Definizione (PMI) Un progetto è uno sforzo temporaneo intrapreso per sviluppare un prodotto od un servizio unico. Definizione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Definizione (PMI) Un progetto è uno sforzo temporaneo intrapreso per sviluppare un prodotto od un servizio unico. Definizione"

Transcript

1 Management & Project Management Introduzione Questo articolo vuole contribuire alla miglior comprensione, da parte dei professionisti, dell evoluzione della disciplina del Project Management e del suo moderno posizionamento. Non mi soffermo sulla nomenclatura di base, ormai largamente diffusa, ma, per chi è interessato ad etimi e definizioni, riporto in figura 1 un ipotesi di derivazione dei termini project e management nonché due possibili definizioni. Project Etimo Dal latino proicio nel senso di gettare avanti, proiettare (attraverso il francese projet ) Definizione (PMI) Figura 1 Un progetto è uno sforzo temporaneo intrapreso per sviluppare un prodotto od un servizio unico Management Etimo Definizione Dal latino manu agere nel senso di condurre un cavallo (attraverso il francese manàgere ) L arte della direzione aziendale: include un complesso corpo di discipline che spaziano dalle scienze sociali (gestire uomini e organizzazioni) alle scienze tecnicoeconomiche (gestire risorse finanziarie e materiali). Il leit motiv di questo scritto è la visione del Project Management innanzi tutto come Management, ricollegandosi quindi a tale corpus di discipline, finalizzate alla gestione integrata di realtà aziendali complesse. Il termine Project va a connotare l ambito di tale attività manageriale, ne specifica l area d azione, ma in fondo non è che un aggettivale, una qualificazione ulteriore del termine Management. Dico questo non certo per fare della grammatica descrittiva (ho già fatto dell etimologia ed è abbastanza), né perché voglia svilire la peculiarità e la specificità che l ambito Project comporta, ambito che comunque si sta sempre più allargando, tendendo a sovrapporsi quasi completamente con il campo delle iniziative aziendali, che progressivamente assumono i connotati di progetti per l alto grado di innovazione e unicità (al punto che oggi si parla di company-wide PM ma si potrebbe addirittura parlare di Business Project Management, riferendosi alla gestione end-to-end di iniziative di lancio di prodotti e servizi sul mercato). Il motivo che mi fa porre enfasi sulla dimensione Management rispetto a quella Project è invece legato alla constatazione dalla quale questo articolo prende le mosse che la cultura Autore: Lucio Macchia tutti i diritti riservati Pag. 1 di 10

2 dominante tra i professionisti tende a sopravvalutare, sul piano concettuale, il termine Project rispetto a quello Management. Il risultato è una visione della disciplina del PM sbilanciata sugli aspetti tecnici e di controllo, piuttosto che su quelli manageriali in senso lato. Una visione, in altri termini, più legata ai tempi e metodi, agli approcci di ricerca operativa e ottimizzazione (di universitaria memoria), ed alle visioni macchinali dell implementazione progettuale, piuttosto che alla composita cultura manageriale contemporanea, che sempre più si basa sull integrazione di discipline tecnico-scientifiche e psicologico-sociali, sul fattore umano e sugli aspetti di innovazione. Questo gap culturale rischia di indurre approcci non efficaci a fronte della attuale complessità ambientale, ed all allargamento già citato del contesto stesso di applicazione del PM. Voglio precisare che parlo di cultura dominante per riferirmi alle prassi comunemente riscontrate ed alle percezioni che ritengo comuni tra i miei colleghi, non certo ai punti di vista degli organismi internazionali di standardizzazione (come PMI e IPMA) ed ai lavori dei guru del settore (come ad esempio Archibald e Kerzner) che anzi sono i fari di riferimento per una visione estesa e profonda della disciplina. Si consideri, a riprova di tale affermazione, che: a) lo standard ICB3 dell International Project Management Association (IPMA) classifica, tra i 46 elementi di competenza del Project Manager, ben 15 competenze comportamentali e 11 contestuali (ovvero legate all ambiente organizzativo e di business del progetto) b) lo standard PMBOK indica 9 aree di conoscenza di cui 4 possiamo definirle hard nel senso del forte legame con la cultura tradizionale (obiettivi, tempi, costi, contrattualistica) ma le altre 5 sono decisamente dedicate ad aspetti soft di gestione della complessità ambientale ed umana: qualità, comunicazione, risorse umane, rischi e integrazione c) la Certificazione Base di Project Management di ISIPM (www.isipm.org) indica 4 Aree di conoscenza di cui due dedicate a Competenze Manageriali e Competenze Comportamentali. D altra parte la presenza di una nuova onda nel Project Management è evidente anche dal fiorire di nuovi filoni di pensiero d avanguardia che caratterizzano il PM con aggettivi che ne esaltano la modernità come estremo, agile, snello radicale (appunto extreme Project management, agile Project Management ecc ) e che si focalizzano su approcci che guardano ai progetti caratterizzati, come spesso avviene nel mondo reale (soprattutto negli ambiti più innovativi), da incertezza e dinamicità dei requisiti, da alta intensità di conoscenza e da forte tasso di cambiamento. Ritengo quindi utile portare il mio contributo per facilitare e diffondere questa prospettiva allargata. A tal fine l articolo ripercorre, nella prima parte, la storia del management, senza naturalmente avere la pretesa di esaustività (in circa parole racconto un secolo di Autore: Lucio Macchia tutti i diritti riservati Pag. 2 di 10

