Definizione (PMI) Un progetto è uno sforzo temporaneo intrapreso per sviluppare un prodotto od un servizio unico. Definizione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Definizione (PMI) Un progetto è uno sforzo temporaneo intrapreso per sviluppare un prodotto od un servizio unico. Definizione"

Transcript

1 Management & Project Management Introduzione Questo articolo vuole contribuire alla miglior comprensione, da parte dei professionisti, dell evoluzione della disciplina del Project Management e del suo moderno posizionamento. Non mi soffermo sulla nomenclatura di base, ormai largamente diffusa, ma, per chi è interessato ad etimi e definizioni, riporto in figura 1 un ipotesi di derivazione dei termini project e management nonché due possibili definizioni. Project Etimo Dal latino proicio nel senso di gettare avanti, proiettare (attraverso il francese projet ) Definizione (PMI) Figura 1 Un progetto è uno sforzo temporaneo intrapreso per sviluppare un prodotto od un servizio unico Management Etimo Definizione Dal latino manu agere nel senso di condurre un cavallo (attraverso il francese manàgere ) L arte della direzione aziendale: include un complesso corpo di discipline che spaziano dalle scienze sociali (gestire uomini e organizzazioni) alle scienze tecnicoeconomiche (gestire risorse finanziarie e materiali). Il leit motiv di questo scritto è la visione del Project Management innanzi tutto come Management, ricollegandosi quindi a tale corpus di discipline, finalizzate alla gestione integrata di realtà aziendali complesse. Il termine Project va a connotare l ambito di tale attività manageriale, ne specifica l area d azione, ma in fondo non è che un aggettivale, una qualificazione ulteriore del termine Management. Dico questo non certo per fare della grammatica descrittiva (ho già fatto dell etimologia ed è abbastanza), né perché voglia svilire la peculiarità e la specificità che l ambito Project comporta, ambito che comunque si sta sempre più allargando, tendendo a sovrapporsi quasi completamente con il campo delle iniziative aziendali, che progressivamente assumono i connotati di progetti per l alto grado di innovazione e unicità (al punto che oggi si parla di company-wide PM ma si potrebbe addirittura parlare di Business Project Management, riferendosi alla gestione end-to-end di iniziative di lancio di prodotti e servizi sul mercato). Il motivo che mi fa porre enfasi sulla dimensione Management rispetto a quella Project è invece legato alla constatazione dalla quale questo articolo prende le mosse che la cultura Autore: Lucio Macchia tutti i diritti riservati Pag. 1 di 10

2 dominante tra i professionisti tende a sopravvalutare, sul piano concettuale, il termine Project rispetto a quello Management. Il risultato è una visione della disciplina del PM sbilanciata sugli aspetti tecnici e di controllo, piuttosto che su quelli manageriali in senso lato. Una visione, in altri termini, più legata ai tempi e metodi, agli approcci di ricerca operativa e ottimizzazione (di universitaria memoria), ed alle visioni macchinali dell implementazione progettuale, piuttosto che alla composita cultura manageriale contemporanea, che sempre più si basa sull integrazione di discipline tecnico-scientifiche e psicologico-sociali, sul fattore umano e sugli aspetti di innovazione. Questo gap culturale rischia di indurre approcci non efficaci a fronte della attuale complessità ambientale, ed all allargamento già citato del contesto stesso di applicazione del PM. Voglio precisare che parlo di cultura dominante per riferirmi alle prassi comunemente riscontrate ed alle percezioni che ritengo comuni tra i miei colleghi, non certo ai punti di vista degli organismi internazionali di standardizzazione (come PMI e IPMA) ed ai lavori dei guru del settore (come ad esempio Archibald e Kerzner) che anzi sono i fari di riferimento per una visione estesa e profonda della disciplina. Si consideri, a riprova di tale affermazione, che: a) lo standard ICB3 dell International Project Management Association (IPMA) classifica, tra i 46 elementi di competenza del Project Manager, ben 15 competenze comportamentali e 11 contestuali (ovvero legate all ambiente organizzativo e di business del progetto) b) lo standard PMBOK indica 9 aree di conoscenza di cui 4 possiamo definirle hard nel senso del forte legame con la cultura tradizionale (obiettivi, tempi, costi, contrattualistica) ma le altre 5 sono decisamente dedicate ad aspetti soft di gestione della complessità ambientale ed umana: qualità, comunicazione, risorse umane, rischi e integrazione c) la Certificazione Base di Project Management di ISIPM (www.isipm.org) indica 4 Aree di conoscenza di cui due dedicate a Competenze Manageriali e Competenze Comportamentali. D altra parte la presenza di una nuova onda nel Project Management è evidente anche dal fiorire di nuovi filoni di pensiero d avanguardia che caratterizzano il PM con aggettivi che ne esaltano la modernità come estremo, agile, snello radicale (appunto extreme Project management, agile Project Management ecc ) e che si focalizzano su approcci che guardano ai progetti caratterizzati, come spesso avviene nel mondo reale (soprattutto negli ambiti più innovativi), da incertezza e dinamicità dei requisiti, da alta intensità di conoscenza e da forte tasso di cambiamento. Ritengo quindi utile portare il mio contributo per facilitare e diffondere questa prospettiva allargata. A tal fine l articolo ripercorre, nella prima parte, la storia del management, senza naturalmente avere la pretesa di esaustività (in circa parole racconto un secolo di Autore: Lucio Macchia tutti i diritti riservati Pag. 2 di 10

3 pensiero manageriale, rimandando chi fosse interessato ad approfondire ai testi degli autori citati o ai manuali sull argomento) ma al fine di tratteggiare un quadro d insieme della disciplina ponendola con contempo in una prospettiva di sviluppo storico. Successivamente cercheremo di fare un confronto tra PM tradizionale ed attuale per capire come le complessità generale della disciplina Management si sia proiettata sul PM stesso. Brevissima storia del pensiero manageriale Fino agli anni 50 lo scenario industriale è caratterizzato da domanda superiore all offerta: l enfasi è tutta sugli aspetti di efficienza della produzione e dell organizzazione intesa come macchina. Il pensiero fondativo di tale approccio è la organizzazione scientifica del lavoro di Taylor che vede la sua riprova applicativa nella straordinaria affermazione industriale della Ford negli anni 20. Un allievo di Taylor, Henry Gantt, ha introdotto il famoso diagramma di pianificazione che porta il suo nome, considerato uno dei primi strumenti del Project Management. Parallelamente e silenziosamente si affacciano anche i primi lavori sul fattore umano che vedono, come profeta, Mary Parker Follett (primi studi negli anni 20 sulle esperienze nei centri comunitari di Boston) e Elton Mayo (con i famosi studi di Hawthorne sulla motivazione degli anni 30), e successivamente Chester Barnard (che negli anni 40 ha condotto i primi studi su ruolo dei dirigenti, ed ha segnato l apertura verso i valori), Abraham Maslow (articolo del 1943 sulla scala dei bisogni che rivoluziona la visione della motivazione) e Kurt Lewin (che negli anni 40 elabora la teoria del campo per studiare l influenza dell ambiente lavorativo sul comportamento del singolo) fino a Douglas McGregor (fine anni 50 con i suoi fondamentali studi sul comportamento dei lavoratori). I due filoni, quello scientifico che si basa sull equazione azienda = macchina e quello orientato al fattore umano che si basa su una visione azienda = sistema sociale continueranno ad intrecciarsi e scontrarsi per decenni fino alle prime sintesi a partire dagli anni 80, che culmineranno nelle visioni contemporanee di azienda = sistema complesso. Negli anni 30 e 40 nascono anche metodiche per la valutazione finanziaria degli investimenti basate sui flussi di cassa attualizzati, ancora oggi le più usate nell ambito dei business plan e analisi di progetto (tale metodologia vide la sua compiuta formalizzazione nel lavoro di Williams). Nel 1954 Peter Drucker fonda il management come scienza con il suo libro The practice of management e nei decenni successivi continua ad esercitare una forte influenza al di là delle varie scuole (famoso il suo articolo del 1968 sul processo decisionale manageriale). Negli anni 60 e 70 il mercato comincia ad essere avvertito come dinamico ed emergono esigenze di gestione più complessa. Nel 1960 nasce il famoso modello del marketing mix (McCharthy) che focalizza le 4 componenti fondamentali del marketing: prezzo, prodotto, promozione e punto vendita. Nello stesso anno Levitt scrive il suo celebre articolo sulla miopia del marketing nel quale afferma la necessità che tale disciplina guardi al di là del prodotto verso le esigenze di base da Autore: Lucio Macchia tutti i diritti riservati Pag. 3 di 10

