ATTIVITA DELLA POLIZIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ATTIVITA DELLA POLIZIA"

Transcript

1 ATTIVITA DELLA POLIZIA 30 aprile aprile 2010 DIVISIONE ANTICRIMINE La Divisione Anticrimine, nel periodo , ha espletato indagini di Polizia Giudiziaria che hanno portato al deferimento alla competente A.G. di nr. 106 persone. I provvedimenti di Ammonimento ex art. 8 D.L. 11/2009 per atti persecutori emessi nel periodo in esame sono stati nr. 6. Le persone destinatarie di Avviso Orale del Questore, ai sensi della Legge 1423/56 sono state 39. Le persone Rimpatriate con Foglio di Via Obbligatorio sono state 16. Il Presidente del Tribunale di Ravenna, in accoglimento ad analoga richiesta di questo Ufficio, ha emesso nr. 2 Sorveglianze Speciali della P.S. di cui una con obbligo di soggiorno. Per infrenare la violenza negli stadi sono stati emessi nr. 10 Divieti di Accesso alle manifestazioni Sportive. E stato emesso 1 provvedimento ai sensi dell art. 75 bis D.P.R. 309/90, convalidato dal Giudice di Pace. Gli interventi operati per la composizione bonaria dei privati dissidi (ex art. 1 T.U.L.P.S.) sono stati 44. Nr. 633 sono state le persone controllate nel corso dei servizi relativi ai sottoposti a misure di sicurezza e misure alternative alla detenzione in carcere, (nr. 17 sono state le denunce inoltrate all A.G. per evasione). SQUADRA MOBILE La locale Squadra Mobile, nel periodo in esame, ha tratto in arresto nr.104 persone, e deferito in stato di libertà nr.92 persone. Ha sequestrato 59 grammi di cocaina, 3460 grammi di hashish, 615 grammi di marijuana e euro in denaro ritenuto provento di attività delittuosa e ha contestato nr.18 violazioni per assunzione di stupefacenti segnalando gli assuntori per la revisione della patente di guida.

2 La locale Squadra Mobile ha, altresì, sequestrato 15,5 Kg. di Tabacchi lavorati esteri. OPERAZIONI PIU SIGNIFICATIVE: CRIMINALITA EXTRACOMUNITARIA PROSTITUZIONE In data 19 maggio 2009, personale di questa Squadra Mobile, lungo la S.S.16 in località Tagliata di Cervia, procedeva al controllo di due giovani rumene che si proponevano per una prestazione. Il rifiuto di tale offerta, sviluppava un equivoco che veniva professionalmente sviluppato dagli operanti. Le due donne, telefonicamente, richiedevano l immediato intervento del protettore che, nel giro di pochi minuti, giungeva per risolvere la questione. L uomo di nazionalità albanese, clandestino in Italia, con svariati alias e precedenti di polizia, uscito allo scoperto, invitava i poliziotti a seguirlo in una strada appartata, per poi scendere dall auto e sfidare gli stessi operatori, invitandoli a raggiungere alcuni suoi connazionali per regolare definitivamente i conti sulle ragazze. Lo straniero, in possesso di documenti contraffatti e di euro in contanti, veniva subito tratto in arresto per favoreggiamento e sfruttamento aggravato della prostituzione. In data , in Tagliata di Cervia (RA), nella flagranza del reato di favoreggiamento della prostituzione di una cittadina ungherese, personale di questa Squadra Mobile procedeva all arresto di un cittadino ungherese domiciliato a Rimini, che deteneva profilattici e la somma di 865 euro provento del reato di sfruttamento della prostituzione. OMICIDI VIOLENZE SESSUALI In data 16 febbraio 2010 veniva tratto in arresto in esecuzione a misura cautelare un cittadino ravennate di 76 anni, per il reato di violenza sessuale continuata. L accurata e delicata attivita d indagine scaturì da un controllo, effettuato nell agosto scorso lungo la Statale Adriatica, su un auto in sosta su cui si trovavano l anziano e una minore di anni 14, con le parti intime parzialmente denudate. Nell ambito dell indagine sono stati indagati per l analogo reato altri due cittadini ravennati, rispettivamente di anni 75 e 71.

3 In data 1 aprile 2010, veniva tratto in arresto in esecuzione ad ordinanza di custodia cautelare un pregiudicato trentatreenne originario della provincia di Brindisi. L arrestato, la sera del 28 febbraio 2010, si era reso responsabile dei reati di minacce aggravate con uso di un arma da sparo sia ai danni di due privati cittadini che ai danni di tutti gli astanti del bar Fellini di questo centro. Con l entrata in vigore della normativa che ha introdotto la fattispecie criminale degli atti persecutori, c.d. stalking, la Squadra Mobile ha effettuato diverse attività investigative mirate a fronteggiare tale fenomeno. Tale attività ha portato ad ottenere dall A.G. 12 misure cautelari diversamente modulate in relazione alla gravità dei fatti contestati e consistiti in: divieto di avvicinamento alla vittima, obbligo di dimora, arresti domiciliari e misura cautelare in carcere. Nella quasi totalità dei casi il persecutore era l ex partner che, non accettando la conclusione della relazione sentimentale, ha iniziato a tenere comportamenti molesti, minacciosi e persecutori, seguendo la vittima in ogni suo spostamento, costringendola a modificare in maniera sostanziale, non solo la sua esistenza ma anche quella di amici, familiari ed anche nuovi partner. RAPINE REATI CONTRO IL PATRIMONIO In data 06 maggio 2009 è stata eseguita un ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di sei cittadini albanesi, responsabili di furti in abitazione e furti di autovetture di grossa cilindrata, commessi nelle regioni veneto, lombardia, emilia romagna e toscana. I provvedimenti restrittivi venivano ottenuti successivamente ad una articolata indagine scaturita da una violenta aggressione per futili motivi avvenuta nel centro cittadino. I responsabili di tale fatto facevano parte di una banda dedita a razzie notturne all interno di private abitazioni, nel corso delle quali venivano asportate anche auto di lusso. I servizi di appostamento ed osservazione consentivano di identificare tutti i compartecipi, trarne in arresto alcuni in flagranza di reato e successivamente dare esecuzione ai provvedimenti restrittivi emessi dall A.G. In data , in relazione al sequestro di persona di un cittadino albanese occorso nella giornata precedente ed a seguito di una incessante attività di indagine, in collaborazione con la Squadra Mobile di Bologna, col 3^ Reparto volo di Bologna ed il Reparto Prevenzione Crimine, venivano tratti in arresto, per sequestro di persona a scopo di estorsione, detenzione di arma clandestina e sostanze 3

