Report di ricerca Progetto Spinner 2013 INDAGINE SULLA IDENTITÀ DELLA COOPERATIVA SOCIALE L ARCO: IMMAGINE E PERCEZIONE INCHIESTA SUI BISOGNI SOCIALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Report di ricerca Progetto Spinner 2013 INDAGINE SULLA IDENTITÀ DELLA COOPERATIVA SOCIALE L ARCO: IMMAGINE E PERCEZIONE INCHIESTA SUI BISOGNI SOCIALI"

Transcript

1 Report di ricerca Progetto Spinner 2013 INDAGINE SULLA IDENTITÀ DELLA COOPERATIVA SOCIALE L ARCO: IMMAGINE E PERCEZIONE Supplemento INCHIESTA SUI BISOGNI SOCIALI DEL TERRITORIO DI PIACENZA E PROVINCIA A cura di Valentina Pacella Aprile 2011

2 I. INDAGINE SULLA IDENTITÀ DELLA COOPERATIVA L ARCO: IMMAGINE E PERCEZIONE INTRODUZIONE LA RICERCA I SOGGETTI COINVOLTI GLI OBIETTIVI DELLA RICERCA IL METODO UTILIZZATO Il campione della ricerca Servizi e territori considerati Fase preliminare Fase realizzativa L'ANALISI LA CONOSCENZA DEL SERVIZIO ASSOCIAZIONE DEL SERVIZIO ALLA COOPERATIVA L'ARCO IL POSIZIONAMENTO DI IMMAGINE Il posizionamento di immagine complessivo Committenti e Altri referenti Genitori degli utenti Utenti Operatori Residenti e Commercianti I CANALI DI COMUNICAZIONE I canali di comunicazione: spunti e suggerimenti da parte di Committenti e Altri Referenti CONCLUSIONI 44 II. INCHIESTA SUI BISOGNI SOCIALI DEL TERRITORIO DI PIACENZA E PROVINCIA 4.0 NUOVI AMBITI DI ATTIVITÀ LE ESIGENZE SOCIALI DEI TERRITORI DI PIACENZA E PROVINCIA Committenti e Altri Referenti Genitori degli utenti Utenti Operatori Residenti e Commercianti 64 APPENDICE IL QUESTIONARIO 67 1

3 2

4 La presente analisi intende presentare i dati emersi dalla ricerca condotta da Valentina Pacella per innovare il settore Comunicazione Esterna della Cooperativa Sociale L'Arco. Essi sono stati analizzati dal punto di vista sia quantitativo che qualitativo. I dati rilevati sono in merito a: La percezione della Cooperativa Sociale L'Arco da parte dei suoi interlocutori esterni e interni I canali di comunicazione utilizzati dai diversi stakeholders I bisogni sociali esistenti nei territori coinvolti dall''inchiesta L'indagine ha generato una matrice di dati che è stata analizzata con tecniche statistiche, a partire dalla quale sono stati prodotti grafici e tabelle. L'intento del seguente report è mostrare tali risultati offrendo un'interpretazione più ampia dei dati numerici, avvalendosi del materiale raccolto durante i colloqui con gli intervistati: commenti, precisazioni, spunti e suggerimenti con cui essi hanno accompagnato le risposte al questionario proposto. Si specifica inoltre che l'ampiezza del campione raggiunto ha permesso un'analisi disaggregata dei dati in relazione alle varie tipologie di intervistati e di territori di riferimento. Tuttavia è bene notare come l'intento non sia restituire un quadro esaustivo della situazione, che avrebbe peraltro comportato il raggiungimento di un campione ben più ampio, bensì l'occasione per l'avvio di una riflessione di tipo qualitativo sulla propria identità di cooperativa e sulle proprie potenzialità comunicative. In aggiunta a ciò si è voluto cogliere l occasione per interrogare lo stesso campione sulle esigenze in ambito sociale dei diversi territori: il quadro che emerge è un interessante insieme di considerazioni, richieste e proposte fatte da chi lavora nel settore sociale da anni, così come dai cittadini dei vari comuni interessati dall indagine. Un altro modo per conoscere il pensiero dei propri interlocutori esterni e interni e porsi nell ottica dell ascolto dei reali bisogni della comunità, obiettivo ultimo di chi, come la cooperativa L Arco, lavora da anni per soddisfarli. 3

