di comunicazione interpersonale. Proprio qui si apre un problema, che un linguista non certo facile ai sensazionalismi come Tullio de Mauro denuncia in preoccupante crescita in Italia (oltre che in Europa): sempre di più sono quelli che sanno decifrare un testo ma non capirlo. Sono, con termine tecnico, analfabeti funzionali. Periodicamente, quando si pubblicano i dati delle indagini nazionali e internazionali sulle competenze linguistiche dei giovani (INVALSI e PISA) si alzano querimonie e lamenti: sul banco degli accusati, naturalmente, la scuola, le nuove tecnologie, la televisione Poi non è che succeda granché. Forse perché accrescere le competenze linguistiche non è percepito davvero, nella pubblica opinione, come un grande obiettivo nazionale. Ricette non ce ne sono; ma certo non si faranno passi avanti senza creare un contesto in cui la straordinaria importanza e ricchezza della parola - dentro la società moderna, non contro di essa siano comprese e diffuse. La scuola e l educazione vi possono e devono giocare un ruolo decisivo. Perciò abbiamo dedicato alla Lingua salvata il dossier che fa da perno a questo numero is. L editore

5 Imparare è un verbo ricco di significati. Imparare vuol dire migliorarsi, crescere, vivere senza barriere. Non solo a scuola ma ovunque, e a qualunque età. Il nostro sogno? Un mondo dove la scuola sia di nuovo considerata maestra, perché i buoni insegnanti aiutano a crescere. Un mondo dove anche chi è adulto possa continuare a imparare per realizzare i propri desideri. Noi di Pearson ci crediamo. A questo lavoriamo. direzione Massimo Esposti comitato editoriale Marika De Acetis Luciano Greco Elena Grossi Marina Loffi Randolin Paolo Magliocco Valentina Murelli grafica Antonella Regina ricerca iconografica Cecilia Lazzeri correzione bozze Elisa Manera immagine di copertina Manuela Boldi Rivista aperiodica distribuita gratuitamente nelle scuole, pubblicata da Pearson Italia S.p.A. Si autorizza la riproduzione dell opera purché parziale e a uso non commerciale. L editore è a disposizione degli aventi diritto per eventuali non volute omissioni in merito a riproduzioni grafiche e fotografiche inserite in questo numero. is è un marchio di proprietà di Pearson Italia S.p.A. Corso Trapani Torino RI M Stampato per conto della Casa Editrice presso Arti Grafiche DIAL, Mondovì (CN), Italia Tutti i diritti riservati 2013 Pearson Italia S.p.A.

6 sommario Portfolio Intervista Laura Boldrini, L'inquietudine e la costanza Una vita alla continua ricerca del nuovo, senza perdere di vista i propri punti fermi di Farian Sabahi 12 Maghi dei numeri per un giorno. Torino Toccare il cielo con un dito. Nus, Valle d'aosta Osha, mikono! 6 Nairobi, Kenya Esperienze: la scuola si confronta La scommessa economica Il punto sull'alfabetizzazione economico-finanziaria nelle scuole italiane. E l'esigenza di un progetto unitario di Paolo Prati 18 Dialogo In viaggio nella complessità Giorgio Parisi, fisico e matematico, incontra Mauro Ceruti, filosofo della scienza di Paolo Magliocco 25 Esperienze: la scuola si racconta La matematica non convenzionale Studenti, docenti e ricercatori universitari insieme per trasformare una materia astratta in un'avventura di Eleonora Viganò 32

7 sommario 36 La lingua salvata Dossier Otto riflessioni sull'importanza di conoscere e padroneggiare la lingua italiana ITALIANO > pag. 39 Se 2000 parole posson bastare di Luca Serianni Tecnologia della comunicazione > pag. 42 La miniera digitale, intervista a Gino Roncaglia di Nicola Tramontana Sociolinguistica > pag. 48 Gioventù creativa, intervista a Michele Cortelazzo di Paolo Panella LETTERATURA MIGRANTE > pag. 53 Io, venditore di italiano di Pap Khouma ITALIANO > pag. 59 Una lingua sempre più amata di Giuseppe Patota Linguaggio scientifico > pag. 64 Nessuna è come la madre di Maria Luisa Villa Linguistica computazionale > pag. 69 Matematica, bit e parole di Mirko degli Esposti ENIGMISTICA > pag. 75 Parlare è un po' giocare di Ennio Peres Eppur si muove Benchmark La difficile arte di valutare l'istruzione La difficoltà di preparare prove standardizzate valide per tutti di Roberto Ricci Quel buco che riempie un vuoto Un modo nuovo di apprendere, 80 dalle periferie urbane dell'india di Donato Ramani Che cosa significa saper leggere L'allarme per l'analfabetismo funzionale di Silvia Paris

8 sommario Cittadinanza Piccoli cittadini crescono Educare alla cittadinanza attiva, uno studio comparativo in Europa di Erica Cimò 101 Esperienze: oltre la scuola Il valore della conoscenza Perché la conoscenza è diventata il bene più prezioso e come si può metterla a frutto 96 di Isabella di Nicola is continua: - online, sul sito is.pearson.it - con la newsletter is espresso: scopri sul sito come iscriverti - nei social network: twitter.com/is_pearson

9 sommario Focus Tech 107 Uniti si impara Idee per sfruttare al meglio le nuove tecnologie nella scuola di Filippo Bonaventura Dalla tavoletta al tablet Miti e realtà della tavoletta elettronica e del modo in cui può essere usata in classe di Marco Meschini Laboratorio Pearson E tablet sia! Viaggio in un liceo laboratorio che ha deciso di mettere i tablet alla prova di Davide Coero Borga L'aiuto che vale L'importanza delle tecnologie assistive per i DSA di Stefano Federici e Cristina Gaggioli 4C per disegnare il futuro Quali sono i concetti chiave per la formazione dei giovani? di Donato Ramani 116

10 PORTFOLIO MAGHI DEI NUMERI PER UN GIORNO Torino Foto: Pasquale Juzzolino/FGA Il mondo magico della matematica può aprire le porte all improvviso ai bambini delle scuole elementari e rivelare, almeno per un giorno, i suoi tesori e i suoi misteri. Così è successo a Torino, grazie alla collaborazione tra la Fondazione Agnelli, l associazione culturale CentroScienza, l Ufficio scolastico regionale e le facoltà di matematica e fisica dell Università, che hanno organizzato il primo workshop La matematica conta, dedicato a 400 allievi delle scuole primarie del Piemonte. Nelle grandi sale del Museo dell auto i bambini hanno potuto giocare con la logica, i calcoli e la statistica aiutati dai ricercatori universitari e dal fatto di trovarsi in un ambiente così diverso da quello dell aula di una scuola. L obiettivo è trasmettere non tanto conoscenze quanto, proprio come nel libro di Hans Magnus Enzensberger, Il mago dei numeri, lo stupore e il fascino del contatto quotidiano con una materia così rigorosa da apparire fredda, ma in grado di aiutare grandi e piccoli a tentare di comprendere e dominare l incertezza del mondo. P.M.