3 pensiero manageriale, rimandando chi fosse interessato ad approfondire ai testi degli autori citati o ai manuali sull argomento) ma al fine di tratteggiare un quadro d insieme della disciplina ponendola con contempo in una prospettiva di sviluppo storico. Successivamente cercheremo di fare un confronto tra PM tradizionale ed attuale per capire come le complessità generale della disciplina Management si sia proiettata sul PM stesso. Brevissima storia del pensiero manageriale Fino agli anni 50 lo scenario industriale è caratterizzato da domanda superiore all offerta: l enfasi è tutta sugli aspetti di efficienza della produzione e dell organizzazione intesa come macchina. Il pensiero fondativo di tale approccio è la organizzazione scientifica del lavoro di Taylor che vede la sua riprova applicativa nella straordinaria affermazione industriale della Ford negli anni 20. Un allievo di Taylor, Henry Gantt, ha introdotto il famoso diagramma di pianificazione che porta il suo nome, considerato uno dei primi strumenti del Project Management. Parallelamente e silenziosamente si affacciano anche i primi lavori sul fattore umano che vedono, come profeta, Mary Parker Follett (primi studi negli anni 20 sulle esperienze nei centri comunitari di Boston) e Elton Mayo (con i famosi studi di Hawthorne sulla motivazione degli anni 30), e successivamente Chester Barnard (che negli anni 40 ha condotto i primi studi su ruolo dei dirigenti, ed ha segnato l apertura verso i valori), Abraham Maslow (articolo del 1943 sulla scala dei bisogni che rivoluziona la visione della motivazione) e Kurt Lewin (che negli anni 40 elabora la teoria del campo per studiare l influenza dell ambiente lavorativo sul comportamento del singolo) fino a Douglas McGregor (fine anni 50 con i suoi fondamentali studi sul comportamento dei lavoratori). I due filoni, quello scientifico che si basa sull equazione azienda = macchina e quello orientato al fattore umano che si basa su una visione azienda = sistema sociale continueranno ad intrecciarsi e scontrarsi per decenni fino alle prime sintesi a partire dagli anni 80, che culmineranno nelle visioni contemporanee di azienda = sistema complesso. Negli anni 30 e 40 nascono anche metodiche per la valutazione finanziaria degli investimenti basate sui flussi di cassa attualizzati, ancora oggi le più usate nell ambito dei business plan e analisi di progetto (tale metodologia vide la sua compiuta formalizzazione nel lavoro di Williams). Nel 1954 Peter Drucker fonda il management come scienza con il suo libro The practice of management e nei decenni successivi continua ad esercitare una forte influenza al di là delle varie scuole (famoso il suo articolo del 1968 sul processo decisionale manageriale). Negli anni 60 e 70 il mercato comincia ad essere avvertito come dinamico ed emergono esigenze di gestione più complessa. Nel 1960 nasce il famoso modello del marketing mix (McCharthy) che focalizza le 4 componenti fondamentali del marketing: prezzo, prodotto, promozione e punto vendita. Nello stesso anno Levitt scrive il suo celebre articolo sulla miopia del marketing nel quale afferma la necessità che tale disciplina guardi al di là del prodotto verso le esigenze di base da Autore: Lucio Macchia tutti i diritti riservati Pag. 3 di 10