4 soddisfare. Da questo punto la disciplina del marketing si arricchisce sempre più fino alla prima trattazione organica a cura Kotler nel 1971, ed agli sviluppi ulteriori che, nei decenni successivi, per rispondere alla crescente complessità del mercato, hanno portato a paradigmi centrati sulla comunicazione con il cliente (marketing relazionale ) e sulla personalizzazione sempre più spinta (marketing one-to-one ). Nel 1963 Henderson fonda Boston Consultino Group (la prima società di consulenza aziendale moderna) e inventa la curva di esperienza (1966) e la matrice di portfolio (1968). Nel 1968 Ansoff pubblica Corporate Strategy fondando la strategia come disciplina a sé. Nel 1971 Andrews introduce la SWOT Analysis. Questa idea scientifica di strategia culmina nel Newton del pensiero strategico, Michael Porter, nei primi anni 80. Nel frattempo il filone relazione fa passi da gigante: Ed Schein (con studi sulla cultura aziendale e sulla motivazione), Chris Argyris (i suoi studi negli anni 70 sull apprendimento organizzativo gettano le basi del knowledge management ), Rosabeth Moss Kanter (anni 60/70: sul concetto di delega di autorità), Frederick Herzberg (dalla fine anni 50 introduce nuovi concetti legati ai fattori motivazionali). A partire dagli anni 80 si fa strada un profondo senso di crisi: il mercato e la tecnologia mostrano comportamenti sempre più complessi, imprevedibili e turbolenti, ed il pensiero manageriale tende a orientarsi su una visione che integra il fattore umano enfatizzando innovazione ed apprendimento, e nutrendosi di concetti nati nell ambito di discipline scientifiche di frontiera, come la Teoria della Complessità, la Teoria dei Giochi e la Psicologia Cognitiva (si citano i fondamentali contributi portati all analisi del processo decisionale dai lavori sulla razionalità limitata di Simon e dalla Prospect Theory di Kanheman e Tversky). Da questo punto in poi si assiste, nel pensiero manageriale, al superamento della tesi/antitesi dei due filoni (scientifico e del fattore umano), a favore dell emergenza di nuovi paradigmi di sintesi e superamento di tale dualità. Henry Mintzberg con il suo saggio del 1994 Ascesa e declino della pianificazione strategica critica e chiude l approccio pianificatorio e propone concetti innovativi come la strategia emergente ed il ruolo dell intuizione. Nel frattempo Kenichi Ohmae propone nuovi modelli come il triangolo strategico e studia la globalizzazione e la new economy (anni 90), mentre Gary Hamel analizza le competenze distintive e parla di precognizione strategica, in una visione che vede l innovazione come chiave di volta del pensiero manageriale. Tom Peters e Charles Handy, a partire dagli anni 80, elaborano visioni organizzative a Rete e mettono al centro creatività e snellezza. Nel frattempo il concetto di Qualità Totale (nato grazie al lavoro di Deming e Juran che hanno impiantato, nel sistema socio-economico giapponese, i semi delle tecniche di analisi statistica e miglioramento di processo sviluppate in occidente) irrompe nella disciplina manageriale come un nuovo paradigma di gestione che sostituisce il tradizionale aut aut del management con il nuovo et et del Total Quality Management. Non più alta qualità o basso prezzo, ma alta qualità e basso prezzo. Non più personalizzazione o velocità, ma personalizzazione e velocità. Autore: Lucio Macchia tutti i diritti riservati Pag. 4 di 10

5 Richard Pascale, a partire dagli anni 80, lavora sui modelli giapponesi ed introduce lo schema delle 7 S (McKinsey), i concetti di Vision e change, e l analogia con sistemi viventi (legandosi a concetti di teoria della complessità). Peter Senge alla fine degli anni 90 introduce la learning organization e le discipline sistemiche. Molta enfasi viene data agli aspetti intangibili (valori aziendali come il know-how, il brand e le relazioni, che la contabilità tradizionale non considera): nel 1993 Kaplan e Norton introducono la Balanced Scorecard ed alla fine degli anni 90 Leif Edvinsson quello di i-capital (capitale intellettuale). Anche la valutazione finanziaria si evolve e nascono metodi di nuova generazione come quello delle opzioni reali, che utilizza modelli messi a punto per l analisi dei mercati borsistici. Come si vede da questo rapido excursus, la disciplina del management è cresciuta, decennio dopo decennio, divenendo sempre più: a) multidisciplinare: dopo gli iniziali approcci puramente ingegneristici, si è arricchita attingendo alle scienze sociali, alla finanza, alla psicologia, alla matematica applicata, alla teoria dei sistemi; b) centrata su cultura, valori e fattore umano; c) aderente alla complessità dell ambiente da gestire che ha visto progressivamente crescere in ampiezza e profondità sia i prodotti/servizi offerti sia le aspettative di tempo e qualità. Il Project Management non ha potuto che seguire una traiettoria parallela, se pur mantenendo peculiarità legate allo specifico campo di applicazione. Vediamo come. Autore: Lucio Macchia tutti i diritti riservati Pag. 5 di 10