11 PORTFOLIO Toccare il cielo con un dito Nus, Valle d Aosta Foto: NUS Il telescopio punta dritto su Saturno, il gigante gassoso che, con i suoi anelli, è una delle meraviglie del Sistema solare. All Osservatorio astronomico della Regione autonoma Valle d Aosta di Lignan, nel comune di Nus, è una delle serate dedicate alle scuole superiori, ma sulla terrazza didattica si alternano bimbi e ragazzi di ogni età e anche adulti. In un incontro tipo si imparano a riconoscere le costellazioni, si ascoltano esperti raccontare di pianeti, evoluzione stellare o buchi neri e, grazie ai 7 telescopi disponibili, si possono guardare immagini spettacolari. Anelli di Saturno compresi. Un occasione unica perché, a differenza di quanto accade con altre discipline scientifiche, l astronomia è davvero difficile da toccare con mano. All Osservatorio ci si riesce, anche perché qui non si fanno solo didattica e divulgazione, ma pure ricerca, quella vera, con progetti che spaziano dallo studio della corona solare a quello degli asteroidi, dalle indagini sulle emissioni luminose delle galassie attive a quelle sui pianeti extrasolari. E così si può scoprire dal vivo in che cosa consista davvero il lavoro spesso misterioso dell astronomo. V.M.

12 PORTFOLIO OSHA MIKONO! (lavati le mani) Nairobi, Kenya Foto: Xinhua/Eyevine/Contrasto Da qualche anno c è anche la giornata mondiale del lavarsi le mani, messa a calendario il 15 di ottobre. Verrebbe da sorridere, senonché in questo caso la faccenda è di non poco rilievo, e i dati sono drammatici. Oltre due milioni di bambini sotto i cinque anni muoiono ogni anno di diarrea e polmonite, una cifra che potrebbe drasticamente abbassarsi se si diffondesse l abitudine di lavarsi le mani con il sapone. Il CDC (Center for Diseases Control) di Atlanta ha valutato che questa forma di vaccino fai da te ridurrebbe fino al 50% la mortalità da infezioni gastroenteriche e dal 20 al 40% quella da gravi affezioni polmonari. Senza contare che queste malattie sono massimamente responsabili delle assenze a scuola. La promozione di una simile pratica con qualunque mezzo può diventare una pietra miliare nel miglioramento delle condizioni di salute di moltissime persone, non solo, anche se lì prioritariamente, nei cosiddetti paesi in via di sviluppo. Si tratta inoltre di una pratica poco costosa e di relativamente facile e capillare attuazione. Il Kenya è tra le nazioni più impegnate nella campagna, e intende coinvolgervi oltre un milione di abitanti. M.L.R.

13 INTERVISTA L inquietudine e la costanza di Farian Sabahi

14 intervista La presidente della Camera Laura Boldrini racconta sé stessa, tra la smania di conoscere e viaggiare e un impegno che dura da sempre a favore delle persone svantaggiate, l importanza dello studio e quella dell esperienza sul campo, la necessità delle regole e la capacità di cambiare idea. Una vita alla continua ricerca del nuovo senza mai perdere di vista la necessità di trovare una sintesi. E una mediazione Laura Boldrini sul suo seggio di Presidente della Camera: è stata eletta il 16 marzo Foto: Augusto Casasoli/A3/ Contrasto Dare delle regole talvolta può essere pesante, ma è un atto d amore perché solo così i figli diventeranno adulti Laura Boldrini Sono cresciuta in provincia di Ancona e ho trascorso l infanzia nella campagna di Jesi. Quell ambiente provinciale ha stimolato la mia curiosità, il desiderio di conoscere e andare oltre. In un certo senso il percorso che ho intrapreso nasce da queste esperienze giovanili». Così racconta se stessa, sorridendo, Laura Boldrini, nella penombra del suo ufficio a palazzo Montecitorio in un caldo pomeriggio estivo. Cinquantadue anni, marchigiana, presidente della Camera dei deputati dal marzo 2013 dopo più di quattordici anni come portavoce dell Alto commissariato dell ONU per i rifugiati. «Tanti anni di impegno nelle agenzie delle Nazioni Unite mi stanno tornando utili in politica. L esperienza di mediazione maturata all ONU, diversa rispetto a quella di coloro che hanno una formazione di partito, è importante per chi deve essere super partes». Presidente, nella sua storia emerge l intreccio tra lo studio e i viaggi, i libri e l esperienza sul campo. Che peso dà alla formazione? La formazione fornisce gli strumenti essenziali per interpretare la realtà ed è alla base della consapevolezza: difficilmente si è consapevoli senza una formazione adeguata. Quando la scuola forma bene, fornisce gli strumenti per diventare buoni cittadini. Lo stesso vale per le istituzioni: quando sono buone, suscitano rispetto e facilitano il compito di diventare buoni cittadini. In questo senso, gli insegnanti svolgono un ruolo di fondamentale importanza perché sono il baluardo della legalità, anche nei contesti più difficili. Un ruolo non sempre riconosciuto. Per questo sarebbe opportuno dar loro un riconoscimento materiale e sociale, affinché si sentano essenziali nella formazione dei giovani. Vedere gli insegnanti lavorare con poche risorse deve far riflettere. In tempo di crisi la scuola non andrebbe penalizzata. Al contrario, è nei periodi di maggior incertezza che la scuola e la cultura dovrebbero essere sostenute come fanno tanti Paesi emergenti investendo nella ricerca, nell educazione e nell innovazione, riuscendo così a far decollare l economia.

15 Come è stato il rapporto con i suoi genitori, l uno avvocato e l altra insegnante d arte e antiquaria? Quanto hanno contato nelle sue scelte? Come la scuola, anche la famiglia è fondamentale. Mio padre era severo, poco incline alla modernità, nel tempo libero amava studiare e non era granché disponibile a relazionarsi con noi figli. Se da mia madre ho imparato l empatia con gli altri, a socializzare e a entrare in contatto con le persone, da mio padre ho acquisito il rigore, il senso delle regole, il rispetto dell impegno preso, che per me diventa un imperativo. Laura Boldrini parla con alcuni rifugiati palestinesi e iracheni durante una visita come portavoce dell UNHCR a Riace (Reggio Calabria). Foto: Antonio Zambardino/ Contrasto Lei ha una figlia, studentessa in un ateneo inglese. Quanto conta dare delle regole, anche severe, ai figli? O forse imporre dei limiti è un modo superato di porsi? I genitori devono saper ascoltare i figli e avere un rapporto aperto con loro, ma devono anche essere normativi e quindi dare delle regole. Talvolta può essere pesante, ma è un atto d amore perché solo così i figli diventeranno adulti, facendosi carico delle loro responsabilità. Porre dei limiti, per esempio nelle uscite, è assolutamente positivo e sotto sotto i ragazzi