4 soddisfare. Da questo punto la disciplina del marketing si arricchisce sempre più fino alla prima trattazione organica a cura Kotler nel 1971, ed agli sviluppi ulteriori che, nei decenni successivi, per rispondere alla crescente complessità del mercato, hanno portato a paradigmi centrati sulla comunicazione con il cliente (marketing relazionale ) e sulla personalizzazione sempre più spinta (marketing one-to-one ). Nel 1963 Henderson fonda Boston Consultino Group (la prima società di consulenza aziendale moderna) e inventa la curva di esperienza (1966) e la matrice di portfolio (1968). Nel 1968 Ansoff pubblica Corporate Strategy fondando la strategia come disciplina a sé. Nel 1971 Andrews introduce la SWOT Analysis. Questa idea scientifica di strategia culmina nel Newton del pensiero strategico, Michael Porter, nei primi anni 80. Nel frattempo il filone relazione fa passi da gigante: Ed Schein (con studi sulla cultura aziendale e sulla motivazione), Chris Argyris (i suoi studi negli anni 70 sull apprendimento organizzativo gettano le basi del knowledge management ), Rosabeth Moss Kanter (anni 60/70: sul concetto di delega di autorità), Frederick Herzberg (dalla fine anni 50 introduce nuovi concetti legati ai fattori motivazionali). A partire dagli anni 80 si fa strada un profondo senso di crisi: il mercato e la tecnologia mostrano comportamenti sempre più complessi, imprevedibili e turbolenti, ed il pensiero manageriale tende a orientarsi su una visione che integra il fattore umano enfatizzando innovazione ed apprendimento, e nutrendosi di concetti nati nell ambito di discipline scientifiche di frontiera, come la Teoria della Complessità, la Teoria dei Giochi e la Psicologia Cognitiva (si citano i fondamentali contributi portati all analisi del processo decisionale dai lavori sulla razionalità limitata di Simon e dalla Prospect Theory di Kanheman e Tversky). Da questo punto in poi si assiste, nel pensiero manageriale, al superamento della tesi/antitesi dei due filoni (scientifico e del fattore umano), a favore dell emergenza di nuovi paradigmi di sintesi e superamento di tale dualità. Henry Mintzberg con il suo saggio del 1994 Ascesa e declino della pianificazione strategica critica e chiude l approccio pianificatorio e propone concetti innovativi come la strategia emergente ed il ruolo dell intuizione. Nel frattempo Kenichi Ohmae propone nuovi modelli come il triangolo strategico e studia la globalizzazione e la new economy (anni 90), mentre Gary Hamel analizza le competenze distintive e parla di precognizione strategica, in una visione che vede l innovazione come chiave di volta del pensiero manageriale. Tom Peters e Charles Handy, a partire dagli anni 80, elaborano visioni organizzative a Rete e mettono al centro creatività e snellezza. Nel frattempo il concetto di Qualità Totale (nato grazie al lavoro di Deming e Juran che hanno impiantato, nel sistema socio-economico giapponese, i semi delle tecniche di analisi statistica e miglioramento di processo sviluppate in occidente) irrompe nella disciplina manageriale come un nuovo paradigma di gestione che sostituisce il tradizionale aut aut del management con il nuovo et et del Total Quality Management. Non più alta qualità o basso prezzo, ma alta qualità e basso prezzo. Non più personalizzazione o velocità, ma personalizzazione e velocità. Autore: Lucio Macchia tutti i diritti riservati Pag. 4 di 10

