Report di ricerca Progetto Spinner 2013 INDAGINE SULLA IDENTITÀ DELLA COOPERATIVA SOCIALE L ARCO: IMMAGINE E PERCEZIONE INCHIESTA SUI BISOGNI SOCIALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Report di ricerca Progetto Spinner 2013 INDAGINE SULLA IDENTITÀ DELLA COOPERATIVA SOCIALE L ARCO: IMMAGINE E PERCEZIONE INCHIESTA SUI BISOGNI SOCIALI"

Transcript

1 Report di ricerca Progetto Spinner 2013 INDAGINE SULLA IDENTITÀ DELLA COOPERATIVA SOCIALE L ARCO: IMMAGINE E PERCEZIONE Supplemento INCHIESTA SUI BISOGNI SOCIALI DEL TERRITORIO DI PIACENZA E PROVINCIA A cura di Valentina Pacella Aprile 2011

2 I. INDAGINE SULLA IDENTITÀ DELLA COOPERATIVA L ARCO: IMMAGINE E PERCEZIONE INTRODUZIONE LA RICERCA I SOGGETTI COINVOLTI GLI OBIETTIVI DELLA RICERCA IL METODO UTILIZZATO Il campione della ricerca Servizi e territori considerati Fase preliminare Fase realizzativa L'ANALISI LA CONOSCENZA DEL SERVIZIO ASSOCIAZIONE DEL SERVIZIO ALLA COOPERATIVA L'ARCO IL POSIZIONAMENTO DI IMMAGINE Il posizionamento di immagine complessivo Committenti e Altri referenti Genitori degli utenti Utenti Operatori Residenti e Commercianti I CANALI DI COMUNICAZIONE I canali di comunicazione: spunti e suggerimenti da parte di Committenti e Altri Referenti CONCLUSIONI 44 II. INCHIESTA SUI BISOGNI SOCIALI DEL TERRITORIO DI PIACENZA E PROVINCIA 4.0 NUOVI AMBITI DI ATTIVITÀ LE ESIGENZE SOCIALI DEI TERRITORI DI PIACENZA E PROVINCIA Committenti e Altri Referenti Genitori degli utenti Utenti Operatori Residenti e Commercianti 64 APPENDICE IL QUESTIONARIO 67 1

3 2

4 La presente analisi intende presentare i dati emersi dalla ricerca condotta da Valentina Pacella per innovare il settore Comunicazione Esterna della Cooperativa Sociale L'Arco. Essi sono stati analizzati dal punto di vista sia quantitativo che qualitativo. I dati rilevati sono in merito a: La percezione della Cooperativa Sociale L'Arco da parte dei suoi interlocutori esterni e interni I canali di comunicazione utilizzati dai diversi stakeholders I bisogni sociali esistenti nei territori coinvolti dall''inchiesta L'indagine ha generato una matrice di dati che è stata analizzata con tecniche statistiche, a partire dalla quale sono stati prodotti grafici e tabelle. L'intento del seguente report è mostrare tali risultati offrendo un'interpretazione più ampia dei dati numerici, avvalendosi del materiale raccolto durante i colloqui con gli intervistati: commenti, precisazioni, spunti e suggerimenti con cui essi hanno accompagnato le risposte al questionario proposto. Si specifica inoltre che l'ampiezza del campione raggiunto ha permesso un'analisi disaggregata dei dati in relazione alle varie tipologie di intervistati e di territori di riferimento. Tuttavia è bene notare come l'intento non sia restituire un quadro esaustivo della situazione, che avrebbe peraltro comportato il raggiungimento di un campione ben più ampio, bensì l'occasione per l'avvio di una riflessione di tipo qualitativo sulla propria identità di cooperativa e sulle proprie potenzialità comunicative. In aggiunta a ciò si è voluto cogliere l occasione per interrogare lo stesso campione sulle esigenze in ambito sociale dei diversi territori: il quadro che emerge è un interessante insieme di considerazioni, richieste e proposte fatte da chi lavora nel settore sociale da anni, così come dai cittadini dei vari comuni interessati dall indagine. Un altro modo per conoscere il pensiero dei propri interlocutori esterni e interni e porsi nell ottica dell ascolto dei reali bisogni della comunità, obiettivo ultimo di chi, come la cooperativa L Arco, lavora da anni per soddisfarli. 3

5 I soggetti coinvolti all'interno del progetto di ricerca sono: Valentina Pacella: assegnataria della borsa di ricerca Spinner Il programma Spinner 2013 è finanziato dal Fondo Sociale Europeo e promosso dalla Regione Emilia Romagna, rivolto a giovani laureati e ricercatori che vogliano sviluppare progetti nell'ambito della ricerca e dell'innovazione in collaborazione con centri di ricerca, università e imprese. Cooperativa Sociale L'Arco: cooperativa sociale che si occupa di sviluppare e realizzare ricerche, progetti e servizi socio-educativi e di animazione a favore di minori, giovani e comunità locali sul territorio di Piacenza e provincia. L'Arco partecipa al Progetto Spinner come impresa partner, collaborando con la beneficiaria nella realizzazione di un progetto di innovazione del proprio settore di comunicazione esterna. Come anticipato nell'introduzione, l'indagine mira a ottenere 3 obiettivi di riferimento: 1. Analizzare il grado di condivisione dei drivers (attributi) di posizionamento della cooperativa da parte degli stakeholders 2. Identificare i canali di comunicazione più efficaci a raggiungere le diverse tipologie di stakeholders 3. Considerare potenziali bacini di utenza per la diversificazione delle attività della cooperativa Il presente report generato dall'indagine si pone l'obiettivo di fornire alla cooperativa L Arco strumenti per orientare le proprie strategie di comunicazione, così da ottenere: maggiore visibilità e riscontro sul territorio possibilità di contatto con nuovi utenti, volontari, potenziali soggetti finanziatori considerare l opportunità di sviluppo di azioni di raccolta fondi considerare l'opportunità di apertura della cooperativa a nuovi settori in ambito Sociale 4

6 1.3.1 Il campione della ricerca Il campione preso in esame è composto da 200 stakeholder, o interlocutori, della cooperativa L'Arco. Esso è uniformemente distribuito per età e genere, ed è stato strutturato a partire da 6 tipologie di stakeholder: Utenti: chi fruisce direttamente dei servizi Genitori di utenti: genitori e/o altri famigliari degli utenti Committenti: rappresentanti della clientela pubblica o privata (chi effettivamente commissiona i servizi: referenti di Comuni e AUSL) Operatori: chi lavora nella cooperativa (sia socio che non socio, con diversi ruoli e funzioni) Altri referenti: altre persone coinvolte che si relazionano dal punto di vista lavorativo con la cooperativa (funzionari AUSL, funzionari comunali, collaboratori esterni, consulenti, volontari, ecc.) Residenti e commercianti: chi è in contatto con la cooperativa nelle zone dove vengono gestiti i servizi senza farne parte e senza esserne beneficiario Tabella 1: Tipologie di stakeholder Tipologie stakeholder % Utenti 24,5% Committenti 19,0% Operatori 16,5% Residenti e commercianti 16,0% Genitori di utenti 12,0% Altri referenti 12,0% Totale 100,0% Gli stakeholder presi in considerazione sono portatori sia di una prospettiva interna all'organizzazione, come nel caso degli operatori, sia di una visione esterna, come nel caso delle restanti tipologie. 5

7 1.3.2 Servizi e territori considerati L'indagine ha preso in considerazione i servizi e i territori in cui la cooperativa è attualmente operativa. Gli intervistati sono stati interpellati in merito ai seguenti servizi gestiti dalla cooperativa: Animazione di strada Centri di aggregazione Centri educativi Sostegni individuali scolastici Sostegni individuali a domicilio Tutoring famigliare Mediazione scolastica Progetto prevenzione Case manager Distribuzione terapia metadonica Tabella 2: Tipologie di servizi associate agli stakeholder 1 Servizi di riferimento % Servizi misti 47,5% Centro di aggregazione 23,0% Centro educativo 13,0% Animazione di strada 11,5% Sostegni individuali 3,5% Nessuno 1,5% Totale 100,0% 1 Si specifica che con Servizi Misti si indicano i casi in cui all'intervistato possa essere associato più di un servizio della cooperativa L'Arco. La dicitura comprende anche i seguenti servizi svolti da L Arco: Tutoring famigliare, Mediazione scolastica, Progetto prevenzione, Case manager, Distribuzione terapia metadonica 6

8 I territori coperti dall'indagine sono i seguenti: Borgonovo Val Tidone Cadeo Carpaneto Piacentino Castelvetro Piacentino Cortemaggiore Fiorenzuola d Arda Gropparello Lugagnano Val d Arda Monticelli d Ongina Piacenza Rottofreno Sarmato Tabella 3: Campione per località Località % Piacenza 24,5% Carpaneto P.no 15,0% Lugagnano Val D Arda 15,0% Fiorenzuola d Arda 14,5% Monticelli d Ongina 6,5% Gropparello 6,0% Sarmato 5,5% Cortemaggiore 4,5% Rottofreno 4,0% Altre località 4,5% Totale 100,0% 7

9 1.3.3 Fase preliminare Al campione considerato è stato somministrato un questionario articolato in 5 sezioni e un appendice finale. 2 Il questionario prevede una serie di domande a risposta multipla ed è stato costruito in base ai risultati dell Analisi di Sfondo, una fase preliminare della ricerca durante la quale sono state svolte interviste semi-strutturate a risposta aperta a 40 stakeholder della cooperativa. Il campione preliminare ha compreso tutte e 6 le tipologie di intervistati Fase realizzativa Il questionario è stato somministrato tramite: intervista strutturata face to face (n. 160 intervistati) questionario autocompilato (n. 33 intervistati) intervista strutturata telefonica (n. 7 intervistati) Tabella 4: Modalità di somministrazione del questionario Tipologia somministrazione questionario % Intervista face to face 80,0% Questionario autocompilato 16,5% Intervista telefonica 3,5% Totale 100,0% Le persone da intervistare sono state indicate da coordinatori e operatori dell'arco, oltre che contattate su iniziativa personale dell intervistatrice, facendo riferimento ai requisiti del campione stabiliti. Tutte e tre le modalità di somministrazione hanno previsto un contatto iniziale telefonico in cui è stato introdotto il progetto di ricerca, a esclusione della tipologia di stakeholder Residenti e commercianti, a cui si è chiesta la disponibilità al momento del contatto stesso. 2 Cfr. Appendice di p. 66 8

10 Nel caso del questionario autocompilato alla telefonata è seguita una di presentazione e l'invio del questionario, nel caso dell'intervista telefonica e in quella face to face il progetto e il questionario sono stati presentati all'interno del colloquio. La somministrazione è avvenuta nel pieno rispetto della legge 196/03 sulla privacy. Il questionario è stato somministrato, distribuito e raccolto a partire da Novembre 2010 fino a Gennaio Dei n. 213 questionari consegnati, n. 200 sono stati restituiti. L'alta percentuale di restituzione è dovuta alla metodologia di rilevazione scelta: intervista face to face e telefonica nella maggior parte dei casi, questionario autocompilato laddove si è prevista una maggiore disponibilità alla compilazione, cioè per quanto riguarda i questionari somministrati agli operatori che lavorano per la cooperativa L'Arco. 9

11 Da quanto tempo conosce il servizio...? Recentemente 1,0% Qualche mese 9,5% Da diversi anni 55,5% Qualche anno 34,0% Il campione considerato ha mostrato di avere una buona conoscenza dei servizi con i quali è in contatto diretto o indiretto, con cui si rapporta per lo più da diversi anni e da qualche anno. La datazione media di conoscenza più bassa è dichiarata dagli Utenti, i quali presumibilmente frequentano i servizi per un tempo limitato, cioè negli anni dell'infanzia e dell'adolescenza, mentre la più alta è nella tipologia dei Committenti, i quali grazie al loro ruolo hanno modo di stabilire rapporti più duraturi con la cooperativa. Si rileva inoltre che la datazione media di conoscenza più alta è riferita a più servizi contemporaneamente, mentre i servizi di Animazione di strada e di Sostegno individuale a domicilio si riferiscono a una datazione media di conoscenza più bassa. 10

12 In merito a quest'ultimo dato, però, è opportuno fare una precisazione: gli intervistati rispetto al servizio Sostegno individuale risultano essere in numero esiguo, quindi poco confrontabile con il resto del campione. Inoltre, se andiamo a confrontare questi risultati con quelli rilevati nell'analisi di Sfondo, in cui compariva la domanda aperta: Conosce i principali ambiti di intervento de L'Arco? Se sì, quali sono?, intendendo una conoscenza al di là del servizio con cui sono in contatto diretto o indiretto, ben oltre la metà degli intervistati dimostra di non conoscere i servizi svolti all'interno del Campo Sinti di Piacenza ( Tutoring famigliare, Mediazione scolastica, Centro educativo ) e quelli realizzati in collaborazione e per conto dei Ser.T dei Distretti di Ponente e Levante ( Progetto prevenzione, Case manager, Distribuzione terapia metadonica ). Come mai questo non è emerso nella successiva rilevazione quantitativa complessiva? La discordanza di risultati è spiegabile se consideriamo il fatto che anche in questo caso le persone intervistate in relazione ai servizi legati al Campo e ai Ser.T, sono state raggiunte in maniera differente rispetto alle altre tipologie. Nel caso del Campo Sinti non è stato possibile intervistare le persone residenti o i commercianti nei dintorni della zona in quanto l'area è piuttosto isolata: i Residenti sono stati intesi come persone che vivono nel campo e non usufruiscono dei servizi, ma è inevitabile che in una zona così ristretta L'Arco sia conosciuta da molti. Nel caso dei servizi svolti in collaborazione e per conto dei Ser.T, invece, si è scelto di intervistare solamente i Committenti e gli Altri Referenti, essendo soggetti come gli Utenti o i Genitori degli utenti difficilmente raggiungibili, per cui il campione di riferimento di tali servizi risulta piuttosto ridotto. Se dunque i servizi di Animazione di strada e i Servizi domiciliari individuali risultano essere i servizi che si conoscono da più breve tempo, secondo l'analisi di Sfondo iniziale quelli legati al Campo Sinti e alla collaborazione con i Ser.T non sono conosciuti da parte di un consistente numero di intervistati. 11

13 Sa che questo servizio è gestito dalla cooperativa L'Arco? No 37,0% Conosco Arco ma non sapevo gestisse il servizio 0,5% Si 62,5% Tabella 5: Associazione del servizio alla cooperativa L Arco Tipologie di stakeholders Si No Conosco L'Arco ma non sapevo gestisse il servizio Totale Committenti 100,0% ,0% Operatori 100,0% ,0% Altri Referenti 95,8% 4,2% - 100,0% Utenti 32,7% 65,3% 2,0% 100,0% Residenti/Commercianti 28,1% 71,9% - 100,0% Genitori di Utenti 25,0% 75,0% - 100,0% Totale 63% 37% 1% 100,0% La maggior parte degli intervistati, il 62.5%, è al corrente che il servizio di riferimento sia gestito dalla cooperativa L'Arco. Appena lo 0.5%, pur conoscendo la cooperativa non era al corrente svolgesse il servizio conosciuto. 12

14 Come è ovvio, Committenti, Altri Referenti e Operatori presentano gli indici più alti di associazione del servizio al nome della cooperativa. Stupisce, invece, che 3 Genitori su 4 non siano a conoscenza del soggetto che gestisce il servizio per i propri figli. Allo stesso modo gli utenti: solo 1 Utente su 3 associa il servizio fruito con la cooperativa L'Arco. Utenti e Genitori, inoltre, confondono spesso il nome della cooperativa L'Arco con quello del servizio di animazione di strada, l'arcobus, e identificano in qualche caso il nome della cooperativa con l'espressione Arco - qualcosa. Qualche riflessione rispetto a questi dati: durante i colloqui svolti con i Genitori è emerso come tratto distintivo degli operatori e dei servizi offerti il fatto che essi trasmettano fiducia, questo anche nel caso in cui il genitore non sia a conoscenza della gestione del servizio da parte della cooperativa L'Arco. Un punto di forza della cooperativa, che sarà ripreso nel paragrafo della presente analisi. Ciò che è importante sottolineare è che nonostante al servizio o al centro non si associ il nome de L Arco e quindi non si conosca il reale gestore del servizio, così come non si conoscono gli operatori che ci lavorano, spesso i giudizi rimandano a una grande fiducia accordata al servizio e alla tranquillità di sapere dove sono i propri figli, cioè in un luogo sicuro e seguiti da vicino da figure adulte affidabili. Il fatto dunque che un gran numero di Genitori e Utenti non associ i servizi alla cooperativa L'Arco è indicativo del fatto che ci sia una carenza nella comunicazione della propria presenza o identità tra queste tipologie di stakeholder, ma allo stesso tempo va sottolineato come i commenti degli intervistati rivelino una fiducia accordata a prescindere da ciò. 13

15 Può dirmi quanto è d'accordo o in disaccordo con i seguenti aspetti che caratterizzano la cooperativa L'Arco? Non saprei Totalmente in disaccordo In disa ccordo Ne d'accordo né disaccordo In accordo Totalmente in accordo Realizza attività stimolanti 3,2% 0,0% 2,4% 12,7% 47,6% 34,1% 100,0% Gli operatori creano relazioni positive 1,6% 0,0% 0,0% 7,1% 35,7% 55,6% 100,0% Gli operatori hanno buona professionalità 3,2% 0,0% 0,8% 7,9% 38,9% 49,2% 100,0% Da risposte ai bisogni reali del territorio 3,2% 0,0% 1,6% 16,7% 46,0% 32,5% 100,0% Fornisce servizi utili e concreti 3,2% 0,0% 0,0% 6,3% 44,4% 46,0% 100,0% E radicata nel territorio (sa fare rete) 5,6% 0,0% 10,3% 17,5% 29,4% 37,3% 100,0% Sa comunicare bene la sua immagine 7,9% 8,7% 29,4% 27,0% 19,8% 7,1% 100,0% E molto visibile 4,8% 11,9% 28,6% 29,4% 17,5% 7,9% 100,0% E ben conosciuta 4,0% 4,8% 19,0% 23,8% 35,7% 12,7% 100,0% I risultati che ottiene sono chiari 7,1% 0,8% 9,5% 31,0% 31,7% 19,8% 100,0% I risultati sono misurabili 31,7% 0,0% 10,3% 19,0% 23,8% 15,1% 100,0% Da risposte all insieme dei bisogni dei giovani nel territorio 4,0% 0,0% 8,7% 33,3% 43,7% 10,3% 100,0% I ruoli degli operatori sono ben distinti 6,3% 4,8% 15,1% 19,8% 30,2% 23,8% 100,0% I locali nei quali viene svolto il servizio sono adeguati 12,7% 3,2% 11,1% 40,5% 18,3% 14,3% 100,0% I servizi sono innovativi 7,1% 0,8% 9,5% 48,4% 27,0% 7,1% 100,0% Ispira fiducia 2,4% 0,0% 0,0% 12,7% 36,5% 48,4% 100,0% Totale Sottocampione di n = 126 (conoscitori della cooperativa L Arco) 14

16 Per ottenere un quadro del posizionamento di immagine interno ed esterno della cooperativa L'Arco è stato chiesto agli stakeholder il grado di condivisione di alcune affermazioni riguardanti L'Arco e i servizi da essa gestiti. Tali affermazioni sono state individuate attraverso la già citata Analisi di Sfondo: tramite una serie di domande a risposta aperta si è rilevato quali fossero i più ricorrenti punti di forza e di debolezza della cooperativa citati dagli stakeholder. Questi sono stati poi tradotti in affermazioni rispetto alle quali verificare il grado di disaccordo e accordo da parte degli intervistati che sono stati interpellati successivamente. Per permettere loro di esprimere il proprio parere è stata utilizzata una scala di tipo Likert i cui estremi sono totalmente in disaccordo e totalmente in accordo. Si è scelto infine di rivolgere queste domande solo a una porzione di campione, pari al 63 %: la parte cioè che dichiara di conoscere la cooperativa L'Arco, un sottocampione pari a 126 intervistati. 15

17 Il posizionamento di immagine complessivo Per l'analisi del posizionamento sono state considerate le risposte di accordo alle variabili: totalmente d'accordo e d'accordo. Affinchè un driver possa essere considerato come identificativo della cooperativa L'Arco è necessario che almeno due terzi (67%) del campione abbia un accordo sul driver proposto: per questo motivo la linea di confine per l'identificazione dei drivers di posizionamento, di colore arancione, è stata collocata a due terzi dell estensione della scala. Si prenda come esempio l attributo relativo alla professionalità degli operatori: il punto Operatori professionali si trova sulla linea verde, oltre la linea arancione, poiché più dei due terzi del campione interrogato ha condiviso l affermazione Gli operatori hanno buona professionalità. Servizi innovativi Ispiara fiducia Attività stimolanti 1 0,8 0,6 Operatori con relazioni positive Operatori professsionali Locali adeguati Operatori con ruoli distinti 0,4 0,2 0 Risposte a bisogni del territorio Servizi utili e concreti Risposte ai giovani Radicamento sul territorio Risultati misurabili Risultati chiari Bene conosciuta Molto visibile Comunica bene l'immagine Sottocampione di n = Posizionamento (dedotto dalle risposte fornite dagli intervistati) CONFINE 16

18 Ciò che emerge dall analisi sono una serie di attributi che connotano i punti di forza e di debolezza della cooperativa L Arco, riportati nello schema seguente: Nei successivi paragrafi si è inteso riportare quanto emerso dai commenti degli intervistati rispetto a tali attributi, prendendo di volta in volta in esame le varie tipologie di stakeholder e le loro precisazioni in merito. 17

19 Il posizionamento di immagine: Committenti e Altri Referenti Gli attributi che i Committenti e Altri referenti considerano identificativi de L'Arco sono gli stessi che emergono dal posizionamento complessivo, con l'aggiunta di alcune sottolineature: aumentano infatti coloro che hanno la percezione della misurabilità dei risultati raggiunti dalla cooperativa, che pensano che la cooperativa abbia un buon radicamento sul territorio, che i servizi siano poco innovativi e che i locali non siano sufficientemente adeguati. Ispiara fiducia Servizi innovativi Locali adeguati Operatori con ruoli distinti Attività stimolanti 1 0,8 0,6 0,4 0,2 0 Operatori con relazioni positive Operatori professsionali Risposte a bisogni del territorio Servizi utili e concreti Risposte ai giovani Radicamento sul territorio Risultati misurabili Risultati chiari Bene conosciuta Molto visibile Comunica bene l'immagine Committenti Totale CONFINE 18

20 Per meglio capire le posizioni dei Committenti e Altri referenti in merito agli attributi più ricorrenti, si ritiene necessario riportare di seguito quanto emerso dai loro commenti in merito. L'Arco ispira fiducia in quanto è considerato un interlocutore serio e collaborativo, un punto di riferimento per le istituzioni, un ponte tra il contesto giovanile e quello istituzionale. L'Arco viene ritenuta una cooperativa capace di offrire attività coinvolgenti ai propri utenti, soprattutto in riferimento alla fascia degli adolescenti e dei giovani. Questo sia perchè viene rilevata una grande attenzione all'utente, un'apertura e un'accoglienza che permettono di capire che cosa può stimolare al meglio i ragazzi, sia per la capacità organizzativa dimostrata nella strutturazione degli eventi, seppur di piccole dimensioni. Un punto di forza tra i più citati è senz'altro quello che riguarda la professionalità degli operatori e la loro capacità di instaurare relazioni positive, sia nei confronti della committenza sia nei confronti degli utenti, operando anche all'interno del gruppo di ragazzi al fine di creare rapporti positivi. A ciò si associa anche una riconosciuta competenza nella progettazione e la capacità di fare rete con altre realtà del territorio. L'Arco infine emerge come una realtà capace di leggere il contesto in cui opera e di individuare i bisogni reali del territorio: un soggetto inoltre in grado di fornire servizi in relazione a settori ritenuti indispensabili ma difficili, che richiedono particolari competenze perchè prevedono un lavoro rivolto a target non facili da coinvolgere e gestire, come ad esempio gli adolescenti o i residenti del Campo Sinti di Piacenza. 19

21 I Committenti e Altri referenti identificano L'Arco come una cooperativa che, se da una parte presenta carenze per quanto riguarda la promozione della propria immagine e attività, è tuttavia molto puntuale e precisa nel comunicare i risultati raggiunti attraverso report e restituzioni sugli interventi svolti, caratteristica molto apprezzata da questa tipologia di stakeholder. I Committenti in particolare sottolineano il fatto che L'Arco sia una realtà ben radicata sul territorio di Piacenza e provincia, e che abbia inoltre mantenuto una buona continuità di offerta nel tempo, quand anche non si rilevi un miglioramento e una crescita nel tempo. L'Arco viene percepita come una cooperativa impegnata in tantissime e apprezzate attività, che però rimangono poco conosciute sul territorio. Questa mancanza di visibilità e di un'immagine unitaria, così come la carenza di informazioni sulle iniziative proposte sono viste come una grossa perdita di conoscenza per la comunità locale. Una percezione che restituisce un dato positivo: ciò che serve è sì un impegno sul fronte della comunicazione, ma laddove l'oggetto da comunicare è già riconosciuto da molti come particolarmente valido, per cui il passo in più da fare sarà valorizzare e promuovere ciò che funziona e va già bene. Secondo i dati quantitativi emersi, L'Arco è ritenuta essere una cooperativa i cui servizi non sono particolarmente innovativi. Se si considerano diversi commenti degli intervistati, però, è bene precisare che questo non significa che le attività proposte non siano comunque apprezzate: alcuni intervistati danno più importanza al fatto che le attività siano stimolanti e coinvolgenti, l innovatività non è considerata necessariamente un valore in sé. Non mancano inoltre intervistati che ritengono invece 20

22 alcuni servizi particolarmente innovativi, come ad esempio quello dell animazione di strada. L'inadeguatezza dei locali emerge come un attributo proprio della cooperativa L'Arco. A questo proposito bisogna precisare che i locali in cui la cooperativa opera sono forniti dai committenti stessi, e che dunque la valutazione su essi è risultata difficoltosa, così come il fatto che tale carenza non viene ritenuta una mancanza imputabile alla cooperativa, ma alla scarsità di risorse pubbliche offerte. 21

23 2.3.3 Il posizionamento di immagine: i Genitori degli utenti I Genitori, oltre a confermare gli attributi generali, ritengono che la cooperativa abbia servizi innovativi e fornisca risposte concrete all'insieme dei bisogni dei giovani. Ispiara fiducia Servizi innovativi Locali adeguati Operatori con ruoli distinti Attività stimolanti 1 0,8 0,6 0,4 0,2 0 Operatori con relazioni positive Operatori professsionali Risposte a bisogni del territorio Servizi utili e concreti Risposte ai giovani Radicamento sul territorio Risultati misurabili Risultati chiari Bene conosciuta Molto visibile Comunica bene l'immagine Genitori degli utenti Totale CONFINE 22

24 Vediamo ora come i Genitori degli utenti hanno commentato gli attributi della cooperativa. L'Arco viene percepita dai Genitori degli utenti come una cooperativa in cui riporre grande fiducia, a cui affidare i figli anche qualora non si conoscano direttamente gli operatori o i locali in cui si svolgono le attività. In questo caso ciò è dovuto al ruolo che ricoprono gli operatori, ai rimandi positivi dei figli, ai giudizi esterni raccolti. I Genitori degli utenti esprimono particolare entusiasmo per le attività svolte nei centri o riguardo agli altri servizi, come quello dell'animazione di strada. Questo atteggiamento nasce da ciò che i figli raccontano a casa, ma anche dalla partecipazione dei genitori stessi alle varie feste di fine anno o dalla conoscenza diretta dei servizi, come ad esempio quello dell'arcobus: un intervento attuato per i ragazzi, ma che coinvolge la comunità locale, perchè svolto in luogo pubblico e condiviso nel comune spazio della strada. Gli intervistati si dichiarano molto soddisfatti degli operatori della cooperativa L'Arco, sia dal punto di vista professionale che umano. Come già ribadito, in loro viene riposta molta fiducia. I servizi offerti da L'Arco sono percepiti dai Genitori come un aiuto concreto nella gestione quotidiana dei figli: essi vengono seguiti nelle attività di studio e ricreative, con il risultato di migliorare il rendimento scolastico, così come la coesione e le relazioni tra i ragazzi stessi. I genitori stranieri in particolare trovano che le attività siano un aiuto fondamentale ai fini dell'integrazione dei loro figli. Gli intervistati ritengono inoltre che 23

25 L'Arco sia una realtà preziosa in un contesto territoriale carente dal punto di vista degli spazi di aggregazione giovanili. I Genitori esprimono l'apprezzamento per l'innovatività dei servizi indicando il proprio grado di accordo all'affermazione, non ci sono praticamente commenti a riguardo. Uno di essi, che segnalo, è Usare il teatro è una metodologia nuova : da quest'unica frase emerge la questione dell'interpretazione della parola innovativo da parte dei genitori degli utenti. Non è infatti possibile risalire all'attribuzione di significato rispetto ogni parola detta da parte degli intervistati, ma è bene considerare come esso possa essere diverso da persona a persona. L'utilizzo del teatro non può considerarsi infatti una metodologia di per sè nuova in campo educativo, ma può esserlo se cambia il punto di vista, se si considera ad esempio l'intervento nel contesto di un certo territorio, o la modalità con cui è proposto. Aumentano tra i Genitori coloro che pensano che la cooperativa riesca a soddisfare l'insieme dei bisogni dei giovani sul territorio, soprattutto su quei territori dove la cooperativa è presente con più di un servizio, rivolto a fasce diverse di giovani. I commenti su questo punto sono riconducibili a quelli espressi in merito all'utilità e concretezza dei servizi. I Genitori degli utenti non commentano la carenza de L'Arco sul piano della comunicazione con commenti categorici, ma esprimono comunque un parere critico sul tema. Anche loro, come espresso anche dai Committenti e Altri Referenti, ritengono che la cooperativa debba migliorare su questo fronte in quanto offre dei servizi validi che meritano di essere promossi e conosciuti sul territorio. Non mancano tuttavia anche pareri positivi in merito. 24

26 Rispetto a questo punto non sono presenti commenti da parte degli intervistati, che in alcuni casi si sono limitati a esprimere il loro grado di disaccordo in merito. Da notare infatti che uno dei dati emersi per questa tipologia di stakeholder è che essi ritengano invece i servizi innovativi. I locali in cui L'Arco svolge le proprie attività non sono ritenuti adeguati da molti genitori di utenti, anche se emerge dai (pochi) commenti a riguardo che tale limite non è attribuito a una mancanza da parte della cooperativa, ma alla scarsità di risorse che i committenti mettono a disposizione I commenti dei Genitori riguardo lo scarso radicamento sul territorio da parte de L'Arco fanno emergere la convinzione che tale situazione sia dovuta alla scarsa collaborazione degli interlocutori locali, e non a una mancanza da parte della cooperativa. 25

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro Linee Guida A partire dalle esperienze sviluppate dai singoli partner in relazione al coinvolgimento attivo dei giovani all interno delle specifiche realtà locali, il team di lavoro ha elaborato le seguenti

Dettagli

RELAZIONE QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PER I SERVIZI DELLA BIBLIOTECA COMUNALE SACHAROV

RELAZIONE QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PER I SERVIZI DELLA BIBLIOTECA COMUNALE SACHAROV COMUNE DI SALUZZO RELAZIONE QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PER I SERVIZI DELLA BIBLIOTECA COMUNALE SACHAROV A cura dell'ufficio Controllo Interno di Gestione ottobre 2013 PREMESSA Nell'ottica del miglioramento

Dettagli

REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE E SERVIZI SOCIALI

REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE E SERVIZI SOCIALI ALLEGATO E DGR 535/2015 (estratto) REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE E SERVIZI SOCIALI LINEE DI INDIRIZZO IN MATERIA DI PARTECIPAZIONE E ASCOLTO DEI MINORENNI Servizio Famiglia, Minori e Pari Opportunità

Dettagli

BOZZA PIANO COMUNICAZIONE 2015

BOZZA PIANO COMUNICAZIONE 2015 Comune di Pontecagnano Faiano Ufficio di Gabinetto BOZZA PIANO COMUNICAZIONE 2015 QUADRO NORMATIVO In relazione alla legge 150 del 7 giugno 2000, Disciplina delle attività di informazione e di comunicazione

Dettagli

LA MEDIAZIONE LINGUISTICO CULTURALE A SCUOLA AFFIANCAMENTO PER ALUNNI STRANIERI NEO ARRIVATI

LA MEDIAZIONE LINGUISTICO CULTURALE A SCUOLA AFFIANCAMENTO PER ALUNNI STRANIERI NEO ARRIVATI Sistema di Gestione Qualità, rendicontazione indagini di soddisfazione 2011 Direzione Programmazione e Controllo Servizio Studi e Ricerche Sistemi Qualità Direzione Politiche Sociali Partecipative e dell

Dettagli

Valutazione del servizio di reference in ambito economico, medico, pedagogico e psicologico sessioni del 2010. Rapporto di Ilaria Moroni

Valutazione del servizio di reference in ambito economico, medico, pedagogico e psicologico sessioni del 2010. Rapporto di Ilaria Moroni Valutazione del servizio di reference in ambito economico, medico, pedagogico e psicologico sessioni del 2010 Rapporto di Ilaria Moroni Sommario Premessa Oggetto dell indagine Finalità dell indagine Modalità

Dettagli

QUESTIONARIO DI PERCEZIONE DEL SERVIZIO SCOLASTICO

QUESTIONARIO DI PERCEZIONE DEL SERVIZIO SCOLASTICO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo A. Da Rosciate via Codussi, 7 24124 Bergamo C.F. 95118530161 Tel 035243373 Fax: 035270323 e-mail: segreteria@darosciate.it

Dettagli

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma ( ) Per affrontare i problemi sociali non possiamo fare a meno di ascoltare

Dettagli

Allegato A Lettera e mail di presentazione della ricerca. Comune di Castelnuovo Rangone. Prot. n. 27961 Vignola, 8 novembre 2012

Allegato A Lettera e mail di presentazione della ricerca. Comune di Castelnuovo Rangone. Prot. n. 27961 Vignola, 8 novembre 2012 Allegato A Lettera e mail di presentazione della ricerca Comune di Castelnuovo Rangone Prot. n. 27961 Vignola, 8 novembre 2012 Al Dirigente / Responsabili dei servizi della struttura Welfare dell Unione

Dettagli

Valutazione del servizio di reference sessioni del 2011. Rapporto di Ilaria Moroni

Valutazione del servizio di reference sessioni del 2011. Rapporto di Ilaria Moroni Valutazione del servizio di reference sessioni del 2011 Rapporto di Ilaria Moroni Sommario Premessa Oggetto dell indagine Finalità dell indagine Modalità dell indagine Campione esaminato Articolazione

Dettagli

VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELLA FORMAZIONE SULL ORGANIZZAZIONE INTERNA

VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELLA FORMAZIONE SULL ORGANIZZAZIONE INTERNA DIREZIONE ATTIVITA AMMINISTRATIVA SERVIZIO ORGANIZZAZIONE E GESTIONE RISORSE UMANE UFFICIO ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELLA FORMAZIONE SULL ORGANIZZAZIONE INTERNA Report finali

Dettagli

I questionari degli operatori Report di analisi

I questionari degli operatori Report di analisi I questionari degli operatori Report di analisi Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Scambio interregionale fra le Regioni Toscana, Marche e Umbria Regione

Dettagli

Le iniziative a favore dei gruppi informali di giovani. L esperienza dei ragazzi che hanno partecipato al bando 2005

Le iniziative a favore dei gruppi informali di giovani. L esperienza dei ragazzi che hanno partecipato al bando 2005 AREA LAVORO E SOLIDARIETA SOCIALE Servizio Solidarietà Sociale Le iniziative a favore dei gruppi informali di giovani. L esperienza dei ragazzi che hanno partecipato al bando 005 Maggio 007 Indice. Il

Dettagli

Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020

Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020 REPORT Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020 Mestre, 28 giugno 2012 Regione del Veneto - Direzione Piani e Programmi Settore Primario Autorità di Gestione PSR Veneto 2007-2013 Il

Dettagli

Il progetto COUNSELING SCOLASTICO. PERCHÉ?

Il progetto COUNSELING SCOLASTICO. PERCHÉ? Il progetto COUNSELING SCOLASTICO. PERCHÉ? L'attuale complessità sociale e l'affermazione di nuovi modelli socio-economici e culturali hanno portato dei notevoli cambiamenti nella scuola e nella famiglia.

Dettagli

Investire nel valore e nell identità del Liceo Economico-Sociale. Presentazione dei risultati dell indagine realizzata presso i LES

Investire nel valore e nell identità del Liceo Economico-Sociale. Presentazione dei risultati dell indagine realizzata presso i LES Investire nel valore e nell identità del Liceo Economico-Sociale Presentazione dei risultati dell indagine realizzata presso i LES 2 la fondazione rosselli Origini e attività La Fondazione Rosselli è un

Dettagli

SEZIONE IV Le attività finalizzate al raccordo scuola-lavoro: una lettura critica delle esperienze realizzate

SEZIONE IV Le attività finalizzate al raccordo scuola-lavoro: una lettura critica delle esperienze realizzate SEZIONE IV Le attività finalizzate al raccordo scuola-lavoro: una lettura critica delle esperienze realizzate Le opinioni dei Capi di Istituto e dei responsabili scolastici dei progetti -25- -26- Nota

Dettagli

Il salone Mestieri in Mostra 2005: le opinioni degli stakeholder - Luglio 2005

Il salone Mestieri in Mostra 2005: le opinioni degli stakeholder - Luglio 2005 Il salone Mestieri in Mostra 2005: le opinioni degli stakeholder - Luglio 2005 Indagine effettuata dal Servizio Organizzazione e Qualità in collaborazione con l Ufficio Relazioni con il Pubblico Pagina

Dettagli

CUSTOMER SATISFACTION

CUSTOMER SATISFACTION PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA Denominata Libero Consorzio comunale ai sensi della LR n. 8/214 I Dipartimento 2 Servizio Bilancio e Partecipate Indagine di ricerca condotta tra il personale dipendente

Dettagli

LA RILEVAZIONE DELLA QUALITÀ PERCEPITA NEL DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE PROGETTO REGIONALE DI FATTIBILITÀ

LA RILEVAZIONE DELLA QUALITÀ PERCEPITA NEL DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE PROGETTO REGIONALE DI FATTIBILITÀ Agenzia Sanitaria e Sociale Regionale LOGO AZIENDA LA RILEVAZIONE DELLA QUALITÀ PERCEPITA NEL DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE PROGETTO REGIONALE DI FATTIBILITÀ (BOZZA) Documento

Dettagli

INDAGINI E STATISTICHE PER IL TURISMO

INDAGINI E STATISTICHE PER IL TURISMO INDAGINI E STATISTICHE PER IL TURISMO Stefano Campostrini Ca Foscari FEBBRAIO 2011 Approcci d indagine qualitativi Strumenti qualitativi Raccolta dati / informazioni Interpretare Gruppo (interazione) singoli

Dettagli

SOSTANZE STUPEFACENTI E PERCEZIONE SOCIALE: UN INDAGINE TRA I LAVO- RATORI VICENTINI

SOSTANZE STUPEFACENTI E PERCEZIONE SOCIALE: UN INDAGINE TRA I LAVO- RATORI VICENTINI SOSTANZE STUPEFACENTI E PERCEZIONE SOCIALE: UN INDAGINE TRA I LAVO- RATORI VICENTINI Luca Sinigallia Il Borgo Onlus Presentazione Con questo breve e sintetico rapporto di ricerca si intendono proiettare

Dettagli

L'approccio iniziale all esperienza nella struttura educativa sarà quindi interpretato nel rispetto dei principi di "gradualità" e "continuità".

L'approccio iniziale all esperienza nella struttura educativa sarà quindi interpretato nel rispetto dei principi di gradualità e continuità. 1 Accogliere un bambino in un servizio educativo per la prima infanzia, significa accogliere tutta la sua famiglia, individuando tutta una serie di strategie di rapporto fra nido/centro gioco e casa, volte

Dettagli

Alla domanda Quali sono secondo te le Nuove Tecnologie?, le risposte degli intervistati si distribuiscono come evidenziato dal Grafico 1.

Alla domanda Quali sono secondo te le Nuove Tecnologie?, le risposte degli intervistati si distribuiscono come evidenziato dal Grafico 1. RISULTATI INTERVISTE INTERNET GENERATION Allo scopo di valutare l impatto delle KMT sui pre-adolescenti, rispetto alle dimensioni di naturalizzazione, interattività, empowerment e gap culturale, sono state

Dettagli

CAPITOLO QUINTO CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE

CAPITOLO QUINTO CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE CAPITOLO QUINTO CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE A conclusione del lavoro di ricerca, si ritiene di riassumere alcune considerazioni nate alla luce sia del lavoro di documentazione, sia di quello di indagine.

Dettagli

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE città, data REPORT INDAGINE Nome ente RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION DEL SERVIZIO "XXXX" Strumento n 11: modello report di rilevazione della soddisfazione degli utenti

Dettagli

Dallo Stakeholder Engagement alla Multi-stakeholder Strategy

Dallo Stakeholder Engagement alla Multi-stakeholder Strategy Dallo Stakeholder Engagement alla Multi-stakeholder Strategy I principali risultati della ricerca realizzata nell ambito del In collaborazione con Paolo Anselmi - Vice Presidente GfK-Eurisko Luglio 2015

Dettagli

Giovanna - Quali sono gli argomenti che si trattano all interno di questi colloqui?

Giovanna - Quali sono gli argomenti che si trattano all interno di questi colloqui? A PROPOSITO DI COACHING Giovanna Combatti intervista Giacomo Mosca Abbiamo chiesto a Giacomo Mosca, Formatore e Coach, Counsellor in Analisi Transazionale associato al CNCP (Coordinamento Nazionale Counsellor

Dettagli

Indagine sull insegnamento delle scienze in Italia nell ambito del progetto TRACES

Indagine sull insegnamento delle scienze in Italia nell ambito del progetto TRACES Indagine sull insegnamento delle scienze in Italia nell ambito del progetto TRACES TRACES è un progetto di ricerca internazionale finanziato dalla Commissione Europea che studia il rapporto tra ricerca

Dettagli

Analisi dati questionario gradimento del sito web dell'istituto

Analisi dati questionario gradimento del sito web dell'istituto Analisi dati questionario gradimento del sito web dell'istituto Premessa La valutazione del grado di soddisfazione degli utenti rappresenta un importante aspetto nella gestione di qualsiasi organizzazione,

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

SPAZIO GIOCO DI VIA CURIEL INDIRIZZO: VIA CURIEL, 2 TELEFONO: 040 814346

SPAZIO GIOCO DI VIA CURIEL INDIRIZZO: VIA CURIEL, 2 TELEFONO: 040 814346 SPAZIO GIOCO DI VIA CURIEL INDIRIZZO: VIA CURIEL, 2 TELEFONO: 040 814346 A) PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO 1.TIPOLOGIA DEL SERVIZIO (artt. 3, 4, 5 L.R. n. 20/2005) Servizio integrativo spazio gioco Lo spazio

Dettagli

DISEGNO DELL INDAGINE. del Servizio Assistenza domiciliare

DISEGNO DELL INDAGINE. del Servizio Assistenza domiciliare DISEGNO DELL INDAGINE del Servizio Assistenza domiciliare RESPONSABILE Direttore Generale Leonardo Michele Lo Tufo Ufficio di Customer Satisfaction: Dott.ssa Barbara Carabelli IL CONTESTO L Amministrazione

Dettagli

L IMMAGINE DEL MEZZOGIORNO D ITALIA

L IMMAGINE DEL MEZZOGIORNO D ITALIA Presso la Business Community e presso la popolazione di Brasile Ricerca di mercato condotta da: GPF&A e Ispo Ltd Per conto di: Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento per le Politiche di Sviluppo

Dettagli

PROVINCIA DI BARLETTA - ANDRIA - TRANI Piazza San Pio X, 9 76123 Andria - 9 Settore Cultura Sport Turismo - Politiche Sociali REPORT

PROVINCIA DI BARLETTA - ANDRIA - TRANI Piazza San Pio X, 9 76123 Andria - 9 Settore Cultura Sport Turismo - Politiche Sociali REPORT PROVINCIA DI BARLETTA - ANDRIA - TRANI Piazza San Pio X, 9 76123 Andria - 9 Settore Cultura Sport Turismo - Politiche Sociali REPORT SERVIZIO DI ASSISTENZA SPECIALISTICA SOCIO-EDUCATIVA PER ALUNNI CON

Dettagli

PERCORSO FACILE CAF FEEDBACK REPORT INTEGRATO RAV E PDM. I.C. San Francesco di Paola Messina MEIC86500V

PERCORSO FACILE CAF FEEDBACK REPORT INTEGRATO RAV E PDM. I.C. San Francesco di Paola Messina MEIC86500V PERCORSO FACILE CAF FEEDBACK REPORT INTEGRATO RAV E PDM CODICE MECCANOGRAFICO SCUOLA AMBITO DI AV DELLA SCUOLA* MEIC86500V I.C. San Francesco di Paola Messina (X ) COMPLETO - ( ) PARZIALE MARZO 2015 1

Dettagli

Giornata della trasparenza, report finale dei questionari

Giornata della trasparenza, report finale dei questionari Giornata della trasparenza, report finale dei questionari Descrizione generale Le giornate della trasparenza, previste dal D.Lgs /, sono strumenti di coinvolgimento degli stakeholders per la valorizzazione

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA FIRENZE 1 PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA IL SISTEMA DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO: RIFERIMENTI CONCETTUALI E NORMATIVI POSTI A CONFRONTO CON LA REALTÀ AZIENDALE FIRENZE 2 INDICE PREMESSA 3 MOTIVAZIONI

Dettagli

Questionario genitori scuola dell'infanzia

Questionario genitori scuola dell'infanzia www.survio.com 23/06/2015 11:36:10 Generale Nome sondaggio Questionario genitori scuola dell'infanzia Autore ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE SUD Lingua Italiano URL Sondaggio http://www.survio.com/survey/d/g4t6y5e1l5y8h3h7x

Dettagli

L ITALIA VISTA DA CHI LA ABITA SONDAGGIO DOXA

L ITALIA VISTA DA CHI LA ABITA SONDAGGIO DOXA L ITALIA VISTA DA CHI LA ABITA SONDAGGIO DOXA PRINCIPALI RISULTATI EMERSI Tra le tematiche sociali maggiormente sentite dagli adolescenti vi è prima di tutto il diritto alla vita (37%), sentito ancor di

Dettagli

Sintesi dei risultati della ricerca

Sintesi dei risultati della ricerca progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi Progetto A.I.M.S. - Accoglienza ed Integrazione dei Minori Stranieri Azione 3 Realizzazione indagine

Dettagli

Attività svolta da Arenella e Imperiale

Attività svolta da Arenella e Imperiale RELAZIONE FINALE FUNZIONI STRUMENTALI AREA 2 A.S. 2012/2013 Nel corso dell anno scolastico 2012/13 hanno svolto la funzione strumentale per l area 2 D.S.A. Invalsi le docenti Arenella Lucia, Imperiale

Dettagli

FAC SIMILE DI SCHEDA-PROGETTO PER LE ATTIVITÀ DI SPESA CORRENTE PROMOSSE DA ENTI LOCALI (PUNTO 2.2, LETTERE A. E B.

FAC SIMILE DI SCHEDA-PROGETTO PER LE ATTIVITÀ DI SPESA CORRENTE PROMOSSE DA ENTI LOCALI (PUNTO 2.2, LETTERE A. E B. Allegato 1.1) FAC SIMILE DI SCHEDA-PROGETTO PER LE ATTIVITÀ DI SPESA CORRENTE PROMOSSE DA ENTI LOCALI (PUNTO 2.2, LETTERE A. E B. DELL ALLEGATO A) SOGGETTO RICHIEDENTE Unione dei Comuni della Bassa Romagna

Dettagli

E-COMMERCE CONSUMER BEHAVIOUR REPORT 2012

E-COMMERCE CONSUMER BEHAVIOUR REPORT 2012 E-COMMERCE CONSUMER BEHAVIOUR REPORT 2012 PERCHÈ UNA RICERCA SULL E-COMMERCE? GLI OBIETTIVI DELL INDAGINE Perché gli utenti decidono di acquistare online? Che cosa acquistano? Attraverso quali canali?

Dettagli

Empoli, giovedì 13 dicembre 2012

Empoli, giovedì 13 dicembre 2012 PER LO SVILUPPO DI UN WELFARE EDUCATIVO P r e m e s s a Da tempo si avverte l esigenza di riprendere una riflessione condivisa intorno al concetto fondamentale di impegno della comunità e delle istituzioni

Dettagli

CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA

CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA Le nostre scuole dell'infanzia, in continuità con le scelte già espresse nel POF, hanno definito, attraverso una riflessione avvenuta in più incontri tra genitori

Dettagli

Customer satisfaction Distribuzione dell energia elettrica

Customer satisfaction Distribuzione dell energia elettrica Novembre - Dicembre 27 Customer satisfaction Distribuzione dell energia elettrica A cura di Francesca Dallago 4.. Caratteristiche dell indagine PERIODO DELLA RILEVAZIONE: Novembre-Dicembre 27 STRUMENTO

Dettagli

QUESTIONARIO DI SODDISFAZIONE DEL SITO DELLA SCUOLA

QUESTIONARIO DI SODDISFAZIONE DEL SITO DELLA SCUOLA QUESTIONARIO DI SODDISFAZIONE DEL SITO DELLA SCUOLA Il sito della scuola è stato pubblicato, nella sua versione attuale, nel 25. E' stato scritto e organizzato in modo da rispettare il più possibile le

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

LA MEDIAZIONE FAMILIARE

LA MEDIAZIONE FAMILIARE LA MEDIAZIONE FAMILIARE Nel corso dell ultimo decennio, in Italia, si è organizzato un movimento di opinione con lo scopo di promuovere con un approccio conciliativo e sull esempio di esperienze internazionali

Dettagli

QUESTIONARIO CONOSCITIVO PER GENITORI 09 10 (sommatoria delle risposte)

QUESTIONARIO CONOSCITIVO PER GENITORI 09 10 (sommatoria delle risposte) 1 QUESTIONARIO CONOSCITIVO PER GENITORI 09 10 (sommatoria delle risposte) (ALLEGATO N 2) Sono pervenuti 90 questionari compilati ma non tutti completi. Non è stata prevista una differenziazione per categorie

Dettagli

Diversity Improvement as a Viable Enrichment Resource for Society and Economy. Policy Brief WP5

Diversity Improvement as a Viable Enrichment Resource for Society and Economy. Policy Brief WP5 Co-funded by the European Union DIVERSE Diversity Improvement as a Viable Enrichment Resource for Society and Economy Policy Brief WP5 1. L opportunità del progetto DIVERSE per la Società San Vincenzo

Dettagli

AFFIDAMENTO FAMILIARE NELLA PROVINCIA DI TORINO. Storia, obiettivi e attività del tavolo

AFFIDAMENTO FAMILIARE NELLA PROVINCIA DI TORINO. Storia, obiettivi e attività del tavolo AFFIDAMENTO FAMILIARE NELLA PROVINCIA DI TORINO Il video LE STORIE DELL AFFIDO è un progetto del Tavolo permanente di Coordinamento sull Affidamento Familiare della provincia di Torino, con la realizzazione

Dettagli

EDUCATIVA TERRITORIALE

EDUCATIVA TERRITORIALE EDUCATIVA TERRITORIALE L attivazione di questo servizio è subordinata al finanziamento della L. 285/97 (Disposizioni per la promozione di diritti e opportunità per l infanzia e l adolescenza). DEFINIZIONE

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: ARCI NAPOLI 2) Codice di accreditamento: NZ05738 3) Albo e classe di iscrizione:

Dettagli

RELAZIONE SUL PROCESSO DI AUTOANALISI E AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO

RELAZIONE SUL PROCESSO DI AUTOANALISI E AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA, SECONDARIA DI 1 GRADO E LICEO SCIENTIFICO Via Cupello n.2-86047 Santa Croce di Magliano (CB) Tel 0874728014 Fax 0874729822 C.F. 91040770702 E-mail

Dettagli

Realizzare la valutazione inclusiva

Realizzare la valutazione inclusiva LA VALUTAZIONE NELLE CLASSI COMUNI IT Realizzare la valutazione inclusiva La fase conclusiva del progetto La valutazione nelle classi comuni dell Agenzia ha visto un dibattito e una spiegazione del concetto

Dettagli

Consumer trend: atteggiamenti e giudizi sul credito al consumo

Consumer trend: atteggiamenti e giudizi sul credito al consumo Consumer trend: atteggiamenti e giudizi sul credito al consumo Rapporto di ricerca Luglio 2010 (Rif. 1215v110) Indice 2 Capitolo I - L andamento dell economia e del credito al consumo oggi pag. 3 Capitolo

Dettagli

LA TERZA FASE DEL MONITORAGGIO LE SCELTE INTRODUZIONE

LA TERZA FASE DEL MONITORAGGIO LE SCELTE INTRODUZIONE INTRODUZIONE La certificazione esterna delle competenze linguistiche in inglese è un fenomeno che non interessa esclusivamente la scuola secondaria, ma assume una forte valenza anche nella scuola primaria.

Dettagli

3.7 L affidabilità delle fonti

3.7 L affidabilità delle fonti 3.7 L affidabilità delle fonti Un altro aspetto indagato dal questionario riguarda i criteri con cui i giovani adulti valutano l affidabilità di una fonte informativa, in particolar modo quando riferita

Dettagli

Questionario di gradimento rivolto a Genitori e Studenti. a. s. 2014/15

Questionario di gradimento rivolto a Genitori e Studenti. a. s. 2014/15 Questionario di gradimento rivolto a Genitori e Studenti a. s. 2014/15 Il questionario genitori è stato somministrato durante il secondo colloquio quadrimestrale. Pertanto il campione esaminato è costituito

Dettagli

SINERGO Società Cooperativa Sociale onlus Viale Alfieri n. 10, 46100 Mantova C.F. P.iva 02114040203 Tel/Fax 0376/367555 Cell.

SINERGO Società Cooperativa Sociale onlus Viale Alfieri n. 10, 46100 Mantova C.F. P.iva 02114040203 Tel/Fax 0376/367555 Cell. Proposta per la gestione dell informagiovani Premessa Contesto della proposta: tale proposta nasce dalla valutazione dell esigenza della realtà locale di Quistello, di dare nuova veste al Servizio Informagiovani

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA SUI BISOGNI DELLE FAMIGLIE CON FIGLI DI ETA 0-3 ANNI NEL COMUNE DI CORNATE D ADDA

INDAGINE CONOSCITIVA SUI BISOGNI DELLE FAMIGLIE CON FIGLI DI ETA 0-3 ANNI NEL COMUNE DI CORNATE D ADDA Comune di Cornate d Adda Assessorato alle politiche sociali Laboratorio Territoriale Brianza Est PIC Equal II Fase Rif. IT-G2-LOM-061 INDAGINE CONOSCITIVA SUI BISOGNI DELLE FAMIGLIE CON FIGLI DI ETA 0-3

Dettagli

Servizi di comunicazione relativi ad attività previste dal Piano di comunicazione del Piano Telematico dell Emilia Romagna (PITER) 2007-2009

Servizi di comunicazione relativi ad attività previste dal Piano di comunicazione del Piano Telematico dell Emilia Romagna (PITER) 2007-2009 Servizi di comunicazione relativi ad attività previste dal Piano di comunicazione del Piano Telematico dell Emilia Romagna (PITER) 2007-2009 I PRETEST DELLA CAMPAGNA ISTITUZIONALE PITER Report dei risultati

Dettagli

Risultati dell indagine conoscitiva sul Network di Linea Amica

Risultati dell indagine conoscitiva sul Network di Linea Amica Risultati dell indagine conoscitiva sul Network di Linea Amica (a cura dell Area Comunicazione e Servizi al cittadino, con il supporto dell Ufficio Monitoraggio e Ricerca di FormezPA) INDICE 1. Introduzione

Dettagli

Costruzione ed uso di un questionario

Costruzione ed uso di un questionario Costruzione ed uso di un questionario Italo Nofroni Statistica medica Il questionario strutturato si è affermato in ogni campo della ricerca sociale e sanitaria come strumento imperfetto, migliorabile,

Dettagli

Premessa Questionario DOCENTI - n. 90 partecipanti.

Premessa Questionario DOCENTI - n. 90 partecipanti. Premessa Tutti i questionari sono stati somministrati on line; a questa regola hanno fatto parziale eccezione solo quelli dei genitori per l ovvio motivo della difficoltà di averli a scuola, per cui in

Dettagli

Welfare, servizi e equità sociale: un indagine delle Acli trentine

Welfare, servizi e equità sociale: un indagine delle Acli trentine Welfare, servizi e equità sociale: un indagine delle Acli trentine 1 La crisi colpisce più le valli L indagine realizzata dall Osservatorio delle Acli trentine ci dà modo di riflettere sulle condizioni

Dettagli

Cooperativa Tempo per l Infanzia ONLUS

Cooperativa Tempo per l Infanzia ONLUS CARTA DEI SERVIZI Servizi socio-educativi per disabili e loro famiglie Questo documento vuole far conoscere in modo chiaro i servizi che la Cooperativa Tempo per l Infanzia, offre nell ambito dei ragazzi

Dettagli

Trasparenza, Valutazione e Merito

Trasparenza, Valutazione e Merito Dipartimento Comunicazione e Diritti dei Cittadini - Progetti Strategici e Grandi Eventi Direttore: Luigi Di Gregorio Direzione Comunicazione Multicanale Direttore: Paola Conti Ufficio Temporaneo di Scopo

Dettagli

LA STRATEGIA OBIETTIVI GENERALI

LA STRATEGIA OBIETTIVI GENERALI LA STRATEGIA La comunicazione di CONCORD ITALIA è finalizzata a sensibilizzare la cittadinanza sulle attività, l impatto e la sostenibilità delle nostre azioni nell ambito degli interventi realizzati dai

Dettagli

Progetto educativo per i bambini anticipatari

Progetto educativo per i bambini anticipatari Progetto educativo per i bambini anticipatari PREMESSA La questione dell anticipo deve essere affrontata facendo riferimento a discipline quali la psicologia dello sviluppo, la pedagogia e l organizzazione

Dettagli

1A - Attività dell Associazione Differenza Maternità. Associazione Differenza Maternità. Ampliamento del servizio "Informanascita"- linea telefonica

1A - Attività dell Associazione Differenza Maternità. Associazione Differenza Maternità. Ampliamento del servizio Informanascita- linea telefonica 1A - Attività Differenza Maternità 1 Associazione responsabile e collaborazioni. Rete/Partners coinvolti Associazione Differenza Maternità Descrizione intervento / prodotto 2 Denominazione Informamamma:

Dettagli

La comunicazione della cooperazione internazionale per lo sviluppo in Piemonte

La comunicazione della cooperazione internazionale per lo sviluppo in Piemonte Osservatorio sulla Comunicazione Politica, Dipartimento di Culture Politica e Società La comunicazione della cooperazione internazionale per lo sviluppo in Piemonte ricerca condotta da Sara Minucci (Osservatorio

Dettagli

Autovalutazione di Istituto

Autovalutazione di Istituto Istituto di Istruzione La Rosa Bianca Weisse Rose Cavalese-Predazzo Autovalutazione di Istituto Questionario per gli studenti Questionario per le famiglie Cavalese-Predazzo Anno scolastico 2011/2012 Indice

Dettagli

COME NASCE IL PROGETTO GIOVANE CITTADINANZA

COME NASCE IL PROGETTO GIOVANE CITTADINANZA INTRODUZIONE COME NASCE IL PROGETTO GIOVANE CITTADINANZA 1.1. ORGANIZZAZIONE E FASI DEL PROGETTO Giovane Cittadinanza (GC) è un progetto finanziato dal fondo nazionale di intervento per la lotta alla droga

Dettagli

Indagine sul futuro dei Giovani Albergatori Trentini

Indagine sul futuro dei Giovani Albergatori Trentini Indagine sul futuro dei Giovani Albergatori Trentini Risultati dell indagine 2014 Ricerca commissionata dalla Presidente Giovani Albergatori Trentini dott. Francesca Maffei a cura dell Ufficio Marketing

Dettagli

INDAGINE CUSTOMER SATISFACTION Ufficio Statistica Comune di Ferrara

INDAGINE CUSTOMER SATISFACTION Ufficio Statistica Comune di Ferrara ASCOLTARE I CITTADINI: SITO WEB DELL UFFICIO STATISTICA - VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE Anno 2010 Sondaggio sulle opinioni degli utenti a cura dell del Agosto 2010 ASCOLTARE I CITTADINI: SITO WEB DELL

Dettagli

Carta dei Servizi e Carta dei Diritti dell Utente

Carta dei Servizi e Carta dei Diritti dell Utente PROVINCIA DI COSENZA SETTORE FORMAZIONE PROFESSIONALE SERVIZIO ORIENTAMENTO E FABBISOGNO FORMATIVO via Panebianco, 274 Cosenza tel. e fax 0984 393157 Carta dei Servizi e Carta dei Diritti dell Utente Approvata

Dettagli

IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI

IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI 1. La rilevazione La rilevazione presso le famiglie con bambini da zero a 3 anni, residenti nei comuni dell Ambito territoriale dei servizi sociali

Dettagli

SUGGERIMENTI DI ATTIVAZIONE

SUGGERIMENTI DI ATTIVAZIONE SUGGERIMENTI DI ATTIVAZIONE Documento di sintesi del Progetto Pilota AttivaMente Questo documento rappresenta un punto di arrivo di un progetto pilota interreg chiamato AttivaMente. AttivaMente è una delle

Dettagli

di assistenza educativa scolastica per alunni con disabilità

di assistenza educativa scolastica per alunni con disabilità 1 di assistenza educativa scolastica 2 La Cooperativa ALEMAR ONLUS gestisce un gran numero di servizi rivolti al mondo della scuola: asili nido, scuole dell infanzia, assistenza e sostegno scolastico e

Dettagli

STANDARD DI QUALITA DEI SERVIZI INFORMAGIOVANI SIRG REGIONE CAMPANIA

STANDARD DI QUALITA DEI SERVIZI INFORMAGIOVANI SIRG REGIONE CAMPANIA SETTORE POLITICHE GIOVANILI E DEL FORUM REGIONALE DELLA GIOVENTU STANDARD DI QUALITA DEI SERVIZI INFORMAGIOVANI SIRG ALLEGATO REGIONE 1 CAMPANIA AZIONE A DI SISTEMA COMUNE DI Allegato F SETTORE POLITICHE

Dettagli

IL COACHING delle Ambasciatrici

IL COACHING delle Ambasciatrici IL COACHING delle Ambasciatrici European Commission Enterprise and Industry Coaching ambasciatrici WAI-Women Ambassadors in Italy, Ravenna, 20/05/2010 2 FASE 1 Le motivazioni e gli scopi FASE 2 L analisi

Dettagli

Analisi del Questionario di gradimento del Servizio di Assistenza Domiciliare erogato nell ambito territoriale del Comune di Spinea

Analisi del Questionario di gradimento del Servizio di Assistenza Domiciliare erogato nell ambito territoriale del Comune di Spinea Analisi del Questionario di gradimento del Servizio di Assistenza Domiciliare erogato nell ambito territoriale del Comune di Spinea Indagine 2013 A cura di Àncora Servizi Società Coop. Sociale 1 Premessa

Dettagli

CARTA dei SERVIZI CENTRO PRIMA INFANZIA. SERVIZIO INFANZIA e FAMIGLIA

CARTA dei SERVIZI CENTRO PRIMA INFANZIA. SERVIZIO INFANZIA e FAMIGLIA Settore Politiche sociali e di sostegno alla famiglia CARTA dei SERVIZI CENTRO PRIMA INFANZIA SERVIZIO INFANZIA e FAMIGLIA Indice Capo 1 La carta dei servizi Uno strumento per dialogare e collaborare con

Dettagli

PROGETTO CHIOCCIOL@.IT

PROGETTO CHIOCCIOL@.IT PROGETTO CHIOCCIOL@.IT Premessa: Secondo una ricerca condotta da Skuola.net, in Italia un giovane su tre (nella fascia di età che va dagli undici ai venti anni) sarebbe sempre connesso ai social network.

Dettagli

Scuola Media di Serravalle. Progetto FILO DIRETTO. con se stessi e gli altri

Scuola Media di Serravalle. Progetto FILO DIRETTO. con se stessi e gli altri Scuola Media di Serravalle Maggi Marco Con su len t e edu ca t i vo Esper t o i n pr ocessi for m a t i vi I st r u tt or e Met od o Gor d on Progetto FILO DIRETTO con se stessi e gli altri Proposte di

Dettagli

REPORT FINALE Intervento di valutazione percorso lavorativo/formativo

REPORT FINALE Intervento di valutazione percorso lavorativo/formativo REPORT FINALE Intervento di valutazione percorso lavorativo/formativo INTRODUZIONE L intervento di valutazione, previsto per il progetto Alternanza Scuola-Lavoro Tecnologie Led nell illuminazione assemblaggio,

Dettagli

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 1. NUMERO AZIONE 10 2. TITOLO AZIONE VINCERE LE DIPENDENZE SI PUO 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Descrivere sinteticamente le attività che si intendono realizzare all interno

Dettagli

Processo di elaborazione

Processo di elaborazione Processo di elaborazione Questionario Esterno QUESTIONARIO DI SODDISFAZIONE DELL UTENTE/VISITATORE Gruppo operativo 2.1.2. Performance 1. Nunzia Pandolfi 2. Simona Saltarelli 3. Annalina Notarantonio 4.

Dettagli

TUTTI INSIEME APPASSIONATAMENTE? Dibattito pubblico su reti territoriali e sinergie culturali

TUTTI INSIEME APPASSIONATAMENTE? Dibattito pubblico su reti territoriali e sinergie culturali TUTTI INSIEME APPASSIONATAMENTE? Dibattito pubblico su reti territoriali e sinergie culturali Artegna, sabato 4 ottobre 2014 Trallallero/Festival del teatro ragazzi in Friuli-V.G. DOMANDE per gli interventi

Dettagli

PIANO AZIENDALE DI COMUNICAZIONE AOVV

PIANO AZIENDALE DI COMUNICAZIONE AOVV SONDALO SONDRIO MORBEGNO CHIAVENNA PIANO AZIENDALE DI COMUNICAZIONE AOVV DETERIMAZIONI IN ORDINE AGLI OBIETTIVI DI INTERESSE REGIONALE DEI DIRETTORI GENERALI DELLE AZIENDE OSPEDALIERE PER L ANNO 2008,

Dettagli

L EFFICACIA DELLA COMUNICAZIONE

L EFFICACIA DELLA COMUNICAZIONE L EFFICACIA DELLA COMUNICAZIONE GLI ESITI DEL PRIMO RAPPORTO DI VALUTAZIONE ANTONIO STRAZZULLO COMITATO DI SORVEGLIANZA REGGIO EMILIA, 21 GIUGNO 2011 Obiettivi della valutazione Valutazione del Piano di

Dettagli

Il Consiglio comunale dei ragazzi.

Il Consiglio comunale dei ragazzi. Il Consiglio comunale dei ragazzi. Un Progetto per le bambine e i bambini, per i ragazzi e le ragazze tra intenzioni e scelte Premessa L Amministrazione comunale di Cento, con questo progetto, intende

Dettagli

PROVINCIA DI PIACENZA

PROVINCIA DI PIACENZA PROVINCIA DI PIACENZA DI SVILUPPO E QUALIFICAZIONE DEI SERVIZI EDUCATIVI PER BAMBINI N ETA 0-3 ANNI INDIRIZZI GENERALI PER IL TRIENNIO 2001-2003 Approvato con atto C.P. 29.10.2001 n.133 Ufficio Politiche

Dettagli

RELAZIONE SULLA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI SULLE ATTIVITÀ DIDATTICHE A.A. 2007/08

RELAZIONE SULLA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI SULLE ATTIVITÀ DIDATTICHE A.A. 2007/08 RELAZIONE SULLA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI SULLE ATTIVITÀ DIDATTICHE A.A. 2007/08 Indice 1. Premessa... 2 2. Caratteristiche della rilevazione... 3 2.1. Lo strumento di rilevazione:

Dettagli

Il pubblico degli Agostiniani: un indagine conoscitiva

Il pubblico degli Agostiniani: un indagine conoscitiva Il pubblico degli Agostiniani: un indagine conoscitiva 2006 . Il pubblico degli Agostiniani: un indagine conoscitiva 2006 I QUADERNI DELLA CINETECA / 33 Agostiniani Estate 2006 Il pubblico degli Agostiniani:

Dettagli

Attività 2014 Agenzia formativa Formarsi agli Innocenti

Attività 2014 Agenzia formativa Formarsi agli Innocenti Attività 2014 Agenzia formativa Formarsi agli Innocenti L offerta formativa dell Istituto degli Innocenti nasce da un esperienza consolidata di gestione di servizi e attività di ricerca e formazione a

Dettagli