16 intervista È necessario rivoluzionare l immagine femminile, perché incide sul rispetto nei confronti delle donne Laura Boldrini lo apprezzano. Le regole si possono anche non rispettare, ma se questo accade bisogna sapere dare delle motivazioni ed essere all altezza della sfida: una sfida che rafforza i giovani. C è un momento in cui ricorda di aver deciso quale sarebbe stato il suo futuro? Oppure il suo impegno si è definito passo dopo passo? Durante il mio primo viaggio in America centrale ho capito che non avrei trattenuto la curiosità: come si fa a vivere tutta una vita senza sapere che cosa c è oltre? È scattata la frenesia di conoscere altre dimensioni, culturali e religiose. Ho capito che quello che è assoluto in un luogo non lo è altrove, e ho relativizzato. È successo, per esempio, quando ho notato che una religione così sentita in un paese è invece demonizzata in un altro. Viaggiando si ha uno sguardo talmente diverso che si è obbligati a realizzare una sintesi. E nella sintesi c è la maturità di chi riesce a prendere il meglio delle cose. Oggi questa conoscenza mi porta ad avere una maggiore capacità di mediazione rispetto a chi è cresciuto e ha vissuto con le stesse convinzioni di sempre, le stesse idee dei genitori e dei nonni. Come è cominciata la sua avventura nelle agenzie dell ONU? Ho fatto il concorso per JPO, Junior Professional Officer, sono stata selezionata, da lì ho iniziato a lavorare prima alla FAO e al World Food Programme, l agenzia delle Nazioni Unite per i programmi alimentari di emergenza, poi all Alto commissariato per i rifugiati. Volevo dare un senso alla mia vita. Mi piaceva scrivere e raccontare, ma non mi bastava. Allora ho pensato che lavorare al servizio di una causa umanitaria potesse darmi più motivazione rispetto al solo scrivere. Per questo ho lavorato ventiquattro anni in varie agenzie delle Nazioni Unite. Cosa vuol dire essere dipendenti di un organismo così complesso come le Nazioni Unite? E come si impara a collaborare in ambito internazionale? È un esercizio di convivenza tra più culture: i miei superiori sono sempre stati stranieri e quindi ho lavorato in lingue diverse dall italiano. Quasi sempre in inglese, francese, spagnolo. Certo, in Italia si usa anche l italiano, ma la nostra non è una lingua ufficiale delle Nazioni Unite. In un ambiente del genere bisogna avere la flessibilità per confrontarsi con persone di formazione diversa, è un esercizio di convivenza. Un esercizio a doppio senso: si impara e si insegna. Ci sono cose che ha imparato sul campo e che dovrebbero invece far parte del percorso di ognuno? La formazione scolastica, teorica, pone le basi, ma è l esperienza diretta a darti una marcia in più. Solo sul campo puoi mettere a frutto quello che hai imparato sui libri. Lei presta grande attenzione alla comunicazione attraverso i social media, come Facebook e Twitter, che aggiorna quotidianamente. Non crede siano mezzi troppo frettolosi e superficiali per affrontare certi argomenti? I social media sono uno strumento al servizio dei diritti, lo abbiamo visto in Iran, in Turchia e nei Paesi arabi. Di fatto la società è sui social media, che riescono a combattere la solitudine e a colmare il divario tra istituzioni e società civile. Per questo credo sia giusto e opportuno che le istituzioni comunichino anche attraverso questi mezzi, che le rendono più trasparenti e sono un modo per arrivare a persone che altrimenti non si interesserebbero alla politica.

17 intervista Le istituzioni devono fare uno sforzo di comprensione e trasparenza, e in questo i social media sono utili. Ora vorrei che la Camera diventasse la casa della buona politica e per questo stiamo avviando una campagna di ascolto, sul web. Una delle sue battaglie è sul diritto di cittadinanza: perché è tanto importante concedere, con lo ius soli, la cittadinanza ai figli degli immigrati nati e cresciuti sul territorio italiano? Concedere la cittadinanza a questi giovani significa da una parte dar loro un senso di appartenenza e dall altra ottenere maggiore coesione sociale, e quindi una società meno segmentata. Non dare il diritto di cittadinanza a questi ragazzi, che spesso non sono mai stati nel Paese di origine dei loro genitori e non ne parlano la lingua, significa perdere risorse. È la contemporaneità a chiederci di coinvolgerli. Va a vantaggio del nostro Paese, lo arricchisce senza togliere nulla agli altri. Perché dare diritti a una categoria non vuol dire toglierli ad altri. Un altra sua battaglia è quella contro i femminicidi: che cosa resta da fare dopo la ratifica della Convenzione di Istanbul, sulla prevenzione della violenza sulle donne e contro la violenza domestica? Il Parlamento italiano ha compreso l importanza di prevenire la violenza contro le donne, mettendola al centro del dibattito. Camera e Senato hanno sottoscritto la posizione secondo cui la violenza contro le donne è un fatto gravissimo e rientra nell ambito dei diritti umani. Adesso occorre mettere in atto tutte le misure, anche preventive, previste Un lungo impegno nella cooperazione Nata a Macerata nel 1961, Laura Boldrini è laureata in Giurisprudenza ed è giornalista pubblicista. Si è sempre occupata di cooperazione e nel 1989 ha cominciato a lavorare per le Nazioni Unite. Dal 1998 al 2003 è stata portavoce dell UNHCR, l Alto commissariato dell ONU per i rifugiati. Su questa sua esperienza ha scritto un libro, Tutti indietro (Rizzoli). È stata sposata e ha una figlia, Anastasia, nata nel Nel 2013 è stata eletta alla Camera dei deputati nelle liste di Sinistra, ecologia e libertà. Libro preferito. Negli ultimi tempi ho letto con piacere Chicago dell egiziano Ala al-aswani e Il fondamentalista riluttante di Mohsin Hamid. Tornando indietro con gli anni, sono stati determinanti Il giardino dei Finzi-Contini di Giorgio Bassani, Il diario di Anna Frank, Il barone rampante di Italo Calvino. Film. Viva la libertà di Roberto Andò. E soprattutto Lincoln di Steven Spielberg, una bella rappresentazione di come la politica debba talvolta essere un po cinica per ottenere grandi traguardi di civiltà (e per me solo in questi casi). Brani musicali. Tutti i cantautori e i Radiodervish, un gruppo italiano di world music. Un luogo in cui tornare. Vorrei tornare in tutti i Paesi in cui sono stata per vedere come sono cambiati, ma non credo che ci riuscirò!

18 intervista Laura Boldrini con il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Foto: Antonio Scattolon/A3/ Contrasto dalla convenzione: la formazione delle forze dell ordine, i finanziamenti alle case rifugio, l offerta di alternative alle donne che vogliono sfuggire alla violenza. È una battaglia culturale, a 360 gradi. Sono tanti gli elementi da tenere in considerazione, in primis il basso tasso di occupazione delle italiane: nel nostro Paese solo il 47% delle donne lavora, ma senza un reddito non si è indipendenti e non si riesce a sfuggire alla violenza. In secondo luogo dobbiamo riflettere sulla comunicazione pubblicitaria e televisiva che veicola un immagine di donna-corpo, muta, ridotta a presenza fisica e quindi oggetto. Ma di un oggetto l uomo fa quello che vuole. Ed è breve il passo verso la violenza. È necessario rivoluzionare l immagine femminile, perché incide sul rispetto nei confronti delle donne.