5 Richard Pascale, a partire dagli anni 80, lavora sui modelli giapponesi ed introduce lo schema delle 7 S (McKinsey), i concetti di Vision e change, e l analogia con sistemi viventi (legandosi a concetti di teoria della complessità). Peter Senge alla fine degli anni 90 introduce la learning organization e le discipline sistemiche. Molta enfasi viene data agli aspetti intangibili (valori aziendali come il know-how, il brand e le relazioni, che la contabilità tradizionale non considera): nel 1993 Kaplan e Norton introducono la Balanced Scorecard ed alla fine degli anni 90 Leif Edvinsson quello di i-capital (capitale intellettuale). Anche la valutazione finanziaria si evolve e nascono metodi di nuova generazione come quello delle opzioni reali, che utilizza modelli messi a punto per l analisi dei mercati borsistici. Come si vede da questo rapido excursus, la disciplina del management è cresciuta, decennio dopo decennio, divenendo sempre più: a) multidisciplinare: dopo gli iniziali approcci puramente ingegneristici, si è arricchita attingendo alle scienze sociali, alla finanza, alla psicologia, alla matematica applicata, alla teoria dei sistemi; b) centrata su cultura, valori e fattore umano; c) aderente alla complessità dell ambiente da gestire che ha visto progressivamente crescere in ampiezza e profondità sia i prodotti/servizi offerti sia le aspettative di tempo e qualità. Il Project Management non ha potuto che seguire una traiettoria parallela, se pur mantenendo peculiarità legate allo specifico campo di applicazione. Vediamo come. Autore: Lucio Macchia tutti i diritti riservati Pag. 5 di 10

6 Project Management: tradizione vs. innovazione Per semplificare questo confronto, tutt altro che facile, farò riferimento ad alcune dimensioni specifiche del Project Management, come riassunto nella figura 1. Figura 2 Pianificazione Controllo dei costi Risk Management Ieri Piano disegnato a priori A posteriori (consuntivo) Accessorio (futuro prevedibile) Oggi Critical Chain agile e flessibile Continuo e diffusivo mediante metodi come l EVl Cruciale (futuro non prevedibile) Organizzazione Formale, burocratica funzionale, Informale, processiva, adhocratica Qualità Ruolo del PM Modelli decisionali Output Controllare Razionalità pura Totale Creare le condizioni per apprendere e innovare Razionalità limitata e intuizione Pianificazione. È il sancta sanctorum del Project Management che, come sappiamo, è nato, nella sua accezione moderna (in fondo anche i Fenici avranno gestito in qualche modo la realizzazione delle loro navi e palazzi) negli anni 50 con i metodi di pianificazione reticolare (i più noti sono il PERT, inventato nell ambito di un progetto missilistico della Difesa americana, e il CPM, introdotto dall azienda chimica Du Pont) che hanno rivoluzionato la pianificazione precedente facendo leva sull uso del computer per elaborare complesse reti di attività. Tali metodi hanno però fortemente sofferto il mutato scenario di mercato che abbiamo descritto. La turbolenza è nemica della pianificazione pre-ordinata e, ancor più critico, la gestione dei tempi è soggetta a fenomeni non lineari e persino non razionali quali la famosa legge di Parkinson che cinicamente (ma fondatamente) afferma che una persona impiega, per svolgere una certa attività, tutto il tempo che gli si concede. In fondo questi metodi sembrano più tagliati per l azienda macchinale e disumana di chapliniana memoria, che per gli attuali team di progetto impegnati in attività innovative difficilmente modellizzabili con strumenti rigidi come il Pert e il CPM (ed i metodi da essi derivati). Una risposta a tale gap è stata data da uno studioso israeliano, E. Goldratt, che ha elaborato nel 1997 il metodo CCM (Critical Chain Method). Tale metodo rappresenta una versione moderna di PERT/CPM che incorpora una diversa concezione dei tempi e dei vincoli, più connaturata al reale comportamento delle persone. Fondamentale Autore: Lucio Macchia tutti i diritti riservati Pag. 6 di 10