6 Project Management: tradizione vs. innovazione Per semplificare questo confronto, tutt altro che facile, farò riferimento ad alcune dimensioni specifiche del Project Management, come riassunto nella figura 1. Figura 2 Pianificazione Controllo dei costi Risk Management Ieri Piano disegnato a priori A posteriori (consuntivo) Accessorio (futuro prevedibile) Oggi Critical Chain agile e flessibile Continuo e diffusivo mediante metodi come l EVl Cruciale (futuro non prevedibile) Organizzazione Formale, burocratica funzionale, Informale, processiva, adhocratica Qualità Ruolo del PM Modelli decisionali Output Controllare Razionalità pura Totale Creare le condizioni per apprendere e innovare Razionalità limitata e intuizione Pianificazione. È il sancta sanctorum del Project Management che, come sappiamo, è nato, nella sua accezione moderna (in fondo anche i Fenici avranno gestito in qualche modo la realizzazione delle loro navi e palazzi) negli anni 50 con i metodi di pianificazione reticolare (i più noti sono il PERT, inventato nell ambito di un progetto missilistico della Difesa americana, e il CPM, introdotto dall azienda chimica Du Pont) che hanno rivoluzionato la pianificazione precedente facendo leva sull uso del computer per elaborare complesse reti di attività. Tali metodi hanno però fortemente sofferto il mutato scenario di mercato che abbiamo descritto. La turbolenza è nemica della pianificazione pre-ordinata e, ancor più critico, la gestione dei tempi è soggetta a fenomeni non lineari e persino non razionali quali la famosa legge di Parkinson che cinicamente (ma fondatamente) afferma che una persona impiega, per svolgere una certa attività, tutto il tempo che gli si concede. In fondo questi metodi sembrano più tagliati per l azienda macchinale e disumana di chapliniana memoria, che per gli attuali team di progetto impegnati in attività innovative difficilmente modellizzabili con strumenti rigidi come il Pert e il CPM (ed i metodi da essi derivati). Una risposta a tale gap è stata data da uno studioso israeliano, E. Goldratt, che ha elaborato nel 1997 il metodo CCM (Critical Chain Method). Tale metodo rappresenta una versione moderna di PERT/CPM che incorpora una diversa concezione dei tempi e dei vincoli, più connaturata al reale comportamento delle persone. Fondamentale Autore: Lucio Macchia tutti i diritti riservati Pag. 6 di 10

7 anche la sua critica all esasperato multitasking (effettuazione di più progetti contemporaneamente) che spesso è una trappola nella quale si bloccano i progetti. Controllo dei costi. Anche questa attività è stata tradizionalmente svolta con la sequenza budget / consuntivo / analisi scostamenti, che risulta spesso rigida e si risolve in lentezza nel comprendere i problemi in atto e quindi nel reagire opportunamente. Oggi l orientamento è verso l uso di strumenti di monitoraggio costante quali il metodo Earned Value. Tale tecnica non è affatto di nuova concezione: se ne rileva traccia già a fine 800 come tool di ottimizzazione industriale, e venne introdotta negli anni 60 nell ambito del PERT, ma il suo uso estensivo come strumento di Management si è imposto a partire dagli anni 90. Il punto di forza di tale metodo, unitamente alla sua semplicità e facilità d uso, è quello di tracciare i costi in modo strettamente legato ai risultati raggiunti sul piano dei tempi e delle milestones. Il concetto alla base non è particolarmente elaborato: il costo cumulato di progetto evolve come una curva ad S ed in ciascun istante il raffronto tra costi consuntivati, costi programmati e appunto earned value (cioè valore economico di ciò che si è prodotto) consente di diagnosticare velocemente le aree critiche nello svolgimento del progetto. In figura 2 un diagramma che illustra tali concetti (per una trattazione approfondita si rimanda ai manuali di Project Management). Figura 3 Valore cumulato CV=EV-AC Cost Variance : : indica se si è speso più o meno rispetto al budget Se EV=AC si è in linea con i costi Costo effettivo AC SV=EV-PV Schedule Variance : : indica se si è in anticipo o in ritardo Se EV=PV si è in linea con i tempi Costo previsto a budget PV Earned Value EV Time Now Tempo Gestione dei rischi. Le metodologie di risk management sono state introdotte in ambito militare e spaziale a partire dagli anni 40, quindi non costituiscono in quanto tali una novità nella disciplina. Il loro uso lo è. Oggi è impensabile gestire un progetto senza controllarne i rischi, perché l ambiente fortemente turbolento ed i livelli spinti di innovazione aprono il futuro Autore: Lucio Macchia tutti i diritti riservati Pag. 7 di 10

8 su una pluralità di scenari possibili. Il rischio è la varianza dei parametri di progetto: un collaudo che durerà più del previsto, un agitazione sindacale, o un crollo in borsa, ma anche un idea non prevedibile, che sconvolge la sequenza progettuale (si pensi ai progetti nel software o nell alta tecnologia). Il piano dei rischi non deve più essere riguardato come un appendice al progetto, di natura quasi estetica ma come l altra faccia della pianificazione, sia rispetto ai tempi (in fondo diagrammi tempistici finiscono per rappresentare solo una guida di massima sempre suscettibile di rimodulazioni a fronte di nuovi eventi) che rispetto ai costi (il budget deve allocare in modo strutturato risorse a fronte di rischi, e l analisi finanziaria ne deve tener conto attraverso opportune analisi di sensibilità). In figura 3 è riportato uno dei più diffusi strumenti di Risk Management: la matrice probabilità/impatti che viene utilizzata per classificare i rischi sulla base del valore atteso dell impatto dato dal prodotto tra probabilità dell accadimento dell evento rischioso e stima dell impatto (economico, temporale, qualitativo.) che esso comporterà. A seconda della combinazione di probabilità minore/maggiore e rischio minore/maggiore (la scala utilizzata è semi-quantitativa con valori Nullo, Molto Basso, Basso, Medio, Alto, Molto Alto) si hanno tre aree possibili che rappresentano, come illustrato in figura, altrettante tipologie di profilo di rischio. Figura 4 Prob. MA A M Area di alta priorità: massima attenzione del risk management B MB NUL NUL MB B M A MA Area di bassa priorità Impatto Area intermedia: rischi prob.. bassa ma impatto alto, normalmente esterni: analisi scenari a priori rischi con prob.. alta e impatto basso: day to day da tenere sotto controllo Organizzazione, Qualità e ruolo del Project Manager. Il concetto organizzativo tradizionale fonda il ruolo del manager e, più in particolare, del project manager sull attività di controllo sul gruppo inteso come macchina in cui ciascun individuo svolge un compito specifico, come un ingranaggio nell ambito di un meccanismo. Il controllo di qualità, in tale ottica, si configura come una verifica degli output ottenuti nelle varie fasi del processo. Appare evidente, alla luce dell excursus sul pensiero manageriale che tale impostazione, purtroppo ancora dominante in tante organizzazioni reali, sia completamente disfunzionale alle Autore: Lucio Macchia tutti i diritti riservati Pag. 8 di 10

9 esigenze di un ambiente complesso e mutevole nel quale il team di progetto è chiamato ad operare in modo creativo, facendo leva sull innovazione fino a diventare persino rivoluzionario (per citare un aggettivo caro a Gary Hamel, uno dei più grandi pensatori contemporanei di management). Oggi al Project Manager viene richiesto un crescente impegno sul piano della gestione del gruppo e della leadership: non un controllore, un capocommessa, un verificatore, bensì un motivatore che sa agire sulle leve psicologiche e culturali per creare l ambiente ideale per la collaborazione, l apprendimento, l innovazione. Anche la Qualità diviene totale, ovvero diffusiva, strutturale, ambientale come l azione del leader. Il concetto di Qualità Totale è uno dei più fraintesi del pensiero manageriale, nella continua confusione dell idea con gli standard di certificazione, che, in mancanza di un concreto vissuto culturale del concetto, rischiamo di derubricarlo al livello di mera tecnica burocratica. Nella figura 4 è riportata una sintesi dei concetti innovativi introdotti dalla Qualità Totale che, in sintesi, significa coinvolgere attivamente ogni persona del team di progetto in un processo continuo di miglioramento ed apprendimento, nell ambito del quale gli errori ed i difetti, lungi dall essere stigmatizzati, rappresentano sperimentazioni ed occasioni di crescita e perfezionamento. Vecchia concezione Qualità Totale Figura 5 Persone coinvolte Le persone Gli operativi, il personale in campo Vanno rigidamente supervisionate TUTTI a partire dal Management Desiderano produrre qualità Centralità di Di fronte al difetto Costo Fasi di progetto interessate alla Qualità Azienda Biasimo, scuse, logica accusatoria Proporzionale alla qualità (logica di trade-off off) Esecuzione, controllo finale CLIENTE e quindi sistema complessivo Apprendimento collettivo: enfasi sulla documentazione (lesson learned) Proporzionale alla non- qualità (superamento della logica di trade-off off) End-to to-end (qualità pianificata all interno del progetto) In questo contesto compito del Project manager è quello di realizzare un organizzazione che è agli antipodi della tipica struttura burocratica - purtroppo molto più comune nelle prassi professionali di quanto si possa immaginare - nella quale norme, processi, procedure, flowchart, sistemi informativi, standard etc prendono il sopravvento su creatività, innovazione, comunicazione, integrazione. Autore: Lucio Macchia tutti i diritti riservati Pag. 9 di 10