4 stupefacenti, un italiano ed un albanese, entrambi residenti a Ravenna. La successiva attività permetteva di deferire all A.G. anche un terzo complice. In data , in collaborazione con la Sezione Polizia Stradale di Ravenna, veniva tratto in arresto un ravennate, per un estorsione nei confronti di un imprenditore locale, suo precedente datore di lavoro. Con le indagini si accertava che l indagato, ventilando il possesso di documentazione relativa a presunti illeciti legati ad evasione fiscale, riferibili al titolare, aveva richiesto un ingente somma di denaro in cambio della consegna del carteggio compromettente. L intervento degli operanti consentiva, di arrestare l estorsore nel corso dell incontro con la vittima. In data , in collaborazione con il Nucleo Operativo Radiomobile Carabinieri di Ravenna, venivano eseguiti i fermi di indiziato di delitto nei confronti di tre cittadini bengalesi e due cittadini albanesi, tutti di giovanissima età, in quanto responsabili di numerose rapine a mano armata nei confronti di vari supermercati ubicati nelle immediate vicinanze delle loro abitazioni. Le indagini, consentivano l identificazione dei responsabili e la raccolta di univoci e concreti elementi probatori tali da supportare i provvedimenti restrittivi, poi convalidati dall A.G. che successivamente emetteva provvedimenti di custodia cautelare in carcere. L ulteriore attività investigativa consentiva poi di attribuire al gruppo ulteriori assalti commessi con particolare violenza e sempre con la minaccia delle armi nei confronti di esercizi pubblici del litorale, gioiellerie e hotel, per un totale di otto rapine. In data , in seguito all arresto operato dalla Volante, venivano avviate immediate indagini grazie alle quali venivano identificati i componenti di un sodalizio criminale specializzato in furti in abitazione ed autovetture di grossa cilindrata. In particolare l attività della Squadra Mobile permetteva di rintracciare i due complici del primo arrestato che avevano trovato rifugio in un altra regione. Gli stessi venivano poi tratti in arresto, rispettivamente, in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare emessa dall A.G. ravennate e di fermo di indiziato di delitto, poi convalidato e tramutato in ordine di custodia cautelare in carcere. STUPEFACENTI In data a seguito attività di indagine nei confronti di un cittadino albanese domiciliato a Ravenna, 4

5 sospettato, unitamente ad altre persone, di gestire un traffico di sostanze stupefacenti del tipo cocaina, venivano tratte in arresto 2 persone per detenzione ai fini di spaccio di gr. 370 di cocaina e detenzione di un arma clandestina. Nei confronti del cittadino albanese la locale A.G. emetteva mandato di arresto europeo essendosi lo stesso reso latitante. Inoltre, venivano indagati in stato di libertà nr.18 persone e altre 14 venivano segnalate quali assuntrici di sostanze stupefacenti. Nel mese di gennaio 2010 a seguito di una articolata attività di indagine condotta in collaborazione con la Squadra Mobile di Bologna, personale della locale Squadra Mobile ha arrestato due cittadini residenti in questa provincia in quanto trovati in possesso di grammi 539 di hashish. Le successive perquisizioni consentivano di rinvenire e sequestrare grammi 293 di marijuana, grammi 1937 di hashish, grammi 123 di polvere di hashish, grammi 184 di semi di marijuana e grammi 51 di semi di papavero, oltre alla somma contante di euro 750,00 in banconote di vario taglio. D.I.G.O.S. Nell ambito dei servizi svolti nel periodo in riferimento, sono state sottoposte ad indagine nr.44 persone, delle quali: nr. 14 nell ambito dell attività di prevenzione e di repressione di fenomeni di violenza connessi a competizioni sportive e per il reato di cui all art.342 c.p.; nr. 28 per reati relativi all art.18 TULPS, violenza privata, interruzione di un pubblico servizio, invasione di edifici, imbrattamento e danneggiamento; nr. 2 per reati di truffa e sostituzione di persona per aver perpetrato numerose truffe in danno di istituti religiosi, sacerdoti e suore residenti in questa provincia. Inoltre, nell ambito dei controlli antiterrorismo disposti dalla D.C.P.P., effettuati con il concorso di altri Uffici della provincia, è stata svolta la seguente attività: nr. 477 soggetti controllati; 5

6 nr. 86 obiettivi controllati; nr. 1 persona arrestata per inottemperanza all ordine del Questore a lasciare il T.N.; nr. 8 persone avviate all espulsione. UFFICIO PREVENZIONE GENERALE SOCCORSO PUBBLICO ATTIVITA DELLE VOLANTI E DELLA C.O.T. ATTIVITA Totale denunce e querele Telefonate pervenute al Interventi Squadra Volante Pattuglie Volanti Impiegate Pattuglie Poliziotto di Quartiere Persone controllate Veicoli Controllati Violazioni amministrative per ubriachezza (art. 688 cod. pen.) Controlli piazza del Commercio 144 Controlli piazza Baracca 240 Controlli piazza Kennedy 238 Controlli piazza San Francesco 31 Controlli straordinari antiprostituzione SS Prostitute identificate Viados identificati Violaz. Amm.va Ord. Sind. Ra Prostitute Violaz. Amm.va Ord. Sind. Ra Viados 22 5 Violaz. Amm.va Ord. Sind. Ra Cliente Violaz. Amm.va Ord. Sind. Cervia Prostitute Violaz. Amm.va Ord. Sind. Cervia Viados Violaz. Amm.va Ord. Sind. Cervia Cliente 55 9 Sequestro sostanza stupefacente: - Cocaina 6,50 68,60 - Marijuana Hashish 663,2 136,00 - Eroina 164,62 410,90 Persone indagate in stato di libertà: stranieri Persone indagate in stato di arresto: - stranieri

7 Nel periodo in riferimento gli operatori della Squadra Volante e della Centrale Operativa Telecomunicazioni sono stati costantemente impegnati nel servizio di controllo e monitoraggio capillare del territorio. Il controllo del territorio ha avuto come obiettivo prioritario la tutela della sicurezza pubblica, garantita attraverso la costante attività di monitoraggio della realtà territoriale,. in un ottica prevalentemente preventiva ma che ha, in diversi casi, assunto carattere concretamente repressivo. INTERVENTI DI RILIEVO DELLA SQUADRA VOLANTE In data 26 ottobre 2009 operatori della Volante intervenivano in via Lanciani a Ravenna, dove avevano notato due persone che discutevano animatamente. Sul posto gli agenti identificavano due persone, una donna di nazionalità italiana e un cittadino extracomunitario di nazionalità Tunisina, in possesso di permesso di soggiorno. Nonostante l intervento della Volante la situazione continuava a degenerare, in quanto il tunisino, palesemente ubriaco, si agitava e dava in escandescenza, inveendo anche contro gli agenti. Il motivo del litigio era da attribuirsi alla fine della relazione sentimentale tra il cittadino tunisino e la donna italiana, relazione terminata a seguito di ripetuti comportamenti violenti tenuti dal cittadino extracomunitario. Le due persone venivano quindi accompagnate in Questura e la donna, inizialmente titubante, grazie anche all ausilio psicologico degli operatori decideva di narrare l esatta dinamica degli eventi. In particolare la donna raccontava di aver lasciato l uomo per il comportamento violento spesso assunto dallo stesso nei suoi confronti. A seguito della rottura della relazione sentimentale, l uomo aveva iniziato a pedinare la donna, a minacciarla ed a porre in essere condotte molestatorie spesso degenerate in episodi di violenza, condotte tali da cagionarle un perdurante stato di paura, con conseguente timore per la propria incolumità fisica In relazione alla situazione profilatasi,tenuto conto della pericolosità dell uomo e dei rischi connessi alla prosecuzione della citata condotta vessatoria, il cittadino extracomunitario veniva tratto in arresto per atti persecutori (c.d. stalking), danneggiamento, resistenza a un pubblico ufficiale, oltraggio a pubblico ufficiale. 7

8 In data 13 febbraio 2010 operatori della Squadra Volante procedevano, ad un controllo d iniziativa di un cittadino italiano a bordo di un autovettura. Gli operatori venivano immediatamente insospettiti dal fare equivoco dell uomo, in quanto lo stesso, tra il segnale di stop degli agenti e l arresto del veicolo, aveva effettuato dei movimenti repentini nella macchina. Inoltre l uomo, all atto del controllo, reagiva con nervosismo e con fare insofferente. Gli operanti, ritenuto che l uomo tentasse di occultare qualcosa, decidevano di sottoporlo a perquisizione personale. La perquisizione dava esito positivo, in quanto l uomo veniva trovato in possesso di gr. 26,415 di eroina, suddivisa in n. 20 dosi, e di materiale utilizzato per il confezionamento di sostanza stupefacente. L uomo veniva, pertanto, arrestato per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente e successivamente condannato, per tale reato, dal Tribunale di Ravenna alla pena di un anno e sei mesi di reclusione e euro di multa. In data 4 aprile 2010, la Sala Operativa inviava le Volanti in via Rubicone, su segnalazione di un cittadino straniero che, barricato nel proprio appartamento, manifestava chiari intenti suicidi, minacciando di dar fuoco all abitazione. Le pattuglie, giunte in loco, notavano immediatamente che l uomo aveva già dato esecuzione ai propri intenti, atteso che dalla porta d ingresso dell immobile fuoriusciva del fumo. Gli operatori contattavano immediatamente i Vigili del Fuoco, richiedendone l immediato intervento e, contestualmente, cercavano di instaurare un dialogo con l uomo, il quale veniva invitato ad aprire la porta blindata. A fronte della richiesta degli agenti, l uomo urlava chiedendo di essere lasciato in pace, dichiarando di voler morire arso vivo nella propria abitazione. Pertanto gli agenti, ritenendo necessario l intervento immediato, non solo per l incolumità dell uomo, ma anche per quella dei condomini dello stabile, riuscivano a sfondare la porta d ingresso, constatando che erano in atto ben cinque principi di incendio in luoghi diversi dell appartamento. Le fiamme erano diventate talmente alte da invadere tutti i locali dell appartamento. Gli operatori, pertanto, facevano ingresso nell appartamento, superando le fiamme e la fitta coltre di fumo e riuscivano a trarre in salvo l uomo ed ad evitare che la situazione degenerasse. ATTIVITA DEL POLIZIOTTO DI QUARTIERE 8

9 ATTIVITA Pattuglie impiegate Nuovi contatti acquisiti Persone controllate Segnalazioni ricevute: risolte sul posto - risolte dall ufficio in attesa di risoluzione Percentuale di gestione e risoluzione 96,5 95,5 Persone indagate in stato di libertà Persone indagate in stato di arresto Il servizio del Poliziotto di Quartiere è svolto nell ottica della garanzia del principio di prossimità e della sicurezza percepita. In tal senso, pertanto, la finalità prioritaria perseguita dagli operatori del Poliziotto di Quartiere è quella di creare e gestire concreti contatti tra la polizia di Stato ed i cittadini-utenti, instaurando un rapporto fiduciario e di contatto quotidiano. 21 ATTIVITA DELLA POLIZIA DI FRONTIERA ATTIVITÀ PERIODO Persone controllate Navi esaminate 3788 Aeromobili esaminati 15 Visti concessi in frontiera 335 Respingimenti alla frontiera 51 Ingressi nel territorio nazionale Uscite dal territorio nazionale Clandestini rintracciati a bordo di natanti e 9 veicoli Sanzioni amministrative 4 Persone denunciate in stato di libertà 3 - procurato allarme 1 - furto aggravato 2 Il servizio di Polizia di Frontiera è stato svolto nel rispetto dei compiti istituzionali, vale a dire attendendo alle seguenti attività: 9

10 - garanzia dell osservanza delle norme di diritto pubblico internazionale e delle convenzioni multilaterali, in vigore con i singoli Stati contraenti, delle disposizione contenute negli atti delle direttive emanate in seno alla Comunità Europea, nonchè delle leggi italiane che regolamentano il traffico delle persone e delle merci che attraversano il confine di Stato; - controlli ed ispezioni a bordo delle MotoNavi, al fine di poter autorizzare la movimentazione di persone e di merci, nel rispetto delle norme vigenti; - interventi in ambito portuale in caso di infortuni sul lavoro; - accertamenti di polizia giudiziaria in ambito portuale; - interventi in caso di fughe di sostanze pericolose, in concorso con gli altri organi competenti; - controlli mirati al contrasto dell immigrazione clandestina; - respingimenti alla frontiera; - vigilanza dinamica nelle aree portuali e controlli sui cabotaggi. ATTIVITA DELLA SQUADRA NAUTICA ATTIVITA PERIODO Soccorso a natanti in difficoltà / 2 ricerca dispersi Soccorso a persone in difficoltà 4 Controllo Navi/Imbarcazioni/Natanti da Diporto 7 Controllo Motopescherecci 1 Controllo Navi/Unità da traffico 5 Persone controllate al C.E.D. 132 Infrazioni amministrative accertate nel Diporto 2 Infrazioni amministrative accertate Codice della Strada 9 Sequestro merce contraffatta Sequestro corpi di reato 3 Controllo Autoveicoli (Servizio Terrestre di Vigilanza 52 Costiera) Controllo del territorio con autovettura 194 Controllo del territorio con biciclette 7 Controllo del territorio con Motovedette 74 Miglia percorse (PS PS PS 683) 1247 Servizi di O.P. 2 Natanti impiegati 3 Persone denunciate in stato di libertà 2 Persone arrestate 1 10