7 anche la sua critica all esasperato multitasking (effettuazione di più progetti contemporaneamente) che spesso è una trappola nella quale si bloccano i progetti. Controllo dei costi. Anche questa attività è stata tradizionalmente svolta con la sequenza budget / consuntivo / analisi scostamenti, che risulta spesso rigida e si risolve in lentezza nel comprendere i problemi in atto e quindi nel reagire opportunamente. Oggi l orientamento è verso l uso di strumenti di monitoraggio costante quali il metodo Earned Value. Tale tecnica non è affatto di nuova concezione: se ne rileva traccia già a fine 800 come tool di ottimizzazione industriale, e venne introdotta negli anni 60 nell ambito del PERT, ma il suo uso estensivo come strumento di Management si è imposto a partire dagli anni 90. Il punto di forza di tale metodo, unitamente alla sua semplicità e facilità d uso, è quello di tracciare i costi in modo strettamente legato ai risultati raggiunti sul piano dei tempi e delle milestones. Il concetto alla base non è particolarmente elaborato: il costo cumulato di progetto evolve come una curva ad S ed in ciascun istante il raffronto tra costi consuntivati, costi programmati e appunto earned value (cioè valore economico di ciò che si è prodotto) consente di diagnosticare velocemente le aree critiche nello svolgimento del progetto. In figura 2 un diagramma che illustra tali concetti (per una trattazione approfondita si rimanda ai manuali di Project Management). Figura 3 Valore cumulato CV=EV-AC Cost Variance : : indica se si è speso più o meno rispetto al budget Se EV=AC si è in linea con i costi Costo effettivo AC SV=EV-PV Schedule Variance : : indica se si è in anticipo o in ritardo Se EV=PV si è in linea con i tempi Costo previsto a budget PV Earned Value EV Time Now Tempo Gestione dei rischi. Le metodologie di risk management sono state introdotte in ambito militare e spaziale a partire dagli anni 40, quindi non costituiscono in quanto tali una novità nella disciplina. Il loro uso lo è. Oggi è impensabile gestire un progetto senza controllarne i rischi, perché l ambiente fortemente turbolento ed i livelli spinti di innovazione aprono il futuro Autore: Lucio Macchia tutti i diritti riservati Pag. 7 di 10

8 su una pluralità di scenari possibili. Il rischio è la varianza dei parametri di progetto: un collaudo che durerà più del previsto, un agitazione sindacale, o un crollo in borsa, ma anche un idea non prevedibile, che sconvolge la sequenza progettuale (si pensi ai progetti nel software o nell alta tecnologia). Il piano dei rischi non deve più essere riguardato come un appendice al progetto, di natura quasi estetica ma come l altra faccia della pianificazione, sia rispetto ai tempi (in fondo diagrammi tempistici finiscono per rappresentare solo una guida di massima sempre suscettibile di rimodulazioni a fronte di nuovi eventi) che rispetto ai costi (il budget deve allocare in modo strutturato risorse a fronte di rischi, e l analisi finanziaria ne deve tener conto attraverso opportune analisi di sensibilità). In figura 3 è riportato uno dei più diffusi strumenti di Risk Management: la matrice probabilità/impatti che viene utilizzata per classificare i rischi sulla base del valore atteso dell impatto dato dal prodotto tra probabilità dell accadimento dell evento rischioso e stima dell impatto (economico, temporale, qualitativo.) che esso comporterà. A seconda della combinazione di probabilità minore/maggiore e rischio minore/maggiore (la scala utilizzata è semi-quantitativa con valori Nullo, Molto Basso, Basso, Medio, Alto, Molto Alto) si hanno tre aree possibili che rappresentano, come illustrato in figura, altrettante tipologie di profilo di rischio. Figura 4 Prob. MA A M Area di alta priorità: massima attenzione del risk management B MB NUL NUL MB B M A MA Area di bassa priorità Impatto Area intermedia: rischi prob.. bassa ma impatto alto, normalmente esterni: analisi scenari a priori rischi con prob.. alta e impatto basso: day to day da tenere sotto controllo Organizzazione, Qualità e ruolo del Project Manager. Il concetto organizzativo tradizionale fonda il ruolo del manager e, più in particolare, del project manager sull attività di controllo sul gruppo inteso come macchina in cui ciascun individuo svolge un compito specifico, come un ingranaggio nell ambito di un meccanismo. Il controllo di qualità, in tale ottica, si configura come una verifica degli output ottenuti nelle varie fasi del processo. Appare evidente, alla luce dell excursus sul pensiero manageriale che tale impostazione, purtroppo ancora dominante in tante organizzazioni reali, sia completamente disfunzionale alle Autore: Lucio Macchia tutti i diritti riservati Pag. 8 di 10