19 Esperienze: la scuola si confronta di Paolo Prati

20 esperienze: la scuola si confronta Altro che scienza triste. Portata nelle aule scolastiche, messa a contatto con gli studenti di ogni livello, vissuta come l irruzione del mondo reale tra i muri di scuola, l economia si libera d incanto della sua sinistra fama di argomento noioso e per niente allegro, e diventa attraente e piena di risorse. Se si guarda quello che succede nelle scuole sul tema dell educazione economica, sono due gli aspetti che emergono. Il primo è che il numero di scuole, di classi, di docenti e di ragazzi coinvolti continua a crescere, anno dopo anno, senza sosta. Quaranta scuole su cento dichiarano di aver partecipato durante gli ultimi tre anni a qualche progetto, ancora di più nelle regioni del Nord e nelle scuole secondarie di secondo grado. Certo, siamo ancora al di sotto di un livello che possa far pensare che presto tutti i ragazzi durante il loro percorso scolastico avranno l occasione di una formazione, seppure solo sporadica, su tali argomenti. E, come tutti dicono, la crisi economica sempre più profonda (arrivata in Italia al quarto anno consecutivo) è stata di sicuro un forte incentivo a parlare di più, durante le ore di lezione, di quello che succede nel mondo della finanza, del lavoro, delle industrie, dei mercati. Il fatto che molti ragazzi sperimentino attraverso le proprie famiglie problemi come disoccupazione, cassa integrazione, difficoltà a mantenere il proprio tenore di vita ha reso inevitabile discuterne con loro. Sappiamo che l educazione economica è importante e che nella scuola funziona. Per compiere il passo decisivo serve uno schema d insieme Però, e questa è la seconda evidenza, nelle scuole il confronto non ha mai preso un intonazione depressiva, non è mai stato vissuto come la necessità di difendersi da un pericolo, incombente e inesorabile. In qualche modo, parlare di economia ha significato aprire la mente alla possibilità di affrontare i problemi, anziché subirli. In principio, nessuno saprebbe dire quando, a portare un po di scienza economica tra le mura scolastiche furono probabilmente professori con l occhio particolarmente lungo e attento e genitori con qualche competenza in materia, per esempio perché docenti universitari. Erano incontri dedicati a trasmettere qualche concetto di base o anche solo a spiegare fenomeni un po magici, come il valore che tutti attribuiamo a un pezzo di carta chiamato banconota. Poi sono state le banche a proporre alle scuole di cominciare a spiegare concetti come il risparmio, il tasso di interesse, l accumulo di un capitale. Con un reciproco vantaggio: per i docenti di avere a disposizione qualcuno in grado di parlare di ciò che nei programmi scolastici e nei libri di testo non c è, per le banche di avvicinare i ragazzi al proprio mondo.

21 esperienze: la scuola si confronta Il percorso verso la cittadinanza economica di Arrows & Letters COmE percorso DI INSEGNAmENTO TRASvERSALE A DIvERSE materie 49,9% 38,2% 5. PER LE scuole dovrebbe EssERE INsEgNATA COsì COLLOCANDO ARGOmENTI SpECIfICI NELL AmbITO DI CITTADINANzA E COSTITuzIONE COmE materia AuTONOmA 11,9% SCARSO INTERESSE DELLE famiglie SCARSO INTERESSE DEI DOCENTI SCARSO INTERESSE DEGLI STuDENTI DIffICOLTà LEGATA ALL ESTEmpORANEITà DELLE INIzIATIvE REALIzzATE basso COINvOLGImENTO DEL CORpO DOCENTE DIffICOLTà DEGLI STuDENTI NELLA COmpRENSIONE DEI CONTENuTI proposti DIffICOLTà DI COINvOLGImENTO DEGLI STuDENTI 28,5% 21,2% 20,0% 9,9% 5,0% 3,8% 2,1% 4. PRINCIPALI CRITICITà delle INIZIATIVE messe IN CAmPO EDuCAzIONE ALL utilizzo CONSApEvOLE DEL DENARO 18,1% CONOSCENzA DEL SISTEmA bancario CONOSCENzA DEL DENARO, DEI prezzi E DELLA moneta EDuCAzIONE ALL ImpRENDITORIALITà GESTIONE DEL budget problem SOLvING EDuCAzIONE AL RISChIO CONSumO presente E CONSumO futuro prevenzione DELL INDEbITAmENTO 14,6% 13,5% 10,6% 9,0% 8,1% 7,4% 6,8% 4,8% 3,6% EDuCAzIONE previdenziale 3. I TEmI TRATTATI NEI PROgRAmmI FORmATIVI SCuOLA SECONDARIA II GRADO 62,2% SCuOLA SECONDARIA I GRADO 30,9% SCuOLA primaria 29,8% 2. scuole CHE HANNO ORgANIZZATO PROgRAmmI GENITORE O GRuppO 0,4% CONSIGLIO DI ISTITuTO 1,1% CONSIGLIO DI CLASSE 8,4% SINGOLO DOCENTE 26,3% DIRIGENTE SCOLASTICO 29,1% GRuppO DI DOCENTI 34,7% Fonte: Fondazione Rosselli Le esperienze di educazione alla cittadinanza economica. 1. CHI PROPONE L INIZIATIVA

22 esperienze: la scuola si confronta La sede della Banca Centrale Europea a Francoforte. Nella pagina di apertura, la statua del toro di Bowling Green park, vicino alla Borsa di New York di Wall Street, opera di Arturo Di Modica e simbolo dell'andamento positivo della finanza. Foto: Eightfish/Getty La prima vera svolta, però, è stata nel 2004, quando il consorzio Patti Chiari, nato l anno prima per aumentare la trasparenza del sistema bancario e la fiducia da parte dei cittadini, ha dato il via al proprio programma per gli studenti. È stato il primo progetto di livello nazionale e potenzialmente rivolto a tutte le scuole. Semplice, immediato, basato sull incontro di studenti ed esperti per esplorare insieme alcuni argomenti, ha funzionato subito. Così nel giro di poco tempo la sperimentazione è stata estesa a tutti i livelli scolastici, dalla scuola primaria alla secondaria superiore. «La risposta dei docenti è stata subito ottima, abbiamo portato l esperienza al Miur e agli Uffici scolastici regionali e da quel momento le porte sono state sempre più aperte», racconta Alessandro Malinverno, segretario generale di Patti Chiari. Alessandra Franceschi, professoressa di lettere al liceo classico D Azeglio di Torino, è una dei docenti che hanno cominciato per caso a partecipare al programma, appassionandosi subito, e oggi è diventata un punto di riferimento per i suoi colleghi: «Non pensavo che i ragazzi avessero così tanta voglia di impegnarsi. E a me ha dato competenze

23 esperienze: la scuola si confronta in più, stimoli nuovi». Dal 2004, il dibattito sulla necessità di un educazione finanziaria nelle scuole ha cominciato a prendere piede a tutti i livelli, anche grazie all intervento dell Ocse, che nel 2005 ha emanato una direttiva con la quale ha invitato tutti gli Stati a promuoverla. Un passo importante. Grazie all Ocse per la prima volta è stato ufficialmente detto che cosa si intenda con educazione finanziaria, che «può essere definita come il processo attraverso il quale consumatori e investitori possono migliorare la loro conoscenza dei prodotti finanziari e, attraverso l informazione, la formazione e la consulenza indipendente, sviluppare le competenze e la consapevolezza dei rischi e delle opportunità in materia finanziaria, per formulare scelte consapevoli e intraprendere azioni efficaci per aumentare il proprio livello di benessere finanziario». È stata solo la prima mossa di un impegno sempre più deciso che ha portato l Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico a inserire nel test Pisa del 2012 una rilevazione sistematica, estesa alla gran parte dei Paesi che partecipano al test, delle competenze in materia economico finanziaria. Per la prima volta è stato verificato (ma i risultati non sono ancora disponibili) quale sia il livello di preparazione degli studenti di tutto il mondo su questo argomento. Ma anche, o soprattutto, per la prima volta l educazione finanziaria è stata trattata come una componente fondamentale, al pari delle competenze in ambito umanistico o scientifico-matematico, della preparazione scolastica dei ragazzi. Nel frattempo, parecchie cose sono accadute nel mondo e anche in Italia. Un po ovunque i programmi scolastici, e non solo, si sono diffusi. Proprio mentre iniziava la sperimentazione di Patti Chiari anche la Banca d Italia si stava muovendo per fornire alle scuole il proprio aiuto. La banca centrale ha deciso di partire direttamente rivolgendosi a tutti i livelli scolastici e lo ha fatto puntando alla formazione dei docenti anziché al contatto con gli studenti: nel suo progetto i formatori non entrano nelle classi, ma incontrano gli insegnanti, a loro trasmettono i concetti e presentano il materiale divulgativo, spiegando come usarlo, così danno loro gli strumenti per tornare dai propri studenti e affrontare argomenti mai toccati prima. Spetta poi a maestri e professori, però, decidere come sfruttare davvero ciò che hanno in mano, quanto tempo dedicare, come presentare gli argomenti. Naturalmente ci sono anche importanti analogie tra i progetti. Per esempio il fatto di prevedere sempre una valutazione prima e una dopo sulle conoscenze dei ragazzi coinvolti, in modo da poter avere una misura, seppure non precisa, dei risultati ottenuti. E poi l idea di produrre materiale che finisca in mano

Le parole di cui ci nutriamo. L italiano fra tradizione e modernità

Le parole di cui ci nutriamo. L italiano fra tradizione e modernità Le parole di cui ci nutriamo. L italiano fra tradizione e modernità IMPARARE SEMPRE 1 La forza delle parole Nell intervista che apre questo numero, la presidente della Camera Laura Boldrini racconta il

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE.

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE. IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE Istituto ROSMINI DOMANDA 1 Che cosa ti ha portato a scegliere la scuola superiore

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Meravigliarsi di tutto. è il primo passo della ragione verso la scoperta

Meravigliarsi di tutto. è il primo passo della ragione verso la scoperta Meravigliarsi di tutto è il primo passo della ragione verso la scoperta L. P a s t e u r L I C E O S C I E N T I F I C O TA L I S I O T I R I N N A N Z I O r i g i n e Il liceo scientifico è nato nell

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Sono nell aula, vuota, silenziosa, e li aspetto. Ogni volta con una grande emozione, perché con i bambini ogni volta è diverso. Li sento arrivare, da lontano, poi sempre

Dettagli

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE POLO LICEALE

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE POLO LICEALE IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE POLO LICEALE LICEO SCIENTIFICO DOMANDA 1 Che cosa ti ha portato a scegliere la

Dettagli

Traccia per la scuola secondaria di primo grado: materiali e proposte di percorso

Traccia per la scuola secondaria di primo grado: materiali e proposte di percorso Traccia per la scuola secondaria di primo grado: materiali e proposte di percorso Titolo: Confronto tra fiabe: Pinocchio e le fiabe di paesi lontani Possibili discipline coinvolte - Italiano, Lingua2 (inglese,

Dettagli

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451 La.R.I.O.S. Laboratorio di Ricerca ed Intervento per l Orientamento alle Scelte DPSS Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione Centro di Ateneo di Servizi e Ricerca per la Disabilità,

Dettagli

Scuola dell infanzia paritaria Rosa Gattorno P.O.F. Piano dell offerta formativa A.S. 2014/2015

Scuola dell infanzia paritaria Rosa Gattorno P.O.F. Piano dell offerta formativa A.S. 2014/2015 Scuola dell infanzia paritaria Rosa Gattorno P.O.F. Piano dell offerta formativa A.S. 2014/2015 MANEGGIARE CON CURA PREMESSA: In questo nuovo anno scolastico è nostra intenzione lavorare con i bambini

Dettagli

SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE FRA SCUOLE DEL TERRITORIO E CENTRO ITALIANO PER TUTTI

SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE FRA SCUOLE DEL TERRITORIO E CENTRO ITALIANO PER TUTTI Istituto Beata Vergine Addolorata via Calatafimi, 10-20122 Milano tel: +39.02.58.10.11.85 info@ibva.it www.ibva.it italianopertutti@ibva.it tel: 02.4952.4600 SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI

Dettagli

competenze trasversali che permettano loro di affrontare con maggiore serenità

competenze trasversali che permettano loro di affrontare con maggiore serenità Il percorso in quinta elementare La proposta di lavoro è finalizzata a sostenere gli alunni nella fase di passaggio alla scuola media. È necessario infatti un azione orientativa che aiuti gli alunni a

Dettagli

IL CURRICOLO VERTICALE

IL CURRICOLO VERTICALE IL CURRICOLO VERTICALE Fiorin: LAVORARE SUL CURRICOLO Imperfezione delle «Indicazioni nazionali» dimensione della ricerca Lavorare su ciò che già c è PUNTI DI RIFERIMENTO Tutto il quadro normativo recupera

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

Proposta operativa: Osservare per conoscere, comunicare per crescere: il bosco. Un possibile itinerario

Proposta operativa: Osservare per conoscere, comunicare per crescere: il bosco. Un possibile itinerario Proposta operativa: Osservare per conoscere, comunicare per crescere: il bosco. Un possibile itinerario Per infinite e complicate che possano essere le mosse di una partita di scacchi, persino il gioco

Dettagli

Istituto SANTA TERESA Scuola dell Infanzia paritaria

Istituto SANTA TERESA Scuola dell Infanzia paritaria Istituto SANTA TERESA Scuola dell Infanzia paritaria Via Palazzo di Città, 5 10023 CHIERI (TO) tel. 011-9472245 fax 011-9473410 email: infanzia@santateresachieri.it sito web: www.santateresachieri.it Educare

Dettagli

RELAZIONE PROGRAMMA YOUTH IN ACTION

RELAZIONE PROGRAMMA YOUTH IN ACTION PROGETTO N. 360714-4.6-DE-2011-R1 PERIODO APRILE 2012 A MAGGIO 2013 RELAZIONE PROGRAMMA YOUTH IN ACTION AMU - ASSOCIAZIONE AZIONE PER UN MONDO UNITO A SCUOLA DI CITTADINANZA GLOBALE Questa attività ha

Dettagli

Istituto Paritario Minerva. Progetto Educativo di Istituto (P.E.I)

Istituto Paritario Minerva. Progetto Educativo di Istituto (P.E.I) Istituto Paritario Minerva Progetto Educativo di Istituto (P.E.I) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PREMESSA La legge 62 del 10 Marzo 2000, recante Norme sulla parità scolastica e disposizioni sul diritto allo

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

LA PSICOLOGA VA A SCUOLA!

LA PSICOLOGA VA A SCUOLA! LA PSICOLOGA VA A SCUOLA! I piccoli reporter della Guglielmo Marconi intervistano la dott.ssa Laura Bottini, psicologa che collabora con il nostro istituto. A cura del gruppo 4 dei Piccoli Reporter Quando

Dettagli

Bloggiornalismo. Dal web publishing alle comunità di blog per la classe in rete

Bloggiornalismo. Dal web publishing alle comunità di blog per la classe in rete Bloggiornalismo. Dal web publishing alle comunità di blog per la classe in rete Giulia Caminada Professoressa di Materie Letterarie Scuola Media G. Segantini di Asso giulia.caminada@tiscali.it - www.bloggiornalismo.it

Dettagli

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO E' un percorso educativo e didattico perseguito nei tre ordini di scuola che rende più organico il lavoro compiuto dai docenti; sono state condivise le mete comuni ed è in

Dettagli

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito che la globalizzazione ha degli effetti positivi per il

Dettagli

Scopri con noi cosa abbiamo in Comune

Scopri con noi cosa abbiamo in Comune Scopri con noi cosa abbiamo in Comune Piccoli cittadini crescono Lidia Tonelli, Scuola Primaria Calvisano INPUT: L Assessorato alla Pubblica Istruzione propone alle classi quinte un percorso di educazione

Dettagli

La valutazione degli insegnanti

La valutazione degli insegnanti La valutazione degli insegnanti Incipit Le considerazioni di questo breve testo in parte nascono da quanto letto in un articolo del Corriere della sera dell'11 giugno del 2008; un'intervista nella quale

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

Alla cortese attenzione del Dirigente scolastico e dei docenti METIS OPEN SCHOOL. Diciotto idee di progetti e servizi per le scuole 2015/16

Alla cortese attenzione del Dirigente scolastico e dei docenti METIS OPEN SCHOOL. Diciotto idee di progetti e servizi per le scuole 2015/16 Alla cortese attenzione del Dirigente scolastico e dei docenti METIS OPEN SCHOOL Diciotto idee di progetti e servizi per le scuole 2015/16 Open School è un insieme di progetti rivolti a studenti, insegnanti

Dettagli

Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze.

Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze. Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze. Roberto Babini (Allenatore di base con Diploma B UEFA) svolge da 13 anni l attività di allenatore.

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

Progetto Europeo: SELL La voce degli studenti dell'italiano L2

Progetto Europeo: SELL La voce degli studenti dell'italiano L2 Progetto Europeo: SELL La voce degli studenti dell'italiano L2 Intervista iniziale Raccolta delle storie di vita Nome dell'apprendente Pablo sesso: m Data di nascita Paese di provenienza Brasile Nome dell'interprete

Dettagli

Gli orari e i servizi

Gli orari e i servizi INfanzia IN fiore Le Scuole dell infanzia di Attraverso esperienze reali impariamo le norme e i comportamenti da adottare in caso di pericolo I progetti Gli esperti Sportello psicologico una psicologa

Dettagli

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Il Progetto di Educazione Scientifica promosso dalla Regione Toscana ha coinvolto i docenti in un attività

Dettagli

PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO

PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO anno scolastico 2012/2013 MOTIVAZIONE PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO Perché orientamento nella scuola secondaria di primo grado.

Dettagli

speciale genitori per la scuola primaria

speciale genitori per la scuola primaria speciale genitori per la scuola primaria in collaborazione con Speciale Genitori Il patto di RCS EDUCATION con le famiglie Il successo formativo e scolastico delle giovani generazioni è, oggi più che mai,

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

DIOCESI DI RIETI Ufficio per la Pastorale della Salute IL DIRETTORE

DIOCESI DI RIETI Ufficio per la Pastorale della Salute IL DIRETTORE Grazie a voi ragazzi, ai vostri Professori, ai vostri Presidi che vi hanno dato il permesso di partecipare al nostro incontro. Il nostro incontro formativo di oggi ha un titolo particolare: Facebook: Dalla

Dettagli

L e-book a scuola. 1 Al tema sono peraltro dedicati alcuni lavori specifici, fra i quali in italiano si segnala per

L e-book a scuola. 1 Al tema sono peraltro dedicati alcuni lavori specifici, fra i quali in italiano si segnala per L e-book a scuola Arriviamo così a un ultimo tema su cui vorrei spendere qualche parola. Un tema che richiederebbe peraltro, per essere trattato con l attenzione e il rigore che sarebbero necessari, ben

Dettagli

RIACCENDI LA TUA PASSIONE PER LA FISIOTERAPIA IN 5 PASSI

RIACCENDI LA TUA PASSIONE PER LA FISIOTERAPIA IN 5 PASSI RIACCENDI LA TUA PASSIONE PER LA FISIOTERAPIA IN 5 PASSI WWW.FISIOPROGRAM-INTENSIVE.COM Come accendere e coltivare la tua passione per la Fisioterapia: Nell articolo precedente FISIOTERAPISTI MOTIVATI

Dettagli

PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... MODULO 3

PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... MODULO 3 PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... pazza! MODULO 3 Fino ad ora abbiamo lavorato sulla consapevolezza, identificando le 4 chiavi che ci servono per aver successo nel nostro

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

SCUOLA ANNA FRANK - VIA VALLAURI 24

SCUOLA ANNA FRANK - VIA VALLAURI 24 SCUOLA ANNA FRANK - VIA VALLAURI 24 L INSEGNAMENTO DELL ITALIANO COME L2 Esperienza di intervento in una classe 5^ (ins. Adele Bongioanni e Pinuccia Stroppiana). Analisi della situazione iniziale e interventi

Dettagli

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan)

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) PROGETTO: Una vita, tante storie Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) Introduzione: Il racconto della propria vita è il racconto di ciò che si pensa

Dettagli

La Scuola Primaria. Affrontare insieme le difficoltà

La Scuola Primaria. Affrontare insieme le difficoltà La Scuola Primaria Un percorso di crescita fondamentale nello sviluppo delle competenze e delle conoscenze. Un ambiente educativo sereno e inclusivo nel quale è possibile promuovere, sostenere ed accompagnare

Dettagli

Livello A2 Unità 7 Istruzione In questa unità imparerai:

Livello A2 Unità 7 Istruzione In questa unità imparerai: Livello A2 Unità 7 Istruzione In questa unità imparerai: a comprendere testi orali sull istruzione a esprimere accordo e disaccordo parole relative alla scuola e all università a usare il passato prossimo

Dettagli

Descrizione dell esperienza.

Descrizione dell esperienza. Descrizione dell esperienza. La scuola B. Marin si trova nel rione di Servola, un borgo ricco di storia e tradizioni ancora molto sentite dalla popolazione locale.l ambiente socioculturale di provenienza

Dettagli

UNA RICERCA ESPLORATIVA

UNA RICERCA ESPLORATIVA UNA RICERCA ESPLORATIVA ISTRUZIONE E CAPITALE SOCIALE Prof. Adriana Fazio Anno scolastico 2009/2010 1 Istruzione e capitale sociale Capitale sociale è una rete di relazioni caratterizzate da fiducia e

Dettagli

Ho imparato a fare le idee. Approfondimento: ruolo ed evoluzione delle grafiche progettuali. Strategie per progettisti consapevoli

Ho imparato a fare le idee. Approfondimento: ruolo ed evoluzione delle grafiche progettuali. Strategie per progettisti consapevoli Materiali di scarto industriale per una pedagogia sostenibile Ho imparato a fare le idee Strategie per progettisti consapevoli Tasca Ilaria, insegnante di scuola dell infanzia Approfondimento: ruolo ed

Dettagli

DA SPETTATORI A DIVULGATORI:

DA SPETTATORI A DIVULGATORI: Comunicare Fisica 07 Trieste, 1-5 ottobre 2007 DA SPETTATORI A DIVULGATORI: un corso di comunicazione scientifica in un liceo torinese Michela Chiosso I.N.F.N Torino e Università di Torino Alessandro Bee

Dettagli

PROGETTO CITTADINANZA E COSTITUZIONE. anno scolastico 2015-2016

PROGETTO CITTADINANZA E COSTITUZIONE. anno scolastico 2015-2016 PROGETTO DI CITTADINANZA E COSTITUZIONE SCUOLA SECONDARIA SECONDO GRADO anno scolastico 2015-2016 1 PROGETTO CITTADINANZA E COSTITUZIONE Anno Scolastico 2015-2016 FINALITÀ GENERALI: Il riferimento alla

Dettagli

Scoprire il dialogo, riscoprire la scrittura

Scoprire il dialogo, riscoprire la scrittura Corso di formazione specialistica su dialogo, tecnologie e comunicazione globale promosso dalla rete nazionale di scuole Rete Dialogues (retedialogues.it) Scoprire il dialogo, riscoprire la scrittura INTRODUZIONE

Dettagli

Istituto Comprensivo Parziale Dante Cassano Magnago. Via Galvani, 10 tel 0331/201464 fax: 0331202749 E-mail vaee04200d@istruzione.

Istituto Comprensivo Parziale Dante Cassano Magnago. Via Galvani, 10 tel 0331/201464 fax: 0331202749 E-mail vaee04200d@istruzione. Istituto Comprensivo Parziale Dante Cassano Magnago Via Galvani, 10 tel 0331/201464 fax: 0331202749 E-mail vaee04200d@istruzione.it Le sottoscritte insegnanti dichiarano di aver preso in esame i seguenti

Dettagli

A CHI SI RIVOLGE Agli studenti delle classi III-IV-V delle Scuole Primarie.

A CHI SI RIVOLGE Agli studenti delle classi III-IV-V delle Scuole Primarie. Kids è il programma didattico dedicato alla scuola primaria con l obiettivo di stimolare nei bambini una prima riflessione sul valore del denaro e sulla necessità di gestirlo responsabilmente, per se stessi

Dettagli

PROGETTI PER IL FUTURO

PROGETTI PER IL FUTURO PROGETTI PER IL FUTURO 77 LA NOSTRA ANTOLOGIA La mia vita la vivo io Oggi mi sento integrato molto bene qui perché ho perso le paure che avevo, ho cambiato molti pensieri: adesso non ho più paura di quello

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: LINGUE STRANIERE DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI

Dettagli

Presentazione a cura dell Ufficio per l Educazione, la Scuola e l Università della Diocesi di Brescia

Presentazione a cura dell Ufficio per l Educazione, la Scuola e l Università della Diocesi di Brescia Presentazione a cura dell Ufficio per l Educazione, la Scuola e l Università della Diocesi di Brescia 1. Indicazioni Nazionali Curricolo (2012): spunti per ripensare la didattica scolastica. 2. Indicazioni

Dettagli

Riflessioni dei ragazzi della cl@sse 2.0

Riflessioni dei ragazzi della cl@sse 2.0 Riflessioni dei ragazzi della cl@sse 2.0 (stralci dal compito in classe di Italiano sul testo argomentativo) La tecnologia mi ha reso più motivato nel mio studio e più attento e più partecipe in classe

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO NOTARESCO SCUOLA DELL INFANZIA DI MORRO D ORO CAPOLUOGO PROGETTO DI PLESSO. Il girotondo delle parole ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTITUTO COMPRENSIVO NOTARESCO SCUOLA DELL INFANZIA DI MORRO D ORO CAPOLUOGO PROGETTO DI PLESSO. Il girotondo delle parole ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO NOTARESCO SCUOLA DELL INFANZIA DI MORRO D ORO CAPOLUOGO PROGETTO DI PLESSO Il girotondo delle parole ANNO SCOLASTICO 2015/2016 INSEGNANTI CURRICOLARI: DI BONAVENTURA LAURA MARAINI

Dettagli

educazione finanziaria atelier condividere con voi la mia esperienza di insegnamento

educazione finanziaria atelier condividere con voi la mia esperienza di insegnamento Ringrazio gli organizzatori e i colleghi che hanno deciso di dedicare il loro tempo a questa iniziativa. Mi presento. Io insegno EIF e FA nei corsi di Laurea di Economia: quindi insegno a ragazzi grandi

Dettagli

Informazione finanziaria e tutela degli investitori nei mercati mobiliari

Informazione finanziaria e tutela degli investitori nei mercati mobiliari SCIENZE COGNITIVE PER UNA REGOLAZIONE EFFICACE Informazione finanziaria e tutela degli investitori nei mercati mobiliari Roma, 20 aprile 2015 La Fondazione per l educazione finanziaria e al Risparmio La

Dettagli

Servizio integrativo CENTRO BAMBINE-BAMBINI / CENTRO BAMBINO-GENITORI

Servizio integrativo CENTRO BAMBINE-BAMBINI / CENTRO BAMBINO-GENITORI Progetto pedagogico educativo - organizzativo Servizio integrativo CENTRO BAMBINE-BAMBINI / CENTRO BAMBINO-GENITORI spazi: La conformazione particolare del centro bambini/e, strutturato come open space,

Dettagli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron Di Enrico Cheli Cheli: Dott. Boiron, lei è presidente del gruppo Boiron, leader mondiale nel campo dell omeopatia, e da anni

Dettagli

18. No perché, ti dico è talmente particolare, ma in modo positivo eh (alza leggermente tono di voce per sottolineare l inciso), 19.

18. No perché, ti dico è talmente particolare, ma in modo positivo eh (alza leggermente tono di voce per sottolineare l inciso), 19. Insegnante intervistata: 12 anni di insegnamento; al momento dell intervista insegna nelle classi II di una scuola primaria Durata intervista: 30 minuti 1. Ti chiederei gentilmente di pensare ad un bambino

Dettagli

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA Scuola dell Infanzia Porto Cervo 1 SEZIONE Insegnanti: Derosas Antonella, Sanna Paola I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA TERRA FUOCO SETTEMBRE: Progetto accoglienza: Tutti a scuola con i quattro elementi OTTOBRE-

Dettagli

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G)

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G) GLI INDIRIZZI DI STUDIO E I PROFILI PROFESSIONALI L Istituto, sempre attento alle esigenze formative del territorio nel quale opera, ha diversificato, nel corrente anno scolastico, la propria offerta formativa

Dettagli

Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE. Dalla competenza chiave alla competenza base

Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE. Dalla competenza chiave alla competenza base Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE Dalla competenza chiave alla competenza base Competenza chiave: comunicazione nelle lingue straniere. Competenza base:

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA (dalle INDICAZIONI NAZIONALI) IL SE E L ALTRO: Il bambino gioca

Dettagli

Educazione di genere: impossibile non farla

Educazione di genere: impossibile non farla Educazione di genere: impossibile non farla Inizia prima della nascita Riguarda loro, ma innanzitutto noi Riguarda la soggettività individuale ma anche la struttura sociale E la struttura sociale a sua

Dettagli

GIOCHIAMO CHE IO ERO...?

GIOCHIAMO CHE IO ERO...? QUADERNO DIDATTICO GIOCHIAMO CHE IO ERO...? SI APRE IL SIPARIO Il titolo del quaderno, che riprende una delle frasi spontanee più ricorrenti nei giochi dei bambini, esprime da solo la relazione esistente

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Agli insegnanti delle scuole marchigiane Ai docenti delle Università marchigiane Alle associazioni con finalità educative marchigiane

Agli insegnanti delle scuole marchigiane Ai docenti delle Università marchigiane Alle associazioni con finalità educative marchigiane Agli insegnanti delle scuole marchigiane Ai docenti delle Università marchigiane Alle associazioni con finalità educative marchigiane L'Università per la pace, costituita ai sensi della L.R n. 9 del 2002

Dettagli

DA GRANDE ITALIA A IL MONDO IN SCALA WORKSHOP STUDENTI di Micol Metzinger e Antonella Panico

DA GRANDE ITALIA A IL MONDO IN SCALA WORKSHOP STUDENTI di Micol Metzinger e Antonella Panico DA GRANDE ITALIA A IL MONDO IN SCALA WORKSHOP STUDENTI di Micol Metzinger e Antonella Panico il primo giorno era un po strano tra noi ragazzi c era molto silenzio poi la situazione è migliorata penso che

Dettagli

Arte e Immagine. Ed. Civica/Ed. alla Cittadinanza

Arte e Immagine. Ed. Civica/Ed. alla Cittadinanza Arte e Immagine Elaborare creativamente produzioni personali e autentiche per esprimere sensazioni ed emozioni; rappresentare e comunicare la realtà percepita. Trasformare immagini e materiali ricercando

Dettagli

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare. Disciplina: Lingua italiana IL DIARIO

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare. Disciplina: Lingua italiana IL DIARIO Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare Disciplina: Lingua italiana IL DIARIO Livello: A2 Gruppo 12 Autori: Bombini Lucia, Dal Pos Claudia, Galet Daniela, Pradal Paola Anna, Simionato Francesca

Dettagli

- PROGETTO D INSERIMENTO ED INTEGRAZIONE DI ALUNNI STRANIERI IN UNA SCUOLA PLURALISTA

- PROGETTO D INSERIMENTO ED INTEGRAZIONE DI ALUNNI STRANIERI IN UNA SCUOLA PLURALISTA - PROGETTO D INSERIMENTO ED INTEGRAZIONE DI ALUNNI STRANIERI IN UNA SCUOLA PLURALISTA A cura di - 1 Soggetto proponente e attuatore I.T.C. P.A.C.L.E. e ITER M. Luther King di Muggiò (MI) Via Allende, 3

Dettagli

PROGETTI SPECIFICI. I PROGETTI svolti da personale esperto del settore SARANNO EFFETTUATI A CONDIZIONE CHE SUSSISTANO LE RISORSE ECONOMICHE E UMANE.

PROGETTI SPECIFICI. I PROGETTI svolti da personale esperto del settore SARANNO EFFETTUATI A CONDIZIONE CHE SUSSISTANO LE RISORSE ECONOMICHE E UMANE. PROGETTI SPECIFICI Scuola dell infanzia di Cuasso al Monte I PROGETTI svolti da personale esperto del settore SARANNO EFFETTUATI A CONDIZIONE CHE SUSSISTANO LE RISORSE ECONOMICHE E UMANE. Attività psicomotoria

Dettagli

PAOLO COLOSSO LE MIE ESPERIENZE CON IL PERSONAL COMPUTER COME RAGAZZO DIVERSAMENTE ABILE - 1 -

PAOLO COLOSSO LE MIE ESPERIENZE CON IL PERSONAL COMPUTER COME RAGAZZO DIVERSAMENTE ABILE - 1 - PAOLO COLOSSO LE MIE ESPERIENZE CON IL PERSONAL COMPUTER COME RAGAZZO DIVERSAMENTE ABILE - 1 - Indice: 1. Presentazione di me stesso. 2. Come ho imparato ad usare il p. c. 3. Che programmi ci sono nel

Dettagli

Parlamento delle Idee

Parlamento delle Idee Il 14 aprile 2015 siamo andati a Potenza per far visita alla sede della Regione Basilicata. Siamo stati accolti in una delle tante sale che la compongono e ci è stato mostrato un breve filmato che spiegava

Dettagli

Guida didattica all unità 2 In libreria

Guida didattica all unità 2 In libreria Destinazione Italiano Livello 3 Guida didattica all unità 2 In libreria 1. Proposta di articolazione dell unità 1. Come attività propedeutica, l insegnante svolge un attività di anticipazione, che può

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

Incontri psicoeducativi di avvicinamento all arte: il racconto di un esperienza

Incontri psicoeducativi di avvicinamento all arte: il racconto di un esperienza Bergamo, 3 Ottobre 2008 Incontri psicoeducativi di avvicinamento all arte: il racconto di un esperienza Dott.ssa Laura Marchesi Da cosa nasce quest idea idea??? L idea nasce, in collaborazione con la Dott.ssa

Dettagli

8 Il futuro dei futures

8 Il futuro dei futures Introduzione Come accade spesso negli ultimi tempi, il titolo di questo libro è volutamente ambiguo, ma in questo caso non si tratta solo di un espediente retorico: come spero si colga nel corso della

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

- 1 reference coded [3,14% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [3,14% Coverage] - 1 reference coded [3,14% Coverage] Reference 1-3,14% Coverage quindi ti informi sulle cose che ti interessano? sì, sui blog dei miei amici ah, i tuoi amici hanno dei

Dettagli

ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015. Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che

ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015. Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015 Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che L alunno/a è stato/a ammesso/a alla classe successiva/all Esame di Stato al termine del 1 ciclo

Dettagli

Che insegnanti vogliamo formare? A cura di Ivo Mattozzi

Che insegnanti vogliamo formare? A cura di Ivo Mattozzi Clio 92. Associazione di insegnanti e ricercatori sulla didattica della storia Corso di formazione per formatori La progettazione dei corsi di formazione Clio 92 sulla storia Bellaria, 13-14 ottobre 2007

Dettagli

MISTER MUSEO Maurizia Bonavini. Published in Insieme, March 2004

MISTER MUSEO Maurizia Bonavini. Published in Insieme, March 2004 MISTER MUSEO Maurizia Bonavini Published in Insieme, March 2004 James Bradburne una statura imponente e il viso da ragazzino, parla sette lingue, tra le quali russo e giapponese (l arabo lo sta studiando,

Dettagli

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE Saluto tutti i presenti: iscritti, simpatizzanti rappresentanti dei partiti..

Dettagli

Progetto Europeo: SELL La voce degli studenti dell'italiano L2

Progetto Europeo: SELL La voce degli studenti dell'italiano L2 Progetto Europeo: SELL La voce degli studenti dell'italiano L2 Intervista iniziale Raccolta delle storie di vita Nome dell'apprendente Victoria sesso: f Data di nascita 08/06/1974 Paese di provenienza

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo.

Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo. Il vuoto Una tazza di tè Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo. Il maestro servì il tè. Colmò la tazza del suo

Dettagli

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA L obbiettivo di questo laboratorio è quello di rielaborare ed interpretare un antica fiaba usando i significati profondi

Dettagli

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano?

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano? Per cominciare... 1 Osservate le foto e spiegate, nella vostra lingua, quale inizio è più importante per voi. Perché? una nuova casa un nuovo corso un nuovo lavoro 2 Quali di queste parole conoscete o

Dettagli

APPENDICE 1 IL PROGETTO FLOW S CHOICE COME CONTRIBUTO INNOVATIVO NELLE ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO. di Gaetana Fatima Russo

APPENDICE 1 IL PROGETTO FLOW S CHOICE COME CONTRIBUTO INNOVATIVO NELLE ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO. di Gaetana Fatima Russo APPENDICE 1 IL PROGETTO FLOW S CHOICE COME CONTRIBUTO INNOVATIVO NELLE ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO di Gaetana Fatima Russo Nella logica del percorso ROAD MAP che abbiamo assunto nel progetto Analisi delle

Dettagli

I programmi della Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio. Monica Rivelli

I programmi della Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio. Monica Rivelli I programmi della Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio Monica Rivelli La Fondazione per l educazione finanziaria e al Risparmio La costituzione della Fondazione per l Educazione Finanziaria

Dettagli

Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino.

Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino. Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino.it/ L approvazione della legge n. 128/2013 consente da quest

Dettagli