10 Lo studioso H. Mintzberg utilizza il termine adhocrazia per indicare una organizzazione nella quale le persone operano ad hoc sui progetti piuttosto che seguire i binari delle pratiche burocratiche. Ciò significa allentare i legacci del controllo e basare la leadership su competenze soft molto complesse e difficili da acquisire, ma senza le quali nessun gruppo riuscirà a mettere il cuore nel progetto dando il meglio in termini di energie e potenzialità innovative. Modelli decisionali. Il tabù della razionalità pura è il più difficile da abbattere nella cultura professionale, anche se svariati premi Nobel sono stati assegnati a studiosi che hanno dimostrato che i processi decisionali non sono puramente razionali. Non lo sono in primis perché la razionalità pura è fisicamente impossibile. Infatti come ha dimostrato H. Simon (premio Nobel 1978) il processo decisionale non può mai essere basato sulla disamina di tutte le opzioni disponibili e sulla scelta di quella ottimale, per ragioni molto semplici: non disponiamo mai di tutte le informazioni (che di solito riguardano il futuro) ed anche se, per assurdo, ne disponessimo, essendo esseri umani saremmo influenzati dal nostro modo di essere e dalle pressioni che riceviamo dall ambiente sia in termini di tempistica ( devi decidere entro questa data! ) che di cultura ( nel nostro ambiente certe soluzioni sono più accettabili di altre ). Ma le decisioni non sono razionali anche perché, come è stato dimostrato dalla Prospect Theory (premio Nobel a Kahneman nel 2002) il cervello umano non è lineare nel pesare rischi e probabilità, esibendo comportamenti paradossali come ad esempio la sensibilità al framing ovvero la dipendenza dell esito del processo decisionale dal modo in cui il problema viene presentato ed inquadrato. Capire la natura del processo decisionale non è un fatto accademico, ma è anzi fondamentale nella pratica professionale, quando si analizzano le proprie e le altrui decisioni, e quando si lavora in tavoli negoziali. Conclusioni Oggi è fondamentale, soprattutto per chi opera in contesti ad alta intensità di conoscenza (ad esempio: progettazione di sofisticati sistemi hardware/software, lancio di nuovi prodotti/servizi, realizzazione di complessi programmi di change management) guardare al Project Management in senso moderno, come disciplina precipuamente manageriale. Quindi chi vuole impersonare con successo il ruolo del PM, soprattutto negli ambiti più innovativi e concorrenziali (ma quali ambiti oggi non lo sono?) deve aggiornare il proprio set di competenze aprendosi all intero spettro degli strumenti messi a disposizione dal corpus del pensiero e delle pratiche di Management. Competenze vaste e diversificate a fronte di una missione di Project Management che, se vogliamo definirla in tre parole, è semplicemente gestione della complessità. Autore: Lucio Macchia tutti i diritti riservati Pag. 10 di 10

Proposte formative CHANGE MANAGEMENT MANAGEMENT DELLE RISORSE UMANE GESTIONE EFFICACE DEL TEMPO E ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO NELLA PMI

Proposte formative CHANGE MANAGEMENT MANAGEMENT DELLE RISORSE UMANE GESTIONE EFFICACE DEL TEMPO E ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO NELLA PMI Proposte formative Un team di esperti in progettazione formativa è a disposizione per lo sviluppo di soluzioni personalizzate e la realizzazione di percorsi costruiti intorno alle esigenze di ciascuna

Dettagli

Corso di «Ingegneria Economica» Sessione #8.1 «Principi e Strumenti della Gestione dei Progetti»

Corso di «Ingegneria Economica» Sessione #8.1 «Principi e Strumenti della Gestione dei Progetti» Università del SALENTO - Facoltà di INGEGNERIA CdL Ingegneria Civile (Lecce) & CdL Ingegneria Industriale (Brindisi) A.A. 2014/2015 Corso di «Ingegneria Economica» Sessione #8.1 «Principi e Strumenti della

Dettagli

Analisi SWOT. L analisi SWOT è un analisi di supporto alle scelte, che risponde ad un esigenza di razionalizzazione dei processi decisionali.

Analisi SWOT. L analisi SWOT è un analisi di supporto alle scelte, che risponde ad un esigenza di razionalizzazione dei processi decisionali. Analisi SWOT L analisi SWOT è un analisi di supporto alle scelte, che risponde ad un esigenza di razionalizzazione dei processi decisionali. Analisi SWOT È stata sviluppata più di 50 anni fa come supporto

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

Organizzazione aziendale e sistemi informativi. Prof. Luca Gnan

Organizzazione aziendale e sistemi informativi. Prof. Luca Gnan Organizzazione aziendale e sistemi informativi Prof. Luca Gnan Agenda Una definizione Divisione del lavoro e coordinamento Le regole nella progettazione Gli ambiti della progettazione organizzativa Modelli

Dettagli

ISIPM Base. Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base)

ISIPM Base. Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base) ISIPM Base Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base) Gruppo B Conoscenze Tecniche e Metodologiche Syllabus da 2.1.1 a 2.7.1 1 Tema: Gestione Ambito del Progetto e Deliverable

Dettagli

Ambito (prodotti/servizi da realizzare) Qualità (vincoli di accettazione) presentazione del corso Project Management. Bulciago, 20 Ottobre 2012

Ambito (prodotti/servizi da realizzare) Qualità (vincoli di accettazione) presentazione del corso Project Management. Bulciago, 20 Ottobre 2012 Bulciago, 20 Ottobre 2012 presentazione del corso Project Management Ambito (prodotti/servizi da realizzare) Qualità (vincoli di accettazione) ing. Stefano Brivio, rag. Giuseppe Camorani S o m m a r i

Dettagli

I. ORGANIZZARE E GESTIRE PROGETTI: ASPETTI INTRODUTTIVI

I. ORGANIZZARE E GESTIRE PROGETTI: ASPETTI INTRODUTTIVI I. ORGANIZZARE E GESTIRE PROGETTI: ASPETTI INTRODUTTIVI 1. Lavorare per progetti La parola, oltre ad avere il significato del lessico comune, significa anche approccio manageriale, soprattutto da quando

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT CORSI DI ALTA FORMAZIONE MANAGEMENT.LUM.IT IPMA EDUCATION E REGISTRATION. Project Management Base. Project Management Avanzato

PROJECT MANAGEMENT CORSI DI ALTA FORMAZIONE MANAGEMENT.LUM.IT IPMA EDUCATION E REGISTRATION. Project Management Base. Project Management Avanzato PROJECT MANAGEMENT CORSI DI ALTA FORMAZIONE A.A. 2013-2014 MANAGEMENT.LUM.IT IPMA EDUCATION E REGISTRATION Project Management Base Project Management Avanzato PROJECT MANAGEMENT PREMESSA Il Project Management

Dettagli

Dalla storia antica ai tempi moderni

Dalla storia antica ai tempi moderni Dalla storia antica ai tempi moderni Il termine project management oggi ampiamente diffuso nel mondo dell ICT (Information and Communication Technologies) fa, da sempre, riferimento alla organizzazione

Dettagli

LA GESTIONE STRATEGICA

LA GESTIONE STRATEGICA LA GESTIONE STRATEGICA DALLA TEORIA ALLA REALTA A cura di: Massimo Giammattei ARGOMENTI Un caso specifico. HONDA L evoluzione della teoria; Alcuni diversi approcci alla gestione strategica; Le critiche

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

Gestione dei Progetti (2005-2006)

Gestione dei Progetti (2005-2006) Gestione dei Progetti (2005-2006) Alessandro Agnetis DII Università di Siena (Alcune delle illustrazioni contenute nella presentazione sono tratte da PMBOK, a guide to the Project Management Body of Knowledge,

Dettagli

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INDICE Premessa 3 Obiettivi e strumenti metodologici dell intervento di formazione 4 Moduli e contenuti dell intervento di

Dettagli

ADHOCRAZIA. Il termine adhocrazia è un neologismo che deriva dall unione dell avverbio latino ad hoc e del suffisso greco crazia.

ADHOCRAZIA. Il termine adhocrazia è un neologismo che deriva dall unione dell avverbio latino ad hoc e del suffisso greco crazia. http://www.sinedi.com ARTICOLO 24 GIUGNO 2008 ADHOCRAZIA LE ORIGINI DEL NEOLOGISMO Il termine adhocrazia è un neologismo che deriva dall unione dell avverbio latino ad hoc e del suffisso greco crazia.

Dettagli

BIBLIOGRAFIA COMMENTATA TESTI DI PROJECT MANAGEMENT

BIBLIOGRAFIA COMMENTATA TESTI DI PROJECT MANAGEMENT BIBLIOGRAFIA COMMENTATA TESTI DI PROJECT MANAGEMENT Commenti ad alcuni dei Testi di riferimento sul Project Management con indicazioni dei principali contenuti ed il loro collegamento con il Manuale delle

Dettagli

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI INTRODUZIONE 1. La visione d impresa e il ruolo del management...17 2. Il management imprenditoriale e l imprenditore manager...19 3. Il management: gestione delle risorse, leadership e stile di direzione...21

Dettagli

Dirigere con successo un impresa del settore edile. Corso executive di alta formazione in gestione aziendale

Dirigere con successo un impresa del settore edile. Corso executive di alta formazione in gestione aziendale Dirigere con successo un impresa del settore edile Corso executive di alta formazione in gestione aziendale ITALSOFT GROUP per la formazione degli imprenditori del settore edile Il settore dell edilizia

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEI SISTEMI SANITARI E DEI SERVIZI DI INGEGNERIA CLINICA (10 CFU) Prof.Diego BRAVAR

ORGANIZZAZIONE DEI SISTEMI SANITARI E DEI SERVIZI DI INGEGNERIA CLINICA (10 CFU) Prof.Diego BRAVAR ORGANIZZAZIONE DEI SISTEMI SANITARI E DEI SERVIZI DI INGEGNERIA CLINICA (10 CFU) Prof.Diego BRAVAR Modulo A1: ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI INGEGNERIA CLINICA ESTERNI (3CFU) PROF. DIEGO BRAVAR Definizione

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DI MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero - Università 1

LA PIANIFICAZIONE DI MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero - Università 1 LA PIANIFICAZIONE DI MARKETING Prof. Giancarlo Ferrero - Università 1 LA PIANIFICAZIONE DI MARKETING Argomenti affrontati: Pianificazione aziendale e pianificazione di marketing Tendenze evolutive nella

Dettagli

Dalla motivazione del personale al miglioramento della qualità dei Servizi Sanitari

Dalla motivazione del personale al miglioramento della qualità dei Servizi Sanitari Dalla motivazione del personale al miglioramento della qualità dei Servizi Sanitari Definizione di progetto Cos è un progetto Progetto si definisce, di regola, uno sforzo complesso di durata solitamente

Dettagli

IL PROJECT MANAGEMENT Project Manager, gestione dei progetti, standard ISO 21500 e best practice

IL PROJECT MANAGEMENT Project Manager, gestione dei progetti, standard ISO 21500 e best practice IL PROJECT MANAGEMENT Project Manager, gestione dei progetti, standard ISO 21500 e best practice CORSO DI ALTA FORMAZIONE 38 ORE IN AULA 8 Moduli Didattici Roma, dal 13 novembre al 5 dicembre 2015 Hotel

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DI MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero - Università 1

LA PIANIFICAZIONE DI MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero - Università 1 LA PIANIFICAZIONE DI MARKETING Prof. Giancarlo Ferrero - Università 1 LA PIANIFICAZIONE DI MARKETING Argomenti affrontati: Pianificazione aziendale e pianificazione di marketing Tendenze evolutive nella

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE FACOLTÀ DI INGEGNERIA. Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale e Logistica Integrata

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE FACOLTÀ DI INGEGNERIA. Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale e Logistica Integrata UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale e Logistica Integrata Insegnamento : TECNICHE di GESTIONE AZIENDALE Docente: dott.ing.giampaolo

Dettagli

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione Introduzione Perché il controllo di gestione? L azienda, come tutte le altre organizzazioni, è un sistema che è rivolto alla trasformazione di input (risorse tecniche, finanziarie e umane) in output (risultati

Dettagli

RIMOTIVAZIONE MODELLI E PERCORSI DI CONSULENZA ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

RIMOTIVAZIONE MODELLI E PERCORSI DI CONSULENZA ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE RIMOTIVAZIONE MODELLI E PERCORSI DI CONSULENZA ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE INDICE 1 PREMESSA 5 IL PROGETTO RIMOTIVAZIONE 6 PRIMA PARTE IL CONTESTO TEORICO DI RIFERIMENTO 8 CAPITOLO PRIMO I DIVERSI MODELLI

Dettagli

Capitolo 2 : LA GESTIONE STRATEGICA NELLA REALTA

Capitolo 2 : LA GESTIONE STRATEGICA NELLA REALTA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI URBINO Carlo Bo FACOLTA' DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN MARKETING E COMUNICAZIONE PER LE AZIENDE Capitolo 2 : LA GESTIONE STRATEGICA NELLA REALTA GIORGIO BAIOCCHI

Dettagli

SOCIAL MANAGER: esperto nella gestione delle organizzazioni No Profit e del Terzo Settore. Il progetto in breve

SOCIAL MANAGER: esperto nella gestione delle organizzazioni No Profit e del Terzo Settore. Il progetto in breve SOCIAL MANAGER: esperto nella gestione delle organizzazioni No Profit e del Terzo Settore Il progetto in breve Questo percorso formativo si propone di formare 25 persone in modo da aumentarne la capacità

Dettagli

I SISTEMI DI GESTIONE COME STRUMENTO MANAGERIALE PER LA COMPLIANCE AZIENDALE. Massimo Tronci Università di Roma La Sapienza