9 esigenze di un ambiente complesso e mutevole nel quale il team di progetto è chiamato ad operare in modo creativo, facendo leva sull innovazione fino a diventare persino rivoluzionario (per citare un aggettivo caro a Gary Hamel, uno dei più grandi pensatori contemporanei di management). Oggi al Project Manager viene richiesto un crescente impegno sul piano della gestione del gruppo e della leadership: non un controllore, un capocommessa, un verificatore, bensì un motivatore che sa agire sulle leve psicologiche e culturali per creare l ambiente ideale per la collaborazione, l apprendimento, l innovazione. Anche la Qualità diviene totale, ovvero diffusiva, strutturale, ambientale come l azione del leader. Il concetto di Qualità Totale è uno dei più fraintesi del pensiero manageriale, nella continua confusione dell idea con gli standard di certificazione, che, in mancanza di un concreto vissuto culturale del concetto, rischiamo di derubricarlo al livello di mera tecnica burocratica. Nella figura 4 è riportata una sintesi dei concetti innovativi introdotti dalla Qualità Totale che, in sintesi, significa coinvolgere attivamente ogni persona del team di progetto in un processo continuo di miglioramento ed apprendimento, nell ambito del quale gli errori ed i difetti, lungi dall essere stigmatizzati, rappresentano sperimentazioni ed occasioni di crescita e perfezionamento. Vecchia concezione Qualità Totale Figura 5 Persone coinvolte Le persone Gli operativi, il personale in campo Vanno rigidamente supervisionate TUTTI a partire dal Management Desiderano produrre qualità Centralità di Di fronte al difetto Costo Fasi di progetto interessate alla Qualità Azienda Biasimo, scuse, logica accusatoria Proporzionale alla qualità (logica di trade-off off) Esecuzione, controllo finale CLIENTE e quindi sistema complessivo Apprendimento collettivo: enfasi sulla documentazione (lesson learned) Proporzionale alla non- qualità (superamento della logica di trade-off off) End-to to-end (qualità pianificata all interno del progetto) In questo contesto compito del Project manager è quello di realizzare un organizzazione che è agli antipodi della tipica struttura burocratica - purtroppo molto più comune nelle prassi professionali di quanto si possa immaginare - nella quale norme, processi, procedure, flowchart, sistemi informativi, standard etc prendono il sopravvento su creatività, innovazione, comunicazione, integrazione. Autore: Lucio Macchia tutti i diritti riservati Pag. 9 di 10

10 Lo studioso H. Mintzberg utilizza il termine adhocrazia per indicare una organizzazione nella quale le persone operano ad hoc sui progetti piuttosto che seguire i binari delle pratiche burocratiche. Ciò significa allentare i legacci del controllo e basare la leadership su competenze soft molto complesse e difficili da acquisire, ma senza le quali nessun gruppo riuscirà a mettere il cuore nel progetto dando il meglio in termini di energie e potenzialità innovative. Modelli decisionali. Il tabù della razionalità pura è il più difficile da abbattere nella cultura professionale, anche se svariati premi Nobel sono stati assegnati a studiosi che hanno dimostrato che i processi decisionali non sono puramente razionali. Non lo sono in primis perché la razionalità pura è fisicamente impossibile. Infatti come ha dimostrato H. Simon (premio Nobel 1978) il processo decisionale non può mai essere basato sulla disamina di tutte le opzioni disponibili e sulla scelta di quella ottimale, per ragioni molto semplici: non disponiamo mai di tutte le informazioni (che di solito riguardano il futuro) ed anche se, per assurdo, ne disponessimo, essendo esseri umani saremmo influenzati dal nostro modo di essere e dalle pressioni che riceviamo dall ambiente sia in termini di tempistica ( devi decidere entro questa data! ) che di cultura ( nel nostro ambiente certe soluzioni sono più accettabili di altre ). Ma le decisioni non sono razionali anche perché, come è stato dimostrato dalla Prospect Theory (premio Nobel a Kahneman nel 2002) il cervello umano non è lineare nel pesare rischi e probabilità, esibendo comportamenti paradossali come ad esempio la sensibilità al framing ovvero la dipendenza dell esito del processo decisionale dal modo in cui il problema viene presentato ed inquadrato. Capire la natura del processo decisionale non è un fatto accademico, ma è anzi fondamentale nella pratica professionale, quando si analizzano le proprie e le altrui decisioni, e quando si lavora in tavoli negoziali. Conclusioni Oggi è fondamentale, soprattutto per chi opera in contesti ad alta intensità di conoscenza (ad esempio: progettazione di sofisticati sistemi hardware/software, lancio di nuovi prodotti/servizi, realizzazione di complessi programmi di change management) guardare al Project Management in senso moderno, come disciplina precipuamente manageriale. Quindi chi vuole impersonare con successo il ruolo del PM, soprattutto negli ambiti più innovativi e concorrenziali (ma quali ambiti oggi non lo sono?) deve aggiornare il proprio set di competenze aprendosi all intero spettro degli strumenti messi a disposizione dal corpus del pensiero e delle pratiche di Management. Competenze vaste e diversificate a fronte di una missione di Project Management che, se vogliamo definirla in tre parole, è semplicemente gestione della complessità. Autore: Lucio Macchia tutti i diritti riservati Pag. 10 di 10

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

Earned Value e monitoring del progetto

Earned Value e monitoring del progetto IT Project Management Lezione 8 Earned Value Federica Spiga A.A. 2009-2010 1 Aspetti economico-finanziari (1) Costi C Fine progetto T Tempo La curva a S è chiamata baseline dei costi risultato dell aggregazione

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli Organizzazione come sistema Ambiente interno Missione strategica Sistema tecnico

Dettagli

Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate

Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate 6.1 Metodi per lo sviluppo di nuovi prodotti (MSNP) Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate Questo capitolo presenta alcune metodologie per gestire al meglio

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

LAVORARE PER PROGETTI

LAVORARE PER PROGETTI LAVORARE PER PROGETTI Giampaolo Calori e Nicoletta Perego Eulogos Consulenti di Direzione 1. PREMESSA Ogni giorno le aziende devono confrontarsi con il mutamento continuo dell ambiente interno ed esterno

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class L evoluzione della Qualità Dall ispezione alla world class Di cosa parleremo Cos è la Qualità? 1 Le origini della Qualità 2 Ispezione, Controllo statistico Affidabilità e Total Quality Control 3 Assicurazione

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS 20 Verona

1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS 20 Verona PRINCIPI PROJECT MANAGEMENT PRINCIPI DI PROJECT MANAGEMENT Elisabetta Simeoni 1), Giovanni Serpelloni 2) 1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione Reliability Management La gestione del processo di Sviluppo Prodotto Ing. Andrea Calisti www.indcons.eu Chi sono... Andrea CALISTI Ingegnere meccanico dal 1995 al 2009 nel Gruppo Fiat Assistenza Clienti

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

Business Intelligence: dell impresa

Business Intelligence: dell impresa Architetture Business Intelligence: dell impresa Silvana Bortolin Come organizzare la complessità e porla al servizio dell impresa attraverso i sistemi di Business Intelligence, per creare processi organizzativi

Dettagli

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe): SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE Project Management e Information Technology Infrastructure Library (ITIL V3 F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

LA PROGETTAZIONE AZIENDALE

LA PROGETTAZIONE AZIENDALE Riassunti del testo di H. Mintzberg, La progettazione dell'organizzazione aziendale A cura di Francesco Lo Piparo SDC LA PROGETTAZIONE AZIENDALE CAPITOLO PRIMO: gli elementi di base della progettazione

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

su web che riportano documentazione e software dedicati agli argomenti trattati nel libro, riportandone, alla fine dei rispettivi capitoli, gli

su web che riportano documentazione e software dedicati agli argomenti trattati nel libro, riportandone, alla fine dei rispettivi capitoli, gli Prefazione Non è facile definire che cosa è un problema inverso anche se, ogni giorno, facciamo delle operazioni mentali che sono dei metodi inversi: riconoscere i luoghi che attraversiamo quando andiamo

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO FORMAZIONE

Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO FORMAZIONE Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO 2015 FORMAZIONE HSE - HEALTH SAFETY ENVIRONMENT Salute e Sicurezza RLS - Formazione Base S.S.1 32 RLSA S.S.2 64 RLS - Aggiornamento S.S.3

Dettagli

Dall Idea al Progetto

Dall Idea al Progetto CORSO DI EUROPROGETTAZIONE MODULO 2 Dall Idea al Progetto DOTT. GIANLUCA COPPOLA Direttore generale - Responsabile Progetti Europei 1 CAPITOLO 1 STRUTTURARE UN PROGETTO Modulo 2 Dall Idea al Progetto 2

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli

MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS

MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS Eidos Communication Via G. Savonarola, 31 00195 Roma T. 06. 45.55.54.52. F. 06. 45.55.55.44. E. info@eidos.co.it W. www.eidos.co.it INFORMAZIONI

Dettagli

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Art. 1 ATTIVAZIONE L Università degli Studi Niccolò Cusano Telematica Roma attiva il Master di

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Business Intelligence. Il data mining in

Business Intelligence. Il data mining in Business Intelligence Il data mining in L'analisi matematica per dedurre schemi e tendenze dai dati storici esistenti. Revenue Management. Previsioni di occupazione. Marketing. Mail diretto a clienti specifici.

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

Che cos è la Qualità?

Che cos è la Qualità? Che cos è la Qualità? Politecnico di Milano Dipartimento di Elettrotecnica 1 La Qualità - Cos è - La qualità del prodotto e del servizio - L evoluzione del concetto di qualità - La misura della qualità

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Che cos è il Marketing 3.0?

Che cos è il Marketing 3.0? Che cos è il Marketing 3.0? di Fabrizio Pieroni Philip Kotler, studioso di Marketing attento ai cambiamenti della società e pronto a modificare di conseguenza le sue posizioni, ha recentemente presentato

Dettagli

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti Project Management Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova Project Management 2 Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti esempi sono progetti nell

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO

DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO 92 Generazione dei concetti di prodotto Individuazione dei bisogni dei clienti Eseguire l analisi economica Analizzare i prodotti della concorrenza Costruire e collaudare

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software Siemens PLM Software Monitoraggio e reporting delle prestazioni di prodotti e programmi Sfruttare le funzionalità di reporting e analisi delle soluzioni PLM per gestire in modo più efficace i complessi

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1 IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO dott.ssa Annaluisa Palma 1 Indice Il budget: documenti amministrativi in cui si estrinseca; Forma e contenuti del budget degli investimenti; Gli scopi

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa

Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa Alessio Porretta Universita di Roma Tor Vergata Gli elementi tipici di un gioco: -un numero di agenti (o giocatori): 1,..., N -Un insieme di strategie

Dettagli

Organizzazione scientifica del lavoro

Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro 1 Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro è la teoria fondata da Frederick WindsdowTaylor (1865-1915) ingegnere minerario americano

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA?

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? La maggior parte dei Retailer effettua notevoli investimenti in attività promozionali. Non è raro che un Retailer decida di rinunciare al 5-10% dei ricavi

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT CORSO DI PREPARAZIONE ALLA CERTIFICAZIONE PMP

PROJECT MANAGEMENT CORSO DI PREPARAZIONE ALLA CERTIFICAZIONE PMP www.formazione.ilsole24ore.com PROJECT MANAGEMENT CORSO DI PREPARAZIONE ALLA CERTIFICAZIONE PMP ROMA, DAL 19 NOVEMBRE 2012-1 a edizione MASTER DI SPECIALIZZAZIONE In collaborazione con: PER PROFESSIONISTI

Dettagli