11 La Squadra Nautica della Questura di Ravenna nel periodo temporale che va dal al ha effettuato 74 missioni di controllo del mare territoriale, percorrendo circa 1247 miglia nautiche. Sono stati svolti, altresì, ulteriori servizi, quali l assistenza a manifestazioni sportive e culturali, servizi di Ordine Pubblico, vigilanza obbiettivi sensibili, pattugliamento del mare territoriale, controllo e assistenza alla navigazione da diporto e del settore della pesca professionale. Nel citato periodo sono da segnalare 6 operazioni di soccorso in mare e numerose contestazioni di infrazioni amministrativo e penali. Nel periodo di balneazione estiva sono stati effettuati numerosi servizi antiambulantato, volti al contrasto della vendita abusiva di merci lungo le spiagge del litorale ravennate. Tali controllo hanno portato al sequestro di merce contraffatta per un valore approssimativo di DIVISIONE POLIZIA AMMINISTRATIVA E SOCIALE AUTORIZZAZIONI IN MATERIA DI ARMI CODICE E DESCRIZIONE NUMERO Nulla Osta Acquisto armi e materie esplodenti 4 Nulla Osta Acquisto esplosivi di 2^ e 3^ categoria 30 Carte Europee d Arma da Fuoco rilasci estensioni - 90 validità - aggiornamenti Esportazioni temporanee armi uso venatorio 54 Esportazioni e importazioni definitive di armi da sparo 5 Denunce di detenzione armi e materie esplodenti (acquisto, cessione, variazione del luogo di detenzione) 439 Armi aggiornamento archivi polizia (inserimenti modelli ) Provvedimenti prescrittivi per l utilizzo di esplosivi 45 di 2^ e 3^ categoria Avvisi di trasporto armi (privati ed armerie) 25 Licenze collezione armi comuni ed antiche in corso di validità (rilasci ed aggiornamenti) 11 Licenze vendita armi comuni da sparo (rilasci e rinnovi) 6 Licenze fabbricazione, riparazione e disattivazione armi da sparo (rilascio e rinnovo) 3 Armi da sparo versate per la rottamazione 96 Licenze di porto di fucile per uso caccia rilasciate e rinnovate 525 Licenze di porto di fucile per uso caccia DINIEGHI 46 Licenze di porto di fucile per uso caccia SOSPENSIONI 8 Licenze di porto di fucile per uso caccia REVOCHE 19 11

12 Licenze di porto di fucile per uso tiro a volo rilasciate e rinnovate 248 Licenze di porto di fucile per uso tiro a volo DINIEGHI 10 Licenze di porto di fucile per uso tiro a volo SOSPENSIONI 4 Licenze di porto di fucile per uso tiro a volo REVOCHE 6 Licenze di porto di fucile -Procedimenti amministrativi avviati ai sensi dell art. 7 della legge 241/90 44 Licenze di porto di fucile - Procedimenti amministrativi archiviati-sospesi 30 Rilascio autorizzazione per l effettuazione di spettacoli pirotecnici (art. 57 T.U.L.P.S.) 19 ATTIVITA SOGGETTE AD AUTORIZZAZIONI DI POLIZIA CODICE E DESCRIZIONE NUMERO Licenze per agenzie d affari (art. 115 T.U.L.P.S.) 10 Licenze per fabbricazione, commercio e mediazione di oggetti preziosi (art. 127 T.U.L.P.S.) 13 Licenze per l accettazione di scommesse (art. 88 T.U.L.P.S.) 20 Licenze per Phone Center ed Internet Point - art. 7 D.L , nr. 144, convertito in legge Phone center dinieghi-sospensioni-revoche 10 Iscrizione in appositi registri per la vendita, il noleggio, la cessione a qualsiasi titolo di nastri, dischi, videocassette, musicassette o di altro supporto contenente fonogrammi o videogrammi di opere cinematografiche o audiovisive o sequenze di immagini in movimento (art. 75 bis T.U.L.P.S.) 38 Rilascio licenze per impiego, acquisto, deposito e trasporto di gas tossici (art. 58 T.U.L.P.S.) 17 Rilascio nulla osta per il volo da diporto o sportivo (D.P.R. 404/1988) 24 Volo da diporto o sportivo - dinieghi-sospensionirevoche 8 Rilascio autorizzazione per l installazione di luminarie (art. 110 Reg. Esec. T.U.L.P.S.) 1 Informazioni Prefettura Rilascio/rinnovo Porto di pistola difesa personale 145 Informazioni Prefettura Rilascio/rinnovo decreto G.P.G. / noleggio veicoli 170 Informazioni Prefettura Rilascio/rinnovo attività Istituti di Vigilanza 69 Infortuni sul lavoro ATTIVITA DI CONTROLLO 12

13 CODICE E DESCRIZIONE NUMERO Controlli amministrativi effettuati 350 Violazioni penali accertate 20 Sanzioni amministrative contestate 13 Procedimenti amministrativi avviati ai sensi dell art. 7 della legge 241/90 1 Provvedimenti adottati ai sensi dell art. 100 del T.U.L.P.S. / Video-poker sequestrati / UFFICIO PASSAPORTI CODICE E DESCRIZIONE NUMERO Passaporti rilasciati Passaporti rinnovati 98 Concessione Nulla-osta ad altre Province e Consolati 375 Passaporti collettivi emessi / Decreti di diniego rilasci/rinnovi passaporti 16 Certificati di mascita per minori di anni 15 x espatrio Passaporti ritirati / Procedimenti amministrativi avviati Art /90 21 UFFICIO IMMIGRAZIONE - DATI PERMESSI DI SOGGIORNO: Cittadini stranieri residenti in Provincia di Ravenna Permessi di soggiorno cartacei per motivi di lavoro autonomo/ subordinato/altro e carte di soggiorno, stampati nel periodo di riferimento 948 Permesso di soggiorno elettronici PSE consegnati PSE in attesa di essere prodotti (stampati) dal Poligrafico dello Stato 586 Pratiche in attesa di decretazione per le quali si è provveduto all acquisizione delle impronte con procedura SPAID

14 Cittadini stranieri per i quali il programma di Poste Italiane ha fissato la convocazione presso lo Sportello dell Ufficio Imm.ne della Questura. 501 Affluenza agli sportelli Nulla Osta al ricongiungimento familiare e al lavoro subordinato trasmessi per via telematica Nulla Osta regolarizzazione colf e badanti trasmessi per via telematica Richieste di asilo politico 30 Rigetti/revoche permessi di soggiorno DATI PROVVEDIMENTI DI ESPULSIONE: Decreti di espulsione con accompagnamento in frontiera 35 Decreti di espulsione con accompagnamento presso C.I.E. 90 Decreti di espulsione con intimazione a lasciare il T.N. entro 15 giorni 61 Decreti di espulsione e conseguente Ordine del Questore dei 5 giorni 282 Totale dei provvedimenti di espulsione 468 COMMISSARIATO P.S. FAENZA Servizi esterni comandati: 1631; 14

15 Persone identificate: 5412; Veicoli controllati: 3575; Contravvenzioni :n. 141; Indagati:n. 349; Arrestati:n. 45; Perquisizioni effettuate: 53 ; Persone fotosegnalate: 181 (per motivi di P.G.) 1285 (normativa sugli stranieri); Sequestri di sostanze stupefacenti: Eroina gr. 94,76 Cocaina gr. 240,02 Hashish gr. 338,66 Marijuana gr. 41,01 P.A.S. - Immigrazione: Esercizi pubblici controllati: 51; Esercizi pubblici contravvenzionati: 20; Passaporti pratiche istruite per il rilascio: 1470; Passaporti pratiche istruite per il rinnovo: 130 ; Armi - pratiche istruite per autorizzazioni(portodetenzione): 618; Armi pratiche di cessione,acquisto : 1025; Pratiche stranieri istruite: n (relative al permesso di soggiorno elettronico) n.294 (permessi di soggiorno cartacei). Si riportano di seguito gli episodi più significativi verificatisi in Faenza e nel territorio di competenza nel periodo di riferimento: Il 25 maggio 2009, in esito ad un indagine per contrastare il fenomeno della prostituzione, si è proceduto all arresto in flagranza di reato per favoreggiamento della prostituzione di una cittadina brasiliana. La straniera è stata oggetto di indagini che hanno consentito di individuare un appartamento sito nel centro storico faentino, dove si prostituivano due donne anche loro di nazionalità straniera. Si è accertato che i clienti contattavano telefonicamente la brasiliana attraverso un numero di telefono pubblicato sui quotidiani e siti internet. Secondo quanto appurato, quotidianamente la brasiliana riusciva ad incassare, con le prestazioni delle due prostitute, tra i mille ed i duemila euro. Il 13 novembre 2009, veniva arrestato, in esito ad un regolamento di conti con esplosione di colpi d arma da 15

16 fuoco, un cittadino marocchino, indagato per ricettazione, minacce in pregiudizio di due suoi connazionali, droga ed armi. Nell immediatezza veniva sequestrato un fucile a canne mozze provento di furto. Nello sviluppo dell attività investigativa veniva successivamente effettuata una perquisizione su un veicolo rinvenendo e sequestrando un panetto di Hashish del peso gr. 97,23. Il si è conclusa con l esecuzione di una misura cautelare in carcere a carico di una faentina, una articolata attività investigativa supportata da attività tecniche e corroborata da diversi sequestri di droga. La persona arrestata è stata ritenuta responsabile di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente commesso in più occasioni nell arco di tempo ricompresso tra la fine 2008 e il mese di ottobre Nel corso dell attività di p.g. sono stati arrestati in flagranza, sempre per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente altri tre cittadini italiani: Il 22 febbraio 2010 a Faenza si è interrotta l irreperibilità di un cittadino straniero di nazionalità albanese, evaso da diversi mesi dal regime degli arresti domiciliari che stava scontando a Riolo Terme. Lo straniero si era sottratto volontariamente all esecuzione di una pena detentiva che stava scontando ai domiciliari da otto mesi, dovendo scontare una condanna ad oltre tre anni di reclusione per spaccio di stupefacenti. L'indagine che ha condotto alla sua cattura, si è conclusa con l irruzione di personale del Commissariato nell'appartamento dove si nascondeva, sito nella zona più centrale di Faenza, nella disponibilità di un parente del ricercato con altro cognome. All'albanese è stato contestato anche il possesso e l'utilizzo di documenti d'identità falsi (carta d'identità e patente rumena). Il 13 aprile 2010, a Faenza si è conclusa un operazione, che ha portato all arresto di un cittadino di nazionalità marocchina, nonché al deferimento all A.G. di un altra persona ed al sequestro di sostanza stupefacente. Il lavoro investigativo si è concluso con esito positivo con il sequestro di un quantitativo di 104 gr. di cocaina, ponendo in stato di arresto per detenzione ai fini spaccio di sostanza stupefacente lo straniero, già noto all Ufficio per altri precedenti di polizia specifici. COMMISSARIATO P.S. LUGO 16

17 Persone identificate: 3815; Veicoli controllati: 2531; Cittadini stranieri identificati 868; Persone indagate: 67; Persone arrestate: 24; Contravvenzioni al C.d.S. elevate: 57; Perquisizioni effettuate 32; Sequestri di sostanze stupefacenti: Eroina: gr 6; Cocaina: gr. 6; Hashish: gr. 40; Marijuana gr. 140 più 80 piante. P.A.S. - Immigrazione: Esercizi pubblici controllati: 27; Esercizi pubblici contravvenzionati: 1; Passaporti pratiche istruite per il rilascio/ rinnovo: 1.318; Armi - pratiche istruite per autorizzazioni (portodetenzione): 341; Armi pratiche di cessione,acquisto : 774; Pratiche stranieri istruite: n (relative al permesso di soggiorno elettronico). Si riportano di seguito gli episodi più significativi verificatisi in Lugo e nel territorio di competenza nel periodo di riferimento: All inizio del mese di ottobre 2009 personale del Commissariato di P.S. di Lugo si è recato in provincia di Lecce ove, assieme ai colleghi del Commissariato di Taurisano, ha tratto in arresto un cittadino italiano, di anni 65, in esecuzione di un Ordine di Carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica di Ravenna per il reato di violenza sessuale. L indagine era iniziata da una denuncia per maltrattamenti presentata dalla donna negli uffici di via Emaldi nel mese di dicembre I successivi accertamenti effettuati facevano emergere un quadro veramente triste e scabroso di ciò che avveniva all interno delle mura domestiche. Infatti, oltre alle azioni di violenza fisica così dette classiche, l uomo si era reso anche autore di atti di violenza sessuale ed estorsione perpetrata nei confronti della propria compagna nell anno Inoltre l uomo aveva estorto alla donna la firma di garanzia al fine di ottenere un prestito presso un istituto di credito del lughese. 17

18 Sulla base delle risultanze investigative l A.G. emetteva relativo provvedimento di custodia cautelare in carcere ma l uomo si rendeva irreperibile fino all inizio del mese di ottobre 2009 quando emergevano tracce della sua presenza in provincia di Lecce ove, poi, il predetto veniva effettivamente rintracciato e ristretto presso il carcere di quella città. POLIZIA POSTALE E DELLE COMUNICAZIONI nr. 105 persone deferite all A.G. nr. 15 perquisizioni delegate dall A.G. nr. 275 sequestri penali nr. 489 servizi di vigilanza agli uffici postali della città e della provincia per i quali le pattuglie hanno percorso km nr. 12 veicoli controllati nr. 181 persone identificate nr. 34 controlli amministrativi presso aziende ed attività commerciali nr. 40 attività specialistiche di criminalità informatica delegata dall A.G. SEZIONE POLIZIA STRADALE VERBALI Somme incamerate Art. 187 n. 30 verbali Art. 186 n. 320 verbali Art 142 n di cui comma 9 n Patenti ritirate n. 570 Carte di circolazione ritirate n. 804 Veicoli sequestrati n. 113 Veicoli sottoposti a fermo n. 60 INCIDENTI Incidenti con soli danni n. 249 Incidenti con feriti n. 265 Incidenti mortali n. 12 Persone illese n. 736 Persone ferite n. 393 Persone decedute n. 14 POLIZIA GIUDIZIARIA 18

19 Persone arrestate n. 12 Denunciati n. 108 Reati contestati n. 194 Operazioni di P.G. concluse 3 (a loro volta conclusesi con 9 arresti). POSTO POLIZIA FERROVIARIA DI RAVENNA 1) Servizi di vigilanza alla stazione ferroviaria di Ravenna nr.669; 2) Pattuglie impiegate a bordo treno nr.196; 3) Treni scortati nr.1024; 4) Persone identificate nr.3288; 5) Persone arrestate nr.11; 6) Persone denunciate in stato di libertà nr.48. POSTO POLIZIA FERROVIARIA DI FAENZA Servizi di vigilanza agli scali ferroviari 1053 Servizi di scorta ai treni 412 Treni scortati 824 Persone identificate 3454 Persone denunciate in stato di arresto 1 Persone denunciate in stato di libertà 19 Contravvenzioni Regolamento Polfer 151 Contravvenzioni Codice della Strada 90 Altre Contravvenzioni 3 Minori rintracciati 5 19

Indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Arezzo, che ha permesso di disvelare un articolato sodalizio criminale finalizzato all

Indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Arezzo, che ha permesso di disvelare un articolato sodalizio criminale finalizzato all Indagine Fort Knox Roma, 08 aprile 2014 Indagine Fort Knox Indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Arezzo, che ha permesso di disvelare un articolato sodalizio criminale finalizzato all

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Per poter lavorare in Italia il cittadino straniero non comunitario deve essere in possesso del permesso di soggiorno rilasciato per

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

Capitolo Terzo I provvedimenti di Polizia

Capitolo Terzo I provvedimenti di Polizia Capitolo Terzo I provvedimenti di Polizia Sommario: 1. Premessa. - 2. Gli ordini e le ordinanze. - 3. Le autorizzazioni. - 4. Segue: Competenza al rilascio delle autorizzazioni. - 5. Segue: La disciplina

Dettagli

ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ'

ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ' Mod. SCIA adeguato alla L.122/2010 ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ' AL COMUNE DI Ai sensi e per gli effetti di cui all'art. 19 commi

Dettagli

BOZZA RIORDINO FORZE DI POLIZIA ELABORTATA DAL GOVERNO

BOZZA RIORDINO FORZE DI POLIZIA ELABORTATA DAL GOVERNO BOZZA RIORDINO FORZE DI POLIZIA ELABORTATA DAL GOVERNO Stralcio della Legge Delega (art. 4, 5 e 6) per riordino e accorpamento Forze statali di Polizia Art. (3) Principi generali e criteri direttivi della

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali Informazioni generali Il Ministero dell'interno, Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione, ha

Dettagli

C:\DOCUME~1\ascanim\IMPOST~1\Temp\Domino Web Access\34\schema SCIA pe.doc Pagina 1 di 34

C:\DOCUME~1\ascanim\IMPOST~1\Temp\Domino Web Access\34\schema SCIA pe.doc Pagina 1 di 34 TIMBRO PROTOCOLLO MODULO DI SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE (SUBINGRESSO NUOVA APERTURA (di cui art. 4 comma 5^ L.R. 14/2003) - CESSAZIONE VARIAZIONI

Dettagli

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015)

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) Il testo inserisce nel codice penale un nuovo titolo, dedicato ai delitti contro l'ambiente, all'interno del quale vengono

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

Legge 7.3.1986, n. 65 Legge quadro sull ordinamento della Polizia Municipale. Art. 1 Servizio di Polizia Municipale

Legge 7.3.1986, n. 65 Legge quadro sull ordinamento della Polizia Municipale. Art. 1 Servizio di Polizia Municipale Legge 7.3.1986, n. 65 Legge quadro sull ordinamento della Polizia Municipale Art. 1 Servizio di Polizia Municipale 1. I comuni svolgono le funzioni di polizia locale. A tal fine, può essere appositamente

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

Informazioni generali

Informazioni generali Modulo VA : Domanda di verifica della sussistenza di una quota per lavoro subordinato ai sensi degli artt. 14 comma 6 e 39 comma 9 del DPR. n. 394/99 e successive modifiche ed integrazioni Informazioni

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

PARTE SPECIALE 3 Altri reati

PARTE SPECIALE 3 Altri reati MODELLO ORGANIZZATIVO ai sensi del D.Lgs. 231/2001 PAGINA 1 DI 13 - SOMMARIO 1. TIPOLOGIA DI REATI... 3 1.1 DELITTI CONTRO LA PERSONALITA INDIVIDUALE... 3 1.2 SICUREZZA SUL LAVORO... 3 1.3 RICETTAZIONE,

Dettagli

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000 Testo originale 0.360.454.1 Accordo tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica italiana relativo alla cooperazione tra le autorità di polizia e doganali Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall

Dettagli

Al Responsabile del S.U.A.P.

Al Responsabile del S.U.A.P. Marca da bollo Da inviare al Comune competente mediante lettera A/R Al Responsabile del S.U.A.P. Comune di Penna Sant Andrea (TE) M0297/83-AB OGGETTO: Domanda di rilascio nuova autorizzazione di tipo A

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO DIREZIONE GENERALE DELL IMMIGRAZIONE STRANIERI E LEGGE SULLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE

REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO DIREZIONE GENERALE DELL IMMIGRAZIONE STRANIERI E LEGGE SULLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO DIREZIONE GENERALE DELL IMMIGRAZIONE STRANIERI E LEGGE SULLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO PUBBLICAZIONI DELLA DIREZIONE

Dettagli

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04. ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.2008) TITOLO

Dettagli

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SUBINGRESSO NELL ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI VENDITA SU AREE PUBBLICHE SIA DI TIPO A (su posteggi dati in concessione per dieci anni) SIA DI TIPO B (su qualsiasi area purché

Dettagli

LA LEGGE E LE ARMI. Ogni riproduzione, anche parziale, è vietata.

LA LEGGE E LE ARMI. Ogni riproduzione, anche parziale, è vietata. Marte ZANETTE T.S.N. LECCE LA LEGGE E LE ARMI Ogni riproduzione, anche parziale, è vietata. Le leggi vigenti - Nozione di arma La legge penale stabilisce che per armi si intendono: quelle da sparo e tutte

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

Art. 3. Codice disciplinare

Art. 3. Codice disciplinare Art. 3 Codice disciplinare 1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità delle sanzioni in relazione alla gravità della mancanza, e in conformità a quanto previsto dall art. 55 del D.Lgs.n.165

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA COMANDO PROVINCIALE AREZZO

GUARDIA DI FINANZA COMANDO PROVINCIALE AREZZO GUARDIA DI FINANZA COMANDO PROVINCIALE AREZZO SENATO DELLA REPUBBLICA X COMMISSIONE (INDUSTRIA, COMMERCIO E TURISMO) INDAGINE FORT KNOX AUDIZIONE DEL Colonnello t.issmi Dario Solombrino Comandante Provinciale

Dettagli

Gli ordini di protezione

Gli ordini di protezione Gli ordini di protezione di Germano Palmieri Ricorrenti fatti di cronaca ripropongono pressoché quotidianamente il problema della violenza fra le pareti domestiche; non passa giorno, infatti, che non si

Dettagli

LA guida DI CHI è ALLA GUIDA

LA guida DI CHI è ALLA GUIDA la guida DI CHI è alla guida SERVIZIO CLIENTI Per tutte le tue domande risponde un solo numero Servizio Clienti Contatta lo 06 65 67 12 35 da lunedì a venerdì, dalle 8.30 alle 18.00 o manda un e-mail a

Dettagli

Modulo VA : Art. 22 Lavoro subordinato. Informazioni generali

Modulo VA : Art. 22 Lavoro subordinato. Informazioni generali Modulo VA : Art. 22 Lavoro subordinato Informazioni generali Il Ministero dell'interno, Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione, ha realizzato il servizio di inoltro Telematico delle domande

Dettagli

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro A Sua Eccellenza il Signor Prefetto di Roma OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro Signor Prefetto, come abbiamo concordato nei nostri precedenti incontri, Le scrivo

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO-LEGGE 20 giugno 2012, n. 79 Misure urgenti per garantire la sicurezza dei cittadini, per assicurare la funzionalita' del Corpo nazionale dei vigili del fuoco e di altre strutture dell'amministrazione

Dettagli

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione

Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione LEGGE 20 FEBBRAIO 1958, n. 75 (GU n. 055 del 04/03/1958) ABOLIZIONE DELLA REGOLAMENTAZIONE DELLA PROSTITUZIONE E

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA Spett.le ACSM-AGAM S.p.A. Via P. Stazzi n. 2 22100 COMO CO Oggetto: Dichiarazione sostitutiva in merito al possesso dei requisiti di ordine generale prescritti dall

Dettagli

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i.

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i. CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 1088 Versione 001 2015) Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: COMUNICAZIONE

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO LEGISLATIVO 21 NOVEMBRE 2007, N. 231 (PUBBLICATO NELLA G.U. N. 290 DEL 14 DICEMBRE 2007, S.O. N. 268) ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 2005/60/CE CONCERNENTE LA PREVENZIONE DELL UTILIZZO DEL SISTEMA

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. R CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

Codice di procedura penale Italiano

Codice di procedura penale Italiano Codice di procedura penale Italiano Norme in materia di perquisizioni: Art. 247. Casi e forme delle perquisizioni 1. Quando vi e' fondato motivo di ritenere che taluno occulti sulla persona il corpo del

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati

Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati Molti sono i reati che confinano con quello di cui all articolo 572 del codice penale. Si tratta di fattispecie penali che possono avere

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate dalla legge 3 maggio 1985, n. 204, in attuazione degli

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

CHE COS E LO STALKING?

CHE COS E LO STALKING? CHE COS E LO STALKING? Con il termine stalking si intende un insieme di comportamenti tramite i quali una persona affligge un altra con intrusioni e comunicazioni ripetute e indesiderate, a tal punto da

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTI MEDIANTE AUTOVETTURA CAPO I

REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTI MEDIANTE AUTOVETTURA CAPO I REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTI MEDIANTE AUTOVETTURA CAPO I SERVIZIO DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTI MEDIANTE AUTOVETTURA ART.1 - DEFINIZIONE DEL SERVIZIO Sono definiti

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014

Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014 Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014 Dipartimento 52 - Dipartimento della Salute e delle Risorse Naturali Direzione Generale 4 - Direzione Generale Tutela salute e coor.to del Sistema

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda TCS Carta Aziendale Soccorso stradale e protezione giuridica circolazione per veicoli aziendali TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda Un problema in viaggio? Ci pensa il Suo pattugliatore

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

MODELLO D - DICHIARAZIONI PROGETTISTI MANDANTI R.T.I. o di cui si AVVALE IL CONCORRENTE

MODELLO D - DICHIARAZIONI PROGETTISTI MANDANTI R.T.I. o di cui si AVVALE IL CONCORRENTE Al Comune di Lamporecchio Ufficio Tecnico Lavori Pubblici - Piazza Berni, 1-51035 Lamporecchio (PT) OGGETTO: CONCESSIONE DEI LAVORI DI COSTRUZIONE E GESTIONE DI UN IMPIANTO DI TELERISCALDAMENTO ALIMENTATO

Dettagli

DENUNCIA INIZIO ATTIVITA AGENZIA D AFFARI (Artt. 19 legge 241/90, modificato dall art. 2, c.10, della legge 537/93 e art.

DENUNCIA INIZIO ATTIVITA AGENZIA D AFFARI (Artt. 19 legge 241/90, modificato dall art. 2, c.10, della legge 537/93 e art. DENUNCIA INIZIO ATTIVITA AGENZIA D AFFARI (Artt. 19 legge 241/90, modificato dall art. 2, c.10, della legge 537/93 e art. 21 legge 241/90) Al Sindaco del Comune di. Il sottoscritto Cognome Nome Codice

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO Modello B Comune di Saluzzo Via Macallè, 9 12037 SALUZZO PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DELLA POLIZZA DI ASSICURAZIONE A FAVORE DEL COMUNE DI SALUZZO RELATIVA A INCENDIO E ALTRI EVENTI, FURTO E

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali.

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali. Regolamento d uso del verde Adottato dal Consiglio Comunale nella seduta del 17.7.1995 con deliberazione n. 173 di Reg. Esecutiva dal 26.10.1995. Sanzioni approvate dalla Giunta Comunale nella seduta del

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI rev.0 -data:pagina 1 di 10 TTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: 01 COM 1- Esercizio di vicinato: (Sup di vendita fino a 250 mq.) apertura, trasferimento di sede, ampliamento della superficie, subentro, cessazione,

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP.

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP. Dipartimento per le Infrastrutture, gli affari generali ed il personale Direzione generale del personale e degli affari generali Divisione 4 Ufficio Ispettivo e Disciplina Via Nomentana, 2 00161 Roma tel.06.4412.3285

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

CODICE PENALE MILITARE DI PACE

CODICE PENALE MILITARE DI PACE CODICE PENALE MILITARE DI PACE LIBRO PRIMO DEI REATI MILITARI, IN GENERALE. Titolo I DELLA LEGGE PENALE MILITARE. Art. 1. Persone soggette alla legge penale militare. La legge penale militare si applica

Dettagli

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV.

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV. All. 2) al Disciplinare di gara Spett.le Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE Via Pisa - P.zza Giovanni XXIII 95037 - San Giovanni La Punta Oggetto: GARA PER L AFFIDAMENTO DEI LAVORI RELATIVI

Dettagli

Guida per genitori, bambini e giovani

Guida per genitori, bambini e giovani Guida per genitori, bambini e giovani Conseils régionaux de préven on et de sécurité (CRPS) Italiano - luglio 2012 Département de la sécurité et de l environnement (DSE) Département de la forma on, de

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

ai sensi del D.Lgs 231/2001

ai sensi del D.Lgs 231/2001 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO GASPARINA DI SOPRA Società Cooperativa Sociale Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 Sistema Disciplinare 1 ELENCO DELLE

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

BOLLO ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO - MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE

BOLLO ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO - MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE MOD.COM 2 BOLLO copia per il Comune ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO - MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE Al Comune di * Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (artt. 8,9,10, comma 5),

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO TITOLO I DISCIPLINA GENERALE DELLE PRESTAZIONI E DEI CONTRIBUTI CAPO I -

Dettagli

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara Oggetto: Procedura aperta per la fornitura di generatori di molibdeno tecnezio per l U.O.C. di Medicina Nucleare

Dettagli

Frequently Asked Questions

Frequently Asked Questions EMERSIONE DAL LAVORO IRREGOLARE DEI LAVORATORI STRANIERI EXTRACOMUNITARI 2012 Frequently Asked Questions 1. Quando si può presentare la domanda di emersione? La dichiarazione di emersione potrà essere

Dettagli

SCIA-SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA

SCIA-SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA MOD. COM 3 SCIA-SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO: MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA Al SUAP Ai sensi del D. L.vo 114/98, D. L.vo 59/10 e L. 122/10 Il sottoscritto

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 47 del 31-03-2011

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 47 del 31-03-2011 9234 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 47 del 31-03-2011 mod. Com 6 REGIONE PUGLIA Forme speciali di vendita al dettaglio - SPACCI INTERNI SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA' COMPILARE

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive

Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive Dipartimento della Pubblica Sicurezza Stagione sportiva 2011/2012 Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive Determinazione n. 26/2012 del 30 maggio 2012 L Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni

Dettagli

Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.)

Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.) Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.) Familiari per i quali può essere richiesto il ricongiungimento: 1. Coniuge non

Dettagli

TITOLOPROGETTO SEDE DI ATTUAZIONE N. VOL... ED IO AVRÒ CURA DI TE A CASTELLAMMARE - Viale Europa -

TITOLOPROGETTO SEDE DI ATTUAZIONE N. VOL... ED IO AVRÒ CURA DI TE A CASTELLAMMARE - Viale Europa - BANDO PER LA SELEZIONE DI 2.005 VOLONTARI DA IMPIEGARE IN PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE NAZIONALE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA EUROPEO GARANZIA GIOVANI NELLA REGIONE CAMPANIA Art. 1 Progetti e sedi di

Dettagli

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere).

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere). Breve percorso sulla Magistratura La Magistratura La funzione giurisdizionale è la funzione dello stato diretta all applicazione delle norme giuridiche per la risoluzione delle controverse tra cittadini

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto Mini Guida Lotta alle frodi nella RC Auto Guida realizzata da Con il patrocinio ed il contributo finanziario del LOTTA ALLE FRODI NELLA RC AUTO Le frodi rappresentano un problema grave per il settore della

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

PROVINCIA DI CROTONE STAZIONE UNICA APPALTANTE

PROVINCIA DI CROTONE STAZIONE UNICA APPALTANTE PROVINCIA DI CROTONE STAZIONE UNICA APPALTANTE AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI CROTONE Prot. n. 25161 del 21/05/2012 BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA Fornitura di Prodotti Disinfestanti e Derattizzanti

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli