FRUMENTO ECOLOGIA E FISIOLOGIA DELLA COLTURA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FRUMENTO ECOLOGIA E FISIOLOGIA DELLA COLTURA"

Transcript

1 FRUMENTO ECOLOGIA E FISIOLOGIA DELLA COLTURA 1

2 PIANTA: LONGIDIURNA MICROTERMA C3 ESIGENZE AMBIENTALI COLTIVAZIONE: FASCIA TEMPERATA EMISFERO NORD : latitudine FASCIA TEMPERATA EMISFERO SUD: " VERSO L'EQUATORE SPOSTANDOSI IN ALTITUDINE TEMPERATURA T. min. GERMINAZIONE 2/3 C ACCESTIMENTO 2/3 C LEVATA 10/12 C FIORITURA 15 C MATURAZIONE 18/20 C T. critiche min. EMERGENZA - 6/-8 C ACCESTIMENTO - 15/-20 C LEVATA - 2/-3 C FIORITURA 0 C 2

3 TEMPERATURA nella fase di emergenza e accestimento MODALITÀ DI ABBASSAMENTO DELLA TEMPERATURA GRADUALE INDURIMENTO RESISTENZA ANCHE a - 20 C REPENTINO LETALE ANCHE A - 10 C CONSEGUENZE: SCELTA DELLA VARIETÀ CON RESISTENZA AL FREDDO (DIFFERENZE FRA SPECIE : F. TENERO > F. DURO. SEMINA IN EPOCA TALE DA CONSENTIRE IL RAGGIUNGIMENTO DELLA 3-4 FOGLIA PRIMA DEI FREDDI. SEMINA NON TROPPO ANTICIPATA NÉ RITARDATA. 3

4 VARIAZIONE DELLA RESISTENZA AL FREDDO IN FUNZIONE DELLO STADIO DI SVILUPPO F. AUTUNNALE F. PRIMAVERILE R E S I S T E N Z A F R E D D O granella secca coleoptile 4 foglia inizio accestimento inizio levata STADI 4

5 TEMPERATURA IN ACCESTIMENTO IN GRANIGIONE ECCESSIVO RIGOGLIO (se alta) OTTIMO C T. PIÙ ALTE < ASSIMILAZIONE NETTA STRETTA DA CALDO CARIOSSIDI STRIMINZITE PEGGIORAMENTO QUALITATIVO 5

6 SEMINA ACQUA DIFETTO ECCESSO NO GERMINAZIONE NO ESECUZIONE ACCESTIMENTO (CONSUMI LIMITATI) ECCESSO TERRENO ASFITTICO MARCIUMI RADICALI LISCIVIAZIONE NEL NORD ITALIA IN GENERE RESE BASSE LEVATA - FIORITURA (CONSUMI CRESCENTI) DI NORMA NON SI HANNO DANNI DA SICCITÀ GRANIGIONE DIFETTO RESE LIMITATE (SUD ITALIA) ECCESSO ALLETTAMENTO - MAL DEL PIEDE PREGERMINAZIONE 6

7 CONSUMO IDRICO UNITARIO : L/kg s.s. 9 t/ha di s.s. = 4500 m 3 /ha = 450 mm PROBLEMA DI DISTRIBUZIONE DELLE PIOGGE NEVE PROTEGGE DAI GELI INVERNALI COPERTURA TROPPO PROLUNGATA ATTACCHI DI FUSARIUM NIVALE UMIDITÀ RELATIVA ECCESSO INFEZIONI FUNGINE VENTO PUÒ PROVOCARE: ALLETTAMENTO > EVAPO-TRASPIRAZIONE STRETTA 7

8 TERRENO ADATTI DA FRANCO A PESANTE BEN STRUTTURATO SISTEMATO IDRAULICAMENTE SALINITÀ: leggera NESSUN DANNO elevata DA - 50% DELLA RESA POTENZIALE ALLA MORTE DELLA PIANTA NON ADATTI MAL DRENATI MOLTO CALCAREI, CHE SI SOLLEVANO PER IL GELO MOLTO SABBIOSI, ACIDI, POVERI DI NUTRIENTI COLTURA POSSIBILE CORREGGENDO I DIFETTI 8

9 Fisiologia della coltura PIANTE C3 e C4 Le piante C4 (mais, sorgo) hanno come primo prodotto nella fotosintesi un composto organico a 4 atomi di carbonio (ossalacetato). Le C3 (primo prodotto fotosintesi: acido 3- fosfoglicerico) hanno, rispetto alle C4, una minore efficienza nel fissare la CO 2, una maggiore fotorespirazione, un minore rapporto tra traspirazione e fissazione della CO 2. Conseguentemente, hanno maggiore perdita di H 2 O per unità di C fissato, quindi minore accumulo di sostanza secca. Le piante C4 esigono temperature superiori a 15 C. 9

10 EFFICIENZA FOTOSINTETICA PERDITE FOTORESPIRATORIE 10

11 LA COLTURA VA CONSIDERATA COME UN UNICO SISTEMA BIOLOGICO CON DUE COMPONENTI 1) STRUTTURE CHE PRODUCONO SOSTANZE UTILI (SOURCE) 2) ORGANI PREPOSTI ALL'ACCUMULO DEI SINTETATI (SINK) PER MIGLIORARE LA RESA : SINK GRANDE TRASPORTO SOURCE >> ATTIVITÀ >> EFFICIENTE IL SINK SI DETERMINA DALLA LEVATA AL TERMINE DELLA FIORITURA. IL PERIODO SI PUÒ ALLUNGARE, MA ESISTONO LIMITI PER OGNI AREALE DI COLTURA AI FINI PRODUTTIVI È DA CONSEGUIRE : * ALTA INTENSITÀ DI ACCUMULO DI S.S. NELLA GRANELLA * ELEVATA DURATA DI RIEMPIMENTO CHE DIPENDONO DA LAD (leaf area duration) a sua volta dipendente da LAI (leaf area index) 11

12 INDICI DI SUPERFICIE VERDE DELLE DIVERSE PARTI DELLA PIANTA DELLA VARIETÀ ORSO indice di superficie verde (m 2 /m 2 terreno) PAI = pianta intera LAI = foglie CAI = culmi SAI = spiga apr 15-apr 01-mag 15-mag 01-giu (spigatura) 15-giu 30-giu 12

13 EVOLUZIONE DELLA SUPERFICIE VERDE RELATIVA ALLE PARTI SUPERIORI DELLA PIANTA NEL PERIODO SUCCESSIVO ALLA SPIGATURA SUPERFICIE VERDE (LAI) spiga ultimo internodo foglia a bandiera 3 2,5 2 1,5 1 0, mag 27-mag 03-giu 10-giu 17-giu 24-giu 01-lug 13

14 14

15 Frumento: i fattori della resa La resa dipende da un buono stato generale della coltura, da un buono sviluppo radicale, da una efficace fotosintesi Resa N di pte / m² accest. N spighe / pta N spighette/ spiga N cariossidi/spig hetta Peso di mille semi N sufficiente di piante in buona condizione Elevata attività fotosintetica Buona fioritura e allegagione Buona attività radicale Accumulo riserve 15

16 COMPONENTI DELLA PRODUZIONE 16

17 FRUMENTO TECNICA COLTURALE 17

18 Il frumento rappresenta un importante coltura nell agricoltura italiana. Tale coltura è redditizia se l agricoltore sarà capace di ottenere: - RESE ELEVATE - GRANELLA DI QUALITÀ - BASSI COSTI DI PRODUZIONE Per soddisfare tali esigenze occorre che l agricoltore disponga di conoscenze sulla migliore tecnica agronomica da adottare 18

19 NORME CHE REGOLANO LA COLTIVAZIONE POSTO NELL'AVVICENDAMENTO SCELTA DELLA VARIETÀ PREPARAZIONE DEL TERRENO PER LA SEMINA SEMINA CONCIMAZIONE LOTTA CONTRO LE ERBE INFESTANTI DIFESA DAI PARASSITI EVENTUALE IRRIGAZIONE CURE COLTURALI RACCOLTA 19

20 FRUMENTO TECNICA COLTURALE AVVICENDAMENTO 20

21 21

22 OGGI L'AVVICENDAMENTO È FACILE DOVE IL CLIMA È FAVOREVOLE A DIVERSE COLTURE. È PIÙ DIFFICILE IN ZONE SICCITOSE DOVE SPESSO SI È COSTRETTI ALLA MONOCOLTURA* UNA BUONA PRECESSIONE DEVE RISPONDERE A QUESTI REQUISITI 1) DEVE LIBERARE PRESTO IL CAMPO PER PERMETTERE LA PREPARAZIONE DEL TERRENO E LA SEMINA IN TEMPO UTILE 2) DEVE LASCIARE IL TERRENO LIBERO DA INFESTANTI 3) DEVE MIGLIORARE LA STRUTTURA DEL TERRENO 4) DEVE LASCIARE IL TERRENO RICCO DI NUTRIENTI DOPO LA COLTURA IL BILANCIO DI FERTILITÀ CHIUDE IN DEFICIT. IN PASSATO VENIVA REGOLARMENTE AVVICENDATO RISTOPPIO RISTOPPIO PRODUZIONE DIMINUISCE SE NON SI HANNO ALTERNATIVE* CON LA MONOSUCCESSIONE LA FERTILITÀ DIMINUISCE ANCHE SE PER L'N SI PUÒ PROVVEDERE OSSERVARE I RISULTATI DI ESPERIENZE DIVERSE 22

23 SPERIMENTAZIONE DI GRIGNON RESE DI FRUMENTO SU OMOSUCCESSIONE. ANNO 1957 PRECEDENTE kg/ha di N q/ha FRUMENTO FRUMENTO 40 31,6 FRUMENTO 60 34,4 FRUMENTO 80 33,3 FRUMENTO ,5 BIETOLA ,8 RIPOSO ,7 NELLA OMOSUCCESSIONE DI LUNGA DURATA UN AUMENTO CONSISTENTE DELLA CONCIMAZIONE AZOTATA NON PERMETTE DI RITROVARE UNA RESA SODDISFACENTE. LA SEMPLICE INTRODUZIONE DI UNA SARCHIATA O DEL RIPOSO PERMETTE DI RISTABILIRE UNA RESA SODDISFACENTE. 23

24 SPERIMENTAZIONE DELL'ISTITUTO DI AGRONOMIA DI PERUGIA RESE (t/ha) DI FRUMENTO IN ROTAZIONE E IN OMOSUCCESSIONE DAL / / / / / /83 X DOPO MAIS 5,9 5,8 6,0 5,9 6,3 5,3 5,9 DOPO FAVA 6,1 5,8 6,1 6,0 6,5 5,3 6,0 DOPO GIRASOLE 6,0 6,1 6,0 6,0 6,5 5,4 6,0 FRUMEN. CONT. 5,2 5,4 5,4 4,9 5,3 4,2 5,1-15% -9% -11% -22% - 21% -21% -18% 24

25 25

26 IN CASO DI NECESSITÀ DI RISTOPPIO LAVORAZIONI ACCURATE CONCIMAZIONE RAZIONALE ( > N) LOTTA ALLE INFESTANTI INTERRAMENTO DELLA PAGLIA SCELTA VARIETALE (vedi esempio ) QUANDO SI RISCONTRANO INCONVENIENTI INTERROMPERE LA SUCCESSIONE: AVVICENDARE 26

27 27

28 FRUMENTO SCELTA VARIETALE 28

29 Il frumento rappresenta un importante coltura nell agricoltura italiana. Tale coltura è redditizia se l agricoltore sarà capace di ottenere: - RESE ELEVATE - GRANELLA DI QUALITÀ - BASSI COSTI DI PRODUZIONE Per soddisfare tali esigenze occorre che l agricoltore disponga di conoscenze sulla migliore tecnica agronomica da adottare, compresa la SCELTA VARIETALE tecnica colturale a costo minimo per l agricoltore 29

30 30

31 LA SCELTA DEVE ESSERE FATTA IN FUNZIONE DI : CLIMA MALATTIE TERRENO INFESTANTI CARATTERISTICHE DELLA PIANTA ACCESTIMENTO DURATA CICLO POTENZIALITÀ PRODUTTIVA CARATTERISTICHE DA CONOSCERE RESISTENZA AL FREDDO RESIST. ALTE TEMP. E STRETTA RESIST. ALLETTAMENTO FERTILITÀ DELLA PIANTA BUONA ADATTABILITÀ RESIST. ALLE MALATTIE STABILITÀ PRODUTTIVA QUALITÀ DELLA GRANELLA 31

32 Frumento tenero 32

33 33

34 34

35 FRUMENTO TENERO 35

36 36

37 37

38 FRUMENTO DURO 38

39 FRUMENTO DURO 39

40 FRUMENTO DURO 40

41 FRUMENTO TECNICA COLTURALE PREPARAZIONE DEL TERRENO 41

42 42

43 SISTEMAZIONE DEL TERRENO DIRETTAMENTE TALE DA EVITARE RISTAGNI DANNOSI CHE POSSONO PROVOCARE: INDIRETTAMENTE > MAL DEL PIEDE < RADICAMENTO < NITRIFICAZIONE > DIFFICOLTÀ NELLE SEMINE > INFESTANTI LAVORAZIONE TALE DA CREARE CONSENTENDO: MIGLIORE LETTO SEMINA ABITABILITÀ INTERRAMENTO INFESTANTI, RESIDUI COLTURALI, CONCIMI. AMMINUTAMENTO TALE DA FAVORIRE IL MAGGIOR CONTATTO SEME/TERRENO E IL MIGLIOR RADICAMENTO. 43 RIDURRE IL COSTIPAMENTO DEL TERRENO

44 PROFONDITÀ DI RADICAMENTO IN TERRENI CON DIVERSO GRADO DI COSTIPAZIONE P R O F O N D I T À D I R A D I C A M E N T O (cm) NUMERO DI CULMI PRIMARI TERRENO SOFFICE T. COST. IN SUPERFICIE T. COST. PER TUTTA LA PROFONDITA' FOGL. INIZ.ACC. FINE ACC. LEVATA 44

45 PREPARAZIONE DEL TERRENO ARATURA EPOCA DI ARATURA ESTIVA (migliore) AUTUNNALE PRECOCE AUTUNNALE TARDIVA (t. leggeri) PROFONDITÀ DI ARATURA RIDOTTA: cm DOPO RINNOVO 45

46 PREPARAZIONE DEL TERRENO LAVORAZIONE MINIMA: 5-10 cm CONSENTIRE UNA REGOLARE DEPOSIZIONE DEL SEME OTTIMI RISULTATI DOPO: BIETOLA, GIRASOLE, MAIS DA TRINCIATO SEMINA DIRETTA RESIDUI IN SUPERFICIE COME PACCIAME PERICOLOSE LE INFESTANTI PROBLEMA TRASMISSIONE MALATTIE DEL SEME EMERGENZA NON SEMPRE REGOLARE 46

47 47

48 48

49 Dati sul frumento raccolto nel campo di prova ( Sicilia) Tesi Lavorato Sodo Caratteristiche morfologiche Altezza culmo (cm) Lunghezza spiga (cm) Resa media (t/ha) Massa 1000 semi (g) Resa e componenti Cariossidi/spiga Massa cariossidi/spiga Spighette/spiga Peso ettolitrico (kg/hl) Glutine (%) Caratteristiche qualitative Proteine (%) SDS (ml) Costi e consumi energetici delle lavorazioni. Lavor. Sodo TESI Costi ad ettaro ( /ha) Consumi gasolio kg/ha MJ/ha Aratura Erpicatura Concimazione Semina trad totale Diserbo Concimazione Semina sodo totale

50 CONSIDERAZIONI Resa ad ettaro della semina su sodo in media con quella convenzionale; Riduzione dei consumi energetici con la semina su sodo; Maggiori benefici della semina su sodo nelle condizioni di forte siccità; Maggiore tempestività di intervento, specialmente in condizioni di elevata piovosità autunnale, con la semina su sodo; Contenimento delle erosioni del suolo in condizioni colturali di collina; Nessun effetto negativo sulla qualità merceologica e tecnologica della granella prodotta con semina su sodo (attenzione però alla qualità igienico-sanitaria) 50

51 FRUMENTO TECNICA COLTURALE SEMINA SEMENTE, CONCIA, EPOCA, DENSITÀ, PROFONDITÀ, MODALITÀ 51

52 SEMENTE CERTIFICATE PUREZZA: > 98% PUREZZA VARIETALE: BASE 99,9 % 1 RIPRODUZIONE 99,7 % 2 RIPRODUZIONE 99,0 % GERMINABILITÀ: > 95% ASSENZA INFESTANTI DIMENSIONE DEL SEME: uniforme STATO FITOSANITARIO 52

53 53

54 54

55 CONCIA SEME PER LA PROTEZIONE DA MALATTITE TRASMESSE CON IL SEME: CARIE, CARBONI, FUSARIOSI E ALTRI FUNGHI MEGLIO SE UMIDA (SLURRY) VENGONO IMPIEGATI DIVERSI PRODOTTI SONO ATTUALMENTE DISPONBILI PRINCIPI ATTIVI MOLTO SELETTIVI E DI ELEVATA E LUNGA EFFICACIA 55

56 FRUMENTO DURO CONCIA SEMENTE 56

57 EPOCA DI SEMINA VARIA CON IL CLIMA DEI VARI AMBIENTI DI NORMA IN AUTUNNO PIANURA PADANA 15/10 ITALIA CENTRALE 10/11 ITALIA MERIDIONALE 30/11 IN MONTAGNA SI ANTICIPA SEMINA PRIMAVERILE (FINE INVERNO): IMPIEGARE VARIETÀ ALTERNATIVE 57

58 ALTERNATIVITÀ VARIETALE 58

59 59

60 60

61 QUANTITÀ DI SEME IN ITALIA MEDIAMENTE kg/ha PER SEMINE AUTUNNALI, FINOA 300 kg/ha PER SEMINE A FINE INVERNO BISOGNA RAGIONARE IN FUNZIONE DEL N DI CARIOSSIDI GERMINABILI /m 2 E DEL N DI SPIGHE PER m 2 CHE SI VUOLE RAGGIUNGERE ( al Nord, al Sud) IN ITALIA SI CONSIGLIA DI IMPIEGARE: CARIOSSIDI /m 2 NORD " SUD VARIANTI 350 CON SEMINE PRECOCI E 600 CON SEMINE TARDIVE 61

62 Alla base di un buon raccolto: la giusta quantità di seme Determinare in relazione a: P.1000 semi (g) N SEMI/m epoca di semina.condizioni terreno.sensibilità allettamento.sensibilità malattie.disponibilità idrica a fine ciclo Calcolo della dose di seme Quantitativi di seme da impiegare per ettaro (kg), in funzione del numero di semi per m 2 e del peso dei 1000 semi (in base ad una germinabilità media del 90%) Kg/ha = N x P G N = numero cariossidi m 2 P = peso 1000 cariossidi (g) G = germinabilità (%) 62

63 SEMINA A SPAGLIO A RIGHE A MANO CON SPANDICONCINE CON SEMINATRICE CENTRIFUGO PNEUMATICO MECCANICA "UNIVERSALE" A FILE SEMPLICI A FILE BINATE EVENTUALE PREDISPOSIZIONE DEI BINARI: CONC. IN COPERTURA, TRATTAMENTI DISERBANTI, ECC. ADATTA NEL CASO DI PRODUZIONE DESTINATA A SEME CERTIFICATO. POSSIBILITÀ DI EPURAZIONE. 63

64 SEMINA DISTANZA TRA LE FILE DIPENDE DAL PORTAMENTO DELLE FOGLIE ERETTO RECLINATO ERETTO: QUANTO PIÙ STRETTA POSSIBILE: CIRCA 10 cm RECLINATO: ANCHE cm IN GENERE: cm REGOLAZIONE DELLA SEMINATRICE 64

65 PROFONDITÀ DI SEMINA 2-3 cm 4-5 cm IN TERRENI SCIOLTI E ASCIUTTI ATTENZIONE!! VARIETÀ A TAGLIA BASSA: COLEOPTILE PIÙ CORTO 65

66 INFLUENZA DELLA PROFONDITÀ DI SEMINA SUL VIGORE DELLA PIANTA E SULLA RESISTENZA AL FREDDO SEMINA AD UNA PROFONDITÀ INFERIORE A 3 cm ACCESTIMENTO VIGOROSO PRIMA DELL'INVERNO RIZOMA MOLTO CORTO E RESISTENZA OTTIMALE AL FREDDO PIANO DI AC- CESTIMENTO 4 1 FOGLIA ATROFIZZATA PIANO DI ACCESTIMENTO RIZOMA 2 INTERNODO SEMINA PROFONDA: 4-6 cm ACCESTIMENTO RITARDATO, RIZOMA ESPOSTO AL GELO SE L'ACCESTIMENTO È MOLTO TARDIVO SEMINA MOLTO PROFONDA: 8-10 cm LE RISERVE DEL SEME VENGONO IMPIEGATE PER FORMARE UN LUNGO RIZOMA CHE IL GELO SOPRAGGIUNTO PRIMA DELL'ACCESTIMENTO PUÒ DANNEGGIARE 1 INTERNODO 66

67 FRUMENTO RULLATURA TECNICA COLTURALE CONSOCIAZIONE (agricoltura biologica) 67

68 CONSOCIAZIONE TEMPORANEA: BULATURA = TRASEMINA ESSENZE DA PRATO: ERBA MEDICA, TRIFOGLIO, LUPINELLA PROBLEMATICA DISERBO CONCIMAZIONE AZOTATA PRATICATA IN COLTIVAZIONE BIOLOGICA PER IL CONTROLLO DELLE INFESTANTI 68

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI. Scheda tecnica triticale

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI. Scheda tecnica triticale UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI DIPARTIMENTO di AGRARIA - SACEG Scheda tecnica triticale Dott. Giovanni Pruneddu Tecnica colturale triticale Tipi di triticale Fra le varietà disponibili sul mercato possiamo

Dettagli

Cereali: tecnica colturale del frumento

Cereali: tecnica colturale del frumento Cereali: tecnica colturale del frumento Modulo di sistemi foraggeri Andrea Onofri Perugia, A.A. 2009-2010 1 Contenuti Contents 1 Tecnica d impianto Scelta varietale 1. Qualità e destinazione del prodotto

Dettagli

Mais: impianto e tecnica colturale

Mais: impianto e tecnica colturale Mais: impianto e tecnica colturale Modulo di sistemi foraggeri Andrea Onofri Perugia, A.A. 2009-2010 1 Contenuti Contents 1 Tipologie di ibridi 1 2 Impianto 3 3 Fertilizzazione 4 4 Cure colturali 4 5 Raccolta

Dettagli

CEREALI (autunno-vernini) (frumento duro, frumento tenero, orzo, avena, farro e triticale)

CEREALI (autunno-vernini) (frumento duro, frumento tenero, orzo, avena, farro e triticale) CEREALI (autunno-vernini) (frumento duro, frumento tenero, orzo, avena, farro e triticale) Le indicazioni contenute nelle Norme Generali devono essere considerate preliminarmente alla lettura delle presenti

Dettagli

GRAMINACEE FORAGGERE

GRAMINACEE FORAGGERE GRAMINACEE FORAGGERE CARATTERISTICHE BOTANICHE Radici: fascicolate, non molto profonde, che si rinnovano annualmente. Culmi: costituiti da nodi e internodi; intenso accestimento; in alcune specie fungono

Dettagli

CASO-STUDIO 1 Coltivazione di mais NON-IRRIGUO su cover-crop di leguminosa (VECCIA)

CASO-STUDIO 1 Coltivazione di mais NON-IRRIGUO su cover-crop di leguminosa (VECCIA) SEMINA su SODO CASO-STUDIO 1 Coltivazione di mais NON-IRRIGUO su cover-crop di leguminosa (VECCIA) Il presente caso studio è stato sviluppato da AIPAS nell ambito di un progetto europeo di educazione ambientale

Dettagli

La semina. Numero di piante per unità di superficie. Resa

La semina. Numero di piante per unità di superficie. Resa La semina La semina è quell operazione con la quale il seme (medica, pomodoro ecc.) o il frutto (cereali, girasole ecc.) vengono immessi nel terreno allo scopo di ottenere la nascita delle piante che avvieranno

Dettagli

I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento

I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento dossier FRUMENTO 2 I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento Aumentare la resa del frumento, e contemporaneamente anche la qualità, è possibile solo con una concimazione azotata continua

Dettagli

Il decalogo per la coltivazione sostenibile dell orzo distico da birra

Il decalogo per la coltivazione sostenibile dell orzo distico da birra Il decalogo per la coltivazione sostenibile dell orzo distico da birra 1 Introduzione 2 SOSTENIBILITÀ IN AGRICOLTURA La sostenibilità è la capacità di produrre beni ed alimenti in modo economicamente vantaggioso

Dettagli

Regione Emilia-Romagna - Disciplinari di produzione integrata 2016 Norme tecniche di coltura > Colture erbacee > FARRO

Regione Emilia-Romagna - Disciplinari di produzione integrata 2016 Norme tecniche di coltura > Colture erbacee > FARRO Regione Emilia-Romagna - Disciplinari di produzione integrata 2016 Norme tecniche di coltura > Colture erbacee > FARRO CAPITOLO DELLE NORME GENERALI Scelta dell'ambiente di coltivazione e vocazionalità

Dettagli

Tecnica colturale della soia

Tecnica colturale della soia Tecnica colturale della soia Modulo di sistemi foraggeri Andrea Onofri Perugia, A.A. 2009-2010 1 Contenuti Contents 1 Impianto 1 2 Fertilizzazione 2 3 Cure colturali 2 1 Impianto Scelta varietale 1. Le

Dettagli

MAIS CICLO BIOLOGICO

MAIS CICLO BIOLOGICO MAIS CICLO BIOLOGICO 1 C I C L O B I O L O G I C O 2 3 GERMINAZIONE - EMERGENZA In condizioni adatte di umidità, di temperatura e di arieggiamento, il seme assorbe acqua e inizia la mobilitazione delle

Dettagli

FORRICALE Varietà di origine spagnola

FORRICALE Varietà di origine spagnola FORRICALE Varietà di origine spagnola LETIZIA ERBA MEDICA LA VARIETÁ Origine: sintetica a 3 costituenti (70% ecotipo romagnolo, 20% ecotipo polesano, 10% varietà francese) Costitutore/responsabile selezione

Dettagli

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI Anno 2006/2007 A cura dell ufficio Agronomico Italpollina Spa OBIETTIVO

Dettagli

Piano Sementiero Nazionale per l Agricoltura Biologica

Piano Sementiero Nazionale per l Agricoltura Biologica Piano Sementiero Nazionale per l Agricoltura Biologica Presentazione dei risultati del secondo biennio di attività Linee guida e disciplinari per la produzione di sementi biologiche D.ssa Alessandra Sommovigo

Dettagli

Ammendante Compostato Misto

Ammendante Compostato Misto Ammendante Compostato Misto Cos è il Compost? Il Compost deriva da rifiuti, come buona parte dei fertilizzanti, dal letame alla farina di carne, dal cuoio idrolizzato al solfato ammonico. Il Compost non

Dettagli

ATTIVITA DIDATTICO - SPERIMENTALE NELLE CLASSI III B - IV B, SULLA CONCIMAZIONE AZOTATA DEI CEREALI AUTUNNO VERNINI.

ATTIVITA DIDATTICO - SPERIMENTALE NELLE CLASSI III B - IV B, SULLA CONCIMAZIONE AZOTATA DEI CEREALI AUTUNNO VERNINI. ATTIVITA DIDATTICO - SPERIMENTALE NELLE CLASSI III B - IV B, SULLA CONCIMAZIONE AZOTATA DEI CEREALI AUTUNNO VERNINI. Pagina1 LA PRIMA FASE: LA SEMINA E LA PRIMA CONCIMAZIONE La differenza tra le cariossidi

Dettagli

Laurea in Scienze e Tecnologie delle Produzioni Animali

Laurea in Scienze e Tecnologie delle Produzioni Animali FACOLTA DI AGRARIA Laurea in Scienze e Tecnologie delle Produzioni Animali Corso di Agronomia e Sistemi foraggeri Modulo di Sistemi foraggeri ESERCITAZIONE - QUESTIONARIO n. 2 Nome e cognome... n. di matricola.

Dettagli

Cereali. Nome botanico. Famiglia. Origine e diffusione. Utilizzazioni. Esigenze climatiche. schede colturali. Mais. Graminacee.

Cereali. Nome botanico. Famiglia. Origine e diffusione. Utilizzazioni. Esigenze climatiche. schede colturali. Mais. Graminacee. Cereali primaveriliestivi ed estivi schede colturali Mais Nome botanico Zea mais Famiglia Graminacee Origine e diffusione Produzione mondiale di Mais (FAO 2001) Produzione europea di Mais (FAO 2001) Produzione

Dettagli

Le micottossine del mais

Le micottossine del mais Le micottossine del mais Prevenzione, controllo in campo e in azienda 1 definizione Definizione Metaboliti secondari prodotti da funghi parassiti delle piante e agenti di ammuffimenti delle derrate alimentari

Dettagli

MIGLIORAMENTO DEI SISTEMI D IRRIGAZIONE E DELLE TECNICHE COLTURALI (2015-2018)

MIGLIORAMENTO DEI SISTEMI D IRRIGAZIONE E DELLE TECNICHE COLTURALI (2015-2018) Centro Trasferimento Tecnologico MIGLIORAMENTO DEI SISTEMI D IRRIGAZIONE E DELLE TECNICHE COLTURALI (2015-2018) Stefano Pedò Franco Michelotti Riva del Garda - 26 febbraio 2016 Premesse Premessa La riorganizzazione

Dettagli

STRIP TILLAGE, ASPETTI AGRO-MECCANICI E OPERATIVI

STRIP TILLAGE, ASPETTI AGRO-MECCANICI E OPERATIVI Orzinuovi, 17 Luglio 2014 STRIP TILLAGE, ASPETTI AGRO-MECCANICI E OPERATIVI Di Agr. Ph D. Mattia Trevini 1-LAVORAZIONI LAVORAZIONI CONVENZIONALI Obbiettivi principali: Favorire lo sviluppo della coltura

Dettagli

Le avversità delle piante ornamentali

Le avversità delle piante ornamentali Seminario Grottammare (AP) Le avversità delle piante ornamentali La gestione delle avversità in ambito urbano Luigi Delloste Per avversità ambientale si intende qualsiasi evento, sia di origine climatica

Dettagli

Soia. (Glicine max (L.) Merr.)

Soia. (Glicine max (L.) Merr.) Soia (Glicine max (L.) Merr.) Soia (Glicine max (L.) Merr.) La soia è la più importante fonte vegetale di olio e di proteine per uso alimentare a livello mondiale In Italia la coltura della soia oggi è

Dettagli

SCELTA DELL AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E VOCAZIONALITÀ

SCELTA DELL AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E VOCAZIONALITÀ CILIEGIO Le indicazioni contenute nelle Norme Generali devono essere considerate preliminarmente alla lettura delle presenti Norme Tecniche di Coltura. SCELTA DELL AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E VOCAZIONALITÀ

Dettagli

Disciplinari di Produzione per conseguire

Disciplinari di Produzione per conseguire Pag. 2 Centri di Ritiro Il recupero dei prezzi importante stimolo per le semine autunnali 2012! Come sempre, per fare le giuste scelte, conviene raccordarsi alla Struttura Organizzata che avrà il compito

Dettagli

Gestione del rischio micotossine nella filiera produttiva del mais

Gestione del rischio micotossine nella filiera produttiva del mais Gestione del rischio micotossine nella filiera produttiva del mais Giuliano Mosca, Dipartimento Agronomia ambientale e Produzioni vegetali Università degli Studi di Padova 2.1 Introduzione Il frutto del

Dettagli

Aspetti quantitativi e qualitativi della produzione di frumento duro in Campania. Annata agraria 2009-2010

Aspetti quantitativi e qualitativi della produzione di frumento duro in Campania. Annata agraria 2009-2010 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II AZIENDA AGRARIA TORRE LAMA Via G. Fortunato, 3 84092 BELLIZZI ITALY Tel/Fax.: +39 089 51110 Convenzione tra Pastificio Lucio Garofalo e Azienda Torre Lama Aspetti

Dettagli

Planta. Sementi e Soluzioni per l Agricoltura

Planta. Sementi e Soluzioni per l Agricoltura Sementi e Soluzioni per l Agricoltura Sementi e Soluzioni per l Agricoltura Una nuova gamma di prodotti per l agricoltura italiana Ibridi di mais IBRIDO Classe FAO Giorni GDM 437 300 105 SNH 9402 400 115

Dettagli

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO FABRIANO 06 MAGGIO 2014 1 Fig 1 Intervento di semina su sodo con

Dettagli

Frumento: quanto azoto serve per produrre granella e proteine

Frumento: quanto azoto serve per produrre granella e proteine FERTILIZZAZIONE RISULTATI DI UNA SPERIMENTAZIONE BIENNALE SU 4 VARIETÀ Frumento: quanto azoto serve per produrre granella e proteine L azoto è fondamentale per arrivare a rese soddisfacenti nei frumenti

Dettagli

DISCIPLINARI COLTURE CEREALICOLE. FRUMENTO DURO (Triticum turgidum L.)

DISCIPLINARI COLTURE CEREALICOLE. FRUMENTO DURO (Triticum turgidum L.) DISCIPLINARI COLTURE CEREALICOLE FRUMENTO DURO (Triticum turgidum L.) 1. VOCAZIONALITÀ PEDOCLIMATICA Tenuto conto di quanto indicato nelle Norme Generali, si riportano di seguito le caratteristiche specifiche

Dettagli

CONFRONTO FRA IBRIDI DI MAIS IN PIEMONTE NEL 2010. Ricerca finanziata dalla Regione Piemonte

CONFRONTO FRA IBRIDI DI MAIS IN PIEMONTE NEL 2010. Ricerca finanziata dalla Regione Piemonte CONFRONTO FRA IBRIDI DI MAIS IN PIEMONTE NEL 2010 Ricerca finanziata dalla Regione Piemonte OBIETTIVI Ottenimento di risultati produttivi, agronomici e di qualità dei prodotti, in areali piemontesi rappresentativi

Dettagli

L evoluzione delle tecniche agronomiche e l opportunità dei cereali minori. Il problema

L evoluzione delle tecniche agronomiche e l opportunità dei cereali minori. Il problema Università degli Studi di Torino DISAFA L evoluzione delle tecniche agronomiche e l opportunità dei cereali minori Amedeo Reyneri, Debora Giordano SANA Bologna 8 settembre 2014 Dipartimento di Economia,

Dettagli

Minimizzare la presenza di micotossine nella granella

Minimizzare la presenza di micotossine nella granella n. 14/2013 [ SPECIALE DIFESA MAIS ] Terra e Vita 45 Minimizzare la presenza di micotossine nella granella [ DI RICCARDO BUGIANI ] Le strategie agronomiche, il possibile contributo dei bio control agents

Dettagli

1 SOLEHIO 2 BASMATI 3 CALISOL 4 TOSKANI

1 SOLEHIO 2 BASMATI 3 CALISOL 4 TOSKANI LA GENETICA VEGETALE AL SERVIZIO DELL AGRICOLTURA Sempre primi! Anche nel 2015 le nostre varietà si confermano ai vertici delle prove nazionali del Frumento Tenero*: 1 SOLEHIO 2 BASMATI 3 CALISOL 4 TOSKANI

Dettagli

La Septoriosi del frumento

La Septoriosi del frumento La Septoriosi del frumento Angelo Sarti, ASTRA Innovazione e Sviluppo U.O. Mario Neri Imola (BO) angelo.sarti@astrainnovazione.it La Septoriosi del frumento è una malattia comunemente presente nei nostri

Dettagli

Istituto Sementi e Tecnologie Agro-alimentari

Istituto Sementi e Tecnologie Agro-alimentari Ricerca applicata Istituto Sementi e Tecnologie Agro-alimentari Catalogo 2011 ISTA - VENETO SEMENTI: LA GENETICA VEGETALE AL SERVIZIO DELL AGRICOLTURA Lo sviluppo di una attività di ricerca in Italia sulla

Dettagli

Agrital Ricerche Stefano Carrano marzo 2006

Agrital Ricerche Stefano Carrano marzo 2006 Impianto e cure colturali di Lampone e Rovo Agrital Ricerche Stefano Carrano marzo 2006 Propagazione Introduzione - lampone Questo lavoro è nato da una precedente raccolta di diapositive destinata ad un

Dettagli

Superficie complessiva: ha 07.16.81, di cui in coltura pura 04.15.39 ha e in coltura consociata ha 03.01.42

Superficie complessiva: ha 07.16.81, di cui in coltura pura 04.15.39 ha e in coltura consociata ha 03.01.42 Scheda operativa n.5 LE COLTIVAZIONE DELLE PIANTE OFFICINALI Superficie complessiva: ha 07.16.81, di cui in coltura pura 04.15.39 ha e in coltura consociata ha 03.01.42 Premessa Le piante officinali rappresentano

Dettagli

Newsletter frumento tenero e duro Newsletter n 4 2015 Piacenza, 8 aprile

Newsletter frumento tenero e duro Newsletter n 4 2015 Piacenza, 8 aprile Newsletter frumento tenero e duro Newsletter n 4 2015 Piacenza, 8 aprile Gentile utente, grano.net e granoduro.net sono servizi web interattivi sviluppati da Horta e nati con la funzione di fornire supporti

Dettagli

FEASR - Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013

FEASR - Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 FEASR - Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 Misura 214 Pagamenti agroambientali Azione M Introduzione di tecniche di agricoltura conservativa ALLEGATO 6 disposizioni attuative anno 2012 DESCRIZIONE

Dettagli

Università degli studi di Bari Aldo Moro

Università degli studi di Bari Aldo Moro Università degli studi di Bari Aldo Moro Corso di Laurea: SCIENZE E TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe L-69 Corso Integrato: Elementi di biologia e qualità delle materie prime vegetali Modulo: Produzioni erbacee

Dettagli

Numero nove 7 marzo 2014

Numero nove 7 marzo 2014 Numero nove 7 marzo 2014 La situazione dei mercati mondiali dei cereali - prospettive 4 marzo 2014 Powered by Aretè s.r.l. In questo numero Mercati: le quotazioni nazionali dei principali prodotti agricoli

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

Scopo della concimazione è

Scopo della concimazione è PECIALE S DOSI, TIPOLOGIE DI CONCIMI E MODALITÀ DI SOMMINISTRAZIONE La concimazione azotata ideale dipende dall obiettivo produttivo È solo dopo aver definito quantità e qualità della produzione da ottenere

Dettagli

Misura 124 Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nei settori agricolo e alimentare e in quello forestale

Misura 124 Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nei settori agricolo e alimentare e in quello forestale Misura 124 Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nei settori agricolo e alimentare e in quello forestale Capofila: Consiglio per la Ricerca e la Sperimentazione in Agricoltura

Dettagli

Produzione agricola della canapa da fibra

Produzione agricola della canapa da fibra Produzione agricola della canapa da fibra aspetti economici e scenari produttivi Studio Paroli e Associati Tecnica ed Economia Agraria Via Fiorentina, 84 PONTEDERA (PI) Tel 0587-59016 La coltivazione della

Dettagli

Consociazioni. migliore effetto preventivo dell erosione aumento della fertilità agronomica del terreno

Consociazioni. migliore effetto preventivo dell erosione aumento della fertilità agronomica del terreno Consociazioni incrementi produttivi medi e stabilizzazione rese; miglior equilibrio composizione chimica migliore ripartizione rese economicità nella concimazione azotata azione protettiva dal freddo durata

Dettagli

La produzione biologica dei cereali autunno-vernini Breve vademecum

La produzione biologica dei cereali autunno-vernini Breve vademecum La produzione biologica dei cereali autunno-vernini Breve vademecum Introduzione I cereali utilizzati da secoli sia nell'alimentazione umana che in quella animale, grazie alle loro spiccate doti nutrizionali,

Dettagli

Sistemi foraggeri per l azienda zootecnica da latte in Pianura Padana: gestione agronomica e costi. Borreani G., Tabacco E.

Sistemi foraggeri per l azienda zootecnica da latte in Pianura Padana: gestione agronomica e costi. Borreani G., Tabacco E. Sistemi foraggeri per l azienda zootecnica da latte in Pianura Padana: gestione agronomica e costi Borreani G., Tabacco E. Dip. Dip. Scienze Scienze Agrarie, Agrarie, Forestali Forestali ee Alimentari

Dettagli

La chiave per buone produzioni di mais è stabilire un buon letto di semina produttivo e una buona uniformità di semina

La chiave per buone produzioni di mais è stabilire un buon letto di semina produttivo e una buona uniformità di semina La chiave per buone produzioni di mais è stabilire un buon letto di semina produttivo e una buona uniformità di semina C. Richard Edwards Professore Emerito Purdue University West Lafayette, Indiana USA

Dettagli

si comporta come perenne grazie alla sua propagazione attraverso i tuberi

si comporta come perenne grazie alla sua propagazione attraverso i tuberi LA PATATA Famiglia delle solanacee Genere solanum Pianta erbacea coltivata come annuale ma che in natura si comporta come perenne grazie alla sua propagazione attraverso i tuberi I fiori sono riuniti a

Dettagli

L acqua è sempre più preziosa. Utilizzala al meglio con il mais ARTESIAN. NOVITà

L acqua è sempre più preziosa. Utilizzala al meglio con il mais ARTESIAN. NOVITà L acqua è sempre più preziosa. Utilizzala al meglio con il mais ARTESIAN. NOVITà Gli ibridi di mais ad alta efficienza idrica L acqua è una delle risorse chiave per la maiscoltura. Un adeguata disponibilità

Dettagli

Avvicendamento e consociazione

Avvicendamento e consociazione Avvicendamento e consociazione L avvicendamento (o rotazione) consiste nel coltivare un terreno (campo) con una successione di colture diverse in modo che una stessa specie torni su uno stesso terreno

Dettagli

La sperimentazione a supporto delle aziende agricole Limena 24-02-2015

La sperimentazione a supporto delle aziende agricole Limena 24-02-2015 Parte la difesa integrata obbligatoria (PAN 2014 ) La sperimentazione a supporto delle aziende agricole Limena 24-02-2015 Sezione Ricerca e Gestioni Agroforestali - Settore Ricerca Agraria Parte la difesa

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE INTEGRATA DEL CECE

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE INTEGRATA DEL CECE DISCIPLINARE DI PRODUZIONE INTEGRATA DEL CECE AGGIORNAMENTO 2005 3A - PARCO TECNOLOGICO AGROALIMENTARE DELL UMBRIA PREMESSA Il metodo di produzione su cui si basa l agricoltura integrata prevede l utilizzo

Dettagli

ERBAI E SORGHI DA SFALCIO, INSILATO E GRANELLA SEMINE PRIMAVERILI ESTIVE 2014

ERBAI E SORGHI DA SFALCIO, INSILATO E GRANELLA SEMINE PRIMAVERILI ESTIVE 2014 ERBAI E SORGHI DA SFALCIO, INSILATO E GRANELLA SEMINE PRIMAVERILI ESTIVE 2014 TECNOZOO, AL FIANCO DEGLI ALLEVATORI DAL SEME AL PRODOTTO FINITO! SOMMARIO SORGO IBRIDO DA SFALCIO KARIM Pag 4 SORGO GENTILE

Dettagli

Istituto Sementi e Tecnologie Agro-alimentari

Istituto Sementi e Tecnologie Agro-alimentari Ricerca applicata Istituto Sementi e Tecnologie Agro-alimentari Catalogo 2010 ISTA - VENETO SEMENTI: LA GENETICA VEGETALE AL SERVIZIO DELL AGRICOLTURA Il 2009 è un anno importante per la storia di due

Dettagli

ESPERIENZE SPERIMENTALI SULL INTERAZIONE DEI VARI FATTORI DELLA PRODUZIONE: VARIETÀ, NUTRIZIONE E DIFESA

ESPERIENZE SPERIMENTALI SULL INTERAZIONE DEI VARI FATTORI DELLA PRODUZIONE: VARIETÀ, NUTRIZIONE E DIFESA ESPERIENZE SPERIMENTALI SULL INTERAZIONE DEI VARI FATTORI DELLA PRODUZIONE: VARIETÀ, NUTRIZIONE E DIFESA L. Zanzi, D. Bartolini, G. Pradolesi R&S Terremerse OBIETTIVI Valutare gli effetti combinati della

Dettagli

MAIS IL PROCESSO PRODUTTIVO

MAIS IL PROCESSO PRODUTTIVO MAIS IL PROCESSO PRODUTTIVO 1 IL PROCESSO PRODUTTIVO Il ciclo del mais inizia con cariossidi che pesano circa 0,3 grammi e si conclude con piante che, in buone condizioni di crescita, raggiungono un peso

Dettagli

Agricoltura biologica - AGRONOMIA

Agricoltura biologica - AGRONOMIA Agricoltura biologica - AGRONOMIA Principali tecniche di controllo delle infestanti in agricoltura biologica di Lamberto Dal Re e Chiara Donati Sommario Associazione Prober Introduzione da pag. 1 a pag.

Dettagli

POMODORO DA INDUSTRIA

POMODORO DA INDUSTRIA home >> schede tecniche colturali di sintesi >> Pomodoro da industria POMODORO DA INDUSTRIA ZONA DI RIFERIMENTO Nord- Italia ESIGENZE PEDOCLIMATICHE Nel Nord-Italia il pomodoro da industria si adatta a

Dettagli

Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali

Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali Obiettivo 1 EROSIONE DEL SUOLO Obiettivo 2 SOSTANZA ORGANICA DEL SUOLO Obiettivo 3 STRUTTURA DEL SUOLO Obiettivo 4 LIVELLO MINIMO DI MANTENIMENTO Regione Campania - Assessorato Agricoltura e alle Attività

Dettagli

Disciplinare di produzione integrata di grano duro var. Senatore Cappelli P.S.L. PROGRAMMA LEADER+ PER LA REGIONE BASILICATA 2000/2006

Disciplinare di produzione integrata di grano duro var. Senatore Cappelli P.S.L. PROGRAMMA LEADER+ PER LA REGIONE BASILICATA 2000/2006 BASILICATA 2000/2006 Studi e disciplinari dei Disciplinare di produzione integrata di grano duro var. Senatore Cappelli novembre 2004 CAPITOLO 1 - ASPETTI GENERALI Articolo 1 [DENOMINAZIONE] 1 - La denominazione

Dettagli

Endivie 2013-2014. Qualità e innovazione Tante novità, da condividere

Endivie 2013-2014. Qualità e innovazione Tante novità, da condividere Endivie 2013-2014 Qualità e innovazione Tante novità, da condividere Tutto il meglio dell endivia Negli ultimi anni Rijk Zwaan ha realizzato un importante programma di ricerca dedicato all endivia. Si

Dettagli

APPLICAZIONI PRATICHE SULLE SPECIE AGRARIE COLTURE ORTICOLE

APPLICAZIONI PRATICHE SULLE SPECIE AGRARIE COLTURE ORTICOLE APPLICAZIONI PRATICHE SULLE SPECIE AGRARIE COLTURE ORTICOLE Cipolla La sensibilità della cipolla nei confronti della disponibilità di acqua è notevole. Ciò è determinato dall apparato radicale che tende

Dettagli

i quaderni dell orto Lattughe Le sempre verdi

i quaderni dell orto Lattughe Le sempre verdi i quaderni dell orto Le sempre verdi dell orto 1 Verdura fresca durante tutto l anno Insieme al pomodoro, la lattuga è l ortaggio più diffuso e popolare negli orti familiari. Croccante, fresca e gustosa

Dettagli

DI COMO - LECCO - SONDRIO. Ufficio Tecnico

DI COMO - LECCO - SONDRIO. Ufficio Tecnico Consigli per ridurre la presenza di micotossine nella granella di mais (Presentato da A.I.R.E.S Associazione Raccoglitori Essiccatori Stoccatori di cereali e semi oleosi) Le ricerche sperimentali condotte

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE PER LA CONCESSIONE D USO DEL MARCHIO DEL PARCO NATURALE REGIONALE SIRENTE VELINO GRANO SOLINA

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE PER LA CONCESSIONE D USO DEL MARCHIO DEL PARCO NATURALE REGIONALE SIRENTE VELINO GRANO SOLINA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE PER LA CONCESSIONE D USO DEL MARCHIO DEL PARCO NATURALE REGIONALE SIRENTE VELINO GRANO SOLINA Approvato con Delibera del Consiglio Direttivo n 23 del 23/09/2008 DISCIPLINARE

Dettagli

Indice PARTE PRIMA - L AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E LE PIANTE. www.edagricolescolastico.it EDAGRICOLE SCOLASTICO

Indice PARTE PRIMA - L AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E LE PIANTE. www.edagricolescolastico.it EDAGRICOLE SCOLASTICO Indice PARTE PRIMA - L AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E LE PIANTE Sezione 1 Strutture, attrezzature e strumenti a disposizione degli studenti MODULO 1 L azienda agraria dell Istituto 12 1.1 La visita aziendale

Dettagli

Parco Spina verde Corso Gev 2014. La flora alloctona Il caso Ambrosia Ambrosia artemisiifolia

Parco Spina verde Corso Gev 2014. La flora alloctona Il caso Ambrosia Ambrosia artemisiifolia Parco Spina verde Corso Gev 2014 La flora alloctona Il caso Ambrosia Ambrosia artemisiifolia 1 L ambrosia è una pianta erbacea stagionale appartenente alla famiglia delle composite o Asteraceae. Originaria

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Agricoltura conservativa

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Agricoltura conservativa DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE E AMBIENTALI PRODUZIONE, TERRITORIO, AGROENERGIA Agricoltura conservativa Lodovico Alfieri - Università degli Studi di Milano - DiSAA. Agricoltura conservativa Agricoltura

Dettagli

IVS LA GENETICA VEGETALE AL SERVIZIO DELL AGRICOLTURA

IVS LA GENETICA VEGETALE AL SERVIZIO DELL AGRICOLTURA IVS Ricerca applicata LA GENETICA VEGETALE AL SERVIZIO DELL AGRICOLTURA Istituto Sementi e Tecnologie Agro-alimentari Catalogo autunno 2011 EXOTIC Una garanzia nel raccolto Rese eccellenti e costanti in

Dettagli

ALLEGATO 6 DEFINIZIONE DELLA BUONA PRATICA AGRICOLA VALIDA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO DI SVILUPPO RURALE DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO

ALLEGATO 6 DEFINIZIONE DELLA BUONA PRATICA AGRICOLA VALIDA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO DI SVILUPPO RURALE DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO ALLEGATO 6 DEFINIZIONE DELLA BUONA PRATICA AGRICOLA VALIDA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO DI SVILUPPO RURALE DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO a. Generalità: La seguente parte della misura definisce il concetto

Dettagli

GIARDINO. Seminare un. tappeto erboso

GIARDINO. Seminare un. tappeto erboso GIARDINO Seminare un tappeto erboso 05 1 Gli attrezzi POLVERIZZATORE RASTRELLO TOSAERBA SUOLE PER AERARE RASTRELLO SCARIFICATORI TAGLIABORDI RASTRELLI CONCIMATRICE DISTRIBUTORE DI SEMI MANUALE RULLO MOTOZAPPA

Dettagli

Il pirodiserbo in frutti-viticultura:

Il pirodiserbo in frutti-viticultura: Il pirodiserbo in frutti-viticultura: l innovazione tecnologica per favorire la sostenibilità ambientale. www.pirodiserbo.it La nuova Organizzazione Comune di Mercato per il settore ortofrutticolo (Reg.

Dettagli

PRESEMINATO CARATTERISTICHE COMUNI

PRESEMINATO CARATTERISTICHE COMUNI PRESEMINATO è il biotessile preseminato, interamente biodegradabile, contenente sementi di prima qualità, fornito in rotoli, che consente la realizzazione di inerbimenti in varie situazioni a seguito della

Dettagli

Servizi e prodotti Syngenta per aumentare la produzione metanigena. CNH Industrial Village, 14 gennaio 2014

Servizi e prodotti Syngenta per aumentare la produzione metanigena. CNH Industrial Village, 14 gennaio 2014 Servizi e prodotti Syngenta per aumentare la produzione metanigena CNH Industrial Village, 14 gennaio 2014 Potere metanigeno: fattori determinanti Genetica Digeribilità della fibra Contenuto di amido Stress

Dettagli

La coltura del mais in Italia: storia di un grande successo e di nuove sfide

La coltura del mais in Italia: storia di un grande successo e di nuove sfide La coltura del mais in Italia: storia di un grande successo e di nuove sfide Giuseppe Carli, Presidente Sezione colture industriali di ASSOSEMENTI Bergamo, 6 febbraio 2015 Il successo del mais il MAIS

Dettagli

La gestione della difesa in orticoltura biologica

La gestione della difesa in orticoltura biologica Roma, 16 ottobre 2007 La difesa delle colture in agricoltura biologica La gestione della difesa in orticoltura biologica Sergio Gengotti ASTRA - Innovazione e sviluppo CRPV Centro Ricerche Produzioni Vegetali

Dettagli

Concimazione post-raccolta di frutteto e vigneto: un investimento per la qualità dei frutti e dei vini

Concimazione post-raccolta di frutteto e vigneto: un investimento per la qualità dei frutti e dei vini Concimazione post-raccolta di frutteto e vigneto: un investimento per la qualità dei frutti e dei vini Scegliere concimi di elevata qualità ed efficienza La concimazione del vigneto e del frutteto riveste

Dettagli

MAIS MIGLIORAMENTO GENETICO

MAIS MIGLIORAMENTO GENETICO MAIS MIGLIORAMENTO GENETICO 1 Avvento degli ibridi Uno spettacolare salto di qualità nel miglioramento genetico del mais fu realizzato con l'introduzione del concetto di ibrido. L'era dei mais ibridi è

Dettagli

Il frumento, ottimo foraggio per le nostre vacche

Il frumento, ottimo foraggio per le nostre vacche 15 DIVERSE TIPOLOGIE DI FORAGGIO CONFRONTATE DA TECNICI SATA Il frumento, ottimo foraggio per le nostre vacche di Marco Bellini, Enea Guidorzi del frumento in campo zootecnico da sempre riveste un importanza

Dettagli

Aspetti agronomici legati all'applicazione della Deroga

Aspetti agronomici legati all'applicazione della Deroga Aspetti agronomici legati all'applicazione della Deroga Stefano Monaco, Carlo Grignani - Dip. Agroselviter Torino, 12 gennaio 2012 Quali colture per la Deroga? Su almeno il 70% della SAU bisogna coltivare

Dettagli

PROTEZIONE DALLE ERBE INFESTANTI

PROTEZIONE DALLE ERBE INFESTANTI Giornata di studio PROTEZIONE DELLE COLTURE DA FOGLIA PER LA IV GAMMA PROTEZIONE DALLE ERBE INFESTANTI AOP UNOLOMBARDIA Battipaglia (SA), 30 aprile 2013 LA FLORA INFESTANTE Quali sono le problematiche

Dettagli

Prove in campo CONCIMAZIONE E PACCIAMATURA DEGLI ORTAGGI. a cura di Carlo Cavalli

Prove in campo CONCIMAZIONE E PACCIAMATURA DEGLI ORTAGGI. a cura di Carlo Cavalli Centro istruzione Professionale Agricola Assistenza Tecnica della Confederazione italiana agricoltori piazza Caiazzo 3 20124 Milano tel. 02/ 6701083 66982569 - fax 02/66984935 e-mail cipa-at.lombardia@cia.it

Dettagli

Utilizzo di piante non-food per la produzione di biocombustibile (WP3)

Utilizzo di piante non-food per la produzione di biocombustibile (WP3) Progetto 2: Risorse biologiche e tecnologie innovative per lo sviluppo sostenibile del sistema agroalimentare (2008-2012) Utilizzo di piante non-food per la produzione di biocombustibile (WP3) Sergio Mapelli

Dettagli

Colture erbacee: leguminose da granella

Colture erbacee: leguminose da granella Corso di Sistemi colturali - Viterbo, AA 2002-2003 Colture erbacee: leguminose da granella Dott. Raffaele Casa, Dipartimento di Produzione Vegetale, Università della Tuscia, Viterbo Leguminose da granella

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE E AMBIENTALI PRODUZIONE, TERRITORIO, AGROENERGIA LA PIOGGIA.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE E AMBIENTALI PRODUZIONE, TERRITORIO, AGROENERGIA LA PIOGGIA. DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE E AMBIENTALI PRODUZIONE, TERRITORIO, AGROENERGIA LA PIOGGIA Marco Acutis Corso di studi in Produzione e Protezione delle Piante e dei Sistemi del Verde L acqua Fondamentale

Dettagli

Fertilità del terreno il suolo ideale per il tecnico. La fertilità del terreno: una. Fertilità del suolo Il suolo ideale per l imprenditore agricolo

Fertilità del terreno il suolo ideale per il tecnico. La fertilità del terreno: una. Fertilità del suolo Il suolo ideale per l imprenditore agricolo Fertilità del terreno il suolo ideale per il tecnico 20 Anniversario CadirLab Alessandria, 27 Novembre 2013 La fertilità del terreno: una risorsa da preservare Carlo Grignani Laura Zavattaro, Chiara Costamagna,

Dettagli

ACQUA, ARIA E TERRENO

ACQUA, ARIA E TERRENO ACQUA, ARIA E TERRENO PREMESSA Gli impianti d irrigazione a goccia svolgono un ruolo fondamentale negli apporti irrigui alle colture. Se utilizzato correttamente permette un sano sviluppo della pianta

Dettagli

VADEMECUM. colza. Gli innovativi ibridi Pioneer Note di tecnica colturale

VADEMECUM. colza. Gli innovativi ibridi Pioneer Note di tecnica colturale VADEMECUM colza Gli innovativi ibridi Pioneer Note di tecnica colturale UNA GAMMA COMPLETA DI IBRIDI DI COLZA Con grande piacere Le presentiamo la gamma di ibridi di colza per le semine 20. Gli ibridi

Dettagli

ESERCITAZIONE DI AGRONOMIA. Fertilizzazioni

ESERCITAZIONE DI AGRONOMIA. Fertilizzazioni ESERCITAZIONE DI AGRONOMIA Fertilizzazioni 17 aprile 2012 Introduzione Concimazione: apporto di elementi nutritivi direttamente utilizzabili dalla pianta fertilizzazione Ammendamento: apporto di sostanze

Dettagli

Un generatore di energia di prima qualità

Un generatore di energia di prima qualità NOVITà Un generatore di energia di prima qualità Un generatore di energia di prima qualità Nel 2014 Syngenta presenta SY QUALITAT*, il nuovo punto di riferimento per il trinciato di mais di alta qualità.

Dettagli

L evoluzione delle tecniche agronomiche e l opportunità dei cereali minori

L evoluzione delle tecniche agronomiche e l opportunità dei cereali minori Università degli Studi di Torino DISAFA L evoluzione delle tecniche agronomiche e l opportunità dei cereali minori Amedeo Reyneri Celiachia: nuove prospettive Grugliasco 21 marzo 2015 Dipartimento di Economia,

Dettagli

Confronto fra ibridi di mais in Piemonte nel 2012

Confronto fra ibridi di mais in Piemonte nel 2012 Confronto fra ibridi di mais in Piemonte nel 2012 Ricerca Finanziata dalla Regione Piemonte Carlo Ferrero, Andrea Pilati - Capac Soc, Coop. Agr. Roberta Pons - Cooperativa Agrovalli S. C. Nel 2012, nonostante

Dettagli

FEASR - Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013

FEASR - Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 FEASR - Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 Misura 214 Pagamenti agroambientali Azione M Introduzione di tecniche di agricoltura conservativa ALLEGATO 4 disposizioni attuative campagna 2011 DESCRIZIONE

Dettagli

Guida alla concimazione

Guida alla concimazione Guida alla concimazione OLIVO 1 PREMESSA La Guida alla Concimazione, di breve e semplice consultazione, scientificamente corretta, non vuole essere un strumento esaustivo per tutti i casi verificabili

Dettagli

Bollettino Agrometeorologico Viticoltura

Bollettino Agrometeorologico Viticoltura Viale Bornata 11 25123 Brescia tel 3.362285-3677 assistenzatecnica@centrovitivinicoloprovinciale.it Bollettini e schede del Manuale di Viticoltura del CVP su: www.centrovitivinicoloprovinciale.it - BOLLETTINO

Dettagli