I SISTEMI DI GESTIONE COME STRUMENTO MANAGERIALE PER LA COMPLIANCE AZIENDALE. Massimo Tronci Università di Roma La Sapienza I SISTEMI DI GESTIONE COME STRUMENTO MANAGERIALE PER LA COMPLIANCE AZIENDALE Massimo Tronci Università di Roma La Sapienza Confindustria - Bari, 30 settembre 2008 Questa presentazione Il contesto di riferimento

Dettagli

IMPOSTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO

IMPOSTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO Minimaster in PROJECT MANAGEMENT IMPOSTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO Giovanni Francesco Salamone Corso Professionale di Project Management secondo la metodologia IPMA (Ipma Competence Baseline)

Dettagli

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Docente: Selena Aureli LEZIONE 3 1 Dalla funzione al contenuto dell attività direzionale Dopo la II WW (anni 50), molti autori cercano di approfondire in

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

PERCORSO DI FORMAZIONE PER PROJECT MANAGER

PERCORSO DI FORMAZIONE PER PROJECT MANAGER PERCORSO DI FORMAZIONE PER PROJECT MANAGER CODICE PM 10.25 DURATA 10 giorni CATEGORIA Project Management DESTINATARI Project manager, responsabili di funzione, membri del Project Management Office, dirigenti,

Dettagli

PROGETTO CONTROLLO GESTIONE. Per la P.M.I. Per l Artigianato

PROGETTO CONTROLLO GESTIONE. Per la P.M.I. Per l Artigianato PROGETTO CONTROLLO GESTIONE Per la P.M.I. Per l Artigianato Valutare costantemente l'andamento economico della attività dell'azienda per stabilire se la sua struttura dei costi è adeguata per confrontarsi

Dettagli

Corso Base di Project Management 3 giorni (21 ore)

Corso Base di Project Management 3 giorni (21 ore) Corso Base di Project Management 3 giorni (21 ore) Mettere in grado i partecipanti di acquisire la conoscenza della disciplina del project management affinchè essi possano successivamente affrontare e

Dettagli

Studio Coluccia Rossetti Dottori Commercialisti e Revisori contabili

Studio Coluccia Rossetti Dottori Commercialisti e Revisori contabili Modulo 0 Aree nelle quali operiamo Contrattualistica Internazionale Contabilità Generale Analitica Consulenza Tributaria Fiscale Certificazioni Processi Prodotti Perizie Giurate Organizzazione Produttiva

Dettagli

Compiti innovati Porre attenzione allo sviluppo delle componente manageriale della professione;

Compiti innovati Porre attenzione allo sviluppo delle componente manageriale della professione; 1.2.3.2.0 - Direttori e dirigenti del dipartimento organizzazione, gestione delle risorse umane e delle relazioni industriali Le professioni classificate in questa unità definiscono, dirigono e coordinano

Dettagli

Master Universitario di I livello in Gestione dei Processi di Vendita

Master Universitario di I livello in Gestione dei Processi di Vendita Master Universitario di I livello in Gestione dei Processi di Vendita Gestione dei processi di vendita Master di I livello L Università degli Studi di Torino Dipartimento di Management, attraverso il Bando

Dettagli

La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale

La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale di Alberto Boletti INTRODUZIONE Lo studio dell organizzazione aziendale ha sempre suscitato in me una forte curiosità,

Dettagli

Introduzione. Sul piano analitico, l improvvisazione è un concetto multidimensionale che può assumere diverse forme. Può essere vista come:

Introduzione. Sul piano analitico, l improvvisazione è un concetto multidimensionale che può assumere diverse forme. Può essere vista come: Disciplina, inciampo felice, responsabilità: i tre contributi che fanno da prefazione a questo mio testo colgono ciascuno una componente rilevante del tema dell improvvisazione. Punti di vista peculiari

Dettagli

Programmazione didattica 2009. Project Management. Catalogo dei corsi

Programmazione didattica 2009. Project Management. Catalogo dei corsi Programmazione didattica 2009 Project Management Catalogo dei corsi Alta Formazione in Project Management Project Management: principi e criteri organizzativi Metodi e tecniche di avvio ed impostazione

Dettagli

Piano Formativo 2011 PROGRAMMA DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE

Piano Formativo 2011 PROGRAMMA DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE Piano Formativo 2011 PROGRAMMA DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE manageriali f o r m a z i o n e IL CONTESTO Le trasformazioni organizzative e culturali che stanno avvenendo nelle amministrazioni comunali,

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management

Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management L organizzazione del lavoro per progetti è stata per lungo tempo una caratteristica prevalente delle aziende che operano

Dettagli

Project Management & Innovazione

Project Management & Innovazione Project Management & Innovazione Milano, 24 ottobre 2006 Antonio Bassi, PMP antonio.bassi@pmi-nic.org www.pmi-nic.org Agenda Il progetto La ricerca L evoluzione Il libro e poi Ambito e missione del progetto

Dettagli

La Certificazione epmq

La Certificazione epmq La Certificazione epmq Pier Paolo Maggi AICA pierpaolomaggi@aicanet.it Saper gestire progetti articolati, correlati con altre funzioni, saper tenere sotto controllo il loro andamento rispetto a tempi,

Dettagli

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) L evoluzione rapida e irreversibile dei contesti di riferimento in cui le aziende si

Dettagli

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Economia e Organizzazione Aziendale Modulo 3 - La strategia aziendale Unità didattica 1 - Strategia: contenuti, oggetti, finalità Antonio Dallara Caratteristiche

Dettagli

Evoluzione della professione di. Tecnico Sanitario di Radiologia Medica

Evoluzione della professione di. Tecnico Sanitario di Radiologia Medica BOZZA Evoluzione della professione di Tecnico Sanitario di Radiologia Medica TSRM con esperienze avanzate e professionista specialista Aree di competenza nei nuovi scenari sanitari e socio sanitari Tavolo

Dettagli

Corso di Marketing Industriale

Corso di Marketing Industriale U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I B E R G A M O Corso di Prof Ferruccio Piazzoni ferruccio.piazzoni@unibg.it La scelta della strategia di marketing I Mktg-L04 Principali scenari di sviluppo

Dettagli

Team Building e Volontariato d impresa

Team Building e Volontariato d impresa Team Building e Volontariato d impresa LE MALATTIE RARE OGNI MINUT0 NEL MONDO NASCONO 10 BAMBINI COME TOMMASO, AFFETTI DA UNA MALATTIA GENETICA RARA. La Formazione di Valore produce VALORE Rebis e Zeta

Dettagli

I Modelli della Ricerca Operativa

I Modelli della Ricerca Operativa Capitolo 1 I Modelli della Ricerca Operativa 1.1 L approccio modellistico Il termine modello è di solito usato per indicare una costruzione artificiale realizzata per evidenziare proprietà specifiche di

Dettagli

POWER REPLY E ORACLE UTILITIES - UNA PARTNERSHIP DI GRANDE SUCCESSO

POWER REPLY E ORACLE UTILITIES - UNA PARTNERSHIP DI GRANDE SUCCESSO POWER REPLY E ORACLE UTILITIES - UNA PARTNERSHIP DI GRANDE SUCCESSO La collaborazione tra Power Reply e Oracle è iniziata nel 2006 tramite la Lodestar Corporation, un azienda statunitense specializzata

Dettagli

TU METTI LE IDEE.. NOI LE SOLUZIONI!!

TU METTI LE IDEE.. NOI LE SOLUZIONI!! TU METTI LE IDEE.. NOI LE SOLUZIONI!! MISSION La mission di CSR Solution è quella di supportare soluzioni software avanzate nei settori della progettazione e della produzione industriale per le aziende

Dettagli

Il Lavoro per Progetti per il Servizio Civile

Il Lavoro per Progetti per il Servizio Civile Il Lavoro per Progetti per il Servizio Civile ovvero come qualche strumento tecnico può aiutare la gestione, ma solo se restiamo umani Traccia del contributo progetto e lavoro per progetti progetto e servizio

Dettagli

Scaletta della lezione:

Scaletta della lezione: LA PIANIFICAZIONE STRATEGICA Scaletta della lezione: 1. Evoluzione del concetto di pianificazione strategica 2. Alcuni significati di strategia 3. Il processo decisionale strategico: la SWOT analysis 4.

Dettagli

Indice. 1 Evoluzione dell Idea di project management e definizione del progetto ----------------------4

Indice. 1 Evoluzione dell Idea di project management e definizione del progetto ----------------------4 LEZIONE LA GESTIONE DEI PROGETTI DOTT. GIUSEPPE IULIANO Indice 1 Evoluzione dell Idea di project management e definizione del progetto ----------------------4 1.1 La prima fase di impostazione ---------------------------------------------------------------------7

Dettagli

ALLINEARE LA GESTIONE OPERATIVA ALLA STRATEGIA AZIENDALE

ALLINEARE LA GESTIONE OPERATIVA ALLA STRATEGIA AZIENDALE http://www.sinedi.com ARTICOLO 9 FEBBRAIO 2007 ALLINEARE LA GESTIONE OPERATIVA ALLA STRATEGIA AZIENDALE La formulazione della strategia aziendale rappresenta un momento estremamente importante per tutte

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

Un approccio sistemico alla gestione dei progetti: dalle strategie al project management

Un approccio sistemico alla gestione dei progetti: dalle strategie al project management isedi_indice_cantamessa 27-04-2007 9:25 Pagina V Indice XI Prefazione XIII Premessa XVII Introduzione Un approccio sistemico alla gestione dei progetti: dalle strategie al project management PARTE I Aspetti

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

B1 LA PROGETTAZIONE. PROGRAMMA: gruppo di progetti con un obiettivo comune.

B1 LA PROGETTAZIONE. PROGRAMMA: gruppo di progetti con un obiettivo comune. ATTIVITÀ ORDINARIA : operazione svolta periodicamente con obiettivo implicito e tempi, risorse e costi standard (Es.di Attività Ordinaria: buste paga, pagamento fornitori) PROGETTO : ha un obiettivo esplicito

Dettagli

Obiettivi conoscitivi

Obiettivi conoscitivi Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB Strumenti avanzati di management accounting. Profili internazionali. Anno Accademico

Dettagli

COMPETENZE TRASVERSALI

COMPETENZE TRASVERSALI GESTIRE IL CAMBIAMENTO STILI DI LEADERSHIP FACILITARE LA COMUNICAZIONE GESTIRE LE SITUAZIONI DI CRISI CREATIVITÀ E PROBLEM SOLVING GESTIONE EFFICACE DEL TEMPO PROJECT MANAGEMENT IN PRATICA FORMARE IL PROPRIO

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

Formazione e sviluppo per la Pubblica Amministrazione

Formazione e sviluppo per la Pubblica Amministrazione Formazione e sviluppo per la Pubblica Amministrazione area La gestione delle risorse umane come strumento generatore di valore L Agenzia per la Formazione, l Orientamento e il Lavoro del Nord Milano nasce

Dettagli

Mission. Filosofia di intervento. Soluzioni. Approccio al Training. Catalogo Training. Modello di Training. Targetizzazione.

Mission. Filosofia di intervento. Soluzioni. Approccio al Training. Catalogo Training. Modello di Training. Targetizzazione. Mission Filosofia di intervento Soluzioni Management Consulting Training & HR Development Approccio al Training Catalogo Training Modello di Training Targetizzazione Contatti 2 MISSION Future People offre

Dettagli

MANAGEMENT 3.0 Un nuovo manifesto per il management

MANAGEMENT 3.0 Un nuovo manifesto per il management MANAGEMENT 3.0 Un nuovo manifesto per il management Progetto di ricerca del CeRCA Centro di Ricerca sul Cambiamento e Apprendimento Organizzativo Prof. Vittorio D'Amato Direttore CeRCA 2 Indice Il CeRCA

Dettagli

ISO Revisions Whitepaper

ISO Revisions Whitepaper ISO Revisions ISO Revisions ISO Revisions Whitepaper Processi e procedure Verso il cambiamento Processo vs procedura Cosa vuol dire? Il concetto di gestione per processi è stato introdotto nella versione

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi

Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi Il target costing Che cosa è il target costing. In prima analisi. E un metodo di calcolo dei costi, utilizzato in fase di progettazione di nuovi prodotti,

Dettagli

ECONOMIA E ORGANIZZAZIONE DELLO SPETTACOLO. Prof. Alberto Pasquale

ECONOMIA E ORGANIZZAZIONE DELLO SPETTACOLO. Prof. Alberto Pasquale ECONOMIA E ORGANIZZAZIONE DELLO SPETTACOLO Prof. Alberto Pasquale Programma 1. Elementi di economia e organizzazione aziendale 2. Contabilità e bilancio 3. Finanza aziendale 4. Sistemi di programmazione

Dettagli

Capitolo 11 Reti professionali ed evoluzione delle forme organizzative interne alle aziende

Capitolo 11 Reti professionali ed evoluzione delle forme organizzative interne alle aziende Capitolo 11 Reti professionali ed evoluzione delle forme organizzative interne alle aziende Le comunità di pratica: definizione La ricerca accademica definisce le comunità di pratica come un insieme di

Dettagli

UNIVERSITÀ TELEMATICA GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE. Corso di Laurea in Scienze dell Educazione e della Formazione

UNIVERSITÀ TELEMATICA GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE. Corso di Laurea in Scienze dell Educazione e della Formazione UNIVERSITÀ TELEMATICA GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE Corso di Laurea in Scienze dell Educazione e della Formazione L Outsourcing Relatore Prof.ssa Concetta Mercurio Candidato Mario

Dettagli

Studio Staff R.U. S.r.l. Consulenti di Direzione REFERENZE AREA FORMAZIONE Nell ambito della propria strategia di crescita, lo Studio Staff R.U. ha da sempre riservato un ruolo importante alle attivitàdi

Dettagli

Marketing: una definizione 28/10/2013 CREAZIONE DI VALORE, ATTIVITÀ DI MARKETING E STRATEGIE D IMPRESA, PIANIFICAZIONE (CAP.

Marketing: una definizione 28/10/2013 CREAZIONE DI VALORE, ATTIVITÀ DI MARKETING E STRATEGIE D IMPRESA, PIANIFICAZIONE (CAP. COMUNICAZIONE D IMPRESA Anno Accademico 2013/2014 CREAZIONE DI VALORE, ATTIVITÀ DI MARKETING E STRATEGIE D IMPRESA, PIANIFICAZIONE (CAP. 1, 2, 3) Unit 5 Slide 5.2.1 Lezioni del 29/30/31 ottobre 2013 IL

Dettagli

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano.

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. di: Enrico MASTROFINI Ottobre 2004 Nella formulazione iniziale del Piano Ict sono di solito inseriti

Dettagli

Pianificazione e progettazione

Pianificazione e progettazione Pianificazione e progettazione L analisi preventiva degli eventi e delle loro implicazioni rappresenta una necessità sempre più forte all interno di tutte le organizzazioni variamente complesse. L osservazione

Dettagli

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Il continuum delle strutture tra efficienza ed efficacia Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura a matrice Struttura orizzontale

Dettagli

1- Corso di IT Strategy

1- Corso di IT Strategy Descrizione dei Corsi del Master Universitario di 1 livello in IT Governance & Compliance INPDAP Certificated III Edizione A. A. 2011/12 1- Corso di IT Strategy Gli analisti di settore riportano spesso

Dettagli

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Riflessioni di Luciano Perego (prima parte) CARATTERISTICHE DELLA MODALITÀ TRADIZIONALE PER LA GESTIONE DELLO SVILUPPO

Dettagli

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 COS È UN OBIETTIVO... 3 IL CONTROLLO DI GESTIONE...

Dettagli

Piccola dimensione Limitata formalizzazione Stili personali e culturali poco favorevoli alla formalizzazione

Piccola dimensione Limitata formalizzazione Stili personali e culturali poco favorevoli alla formalizzazione BUDGET Parole chiave Il processo di programmazione e controllo di gestione come strumento di governo delle organizzazioni Il processo di programmazione e controllo di gestione rappresenta quel processo

Dettagli

1. Leadership emozionale 2. Gestire i conflitti e creare

1. Leadership emozionale 2. Gestire i conflitti e creare AREA LEADERSHIP 1. Leadership emozionale 2. Gestire i conflitti e creare condivisione 3. Gestire i gruppi di lavoro Leadership emozionale 2 giorni Perché la propria leadership funziona meglio con alcune

Dettagli

METODOLOGIA DIDATTICA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO OBIETTIVI FORMATIVI PERCORSO FORMATIVO DESTINATARI

METODOLOGIA DIDATTICA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO OBIETTIVI FORMATIVI PERCORSO FORMATIVO DESTINATARI OPEN YOUR MIND 2.0 Programma di formazione per lo sviluppo delle capacità manageriali e della competitività aziendale delle Piccole e Medie Imprese della Regione Autonoma della Sardegna PRESENTAZIONE DEL

Dettagli

Un approccio in tre passi per l evoluzione di applicazioni e infrastrutture

Un approccio in tre passi per l evoluzione di applicazioni e infrastrutture TRASFORMARE LE COMPAGNIE ASSICURATIVE Un approccio in tre passi per l evoluzione di applicazioni e infrastrutture Costruire la compagnia digitale? L approccio DDway alla trasformazione dell IT Un percorso

Dettagli

Essere Manager per creare valore

Essere Manager per creare valore FORMAZIONE E SERVIZI INNOVATIVI - RAVENNA CATALOGO CORSI www.ecipar.ra.it/som Essere Manager per creare valore Ecipar di Ravenna School of Management La School Of Management (SOM) realizzata da Ecipar

Dettagli

FORMAZIONE PROFESSIONALE

FORMAZIONE PROFESSIONALE PRO.GE.A. PROGETTO GESTIONE AZIENDA Sede Legale: Via XXV Aprile, 206 21042 Caronno Pertusella (Va) Sede Operativa: Via IV Novembre, 455 21042 Caronno Pertusella (Va) Tel. 02.96515611 Fax 02.96515655 Uffici

Dettagli

Sviluppo e Gestione Progetti. docente: Prof. Filippo Ghiraldo f.ghiraldo@bep.co.it

Sviluppo e Gestione Progetti. docente: Prof. Filippo Ghiraldo f.ghiraldo@bep.co.it Sviluppo e Gestione Progetti docente: Prof. Filippo Ghiraldo f.ghiraldo@bep.co.it Struttura del corso - ID CONTENUTI TEORIA PROJ. WORK DATA WORK SHOP Conoscenza dei principi di base, metodi e tecniche

Dettagli

Questionario Modello di Maturità di Project Management (V.1.5.0)

Questionario Modello di Maturità di Project Management (V.1.5.0) Questionario Modello di Maturità di Project Management (V.1.5.0) E necessario rispondere a tutte le domande riportate di seguito, selezionando la risposta ritenuta migliore o quella che meglio descrive

Dettagli

CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE

CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE IL PROJECT MANAGEMENT NEL SERVIZIO SANITARIO L esperienza dell APSS di Trento Bolzano, 8 maggio 2008 Auditorio del Palazzo Provinciale 12 Autore: Ettore

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA FIRENZE 1 PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA IL SISTEMA DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO: RIFERIMENTI CONCETTUALI E NORMATIVI POSTI A CONFRONTO CON LA REALTÀ AZIENDALE FIRENZE 2 INDICE PREMESSA 3 MOTIVAZIONI

Dettagli

Roadmap per la ricerca e l innovazione

Roadmap per la ricerca e l innovazione Roadmap per la ricerca e l innovazione EXECUTIVE SUMMARY Questo documento ha l obiettivo di descrivere visioni e strategie per il futuro del manufacturing italiano. Il documento è il risultato dell'attività

Dettagli

LEAN LEADERSHIP COSA SIGNIFICA?

LEAN LEADERSHIP COSA SIGNIFICA? LEAN LEADERSHIP COSA SIGNIFICA? VISIONE UMILTA LEAN LEADERSHIP? INCORAGGIAMENTO CORAGGIO VISIONE Il Compito di un Leader è portare il proprio popolo da dove si trova a dove non è mai stato - Henry Kissinger

Dettagli

FORMAZIONE AVANZATA. Corso di introduzione al Project Management

FORMAZIONE AVANZATA. Corso di introduzione al Project Management FORMAZIONE AVANZATA Corso di introduzione al Project Management 1 1. Scenario di riferimento La costante diminuzione delle risorse di bilancio e dei trasferimenti pubblici, da un lato, e la necessità di

Dettagli

Temporary Manager Short master per il ruolo di T.M.

Temporary Manager Short master per il ruolo di T.M. Sistema di qualità conforme allo standard ISO 9001:2008 certificato n 9175.AMB3 Autorizzazione Ministero del Lavoro n 13/I/0015692/03.04 per Ricerca e Selezione del Personale Autorizzazione Ministero del

Dettagli

UMIQ. Il metodo UMIQ. Unindustria Bologna. Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende

UMIQ. Il metodo UMIQ. Unindustria Bologna. Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende QUALITA UNINDUSTRIA INNOVAZIONE METODO UMIQ Il metodo UMIQ Unindustria Bologna Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende Obiettivi del corso Fornire

Dettagli

IL BUSINESS PLAN CCIAA Reggio Emilia Dott. Alessandro Garlassi IL BUSINESS PLAN. 07 Ottobre 2015 CCIAA Reggio Emilia. Dott. Alessandro Garlassi

IL BUSINESS PLAN CCIAA Reggio Emilia Dott. Alessandro Garlassi IL BUSINESS PLAN. 07 Ottobre 2015 CCIAA Reggio Emilia. Dott. Alessandro Garlassi IL BUSINESS PLAN 07 Ottobre 2015 PROGRAMMA DI FORMAZIONE 1 2 3 4 5 Il percorso d impresa Disegnare il business Dall idea all azione: il business plan I contenuti del Business Plan La valutazione del progetto

Dettagli