5 I soggetti coinvolti all'interno del progetto di ricerca sono: Valentina Pacella: assegnataria della borsa di ricerca Spinner Il programma Spinner 2013 è finanziato dal Fondo Sociale Europeo e promosso dalla Regione Emilia Romagna, rivolto a giovani laureati e ricercatori che vogliano sviluppare progetti nell'ambito della ricerca e dell'innovazione in collaborazione con centri di ricerca, università e imprese. Cooperativa Sociale L'Arco: cooperativa sociale che si occupa di sviluppare e realizzare ricerche, progetti e servizi socio-educativi e di animazione a favore di minori, giovani e comunità locali sul territorio di Piacenza e provincia. L'Arco partecipa al Progetto Spinner come impresa partner, collaborando con la beneficiaria nella realizzazione di un progetto di innovazione del proprio settore di comunicazione esterna. Come anticipato nell'introduzione, l'indagine mira a ottenere 3 obiettivi di riferimento: 1. Analizzare il grado di condivisione dei drivers (attributi) di posizionamento della cooperativa da parte degli stakeholders 2. Identificare i canali di comunicazione più efficaci a raggiungere le diverse tipologie di stakeholders 3. Considerare potenziali bacini di utenza per la diversificazione delle attività della cooperativa Il presente report generato dall'indagine si pone l'obiettivo di fornire alla cooperativa L Arco strumenti per orientare le proprie strategie di comunicazione, così da ottenere: maggiore visibilità e riscontro sul territorio possibilità di contatto con nuovi utenti, volontari, potenziali soggetti finanziatori considerare l opportunità di sviluppo di azioni di raccolta fondi considerare l'opportunità di apertura della cooperativa a nuovi settori in ambito Sociale 4

6 1.3.1 Il campione della ricerca Il campione preso in esame è composto da 200 stakeholder, o interlocutori, della cooperativa L'Arco. Esso è uniformemente distribuito per età e genere, ed è stato strutturato a partire da 6 tipologie di stakeholder: Utenti: chi fruisce direttamente dei servizi Genitori di utenti: genitori e/o altri famigliari degli utenti Committenti: rappresentanti della clientela pubblica o privata (chi effettivamente commissiona i servizi: referenti di Comuni e AUSL) Operatori: chi lavora nella cooperativa (sia socio che non socio, con diversi ruoli e funzioni) Altri referenti: altre persone coinvolte che si relazionano dal punto di vista lavorativo con la cooperativa (funzionari AUSL, funzionari comunali, collaboratori esterni, consulenti, volontari, ecc.) Residenti e commercianti: chi è in contatto con la cooperativa nelle zone dove vengono gestiti i servizi senza farne parte e senza esserne beneficiario Tabella 1: Tipologie di stakeholder Tipologie stakeholder % Utenti 24,5% Committenti 19,0% Operatori 16,5% Residenti e commercianti 16,0% Genitori di utenti 12,0% Altri referenti 12,0% Totale 100,0% Gli stakeholder presi in considerazione sono portatori sia di una prospettiva interna all'organizzazione, come nel caso degli operatori, sia di una visione esterna, come nel caso delle restanti tipologie. 5

7 1.3.2 Servizi e territori considerati L'indagine ha preso in considerazione i servizi e i territori in cui la cooperativa è attualmente operativa. Gli intervistati sono stati interpellati in merito ai seguenti servizi gestiti dalla cooperativa: Animazione di strada Centri di aggregazione Centri educativi Sostegni individuali scolastici Sostegni individuali a domicilio Tutoring famigliare Mediazione scolastica Progetto prevenzione Case manager Distribuzione terapia metadonica Tabella 2: Tipologie di servizi associate agli stakeholder 1 Servizi di riferimento % Servizi misti 47,5% Centro di aggregazione 23,0% Centro educativo 13,0% Animazione di strada 11,5% Sostegni individuali 3,5% Nessuno 1,5% Totale 100,0% 1 Si specifica che con Servizi Misti si indicano i casi in cui all'intervistato possa essere associato più di un servizio della cooperativa L'Arco. La dicitura comprende anche i seguenti servizi svolti da L Arco: Tutoring famigliare, Mediazione scolastica, Progetto prevenzione, Case manager, Distribuzione terapia metadonica 6

8 I territori coperti dall'indagine sono i seguenti: Borgonovo Val Tidone Cadeo Carpaneto Piacentino Castelvetro Piacentino Cortemaggiore Fiorenzuola d Arda Gropparello Lugagnano Val d Arda Monticelli d Ongina Piacenza Rottofreno Sarmato Tabella 3: Campione per località Località % Piacenza 24,5% Carpaneto P.no 15,0% Lugagnano Val D Arda 15,0% Fiorenzuola d Arda 14,5% Monticelli d Ongina 6,5% Gropparello 6,0% Sarmato 5,5% Cortemaggiore 4,5% Rottofreno 4,0% Altre località 4,5% Totale 100,0% 7

9 1.3.3 Fase preliminare Al campione considerato è stato somministrato un questionario articolato in 5 sezioni e un appendice finale. 2 Il questionario prevede una serie di domande a risposta multipla ed è stato costruito in base ai risultati dell Analisi di Sfondo, una fase preliminare della ricerca durante la quale sono state svolte interviste semi-strutturate a risposta aperta a 40 stakeholder della cooperativa. Il campione preliminare ha compreso tutte e 6 le tipologie di intervistati Fase realizzativa Il questionario è stato somministrato tramite: intervista strutturata face to face (n. 160 intervistati) questionario autocompilato (n. 33 intervistati) intervista strutturata telefonica (n. 7 intervistati) Tabella 4: Modalità di somministrazione del questionario Tipologia somministrazione questionario % Intervista face to face 80,0% Questionario autocompilato 16,5% Intervista telefonica 3,5% Totale 100,0% Le persone da intervistare sono state indicate da coordinatori e operatori dell'arco, oltre che contattate su iniziativa personale dell intervistatrice, facendo riferimento ai requisiti del campione stabiliti. Tutte e tre le modalità di somministrazione hanno previsto un contatto iniziale telefonico in cui è stato introdotto il progetto di ricerca, a esclusione della tipologia di stakeholder Residenti e commercianti, a cui si è chiesta la disponibilità al momento del contatto stesso. 2 Cfr. Appendice di p. 66 8

10 Nel caso del questionario autocompilato alla telefonata è seguita una di presentazione e l'invio del questionario, nel caso dell'intervista telefonica e in quella face to face il progetto e il questionario sono stati presentati all'interno del colloquio. La somministrazione è avvenuta nel pieno rispetto della legge 196/03 sulla privacy. Il questionario è stato somministrato, distribuito e raccolto a partire da Novembre 2010 fino a Gennaio Dei n. 213 questionari consegnati, n. 200 sono stati restituiti. L'alta percentuale di restituzione è dovuta alla metodologia di rilevazione scelta: intervista face to face e telefonica nella maggior parte dei casi, questionario autocompilato laddove si è prevista una maggiore disponibilità alla compilazione, cioè per quanto riguarda i questionari somministrati agli operatori che lavorano per la cooperativa L'Arco. 9

11 Da quanto tempo conosce il servizio...? Recentemente 1,0% Qualche mese 9,5% Da diversi anni 55,5% Qualche anno 34,0% Il campione considerato ha mostrato di avere una buona conoscenza dei servizi con i quali è in contatto diretto o indiretto, con cui si rapporta per lo più da diversi anni e da qualche anno. La datazione media di conoscenza più bassa è dichiarata dagli Utenti, i quali presumibilmente frequentano i servizi per un tempo limitato, cioè negli anni dell'infanzia e dell'adolescenza, mentre la più alta è nella tipologia dei Committenti, i quali grazie al loro ruolo hanno modo di stabilire rapporti più duraturi con la cooperativa. Si rileva inoltre che la datazione media di conoscenza più alta è riferita a più servizi contemporaneamente, mentre i servizi di Animazione di strada e di Sostegno individuale a domicilio si riferiscono a una datazione media di conoscenza più bassa. 10

12 In merito a quest'ultimo dato, però, è opportuno fare una precisazione: gli intervistati rispetto al servizio Sostegno individuale risultano essere in numero esiguo, quindi poco confrontabile con il resto del campione. Inoltre, se andiamo a confrontare questi risultati con quelli rilevati nell'analisi di Sfondo, in cui compariva la domanda aperta: Conosce i principali ambiti di intervento de L'Arco? Se sì, quali sono?, intendendo una conoscenza al di là del servizio con cui sono in contatto diretto o indiretto, ben oltre la metà degli intervistati dimostra di non conoscere i servizi svolti all'interno del Campo Sinti di Piacenza ( Tutoring famigliare, Mediazione scolastica, Centro educativo ) e quelli realizzati in collaborazione e per conto dei Ser.T dei Distretti di Ponente e Levante ( Progetto prevenzione, Case manager, Distribuzione terapia metadonica ). Come mai questo non è emerso nella successiva rilevazione quantitativa complessiva? La discordanza di risultati è spiegabile se consideriamo il fatto che anche in questo caso le persone intervistate in relazione ai servizi legati al Campo e ai Ser.T, sono state raggiunte in maniera differente rispetto alle altre tipologie. Nel caso del Campo Sinti non è stato possibile intervistare le persone residenti o i commercianti nei dintorni della zona in quanto l'area è piuttosto isolata: i Residenti sono stati intesi come persone che vivono nel campo e non usufruiscono dei servizi, ma è inevitabile che in una zona così ristretta L'Arco sia conosciuta da molti. Nel caso dei servizi svolti in collaborazione e per conto dei Ser.T, invece, si è scelto di intervistare solamente i Committenti e gli Altri Referenti, essendo soggetti come gli Utenti o i Genitori degli utenti difficilmente raggiungibili, per cui il campione di riferimento di tali servizi risulta piuttosto ridotto. Se dunque i servizi di Animazione di strada e i Servizi domiciliari individuali risultano essere i servizi che si conoscono da più breve tempo, secondo l'analisi di Sfondo iniziale quelli legati al Campo Sinti e alla collaborazione con i Ser.T non sono conosciuti da parte di un consistente numero di intervistati. 11

13 Sa che questo servizio è gestito dalla cooperativa L'Arco? No 37,0% Conosco Arco ma non sapevo gestisse il servizio 0,5% Si 62,5% Tabella 5: Associazione del servizio alla cooperativa L Arco Tipologie di stakeholders Si No Conosco L'Arco ma non sapevo gestisse il servizio Totale Committenti 100,0% ,0% Operatori 100,0% ,0% Altri Referenti 95,8% 4,2% - 100,0% Utenti 32,7% 65,3% 2,0% 100,0% Residenti/Commercianti 28,1% 71,9% - 100,0% Genitori di Utenti 25,0% 75,0% - 100,0% Totale 63% 37% 1% 100,0% La maggior parte degli intervistati, il 62.5%, è al corrente che il servizio di riferimento sia gestito dalla cooperativa L'Arco. Appena lo 0.5%, pur conoscendo la cooperativa non era al corrente svolgesse il servizio conosciuto. 12

14 Come è ovvio, Committenti, Altri Referenti e Operatori presentano gli indici più alti di associazione del servizio al nome della cooperativa. Stupisce, invece, che 3 Genitori su 4 non siano a conoscenza del soggetto che gestisce il servizio per i propri figli. Allo stesso modo gli utenti: solo 1 Utente su 3 associa il servizio fruito con la cooperativa L'Arco. Utenti e Genitori, inoltre, confondono spesso il nome della cooperativa L'Arco con quello del servizio di animazione di strada, l'arcobus, e identificano in qualche caso il nome della cooperativa con l'espressione Arco - qualcosa. Qualche riflessione rispetto a questi dati: durante i colloqui svolti con i Genitori è emerso come tratto distintivo degli operatori e dei servizi offerti il fatto che essi trasmettano fiducia, questo anche nel caso in cui il genitore non sia a conoscenza della gestione del servizio da parte della cooperativa L'Arco. Un punto di forza della cooperativa, che sarà ripreso nel paragrafo della presente analisi. Ciò che è importante sottolineare è che nonostante al servizio o al centro non si associ il nome de L Arco e quindi non si conosca il reale gestore del servizio, così come non si conoscono gli operatori che ci lavorano, spesso i giudizi rimandano a una grande fiducia accordata al servizio e alla tranquillità di sapere dove sono i propri figli, cioè in un luogo sicuro e seguiti da vicino da figure adulte affidabili. Il fatto dunque che un gran numero di Genitori e Utenti non associ i servizi alla cooperativa L'Arco è indicativo del fatto che ci sia una carenza nella comunicazione della propria presenza o identità tra queste tipologie di stakeholder, ma allo stesso tempo va sottolineato come i commenti degli intervistati rivelino una fiducia accordata a prescindere da ciò. 13

15 Può dirmi quanto è d'accordo o in disaccordo con i seguenti aspetti che caratterizzano la cooperativa L'Arco? Non saprei Totalmente in disaccordo In disa ccordo Ne d'accordo né disaccordo In accordo Totalmente in accordo Realizza attività stimolanti 3,2% 0,0% 2,4% 12,7% 47,6% 34,1% 100,0% Gli operatori creano relazioni positive 1,6% 0,0% 0,0% 7,1% 35,7% 55,6% 100,0% Gli operatori hanno buona professionalità 3,2% 0,0% 0,8% 7,9% 38,9% 49,2% 100,0% Da risposte ai bisogni reali del territorio 3,2% 0,0% 1,6% 16,7% 46,0% 32,5% 100,0% Fornisce servizi utili e concreti 3,2% 0,0% 0,0% 6,3% 44,4% 46,0% 100,0% E radicata nel territorio (sa fare rete) 5,6% 0,0% 10,3% 17,5% 29,4% 37,3% 100,0% Sa comunicare bene la sua immagine 7,9% 8,7% 29,4% 27,0% 19,8% 7,1% 100,0% E molto visibile 4,8% 11,9% 28,6% 29,4% 17,5% 7,9% 100,0% E ben conosciuta 4,0% 4,8% 19,0% 23,8% 35,7% 12,7% 100,0% I risultati che ottiene sono chiari 7,1% 0,8% 9,5% 31,0% 31,7% 19,8% 100,0% I risultati sono misurabili 31,7% 0,0% 10,3% 19,0% 23,8% 15,1% 100,0% Da risposte all insieme dei bisogni dei giovani nel territorio 4,0% 0,0% 8,7% 33,3% 43,7% 10,3% 100,0% I ruoli degli operatori sono ben distinti 6,3% 4,8% 15,1% 19,8% 30,2% 23,8% 100,0% I locali nei quali viene svolto il servizio sono adeguati 12,7% 3,2% 11,1% 40,5% 18,3% 14,3% 100,0% I servizi sono innovativi 7,1% 0,8% 9,5% 48,4% 27,0% 7,1% 100,0% Ispira fiducia 2,4% 0,0% 0,0% 12,7% 36,5% 48,4% 100,0% Totale Sottocampione di n = 126 (conoscitori della cooperativa L Arco) 14

16 Per ottenere un quadro del posizionamento di immagine interno ed esterno della cooperativa L'Arco è stato chiesto agli stakeholder il grado di condivisione di alcune affermazioni riguardanti L'Arco e i servizi da essa gestiti. Tali affermazioni sono state individuate attraverso la già citata Analisi di Sfondo: tramite una serie di domande a risposta aperta si è rilevato quali fossero i più ricorrenti punti di forza e di debolezza della cooperativa citati dagli stakeholder. Questi sono stati poi tradotti in affermazioni rispetto alle quali verificare il grado di disaccordo e accordo da parte degli intervistati che sono stati interpellati successivamente. Per permettere loro di esprimere il proprio parere è stata utilizzata una scala di tipo Likert i cui estremi sono totalmente in disaccordo e totalmente in accordo. Si è scelto infine di rivolgere queste domande solo a una porzione di campione, pari al 63 %: la parte cioè che dichiara di conoscere la cooperativa L'Arco, un sottocampione pari a 126 intervistati. 15

17 Il posizionamento di immagine complessivo Per l'analisi del posizionamento sono state considerate le risposte di accordo alle variabili: totalmente d'accordo e d'accordo. Affinchè un driver possa essere considerato come identificativo della cooperativa L'Arco è necessario che almeno due terzi (67%) del campione abbia un accordo sul driver proposto: per questo motivo la linea di confine per l'identificazione dei drivers di posizionamento, di colore arancione, è stata collocata a due terzi dell estensione della scala. Si prenda come esempio l attributo relativo alla professionalità degli operatori: il punto Operatori professionali si trova sulla linea verde, oltre la linea arancione, poiché più dei due terzi del campione interrogato ha condiviso l affermazione Gli operatori hanno buona professionalità. Servizi innovativi Ispiara fiducia Attività stimolanti 1 0,8 0,6 Operatori con relazioni positive Operatori professsionali Locali adeguati Operatori con ruoli distinti 0,4 0,2 0 Risposte a bisogni del territorio Servizi utili e concreti Risposte ai giovani Radicamento sul territorio Risultati misurabili Risultati chiari Bene conosciuta Molto visibile Comunica bene l'immagine Sottocampione di n = Posizionamento (dedotto dalle risposte fornite dagli intervistati) CONFINE 16

18 Ciò che emerge dall analisi sono una serie di attributi che connotano i punti di forza e di debolezza della cooperativa L Arco, riportati nello schema seguente: Nei successivi paragrafi si è inteso riportare quanto emerso dai commenti degli intervistati rispetto a tali attributi, prendendo di volta in volta in esame le varie tipologie di stakeholder e le loro precisazioni in merito. 17

19 Il posizionamento di immagine: Committenti e Altri Referenti Gli attributi che i Committenti e Altri referenti considerano identificativi de L'Arco sono gli stessi che emergono dal posizionamento complessivo, con l'aggiunta di alcune sottolineature: aumentano infatti coloro che hanno la percezione della misurabilità dei risultati raggiunti dalla cooperativa, che pensano che la cooperativa abbia un buon radicamento sul territorio, che i servizi siano poco innovativi e che i locali non siano sufficientemente adeguati. Ispiara fiducia Servizi innovativi Locali adeguati Operatori con ruoli distinti Attività stimolanti 1 0,8 0,6 0,4 0,2 0 Operatori con relazioni positive Operatori professsionali Risposte a bisogni del territorio Servizi utili e concreti Risposte ai giovani Radicamento sul territorio Risultati misurabili Risultati chiari Bene conosciuta Molto visibile Comunica bene l'immagine Committenti Totale CONFINE 18

20 Per meglio capire le posizioni dei Committenti e Altri referenti in merito agli attributi più ricorrenti, si ritiene necessario riportare di seguito quanto emerso dai loro commenti in merito. L'Arco ispira fiducia in quanto è considerato un interlocutore serio e collaborativo, un punto di riferimento per le istituzioni, un ponte tra il contesto giovanile e quello istituzionale. L'Arco viene ritenuta una cooperativa capace di offrire attività coinvolgenti ai propri utenti, soprattutto in riferimento alla fascia degli adolescenti e dei giovani. Questo sia perchè viene rilevata una grande attenzione all'utente, un'apertura e un'accoglienza che permettono di capire che cosa può stimolare al meglio i ragazzi, sia per la capacità organizzativa dimostrata nella strutturazione degli eventi, seppur di piccole dimensioni. Un punto di forza tra i più citati è senz'altro quello che riguarda la professionalità degli operatori e la loro capacità di instaurare relazioni positive, sia nei confronti della committenza sia nei confronti degli utenti, operando anche all'interno del gruppo di ragazzi al fine di creare rapporti positivi. A ciò si associa anche una riconosciuta competenza nella progettazione e la capacità di fare rete con altre realtà del territorio. L'Arco infine emerge come una realtà capace di leggere il contesto in cui opera e di individuare i bisogni reali del territorio: un soggetto inoltre in grado di fornire servizi in relazione a settori ritenuti indispensabili ma difficili, che richiedono particolari competenze perchè prevedono un lavoro rivolto a target non facili da coinvolgere e gestire, come ad esempio gli adolescenti o i residenti del Campo Sinti di Piacenza. 19

21 I Committenti e Altri referenti identificano L'Arco come una cooperativa che, se da una parte presenta carenze per quanto riguarda la promozione della propria immagine e attività, è tuttavia molto puntuale e precisa nel comunicare i risultati raggiunti attraverso report e restituzioni sugli interventi svolti, caratteristica molto apprezzata da questa tipologia di stakeholder. I Committenti in particolare sottolineano il fatto che L'Arco sia una realtà ben radicata sul territorio di Piacenza e provincia, e che abbia inoltre mantenuto una buona continuità di offerta nel tempo, quand anche non si rilevi un miglioramento e una crescita nel tempo. L'Arco viene percepita come una cooperativa impegnata in tantissime e apprezzate attività, che però rimangono poco conosciute sul territorio. Questa mancanza di visibilità e di un'immagine unitaria, così come la carenza di informazioni sulle iniziative proposte sono viste come una grossa perdita di conoscenza per la comunità locale. Una percezione che restituisce un dato positivo: ciò che serve è sì un impegno sul fronte della comunicazione, ma laddove l'oggetto da comunicare è già riconosciuto da molti come particolarmente valido, per cui il passo in più da fare sarà valorizzare e promuovere ciò che funziona e va già bene. Secondo i dati quantitativi emersi, L'Arco è ritenuta essere una cooperativa i cui servizi non sono particolarmente innovativi. Se si considerano diversi commenti degli intervistati, però, è bene precisare che questo non significa che le attività proposte non siano comunque apprezzate: alcuni intervistati danno più importanza al fatto che le attività siano stimolanti e coinvolgenti, l innovatività non è considerata necessariamente un valore in sé. Non mancano inoltre intervistati che ritengono invece 20

22 alcuni servizi particolarmente innovativi, come ad esempio quello dell animazione di strada. L'inadeguatezza dei locali emerge come un attributo proprio della cooperativa L'Arco. A questo proposito bisogna precisare che i locali in cui la cooperativa opera sono forniti dai committenti stessi, e che dunque la valutazione su essi è risultata difficoltosa, così come il fatto che tale carenza non viene ritenuta una mancanza imputabile alla cooperativa, ma alla scarsità di risorse pubbliche offerte. 21

23 2.3.3 Il posizionamento di immagine: i Genitori degli utenti I Genitori, oltre a confermare gli attributi generali, ritengono che la cooperativa abbia servizi innovativi e fornisca risposte concrete all'insieme dei bisogni dei giovani. Ispiara fiducia Servizi innovativi Locali adeguati Operatori con ruoli distinti Attività stimolanti 1 0,8 0,6 0,4 0,2 0 Operatori con relazioni positive Operatori professsionali Risposte a bisogni del territorio Servizi utili e concreti Risposte ai giovani Radicamento sul territorio Risultati misurabili Risultati chiari Bene conosciuta Molto visibile Comunica bene l'immagine Genitori degli utenti Totale CONFINE 22

24 Vediamo ora come i Genitori degli utenti hanno commentato gli attributi della cooperativa. L'Arco viene percepita dai Genitori degli utenti come una cooperativa in cui riporre grande fiducia, a cui affidare i figli anche qualora non si conoscano direttamente gli operatori o i locali in cui si svolgono le attività. In questo caso ciò è dovuto al ruolo che ricoprono gli operatori, ai rimandi positivi dei figli, ai giudizi esterni raccolti. I Genitori degli utenti esprimono particolare entusiasmo per le attività svolte nei centri o riguardo agli altri servizi, come quello dell'animazione di strada. Questo atteggiamento nasce da ciò che i figli raccontano a casa, ma anche dalla partecipazione dei genitori stessi alle varie feste di fine anno o dalla conoscenza diretta dei servizi, come ad esempio quello dell'arcobus: un intervento attuato per i ragazzi, ma che coinvolge la comunità locale, perchè svolto in luogo pubblico e condiviso nel comune spazio della strada. Gli intervistati si dichiarano molto soddisfatti degli operatori della cooperativa L'Arco, sia dal punto di vista professionale che umano. Come già ribadito, in loro viene riposta molta fiducia. I servizi offerti da L'Arco sono percepiti dai Genitori come un aiuto concreto nella gestione quotidiana dei figli: essi vengono seguiti nelle attività di studio e ricreative, con il risultato di migliorare il rendimento scolastico, così come la coesione e le relazioni tra i ragazzi stessi. I genitori stranieri in particolare trovano che le attività siano un aiuto fondamentale ai fini dell'integrazione dei loro figli. Gli intervistati ritengono inoltre che 23

25 L'Arco sia una realtà preziosa in un contesto territoriale carente dal punto di vista degli spazi di aggregazione giovanili. I Genitori esprimono l'apprezzamento per l'innovatività dei servizi indicando il proprio grado di accordo all'affermazione, non ci sono praticamente commenti a riguardo. Uno di essi, che segnalo, è Usare il teatro è una metodologia nuova : da quest'unica frase emerge la questione dell'interpretazione della parola innovativo da parte dei genitori degli utenti. Non è infatti possibile risalire all'attribuzione di significato rispetto ogni parola detta da parte degli intervistati, ma è bene considerare come esso possa essere diverso da persona a persona. L'utilizzo del teatro non può considerarsi infatti una metodologia di per sè nuova in campo educativo, ma può esserlo se cambia il punto di vista, se si considera ad esempio l'intervento nel contesto di un certo territorio, o la modalità con cui è proposto. Aumentano tra i Genitori coloro che pensano che la cooperativa riesca a soddisfare l'insieme dei bisogni dei giovani sul territorio, soprattutto su quei territori dove la cooperativa è presente con più di un servizio, rivolto a fasce diverse di giovani. I commenti su questo punto sono riconducibili a quelli espressi in merito all'utilità e concretezza dei servizi. I Genitori degli utenti non commentano la carenza de L'Arco sul piano della comunicazione con commenti categorici, ma esprimono comunque un parere critico sul tema. Anche loro, come espresso anche dai Committenti e Altri Referenti, ritengono che la cooperativa debba migliorare su questo fronte in quanto offre dei servizi validi che meritano di essere promossi e conosciuti sul territorio. Non mancano tuttavia anche pareri positivi in merito. 24

26 Rispetto a questo punto non sono presenti commenti da parte degli intervistati, che in alcuni casi si sono limitati a esprimere il loro grado di disaccordo in merito. Da notare infatti che uno dei dati emersi per questa tipologia di stakeholder è che essi ritengano invece i servizi innovativi. I locali in cui L'Arco svolge le proprie attività non sono ritenuti adeguati da molti genitori di utenti, anche se emerge dai (pochi) commenti a riguardo che tale limite non è attribuito a una mancanza da parte della cooperativa, ma alla scarsità di risorse che i committenti mettono a disposizione I commenti dei Genitori riguardo lo scarso radicamento sul territorio da parte de L'Arco fanno emergere la convinzione che tale situazione sia dovuta alla scarsa collaborazione degli interlocutori locali, e non a una mancanza da parte della cooperativa. 25

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura L ECC la sua sperimentazione in Italia Evert-Jan Hoogerwerf (AIAS Bologna onlus) Referente dell ECC per Italia Membro del CD dell ECC Creare una base comune per il lavoro di cura Piano di lavoro 1. Comprensione

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro EXECUTIVE SUMMARY 2 Executive Summary La ricerca si è proposta di indagare il tema del rapporto Giovani e Lavoro raccogliendo il punto di vista di

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Tratto dal corso Ifoa UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Recentemente, si sono sviluppati numerosi modelli finalizzati a valutare e a controllare il livello di soddisfazione

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO.

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. Ricercatrice: Serena Bezzi Trento, gennaio 2009 - giugno

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI DEGLI UTENTI DELL AZIENDA USL DI PIACENZA - 2003/2006 I Comitati Consultivi Misti degli Utenti dell Azienda USL di Piacenza dal gennaio 2003 al

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Convegno Romeni emergenti o emergenza Romania? Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Prof. Stefano Rolando Segretario generale delle e Direttore scientifico

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

Rapporto di indagine con interviste ai volontari delle associazioni partecipanti a Riguardiamoci il Cuore 2011

Rapporto di indagine con interviste ai volontari delle associazioni partecipanti a Riguardiamoci il Cuore 2011 Rapporto di indagine con interviste ai volontari delle associazioni partecipanti a Riguardiamoci il Cuore 2011 Presentazione Si presenta l indagine qualitativa, effettuata con interviste, nel mese di luglio

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Gli anziani e Internet

Gli anziani e Internet Hans Rudolf Schelling Alexander Seifert Gli anziani e Internet Motivi del (mancato) utilizzo delle tecnologie dell informazione e della comunicazione (TIC) da parte delle persone sopra i 65 anni in Svizzera

Dettagli

Livello di. Indice. 1. Premessa ... 6. Pag. 1 a 8

Livello di. Indice. 1. Premessa ... 6. Pag. 1 a 8 Livello di benessere organizzativo, grado di condivisione del sistema di valutazionee e valutazione del superiore gerarchico g Sintesii dei risultati dell indagine 2013 svolta sul s personale ASI ai sensi

Dettagli

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire 12 Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire Il modello teorico di riferimento Oltre ai modelli descritti da Fergus e Zimmerman (2005) esiste un quarto approccio che, partendo dall approccio

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

ACCREDITAMENTO EVENTI

ACCREDITAMENTO EVENTI E.C.M. Educazione Continua in Medicina ACCREDITAMENTO EVENTI Manuale utente Versione 1.5 Maggio 2015 E.C.M. Manuale utente per Indice 2 Indice Revisioni 4 1. Introduzione 5 2. Accesso al sistema 6 2.1

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca

Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca Scuola di Management per le Università, gli Enti di ricerca e le Istituzioni Scolastiche Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca Dott. William

Dettagli

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 30 maggio 2002 Conoscenza e uso del dominio internet ".gov.it" e l'efficace interazione del portale nazionale "italia.gov.it" con le IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

1. Anagrafica. 1. Qual è la ragione sociale della sua organizzazione? 2. In quale territorio è situata la sua organizzazione?

1. Anagrafica. 1. Qual è la ragione sociale della sua organizzazione? 2. In quale territorio è situata la sua organizzazione? 1. Anagrafica 1. Qual è la ragione sociale della sua organizzazione? Cooperativa Sociale Comune Consorzio Sociale ASL Azienda Servizi alla persona Organizzazione di volontariato Azienda Speciale Comunità

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva. Roma, 30 maggio 2002

SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva. Roma, 30 maggio 2002 SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva Roma, 30 maggio 2002 Indice Lo scenario italiano 3-10! Come la pensano gli italiani! Le cause sociali di maggiore interesse! Alcuni casi italiani! Il consumatore

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro REGIONE VENETO Assessorato alle Politiche Sociali, Volontariato, e Non-Profit Direzione Regionale per i Servizi Sociali - Servizio Prevenzione delle devianze D.G.R. 4019 del 30/12/2002 FONDO REGIONALE

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

Competenze di orientamento a scuola: conoscere ed esplorare le professioni. Sperimentazione del software S.Or.Prendo

Competenze di orientamento a scuola: conoscere ed esplorare le professioni. Sperimentazione del software S.Or.Prendo Sperimentazione promossa dal Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Sperimentazione promossa dal MIUR DG Studente Piano Nazionale Orientamento Direzione Generale per lo Studente, l'integrazione,

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Lista di controllo «Interlocutori»: chi dev'essere informato e quando?

Lista di controllo «Interlocutori»: chi dev'essere informato e quando? Nationale Plattform Naturgefahren PLANAT Plate-forme nationale "Dangers naturels" Plattaforma nazionale "Pericoli naturali" National Platform for Natural Hazards c/o BAFU, 3003 Berna Tel. +41 31 324 17

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

1. Qual è l'idea e il progetto che si intende realizzare (il servizio o l'attività e le sue caratteristiche)?

1. Qual è l'idea e il progetto che si intende realizzare (il servizio o l'attività e le sue caratteristiche)? Il Progetto Caratteristiche del progetto 1. Qual è l'idea e il progetto che si intende realizzare (il servizio o l'attività e le sue caratteristiche)? L idea è di creare un centro giovani in Parrocchia

Dettagli

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012 ATTIVITA 2012 L ORMA Educazione e Promozione Sociale Presentazione servizi e attività Anno 2012 L Orma è una realtà che opera da più di 10 anni nel settore dell Educazione e della Promozione Sociale. Tutte

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Negli UFFICI. 28 settembre 2010

Negli UFFICI. 28 settembre 2010 Negli UFFICI Come si fa 28 settembre 2010 Dai suggerimenti ai benefici Alcuni sono di facile attuazione, altri sono complessi o/e onerosi economicamente. Ovviamente non è necessario adottarli tutti e subito

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito OdV Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito di Sebastiano Di Diego* Nell articolo viene descritto il variegato regime fiscale, ai fini IRES, delle associazioni

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli